Imprenditoria giovanile II trimestre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprenditoria giovanile II trimestre 2013"

Transcript

1 Imprenditoria giovanile II trimestre 2013 Analisi delle imprese Under-35 registrate nelle C.C.I.A.A. di Campobasso e Isernia Ufficio Studi e Ricerche Settembre 2013

2 Imprenditoria giovanile II trimestre 2013 Natalità e mortalità delle imprese Under-35 registrate presso le Camere di commercio del Molise Quadro generale In Molise, nel secondo trimestre 2013 si contano imprese giovanili 1 registrate di cui dichiarate attive, 362 risultano inattive, 42 in scioglimento o liquidazione e 8 con procedure concorsuali. Le iscrizioni di nuove imprese giovanili (pari a 219 su 543 totali) rappresentano il 40% circa delle iscrizioni e risultano in leggera flessione rispetto alle 231 del primo trimestre ma in linea con le 221 dello stesso periodo di un anno fa. Al contrario diminuiscono le cessazioni nette (senza cioè le cessazioni operate d ufficio): nel secondo trimestre del 2013 ne sono state solo 55, rispetto alle 113 del primo trimestre dello stesso anno e le 63 del secondo trimestre del È evidente già dall analisi di questi primi dati la maggiore vitalità di questa tipologia di imprese tornate a crescere dopo il grave periodo di crisi: ne sono dimostrazione il tasso di crescita (+4,17) il tasso di iscrizione (+5,57) e il tasso di cessazione (+1,40), tutti e tre migliori sia nel confronto congiunturale sia in quello tendenziale. E le cose continuano ad essere positive anche nel confronto con i valori della ripartizione geografica di appartenenza, e con i valori dell intero Paese. Soffermandoci solo sul tasso di crescita, esso risulta superiore a quello delle altre regioni del Sud (+3,23), dell Italia (+3,64) e vicino a quello della ripartizione che ha fatto meglio nel secondo trimestre 2013, il Centro, con +4,24. Nel confronto con le altre regioni, il Molise occupa la settima posizione dopo la Valle d Aosta (+6,28), il Trentino Alto Adige (+4,90), il Lazio (+4,74), la Basilicata (+4,31), l Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia (entrambe con +4,18). Tabella 1: Imprese giovanili registrate (1) in Molise per status d impresa Registrate Attive Iscritte Cessate Valori assoluti Cessazioni al netto CDU Saldo al netto CDU crescita Tasso d'iscrizione Valori percentuali cessazione II ,27 6,70 2,43 III ,73 3,94 1,21 IV ,26 4,04 1,78 I ,57 4,52 2,95 II ,95 5,53 1,58 III ,31 3,56 1,25 IV ,32 5,11 1,79 I ,69 5,27 2,58 II ,17 5,57 1,40 (1) Imprese registrate alla fine del periodo di riferimento (dati di stock), iscrizioni e cessazioni nel periodo (dati di flusso). Il saldo è la differenza fra iscrizioni e cessazioni. In termini di stock, il numero cioè delle imprese registrate, a fine del II trimestre 2013, si contano 154 imprese under-35 in più rispetto al trimestre precedente, in aumento del 3,9% (contro il 3,7% dell Italia), ma in diminuzione di 71 unità (-1,7%) rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente. La contrazione registrata in termini tendenziali si spiega, oltre che con il periodo di crisi che stiamo vivendo, anche con il superamento della soglia dei 35 anni da parte di un cospicuo numero di imprenditori, usciti, così, dal campo di osservazione. Le analisi sulle imprese Under-35, 1 Per impresa giovanile si intende l impresa in cui, alla data di rilevazione, si verifichino le seguenti condizioni: nel caso di imprese individuali, che il titolare abbia meno di 35 anni; nel caso di società, che la partecipazione delle persone under-35 risulti complessivamente superiore al 50% mediando le composizioni di quote di partecipazione e cariche attribuite.

3 infatti, non possono prescindere dal contesto demografico 2 oltre che da quello economico in cui versano. Tabella 2: Demografia delle imprese giovanili nel secondo trimestre 2013 Registrate Attive Iscritte Cessate Cessazioni al netto CDU Saldo al netto CDU crescita Tasso d'iscrizione cessazione ABRUZZO ,61 5,65 2,05 BASILICATA ,31 5,77 1,46 CALABRIA ,39 5,11 1,71 CAMPANIA ,45 4,94 2,48 EMILIA ROMAGNA ,18 6,58 2,40 FRIULI-VENEZIA GIULIA ,18 6,33 2,15 LAZIO ,74 6,67 1,93 LIGURIA ,70 5,96 2,25 LOMBARDIA ,60 5,76 2,16 MARCHE ,78 5,70 1,91 MOLISE ,17 5,57 1,40 PIEMONTE ,71 5,62 1,91 PUGLIA ,49 5,39 1,90 SARDEGNA ,96 5,81 1,85 SICILIA ,43 5,51 2,08 TOSCANA ,70 5,98 2,28 TRENTINO - ALTO ADIGE ,90 6,16 1,27 UMBRIA ,13 5,65 1,52 VALLE D'AOSTA ,28 7,89 1,61 VENETO ,43 5,73 2,30 NORD ,77 5,91 2,14 CENTRO ,24 6,25 2,01 SUD E ISOLE ,23 5,31 2,09 ITALIA ,64 5,73 2,09 Da un confronto con le altre tipologie di imprese, rispetto al primo trimestre del 2013, emerge che le imprese giovanili continuano a crescere con una forza maggiore di quella fatta registrare dalle imprese non-giovanili e dal totale delle imprese registrate, infatti la variazione disegna un trend positivo soprattutto per le imprese Under-35 che, in Molise, segnano ad esempio un +3,9%, rispetto al -0,1% di quelle non giovanili e +0,4% delle imprese totali. Figura 1: Andamento dello stock delle imprese registrate Variazione congiunturale 2T T 2013 Variazione tendenziale 2T T 2012 Il confronto diventa negativo se si analizza la variazione dello stock di imprese ad un anno (variazione tendenziale): sempre per quanto riguarda il Molise, le imprese giovanili subiscono una 2 Una breve analisi del contesto demografico è riportata a fine bollettino

4 variazione negativa di -1,7%, rispetto ad una variazione sempre negativa, ma di minore entità per le imprese non giovanili (-0,4%) e per le imprese in totale (-0,5%). Tabella 3: Stock di imprese e incidenza al 30 giugno 2013 Imprese Giovanili Imprese non-giovanili Regione Valori assoluti Incidenza % Valori assoluti Incidenza % Registrate ABRUZZO ,7% ,3% BASILICATA ,2% ,8% CALABRIA ,0% ,0% CAMPANIA ,6% ,4% EMILIA ROMAGNA ,1% ,9% FRIULI-VENEZIA GIULIA ,4% ,6% LAZIO ,7% ,3% LIGURIA ,6% ,4% LOMBARDIA ,9% ,1% MARCHE ,1% ,9% MOLISE ,7% ,3% PIEMONTE ,9% ,1% PUGLIA ,4% ,6% SARDEGNA ,2% ,8% SICILIA ,6% ,4% TOSCANA ,4% ,6% TRENTINO - ALTO ADIGE ,9% ,1% UMBRIA ,3% ,7% VALLE D'AOSTA ,7% ,3% VENETO ,2% ,8% Nord ,7% ,3% Centro ,5% ,5% Sud e Isole ,9% ,1% TOTALE ,2% ,8% Tabella 4: Variazione tendenziale delle imprese registrate Imprese Giovanili Imprese non-giovanili Regione Var. % Incidenza % Var. % Incidenza % Registrate ABRUZZO -1,8% 10,7% -0,2% 89,3% -0,4% BASILICATA 0,1% 11,2% -1,0% 88,8% -0,9% CALABRIA -3,7% 15,0% -0,2% 85,0% -0,7% CAMPANIA -0,5% 13,6% 0,9% 86,4% 0,7% EMILIA ROMAGNA -4,8% 8,1% -0,4% 91,9% -0,8% FRIULI-VENEZIA GIULIA -3,8% 7,4% -0,7% 92,6% -1,0% LAZIO -0,1% 9,7% 0,9% 90,3% 0,8% LIGURIA -4,3% 8,6% -0,7% 91,4% -1,1% LOMBARDIA -4,0% 8,9% 0,2% 91,1% -0,2% MARCHE -4,9% 9,1% -0,3% 90,9% -0,7% MOLISE -1,7% 11,7% -0,4% 88,3% -0,5% PIEMONTE -5,1% 9,9% -1,1% 90,1% -1,5% PUGLIA -4,3% 12,4% -0,1% 87,6% -0,7% SARDEGNA -5,5% 10,2% 0,0% 89,8% -0,6% SICILIA -2,6% 13,6% 0,1% 86,4% -0,2% TOSCANA -5,2% 9,4% -0,1% 90,6% -0,6% TRENTINO - ALTO ADIGE -1,9% 7,9% -0,2% 92,1% -0,3% UMBRIA -4,1% 9,3% -0,3% 90,7% -0,6% VALLE D'AOSTA -1,7% 8,7% -2,2% 91,3% -2,2% VENETO -4,7% 8,2% -1,2% 91,8% -1,5% Nord -4,4% 8,7% -0,5% 91,3% -0,9% Centro -2,7% 9,5% 0,3% 90,5% 0,0% Sud e Isole -2,5% 12,9% 0,2% 87,1% -0,2% TOTALE -3,3% 10,2% -0,1% 89,8% -0,4%

5 Tabella 5: Variazione congiunturale delle imprese registrate Imprese Giovanili Imprese non-giovanili Regione Var. % Incidenza % Var. % Incidenza % Registrate ABRUZZO 3,5% 10,7% -0,2% 89,3% 0,2% BASILICATA 4,4% 11,2% -0,3% 88,8% 0,2% CALABRIA 3,6% 15,0% 0,0% 85,0% 0,5% CAMPANIA 2,5% 13,6% -0,4% 86,4% 0,0% EMILIA ROMAGNA 4,3% 8,1% 0,0% 91,9% 0,3% FRIULI-VENEZIA GIULIA 4,5% 7,4% 0,0% 92,6% 0,3% LAZIO 4,8% 9,7% 0,2% 90,3% 0,6% LIGURIA 3,6% 8,6% 0,0% 91,4% 0,3% LOMBARDIA 3,6% 8,9% 0,0% 91,1% 0,3% MARCHE 4,0% 9,1% 0,1% 90,9% 0,4% MOLISE 3,9% 11,7% -0,1% 88,3% 0,4% PIEMONTE 3,8% 9,9% -0,1% 90,1% 0,3% PUGLIA 3,4% 12,4% -0,3% 87,6% 0,2% SARDEGNA 4,1% 10,2% -0,1% 89,8% 0,3% SICILIA 3,5% 13,6% -0,3% 86,4% 0,2% TOSCANA 3,7% 9,4% 0,2% 90,6% 0,5% TRENTINO - ALTO ADIGE 4,9% 7,9% 0,2% 92,1% 0,6% UMBRIA 4,4% 9,3% -0,1% 90,7% 0,3% VALLE D'AOSTA 6,3% 8,7% -1,0% 91,3% -0,4% VENETO 3,6% 8,2% -0,4% 91,8% -0,1% Nord 3,8% 8,7% -0,1% 91,3% 0,2% Centro 4,3% 9,5% 0,1% 90,5% 0,5% Sud e Isole 3,3% 12,9% -0,3% 87,1% 0,2% TOTALE 3,7% 10,2% -0,1% 89,8% 0,3% Figura 2: Incidenza percentuale delle imprese giovanili sul totale delle registrate Quanto a incidenza delle imprese giovanili nel tessuto imprenditoriale, le regioni leader si confermano quelle della fascia meridionale, dove il Molise occupa la quinta posizione con una percentuale pari a 11,7%. Al primo posto la Calabria (15%), seguono la Campania (13,6%), la Sicilia (13,6%), e la Puglia (12,4%). Scendendo nel dettaglio della regione, nella provincia di Campobasso, nel corso del secondo trimestre del 2013 si sono iscritte 158 imprese under 35 a fronte delle 42 cessazione al netto delle CDU. Il tasso di crescita è quindi positivo pari a +4,18, maggiore di quello registrato il trimestre precedente, ma anche rispetto a quello dello stesso trimestre di un anno prima. A livello di stock

6 sono le imprese giovanili registrate di cui attive: sono +205 le imprese registrate in più rispetto al I trimestre 2013, ma -72 rispetto al secondo trimestre In provincia di Isernia nel corso del secondo trimestre 2013 sono 61 le nuove imprese iscritte a fronte delle 13 cessate. Il tasso di crescita, +4,15, è in linea con quello del capoluogo regionale comunque superiore alla media nazionale. In termini di stock sono le imprese giovanili registrate presso la Camera di Commercio di Isernia (1.045 quelle attive) in crescita di +39 unità rispetto al trimestre precedente e di una sola unità rispetto al secondo trimestre del Tabella 6: Imprese giovanili registrate e al 30 giugno 2013 Provincia Registrate crescita Tasso d'iscrizione Provincia Tasso di cessazione Registrate crescita Tasso d'iscrizione cessazione 1 AOSTA ,28 7,89 1,61 54 TRAPANI ,60 5,52 1,93 2 PARMA ,64 8,18 2,54 55 REGGIO DI CALABRIA ,55 5,01 1,46 3 TRENTO ,34 6,51 1,18 56 FERRARA ,54 5,60 2,06 4 LIVORNO ,31 7,15 1,84 57 MANTOVA ,53 5,77 2,24 5 ASCOLI PICENO ,09 6,89 1,80 58 BERGAMO ,52 5,55 2,03 6 BOLOGNA ,06 7,55 2,49 59 MATERA ,51 5,16 1,65 7 ROMA ,03 7,02 1,99 60 LECCE ,49 5,39 1,90 8 RIMINI ,91 7,08 2,16 61 RAVENNA ,44 5,61 2,17 9 TRIESTE ,90 6,82 1,92 62 MONZA E BRIANZA ,43 5,85 2,42 10 POTENZA ,77 6,13 1,36 63 BENEVENTO ,43 5,20 1,77 11 SAVONA ,58 6,44 1,86 64 PIACENZA ,43 5,69 2,26 12 MODENA ,57 6,57 2,00 65 ORISTANO ,42 4,65 1,23 13 MILANO ,55 6,70 2,15 66 BRINDISI ,39 5,78 2,39 14 TREVISO ,54 6,23 1,69 67 CHIETI ,39 5,72 2,33 15 NOVARA ,48 6,93 2,45 68 VARESE ,37 5,58 2,20 16 VITERBO ,46 6,17 1,71 69 CATANIA ,30 5,41 2,12 17 BOLZANO ,43 5,79 1,36 70 FERMO ,29 5,76 2,47 18 PALERMO ,38 6,47 2,09 71 COMO ,23 5,05 1,82 19 SIRACUSA ,36 6,05 1,69 72 VERBANIA ,21 5,29 2,08 20 TARANTO ,35 6,08 1,73 73 CATANZARO ,20 5,09 1,89 21 ALESSANDRIA ,33 6,10 1,77 74 BRESCIA ,20 5,17 1,97 22 MACERATA ,25 6,25 2,00 75 VERCELLI ,18 5,90 2,72 23 FORLI' - CESENA ,24 6,45 2,21 76 SALERNO ,16 5,34 2,19 24 PERUGIA ,20 5,61 1,41 77 LODI ,15 5,59 2,44 25 LATINA ,20 6,13 1,94 78 RIETI ,11 5,20 2,09 26 VENEZIA ,19 6,67 2,49 79 BARI ,02 5,10 2,09 27 GORIZIA 876 4,19 6,82 2,63 80 PESCARA ,00 5,17 2,17 28 L'AQUILA ,18 6,06 1,88 81 VERONA ,99 5,30 2,31 29 CAMPOBASSO ,18 5,69 1,51 82 PISTOIA ,96 5,14 2,18 30 NUORO ,17 6,41 2,24 83 AVELLINO ,89 5,18 2,29 31 SASSARI ,16 6,17 2,01 84 BIELLA ,88 4,82 1,94 32 ISERNIA ,15 5,27 1,12 85 LECCO ,86 5,07 2,21 33 UDINE ,10 6,22 2,13 86 VICENZA ,84 5,02 2,18 34 FIRENZE ,03 6,13 2,11 87 CROTONE ,84 4,76 1,92 35 PRATO ,03 6,89 2,86 88 CUNEO ,84 4,47 1,63 36 FOGGIA ,00 5,37 1,38 89 AGRIGENTO ,82 4,35 1,53 37 SIENA ,96 5,95 1,98 90 PESARO E URBINO ,82 4,77 1,96 38 FROSINONE ,96 5,57 1,61 91 VIBO VALENTIA ,78 4,48 1,70 39 TERNI ,93 5,78 1,85 92 LUCCA ,73 5,46 2,73 40 TERAMO ,92 5,68 1,76 93 PAVIA ,72 5,10 2,38 41 PORDENONE ,91 6,02 2,11 94 SONDRIO ,67 4,77 2,11 42 TORINO ,89 5,76 1,87 95 AREZZO ,65 4,92 2,27 43 CAGLIARI ,82 5,49 1,66 96 CASERTA ,45 5,06 2,61 44 MESSINA ,81 5,39 1,58 97 IMPERIA ,43 5,36 2,93 45 GENOVA ,81 5,92 2,11 98 REGGIO EMILIA ,38 5,57 3,19 46 PISA ,81 6,21 2,40 99 ENNA ,31 4,20 1,89 47 MASSA CARRARA ,77 6,14 2, ROVIGO ,25 5,29 3,05 48 GROSSETO ,76 5,57 1, CALTANISSETTA ,21 4,79 2,59 49 ANCONA ,71 5,31 1, NAPOLI ,96 4,64 2,68 50 COSENZA ,68 5,46 1, CREMONA ,65 4,15 2,50 51 PADOVA ,64 6,12 2, BELLUNO ,57 3,93 2,36 52 LA SPEZIA ,64 6,13 2, RAGUSA ,49 5,24 3,75 53 ASTI ,60 5,38 1,78 ITALIA ,64 5,73 2,09

