Relazione illustrativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione illustrativa"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Relazione illustrativa Codice di Comportamento dei dipendenti della Camera di Commercio di Ancona approvato dal Consiglio con delibera n. 54 del 19/12/2013 ed aggiornato dal Consiglio con delibera n. 21 del 29/06/2015 (ai sensi della delibera CiVIT - oggi A.N.AC. - n. 75/2013)

2 Il Codice di Comportamento dei dipendenti della Camera di Commercio di Ancona, d ora in avanti Codice, è stato emanato in applicazione dell'art. 54, comma 5 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001 n.165, così come modificato dall'art. 1, comma 44, della Legge 6 Novembre 2012, n. 190 e, conformemente a quanto previsto dalla stessa norma, ha la finalità di "integrare e specificare" le disposizioni già contenute nel D.P.R. 16 Aprile 2013, n. 62, "Regolamento recante Codice di comportamento dei dipendenti pubblici". Tale Codice che, sulla base di quanto previsto dal Piano Nazionale Anticorruzione, rappresenta uno degli strumenti essenziali del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione di ciascuna amministrazione, è stato adottato dal Consiglio con delibera n. 54 del 19/12/2013, su proposta del Responsabile della prevenzione della corruzione che ha un ruolo centrale ai fini della predisposizione, diffusione della conoscenza e monitoraggio del Codice stesso. Il Responsabile della prevenzione della corruzione, si è avvalso del supporto e della collaborazione dell Ufficio Procedimenti Disciplinari, che ha compiti di vigilanza e monitoraggio, il quale oltre alle funzioni disciplinari di cui all articolo 55 bis e seguenti del D.Lgs. n. 165/01, cura l aggiornamento del Codice di comportamento, l esame delle segnalazioni di violazione dei Codici di comportamento, la raccolta delle condotte illecite accertate e sanzionate, assicurando le garanzie di cui all articolo 54 bis del D.Lgs. n. 165/01, operando in raccordo con il Responsabile della prevenzione della corruzione. Decorso un anno dall entrata in vigore e dall applicazione del Codice, e tenuto anche conto dei risultati del monitoraggio annuale sullo stato di applicazione del Codice ai sensi dell articolo 54, comma 7, del D.Lgs. n. 165/01, il Responsabile della prevenzione della corruzione, previa consultazione con l Ufficio Procedimenti Disciplinari e con il supporto di quest ultimo, ha ritenuto opportuno avviare la procedura per l aggiornamento del Codice - dando seguito al mandato ricevuto dal Consiglio nella seduta del 19/12/2013 al fine di declinare ulteriormente le regole generali di cui al D.P.R. n. 62/2013 e di definire, sulla base delle peculiarità dell Amministrazione, ulteriori e specifiche regole, con particolare riguardo ai dipendenti operanti negli uffici collocati nelle aree maggiormente esposte al rischio di corruzione, così come individuate nel Piano Triennale di prevenzione della corruzione dell Ente. Tra le principali novità introdotte: a) l inclusione fra i destinatari del Codice, del personale appartenente ad altre amministrazioni utilizzato sulla base di apposita convenzione, dei lavoratori socialmente utili e, nei limiti della compatibilità, dei mediatori delle procedure di conciliazione e degli arbitri delle procedure arbitrali, gestite dall Ente, e dei componenti esterni di comitati e commissioni camerali; b) la previsione del Codice quale principio di indirizzo per i componenti degli organi camerali, con riserva di adottare nei loro confronti uno specifico atto; c) la priorità assegnata, in sede di devoluzione in beneficenza dei regali, compensi e altre utilità comunque ricevuti dal dipendente fuori dei casi consentiti dall art. 4, a enti/associazioni/organismi con sede nel territorio della provincia di Ancona; d) l obbligo del dipendente di comunicare all Amministrazione gli eventuali regali o altre utilità rifiutate in quanto non consentite; e) la riduzione del termine entro cui rendere la dichiarazione di partecipazione ad associazioni ed organizzazioni di cui all art. 5, nel caso in cui tale adesione determini motivo di conflitto di interessi rispetto all ufficio di appartenenza, da 30 giorni a 15 giorni dal momento dell insorgere del conflitto; f) la previsione per il Segretario Generale, qualora debba rendere le dichiarazioni previste dal Codice, di effettuare dette comunicazioni all O.I.V.; g) la riduzione del termine entro cui rendere la dichiarazione di interessi finanziari di cui all art. 6, da 30 giorni a 15 giorni dall assunzione o dall assegnazione all ufficio o dall instaurarsi del rapporto di collaborazione; h) la modifica del termine entro cui il Dirigente deve decidere sulla dichiarazione di conflitto di interessi presentata dal dipendente ai sensi dell art. 7, specificando che lo stesso decide nel merito nel più breve tempo possibile e, comunque al massimo entro 10 giorni dalla sua ricezione; i) la disciplina della segnalazione di illeciti da parte del dipendente ed il rinvio al Piano Triennale di prevenzione della corruzione per la disciplina delle specifiche misure a tutela del segnalante (c.d. 1

3 whistleblower); j) la previsione di specifici obblighi di condotta a carico del Responsabile della prevenzione della corruzione e degli eventuali componenti del gruppo ristretto deputato alla gestione delle segnalazioni di illecito; k) il divieto per il dipendente, nei rapporti privati, di pubblicare sulla rete internet (forum, blog, social network) dichiarazioni improprie riguardanti l Ente e/o immagini che possano ad esso risultare dannose e/o pregiudizievoli; l) la previsione di ulteriori obblighi e divieti nell ambito del comportamento in servizio, tra cui il dovere di partecipare agli eventi formativi obbligatori organizzati dall Ente, salvo legittimi e giustificati impedimenti, di osservare le disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché in materia di raccolta differenziata, obblighi a tutela del diritto alla parità e pari opportunità, alla valorizzazione del benessere organizzativo e di contrasto delle discriminazioni nei luoghi di lavoro, delle disuguaglianze e di tutte le forme di violenza morale o psicologica; m) nei rapporti con il pubblico, la previsione di prediligere quale mezzo di comunicazione con imprese, professionisti, pubbliche amministrazioni, la posta elettronica certificata; n) la previsione, con l introduzione di un titolo denominato Definizione di ulteriori regole elaborate sulla base delle peculiarità dell Ente, di specifiche disposizioni per i dipendenti operanti nelle aree maggiormente esposte al rischio di corruzione e per il personale che gestisce risorse finanziarie e contante (previo confronto con gli uffici interessati), introducendo n. 8 nuovi articoli al Codice; o) la previsione dell obbligo per i collaboratori a qualsiasi titolo di imprese fornitrici di beni e servizi e che realizzano opere in favore dell Ente, in regime di appalto o di subappalto, di esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro (art. 20 del D.Lgs. n. 81/08); p) la previsione di analogo obbligo per i lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività in favore della Camera di Commercio e nei locali di questa (art. 20 del D.Lgs. n. 81/08). La procedura aperta alla partecipazione per l aggiornamento del Codice, ai sensi dell art. 54, comma 5, del D.Lgs. n. 165/01, e come previsto dalla Delibera CiVIT (oggi A.N.AC.) n. 75/2013, è stata avviata mediante pubblicazione sul sito internet dell Amministrazione di un avviso pubblico contenente le principali indicazioni del Codice da aggiornare alla luce del quadro normativo di riferimento, al fine di favorire la più ampia partecipazione degli stakeholder. La bozza di Codice è stata pubblicata in data 12/06/2015 tanto nella home page del sito quanto nella sezione Amministrazione Trasparente, sottosezione Disposizioni Generali, Atti Generali, unitamente al modulo per eventuali proposte di modifica e/o integrazione e/o osservazioni, al D.P.R. n. 62/2013 e alla delibera CiVIT (oggi A.N.AC.) contenente le linee guida per la predisposizione dei Codici da parte delle Amministrazione Pubbliche. Nell avviso pubblico è stato inserito l invito a tutti gli stakeholder a far pervenire al Responsabile della prevenzione della corruzione le eventuali proposte di modifica e/o integrazione e/o osservazioni entro il giorno 22/06/2015 utilizzando a tal fine il modello allegato. Della pubblicazione dell avviso sul sito dell Ente ne è stata data comunicazione via a tutti i dipendenti e collaboratori, ai membri del Consiglio, al Consiglio Regionale dei Consumatori e degli Utenti e a tutte le associazioni dei consumatori aderenti allo stesso, al rappresentante delle organizzazioni sindacali e delle associazioni dei consumatori nella loro qualità di membri del Consiglio camerale, alla Consigliera provinciale di parità, al Comitato Unico di Garanzia (CUG) dell Ente, alle RSU, al collegio dei revisori dei conti, all Azienda Speciale Marchet. Dell avvio della procedura per l aggiornamento del Codice ne è stato inoltre informato l Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) nella seduta del 10/06/2015, come risulta dal verbale n. 40. Nel termine assegnato sono pervenute n. 3 proposte di modifica ed osservazioni da parte di n. 3 dipendenti 2

4 rispettivamente assegnati all ufficio comunicazione, e ufficio sviluppo organizzativo e delle risorse umane e dall area promozione attività economiche. Previo esame ed approfondimento delle proposte pervenute, il Responsabile della prevenzione della corruzione con il supporto e la collaborazione dell Ufficio Procedimenti Disciplinari, ha ritenuto opportuno apportare le seguenti modifiche alla bozza di Codice: a) art. 12, comma 6, lett. d), ne è stata modificata la formulazione da il dipendente non sollecita la divulgazione, in qualunque forma, di notizie inerenti l attività della Camera di Commercio a il dipendente non favorisce la divulgazione, in qualsiasi forma, di notizie e/o informazioni che non siano state autorizzate alla divulgazione dall Ente, in quanto la precedente formulazione risultava essere di difficile interpretazione; b) art. 11, comma 9, è stata inserita la lettera d) il dipendente osserva le disposizioni contenute all art. 20 del D.Lgs. n. 81/08 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, in quanto in occasione di un corso di formazione sul Comitato Unico di Garanzia (CUG) è stato suggerito di integrare il Codice di comportamento con quanto indicato dall art. 20 del D.Lgs. n. 81/08 al fine di ricordare questi importanti obblighi al dipendente; l art. 11, comma 15, è stato modificato dalla seguente formulazione Il dipendente che ritenga di avere subito una discriminazione, molestia o violenza morale o psicologica, può rivolgersi al Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG), organismo appositamente istituito all interno dell Ente che opera in collaborazione con il consigliere provinciale di parità effettiva e, se utile, con il consigliere nazionale di parità. Il CUG, effettuate le opportune valutazioni del caso, qualora ritenga che ne possano ricorrere i presupposti, trasmetterà la segnalazione al Responsabile per la prevenzione della corruzione il quale, previa consultazione con il Dirigente competente, valuterà i provvedimenti più opportuni, alla nuova formulazione Il dipendente che ritenga di avere subito una discriminazione, molestia o violenza morale o psicologica, può rivolgersi al Responsabile per la prevenzione della corruzione il quale, se utile, previa consultazione con il Dirigente competente, valuterà i provvedimenti più opportuni. Il Responsabile per la prevenzione della corruzione, anonimizzando il caso di cui è venuto a conoscenza, ne informa il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG), organismo appositamente istituito all interno dell Ente che opera in collaborazione con il consigliere provinciale di parità effettiva e, se utile, con il consigliere nazionale di parità, in modo da valutare opportuni accorgimenti di carattere generale, in quanto il CUG ha competenze su ambiti di interesse generale e non su singoli casi specifici; è stato inserito il comma 18 all art. 11 I collaboratori a qualsiasi titolo di imprese fornitrici di beni e servizi e che realizzano opere in favore dell Ente, in regime di appalto o di subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche sui lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività in favore della Camera di Commercio e nei locali di questa ; è stato inserito nel comma 1 dell art. 18 Tale dichiarazione viene resa utilizzando l apposito modello rubricato Dichiarazione dei componenti della commissione di selezione di insussistenza di cause di astensione e di ricusazione. Copia della dichiarazione, viene messa a disposizione del Responsabile della prevenzione della corruzione presso la medesima struttura di supporto; è stato aggiunto il comma 4 dell art. 25 I modelli richiamati dal presente Codice sono validati dal Responsabile della prevenzione della corruzione e depositati presso l apposita struttura di supporto tecnico dello stesso, nonché pubblicati nella Intranet camerale. c) art. 21, comma 3, è stato modificato dalla seguente formulazione Il dipendente di cui al comma 1, coinvolto a vario titolo nel procedimento di concessione dei contributi alle imprese, tiene conto, compatibilmente con i destinatari del bando, anche di quanto previsto dalla normativa vigente in tema di rating di legalità. Le imprese in possesso del rating di legalità beneficiano del sistema di premialità adottato dall Ente nel relativo provvedimento di concessione e nel bando per la concessione del contributo, ai sensi dell art. 3, comma 4, del Decreto interministeriale 20 febbraio 2014, n. 57. L ufficio, prima dell erogazione del contributo, verifica, per quanto compatibile, che l impresa richiedente sia iscritta nell elenco di cui all art. 8 della delibera AGCM del 14 novembre 2012 n (elenco delle imprese con rating di legalità) alla nuova formulazione 3

5 l Amministrazione, nel procedimento di concessione dei contributi alle imprese, tiene conto, compatibilmente con i destinatari del bando, anche di quanto previsto dalla normativa vigente in tema di rating di legalità. Le imprese in possesso del rating di legalità beneficiano, per quanto applicabile, del sistema di premialità adottato dall Ente nel relativo provvedimento di concessione e nel bando per la concessione del contributo, ai sensi dell art. 3, comma 4, del Decreto Interministeriale 20 febbraio 2014, n. 57. L Ufficio, prima dell erogazione del contributo, verifica, per quanto compatibile, che l impresa richiedente sia iscritta nell elenco di cui all art. 8 della delibera ACGM del 14 novembre 2012, n (elenco delle imprese con rating di legalità), in quanto espressione più corretta rispetto a quella precedentemente adottata; In data 24/06/2015 il Dr. Graziano Cucchi, in qualità di componente monocratico dell O.I.V. dell Ente ha rilasciato al Responsabile della prevenzione della corruzione il parere richiesto, attestando la conformità del Codice alle linee guida di cui alla delibera CiVIT (oggi A.N.AC.) n. 75/2013. La bozza del Codice aggiornato viene sottoposta, a cura del Responsabile della prevenzione della corruzione, al Consiglio per l approvazione in data 29/06/2015. Il Codice, una volta approvato, unitamente alla presente relazione illustrativa, viene pubblicato sul sito Internet dell Amministrazione, nella sezione Amministrazione Trasparente - Disposizioni generali - Atti generali e, così come specificato nell art. 25, comma 8, entrerà in vigore il 01/09/2015, anche per permettere all Ente di realizzare un adeguata formazione rivolta a tutti i dipendenti. L Ente si impegna a dare ampia diffusione al Codice ai sensi dell art. 17, commi 1 e 2, del D.P.R. n. 62/ anche mediante pubblicazione nella intranet camerale e trasmissione via a tutti i dipendenti e collaboratori, ai titolari di contratti di consulenza o collaborazione, a qualsiasi titolo, anche professionale, nonché alle imprese fornitrici di beni e servizi in favore dell Amministrazione, le quali provvedono ad informare i rispettivi collaboratori a qualsiasi titolo. Per i nuovi contratti o atti di conferimento dell incarico, l Amministrazione si impegna a consegnare e a far sottoscrivere copia del Codice ai nuovi assunti, con rapporti comunque denominati. Anche al fine di consentire la consapevole formulazione dei pareri richiesti ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. d) della Legge 190/2012 e il pieno esercizio delle funzioni, verrà inviato all Autorità Nazionale Anticorruzione, il link alla pagina del sito istituzionale dell Amministrazione contenente la pubblicazione del Codice e della relazione illustrativa. Il Codice aggiornato si compone di 25 articoli suddivisi in tre titoli che seguono, di massima, la sistematica del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici: TITOLO I - DECLINAZIONE DELLE REGOLE DEL CODICE GENERALE Art. 1 Disposizioni di carattere generale; Art. 2 Ambito di applicazione; Art. 3 Principi generali; Art. 4 Regali, compensi e altre utilità Art. 5 Partecipazione ad associazioni e organizzazioni; Art. 6 Comunicazione di interessi finanziari; Art. 7 Conflitti di interessi e obbligo di astensione; Art. 8 Prevenzione della corruzione; Art. 9 Trasparenza e tracciabilità; Art. 10 Comportamento nei rapporti privati; Art. 11 Comportamento in servizio; 4

6 Art. 12 Rapporti con il pubblico; Art. 13 Disposizioni particolari per i Dirigenti; Art. 14 Contratti e altri atti negoziali; Art. 15 Vigilanza, monitoraggio e attività formative; Art. 16 Responsabilità conseguente alla violazione dei doveri del codice. TITOLO II DEFINIZIONE DI ULTERIORI REGOLE ELABORATE SULLA BASE DELLE PECULIARITA DELL ENTE Art. 17 Aree di rischio; Art. 18 Disposizioni particolari per il personale dell area di rischio acquisizione e progressione del personale; Art. 19 Disposizioni particolari per il personale dell area di rischio affidamento di lavori, servizi e forniture Art. 20 Disposizioni particolari per il personale dell area provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari privi di effetto economico diretto e immediato per il destinatario; Art. 21 Disposizioni particolari per il personale dell area provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari con effetto economico diretto e immediato per il destinatario; Art. 22 Disposizioni particolari per il personale dell area sorveglianza e controlli; Art. 23 Disposizioni particolari per il personale dell area risoluzione delle controversie; Art. 24 Disposizioni particolari per il personale che gestisce risorse finanziarie e contante; TITOLO III DISPOSIZIONI FINALI Art. 25 Disposizioni transitorie, di adeguamento e finali. Il Responsabile della prevenzione della corruzione, unitamente alla struttura di supporto tecnico, monitora la corretta applicazione del Codice e si impegna a proporre eventuali integrazioni e/o variazioni qualora ritenuto utile e/o opportuno. Ancona, 24/06/2015 Il RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Dr. Michele De Vita 5

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato B) D.G. n. 45 del 17/04/2014 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA (Delibera A.N.A.C. n. 75/2013) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il

Dettagli

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del 23.06.2014

Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con. D.R. n. 416 del 23.06.2014 Relazione di accompagnamento al Codice di comportamento di Ateneo approvato con D.R. n. 416 del 23.06.2014 Premessa Il Codice di comportamento dell Ateneo di Parma (di seguito denominato Codice ) è stato

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA. ULSS n. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA. ULSS n. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA ULSS n. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 55 DEL

Dettagli

Azienda Ulss 12 Veneziana RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA

Azienda Ulss 12 Veneziana RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA Azienda Ulss 12 Veneziana RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELATIVA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA ULSS 12 VENEZIANA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CODICE DI COMPORTAMENTODELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CODICE DI COMPORTAMENTODELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CODICE DI COMPORTAMENTODELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Versione n.1/2014 SOMMARIO PREMESSE... 3 PROCEDURA DI ADOZIONE... 3 PRESENTAZIONE GRAFICA... 4 ASPETTI CARATTERIZZANTI...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DI ATENEO

AVVISO PUBBLICO COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DI ATENEO AVVISO PUBBLICO COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA ALL ADOZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO DI ATENEO La L. 190/12 recante Disposizioni per la prevenzione e

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MACERATA FELTRIA Provincia di Pesaro e Urbino CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165/2001 Approvato con deliberazione di G.C. n. 3/2014) ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 Comune di Ronchis Provincia di Udine PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Il Decreto Legislativo n. 33/2013 ha confermato

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Codice CIFRA:PER / DEL / 2013 /00

REGIONE PUGLIA. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Codice CIFRA:PER / DEL / 2013 /00 REGIONE PUGLIA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA:PER / DEL / 2013 /00 OGGETTO: Presa d atto del programma triennale della trasparenza e integrità e del Codice di comportamento

Dettagli

BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI

BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI Allegato: deliberazione G.C. n. 22 in data 11.03.2014 COMUNE DI MONTEGALDELLA PROVINCIA DI VICENZA BOZZA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (2015-2017) Componenti: a) N. 15 Consiglieri componenti

Dettagli

Relazione illustrativa di accompagnamento del Codice di comportamento dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi

Relazione illustrativa di accompagnamento del Codice di comportamento dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi Relazione illustrativa di accompagnamento del Codice di comportamento dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi approvato con provvedimento del Direttore Generale n. 449 del 18.07.2014. Premessa

Dettagli

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1 Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano

COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano COMUNE DI MONTORIO ROMANO (PROVINCIA DI ROMA) Via IV Novembre 115 - Montorio Romano Cod. Fisc. 86005370589 P. IVA 02146191008 Tel. 0774 / 62.223 Telefax : 0774 / 62.286 SEGRETARIO GENERALE CODICE DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.)

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della corruzione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (ART. 54, COMMA 5, DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165/2001) mod. RegolamentoEnte.dot Versione 3.10 del 25.10.2011 PAG.1 DI 12 INDICE SISTEMATICO ART.1 - DISPOSIZIONI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. Prot79076 -I/8 Bari, 11.11.2014. Comunicazione via e-mail

DIREZIONE GENERALE. Prot79076 -I/8 Bari, 11.11.2014. Comunicazione via e-mail DIREZIONE GENERALE Prot79076 -I/8 Bari, 11.11.2014 Comunicazione via e-mail Ai Referenti per la prevenzione della corruzione e la trasparenza Ai sostituti dei Referenti Ai segretari amministrativi E, p.c.

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower).

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower). 26.06.2015 163927\1.18\2015\9 1 A tutti i dipendenti e p.c. Al Sig. Sindaco Metropolitano Avv. Giuliano Pisapia Ai Consiglieri metropolitani Ai Revisori dei Conti All'Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 50 DEL 30/01/2015 OGGETTO Adozione del Codice di Comportamento dei dipendenti dell'azienda per l'assistenza

Dettagli

CITTÀ DI ARIANO IRPINO (Provincia di AVELLINO)

CITTÀ DI ARIANO IRPINO (Provincia di AVELLINO) CITTÀ DI ARIANO IRPINO (Provincia di AVELLINO) CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI ARIANO IRPINO Approvato con deliberazione di G.C. n. del Art. 1 Disposizioni di carattere

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA

REGOLAMENTO COMITATO UNICO DI GARANZIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Introduzione L art. 21 della L. 04/11/2010

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017 SEZIONE I PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ Anni 2015-2017 Premessa. L art. 10 del d.lgs. n. 33/2013 dispone che ogni singola amministrazione, o altri soggetti obbligati ai sensi dell

Dettagli

Comune di Pratola Serra Provincia di Avellino Il Segretario Comunale

Comune di Pratola Serra Provincia di Avellino Il Segretario Comunale RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE- APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 34 del 03.03.2014 La L. 190/2012, recante Disposizioni per la

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA La disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni è stata oggetto di un riordino complessivo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI (art. 54, comma 5, decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165) ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE E AMBITO

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SETA SPA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Aggiornamento n. 1 del 5 febbraio 2016. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento n. 1 del Piano di Prevenzione della Corruzione (d ora

Dettagli

Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Comune di Bari

Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Comune di Bari Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA Comune di Bari 1 INTRODUZIONE Il presente documento contiene schede sintetiche relative agli esiti delle verifiche condotte

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Fondazione Provinciale Bresciana per L Assistenza Minorile onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Triennio 2014 2016 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

OPERA PIA CASA DI RIPOSO "S. VINCENZO DE' PAOLI" - VIZZINI -

OPERA PIA CASA DI RIPOSO S. VINCENZO DE' PAOLI - VIZZINI - OPERA PIA CASA DI RIPOSO "S. VINCENZO DE' PAOLI" - VIZZINI - (Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza Programma Triennale per la Trasparenza e l'integrità (PTTI) 2015-2017 Il presente Programma

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.)

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E LʼINTEGRITAʼ (P.T.T.I.) Triennio: 2015-2017 Responsabile: Dott. Pasquali Francesco Nomina del responsabile

Dettagli

Comune di MOJO ALCANTARA Provincia di Messina PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017

Comune di MOJO ALCANTARA Provincia di Messina PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 APPROVATO con deliberazione di Giunta Municipale n. 27 del 26.03.2015 Comune di MOJO ALCANTARA Provincia di Messina PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 PREMESSA Con

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

Oggetto: Adozione documento di politica in materia di informazione tecnico scientifica. Immediatamente eseguibile

Oggetto: Adozione documento di politica in materia di informazione tecnico scientifica. Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 42 Del 27/02/2015 Oggetto: Adozione documento di politica in materia di informazione tecnico scientifica. Immediatamente eseguibile NO Struttura proponente: Direzione

Dettagli

Settembre 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Giunta Provincia Autonoma di Trento

Settembre 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Giunta Provincia Autonoma di Trento Settembre 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA Giunta Provincia Autonoma di Trento 1 Introduzione Il presente documento contiene schede sintetiche relative agli esiti

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL C.U.G. (COMITATO UNICO PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014.

Relazione sullo stato, sul funzionamento e sugli esiti del processo di valutazione e misurazione delle performance nell anno 2014. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA (denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della legge regionale n. 8/2014) CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (Istituito con delibera

Dettagli

COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia

COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia COMUNE DI CALICE AL CORNOVIGLIO Provincia della Spezia PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 1. OGGETTO DEL PIANO Il piano triennale per la prevenzione della corruzione: a) fornisce

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA

AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI ELENCHI DI OPERATORI ECONOMICI DA CONSULTARE PER L AFFIDAMENTO DELL ESECUZIONE DI LAVORI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 1 - OGGETTO 1. Il Comune di Formigine e la Formigine

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 14/05/2015 con delibera n 4 del Verbale n. 7. AFOL Metropolitana Agenzia Metropolitana

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA AVVISO AL PERSONALE DIPENDENTE Procedura di consultazione interna: ai fini dell aggiornamento del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017 (P.T.P.C.)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017. (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Prot. n. 521/U/2014 Prot. n. 521/U/2014 Ferrara, 18 dicembre 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013) Documento approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Codice di Comportamento della Provincia di Milano

Codice di Comportamento della Provincia di Milano Provincia di Milano Codice di Comportamento della Provincia di Milano Articolo 1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente Codice di Comportamento, di seguito denominato "Codice", integra e specifica

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERA N. 39 DEL 30.1.2014-OGGETTO: UOC GESTIONE DEL PERSONALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DELL AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TERNI

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TERNI CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TERNI Sommario Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Disposizioni di carattere generale e ambito

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Afol Est Milano PIANO DELLE AZIONI 2015 Gennaio 2015 Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014-2016 ( di seguito anche PTPC o Piano) dell'agenzia

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2017

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2017 ORDINE INTERPROVINCIALE DEI FARMACISTI DI NUORO E OGLIASTRA VIA FOSCOLO 29 08100 NUORO TEL. 0784 34624 FAX 0784 231335 COD. FISC.:80000810913 e-mail: postmaster@ordinefarmacistinuoro.it - sito web: http://www.ordinefarmacistinuoro.it

Dettagli

CASA DI RIPOSO F. BEGGIATO Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD)

CASA DI RIPOSO F. BEGGIATO Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD) Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD) N 11063 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 1) PREMESSA Il presente Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità viene adottato

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio ALLEGATO A PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio Area A : Acquisizione e progressione del personale Reclutamento personale:

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA. a norma dell articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165

COMUNE DELLA SPEZIA. a norma dell articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Allegato A CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DELLA SPEZIA a norma dell articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 39

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Opere Sociali di N.S. di Misericordia Savona

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Opere Sociali di N.S. di Misericordia Savona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA La trasparenza è uno strumento per il controllo diffuso da parte dei cittadini dell attività amministrativa e un elemento dell azione di prevenzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2015 2017 1. Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione. La trasparenza costituisce strumento di prevenzione e contrasto

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia

Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia Regolamento in materia di pubblicità e trasparenza dei dati e delle informazioni concernenti l organizzazione e l attività della Banca d Italia LA BANCA D ITALIA Visto l art. 1, comma 15, della legge 6

Dettagli