Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali Standard per LAN. Sistemi LAN. Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo. La Storia di Ethernet"

Transcript

1 Sistemi LAN Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta 2 Principali Standard per LAN Il comitato IEEE 802 ha prodotto diversi standard per LAN si differenziano per il protocollo MAC adottato ogni standard è legato ad un determinato tipo di applicazione Principali standard (Ethernet) (Token Ring) (Wireless LAN) Altri standard (non ne parleremo) Fibre Channel LAN ATM La Storia di Ethernet Caratterisitche del Controllo di Accesso al Mezzo 3 Progettata dalla Xerox per reti a bus ed a stella basata su accesso al mezzo per contesa (CSMA/CD) opera a 10 Mbps su cavo coassiale Adottata dalla IEEE come base per definire uno standard MAC con accesso al mezzo per contesa IEEE 802.3: piccole differenze Adottata dalla OSI come standard per reti LAN OSI accesso casuale le stazioni tentano di accedere al mezzo ogni volta chenehannobisogno tempo di attesa non prevedibile contesa in ogni istante una sola stazione può utilizzare il mezzo Le stazioni competono per utilizzare il mezzo la contesa può non avere vincitori algoritmo di controllo derivato da reti radio ALOHA e slotted ALOHA

2 ALOHA Algoritmo ALOHA 5 progettata all Università delle Hawaii per una rete a onde radio a commutazione di pacchetto collegava sedi poste in varie isole dell'arcipelago utilizzabile per qualunque tipo di rete a commutazione di pacchetto adatto a traffico bursty e basso carico bassa probabilità che due stazioni vogliano utilizzare il mezzo allo stesso istante 6 Algoritmo ALOHA una stazione invia una trama e rimane in ascolto per un certo tempo (max round trip time + piccola costante) round trip time = doppio del ritardo di propagazione se una stazione riceve una trama correttamente manda un ACK se la sorgente non riceve l ACK durante il periodo di ascolto ritrasmette lal trama dopo un ritardo casuale dopo un certo numero di tentativi senza successo rinuncia il controllo della sequenza delle trame è effettuato dal livello superiore Prestazioni di ALOHA Slotted ALOHA 7 una trama potrebbe essere danneggiata dal rumore o dalla trasmissione di un altra trama collisione anche per ACK una collisione rende inutilizzabili entrambe le trame anche una piccola sovrapposizione tra la trasmissione di due trame crea una collisione probabilità di collisione aumenta al crescere del carico massima percentuale di dati trasmessi correttamente 18% 8 variante di ALOHA più efficiente il tempo è diviso in slot di lunghezza uniforme ogni slot consente la trasmissione di una trama una stazione deve attendere l inizio di uno slot per trasmettere si verifica una collisione solo se due stazioni decidono di trasmettere nello stesso slot massima percentuale di trame trasmesse correttamente 37% tutte le stazioni devono riconoscere gli istanti di inizio e fine degli slot serve un meccanismo di sincronizzazione

3 9 Protocolli con Rilevamento della Portante (Carrier Sense) Nei protocolli ALOHA le stazioni si comportano in maniera indipendente una stazione trasmette quando vuole, senza tener conto di quello che fanno gli altri se B inizia a trasmettere mentre A sta trasmettendo vanno distrutti entrambe le trame B non dovrebbe trasmettere se il canale è occupato una stazione può riconoscere se qualcuno sta trasmettendo rileva la presenza della portante sul canale 10 CSMA Carrier Sense Multiple Access (Multiaccesso con Rilevamento della Portante) prima di trasmettere una stazione aspetta che il canale sia libero rileva assenza di modulazione della portante se una stazione riceve una trama manda un ACK la sorgente aspetta un tempo ragionevole e se non riceve l ACK ritrasmette max RTT + tempo per accesso dell'ack al mezzo c'è una collisione solo se due stazioni iniziano a trasmettere a istanti molto vicini più efficiente di ALOHA CSMA Persistente e non Persistente Rilevamento delle Collisioni 11 Esistono diverse versioni di CSMA differiscono per il comportamento della stazione CSMA persistente la stazione ascolta continuamente il canale quando lo trova libero può trasmettere immediatamente (1-persistente) o trasmettere con probabilità p (p-persistente) CSMA non persistente la stazione ascolta il canale a intervalli di tempo casuali se trova il canale libero trasmette 12 CSMA/CD una stazione continua ad ascoltare il canale anche quando sta trasmettendo se rileva una collisione, interrompe la trasmissione e manda una sequenza jam sequenza anomala che segnala la presenza di collisioni dopo aver rilevato una collisione aspetta un tempo casuale prima di ritrasmettere la trama

4 13 Prestazioni di CSMA utilizzo del canale inefficiente se c è una collisione il canale rimane comunque occupato per tutto il tempo necessario a trasmettere una trama utilizzo effettivo del mezzo dipende dal tempo di propagazione e dalla lunghezza delle trame funziona bene se il tempo di propagazione è molto più piccolo del tempo di trasmissione tutti le stazioni sanno subito che qualcuno ha occupato il canale la sorgente sa che c'è stata una collisione prima ancora di aver terminato la trasmissione della trama 14 Esempio di Comportamento di CSMA/CD 1 A ha una trama per D C ha una trama per B B ha una trama per D istante t 0 : A rileva il canale libero ed inizia a trasmettere istante t 1 : B rileva il canale occupato e non trasmette ma C inizia a trasmettere Esempio di Comportamento di CSMA/CD 2 Riconoscimento di una Collisione su Cavo Coassiale 15 A ha una trama per D C ha una trama per B B ha una trama per D istante t 3 : C riceve la trama di A e rileva la collisione istante t 4 : anche A rileva la collisione 16 su una LAN a bus con trasmissione su cavo coassiale in banda base la collisione produce un segnale di voltaggio molto più alto collisione individuata se il segnale ricevuto ha ampiezza "grande" funziona solo se il segnale percorre distanze ridotte l'attenuazione del cavo potrebbe ridurre l'ampiezza del segnale fino a farlo diventare normale limite alla massima distanza tra dispositivi 500 m (10Base5) 200m (10Base2)

5 Riconoscimento di una Collisione su Doppino sul doppino telefonico non c'è mai collisione sul cavo utilizzato solo per topologia a stella ogni cavo è utilizzato da una sola stazione una collisione logica è individuata dall'hub se c'e segnale su più porte contemporaneamente l'hub manda un segnale speciale su tutte le altre porte per segnalare la collisione Tempo di Rilevazione di una Collisione L efficienza del protocollo CSMA/CD dipende criticamente dal ritardo con cui il nodo sorgente rileva che si è verificata una collisione il ritardo di rilevazione della collisione è al più due volte il tempo di propagazione (round trip time) IEEE Specifiche del Livello Fisico Derivato da Ethernet 10Base5 10Base2 10BaseT 10BaseF 19 protocollo MAC per reti a multiplo accesso basato su CSMA/CD dimensioni limitate 2,5 km con 4 repeater può operare con diverse topologie e tipi di mezzo bus con cavo coassiale (10Base5, 10Base2) stella con doppino telefonico (10BaseT) stella con fibra ottica (10BaseF) 20 mezzo segnale topologia lunghezza segmento nodi per segmento cavo doppio Base Manchester bus 500 m 100 cavo sottile Base Manchester bus 185 m 30 UTP Base Manchester stella 100 m -- fibra ottica Manchester on-off stella 500 m 33

6 Caratteristiche di IEEE Parametri Caratteristici di IEEE fissa un limite superiore alla dimensione della rete poiché il tasso di trasmissione è fissato si può calcolare un limite superiore al round trip time fissa una lunghezza minima λ per le trame ogni trama più corta della lunghezza minima è anomala (sequenza jam) i parametri sono scelti in modo che la sorgente rileva una collisione prima di aver trasmesso λ ottetti la sorgente interrompe la trasmissione le altre stazioni ricevono una trama di lunghezza minore di λ e rilevano la collisione 22 tasso trasmissivo massima lung. frame minima lung. frame durata slot lung. sequenza jam 10 Mbps (cod. Manchester) 1518 bit 512 bit 512 bit 32 bit numero tentativi 16 limite backoff 10 intervallo tra frame 9,6 µs Formato della Trama IEEE Formato della Trama IEEE Preambolo 7 ottetti uguali ( ) per sincronizzazione SFD (Start of Frame Delimiter) 1 ottetto segnala l'inizio della trama DA (Destination Address) indirizzo MAC del destinatario della trama indirizzo a 48 bit singolo o di gruppo 24 SA (Source Address) indirizzo MAC della stazione che ha inviato la trama come il DA Lunghezza lunghezza del campo dati in ottetti in Ethernet, invece, indica il protocollo che ha richiesto la trasmissione della trama

7 Formato della Trama IEEE Trasmissione di una Trama 25 Data dati forniti dal protocollo superiore deve contenere almeno 46 ottetti se inferiore si aggiungono caratteri riempitivi FCS (Frame Check Sequence) controllo degli errori CRC-32 su tutto il frame tranne preambolo, SFD e l FCS stesso 26 Usa CSMA non persistente La stazione si mette in ascolto sul canale ad intervalli e inizia a trasmettere quando lo trova libero l'intervallo di tempo tra due rilevazioni è sufficiente alla ricezione di una trama durante la trasmissione ascolta il canale per rilevare le collisioni se rileva la collisione invia la sequenza jam la collisione è individuata prima della trasmissione del 32-imo bit 27 Ritrasmissione di una Trama Una stazione può ritrasmettere una trama per un numero massimo di tentativi il ritardo tra due ritrasmissioni è scelto casualmente ed aumenta esponenzialmente ad ogni tentativo riduce probabilità che due trame vengano ritrasmesse sempre allo stesso istante algoritmo Truncated Binary Exponential Backoff ritardo calcolato come multiplo di slot e arrotondato per trasmettere un insieme di ottetti slot = max round trip + margine sicurezza all'i-imo tentativo sceglie a caso k [0, 2 i ] e attende il tempo corrispondente a k slot 28 Algoritmo di Trasmissione

8 Ricezione di una Trama Algoritmo di Ricezione 29 il transceiver della stazione rileva il segnale sul canale e inibisce la trasmissione individua l'indirizzo della destinazione se è quello della sua stazione copia la trama in un buffer, altrimenti la ignora calcola l'fcs della trama ricevuta e lo confronta con quello contenuto nell header se non corrispondono viene segnalato un errore se la trama ha lunghezza inferiore a 512 bit viene segnalata una collisione IEEE su Fibra Ottica Lo standard IEEE prevede tre diverse specifiche per reti che utilizzano la fibra ottica come mezzo trasmissivo 10BaseFP (passive) 10BaseFL (link) 10BaseFB (backbone) tutte le specifiche prevedono topologia a stella connessione stazione hub attraverso due fibre codifica Manchester rappresentata con assenza e presenza di luce 32 Specifica 10BaseFP 10-Base-FP fino a 33 stazioni collegate ad un dispositivo centrale con linee punto-punto fino a 500 m il dispositivo centrale è una stella passiva che riceve il segnale su una porta e lo ritrasmette su tutte le altre porte (come un hub) 10-Base-FL linea punto-punto tra due stazioni fino a 2 km 10-Base-FB linea punto-punto tra due ripetitori fino a 2 km usato per collegare hub a cascata (fino a 15)

9 33 Come Migliorare IEEE 802.3? al crescere del numero delle stazioni collegate alla rete il traffico aumenta a satura la rete la probabilità che una trama sia danneggiato da una collisione tende a 1 per migliorare le prestazioni si può aumentare il tasso di trasmissione ridurre il numero delle collisioni vogliamo mantenere la compatibilità con i cablaggi esistenti motivi di costo 34 Reti IEEE Commutate realizzabili con LAN 10BaseT utilizza uno switch come dispositivo centrale lo switch è un commutatore di trame mette la trama in un buffer, legge l indirizzo del destinatario e smista il pacchetto sulla porta giusta se l'indirizzo non è noto la trama viene trasmessa in modalità broadcast la trama viene ricevuta solo dal destinatario si verifica una collisione solo se vengono trasmessi due trame alla stessa destinazione il segnale di collisione viene inviato su una linea dedicata Schema dello Switch Collegamento a un Server 35 le relazioni indirizzo MAC porta sono mantenute in una tabella interna l'hub impara leggendo gli indirizzi sorgente delle trame ricevute le entrate della tabella valgono per un certo periodo di tempo 36 in molte situazioni lo switch collega un insieme di client ad un server tutto il traffico dei client si concentra sulla porta del server la probabilità di collisione è molto alta esistono switch che supportano porte a differenti velocità la porta del server ha tasso superiore lo switch funziona anche da multiplexer le richieste dei client sono multiplexate e trasmesse a blocchi sulla porta del server viceversa per le risposte del server

10 LAN a 100 Mbps aumentando il tasso di trasmissione diminuisce il tempo medio che una trama deve attendere prima di essere trasmessa due possibili approcci aumentare il tasso mantenendo la compatibilità con il livello fisico di IEEE definire un nuovo protocollo IEEE a 100 Mb (Fast Ethernet) specifica definita nell'ambito dello standard IEEE per supportare tassi di 100 Mbps stesso formato delle trame stesso protocollo MAC stesso cablaggio consente di passare da 10 Mbps a 100 Mbps senza modificare il cablaggio della rete definita a partire dalla specifica 10-Base-T Idea Base IEEE prevede una lunghezza totale del cavo di 2.5 km lunghezza delle trame >= 512 bit diminuendo la lunghezza del cavo è possibile utilizzare CSMA/CD a tassi più alti il round trip time deve essere inferiore al tempo di trasmissione di una trama in 10-Base-T la massima distanza tra due stazioni è 200 m 40 Specifiche del Livello Fisico 1 100BaseT4 utilizza cavi UTP level 3 (normali fili del telefono) 100BaseX adatta al doppino le tecniche di codifica e segnalazione usate per la fibra ottica

11 41 Specifiche del Livello Fisico Base-T4 cavi UTP di categoria 3 contengono quattro doppini 10BaseT utilizza solo due doppini in modalità halfduplex (uno in ogni direzione) 100BaseT4 utilizza tutti i doppini del cavo linee 1 e 2 in half-duplex linee 3 e 4 in duplex 100-Base-X utilizzabile con cavi UTP di categoria 5 (100BaseTX), cavi STP e fibra ottica (100BaseFX) ogni tipo di mezzo richiede un diverso sottostrato PDM utilizzata per dorsali perchè consentono di coprire distanze fino a 100 km 42 Gigabit Ethernet Nel '95 l IEEE ha avviato la definizione di uno standard per supportare tassi di 1000 Mbps stesso livello fisico, protocollo MAC e formato delle trame di IEEE modifica solo la specifica del mezzo trasmissivo e del metodo di trasmissione derivato e compatibile con 10-Base-T e 100- Base-T utilizza uno switch introduce l estensione della portante e la trasmissione consecutiva di trame 43 Modifiche a CSMA/CD Estensione della portante aggiunge simboli speciali per garantire che ogni trama sia lunga almeno 4096 bit garantisce che con un tasso di 1 Gbps il tempo di trasmissione sia superiore al tempo di propagazione Trasmissione consecutiva di trame consente l aggregazione di più trame piccole in una sola trama trasmessa interamente senza rilasciare il controllo del canale 44 Specifiche del Livello Fisico 1000-Base-SX usa fibre ottiche multimodali fino a 550 m 1000-Base-LX usa fibre ottiche multimodali fino a 5 km 1000-Base-CX usa cavi STP speciali fino a 25 m 1000-Base-T usa cavi UTP fino a 100 m

12 Codifica del Segnale Esempio di Rete Gigabit Ethernet 45 Gigabit Ethernet utilizza una codifica del segnale del tipo mbnb ogni m bit da trasmettere ne vengono inviati n n > m per Gigabit Ethernet 8B10B Questi schemi di codifica consentono utilizzo di hardware economico ed in grado di operare ad alti tassi per la generazione del segnale buon bilanciamento del segnale alta densità di transizioni del segnale buone capacità di rilevazione degli errori IEEE (Token Ring) Il protocollo MAC IEEE è il più utilizzato su reti LAN ad anello utilizza la tecnica del token per il controllo dell accesso al mezzo il token è una piccola trama che circola sull anello quando tutte le stazioni sono inattive non contiene dati ma solo informazioni di controllo ogni stazione può mantenere il token per un fissato periodo di tempo (slot) è possibile anche trasmettere più trame nello stesso slot 48 Protocollo MAC una stazione che vuole trasmettere deve aspettare di ricevere il token quando lo riceve lo sostituisce con la trama da trasmettere con indirizzo del destinatario e campo dati la trama è letta e ritrasmessa da tutti i ripetitori dell anello fino a ritornare alla stazione sorgente la stazione destinataria, oltre a ritrasmettere la trama, ne registra una copia e segnala questa circostanza ponendo a 1 il bit di risposta in coda alla trama la stazione sorgente rimuove la trama e la sostituisce con un nuovo token

13 49 Rilascio del Token Esistono due politiche di rilascio del token Standard la stazione rilascia il token quando ha completato la trasmissione della sua trama ed ha ricevuto la sua trama e letto i bit di risposta usato su reti a basso tasso di trasmissione (4 Mbps) ETR (Earlier Token Release) la stazione rilascia il token non appena ha terminato la trasmissione della trama usato su reti ad alto tasso di trasmissione (16 Mbps o 100 Mbps) in cui il tempo di propagazione è maggiore del tempo di trasmissione 50 Esempio di Trasmissione 1 C riceve la trama, la copia nel suo buffer e la ritrasmette a B A riceve il token da B ed inizia a trasmettere una trama per C A riceve la sua trama, la elimina e reinserisce il token sull anello Esempio di Trasmissione 2 A riceve le due trame ma copia nel suo buffer quella diretta a lei C riceve il token inviato da A ed inizia a trasmettere due trame per A e D Formato delle Trame IEEE esistono due tipi di formati trama del token e trama di dati /6 2/6 < SD AC FC DA SA INFO FCS ED Inizio del frame Copertura della FCS Fine del frame trama di dati FS FS 51 C riceve le sue due trame, le elimina e reinserisce il token sull anello 52 trama del token ED SD AC ED

14 53 Campi della Trama SD: delimitatore di inizio trama consiste di una sequenza di simboli distinguibili dai dati (violano le regole di codifica del segnale) AC: controllo di accesso contiene bit per la gestione delle priorità e delle prenotazioni del token. Indica se la trama è un token o meno FC: controllo di trama indica se contiene dati LLC o informazioni di controllo DA e SA: indirizzi destinazione e sorgente FCS: sequenza di controllo della trama ED: delimitatore di fine trama contiene bit per segnalare errori e trame intermedie FS: stato della trama 54 contiene bit per segnalare l avvenuta ricezione Formati dei Campi 1 SD ed ED contengono sequenze speciali di bit distinguibili dai dati segnalano inizio e fine della trama J K 0 J K J K 0 J K Delimitatore d inizio (SD) J e K non sono bit di dati e il loro valore dipende dalla dalla codifica del segnale utilizzata J K 1 J K 1 I I E Delimitatore di fine (ED) I = 0 se ultima trama di una sequenza e 1 altrimenti E = 1 se rilevato un errore di trasmissione e 0 altrimenti Formati dei Campi 2 Formati dei Campi 3 AC gestisce priorità e prenotazioni PPP T M RRR PPP T M RRR Controllo dell accesso (AC) PPP = livello di priorità della trama (da 0 a 7) RRR = livello di priorità della prenotazione (da 0 a 7) T = 0 se è un token e 0 altrimenti M è il bit di monitor SA e DA contengono indirizzi sorgente e destinazione primo bit indica se è un indirizzo unicast o multicast rimanenti 47 bit indicano l indirizzo FS indica lo stato della trama AC xx AC xx AC xx AC xx Stato della trama (FC) 55 FC indica il tipo di trama FF FF ZZZZZZ FF = indica il tipo di trama ZZZZZZ = bit di controllo Controllo della trama (FC) 56 A = 1 se l indirizzo è stato riconosciuto dal destinatario e 0 altrimenti C = 1 se la trama è stata copiata dal destinatario e 0 altrimenti xx= bit riservati

15 57 Gestione delle Priorità ogni stazione ha un proprio livello di priorità P f il token ha un livello di priorità P s una stazione può prendere il token solo se P s <= P f quando una stazione inizia a trasmettere mette il bit T a 1 e lascia la priorità invariata dopo aver trasmesso genera un nuovo token con la priorità opportunamente configurata 58 Gestione delle Prenotazioni una stazione può prenotare il token il token ha un livello di prenotazione R s la stazione può prenotare il token solo se R s <= P f annulla prenotazioni precedenti con priorità più basse una stazione genera il token con priorità uguale al livello di prenotazione della trama precedente deve ricordare il livello di priorità precedente tutte le stazioni utilizzano due stack per gestire i valori di priorità del token uno stack per i valori vecchi ed uno per i nuovi Specifiche del Livello Fisico Prestazioni di IEEE Tasso di Trasmissione Mezzo Trasmissivo Segnale Lung. max. trama Controllo di Accesso 4 16 UTP, STP UTP, STP fibra fibra Manchester Manchester diff TP o DTR diff TP o DTR 100 UTP, STP fibra 4B5B o MLT DTR DTR è un algoritmo di passaggio del token adattato a reti ad anello a stella 60 Adatto solo a situazioni di alto carico in situazioni di basso carico una stazione può essere costretta ad aspettare il token anche se nessuno sta trasmettendo permette di gestire priorità diverse alle stazioni e di prenotare l utilizzo del canale introduce problemi di gestione del token bisogna garantire che esista sempre uno ed un solo token bisogna garantire che le priorità siano gestite correttamente con ETR non vengono rilevati i messaggi di errore

16 FDDI Formato Trama FDDI 61 standard utilizzato sia su LAN che MAN ad anello con altissimi tassi di trasmissione (100 Mbps) molto simile ad IEEE (usa token ring) alcune modifiche introdotte per adeguarsi all alto tasso di trasmissione utilizza due anelli controrotanti in fibra ottica o cavi UTP il secondo anello è usato in caso di guasto il diametro dell anello può arrivare a 100 km con 100 ripetitori fino a 500 stazioni collegate 62 Le principali differenze rispetto alle trame IEEE sono non esiste il campo AC (non sono gestite le priorità) gli indirizzi possono essere a 16 o a 48 bit c è un preambolo per la sincronizzazione /6 2/ Preamb. SD FC DA SA INFO FCS ED FS FS Principali Differenze tra FDDI e IEEE IEEE (Wireless LAN) 63 in FDDI una stazione che prende il token lo toglie dall anello ed inizia a trasmettere in usava la stessa trama del token per trasmettere i dati, invertendo il bit T dell AC usa sempre l ETR il token viene rilasciato non appena terminata la trasmissione della trama più trame viaggiano contemporaneamente sull anello la stazione sorgente non si accorge di eventuali messaggi di errore rari su una fibra ottica la gestione delle priorità è sostituita con uno schema di allocazione della capacità 64 Basato su due blocchi fondamentali Basic Service Set Extended Service Set

17 Blocchi Fondamentali Tipi di Stazioni 65 Basic Service Set (cella) consiste di un insieme di stazioni che utilizzano lo stesso protocollo MAC competono per accedere allo stesso mezzo trasmissivo i BSS possono essere collegati ad una dorsale tramite bridge Extended Service Set consiste di vari BSS connessi tramite un sistema di distribuzione in genere una LAN cablata identifica un unica LAN logica a livello di LLC 66 Le stazioni sono classificate in base alla loro mobilità Nessuna transizione stazione fissa o che si muove solo nell ambito di una BSS Transizione tra BSS stazione che si sposta tra i BSS della stessa ESS l ESS deve essere in grado di localizzare la stazione Transizione tra ESS mobilità totale non sempre gestita Protocollo MAC Coordinamento Distribuito 67 utilizza il protocollo DFWMAC (Distributed Foundation Wireless MAC) fornisce un controllo di accesso distribuito su cui può essere utilizzato un controllo centralizzato opzionale il controllo distribuito è adatto a reti ad hoc o a reti con traffico bursty il controllo centralizzato è adatto a reti collegate al LAN cablate o a traffico sensibile ai ritardi 68 Lo strato di coordinamento distribuito usa CSMA (senza rilevamento delle collisioni) prima di trasmettere una stazione aspetta che il canale sia libero Per gestire le collisioni viene utilizzato uno schema a ritardi una stazione che rileva il canale libero aspetta un certo ritardo prima di trasmettere ci sono tre diversi livelli di ritardi (livelli di priorità) il ricevente invia un ACK per ogni trama ricevuta l ACK ha priorità massima

18 69 Coordinamento Centralizzato Metodo di accesso alternativo basato sul servizio offerto dal coordinamento distribuito una stazione di coordinamento (master) interroga periodicamente le altre stazioni le interrogazioni hanno priorità massima ogni stazione può solo rispondere alle interrogazioni del master lo standard prevede la coesistenza del coordinamento centralizzato e distribuito sulla stessa rete

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link

RETI LOCALI. 1 livello fisico 2 livello data link 1 Topologie 2 Standard IEEE 802 3 Standard IEEE 802.3 (CSMA/CD) 4 Standard IEEE 802.5 (Token Ring) 5 Standard IEEE 802.11 (Wireless) 6 Bluetooth 7 Bridge RETI LOCALI 1 livello fisico 2 livello data link

Dettagli

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le FAST ETHERNET Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive compatibilità con le installazioni preesistenti appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

LAN ad Alta Velocità. Principali Standard per LAN. La Storia di Ethernet. A Cosa Servono LAN ad alta velocità?

LAN ad Alta Velocità. Principali Standard per LAN. La Storia di Ethernet. A Cosa Servono LAN ad alta velocità? Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 04/05 LAN ad Alta Velocità Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 1 A Cosa Servono LAN

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Fast Ethernet. Caratteristiche generali

Fast Ethernet. Caratteristiche generali Fast Ethernet Caratteristiche generali Nascita di Fast Ethernet La rapida crescita delle reti locali e lo sviluppo crescenti di applicazioni e servizi multimediali ha portato all'esigenza di realizzare

Dettagli

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802

Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Ethernet e la famiglia di protocolli IEEE 802 Davide Quaglia Local Area Network (LAN) Apparecchiature indipendenti Canale ad alta capacita ma condiviso da piu stazioni Basso tasso di errore nel caso di

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata

Reti Locali. Tecnologie delle Reti Locali. Caratteristiche delle Reti LAN. Applicazioni di LAN. Reti che coprono un area geografica limitata I semestre 03/04 Tecnologie delle Reti Locali Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Reti Locali Reti che coprono un area geografica limitata un ufficio,

Dettagli

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Parte 4: Fast Ethernet 1 Fast Ethernet Nel 1992 IEEE ha riunito il comitato 802.3 per sviluppare un protocollo a 100 Mbps basato sulla tecnologia Ethernet

Dettagli

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1

Reti di calcolatori. Sottolivello MAC. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Sottolivello MAC R5.1 Reti di calcolatori Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia R5.1 : Medium Access Control I protocolli per decidere quale è la prossima stazione a trasmettere su un canale broadcast (detto

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Linee Commutate. Comunicazione telefonica:

Linee Commutate. Comunicazione telefonica: Linee Commutate Comunicazione telefonica: Un utente compone il numero del destinatario (richiesta di connessione) Il centralino (umano od elettronico), verifica se il numero desiderato esiste e se è libero,

Dettagli

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet

Capitolo ETHERNET BUS. Figura 1. Struttura della rete Ethernet Capitolo ETHERNET 1. Introduzione Ethernet rappresenta oggi la rete più nota e più diffusa in tutto il mondo. La nascita di Ethernet risale al 1976 quando Xerox utilizzò il protocollo CSMA/CD per realizzare

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Cap. 7 Tecnologie Ethernet

Cap. 7 Tecnologie Ethernet CCNA_1 (Versione 3.1) Networking basics Marco Ciampi m.ciampi@ithum.it 2/45 Ithum Learning License Licenza d uso del materiale didattico Questo documento e tutto il materiale prodotto da Ithum S.r.l. e

Dettagli

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA)

LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) LIVELLO DATA LINK (DI LINEA) 1 TRASMISSIONE 2 FRAMING 3 CONTROLLO DEGLI ERRORI 4 CONTROLLO DI FLUSSO 1 Asincrona 2 Sincrona 1 Orientata al byte 2 Orientata al bit 1 Codici correttori 2 Codici Rivelatori

Dettagli

5.2 ETHERNET Versione 2.0

5.2 ETHERNET Versione 2.0 61 5.2 ETHERNET Versione 2.0 Lo standard Ethernet si colloca nei primi due livelli della pila OSI senza seguire gli standard IEEE 802 ed in particolare senza adottare il protocollo IEEE 802.2 LLC. La differenza

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

5 - Reti locali parte A

5 - Reti locali parte A Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 5 - Reti locali parte A 1 Reti

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Tesina di Metodi formali nell ingegneria del software Autori: Piacentini Vanda - Rocco Germano Anno accademico 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3)

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Il livello 2, Data-Link, è suddiviso in due sottolivelli: - il sottolivello MAC (Media Access Control) - il sottolivello LLC (Logical

Dettagli

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet Rete LAN ed Ethernet Cavo a doppino incrociato che include quattro coppie di cavi incrociati, in genere collegati a una spina RJ-45 all estremità. Una rete locale (LAN, Local Area Network) è un gruppo

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione

Brevi considerazioni sulla Tecnologia. Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Reti di Calcolatori Brevi considerazioni sulla Tecnologia 1 Definizioni Rete di calcolatori = insieme di nodi collegati mediante link di comunicazione Nodi: Calcolatore general purpose Switch o router

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1

Reti Locali. www.vincenzocalabro.it 1 Reti Locali 1 LAN (LocalArea Network) Rete di calcolatori Rete a commutazione di pacchetto; Reti Private; Alte prestazioni; Basso tasso di errore; Basso Costo. Sistema di comunicazione che permette ad

Dettagli

Analisi di Protocolli

Analisi di Protocolli Analisi di Protocolli Elenco di protocolli d accesso I principali protocolli di accesso si possono dividere in:. protocolli deterministici (accesso ordinato);. protocolli ad accesso casuale (o a contesa).

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli Il livello Data-Link e i suoi protocolli Modulo 5 (Integrazione) Livello Data-Link Abbiamo visto che il Livello Data link provvede a: o offrire servizi al livello network con un'interfaccia ben definita;

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s

Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Teach Convegni Networking ad Alta Velocità: le nuove LAN e il Multi-Layer switching Milano, 17-18 novembre 1997 Introduzione alle reti locali ad alta velocità: dallo switching al Gb/s Pier Luca Montessoro

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub Ripetitori Dispositivi di rete I ripetitori aumentano la distanza che può essere ragginta dai dispositivi Ethernet per trasmettere dati l'uno rispetto all'altro. Le distanze coperte dai cavi sono limitate

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Gestione della Connessione in TCP

Gestione della Connessione in TCP I semestre 03/04 Gestione della Connessione in TCP Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Riscontro e Ritrasmissione Per ogni segmento spedito la sorgente

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Esercizi settimana 4

Esercizi settimana 4 Esercizi settimana 4 Introduzione Lezione 10 Lo scopo della prima parte della lezione e' di confrontare l'efficienza dei protocolli di comunicazione dall'aloha, al CSMA, al CSMA/CD mettendo in evidenza

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.X 1 LAN Il progetto IEEE 802 Comitati IEEE per standardizzare l'evoluzione delle LAN (e MAN) 802.1 Overview, Architecture, Bridging

Dettagli

5 - Reti Locali parte B

5 - Reti Locali parte B Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. Fabio Martignon 5 - Reti Locali parte B 1

Dettagli

Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Standard per Reti a Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Standard per Reti a Pacchetto Principali standard

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSIA' DEGLI SUDI DI PAVIA A.A. 2009/10 - II Semestre REI DI CALCOLAORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x

Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Controllo di flusso negli switch IEEE 802.3x Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi,

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Indirizzi LAN e ARP. Tecnologie LAN. Indirizzi LAN e ARP (2) Indirizzo LAN. ARP: Address Resolution Protocol. Ricordiamo il routing

Indirizzi LAN e ARP. Tecnologie LAN. Indirizzi LAN e ARP (2) Indirizzo LAN. ARP: Address Resolution Protocol. Ricordiamo il routing Tecnologie LAN Indirizzamento Ethernet Hub, bridge, switch wireless Ethernet 802.11 PPP Indirizzi LAN e ARP Indirizzi IP a 32-bit: o Indirizzi del livello network o Usati per portare un datagram alla rete

Dettagli

Reti in Area Locale (LAN)

Reti in Area Locale (LAN) Reti in Area Locale (LAN) A.A. 200-200 Docente: Vincenzo Eramo Reti in area locale (LAN) Scopo Interconnettere apparecchiature di calcolo (personal computers, workstations, stampanti) Caratteristiche di

Dettagli