DOMANDA RISPOSTA DOMANDA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDA RISPOSTA DOMANDA"

Transcript

1 Associazioni di volontariato private che operano nel campo dell'inclusione sociale e lavorativa di persone diversamente abili possono partecipare al bando in oggetto in qualità di partner e rientrano tra i soggetti privati ammessi alla presentazione dei progetti come previsto dall'articolo 5 dell'avviso? Associazioni con esperienza nel campo dell inclusione sociale e lavorativa di persone disabili possono partecipare ai progetti in qualità di partner dell ATS, costituita o costituenda, che presenterà il progetto alla Regione Toscana. Tali soggetti, conformemente a quanto indicato all Art. 5 dell Avviso, dovranno preventivamente essere stati selezionati all esito della procedura di evidenza pubblica indetta dalle SdS (o, ove non costituite, dal soggetto espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci) ed aver partecipato al processo di co progettazione che si svolgerà sotto il coordinamento e la supervisione del soggetto pubblico che ha indetto tale procedura. Un Ente di formazione può far parte del partenariato e quindi dell ATS, qualora fra le attività facoltative, previste dall art. 2, sia prevista attività formativa? Un Ente di formazione, con esperienza documentata nell inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, può far parte del partenariato e quindi dell ATS, per attività coordinate ed integrate di Progettazione, Valutazione del livello di occupabilità dei partecipanti, Orientamento dei partecipanti, Accompagnamento in azienda per i partecipanti, Tutoring? Un Ente di formazione può far parte del partenariato e quindi dell ATS, qualora fra le attività facoltative, previste dall Art. 2, sia prevista attività formativa. Un Ente di formazione, con esperienza documentata nell inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, può far parte del partenariato e quindi dell ATS, per attività coordinate ed integrate di Progettazione, Valutazione del livello di occupabilità dei partecipanti, Orientamento dei partecipanti, Accompagnamento in azienda per i partecipanti, Tutoring qualora stabilito nell ambito del processo di co progettazione svolto sotto il coordinamento e la supervisione dell SdS (o, ove non costituita, del soggetto espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci).

2 All'interno della rete di partenariato può essere capofila una associazione di promozione sociale (APS) iscritta all'albo regionale oppure una ONLUS, non accreditate presso il sistema regionale degli organismi che svolgono attività di formazione? Le Associazioni di promozione sociale (APS) iscritte nel Registro regionale delle Associazioni di Promozione Sociale, non accreditate quali organismi formativi presso il sistema regionale, possono ricoprire all interno delle ATS sia il ruolo di partner che di soggetto capofila/proponente. Le ONLUS non accreditate quali organismi formativi presso il sistema regionale possono ricoprire all interno delle ATS sia il ruolo di partner che di soggetto capofila/proponente. Cosa si intende per soggetti privati? sono comprese le associazioni? Nel caso in cui siano ricomprese le associazioni come si deve intendere il rinvio agli artt. 5 e 10 dell'avviso regionale? Tra i soggetti ammessi alla presentazione dei progetti (Art. 5 dell Avviso e, di rimando, Art. 6 dell All. 3), già definiti dal PAD FSE (Provvedimento Attuativo di Dettaglio), sono incluse le associazioni che operano nel recupero socio lavorativo di soggetti svantaggiati. Esse dovranno attenersi a quanto indicato nell Avviso, e quindi anche a quanto specificato all Art. 5 Soggetti ammessi alla presentazione dei progetti e all Art. 10 Documenti da presentare. Come specificato all Art. 6 dell Avviso pubblico, l All. 3 Procedure e modelli per manifestazione di interesse alla co progettazione costituisce uno schema che riporta gli elementi minimi per l avvio della procedura di selezione pubblica dei soggetti interessati; le Società della Salute (o, ove non costituite, il soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei Sindaci) potranno svilupparlo o contestualizzarlo sulla base di specifiche necessità. Se una Società della Salute (o, ove non costituita, il soggetto espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci) non assumesse il ruolo di capofila della ATS ma solo ruolo di partner ed il capofila fosse un soggetto del terzo settore sarebbe comunque obbligatoria la ricerca dei partner mediante evidenza pubblica?

3 La procedura di evidenza pubblica per la scelta dei soggetti privati e l individuazione dei soggetti pubblici dovrà essere avviata dalla Società della Salute, (o, ove non costituita, dal soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci) a prescindere dal ruolo che essa potrà assumere o meno all interno dell ATS. Può la Società della Salute (o, ove non costituita, il soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci) effettuare la progettazione coinvolgendo solo enti pubblici? (esempio enti consorziati? ) e non soggetti del terzo settore? In questo caso è obbligatoria la procedura di evidenza pubblica? La procedura di evidenza pubblica è obbligatoria per la scelta dei soggetti privati e l individuazione dei soggetti pubblici per l attività di co progettazione e l elaborazione dei progetti da presentare in risposta al presente Avviso. Qualora, agli esiti della procedura di evidenza pubblica di cui sopra, i soggetti privati che vi abbiano partecipato non risultassero idonei, la SdS, (o, ove non costituita, il soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci), potrebbe svolgere il processo di progettazione con i soli soggetti pubblici, nel qual caso però, verrebbe meno il concetto di progettazione partecipata pubblico/privato, che ha ispirato il presente Avviso. Si fa riferimento ad una specifica normativa per quanto riguarda la definizione di "soggetto svantaggiato"? La normativa di riferimento vigente per la definizione di soggetto svantaggiato è costituita dalla Legge n. 381 del 1991, Disciplina delle cooperative sociali, Art. 4.; nel caso dell Avviso in oggetto si ricorda che i destinatari degli interventi dovranno rispondere alle caratteristiche descritte all Art. 3 dell Avviso regionale. Un ente di ricerca che si è occupato di inclusione sociale e lavorativa di persone con disabilità (attraverso attività di ricerca e formazione) può partecipare al bando in oggetto in qualità di partner?

4 Un ente di ricerca che si è occupato di inclusione sociale e lavorativa di persone con disabilità (attraverso attività di ricerca e formazione) è ammesso alla presentazione dei progetti qualora la sua manifestazione di interesse alla co progettazione sia stata valutata positivamente dalla Società della Salute (o, ove non costituita, dal soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale di sindaci). All'art. 5 del D del 23/12/15, si legge che sono ammissibili "i soggetti pubblici e privati che operano nel recupero socio lavorativo di soggetti svantaggiati". In tal senso, vorrei sapere se le associazioni di categoria, possono essere soggetto ammissibile. Le Associazioni di Categoria sono ammesse alla presentazione dei progetti qualora le attività e le competenze che esse metteranno a disposizione dei progetti da presentarsi alla regione toscana riguardino il recupero socio lavorativo di soggetti svantaggiati e qualora la loro manifestazione di interesse alla co progettazione sia valutata positivamente dalla Società della Salute (o, ove non costituita, dal soggetto pubblico espressamente individuato dalla Conferenza zonale di sindaci). 1) Alla luce di quanto stabilito nell'avviso a pag 27 punto a Criteri di ammissibilità dei costi relativi alle risorse professionali chiedo se il personale interinale in somministrazione presso gli enti pubblici dovrà essere considerato "interno" oppure "esterno"? 2) C'è un limite da rispettare nel rapporto tra l'ammontare del costo del personale interno (dipendente) ammesso a rendicontazione e quello del personale esterno o incarichi esterni? Quesito n. 1: come indicato nelle Procedure di gestione degli interventi formativi del POR FSE (Allegato A della DGR 635 del 2015), SEZIONE B9, paragrafo d: Nel caso di ricorso a lavoro somministrato, è ammissibile il costo sostenuto dal soggetto attuatore che utilizza il lavoratore; tale costo comprende: - il rimborso degli oneri retributivi e previdenziali pagati dall'agenzia di somministrazione lavoro, nei limiti dei massimali di costo orario stabiliti per il personale esterno (cfr. il punto e) seguente); - il servizio di fornitura di personale offerto dall agenzia. In tal caso la documentazione da produrre è rappresentata da:

5 - contratto di somministrazione tra il soggetto attuatore e l agenzia di somministrazione lavoro; - fattura emessa dall agenzia di somministrazione lavoro (contenente il riferimento al progetto, la specifica delle ore di lavoro svolte e il costo orario applicato, gli oneri retributivi e previdenziali pagati per il lavoratore e l importo dovuto per il servizio di fornitura di personale); - documento attestante il pagamento della fattura (ricevuta di bonifico, dichiarazione di quietanza, ecc.); - relazione descrittiva delle attività svolte e time card firmata. Quesito n. 2: Non c'è un limite da rispettare nel rapporto tra l'ammontare del costo del personale interno (dipendente) ammesso a rendicontazione e quello del personale esterno o incarichi esterni. Informazioni dettagliate sui massimali di costo per risorse professionali esterne al soggetto attuatore sono riportate al paragrafo e, SEZIONE B9 delle sopracitate Procedure di gestione degli interventi formativi. Delega a terzi: se il soggetto che svolgerà le attività di formazione fa parte dell ATS, è necessaria? Nel caso il progetto includa attività di formazione e il soggetto incaricato di svolgere tale attività sia parte dell ATS non è necessario, per quanto riguarda le attività sopramenzionate, attivare delega a terzi. Siamo zona distretto: ritengo che gli altri comuni della zona, in quanto appartenenti alla Conferenza dei Sindaci, non debbano manifestare il proprio interesse. Mi confermate? Rispetto all ATS: poiché siamo zona distretto, gli altri comuni e la ASL devono indicare l intenzione di costituirsi in ATS? Nel caso un Comune o una ASL intendano divenire soggetto attuatore al fine di realizzare direttamente qualunque tipo di attività del progetto (ivi compreso l utilizzo di personale interno) è necessario che essi siano individuati in sede di candidatura e vengano successivamente inseriti come partner effettivi e formali dell ATS. Questo renderà ammissibili i costi sostenuti dai consorziati partner.

6 Art. 6: trattandosi di procedura di evidenza pubblica, che prevede, qualora approvato il progetto, l accesso a risorse economiche, è sufficiente la pubblicazione sul sito del Comune o occorre rispettare le norme sui contratti pubblici e, quindi, pubblicare su MEPA o Start, ecc.? La procedura per manifestazione di interesse alla co progettazione e l esecuzione dell eventuale progetto approvato si configurano come procedure di evidenza pubblica a tutti gli effetti. Per la messa in opera di tali attività si rimanda quindi alla normativa vigente in materia. I soggetti disabili certificati legge 104 oppure con invalidità civile, in carico ai servizi sociali che non siano iscritti negli elenchi della legge 68, possono rientrare nella fattispecie di soggetti destinatari? Come specificato all Art. 3 dell Avviso regionale i destinatari degli interventi dovranno essere "persone in carico ai servizi socio assistenziali, sanitari e/o socio sanitari: in condizione di disabilità e iscritte negli elenchi previsti dalla L. 68/1999, non occupate; oppure certificate per bisogni inerenti la salute mentale in base alle normative vigenti, non occupate." I soggetti disabili certificati in base alla L. 104/1992 oppure con invalidità civile in carico ai servizi sociali, ma non iscritti negli elenchi della L. 68/1999 non rientrano quindi tra i possibili destinatari.

ALLEGATO A) IL PRESIDENTE

ALLEGATO A) IL PRESIDENTE ALLEGATO A) AVVISO DI ISTRUTTORIA PUBBLICA PER PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE RELATIVA ALLA CO-PROGETTAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SUL POR FSE RT 2014 2020 ASSE B - INCLUSIONE SOCIALE LOTTA

Dettagli

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012

Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Allegato 1 Modifiche all Allegato A della DGR 1179/2011, già modificato dall Allegato A della DGR 467/2012 Par. A.1 Candidature e tipologie di attività Sottoparagrafo b - La ripartizione delle attività

Dettagli

Progetto n. 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0156 PROGETTO: "A PICCOLI PASSI' BANDO DI SELEZIONE AVVISO PUBBLICO

Progetto n. 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0156 PROGETTO: A PICCOLI PASSI' BANDO DI SELEZIONE AVVISO PUBBLICO Progetto n. 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0156 PROGETTO: "A PICCOLI PASSI' BANDO DI SELEZIONE AVVISO PUBBLICO PROGETTO: "A PICCOLI PASSI' C I P : 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0156 Ai sensi dell'avviso

Dettagli

FAQ 3 settembre 2012

FAQ 3 settembre 2012 FAQ RELATIVE AL BANDO REGIONALE PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PARITA E DEL PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE NEL SISTEMA EDUCATIVO E NEL MONDO DEL LAVORO APPROVATO CON DD N. 348 DEL 25/06/2012 SOGGETTI

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

POR FESR LAZIO 2007-2013. Horizon2020

POR FESR LAZIO 2007-2013. Horizon2020 POR FESR LAZIO 2007-2013 AVVISO PUBBLICO Horizon2020 Misure per favorire l accesso ai Programmi dell Unione per il finanziamento della Ricerca, dell Innovazione e della Competitività F.A.Q. (Domande frequenti)

Dettagli

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel-fax 0833-548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

RENDICONTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445)

RENDICONTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445) Pag 1 di 5 Alla Provincia di Firenze Direzione Agricoltura,Sviluppo economico e Programmazione, Cooperazione internazionale

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

Direzione Formazione Professionale Lavoro

Direzione Formazione Professionale Lavoro Direzione Formazione Professionale Lavoro Provincia di Novara DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO INERENTE IL BANDO PROVINCIALE RELATIVO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni.

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. LEGGERE UN BANDO DI FINANZIAMENTO PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. Data di scadenza Ho il tempo

Dettagli

Progetto finanziato dall Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Investiamo nel Vostro futuro

Progetto finanziato dall Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Investiamo nel Vostro futuro Progetto finanziato dall Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale REPUBBLICA ITALIANA Investiamo nel Vostro futuro Regione Siciliana ENGIM SICILIA Padre Associazione Immagininaria Nostro Onlus

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi

Allegato 6 - Vademecum per la determinazione e rendicontazione dei costi INNOVA.RE INNOVAzione in REte C.U.P. J85G09000350002 Il presente Vademecum illustra le procedure a cui i soggetti attuatori dei progetti di sviluppo, finanziati a valere sull Avviso interno in intestazione

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE ALLEGATO D.D. n. del pag. 1/11 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Allegato B FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO P R O V I N C I A D I B I E L L A Via Maestri del Commercio, 6-13900 BIELLA Tel. 015-8480650 Fax 015-8480666 www.provincia.biella.it SETTORE FORMAZIONE, LAVORO E PARI OPPORTUNITA SERVIZIO CENTRO PER L

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI L AVVISO PUBBLICO INTENDE FAVORIRE IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CAMPANE CHE NECESSITANO

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020

FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020 1 FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione ASSE B - INCLUSIONE SOCIALE E LOTTA ALLA POVERTA' DGRT 1197/2015 DGRT 6456/2015 BURT

Dettagli

Slidespresentazione Bando LAV ORA

Slidespresentazione Bando LAV ORA Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

FORMAZIONE FORMATORI 2013/2015 FAQ 2 SP 3 APRILE/11 APRILE 2014

FORMAZIONE FORMATORI 2013/2015 FAQ 2 SP 3 APRILE/11 APRILE 2014 FORMAZIONE FORMATORI 2013/2015 FAQ 2 SP 3 APRILE/11 APRILE 2014 LIMITI RIFERITI AL PREGRESSO Domanda 1 Sul Bando formazione formatori, per quanto riguarda la Percorsi formativi (linee da 1 a 6 A) valutazione,

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Ottobre 2005 ASPETTI AMMINISTRATIVI, CONTABILI E FISCALI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale?

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale? AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DI PROGETTI DA ATTUARE NELLE SCUOLE DEL LAZIO. PRESENTAZIONE ON DEMAND DELLE PROPOSTE PROGETTUALI FAQ Come si compila la scheda finanziaria

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di inserimento nell Elenco di operatori qualificati fornitori di servizi di accoglienza per minori e madri con bambini.

OGGETTO: Richiesta di inserimento nell Elenco di operatori qualificati fornitori di servizi di accoglienza per minori e madri con bambini. Marca da bollo ALLEGATO A) ISTANZA DI PARTECIPAZIONE Allegare fotocopia del documento di identità in corso di validità del sottoscrittore/i ai sensi dell'art. 38 del D.P.R. 445/2000 Al Comune di Vicenza

Dettagli

Restando in attesa di un Vs. gentile riscontro, ringraziamo e porgiamo cordiali saluti.

Restando in attesa di un Vs. gentile riscontro, ringraziamo e porgiamo cordiali saluti. QUESITO N. 1 Sono un professionista singolo che fa parte di uno Studio Associato formato da me e da un Professore dell Università degli Studi di Firenze a tempo definito. Si richiede quanto segue: 1) Visti

Dettagli

81) D: Che cosa si intende per partenariato operativo e di supporto? R: Vedasi pag 24 punto 4.7 del vademecum per l attuazione del FSE 2007/13.

81) D: Che cosa si intende per partenariato operativo e di supporto? R: Vedasi pag 24 punto 4.7 del vademecum per l attuazione del FSE 2007/13. LE DOMANDE DI NATURA INTERPRETATIVA DELL AVVISO VANNO INOLTRATE ESCLUSIVAMENTE ALL INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA: avviso1-2011.famiglia@regione.sicilia.it NON SARANNO DATE RISPOSTE TELEFONICAMENTE O A

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

QUESITO N. 1 RISPOSTA QUESITO N. 1

QUESITO N. 1 RISPOSTA QUESITO N. 1 Bando per l affidamento di attività sperimentali per l elaborazione di metodologie operative finalizzate allo sviluppo dell apprendimento nelle imprese in contesti interregionali QUESITO N. 1 La possibilità

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6

ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 179 del 27 febbraio 2014 pag. 1/6 Allegato B Procedure per l accreditamento provvisorio e l assegnazione del servizio Sezione B1 Definizione delle

Dettagli

IMPRESE OSPITANTI DESTINATARIE DELLA MANIFESTAZIONE D INTERESSE

IMPRESE OSPITANTI DESTINATARIE DELLA MANIFESTAZIONE D INTERESSE BANDO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI PER LA PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO LAV ORA PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE POR FSE 2007-2013 REGIONE SARDEGNA

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO CONVENZIONE CSV/ODV ex art. 6 del Bando di Assistenza 2016 Il giorno alle ore in, presso

Dettagli

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013 F.A.Q. Avviso per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane - misura Internazionalizzazione P.O.FESR Campania 2007 2013 Obiettivo Operativo

Dettagli

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA Area Delle Risorse Settore Lavoro Formazione Professionale e Pubblica Istruzione PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2015 AVVISO PUBBLICO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA 1 Indice 1. FINALITA DELL AVVISO...3

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale C O M U N E D I O L M E D O Provincia di Sassari LAV ORA PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE FSE POR SARDEGNA 2007/2013 REGIONE- SARDEGNA ASSE III INCLUSIONE SOCIALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO - ALLEGATO B) REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO FORMULARIO di presentazione di progetti volti alla realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità a valere sul P.O.R. Toscana FSE 2014-2020 1 SEZIONE

Dettagli

Qualora il proponente sia un'articolazione territoriale, bisogna inserire i dati dell'uos (Unità Organizzativa di Supporto).

Qualora il proponente sia un'articolazione territoriale, bisogna inserire i dati dell'uos (Unità Organizzativa di Supporto). QUESITO N. 18 Nella parte D1, qualora il proponente sia un'articolazione territoriale, bisogna inserire i dati dell'uos (Unità Organizzativa di Supporto) o dell'ente nel suo complesso (nel caso del CNR

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B INTERESSATE A PROCEDURE DI CONVENZIONAMENTO DIRETTO.

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B INTERESSATE A PROCEDURE DI CONVENZIONAMENTO DIRETTO. AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B INTERESSATE A PROCEDURE DI CONVENZIONAMENTO DIRETTO. PREMESSO CHE: La Regione Toscana con la Legge n 24/1997 ha introdotto importanti

Dettagli

All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007

All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007 All. A alla D.D. n. 298-1248023/2007 DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AL BANDO FORMAZIONE CONTINUA LEGGE N. 236/93 PIANI CONCORDATI TRA LE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI DI FORMAZIONE PER

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI DI FORMAZIONE PER Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE,

Dettagli

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014 Prot. n. 10187 Treviso, 30.01.2014 Avviso relativo all inserimento lavorativo di persone con disabilità di cui all art. 1 della legge 68/99, iscritte negli elenchi di cui all art 8 della medesima legge,

Dettagli

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI

1) CARATTERISTICHE DEI CORSI Allegato B) della Determina Provinciale n 3444 del 06/09/2005 ALLEGATO B) DEFINIZIONE PER L ANNO 2005 DELLE MODALITA STANDARD INERENTI L AUTORIZZAZIONE ED IL FINANZIAMENTO DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo. Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Adozione di UCS (Unità di Costo

Dettagli

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Catalogo Regionale dei corsi di formazione per persone con disabilità FAQ

AVVISO PUBBLICO Catalogo Regionale dei corsi di formazione per persone con disabilità FAQ AVVISO PUBBLICO Catalogo Regionale dei corsi di formazione per persone con disabilità FAQ D: L'Art. 5 precisa che i soggetti ammessi a candidare le proposte sono gli Organismi di Formazione (O.d.F.) che

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL

GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL Unione Europea GUIDA DI SUPPORTO ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI SUL BANDO PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI UNITÁ DI RICERCA 1^ scadenza e 2^ scadenza: DGR n. 1988/2011 e successive modificazioni

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI POSTI ON-LINE RIGUARDANTI L'AVVISO N. 2:

RISPOSTE AI QUESITI POSTI ON-LINE RIGUARDANTI L'AVVISO N. 2: RISPOSTE AI QUESITI POSTI ON-LINE RIGUARDANTI L'AVVISO N. 2: Avviso per la realizzazione di progetti sperimentali per l inclusione sociale di soggetti adulti in esecuzione penale Venerdì 20 novembre l

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo Art.1 Oggetto del bando Il Bando 2013 del CSV Napoli Programm Azioni Sociali è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito OdV, della provincia di Napoli.

Dettagli

Ex Distretto Sociale N19 (ex N7) Comune Capofila Afragola LA MERIDIANA ONLUS

Ex Distretto Sociale N19 (ex N7) Comune Capofila Afragola LA MERIDIANA ONLUS Ex Distretto Sociale N19 (ex N7) Comune Capofila Afragola perché non c è posto migliore della tua casa LA MERIDIANA ONLUS ISTITUZIONE DI UN REGISTRO PUBBLICO DI AGENZIE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

Dettagli

AVVISO PER AZIONI DI SISTEMA FINALIZZATE ALLA CREAZIONE DI UN PORTALE PROVINCIALE DEDICATO AL PIANO LIFT

AVVISO PER AZIONI DI SISTEMA FINALIZZATE ALLA CREAZIONE DI UN PORTALE PROVINCIALE DEDICATO AL PIANO LIFT AVVISO PER AZIONI DI SISTEMA FINALIZZATE ALLA CREAZIONE DI UN PORTALE PROVINCIALE DEDICATO AL PIANO LIFT Regione Lombardia con DGR X/1106 del 20/12/2013 ha reso note le linee di indirizzo a sostegno delle

Dettagli

Progetto ChORUS. Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema

Progetto ChORUS. Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema Progetto ChORUS Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza Asse E Capacita istituzionale - Obiettivo specifico 5.1

Dettagli

PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq

PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq 1 PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq CHI PUO PRESENTARE LA DOMANDA (PUNTO 5 DELL AVVISO) 1) Un singolo comune può presentare la domanda senza

Dettagli

Fon.Coop. Avviso 20 del 18 gennaio 2013. Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013

Fon.Coop. Avviso 20 del 18 gennaio 2013. Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013 Fon.Coop Avviso 20 del 18 gennaio 2013 Piani formativi aziendali concordati -FONDO DI ROTAZIONE - Roma febbraio 2013 Le novità dell Avviso 20 rispetto ai precedenti Avvisi: Percorsi su specifiche tematiche

Dettagli

Risposte ai quesiti posti fino alla data del 26 febbraio 2014

Risposte ai quesiti posti fino alla data del 26 febbraio 2014 POR FSE 2007/13 Regione Sardegna Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse II Occupabilità del PO FSE Linea e.1.1 Avviso di chiamata Politiche attive per il lavoro per cooperative di nuova costituzione

Dettagli

FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte

FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte N. Quesito Risposta Riferim. Avviso 1 Un impresa individuale attiva nel settore dell agricoltura (società agricola semplice)

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 382 18/03/2015 Oggetto : Ulteriore proroga, sino al 31 maggio 2015,

Dettagli

OGGETTO: IVA. - Prestazioni di servizi effettuate da cooperative sociali nell ambito dei progetti per lavori di utilità sociale.

OGGETTO: IVA. - Prestazioni di servizi effettuate da cooperative sociali nell ambito dei progetti per lavori di utilità sociale. RISOLUZIONE N. 384/E Roma, 19 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Prestazioni di servizi effettuate da cooperative sociali nell ambito dei progetti per lavori di utilità

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi per il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS) con un percorso formativo di 1000 ore in autofinanziamento Avviso pubblico

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA. Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via

SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA. Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via SVILUPPO ITALIA S.p.A BANDO PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA FERTILITA Art. 1) Premessa. 1. Sviluppo Italia S.p.A. con sede in Roma, Via Calabria, 46, C.A.P. 00187, Tel.: 06.421601 Telefax: 06.42160063,

Dettagli

Chiarimenti-Quesiti richiesti in riferimento alla Gara per Appalto mediante procedura aperta per l affidamento dei servizi alle persone di cui alla

Chiarimenti-Quesiti richiesti in riferimento alla Gara per Appalto mediante procedura aperta per l affidamento dei servizi alle persone di cui alla Chiarimenti-Quesiti richiesti in riferimento alla Gara per Appalto mediante procedura aperta per l affidamento dei servizi alle persone di cui alla legge Regionale n 11 del 2007 e s.m.i. suddiviso in n

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

Le procedure di gestione degli interventi formativi (DGR 1179/2011)

Le procedure di gestione degli interventi formativi (DGR 1179/2011) Le procedure di gestione degli interventi formativi (DGR 1179/2011) Focus sulle recenti modifiche (DGR 467/2012 e DR 281/2013) e sulle criticità applicative Concetta De Vitto Principali riferimenti normativi

Dettagli

Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0

Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0 La rendicontazione Manuale di rendicontazione Bandi Lavoro e occupabilità Valorizzazione della Creatività e dei Talenti AggregAzione 2.0 E il processo con cui si rende conto delle spese effettivamente

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI Vercelli, li 31.01.2003 Settore Sviluppo Socio Economico Formazione Professionale

PROVINCIA DI VERCELLI Vercelli, li 31.01.2003 Settore Sviluppo Socio Economico Formazione Professionale PROVINCIA DI VERCELLI Vercelli, li 31.01.2003 Settore Sviluppo Socio Economico Formazione Professionale Mandato n. del N.Prot.: 4506 N.Eman.: Struttura 004-02 CDC 03-403 OGGETTO: approvazione Catalogo

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

AREA SERVIZI SOCIO/EDUCATIVI. Determinazione n 267 del 16/09/2015 Il Funzionario Responsabile

AREA SERVIZI SOCIO/EDUCATIVI. Determinazione n 267 del 16/09/2015 Il Funzionario Responsabile Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Chianni, Lajatico, Palaia,Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Terricciola Zona Valdera Provincia di Pisa AREA SERVIZI SOCIO/EDUCATIVI Settore:

Dettagli

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017

Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Avviso pubblico per l erogazione di servizi alle imprese con piano di sviluppo occupazionale anno 2016-2017 Cre.s.c.o. (Crescita, sviluppo, competitività e occupazione) Finanziato dal P.O.R. Programma

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

SCHEMA DI PROGETTO DI PUBBLICA UTILITÀ

SCHEMA DI PROGETTO DI PUBBLICA UTILITÀ LOGO DEL PARTECIPANTE/I SCHEMA DI PROGETTO DI PUBBLICA UTILITÀ BANDO AZIONI DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI PUBBLICA UTILITÀ (PPU), IN ATTUAZIONE DELL ATTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

In attuazione della determinazione dirigenziale PG, esecutiva ai sensi di legge TRA

In attuazione della determinazione dirigenziale PG, esecutiva ai sensi di legge TRA Convenzione tra il Comune di Bologna - Quartiere Savena e AUSER Volontariato Bologna per lo svolgimento di attività socialmente utili nel periodo 2015 2016. In attuazione della determinazione dirigenziale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata.

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata. Comune di Ornago Provincia di Milano Via Santuario 6 20060 ORNAGO c.f. 05827280156 p.iva 00806390969 tel. 039-628631 - fax 039-6011094 www.comuneornago.it Regolamento per la presentazione ed il finanziamento

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

Procedura erogazione finanziamento diretto

Procedura erogazione finanziamento diretto REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO POR Calabria FSE 2007-2013 ASSE I ADATTABILITÀ Obiettivo Specifico Comune B: Favorire

Dettagli

AMMISSIBILITA' E SISTEMA DI VALUTAZIONE SPECIFICA

AMMISSIBILITA' E SISTEMA DI VALUTAZIONE SPECIFICA AMMISSIBILITA' E SISTEMA DI VALUTAZIONE SPECIFICA Allegato 2 AMMISSIBILITA' E VALUTAZIONE DEI PROGETTI In coerenza con quanto disposto dall'avviso, i progetti sono sottoposti a verifica di ammissibilità

Dettagli

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE DA INVIARE COMPILATA ENTRO IL 31 OTTOBRE 2008 ALL INDIRIZZO LAVOROEPSICHE@FONDAZIONECARIPLO.IT

Dettagli