Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino"

Transcript

1 Maria Fida Moro Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Bellissimo ed appassionato racconto della figlia dello statista democristiano a Giovanni Fasanella e Antonella Grippo. Sono Maria Fida, la primogenita di Aldo Moro. La mattina del 16 marzo 1978, in via Fani a Roma, le Brigate rosse sequestrarono papà, dopo aver massacrato gli uomini della sua scorta. Vorrei ricordare i nomi :Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino Francesco Zizzi. Lo tennero in una << prigione del popolo>> per cinquantacinque giorni. Il 9 maggio, poco dopo le 10, il suo corpo senza vita fu ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa, parcheggiata in via Caetani. L assassinio di mio padre fu un colpo di Stato. L ho sempre pensato e l ho sempre detto. E ne ho pagato il prezzo. Avevo compiuto trentuno anni da qualche mese, quando sequestrarono papà. Luca, mio figlio, aveva solo due anni. La settimana prima di quel maledetto 16 marzo, passai tutte le notti a piangere. Senza sapere un perché. Avevo il presentimento che stesse accadendo qualcosa di catastrofico, di irreparabile. Se dovessi descrivere con un immagine il mio stato d animo ecco, direi che ero sovrastata da una nube rosso sangue. Si una nube rosso sangue, questa è l associazione che mi viene spontanea. In realtà, in famiglia pensavamo che un evento terribile fosse nell ordine delle cose. Era come se ce lo aspettassimo, soprattutto dopo il rapimento del figlio di Francesco De Martino, Guido.. Erano tre i personaggi politici che, negli anni precedenti, avevano contribuito a rimettere in gioco il Partito Comunista: il socialista De Martino, il comunista Enrico Berlinguer e il democristiano Aldo Moro. Berlinguer non era molto tranquillo, e di recente si è scoperto che nel 1973 avevano tentato di ammazzarlo in Bulgaria, simulando un incidente stradale. A De Martino, nell aprile 1977, avevano sequestrato il figlio per impedire al padre di essere eletto Presidente della Repubblica. E papà, anche se non lo lasciava trasparire, era molto preoccupato. Noi, in famiglia, lo eravamo più di lui. Forse fu per esorcizzare quella sensazione di inquietudine, di catastrofe incombente, che un giorno mi decisi chiedergli se lui ipotizzava di poter essere rapito. Ricordo che mi rispose: << Nella vita non si può mai sapere>> Tradotto dal suo linguaggio ermetico, voleva dire di si. Non ero preoccupata solo per mio padre, ma più in generale, per il clima politico che si respirava in quegli anni. Vivevo nell incubo di una terza guerra mondiale, che sembrava potesse scoppiare da un momento all altro. Ma, ripeto, un po tutti, in famiglia, erano allarmati. Nel 1974, mia madre era riuscita a strappare a papà la promessa che avrebbe lasciato la politica. Glielo aveva chiesto più volte in modo pressante, erano arrivati perfino a litigare, cosa che tra loro non succedeva mai. Alla fine mia madre era riuscita a spuntarla. L anno seguente, però, nel settembre del 1975, era nato luca. E papà, di fronte alla nursery, disse alla mamma che gli dispiaceva, ma non poteva mantenere la promessa: << Per ricordare la catastrofe che pende sulla testa dei bambini>>, disse proprio così. Continuò a far politica, perché credeva davvero che un mondo migliore fosse possibile. Ricevevamo minacce continue. Non solo mio padre, ma tutta la famiglia era esposta a intimidazioni e pressioni. Ricordo il 3 agosto del 1974, altra data infausta della storia italiana. Papà allora era ministro degli Esteri e avrebbe dovuto raggiungervi in treno a Bellamente, sulle montagne del Trentino, dove di solito trascorrevamo insieme le vacanze estive. Era già salito sulla sua carrozza, alla stazione Termini, e il treno stava per partire, quando all ultimo momento arrivarono dei funzionari e lo fecero scendere perché doveva tornare per firmare delle carte- A causa di quell imprevisto, perse il treno e fu costretto a raggiungerci in macchina. Un ritardo provvidenziale, perché quel treno era l Italicus. Non ho alcuna prova per dirlo con certezza, però ho avuto il sospetto che la bomba esplosa poche ore dopo nella galleria di San Benedetto Val di Sambro avesse come obiettivo proprio lui. Anche perché già altre volte, un infinità di altre volte, si era salvato per il rotto della cuffia. Un giorno esplosero le gomme della sua auto, che andò fuori strada. A bordo c ero anche io, ma le conseguenze furono lievi Qualche tempo dopo accadde di nuovo, e

2 papà non si fece male a un ginocchio. Dissero che erano ruote da neve usate per camminare u strada, per questo erano scoppiate. Ma è proprio difficile crederlo. Qualche tempo dopo, papà soffriva di un malanno da diverse settimane, e stava peggiorando sempre più. Poi un giorno la mamma, che era infermiera della Croce rossa, scoprì che alcune medicine con le quali papà veniva curato erano non solo inefficaci, ma addirittura pericolose, tanto che forse lo stavano avvelenando. Fece sospendere la cura e papà si riprese. Potrei citarvi davvero tanti altri episodi strani, ma ci vorrebbe forse un libro intero.vi basti pensare, per capire quale era il clima negli anni che precedettero il sequestro, a un episodio del 12 dicembre 1969, altra data della nostra tragica storia italiana. Dopo l esplosione della bomba di piazza Fontana, a Milano, quella sera stessa, Luciano Beca, uno dei più stretti collaboratori di Berlinguer, telefonò a mio padre, che era in visita ufficiale a Parigi, per invitarlo a rientrare in Italia in treno, invece che in aereo. Era stato proprio Berlinguer, preoccupato per la sua sorte, a dirgli di telefonare a papà, come lo stesso Barca ha rivelato in tempi più recenti, nella audizione della Commissione parlamentare d inchiesta sulle stragi e sul terrorismo. Il segretario del Pci era convinto che il treno fosse più sicuro dell aereo. Piazza Fontana, piazza della Loggia, l Italicus. E dopo le stragi, il terrorismo brigatista. Ricordo mio padre dire alla mamma:<< Noretta, siamo in guerra>>. Dal 1974, dopo la strage dell Italicus, papà volle che avessimo una scorta anche noi figli. La sensazione era che si fosse con tutti e due i piedi nel baratro, solo i talloni rimanevano sulla terra ferma: sarebbe bastato un nulla per caderci dentro. Quella sensazione la conoscevamo benissimo. Perché l avevamo vissuta tante altre volte, anche prima di quel Ad esempio, nel luglio 1960 durante i moti di piazza contro il governo Tambroni appoggiato dal Msi. E ancora nell estate del 1964, all epoca del <<piano Solo>>, il tentativo di colpo di Stato attribuito al generale Giovanni De Lorenzo. Ma quelle date erano soltanto dei picchi di tensione. In realtà, la normalità della nostra famiglia era vivere costantemente nell attesa di precipitare nel burrone. Vivevano così i miei genitori, innanzitutto. E poi noi figli, io in particolare che ero primogenita. Mi sentivo responsabile e volevamo proteggerlo. Facevamo di tutto per non farlo uscire di casa. Ricordo mia sorella Agnese, piccolissima, nascondeva la sua tessera parlamentare sotto la cenere fredda del caminetto: aveva capito che, senza quella, papà non sarebbe potuto partire in treno. E mio fratello Giovanni, anche lui piccolissimo spesso si addormentava, sdraiato alla porta d ingresso, per impedirgli di uscire. Proprio Giovanni! Un giorno carpii spezzoni di una conversazione concitata dei miei genitori, che si parlavano in francese. Quella era la lingua che usavano, insieme al tedesco, quando volevano esser sicuri che noi non capissimo. Io invece qualcosa afferrai, e ne rimasi sconvolta. Qualcuno aveva minacciato papà di portare via Giovanni, il mio fratellino adorato, e di rimandarlo indietro, tagliato a pezzi, in una valigia. Quell episodio ha sconvolto la mia infanzia, la mia giovinezza e la mia età adulta. Avevamo piena coscienza che papà fosse in pericolo. Tutti quanti, da sempre. Ma c era una specie di tacito accordo con la mamma, per cui noi non parlavamo mai di cose pericolose con papà. E a loro volta, papà e mamma non parlavano mai davanti a noi dei pericoli incombenti. Ricordo che mamma mandava noi bambine, me Anna, la secondogenita, ai convegni annuali della Dc, a San Pellegrino. Voleva che vigilassimo su papà, perché si fidava di noi più di chiunque altro. Una delle due rimaneva in sala, seduta in prima fila, a controllare che non accadesse nulla a papà mentre parlava; l altra, nel frattempo, perquisiva la sua stanza in cerca di eventuali esplosivi o altro. Saremmo state in grado di riconoscerle, le bombe, perché mamma, reduce dalla guerra, ce le aveva descritte. E l ordine che avevamo era che, se avessimo trovato qualcosa, avremmo dovuto subito avvertirla. Papà non ha mai saputo che noi abbiamo fatto questo per anni, Una volta, non avevamo ancora finito di perquisire la sua stanza, quando lui arrivò: ci inventammo un la essere, per costringerlo ad andare in farmacia a comprare le medicine. Eravamo la sua scorta, eravamo della sua vigilanza. Mamma mi insegnò anche a sparare. Si, proprio nel luglio del 1960, durante la crisi del governo Tambroni: ero talmente terrorizzata che mamma mi regalò un flobert, un fucile ad aria compressa e mi insegnò ad usarlo. Mi ero spaventata perché, una notte, Sereno Freato e altri collaboratori di papà, mandati da lui a Torrita Tiberina, dove trascorrevamo l estate, per portarci via di lì. Ma la mamma in quel momento non c era. Ci dicevano di fare in fretta, la mamma non tornava, e io non sapevo cosa fare. Intuivo un pericolo enorme e imminente. E quando finalmente tornò mamma ci portarono a Roma, nella nostra casa di Salita di Poggio San Lorenzo e dormimmo ognuno con un carabiniere davanti alla porta della nostra camera. Il rischio doveva essere proprio serio. Perché mamma mi diceva:<< Se senti dire che è successo qualcosa di pericoloso o di strano, non ti spaventare, vieni diritta a casa>>. Lei è persona molto serena e gioiosa, ma quando da degli ordini, sono secchi e perentori. E quello non era un consiglio, ma proprio un ordine. Dal suo tono capivo che era una situazione grave. Tanto che, come ho già ricordato, dal 1974, papà impose a tutti noi una scorta. E fu forse l unica volta che ci ha imposto qualcosa. Certo non è facile vivere con una scorta, ma diventa sopportabile se si diventa amici di chi si occupa della tua sicurezza. Per sdrammatizzare, tra fratelli

3 ci si salutava dicendo: << Se ti rapiscono, citofona>> E infatti, la mattina del 16 marzo andò proprio così: seppi del sequestro dal citofono. Che papà fosse un personaggio scomodo era indubbio. In molti gli rimproveravano la sua politica di apertura ai comunisti di Berlinguer, la sua lungimiranza. Lui non si arroccava mai su posizioni conservatrici, guardava oltre. Nella vita in casa invece, era timidissimo, riservato, discreto, ma anche molto divertente. Il rapporto con me era fatto di sguardi, di sintonia d intenti, di parole non dette. Cercava solo di dissuadermi dalla carriera giornalistica, perché conosceva bene la mia sensibilità e il cinismo di quel mondo, come ho sperimentato poi sulla mia pelle, qualche anno più tardi. Non aveva nessun senso pratico, risolvere dei banali problemi quotidiani, persino aprire un pacchetto, con lui diventava un esperienza surreale. Ci metteva a volte delle ore, e capitava persino che si facesse male. Un vero tenerissimo disastro. Una settimana prima del rapimento, papà era a letto con un raffreddore fortissimo, e io passavo notti insonni, turbata da quella sensazione di minaccia incombente. Speravo tanto che il raffreddore lo costringesse a letto e che quindi non potesse uscire. Abitavamo nella palazzina di fronte ai miei genitori. Io stavo talmente male, tra l altro ero provata anche fisicamente a causa di una dolorosissima ernia al disco, che Luca, mio figlio, quella notte era rimasto a dormire dai nonni. La mattina del 16 marzo, volevo alzarmi dal letto a tutti i costi, ma non ci riuscivo per il dolore alla gamba, e mi feci aiutare da mio marito, che mi alzò di peso. Ero terrorizzata dall idea che papà portare Luca con sé, come faceva spesso. Non so perché proprio quel giorno avevo l imperativo categorico che non lo dovesse fare. Arrivai appena in tempo a fermarlo. Vidi mia madre uscire rapidamente per andare, come ogni giovedì, a insegnare catechismo in parrocchia. Mio padre era già sulla porta d ascensore, con Luca in braccio. Purtroppo, quasi sgarbata:<< Luca oggi deve stare con me!>>. Lui provò timidamente a resistere, visto che io non potevo nemmeno camminare. Ma fui irremovibile. Lui si rassegnò, e lessi nei suoi occhi che aveva capito i miei timori. Entrò nell ascensore, lo guardai con la consapevolezza che non l avrei più rivisto. L ultimo ricordo che ho di lui vivo, è il suo sorriso mesto, e il cigolio dell ascensore che se lo portava via. Rimasi sola in casa con Luca. Il tempo era incerto, piovigginava e tirava molto vento. Avrei voluto portare mio figlio a Capannelle, alla scuola centrale antincendio dei vigili del fuoco, per assistere alla prova generale del saggio ginnico-sportivo, e aspettavo una telefonata di conferma. Il telefono squillò. Risposi. Ma non erano i vigili del fuoco. Sentivo, dall altro capo del filo, una perdona piangere, farfugliare parole incomprensibili, non capivo nulla. Era la signora Ricci, la moglie di Domenico, il carabiniere autista di mio padre che era in servizio quel giorno. Non accesi la televisione, né la radio per non spaventare Luca. Telefonai al ministero dell Interno per sapere cosa fosse successo. Mi dissero che era accaduto qualcosa, ma non sapevano cosa. Quella risposta mi fece immediatamente pensare che lo sapessero e che non me lo volevano dire. Una conferma, insomma, dei miei peggiori timori. Erano circa le 9.15 del mattino. Suonò il citofono,il poliziotto di servizio alla vigilanza che c era un passante che desiderava parlare con me. Era assolutamente anomalo che dalla vigilanza ci chiedessero se volevamo parlare al citofono con degli sconosciuti. Ma se il poliziotto lo aveva fatto, significava che aveva un motivo serio. Perciò risposi subito di si. Un signore, non so chi fosse, mi disse: << hanno trucidato tutta la scorta e hanno portato via suo padre>>. Tutto quello che avevo paventato da sempre, era successo. Percepivo chiaramente che la situazione era perfino peggiore di quanto avessi mai temuto: un padre rapito è molto più spaventoso di un padre ucciso,è un agonia rimandata. Mia madre fu tra le prime persone ad arrivare in via Fani. Era in parrocchia quando qualcuno chiamò un sacerdote per portare l estrema unzione ai caduti della scorta. Ed era andata anche lei. Resasi conto che non c era più modo di aiutarli, si era inginocchiata per terra, tra il sangue e i bossoli, a pregare. In quel momento, io ero a casa, sola con Luca. Quando mamma rientrò, riuscì a mostrarsi straordinariamente serena, straordinariamente coraggiosa, com era il suo solito, e perfino rassegnata. Mi disse, e mi colpi che, rivolgendosi solo a me, usasse il plurale, come se parlasse a tutta la famiglia: << Mi dispiace, ragazzi, è colpa mia. Non dovevo permettergli di fare politica>>. Io le risposi: << Non è colpa tua, si vede che doveva comunque accadere>> C era del fatalismo in quella mia risposta. D altra parte, avendo fino a quel momento sempre vissuto nell attesa della caduta nel baratro, non poteva esserci reazione diversa. Cercai di rintracciare il resto della famiglia. E intanto, la casa cominciava a riempirsi di amici e parenti, in evidente stato di choc. Chi piangeva, chi si sentiva male, chi sveniva. Toccò a noi soccorrerli e consolarli, farli sedere, dargli i fazzoletti per asciugarsi le lacrime, il caffè, gli ansiolitici e le gocce per la pressione Capivo benissimo il loro stato d animo, anche perché noi eravamo in qualche misura preparati, loro no. Tuttavia, mi sembrava troppo e me ne andai con Luca. Non sapevo, in quel momento, quanto il comportamento delle persone che erano venute a farci visita fosse emblematico dell atteggiamento dello Stato nei nostri confronti da quel giorno in avanti: la pretesa assurda e arrogante di escluderci persino dal dolore, non solo dal diritto di parola sulle vicende legate al caso Moro. Le vittime devono entrare nella tomba insieme al loro congiunto e non apparire mai più, come le vedove indiane sulla pira funebre. Non devono piangere, né tantomeno parlare E l ingiustizia esponenziale, il massimo dell orrore.

4 Sin dal primo dei cinquantacinque giorni, avevo come la sensazione che la mamma fosse consigliata da personaggi non sempre e non tutti in buona fede. Era solo la mia sensazione, naturalmente. Alcune persone davano l impressione di essere state come dire?...non saprei ecco si <<infiltrate>>. Proprio questa forse è la parola giusta:<< infiltrate>> in casa Moro con lo scopo preciso di dividere la famiglia, e di conseguenza impedire tutta una serie di iniziative volte alla salvezza di papà. La famiglia Moro unita era invincibile, per questo, la prima cosa da fare era dividerla. Ne sono sempre stata convinta.. Però per favore, su questo specifico punto non fatemi altre domande, non voglio dire di più. Aggiungo solo questo. Il giorno dei funerali della scorta, per esempio, mi fu impedito di partecipare. Alcuni miei familiari decisero per me che io non dovessi esserci e mi lasciarono a casa. Io ci andai ugualmente, ma non essendo con altri, quelli del servizio d ordine non mi riconobbero e non mi fecero entrare nella chiesa. Rimasi dunque fuori con la folla. Poi vidi passare un anziano poliziotto che a suo tempo era stato scorta di papà, e lui mi fece entrare. Mi chiedo ancora oggi perché diavolo non avessi il diritto di partecipare ai funerali di persone che erano care a me quanto agli altri membri della famiglia. Questa è la mia verità. Dicano quello che vogliono, ma questa resta la verità: il compimento dell orrore del caso Moro non è stato il 16 marzo ma il giorno dei funerali della scorta, perché quel giorno sono rimasta davvero orfana e senza famiglia. Se lo Stato o chi per esso voleva avere carta bianca nella mia famiglia, doveva togliere me di mezzo. Perché io sono battagliera, coraggiosa, determinante, incurante dei giudizi altrui e del pericolo. E soprattutto fedele, come il mio nome, quindi avrei fatto tutto il possibile per impedire che papà venisse ucciso. Sarei andata tutti i giorni in televisione, mi sarei incatenata al cavallo di viale Mazzini per avere udienza in Rai e dire la nostra opinione pubblica. Avrei fatto entrare in casa un giornalista perché assistesse dalla prima linea agli sviluppi della vicenda Moro, e poi lo raccontasse. Avrei organizzato dei sit-in di giovani davanti al Parlamento e alla sede del governo. Avrei promosso fiaccolate, corte manifestazioni.qualsiasi cosa. Ma non il silenzio. Perfino mio padre, che non amava la televisione, in una lettera a mia madre le aveva chiesto espressamente di non dare retta a nessuno e di andare in tv per fare un appello. Dalla <<prigione del popolo>>, aveva capito e io con lui che l unica speranza di salvezza era coinvolgere l opinione pubblica. Dopo i funerali della scorta, me ne tornai a casa. E dal quel momento rimasi in disparte, per aderire a un espresso e pressante desiderio di mia madre di non aprire fronti esterni alla famiglia.. Oggi, a distanza di tanti anni sono sempre più convinta che la gestione << silenziosa >> dei cinquantacinque giorni fosse sbagliatissima. In quel periodo, oltre alla tragedia di mio padre nella mani dei sequestratori, dovevo fare i conti anche con altre emergenze. L ernia del disco. La difficoltà oggettiva di tenere un bambino piccolo abituato a uscire imprigionato in casa, con le serrande abbassate, tipo coprifuoco, per paura che ci sparassero. E soprattutto un senso di impotenza portata allo spasimo. Stare a guardare le cose sbagliate fatte dagli altri e non poterne fare neppure una giusta, può darti, infatti, una devastante sensazione di impotenza. Comunque, ogni volta che ci penso, pur rimanendo della mia opinione, mi sforzo di capire anche le ragioni di mia madre. E giungo alla conclusione che probabilmente lei avesse scelto il male minore, che non potesse fare altrimenti. Arrivo persino a convincermi che, al suo posto, nei suoi panni di madre, forse anch io avrei agito così. In ogni caso, la morte di papà non ha purtroppo segnato la fine di un incubo, ma l inizio dell incubo per eccellenza. Tutte le certezze erano andate perdute, la mia famiglia non c era più. E io a trentun anni, quanti ne avevo il 9 maggio 1978, mi sono ritrovata da sola su un campo di battaglia, sotto un bombardamento, vittima e protagonista,, mio malgrado, di una guerra che non avevo voluto, né provocato. Quella della mia famiglia, e delle persone che le giravano intorno, contro la Dc, accusata di non aver fatto nulla per salvare mio padre.. L accusa, per certi aspetti, era anche giustificata e ragionevole. Ma credo che mio padre non avrebbe voluto che la guerra venisse combattuta dalla sua famiglia, e oltretutto in modo frontale. Perciò, pur non assolvendola, ho cercato di mediare perché i Moro non rompessero totalmente con la Dc. Ma alcuni miei familiari non erano d accordo. Quando Ciriaco De Mita, allora segretario del partito, mi chiese di candidarmi, rifiutai perché mia madre mi disse che << sarei stata il chiodo della sua bara>>. Qualche tempo dopo, nel 1986, fu la base democristiana a propormi la candidatura al Senato in un collegio difficile in Puglia, e io accettai. Anche perché alcuni avvocati mi avevano vivamente consigliato di farlo per motivi di sicurezza: una carica istituzionale vale come deterrente. La mia scelta non piacque alla famiglia e fu vissuta come uno sgarbo anche dai vertici democristiani. L unico a inviarmi un biglietto di felicitazioni per la mia elezione, fu Giulio Andreotti. La guerra alla Dc, anche se aveva un suo fondamento, durante il sequestro non era servita a papà; e dopo, quando c erano ben altre tragedie da combattere, ha isolato noi. Dalla morte di mio padre in poi, io ho vissuto in una trincea virtuale. Perché non volevo lasciarlo solo. Era iniziata immediatamente una campagna di stampa per denigrare,anche dopo morto, la figura di Aldo Moro.

5 Io non volevo permettere che venisse abbandonato e la sua memoria negata, che lui continuasse a essere ucciso di giorno in giorno. Ma così facendo, ho preso tutte le bombe, tutto il livore, tutto lo schifo che era la risposta di quanti si sentivano attaccati dal disprezzo della mia famiglia e dalla verità. Durante il sequestro, tutti avevano fatto di tutto, io avrei voluto fare solo poche cose utili e non potei farle, e dopo mi ritrovai da sola a subire le conseguenze di azioni non mie e che non condividevo. La conseguenza più immediata? Sono stati ventisei tumori.mi mancano sei organi.. Già, è così. E stupefacente che io sia ancora viva. L altra è che mi hanno messa nella condizione di non vita. Io sono esule nel mio paese, per non dire apolide. Hanno creato di me un immagine che non corrisponde assolutamente al vero: quella di una persona volubile, vulnerabile e anche un po tocca, nella migliore delle ipotesi non razionale, nella peggiore inaffidabile. Ed è paradossale, perché proprio la mia affidabilità mi ha permesso di restare a fronteggiare da sola, per quasi trent anni, il tentativo del potere di uccidere perfino l idea che sia esistito un Aldo Moro. Da sola e con un fardello di inesprimibile sofferenza. La subdola versione ufficiale della mia presunta non sanità mentale. La mancanza di lavoro si, perché ho perso anche il lavoro e quindi la mancanza di denaro. E poi, il dolore insopportabile dell ingiustizia conclamata e quotidiana nei confronti di papà e della verità. E ancora, la perdita migliore delle famiglie possibili. Ma su tutto, l insopportabile dolore, per me, di mio figlio Luca. Un giornalista, una volta, ha scritto parole straordinariamente giuste: mio padre, di fronte alla morte, ha messo per la prima ed unica volta davanti allo Stato la famiglia; e davanti alla famiglia, Luca. Il dolore di Luca è inenarrabile. Ed è atroce per me non poterlo sanare in alcun modo. La stessa impotenza vissuta nei giorni del sequestro. Questa è stata la mia esistenza dopo la morte di mio padre. E come se non bastasse, non voglio dimenticare anche se non gli do nessun peso e nessuna valenza le intimidazioni e le minacce che costellano in varia misura la vita di alcuni, più che di altri membri della famiglia Moro. Minacce e intimidazioni iniziate da quando io ho memoria e proseguite anche dopo il 9 maggio del 78, e a tutt oggi, come se Aldo Moro dovesse essere ucciso una seconda volta. Sono convinta che se papà per miracolo dovesse tornare vivo, sarebbe ucciso ancora e ancora. Il suo progetto politico dava talmente tanto fastidio da risultare pericoloso perfino in assenza di colui che lo aveva pensato. Secondo me, i sentimenti di colpa inconfessabili e la relativa rimozione di responsabilità da parte del potere si riverberano sulla nostra vita, la mia in particolare, chiudendo ancora una volta porte e finestre e impedendoci di vivere allo stesso livello di un clandestino. A mio avviso la verità non può essere e non è solo quella conclamata dalle trombe prezzolate del solito potere. I delitti politici avvenuti nel nostro Paese dal dopoguerra in poi andrebbero riesaminati come vere e proprie esecuzioni di persone da far tacere per sempre. Io avrei fatto di tutto per salvare papà. Ma oggi sono sempre più convinta che anche l impossibile non sarebbe bastato. Ripensando a quei 55 giorni, ripercorrendo ogni fotogramma di quella vicenda, mi rendo sempre più conto di quanto fossero potenti quelli che volevano Moro morto. La mia opinione è che dietro il sequestro ci fosse un potere, una volontà troppo più forte di ogni tentativo che si potesse mettere in atto per salvarlo. L Onu, la Caritas, la Croce rossa internazionale, lo stesso papa Paolo VI, chiunque tentasse di salvare la vita a Moro veniva bloccato a un certo punto. Era come se, a un certo livello, a un livello talmente alto da risultare più potente di qualunque altro, esistessero delle <<entità>> a cui dava fastidio Moro vivo. << Entità>>forse non riconducibili a una sola persona, ma a poteri e lobby. E credo che mio padre, dalla prigione in cui era detenuto, lo avesse ben compreso. Le lettere che mandava all esterno erano più che vere, e non estorte con la minaccia delle armi o scritte sotto l effetto di qualche droga, come qualcuno a suo tempo insinuò. Nei suoi messaggi, papà non solo parlava in coscienza, sapendo quello che diceva, ma parlava su più livelli. Almeno quattro: la famiglia, il potere politico, i brigatisti e un misterioso quarto livello che si intuisce dalle indagini, ma sul quale, forse per la ragion di Stato, non si è arrivati a ricerche più approfondite. Appena sequestrato, papà deve aver capito immediatamente chi erano i suoi veri interlocutori e con loro ha cercato di parlare. E doloroso pensare che Aldo Moro non abbia avuto dei veri amici. Di questo titolo, infatti, si potrebbero fregiare meno di cinque persone. Altrimenti non sarebbe stato abbandonato e tradito da tutti. Persino da molti suoi ex allievi, ai quali papà aveva dedicato tantissimo tempo togliendolo a noi: lo hanno tradito anche dopo non difendendone la memoria. Mi dà inaudito dolore. Come mi perseguita l eterno confronto tra il prima e il dopo. Ogni cosa mi ricorda papà e mi da dolore. Una sofferenza a cui si aggiunge infine quella esponenziale e profondamente gratuita che scaturisce da un ingiustizia: perché non solo noi non abbiamo voce, ma altri, personaggi che non sanno nulla sulla vicenda Moro o denigratori della figura di mio padre o ex brigatisti, invece si, parlano come oracoli in televisione e sui giornali. E forniscono delle versioni che, guarda caso, arrivano tutte sulla stessa conclusione: non c è più niente da sapere, dietro il sequestro Moro non c era nessuna entità. E un ingiustizia troppo grande, per essere sopportata. Il 9 maggio del 2006 ho scritto al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano e ai presidenti delle due Camere, Fausto Bertinotti e Franco Marini. Chiedevo, anche a nome degli altri firmatari della lettera, che i familiari delle vittime venissero almeno equiparati agli assassini nella possibilità di dar voce ai propri sentimenti e nel ricordo dei propri cari. Risultato? Napoletano ha immediatamente risposto e mi ha assicurato di aver trasmesso la mia richiesta

6 alla Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai. Bertinotti mi ha ricevuto con cortesia e celerità. Marini invece, non ha risposto. Almeno fino a questo momento. Sarà perché è un ex democristiano? In effetti, quell area sembra non aver ancora metabolizzato la vicenda Moro. D altro canto, finchè il Paese non si sarà fatto carico di questo fardello, non potrà riprendere il suo cammino. Tutti rimarranno inchiodati sul posto fino a quando ognuno non si sarà assunto sulle proprie spalle il peso della sua parte di responsabilità. Ma non sarà così per sempre. Anche se il potere continua a creare terra bruciata interno a noi e a fabbricare versioni di comodo, non c è niente da fare: prima o poi, tutti, anche i mandanti, si dovranno confrontare con la verità. Questa è una legge cosmica.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada NOME... COGNOME... CLASSE... DATA... Dal lato della strada 5 10 15 20 25 30 35 40 Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Narrativa Aracne 187

Narrativa Aracne 187 Narrativa Aracne 187 morte di una madre di Alessio Nunnari Copyright mmxi ArACne editrice S.r.l. www.aracne editrice.it info@aracne editrice.it via raffaele Garofalo, 133/A-B 00173 roma (06) 93781065

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

...quando nasce un bambino con la sindrome di Down...

...quando nasce un bambino con la sindrome di Down... ...quando nasce un bambino con la sindrome di Down... QUANDO NASCE UN BAMBINO CON LA SINDROME DI DOWN S e state leggendo questo opuscolo è perché un medico vi ha comunicato che probabilmente il vostro

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare puliva le scale e alcuni clienti erano al bar. L hotel si

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Bessi Soraya Gonzalez Garcia BESSI,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli