PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO"

Transcript

1 Al servizio di gente REGIONE unica FRIULI VENEZIA GIULIA PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO UDINE 13/09/2011 DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI

2 Domanda Richiesta ulteriore documentazione SI comunicazione visita NO Comunicazione non accoglimento domanda Decreto Accreditamento con riserva Accreditamento con riserva Visita Nuovo sopralluogo Piano di adeguamento Verbale di verifica NO requisiti E Verbale di verifica NO requisiti non E SI Monitoraggio SI Riesame NO requisiti E Verbale di verifica Accreditamento SI NO requisiti E Decreto di non accreditamento Decreto di accreditamento

3 Programma regionale di accreditamento delle strutture di ricovero e di specialistica ambulatoriale (1). La DGR 1436 del 28 luglio 2011 ha approvato la procedura e i requisiti per l accreditamento delle strutture sanitarie di ricovero e di specialistica ambulatoriale. I requisiti - suddivisi in generali, di degenza e ambulatoriali- sono applicabili sia alle strutture pubbliche sia a quelle private e completano il programma di accreditamento regionale delle strutture sanitarie con l esclusione delle strutture afferenti all area materno infantile e all area dell emergenza i cui requisiti saranno disciplinati con successivi provvedimenti in conformità agli atti programmatori regionali. Scadenza:

4 Programma regionale di accreditamento delle strutture di ricovero e di specialistica ambulatoriale (2). La DGR 1437 del 28 luglio 2011, sulla base della determinazione del fabbisogno nella branca specialistica di oculistica, ha stabilito di concedere l accreditamento alle strutture ambulatoriali private autorizzate allo svolgimento di interventi sul cristallino dell Area vasta Udinese, previa verifica della conformità ai requisiti -generali e ambulatoriali- e mediante la procedura di accreditamento adottati con la DGR 1436 del 28 luglio Scadenza:

5 Riferimenti normativi IL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO NELLA legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007), come modificato dall art. 2, comma 100, della legge n. 191 (legge finanziaria 2010) legge regionale 9 marzo 2001, n. 8, Disposizioni urgenti in attuazione del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, come modificato dal decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229 e altre disposizioni in materia di sanità e politiche sociali, DGR /07/2011 Dlgs 502/1992, artt 8 bis, 8 ter e 8 quater - lr 8/2001, art 5 - l 296/2006, art 1 comma 796, lett t - programma regionale di accreditamento delle strutture sanitarie di ricovero e di specialistica ambulatoriale. approvazione definitiva requisiti e procedura. DGR /07/2011 Dlgs 502/1992, artt 8 bis, 8 ter e 8 quater - lr 8/2001, art 5 - accreditamento istituzionale nella branca specialistica di oculistica delle strutture ambulatoriali private autorizzate allo svolgimento di interventi sul cristallino. approvazione definitiva del fabbisogno.

6 Chi può presentare la domanda (1) IL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO NELLA Per la DGR 1436/2011, le strutture private provvisoriamente accreditate nelle branche specialistiche per le quali risultano titolari di convenzione con le Aziende Sanitarie della Regione: 1. le Case di cura private e le strutture ambulatoriali classificate come provvisoriamente accreditate dalla legge regionale , n. 30; 2. le strutture private accreditate ai sensi della D.G.R , n. 1852, classificate come provvisoriamente accreditate dalla legge regionale , n. 9.

7 Chi può presentare la domanda (2) Per la DGR 1437/2011, le strutture private ambulatoriali in possesso di autorizzazione nella branca specialistica di oculistica, incluso lo svolgimento di interventi sul cristallino, dell Area vasta Udinese, con sede operativa, pertanto, nella sola Provincia di Udine.

8 Quando si può presentare la domanda, come e dove (1) La domanda per la concessione dell accreditamento può essere presentata dal 10 agosto 2011 al 10 febbraio 2012 compreso. La domanda deve essere redatta secondo il facsimile allegato alla DGR 1436/2011 e deve essere inoltrata alla Direzione Centrale Salute, Integrazione Sociosanitaria e Politiche Sociali tramite raccomandata con avviso di ricevimento o tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo:

9 Quando si può presentare la domanda, come e dove (2) La domanda deve contenere : la sede e la denominazione della struttura sanitaria le generalità del titolare o del rappresentante legale, se il richiedente è persona giuridica l elenco delle branche specialistiche per le quali la struttura è in possesso dell autorizzazione e per le quali chiede l accreditamento, comprensivo del numero dei posti letto se si tratta di struttura di degenza

10 Quando si può presentare la domanda, come e dove (3) Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti: la documentazione antimafia di cui al D.P.R. n. 252/1998 la dichiarazione di non sussistenza di situazioni di incompatibilità, previste dalla vigente normativa nel rapporto di lavoro con il personale comunque impiegato nella struttura la planimetria 1:100 dei locali, con destinazione d uso, in duplice copia il questionario di autovalutazione il piano della formazione il piano della qualità la carta dei servizi l organigramma

11 Modalità di compilazione del questionario di autovalutazione dei requisiti Il questionario di autovalutazione è costituito da tre tabelle, corrispondenti ai requisiti generali, specifici delle strutture di degenza per acuti e post acuti e specifici delle strutture ambulatoriali. Le Case di cura devono effettuare l autovalutazione dei requisiti di tutte le tabelle, le strutture ambulatoriali devono compilare solo le tabelle relative ai requisiti generali e specifici delle strutture ambulatoriali. Alcuni requisiti sono contrassegnati dalla lettera E in quanto si tratta di requisiti essenziali che devono essere in possesso della struttura al momento della domanda di accreditamento.

12 Istruttoria La Direzione Centrale, entro trenta giorni dalla data di ricevimento della domanda e della documentazione effettua un controllo sulla regolarità e sulla completezza delle stesse e comunica alla struttura interessata l avvio del procedimento; in caso di incompletezza della documentazione può richiederne un integrazione; procede alla costituzione del gruppo di valutazione e concorda con la struttura la data del sopralluogo finalizzato alla verifica dei requisiti; il procedimento si conclude entro 180 giorni dall invio della comunicazione

13 Visita di accreditamento IL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO NELLA Il gruppo di valutazione, in base ai risultati degli accertamenti effettuati all interno della struttura che possono articolarsi in uno o più sopralluoghi, in relazione alla sua complessità organizzativa redige un verbale contenente la descrizione delle conformità o non conformità accertate, nonché un giudizio sintetico sulla struttura. Il verbale viene sottoscritto dai componenti del gruppo di valutazione e dal legale rappresentante della struttura, o da un suo delegato, per accettazione

14 Lista delle evidenze Al fine di pervenire ad una interpretazione univoca dei requisiti, a garanzia della correttezza e coerenza della procedura di valutazione, è stata costruita una prima lista delle evidenze, condivisa dal gruppo tecnico con i 4 OMCEO, AIOP e FEDERSALUTE negli incontri per la definizione dei requisiti di accreditamento. Tale strumento sarà successivamente integrato sulla base dell esperienza svolta durante il processo di valutazione.

15 Giudizio La verifica dei requisiti di accreditamento può determinare un giudizio: di accreditabilità a pieno titolo, qualora la struttura risulti conforme ai requisiti, essenziali e non essenziali di accreditabilità con riserva, qualora la struttura risulti non conforme ad uno o più requisiti non essenziali e necessiti di un piano di adeguamento di non accreditabilità, qualora la struttura non risulti conforme ad uno o più requisiti essenziali, indicati con la lettera E

16 Non conformità a requisiti essenziali IL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO NELLA Qualora il gruppo di valutazione accerti la non conformità di uno o più requisiti essenziali di accreditamento, riporta le non conformità nel verbale e sospende la formulazione del giudizio di non accreditabilità. La Direzione Centrale, sulla base delle non conformità risultanti dal verbale, dispone un nuovo sopralluogo da svolgersi non prima di venti giorni e non oltre trenta giorni dal primo. Qualora nel nuovo sopralluogo venga accertata la conformità ai requisiti essenziali viene formulato un giudizio di accreditabilità a pieno titolo, qualora venga accertata la non conformità ad uno o più requisiti essenziali di accreditamento, il verbale redatto dal gruppo di valutazione - sottoscritto dai valutatori e dal rappresentante della struttura - riporta la descrizione delle non conformità accertate e il giudizio di non accreditabilità

17 Riesame (1) Entro 15 giorni dalla conclusione degli accertamenti da parte del gruppo di valutazione, il Direttore Centrale, prima della adozione del provvedimento di non accreditamento, comunica alla struttura i motivi che ostano all accoglimento della domanda. Entro il termine perentorio di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, la struttura può presentare per iscritto alla Direzione Centrale osservazioni e/o documenti, che vengono valutati dal gruppo di riesame.

18 Riesame (2) Qualora il rappresentante della struttura non concordi sul giudizio di non accreditabilità formulato dal gruppo di valutazione e non sottoscriva il verbale, può chiedere che vengano riportate nello stesso le proprie osservazioni. Il verbale viene assegnato al riesame del Direttore dell Area competente in materia di autorizzazione e di accreditamento delle strutture sanitarie della Direzione Centrale, del Coordinatore della struttura Stabile in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie della Direzione Centrale e di un professionista esperto in materia di assistenza sanitaria, che possono convocare il gruppo di valutazione per acquisire eventuali chiarimenti.

