Inquinamento acustico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inquinamento acustico"

Transcript

1 Inquinamento acustico FAENZA 22/10/2009 agenzia regionale prevenzione e ambiente dell emilia romagna Relatore: Verbana Capucci

2 INQUINAMENTO ACUSTICO Per meglio comprendere quale sia l impatto dell inquinamento acustico negli ambienti di vita sulla salute della popolazione esposta, è necessario partire dal concetto stesso di "salute". Con questo termine, secondo una definizione dell OMS del 1946, si deve intendere uno stato di completo benessere psico- fisico e sociale e non semplicemente l assenza di malattie. Un ambiente acustico sfavorevole costituisce, pertanto, una condizione di pregiudizio per una buona qualità della vita.

3 EFFETTI ESPOSIZIONE RUMORE il rumore ambientale può dar luogo ad una serie effetti,, fra i quali il disturbo del sonno e del riposo,, l interferenza con la comunicazione verbale, effetti psicofisiologici (ad es.: psicoendocrini,, cardiovascolari,...), effetti sulla salute mentale, effetti sulle prestazioni e sull apprendimento, oltre al disturbo o fastidio genericamente g inteso (annoyance)) definito come un "sentimento di scontentezza riferito al rumore e che l individuo sa o crede che possa agire su di lui in modo negativo" (Cosa e Nicoli,, 1989).

4 IL TRAFFICO VEICOLARE E LA PRINCIPALE E PIU DIFFUSA SORGENTE SONORA non costituisce però il motivo più ricorrente delle segnalazioni di disturbo da rumore inoltrate dai cittadini alla Pubblica Amministrazione; forse per la compartecipazione alla sua generazione, il considerarlo una inevitabile necessità sociale, l impossibilità di individuare una soluzione concreta e rapida, la difficoltà di individuare le persone fisiche o giuridiche contro cui ricorrere, il ritenere di non poter incidere sulle scelte politiche di gestione del territorio.

5 Distribuzione richieste intervento per inquinamento acustico Dai dati riportati in figura si evidenzia come il 58% delle richieste di intervento siano riconducibili ad attività di servizio e commerciali; la sorgente specifica in questi casi è stata individuata in: impianti installati al servizio dell attività, quali condizionatori, impianti di ventilazione/aspirazione, ecc. (51% dei casi) e/o nell attività musicale (37 % dei casi)

6 Esposti e segnalazioni per inquinamento acustico pervenute ad ARPA EMR nel 2007 In totale richieste di intervento pervenute ad Arpa Emilia-Romagna nel 2007

7 RIDUZIONE E PREVENZIONE INQUINAMENTO ACUSTICO La normativa nazionale L. 447/95 Legge Quadro sull iquinamento acustico e decreti applicativi e regionale L.R. 15/01 Disposizione in materia di inquinamento e direttive applicative prevedono l attuazione di una complessa e articolata serie di azioni, in capo a soggetti diversi, volte alla riduzione ed alla prevenzione dell inquinamento acustico: classificazione acustica del territorio e piani di risanamento comunali c piani di risanamento delle aziende piani di contenimento e abbattimento del rumore per le infrastrutture di trasporto valutazioni previsionali di impatto acustico e di clima acustico tutta la normativa comunitaria, nazionale e regionale è raccolta a nel sito nell area Temi Ambientali: Rumore

8 PREVENZIONE nella realizzazione delle opere il modo migliore di fare prevenzione è valutarne la compatibilità acustica nella fase che precede la progettazione esecutiva L opera è compatibile col contesto insediativo: si procede con la progettazione esecutiva senza vincoli, L opera è compatibile solo attraverso la definizione di cautele e vincoli che vanno indicati fin da subito: ad esempio la compatibilità acustica delle opere può essere ottenuta con una razionale collocazione delle sorgenti, una opportuna distribuzione planivolumetrica,, una giusta collocazione degli ambienti abitativi, con i requisiti acustici passivi degli edifici ed infine con le opere di mitigazione e/o protezione acustica. L opera è incompatibile col contesto interessato: occorre modificare drasticamente l opera o delocalizzarla

9 Delibera di Giunta Regionale n. 673 del 14 aprile 2004 Criteri tecnici per la redazione della documentazione di previsione di Impatto Impatto acustico Clima acustico Ai sensi della Legge Regionale n. 15 del 9 maggio 2001

10 DGR 14/04/2004, n. 673 Art.1, comma 1 La documentazione di previsione di impatto acustico viene redatta nell'ambito o al di fuori delle procedure di valutazione di impatto ambientale, nel caso di: - realizzazione; - modifica, compreso il mutamento d'uso senza opere; - potenziamento; delle seguenti opere:

11 D.G.R. 673/2004 a) aeroporti, aviosuperfici,, eliporti; b) strade di tipo A (autostrade), B (strade extraurbane principali), C (strade extraurbane secondarie), D (strade urbane di scorrimento), E (strade urbane di quartiere) e F (strade locali), secondo la classificazione di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni; c) discoteche; d) circoli privati e pubblici esercizi ove sono installati macchinari o impianti rumorosi: e) impianti sportivi e ricreativi; f) ferrovie e altri sistemi di trasporto collettivo su rotaia.

12 inoltre Art.1, comma 2 D.G.R. 673/2004 La documentazione di previsione di impatto acustico deve essere prodotta ed allegata alle domande per il rilascio di: a) permesso di costruire relativo a nuovi impianti ed infrastrutture adibiti ad attività produttive, sportive e ricreative ed a centri commerciali ciali e grandi strutture di vendita; b) altri provvedimenti comunali di abilitazione all'utilizzazione degli immobili e delle infrastrutture di cui alla lettera a); c) qualunque altra licenza od autorizzazione finalizzata all'esercizio di attività produttive. In caso di Denuncia di Inizio Attività la documentazione di previsione di impatto acustico deve essere tenuta dal titolare dell'attività a disposizione della Autorità di controllo.

13 Documentazione semplificata In ottemperanza a quanto previsto dall Art.10 Comma 4 della L.R. n. 15/2001, per le attività produttive che non utilizzano macchinari o impianti rumorosi ovvero che non inducono aumenti significativi dei flussi di traffico, è sufficiente produrre dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante tale condizione ai sensi dell Articolo 38 del D.P.R. n. 445 del 2000

14 Piano Classificazione Acustica Comunale del 02/10/2008 integrando i disposti di cui alla DGR 673/04 la Documentazione di Previsione di Impatto Acustico (D.P.I.A.).) deve essere allegata alla domanda di permesso di costruire per interventi edilizi di Nuova Costruzione (ai sensi della L.R. n. 31 del 25/11/02) Demolizione con Ricostruzione Ristrutturazione Edilizia, Restauro e Risanamento, Manutenzione Straordinaria, qualora l intervento preveda l installazione di nuove sorgenti sonore nei seguenti tipi di destinazioni d uso:

15 Piano Classificazione Acustica Comunale del 02/10/2008 Opere soggette a Valutazione di Impatto Ambientale di cui alla legislazione l regionale in materia; Infrastrutture per la mobilità: ferrovie ed altri sistemi di trasporto collettivo su rotaia; strade; attrezzature per lo scambio intermodale ivi compresi aeroporti, aviosuperfici, eliporti; parcheggi con capienza superiore ai 200 p.a; Impianti relativi alle reti tecnologiche nei quali siano installate ate attrezzature rumorose, quali impianti di sollevamento, impianti di decompressione, e simili; Centrali termiche al servizio di gruppi di edifici; Attività manifatturiere industriali o artigianali, ivi comprese le attività di produzione, cogenerazione e trasformazione di energia elettrica e le attività manifatturiere del settore agroalimentare e conserviero; Attività estrattive; Attività di recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami i e rottami, di rifiuti solidi urbani, ecc.; Attività di trasporto, magazzinaggio, logistica; medio-grandie grandi strutture di vendita; Pubblici esercizi inseriti in contesti con presenza di recettori sensibili, quando siano installati impianti rumorosi e/o sistemi di diffusione di musica; Artigianato di servizio agli automezzi; Attività ricreative, sportive e di spettacolo; Attività di parcheggio; Ospedali e case di cura; Attività ricettive alberghiere.

16 Disciplina generale dell edilizia L.R. 31/02 Art. 41 prevede il parere ambientale ARPA compreso INQUINAMENTO ACUSTICO Parere ambientale dei piani urbanistici attuativi e degli strumenti urbanistici attuativi Il parere non può prescindere dalla compatibilità acustica sia per quanto riguarda il clima acustico sia per quanto riguarda l impatto acustico

17 Disciplina generale dell edilizia L.R. 31/02 Art. 41 prevede il parere ambientale ARPA compreso INQUINAMENTO ACUSTICO Parere preventivo dei progetti di insediamento produttivo e di servizio al fine di accertare la compatibilità ambientale. Il parere non può prescindere dalla compatibilità acustica per quanto riguarda l impatto acustico

18 Tempi di risposta ARPA 1 MESE per valutare la documentazione ed emettere parere oppure richiedere integrazioni

19 Documentazione previsionale di impatto acustico D.P.I.A. su richiesta dei Comuni, i competenti soggetti titolari dei progetti o delle opere predispongono una documentazione di impatto acustico (Art.( 8 L. 447/95) Le modalità di redazione ed i contenuti minimi delle D.P.I.A devono essere in conformità a quanto definito dalla specifica disposizione regionale. (D.G.R( D.G.R.673/2004).673/2004)

20 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico La D.P.I.A. deve essere redatta da un tecnico competente e deve contenere: Planimetria aggiornata indicante oltre al progetto le destinazioni urbanistiche e usi consentiti per un intorno sufficiente a caratterizzare gli effetti acustici dell opera proposta Individuazione dei ricettori presenti e dei valori limite ad essi attribuiti, desumibili dalla classificazione acustica comunale.

21 Individuazione ricettori

22 DEFINIZIONE RICETTORE Qualsiasi edificio adibito ad ambiente abitativo (come definito dalla L. 447/95) comprese le relative aree esterne di pertinenza, o ad attività lavorativa o ricreativa Aree naturalistiche vincolate, parchi pubblici e aree esterne destinate ad attività ricreative e allo svolgimento della vita sociale della collettività Aree territoriali edificabili già individuate dai vigenti strumenti urbanistici e loro varianti

23 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico la valutazione comparativa tra lo scenario con presenza e quello con assenza delle opere ed attività, indicando altresì il rispetto dei valori e dei limiti fissati dalla normativa vigente;

24 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico Sorgenti sonore ante operam Identificazione e loro caratterizzazione acustica mediante rilievi fonometrici vanno indicate le modalità d esecuzione e le valutazioni connesse ad eventuali rilevazioni fonometriche riportare i livelli sonori ante operam rilevati in posizioni rappresentative degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno.

25 Individuare un Livello di rumore residuo cautelativo mascherando gli eventi atipici Il livello statistico L95 ( (livello di rumore superato per il 95 % del tempo) è considerato in letteratura, per una rumorosità prodotta da traffico discontinuo, come rappresentativo del livello di rumore residuo

26 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico Sorgenti sonore di progetto Identificazione e collocazione, specificando se esterna o interna, descrizione delle caratteristiche acustiche degli edifici; descrizione del ciclo tecnologico relativo alle sorgenti di rumore re previste (impianti, lavorazioni, ecc.). La descrizione dei livelli di potenza sonora e/o ai livelli sonori a distanza nota forniti dal produttore o disponibili in letteratura oppure ottenuti con misure fonometriche effettuate su impianti o apparecchiature dello stesso tipo; caratteristiche temporali di funzionamento diurno e/o notturno specificando la durata (se continuo o discontinuo), la frequenza di esercizio, la eventuale contemporaneità delle diverse sorgenti che c hanno emissioni nell'ambiente esterno e le fasi di esercizio che determinano la maggiore rumorosità;

27 Sono sorgenti sonore Impianti tecnologici, macchine operatrici Carico/scarico merci, ventilazione, condizionamento, refrigerazione Diffusione sonora Rumore antropico degli avventori (circolare del 06/09/2004 Ministero dell Ambiente) Traffico indotto (valutazione eventuali modifiche al regime di traffico veicolare esistente nella zona indotte dall insediamento )

28 Art. 4 DPCM 14/11/97 Fra le sorgenti produttrici di inquinamento acustico non vengono considerate le immissioni dovute ad attività e comportamenti non connessi con esigenze produttive, commerciali e professionali, regolamentate dall Art. 659 del cp e, eventualmente, dall Art. 844 del cc. (schiamazzi, televisore del vicino ecc.)

29 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico la descrizione degli eventuali sistemi di mitigazione e riduzione dell'impatto acustico necessari al rispetto dei limiti o valori previsti dalla normativa vigente

30 Contenuti Documentazione di Previsione di Impatto Acustico Stima del Livello di rumore ambientale post operam previsti al confine di proprietà ed ai ricettori Verifica del rispetto dei valori limite di immissione assoluto previsti dalla classificazione acustica in prossimità dei ricettori, negli spazi fruibili esterni (ad es. classe II 55dB(A) diurno 45 db(a) notturno) Verifica del rispetto dei valori limite differenziali negli ambienti abitativi.

31 Limiti Previsti nell ambiente abitativo: limiti di immissione differenziale I valori limite di immissione differenziale determinati dalla differenza fra il Livello di Rumore Ambientale e il Livello Rumore Residuo (art. 2, comma 3, della Legge Quadro 447/95), sono: 5 db per il periodo diurno e 3 db per il periodo notturno. Tali limiti non si applicano se: il rumore misurato a finestre aperte sia inferiore a 50 db(a) durante d il periodo diurno e 40 db(a) durante il periodo notturno; se il livello del rumore ambientale misurato a finestre chiuse sia s inferiore a 35 db(a) durante il periodo diurno e 25 db(a) durante e il periodo notturno. in quanto ogni effetto del rumore e da ritenersi trascurabile

32 Sorgenti sonore fisse La circolare del 06/09/2004 del Ministero dell Ambiente precisa: Anche quando non si applica il valore limite di immissione differenziale o è rispettato, per gli impianti tecnologici continui e discontinui si applica sempre il D.P.C.M. 05/12/97.

33 Documentazione previsionale di impatto acustico D.P.I.A. L Autorità di controllo ha la facoltà di richiedere a carico del proponente, il collaudo acustico, al fine di accertare il rispetto dei valori limite e la congruità tecnica delle stime previsionali prodotte

34 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA deve essere allegata alla domanda di permesso di costruire per interventi edilizi di Nuova Costruzione (ai sensi della L.R. n.31 del 25/11/02) e Demolizione con Ricostruzione qualora l intervento riguardi una o più dei seguenti tipi di destinazioni d uso: 1. servizi scolastici dell obbligo e servizi prescolastici e servizi di istruzione superiore e universitaria; 2. attività sanitarie; 3. parchi pubblici urbani ed extraurbani; 4. residenza.

35 la D.P.C.A. è sempre richiesta in caso di Piani Attuativi residenziali nel caso di intervento di Cambio d Uso verso gli usi di servizi scolastici e attività sanitarie nonché verso gli usi residenziali in ambito urbano. In contesti urbani con situazioni di potenziale incompatibilità acustica o di incompatibilità acustica, non è ammesso il cambio di destinazione a favore di funzioni residenziali e/o di attività classificate tra quelle "particolarmente protette"

36 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA La D.P.C.A. deve dimostrare, riguardo al lotto di intervento: il rispetto dei valori limite di immissione assoluta relativi alla classe di zonizzazione acustica attribuita al medesimo in sede di Zonizzazione Acustica; il rispetto dei valori limite di immissione differenziale negli ambienti abitativi;

37 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA Limitatamente alle nuove previsioni residenziali discendenti dal PRG vigente, per gli interventi appartenenti alla II e III classe, qualora nella D.P.C.A venga dimostrato che: Il contesto urbanistico dell'intervento non permetta organizzazioni planivolumetriche funzionali alla ottimizzazione del clima acustico; Non siano possibili efficaci interventi di mitigazione acustica; Non siano tecnicamente raggiungibili i limiti previsti dalle classe di riferimento E possibile ottenere una valutazione positiva, in deroga ai limiti, qualora sia comunque garantito il rispetto della IV classe acustica e sia garantito il rispetto dei requisiti acustici ci degli edifici ai sensi del D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Dopo l approvazione del PSC la presente deroga sparirà

38 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA Per le stesse tipologie edilizie e per gli stessi casi in cui sia prevista la redazione di un Documento Previsionale di Clima Acustico, si dovrà ottemperare, in sede di richiesta di Concessione Edilizia, ai disposti normativi di cui al DPCM 5/12/97 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici.

39 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA: contenuti planimetria dell intervento edilizio corredata delle destinazioni d uso dei locali e delle relative pertinenze nonché la disposizione degli impianti tecnologici e dei parcheggi; la descrizione, tramite misure, dei livelli di rumore ambientale presenti nell area e del loro andamento nel tempo, con riferimento alle specifiche sorgenti sonore presenti. Detti livelli sonori devono essere valutati in posizioni significative del perimetro esterno che delimita l'area interessata all insediamento o, preferibilmente, in corrispondenza di eventuali ricettori sensibili previsti

40 Documentazione Previsionale di Clima Acustico DPCA: contenuti Descrizione dei modelli di calcolo eventualmente utilizzati le stime dei livelli sonori attesi riferite ai valori limite di immissione sia assoluti, che differenziali, tenuto conto dell altezza dal suolo degli eventuali ambienti abitativi. Se la compatibilità è ottenuta tramite la messa in opera di sistemi di mitigazione passiva dovranno essere fornite le caratteristiche tecniche di tali sistemi.

41 Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico derivante da particolari attività è possibile per le attività temporanee che si esauriscono in un arco di tempo limitato e/o in modo non permanente nello stesso sito ottenere la deroga ai limiti di immissione assoluta definiti con la classificazione acustica del territorio comunale e ai limiti di immissione differenziale, secondo i criteri fissati dal Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico derivante da particolari attività presentando Denuncia di Inizio Attività allo SPUN corredata, nei casi prescritti, di Documentazione Previsionale di Impatto Acustico I Comuni, fermo restando il principio di minimizzazione del disturbo, a tutela dei ritmi biologici dovranno garantire almeno il riposo notturno, salvo ragioni di inderogabili urgenze autorizzate dal sindaco (Art.( 14 L.R. 15/2001)

42 Particolari attività: CANTIERI l autorizzazione viene concessa in base ai criteri riportati al punto della zonizzazione le attività rumorose posso essere svolte di norma dalle 8 alle 13 e dalle 15 alle 19 rispettando 70 db(a) alla facciata del ricettore più disturbato

43 Particolari attività: MANIFESTAZIONI TEMPORANEE quali concerti, spettacoli, feste popolari, luna park, manifestazioni sportive ecc. con l impiego di sorgenti sonore amplificate e non viene concessa l autorizzazione in base ai criteri riportati nella tabella al punto della zonizzazione in base alla tipologia di manifestazione afflusso di pubblico atteso durata (sempre non oltre alle 24) numero di eventi per sito livello sonoro alla facciata del ricettore più disturbato

44 L.R. 15/2001 Disposizioni in materia di inquinamento acustico. Art. 9 Piano di risanamento delle imprese Le imprese, entro sei mesi dall'approvazione della classificazione acustica,, verificano la rispondenza delle proprie sorgenti ai valori limite di immissione assoluta

45 L.R. 15/2001 Disposizioni in materia di inquinamento acustico. in caso di superamento dei richiamati valori le imprese predispongono ed inviano al Comune, nello stesso termine a pena di decadenza, il Piano di risanamento contenente le modalità e tempi di adeguamento.

46 D.M. 11/12/96 Applicazione del criterio differenziale per gli impianti a ciclo produttivo continuo art. 4 piani di risanamento Per gli impianti a ciclo produttivo continuo esistenti che non rispettino i valori assoluti di immissione previsti dalla zonizzazione, i piani di risanamento sono finalizzati anche al rispetto dei valori limite differenziali. Gli impianti a ciclo produttivo continuo che rispettano i limiti assoluti trasmettono al competente ufficio comunale apposita certificazione

47 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 01/03/1991 " Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell ambiente esterno "

48 DPCM 14/11/1997 "Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore" Valori applicati dalla classificazione acustica

49 ZONIZZAZIONE ACUSTICA FAENZA ZONA NORD

50 L.R. 15/2001 Disposizioni in materia di inquinamento acustico. Il Piano di risanamento dell'impresa è attuato entro il termine massimo di ventiquattro mesi decorrenti dalla presentazione. Dell'avvenuto adeguamento e' data comunicazione al Comune entro quindici giorni. In casi eccezionali motivati dalla rilevanza e complessita' dell'intervento il sindaco puo',, su richiesta dell'impresa presentata prima della scadenza, prorogare il termine dei ventiquattro mesi per un periodo ulteriore non superiore a diciotto mesi.

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNE DI BELLUNO PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO NORME ATTUATIVE Testo approvato dal Consiglio Comunale del 22.03.2007 Elaborazione: arch. DOCCI GLICERIO Norme Attuative 1 INDICE TITOLO

Dettagli

INDICE MODULISTICA... 3

INDICE MODULISTICA... 3 INDICE MODULISTICA... 3 ESPOSTO PER DISTURBO DA RUMORE... 4 RICHIESTA DI LICENZA DELL ESERCIZIO DI ATTIVITÀ... 5 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE AD ESERCITARE ATTIVITÀ IN DEROGA AI VALORI LIMITE DELLE IMMISSIONI

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (AMB/04/24465) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la LR 9 maggio 2001, n. 15 "Disposizioni in materia di inquinamento acustico"; Considerato che l'articolo 10, commi 1, 2 e 3, della

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA

LEGISLAZIONE ITALIANA STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli

Dettagli

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Regolamento di applicazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE

R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE C O M U N E D I CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 23/03/2005 in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN)

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. 34 DEL 07/06/2007 Comune di Limone Piemonte (CN) Regolamento delle attività rumorose pag. 2 1. DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA I - 60123 - ANCONA VIALE DELLA VITTORIA, 49 - ISDN + 39 71 34083 - FAX. + 39 71 3587795 CCIAA REA n. 154450 - PARTITA IVA 02006020420 E-mail: tcaassoc@tcaassociatisrl.191.it

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO CENTRO DI RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Zona Industriale Brindisi IN PROCEDURA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL ART. 216 DEL D.Lgs 152/2006 E ss.mm.ii.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24.01.2002, Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 27.01.2005. INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Comune di Chivasso. Classificazione Acustica del Territorio. Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione

Comune di Chivasso. Classificazione Acustica del Territorio. Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione Regione Piemonte Provincia di Torino Comune di Chivasso Classificazione Acustica del Territorio Regolamento e Norme Tecniche di Attuazione Gennaio 2005 Regolamento e Norme Tecniche Attuative pag 2/30 Sommario

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-07-1999 (punto N. 20. ) Delibera N.788 del 13-07-1999 Proponente CLAUDIO DEL LUNGO DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI E

Dettagli

Comune di Malgrate. Provincia di Lecco

Comune di Malgrate. Provincia di Lecco EUROGEO s.n.c. Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 +39 035 271216 Fax +39 035 271216 REL.02-05/02/15 Comune di Malgrate Provincia di Lecco ZONIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA. Provincia di Roma

COMUNE DI GENZANO PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA. Provincia di Roma COMUNE DI GENZANO Provincia di Roma PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO DEL RUMORE L.R. Lazio n. 18/2001 art. 5 lett. d Delibera Consiglio Comunale n. 33 del 27 maggio 2004 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico

Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI

COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI REGIONE PIEMONTE COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI PROVINCIA DI TORINO Regolamento Comunale Recante Norme per il Controllo, Contenimento e Abbattimento dell Inquinamento Acustico (ai sensi dell art. 6 L.

Dettagli

C O M U N E D I M E O L O

C O M U N E D I M E O L O C O M U N E D I M E O L O Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ TEMPORANEE RUMOROSE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 2.4.2009 Capo 1 Disposizioni

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N.

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. 89/98 A.1 PREMESSA Nel presente documento sono definiti, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRO DI MODENA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

COMUNE DI CASTELVETRO DI MODENA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CASTELVETRO DI MODENA (Provincia di Modena) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE 1 1 INDICE PREMESSA... 3 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 CAPO II TRASFORMAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia

COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Adottata con Del. di C.C. N 79 del 25/11/2003

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Settore Urbanistica, Edilizia e Sviluppo Economico Dirigente: arch. Simone

Dettagli

INDICE MODULISTICA... 3

INDICE MODULISTICA... 3 INDICE MODULISTICA... 3 ESPOSTO PER DISTURBO DA RUMORE... 4 SCHEMA DI ORDINANZA... 5 PER IL SUPERAMENTO DEI LIMITI DI RUMORE... 5 IRROGAZIONE DELLA SANZIONE AMMINISTRATIVA... 7 PER IL SUPERAMENTO DEI LIMITI

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Via Amendola 26, 57023 Cecina (LI) Tel e Fax 0586/630474, Cell. 347/73045 e-mail: ipernucleo@interfree.it;

Dettagli

Regione Lombardia Provincia di Mantova Comune di Asola

Regione Lombardia Provincia di Mantova Comune di Asola Regione Lombardia Provincia di Mantova Comune di Asola Classificazione acustica Comune di Asola Regolamento acustico comunale GENNAIO 2007 EMISSIONE DARIA MASSOBRIO PAOLO GALAVERNA STEFANIA PADOVANI I

Dettagli

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE Approvato con Del. C.C. n. 73 del 23.06.2009 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE (In attuazione della

Dettagli

Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO

Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 23/CC/2006 INDICE CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA dall INQUINAMENTO ACUSTICO Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7 Pag. 2 di 10 Indice 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 4 3.1 INQUADRAMENTO GENERALE... 4 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 4. LIMITI DI RUMOROSITÀ... 6 5.

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

SOMMARIO. Titolo III Classificazione acustica del territorio comunale Art. 8 Classificazione acustica del territorio e limiti di rumore

SOMMARIO. Titolo III Classificazione acustica del territorio comunale Art. 8 Classificazione acustica del territorio e limiti di rumore SOMMARIO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità del Regolamento Art. 2 Quadro normativo di riferimento Art. 3 Ambito di applicazione del Regolamento Art. 4 Definizioni Titolo II Competenze e soggetti

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO EVENTO TEMPORANEO n. 22 Festa Paesana con musica Località Tre Gobbi (Gavello) Via Valli, 360 Città di Mirandola COMUNE DI MIRANDOLA Provincia di Modena 1. Premessa

Dettagli

LA NORMATIVA GENERALE DALLA LEGGE N. 447 / 1995 AL DL N.70 / 2011 e DPR 227 / 2011

LA NORMATIVA GENERALE DALLA LEGGE N. 447 / 1995 AL DL N.70 / 2011 e DPR 227 / 2011 Giornata Formativa per le Amministrazioni Comunali LA GESTIONE TECNICA E AMMISTRATIVA DELL INQUINAMENTO ACUSTICO Dipartimento Arpav di Verona - Venerdì 15 Maggio 2015 LA NORMATIVA GENERALE DALLA LEGGE

Dettagli

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO INDICE ART. 1 FINALITÀ 4 ART. 2 DEFINIZIONI 5 ART. 3 CLASSI DI DESTINAZIONE D USO DEL TERRITORIO 8 ART. 4 VALORI LIMITE

Dettagli

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore.

D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. D.P.C.M. 14 novembre 1997 Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Vista la legge 26 ottobre 1995, n. 447, recante "Legge quadro sull'inquinamento

Dettagli

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Saltara Settore Edilizia-Urbanistica-Ambiente A CURA DI: Redatto da Prof. Giampietro Fusillo

Dettagli

INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3

INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3 INDICE 1 CAPO I - CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...3 1.1. ZONE OMOGENEE...3 1.2. ZONE PARTICOLARI...4 Aree militari...4 Aree ferroviarie...4 Aree stradali...5 Aree adibite a manifestazioni

Dettagli

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO - Norme tecniche di attuazione - INDICE Premessa Pg. 2 Competenze del Comune.. Pg. 2 D.P.C.M. 14-11-97 Pg. 3 Classificazione acustica del territorio comunale Pg.

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena)

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DE TERRITORIO COMUNALE E DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE Titolo I Disposizioni generali ART. 1 -

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO - PCCA

COMUNE DI CORCIANO - PCCA INDICE TITOLO I 2 DISPOSIZIONI GENERALI 2 Art. 1 Campo di applicazione 2 Art. 2 Definizioni 2 Art. 3 Contenuti del Piano 4 Art. 4 Piani di risanamento delle imprese 5 TITOLO II 6 ATTIVITA A CARATTERE PERMANENTE

Dettagli

COMUNE DI NOCERA UMBRA

COMUNE DI NOCERA UMBRA COMUNE DI NOCERA UMBRA Regolamento Attuativo del Piano Comunale di Classificazione Acustica TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina le competenze

Dettagli

Comune di Pompei PROVINCIA DI NAPOLI

Comune di Pompei PROVINCIA DI NAPOLI Comune di Pompei PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento Comunale per la disciplina delle attività rumorose Norme di attuazione al Piano di Classificazione Acustica Comunale legge 26 ottobre 1995, n.447 Legge

Dettagli

Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI)

Ditta : Società I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Indice Premessa................................................................................ 3 1.

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO CITTA DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO (Art. 6, comma 1, lett.e) della L. 26/10/1995, n.447) ADOTTATO CON DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 241 DEL 13

Dettagli

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI [BUR2006031] [5.3.4] D.g.r. 17 maggio 2006 - n. 8/2561 Criteri e modalità per la redazione, la presentazione e la valutazione delle domande per il riconoscimento della figura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA

REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNE di GENIVOLTA PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE ZONIZZAZIONE ACUSTICA PROPOSTA Maggio 04 1.Il presente Regolamento si applica: Articolo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE A) al rumore proveniente da

Dettagli

La gestione dell inquinamento acustico sul territorio

La gestione dell inquinamento acustico sul territorio La gestione tecnica ed amministrativa dell inquinamento acustico Verona 15 maggio 2015 La gestione dell inquinamento acustico sul territorio Dott. Matteo Buttini Funzionario Tecnico Tutela Rumore Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO E NORME TECNICHE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO E NORME TECNICHE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI PIOMBINO LEGGE REGIONALE 89/98 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO E NORME TECNICHE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE

COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Attività rumorose temporanee nelle manifestazioni ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 950/45 DEL 23/07/2009 1. Descrizione del procedimento

Dettagli

ZAC. Norme Tecniche di Attuazione ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

ZAC. Norme Tecniche di Attuazione ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA ZAC ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE DI REGGIO EMILIA Z2 Norme Tecniche di Attuazione ADOTTATO DAL C.C. CON DELIBERA N. 5835/87 DEL 06/04/2009 APPROVATO DAL C.C. CON DELIBERA N. 5167/70 DEL 05/04/2011 SINDACO

Dettagli

Regolamento delle attività rumorose

Regolamento delle attività rumorose COMUNE DI MARCIANA Prov. LIVORNO Regolamento delle attività rumorose TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina le competenze comunali in materia

Dettagli

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA APPROVAZIONE 2005

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA APPROVAZIONE 2005 LSSIFIZION USTI L TRRITORIO OMUNL llegato 2 Modifica del Regolamento dilizio omunale RGION MRH PROVINI I NON LSSIFIZION USTI L TRRITORIO OMUNL ai sensi della Legge Quadro 447/95 adeguamento alla Legge

Dettagli

COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T.

COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T. COMUNE DI CHIETI VI SETTORE - PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO I Servizio Pianificazione Territorio, Programmi Complessi e S.I.T. CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO ACUSTICO

Dettagli

Comune di Mozzo. Provincia di Bergamo

Comune di Mozzo. Provincia di Bergamo EUROGEO s.n.c. Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 +39 035 271216 Fax +39 035 271216 NTA 01-01/09/06 Comune di Mozzo Provincia di Bergamo ZONIZZAZIONE

Dettagli

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 INDICE 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 Pag. 2 di 6 Premessa Il Requisito I1 Controllo dell inquinamento acustico ha

Dettagli

Comune di Cavaion Veronese

Comune di Cavaion Veronese Comune di Cavaion Veronese PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO ATTUATIVO Approvato con Deliberazione del C.C. 4 del 02.01.2003 SOMMARIO TITOLO I GENERALITÀ Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA. Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE

COMUNE DI APOLLOSA. Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE COMUNE DI APOLLOSA Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE S O M M A R I O TITOLO I GENERALITÀ Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Il controllo del rumore

Il controllo del rumore Il controllo del rumore Linee Guida per la gestione degli esposti ad uso degli Enti Locali della Lombardia Indice 1 Premessa 2 Normativa di riferimento 3 Gestione degli esposti 4 Allegati 1 1 Premessa

Dettagli

COMUNE DI FORLI AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE E OPERE DI URBANIZZAZIONE

COMUNE DI FORLI AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE E OPERE DI URBANIZZAZIONE ALLEGATO B COMUNE DI FORLI AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE E OPERE DI URBANIZZAZIONE UNITA AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA- MODIFICHE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO

Dettagli

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE dott. PAOLO GRIMALDI Studio Ambiente e Geologia Acustica Applicata e Controllo del Rumore Ecologia e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Pianificazione Ambientale del Territorio PROVINCIA DI MILANO CITTÀ DI

Dettagli

2 CAMPO DI APPLICAZIONE

2 CAMPO DI APPLICAZIONE Disposizioni per il rilascio da parte delle Amministrazioni comunali delle autorizzazioni in deroga ai valori limite per le attività temporanee, ai sensi dell articolo 3, comma 3, lettera b) della l.r.

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; D.P.R. 30 marzo 2004, n. 142 (1). Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell'inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare, a norma dell'articolo 11 della L. 26 ottobre 1995, n. 447.

Dettagli

REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE

REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE COMUNE DI SIZIANO REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE in recepimento delle osservazioni Arpa Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del 24 novembre 2005 Sommario

Dettagli

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale Oggetto: Committente: Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo nuovo progetto di variante anno 2012 Consorzio Via I. Eolie Via Fabio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

Art. 7. - Requisiti acustici degli edifici e delle sorgenti sonore interne 3. 5. Art. 8. - Attività temporanee

Art. 7. - Requisiti acustici degli edifici e delle sorgenti sonore interne 3. 5. Art. 8. - Attività temporanee Capitolo 5 par. 5.2 dell inquinamento acustico dovuto all uso dell infrastruttura. Le valutazioni dell amministrazione comunale devono essere comunicate all Ente nazionale per l aviazione civile, alla

Dettagli

P.C. Permesso di Costruire (Art.38, L.R. n. 12 del 11.03.2005) P.G. U.T.

P.C. Permesso di Costruire (Art.38, L.R. n. 12 del 11.03.2005) P.G. U.T. COMUNE DI VILLANOVA D ARDENGHI Provincia di Pavia Via Roma n. 22-27030 Villanova d Ardenghi (PV) Tel. 0382400022 - Fax 0382400646 www.comune.villanovadardenghi.pv.it ufficiotecnico@comune.villanovadardenghi.pv.it

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 447/95 Art. 6 comma 1 lettera e L.R. 52/2000 Art.

CITTA DI PIOSSASCO. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO (L. 447/95 Art. 6 comma 1 lettera e L.R. 52/2000 Art. C I T T A D I PIOSSASCO Regione Piemonte Provincia di Torino Piazza Tenente Nicola, 4-10045 Piossasco (TO) - Tel. 011/90.271 - Fax 011/90.27261 CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL

Dettagli

Città di Grugliasco (TO) NORME DI ATTUAZIONE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE

Città di Grugliasco (TO) NORME DI ATTUAZIONE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE Allegato F Città di Grugliasco (TO) NORME DI ATTUAZIONE AL PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA COMUNALE (approvato con deliberazione di C.C. n. 55/2004, modificato con deliberazione di C.C. n. 41/2013) 1/13

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena)

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico Aprile 2009 INDICE

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

Indice del contenuto

Indice del contenuto Indice del contenuto TITOLO I... 5 DIPOSIZIONI GENERALI... 5 ART. 1 - PREMESSA... 5 ART. 2 - FINALITÀ DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE8 ART. 3 - EFFETTI DELL APPROVAZIONE DELLA ZONIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTEVIALE

COMUNE DI MONTEVIALE COMUNE DI MONTEVIALE REGOLAMENTO E NORME ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE ART.1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento è emanato, ai sensi dell art. 6, comma 1, lettera e) della

Dettagli

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Soluzioni realizzative e costruzione E importante valutare in fase di verifica preliminare del sito anche gli aspetti e le eventuali problematiche

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Ivrea CLASSIFICAZIONE ACUSTICA novembre 2003 Il Dirigente dell Ufficio di Piano della Città di Ivrea: Arch. Nedo Vinzio Progettazione: Dott. Riccardo Giovinetto

Dettagli

ZONIZZAZIONE ACUSTICA

ZONIZZAZIONE ACUSTICA CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Art. 1. Finalità della Zonizzazione Acustica del Territorio Comunale e del relativo Regolamento di Attuazione... 4 Art. 2. Validità del R.A.... 4 Art. 3. Forme di inquinamento

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA

COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 104 del 19 settembre 2013 REGOLAMENTO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Comune di MONTE URANO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO TESTO APPROVATO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE ALLEGATO 7 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE Regolamento per la disciplina

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CISLIANO L 447/1995, Art. 6 LR 13/2001, Art. 2 DGR VII/9776 12.07.2002 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE COMPETENZE COMUNALI IN MATERIA DI INQUINAMENTO

Dettagli

Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE. Regolamento Attuativo

Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE. Regolamento Attuativo Città di Paderno Dugnano Provincia di Milano www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore GESTIONE DEL TERRITORIO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Regolamento Attuativo Integrazione all'art.

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE

COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE COMUNE DI MONTEROTONDO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE (ai sensi e per gli effetti della Legge n. 447/1995 e della L.R. n. 18/2001) (Approvato con Deliberazione

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI ACUSTICA. Disposizione tecnico-organizzativa congiunta SUE/SUAP (n. 1Sue-Suap/2014)

GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI ACUSTICA. Disposizione tecnico-organizzativa congiunta SUE/SUAP (n. 1Sue-Suap/2014) I Quaderni del RUE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI ACUSTICA Disposizione tecnico-organizzativa congiunta SUE/SUAP (n. 1Sue-Suap/2014)

Dettagli

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE RELAZIONE METODOLOGICA AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA PER VARIANTE PRG Dr. Giampietro Fusillo Docente di Fisica Ambientale

Dettagli

SCHEMA RIASSUNTIVO CIRCA I CONTENUTI MINIMI DELLE INDAGINI DI CARATTERE ACUSTICO

SCHEMA RIASSUNTIVO CIRCA I CONTENUTI MINIMI DELLE INDAGINI DI CARATTERE ACUSTICO SCHEMA RIASSUNTIVO CIRCA I CONTENUTI MINIMI DELLE INDAGINI DI CARATTERE ACUSTICO CARATERISTICHE DELLA STRUMENTAZIONE DI MISURA Per la redazione della documentazione di valutazione del clima e dell impatto

Dettagli

PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Art.6 comma 1 Legge n.447 del 26 ottobre 1995 Legge quadro sull inquinamento acustico

PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Art.6 comma 1 Legge n.447 del 26 ottobre 1995 Legge quadro sull inquinamento acustico REGOLAMENTO COMUNALE n. 62 ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA Art.6 comma 1 Legge n.447 del 26 ottobre 1995 Legge quadro sull inquinamento acustico REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE RESPONSABILE UFFICIO RUMORE ARPAV VERONA TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA CONSULENTE TECNICO D UFFICIO - TRIBUNALE DI VERONA DONZELLINI MASSIMO - UOFA

Dettagli