Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie."

Transcript

1 Numero 00541/2017 e data 28/02/2017 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Adunanza Generale del 15 febbraio 2017 NUMERO AFFARE 00097/2017 OGGETTO: Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie. Proposta di legge costituzionale AS 2643 Modifiche allo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol in materia di tutela della minoranza linguistica ladina Richiesta di parere al Consiglio di Stato ai sensi dell articolo 1 del R.D.L. 9 febbraio 1939, n. 273 (n. affare ). Vista la nota n. 5/30/1/465 del 25 gennaio 2017 con la quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie ha chiesto il parere del Consiglio di Stato sull'affare consultivo in oggetto; Esaminati gli atti e udito il relatore, consigliere Dante D'Alessio; Premesso e considerato: 1- Il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota del 25 gennaio 2017, ha chiesto il parere del Consiglio di Stato sulla Proposta di legge costituzionale AS 2643 Modifiche allo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol in materia di tutela della minoranza linguistica ladina che, all art. 9, dispone la modifica dell art. 93 dello statuto con effetti che si riverberano sulla attuale composizione del Consiglio di Stato. L art. 93 dello statuto speciale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol (d.p.r. 31 agosto 1972, n. 670), nella sua attuale formulazione, prevede che «delle sezioni del Consiglio di Stato investite dei giudizi di appello sulle decisioni dell autonoma sezione di Bolzano del tribunale regionale di giustizia amministrativa di cui all art. 90 fa parte un consigliere appartenente al gruppo di lingua tedesca della provincia di Bolzano». La proposta di legge costituzionale interviene su tale norma, inserendo, dopo le parole «al gruppo di lingua tedesca», le parole «ovvero al gruppo di lingua ladina». La proposta di legge è stata approvata in prima lettura alla Camera, con ampia maggioranza, l 11 gennaio 2017, ed è ora all esame del Senato che ha deliberato la procedura d urgenza.

2 2- La richiesta del parere è stata formulata ai sensi dell articolo 1 del R.D.L. 9 febbraio 1939, n. 273, convertito in legge 2 giugno 1939, n. 739, il quale prevede che «i provvedimenti legislativi che importino il conferimento di nuove attribuzioni al Consiglio di Stato oppure alla Corte dei Conti, nonché la soppressione o la modificazione di quelle esistenti o che comunque riguardino l'ordinamento e le funzioni dei predetti Consessi in sede consultiva o di controllo, ovvero giurisdizionale, sono adottati previo parere rispettivamente del Consiglio di Stato in adunanza generale o della Corte dei Conti a Sezioni riunite». La vigenza di tale disposizione, anche dopo l entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana, è stata più volte confermata dal Consiglio di Stato a partire dall Adunanza generale 11 novembre 1948, n Prima di esaminare la questione sottoposta, si deve ricordare che con il d.p.r. n. 426 del 6 aprile 1984 è stata data attuazione agli articoli 90 e seguenti dello statuto speciale per la regione Trentino-Alto Adige, riguardanti gli organi della giustizia amministrativa. Sono state quindi dettate disposizioni per l istituzione del Tribunale amministrativo regionale di Trento e della Sezione autonoma di Bolzano, nonché per l attuazione della disposizione riguardante la composizione del Consiglio di Stato. In particolare, il primo comma dell art. 14 del d.p.r. n. 426 stabilisce che, «per gli effetti di cui all'art. 93 dello statuto, sono nominati due consiglieri di Stato, appartenenti al gruppo di lingua tedesca della provincia di Bolzano, scelti tra le categorie di cui al n. 2 dell'art. 19 della legge 27 aprile 1982, n. 186, nonché al precedente art. 2». Il secondo comma dell art. 14 detta la disciplina che deve essere seguita per la nomina dei consiglieri di Stato di lingua tedesca, la quale è «disposta con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, con l'assenso del consiglio provinciale di Bolzano» e con il «parere del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa». Il terzo comma dell art. 14, modificato con il d.lgs. 20 aprile 1999, n. 161, precisa che «costituisce requisito per la nomina la conoscenza della lingua italiana e di quella tedesca». Il quarto comma stabilisce che «l'assegnazione dei predetti consiglieri alle sezioni consultive e giurisdizionali del Consiglio di Stato è disposta, all'inizio di ogni anno, con il decreto previsto dall'articolo 12, primo comma, del testo unico 26 giugno 1924, n. 1054». Il citato d.lgs. n. 161 del 1999 ha, altresì, introdotto l attuale quinto comma dell art. 14, secondo cui «uno dei consiglieri di Stato appartenenti al gruppo di lingua tedesca della provincia di Bolzano, nominati ai sensi dell'articolo 93 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, deve far parte del collegio della sezione di cui all'articolo 17, comma 28, della legge 15 maggio 1997, n. 127, quando questa è investita di atti riguardanti la provincia di Bolzano». Ai fini della nomina dei suddetti consiglieri di Stato, l art. 14, all ottavo comma, ha infine previsto l aumento di due unità della dotazione organica del ruolo dei consiglieri di Stato. In applicazione di tali disposizioni fanno oggi pertanto parte del Consiglio di Stato due consiglieri appartenenti al gruppo di lingua tedesca della provincia di Bolzano. 4- L articolo 9 della proposta di legge costituzionale in esame estende la platea dei soggetti che possono essere nominati consiglieri di Stato, ai sensi dell articolo 93 del d.p.r. 31 agosto 1972, n. 670, prevedendo che gli stessi possano essere scelti non più solo fra gli appartenenti al gruppo linguistico tedesco ma anche fra gli appartenenti al gruppo linguistico ladino, in una logica di parità di trattamento degli appartenenti alle due minoranze linguistiche riconosciute e insediate sul territorio della Provincia autonoma di Bolzano.

3 Tale disposizione è contenuta in una proposta di legge costituzionale che ha il fine di garantire la piena rappresentanza della minoranza linguistica ladina negli organismi pubblici, in una visione dinamica dell autonomia speciale che è riconosciuta al Trentino-Alto Adige/Südtirol. Con la proposta di modifica dell articolo 93 dello statuto, anche agli appartenenti al gruppo linguistico ladino viene quindi garantita la possibilità di accedere, in concorso con gli appartenenti al gruppo linguistico tedesco, alla carica di consigliere di Stato, per gli effetti di cui all articolo Ritiene l Adunanza generale che ai consiglieri appartenenti ai due gruppi linguistici della provincia autonoma di Bolzano, assegnati alle sezioni del Consiglio di Stato, sia affidato non già il compito di rappresentare gli interessi facenti capo ai singoli gruppi linguistici o agli enti esponenziali della comunità locale (e difatti non rileva, correttamente, alcuna dimensione quantitativa, proporzionata alla percentuale della popolazione appartenente a un dato gruppo linguistico), bensì quello di garantire, in seno al Consiglio di Stato, una rappresentanza del complessivo sistema autonomistico locale, a sua volta improntato alla tutela delle minoranze nel rispetto dei principali gruppi linguistici insediati nel territorio della Provincia autonoma di Bolzano, in funzione della garanzia di una convivenza pacifica tra gli stessi gruppi. Nel disegno della proposta di riforma statutaria diventa, dunque, irrilevante che i consiglieri di Stato, nominati per gli effetti di cui all articolo 93 dello statuto, appartengano all una o all altra delle due minoranze linguistiche insediate nel territorio della Provincia autonoma di Bolzano. In tale prospettiva, l Adunanza generale ritiene, da un lato, che la modifica dell art. 93 dello statuto speciale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol sia coerente con il perseguimento dell obiettivo generale della riforma, volta a garantire la parità di rappresentanza della minoranza linguistica ladina e, dall altro, che essa non ponga criticità in relazione all ordinamento e alle attribuzioni del Consiglio di Stato. 6- Questa Adunanza generale è dell avviso che il parere favorevole, ai sensi dell articolo 1 del R.D.L. 9 febbraio 1939, n. 273, alla modifica statutaria in oggetto, debba contenere anche alcune osservazioni sulla necessità di adeguare, conseguentemente, la disciplina attuativa di cui al d.p.r. n. 426 del 6 aprile 1984, prima citato ( 3). Innanzitutto dovrà essere necessariamente integrato il primo comma dell art. 14 del d.p.r. il quale oggi limita la sua disciplina ai «consiglieri di Stato, appartenenti al gruppo di lingua tedesca» con un riferimento al «gruppo di lingua ladina» analogo a quello previsto dalla modifica statutaria. 7- Appare altresì opportuno evidenziare alcune ulteriori questioni che si pongono sin dal momento della modifica dello statuto, in quanto vertono sulla interpretazione della congiunzione «ovvero» utilizzata dalla novella all art. 93 e sui suoi effetti nel procedimento di nomina, con la conseguente necessità di verificare sin d ora l esigenza o meno di modificare, anche su tali profili, la disciplina di esecuzione. Tra le varie questioni che potrebbero porsi in sede attuativa si ritiene di segnalare almeno le seguenti: - a chi competa la scelta tra un appartenente al gruppo di lingua tedesca «ovvero» al gruppo di lingua ladina, ai fini della nomina a consigliere, e con quali criteri; - come si inserisca tale scelta nell ambito della procedura di nomina; - se tale scelta debba limitarsi soltanto ad uno dei consiglieri di Stato attualmente previsti o eventualmente ad entrambi. Il Consiglio di Stato è dell avviso che tutte le esposte questioni possano essere trattate in una logica unitaria, ispirata dalla ratio dell intervento di riforma che si è prima evidenziata ( 5).

4 Come si è detto, il consigliere appartenente al gruppo di lingua ladina (come quello appartenente al gruppo di lingua tedesca) non rappresenterebbe solo il suo gruppo linguistico ma la comunità autonoma nel suo complesso: pertanto, l Adunanza generale ritiene che l equivalenza sottesa dall uso della congiunzione disgiuntiva «ovvero» si riferisca ai requisiti del potenziale consigliere di Stato che sarà poi individuato ai sensi della disciplina attuativa, come integrata in conseguenza della modifica statutaria. Sembra, quindi, coerente ritenere che i possibili nominandi si pongano tutti sullo stesso piano, quale che sia il loro gruppo linguistico di appartenenza, e che la scelta possa avvenire ad opera dei soggetti già oggi competenti a compierla, secondo i criteri e le modalità attualmente vigenti. In concreto, dato che la scelta si fonda sulla valutazione del curriculum degli aspiranti, si ritiene che la stessa possa continuare ad essere fatta individuando comunque il candidato, o i candidati, che hanno il migliore curriculum, anche se potrebbe verificarsi la circostanza che, per effetto delle valutazioni oggettive effettuate, la scelta possa ricadere (anche in tempi diversi) su soggetti appartenenti entrambi a uno stesso gruppo linguistico. Ma tale circostanza, alla stregua della ratio della disposizione su indicata, non dovrebbe costituire motivo preclusivo alla nomina di uno o entrambi i possibili consiglieri di Stato. Infatti, nella interpretazione ravvisata da questo Consiglio di Stato, la proposta di modifica statutaria non comporta un aumento del numero dei consiglieri di Stato nominati per gli effetti di cui all articolo 93 del d.p.r. n. 670 del 1972, ma estende semplicemente il novero dei candidati legittimati ad essere nominati a tale carica anche agli appartenenti alla minoranza linguistica ladina. Nella logica della norma statutaria, improntata alla tutela delle minoranze linguistiche tedesca e (ora, anche) ladina, resta pertanto indifferente che i consiglieri nominati ai sensi della citata norma statutaria appartengano, tutti o in parte, all uno o all altro dei due gruppi linguistici. 8- Alla stregua di quanto esposto ai punti 6 e 7 del presente parere, si invitano quindi le Istituzioni competenti a valutare gli effetti della modifica statutaria proposta e le sue conseguenze sulle norme e sulle procedure applicative: - da un lato, integrando il primo comma dell art. 14 del d.p.r. n. 426 con un riferimento al «gruppo di lingua ladina» analogo a quello previsto dalla modifica statutaria; - dall altro, considerando la funzionalità delle disposizioni attuative in vigore in relazione alla modifica statutaria. 9- Dalla ricostruzione sopra operata discendono, altresì, due corollari. Il primo è che anche il consigliere di Stato appartenente al gruppo di lingua ladina farebbe parte del Consiglio di Stato secondo le regole già oggi vigenti ai sensi del d.p.r. n. 426 del Il secondo attiene alla necessità, in ogni caso, della conoscenza della lingua italiana e di quella tedesca, ai sensi del terzo comma dell art. 14 del medesimo d.p.r. Si osserva in proposito che la lingua ladina, a differenza di quella tedesca, non è lingua ufficiale del processo. Di conseguenza, sotto il profilo attinente alla garanzia di funzionalità del processo d appello, si deve ritenere che, sulle sentenze di primo grado pronunciate in processi svolti in forma bilingue o monolingue tedesca in applicazione della disciplina dell uso della lingua nei procedimenti giudiziari, di cui al d.p.r. 15 luglio 1988, n. 574 la conoscenza della lingua italiana e di quella tedesca da parte dei consiglieri nominati per gli effetti di cui all articolo 93 dello statuto, sia che appartengano al gruppo linguistico tedesco, sia che appartengano al gruppo linguistico ladino, continui a costituire un «requisito per la nomina» (da comprovare mediante l apposito attestato di cui al d.p.r. n. 752 del 1976). In altri termini, alla stregua della ratio sopra indicata, l appartenenza al gruppo linguistico ladino non sembra poter costituire, de iure condito, una ragione per derogare al requisito previsto dall art. 14, terzo comma, del d.p.r. n. 426.

5 10- L Adunanza generale rileva, infine, che per effetto della approvazione, nell aula della Camera, di un emendamento soppressivo dell art. 7 della proposta di legge costituzionale, la modifica ora in esame incide sulla composizione del solo Consiglio di Stato, mentre non viene prevista alcuna modifica nella composizione della Sezione autonoma di Bolzano del Tribunale regionale di giustizia amministrativa del Trentino-Alto Adige a tutela della minoranza linguistica ladina. P.Q.M. esprime il suo parere favorevole con osservazioni sulla Proposta di legge costituzionale AS 2643 Modifiche allo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol in materia di tutela della minoranza linguistica ladina nella parte in cui, all art. 9, dispone la modifica dell art. 93 dello statuto. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI STATO Alessandro Pajno L'ESTENSORE Dante D'Alessio

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Numero 02942/2012 e data 18/06/2012 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 7 giugno 2012 NUMERO AFFARE 04878/2012 OGGETTO:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016 Numero 01460/2016 e data 17/06/2016 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Prima Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016 NUMERO AFFARE 00921/2016 OGGETTO: Autorità nazionale anticorruzione.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 50. Istituzione della corte d appello e della procura generale della Repubblica in Bolzano

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 50. Istituzione della corte d appello e della procura generale della Repubblica in Bolzano Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 50 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ZELLER e BERGER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Istituzione della corte d appello e della procura generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO. composta dai Magistrati:

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO. composta dai Magistrati: Deliberazione n. 31/2017/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZELLER, BRUGGER, NICCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZELLER, BRUGGER, NICCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 25 PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZELLER, BRUGGER, NICCO Modifiche agli statuti delle regioni ad autonomia speciale,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO. composta dai Magistrati:

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO. composta dai Magistrati: Deliberazione n. 28/2017/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezioni Riunite per la Regione Siciliana in sede consultiva * * *

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezioni Riunite per la Regione Siciliana in sede consultiva * * * Deliberazione n.4/2007/s.r. /Cons. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezioni Riunite per la Regione Siciliana in sede consultiva * * * Visto l art. 23 del regio decreto legislativo 15 maggio 1946 n.

Dettagli

Parere n. 3/Par./2005

Parere n. 3/Par./2005 Corte dei Conti Parere n. 3/Par./2005 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 16 marzo 2005, composta dai Magistrati: Dott. Ivo

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. ** REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. Capo I Controllo della Corte dei Conti... 2 Articolo 1. Costituzione della

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE RECANTI MODIFICHE

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE RECANTI MODIFICHE DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE RECANTI MODIFICHE E INTEGRAZIONI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 LUGLIO 1988, N.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2643 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa dei deputati ALFREIDER, GEBHARD, PLANGGER e SCHULLIAN (V. Stampato Camera n. 56) approvato, in sede di prima

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE. nell adunanza del 16 aprile composta dai magistrati: PARERE COMUNE DI SAN COSTANZO

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE. nell adunanza del 16 aprile composta dai magistrati: PARERE COMUNE DI SAN COSTANZO Deliberazione n. 37/2013/PAR CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE nell adunanza del 16 aprile 2013 composta dai magistrati: Cons. Fabio Gaetano GALEFFI Presidente f.f. relatore

Dettagli

Deliberazione n. 50/2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 50/2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 50/2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott. Riccardo Patumi dott. Federico Lorenzini presidente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLINO e BUGNANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2010 Nuove disposizioni in materia di parità e di

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA (Dir. P.C.M. 10 settembre 2008) Amministrazione proponente: Ministro per gli affari regionali e le autonomie

ANALISI TECNICO-NORMATIVA (Dir. P.C.M. 10 settembre 2008) Amministrazione proponente: Ministro per gli affari regionali e le autonomie ANALISI TECNICO-NORMATIVA (Dir. P.C.M. 10 settembre 2008) Amministrazione proponente: Ministro per gli affari regionali e le autonomie Oggetto: SCHEMA DI NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER

Dettagli

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017 Deliberazione n. 111/2017/INPR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE di TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 Norme di attuazione dello statuto speciale per la regione Trentino - Alto Adige per l'istituzione delle sezioni di controllo della Corte dei

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 20 febbraio 2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 20 febbraio 2013 Numero 01714/2013 e data 10/04/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 20 febbraio 2013 NUMERO AFFARE 00064/2013 OGGETTO: Ministero dello sviluppo

Dettagli

DELIBERAZIONE n.183/2017/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise

DELIBERAZIONE n.183/2017/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise DELIBERAZIONE n.183/2017/par Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nella Camera di Consiglio del 9 novembre 2017 *********** composta dai magistrati: dott.

Dettagli

Corte dei Conti. visto il testo unico delle leggi sull ordinamento della Corte dei conti

Corte dei Conti. visto il testo unico delle leggi sull ordinamento della Corte dei conti Deliberazione n. 67/2010/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dott. Nicola Leone dott.ssa Valeria Mistretta dott.ssa

Dettagli

Deliberazione n. 106/2015/PAR

Deliberazione n. 106/2015/PAR Deliberazione n. 106/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott.

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. del 18 maggio 1998, n. 429

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. del 18 maggio 1998, n. 429 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 maggio 1998, n. 429 Regolamento concernente norme per l'organizzazione e il funzionamento della Commissione nazionale per la previsione e le prevenzione

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 23 ottobre 2013,

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 23 ottobre 2013, CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 366/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 23 ottobre 2013, così composta: Dott.

Dettagli

(Pubblicata sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Abruzzo Ordinario , n. 43 ).

(Pubblicata sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Abruzzo Ordinario , n. 43 ). Legge Regionale 31 luglio 2012, n. 37 Modifiche alla legge regionale 30 ottobre 2009, n. 22 (Disposizioni sulla partecipazione della Regione Abruzzo ai processi normativi dell'unione Europea e sulle procedure

Dettagli

D.L. 23 ottobre 1996, n. 543 (1).

D.L. 23 ottobre 1996, n. 543 (1). Pagina 1 di 5 D.L. 23 ottobre 1996, n. 543 (1). Disposizioni urgenti in materia di ordinamento della Corte dei conti (1/circ). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A.

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Dpr, 21 settembre 2001, numero 422 Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Regolamento recante norme per l'individuazione dei titoli professionali del personale da utilizzare presso le pubbliche

Dettagli

Deliberazione n. 40/pareri/2007

Deliberazione n. 40/pareri/2007 Deliberazione n. 40/pareri/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Donato Maria Fino dott.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del

Dettagli

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017 Deliberazione n. 83/2017/PRNO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE di TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

Deliberazione n. 9/pareri/2008

Deliberazione n. 9/pareri/2008 Deliberazione n. 9/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott.

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA PUGLIA. La Sezione Regionale di Controllo per la Puglia composta dai seguenti magistrati:

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA PUGLIA. La Sezione Regionale di Controllo per la Puglia composta dai seguenti magistrati: CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA PUGLIA La Sezione Regionale di Controllo per la Puglia composta dai seguenti magistrati: Dott. Michele Grasso Presidente f. f. Dott. Vincenzo N. Scurti

Dettagli

riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura

riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LEGISLATIVO riforma della costituzione - i contenuti più rilevanti che incidono sull autonomia e sul consiglio - spunti di lettura ambito composizione

Dettagli

Deliberazione n. 23/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale del controllo. per l Emilia - Romagna. composta dai Magistrati

Deliberazione n. 23/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale del controllo. per l Emilia - Romagna. composta dai Magistrati Deliberazione n. 23/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno dr.ssa Rosa Fruguglietti Lomastro dr.

Dettagli

Deliberazione n. 388/2007

Deliberazione n. 388/2007 Deliberazione n. 388/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giorgio Cancellieri dott. Giuliano

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1381 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Definizione di specifiche modalità per il passaggio dall'istruzione e formazione professionale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 18 maggio 2011

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 18 maggio 2011 Numero 02324/2011 e data 09/06/2011 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Prima Adunanza di Sezione del 18 maggio 2011 NUMERO AFFARE 01380/2011 OGGETTO: Presidenza del consiglio

Dettagli

Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi

Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Nell Adunanza del 21 dicembre 2009 composta dai magistrati Vittorio ZAMBRANO

Dettagli

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 26 ottobre 2017

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 26 ottobre 2017 Deliberazione n. 112/2017/PRNO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE di TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Grazia BACCHI Massimo

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ENTI LOCALI 1

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ENTI LOCALI 1 LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2014, N. 11 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ENTI LOCALI 1 TITOLO I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ELEZIONI DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Art. 1 (Modifiche alla legge regionale

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 2/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400; il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303; VISTA VISTA in particolare, il comma 1 dell'articolo 3 del citato decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, secondo

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1831 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del Consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia COMUNICATO ALLA PRESIDENZA

Dettagli

Ordinanza esame Dottore Commercialista

Ordinanza esame Dottore Commercialista Ordinanza esame Dottore Commercialista 09/03/2017 Pubblicato il DM 136 dell 8.3.2017 per le sessioni di esame da Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Ordinanza Ministeriale 8 marzo 2017 n. 136 Esami

Dettagli

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017 Deliberazione n. 38/2017/PRNO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE di TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

Consiglio di Stato. Adunanza generale del 15 maggio 2003

Consiglio di Stato. Adunanza generale del 15 maggio 2003 Consiglio di Stato Adunanza generale del 15 maggio 2003 N. Sezione 4055/2002 N. Gab. 3/2003 OGGETTO Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Quesito circa l operatività, o meno, della disposizione

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 1 luglio. Dott. Walter BERRUTI Primo Referendario relatore

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 1 luglio. Dott. Walter BERRUTI Primo Referendario relatore CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 1 luglio 2013, composta dai Magistrati:

Dettagli

Deliberazione n. 20/SEZAUT/2009/QMIG

Deliberazione n. 20/SEZAUT/2009/QMIG Deliberazione n. 20/SEZAUT/2009/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 9 novembre 2009 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio

Dettagli

Le funzioni del Senato

Le funzioni del Senato Capitolo 2 Le funzioni del Senato 1 Introduzione Come evidenziato nel capitolo precedente, la caratteristica fondamentale del bicameralismo perfetto sta nel fatto che Camera e Senato hanno le stesse funzioni

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/1999, SULLE MODIFICHE STATUTARIE AL PUNTO 4 DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

Disposizioni transitorie

Disposizioni transitorie Disposizioni transitorie ART. 53. (Disposizioni transitorie). 1. Le disposizioni di cui agli articoli 65, 69, 76, 84, 98-bis, 114, 116, 117, 118, 120, 122, 123, 126, terzo comma, 127, 127-bis, 131 e 133

Dettagli

TESTO PROPOSTO DALLA 1ª COMMISSIONE PERMANENTE

TESTO PROPOSTO DALLA 1ª COMMISSIONE PERMANENTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA Nn. 951 e 1082-A Relazione orale Relatrice BISINELLA TESTO PROPOSTO DALLA 1ª COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI COSTITUZIONALI, AFFARI DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria. composta dai seguenti magistrati: DELIBERAZIONE.

LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria. composta dai seguenti magistrati: DELIBERAZIONE. Deliberazione n. 12/2013 LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Luisa D'EVOLI Alessandro BENIGNI Francesco BELSANTI Claudio GUERRINI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Deliberazione n. 5 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Luisa D'EVOLI Alessandro BENIGNI Francesco

Dettagli

COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE

COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE DALLE MODIFICHE DI CUI AL TESTO DI LEGGE COSTITUZIONALE APPROVATO IN SECONDA VOTAZIONE DALLA CAMERA DEI DEPUTATI E DAL SENATO DELLA REPUBBLICA IL 16 NOVEMBRE

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati: Del. n. 10/2012/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sezione Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Graziella DE CASTELLI Componente - Cons. Raimondo POLLASTRINI

Dettagli

Concessione della cittadinanza italiana e vaglio del giudice amministrativo

Concessione della cittadinanza italiana e vaglio del giudice amministrativo Concessione della cittadinanza italiana e vaglio del giudice amministrativo Autore: sentenza In: Fermo restando che ai sensi dell art. 9 legge n. 91 del 1992 il provvedimento di concessione della cittadinanza

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri; VISTO l articolo 8, del decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 543,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE. d iniziativa del deputato BOATO

PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE. d iniziativa del deputato BOATO PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del deputato BOATO ------------------ Modifica degli statuti delle Regioni a statuto speciale in materia di intesa tra Stato e Regione per le procedure di

Dettagli

46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n )

46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n ) LGBZ Current Ed. NORME COSTITUZIONALI p. 1/7 46 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 305 1) Norme di attuazione dello statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige per l'istituzione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n /Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il , registro 1, foglio 11)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n /Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il , registro 1, foglio 11) Bollettino Ufficiale n. 33/I-II del 14.8.2007 - Amtsblatt Nr. 33/I-II vom 14.8.2007 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 17 maggio 2007, n. 10-90/Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il 30.7.2007,

Dettagli

EMANA il seguente decreto legislativo:

EMANA il seguente decreto legislativo: VISTI gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la direttiva 2013/48/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SPIEGATA IN MODO SEMPLICE IL PARLAMENTO E LA FUNZIONE LEGISLATIVA

LA RIFORMA COSTITUZIONALE SPIEGATA IN MODO SEMPLICE IL PARLAMENTO E LA FUNZIONE LEGISLATIVA Avv. ALESSANDRO ROGGERI Studio Legale ROGGERI&GRAPPIOLO Associazione Professionale Complesso Torri di Colombo, via C. Colombo, 52 18018 Arma di Taggia (IM) Tel. 0184/462259, Fax 0184/462751 Pagina Facebook:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 813 B DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (LETTA) dal Ministro per le riforme costituzionali (QUAGLIARIELLO)

Dettagli

COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento

COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento COMUNE DI SEGONZANO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE n. 19 del Consiglio comunale OGGETTO: ELEZIONE RAPPRESENTANTI COMUNALI NEL CORPO PER L'ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLA COMUNITÀ DELLA VALLE

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1

REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1 REGIONE TRENTINO ALTOADIGE LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 1 Modifiche alle disposizioni regionali in materia di ordinamento ed elezione degli organi dei comuni 1 CAPO I ULTERIORI MODIFICHE ALLE LEGGI

Dettagli

DISEGNI DI LEGGE COSTITUZIONALI PRESENTATI AL PARLAMENTO PER LA MODIFICA - REVISIONE DEGLI STATUTI SPECIALI NELLA XVII LEGISLATURA

DISEGNI DI LEGGE COSTITUZIONALI PRESENTATI AL PARLAMENTO PER LA MODIFICA - REVISIONE DEGLI STATUTI SPECIALI NELLA XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE COSTITUZIONALI PRESENTATI AL PARLAMENTO PER LA MODIFICA - REVISIONE DEGLI STATUTI SPECIALI NELLA XVII LEGISLATURA FRIULI - VENEZIA GIULIA DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE n. AS 1289 e 77-A

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1661 Prot. n. 153/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Concorso pubblico, per titoli ed esami, per l'assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA)

CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA) CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA) DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DEL GIUNTA COMUNALE COPIA Del 29/01/2014 N. 14 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017

composta dai Magistrati: Nella Camera di consiglio del 21 settembre 2017 Deliberazione n. 86/2017/PRNO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO - ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE di TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

Deliberazione n. 1 /2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 1 /2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 1 /2016/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1626 Prot. n. 143/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Concorso pubblico, per titoli ed esami, per l'assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1

DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1 DPR 14 Maggio 2007, n. 78 1 Regolamento per il riordino degli organismi operanti presso il Ministero dello sviluppo economico, a norma dell'articolo 29 del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito,

Dettagli

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della giustizia.

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della giustizia. Numero 02822/2014 e data 01/09/2014 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 28 agosto 2014 NUMERO AFFARE 01685/2014 OGGETTO: Ministero della

Dettagli

Deliberazione n. 10/2009/PAR

Deliberazione n. 10/2009/PAR Deliberazione n. 10/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno dr. Carlo Coscioni dr.ssa Rosa Fruguglietti

Dettagli

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO

DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO COPIA DECRETO DEL SINDACO METROPOLITANO del 23.05.2016 Rep. Gen. n. 134/2016 Atti n. 110493\2016-2.10/2016/26 Oggetto: Designazione di due componenti del Collegio dei Revisori dell Istituto per la Scienza

Dettagli

Deliberazione n 121/2008/Cons.

Deliberazione n 121/2008/Cons. Deliberazione n 121/2008/Cons. REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO nell adunanza del 9 ottobre 2008, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Presidente

Dettagli

Repubblica Italiana. Corte dei Conti

Repubblica Italiana. Corte dei Conti Deliberazione n. 11/2017/PAR Repubblica Italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: Dott.ssa Maria Paola Marcia Dott.ssa Valeria Mistretta Dott.ssa

Dettagli

Sentenza della Corte Costituzionale n. 35/2014 depositata il 6 marzo 2014

Sentenza della Corte Costituzionale n. 35/2014 depositata il 6 marzo 2014 CORTE COSTITUZIONALE Sentenza n.35/2014 Consiglio Regionale Sentenza della Corte Costituzionale n. 35/2014 depositata il 6 marzo 2014 Oggetto: Consiglio regionale - Norme della Regione Calabria - Previsione

Dettagli

Adunanza della Sezione Prima 20 Febbraio 2008

Adunanza della Sezione Prima 20 Febbraio 2008 Consiglio di Stato Adunanza della Sezione Prima 20 Febbraio 2008 N. Sezione 213/08 La Sezione OGGETTO: Presidenza del Consiglio dei Ministri: Affari Regionali Quesito: Trasporto scolastico per studenti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 Regolamento riguardante l'individuazione del responsabile del procedimento amministrativo e del titolare del potere sostitutivo,

Dettagli

Delibera Giuntale nr. 02 dd

Delibera Giuntale nr. 02 dd Delibera Giuntale nr. 02 dd. 18.01.2017 OGGETTO: Esercizio provvisorio 2017: assegnazione delle risorse ed affidamento delle responsabilità gestionali contabili ai rispettivi responsabili di settore/servizi.

Dettagli

Deliberazione n. 14/pareri/2006

Deliberazione n. 14/pareri/2006 Deliberazione n. 14/pareri/2006 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Donato Maria Fino dott.

Dettagli

RICHIESTA DI PARERE COMUNE DI TRIORA

RICHIESTA DI PARERE COMUNE DI TRIORA SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA RICHIESTA DI PARERE COMUNE DI TRIORA POSSIBILITÀ DI UTILIZZARE LE CAPACITÀ ASSUNZIONALI RINVENIENTI DA ANNI PRECEDENTI IL 2011 FACOLTÀ ASSUNZIONALI PER I COMUNI

Dettagli

per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 19 novembre 2008 visto il t.u. delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con r.d.

per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 19 novembre 2008 visto il t.u. delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con r.d. Repubblica Italiana del. n. 572/2008 La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 19 novembre 2008 composta dai Magistrati: Pietro DE FRANCISCIS Fulvio

Dettagli

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI COSTITUZIONE TESTO VIGENTE COSTITUZIONE TESTO MODIFICATO ART. 48 ART. 48 art. 38, CO. 1 Sono elettori

Dettagli

nella Camera di consiglio del 25 marzo 2013

nella Camera di consiglio del 25 marzo 2013 Repubblica italiana del. n. 15/2013/PAR La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 25 marzo 2013 composta dai Magistrati: Maurizio TOCCA Lucilla VALENTE

Dettagli

disciplina del procedimento di revisione costituzionale

disciplina del procedimento di revisione costituzionale DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali e disciplina del procedimento di revisione costituzionale 5 giugno 2013 1 DISEGNO DI LEGGE Art. 1 (Istituzione

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento di giurisprudenza Quadro sintetico delle principali novità 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento

Dettagli

Corte dei conti. Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti approvato con R.D. 12

Corte dei conti. Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti approvato con R.D. 12 Deliberazione n. 59/2017/PAR Repubblica italiana Corte dei conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: Dott. Francesco Petronio Dott. ssa Maria Paola Marcia Dott. ssa

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, recante "Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma

VISTO il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, recante Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma VISTO il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, recante "Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'articolo 2 della legge 30 settembre 2004, n. 252" ed in particolare

Dettagli

Deliberazione n. 1/AUT/2011/INPR

Deliberazione n. 1/AUT/2011/INPR Deliberazione n. 1/AUT/2011/INPR LA CORTE DEI CONTI in SEZIONE DELLE AUTONOMIE nell'adunanza del 29 aprile 2011 Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

ATTO DI ORGANIZZAZIONE (con firma digitale)

ATTO DI ORGANIZZAZIONE (con firma digitale) Ufficio Speciale Ricostruzione Lazio UFFICIO SPECIALE RICOSTRUZIONE LAZIO DIREZIONE ATTO DI ORGANIZZAZIONE (con firma digitale) N. A00071 del 13/07/2017 Proposta n. 69 del 12/07/2017 Oggetto: Conferimento

Dettagli

SEZIONE I La Corte costituzionale Art. 134 Art. 134 (non modificato)

SEZIONE I La Corte costituzionale Art. 134 Art. 134 (non modificato) COSTITUZIONE VIGENTE COSTITUZIONE COME RISULTANTE DALLE MODIFICHE DI CUI AL TESTO DI LEGGE COSTITUZIONALE APPROVATO IN SECONDA VOTAZIONE DALLA CAMERA DEI DEPUTATI E DAL SENATO Repubblica, su iniziative

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE GUIDA

DOCUMENTO DI LINEE GUIDA DOCUMENTO DI LINEE GUIDA RECANTE CRITERI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI DIREZIONE DI STRUTTURA COMPLESSA PER LA DIRIGENZA MEDICA SANITARIA NELLE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Dettagli

Deliberazione n. 179/2008

Deliberazione n. 179/2008 Deliberazione n. 179/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano

Dettagli

Deliberazione n. 155/2017/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 155/2017/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 155/2017/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Carlo Greco dott. Massimo Romano dott. Paolo Romano dott. Riccardo Patumi dott. Federico

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/

Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/ Bollettino Ufficiale n. 34/I-II del 20/08/2013 / Amtsblatt Nr. 34/I-II vom 20/08/2013 67 85620 Decreti - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 14 agosto

Dettagli

CAPO I. Disposizioni generali. Art. 1. Finalità

CAPO I. Disposizioni generali. Art. 1. Finalità Disegno di legge concernente Norme sulla partecipazione della Regione Autonoma della Sardegna ai processi decisionali dell Unione europea e sulle procedure di esecuzione degli obblighi comunitari. CAPO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.4/2014/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 18 dicembre 2013 visto il T.U. delle leggi

Dettagli

nell adunanza del 9 gennaio 2009 composta dai magistrati: Presidente Componente relatore Componente

nell adunanza del 9 gennaio 2009 composta dai magistrati: Presidente Componente relatore Componente C O R T E D E I C O N T I Del. n. 1/2009/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE nell adunanza del 9 gennaio 2009 composta dai magistrati: Pres. Sez. Giuseppe RANUCCI Primo ref. Fabio G. GALEFFI

Dettagli