Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino"

Transcript

1 Maria Fida Moro Se papà per miracolo tornasse vivo, lo ucciderebbero ancora e ancora e ancora Bellissimo ed appassionato racconto della figlia dello statista democristiano a Giovanni Fasanella e Antonella Grippo. Sono Maria Fida, la primogenita di Aldo Moro. La mattina del 16 marzo 1978, in via Fani a Roma, le Brigate rosse sequestrarono papà, dopo aver massacrato gli uomini della sua scorta. Vorrei ricordare i nomi :Domenico Ricci Oreste Leonardi Giulio Rivera Raffaele Jozzino Francesco Zizzi. Lo tennero in una << prigione del popolo>> per cinquantacinque giorni. Il 9 maggio, poco dopo le 10, il suo corpo senza vita fu ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa, parcheggiata in via Caetani. L assassinio di mio padre fu un colpo di Stato. L ho sempre pensato e l ho sempre detto. E ne ho pagato il prezzo. Avevo compiuto trentuno anni da qualche mese, quando sequestrarono papà. Luca, mio figlio, aveva solo due anni. La settimana prima di quel maledetto 16 marzo, passai tutte le notti a piangere. Senza sapere un perché. Avevo il presentimento che stesse accadendo qualcosa di catastrofico, di irreparabile. Se dovessi descrivere con un immagine il mio stato d animo ecco, direi che ero sovrastata da una nube rosso sangue. Si una nube rosso sangue, questa è l associazione che mi viene spontanea. In realtà, in famiglia pensavamo che un evento terribile fosse nell ordine delle cose. Era come se ce lo aspettassimo, soprattutto dopo il rapimento del figlio di Francesco De Martino, Guido.. Erano tre i personaggi politici che, negli anni precedenti, avevano contribuito a rimettere in gioco il Partito Comunista: il socialista De Martino, il comunista Enrico Berlinguer e il democristiano Aldo Moro. Berlinguer non era molto tranquillo, e di recente si è scoperto che nel 1973 avevano tentato di ammazzarlo in Bulgaria, simulando un incidente stradale. A De Martino, nell aprile 1977, avevano sequestrato il figlio per impedire al padre di essere eletto Presidente della Repubblica. E papà, anche se non lo lasciava trasparire, era molto preoccupato. Noi, in famiglia, lo eravamo più di lui. Forse fu per esorcizzare quella sensazione di inquietudine, di catastrofe incombente, che un giorno mi decisi chiedergli se lui ipotizzava di poter essere rapito. Ricordo che mi rispose: << Nella vita non si può mai sapere>> Tradotto dal suo linguaggio ermetico, voleva dire di si. Non ero preoccupata solo per mio padre, ma più in generale, per il clima politico che si respirava in quegli anni. Vivevo nell incubo di una terza guerra mondiale, che sembrava potesse scoppiare da un momento all altro. Ma, ripeto, un po tutti, in famiglia, erano allarmati. Nel 1974, mia madre era riuscita a strappare a papà la promessa che avrebbe lasciato la politica. Glielo aveva chiesto più volte in modo pressante, erano arrivati perfino a litigare, cosa che tra loro non succedeva mai. Alla fine mia madre era riuscita a spuntarla. L anno seguente, però, nel settembre del 1975, era nato luca. E papà, di fronte alla nursery, disse alla mamma che gli dispiaceva, ma non poteva mantenere la promessa: << Per ricordare la catastrofe che pende sulla testa dei bambini>>, disse proprio così. Continuò a far politica, perché credeva davvero che un mondo migliore fosse possibile. Ricevevamo minacce continue. Non solo mio padre, ma tutta la famiglia era esposta a intimidazioni e pressioni. Ricordo il 3 agosto del 1974, altra data infausta della storia italiana. Papà allora era ministro degli Esteri e avrebbe dovuto raggiungervi in treno a Bellamente, sulle montagne del Trentino, dove di solito trascorrevamo insieme le vacanze estive. Era già salito sulla sua carrozza, alla stazione Termini, e il treno stava per partire, quando all ultimo momento arrivarono dei funzionari e lo fecero scendere perché doveva tornare per firmare delle carte- A causa di quell imprevisto, perse il treno e fu costretto a raggiungerci in macchina. Un ritardo provvidenziale, perché quel treno era l Italicus. Non ho alcuna prova per dirlo con certezza, però ho avuto il sospetto che la bomba esplosa poche ore dopo nella galleria di San Benedetto Val di Sambro avesse come obiettivo proprio lui. Anche perché già altre volte, un infinità di altre volte, si era salvato per il rotto della cuffia. Un giorno esplosero le gomme della sua auto, che andò fuori strada. A bordo c ero anche io, ma le conseguenze furono lievi Qualche tempo dopo accadde di nuovo, e

2 papà non si fece male a un ginocchio. Dissero che erano ruote da neve usate per camminare u strada, per questo erano scoppiate. Ma è proprio difficile crederlo. Qualche tempo dopo, papà soffriva di un malanno da diverse settimane, e stava peggiorando sempre più. Poi un giorno la mamma, che era infermiera della Croce rossa, scoprì che alcune medicine con le quali papà veniva curato erano non solo inefficaci, ma addirittura pericolose, tanto che forse lo stavano avvelenando. Fece sospendere la cura e papà si riprese. Potrei citarvi davvero tanti altri episodi strani, ma ci vorrebbe forse un libro intero.vi basti pensare, per capire quale era il clima negli anni che precedettero il sequestro, a un episodio del 12 dicembre 1969, altra data della nostra tragica storia italiana. Dopo l esplosione della bomba di piazza Fontana, a Milano, quella sera stessa, Luciano Beca, uno dei più stretti collaboratori di Berlinguer, telefonò a mio padre, che era in visita ufficiale a Parigi, per invitarlo a rientrare in Italia in treno, invece che in aereo. Era stato proprio Berlinguer, preoccupato per la sua sorte, a dirgli di telefonare a papà, come lo stesso Barca ha rivelato in tempi più recenti, nella audizione della Commissione parlamentare d inchiesta sulle stragi e sul terrorismo. Il segretario del Pci era convinto che il treno fosse più sicuro dell aereo. Piazza Fontana, piazza della Loggia, l Italicus. E dopo le stragi, il terrorismo brigatista. Ricordo mio padre dire alla mamma:<< Noretta, siamo in guerra>>. Dal 1974, dopo la strage dell Italicus, papà volle che avessimo una scorta anche noi figli. La sensazione era che si fosse con tutti e due i piedi nel baratro, solo i talloni rimanevano sulla terra ferma: sarebbe bastato un nulla per caderci dentro. Quella sensazione la conoscevamo benissimo. Perché l avevamo vissuta tante altre volte, anche prima di quel Ad esempio, nel luglio 1960 durante i moti di piazza contro il governo Tambroni appoggiato dal Msi. E ancora nell estate del 1964, all epoca del <<piano Solo>>, il tentativo di colpo di Stato attribuito al generale Giovanni De Lorenzo. Ma quelle date erano soltanto dei picchi di tensione. In realtà, la normalità della nostra famiglia era vivere costantemente nell attesa di precipitare nel burrone. Vivevano così i miei genitori, innanzitutto. E poi noi figli, io in particolare che ero primogenita. Mi sentivo responsabile e volevamo proteggerlo. Facevamo di tutto per non farlo uscire di casa. Ricordo mia sorella Agnese, piccolissima, nascondeva la sua tessera parlamentare sotto la cenere fredda del caminetto: aveva capito che, senza quella, papà non sarebbe potuto partire in treno. E mio fratello Giovanni, anche lui piccolissimo spesso si addormentava, sdraiato alla porta d ingresso, per impedirgli di uscire. Proprio Giovanni! Un giorno carpii spezzoni di una conversazione concitata dei miei genitori, che si parlavano in francese. Quella era la lingua che usavano, insieme al tedesco, quando volevano esser sicuri che noi non capissimo. Io invece qualcosa afferrai, e ne rimasi sconvolta. Qualcuno aveva minacciato papà di portare via Giovanni, il mio fratellino adorato, e di rimandarlo indietro, tagliato a pezzi, in una valigia. Quell episodio ha sconvolto la mia infanzia, la mia giovinezza e la mia età adulta. Avevamo piena coscienza che papà fosse in pericolo. Tutti quanti, da sempre. Ma c era una specie di tacito accordo con la mamma, per cui noi non parlavamo mai di cose pericolose con papà. E a loro volta, papà e mamma non parlavano mai davanti a noi dei pericoli incombenti. Ricordo che mamma mandava noi bambine, me Anna, la secondogenita, ai convegni annuali della Dc, a San Pellegrino. Voleva che vigilassimo su papà, perché si fidava di noi più di chiunque altro. Una delle due rimaneva in sala, seduta in prima fila, a controllare che non accadesse nulla a papà mentre parlava; l altra, nel frattempo, perquisiva la sua stanza in cerca di eventuali esplosivi o altro. Saremmo state in grado di riconoscerle, le bombe, perché mamma, reduce dalla guerra, ce le aveva descritte. E l ordine che avevamo era che, se avessimo trovato qualcosa, avremmo dovuto subito avvertirla. Papà non ha mai saputo che noi abbiamo fatto questo per anni, Una volta, non avevamo ancora finito di perquisire la sua stanza, quando lui arrivò: ci inventammo un la essere, per costringerlo ad andare in farmacia a comprare le medicine. Eravamo la sua scorta, eravamo della sua vigilanza. Mamma mi insegnò anche a sparare. Si, proprio nel luglio del 1960, durante la crisi del governo Tambroni: ero talmente terrorizzata che mamma mi regalò un flobert, un fucile ad aria compressa e mi insegnò ad usarlo. Mi ero spaventata perché, una notte, Sereno Freato e altri collaboratori di papà, mandati da lui a Torrita Tiberina, dove trascorrevamo l estate, per portarci via di lì. Ma la mamma in quel momento non c era. Ci dicevano di fare in fretta, la mamma non tornava, e io non sapevo cosa fare. Intuivo un pericolo enorme e imminente. E quando finalmente tornò mamma ci portarono a Roma, nella nostra casa di Salita di Poggio San Lorenzo e dormimmo ognuno con un carabiniere davanti alla porta della nostra camera. Il rischio doveva essere proprio serio. Perché mamma mi diceva:<< Se senti dire che è successo qualcosa di pericoloso o di strano, non ti spaventare, vieni diritta a casa>>. Lei è persona molto serena e gioiosa, ma quando da degli ordini, sono secchi e perentori. E quello non era un consiglio, ma proprio un ordine. Dal suo tono capivo che era una situazione grave. Tanto che, come ho già ricordato, dal 1974, papà impose a tutti noi una scorta. E fu forse l unica volta che ci ha imposto qualcosa. Certo non è facile vivere con una scorta, ma diventa sopportabile se si diventa amici di chi si occupa della tua sicurezza. Per sdrammatizzare, tra fratelli

3 ci si salutava dicendo: << Se ti rapiscono, citofona>> E infatti, la mattina del 16 marzo andò proprio così: seppi del sequestro dal citofono. Che papà fosse un personaggio scomodo era indubbio. In molti gli rimproveravano la sua politica di apertura ai comunisti di Berlinguer, la sua lungimiranza. Lui non si arroccava mai su posizioni conservatrici, guardava oltre. Nella vita in casa invece, era timidissimo, riservato, discreto, ma anche molto divertente. Il rapporto con me era fatto di sguardi, di sintonia d intenti, di parole non dette. Cercava solo di dissuadermi dalla carriera giornalistica, perché conosceva bene la mia sensibilità e il cinismo di quel mondo, come ho sperimentato poi sulla mia pelle, qualche anno più tardi. Non aveva nessun senso pratico, risolvere dei banali problemi quotidiani, persino aprire un pacchetto, con lui diventava un esperienza surreale. Ci metteva a volte delle ore, e capitava persino che si facesse male. Un vero tenerissimo disastro. Una settimana prima del rapimento, papà era a letto con un raffreddore fortissimo, e io passavo notti insonni, turbata da quella sensazione di minaccia incombente. Speravo tanto che il raffreddore lo costringesse a letto e che quindi non potesse uscire. Abitavamo nella palazzina di fronte ai miei genitori. Io stavo talmente male, tra l altro ero provata anche fisicamente a causa di una dolorosissima ernia al disco, che Luca, mio figlio, quella notte era rimasto a dormire dai nonni. La mattina del 16 marzo, volevo alzarmi dal letto a tutti i costi, ma non ci riuscivo per il dolore alla gamba, e mi feci aiutare da mio marito, che mi alzò di peso. Ero terrorizzata dall idea che papà portare Luca con sé, come faceva spesso. Non so perché proprio quel giorno avevo l imperativo categorico che non lo dovesse fare. Arrivai appena in tempo a fermarlo. Vidi mia madre uscire rapidamente per andare, come ogni giovedì, a insegnare catechismo in parrocchia. Mio padre era già sulla porta d ascensore, con Luca in braccio. Purtroppo, quasi sgarbata:<< Luca oggi deve stare con me!>>. Lui provò timidamente a resistere, visto che io non potevo nemmeno camminare. Ma fui irremovibile. Lui si rassegnò, e lessi nei suoi occhi che aveva capito i miei timori. Entrò nell ascensore, lo guardai con la consapevolezza che non l avrei più rivisto. L ultimo ricordo che ho di lui vivo, è il suo sorriso mesto, e il cigolio dell ascensore che se lo portava via. Rimasi sola in casa con Luca. Il tempo era incerto, piovigginava e tirava molto vento. Avrei voluto portare mio figlio a Capannelle, alla scuola centrale antincendio dei vigili del fuoco, per assistere alla prova generale del saggio ginnico-sportivo, e aspettavo una telefonata di conferma. Il telefono squillò. Risposi. Ma non erano i vigili del fuoco. Sentivo, dall altro capo del filo, una perdona piangere, farfugliare parole incomprensibili, non capivo nulla. Era la signora Ricci, la moglie di Domenico, il carabiniere autista di mio padre che era in servizio quel giorno. Non accesi la televisione, né la radio per non spaventare Luca. Telefonai al ministero dell Interno per sapere cosa fosse successo. Mi dissero che era accaduto qualcosa, ma non sapevano cosa. Quella risposta mi fece immediatamente pensare che lo sapessero e che non me lo volevano dire. Una conferma, insomma, dei miei peggiori timori. Erano circa le 9.15 del mattino. Suonò il citofono,il poliziotto di servizio alla vigilanza che c era un passante che desiderava parlare con me. Era assolutamente anomalo che dalla vigilanza ci chiedessero se volevamo parlare al citofono con degli sconosciuti. Ma se il poliziotto lo aveva fatto, significava che aveva un motivo serio. Perciò risposi subito di si. Un signore, non so chi fosse, mi disse: << hanno trucidato tutta la scorta e hanno portato via suo padre>>. Tutto quello che avevo paventato da sempre, era successo. Percepivo chiaramente che la situazione era perfino peggiore di quanto avessi mai temuto: un padre rapito è molto più spaventoso di un padre ucciso,è un agonia rimandata. Mia madre fu tra le prime persone ad arrivare in via Fani. Era in parrocchia quando qualcuno chiamò un sacerdote per portare l estrema unzione ai caduti della scorta. Ed era andata anche lei. Resasi conto che non c era più modo di aiutarli, si era inginocchiata per terra, tra il sangue e i bossoli, a pregare. In quel momento, io ero a casa, sola con Luca. Quando mamma rientrò, riuscì a mostrarsi straordinariamente serena, straordinariamente coraggiosa, com era il suo solito, e perfino rassegnata. Mi disse, e mi colpi che, rivolgendosi solo a me, usasse il plurale, come se parlasse a tutta la famiglia: << Mi dispiace, ragazzi, è colpa mia. Non dovevo permettergli di fare politica>>. Io le risposi: << Non è colpa tua, si vede che doveva comunque accadere>> C era del fatalismo in quella mia risposta. D altra parte, avendo fino a quel momento sempre vissuto nell attesa della caduta nel baratro, non poteva esserci reazione diversa. Cercai di rintracciare il resto della famiglia. E intanto, la casa cominciava a riempirsi di amici e parenti, in evidente stato di choc. Chi piangeva, chi si sentiva male, chi sveniva. Toccò a noi soccorrerli e consolarli, farli sedere, dargli i fazzoletti per asciugarsi le lacrime, il caffè, gli ansiolitici e le gocce per la pressione Capivo benissimo il loro stato d animo, anche perché noi eravamo in qualche misura preparati, loro no. Tuttavia, mi sembrava troppo e me ne andai con Luca. Non sapevo, in quel momento, quanto il comportamento delle persone che erano venute a farci visita fosse emblematico dell atteggiamento dello Stato nei nostri confronti da quel giorno in avanti: la pretesa assurda e arrogante di escluderci persino dal dolore, non solo dal diritto di parola sulle vicende legate al caso Moro. Le vittime devono entrare nella tomba insieme al loro congiunto e non apparire mai più, come le vedove indiane sulla pira funebre. Non devono piangere, né tantomeno parlare E l ingiustizia esponenziale, il massimo dell orrore.

4 Sin dal primo dei cinquantacinque giorni, avevo come la sensazione che la mamma fosse consigliata da personaggi non sempre e non tutti in buona fede. Era solo la mia sensazione, naturalmente. Alcune persone davano l impressione di essere state come dire?...non saprei ecco si <<infiltrate>>. Proprio questa forse è la parola giusta:<< infiltrate>> in casa Moro con lo scopo preciso di dividere la famiglia, e di conseguenza impedire tutta una serie di iniziative volte alla salvezza di papà. La famiglia Moro unita era invincibile, per questo, la prima cosa da fare era dividerla. Ne sono sempre stata convinta.. Però per favore, su questo specifico punto non fatemi altre domande, non voglio dire di più. Aggiungo solo questo. Il giorno dei funerali della scorta, per esempio, mi fu impedito di partecipare. Alcuni miei familiari decisero per me che io non dovessi esserci e mi lasciarono a casa. Io ci andai ugualmente, ma non essendo con altri, quelli del servizio d ordine non mi riconobbero e non mi fecero entrare nella chiesa. Rimasi dunque fuori con la folla. Poi vidi passare un anziano poliziotto che a suo tempo era stato scorta di papà, e lui mi fece entrare. Mi chiedo ancora oggi perché diavolo non avessi il diritto di partecipare ai funerali di persone che erano care a me quanto agli altri membri della famiglia. Questa è la mia verità. Dicano quello che vogliono, ma questa resta la verità: il compimento dell orrore del caso Moro non è stato il 16 marzo ma il giorno dei funerali della scorta, perché quel giorno sono rimasta davvero orfana e senza famiglia. Se lo Stato o chi per esso voleva avere carta bianca nella mia famiglia, doveva togliere me di mezzo. Perché io sono battagliera, coraggiosa, determinante, incurante dei giudizi altrui e del pericolo. E soprattutto fedele, come il mio nome, quindi avrei fatto tutto il possibile per impedire che papà venisse ucciso. Sarei andata tutti i giorni in televisione, mi sarei incatenata al cavallo di viale Mazzini per avere udienza in Rai e dire la nostra opinione pubblica. Avrei fatto entrare in casa un giornalista perché assistesse dalla prima linea agli sviluppi della vicenda Moro, e poi lo raccontasse. Avrei organizzato dei sit-in di giovani davanti al Parlamento e alla sede del governo. Avrei promosso fiaccolate, corte manifestazioni.qualsiasi cosa. Ma non il silenzio. Perfino mio padre, che non amava la televisione, in una lettera a mia madre le aveva chiesto espressamente di non dare retta a nessuno e di andare in tv per fare un appello. Dalla <<prigione del popolo>>, aveva capito e io con lui che l unica speranza di salvezza era coinvolgere l opinione pubblica. Dopo i funerali della scorta, me ne tornai a casa. E dal quel momento rimasi in disparte, per aderire a un espresso e pressante desiderio di mia madre di non aprire fronti esterni alla famiglia.. Oggi, a distanza di tanti anni sono sempre più convinta che la gestione << silenziosa >> dei cinquantacinque giorni fosse sbagliatissima. In quel periodo, oltre alla tragedia di mio padre nella mani dei sequestratori, dovevo fare i conti anche con altre emergenze. L ernia del disco. La difficoltà oggettiva di tenere un bambino piccolo abituato a uscire imprigionato in casa, con le serrande abbassate, tipo coprifuoco, per paura che ci sparassero. E soprattutto un senso di impotenza portata allo spasimo. Stare a guardare le cose sbagliate fatte dagli altri e non poterne fare neppure una giusta, può darti, infatti, una devastante sensazione di impotenza. Comunque, ogni volta che ci penso, pur rimanendo della mia opinione, mi sforzo di capire anche le ragioni di mia madre. E giungo alla conclusione che probabilmente lei avesse scelto il male minore, che non potesse fare altrimenti. Arrivo persino a convincermi che, al suo posto, nei suoi panni di madre, forse anch io avrei agito così. In ogni caso, la morte di papà non ha purtroppo segnato la fine di un incubo, ma l inizio dell incubo per eccellenza. Tutte le certezze erano andate perdute, la mia famiglia non c era più. E io a trentun anni, quanti ne avevo il 9 maggio 1978, mi sono ritrovata da sola su un campo di battaglia, sotto un bombardamento, vittima e protagonista,, mio malgrado, di una guerra che non avevo voluto, né provocato. Quella della mia famiglia, e delle persone che le giravano intorno, contro la Dc, accusata di non aver fatto nulla per salvare mio padre.. L accusa, per certi aspetti, era anche giustificata e ragionevole. Ma credo che mio padre non avrebbe voluto che la guerra venisse combattuta dalla sua famiglia, e oltretutto in modo frontale. Perciò, pur non assolvendola, ho cercato di mediare perché i Moro non rompessero totalmente con la Dc. Ma alcuni miei familiari non erano d accordo. Quando Ciriaco De Mita, allora segretario del partito, mi chiese di candidarmi, rifiutai perché mia madre mi disse che << sarei stata il chiodo della sua bara>>. Qualche tempo dopo, nel 1986, fu la base democristiana a propormi la candidatura al Senato in un collegio difficile in Puglia, e io accettai. Anche perché alcuni avvocati mi avevano vivamente consigliato di farlo per motivi di sicurezza: una carica istituzionale vale come deterrente. La mia scelta non piacque alla famiglia e fu vissuta come uno sgarbo anche dai vertici democristiani. L unico a inviarmi un biglietto di felicitazioni per la mia elezione, fu Giulio Andreotti. La guerra alla Dc, anche se aveva un suo fondamento, durante il sequestro non era servita a papà; e dopo, quando c erano ben altre tragedie da combattere, ha isolato noi. Dalla morte di mio padre in poi, io ho vissuto in una trincea virtuale. Perché non volevo lasciarlo solo. Era iniziata immediatamente una campagna di stampa per denigrare,anche dopo morto, la figura di Aldo Moro.

5 Io non volevo permettere che venisse abbandonato e la sua memoria negata, che lui continuasse a essere ucciso di giorno in giorno. Ma così facendo, ho preso tutte le bombe, tutto il livore, tutto lo schifo che era la risposta di quanti si sentivano attaccati dal disprezzo della mia famiglia e dalla verità. Durante il sequestro, tutti avevano fatto di tutto, io avrei voluto fare solo poche cose utili e non potei farle, e dopo mi ritrovai da sola a subire le conseguenze di azioni non mie e che non condividevo. La conseguenza più immediata? Sono stati ventisei tumori.mi mancano sei organi.. Già, è così. E stupefacente che io sia ancora viva. L altra è che mi hanno messa nella condizione di non vita. Io sono esule nel mio paese, per non dire apolide. Hanno creato di me un immagine che non corrisponde assolutamente al vero: quella di una persona volubile, vulnerabile e anche un po tocca, nella migliore delle ipotesi non razionale, nella peggiore inaffidabile. Ed è paradossale, perché proprio la mia affidabilità mi ha permesso di restare a fronteggiare da sola, per quasi trent anni, il tentativo del potere di uccidere perfino l idea che sia esistito un Aldo Moro. Da sola e con un fardello di inesprimibile sofferenza. La subdola versione ufficiale della mia presunta non sanità mentale. La mancanza di lavoro si, perché ho perso anche il lavoro e quindi la mancanza di denaro. E poi, il dolore insopportabile dell ingiustizia conclamata e quotidiana nei confronti di papà e della verità. E ancora, la perdita migliore delle famiglie possibili. Ma su tutto, l insopportabile dolore, per me, di mio figlio Luca. Un giornalista, una volta, ha scritto parole straordinariamente giuste: mio padre, di fronte alla morte, ha messo per la prima ed unica volta davanti allo Stato la famiglia; e davanti alla famiglia, Luca. Il dolore di Luca è inenarrabile. Ed è atroce per me non poterlo sanare in alcun modo. La stessa impotenza vissuta nei giorni del sequestro. Questa è stata la mia esistenza dopo la morte di mio padre. E come se non bastasse, non voglio dimenticare anche se non gli do nessun peso e nessuna valenza le intimidazioni e le minacce che costellano in varia misura la vita di alcuni, più che di altri membri della famiglia Moro. Minacce e intimidazioni iniziate da quando io ho memoria e proseguite anche dopo il 9 maggio del 78, e a tutt oggi, come se Aldo Moro dovesse essere ucciso una seconda volta. Sono convinta che se papà per miracolo dovesse tornare vivo, sarebbe ucciso ancora e ancora. Il suo progetto politico dava talmente tanto fastidio da risultare pericoloso perfino in assenza di colui che lo aveva pensato. Secondo me, i sentimenti di colpa inconfessabili e la relativa rimozione di responsabilità da parte del potere si riverberano sulla nostra vita, la mia in particolare, chiudendo ancora una volta porte e finestre e impedendoci di vivere allo stesso livello di un clandestino. A mio avviso la verità non può essere e non è solo quella conclamata dalle trombe prezzolate del solito potere. I delitti politici avvenuti nel nostro Paese dal dopoguerra in poi andrebbero riesaminati come vere e proprie esecuzioni di persone da far tacere per sempre. Io avrei fatto di tutto per salvare papà. Ma oggi sono sempre più convinta che anche l impossibile non sarebbe bastato. Ripensando a quei 55 giorni, ripercorrendo ogni fotogramma di quella vicenda, mi rendo sempre più conto di quanto fossero potenti quelli che volevano Moro morto. La mia opinione è che dietro il sequestro ci fosse un potere, una volontà troppo più forte di ogni tentativo che si potesse mettere in atto per salvarlo. L Onu, la Caritas, la Croce rossa internazionale, lo stesso papa Paolo VI, chiunque tentasse di salvare la vita a Moro veniva bloccato a un certo punto. Era come se, a un certo livello, a un livello talmente alto da risultare più potente di qualunque altro, esistessero delle <<entità>> a cui dava fastidio Moro vivo. << Entità>>forse non riconducibili a una sola persona, ma a poteri e lobby. E credo che mio padre, dalla prigione in cui era detenuto, lo avesse ben compreso. Le lettere che mandava all esterno erano più che vere, e non estorte con la minaccia delle armi o scritte sotto l effetto di qualche droga, come qualcuno a suo tempo insinuò. Nei suoi messaggi, papà non solo parlava in coscienza, sapendo quello che diceva, ma parlava su più livelli. Almeno quattro: la famiglia, il potere politico, i brigatisti e un misterioso quarto livello che si intuisce dalle indagini, ma sul quale, forse per la ragion di Stato, non si è arrivati a ricerche più approfondite. Appena sequestrato, papà deve aver capito immediatamente chi erano i suoi veri interlocutori e con loro ha cercato di parlare. E doloroso pensare che Aldo Moro non abbia avuto dei veri amici. Di questo titolo, infatti, si potrebbero fregiare meno di cinque persone. Altrimenti non sarebbe stato abbandonato e tradito da tutti. Persino da molti suoi ex allievi, ai quali papà aveva dedicato tantissimo tempo togliendolo a noi: lo hanno tradito anche dopo non difendendone la memoria. Mi dà inaudito dolore. Come mi perseguita l eterno confronto tra il prima e il dopo. Ogni cosa mi ricorda papà e mi da dolore. Una sofferenza a cui si aggiunge infine quella esponenziale e profondamente gratuita che scaturisce da un ingiustizia: perché non solo noi non abbiamo voce, ma altri, personaggi che non sanno nulla sulla vicenda Moro o denigratori della figura di mio padre o ex brigatisti, invece si, parlano come oracoli in televisione e sui giornali. E forniscono delle versioni che, guarda caso, arrivano tutte sulla stessa conclusione: non c è più niente da sapere, dietro il sequestro Moro non c era nessuna entità. E un ingiustizia troppo grande, per essere sopportata. Il 9 maggio del 2006 ho scritto al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano e ai presidenti delle due Camere, Fausto Bertinotti e Franco Marini. Chiedevo, anche a nome degli altri firmatari della lettera, che i familiari delle vittime venissero almeno equiparati agli assassini nella possibilità di dar voce ai propri sentimenti e nel ricordo dei propri cari. Risultato? Napoletano ha immediatamente risposto e mi ha assicurato di aver trasmesso la mia richiesta

6 alla Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai. Bertinotti mi ha ricevuto con cortesia e celerità. Marini invece, non ha risposto. Almeno fino a questo momento. Sarà perché è un ex democristiano? In effetti, quell area sembra non aver ancora metabolizzato la vicenda Moro. D altro canto, finchè il Paese non si sarà fatto carico di questo fardello, non potrà riprendere il suo cammino. Tutti rimarranno inchiodati sul posto fino a quando ognuno non si sarà assunto sulle proprie spalle il peso della sua parte di responsabilità. Ma non sarà così per sempre. Anche se il potere continua a creare terra bruciata interno a noi e a fabbricare versioni di comodo, non c è niente da fare: prima o poi, tutti, anche i mandanti, si dovranno confrontare con la verità. Questa è una legge cosmica.

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Caso di Arsenicum sulphuratum flavum

Caso di Arsenicum sulphuratum flavum Dott. Massimo Mangialavori Caso di Arsenicum sulphuratum flavum Bruno è uomo di 58 anni dall'aspetto malaticcio e modesto. Molto magro, curvo sulle spalle, il viso scavato ed asciutto, la dentiera mobile

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli