Analisi dei principali adempimenti per le imprese appaltatrici previsti dal art. 3 dela legge n. 136/2010.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei principali adempimenti per le imprese appaltatrici previsti dal art. 3 dela legge n. 136/2010."

Transcript

1 Analisi dei principali adempimenti per le imprese appaltatrici previsti dal art. 3 dela legge n. 136/2010. imprese 1

2 Riferimenti normativi e interpretativi Norma-base: Art. 3 della legge n. 136/2010 (come modificato dal d.l. n. 187/2010, convertito nella legge n. 217/2010). La disposizione è inserita nel ambitodel piano contro le infiltrazioni nel economiadelle organizzazioni criminali, definendo una norma a spettro applicativo generale, che sviluppa disposizioni sperimentali inserite nelle leggi speciali sulla ricostruzione post terremoto del Abruzzoe sul EXPO2015. La tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti era stata analizzata dal Ministero del Interno nelle Linee guida antimafia connesse alle norme speciali sulla ricostruzione post terremoto in Abruzzo. imprese 2

3 Interpretazioni Autorità Vigilanza Contratti Pubblici L Autoritàper la Vigilanza sui Contratti Pubblici (AVCP) ha prodotto due determinazioni, contenenti importanti interpretazioni, sui profili applicativi della normativa in materia di tracciabilità dei flussi finanziari: la n. 8/2010 (conseguente alla legge 136/2010) e la n. 10/2010 (conseguente alle modifiche apportate alla disciplina dalla legge n. 217/2010). L Autorità ha prodotto una terza determinazione, che include tutti gli elementi esaminati nelle determinazioni n. 8/2010 e n. 10/2010, nonché numerose nuove interpretazioni su problematiche applicative. imprese 3

4 Profili critici su normativa e interpretazioni L art. 3 della legge n. 136/2010 definisce l ambito applicativo della disciplina della tracciabilità dei flussi finanziari, nonché i principali adempimenti per le imprese e le stazioni appaltanti. La norma focalizza l atenzione sul appaltatore,in quanto mira a garantire la piena riconoscibilità del percorso delle risorse nella sua filiera. Le determinazioni del AVCP definiscono interpretazioni operative e, soprattutto, un articolata casistica di situazioni nelle quali la tracciabilità si applica in forma semplificata o non si applica. imprese 4

5 Elementi fondamentali normativa tracciabilità / 1 Gli elementi fondamentali del art. 3 della legge n. 136/2010 sono (AVCP det. n. 4/2011): a) l utilizzodi conti correnti dedicati per l incassoed i pagamenti di movimentazioni finanziarie derivanti da contratto di appalto; b) il divieto di utilizzo del contante per incassi e pagamenti di cui al punto a) e di movimentazioni in contante sui conti dedicati; c) l obbligo di utilizzo di strumenti tracciabili per i pagamenti. imprese 5

6 Elementi fondamentali normativa tracciabilità / 2 La logica della disposizione è quella di un "percorso sequenziale", nel quale le risorse pubbliche, erogate dalla stazione appaltante al soggetto esecutore (appaltatore) passano da questo a subappaltatori e subfornitori. In base a questo quadro, in linea di successione, quando un appaltatore decide di avvalersi di un subappaltatore o di un subfornitore per realizzare compiutamente una fornitura, formalizza con lo stesso un contratto, secondo lo schema delineato dal art. 118 del d.lgs. n. 163/2006. imprese 6

7 Ambito applicativo norme tracciabilità /1 Ambito oggettivo Appalti pubblici e concessioni 1) contratti di appalto di lavori, servizi e forniture, anche quelli esclusi in tutto o in parte dal ambitodi applicazione del Codice, di cui al Titolo II, Parte I dello stesso, ivi compreso l afidamentoa contraente generale; 2) concessioni di lavori e servizi; 3) contratti di partenariato pubblico privato, ivi compresi i contratti di locazione finanziaria; 4) contratti di subappalto, subfornitura e subcontratti; 5) contratti in economia, ivi compresi gli affidamenti diretti. imprese 7

8 Ambito applicativo norme tracciabilità /2 Ambito oggettivo Finanziamenti pubblici che determinano la realizzazione di appalti. Nella dizione concessionaridi finanziamenti pubblici prevista dal articolo3 della legge n. 136/2010, devono ritenersi inclusi (e, quindi, sottoposti agli obblighi di tracciabilità) i soggetti, anche privati, destinatari di finanziamenti pubblici che stipulano appalti pubblici per la realizzazione del oggeto del finanziamento, indipendentemente dal importo. Pertanto l erogazionedi un finanziamento da parte di un soggetto pubblico è soggetta a tracciabilità quando il destinatario deve realizzare (come stazione appaltante) appalti. imprese 8

9 Ambito applicativo norme tracciabilità /3 Ambito soggettivo Sono tenuti al osservanza degli obblighi di tracciabilità tutti i soggetti sottoposti al applicazione del Codice dei contratti pubblici come stazioni appaltanti. Sono tenuti ad applicare le norme in materia di tracciabilità gli appaltatori nel ambitodi contratti di appalto pubblico (di beni, servizi o lavori), nonché i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese. Per concessionari finanziamenti pubblici, v. prec. imprese 9

