Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29"

Transcript

1 Bollettino Settimanale Anno XVIII - n. 29 Pubblicato sul sito il 25 agosto 2008

2 56 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE PS7 - SKY-PACCHETTO CALCIO Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 24 luglio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTO il Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, come modificato dal Decreto Legislativo 2 agosto 2007, n. 146 (di seguito, Codice del Consumo); VISTO il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pratiche commerciali scorrette, adottato con delibera dell Autorità del 15 novembre 2007 pubblicata nella G.U. n. 283 del 5 dicembre 2007, ed entrato in vigore il 6 dicembre 2007 (di seguito, Regolamento); gli atti del procedimento; VISTA la comunicazione di avvio del procedimento del 10 giugno 2008, volto a verificare l esistenza di pratiche commerciali scorrette in violazione degli articoli 20, 21, 22, 23, 24, 25 e 26, lettera f), del Codice del Consumo, così come richiamati, altresì, dall art. 57, comma 2, del medesimo Codice, poste in essere dalla società Sky Italia S.r.l.; VISTE le comunicazioni inoltrate dalla società Sky Italia S.r.l. in data 21 marzo 2008, integrata l 11 aprile 2008, ed in data 7 luglio 2008, nonché le memorie presentate dalla medesima società in data 7 luglio 2008; CONSIDERATO quanto segue: I. FATTO 1. Fra il mese di ottobre 2007 e il mese di aprile , sono pervenute diverse segnalazioni da parte di consumatori che hanno contestato alla società Sky S.r.l. l attivazione di servizi televisivi, mediante la conclusione di contratti a distanza, da essi asseritamene mai richiesti o aventi caratteristiche diverse rispetto a quelle promesse ovvero rispetto ai quali, avrebbero riscontrato ostacoli alla disdetta ed in taluni casi, avendo proposto reclami, non avrebbero ottenuto rimborso immediato delle somme già versate. 2. Pertanto, sulla base delle informazioni acquisite in atti, in data 10 giugno 2008, è stato avviato il procedimento istruttorio ai sensi dell art. 27, comma 3, del Decreto Legislativo n. 206/05, come modificato dal Decreto Legislativo n. 146/07, nonché ai sensi dell art. 6 del Regolamento, al fine di verificare l esistenza di eventuali pratiche commerciali scorrette poste in essere dalla società Sky S.r.l in violazione degli articoli degli articoli 20, 21, 22, 23, 24, 25 e 26, lettera f), del Codice del Consumo, così come richiamati, altresì, dall art. 57, comma 2, del medesimo Codice. 3. I comportamenti oggetto di contestazione come pratiche commerciali consistono nella: 1 Ulteriori denunce sono pervenute nei mesi di maggio e giugno anche dopo la comunicazione di avvio del presente procedimento.

