STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ"

Transcript

1 STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ

2 A cura di: Maria Litido, Gaia Righini, Francesca Cappellaro, Rovena Preka, Mario Tarantini, Arianna Dominici, ENEA Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile, Bologna, Italia (Giugno 2011) Coordinamento esecutivo: Aster Maggio 2013 Pubblicazione realizzata nell ambito del progetto PLASTiCE - programma CENTRAL-EUROPE cofinanziato dal FESR

3 Il percorso dello Sviluppo Sostenibile negli ultimi venti anni ha visto nascere e maturare strumenti tecnologici e metodologici che, messi a punto dalla ricerca, sono diventati indispensabile cassetta degli attrezzi non solo per il mondo produttivo ma anche per la Pubblica Amministrazione (locale e Centrale), gestore e motore della sostenibilità territoriale. La recessione economica , da un lato, e i cambiamenti climatici sempre più evidenti, dall altro, stanno, inoltre, modificando in modo sempre più apprezzabile la percezione della popolazione, dei policy maker e del settore ricerca sulle reali possibilità, sulla disponibilità e sull efficacia di strumenti di intervento, in grado di aggiustare il tiro, coniugando l economia con l ambiente e gli aspetti sociali. In questo senso, tali strumenti, in quanto utili a realizzare il processo di costruzione dello Sviluppo Sostenibile e, a maggior ragione, a definire che cosa si debba intendere per Green Economy (ref. A), costituiscono un settore di ricerca trasversale, di più, di inquadramento dell intera Area Tematica. Vengono qui presentati tutti gli strumenti (metodologici oltre che tecnologici) che in ogni settore produttivo, ma anche nella gestione del territorio, sono di supporto a decisioni, strategiche o operative, per realizzare un prodotto finale (nel senso più ampio del termine, inteso come attività, prodotto o servizio, privato o pubblico) realmente sostenibile. Misurare l impatto è strategico, perché significa disporre di dati reali sui quali fondare le scelte ad ogni livello, dalle Politiche Ambientali alle scelte dei singoli consumatori. Pertanto, sono compresi anche gli strumenti che valutano la sostenibilità di sistemi, prodotti e servizi, misurandone l impatto sull ambiente, sull economia e sulla società. L obiettivo comunitario fondamentale di costruire un economia di Consumo e Produzione Sostenibile vede inoltre come stakeholder della ricerca, da un lato, la Pubblica Amministrazione, nel ruolo di responsabile della governance di un territorio e del suo sviluppo sostenibile, anche nei confronti dei cittadini e, di conseguenza, anche della cultura che diffonde; dall altro, di tutti i settori industriali e produttivi, come principali target dell obiettivo di miglioramento delle prestazioni ambientali in un ottica di vantaggi non solo ambientali, ma anche di competitività e di apertura di nuovi mercati. Nel suo complesso, la Green Economy è considerata come il prodotto dell attuale contesto di duplice crisi ambientale ed economica, all interno del quale si configura come il tentativo di trovare risposte concrete e operative allo stato di crisi, di portata epocale, la cui risoluzione può nascere solo da precise inversioni di rotta su una serie di fronti.

4 Dal World Summit di Johannesburg del 2002 la comunità internazionale si è posta dunque l obiettivo di cambiare i modelli di consumo ed i sistemi di produzione nella direzione della sostenibilità ambientale, attraverso un programma di attività e progetti volti a promuovere iniziative regionali e nazionali, a sostegno di modelli di produzione e consumo sostenibili. In questo ambito la task force dell UNEP indirizza l attenzione soprattutto sui settori dell edilizia, degli acquisti pubblici, dei prodotti sostenibili, della cooperazione e del turismo promuovendo anche l educazione al consumo con specifici stili di vita; nel report del vengono definiti gli approcci principali di intervento globali per la transizione verso un Economia Green. L Unione Europea identifica la produzione ed il consumo sostenibile come una sfida cruciale e prioritaria di questo decennio. L obiettivo è quello di migliorare le prestazioni ambientali dei prodotti e di accrescere la domanda di prodotti e tecnologie a ridotto impatto ambientale creando sinergie tra i vari strumenti politici attraverso un approccio integrato tra progettazione ecocompatibile, etichettatura dei prodotti, incentivi, appalti pubblici e consumi più intelligenti. I singoli Stati Membri promuovono varie forme di strategie attraverso programmi quadro e piani d azione nazionali prevedendo interventi su cluster e filiere indirizzati ad evidenziare le eccellenze regionali e a migliorarne le prestazioni ambientali: si punta su azioni che analizzino la catena di fornitura dei prodotti ed azioni dirette alla visibilità di mercato con progetti su strumenti volontari e per il miglioramento della Governance regionale. In analogia agli indirizzi del Consiglio e della Commissione Europea, come risulta dai documenti più recenti 2, rafforzare la ricerca di settore e il rapporto tra Scienza e Policy costituiscono l obiettivo strategico da perseguire per costruire una reale Green Economy basata su: Green Management: i sistemi di governance richiedono politiche, regole e controllo incisivi; il peso delle politiche pubbliche di incentivazione e disincentivazione, delle normative e degli standard sarà determinante nei prossimi anni per il cambiamento necessario; gli strumenti, cogenti o volontari, saranno di grande supporto in questo cambiamento e si renderà necessario anche investire in formazione dei decisori e dei tecnici perché il mainstreaming ambientale nel governo del territorio non resti azione puntuale e di nicchia, ma ne venga riconosciuta la trasversalità a tutti i settori di intervento.

5

6 Green Production: abbiamo sempre più bisogno di imprese che producano beni e servizi ad alta valenza ecologica, condotte e gestite con criteri di sostenibilità ecologica; questo si ottiene migliorando il rapporto tra ricerca e aziende, favorendo la messa a punto di strumenti efficaci, adeguati e di uso semplice per gli operatori. Inoltre, la diffusione dei risultati, la comunicazione ambientale, una corretta e sempre più capillare informazione al cittadino saranno estremamente importanti al fine di evitare il rischio di green washing. Green Lifestyle: il consumo sostenibile perseguito nelle attuali politiche comunitarie richiede la costruzione di una nuova tipologia di consumatore, un cambio culturale, che, forse, sarà il target più difficile da raggiungere nei prossimi anni, e che occorrerà conciliare con i bisogni di un economia, finora, basata sul consumo, che anch essa dovrà cercare una nuova modalità di funzionare. Green Technology: è determinante il contributo dell innovazione tecnologica e, quindi, degli strumenti di ricerca che consentono di progettare tecnologie innovative e più rispettose dell ambiente, con le quali sia possibile produrre meglio, con minore consumo di risorse naturali e minore inquinamento. I key tool identificati possono essere raggruppati in quattro categorie principali: Strumenti per una Governance sostenibile, Metodi e strumenti per la valutazione ambientale, economica e sociale, Strumenti per la gestione ambientale e certificazioni, Strumenti per la progettazione sostenibile.

7 1. GLI STRUMENTI PER UNA GOVERNANCE SOSTENIBILE Il percorso dello Sviluppo Sostenibile, è stato caratterizzato, a livello politico comunitario e internazionale, da un lato, da una progressiva evoluzione del diritto internazionale in materia ambientale, preponderante in una prima fase storica (approccio cosiddetto del command and control); dall altro, dalla nascita degli strumenti volontari, che le organizzazioni possono applicare per migliorare le proprie performance ambientali con continuità. Tra gli strumenti cogenti, i più importanti sono la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e la Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Già dall iniziale definizione, la VIA, strumento di politica volto a valutare nuovi progetti, che possono avere impatti significativi sull ambiente e sono soggetti ad autorizzazione da parte delle competenti autorità, è diventata uno degli strumenti cardine della politica comunitaria in materia ambientale. La VAS nasce per valutare gli effetti di piani e programmi sull ambiente naturale, integrando così la dimensione ambientale nei processi decisionali strategici. Le maggiori carenze che permangono negli studi di VIA riguardano la difficoltà di affrontare gli impatti connessi con tutte le componenti ambientali, senza escluderne nessuna, adottando un approccio olistico indispensabile per definire adeguatamente il quadro degli impatti prodotti da un progetto. Per quello che riguarda il trend attuale di VIA e VAS, occorre tener presente che le modifiche normative sia a livello comunitario sia a livello nazionale e locale continuano a richiedere affinamenti che, spesso, causano problemi e competenze scientifiche a volte non reperibili presso le Autorità Competenti. Quantità e qualità di prodotti e servizi sono all origine di gran parte dei consumi di risorse e di energia e degli altri impatti ambientali, la cui corretta valutazione richiede di considerare l intero ciclo di vita (estrazione delle materie prime, produzione, distribuzione, uso, fine vita). Interventi tecnologici ed organizzativi appropriati su ciascuna delle fasi del ciclo di vita possono consentire notevoli miglioramenti ambientali. La Commissione Europea ormai da diversi anni promuove un approccio integrato alle politiche ambientali, diretto a favorire un ottica preventiva e di miglioramento degli impatti ambientali mediante il coordinamento di strumenti esistenti (obblighi normativi, tasse, incentivi economici-fiscali-assicurativi, strumenti volontari) e la loro implementazione in processi e servizi. Tale approccio è stato confermato dal Piano d Azione per la Produzione e Consumo Sostenibile (PCS) e

8 per le politiche industriali di sostenibilità (2009) il cui obiettivo principale è creare un circolo virtuoso per migliorare le performance ambientali dei prodotti lungo tutto il loro ciclo di vita, promuovendo e stimolando la domanda di prodotti e tecnologie di produzione migliori e aiutando i consumatori nella scelta. Il Green Public Procurement (GPP) (ref. B, C) è uno degli strumenti cardine della politica ambientale comunitaria su Produzione e Consumo Sostenibile, riconosciuto quale strumento fondamentale per incentivare la sostenibilità dei modelli di produzione e consumi, in grado cioè di stimolare il mercato e favorire l innovazione tecnologica, incoraggiando lo sviluppo di prodotti ad alta efficienza ambientale lungo l intero ciclo di vita. In merito, l UE non solo ha definito a livello comunitario specifici criteri ambientali per alcune categorie di prodotti (ref. D), ma ha anche incoraggiato gli Stati membri ad adottare specifici Piani d Azione Nazionali (PAN) per la definizione di criteri nazionali, che recepiscano i criteri europei, e per definirne di nuovi sulla base delle indicazioni comunitarie, evitando così distorsioni del mercato. Il PAN italiano è stato approvato dal MATTM nel 2008 (ref. E) con l obiettivo di identificare alcune categorie merceologiche prioritarie d intervento per l elaborazione di Criteri Ambientali Minimi (CAM) (ref. F). L attività di ricerca in questo campo riguarda la messa a punto dei BREF (Bat References), dei CAM su un numero sempre più vasto di categorie di prodotto e alla diffusione delle BAT nel settore produttivo.

9

10 2. METODI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE, ECONOMICA E SOCIALE Tra le metodologie per le valutazioni quella più affermata e diffusa è la valutazione del ciclo di vita, o LCA, Life Cycle Assessment, assunta a standard nelle norme della serie ISO , che consente di effettuare uno studio completo sugli impatti ambientali di un prodotto dalla culla alla tomba, comprendendo quindi l estrazione e la lavorazione delle materie prime, la fase di fabbricazione del prodotto, il trasporto e la distribuzione, l utilizzo e l eventuale riutilizzo del prodotto o delle sue parti, la raccolta, lo stoccaggio, il recupero e lo smaltimento finale dei relativi rifiuti. A livello internazionale organismi come la UNEP 4 e la SETAC 5 stanno portando avanti iniziative la cui mission è diffondere l approccio di ciclo di vita nel mondo (Life Cycle Initiative) (ref. G). In questo contesto si è anche costituita la European Platform on Life Cycle Assessment (EPLCA) (ref. H) promossa dalla Comunità Europea, che ha permesso lo sviluppo di strumenti utili quali il manuale per l LCA (ILCD Handbook) e il database europeo per l LCA (ELCD database). L approccio Life Cycle Thinking promette di essere nel futuro quello vincente da applicare, a 360, ad attività, prodotti e servizi per abbattere al massimo l inquinamento e il consumo di risorse. Al fine di perseguire uno Sviluppo Sostenibile, la modellistica ambientale assume un ruolo fondamentale nell analisi del territorio, nella definizione degli indirizzi di policy e nel supporto alle attività tecnologiche. In particolare i sistemi integrati di modellistica atmosferica forniscono gli elementi di base per contabilizzare le pressioni ambientali generate dalle attività produttive e di consumo, quali emissioni di anidride carbonica CO 2, protossido di azoto N 2 O, metano CH 4, ossidi di azoto NOx, ossidi di zolfo SOx, ammoniaca NH3, monossido di carbonio CO, particolato, piombo Pb. È possibile la valutazione dell impatto di tali emissioni sulla salute e sulla vegetazione contribuendo alla determinazione degli indici aggregati di effetto serra, acidificazione e ozono troposferico. In Italia il recente Decreto Legislativo 155/2010 recepisce la direttiva europea 2008/50/CE per la qualità dell aria ambiente ai fini della tutela della salute umana e dell ambiente. Le emissioni in atmosfera costituiscono uno dei parametri principali dei conti ambientali (EA Environmental Accounts) nella matrice RAMEA (Regional Accounting Matrix including EA) di contabilità ambientale adottata dalla Regione Emilia-Romagna (ref. I). Essa è un sistema contabile che permette di effettuare letture integrate di dati economici e ambientali e di essere utilizzata a sostegno delle politiche di sostenibilità ambientale regionale inserite nel tessuto produttivo

11 del territorio. La valutazione dell inquinamento atmosferico avviene con la caratterizzazione degli inquinanti e la simulazione del loro comportamento in atmosfera. Il sistema modellistico integrato MIN- NI 6 (ref. J, K), sviluppato da ENEA per conto del Ministero dell Ambiente, è stato applicato a scala nazionale per la simulazione della dispersione dei principali inquinanti atmosferici, per la valutazione dei costi e dell efficacia di scenari emissivi alternativi. L utilizzo di sistemi modellistici di valutazione integrata a supporto delle politiche di riduzione delle emissioni è diffuso a livello internazionale in sede UNE- CE 7 per la revisione del protocollo di Göteborg e nei programmi 8 della Commissione Europea. Il trend individuato riguarda dunque l implementazione dei modelli per la traduzione degli scenari energetici e delle attività produttive in scenari emissivi e di impatto dei gas serra e degli inquinanti tradizionali, allo scopo di definire strategie di riduzione dell inquinamento atmosferico. Nell ottica di un approccio ecosistemico che favorisca l inserimento degli obiettivi ambientali nelle politiche e nei piani di sviluppo socio-economici a livello regionale e settoriale, è di interesse strategico lo sviluppo di strumenti per l integrazione di modelli di trasporto di inquinanti in atmosfera con modelli di valutazione di impatto e dei costi delle politiche per la riduzione dell inquinamento. Costituisce inoltre una priorità l applicazione delle metodologie di analisi integrata delle varie componenti ambientali basata sui multimedia models per lo studio delle concentrazioni e trasporto degli inquinanti in aria, acqua e suolo. La Contabilità Ambientale, forse lo strumento più diffuso di Governance sostenibile, è nata dalla necessità di riformare i sistemi di definizione e controllo delle strategie pubbliche con procedimenti adeguati a misurare la sostenibilità dello sviluppo del territorio, ossia capaci di internalizzare la variabile ambientale nelle decisioni politiche: è infatti lo strumento sviluppato per rileggere ed interpretare le attività ambientali e migliorare le politiche in direzione della sostenibilità. Lo stato attuale della diffusione a livello mondiale delle pratiche di Contabilità Ambientale mostra tuttora un evidente debolezza derivante dalla mancanza di un consenso internazionale sulla metodologia. Inoltre, la costruzione dei conti è un processo lento, dato l impiego di serie storiche di dati: quindi, la loro costruzione richiede impegno istituzionale e finanziario di durata abbastanza lunga da assicurare che l investimento produca i suoi effetti (impegno difficile per molti paesi). L esperienza ha dimostrato che c è ancora un forte distanza

12 tra: la domanda di Indicatori ambientali, il lavoro concettuale correlato e la reale capacità di catturare e convalidare i dati necessari. Nonostante i progressi, le differenze tra i vari paesi possono essere considerevoli e ottenere la comparabilità dei dati richiede un continuo monitoraggio, analisi, trattamento e feed-back (http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/environmental_accounts/ introduction). Uno degli strumenti sui quali la ricerca scientifica e l azione politica si incontrano è costituito dagli Indicatori di Sostenibilità, necessari per saldare la conoscenza con la scelta politica, tramite la valutazione delle prestazioni, in termini di sostenibilità, dei sistemi che vanno governati e delle azioni di governo. Pertanto, la messa a punto di insiemi di indicatori di sostenibilità fondati su buone teorie, efficaci nell orientare i processi decisionali, efficienti nei monitoraggi, è diventato uno dei compiti primari della ricerca in tema di sostenibilità, poiché dalla loro messa a punto dipende la definizione operativa del concetto stesso di sostenibilità. L argomento è molto studiato e, attualmente, oltre a cercare di individuare Indicatori sempre più adeguati a rappresentare in maniera efficace una situazione, il problema è ottenere e usare Indicatori standard perché le misure delle prestazioni abbiano oggettività e confrontabilità nello spazio e nel tempo. Una tipologia di Indicatori sui quali c è molta attenzione scientifica è quella delle Impronte, riguardanti il consumo di una specifica risorsa o il contributo ad un impatto globale. La Carbon Footprint esprime in tonnellate di CO 2 equivalente (CO 2 eq), il contributo all effetto serra dato da un prodotto, un servizio o un organizzazione. Questo indicatore consente di definire una strategia per la riduzione delle emissioni e, inoltre, di monitorare l efficacia e l efficienza delle politiche di gestione seguite da un impresa per il raggiungimento ad esempio dell obiettivo di riduzione dei gas serra, proposto dall Unione Europea nella Strategia integrata in materia di energia e cambiamenti climatici del 2008 (ref. L). Per il calcolo della Carbon Footprint relativo ad un prodotto si può ad esempio adottare l approccio LCA limitato alla valutazione del solo effetto serra. La Water Footprint misura l utilizzo d acqua in termini di volume (espresso in m3) di acqua consumata (evaporata) e/o inquinata per unità di tempo, impiegata per la realizzazione di cibo, vestiti e prodotti che ciascun individuo consuma (ref. M). È un Indicatore alla stregua dell Impronta Ecologica, la Ecological

13

14 Footprint che misura la superficie (in termini sia di terra sia di acqua) necessaria a rigenerare le risorse consumate da una popolazione umana e ad assorbire i rifiuti prodotti. Questo settore di ricerca, che ha acquisito notevole visibilità, anche a livello di comunicazione ambientale risolta al consumatore, presenta apprezzabili potenzialità di sviluppo (l ultima sfida lanciata riguarda la Chemical Footprint) circa la possibilità di misurare correttamente ed esaustivamente l impatto ambientale prodotto, evitandolo.

15 3. STRUMENTI PER LA GESTIONE AMBIENTALE E CERTIFICAZIONI I Sistemi di Gestione (Ambientale, per l Energia, ecc.) rappresentano lo strumento volontario di maggiore successo nel percorso dello Sviluppo Sostenibile, più diffuso e stabile, la cui implementazione, nel settore Ambiente, non ha subito flessioni neppure nel corso delle recente crisi economica mondiale (ref. N). La loro fortuna dipende, da un lato, dall essersi dimostrati uno strumento efficace per migliorare con continuità le prestazioni ambientali di un organizzazione e, dall altro, dalla visibilità che deriva dalla loro certificazione di parte terza (ISO 14001, EMAS (ref. O)). La Regione Emilia-Romagna si conferma ai primi posti in classifica sulle certificazioni ambientali con un trend positivo nonostante la recente recessione economica. L interesse scientifico sugli strumenti di certificazione è altissimo, data la possibilità di estensione ancora notevole sul mercato e l integrazione con i recentissimi Sistemi di Gestione dell Energia, molto spinti a livello di Politiche Ambientali, anche dal punto di vista dei finanziamenti. L LCA è anche alla base di sistemi e strumenti a supporto della gestione ambientale quali, ad esempio, etichette e dichiarazioni ambientali di prodotto oggetto delle norme ISO (Ecolabel (ref. P), autodichiarazioni, EPD (ref. Q), Carbon e Water Footprint). Negli ultimi anni è stato registrato un grande interesse a livello europeo sui marchi di prodotto, con lo scopo principale di fornire informazioni ai consumatori. Dal 1998 al 2009 vi è stato un trend positivo di crescita sia del numero totale di licenze rilasciate, sia del numero di prodotti e servizi etichettati Ecolabel, il marchio europeo di qualità ecologica per eccellenza. Anche l EPD (Environmental Product Declaration, o DAP, Dichiarazione Ambientale di Prodotto) è un marchio riconosciuto a livello internazionale LCA-based che permette di qualificare e quantificare la prestazione ambientale complessiva di un prodotto/servizio, attraverso la comunicazione di informazioni oggettive, confrontabili e credibili. L Emilia-Romagna è tra le prime Regioni in Italia ad aver colto le opportunità offerte dall EPD attraverso il progetto Valorizzazione dei prodotti dell Emilia-Romagna tramite la certificazione EPD (ref. R). I settori produttivi che finora hanno mostrato maggiore interesse sono: il metalmeccanico (con 15 linee di prodotti registrati) e i non metalli (con 10 linee di prodotti etichettati). Tra i marchi di prodotto in crescita si evidenziano quelli relativi alla Certificazione della gestione forestale che prevede il rilascio di un certificato attestante che le forme di gestione boschiva rispondono a determinati requisiti di sostenibilità (PEFC, Programme for Endorsement of Forest Certification schemes, (ref. S) e FSC, Forest Stewardship Council, (ref. T)).

16 Il concetto di Area Industriale Sostenibile dotata di requisiti tecnici ed organizzativi finalizzati a minimizzare e a gestire in modo integrato le pressioni sull ambiente, nasce con l obiettivo di organizzare un sito produttivo in modo da agevolare, sia economicamente che tecnicamente, le singole imprese insediate a realizzare i loro obiettivi ambientali, siano essi prescrittivi o volontari. Ci sono molti esempi di Aree Industriali Sostenibili ma non esiste una definizione condivisa, infatti la nomenclatura è vasta: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA), Aree Produttive Ecologicamente e Socialmente Attrezzate (APSEA), Aree Ecologicamente Attrezzate (AEA), Aree Industriali Sostenibili (AIS), Eco-Industrial Park (EIP) ecc. Ogni realtà di Area applica una o più strategie per ridurre i propri impatti ambientali (sostenibilità degli edifici, impiantistica reti comune per trattamento reflui, gestione dei rifiuti, gestione ambientale e monitoraggio delle performance, certificazioni ambientali di sistema, servizi alle aziende delle aree, ecc.) Oggi le AIS costituiscono un modello di organizzazione industriale di grande interesse dal punto di vista economico e ambientale, oggetto di sperimentazione e finanziamenti a livello internazionale e nazionale. A livello italiano, la normativa vigente (D. Lgs. 112/98, art. 26) indica nelle APEA il possibile strumento per conciliare lo sviluppo economico con il rispetto e la tutela dell ambiente e la crescita sociale del territorio. L Emilia-Romagna ha stabilito una specifica normativa, emesso specifiche Linee Guida e finanziamenti ad hoc per favorirne la diffusione. Le attuali sperimentazioni in corso progetti con finanziamenti di programmi comunitari o regionali riguardano vari aspetti tra i quali l innovazione di tecnologie e di servizi e una migliore definizione del ruolo e delle responsabilità del Soggetto Gestore, possibilmente senza crescita dei costi. Oggetto di attività di ricerca è, inoltre, la possibilità di definire un modello unico e condiviso per la gestione delle Aree Industriali Sostenibili a livello europeo, con modalità flessibili ma confrontabili.

17 4. STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE SOSTENIBILE All interno delle politiche di PCS si sono sviluppate tecniche di Ecodesign (ref. U) che introduce un ottica preventiva nella produzione. Le decisioni prese durante la progettazione di prodotti e servizi determinano largamente il loro impatto potenziale sull ambiente: materiali, forma, peso, processi di produzione, durata sono aspetti cruciali che devono essere considerati in dettaglio per prevenire o minimizzare gli impatti dei prodotti e servizi finiti (si veda lo standard ISO 14062). I vantaggi provenienti dall applicazione di questo approccio sono ambientali, economici, commerciali, in quanto attraverso l individuazione delle problematiche ambientali all interno di processi produttivi è possibile intervenire a livello industriale per lo sviluppo e il miglioramento della qualità del prodotto mediante anche un confronto con scenari alternativi.

18 BIBLIOGRAFIA, SITOGRAFIA E LINK A DOCUMENTI A. Il mondo produttivo e la Green Economy. Green Economy in Emilia-Romagna, ERVET, B. Commissione Europea, Comunicazione COM(2008) 400 definitivo, Appalti pubblici per un ambiente migliore, 16 luglio C. Comm. UE, Ambiente, GPP: D. C. UE, Ambiente, i Criteri Europei: E. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Decreto Interministeriale n. 135, Approvazione del Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione, 11 aprile F. MATTM, i Criteri Italiani: G. UNEP-SETAC Life Cycle Initiative LCI. H. Joint Research Centre European Platform on LCA. I. Bonazzi E., Sansoni M., (2010) Fare i conti con l ambiente, le matrici NAMEA E RAMEA ecoscienza Numero 2. J. Zanini G., Mircea M., Briganti G., Cappelletti A., Pederzoli A., Vitali L., Pace G., Marri P., Silibello C., Finardi S., Calori G., (2010) Modeling Air Quality over Italy with MINNI Atmospheric Modeling System: from Regional to Local Scale (2010) Proceedings of 31st NATO/SPS International Technical Meeting on Air Pollution Modelling and its Application held 27 September - 1 October, 2010 in Torino, Italy. K. D Elia, I., Bencardino, M., Ciancarella, L., Contaldi, M., Vialetto, G. (2009) Technical and Non-Technical Measures for air pollution emission reduction: The integrated assessment of the regional Air Quality Management Plans through the Italian national model Atmospheric Environment 43 (39), pp L. Commissione Europea Strategia integrata in materia di energia e cambiamenti climatici M. Hoekstra, A.Y., Chapagain, A.K., Aldaya, M.M., Mekonnen, M.M., Water Footprint Manual: State of the Art Water Footprint Network, Enschede, The Netherlands N. La diffusione degli strumenti volontari per la gestione della sostenibilità in Emilia- Romagna, ERVET, edizione O. EMAS, P. E.C. DG Environment Q. EPD, R. Global Environmental Declarations Network, S. PEFC, T. FSC, U. Brezet, H. and van Hemel, C., Editors, ECODESIGN a promising approach to sustainable production and consumption, United Nations Publication, UNEP, Paris, France.

19

20 Note 1. UNEP (2011) Towards a Green Economy: Pathways to sustainable Development and Poverty Eradication-A synthesis for Policy Makers. 2. Council of the European Union, Improving environmental policy instruments. Council conclusions, Brussels, 21 december Commissione delle Comunità Europee, Integrare lo sviluppo sostenibile nelle politiche dell UE: riesame 2009 della strategia dell Unione Europea per lo sviluppo sostenibile, COM(2009) 400 definitivo. 4. EU Research for the Environment, 2010 Revision, European Commission, Research Area, Il mondo produttivo & la Green Economy, ERVET, aprile Gli strumenti per lo sviluppo della Green Economy, E. Ronchi, Alfabeta, Sito: en.htm (Environment and Research) 8. Per tutte le Norme ISO citate nel capitolo si faccia riferimento ai siti dell ISO (www. iso.org) o dell UNI (Ente Nazionale Italiano di UNIficazione, 9. United Nations Environment Programme 10. Society of Environmental Toxicology and Chemistry United Nation Economic Commission for Europe 13.

21

22

23 progetto grafico e stampa

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL BENESSERE AD AREZZO

LA MISURAZIONE DEL BENESSERE AD AREZZO LA MISURAZIONE DEL BENESSERE AD AREZZO Promozione della misurazione del benessere in ambito locale urbano secondo un approccio di sviluppo umano UmanamENTE Politiche per uno sviluppo umano sostenibile

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Analisi della normativa comunitaria e nazionale rilevante per gli impatti, la vulnerabilità e l adattamento ai cambiamenti climatici

Analisi della normativa comunitaria e nazionale rilevante per gli impatti, la vulnerabilità e l adattamento ai cambiamenti climatici Analisi della normativa comunitaria e nazionale rilevante per gli impatti, la vulnerabilità e l adattamento ai cambiamenti climatici Rapporto tecnico- giuridico della Strategia Nazionale di Adattamento

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE GLI INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Maria Berrini - presidente di Ambiente Italia Istituto di Ricerche (su ricerche e testi predisposti in collaborazione con Duccio Bianchi, Lorenzo Bono, Michele

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Relazione SINCERT Novembre 2005 LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

Dettagli

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano % %Green Economy: per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano Giugno 2013 II Premessa La crescita, secondo le teorie economiche, è frutto dell accumulo del capitale e dell

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO

PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO PROJECT MANAGEMENT PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE EUROPEO Gestire il turismo con successo Project Management per lo sviluppo sostenibile europeo Project Management per lo Sviluppo Sostenibile Europeo Prima

Dettagli

METODI PER LA SOSTENIBILITÀ NELL INDUSTRIA MANUFATTURIERA

METODI PER LA SOSTENIBILITÀ NELL INDUSTRIA MANUFATTURIERA METODI PER LA SOSTENIBILITÀ NELL INDUSTRIA MANUFATTURIERA tratto da Scenari Tecnologici per l Emilia-Romagna: Sustainable Manufacturing a cura della Direzione Tecnica di UCIMU SISTEMI PER PRODURRE Coordinamento

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

La Valutazione di Impatto sulla Salute

La Valutazione di Impatto sulla Salute 02>10 La Valutazione di Impatto sulla Salute un nuovo strumento a supporto delle decisioni inceneritori salute 1 moniter 2 Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Servizio Comunicazione,

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014

Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Rapporto sull innovazione in Emilia-Romagna 2014 Sommario 1. L Osservatorio Innovazione: struttura, obiettivi, metodologia e alcune definizioni 3 1.1. Metodologia,

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI con il sostegno di Un ringraziamento a tutti i soci di Federcostruzioni che hanno contributo alla redazione del Primo rapporto

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale

L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale L introduzione dell ottica di genere nei processi di sviluppo locale Modello Europeo e Linee Guida per il progetto internazionale W. In D. Women in Development Davide Barbieri Barbara Bittarelli Flavia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Verso una crescita verde. Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011

Verso una crescita verde. Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011 Verso una crescita verde Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011 Nel giugno del 2009, i Ministri di 34 Paesi hanno firmato la Green Growth Declaration, nella quale dichiaravano il proprio impegno

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Citazione suggerita: Castellari S., Venturini S., Giordano F., Ballarin Denti A., Bigano A., Bindi M., Bosello F., Carrera L.,

Dettagli

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE Customer satisfaction: a che punto siamo Indagine sullo stato di attuazione della direttiva del Ministro per la Funzione pubblica del 24 marzo 2004 sulle rilevazioni della qualità dei servizi percepita

Dettagli