Strutture dei SO. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Processi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strutture dei SO. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Processi"

Transcript

1 Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Strutture dei sistemi operativi Strutture dei SO I SO forniscono l ambiente in cui si eseguono i programmi Si possono considerare da diversi punti di vista Ora analizzeremo i servizi offerti da un SO, come sono offerti, e come i SO possono essere progettati Tipiche componenti del SO Gestione processi Gestione memoria principale Gestione file Gestione memoria secondaria Gestione I/O Network Sistema di protezione Interprete comandi 3 Processi Un processo è un programma in esecuzione Stampa, compilatore, programma elaborazione testi Per svolgere i propri compiti, un processo necessita di varie risorse: tempo CPU, memoria, file, I/O Le risorse possono essere allocate al processo alla sua creazione o durante la sua vita IMPORTANTE: un programma di per sé non è un processo!! Programma: entità passiva Processo: entità attiva (sequenziale) 4 1

2 Processi Il processo è l unità di lavoro di un sistema Il sistema è costituito da vari processi (utente e sistema) Il SO è responsiabile delle seguenti attività connesse alla gestione dei processi Creazione e cancellazione Sospensione e ripristino Fornitura meccanismi per Sincronizzazione processi Comunicazione fra processi Gestione del deadlock 5 Creazione, sincr. e comunic. Albero dei processi A crea 2 processi figli: B and C B crea 3 processi figli: D, E, and F 6 Deadlock (a) Potenziale deadlock. (b) Deadlock. 7 Gestione memoria principale È un grande array di parole o bytes, ognuna con un proprio indirizzo. È un contenitore di dati accessibili velocemente; è condivisa da CPU e I/O CPU legge istruzioni, e legge e scrive dati I/O vi accede, se si usa DMA È volatile: perde i dati in caso di mancanza alimentazione Per eseguire un programma, è necessario che esso sia in memoria, associato ad indirizzi assoluti Generati dalla CPU Quando il programma termina, il suo spazio di memoria è dichiarato disponibile 8 2

3 Gestione memoria principale Il SO è responsabile di Tener traccia di quali parti della memoria sono correntemente udsate e da chi Decidere quali processi caricare in memoria quando lo spazio diventa disponibile Allocare e deallocare lo spazio in memoria secondo le necessità Gestione dei file È la parte del SO più visibile Le informazioni sono memorizzate su vari dispositivi, ciascuno avente le proprie caratteristiche Organizzazione dati, velocità, metodo d accesso (diretto o sequenziale) Il SO fornisce una visione logica, astraendo le caratteristiche fisiche dei dispositivi, definendo un unità di memorizzazione logica: il file 9 10 Gestione dei file Un file è una collezione d informazioni correlate definite dal loro creatore. Tipicamente, i file rappresentano programmi e dati Possono essere numerici, alfabetici o alfanumerici La loro forma può essere libera o rigidamente definita Sono formati da una sequenza di bit, byte, righe o record, i cui significati sono definiti dai loro creatori Il concetto di file è molto generale 11 Gestione dei file Il SO è responsabile di Creazione e cancellazione file Creazione e cancellazione directory Fornitura delle funzioni fondamentali per la gestione di file e directory Associazione dei file ai dispositivi di memoria secondaria Creazione di copie di riserva (backup) su dispositivi non volatili 12 3

4 File System Montare il file system File system per un dipartimento universitario 13 Prima di montare, I file sui floppy sono inaccessibili Dopo aver montato il floppy su b, I file sul floppy sono parte della gerarchia 14 Gestione I/O Il sistema di I/O consiste di Un sistema di gestione dei buffer Un interfaccia generale per I driver dei dispositivi I driver per gli specifici dispositivi È l unico che conosce le caratteristiche dello specifico dispositivo 15 Gestione della memoria secondaria Dato che la RAM è volatile e troppo piccola, il sistema deve prevedere una memoria secondaria di supporto alla principale La maggior parte dei moderni sistemi di calcolo usa i dischi, sia per i programmi che per i dati Il SO è responsabile Della gestione dello spazio disponibile Assegnazione dello spazio Scheduling del disco 16 4