10 Ambito applicativo norme tracciabilità /4 Ambito soggettivo Nella filiera rientrano i subappalti di cui al art. 118 del Codice, nonché i subcontratti stipulati per l esecuzione,anche non esclusiva, del contratto. rientrare i subappalti di cui al art. 118 del Codice, nonché i subcontratti stipulati per l esecuzione, anche non esclusiva, del contratto. La tracciabilità si applica anche ai subcontratti che non prevedono apporto di manodopera e/o non superano i limiti quantitativi indicati nel art. 118, comma 11, del Codice. imprese 10

11 Problematiche su filiera /1 Per capire i soggetti che rientrano nella filiera deve essere utilizzato il criterio della stretta dipendenza funzionale della prestazione oggetto del subcontratto rispetto a quella del appaltoprincipale, da applicare in relazione alle concrete modalità del ciclo di esecuzione del appalto,vale a dire della capacità delle parti del appaltodi selezionare ex ante le sole attività necessarie in via immediata per realizzare il servizio o la fornitura pubblici. Di conseguenza, ciò che rileva non è tanto il grado del afidamento o del sub-affidamento, ma la sua tipologia (subappalto o subcontratto necessario a qualsiasi titolo per l esecuzione del contratto principale), a prescindere dalla posizione che il subcontraente occupa nella catena del organizzazioneimprenditoriale (AVCP det. n. 4/2011). imprese 11

12 Problematiche su filiera /2 Si deve trattare, dunque, di subcontratti che presentano un filo di derivazione dal contratto principale, nel senso di essere attinenti all'oggetto di tale contratto. Andrebbero escluse, pertanto, quelle tipologie di attività collaterali, in cui viene a scemare il nesso di collegamento con il contratto principale. Nesso che, invece, permane anche quando il contratto derivato non presenti un asservimento esclusivo rispetto a quello principale (ABCP Det. n. 4/2011). imprese 12

13 Problematiche su filiera /3 Per gli appalti di fornitura, l criterio induce a ritenere che l ultimo rapporto contrattuale rilevante ai fini della tracciabilità dovrebbe essere quello relativo alla realizzazione del bene oggetto della fornitura principale, con esclusione dalla filiera rilevante di tutte le sub- forniture destinate a realizzare il prodotto finito. Si tratta di subforniture di componentistica o di materie prime necessarie per lo svolgimento del atività principale del operatore economico assemblaggio o produzione del prodotto finale indipendentemente dal successivo utilizzo o destinazione (ad un soggetto pubblico o privato) dello stesso prodotto finale (AVCP Det. n. 4/2011). imprese 13

14 Acquisti per magazzino Non sono, invece, sottoposti alla normativa di cui al art. 3 della legge n. 136/2010 i contratti finalizzati al acquistodi beni che confluiscono nelle scorte di magazzino del operatore economico, qualora i medesimi contratti precedano l afidamento della commessa pubblica e prescindano da quest ultima. In tale caso, infatti, viene meno l elemento della dipendenza funzionale della prestazione dal appalto e, quindi, non sussistono i presupposti per l inclusione del rapporto contrattuale nella filiera rilevante (AVCP Det. n. 4/2011). Non sussiste relazione sequenziale. imprese 14

15 Problematiche tracciabilità appalti e rapporti assoggettati Sono assoggettati alle disposizioni sulla tracciabilità: Appalti e contratti derivati con operatori economici non stabiliti in Italia (AVCP Det. n. 4/2011 con eccezioni in punto 3.7.). Appalti e contratti stipulati con imprese pubbliche operanti nei settori speciali (non invece i contratti privatistici delle stesse Det. punto 3.8.). Appalti e contratti per i c.d. serviziesclusi in tutto o in parte dal applicazione del Codice (punto 3.9.), con eccezione contratti di lavoro e contratti relativi a immobili. Appalti per servizi compresi nel alegatoiib. imprese 15

16 Problematiche tracciabilità appalti e NON rapporti assoggettati NON sono assoggettati alle disposizioni sulla tracciabilità: I contratti di sponsorizzazione attiva (impresa = sponsor Det. punto 3.11.). I contratti delle amministrazioni relativi ad incarichi professionali/consulenze (= prestazioni d operadet. punto 3.11.). I rapporti tra il soggetto pubblico e l operatore economico derivanti da procedure in amministrazione diretta e con spese economali (= acquisti non contrattualizzati) Det. punto 3.13.). imprese 16

17 Quadro adempimenti tracciabilità per imprese Gli obblighi di tracciabilità si articolano in tre adempimenti essenziali: a. utilizzo di conti correnti bancari o postali dedicati alle commesse pubbliche, anche in via non esclusiva. b. effettuazione dei movimenti finanziari relativi alle medesime commesse pubbliche esclusivamente con lo strumento del bonifico bancario o postale ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni; c. indicazione negli strumenti di pagamento relativi ad ogni transazione del codice identificativo di gara (CIG) e, ove obbligatorio ai sensi del art. 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, del codice unico di progetto (CUP). imprese 17

18 Adempimenti tracciabilità per imprese / 1 L appaltatore o il beneficiario del finanziamento deve comunicare alla stazione appaltante o al amministrazione concedente gli estremi del conto corrente dedicato sul quale riceverà le risorse derivanti dalla commessa pubblica (comma 7), nonché i dati dei soggetti abilitati ad operarvi. Oggetto comunicazione (sintesi): gli estremi identificativi dei conti correnti bancari o postali dedicati (ess. Codice IBAN), con l indicazione del opera/servizio/fornituraalla quale sono dedicati; le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare sugli stessi; ogni modifica relativa ai dati trasmessi. imprese 18

19 Adempimenti tracciabilità per imprese / 2 La comunicazione deve avvenire entro sette giorni dalla costituzione o deve indicare da quanto esso è utilizzato per operazioni finanziare con soggetti pubblici. La comunicazione può fare riferimento anche a più conti dedicati e può essere riferita anche ai futuri rapporti con la stazione appaltante- In caso di persone giuridiche, la comunicazione deve essere sottoscritta da un legale rappresentante ovvero da un soggetto munito di apposita procura. imprese 19

20 Problematiche conto dedicato Il conto può essere utilizzato anche per ricevere commesse private e per effettuare pagamenti ad operatori impegnati nel appalto: in caso di spese non relative agli appalti pubblici, il conto deve essere reintegrato subito con un versamento da altro conto aziendale, con bonifico. i conti correnti dedicati alle commesse pubbliche possono essere adoperati contestualmente anche per operazioni che non riguardano, in via diretta, il contratto cui essi sono stati dedicati. Ad esempio, un'impresa che opera anche nell'edilizia privata può utilizzare il conto corrente dedicato ad un appalto pubblico per effettuare operazioni legate alla costruzione di un edificio privato. Non tutte le operazioni che si effettuano sul conto dedicato devono essere riferibili ad una determinata commessa pubblica, ma tutte le operazioni relative a questa commessa devono transitare su un conto dedicato. imprese 20

21 Adempimenti tracciabilità per imprese / 3 L amministrazionepubblica appaltante deve inserire nel bonifico bancario con cui paga le fatture al appaltatore il CIG (codice identificativo gare) relativo al appalto, anche se si tratta di un affidamento con procedure in economia (cottimo fiduciario) di valore limitato. Se l appalto ha ad oggetto lavori pubblici oppure deriva da finanziamenti comunitari, oltre al CIG il pagamento deve essere tracciato dalla stazione appaltante con il CUP (codice unico di progetto). Il CIG può essere riportato nel contratto e nelle fatture. imprese 21

22 Adempimenti tracciabilità per imprese / 4 Nei contratti di appalto deve essere inserita, a pena di nullità assoluta; una clausola che obbliga l appaltatorea rispettare la normativa in materia di tracciabilità dei flussi finanziari (comma 8). L impresa appaltatrice deve strutturare il rapporto con i subappaltatori e con i fornitori anzitutto mediante l inserimento di una clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari previsti dalla legge (comma 8). Poiché l inserimentodella clausola deve essere verificato dalla stazione appaltante, l impresa appaltatrice deve depositare non solo i contratti di subappalto (come previsto dal art. 118, comma 2 del d.lgs. n. 163/2006), ma anche quelli di subfornitura, al momento della loro comunicazione al amministrazioneaggiudicatrice (secondo il comma 11 dello stesso art. 118 del codice dei contratti). imprese 22

23 Adempimenti tracciabilità per imprese / 5 Al fine di permettere alle stazioni appaltanti di assolvere al obbligo di verifica delle clausole contrattuali, sancito dal comma 9 del art. 3, i soggetti tenuti al rispetto delle regole di tracciabilità, tramite un legale rappresentante o soggetto munito di apposita procura, devono inviare alla stazione appaltante copia di tutti i contratti sottoscritti con i subappaltatori ed i subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate ai lavori, ai servizi e alle forniture. La comunicazione può anche avvenire per estratto mediante l inviodella singola clausola di tracciabilità ed idonea evidenza del avvenuta sottoscrizione; si ritiene altresì ammissibile assolvere al onere di comunicazione mediante l invio di dichiarazioni sostitutive sottoscritte, secondo le formalità di legge, con le quali le parti danno atto, dettagliandoli, del avvenutaassunzione degli obblighi di tracciabilità. imprese 23

24 Adempimenti tracciabilità per imprese / 6 I pagamenti ai subappaltatori e ai subfornitori devono essere effettuati con bonifico bancario o postale (comma 1), nonché devono riportare il CIG (e il CUP, quando specificato) negli stessi strumenti di pagamento (comma 5). Per maggiore garanzia il CIG può essere riportato nel contratto di subappalto o di subfornitura. Tutte le transazioni relative al appaltopubblico tra l appaltatore, i subappaltatori e i subcontraenti devono essere effettuate sul conto corrente dedicato. Per l utilizzodi altri strumenti tracciabili, si vedano le indicazioni del AVCP(det. n. 4/2011, punto 5.3.). imprese 24

25 Tracciabilità semplificata / 1 Le imprese appaltatrici (ma anche i subappaltatori e i fornitori) possono eseguire con strumenti diversi dal bonifico alcune tipologie di spesa legate al operatività del appalto, come i pagamenti di contributi, assicurazioni, tributi o bollette per servizi e utenze. In ogni caso deve essere assicurata la documentazione del pagamento (comma 3). La stessa semplificazione è consentite alle aziende per le spese giornaliere di importo pari o inferiore a 1500 euro relative ad attività connesse agli appalti. Tuttavia l eventuale costituzione di un fondo cassa a favore di dipendenti per le stesse spese giornaliere deve avvenire con bonifico in favore dei soggetti che poi utilizzeranno le risorse. imprese 25

26 Tracciabilità semplificata / 2 Anche i pagamenti dei dipendenti, dei consulenti e dei fornitori di magazzino sono eseguiti con le risorse del conto corrente dedicato, ma possono essere gestite con strumenti diversi dal bonifico (ad es. con bollettino postale o con assegno circolare), anche se devono assicurare sempre la piena tracciabilità delle operazioni. Si deve provvedere a tali pagamenti attraverso un conto corrente dedicato, anche in via non esclusiva, ad uno o più contratti pubblici. Il pagamento deve essere effettuato e registrato per il totale dovuto ai soggetti indicati, anche se non riferibile in via esclusiva ad uno specifico contratto: i pagamenti a favore dei dipendenti saranno effettuati sul conto dedicato relativo ad una singola specifica commessa, anche se i dipendenti prestano la loro opera in relazione ad una pluralità di contratti. Con riferimento ai pagamenti ex comma 2 del art. 3 della legge n. 136/2010 l AVCP ritiene che non vada indicato il CIG/CUP. imprese 26

27 Tracciabilità semplificata / 3 Ai sensi del comma 3 del art. 3 della legge n. 136/2010 possono essere eseguiti con strumenti diversi dal bonifico i pagamenti per: imposte e tasse; contributi INPS, INAIL, Cassa Edile; assicurazioni e fideiussioni stipulate in relazione alla commessa; gestori e fornitori di pubblici servizi (per energia elettrica, telefonia, ecc.). Tali pagamenti devono essere obbligatoriamente documentati e, comunque, effettuati con modalità idonee a consentire la piena tracciabilità delle transazioni finanziarie (cfr. art. 6, comma 5, del d.l. n. 187/ 2010), senza l indicazione del CIG/CUP. Possono essere pertanto effettuati mediante addebiti diretti (RID o SEPA direct debit) su carte di pagamento, purché emesse a valere su un conto dedicato. imprese 27

28 Problematiche particolari: cessione crediti / 1 1) I CIG/CUP relativi a tutti i contratti di appalto da cui derivano i crediti ceduti devono essere correttamente indicati nel contratto di cessione. 2) Il factor deve indicare nello strumento di pagamento il CIG/CUP relativo al contratto di cessione che presenta il valore nominale più elevato, purché il cessionario sia comunque in grado di collegare ciascun credito ceduto al relativo CIG/CUP; quanto precede vale anche per erogazione effettuate a fronte di incassi ricevuti. imprese 28

29 Problematiche particolari: cessione crediti / 2 3) Il conto corrente su cui il factor effettua il pagamento deve essere lo stesso conto indicato dal cedente alla stazione appaltante quale conto dedicato e tale circostanza deve risultare dal articolatodel contratto di cessione notificato/comunicato alla stessa stazione appaltante. In caso contrario, il cedente dovrà effettuare tanti atti di cessione quanti sono i conti correnti dedicati che intende utilizzare in funzione di quanto a suo tempo comunicato alle stazioni appaltanti. 4) Il cedente deve indicare, per ciascuna fattura ceduta, il relativo CIG/CUP. imprese 29

30 Problematiche particolari: cessione crediti / 3 5) Il factor deve conservare la documentazione contabile comprovante a quali contratti di appalto si riferiscono i singoli crediti ceduti. 6) Al fine di evitare una interruzione nella ricostruibilità del flusso finanziario relativo alla filiera, l'appaltatore, una volta ricevuto il pagamento da parte del factor, deve applicare integralmente gli obblighi di tracciabilità, indicando tutti i singoli CIG/CUP. Per quanto attiene ad eventuali cessioni di crediti futuri e/o non ancora sorti, la tracciabilità deve essere, comunque, assicurata, anche se in tale caso non è ovviamente possibile indicare il CIG/CUP nel anticipo effettuato al operatoreeconomico. imprese 30

Ciò premesso, si esaminano, nel seguito, i quesiti sottoposti all attenzione dell Autorità.

Ciò premesso, si esaminano, nel seguito, i quesiti sottoposti all attenzione dell Autorità. All ASSOBIOMEDICA REG 10/2012 13/3/2012 Oggetto: quesiti in tema di tracciabilità dei flussi finanziari Nella adunanza del 7 e 8 marzo u.s., il Consiglio dell Autorità ha approvato le seguenti considerazioni

Dettagli

Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp

Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp Definita la normativa sulla tracciabilità degli appalti: attesi ulteriori chiarimenti dall Avcp Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla, che in sede di conversione del DL 187/2010 nella

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento La tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 136/2010, come integrata e modificata dalla Legge n.217/2010 Nel presente articolo si espone attraverso alcune domande la normativa di cui alla

Dettagli

LA GESTIONE DEI MOVIMENTI FINANZIARI

LA GESTIONE DEI MOVIMENTI FINANZIARI 1 ARTICOLO 3 comma 2 L. 136/2010 I pagamenti destinati a dipendenti, consulenti e fornitori di beni e servizi rientranti tra le spese generali nonché quelli destinati alla provvista di immobilizzazioni

Dettagli

Tracciabilità dei flussi finanziari

Tracciabilità dei flussi finanziari Tracciabilità dei flussi finanziari Legge 13 agosto 2010 n. 136 DL 187 del 12 novembre 2010 L. Conv. 217 del 17 dicembre 2010 Scopo Assicurare la prevenzione di infiltrazioni criminali Si rivolge Agli

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

LINEE GUIDA ED ASPETTI PRATICI ALLA LUCE DELLE DETERMINAZIONI DELL AVCP 8/2010 E 10/2010

LINEE GUIDA ED ASPETTI PRATICI ALLA LUCE DELLE DETERMINAZIONI DELL AVCP 8/2010 E 10/2010 LINEE GUIDA ED ASPETTI PRATICI ALLA LUCE DELLE DETERMINAZIONI DELL AVCP 8/2010 E 10/2010 1 Appalti di lavori pubblici ricompresi nell art. 3: noli a caldo, noli a freddo, forniture di ferro, forniture

Dettagli

LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2. Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2. Ambito temporale della legge 136/2010...

LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2. Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2. Ambito temporale della legge 136/2010... Sommario Sezione I...2 LA TRACCIABILITÀ FINANZIARIA...2 QUADRO NORMATIVO...2 Adempimenti connessi alla tracciabilità finanziaria...2 Ambito temporale della legge 136/2010...2 Cosa devono fare gli uffici?...2

Dettagli

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI NELLE COMMESSE PUBBLICHE

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI NELLE COMMESSE PUBBLICHE TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI NELLE COMMESSE PUBBLICHE (Art. 3, Legge 13 agosto 2010 n. 136 e s.m.) LINEE GUIDA ANIE Gennaio 2011 a cura del Servizio Centrale Appalti ANIE Indice PREMESSA... 5 INTRODUZIONE...

Dettagli

TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI Vademecum

TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI Vademecum TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI Vademecum 1) Quali norme regolano la materia? La legge 136 del 2010 (art. 3 e 6) e Decreto Legge 187 del 2010 art. 6 e 7 (poi convertito nella Legge 217/2010). Sono,

Dettagli

Tracciabilità dei flussi finanziari nelle commesse pubbliche

Tracciabilità dei flussi finanziari nelle commesse pubbliche ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 07/04/2011 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/31436-tracciabilit-dei-flussi-finanziari-nellecommesse-pubbliche Autore: Servizio Centrale Appalti ANIE Tracciabilità dei

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO 1 COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO OGGETTO: Fornitura di punto luce su palo relativi al progetto di "Riqualificazione della viabilità del centro antico di Martignano:

Dettagli

CIRCOLARE SULLA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

CIRCOLARE SULLA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI CIRCOLARE SULLA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI Normativa e prassi di riferimento Art. 3 e 6, L. n. 136 del 13 agosto 2010 D.L. n. 187 del 12.11.2010 conv. L. n. 217 del 17.12.2010 Determinazione AVCP n. 8

Dettagli

Tracciabilità dei flussi finanziari. Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Tracciabilità dei flussi finanziari. Risposte alle domande più frequenti (FAQ) Confindustria - Tracciabilità dei flussi finanziari. Risposte alle domande più frequen... Pagina 1 di 17 Tracciabilità dei flussi finanziari. Risposte alle domande più frequenti (FAQ) Roma, 3 Marzo 2011

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2792 31/12/2013 OGGETTO: Proroga dal 01/01/2014 per mesi 3 del servizio di telefonia delle

Dettagli

10 La tracciabilità dei flussi finanziari

10 La tracciabilità dei flussi finanziari 10 La tracciabilità dei flussi finanziari Adriano Cavina SOMMARIO 1. Premessa... 1044 2. La clausola di tracciabilità... 1045 3. I soggetti tenuti all osservanza della disciplina... 1046 4. Ambito oggettivo

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Spanu Giuseppe DETERMINAZIONE N. in data 2577 31/12/2012 OGGETTO: Servizio per la fornitura di energia per le per per il periodo dal

Dettagli

Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010

Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010 Ai Direttori di Dipartimento, Uffici Centrali ed Extra-Dipartimentali Ai Dirigenti dei servizi Loro sedi Roma, 26 gennaio 2011 CIRCOLARE N 1 / 2011 Tracciabilità Flussi Finanziari L. 136/2010 Premessa

Dettagli

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto.

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Allegato 1/a Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Il sottoscritto........ nato a...prov. il...

Dettagli

COMUNE DI ORIO LITTA

COMUNE DI ORIO LITTA COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di LODI Piazza Aldo Moro, 2-26863 Orio Litta (Lo) RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Catalano Rag. Giuseppe TITOLARE POSIZIONE ORGANIZZATIVA N. 3 Servizio pubblica istruzione e cultura

Dettagli

COMUNE DI ORIO LITTA

COMUNE DI ORIO LITTA COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di LODI Piazza Aldo Moro, 2-26863 Orio Litta (Lo) RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Catalano Rag. Giuseppe TITOLARE POSIZIONE ORGANIZZATIVA N. 3 Servizio pubblica istruzione e cultura

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 544 DEL 05/07/2011 PROPOSTA N. 134 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Economato

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 8 del 18 novembre 2010 PRIME INDICAZIONI SULLA TRACCIABILITA FINANZIARIA EX ART. 3, LEGGE 13 AGOSTO 2010, n. 136, COME MODIFICATO DAL D.L. 12 NOVEMBRE 2010, n. 187 1. Premessa Il 7 settembre

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Viale della Repubblica, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fax 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in qualità di legale rappresentante della Ditta. avente sede legale in

Il sottoscritto nato a il residente a in qualità di legale rappresentante della Ditta. avente sede legale in ALLEGATO 1 ALLA CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA Servizio Tutela e Sviluppo Fauna U.O. Controller e Gestione Contabile Via San Felice, 25 40122 BOLOGNA MODELLO DI DICHIARAZIONE ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 839 DEL 31/12/2012 PROPOSTA N. 51 Centro di Responsabilità: Servizio Ragioneria, Controllo di Gestione, Provveditorato Servizio: Servizio Ragioneria,

Dettagli

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola D E T E R M I N A Z I O N E N. 22 Data: 27/10/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO MEDIANTE RICORSO AL MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Spanu Giuseppe. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2012. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Spanu Giuseppe DETERMINAZIONE N. in data 2508 31/12/2012 OGGETTO: Impegno di spesa per il noleggio di n. 2 bagni chimici. Affidamento

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTI DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 38, COMMA 3 E 48 D.P.R. 445 DEL 28.12.2000

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTI DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 38, COMMA 3 E 48 D.P.R. 445 DEL 28.12.2000 ALLEGATO 1) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTI DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 38, COMMA 3 E 48 D.P.R. 445 DEL 28.12.2000 Il Sottoscritto.in qualità di legale rappresentante dell impresa.. con sede legale

Dettagli

Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria

Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria Spett.le COMUNE DI COLOGNO AL SERIO VIA ROCCA, 1 24055 COLOGNO AL SERIO AREA SERVIZI ALLA PERSONA

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE PROGRAMMA N. 5 (DETERMINAZIONE N. 81 DEL PROGRAMMA N. 5) DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 213 di data 21 ottobre

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 639 DEL 20/09/2013 PROPOSTA N. 105 Centro di Responsabilità: Serv. Segret., Contratti, Economato, Patr., Espropri, Soc. Part., Inf., Stat.

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 1273 del 07/09/2015 OGGETTO: CORSO AGGIORNAMENTO PER PREPOSTI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N.81

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM

Comune di Praiano Provincia di Salerno Costa d Amalfi ANTICA PLAGIANUM Allegato B3 - Forniture Al Comune di PRAIANO Settore Tecnico Via Umberto I, n.12 84010 Praiano (SA) DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto nato il a in qualità di dell impresa con sede in Via P.IVA RECAPITO

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 351 DEL 26/04/2011 PROPOSTA N. 77 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Economato

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO L appaltatore all atto dell offerta, e, nel caso di varianti in corso d opera, all atto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1986 10/10/2013 OGGETTO: "Servizio di pulizia e spurgo per la manutenzione delle reti fognarie

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena Comune di Cavezzo Provincia di Modena Proposta n. 5728 COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 79 DEL 11/04/2012 Oggetto: Iniziative di qualificazione scolastica AS 2011/2012. Attività di

Dettagli

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 L anno duemila., il giorno ( ) del mese di., in. presso la sede dell., via.,

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 559 DEL 08/07/2011 PROPOSTA N. 58 Centro di Responsabilità: Servizi Cultura / Associazionismo / Istruzione Servizio: Servizi Culturali OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 633 DEL 25/08/2011 PROPOSTA N. 86 Centro di Responsabilità: Servizio Lavori Pubblici, Manutenzioni Servizio: Servizio Lavori Pubblici, Manutenzioni

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DETERMINAZIONE : AREA AMMINISTRATIVA ED INNOVAZIONE IMPEGNO DI SPESA PER DIGITALIZZAZIONE DELL'ARCHIVIO DELLE PRATICHE EDILIZIE NR. Progr. Data 643 30/12/2013

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

Giovanni Paolo Sellitto Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, servizi e Forniture OSIT Ufficio Linee Guida ICT

Giovanni Paolo Sellitto Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, servizi e Forniture OSIT Ufficio Linee Guida ICT La tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell art.3 della legge 13 agosto 2010, n 136 Giovanni Paolo Sellitto Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, servizi e Forniture OSIT

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena Comune di Cavezzo Provincia di Modena Proposta n. 7372 COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 29 DEL 09/08/2013 Oggetto: ACCETTAZIONE, CON BENEFICIO DI INVENTARIO, DELL'EREDITA' LASCIATA

Dettagli

TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI: I RIFLESSI SUL SETTORE BANCARIO

TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI: I RIFLESSI SUL SETTORE BANCARIO Rita Camporeale Responsabile Ufficio Sistemi e Servizi Pagamento Nuovi obblighi tracciabilità finanziaria nei contratti pubblici: istruzioni per l uso Roma, INDICE 1. Gli strumenti tracciabili ai sensi

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA

COMUNE DI COMMEZZADURA COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMA N. 3 (DETERMINAZIONE N. 24 DEL PROGRAMMA N. 3) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI ALLA PERSONA N. 209 DI DATA

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 15/07/2014. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 15/07/2014. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1284 15/07/2014 OGGETTO: "Servizio di disinfestazione insetti alati". Affidamento a favore

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 27/09/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 27/09/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1910 27/09/2013 OGGETTO: "Servizio di manutenzione ordinaria impianti termici comunali". C

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di dispositivi medici occorrenti al servizio di radiologia interventistica e vascolare

Dettagli

COMUNE DI ORIO LITTA

COMUNE DI ORIO LITTA COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di LODI Piazza Aldo Moro, 2-26863 Orio Litta (Lo) RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Catalano Rag. Giuseppe TITOLARE POSIZIONE ORGANIZZATIVA N. 3 Servizio pubblica istruzione e cultura

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000, N. 445

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000, N. 445 Timbro della ditta OGGETTO: indagine di mercato col sistema del cottimo fiduciario per la fornitura TARGHETTE IDENTIFICATIVE di CIG: ZE609F9760 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000,

Dettagli

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento Gestione Risorse Finanziarie

Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento Gestione Risorse Finanziarie Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento Gestione Risorse Finanziarie Legge 13 agosto 2010 n. 136 Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia

Dettagli

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP 1 RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP L articolo 7, comma 4, del d.l. n. 187/2010 ha sostituito il comma 5 dell articolo 3 stabilendo che, ai fini della

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 20/05/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 20/05/2015. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 791 20/05/2015 OGGETTO: "Servizio di disinfestazione e favore alla ditta ditta Nuova Prima.

Dettagli

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI RELATIVI A CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (ARTT. 3 E 6 LEGGE N.

TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI RELATIVI A CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (ARTT. 3 E 6 LEGGE N. TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI RELATIVI A CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (ARTT. 3 E 6 LEGGE N. 13672010; ARTT. 6 E 7 DECRETO LEGGE N. 187/2010 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 217/2010)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Contratto d appalto per l affidamento del servizio di gestione dell albo fornitori telematico e delle gare on-line da parte

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 25/07/2012 PROPOSTA N. 73 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA CIG Z170CA13CF

COMUNE DI BRESCIA CIG Z170CA13CF COMUNE DI BRESCIA SETTORE EDIFICI PUBBLICI E MONUMENTALI DISCIPLINARE D INCARICO PROFESSIONALE PER L ATTIVITA DI VERIFICA E ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI IN DIVERSI EDIFICI PUBBLICI E

Dettagli

Tracciabilità dei flussi finanziari

Tracciabilità dei flussi finanziari Tracciabilità dei flussi finanziari (Aggiornamento al 20 gennaio 2011) A - Quesiti relativi alla tracciabilità dei contratti stipulati dopo il 7 settembre 2010. B -Quesiti relativi alle modalità di attuazione

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 1026 DEL 04/12/2013 PROPOSTA N. 224 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2091 22/10/2013 OGGETTO: Impegno di spesa per inserimento di uno spazio nell'elenco telefonico

Dettagli

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola D E T E R M I N A Z I O N E N. 20 Data: 15/04/2014 OGGETTO: DETERMINA A CONTRARRE PER L ACQUISTO DI FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER GLI UFFICI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n.

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Fornitura di prodotti per il Servizio di Medicina Nucleare del POR di Ancona. CIG CONTRATTO DI FORNITURA TRA l INRCA, Istituto

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 786 DEL 17/10/2011 PROPOSTA N. 188 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 319 DEL 13/04/2011 PROPOSTA N. 73 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Economato

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 10/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 1985 10/10/2013 OGGETTO: "Servizio di derattizzazione istituti scolastici". Affidamento e

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO. tra

BOZZA DI CONTRATTO. tra BOZZA DI CONTRATTO tra la società TRM SpA, con sede legale in Torino, via P. Gorini, n. 50, Partita Iva e Cod. Fisc. 08566440015, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, (qui di seguito

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 322 DEL 24/05/2013 PROPOSTA N. 79 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 130 DEL 10/02/2011 PROPOSTA N. 20 Centro di Responsabilità: Servizi Cultura / Associazionismo / Istruzione Servizio: Servizi Cultura / Associazionismo

Dettagli

dichiara, sotto la propria personale responsabilità:

dichiara, sotto la propria personale responsabilità: Fac simile Modulo B), lì Spett.le VERONA INNOVAZIONE Azienda Speciale della CCIAA di Verona C.so Porta Nuova, 96 37122 VERONA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Dichiarazione sostitutiva di certificazione (art.

Dettagli

OSSERVATORIO SULL AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FOR- NITURE:

OSSERVATORIO SULL AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FOR- NITURE: OSSERVATORIO SULL AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FOR- NITURE: DISCIPLINA DEI PAGAMENTI NEI CONTRATTI PUB- BLICI DI FORNITURE E SERVIZI dell Avv. Maurizio Dell Unto

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 1075 DEL 12/12/2013 PROPOSTA N. 248 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 62 DEL 10/02/2014 PROPOSTA N. 13 Centro di Responsabilità: Organizzazione e Gestione del Personale Servizio: Servizio Gestione Risorse Umane

Dettagli

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino CITTA DI SANTENA Provincia di Torino Determinazione del Responsabile dei Servizi di Direzione e di Staff N. 31 Data 29/01/2014 n. 16/Servizi di Direzione e di Staff OGGETTO Servizio accertamento IMU (Imposta

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA MINISTERO DELLA DIFESA Direzione Generale dei Lavori e del Demanio U.G.C.T. 2 Ufficio 1^ Sezione Prot. M_D/GGEN/05/20120 /21/104/10 Roma, 7 MARZO 2011 Allegati: 5 Oggetto: Tracciabilità dei flussi finanziari:

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A SERVIZI TECNICI GESTIONALI PROGRAMMA N. 4 (DETERMINAZIONE N. 48 DEL PROGRAMMA N. 4) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI TECNICI GESTIONALI N.

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 939 DEL 07/12/2011 PROPOSTA N. 100 Centro di Responsabilità: Servizi Cultura / Associazionismo / Istruzione Servizio: Servizi Culturali OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 745 DEL 31/12/2012 PROPOSTA N. 175 Centro di Responsabilità: Serv. Segret., Contratti, Economato, Patr., Espropri, Soc. Part., Inf., Stat.

Dettagli

COMUNE DI FARA IN SABINA. Provincia di Rieti. Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO

COMUNE DI FARA IN SABINA. Provincia di Rieti. Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO repertorio n Agenzia delle Entrate Registrato a Rieti il n serie versati COMUNE DI FARA IN SABINA Provincia di Rieti Repubblica Italiana CONTRATTO DI APPALTO DI SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE DELLO SPORTELLO

Dettagli

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COMUNE DI TAVERNOLA BERGAMASCA Provincia di Bergamo Via Roma, 44 24060 Tavernola Bergamasca Tel. 035/931004-932612 Fax 035/932611 Codice Fiscale e Partita IVA: 00547770164 N. 8 SERVIZIO COMPETENTE: SGT/5

Dettagli

Determinazione del Funzionario Responsabile SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE

Determinazione del Funzionario Responsabile SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE COMUNE DI MEZZANA PROVINCIA DI TRENTO COPIA Determinazione del Funzionario Responsabile SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE Numero 19 di data 28/01/2014 Oggeto: AFFIDAMENTO INCARICO ALLA DITTA SODEXO MOTIVATION

Dettagli

MODULO I Al Consorzio di Valorizzazione Culturale LA VENARIA REALE Piazza della Repubblica, 4 10078 Venaria Reale (TO) DICHIARAZIONE AMMINISTRATIVA

MODULO I Al Consorzio di Valorizzazione Culturale LA VENARIA REALE Piazza della Repubblica, 4 10078 Venaria Reale (TO) DICHIARAZIONE AMMINISTRATIVA MODULO I Al Consorzio di Valorizzazione Culturale LA VENARIA REALE Piazza della Repubblica, 4 10078 Venaria Reale (TO) DICHIARAZIONE AMMINISTRATIVA ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA CAVALIERI, MAMELUCCHI E SAMURAI.

Dettagli

progettazione e realizzazione di un programma di formazione dal titolo Scuola

progettazione e realizzazione di un programma di formazione dal titolo Scuola N. di Raccolta SCRITTURA PRIVATA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI FORMAZIONE DAL TITOLO SCUOLA PER L AUTOIMPRENDITORIALITÀ SIPAVIA TRA La Provincia di Pavia

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 27/03/2014. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 27/03/2014. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 569 27/03/2014 OGGETTO: Riparazione dell'impianto elevatore n 10207275 attivo nella Casa Municipale

Dettagli

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto:

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto: Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità n 224 del 31/05/2013 Struttura organizzativa : Settore bilancio e finanze Dirigente responsabile : Dirigente Mascagni Fabrizio

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 140 DEL 8/8/2013 OGGETTO: Affidamento servizi postali del Comune di Bari Sardo. Proroga convenzione mesi 1 convenzione

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 509 DEL 29/06/2011 PROPOSTA N. 69 Centro di Responsabilità: Servizio Lavori Pubblici, Manutenzioni Servizio: Servizio Lavori Pubblici, Manutenzioni

Dettagli

importo complessivo di 39.920,00 di cui.1.920,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso.

importo complessivo di 39.920,00 di cui.1.920,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO Prot. n. del Spett.le Società PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO CIG. Z36145B8CB CUP. F67H15000370004 1 OGGETTO DELL APPALTO E IMPORTO A BASE

Dettagli

Adempimenti fiscali 9 marzo 2011

Adempimenti fiscali 9 marzo 2011 Adempimenti fiscali 9 marzo 2011 Telefoni cellulari e microprocessori DATA ENTRATATA IN VIGORE : 1/4/2011 Per la vendita di apparecchiature che si connettono alla rete telefonica tramite sim (cellulari

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO La sottoscritta... con sede in... via... n.... Tel.... Fax... appaltatrice del lavoro denominato: C.I.G. n.... come da contratto Rep. n.... del... C H I E D E 1)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di presidi chirurgici e protesi per il Servizio di Radiologia Interventistica cardiologica

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 80 DEL 07/02/2013 PROPOSTA N. 25 Centro di Responsabilità: Servizio Lavori Pubblici, Manutenzioni, Ambiente, Gestione Energia Servizio: Servizio

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO,

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, CONTRATTO REP. N. DEL AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, ESTESO AL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI AVELLINO E BENEVENTO

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Urbanistica - Edilizia SETTORE : Mameli Giovanni Antonio. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 14/08/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Urbanistica - Edilizia SETTORE : Mameli Giovanni Antonio. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 14/08/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Urbanistica - Edilizia Mameli Giovanni Antonio DETERMINAZIONE N. in data 1649 14/08/2013 OGGETTO: Acquisto dalla società Nicola Zuddas srl il modulo aggiuntivo al

Dettagli

Determinazione del Direttore n. 89 del 09-10-2015

Determinazione del Direttore n. 89 del 09-10-2015 CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO compresi nel Bacino Imbrifero Montano dell'adige Trento - Piazza Centa, 13 Determinazione del Direttore n. 89 del 09-10-2015 Oggetto: Incarico di assistenza

Dettagli