7 Le forme giuridiche Nel secondo trimestre 2013, come è stato precedentemente illustrato, l andamento delle imprese capitanate da giovani under-35 descrivono un trend crescente su base congiunturale. Da un analisi per forme giuridiche, si continua ad osservare un aumento soprattutto delle forme imprenditoriali più complesse, come ad esempio le società di capitale 3 che presentano sia una variazione positiva dello stock (differenza fra secondo trimestre 2013 e secondo 2012) di 95 imprese sia una variazione positiva del saldo demografico di +44, sintesi di 47 iscrizioni e 3 cessazioni non d ufficio. In generale l andamento positivo del saldo demografico ha investito tutte le classe di natura giuridica con ottima performance nel tassi di crescita soprattutto per le Società di capitale (+8,21%). Tabella 7: Imprenditoria giovanile per natura giuridica al 2T 2013 Molise Società di capitale Società di persone Ditte individuali Cooperative Consorzi Altre forme Totale Valori assoluti (1) Registrate Attive Composizione % 14,2% 11,3% 72,9% 1,6% 0,0% 0,1% 100,0% Iscrizioni Cessazioni non d'ufficio Cessazioni Saldo Saldo Stock 2T T Valori percentuali (2) crescita 8,21 1,31 3,93 1,56 0,00 0,00 4,17 natalità 8,77 2,63 5,53 1,56 0,00 0,00 5,57 mortalità 0,56 1,31 1,60 0,00 0,00 0,00 1,40 La tendenza verso l aumento delle forme societarie, osservata per le imprese in totale e per le imprese femminili e che evidenzia una crescente preferenza verso forme imprenditoriali più complesse e mature, superando l ottica della ditta individuale con la consapevolezza che per affrontare il mercato occorrono strumenti giuridici robusti e capaci di limitare i danni connessi all attività imprenditoriale, si osserva, quindi, anche tra le imprese giovanili che vedono aumentare l incidenza delle società di capitale al 14,2%. Continuano ad essere la maggioranza le ditte individuali con il 72,9%. Le Società di persona rappresentano l 11,3%. Figura 3: Distribuzione delle imprese giovanili registrate per classe di natura giuridica 2T Sono considerate società di capitale i seguenti tipi di società: società in accomandita semplice, società per azioni con unico socio, società per azioni, società a responsabilità limitata, società a responsabilità limitata con unico socio e società europea.

8 Tra le tendenze delle due province si evidenziano particolari differenze: nella provincia di Isernia (9,42%), il tasso di crescita delle imprese registrate con una forma giuridica più complessa risulta più dinamico di quello della provincia capoluogo di Regione (7,54%). Tabella 8: Imprenditoria giovanile per natura giuridica al 2T 2013 Campobasso Società di capitale Società di persone Ditte individuali Cooperative Consorzi Altre forme Totale Valori assoluti (1) Registrate Attive Composizione % 12,8% 11,5% 74,0% 1,6% 0,0% 0,1% 100,0% Iscrizioni Cessazioni non d'ufficio Cessazioni Saldo Saldo Stock 2T T Valori percentuali (2) crescita 7,54 0,91 4,23 0,00 0,00 0,00 4,18 natalità 8,41 2,74 5,84 0,00 0,00 0,00 5,69 mortalità 0,87 1,83 1,61 0,00 0,00 0,00 1,51 Tabella 9: Imprenditoria giovanile per natura giuridica al 2T 2013 Isernia Società di capitale Società di persone Ditte individuali Cooperative Consorzi Altre forme Totale Valori assoluti (1) Registrate Attive Composizione % 17,6% 10,9% 70,0% 1,5% 0,0% 0,1% 100,0% Iscrizioni Cessazioni non d'ufficio Cessazioni Saldo Saldo Stock 2T T Valori percentuali (2) crescita 9,42 2,33 3,17 5,88 0,00 0,00 4,15 natalità 9,42 2,33 4,76 5,88 0,00 0,00 5,27 mortalità 0,00 0,00 1,59 0,00 0,00 0,00 1,12 Tabella 10: Imprenditoria giovanile per natura giuridica al 2T 2013 Sud e Isole Società di capitale Società di persone Ditte individuali Cooperative Consorzi Altre forme Totale Valori assoluti (1) Registrate Attive Composizione % 14,7% 9,6% 72,6% 2,7% 0,0% 0,3% 100,0% Iscrizioni Cessazioni non d'ufficio Cessazioni Saldo Saldo Stock 2T T Valori percentuali (2) crescita 5,74 1,49 2,95 3,45 1,87 3,77 3,23 natalità 6,22 2,89 5,51 3,89 2,80 4,78 5,31 mortalità 0,48 1,40 2,56 0,44 0,93 1,01 2,09

9 Tabella 11: Imprenditoria giovanile per natura giuridica al 2T 2013 Italia Società di capitale Società di persone Ditte individuali Cooperative Consorzi Altre forme Totale Valori assoluti (1) Registrate Attive Composizione % 14,3% 10,1% 73,4% 2,0% 0,1% 0,2% 100,0% Iscrizioni Cessazioni non d'ufficio Cessazioni Saldo Saldo Stock 2T T Valori percentuali (2) crescita 5,81 1,96 3,45 3,77 4,30 4,88 3,64 natalità 6,28 3,14 6,02 4,47 4,64 6,36 5,73 mortalità 0,47 1,19 2,57 0,70 0,33 1,48 2,09 I settori di attività economica Guardando alla diffusione delle imprese guidate da under 35 (percentuale di imprese giovanili sul totale delle imprese registrate), i settori, quali il turismo (23%), gli altri settori (20%) e le assicurazioni e il credito (18%) sono quelli in cui si registra l incidenza maggiore di imprese giovanili sul totale, mentre, guardando all incidenza delle imprese giovanili sul totale delle imprese giovanili, i settori più tradizionali, quali il commercio, le costruzioni e l agricoltura, sono quelli sui quali si concentra maggiormente l attenzione dei giovani imprenditori in valore assoluto: ben nel commercio (pari a circa il 29% del totale imprese under 35), 632 nell agricoltura (pari a circa il 17%), 591 nelle costruzioni ( circa il 15% di tutte quelle guidate da giovani). Figura 4: incidenza imprese giovanili sul totale imprese registrate e sul totale imprese giovanili Ed è sempre il commercio che, anche nel secondo trimestre 2013, in termini assoluti ha attratto l attenzione dei neo-imprenditori: 55 delle 100 iscrizioni (ovvero il 55% circa del totale) hanno interessato questo settore; sempre in termini assoluti si segnalano le 21 iscrizioni di imprese under 35 nel settore delle costruzioni (su 57 totali) e le 17 del settore turismo, su 37 totali. In valori percentuali superano il 50% del totale iscrizioni il settore delle assicurazioni (56%), del commercio (55%) e altri settori (55%).

10 Tabella 12: Composizione % e incidenza sul totale delle imprese under-35 registrate in Molise al 30 giugno 2013 Imprese Giovanili Registrate Totale Imprese Registrate Incidenza Valori assoluti Percentuale Valori assoluti Percentuale % Imprese Giovanili A Agricoltura, silvicoltura pesca ,5% ,2% 6,4% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,1% - C Attività manifatturiere 223 5,5% ,5% 9,6% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,1% 45 0,1% 6,7% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,1% 53 0,2% 9,4% F Costruzioni ,9% ,3% 15,0% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,9% ,9% 17,0% H Trasporto e magazzinaggio 79 1,9% 763 2,5% 10,4% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,2% ,8% 23,5% J Servizi di informazione e comunicazione 80 2,0% 353 1,1% 22,7% K Attività finanziarie e assicurative 82 2,0% 450 1,5% 18,2% L Attività immobiliari 36 0,9% 398 1,3% 9,0% M Attività professionali, scientifiche e tecniche 88 2,2% 739 2,4% 11,9% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,8% 566 1,8% 20,0% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% - P Istruzione 11 0,3% 119 0,4% 9,2% Q Sanità e assistenza sociale 13 0,3% 164 0,5% 7,9% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,4% 266 0,9% 22,2% S Altre attività di servizi 244 6,0% ,4% 23,2% X Imprese non classificate 334 8,2% ,2% 20,9% Totale ,0% ,0% 13,2% Tabella 13: Composizione % e incidenza sul totale delle imprese under-35 registrate in provincia di Campobasso al 30 giugno 2013 Imprese Giovanili Registrate Totale Imprese Registrate Incidenza Valori assoluti Percentuale Valori assoluti Percentuale % Imprese Giovanili A Agricoltura, silvicoltura pesca ,5% ,5% 6,5% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,0% - C Attività manifatturiere 160 5,5% ,1% 9,7% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,0% 24 0,1% 4,2% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,1% 34 0,1% 5,9% F Costruzioni ,4% ,2% 15,0% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,5% ,5% 16,2% H Trasporto e magazzinaggio 55 1,9% 592 2,6% 9,3% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,0% ,6% 22,4% J Servizi di informazione e comunicazione 59 2,0% 257 1,1% 23,0% K Attività finanziarie e assicurative 55 1,9% 320 1,4% 17,2% L Attività immobiliari 27 0,9% 309 1,3% 8,7% M Attività professionali, scientifiche e tecniche 66 2,3% 512 2,2% 12,9% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,8% 377 1,6% 21,5% P Istruzione 8 0,3% 85 0,4% 9,4% Q Sanità e assistenza sociale 7 0,2% 108 0,5% 6,5% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,4% 195 0,8% 20,5% S Altre attività di servizi 151 5,2% 759 3,3% 19,9% X Imprese non classificate 201 6,9% ,5% 19,3% Totale ,0% ,0% 12,5%

11 Tabella 14: Composizione % e incidenza sul totale delle imprese under-35 registrate in provincia di Isernia al 30 giugno 2013 Imprese Giovanili Registrate Totale Imprese Registrate Incidenza Valori assoluti Percentuale Valori assoluti Percentuale % Imprese Giovanili A Agricoltura, silvicoltura pesca 98 8,2% ,3% 5,6% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,1% - C Attività manifatturiere 63 5,3% 685 8,8% 9,2% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,2% 21 0,3% 9,5% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,3% 19 0,2% 15,8% F Costruzioni ,1% ,3% 15,1% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,6% ,2% 19,1% H Trasporto e magazzinaggio 24 2,0% 171 2,2% 14,0% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,9% 494 6,3% 26,3% J Servizi di informazione e comunicazione 21 1,8% 96 1,2% 21,9% K Attività finanziarie e assicurative 27 2,3% 130 1,7% 20,8% L Attività immobiliari 9 0,8% 89 1,1% 10,1% M Attività professionali, scientifiche e tecniche 22 1,8% 227 2,9% 9,7% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,7% 189 2,4% 16,9% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% - P Istruzione 3 0,3% 34 0,4% 8,8% Q Sanità e assistenza sociale 6 0,5% 56 0,7% 10,7% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,6% 71 0,9% 26,8% S Altre attività di servizi 93 7,8% 293 3,8% 31,7% X Imprese non classificate ,1% 555 7,1% 24,0% Totale ,0% ,0% 15,3% Tabella 15: Demografia delle imprese giovanili in Molise al 30 giugno 2013 Settore Registrate Attive Iscrizioni Cessazioni Cessazioni non d'ufficio Saldo A Agricoltura, silvicoltura pesca C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver S Altre attività di servizi X Imprese non classificate Totale

12 Tabella 16: Demografia delle imprese giovanili in provincia di Campobasso al 30 giugno 2013 Registrate Attive Iscrizioni Cessazioni Cessazioni non d'ufficio A Agricoltura, silvicoltura pesca C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver S Altre attività di servizi X Imprese non classificate Totale Saldo Tabella 17: Demografia delle imprese giovanili in provincia di Isernia al 30 giugno 2013 Settore Registrate Attive Iscrizioni Cessazioni Cessazioni non d'ufficio A Agricoltura, silvicoltura pesca C Attività manifatturiere D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d F Costruzioni G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut H Trasporto e magazzinaggio I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione J Servizi di informazione e comunicazione K Attività finanziarie e assicurative L Attività immobiliari M Attività professionali, scientifiche e tecniche N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp P Istruzione Q Sanità e assistenza sociale R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver S Altre attività di servizi X Imprese non classificate Totale Saldo

13 Tabella 18: Distribuzione percentuale delle imprese giovanili registrate per settore e regione al 30 giugno 2013 Agricoltura Attività manifatturiere, energia, minerarie Costruzioni Commercio Turismo Trasporti Assicurazioni e credito Servizi alle imprese Altri settori Imprese non classificate ABRUZZO 8,5% 7,2% 16,0% 26,2% 10,0% 1,3% 2,2% 8,8% 8,4% 11,3% BASILICATA 23,0% 5,9% 11,5% 25,7% 8,2% 2,0% 1,8% 6,1% 7,3% 8,5% CALABRIA 12,1% 5,5% 11,7% 35,4% 8,9% 2,0% 1,9% 6,2% 6,6% 9,8% CAMPANIA 6,8% 5,4% 11,0% 38,9% 8,7% 2,1% 1,6% 7,4% 6,5% 11,6% EMILIA ROMAGNA 5,8% 7,7% 27,0% 23,0% 10,0% 2,4% 2,6% 10,3% 6,5% 4,7% FRIULI-V. G. 8,5% 6,4% 22,6% 21,9% 11,7% 1,5% 2,9% 11,3% 9,1% 4,0% LAZIO 5,4% 3,6% 13,7% 27,8% 9,0% 2,2% 2,4% 14,6% 7,9% 13,4% LIGURIA 5,8% 4,7% 28,6% 24,1% 10,7% 1,7% 2,6% 10,2% 6,0% 5,6% LOMBARDIA 4,1% 6,8% 23,5% 21,8% 9,9% 2,3% 3,1% 13,9% 8,7% 5,8% MARCHE 6,9% 11,0% 19,4% 25,4% 9,4% 1,7% 2,7% 9,4% 8,1% 6,0% MOLISE 15,5% 5,6% 13,9% 26,9% 10,2% 1,9% 2,0% 7,8% 8,0% 8,2% PIEMONTE 7,5% 6,1% 23,6% 25,1% 8,6% 1,8% 2,9% 11,8% 8,0% 4,6% PUGLIA 11,6% 5,6% 12,2% 33,7% 8,8% 1,7% 1,6% 7,5% 7,8% 9,4% SARDEGNA 19,1% 5,5% 13,6% 27,4% 9,4% 1,8% 1,5% 8,1% 5,1% 8,4% SICILIA 13,5% 5,3% 10,3% 31,2% 7,0% 1,7% 1,8% 7,1% 5,8% 16,4% TOSCANA 6,7% 10,7% 22,4% 25,0% 8,6% 1,5% 2,6% 10,2% 6,3% 5,9% TRENTINO A. A. 21,1% 6,5% 18,8% 15,8% 9,7% 1,9% 2,0% 11,3% 8,2% 4,8% UMBRIA 12,2% 6,4% 17,6% 27,4% 8,5% 1,5% 2,9% 9,4% 6,3% 7,8% VALLE D'AOSTA 13,6% 6,2% 27,3% 14,4% 11,2% 1,3% 1,3% 11,6% 7,0% 6,2% VENETO 7,7% 8,3% 21,2% 23,5% 9,4% 2,3% 2,8% 12,0% 8,1% 4,8% ITALIA 8,5% 6,4% 17,5% 28,0% 9,0% 2,0% 2,3% 10,2% 7,3% 8,8% Meridione 11,3% 5,6% 11,7% 33,6% 8,5% 1,8% 1,7% 7,3% 6,6% 11,8% Contesto demografico In un contesto nazionale caratterizzato da un continuo processo d invecchiamento e, contemporaneamente, da una bassa fecondità, anche il Molise si caratterizza per una elevata incidenza della componente più anziana della popolazione e per un numero medio di figli per donna inferiore sia al dato nazionale che a quello dell area geo-statistica di appartenenza. Tutti gli indicatori demografici utili per misurare il grado d invecchiamento della popolazione collocano il Molise fra le regioni dove questo fenomeno è più accentuato. L indice d invecchiamento provinciale (ultra 65-enni ogni 100 abitanti di età inferiore a 15 anni), che al è pari a 178,3, ha avuto negli ultimi 20 anni un lieve e costante incremento. Considerando che, a causa della bassa incidenza della popolazione straniera residente in regione, pari al 2,8% contro il 7,5% in Italia, la demografia molisana non godrà nemmeno degli effetti positivi dell alta natalità della componente migratoria, si dovranno prevedere pertanto ripercussioni negative sulla struttura per età della popolazione in termini di aumento dell indice di invecchiamento della popolazione. Si stima che il Molise, in linea con il Mezzogiorno, nel futuro vedrà capovolgersi il rapporto con il resto d Italia arrivando a presentare una struttura per età della popolazione più anziana, con tutte le conseguenze socio-economiche che ciò comporterà, tra le quali anche un invecchiamento del tessuto produttivo. Nel dettaglio, il Molise, di cui si dispone lo scenario previsionale, sarà una delle prime regioni a raggiungere entro il 2020 la soglia di 200 anziani ogni 100 abitanti di età inferiore ai 15 anni. Il Mezzogiorno impiegherà più tempo per raggiungere questa medesima soglia, ma entro il 2060 si prevede che possa far registrare un indice più alto di quello dell Italia in complesso e delle altre aree geografiche.

Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese

Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese Imprenditoria Giovanile tra 2011 e 2017: uno studio delle principali caratteristiche delle imprese Graf. 1 - Composizione settoriale delle imprese giovanili al 30 giugno 2017 Confronto con la composizione

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Il report è realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero

Per altri motivi. Da altri Comuni. Dall'estero Tavola 1 - Popolazione residente e movimento anagrafico per regione e ripartizione - Anno 2002 REGIONI Nati vivi Movimento Da altri Comuni Iscritti Dall'estero Movimento migratorio Cancellati Per altri

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di

Dettagli

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 12 581 123 12 5 2 7 574 581 60 47 12 59 4 123 8 8 131 VERCELLI 0 7 0 0 0 0 0 7 7 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 27 7 1 0 0 0 27 27 5 2 0 2 0 7 0 0 7 VERBANIA 0 41 2 0 1 0 1 40 41 0 2 0 2 0

Dettagli

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 5 39 5 5 31 8 39 4 0 1 5 2 2 7 VERCELLI 0 28 3 0 24 4 28 2 1 0 3 1 1 4 BIELLA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 90 11 1 67 23 90 10 0 1 11 1 1 12

Dettagli

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999 PIEMONTE TORINO 1 72 7 1 47 0 47 25 72 4 3 7 4 4 11 VERCELLI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 21 4 1 12 0 12 9 21 4 0 4 1 1 5 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 27 5 1 22 0 22 5 27 4

Dettagli

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 16 732 149 16 712 20 732 120 7 22 149 2 2 151 VERCELLI 2 121 17 2 117 4 121 14 0 3 17 1 1 18 BIELLA 1 42 8 1 40 2 42 7 0 1 8 1 1 9 VERBANIA 1 7 8 1 7 0 7 7 0 1 8 1 1 9 NOVARA 5 246 44 5

Dettagli

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 67 6091 1236 67 19 86 644 199 843 3744 1504 5248 6091 617 139 414 553 66 1236 10 10 1246 VERCELLI 9 596 208 9 11 20 32 9 41 412 143 555 596 101 28 69 97 10 208 10 10 218 BIELLA 17 1112

Dettagli

Ufficio stampa Unioncamere twitter.com/unioncamere

Ufficio stampa Unioncamere twitter.com/unioncamere : Superata la soglia dei 3mila contratti di rete attivati. Sono oltre 15mila le imprese che puntano a crescere collaborando Friuli-Venezia Giulia e Abruzzo le regioni a maggiore vocazione a fare rete Sanità,

Dettagli

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001 sportive tesserati operatori sportive adulti omaggio tesserati societari di gara operatori federali altri generale PIEMONTE TORINO 101 7760 673 101 6974 734 52 7760 477 150 46 673 6 6 679 VERCELLI 59 3401

Dettagli

AeCI - Aereo Club d'italia - 01 Dati provinciali assoluti 2001

AeCI - Aereo Club d'italia - 01 Dati provinciali assoluti 2001 territoriali (altri altri nuclei motore / diporto modell. (amatori) aggregati tesserati nuclei) vela o sportivo PIEMONTE TORINO 1 247 26 1 5 6 245 0 0 0 2 247 26 1093 1366 0 VERCELLI 1 150 15 1 0 1 89

Dettagli

PROVINCE CLASSI DI SCOPPIO DIESEL TOTALE REGIONI POTENZA N. CV N. CV N. CV

PROVINCE CLASSI DI SCOPPIO DIESEL TOTALE REGIONI POTENZA N. CV N. CV N. CV TAV.20 - Altre macchine agricole operatrici e motori vari nazionali ed estere secondo la classe di potenza ed il ciclo motore Province - Regioni - Ripartizioni - Situazione al 31 XII 2002 PROVINCE CLASSI

Dettagli

segue 2015 Province e Regioni

segue 2015 Province e Regioni ESPORTAZIONI (valori assoluti in migliaia di euro) delle italiane 2016 2016 Torino 4.955.184 5.355.571 Perugia 641.629 714.548 Vercelli 444.448 531.100 Terni 276.224 269.552 Novara 1.136.612 1.199.391

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 23/2009 3 novembre 2009 L imprenditoria femminile artigiana sul territorio 6 Osservatorio Confartigianato Donne Impresa In questa nota proponiamo le tabelle

Dettagli

CICLOMOTORI RUBATI CICLOMOTORI RINVENUTI REGIONI PROVINCIE

CICLOMOTORI RUBATI CICLOMOTORI RINVENUTI REGIONI PROVINCIE Piemonte Alessandria 159 102 125 117 85 124 60 40 35 26 27 36 Asti 112 81 75 59 41 45 31 23 42 24 10 13 Biella 87 63 56 65 42 41 13 13 19 21 22 9 Cuneo 150 110 131 134 69 52 19 26 31 35 31 17 Novara 177

Dettagli

Valle D'Aosta Aosta Totale

Valle D'Aosta Aosta Totale Statistica furti e rinvenimenti mezzi - 2004 Piemonte Alessandria 39 32 29 52 34 32 17 14 Asti 4 8 5 16 3 4 5 25 Biella 5 9 0 3 3 4 4 3 Cuneo 4 13 15 20 5 8 2 8 Novara 19 29 31 21 8 7 20 11 Torino 243

Dettagli

Valle D'Aosta Aosta Totale

Valle D'Aosta Aosta Totale Piemonte Alessandria 32 25 34 37 28 44 15 4 12 10 16 23 Asti 23 25 15 20 20 22 7 8 11 10 3 8 Biella 15 23 15 8 8 17 0 6 2 1 5 1 Cuneo 33 37 50 44 19 17 9 8 15 14 3 5 Novara 35 36 43 37 16 30 5 8 9 13 6

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le comunicazioni conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti.

Dettagli

Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia)

Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia) Popolazione di 15 anni e oltre per sesso, classe di età, regione e provincia - Anno 2012 (dati in migliaia) Maschi Femmine Maschi e femmine 15-24 25-54 55 e oltre 15-24 25-54 55 e oltre 15-24 25-54 55

Dettagli

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 PROVINCIA Società Società Società Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati società generale operatori sportive sportive

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti. IL DIRETTORE

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a RIEPILOGO DEI DATI PRINCIPALI Tab. 1 - Imprese registrate al 30 giugno 2015 per settore di attività e guidate da stranieri e confronto con il 30 giugno 2012 Valori assoluti

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELL'IMMIGRAZIONE DIV. II DPCM 30.11.2010 - Domande e quote di conversione: da permesso di soggiorno CE per soggiornanti lungo periodo

Dettagli

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE.

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. Aggiornamento al 15/10/2016 INDICE DISTRIBUZIONE ADERENTI AREA NAZIONALE... 2 DISTRIBUZIONE AREA CENTRO... 3 DISTRIBUZIONE LAZIO... 5 DISTRIBUZIONE

Dettagli

SEDI DI IMPRESA AGGIORNAMENTO DATI AL 31 AGOSTO 2016

SEDI DI IMPRESA AGGIORNAMENTO DATI AL 31 AGOSTO 2016 SEDI DI IMPRESA AGGIORNAMENTO DATI AL 31 AGOSTO 2016 PROVINCIA DI BRINDISI A cura della Camera di Commercio di Brindisi su dati Infocamere SEDI DI IMPRESA AGGIORNAMENTO DATI AL 31 AGOSTO 2016 Tav. 1 Consistenza

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LE CAMERE DI COMMERCIO ANNO 2017 46mila imprese in più nel 2017 (+0,7%), il 60% della crescita è

Dettagli

Morosità / Altra causa. Regioni. Finita locazione. Necessità locatore TOTALE

Morosità / Altra causa. Regioni. Finita locazione. Necessità locatore TOTALE Situazione regionale Tab. 1 Regioni Necessità locatore Finita locazione causa TOTALE Piemonte 0 3 172 216 3.385 3.144 6.920 65,79 13.519 55,84 4.992 143,63 Valle d'aosta 0 0 1 1 68 76 146-4,58 335-19,47

Dettagli

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni)

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) In neretto i capoluogo di Regione Provincia Residenti Superficie (kmq) Numero. Comuni 1 Roma (Lazio) 4.194.068 5.352 121 2 Milano (Lombardia)

Dettagli

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno ALIA ITA MONITORAGGIO TRIMESTRALE DI UNIONCAMERE DEI FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE ITALIANE A LIVELLO PROVINCIALE Dati provinciali La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

Dettagli

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Cod. Sede INPS Totale per Sede Provincia Regione 0100 7.177 AGRIGENTO SICILIA 0101 2.186 AGRIGENTO SICILIA 0200 6.206 ALESSANDRIA PIEMONTE 0300

Dettagli

APPENDICE STATISTICA

APPENDICE STATISTICA APPENDICE STATISTICA Tavola A1 - Statistiche sulla distribuzione del premio... 10 Tavola A2 - ibuzione del premio... 10 Tavola A3 - per classe di età... 11 Tavola A4 - per classe di età... 11 Tavola A5

Dettagli

Scuola secondaria. Scuola elementare di I grado

Scuola secondaria. Scuola elementare di I grado Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 30.404 nomine per l'a.s. 2001/02 Personale docente materna elementare secondaria di I grado secondaria di II grado Sostegno contingente

Dettagli

Imprenditoria giovanile I trimestre 2016

Imprenditoria giovanile I trimestre 2016 Imprentoria giovanile I trimestre 2016 Natalità e mortalità delle imprese under-35 registrate presso la Camera Commercio del Molise Ufficio Stu e Ricerche Giugno 2016 Imprentoria giovanile I trimestre

Dettagli

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5 studio medio le istituti.xls istituzioni calcolo ottimale (circoli didattici, montagna gli alunni ) al in Abruzzo Chieti 39.057 56 39 17 30 Abruzzo L' Aquila 39.084 45 39 6 13 Abruzzo Pescara 32.239 39

Dettagli

Imprenditoria giovanile II trimestre 2016

Imprenditoria giovanile II trimestre 2016 Imprentoria giovanile II trimestre 2016 Analisi delle imprese Under-35 registrate nella C.C.I.A.A. del Molise Ufficio Stu e Ricerche Settembre 2016 Quadro generale Imprentoria giovanile II trimestre 2016

Dettagli

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Milano, 22 settembre 2016. 136 mila imprese, 276 mila addetti e 30

Dettagli

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA Regioni, Province e Comuni Capoluogo di Provincia: il rating OSSERVATORIO DONNE NELLA PA R OMA, FORUM PA I Comuni Capoluogo: confronto / Tabella 1 i Comuni Capoluogo ELEZIONI COMUNE DONNE MEDIA* DONNE

Dettagli

Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi.

Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi. Gli infortuni dei lavoratori interinali nel Rapporto INAIL 2004. Una prima analisi dei dati a cura dell Osservatorio Centro Studi. Il 14 luglio 2005 l INAIL ha pubblicato il Rapporto annuale 2004 che riporta,

Dettagli

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Regione Provincia Classe di Assunzioni concorso previste Abruzzo Chieti A028 3 Abruzzo Chieti A030 2 Abruzzo Chieti A032 0 Abruzzo Chieti A033

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Contingente su posto normale Contingente su scuole speciali Provincia/regione

Dettagli

24/09/2013. Unioncamere, le donne d impresa corrono : +5mila in un anno Il 12% è guidato da under 35, quasi il 6% da immigrate

24/09/2013. Unioncamere, le donne d impresa corrono : +5mila in un anno Il 12% è guidato da under 35, quasi il 6% da immigrate Unioncamere, le donne d impresa corrono : +5mila in un anno Il 12% è guidato da under 35, quasi il 6% da immigrate Le hanno un passo più veloce rispetto al totale delle. Considerando il periodo 2013-2012,

Dettagli

Articolazione cinque giorni. Allegato C Consistenze

Articolazione cinque giorni. Allegato C Consistenze Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Allegato C: Consistenze CMP 1 CMP sede consistenze consistenze lug-2010 a tendere PESCARA 256 230 LAMEZIA TERME 235 214 NAPOLI 702 678 BOLOGNA 958 920

Dettagli

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche 2015 2016

Dettagli

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche

Abruzzo. Basilicata. Calabria. Campania. Emilia-Romagna. Friuli-Venezia Giulia. Lazio. Liguria. Lombardia. Marche CCIAA MACERATA - Quota percentuale delle Imprese Artigiane attive sul totale delle Imprese attive nel territorio Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Regione Abruzzo Basilicata Calabria Campania

Dettagli

Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze

Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Articolazione cinque giorni Allegato C Consistenze Allegato C: Consistenze CMP 2 CMP AS IS sede consistenze consistenze lug-2010 a tendere PESCARA 256 230 LAMEZIA TERME 235 214 NAPOLI 702 678 BOLOGNA 958

Dettagli

Variazione del Numero di Banche in Italia

Variazione del Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE del Numero di Banche in Italia Anni: 2000-2014 Analisi statistica Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - - info@tidonacomunicazione.com

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Scuola dell'infanzia su posto normale Scuola primaria Scuola secondaria

Dettagli

QUESTURA QUESTURA COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO QUESTURA IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA QUESTURA QUESTURA QUESTURA QUESTURA II

QUESTURA QUESTURA COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO QUESTURA IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA QUESTURA QUESTURA QUESTURA QUESTURA II QUESTURE COMP. POLFER MARCHE/UMBRIA/ABRUZZO 9 REP. MOBILE BARI COMP. POLFER LOMBARDIA III REP. MOBILE MILANO IV REP. MOBILE COMP. POLFER CAMPANIA II REP. MOBILE PADOVA COMP. POLFER CALABRIA IST. SUPERIORE

Dettagli

Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 2013

Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 2013 Imprenditoria giovanile IV trimestre e consuntivo 3 Natalità e mortalità delle imprese under-35 registrate presso le Camere di Commercio nelle C.C.I.A.A. di Campobasso e Isernia Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Numero di Sportelli Bancari in Italia negli anni *

Numero di Sportelli Bancari in Italia negli anni * Numero di Bancari in Italia negli anni 1998-2009 * Analisi statistica a cura di: Dipartimento Ricerche - Tidona Comunicazione Data di pubblicazione: Marzo 2010 Per gli aggiornamenti visitare la pagina:

Dettagli

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati Generale Anche per il 2009 la regione Trentino Alto Adige risulta essere la prima in termini di tasso di (numero dei domini rapportati alla popolazione). Distribuzione di Internet a livello generale (persone

Dettagli

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Allegato S: REIMPIEGHI RECAPITO ( e ) 2 n n per tot + CALABRIA CALABRIA Catanzaro 3 1 4 1 5 CALABRIA CALABRIA Cosenza 3 3 6 1 7 CALABRIA CALABRIA

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione Totale Abruzzo 257 Basilicata Matera AN comune 16 Basilicata Matera DH per minorati dell'udito 1 Basilicata Matera EH per minorati psicofisici 3 Basilicata Potenza AN comune 55 Basilicata Potenza CH per

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA ED ATTIVITA' SUBACQUEE SETTORE PESCA DI SUPERFICIE Selettive Provinciali Individuali

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA ED ATTIVITA' SUBACQUEE SETTORE PESCA DI SUPERFICIE Selettive Provinciali Individuali C.I. Under 23 2017 aventi diritto Campionato Italiano Individuale Seniores di Pesca alla Trota con Esche Naturali in Torrente - QUORUM 2018 ZONA A/1 Aosta Aosta 10 12 22 11,00 1,70 2 1 1 3 Alessandria

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTO Risoluzione del 24/09/2004 n. 124 Oggetto: Istituzione dei codici Ufficio/Ente per il versamento tramite modello "F 23" delle spese di giustizia prenotate

Dettagli

Direzione Affari Economi e Centro Studi. SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali

Direzione Affari Economi e Centro Studi. SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali Direzione Affari Economi e Centro Studi SETTORE COSTRUZIONI: VALORE AGGIUNTO Dati provinciali 16 settembre 2014 L Istat ha diffuso, nell ambito dei conti economici territoriali, i dati relativi al valore

Dettagli

Imprenditoria femminile III trimestre Natalità e mortalità delle imprese in rosa registrate presso la Camera di Commercio del Molise

Imprenditoria femminile III trimestre Natalità e mortalità delle imprese in rosa registrate presso la Camera di Commercio del Molise Imprenditoria femminile III trimestre 2016 Natalità e mortalità delle imprese in rosa registrate presso la Camera di Commercio del Molise Ufficio Studi e Ricerche Novembre 2016 Imprenditoria femminile

Dettagli

Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno

Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno 2,3 Belluno 2,3 2 Mantova 1,7 Modena 3,2 Reggio Emilia

Dettagli

Risultati finali elezioni Fondo Espero del marzo 2010

Risultati finali elezioni Fondo Espero del marzo 2010 Risultati finali elezioni Fondo Espero del 2-3 - 4 marzo 2010 SCRUTINIO A LIVELLO NAZIONALE (eseguito il 05/03/2010 alle ore 11:58) Preferenza Numero di voti LISTA 6: CISL SCUOLA 7374 LISTA 1: FLC CGIL

Dettagli

7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE

7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE Servizio Politiche Attive e Passive del Lavoro 7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE ORE AUTORIZZATE LUGLIO2016 dati per macro area e regioni - (confronto

Dettagli

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 GENOVA 5.127 CATANZARO 136 FIRENZE 3.800 LECCO 136 NAPOLI 3.770 PORDENONE 132 MILANO 2.813 RAGUSA 126 TORINO 2.512 AOSTA 114 ROMA 2.121

Dettagli

Imprenditori: la prima volta a 50 anni

Imprenditori: la prima volta a 50 anni Tel. 0392807521 0392807511 Imprenditori: la prima volta a 50 anni DA UNA PASSIONE FANNO NASCERE UN IMPRESA NEL 2013 PIÙ DI 13MILA ITALIANI OVER 50 SI INVENTANO IMPRENDITORI PER LA PRIMA VOLTA Tra i titolari

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network sanitario

Dettagli

NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA TREVISO, ROVIGO E PORDENONE LE PROVINCE PIÙ VIRTUOSE CON OLTRE IL 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA MA L ITALIA NON HA ANCORA RAGGIUNTO L OBIETTIVO DEL 35% ENTRO

Dettagli

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre)

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre) ABRUZZO L' Aquila Comune A013 2 2 ABRUZZO L' Aquila Comune A059 1 1 ABRUZZO L' Aquila Comune AN77 1 1 ABRUZZO Chieti Sostegno AD00 11 11 ABRUZZO Chieti Sostegno ADAA 7 7 ABRUZZO Chieti Comune A007 1 1

Dettagli

Regione PSN - POSTI DISPONIBILI SU INFANZIA DOPO MOBILITA' Ambiti Posti Comuni su ambito Docenti traferiti su ambito Posti comuni liberi su ambito dopo chiamata diretta Posti Sostegno su ambito Docenti

Dettagli

APPENDICE 1 DETTAGLIO PRODUZIONE E RD DEI RIFIUTI URBANI

APPENDICE 1 DETTAGLIO PRODUZIONE E RD DEI RIFIUTI URBANI APPENDICE 1 - DETTAGLIO PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI APPENDICE 1 DETTAGLIO PRODUZIONE E RD DEI RIFIUTI URBANI APPENDICE 1 DETTAGLIO PRODUZIONE E RD DEI RIFIUTI URBANI I dati riportati

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Imprese: una su 10 è guidata da stranieri A marzo 2017 sono oltre 570mila, nel primo trimestre + 3.600 La crescita rallenta, ma gli stranieri fanno meglio degli italiani

Dettagli

A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente. Riepilogo nazionale

A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente. Riepilogo nazionale A.T.A. Posti, personale, disponibilità, soprannumero e contingente Riepilogo nazionale Anno scolastico 2007/08 Titolari Posti Profilo professionale (dati noti al o.d. 14 giugno 2007/08 2007) Disponibilità

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 marzo 2015)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 marzo 2015) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 marzo 2015) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che all 1 marzo

Dettagli

DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2

DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2 DOCUMENTO PER LA PREPARAZIONE DEL SITO E DEL NEGOZIO ELETTRONICO CONSIP PC6 Portatili Lotto2 Nome Cognome Alessio POZZI +39 0226593357 +39 3486506109 alessio.pozzi@fujitsu-siemens.com PIEMONTE VAL D AOSTA

Dettagli

Sangalli: Visita del premier Gentiloni conferma appoggio concreto del governo

Sangalli: Visita del premier Gentiloni conferma appoggio concreto del governo Relazioni con i media tel. 02/8515.5224-5288, 3356413321. Comunicati su www.mi.camcom.it Verso lo Human Technopole Milano smart vale 100 miliardi Settori smart: 345 mila addetti, +8% In Lombardia 102 mila

Dettagli

Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN. Consulenza concorsi a premi

Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN. Consulenza concorsi a premi Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN Consulenza concorsi a premi Consulenza concorsi a premi Rossi & Martin telefona subito (0187 722272 0521 223260-340 7053450) o invia subito una email (carlorossi@infogiur.com)

Dettagli

IMPRENDITORIA STRANIERA IN ITALIA. Dati aggiornati al 3 trim 2010

IMPRENDITORIA STRANIERA IN ITALIA. Dati aggiornati al 3 trim 2010 IMPRENDITORIA STRANIERA IN ITALIA Dati aggiornati al 3 trim 2010 ALCUNE RIFLESSIONI NOTE METODOLOGICHE: o Per imprenditori stranieri si intendono coloro che, registrati negli elenchi delle Camere di Commercio,

Dettagli

DIRIGEN TE DI 2 F CON INCARIC O DI 1 PROFESSI ONISTI LIV.2 PROFESSI ONISTI LIV.1 DIRIGENTE DI 1 F. DIRIGENTE DI 2 F. TOTALE

DIRIGEN TE DI 2 F CON INCARIC O DI 1 PROFESSI ONISTI LIV.2 PROFESSI ONISTI LIV.1 DIRIGENTE DI 1 F. DIRIGENTE DI 2 F. TOTALE UNITA' ORGANIZZATIVA A2 A3 B1 B2 B3 C1 C2 C3 C4 C5 DIRIGEN TE DI 2 F CON INCARIC O DI 1 DIRIGENTE DI 1 F. DIRIGENTE DI 2 F. PROFESSI ONISTI LIV.1 PROFESSI ONISTI LIV.2 TOTALE Automobile Club di Acireale

Dettagli

speciale revisioni revisioni

speciale revisioni revisioni speciale revisioni 2 0 1 2 revisioni speciale CENTRI AUTORIZZATI Andamento ultimi 10 anni e stime 2013 (stime) * I dati sulle revisioni degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori della regione Sicilia

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Movimprese Nati mortalità delle imprese italiane II trimestre 2013 Imprese: +26mila tra aprile e giugno (+0,4%) 100mila le iscrizioni, ma il bilancio è il più modesto degli

Dettagli

Referenti Territoriali Filatelia

Referenti Territoriali Filatelia Consegnato OO.SS. 15/11/16 1 Referenti Territoriali Filatelia Rafforzamento Presidio Novembre 2016 Razionali d intervento 2 RAZIONALI DI INTERVENTO A seguito dell'incontro dello scorso 8/3/2016 è stata

Dettagli

Zone sismiche e pericolosità in Italia

Zone sismiche e pericolosità in Italia Quanto varia la pericolosità sismica della normativa italiana entro i confini amministrativi dei comuni e nelle varie regioni italiane? Che relazione esiste fra la pericolosità e la zona sismica alla quale

Dettagli

2. Imprenditori extracomunitari: dinamiche e confronti territoriali

2. Imprenditori extracomunitari: dinamiche e confronti territoriali 2. Imprenditori extracomunitari: dinamiche e confronti territoriali L analisi sull imprenditoria extracomunitaria è effettuata su dati Infocamere estratti dal Registro Imprese. Essi permettono di dare

Dettagli

COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - SCUOLA Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare 1 - Dirigenti scolastici

Dettagli

Regione Provincia Classe di concorso Contingente

Regione Provincia Classe di concorso Contingente Regione Provincia Classe di concorso Contingente ABRUZZO CHIETI AB77 1 ABRUZZO CHIETI AC77 0 ABRUZZO CHIETI AG77 1 ABRUZZO CHIETI AJ77 0 ABRUZZO CHIETI AK77 0 ABRUZZO L'AQUILA AB77 1 ABRUZZO L'AQUILA AG77

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Aprile 2012 1 La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 L indagine svolta dall

Dettagli

COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe

Dettagli

I Contratti di Rete Rassegna dei principali risultati quantitativi Elaborazioni Unioncammere su dati Infocamere (aggiornamento al 29 dicembre2012)

I Contratti di Rete Rassegna dei principali risultati quantitativi Elaborazioni Unioncammere su dati Infocamere (aggiornamento al 29 dicembre2012) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al dicembre0) Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in luce che al dicembre 0 è

Dettagli

La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1

La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 L indagine svolta dall Osservatorio Prezzi e Tariffe di Cittadinanzattiva si è focalizzata sul servizio idrico integrato per uso domestico

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Fonte: Ufficio Gestione e Sviluppo Personale Dirigente Responsabile: Dott. Mauro Annibali Data: 1 gennaio 2013

Fonte: Ufficio Gestione e Sviluppo Personale Dirigente Responsabile: Dott. Mauro Annibali Data: 1 gennaio 2013 Fonte: Ufficio Gestione e Sviluppo Personale Dirigente Responsabile: Dott. Mauro Annibali Data: 1 gennaio 2013 Unità organizzativa A2 A3 B1 B2 B3 C1 C2 C3 C4 C5 N SEGRETAR Liv.2 IO GEN. A.C. Acireale 1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 3 DEL 2 FEBBRAIO Anche nel 2015 tasso di sviluppo negativo e calo delle iscrizioni

COMUNICATO STAMPA N. 3 DEL 2 FEBBRAIO Anche nel 2015 tasso di sviluppo negativo e calo delle iscrizioni COMUNICATO STAMPA N. 3 DEL 2 FEBBRAIO 2016 Anche nel 2015 tasso di sviluppo negativo e calo delle iscrizioni NATI MORTALITA' DELLE IMPRESE DEL VERBANO CUSIO OSSOLA Il numero delle imprese del è in flessione

Dettagli

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82 ABRUZZO 2015 ENIMENTI 2015 ABRUZZO FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 76 PROVINCIA RUBATE ENUTE CITROEN C3 124 FIAT UNO 68 L AQUILA 213 102 VOLKSWAGEN GOLF 107 FIAT 35 CHIETI 643 205 FIAT 87 LANCIA Y 26 PESCARA

Dettagli

ALLEGATO 2. Distribuzione per provincia e settore degli Assistenti sociali

ALLEGATO 2. Distribuzione per provincia e settore degli Assistenti sociali ALLEGATO 2. Distribuzione per provincia e settore degli sistenti sociali di Liliana Leone (CEVAS) Tratto da: Leone, L (a cura di) Rapporto di valutazione: dal SIA al REI. Alleanza contro la povertà, Roma,

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE ARTIGIANI ANNO 2006 PMI: tra gli artigiani il 2006 premia solo l edilizia In aumento il numero delle imprese (+0,7%), ma si rafforza la selezione nei settori

Dettagli

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA PIEMONTE ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti 15121 Alessandria, via A. Gramsci 2 Tel. 0131/252653,

Dettagli

Parte seconda AVVERTENZE

Parte seconda AVVERTENZE Parte seconda Infortuni sul lavoro e malattie professionali definiti e indennizzati dall INAIL AVVERTENZE In questa sezione sono riportate le statistiche relative ai casi di infortunio avvenuti e le malattie

Dettagli

Ponte: viaggi meglio dello scorso anno Ma si resta in Italia o vicino

Ponte: viaggi meglio dello scorso anno Ma si resta in Italia o vicino Servizio relazioni con i media: Ufficio Stampa 02 08515.5224/5298 3356413321 02 7750222 www.mi.camcom.it www.confcommerciomilano.it Settimana di Pasqua, i settori della festa valgono 59 milioni in Lombardia

Dettagli

LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA. Prima e dopo l autoriforma

LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA. Prima e dopo l autoriforma LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA Prima e dopo l autoriforma Tuttocamere Camere di Commercio in Italia Prima e dopo l autoriforma Febbraio 2017 Pag. 1/15 CHIETI di PESCARA. REGIONE ABRUZZO DI CHIETI PESCARA

Dettagli