3 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO conclusione di contratti a distanza per abbonamenti ai servizi televisivi Sky senza aver acquisito preventivamente l inequivoca volontà dei soggetti contattati (risultati, poi, titolari del rapporto) ad aderire all offerta commerciale proposta; conclusione di contratti a distanza per abbonamenti alla tv satellitare senza adottare tutte le garanzie necessarie al fine della prestazione di un consenso informato da parte dei soggetti contattati, essendo stata evidenziata in alcune segnalazioni una difformità tra le informazioni fornite verbalmente in sede di proposta contrattuale e quelle contenute nella documentazione negoziale inviata successivamente all indirizzo dell utente; attivazione non richiesta di pacchetti di abbonamento alla tv satellitare e conseguente richiesta di pagamento, con riferimento in particolare alle offerte Mondo Sky+Cinema e Pacchetto Calcio. Rispetto a tali fattispecie, il professionista, a fronte dei reclami degli utenti, non avrebbe provveduto al rimborso immediato delle somme già versate, bensì avrebbe previsto uno storno dalle successive bollette; ostacoli alla disdetta, rappresentati dal pagamento di penali non giustificate da effettivi costi di disattivazione. II. MEMORIE E INFORMAZIONI FORNITE DALLA PARTE 4. Con comunicazione pervenuta in data 21 marzo 2008, integrata in data 11 aprile 2008, in risposta ad una richiesta di informazioni relativa al solo pacchetto Calcio, inoltrata in data 7 marzo 2008 ai sensi dell articolo 4, comma 1, del Regolamento ed acquisita agli atti del procedimento, la società Sky S.r.l. ha specificato, in sintesi, quanto segue: per quanto attiene alla modalità di diffusione della comunicazione con cui al cliente viene confermata l'adesione al pacchetto Calcio e alle modalità di selezione dei soggetti destinatari di tale comunicazione, la promozione Prima vedi e poi decidi Offre Sky cui si riferisce la comunicazione segnalata, è stata portata a conoscenza di tutti gli utenti che non avevano nel proprio abbonamento il pacchetto citato. I destinatari della comunicazione erano soltanto gli abbonati che avevano esplicitamente richiesto l'attivazione promozionale del pacchetto nel periodo compreso tra luglio e ottobre 2007, periodo di promozione dell'offerta sopradescritta. i reclami e le segnalazioni ricevuti in relazione al pacchetto Calcio, pur rappresentando un fenomeno assai circoscritto rispetto al volume totale delle adesioni, hanno ad oggetto l attivazione non richiesta del servizio cui si aggiunge, in alcuni casi, la richiesta di disattivazione dell offerta e/o lo storno degli importi fatturati. Nel periodo di febbraio-marzo 2008 sono state riscontrate 41 richieste di disattivazione del pacchetto citato con causale servizio mai richiesto rispetto al numero complessivo di disattivazioni e ad un volume totale di attivazioni dell offerta di Sky sottolinea che solo a far data dal 28 gennaio 2008, ha adottato un sistema in grado di distinguere con certezza le diverse tipologie di reclami perchè non sussisteva, nel periodo precedente, alcun obbligo per gli operatori di indicare la motivazione delle disattivazioni. 5. A seguito della comunicazione di avvio del procedimento del 10 giugno 2008, con riferimento al procedimento cautelare, sono pervenute, in data 7 luglio 2008, la risposta alla richiesta di informazioni formulata nella citata comunicazione di avvio e una memoria difensiva, integrata in data 23 luglio 2008, nelle quali la società ha rilevato l assenza, nel caso di specie, dei presupposti

4 58 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 per l adozione del provvedimento interinale, svolgendo, in sintesi, le seguenti considerazioni e fornendo le seguenti informazioni: per la vendita dei propri servizi Sky utilizza diversi canali: 1) upselling in outsource di nuovi pacchetti; 2) teleselling in outsource nei confronti di potenziali nuovi abbonati; 3) upselling di servizi premium; 4) agenti che operano anche door to door; 5) e installatori di impianti satellitari, solo nei casi in cui ciò sia stabilito da espressa previsione contrattuale fra le parti. Per ciascun canale sono predisposti script e linee guida differenti che indicano le caratteristiche dei pacchetti e dei servizi da vendere ed, in particolare, specificano i costi di fruizione dei servizi offerti (ossia il canone di abbonamento), i costi di attivazione e i costi di installazione sostenuti da Sky. Nelle ipotesi in cui si rendono necessari lavori di installazione aggiuntivi i costi sono posti a carico del cliente e dettagliati nell ordine di lavorazione consegnato dal tecnico; per quanto riguarda le attività esternalizzate poste in essere per il tramite dei sopra citati canali di vendita, queste sono dirette all acquisizione del consenso informato dell utente contattato e condotte seguendo le istruzioni impartite da Sky contenute negli script. I controlli e le misure imposte agli operatori di call center degli Outsources, consistono nella registrazione della fase di adesione dell utente al servizio offerto, nell ascolto di tutte le registrazioni effettuate, nella verifica della loro conformità alle indicazioni contenute negli script. Sono richiesti, altresì, controlli a campione per verificare il grado di comprensione dell utente contattato in relazione all offerta proposta; per le attività di vendita non esternalizzate, realizzate ricorrendo al canale di upselling e limitate ai pacchetti premium per soggetti già abbonati a Sky, le cautele predisposte, direttamente connesse all elevato contenuto tecnologico di tali servizi, consistono in corsi di formazione, script informativi, controlli periodici svolti internamente alla struttura di Customer Relation Management di Sky. Non esistono procedure di registrazione vocale, ma dopo il consenso acquisito telefonicamente è previsto l invio di una lettera con le informazioni relative all offerta a cui l abbonato ha aderito 2. L ordine di lavoro e l attivazione del servizio sono realizzati solo dopo l installazione e l adeguamento dell impianto ad opera del tecnico che si reca al domicilio dell utente e consegna l ordine di lavoro per la sottoscrizione. In ogni caso è previsto l invio di una comunicazione tramite mail ai clienti che prima di aderire richiedono conferma scritta di quanto prospettato telefonicamente dagli operatori del call center; ulteriori misure di controllo che riguardano i canali di vendita in outsourcing sono realizzate con l adozione di meccanismi di incentivi che vengono riconosciuti solo dopo l attivazione del servizio richiesto dall abbonato; per garantire un sistema di reclamo in grado di far fronte alle doglianze degli utenti è stata introdotta una procedura unica, disciplinata nella carta dei servizi, che prevede la possibilità di effettuare reclami mediante: internet, telefono, fax e posta. La definizione dei reclami, pervenuti secondo una delle modalità sopra indicate, avviene per quanto possibile entro 30 giorni dal ricevimento della segnalazione; in caso di contestazione di attivazioni di servizi non richiesti, oltre alle misure già previste della disattivazione tempestiva del servizio e del rimborso tramite il meccanismo dello storno degli importi contestati, è stata introdotta, successivamente alla comunicazione di avvio del presente 2 Da luglio 2008 l invio della lettera di conferma al domicilio dell utente è diventato obbligatorio in ogni ipotesi di vendita di pacchetto premium;

5 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO procedimento, un ulteriore procedura che consente la restituzione immediata delle somme versate mediante assegno; per quanto attiene, infine, alle modalità di disdetta dell abbonamento è riconosciuta la facoltà all utente di recedere in qualsiasi momento, con preavviso di almeno trenta giorni, mediante raccomandata. Sky recupera, dai propri abbonati che esercitano il recesso solo parte dei costi che ha effettivamente sostenuto per l erogazione dei servizi richiesti che sono, oltretutto, specificatamente indicati nelle condizioni contrattuali 3. Sky solleva riserve circa la competenza di Codesta Autorità in relazione all esercizio di un potere di vigilanza e di applicazione della normativa contenuta nella Legge Bersani, che si presume essere stata violata con l imposizione del pagamento di penali non giustificate da effettivi costi di disattivazione; già in data precedente rispetto alla comunicazione di avvio del presente procedimento, la società era spontaneamente intervenuta per migliorare il processo di acquisizione dei consensi, le procedure di vendita a distanza ed i processi interni di controllo e validazione degli ordinativi, al fine di impedire che si potessero ripetere casi di attivazione di servizi non richiesti o aventi caratteristiche anche solo parzialmente diverse da quelle promesse, infatti, nessuna delle richieste pervenute all Autorità appare avere carattere attuale posto che i comportamenti segnalati sono pressoché tutti relativi all anno 2007; in un ottica di massima collaborazione, la società ha studiato una serie di ulteriori misure al fine di impedire che i casi oggetto di segnalazione abbiano a ripetersi. In sintesi, la società ha provveduto a: 1) rafforzare ulteriormente i meccanismi di controllo al fine di garantire lo scrupoloso rispetto delle regole di acquisizione del consenso dei soggetti contattati attribuendo, a partire da luglio 2008, ad una società esterna l incarico di effettuare un ulteriore verifica nelle ipotesi in cui i servizi attivati risultino non essere mai stati richiesti; 2) prevedere l introduzione, nei nuovi contratti da stipulare con gli outsourcers, di penali da applicare nelle ipotesi di attivazione di servizi non richiesti; 3) adottare un sistema di invio della documentazione con le specifiche dell offerta proposta per la totalità degli ordini di attivazione di servizi premium; in definitiva, le misure adottate da Sky rispetto ai casi oggetto di segnalazione insieme alle modifiche apportate ai processi di acquisizione e controllo del consenso dei clienti nei casi di contrattazione a distanza e all implementazione delle procedure di gestione dei reclami e dei rimborsi, avevano, già nella sostanza e in precedenza rispetto alla comunicazione di avvio del presente procedimento, eliminato il fenomeno oggetto di segnalazione facendo venir meno il presupposto del periculum in mora necessario per l adozione della misura cautelare. Le ulteriori misure che la società si è impegnata ad adottare mostrano, infine, la piena disponibilità a risolvere in modo concreto e definitivo ogni preoccupazione in relazione alle fattispecie segnalate, a beneficio dei consumatori e degli utenti dei servizi. 6. In data 15 luglio 2008, Sky ha presentato impegni ai sensi dell articolo 27, comma 7, del Decreto Legislativo n. 206/05. In particolare: per evitare disguidi sulla volontà di richiedere il servizio e sul contenuto del servizio richiesto, Sky si impegna affinché tutti i soggetti outsourcers incaricati alla vendita, procedano alla registrazione di tutte le telefonate con gli abbonati, ovviamente dietro prestazione del relativo consenso affinché la

6 60 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 registrazione dia prova dell inequivoca volontà del cliente di ricevere il servizio. Qualora l utente non fornisca il consenso alla registrazione o se, una volta ricontattato, emerga qualche elemento che faccia dubitare che vi sia una consapevole ed inequivoca manifestazione del consenso, il contratto non viene stipulato né portato in alcun modo ad esecuzione. Al riguardo, la parte ha fatto presente di aver avviato recentemente un attività di controllo e monitoraggio da parte di una società esterna che provvederà a ricontattare telefonicamente ogni quindici giorni i clienti contattati dagli outsourcers per verificare che la procedura di vendita sia stata scrupolosamente rispettata e che i servizi siano stati correttamente venduti e acquistati; verrà inviata una B-mail ossia un messaggio di conferma sul decoder dell abbonato la cui ricezione è comunicata a quest ultimo tramite un avviso che appare sullo schermo di un televisore. Inoltre, sarà inviata una lettera di conferma in relazione a tutte le operazioni di vendita di ulteriori pacchetti nonché di servizi premium. Tale lettera darà conferma del servizio richiesto e di ogni altra informazione utile per la fruizione del servizio. Se accettato, tale impegno sarà attuato entro settembre 2008; Sky sta procedendo a modificare i contratti con gli outsourcers per introdurre significative penali nel caso di cessazione dei servizi non richiesti. Il nuovo standard contrattuale è già operativo e verrà esteso a tutti gli outsourcers già legati a Sky da precedenti contratti entro il mese di settembre nonché da tutti i nuovi outsourcers, intensificando anche l attività di formazione; infine, Sky si impegna a mantenere in essere una procedura che assicura il rimborso degli importi contestati tramite assegno che verrà inviato al domicilio dell abbonato senza addebito alcuno per il pregiudizio che possa derivare ai singoli consumatori per disguidi, omonimie o errori umani. 7. In data 24 luglio 2008, con ulteriore memoria Sky ha comunicato l adozione di misure, di seguito riportate, volte a garantire, in via cautelativa, una più efficace tutela per gli utenti in relazione ai casi di servizi non richiesti. In particolare: Sky ha disposto la sospensione, per tutta la durata del procedimento in oggetto, di ogni attività volta al recupero coattivo presso gli utenti delle somme relative ai servizi erogati dal 1 ottobre 2007 al 30 giugno 2008 in tutti i casi in cui sia stata contestata per iscritto, entro il 24 luglio 2008, l attivazione di un servizio non richiesto; la sospensione dell attività citata è stata prevista sia nei confronti dei soggetti diventati nuovi abbonati nel periodo sopra citato, sia nei confronti dei vecchi abbonati che nello stesso periodo hanno proceduto all acquisto di nuovi pacchetti e/o di nuovi servizi premium di Sky. III. VALUTAZIONI 8. Ciò posto, nel merito si rileva come non appaiano sussistere motivi di particolare urgenza per l adozione della misura cautelare, con particolare riferimento al requisito del periculum in mora. Infatti, rispetto alle fattispecie oggetto di contestazione, la società Sky S.r.l. ha apportato significative modifiche ai propri processi di acquisizione e verifica del consenso dei clienti contattati, ha implementato le procedure di gestione dei reclami e dei rimborsi ed ha, altresì, 3 Come chiarito in dettaglio nella memoria presentata all Agcom nel corso del procedimento avviato ai sensi della legge n. 40/07 e dedotta in allegato alle memorie acquisite agli atti del presente procedimento.

7 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO adottato misure volte a sospendere l attività di recupero dei crediti, contestati dai consumatori, derivanti dall attivazione di servizi non richiesti. Più in generale, tutti i comportamenti oggetto di contestazione richiedono una più approfondita valutazione nel corso del procedimento istruttorio. CONSIDERATO che i profili di eventuale scorrettezza delle pratiche commerciali saranno comunque oggetto di approfondimento nel corso del procedimento istruttorio; RITENUTO, pertanto, che dall esame degli atti del procedimento emergono elementi tali da escludere la sussistenza del requisito della particolare urgenza; DELIBERA di non adottare la misura cautelare ai sensi dell art. 27, comma 3, del Codice del Consumo e dell art. 9, comma 1, del Regolamento. Il presente provvedimento verrà comunicato ai soggetti interessati e pubblicato nel Bollettino dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Avverso il presente provvedimento può essere presentato ricorso al TAR del Lazio, ai sensi dell articolo 27, comma 13, del Codice del Consumo, entro sessanta giorni dalla data di comunicazione del provvedimento stesso, ovvero può essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, ai sensi dell articolo 8, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199, entro il termine di centoventi giorni dalla data di comunicazione del provvedimento stesso. IL SEGRETARIO GENERALE Luigi Fiorentino IL PRESIDENTE Antonio Catricalà

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 aprile 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632

PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 PS8151 VENDITA FARMACI ON LINE Provvedimento n. 23632 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 marzo 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

DELIBERA N. 580/10/CONS

DELIBERA N. 580/10/CONS DELIBERA N. 580/10/CONS Ordinanza- ingiunzione alla società H3G S.p.A. per la violazione dell articolo 5, comma 4, della delibera n. 418/07/CONS, con riferimento agli obblighi imposti in materia di tutela

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 16 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTO il Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre 2005,

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELL ADUNANZA del 28 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287, e in particolare l articolo

Dettagli

DELIBERA n. 5/13/CONS

DELIBERA n. 5/13/CONS DELIBERA n. 5/13/CONS ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETA VODAFONE OMNITEL NV PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMA 31, DELLA LEGGE 31 LUGLIO 1997, n. 249 PER L INOTTEMPERANZA AL PROVVEDIMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Il giorno 10 settembre 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 10 settembre 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 59/2015 TITOLO 2015.1.10.4 2014.1.10.21.429 LEGISLATURA X Il giorno 10 settembre 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA n. 42/2014 TITOLO 2013.1.10.21.771 2014.1.10.4.1 LEGISLATURA IX Il giorno 10 novembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione

Dettagli

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/3483/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 33 del 22 luglio 2015 Sono presenti i componenti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2012/4879/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 22 del 21 luglio 2014 Sono presenti i componenti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 65/2014 TITOLO 2014.1.10.4.1 2012.1.10.21.796 LEGISLATURA IX Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA ALLEGATO A Alla delibera n. REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA Art. 1 (Definizioni) 1. 1.

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA SANNA / H3G S.P.A. (GU14 n. 922/2013) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 7 maggio 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 3 luglio 2008; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTO il Titolo III del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206,

Dettagli

Delibera n. 129/04 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 22 luglio 2004. Visti:

Delibera n. 129/04 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 22 luglio 2004. Visti: Pagina 1 di 5 Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 29 luglio 2004, ai sensi dell'articolo 6, comma 4, della deliberazione dell'autorità per l'energia elettrica e il gas 20 febbraio 2001, n. 26/01

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXX XXXXXXXXXX/ Wind Telecomunicazioni XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente Componente

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi Aderisci online a Sky, per te un Lumia 532"

REGOLAMENTO dell operazione a premi Aderisci online a Sky, per te un Lumia 532 REGOLAMENTO dell operazione a premi Aderisci online a Sky, per te un Lumia 532" IMPRESA PROMOTRICE Sky Italia S.r.l. sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito Sky ).

Dettagli

DELIBERA n. 31/12/CIR. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA FRANZESE / WIND TELECOMUNICAZIONI S.P.A. (GU14 n. 705/11) L AUTORITA

DELIBERA n. 31/12/CIR. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA FRANZESE / WIND TELECOMUNICAZIONI S.P.A. (GU14 n. 705/11) L AUTORITA DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA FRANZESE / WIND TELECOMUNICAZIONI S.P.A. (GU14 n. 705/11) L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 29 marzo 2012; VISTA

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi SKY TI REGALA YOOX

REGOLAMENTO dell operazione a premi SKY TI REGALA YOOX REGOLAMENTO dell operazione a premi SKY TI REGALA YOOX IMPRESA PROMOTRICE SKY ITALIA S.r.l. - Sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 - C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito Sky ) TERRITORIO Nazionale

Dettagli

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà

AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento 31 luglio 2008 n. 18698 Presidente e Relatore Catricalà Il blocco della funzionalità dell apparecchio di telefonia mobile dopo il periodo di utilizzo esclusivo a favore dell operatore venditore integra limitazione dei diritti contrattuali dell utente, in dispregio

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 52/2014 TITOLO 2014.1.10.4 2014.1.10.21.35 LEGISLATURA IX Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei

Dettagli

Modifica del Regolamento dell Operazione a Premio SAMSUNG e SKY PACK

Modifica del Regolamento dell Operazione a Premio SAMSUNG e SKY PACK Modifica del Regolamento dell Operazione a Premio SAMSUNG e SKY PACK Il Soggetto Promotore, ai sensi e per gli effetti dell art. 10 comma 4 del D.P.R. n. 430/2001, e dell art. XI del Regolamento dell Operazione

Dettagli

Delibera n. 664/06/cons

Delibera n. 664/06/cons Delibera n. 664/06/cons Adozione del regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza L AUTORITÀ NELLA

Dettagli

PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. Art.

PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. Art. PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA (ai sensi e per gli effetti dell articolo 3 - allegato A della Deliberazione

Dettagli

Delibera n. 85/11/CIR Definizione della controversia G.B./Telecom Italia S.p.A. (gu14/1171/ 08) l Autorità

Delibera n. 85/11/CIR Definizione della controversia G.B./Telecom Italia S.p.A. (gu14/1171/ 08) l Autorità Delibera n. Definizione della controversia G.B./Telecom Italia S.p.A. (gu14/1171/ 08) l Autorità NELLA sua riunione della Commissione per le Infrastrutture e le reti del 6 luglio 2011; VISTA la legge 31

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 21 del 5 maggio 2014

DELIBERAZIONE n. 21 del 5 maggio 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: X XXXXXX XXX XX XXXXXXXX XXXXXXXXX / Telecom Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 7 agosto 2008 VIS 89/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettere a) e d), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Pandora S.p.A. L

Dettagli

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 BOLLETTINO N. 2 DEL 2 FEBBRAIO 2009 45 C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 15 gennaio 2009; SENTITO il Relatore

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 6 settembre 2012 SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108

PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108 306 PS7450 - BNC CREDIT-MANCATA INDICAZIONE TAN E TAEG Provvedimento n. 23108 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 dicembre 2011; SENTITO il Relatore Professore

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 novembre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE

RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE NEWS 2014 News 2014.012 del 12/04/2014 RECUPERO CREDITI DA PARTE DI GE.RI. e ELLIOT SOSPESA ATTIVITA PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE L Antitrust ha intimato alla società di recupero crediti, la sospensione

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2013 221/2013/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84;

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84; Determinazione 18/2014 Definizione della controversia XXX/Optima Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la L. 31 luglio 1997, n. 249, Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi

Dettagli

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA,

DELIBERA N. 78/10/CIR. Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, DELIBERA N. 78/10/CIR Definizione della controversia Seppia/ Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA, NELLA riunione della Commissione per le Infrastrutture e le Reti dell 11 novembre e, in particolare, nella

Dettagli

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente:

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente: Delibera n. 84/2015 Prescrizioni a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. relativamente ad alcune modifiche da essa apportate, nel corso del 2015, al Prospetto informativo della rete 2014 e 2015 L Autorità,

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

DELIBERA n. 16/14/CIR

DELIBERA n. 16/14/CIR DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA VITA / VODAFONE OMNITEL N.V. (ora VODAFONE OMNITEL B.V.) E TELECOM ITALIA S.P.A. (GU14 n. 991/13) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi Un Lumia 532 se aderisci online a Sky"

REGOLAMENTO dell operazione a premi Un Lumia 532 se aderisci online a Sky REGOLAMENTO dell operazione a premi Un Lumia 532 se aderisci online a Sky" IMPRESA PROMOTRICE Sky Italia S.r.l. sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito Sky ). TERRITORIO

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 Numero 00503/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 OGGETTO: Autorita' garante della

Dettagli

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A.

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. Determinazione 5/2015 Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Corecom comitato regionale per le comunicazioni ATTI 1.21.1. 2011/4617/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 14 del 15 aprile 2013 Sono presenti i componenti del Comitato: MINOLI

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI "Sky e Gazzetta per te

REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI Sky e Gazzetta per te REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI "Sky e Gazzetta per te IMPRESA PROMOTRICE Sky Italia S.r.l. sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito Sky ) in associazione con RCS

Dettagli

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli

DETERMINA DIRETTORIALE N. 126 DEL 28/07/2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA (PELLICANO xxx /SKY Italia xxx - codice cliente xxx) IL DIRETTORE

DETERMINA DIRETTORIALE N. 126 DEL 28/07/2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA (PELLICANO xxx /SKY Italia xxx - codice cliente xxx) IL DIRETTORE Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal /Rep DETERMINA DIRETTORIALE N. 126 DEL 28/07/2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA (PELLICANO xxx /SKY Italia xxx - codice cliente xxx) VISTI: IL DIRETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi Buon Compleanno con Telepass

REGOLAMENTO dell operazione a premi Buon Compleanno con Telepass REGOLAMENTO dell operazione a premi Buon Compleanno con Telepass IMPRESA PROMOTRICE SKY ITALIA S.r.l. - Sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 - C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito SKY ) TERRITORIO

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Elettro S.I.E.M.M. S.r.l. /Fastweb S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 234/15/CONS DIFFIDA ALLE SOCIETÀ NÒVERCA ITALIA S.R.L. E TELECOM ITALIA S.P.A. AL RISPETTO DEGLI ARTT. 70 E 71 DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di energia elettrica Cosa riguarda Quando si applica Ulteriori obblighi Con la liberalizzazione del mercato dell energia elettrica, tutti i clienti hanno

Dettagli

Delibera n. 71 /2015

Delibera n. 71 /2015 Delibera n. 71 /2015 Avvio del procedimento per l adozione di provvedimenti sanzionatori di cui al decreto legislativo 17 aprile 2014, n. 70, recante la disciplina sanzionatoria per le violazioni delle

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 24 APRILE 2014 188/2014/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO DI BILANCIAMENTO DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Il giorno 24/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 24/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 24/2015 TITOLO 2015.1.10.4.1 2013.1.10.21.731 LEGISLATURA X Il giorno 24/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli

Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com

Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com Alberto Grossi Direttore Direzione Consumatori e Utenti Autorità per l energia elettrica e il gas Questa

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX LEANZA / WIND XXX IL CORECOM LAZIO

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX LEANZA / WIND XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 50/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX LEANZA / WIND XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XXIII - n. 32

Bollettino. Settimanale. Anno XXIII - n. 32 Bollettino Settimanale Anno XXIII - n. 32 Pubblicato sul sito www.agcm.it 19 agosto 2013 SOMMARIO INTESE E ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE 5 A407C - CONTO TV/SKY ITALIA Provvedimento n. 24474 5 A446 - (QG1)

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera n. 192/05 Modifiche ed integrazioni al regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas di cui alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 L AUTORITÀ PER

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 ottobre 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con delibera del consiglio comunale n.18 del 23.3.2015 Sommario ART.1 - OGGETTO

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

OGGETTO DELLA PROMOZIONE

OGGETTO DELLA PROMOZIONE REGOLAMENTO dell operazione a premi Sky sconta Enel Energia Ottobre Dicembre promossa da Sky ITALIA S.r.l. Sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 C.F. e P.I. 04619241005 TERRITORIO Nazionale italiano

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/BA DELIBERAZIONE N. 84 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA DI FRANCIA XXXXX c/ VODAFONE OMNITEL xxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi Abbonati a Sky e viaggia con Telepass

REGOLAMENTO dell operazione a premi Abbonati a Sky e viaggia con Telepass REGOLAMENTO dell operazione a premi Abbonati a Sky e viaggia con Telepass IMPRESA PROMOTRICE SKY ITALIA S.r.l. - Sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 - C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito Sky ) TERRITORIO

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 16/2015 Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014

REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014 REGIONE PIEMONTE BU8 20/02/2014 Codice DB1600 D.D. 19 dicembre 2013, n. 727 Affidamento al CSI Piemonte del servizio di accesso a Banca Dati Camerale Telemaco per la Direzione regionale DB16 - Impegno

Dettagli

DITTA SINET ITALIA S.R.L.

DITTA SINET ITALIA S.R.L. COMUNE DI SPINEA (Provincia di Venezia) CONVENZIONE CON LA DITTA SINET ITALIA S.R.L. DI PORTOGRUARO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA TRACCIABILITA E RINTRACCIABILITA DELLE INFORMAZIONI MARKETING

Dettagli

Si riporta per esteso il 1 e 2 comma dell art. 9 (Modifiche impianti) del citato Regolamento

Si riporta per esteso il 1 e 2 comma dell art. 9 (Modifiche impianti) del citato Regolamento q Risposta all interrogazione n. 44 Comune di Apiro - impianto di distribuzione carburanti - Piazzale Cesare Battisti - ditta S.A.S.A srl l.r 15/2002. Setenza T.A.R Marche n. 25 pubblicata il 25/01/2010

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

REGOLAMENTO dell operazione a premi Il pieno è FACILE con SKY

REGOLAMENTO dell operazione a premi Il pieno è FACILE con SKY REGOLAMENTO dell operazione a premi Il pieno è FACILE con SKY IMPRESE PROMOTRICI SKY ITALIA S.r.l. - Sede legale in Milano Via Monte Penice, 7 - C.F. e P.I. 04619241005 (di seguito SKY ) in associazione

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 45 del 15 dicembre 2014

DELIBERAZIONE n. 45 del 15 dicembre 2014 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

GESTIONE STRAGIUDIZIALE GRATUITA: CONDIZIONI CONTRATTUALI

GESTIONE STRAGIUDIZIALE GRATUITA: CONDIZIONI CONTRATTUALI GESTIONE STRAGIUDIZIALE GRATUITA: CONDIZIONI CONTRATTUALI Gestione stragiudiziale dei crediti Italia SERVIZI OFFERTI La gestione dei crediti affidati ad AT CM avverrà secondo le seguenti modalità: - Gestione

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 27 NOVEMBRE 2014 583/2014/S/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONE DI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI ANAGRAFICA DEGLI OPERATORI E DI RECLAMI PRESENTATI ALLO SPORTELLO

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 24/01/2013. Pagina 1 di 6 Sommario ART.1 - OGGETTO

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli