Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO

2 Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione La richiesta di notificazione La notificazione all imputato La dichiarazione e l elezione di domicilio La dichiarazione di irreperibilità La notificazione alla persona offesa, alle parti private diverse dall imputato ed al pubblico ministero Le attività sostitutive della notificazione La nullità della notificazione di 17

3 1 Gli organi e i modi della notificazione. La notificazione è la procedura mediante la quale un atto entra nella sfera di conoscibilità dell interessato. La legge processuale annette particolare importanza a questo istituto, circondandolo di dettagliate prescrizioni, nell intento di ottenere, se non la certezza della conoscenza del contenuto dell atto, almeno la prova del suo ingresso nella sfera di conoscibilità del destinatario, presumendosi che ciascuno sia in grado di comprendere ciò che gli si vuole comunicare. La notificazione consente l instaurazione del contraddittorio e, più in generale, l effettivo esercizio del diritto di difesa. Nel prescrivere le regole che la disciplinano, il legislatore è chiamato a bilanciare l interesse del notificante con quello del destinatario della notificazione. Quest ultimo ha diritto a ricevere l atto, ma non può paralizzare, per le sue vicende personali, quali l assenza dall abitazione o dall ufficio, lirreperibilità, la mancanza di incaricati abilitati a ricevere, in sua vece, l atto, l attività di notificazione, ragion per cui sono previsti particolari meccanismi idonei a far si che la procedura, una volta avviata, pervenga, comunque, a conclusione, anche quando l atto non possa essere consegnato direttamente al suo destinatario, purchè siano rispettati specifici adempimenti, prescritti in funzione di garanzia. L ufficiale giudiziario è l organo preposto alle notificazioni, che esegue a richiesta del giudice, del magistrato del pubblico ministero, delle parti private e dei loro difensori. Si tratta di un pubblico ufficiale, che al pari del cancelliere e degli altri ausiliari dell autorità giudiziaria, è tenuto ad osservare le norme anche quando la loro inosservanza non importa nullità o altra sanzione processuale (art. 124). In linea di principio, l autorità giudiziaria può disporre che le notificazioni e gli avvisi ai difensori siano eseguiti con mezzi tecnici idonei. Può accadere, anche, che il cancelliere, consegnando direttamente copia dell atto all interessato, sostituisca la notificazione, purchè annoti sull originale dell atto l avvenuta consegna e la data in cui essa è stata eseguita. L atto deve essere notificato per intero, se la legge non prevede espressamente che la notificazione avvenga per estratto (art. 148). 3 di 17

4 Quanto alle modalità di notificazione, l ufficiale giudiziario può provvedervi personalmente o avvalersi del servizio postale (art 170). Se procede di persona, l ufficiale giudiziario scrive la relazione in cui indica l autorità giudiziaria o la parte privata richiedente, le ricerche effettuate, le generalità della persona alla quale ha consegnato la copia, il luogo e la data della consegna della copia. Se la persona che riceve l atto non è il destinatario, l ufficiale giudiziario deve specificare i rapporti che questa persona ha con il destinatario e le funzioni o le mansioni svolte. La relazione è scritta in calce all originale e alla copia notificata. Se la copia è consegnata in plico chiuso il che avviene quando la consegna della copia destinata all imputato è fatta a persona convivente, al portiere o al sostituto - la relazione è scritta all esterno del plico. La notificazione produce effetto per ciascuno interessato dal giorno della sua esecuzione. Se vi è contraddizione tra la relazione scritta sulla copia consegnata e quella contenuta nell originale, valgono, per ciascuno interessato, le attestazioni risultanti dalla copia che gli è stata notificata (art. 168 e 157). L ufficiale giudiziario può, a sua discrezione, scegliere tra la notificazione diretta e la notificazione a mezzo del servizio postale, a meno che questa seconda modalità non sia espressamente esclusa dall autorità che chiede l autorizzazione, come può avvenire, ad esempio, in tema di informazione di garanzia. Il magistrato del pubblico ministero può ravvisare, infatti, la necessità che l atto sia notificato direttamente dall ufficiale giudiziario (art. 369). La notificazione a mezzo del servizio postale, si ritiene regolare ed efficace e, quindi, valida, solo quando siano stati rispettati alcuni adempimenti di garanzia, che poi sono analoghi a quelli prescritti per la notificazione effettuata personalmente dall ufficiale giudiziario o dal suo incaricato. L ufficiale postale, predisposta la relazione di notificazione sull originale e sulla copia dell atto, con la menzione dell ufficio postale attraverso il quale spedisce la copia al destinatario, presenta la copia dell atto da notificare all ufficio postale e sulla copia appone l indicazione del nome, del cognome, della dimora, della residenza o del domicilio del destinatario, aggiungendovi ogni particolarità idonea ad agevolare la ricerca. L avviso di ricevimento è spedito in raccomandazione all indirizzo già predisposto dall ufficiale giudiziario. 4 di 17

5 Il piego è consegnato dall agente postale nelle mani del destinatario o, in mancanza, a persona di famiglia che conviva anche temporalmente oppure sia addetta al servizio o alla casa, o al portiere, o a persona che, vincolata da rapporto di lavoro continuativo, sia tenuta alla distribuzione della posta al destinatario, purchè la consegna avvenga nel luogo indicato sulla busta contenente l atto da notificare. Può accadere che il destinatario o le persone alle quali può essere fatta la consegna rifiutino di firmare l avviso di ricevimento ovvero che il destinatario rifiuti il piego o la firma del registro di consegna. In tal caso, l agente postale dà atto del rifiuto sull avviso di ricevimento che è restituito al mittente, eventualmente insieme al piego, e la notificazione si ha per eseguita in tale data. Se le persone abilitate, in luogo del destinatario, a ricevere il piego, lo rifiutano oppure se l agente postale non può consegnare il piego per l assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità o assenza delle persone abilitate, il piego è depositato nell ufficio postale. L agente postale rilascia avviso al destinatario con affissione alla porta d ingresso o immissione nella cassetta della corrispondenza dell abitazione, dell ufficio o dell azienda. Delle formalità eseguite e del deposito deve dare, infine, notizia al destinatario con raccomandata con avviso di ricevimento. E quest ultima che fa decorrere il termine utile, che è di dieci giorni, perché la notificazione possa ritenersi eseguita (art. 157). 5 di 17

6 2 La richiesta di notificazione. La notificazione può essere ordinata dall autorità giudiziaria o richiesta dalle parti private, comprendendo in questa espressione anche i soggetti del procedimento preliminare. Il magistrato del pubblico ministero dispone, per lo più, la notificazione di avvisi di convocazione, mentre il giudice fa notificare i suoi provvedimenti o, a volte, le richieste del magistrato. Così, ad esempio, se il magistrato chiede la proroga delle indagini, sarà cura del giudice far notificare la richiesta all indagato e alla persona offesa che abbia chiesto di essere avvisata (art. 406 comma 3). Le parti private si avvalgono delle notificazioni per scambiarsi comunicazioni o per dialogare con l ufficio del pubblico ministero. Quando s indirizzano al giudice, le parti private depositano le loro istanze o memorie nella cancelleria. In luogo della notificazione, il difensore della parte privata può inviare copia dell atto mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento, salvo che la legge disponga altrimenti (art. 152). In tal caso, il difensore documenta la spedizione depositando in cancelleria copia dell atto inviato - con attestazione di conformità all originale - e l avviso di ricevimento. Il difensore indica altresì se l atto è stato spedito in busta chiusa o in plico (art. 170 e art. 56 disp. a. c. t.). 6 di 17

7 3 La notificazione all imputato. La prima notificazione all indagato a all imputato è eseguita mediante consegna di copia dell atto all interessato. Se non è possibile la consegna alla persona, la notificazione è eseguita nella casa di abitazione o nel luogo in cui l imputato o l indagato esercita abitualmente l attività lavorativa, mediante consegna a persona che conviva anche temporalmente o in mancanza, al portiere o al sostituto. Qualora questi luoghi non siano conosciuti la notificazione è eseguita nel luogo dove l imputato o l indagato ha temporanea dimora o recapito. Il portiere o il sostituto sottoscrive l originale dell atto notificato e l ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell avvenuta notificazione dell atto a mezzo lettera raccomandata, con avviso di ricevimento. Gli effetti della notificazione decorrono dal ricevimento della raccomandata. L autorità giudiziaria dispone la rinnovazione della notificazione quando la copia è stata consegnata alla persona offesa dal reato e risulta o appare probabile che l imputato non abbia avuto effettiva conoscenza dell atto. Se le persone abilitate a ricevere un atto mancano o non sono idonee o si rifiutano, si procede nuovamente alla ricerca dell imputato o dell indagato nei luoghi indicati, specificando nella relazione di notificazione anche l ora in cui sono avvenuti gli accessi. Se neppure in tal modo è possibile eseguire la notificazione, l atto è depositato nel Municipio del comune dove l imputato o l indagato ha l abitazione, o del comune dove esercita abitualmente attività lavorativa. Avviso del deposito è affisso alla porta dell abitazione o dell immobile dove abitualmente il soggetto esercita attività lavorativa. L ufficiale giudiziario dà inoltre comunicazione all imputato o all indagato dell avvenuto deposito a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Gli effetti della notificazione decorrono dal ricevimento della raccomandata (art. 157 e art. 59 disp. a.c. t.). Le notificazioni all imputato o all indagato detenuto sono eseguite nel luogo di detenzione mediante consegna di copia alla persona. In caso di rifiuto se ne fa menzione nella relazione di notificazione e la copia rifiutata è consegnata al direttore dell istituto o al sostituto il quale ne cura l inserimento nel fascicolo personale e la consegna al detenuto, se ne fa richiesta. Nello stesso modo si provvede quando 7 di 17

8 non è possibile consegnare la copia direttamente all imputato o all indagato, perché legittimamente assente. In tal caso dell avvenuta notificazione il direttore dell istituto informa immediatamente l interessato. Le notificazioni al detenuto in luogo diverso dagli istituti penitenziari sono eseguite secondo le forme ordinarie. In nessun caso le notificazioni all imputato o all indagato detenuto o internato possono essere eseguite con le forme previste per l irreperibile (art. 156 e art. 57 disp. a.c.t.). La notificazione all imputato residente all estero va fatta mediante l invio di una raccomandata con avviso di ricevimento contenete l indicazione dell autorità che procede, del titolo del reato, della data e del luogo in cui è stato commesso, nonché l invito a dichiarare o eleggere domicilio nel territorio dello Stato. L invito è redatto pure nella lingua ufficiale dello Stato in cui è nato l imputato o l indagato, quando dagli atti non risulta che conosca la lingua italiana ed è trasmesso in allegato all avviso redatto in lingua italiana. Se nel termine di trenta giorni dalla ricezione della raccomandata non viene dichiarato o eletto il domicilio, oppure la dichiarazione o l elezione è insufficiente o inidonea, le notificazioni sono eseguite mediante consegna al difensore. Nello stesso modo si provvede se la persona risulta essersi trasferita all estero successivamente all emissione del decreto di irreperibilità (art. 169 e art. 63 disp. a.c.t.). Le notificazioni all imputato o all indagato latitante o evaso sono eseguite mediante consegna di copia dell atto al difensore. Se l imputato è privo di difensore, l autorità giudiziaria ne designa uno d ufficio. Il difensore rappresenta l imputato o l indagato a ogni effetto (art. 165). 8 di 17

9 4 La dichiarazione e l elezione di domicilio. L attività di notificazione è semplificata se si conosce il domicilio del destinatario. A tal fine, è previsto che il giudice, il magistrato del pubblico ministero e la polizia giudiziaria, nel primo atto compiuto con l intervento della persona sottoposta alle indagini o dell imputato non detenuto né internato, invitino l interessato ad indicare la casa di abitazione o il luogo in cui esercita abitualmente l attività lavorativa oppure a eleggere domicilio per le notificazioni, avvertendolo che ha l obbligo di comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto e che, in mancanza di tale comunicazione o nel caso di rifiuto di dichiarare o eleggere domicilio, le notificazioni verranno eseguite mediante consegna al difensore. Della dichiarazione o dell elezione di domicilio, ovvero del rifiuto di compierla, è fatta menzione nel verbale. Se la notificazione nel domicilio dichiarato e eletto diviene impossibile, le notificazioni sono eseguite mediante consegna di copia al difensore. Nello stesso modo si procede quando la dichiarazione o l elezione di domicilio manchi o sia insufficiente o inidonea. Tuttavia, se risulta che, per caso fortuito o forza maggiore, il soggetto non è stato nella condizione di comunicare il mutamento del luogo dichiarato o eletto, si procede secondo le modalità ordinarie. Il domicilio dichiarato, il domicilio eletto e ogni loro mutamento sono comunicati dall imputato o dall indagato all autorità che procede, con dichiarazione raccolta a verbale oppure mediante telegramma o lettera raccomandata, con sottoscrizione autenticata da un notaio o da persona autorizzata o dal difensore. La dichiarazione può essere fatta anche nella cancelleria del tribunale ordinario del luogo nel quale il soggetto si trova. In tal caso, il verbale è trasmesso immediatamente all autorità giudiziaria che procede. Analogamente si provvede quando la comunicazione è ricevuta da una autorità giudiziaria che, nel frattempo, abbia trasmesso gli atti ad altra autorità. Finchè questa non ha ricevuto il verbale o la comunicazione, sono valide le notificazioni disposte nel domicilio precedentemente dichiarato o eletto. La determinazione del domicilio dichiarato o eletto è valida per ogni stato e grado del procedimento penale, a meno che nel frattempo il soggetto non sia detenuto e non si tratti di atti che si compiono nel giudizio davanti alla corte di cassazione, per il quale il domicilio delle parti è presso i rispettivi difensori. 9 di 17

10 Per le notificazioni da eseguire nel domicilio dichiarato o eletto si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni relative alla prima notificazione all imputato o all indagato non detenuto (art e art. 62 disp. a.c.t.). 10 di 17

11 5 La dichiarazione di irreperibilità. La dichiarazione di irreperibilità è il provvedimento che l autorità giudiziaria emette quando non è possibile eseguire la notificazione all indagato o all imputato nelle forme ordinarie, perché non si conoscono la casa di abitazione, il luogo in cui esercita abitualmente l attività lavorativa e il luogo in cui ha temporanea dimora o recapito. Preso atto dell esito negativo del primo tentativo di notificazione, l autorità giudiziaria dispone nuove ricerche dell imputato o dell indagato, particolarmente nel luogo di nascita, dell ultima residenza anagrafica, dell ultima dimora, in quello dove ha esercitato attività lavorativa e presso l amministrazione carceraria centrale. La polizia giudiziaria incaricata è tenuta a relazionare all autorità richiedente, indicando i luoghi in cui le ricerche sono state svolte, gli ufficiali e gli agenti che le hanno eseguite, i nomi dei familiari reperiti e le notizie dagli stessi fornite circa il luogo in cui il loro congiunto si trova. Con il decreto che dichiara l irreperibilità si designa un difensore all imputato o all indagato che ne sia privo e si ordina che la notificazione sia eseguita mediante consegna di copia dell atto al difensore, che rappresenta a tutti gli effetti l irreperibile. Le notificazioni in tal modo eseguite sono valide, ma il decreto d irreperibilità ha una validità temporale limitata. Va, infatti, ricordato che: a) se è emesso dal giudice o dal magistrato del pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari, cessa di avere efficacia con la pronuncia del provvedimento che definisce l udienza preliminare, oppure, quando questa manchi, con la chiusura delle indagini preliminari; b) se è emesso dal giudice, per la notificazione degli atti introduttivi dell udienza preliminare, oppure dal giudice o dal magistrato del pubblico ministero, per la notificazione del provvedimento che dispone il giudizio, cessa di avere efficacia con la pronuncia della sentenza di primo grado; c) se è emesso dal giudice di secondo grado o da quello di rinvio, cessa di avere efficacia con la pronuncia della sentenza. Ogni decreto d irreperibilità deve essere preceduto da nuove ricerche nei luoghi indicati (artt , 169 e art. 61 disp. a.c.t.). 11 di 17

12 6 La notificazione alla persona offesa, alle parti private diverse dall imputato ed al pubblico ministero. La notificazione alla persona offesa dal reato deve essere eseguita nei luoghi individuati per la prima notificazione all imputato o all indagato non detenuto oppure mediante deposito di copia dell atto nella cancelleria del giudice che procede, se tali luoghi sono ignoti. Qualora risulti dagli atti notizia precisa del luogo di residenza o di dimora all estero, la persona offesa è invitata mediante raccomandata con avviso di ricevimento a dichiarare o eleggere domicilio nel territorio dello Stato. Se nel termine di venti giorni dalla ricezione della raccomandata non viene dichiarato o eletto il domicilio o la dichiarazione o l elezione è insufficiente o inidonea, la notificazione è eseguita ancora mediante deposito di copia dell atto nella cancelleria del giudice che procede. Quando, per il numero dei destinatari o per l impossibilità di identificarne alcuni, la notificazione nelle forme ordinarie alle persone offese risulta difficile, l autorità giudiziaria può disporre, con decreto in calce all atto da notificare, che la notificazione sia eseguita mediante pubblici annunci. Nel decreto sono designati, quando occorre, i destinatari nei cui confronti la notificazione deve essere eseguita nelle forme ordinarie e sono indicati i modi che appaiono opportuni per portare l atto a conoscenza degli altri interessati. In ogni caso, copia dell atto è depositata nella casa comunale del luogo in cui si trova l autorità procedente e un estratto è inserito nella Gazzetta ufficiale della Repubblica. La notificazione si ha per avvenuta quando l ufficiale giudiziario deposita una copia dell atto, con la relazione e i documenti giustificativi dell attività svolta, nella cancelleria o segreteria dell autorità procedente (artt. 154 e 155). La notificazione della prima citazione al responsabile civile e alla persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria è eseguita con le forme stabilite per la prima notificazione all imputato non detenuto. Le notificazioni alla parte civile, al responsabile civile e alla persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria costituiti in giudizio sono eseguite presso i difensori. Il responsabile civile e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria, se non sono ancora costituiti, devono dichiarare o eleggere il proprio domicilio nel luogo in cui si procede con atto ricevuto dalla cancelleria del giudice competente. In mancanza di tale dichiarazione o elezione o in caso 12 di 17

13 di indicazione insufficiente o inidonea, le notificazioni sono eseguite mediante deposito nella cancelleria (art. 154). Le forme previste per la prima notificazione all imputato non detenuto si applicano anche per la notificazione di atti a soggetti diversi da quelli sinora richiamati, salvi i casi di urgenza, in cui si ricorre all uso del telefono o del telegrafo (art. 167). Le notificazioni al magistrato del pubblico ministero sono eseguite, anche direttamente dalle parti o dai difensori, mediante consegna di copia dell atto nella segreteria. Il segretario annota sull originale e sulla copia dell atto le generalità di chi ha eseguito la consegna e la data in cui questa è avvenuta (art. 153). 13 di 17

14 7 Le attività sostitutive della notificazione. Diverse sono le attività sostitutive della notificazione, che possono assumere la forma dell esecuzione del provvedimento, della comunicazione orale, dell avviso o della convocazione. In primo luogo, la consegna di copia dell atto all interessato, da parte del cancelliere del giudice o del segretario del magistrato del pubblico ministero, sostituisce la notificazione, sempre che si provveda ad annotare sull originale dell atto l eseguita consegna e la data in cui è avvenuta. In secondo luogo, la lettura dei provvedimenti alle persone presenti e gli avvisi dati verbalmente agli interessati dal giudice o dal magistrato del pubblico ministero, purchè ne sia fatta menzione nel verbale, producono i medesimi effetti della notificazione (artt. 148 e 151). Quelle sin qui elencate sono forme sostitutive delle notificazioni indipendentemente dalla figura del destinatario, nel senso che tutti possono conoscere il contenuto dell atto mediante ricezione della copia o ascolto della lettura. Sono previste, poi, ma solo per le persone diverse dall imputato, altre forme di comunicazione, a volte, più rapide, a volte, più laboriose. E indubbiamente immediata la notificazione eseguita, per estratto, mediante telegramma a cura del cancelliere del giudice o del segretario del magistrato del pubblico ministero, così come risponde ad esigenze di celerità la notificazione che ha luogo con quei mezzi tecnici, come, ad esempio, il telefax, che garantiscono la conoscenza dell atto (artt. 150 e 64 disp. a.c.t.). Non altrettanto rapida risulta la procedura, quando il giudice dispone, in caso di urgenza, che la persona, diversa dall imputato, sia avvisata o convocata a mezzo del telefono. Il cancelliere deve porre in essere più adempimenti, in quanto: 1) chiama il numero telefonico corrispondente all abitazione o al luogo dove la persona esercita abitualmente l attività lavorativa o ha temporanea dimora o recapito; 2) dà la comunicazione al destinatario o a persona che con lui convive anche temporaneamente; 3) provvede a dare immediata conferma della comunicazione al destinatario mediante telegramma; 14 di 17

15 4) annota sull avviso o sulla convocazione il numero telefonico chiamato, il nome, le funzioni o le mansioni svolte dalla persona che ha ricevuto la comunicazione, il suo rapporto con il destinatario, il giorno e l ora della telefonata; 5) allega agli atti del procedimento la copia e la ricevuta di spedizione del telegramma e il testo del fonogramma (art. 149 e art. 55 disp. a.c.t.). 15 di 17

16 8 La nullità della notificazione. La nullità della notificazione consegue ad un vizio della procedura che non consente di ritenere pervenuta nella sfera di conoscibilità dell interessato un adeguata informazione circa il contenuto dell atto che deve essere notificato. I casi sono tassativi: 1) l atto è stato notificato in modo incompleto e non si versa in una delle ipotesi in cui la legge consente la notificazione per estratto ; 2) vi è incertezza assoluta sull autorità che ha ordinato la notificazione o sulla parte privata che l ha richiesta; 3) vi è incertezza assoluta sul destinatario della copia dell atto; 4) manca la sottoscrizione di chi ha eseguito la notificazione nella relazione della copia consegnata all interessato o alla persona abilitata alla ricezione; 5) manca sull originale dell atto la sottoscrizione della persona che ha ritirato la copia in luogo dell interessato; 6) la copia dell atto è stata consegnata a persona non abilitata alla ricezione; 7) la notificazione è stata eseguita mediante consegna della copia dell atto al difensore, perché non è stato possibile effettuarla presso il domicilio dichiarato o eletto, ma non sono stati dati i prescritti avvertimenti all imputato o all indagato circa l obbligo di comunicare ogni variazione; 8) la notificazione è stata eseguita mediante deposito della copia dell atto nella casa del comune dove l indagato o l imputato ha l abitazione o esercita abitualmente il lavoro, ma è stata omessa l affissione dell avviso alla porta della casa di abitazione o del luogo di lavoro; 9) la notificazione è stata eseguita mediante deposito della copia dell atto nella casa del comune dove l indagato o l imputato ha l abitazione o esercita abitualmente il lavoro, ma è stata omessa la comunicazione all indagato o all imputato con raccomandata con avviso di ricevimento; 16 di 17

17 10) non sono state osservate le modalità prescritte dal giudice nel decreto con cui ha disposto la notificazione mediante l impiego di mezzi tecnici e l atto non è giunto a conoscenza del destinatario (art. 171). 17 di 17

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

Avv. Prof. Roberto Ciulla Via P.pe di Granatelli n.36-90139 Palermo Tel/fax 0916110359 Email: robeciulla@libero.it

Avv. Prof. Roberto Ciulla Via P.pe di Granatelli n.36-90139 Palermo Tel/fax 0916110359 Email: robeciulla@libero.it Avv. Prof. Roberto Ciulla Via P.pe di Granatelli n.36-90139 Palermo Tel/fax 0916110359 Email: robeciulla@libero.it Palermo, 12.11.2010 Spett. Ordine professionale degli Assistenti Sociali della Regione

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

Notifica Atti Giudiziari. COO Recapito

Notifica Atti Giudiziari. COO Recapito Notifica Atti Giudiziari La nuova disposizione legislativa 2 La legge 31/2008, che ha convertito il D.L. 248/07, cosiddetto decreto milleproroghe, ha introdotto una sostanziale innovazione nella notifica

Dettagli

AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE CORTI DI APPELLO LORO SEDI

AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE CORTI DI APPELLO LORO SEDI Ministero della Giustizia Dipartimento dell'organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio VI Prot. n. VI/ /035/EM Roma, CIRCOLARE AL

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

Notifica Atti Giudiziari Legge 31 del 28/02/2008 Decreto MILLEPROROGHE

Notifica Atti Giudiziari Legge 31 del 28/02/2008 Decreto MILLEPROROGHE Notifica Atti Giudiziari Legge 31 del 28/02/2008 Decreto MILLEPROROGHE - Nuove modalità operative - Allegato alla comunicazione del 26 maggio 2008 Oggetto: Legge 28 febbraio 2008, n. 31. Nuove disposizioni

Dettagli

I documenti di WWW. UGMONOPOLI. IT Legge 20 novembre 1982 n. 890 (in G.U. 334 del 04/12/1982) (Ultimo aggiornamento 29 febbraio 2008)

I documenti di WWW. UGMONOPOLI. IT Legge 20 novembre 1982 n. 890 (in G.U. 334 del 04/12/1982) (Ultimo aggiornamento 29 febbraio 2008) Notificazione di atti a mezzo posta e di Comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Legge 20 novembre 1982 n. 890 Articolo 1 - In materia civile, amministrativa e penale,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

. LOPRESTO DOMENICO n. Napoli 20/8/1959

. LOPRESTO DOMENICO n. Napoli 20/8/1959 FONOGRAMMA IN PARTENZA SEZIONE DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI UFFICIO 41" tel. 081/2233581- fax O8112232673 e-mail valeriano.coppola@giustizia.it - PEC valeriano.coppola@pec.it da Tribunale di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO PER LA TRATTAZIONE DEI RICORSI PROPOSTI AL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 83 del 22 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

TRIBUNALE DI UFFICIO NOTIFICAZIONI ESECUZIONI E PROTESTI

TRIBUNALE DI UFFICIO NOTIFICAZIONI ESECUZIONI E PROTESTI www.ufficialigiudiziari.net 1 TRIBUNALE DI UFFICIO NOTIFICAZIONI ESECUZIONI E PROTESTI Data Al Sig. Presidente del Tribunale.. OGGETTO: Motivi ostativi alla esecuzione del pignoramento nei confronti di

Dettagli

Notifica ex art 140 c.p.c.. Considerazioni riguardo la sentenza n 35552 della I Sez. Civile Corte di Cassazione, 10 gennaio - 14 febbraio 2014

Notifica ex art 140 c.p.c.. Considerazioni riguardo la sentenza n 35552 della I Sez. Civile Corte di Cassazione, 10 gennaio - 14 febbraio 2014 Notifica ex art 40 c.p.c.. Considerazioni riguardo la sentenza n 35552 della I Sez. Civile Corte di Cassazione 0 gennaio 4 febbraio 204 Con la sentenza in epigrafe la Cassazione civile è tornata ad affrontare

Dettagli

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä IL SINDACO Dr. Raffaele Allocca IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Maria Luisa Dovetto 1 S O M M A R I O ARTICOLO 1... pag.4 RIFERIMENTI NORMATIVI CAPO I PERSONALE ADDETTO

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

Legge 21 gennaio 1994, n. 53

Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali (1-2) (1) Il termine "procuratore legale" contenuto nella presente

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

LA NOTIFICA ESEGUITA DALL AVVOCATO

LA NOTIFICA ESEGUITA DALL AVVOCATO LA NOTIFICA ESEGUITA DALL AVVOCATO La legge n 53 del 1994 Firenze, 10 giugno 2011 Avv. Fabrizio Ariani REQUISITI Titolarità di procura alle liti Preventiva autorizzazione del consiglio dell Ordine Possesso

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE RLST - RAPPRESENTANTE PER I LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE CUP: E13D13000110001

AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE RLST - RAPPRESENTANTE PER I LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE CUP: E13D13000110001 AVVISO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE RLST - RAPPRESENTANTE PER I LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE CUP: E13D13000110001 PUBBLICATO IN DATA: 10/08/2015 Ente incaricato delle

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali.

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. Vigente al: 14-5-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2 Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2 Le novità contenute nella legge 132/15 che ha convertito il dl 83/15 in tema di modalità di esercizio

Dettagli

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Le novità contenute nella legge 132/15 che ha convertito il dl 83/15 in tema di modalità di esercizio del potere

Dettagli

Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11

Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Legge 21 gennaio 1994, n. 53 (in Gazz. Uff., 26 gennaio, n. 20) Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali ( 1 ) ( 2 ) ( 1 ) Il termine

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Titolo I - Albo Pretorio Informatico 1. Albo Pretorio L Albo Pretorio on line

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA Comune di Pisa AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA (ART. 30 D.LGS. 165/2001) PER LA COPERTURA DI4 POSTI DI CATEGORIA C, PROFILO PROFESSIONALE AGENTE POLIZIA MUNICIPALE - CCNL REGIONI AUTONOMIE LOCALI IL DIRIGENTE

Dettagli

Art. 16. Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica

Art. 16. Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica Art. 16 Biglietti di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica 1. All'articolo 136, primo comma, del codice di procedura civile, le parole: «in carta non bollata» sono soppresse. 2.

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento)

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Articolo 1 Registro dei Testamenti Biologici 1. Il Comune di Mezzolombardo istituisce il Registro

Dettagli

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30%

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% COMANDO POLIZIA LOCALE Chi può beneficiare della riduzione Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% Il trasgressore, il proprietario del veicolo o qualsiasi altro obbligato in solido può pagare

Dettagli

CORTE DI APPELLO PALERMO

CORTE DI APPELLO PALERMO CORTE DI APPELLO PALERMO LIQUIDAZIONI SPESE DI GIUSTIZIA - ISTANZA WEB A partire dal 18 luglio 2014 è attivo il Sistema web Liquidazioni Spese di Giustizia realizzato per consentire ai beneficiari di pagamenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95598 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Procedura selettiva, ai sensi degli artt. 9 e 11 della Legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI

COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI Articolo 1 Registro delle dichiarazioni (Testamenti Biologici) 1. Il Comune

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali

Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali Lucia Marcon

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (legge 9 gennaio 2004, n. 6) PERCHE SI CHIEDE L amministrazione di sostegno

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 206 del 2015, integrato da motivi aggiunti, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 206 del 2015, integrato da motivi aggiunti, proposto da: 1 di 5 09/04/2015 16:48 N. 01001/2015 REG.PROV.COLL. N. 00206/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

IL DIRETTORE DISPONE. Roma, 17/12/2015 Prot. n. 10684

IL DIRETTORE DISPONE. Roma, 17/12/2015 Prot. n. 10684 Roma, 17/12/2015 Prot. n. 10684 Affisso all albo il 17/12/2015 IL DIRETTORE - Vista la Legge n. 508 del 21 dicembre 1999, recante norme di riforma dei Conservatori di musica; - Vista la Legge n. 241 del

Dettagli

ENTRO IL 15/12/2013 (farà fede il timbro di accettazione dell Ufficio protocollo del Comune).

ENTRO IL 15/12/2013 (farà fede il timbro di accettazione dell Ufficio protocollo del Comune). AVVISO PUBBLICO L Unione dei Comuni Vallata del Tronto RENDE NOTO che è possibile presentare domanda di accesso all ASSEGNO DI CURA per ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI. (Delibera di Giunta Regionale n. 6 del

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

UFFICIO UNICO PRESSO IL TRIBUNALE DI NUORO UFFICIO ESECUZIONI

UFFICIO UNICO PRESSO IL TRIBUNALE DI NUORO UFFICIO ESECUZIONI UFFICIO UNICO PRESSO IL TRIBUNALE DI NUORO Adempimenti per offerte reali e offerte per intimazione: OFFERTE REALI (1 ) (presso il domicilio del debitore) Predisporre la richiesta e il verbale di offerta

Dettagli

REQUISITI PER L AMMISSIONE

REQUISITI PER L AMMISSIONE FARMACIE: AVVISO PUBBLICO LEGGE 68/99 (giovedì, 29 ottobre 2009 10:27) - Inviato da Ufficio Stampa - Ultimo aggiornamento (venerdì, 30 ottobre 2009 09:33) AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L

Dettagli

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento della legge di applicazione alla legislazione federale in materia di persone straniere dell 8 giugno 1998 concernente i cittadini CE-AELS e i cittadini di stati terzi beneficiari dell accordo

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO BANDO DI SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DI VIGILANZA, AGENTE DI POLIZIA MUNICIPALE, CAT C, A TEMPO DETERMINATO PER MESI 2,5. Il

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA ALLEGATO A Alla delibera n. REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA Art. 1 (Definizioni) 1. 1.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI 1 Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Padova, visto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio 1. Elenchi La predisposizione e l aggiornamento degli elenchi degli iscritti negli albi disponibili ad assumere, a richiesta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30.05.2002 Art. 1 Principi generali 1.Il Comune di Ponte San Pietro, nell

Dettagli

CODICE CONCORSO C05. 5-3 108 07.08.2014 4^ - 62 08.08.2014 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE:

CODICE CONCORSO C05. 5-3 108 07.08.2014 4^ - 62 08.08.2014 SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE: ARPA PUGLIA Riapertura dei termini di presentazione delle domande di partecipazione al concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento a tempo indeterminato di n. 5 Collaboratori professionali

Dettagli

Condizioni generali per l espletamento dei servizi postali. Ottobre 2014. evoloweb EVOLOWEB SRL - MILANO 1

Condizioni generali per l espletamento dei servizi postali. Ottobre 2014. evoloweb EVOLOWEB SRL - MILANO 1 Condizioni generali per l espletamento dei servizi postali Ottobre 2014 evoloweb EVOLOWEB SRL - MILANO 1 1. PARTE GENERALE 1.1 TARIFFE E PREZZI evolo Web Srl applica per i prodotti ed i servizi compresi

Dettagli

Art. 1 - Oggetto dell avviso

Art. 1 - Oggetto dell avviso SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DA UTILIZZARE PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO E DETERMINATO DI N 1 UNITÀ LAVORATIVA - PROFILO PROFESSIONALE DI MEDICO VETERINARIO Art.

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <> << Società fallita>>

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>> TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO > Si informa che con Sentenza il Tribunale di Roma ha dichiarato il fallimento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 1 DIRIGENTE MEDICO DI ANANTOMIA PATOLOGICA In esecuzione della deliberazione

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA.

NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA. NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA. Art. 1 FONTI NORMATIVE Per l espletamento degli esami per il conseguimento

Dettagli

Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 11/10/11 Data di scadenza della selezione : 21/10/11

Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 11/10/11 Data di scadenza della selezione : 21/10/11 Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 11/10/11 Data di scadenza della selezione : 21/10/11 AVVISO DI SELEZIONE - DIP. DI ECONOMIA RIF. N.45 Autorizzato con nota del 12/09/2011 a) Visto il Regolamento

Dettagli

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / /

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Allegato 1 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con D.R./Delibera C.d.A. n. del Visto il Regolamento per il conferimento

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 01/04/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29248-commissione-tributaria-provinciale-di-ennasezione-terza-sent-n-140-del-2010 Autore: sentenza Commissione Tributaria

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO Firenze, 21 luglio 2014 Hotel Mediterraneo Eros Ceccherini La lunga strada del processo telematico D.LGS 7 MARZO 2005 N. 82 PRINCIPI PER L ADOZIONE

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95607 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Selezione pubblica, ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato di 8 unità per

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Appendice 1 LE PROCEDURE PER LA NOTIFICA DEGLI ATTI: APPROFONDIMENTI

Appendice 1 LE PROCEDURE PER LA NOTIFICA DEGLI ATTI: APPROFONDIMENTI Versione 1.0 Aggiornato al 13 Maggio 2009 www.to.camcom.it/guideregistroimprese Appendice 1 LE PROCEDURE PER LA NOTIFICA DEGLI ATTI: APPROFONDIMENTI ANAGRAFE ECONOMICA - REGISTRO IMPRESE REGISTRO IMPRESE

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLO EX. ART. 521 BIS C.P.C. Il Sig. (creditore) nato a. il.. e residente in...., via.. n.. C.F.. elettivamente domiciliato in Bologna via.. n, presso

Dettagli