5 Reti Un sistema distribuito è una collezione di processori che non condividono memoria o clock. Ogni processore ha la propria memoria locale I processori sono connessi tramite una rete di comunicazione (totalmente o parzialemente connessa) La comunicazione avviene tramite un protocollo FTP, NFS, HTTP Un SO distribuito è organizzato in modo da costituire un unico ambiente che offre all utente l accesso alle proprie risorse 17 Reti Un SO distribuito generalizza l accesso alla rete come una forma d accesso a file L accesso a risorse condivise permette Aumentare lo speed-up Aumentare disponibilità dei dati Aumentare l affidabilità 18 Sistema di protezione La protezione è definita da ogni meccanismo che controlla l accesso da parte di programmi, processi o utenti alle risorse di calcolo Il meccanismo di protezione deve Distinguere tra utilizzi legali e non Specificare I controlli da eseguire Fornire mezzi per farla rispettare Registri base e limite Interprete dei comandi Uno dei programmi di sistema più importanti in un SO è l interprete dei comandi È l nterfaccia fra utente e SO Molti comandi si imparticscono al SO attraverso istruzioni di controllo Creazione e gestion processi Gestione I/O Gestione memoria secondaria Gestione memoria principale Accesso file system Protezione Rete

6 Interprete dei comandi Il programma che legge e interpreta i comandi è detto Interprete dei comandi Shell (in UNIX) La sua funzione è di leggere la successiva istruzione di comando ed eseguirla Tramite finestre e mouse Da tastiera Shell UNIX sh, csh, tcsh, ksh, bash % date % date > file Redirezione output % sort < file1 > file2 Redirezione input e output % cat file1 file2 file3 sort > /dev/lp & concatenazione Servizi di un SO Esecuzione di un programma: caricare un prgramma ed eseguirlo I/O: programmi utente non possono eseguire I/O direttamente il SO deve fornire mezzi necessari Gestione file system: leggere, scrivere, creare e cancellare file Comunicazioni: scambio di informazioni tra processi (sulla stessa macchina o tra sistemi differenti in rete) Tramite scambio di messaggi o memoria condivisa Rilevamento d errori: nella CPU, in memoria, nei dispositivi I/O, o nei programmi utente 23 Funzioni del SO extra Esistono altre funzioni che non servono a aiutare l utente, ma per assicurare efficienza Allocazione risorse: tra più utenti o più lavori in esecuzione allo stesso tempo Contabilizzazione uso risorse: per tener traccia di quali utenti usano il calcolatore, segnalando quali e quante risorse impiegano Protezione: assicurare che l accesso alle risorse di sistema sia controllato 24 6

7 3. Chiamate di sistema Forniscono l interfaccia tra un programma in esecuzione e il SO Disponibili come istruzioni in linguaggio macchina Ci sono linguaggi definiti per sostituire l assembler e che consentono di invocare le chiamate di sistema (C, C++) Un processo può richiedere frequentemente l intervento del SO Cosa sono le system call? Ma esattamente cosa accade quando viene invocata una system call? Vediamo in dettaglio come funziona una chiamata a read (fd, buffer, nbytes); Chiamata a read(fd, buffer,nbytes) read(fd, buffer, nbytes) AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro Codice della funzione di libreria read() AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro Codice della funzione di libreria read() Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer 1,2,3 Push di nbyte Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Spazio kernel (sistema op.) DISPATCH 0 Smistatore (dispatch) Tabella di corrispondenza System Call Handler Gestore della chiamata di sistema 27 Spazio kernel (sistema op.) 0 DISPATCH System Call Handler Passi 1,2,3 : si ricopia il valore dei parametri sullo stack 28 7

8 read(fd, buffer, nbytes) read(fd, buffer, nbytes) AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro Codice della funzione di libreria read() AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro 5 Codice della funzione di libreria read() Incrementa SP (Stack Pointer) X CALL read 4 Push di fd Push di &buffer Push di nbyte Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte X Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Spazio kernel (sistema op.) DISPATCH System Call Handler 0 Passo 4 : chiamata di read() salto alla prima istruzione di read() + push indirizzo di ritorno (X) sullo stack 29 Spazio kernel (sistema op.) DISPATCH System Call Handler 0 Passo 5 : Inizia l esecuzione della read(): caricamento del codice della system call in un registro fissato Rx 30 read(fd, buffer, nbytes) read(fd, buffer, nbytes) AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel 6 Metti il codice della read() nel registro Y Codice della funzione di libreria read() AddrMax Spazio utente RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro Y Codice della funzione di libreria read() Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte X Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte X Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Spazio kernel (sistema op.) DISPATCH System Call Handler 0 Passo 6 : Esecuzione TRAP passaggio in kernel mode, salto al codice dello smistatore 31 Spazio kernel (sistema op.) 0 DISPATCH System Call Handler 7-8 Passi 7-8 : Selezione della SC secondo il codice in Rx 32 8

9 read(fd, buffer, nbytes) read(fd, buffer, nbytes) Spazio utente Spazio kernel (sistema op.) AddrMax 0 RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro Incrementa SP (Stack Pointer) CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte DISPATCH System Call Handler Codice della funzione di libreria read() 9 Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Passo 9 : Ritorno alla funzione di libreria ripristino user mode, caricamento PC con l indirizzo dell istruzione successiva alla TRAP (Y) X Y 33 AddrMax Spazio utente Spazio kernel (sistema op.) 0 RETURN (ritorno al programma chiamante) TRAP al kernel Metti il codice della read() nel registro 11 Incrementa SP (Stack Pointer) X CALL read Push di fd Push di &buffer Push di nbyte DISPATCH System Call Handler Codice della funzione di libreria read() Codice della chiamata a read() da parte del programma utente Passi : Ritorno al codice utente (nel modo usuale) PC = X, SP viene incrementato per eliminare il frame della read() System Calls I processi hanno 3 segmenti: testo, dati, pila 35 Passaggio di parametri 3 metodi generali per passare parametri tra un programma e il SO Tramite registri Se ci sono più parametri che registri? Memorizza i parametri in una tabella (o blocco) in memoria e si passa l indirizzo del blocco (parametro) in un registro I parametri sono collocati (push) in una pila di sistema da cui sono prelevati (pop) dal SO 36 9

10 Passaggio parametri: tabella 37 Tipi di system calls Controllo dei processi end, abort, load, execute, create process, terminate process, get process attributes, set process attributes, wait for a time, wait event, signal event, allocate and free memory. Gestione dei file create file, delete file, open, close, read, write, reposition, get file attributes, set file attributes. Gestione dei dispositivi request and release device, read, write, reposition, get device attributes, set device attributes, logically attach or detach devices. Gestione delle informazioni get time or date, set time or date, get system data, set system data, get process, file, or device attributes, set process, file, or device attributes, Comunicazioni Create or delete communication connection, send or receive messages, transfer status information, attach or detach remove devices. 38 Esecuzione MS-DOS UNIX Avvio Sistema Esecuzione Programma

11 Shell # define TRUE 1 Alcune system call di UNIX per la gestione processi while (TRUE) { /* repeat forever */ type_prompt( ); /* display prompt */ read_command (command, parameters) /* input from terminal */ } if (fork()!= 0) { /* fork off child process */ /* Parent code */ waitpid( -1, &status, 0); /* wait for child to exit */ } else { /* Child code */ execve (command, parameters, 0); /* execute command */ } Alcune system calls di UNIX per la gestione dei file Alcune system calls di UNIX per la gestione directory

12 System call (Link) (a) 2 directory prima del link di /usr/jim/memo alla directory ast (b) Dopo link % link( /user/jim/memo, /user/ast/note ) 45 UNIX and Windows UNIX: esiste una certa corrispondenza tra l insieme delle system call e l insieme delle procedure di libreria usate per invocare le system call. Circa 100 system call Windows: differente insieme di system call e di procedure di libreria. Esiste un insieme di procedure (Win32 API -- Application Program Interface) utilizzate dal programma per richiedere l uso del SO. Win 32 API ha qualche migliaio di procedure e molte di esse girano in modo utente. Quindi, è difficile capire cosa è una system call. 46 Some Win32 API calls 47 Comunicazione Modello a scambio di messaggi Informazioni tra processi scambiate tramite una funzione di comunicazione del SO Aprire collegamento per comunicazione tra processi Nome di processo e nome di macchina (host name) convertiti in identificatori utilizzati dal SO I processi che gestiscono la comunicazione sono demoni specifici: programmi realizzato con questo scopo 48 12

13 Comunicazione Modello a memoria condivisa Comunicazione tramite memoria Chiamate di sitema map memory Ma il sistema impedisce a un processo di invadere la memoria non sua...e allora???? Più processi devono essere concordi nel superare i propri limiti di memoria Più veloce Programmi di sistema Forniscono un ambiente conveniente per lo sviluppo e l esecuzione dei programmi (es.: interfacce) Gestione file Informazioni di stato Modifica dei file Ambienti d ausilio alla programmazione Caricamento ed esecuzione dei programmi Comunicazioni Programmi d applicazione (browser Web, editors, ) 50 Programmi di sistema Programma di sistema importante: interprete dei comandi Interprete contiene il codice di alcuni comandi I programmi di sistema sono tutti fuori esterni all interprete La visione degli utenti del SO è definita dai programmi di sistema e non dalle chiamate di sistema 5. Struttura del sistema Struttura del sistema: connessioni e gestione delle varie componenti del sistema Alcune strutture Monolitica A livelli Macchine virtuali Modello client-server

14 Organizzazione Monolitica (tipica di Unix, Linux,Windows) Applicazioni Gestore del processore/ Scheduler(s) Gestore della memoria Interprete di comandi (shell) Hw Gestore delle periferiche/ dispositivi Interfaccia grafica (desktop) File system Eseguiti in stato utente Eseguiti in stato supervisore 53 Struttura MS-DOS Scritto per fornire il massimo della funzionalità in poco spazio Non diviso in moduli Sebbene MS-DOS abbia una qualche struttura, le sue interfacce e livelli di funzionalità non sono ben separati 54 Struttura MS-DOS Struttura UNIX Il SO UNIX originale è formato da due parti Programmi di sistema Shell e comandi, compilatori e interpreti, librerie di sistema Il kernel Consiste di tutto ciò che è al di sotto dell interfaccia delle chiamate di sistema e al di sopra dell hardware File system, CPU scheduling, gestione memoria, e molte altre funzioni (tante per un livello solo)

15 Struttura UNIX Approccio stratificato Il SO è diviso in livelli (layers), ognuno costruito sui livelli Il livello 0 (il più basso) è l hardware; quello più alto, è l interfaccia utente I livelli sono strutturati in modo tale che ognuno usi funzionalità e servizi forniti dai livelli inferiori (modularità) Un livello del SO Livelli del SO THE (1968) Layer 5 Layer 4 Layer 3 Layer 2 Layer 1 Layer 0 Programmi utente Buffering dei dispositivi I/O Terminal drivers Gestione memoria CPU scheduling Hardware

16 Problemi struttura a livelli Struttura a livelli OS/2 Accurata definizione dei livelli Es.: Driver memoria ausiliaria (Backing store drivers) < Gestione memoria Backing store drivers? CPU scheduling Efficienza Es.: programma utente esegue una operazione I/O Programma esegue una system call al livello I/O I/O effettua una system call al livello gestione memoria. Che effettua una system call al livello scheduling CPU. Che effettua la system call all hardware Macchina virtuale Sistema di calcolo a strati Hardware Nucleo, sfrutta le istruzioni offerte dall hardware per fornire chiamate di sistema utilizzate da livelli superiori I programmi di sistema possono invocare system call o istruzioni macchina Estensione di questo schema I programmi applicativi possono chiamare i programmi di sistema 63 Macchine Virtuali Una macchina virtuale estende il concetto introdotto dai livelli. Tratta hardware e kernel del SO come se fossero un tutt uno Gli applicativi trattano quello che sta sotto come se fosse parte della macchina Il SO può creare l illusione di più processi ognuno eseguito sul proprio processore con la propria memoria (virtuale) Presenza di più macchine (virtuali) 64 16

17 Struttura del VM/370 con CMS (Conversational Monitor System1979) multiprogramming Macchine virtuali Le risorse della macchina fisica sono condivise per creare le macchine virtuali CPU scheduling può simluare la presenza di più processori Ogni macchina virtuale potrebbe usare un differente SO Il metodo basato sulle macchine virtuali non offre funzioni aggiuntive, ma è un interfaccia identica all architettura sottostante. Ciascun processo dispone di una copia (virtuale) del calcolatore sottostante Macchina virtuale Non-virtual Machine Virtual Machine Vantaggi--Svantaggi Protezione delle risorse di sistema Ogni macchina virtuale è isolata dalle altre. Non si può avere condivisione diretta delle Perfetta per la ricerca e lo sviluppo dei SO Lo sviluppo è fatto sulla macchina virtuale e non sulla macchina fisica Difficile da implementare È complicato fornire una esatta copia della macchina sottostante Modo utente virtuale e modo superutente virtuale Come si gestiscono i dischi? Minidischi IBM

18 MS-DOS su un Pentium Windows fornisce una macchina virtuale 8086 per eseguire programmi MS-DOS su una CPU Intel a 32 bit Il sistema MS-DOS viene caricato in una macchina virtuale Java Virtual Machine I programmi Java compilati sono indipendenti dalla piattaforma Viene generato il bytecode eseguibile da una Java Virtual Machine (JVM) JVM consiste di Caricatore di classi Carica i.class dell utente e della libreria API, affinché l interprete possa eseguirli Verificatore di classi Controlla la correttezza sintattica del bytecode Interprete di linguaggio che esegue il byte-code La memoria viene gestita automaticamente tramite garbage collection: recupero aree di memoria non più utilizzate Just-In-Time (JIT) compilers increase performance 70 Java Virtual Machine 5. Micronucleo Il nucleo di UNIX è cresciuto sempre più e diventato difficile da gestire Verso la metà degli anni 80, un gruppo della Carnegie Mellon University realizzò un SO a micronucleo (microkernel) MACH

19 Micronucleo Filosofia: Si rimuovono dal nucleo tutti i componenti non essenziali, reailizzandoli come programmi del livello utente e di sistema Nucleo ridotto, che offre i servizi minimi di gestione dei processi, della memoria e di comunicazione (a scambio di messaggi) Il micronucleo fornisce funzioni di comunicazione tra i programmi client e i vari servizi Es.: per accedere a un file, un client deve interagire con il file server. Ciò avviene tramite scambio di messaggi con il micronucleo 73 Organizzazione Client-Server Applicazioni Scheduler ad alto livello (Proc server) (a nucleo minimo o microkernel) Memory server Interprete di comandi (shell) Server delle periferiche/ dispositivi File Server Nucleo/kernel : Scheduler a basso livello + meccanismi IPC Hw Interfaccia grafica (desktop) Eseguiti in stato utente Eseguito in stato supervisore 74 Organizzazione Client-Server I vari processi server comunicano fra di lori con i normali meccanismi di comunicazione usati dai processi utenti (es. send-receive) Organizzazione Client-Server Scheduler ad alto livello Server della memoria Server delle periferiche/ dispositivi File Server Nucleo/Kernel : Scheduler a basso livello + meccanismi comunicaz. Hw

20 Modello client-server in un sistema distribuito Organizzazione Client-Server Minimizza le funzioni del SO che girano in modo kernel Molte funzioni sono realizzate da processi server che girano in modo utente Nucleo minimo (Microkernel) : Funzioni base per la gestione dei processi e comunicazione fra processi Comunicazione con i dispositivi vista come messaggi speciali Organizzazione Client-Server Quando un processo richiede un servizio comunica con uno dei processi server Es.: effettua una send al file server per richiedere la lettura da un file L attesa della terminazione di una servizio avviene come attesa di una comunicazione Es.: effettua una receive al file server per ottenere le informazioni lette 79 Micronucleo Vantaggi: Facilità d estensione del SO (mai modifiche al nucleo) SO facile da adattare alle diverse architetture Sicurezza e affidabilità (servizi eseguiti come processi utente se corrotti, il nucleo è intatto) 80 20

21 Client-server vs modello monolitico Più sicuro Meno efficiente Si adatta bene ai sistemi operativi di rete Windows NT 3.0 adottava un modello ispirato al client/server (ibrido) scartato perché troppo lento Studiato in ambito accademico Es.: MACH, Minix, sono versioni di Unix a microkernel Scopi della progettazione Utente: il SO dovrebbe essere facile da usare, affidabile, sicuro e veloce Sistema: il SO dovrebbe essere facile da progettare, implementare e gestire, flessibile, efficiente e affidabile e senza errori Software Engineering 82 Meccanismi e politiche I meccanismi determinano come fare qualcosa Le politiche (criteri) decidono cosa fare Temporizzatore: meccanismo Quantità di tempo da impostare: politica La separazione di politiche e meccanismi è un principio fondamentale: permette massima flessibilità se le politiche devono essere cambiate Il modello client-server usa questo approccio. Pochi meccanismi nel nucleo, e i processi server gestiscono le politiche 83 Realizzazione Scritti tradizionalmente in assembler, i SO oggi sono scritti in linguaggi ad alto livello Codice ad alto livello Viene scritto più velocemente È più compatto È più facile da capire e correggere È decisamente più facile fare il porting (tradurlo per un hardware diverso) 84 21

22 7. Generazione di sistemi (SYSGEN) Progettare i SO per essere esguiti su una classe di macchine; il sistema si deve generare o configurare per ciascuna situazione specifica Processo note come SYSGEN Per generare un sistema, un programma speciale deve ottenere le informazioni relative alla specifica configurazione del sistema hardware CPU da impiegare Memoria disponibile Dispositivi disponibili Opzioni del SO richieste (dimensioni buffer, algoritmo di scheduling CPU richiesto, numero max di processi, ecc.) Come fa la macchina fisica a sapere dove si trova il nucleo e a caricarlo in memoria? Booting procedura che avvia la macchina caricando il nucleo Bootstrap program codice in ROM che è capace di individuare il kernel, caricarlo in RAM e avviarlo 85 Per oggi basta!!!! 86 22

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

Organizzazione Monolitica

Organizzazione Monolitica Principali componenti di un sistema Applicazioni utente Interprete di comandi (shell) Interfaccia grafica (desktop) Gestore del processore / Scheduler(s) Gestore della memoria Gestore delle periferiche/

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Compiti del S.O. Lezione 2: Gestione dei processi. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi

Compiti del S.O. Lezione 2: Gestione dei processi. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi Lezione 2: Compiti del S.O. La struttura e funzioni dei Sistemi Operativi Un S.O. ha il compito di rendere semplice (all utente), l utilizzo del calcolatore componenti di un sistema operativo servizi dei

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Obiettivi di un sistema operativo Concetti di base sui sistemi operativi

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Sistema di protezione

Sistema di protezione Sistema di protezione - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione: politiche (cosa) e meccanismi (come) per controllare

Dettagli

Strutture dei sistemi operativi

Strutture dei sistemi operativi Contenuti della lezione di oggi Strutture dei sistemi operativi Descrizione dei servizi messi a disposizione dell utente dal SO Utente generico Programmatore Esame delle possibili strutture di un SO Monolitica

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi

Dettagli

Sistema di protezione (2) Protezione (1)

Sistema di protezione (2) Protezione (1) Sistema di protezione (1) Sistema di protezione (2) Sistema di protezione (3) - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione:

Dettagli

Sistema di protezione (1)

Sistema di protezione (1) Sistema di protezione (1) - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione: politiche (cosa) e meccanismi (come) per controllare

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Sistemi di Elaborazioni delle Informazioni I

Sistemi di Elaborazioni delle Informazioni I Sistemi di Elaborazioni delle Informazioni I Docente: Marco Aldinucci aldinuc@di.unito.it http://www.di.unito.it/~aldinuc Ricevimento: Su appuntamento Esercitatore: Fabio Tordini tordini@di.unito.it 1

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti GESTIONE DEI PROCESSI 4.1 Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in diversi S.O. 4.2 Concetto di

Dettagli

comuni ai moderni SO sui quali il corso è incentrato Definizione di sistema operativo

comuni ai moderni SO sui quali il corso è incentrato Definizione di sistema operativo Il Sistema Operativo (SO) è una parte essenziale di un sistema di calcolo In generale un SO è un insieme di programmi che agisce come intermediario tra utenti e hardware di un computer. Esiste un insieme

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione

Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi. Introduzione Lezione 4 La Struttura dei Sistemi Operativi Introduzione Funzionamento di un SO La Struttura di un SO Sistemi Operativi con Struttura Monolitica Progettazione a Livelli di un SO 4.2 1 Introduzione (cont.)

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Cos e` un Sistema Operativo? Cos è un sistema operativo?

Cos e` un Sistema Operativo? Cos è un sistema operativo? Cos e` un Sistema Operativo? È un programma (o un insieme di programmi) che agisce come intermediario tra l utente e l hardware del computer: fornisce un ambiente di sviluppo e di esecuzione per i programmi

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Concetti base e architettura

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Concetti base e architettura Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Concetti base e architettura Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Sommario Funzionamento di un calcolatore (cenni) Obiettivi e

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi basati su kernel Sistemi con microkernel Sistemi con

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni PRESENTAZIONE DI INSIEME Vedremo ora come si è evoluta nel tempo la struttura di un sistema operativo, per passare dalle vecchie strutture di tipo normalmente modulari,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi. Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Struttura dei sistemi operativi

Strutture dei Sistemi Operativi. Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Struttura dei sistemi operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Struttura dei sistemi operativi Gestione dei processi Un processo è un programma in esecuzione Un processo ha bisogno

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa)

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa) Struttura astratta della memoria Memoria centrale il solo dispositivo di memoria al quale la CPU puo accedere direttamente Memoria secondaria (di massa) Estensione della memoria centrale che fornisce grande

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 2 LEZIONE STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Concetti base e architettura. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Concetti base e architettura. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Concetti base e architettura Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Funzionamento

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo (S.O.) è un insieme di programmi interagenti che consente agli utenti e ai programmi applicativi di utilizzare al meglio le risorse del Sistema

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1 Protezione Scopi della Protezione Dominio di Protezione Matrice d Accesso Implementazione della Matrice d Accesso Revoca dei Diritti d Accesso Sistemi Basati su Abilitazioni Protezione basata sul linguaggio

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Introduzione Prof. Mario Di Raimondo Sistemi Operativi 9 CFU (72 ore)

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI SERVIZI DI UN SISTEMA OPERATIVO Panoramica dei servizi del sistema

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

1. Introduzione. 1. Introduzione. 1. Introduzione. Architettura dei sistemi di calcolo

1. Introduzione. 1. Introduzione. 1. Introduzione. Architettura dei sistemi di calcolo 1 1. Introduzione Architettura dei sistemi di calcolo 2 1. Introduzione Un Sistema Operativo (SO) è un intermediario fra l hardware (hw) e gli utilizzatori di tale hw Utilizzatore è definito come (=:=)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Hardware di un Computer

Hardware di un Computer Hardware di un Computer Monitor Mouse Tastiera Printer Disk CPU Graphics Adapter USB Controller Parallel Port Disk Controller BUS Memoria RAM Memoria ROM (BIOS) DMA CPU esegue istruzioni, effettua calcoli,

Dettagli

Componenti di Sistemi Operativi. System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO

Componenti di Sistemi Operativi. System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO Componenti di so 1 Componenti di Sistemi Operativi System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO 2 System Call Le system call forniscono l'interfaccia tra running program e SO Generalmente

Dettagli

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Laurea in Informatica A.A. 2005/06 Struttura dei Sistemi Operativi Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Marina Lenisa Università di Udine Componenti

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Sistema Operativo. Fondamenti di Informatica 1. Il Sistema Operativo

Sistema Operativo. Fondamenti di Informatica 1. Il Sistema Operativo Sistema Operativo Fondamenti di Informatica 1 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo (S.O.) è un insieme di programmi interagenti che consente agli utenti e ai programmi applicativi di utilizzare al

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche (S.O.) e ancora sulle basi numeriche http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm 1 Il sistema operativo Un insieme di programmi che gestiscono le risorse (cpu, memoria, dischi, periferiche)

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Introduzione Prof. Mario Di Raimondo Sistemi Operativi 9 CFU (72 ore)

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi)

CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux CAP. 6: Nucleo del sistema operativo (La gestione dei processi) Architettura del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle chiamate

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Laurea in Informatica A.A. 2009/10 Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Marina Lenisa Università di Udine Copyright c 2000-04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it)

Dettagli

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows La genealogia di Windows Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 La genealogia di Windows DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX 76 4. ASPETTI GENERALI DEL SISTEMA OPERATIVO LINUX La funzione generale svolta da un Sistema Operativo può essere definita come la gestione dell Hardware orientata

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Drivers. Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel

Drivers. Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel Drivers Introduzione Tipologie Struttura Interazione con il kernel Driver Un driver è un modulo del sistema operativo Esterno al kernel Dedicato alla gestione di una specifica periferica Come altre funzionalità

Dettagli

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano

Modello dei processi. Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano Modello dei processi Riedizione delle slide della Prof. Di Stefano 1 Processi Modello di Processi asincroni comunicanti Process Scheduling Operazioni sui Processi Cooperazione tra Processi Interprocess

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli