REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI"

Transcript

1 CASA DI RIPOSO CESARE BERTOLI NOGAROLE ROCCA (VR) REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI TRATTAMENTO EFFETTUATO CON ELABORATORI NON COLLEGATI IN RETE E NON ACCESSIBILI DA ALTRI ELABORATORI O TERMINALI 1

2 TRATTAMENTO EFFETTUATO CON ELABORATORI ACCESSIBILI DA ALTRI ELABORATORI SOLO ATTRAVERSO RETI NON DISPONIBILI AL PUBBLICO CASA DI RIPOSO CESARE BERTOLI NOGAROLE ROCCA (VR) ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le disposizioni di cui al D.P.R , n. 318, si applicano al trattamento dei dati personali effettuato presso la Casa di Riposo Cesare Bertoli di Nogarole Rocca, per il tramite del personale che il Responsabile del trattamento dati dell Ente incaricherà per iscritto ai sensi delle disposizioni di cui al comma 5 dell art. 8 della legge 675/1996. ART. 2 - MODALITA DEL TRATTAMENTO DEI DATI EFFETTUATO MEDIANTE ELABORATORI Il trattamento dei dati personali archiviati presso gli elaboratori della Casa di Riposo Cesare Bertoli di Nogarole Rocca è effettuato con le modalità indicate nelle seguenti tabelle: TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI DIVERSI DA QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996: L elaboratore deve essere utilizzato, per la gestione delle attività dell Ente, esclusivamente da parte delle figure professionali che il Responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha specificatamente incaricato del trattamento. L accesso al menù dei programmi gestionali o al desktop di windows avviene tramite parola chiave (password) da inserire all avvio del computer. La parola chiave password è fornita agli incaricati del trattamento, per iscritto, da parte del Responsabile dell Ufficio o Servizio o dall Amministratore di Sistema, se nominato. gli incaricati del trattamento hanno l obbligo del segreto professionale sulla parola chiave. Il responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha pieno accesso a tutte le informazioni che concernono le parole chiave. I soggetti preposti alla custodia delle parole chiave sono i responsabili degli uffici o dei reparti, rispettivamente per gli elaboratori di propria competenza, oppure l Amministratore di Sistema, se nominato. Tali soggetti, previa comunicazione al Responsabile del trattamento dati dell Ente, possono altresì autonomamente provvedere alla sostituzione della parola chiave quando lo ritengano opportuno. L utilizzo di supporti esterni di memorizzazione (cd, dischetti, nastri, ecc.) è consentito esclusivamente per l attività gestionale dell ente e deve essere preceduto da controllo, con specifico programma, al fine di garantirne l integrità dai programmi di cui all art. 615-quinquies del codice penale (i cosiddetti virus informatici ). Il responsabile del servizio deve effettuare la cancellazione dei files che non sono più utilizzati. Il responsabile del trattamento provvede, con specifico programma, a far effettuare controlli periodici degli archivi e programmi installati nell elaboratore al fine di controllare l eventuale presenza di virus informatici. A cadenza periodica il responsabile del servizio dispone che siano effettuati i salvataggi dei dati archiviati con conservazione dei supporti di back up in luogo differente da dove è installato il computer, dentro un contenitore ad isolamento termico e magnetico. 2

3 TRATTAMENTO EFFETTUATO CON ELABORATORI ACCESSIBILI DA ALTRI ELABORATORI MEDIANTE UNA RETE DI TELECOMUNICAZIONI DISPONIBILI AL PUBBLICO TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI DIVERSI DA QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996: L elaboratore deve essere utilizzato, per la gestione delle attività dell Ente, esclusivamente da parte delle figure professionali che il Responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha specificatamente incaricato del trattamento. L accesso al menù dei programmi gestionali o al desktop di windows avviene tramite parola chiave (password) da inserire all avvio del computer. Oltre a quanto sopraindicato è attribuito a ciascun incaricato del trattamento un codice identificativo personale per l utilizzo dell elaboratore che non può, neppure in tempi diversi, essere assegnato a persone diverse. La parola chiave per l accesso al computer ed il codice personale sono assegnati all incaricato del trattamento, per iscritto, dal responsabile dell ufficio o del servizio, rispettivamente per gli elaboratori in rete di propria competenza, o dall Amministratore di sistema, se nominato. Non è consentita l utilizzazione di un medesimo codice identificativo personale per accedere contemporaneamente alla stessa applicazione da diverse stazioni lavoro. gli incaricati del trattamento hanno l obbligo del segreto professionale sulla parola chiave e sul codice personale per l utilizzazione dell elaboratore. Il responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha pieno accesso a tutte le informazioni che concernono le parole chiave ed i codici identificativi personali degli incaricati del trattamento. I soggetti preposti alla custodia delle parole chiave e dei codici personali sono i responsabili degli uffici o dei reparti, rispettivamente per gli elaboratori di propria competenza, o l Amministratore di Sistema, se nominato. Tali soggetti, previa comunicazione al Responsabile del trattamento dati dell ente, possono altresì autonomamente provvedere alla sostituzione della parola chiave e dei codici identificativi personali quando lo ritengano opportuno. I codici identificativi personali per l utilizzo dei programmi gestionali devono essere disattivati a cura dei responsabili degli uffici o servizi o dell Amministratore di Sistema in caso di perdita da parte degli incaricati del trattamento della qualità che consentiva l accesso all elaboratore o di mancato utilizzo (ad esempio durante i periodi di assenza delle dipendenti per maternità) dei medesimi per un periodo superiore ai sei mesi. Gli elaboratori devono essere protetti contro il rischio di intrusione ad opera di programmi di cui all art. 615-quinquies del codice penale, mediante idonei programmi, la cui efficacia ed aggiornamento sono verificati, da parte del Responsabile del trattamento dati o dell Amministratore di Sistema, con cadenza almeno semestrale. L utilizzo di supporti esterni di memorizzazione (cd, dischetti, nastri, ecc.) è consentito esclusivamente per l attività gestionale dell ente e deve essere preceduto da controllo, con specifico programma, al fine di garantirne l integrità dai programmi di cui all art. 615-quinquies del codice penale (i cosiddetti virus informatici ). Il responsabile del servizio deve effettuare la cancellazione dei files che non sono più utilizzati. Il responsabile del trattamento provvede, con specifico programma, a far effettuare controlli periodici degli archivi e programmi installati nell elaboratore al fine di controllare l eventuale presenza di virus informatici. A cadenza periodica il responsabile del servizio dispone che siano effettuati i salvataggi dei dati archiviati con conservazione dei supporti di back up in luogo differente da dove è installato il computer, dentro un contenitore ad isolamento termico e magnetico. TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI CHE COMPRENDONO ANCHE QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996. Quando il trattamento di dati personali comprende anche i dati indicati agli artt. 22 e 24 della legge 675/1996, oltre a quanto previsto nella prima parte della tabella, si applicano le seguenti ulteriori prescrizioni: il Responsabile del trattamento dati dell ente, dopo aver verificato la validità delle richieste di accesso ai dati personali di cui all art. 22 della legge 675/1996, consente l accesso ai dati agli incaricati del trattamento ed assegna una ulteriore autorizzazione, relativa ai soli dati la cui conoscenza è necessaria e sufficiente per lo svolgimento delle operazioni di trattamento o manutenzione, singolarmente o per gruppi di lavoro (ad esempio alle categorie degli infermieri professionali, degli operatori socio-assistenziali, ecc.). Il Responsabile, periodicamente, e comunque almeno una volta all anno, verifica la sussistenza delle condizioni per la conservazione della autorizzazione al trattamento dei dati sensibili. I supporti già utilizzati per il trattamento possono essere riutilizzati qualora le informazioni precedentemente contenute non siano in alcun modo tecnicamente recuperabili, altrimenti devono essere distrutti. I dati idonei a rivelare lo stato di salute sono conservati separatamente da ogni altro dato personale trattato per finalità che non richiedano il loro utilizzo. 3

4 TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI DIVERSI DA QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996: L elaboratore deve essere utilizzato, per la gestione delle attività dell ente, esclusivamente da parte delle figure professionali che il Responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha specificatamente incaricato del trattamento. L accesso al menù dei programmi gestionali o al desktop di windows avviene tramite parola chiave (password) da inserire all avvio del computer. Oltre a quanto sopraindicato è attribuito ciascun incaricato del trattamento un codice identificativo personale per l utilizzo dell elaboratore che non può, neppure in tempi diversi, essere assegnato a persone diverse. La parola chiave per l accesso al computer ed il codice personale sono assegnati all incaricato del trattamento, per iscritto, dal responsabile dell ufficio o del servizio, rispettivamente per gli elaboratori in rete di propria competenza. Non è consentita l utilizzazione di un medesimo codice identificativo personale per accedere contemporaneamente alla stessa applicazione da diverse stazioni lavoro. gli incaricati del trattamento hanno l obbligo del segreto professionale sulla parola chiave e sul codice personale per l utilizzazione dell elaboratore. Il responsabile del trattamento dati della Casa di Riposo Cesare Bertoli ha pieno accesso a tutte le informazioni che concernono le parole chiave ed i codici identificativi personali degli incaricati del trattamento. I soggetti preposti alla custodia delle parole chiave e dei codici personali sono i responsabili degli uffici o dei reparti, rispettivamente per gli elaboratori di propria competenza, o l Amministratore di Sistema, se nominato. Tali soggetti, previa comunicazione al Responsabile del trattamento dati dell Ente, possono altresì autonomamente provvedere alla sostituzione della parola chiave e dei codici identificativi personali quando lo ritengano opportuno. I codici identificativi personali per l utilizzo dei programmi gestionali devono essere disattivati a cura dei responsabili degli uffici o servizi o dell Amministratore di Sistema in caso di perdita da parte degli incaricati del trattamento della qualità che consentiva l accesso all elaboratore o di mancato utilizzo (ad esempio durante i periodi di assenza delle dipendenti per maternità) dei medesimi per un periodo superiore ai sei mesi. Gli elaboratori devono essere protetti contro il rischio di intrusione ad opera di programmi di cui all art. 615-quinquies del codice penale, mediante idonei programmi, la cui efficacia ed aggiornamento sono verificati, da parte del Responsabile del trattamento dati o dall Amministratore di Sistema, con cadenza almeno semestrale. L utilizzo di supporti esterni di memorizzazione (cd, dischetti, nastri, ecc.) è consentito esclusivamente per l attività gestionale dell ente e deve essere preceduto da controllo, con specifico programma, al fine di garantirne l integrità dai programmi di cui all art. 615-quinquies del codice penale (i cosiddetti virus informatici ). Il responsabile del servizio deve effettuare la cancellazione dei files che non sono più utilizzati. Il responsabile del trattamento provvede, con specifico programma, a far effettuare controlli periodici degli archivi e programmi installati nell elaboratore al fine di controllare l eventuale presenza di virus informatici. A cadenza periodica il responsabile del servizio dispone che siano effettuati i salvataggi dei dati archiviati con conservazione dei supporti di back up in luogo differente da dove è installato il computer, dentro un contenitore ad isolamento termico e magnetico. TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI CHE COMPRENDONO ANCHE QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996. Quando il trattamento di dati personali comprende anche i dati indicati agli artt. 22 e 24 della legge 675/1996, oltre a quanto previsto nella prima parte della tabella, si applicano le seguenti ulteriori prescrizioni: il Responsabile del trattamento dati dell ente, dopo aver verificato la validità delle richieste di accesso ai dati personali di cui all art. 22 della legge 675/1996, consente l accesso ai dati agli incaricati del trattamento ed assegna una ulteriore autorizzazione, relativa ai soli dati la cui conoscenza è necessaria e sufficiente per lo svolgimento delle operazioni di trattamento o manutenzione, singolarmente o per gruppi di lavoro (ad esempio alle categorie degli infermieri professionali, degli operatori socio-assistenziali, ecc.). Il Responsabile, periodicamente, e comunque almeno una volta all anno, verifica la sussistenza delle condizioni per la conservazione della autorizzazione trattamento dei dati sensibili. Il Responsabile deve individuare i singoli elaboratori attraverso i quali è possibile effettuare operazioni di trattamento autorizzandone espressamente l utilizzo ed indicando le misure di sicurezza da adottare durante i collegamenti. I supporti già utilizzati per il trattamento possono essere riutilizzati qualora le informazioni precedentemente contenute non siano in alcun modo tecnicamente recuperabili, altrimenti devono essere distrutti. I dati idonei a rivelare lo stato di salute sono conservati separatamente da ogni altro dato personale trattato per finalità che non richiedano il loro utilizzo. 4

5 Art. 3 - ART. 3 MODALITA TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO CON STRUMENTI DIVERSI DA QUELLI ELETTRONICI O COMUNQUE AUTOMATIZZATI Il trattamento dei dati personali, utilizzati dall ente per la gestione delle attività istituzionali, disposto senza strumenti elettronici o comunque automatizzati è effettuato con le modalità indicate nella seguente tabella: TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI DIVERSI DA QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996 Il Responsabile nel designare gli incaricati del trattamento per iscritto e nell impartire le istruzioni ai sensi degli articoli 8, comma 5, e 19 della legge 675/1996 e successive modifiche e integrazioni, prescrive, contemporaneamente, che gli incaricati abbiano accesso ai soli dati personali la cui conoscenza sia strettamente necessaria per adempiere ai compiti loro assegnati definendo quindi l ambito di accesso. Gli atti, i documenti e le schede contenenti i dati devono essere conservati in archivi ad accesso selezionato. Si intende per archivio ad accesso selezionato quell archivio che è protetto da sistemi di chiusura che sono attivati al termine di utilizzo dell archivio stesso ed a cui possono accedere esclusivamente le figure professionali, incaricate del trattamento dati, espressamente autorizzate dal Responsabile dell Ente. Gli atti, i documenti e le schede occorrenti per l esecuzione della attività lavorativa possono essere affidati agli incaricati del trattamento i quali devono però procedere alla conservazione dei medesimi ed alla loro restituzione al termine delle operazioni affidate. Il responsabile del trattamento dati dell ente ha accesso agli archivi dell Ente. I documenti che non sono più utilizzati devono essere tagliati in pezzi prima di essere buttati nei contenitori per rifiuti. TRATTAMENTO RELATIVO A DATI PERSONALI CHE COMPRENDONO ANCHE QUELLI INDICATI DAGLI ARTT. 22 E 24 DELLA LEGGE 675/1996. Quando il trattamento di dati personali comprende anche i dati indicati agli artt. 22 e 24 della legge 675/1996, oltre a quanto previsto nella prima parte della tabella, si applicano le seguenti ulteriori prescrizioni: Se affidati agli incaricati del trattamento, gli atti, i documenti e le schede contenenti i dati sono conservati, al di fuori dei momenti di utilizzo durante l attività gestionale, fino alla restituzione, in contenitori muniti di serratura. L accesso agli archivi deve essere controllato, nel senso che deve essere consentito solo alle figure professionali espressamente autorizzate dal Responsabile del trattamento dati dell Ente, ed inoltre devono essere identificati e registrati i soggetti che vi vengono ammessi dopo l orario di chiusura degli archivi stessi. I supporti non informatici contenenti la riproduzione di informazioni relative al trattamento di dati personali di cui all art. 22 delle legge 675/1996 (es. fotocopie) devono essere conservati e custoditi con le modalità sopraindicate. I dati idonei a rivelare lo stato di salute sono conservati separatamente da ogni altro dato personale trattato per finalità che non richiedano il loro utilizzo. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.09 del

6 6

COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011

COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011 COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011 Documento programmatico contenente il PIANO OPERATIVO delle misure minime di sicurezza per i trattamenti di dati personali

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 Approvato dall Amministratore Unico di Metro con determina n. 5 del 9 marzo 2015 1 Disciplinare tecnico 2015 in materia di misure

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEGLI STUDI LEGALI (DPS) Redatto ai sensi e per gli effetti dell art. 34, c. 1, lett. g) del D.Lgs 196/2003 e del

Dettagli

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA Una proposta per rispondere alla misura 4.4 (o e ) del Provvedimento del Garante del 28 novembre 2008. E' possibile dare il proprio

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MISURE MINIME DI SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI D.Lgs. 196/03 artt.31-36 Allegato B Art. 31 (Obblighi di sicurezza) 1. I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati,

Dettagli

Piano per la sicurezza dei documenti informatici

Piano per la sicurezza dei documenti informatici Allegato 1 Piano per la sicurezza dei documenti informatici 1 Sommario 1 Aspetti generali...3 2 Analisi dei rischi...3 2.1 Misure di sicurezza... 4 3 Misure Fisiche...4 3.1 Controllo accessi... 4 3.2 Sistema

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

Capo III TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON STRUMENTI DIVERSI DA QUELLI ELETTRONICI O COMUNQUE AUTOMATIZZATI.

Capo III TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON STRUMENTI DIVERSI DA QUELLI ELETTRONICI O COMUNQUE AUTOMATIZZATI. D.P.R. 28-07-1999, n. 318 - Privacy misure minime di sicurezza Indice, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, ALLEGATO A, ALLEGATO B, Indice Preambolo Capo I

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Piano delle misure minime di sicurezza a norma del D.P.R. 28 luglio 1999, n. 318

Piano delle misure minime di sicurezza a norma del D.P.R. 28 luglio 1999, n. 318 Piano delle misure minime di sicurezza a norma del D.P.R. 28 luglio 1999, n. 318 SOMMARIO 1. LE DISPOSIZIONI NORMATIVE E REGOLAMENTARI... 3 2. RIFERIMENTO AL CONTESTO... 6 2.1.... 6 2.2 ASPETTI TECNICI...

Dettagli

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy Obblighi di sicurezza e relative sanzioni Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy L adozione delle Misure Minime di Sicurezza è obbligatorio per tutti coloro che effettuano trattamenti

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS

Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS La presente Guida Sintetica intende fornire indicazioni circa gli adempimenti della Privacy e le operazioni propedeutiche alla revisione del Documento Programmatico

Dettagli

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Misure di Sicurezza adottate

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma Sofia e Misure di Sicurezza adottate Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Pagina 1 di 10 INDICE 1. Definizioni 3 2. Individuazione dei tipi di dati e di operazioni eseguibili 4 3. Titolare del trattamento, oneri informativi

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 N. 30 Reg. Delib. G.C. Seduta del 17/03/2006 OGGETTO: REVISIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI PER L

Dettagli

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it Regolamento

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P. BOZZA D.P.S. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.iva Documento Programmatico sulla Sicurezza Indice finalità del documento inventario dei beni in dotazione

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675)

T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) T.U. d.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (già legge 31 dicembre 1996 n. 675) La Legge disciplina il trattamento di dati con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati proponiamo uno schema

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY

SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY SANGRITANA - MISURE DI SICUREZZA PRIVACY M.S.P.01. Misura di sicurezza per una corretta informativa Al fine di garantire una corretta informativa sul sito internet della Ferrovia Adriatico Sangritana Spa

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI PAG. 1 DI 18 POLICY Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n. Del In vigore da 1.0 31/07/2012 12/09/2012 PAG. 2 DI 18 INDICE 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Pag.

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI Il presente documento è redatto ai sensi dell art. 34 e 35 del Dlgs 30 Giugno 2003, n 196, della direttiva 11 Febbraio 2005 del Presidente del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO OPERATIVO PER L UTILIZZO DELL IMPIANTO ESTERNO DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera consiglio comunale n. 175 del 22/11/2006 Modificato con delibera consiglio comunale n. 36 DEL 14/03/2013

Dettagli

Università degli Studi di Udine. DLGS 196/03 Gestione posto di lavoro e accesso alla struttura

Università degli Studi di Udine. DLGS 196/03 Gestione posto di lavoro e accesso alla struttura DLGS 196/03 Gestione posto di lavoro e Sommario Scopo... 3 Accesso alle aree di trattamento di dati personali... 3 Gestione e utilizzo del posto di lavoro e dei luoghi di archiviazione... 3 Particolarità

Dettagli

AMMINISTRATIVO, AFFARI GENERALI, SPORT E CULTURA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 9 DEL 01/02/2010

AMMINISTRATIVO, AFFARI GENERALI, SPORT E CULTURA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 9 DEL 01/02/2010 omune di astelleone Provincia di remona SETTORE AMMINISTRATIVO, AFFARI GENERALI, SPORT E ULTURA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE N. 9 DEL 01/02/2010 Oggetto: NOMINA AD INARIATO DEL TRATTAMENTO

Dettagli

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2000 Area Settore/ Servizio Processo Rev. Data STA EDP P01 02 Novembre 10 GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA TIPO DI PROCEDURA: di supporto AREA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA NEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Questo documento illustra il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, adottate per il trattamento dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy

C e n t o. 9 6 ti mette in regola con la Legge sulla Privacy Privacy 2004 Il Nuovo Testo Unico sulla Privacy (D.L. n.196 del 30 giugno 2003) è già in vigore. Le norme prevedono vincoli rigorosi e pene severe in caso di inadempienza. Impegnarsi autonomamente per

Dettagli

06/04/2009 Avv. Paola Ferrari info@studiolegaleferrari.it- www.studiolegaleferrari.it Via G. Carducci, 1/f Cassina De Pecchi 02 9522003

06/04/2009 Avv. Paola Ferrari info@studiolegaleferrari.it- www.studiolegaleferrari.it Via G. Carducci, 1/f Cassina De Pecchi 02 9522003 LA GESTIONE DEI DATI NELLO STUDIO MEDICO DI MEDICINA GENERALE E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA Piccolo manuale operativo con formule per le lettere di incarico e formazione del personale 06/04/2009 Avv. Paola

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA NOMINA E LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI OSSERVANZA DELLE MISURE DI SICUREZZA PRIVACY 1 ARTICOLO 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Istruzioni Incaricati

Istruzioni Incaricati L articolo 30, comma 1 del d. lgs. 196/2003 (codice della privacy) prevede che le operazioni di trattamento dei dati personali possono essere svolte solo da incaricati, che operano sotto la diretta autorità

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE SICUREZZA E POLIZIA LOCALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE GRUPPO OPERATIVO AFFARI GENERALI Ufficio di Segreteria Cod. Fisc./Part. I.V.A. 00175660554 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA

Dettagli

Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio

Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio COMUNE DI CASALE MARITTIMO (Pisa) Via del Castello, 133 REGOLAMENTO COMUNALE Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio comunale di CASALE MARITTIMO (PISA) Indice generale Art. 1 Art.

Dettagli

di Alessandro Siena Servizio assistenza e sviluppo di a.c.esse snc a.siena@acesse.it

di Alessandro Siena Servizio assistenza e sviluppo di a.c.esse snc a.siena@acesse.it In corsa verso il futuro Privacy e IT Come fare? di Alessandro Siena Servizio assistenza e sviluppo di a.c.esse snc a.siena@acesse.it Il problema dell'applicazione della cosiddetta "Legge sulla Privacy",

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

Regolamento informatico

Regolamento informatico Regolamento informatico Premessa La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche ed, in particolare, il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Ismea ai rischi di

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali

Garante per la protezione dei dati personali Garante per la protezione dei dati personali IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, con la partecipazione del prof. Stefano Rodotà, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello,

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 22/15 contenente disposizioni inerenti alla prova valutativa a norma dall art. 128-novies,

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

Documento Programmatico sulla sicurezza

Documento Programmatico sulla sicurezza SNAMI Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani Documento Programmatico sulla sicurezza Redatto ai sensi dell articolo 34, comma 1, lettera g) e Allegato B - Disciplinare Tecnico, Regola 19 del Decreto

Dettagli

SCHEMA DI DELIBERAZIONE

SCHEMA DI DELIBERAZIONE Allegato al verbale dell'adunanza AIPA del 17 ottobre 2001 SCHEMA DI DELIBERAZIONE Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001

Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Autorità per l'informatica nella pubblica amministrazione Deliberazione n. 42/2001 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei

Dettagli

Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari

Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari Indice degli argomenti 1 Introduzione... 3 1.1 Riferimenti normativi e alle disposizioni aziendali...

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

A.1.1 Elenco dei trattamenti dei dati personali (Regola 19.1) Struttura di riferimento. 2 Repertorio decreti informatico Area Affari Generali SI 3

A.1.1 Elenco dei trattamenti dei dati personali (Regola 19.1) Struttura di riferimento. 2 Repertorio decreti informatico Area Affari Generali SI 3 Sezione A Dipartimento regionale del, dei Servizi Generali, di Quiescenza, Previdenza ed Assistenza del e uffici di diretta collaborazione dell Assessore ubicati in viale della Regione Siciliana n. 2226

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy COMUNICATO Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy Nel secondo semestre del 2011 l Agenzia delle Entrate avvierà nuovi e più articolati controlli sul rispetto

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N 012 DEL 31.03.2009 IL PRESENTE REGOLAMENTO ENTRA IN VIGORE IL 31.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio ARTICOLO 1 FINALITA Le finalità che la Città di Desio intende perseguire con il progetto di videosorveglianza

Dettagli

Procedure Standard Applicazione Misure Minime Sicurezza

Procedure Standard Applicazione Misure Minime Sicurezza PROCEDURE STANDARD MISURE MINIME DI SICUREZZA DEFINIZIONE E GESTIONE DELLE USER ID Autorizzazione informatica al trattamento Gli Incaricati del trattamento sono autorizzati a livello informatico singolarmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

Protezione dei dati personali

Protezione dei dati personali Associazione Federazione Pugliese Donatori Sangue Piazza Umberto I Palazzina ex goccia del latte Tel/fax: 0805219118 e-mail: fidas_fpds@yahoo.it www.federazionepugliesedonatorisangue.it 70121 B A R I ONLUS

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA

FONDAMENTI DI DIRITTO DELL INFORMATICA MASSIMO FARINA 171 3. Le disposizioni generali: principi Il Codice della privacy si apre, all art. 1, con un chiaro principio Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano. Il

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative Gabriele Faggioli La Tutela dei dati personali: il D.lgs 196 del 2003 Concetti fondamentali: - Dati personali: Dati comuni

Dettagli

Titolare del trattamento dei tuoi dati personali è Desall Srl - Via Sile 41, 31056, Roncade (Treviso), Italy, p.iva 04469720264.

Titolare del trattamento dei tuoi dati personali è Desall Srl - Via Sile 41, 31056, Roncade (Treviso), Italy, p.iva 04469720264. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 (C.D. CODICE PRIVACY) Prima di accedere al sito internet di Desall ( http://www.desall.com/ ) e di utilizzarne le

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Si chiude il capitolo, dopo sette anni dalla sua emanazione, della legge 675 sulla privacy. Questa viene sostituita da un testo di legge unico

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

Comune di Cisterna di Latina

Comune di Cisterna di Latina Comune di Cisterna di Latina Regolamento Interno per l utilizzo del sistema informatico ai sensi del D.Lgs 196 del 30 Giugno 2003 e della Delibera N. 13 del 1 Marzo 2007 del Garante per la Protezione dei

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali CITTA DI RONCADE Provincia di Treviso Via Roma, 53 31056 - RONCADE (TV) Tel.: 0422-8461 Fax: 0422-846223 Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica PRIVACY Federica Savio M2 Informatica Adempimenti tecnici obbligatori e corretta salvaguardia dei dati e dei sistemi Normativa di riferimento - oggi D.LGS 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n.13 30035 MIRANO (VE) via Mariutto, 76 tel. 041/5794111 30031 DOLO (VE) via 29 Aprile tel. 041/5133111

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI DPSS DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Documento riassuntivo delle misure di sicurezza per la Privacy attuate dal Titolare, in conformità agli artt. da 33 a 36 ed all'allegato B del D.Lgs. 30 giugno

Dettagli

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy)

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy) Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.LGS. 196/2003 (C.D. Codice Privacy) Prima di accedere al sito internet di Sigla Srl ( www.siglacredit.it ) e di utilizzarne le

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA REGOLAMENTO PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA REGOLAMENTO PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA REGOLAMENTO PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Vincenzo Insalaco Dirigente: Angela Maria Vizzini Dicembre 2008 1 INDICE Art.

Dettagli

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY Dal sito web: TUwww.diocesi.milano.itUT ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA TUTELA DELLA PRIVACY La Parrocchia, in qualità di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto, dunque soggetto di diritto, nello svolgimento

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Semplificazione delle misure di sicurezza contenute nel disciplinare tecnico di cui all'allegato B) al Codice in materia di protezione dei dati personali - 27 novembre 2008 G.U. n. 287 del 9 dicembre 2008

Dettagli