(emanato con D.R. Rep. n , prot. n I/3 del ) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R. Rep. n , prot. n I/3 del ) TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento è adottato in applicazione dell art. 53, D.lgs , n. 165, della L , n. 190 e del D.lgs , n. 33, in riferimento a prestazioni svolte dal personale tecnico-amministrativo dell Università di Foggia, i cui compensi sono rivenienti da finanziamenti extra FFO (Fondo di finanziamento ordinario). Esso disciplina le modalità di conferimento degli incarichi retribuiti al personale tecnico-amministrativo dell Università di Foggia e la correlativa corresponsione di compensi, prescrivendo l adozione di criteri oggettivi e predeterminati, che tengano conto della specifica professionalità, tali da escludere casi di incompatibilità, nell interesse del buon andamento della pubblica amministrazione o situazioni di conflitto di interessi, che pregiudichino l esercizio imparziale delle funzioni attribuite al dipendente. Art. 2 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento si applica a tutto il personale tecnico-amministrativo dell Università di Foggia, con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa superiore al 50% di quella a tempo pieno, di seguito denominato personale. 2. Non rientrano fra i destinatari del presente Regolamento: - i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al 50% di quella a tempo pieno; - i dipendenti ai quali sia consentito da norme speciali lo svolgimento di attività libero professionali. Art. 3 - Incarichi retribuiti 1. Per incarichi retribuiti s intendono tutti gli incarichi, anche occasionali, non compresi nei compiti e doveri d ufficio, ai sensi dell art. 53, D.lgs , n. 165, svolti dal personale tecnico-amministrativo dell Università di Foggia, per i quali è previsto, sotto qualsiasi forma, un compenso, riveniente da finanziamenti extra FFO (Fondo di finanziamento ordinario). 2. Gli incarichi di cui al presente Regolamento possono essere conferiti al personale dalla stessa Università di Foggia, da altre Amministrazioni pubbliche, nonché da soggetti privati. Art. 4 Incompatibilità 1. Ferma restando la disciplina delle incompatibilità richiamate dall art. 53, comma 1, del D.lgs. n. 165/2001, al personale non è consentito: a) esercitare attività di tipo commerciale, industriale o professionale; b) assumere a qualunque titolo cariche gestionali in società di persone o di capitali aventi scopo di lucro con esclusione degli spin-off e dei casi in cui la carica sia ricoperta su designazione di Pubbliche Amministrazioni od organismi a prevalente partecipazione pubblica; 1

2 c) svolgere altri rapporti di lavoro subordinato, con soggetti pubblici e privati, anche se non hanno il carattere della organicità e della stabilità. Art. 5 - Incarichi non soggetti ad autorizzazione 1. E consentito, senza la necessità di una preventiva autorizzazione dell Amministrazione universitaria, lo svolgimento delle seguenti attività: a) collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili; b) utilizzazione economica da parte dell autore o inventore di opere dell ingegno e di invenzioni industriali; c) partecipazione a convegni e seminari; d) incarichi per i quali è corrisposto il solo rimborso delle spese documentate; e) incarichi per lo svolgimento dei quali il dipendente è posto in posizione di aspettativa, di comando o di fuori ruolo; f) incarichi conferiti dalle organizzazioni sindacali a dipendenti presso le stesse distaccati o in aspettativa non retribuita; g) incarichi per lo svolgimento di attività di formazione riferita a dipendenti della Pubblica Amministrazione; h) le attività, che costituiscono manifestazione di diritti e libertà costituzionalmente garantiti, quali la partecipazione ad associazioni sportive, culturali, religiose, di opinione; i) le attività rese a titolo gratuito presso associazioni di volontariato o cooperative a carattere socio assistenziale; j) la partecipazione a società quale titolare di una quota di minoranza del capitale sociale, ove alla titolarità della quota non siano di diritto connessi compiti di gestione per la realizzazione dell oggetto sociale; k) le perizie affidate dall autorità giudiziaria agli iscritti all apposito Albo, in quanto obbligatorie per legge. 2. Le attività di cui al presente articolo non devono pregiudicare il corretto e regolare svolgimento dei compiti e doveri di ufficio, né perseguire interessi in contrasto con quelli d Ateneo e, in ogni caso, devono essere svolti al di fuori dell orario di lavoro. Art. 6 - Incarichi soggetti a conferimento o ad autorizzazione 1. Tutti gli incarichi retribuiti che non rientrano nei precedenti articoli 4 e 5 sono consentiti mediante conferimento o autorizzazione da parte del Direttore Generale, secondo quanto stabilito nei titoli II e III del presente Regolamento. 2. Resta fermo che i predetti incarichi non possono, in nessun caso, pregiudicare il corretto e regolare svolgimento delle attività istituzionali, né perseguire interessi in contrasto con quelli dell Ateneo. TITOLO II INCARICHI RETRIBUITI CONFERITI DALL UNIVERSITÀ DI FOGGIA Art. 7 - Conferimento dell incarico 1. Gli incarichi di cui al presente titolo sono conferiti con provvedimento del Direttore Generale, sentito il Responsabile della struttura di afferenza del dipendente interessato, anche in considerazione dello specifico piano finanziario del progetto, in ragione delle caratteristiche dell incarico e in considerazione delle competenze, esperienze e profilo professionale, 2

3 adeguato all attività da svolgere, previa verifica dell assenza di cause di incompatibilità o conflitto di interessi anche potenziali. 2. Il provvedimento di conferimento dell incarico deve contenere: - i dati anagrafici del dipendente al quale viene conferito l incarico; - l oggetto e i contenuti della proposta di incarico; - il periodo previsto per lo svolgimento dell incarico, con l indicazione della data di inizio e di cessazione e dell entità dell impegno che il medesimo comporta (giornaliero, settimanale, mensile); - l importo del compenso previsto e del costo complessivo dell incarico, comprensivo degli oneri a carico dell Amministrazione. 3. Ai fini del conferimento dell incarico deve sussistere un effettiva necessità di ricorrere a prestazioni aggiuntive del personale da valutarsi, sia in relazione alla qualità delle stesse, sia ai carichi di lavoro della struttura interessata. Deve essere, comunque, garantito, con priorità, il tempestivo, puntuale e corretto svolgimento dei propri doveri e compiti d ufficio connessi all ordinaria attività di servizio. 4. L incarico deve essere svolto fuori dell orario di lavoro, ovvero occasionalmente durante lo stesso, previa verifica delle ragioni documentalmente comprovate e assenso del responsabile della struttura di afferenza, con obbligo di relativo recupero. Le ore di lavoro svolte ai fini dell esecuzione della prestazione oggetto dell incarico o quelle concernenti il relativo recupero devono essere documentate attraverso la procedura informatizzata per la rilevazione delle presenze. È vietato il cumulo tra le ore di lavoro documentate con le modalità di cui al precedente capoverso e le ore di lavoro straordinario. 5. Il conferimento dell incarico non deve comportare il superamento del 33% dell impegno orario settimanale di cui al D.lgs. n. 66/2003. Non potranno, pertanto, essere conferiti incarichi retribuiti ai dipendenti che siano contemporaneamente titolari di altri incarichi interni, in corso di svolgimento, quando questi comportano già il raggiungimento della soglia di impegno orario settimanale di cui al precedente capoverso. 6. Al fine di garantire a tutto il personale pari opportunità di formazione, qualificazione e arricchimento professionale, il conferimento degli incarichi deve essere informato, per quanto possibile e in presenza di accertate competenze specifiche richieste dall attività da svolgersi, a criteri che consentano la rotazione tra il personale. 7. Per consentire tale rotazione, anche in ossequio ai principi di trasparenza, correttezza e imparzialità dell azione amministrativa, l Amministrazione procede alla creazione di un Anagrafe delle professionalità interne, costantemente aggiornabile, dalla quale attingere i nominativi per le tipologie di incarico. 8. In ragione di tali principi l'amministrazione procede all'individuazione del personale tecnicoamministrativo coinvolto nel progetto con provvedimento del direttore generale, sentito il responsabile della struttura e/o responsabile scientifico del progetto di afferenza del dipartimento interessato, come segue: Gruppo I - comprende le unità di personale direttamente coinvolte nella predisposizione e realizzazione del progetto, in tutte le sue fasi; Gruppo II - comprende le unità di personale che collaborano alla realizzazione del progetto designate con la procedura dell'avviso/indagine interna. 9. Nella predisposizione del piano finanziario delle attività, secondo l apposita modulistica, si terrà conto di tutto il personale coinvolto nelle diverse fasi di realizzazione del progetto, sia a livello Dipartimentale, sia a livello di Ateneo, sempre in ragione delle caratteristiche dell incarico, delle competenze, esperienze e profilo professionale del personale. 3

4 Art. 8 - Determinazione del compenso categoria B, C, D 1. I compensi sono determinati secondo quanto specificato in tabella: Categoria Compenso orario lordo spettante al dipendente al netto degli oneri a carico dell ente B 40,00 C 45,00 D 50,00 2. Sono fatti salvi i compensi determinati diversamente in base alle prescrizioni espressamente previste nell ambito di progetti finanziati o cofinanziati, se coincidenti con il costo orario tabellare. 3. I compensi derivanti dalle attività di cui alla L. 109/1994 e successive modifiche o integrazioni sono disciplinate dall apposito Regolamento. 4. Il cumulo dei compensi previsti per gli incarichi da effettuarsi non può superare, nel corso dell anno solare, il 60% della retribuzione annua lorda del dipendente interessato. La parte dei compensi eventualmente eccedente tale limite percentuale è destinata a incrementare il fondo di finanziamento della contrattazione integrativa relativo alla categoria di appartenenza del percipiente. 5. In ogni caso, la liquidazione del compenso è sempre subordinata alla previa certificazione dell effettivo svolgimento dell incarico da parte del responsabile dell attività. 6. I compensi derivanti da incarichi di cui al presente Regolamento saranno considerati, ai fini fiscali e previdenziali, redditi assimilati al lavoro dipendente in quanto conferiti dalla propria amministrazione di appartenenza in relazione alla carica e/o qualifica ricoperte. 7. Nel budget di previsione dei costi connessi allo svolgimento delle attività finanziate da extra FFO, è fatto obbligo prevedere una quota minima del 8% da destinare al fondo comune di Ateneo per il personale amministrativo delle suddette categorie. Art. 9 - Determinazione del compenso categoria EP 1. I compensi sono determinati secondo quanto stabilito dall art. 75 del CCNL, commi L importo dei compensi è determinato in misura pari al 66%, del costo orario lordo dipendente, al netto degli oneri a carico dell Ente, come specificato in tabella: Categoria Costo orario lordo dipendente al netto degli oneri a carico dell ente Compenso lordo spettante al dipendente al netto degli oneri a carico dell ente EP 95,00 63,33 3. Sono fatti salvi i compensi determinati diversamente in base alle prescrizioni espressamente previste nell ambito di progetti finanziati o cofinanziati, se coincidenti con il costo orario tabellare. 4

5 4. I compensi derivanti dalle attività di cui alla L. 109/1994 e successive modifiche o integrazioni sono disciplinate dall apposito Regolamento. 5. Il cumulo dei compensi previsti per gli incarichi da effettuarsi non può superare, nel corso dell anno solare, il 60% della retribuzione annua lorda del dipendente interessato. La parte dei compensi eventualmente eccedente tale limite percentuale è destinata a incrementare il fondo di cui all art. 90 del CCNL. 6. In ogni caso, la liquidazione del compenso è sempre subordinata alla previa certificazione dell effettivo svolgimento dell incarico da parte del responsabile dell attività. 7. I compensi derivanti da incarichi di cui al presente Regolamento saranno considerati, ai fini fiscali e previdenziali, redditi assimilati al lavoro dipendente in quanto conferiti dalla propria amministrazione di appartenenza in relazione alla carica e/o qualifica ricoperte. 8. Nel budget di previsione dei costi connessi allo svolgimento delle attività finanziate da extra FFO, è fatto obbligo prevedere una quota minima dell 1% da destinare al fondo ex art. 90 CCNL. TITOLO III INCARICHI RETRIBUITI CONFERITI DA SOGGETTI ESTERNI Art Autorizzazione a svolgere l incarico 1. Gli incarichi di cui al presente titolo sono autorizzati con provvedimento del Direttore Generale, sentito il Responsabile della struttura di afferenza del dipendente interessato. 2. L autorizzazione deve essere richiesta al Direttore Generale dal soggetto pubblico o privato che intende conferire l incarico. La richiesta può essere altresì presentata dal dipendente interessato che, in tal caso, dovrà correlarla con la proposta di incarico del committente. 3. L incarico dovrà essere svolto fuori dell orario di lavoro e deve essere compatibile con il tempestivo, puntuale e corretto svolgimento dei compiti d ufficio. 4. La richiesta di autorizzazione, redatta su un apposito modulo predisposto dalla competente unità organizzativa dell Amministrazione centrale, deve contenere: - i dati anagrafici del dipendente al quale viene proposto l incarico; - il soggetto conferente; - il codice fiscale o partita I.V.A. del soggetto conferente; - la sede del soggetto conferente; - la proposta di incarico del soggetto conferente; - l oggetto dell incarico; - il luogo di svolgimento dell incarico; - il periodo previsto per lo svolgimento dell incarico con l indicazione della data di inizio e di cessazione e dell entità dell impegno che il medesimo comporta (giornaliero, settimanale, mensile); - l importo del compenso previsto; - l impegno a comunicare il compenso effettivo ricevuto e a far pervenire, alla competente unità organizzativa dell Amministrazione centrale, la documentazione inerente al conferimento dell incarico, nonché il modulo, debitamente compilato e sottoscritto in ogni sua parte, dell Anagrafe delle prestazioni della Funzione Pubblica; - dichiarazione che l incarico verrà svolto fuori dell orario di lavoro; - dichiarazione con cui si assicura che l incarico è compatibile con il tempestivo, puntuale e corretto svolgimento dei compiti d ufficio. 5. La richiesta deve essere presentata, con atto scritto, prima dell inizio dell attività soggetta ad autorizzazione. 6. Ai fini del rilascio dell autorizzazione deve essere accertata la sussistenza delle seguenti condizioni: 5

6 - il carattere temporaneo e occasionale delle attività, - la compatibilità dell impegno lavorativo inerente all attività da autorizzare con l attività lavorativa di servizio propria del dipendente interessato, il cui regolare svolgimento deve essere in ogni caso assicurato. L attività da autorizzare non potrà comportare nel periodo interessato un impegno temporale eccessivamente gravoso, tenuto conto degli obblighi istituzionali del dipendente e considerate anche le eventuali attività del dipendente stesso autorizzate nell anno anteriore alla presentazione della richiesta; - la compatibilità dell attività da autorizzare con le esigenze di tutela dell immagine e del nome dell Ateneo; - la compatibilità dell attività per cui è richiesta l autorizzazione con le finalità e con le attività istituzionali dell Ateneo; - l insussistenza di situazioni atte a determinare conflitto di interessi con le funzioni istituzionali svolte dal dipendente interessato. 7. Al fine di verificare le caratteristiche dell incarico da autorizzare, l Amministrazione può chiedere ulteriori elementi di valutazione all interessato, al soggetto in favore del quale la prestazione viene resa, al Responsabile della struttura di afferenza del dipendente interessato, ai competenti Ordini e Collegi professionali o comunque ai soggetti che ritenga utile interpellare a tal fine. 8. L Amministrazione, qualora riscontri che l attività o l incarico per il quale il personale richiede l autorizzazione sia incompatibile con le attività di servizio, rigetta la richiesta con nota motivata, inviata all interessato, nonché, eventualmente, al soggetto pubblico o privato richiedente. 9. Il procedimento di autorizzazione, relativamente ad attività e incarichi che siano consentiti al personale dell Amministrazione, deve essere concluso entro il termine massimo di trenta giorni. Tale termine viene sospeso nel caso in cui l Amministrazione richieda, con nota scritta, ulteriori chiarimenti e precisazioni sull attività che il personale intende svolgere. La decorrenza dei termini riprende con l invio dei chiarimenti richiesti. 10. L autorizzazione all assunzione dell incarico si formalizza con provvedimento del Direttore Generale trasmesso al dipendente interessato e, per conoscenza, al soggetto pubblico o privato che intende conferire l incarico, nonché al Responsabile della struttura di afferenza del dipendente stesso. Superato il termine massimo di trenta giorni di cui al comma precedente, l autorizzazione, se richiesta per incarichi da conferirsi da Amministrazioni Pubbliche, si intende accordata; in ogni altro caso si intende definitivamente negata. Art Compenso previsto per gli incarichi retribuiti conferiti da soggetti esterni su designazione dell Università di Foggia 1. In relazione agli incarichi retribuiti conferiti da soggetti esterni, su designazione dell Università di Foggia, i compensi vengono corrisposti direttamente all Amministrazione e una quota pari ad 1/3 dei medesimi confluirà nel fondo comune di Ateneo per il personale di categoria B, C e D. 2. Per il personale di categoria EP, il compenso è erogato ai sensi dell art. 75 CCNL, in base al raggiungimento degli obiettivi connessi all incarico, in conformità a quanto disposto dall art. 9 del presente Regolamento. 6

7 TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI Art Sanzioni e controlli 1. Fatte salve le più gravi sanzioni e ferma restando la responsabilità disciplinare del dipendente, nel caso di svolgimento di attività incompatibili con l impiego pubblico o per le quali non sia stato rilasciato il relativo provvedimento di conferimento o autorizzazione: a) il provvedimento di conferimento dell incarico è nullo di diritto; b) il compenso dovuto per le prestazioni eventualmente svolte deve essere versato, a cura del soggetto erogante o del percettore, se già da questi percepito, nel conto dell entrata del bilancio universitario per essere destinato a incrementare il fondo per il finanziamento della contrattazione integrativa relativo alla categoria di appartenenza del percipiente; c) il Rettore, su indicazione del Direttore Generale, provvede a inoltrare tempestiva segnalazione alla Procura regionale della Corte dei conti per le valutazioni di competenza. 2. L amministrazione si riserva di effettuare le opportune verifiche, anche a campione, al fine di accertare l osservanza delle prescrizioni del presente Regolamento. 3. Fermo restando quanto previsto dal CCNL Comparto Università in tema di informazione alle Organizzazioni sindacali, l Amministrazione si impegna, semestralmente, a trasmettere alle Rappresentanze Sindacali Unitarie e alle Organizzazioni Sindacali Territoriali di comparto, un prospetto sui dati relativi agli incarichi conferiti dall Ateneo, che consenta la verifica dell osservanza di tutte le disposizioni contenute nel presente Regolamento, nel rispetto delle norme che tutelano la riservatezza sui dati personali. Art Obblighi di comunicazione e pubblicità 1. In attuazione a quanto previsto dall art. 53 del D.lgs. 165/2001, commi da 11 a 16, i soggetti pubblici o privati che erogano i compensi ai dipendenti pubblici sono tenuti, entro 15 giorni dall erogazione, a dare comunicazione a questa Amministrazione dell ammontare dei compensi erogati. 2. Entro 15 giorni da conferimento dell incarico, l Amministrazione darà comunicazione al Dipartimento della Funzione Pubblica degli incarichi e dei compensi attribuiti ai propri dipendenti ai sensi del presente Regolamento, secondo le modalità e nei termini di cui all art. 53, D.lgs. n. 165/ L Ufficio competente provvederà a comunicare entro il 30 giugno di ogni anno in via telematica o su supporto magnetico al Dipartimento della funzione pubblica l elenco degli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti stessi nell anno precedente, indicando l oggetto dell incarico e il compenso lordo previsto o presunto 4. Gli incarichi conferiti e i relativi compensi saranno pubblicati sul sito di ateneo dedicato alla trasparenza, come previsto dall art. 18 del D.lgs. n. 33/2013, utilizzando l apposito modulo. Art Norme di rinvio 1. Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento si richiamano le disposizioni in materia di incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi retribuiti contenute nella normativa vigente in materia e nel vigenti Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro di comparto. Art Entrata in vigore del testo regolamentare e norma transitoria 1. Il presente Regolamento entra in vigore alla data di emissione del decreto di emanazione. 7

8 2. In sede di prima applicazione del Regolamento, l Amministrazione si impegna, entro sei mesi dall entrata in vigore, a verificare lo stato di applicazione nel rispetto degli obiettivi generali e se del caso ad apportare le opportune modifiche. 3. A decorrere dall entrata in vigore del presente Regolamento si intendono non più applicabili le norme interne con esso incompatibili. 4. Gli incarichi retribuiti conferiti o autorizzati prima dell entrata in vigore del presente Regolamento restano disciplinati dalla normativa previgente. 8

Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo

Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo (Emanato con D.R. n. 1079 del 22 luglio 2004 pubblicato nel B.U. n. 52) Sommario Art. 1 - Finalità e ambito

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ EXTRA-ISTITUZIONALI SENATO ACCADEMICO 25 gennaio 2016 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 29 gennaio 2016 DECRETO RETTORALE

Dettagli

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI 26 DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 534/I0038040 P.G. NELLA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E D E C R E T A :

Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E D E C R E T A : Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E RICHIAMATO lo Statuto ed il Regolamento di Ateneo; RICHIAMATA la delibera n 491/29121 assunta dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20.07.2011 con la quale

Dettagli

Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese

Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese REGOLAMENTO DELLE INCOMPATIBILITA E DEGLI INCARICHI RETRIBUITI DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO Art. 1 - Fonte normativa finalità 1. Il presente

Dettagli

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (D.R. N. 302 DEL 29.7.2015) CAPO I AMBITO

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Art. 1 - Oggetto ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni del presente regolamento disciplinano,

Dettagli

DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA POSSIBILITA DI SVOLGERE ATTIVITA RETRIBUITE NON COMPRESE NEI COMPITI E DOVERI DI UFFICIO PER IL PROPRIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE INCARICHI RETRIBUITI AL PERSONALE DIRIGENTE E TECNICO-AMMINISTRATIVO DEL POLITECNICO DI MILANO

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE INCARICHI RETRIBUITI AL PERSONALE DIRIGENTE E TECNICO-AMMINISTRATIVO DEL POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 1025 Prot. n. 9190 Data 28 marzo 2014 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.P.R. 10.01.1957, n. 3 Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto

Dettagli

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 3529,1&,$',3$'29$ 1250( 3(5/2692/*,0(172 ',,1&$5,&+, (;75$,67,78=,21$/, '$3$57('(,',3(1'(17, '(//$3529,1&,$ $SSURYDWRFRQ'*3LQGDWDQUHJHPRGLILFDWRFRQ'*3GHO QUHJ , 1 ', &

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 CONSERVATORIO DI MUSICA NICCOLO PICCINNI Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 Ai Sigg. Docenti Albo Sede Oggetto: Attività artistica esterna e incarichi presso altre Istituzioni pubbliche e/o soggetti privati.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO Nuovo regime delle incompatibilità dei professori e dei ricercatori universitari a tempo pieno e limiti all esercizio dell attività libero

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

Prot. n...13970... pos... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati... Ai Presidi delle Facoltà. Ai Direttori dei Dipartimenti. Ai Direttori dei Centri

Prot. n...13970... pos... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati... Ai Presidi delle Facoltà. Ai Direttori dei Dipartimenti. Ai Direttori dei Centri Prot. n....13970... pos.... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati...... CIRCOLARE n. 5 del 23 febbraio 2009 Ai Presidi delle Facoltà Ai Direttori dei Dipartimenti Ai Direttori dei Centri Ai Dirigenti Ai

Dettagli

incompatibilità dei dipendenti pubblici

incompatibilità dei dipendenti pubblici incompatibilità dei dipendenti pubblici 1 Ambito normativo La materia è disciplinata dagli artt. 53 del d.lgs. 30 marzo 2001 n. 165 e 60 del D.P.R. 10 gennaio 1957 n. 3 (a cui esplicitamente rinvia il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

Articolo 4 Attività compatibili e non soggette ad autorizzazione

Articolo 4 Attività compatibili e non soggette ad autorizzazione REGOLAMENTO Regime delle incompatibilità dei professori e dei ricercatori universitari a tempo pieno e limiti all esercizio delle attività libero professionali per i professori e i ricercatori a tempo

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860. CIRCOLARE INTERNA N. P010 (Docenti)

ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860. CIRCOLARE INTERNA N. P010 (Docenti) ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860 SETTORE ECONOMICO: AMMINISTRAZIONE, FINANZA, MARKETING TURISMO SETTORE TECNOLOGICO: COSTRUZIONI, AMBIENTE, TERRITORIO CIRCOLARE INTERNA N. P010

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA. Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di incarichi a personale esterno all Ateneo così come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 311 del 27/07/2007 POLITECNICO DI BARI Direzione Affari Istituzionali e Legali D.R. n.311

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO

CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO Approvato con deliberazione G.C. n. 64 del 6 Marzo 2014 1 INDICE TITOLO I Disciplina delle incompatibilità

Dettagli

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI BACOLI (Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

ALLEGATO 1 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012

ALLEGATO 1 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DA PARTE DEI DIPENDENTI DELLA CCIAA DI TREVISO INDICE Art. 1 Finalità pag. 2 Art. 2 - Incarichi

Dettagli

Regolamento per la gestione delle prestazioni in conto terzi e delle attività assimilate

Regolamento per la gestione delle prestazioni in conto terzi e delle attività assimilate Regolamento per la gestione delle prestazioni in conto terzi e delle attività assimilate (emanato con Decreto del Rettore n. 966 del 23/12/2013) Art. 1 - Norma generale 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art.1 Oggetto Il presente regolamento è emanato in attuazione dell art. 3-bis, comma 5, D. Lgs. 13/08/2011,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULL UTILIZZAZIONE DI SPAZI UNIVERSITARI

DISPOSIZIONI SULL UTILIZZAZIONE DI SPAZI UNIVERSITARI Testo modificato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 6/2003/10.5 in data 10/10/2003 e modificato successivamente con delibere n. 7/2004/8.1 in data 08/10/2004 e n. 9/2007/5.4 in data 21/12/2007.

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI E ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI E ISTITUZIONALI ao_re Delibera 2014/0000017 del 30/01/2014 Pagina 62 di 137 ao_re Delibera 2014/0000015 del 29/01/2014 Pagina 4 di 11 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Titolo I Classe 3 Fascicolo N. 50374 del 23/07/2010 Decreto n 2572/2010 UOR AREA 2 CC RPA P. VALENTI Palermo, 23 luglio 2010 IL RETTORE VISTA la legge 9 Maggio 1989 n. 168 ed in particolare l articolo

Dettagli

Articolo 3 Attività incompatibili Articolo 4 Incarichi retribuiti non soggetti ad autorizzazione

Articolo 3 Attività incompatibili Articolo 4 Incarichi retribuiti non soggetti ad autorizzazione 1 REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE O IL CONFERIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI AL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 763 del 9 settembre 2004) Articolo 1

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI Sommario 1. Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI (emanato con D.R. n. 815 del 3/12/2013) INDICE CAPO I FINALITA E DISPOSIZIONI COMUNI Art. 1 - Finalità e ambito

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

TITOLO I Disposizioni di carattere generale

TITOLO I Disposizioni di carattere generale Regolamento per il conferimento di incarichi di lavoro autonomo a soggetti esterni non dipendenti dell Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale TITOLO I Disposizioni di carattere generale

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

Docenze a contratto iter procedurale

Docenze a contratto iter procedurale Docenze a contratto iter procedurale Il Consiglio di Dipartimento annualmente esamina l offerta didattica per l A.A. successivo a quello in corso e accerta preventivamente il completo utilizzo dell impegno

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA Art. 1 - Finalità e oggetto 1.1 Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E PER LA AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI

REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E PER LA AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI 1 REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E PER LA AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI Art. 1 Ambito di applicazione - incompatibilità 1.-I dipendenti del Comune di Como con rapporto di lavoro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI

ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI ANAGRAFE DELLE PRESTAZIONI Intervento formativo sul conferimento di incarichi a personale esterno marzo maggio 2009 A cura di Stefano Micheloni Area Personale Docente e Rapporti con il S.S.N. Università

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI

REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI Direzione per l Amministrazione del Personale Dipendente e Convenzionato Regolamento adottato con Delibera n. 95 del 27.02.2013 Entrata in vigore 1 marzo 2013 REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE. Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI ALBIATE. Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e Brianza DA PRODURRE AL SEGRETARIO COMUNALE/ CAPO AREA PER STRUTTURA - PER IL TRAMITE DELL UFFICIO PROTOCOLLO DELL ENTE - DICHIARAZIONI EX ART. 70 72 REGOLAMENTO DI

Dettagli

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento

Capo I Definizioni e principi generali. Articolo 1. Definizioni. Articolo 2. Oggetto del regolamento Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazione da parte della Commissione di garanzia dell attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, ai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Adozione di modalità e criteri per il conferimento di incarichi istituzionali e per l autorizzazione ad attività ed incarichi extra-istituzionali

Adozione di modalità e criteri per il conferimento di incarichi istituzionali e per l autorizzazione ad attività ed incarichi extra-istituzionali Adozione di modalità e criteri per il conferimento di incarichi istituzionali e per l autorizzazione ad attività ed incarichi extra-istituzionali PREMESSA Il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO (adottato con delibera del CdA del 17/7/2013) INTRODUZIONE Art. 1) PRINCIPI GENERALI Art. 2) REGOLE GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA-ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA-ISTITUZIONALI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA-ISTITUZIONALI Allegato A

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI ESTERNI

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI ESTERNI REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI ESTERNI deliberato dal CdA nella seduta del giorno 7 aprile 2011 (estratto CIRA-CIP-11-1141) REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PROVINCIA DI FROSINONE Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DI ASPIRANTI PRESIDENTI DI COMMISSIONE D ESAME PER I CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO FERRARA, Febbraio 2002 REGOLAMENTO AZIENDALE ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI FERRARA SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza G Gruppo A.S.Mortara S.p.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, ricerca e consulenza via Tiziano Vecellio, 540-27036 - Mortara (PV) telefono 0384.338020 - fax 0384.338017 numero

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce REGOLAMENTO IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI A FAVORE DI ALTRI SOGGETTI Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013)

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) Articolo 1 (Oggetto, ambito di applicazione, soggetti interessati)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DIVISIONE AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Ufficio Personale Tecnico Amministrativo Via Duomo 6 13100 Vercelli Tel 0161/261539 Fax 0161/213290 Decreto Rettore Repertorio nr. 21 del 28.01.2004 Prot. n. 1913

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

L UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli

L UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli Prot. n. Anno 2010 Tit. Cl. Fasc. Oggetto: Avviso n. 1/2010 di procedura comparativa per l individuazione di un collaboratore esterno al quale affidare un incarico mediante la stipula di un contratto di

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

Regolamento. per il conferimento. di incarichi di. collaborazione esterna. ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i.

Regolamento. per il conferimento. di incarichi di. collaborazione esterna. ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i. Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i. 1 I N D I C E Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione.. pag. 3 Art. 2 Presuppposti....

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE (art.93, commi 7-bis e seguenti, del D.Lgs. n.163/2014,

Dettagli

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8 ALLEGATO 2 Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino Codice CIG: 03477181F8 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE Articolo1. Fonti normative..1 Articolo 2. Oggetto.1 Articolo 3. Presupposti 2 Articolo 4. Procedimento per

Dettagli

Regolamento Aziendale in materia di INCOMPATIBILITA E AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI

Regolamento Aziendale in materia di INCOMPATIBILITA E AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI Approvato con delibera n. 150 del 26.4.2010 (e successivi aggiornamenti alla Legge 6 novembre 2012 n. 190 - nota n. 76516 del 10.12.2012 - e alla Legge 30 ottobre 2013 n. 125 - nota n. 5074 del 24.1.2014)

Dettagli

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS PIAZZA PADRE G. VIALE 4 18012 BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME 1. OGGETTO Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI. Art. 1 (Ambito di applicazione)

REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI. Art. 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO SUL FINANZIAMENTO DEI POSTI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA E RICERCATORI UNIVERSITARI Art. 1 (Ambito di applicazione) 1. Il presente Regolamento disciplina i criteri e le procedure adottate

Dettagli

REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009

REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009 REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009 PREMESSA 1. L'art. 53 decreto legislativo n. 165/2001 e succ. mod. ed int., nel richiamare il disposto

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli