TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA"

Transcript

1 TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate a diverse T. La pila in esame è la pila a secco Ag 2 O Zn, utilizzata per alimentare moltissime apparecchiature elettroniche miniaturizzate. TEORIA Quando una cella galvanica lavora reversibilmente ad una e ad una T costanti, senza effettuare alcun lavoro eccetto quello elettrico, la variazione di energia libera, che accompagna la reazione di cella, è data Lavoro elettrico = w = G = -E z F ( Joule) dove E = forza elettromotrice (volt) F = Faraday = carica trasportata da una mole di elettroni = Coulomb/mole z = n. di cariche elementari messe in gioco In realtà una cella, per essere in condizioni di reversibilità, deve avere le seguenti caratteristiche: 1) Se è connessa con una f.e.m. esterna esattamente uguale, ma in opposizione, nella cella non ha luogo alcun processo; 2) se la f.em. esterna viene diminuita di una quantità infinitesima, la corrente è erogata dalla cella; se invece la f.e.m. esterna viene aumentata, la corrente attraversa la cella in direzione opposta. Il processo che si svolge nella cella quando essa stessa eroga corrente, è l inverso di quello che si svolge quando assorbe corrente. Se riportiamo l andamento dell intensità di corrente in funzione della differenza di potenziale applicata dall esterno, abbiamo 2 casi possibili: Osserviamo che sia nel punto A che in quello B, i=0 ( cioè E esterna = f.e.m. pila), quindi vale la condizione 1); inoltre in a), se ci spostiamo dalla posizione di equilibrio, verso destra o sinistra, anche solo di un infinitesimo, osserviamo passaggio di corrente ed in direzioni rispettivamente opposte (è rispettata la condizione 2). Ciò non accade in b), per cui in questo caso non siamo in condizioni di reversibilità. Tale condizione si controlla con un potenziometro a compensazione, denominato potenziometro di oggendorf, che può essere schematizzato nel seguente modo:

2 oiché la f.e.m. E x da misurarsi è inserita in opposizione alla f.e.m. di alimentazione (commutatore C in d ), si può trovare, muovendo opportunamente il contatto mobile, un punto X di AB per il quale non fluisce corrente attraverso il galvanometro G (se spostandoci da X, la corrente passa in un verso o in un altro, abbiamo trovato la posizione di equilibrio). er tale posizione dovrà essere verificata la condizione che la differenza di potenziale fra i punti A e X, E AX, sia uguale a E X ; se i è l intensità di corrente che percorre il tratto AX ed R AX la resistenza di tale tratto, avremo che: E AX =E X = R AX i Se ora, al posto di E X, si introduce una pila campione la cui f.e.m. è nota ed è uguale a E C, si ottiene che il galvanometro non segna passaggio di corrente per una posizione X tale che: E AX = E C = R AX i Dal rapporto delle 2 relazioni si ottiene: E X E C R R AX AX ' er cui è sufficiente conoscere E c e misurare R AX e R AX per ricavare la f.em. incognita della pila. In laboratorio si misura direttamente la f.e.m. della pila utilizzando la seguente tecnica:

3 1. Nel potenziometro classico di oggendorf il filo calibrato AB ha una scala tarata in volt. Dopo aver inserito la pila campione, si sposta il cursore di X sulla tacca corrispondente alla tensione della pila campione (es V), poi si agisce sul cursore di R sino a che il galvanometro G non segna più passaggio di corrente. In queste condizioni il potenziometro è tarato per cui, una volta inserita la pila incognita, basterà leggere direttamente la tensione sulla scala del filo calibrato AB, dopo aver spostato il suo cursore sino a non osservare alcun passaggio di corrente. In mancanza di un potenziometro di oggendorf, è possibile eseguire lo stesso la misura di f.em. utilizzando un multimetro elettronico ad elevatissima impedenza di ingresso (> di 10 Gohm). ur non operando strettamente in condizioni di reversibilità, in quanto il multimetro, pur avendo una resistenza di ingresso estremamente elevata, quando è connesso, fa passare nella cella una corrente infinitesimamente piccola, tuttavia il valore misurato è ugualmente preciso. Una volta ricavata la f.e.m. della pila alle varie temperature, è possibile ricavare le grandezze termodinamiche G, S e H tramite le seguenti relazioni: G = - z E F G T S E S zf T H G TS E Quindi, per poter ricavare S e H, è necessario conoscere il termine, denominato T coefficiente termico della pila. er poter ricavare tale termine, è necessario riportare in un diagramma la f.e.m E in funzione di T, ottenendo o un andamento di tipo lineare oppure di tipo parabolico. Nel primo caso basterà applicare la regressione lineare e il coefficiente termico della pila corrisponderà con la pendenza della retta, b. Nel secondo caso, sarà necessario applicare la regressione supponendo che l equazione che soddisfa i dati sia di tipo parabolico E = a + bt + ct 2 e il coefficiente termico della pila sarà dato da E = b + 2 c T. T

4 In questa esperienza viene studiata la termodinamica della pila a bottone ad argento. E un tipo di pila a secco, cioè priva di elementi liquidi, costituita da un anodo formato da una pasta gelatinosa contenente della polvere di Zn mescolata assieme all elettrolita KOH e da un catodo formato da Ag 2 O mescolato con del carbone, per aumentarne la conduttività. Il contatto elettrico al catodo viene assicurato utilizzando una lamina metallica di acciaio contenente del nichel, mentre all anodo viene usata una lamina di acciaio contenente rame e stagno. Le reazioni che avvengono agli elettrodi sono le seguenti: Anodo (-) Zn(s) + 2 OH - (aq) -> ZnO(s) + H 2 O(l) + 2e - Catodo (+) Ag 2 O(s) + H 2 O(l) + 2 e - -> 2 Ag(s) + 2 OH - (aq) Il processo elettromotore totale risulta pertanto Zn(s) + Ag 2 O(s) -> ZnO(s) + 2 Ag(s) e la f.e.m. dipenderà dalla attività delle specie partecipanti alla reazione mediante la seguente equazione di Nernst: E E 0 RT zf a ln a ZnO( s) Zn( s) a a Ag ( s) Ag O( s) 2

5 Essendo tutte le attività unitarie, avremo che E=E, per cui sarà possibile misurare direttamente come varia la f.e.m. standard della pila in funzione della temperatura. Tale pila si presta assai bene a studi termodinamici, in quanto gli elettrodi si comportano in maniera reversibile (vedi comportamento a) figura precedente) ed inoltre il suo potenziale non dipende dall attività delle specie partecipanti alla reazione essendo queste tutte unitarie. ARTE SERIMENTALE AARECCHIATURA - 1 pila Zn- Ag 2 O - 1 termostato - 1 multimetro digitale H cella per pila Zn-Ag 2 O DESCRIZIONE 1. Controllare sul termometro immerso nella vasca che la temperatura del bagno termostatico sia costante e di circa Inserire la pila nel portacella ed immetterla in un provettone; dopodichè immergere il provettone nel bagno termostatico e attendere almeno 5 minuti affinché la pila sia ben termostatata. 3. Connettere il multimetro alla pila assicurandosi che sia stato impostato con una impedenza di ingresso maggiore di 10 Gohm, in modo da operare in condizioni di corrente pressoché nulla per leggere correttamente la f.e.m. della pila. Inoltre impostare il n. di cifre a Monitorare la variazione della tensione letta nell arco di 10 minuti assicurandosi che la variazione della tensione letta sia inferiore a 2 mv /min. Se è così, annotare il valore della f.em. 5. Ripetere tutto il processo di misura, dopo aver aumentato la temperatura di 1 grado, sino ad arrivare a 35 C. ELABORAZIONE DATI 1) Quantificare l incertezza sulle misure di f.e.m tenendo presente che l accuratezza del multimetro digitale H34401, utilizzato con un fondo scala di 10V, può essere ricavata mediante la seguente relazione : accuratezz a valore _ letto 10V e l incertezza tipo, associata a ciascun valore, viene ricavata utilizzando una distribuzione rettangolare.

6 2) Applicare la regressione lineare per ricavare la dipendenza da T della f.e.m. e il coefficiente termico della pila. Quantificare l incertezza sull intercetta e sul coefficiente angolare, assumendo un livello di fiducia del 95%. 3) Ricavare G, S e H a 25 0 C e la relativa incertezza (con un livello di fiducia del 95%). 4) Confrontare i valori ottenuti con quelli tabulati in letteratura.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SENSORI E TRASDUTTORI Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Sensori e Trasduttori I dispositivi di misura

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ

L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ INDICE 1. Introduzione.....3 2. Obiettivi...6 3. Riferimenti normativi...8 3.1. UNI EN 13163......8 3.2. Conduttività termica secondo UNI EN 13163...9 3.3. UNI 10351...12 4.

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale 4capitolo Le leggi che governano il moto dei corpi sommario 4.1 La prima legge della dinamica 4.1.1 La Terra è un riferimento inerziale? 4.2 La seconda legge della dinamica 4.2.1 La massa 4.2.2 Forza risultante

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti elettrici

Corrente elettrica e circuiti elettrici La corrente elettrica Come già detto nell'atomo i protoni hanno una carica elettrica di segno positivo e gli elettroni di segno negativo. Questi ultimi inoltre non sfuggono alle loro orbite ellittiche

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

Concentratore solare parabolico ad inseguimento automatico

Concentratore solare parabolico ad inseguimento automatico Concentratore solare parabolico ad inseguimento automatico Lavoro di Maturità di Janina Kick, Chiara Knecht, Matteo Nicoli Sotto la supervisione del prof. N. Cretton Anno scolastico 2012-2013 Indice INDICE...

Dettagli