19 Riesame (3) Il gruppo del riesame della Direzione Centrale, a conclusione della propria attività, redige un verbale che può contenere: 1) la modifica del precedente giudizio di non accreditabilità e l individuazione di un piano di adeguamento, qualora le succitate osservazioni siano state ritenute rilevanti; 2) la conferma del precedente giudizio di non accreditabilità, qualora le stesse osservazioni siano state ritenute non rilevanti o infondate.

20 Domande?

PROCEDIMENTO Dl AUTORIZZAZIONE/ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI SANITARIE ( RSA) E DEGLI HOSPICE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO Dl AUTORIZZAZIONE/ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI SANITARIE ( RSA) E DEGLI HOSPICE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO Dl AUTORIZZAZIONE/ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI SANITARIE ( RSA) E DEGLI HOSPICE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1 Il presente documento

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale Legge regionale 25 settembre 2015, n. 23, (Norme regionali in materia di beni culturali), articolo 30 e Regolamento concernente le caratteristiche e le modalità di costituzione dei sistemi bibliotecari,

Dettagli

Regolamento in materia di procedimento previsto dall art. 75 del D.P.R. 207/2010

Regolamento in materia di procedimento previsto dall art. 75 del D.P.R. 207/2010 Regolamento in materia di procedimento previsto dall art. 75 del D.P.R. 207/2010 (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 14 del 18-01 - 2012) Il Consiglio VISTO il Regolamento di esecuzione ed attuazione

Dettagli

%&'(&&)*+,-').+%%)/+'0(,+*+,,(%+*1&(*+, ! " #$!! +2'+&('3)2+4+'(,+ 4'35+'36 +4&)(,,)22+&&)7,(314&(+23)4(,+8(*3%.1%%)+*+,30+'(&)91(4&)%+21+:

%&'(&&)*+,-').+%%)/+'0(,+*+,,(%+*1&(*+, !  #$!! +2'+&('3)2+4+'(,+ 4'35+'36 +4&)(,,)22+&&)7,(314&(+23)4(,+8(*3%.1%%)+*+,30+'(&)91(4&)%+21+: %&'(&&)*+,-').+%%)/+'0(,+*+,,(%+*1&(*+,! " #$!!! " # +2'+&('3)2+4+'(,+ 4'35+'36 +4&)(,,)22+&&)7,(314&(+23)4(,+8(*3%.1%%)+*+,30+'(&)91(4&)%+21+: Richiamato il decreto interministeriale 31 luglio 1998 del

Dettagli

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE V Politiche per la Tutela della Salute e Assistenza Socio-Sanitaria Servizio Ospedalità Pubblica e Privata LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE

Dettagli

PROCEDURA PER L AUTORIZZAZIONE

PROCEDURA PER L AUTORIZZAZIONE Anno 49 - N. 49 - Supplemento BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 05.12.2018 pag. 261 Allegato 3 PROCEDURA PER L AUTORIZZAZIONE Ai sensi della L.R. 11.05.2017 N. 9 1 Anno 49 - N. 49 - Supplemento

Dettagli

Premesso che: - il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, Riordino della disciplina in materia sanitaria a norma dell art. 1 legge 23 ottobre

Premesso che: - il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, Riordino della disciplina in materia sanitaria a norma dell art. 1 legge 23 ottobre Premesso che: - il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, Riordino della disciplina in materia sanitaria a norma dell art. 1 legge 23 ottobre 1992, n. 421 prevede, agli articoli 8 bis, 8 ter e 8

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU39 26/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 settembre 2013, n. 12-6338 Verifica di compatibilita' ex art. 8 ter d.lgs. 502/92 e s.m.i. per le strutture eroganti prestazioni

Dettagli

L.R. 60/1976, art. 37 (B.U.R. 28/9/2005, n. 39) L.R. 77/1981, art. 14 L.R. 25/2006

L.R. 60/1976, art. 37 (B.U.R. 28/9/2005, n. 39) L.R. 77/1981, art. 14 L.R. 25/2006 L.R. 60/1976, art. 37 (B.U.R. 28/9/2005, n. 39) L.R. 77/1981, art. 14 L.R. 25/2006 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 8 settembre 2005, n. 0296/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la

Dettagli

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste

Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Regolamento aziendale per la disciplina del conferimento degli incarichi dirigenziali dell Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste Art. 1 Ambito di applicazione 1. In applicazione del D.Lgs.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 343 DEL 24/08/2016 OGGETTO Presa d'atto degli accordi con le strutture private

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

L.R. 9/2009, art. 4, c. 4 B.U.R. 18/8/2010, n. 33. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 agosto 2010, n. 0194/Pres.

L.R. 9/2009, art. 4, c. 4 B.U.R. 18/8/2010, n. 33. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 agosto 2010, n. 0194/Pres. L.R. 9/2009, art. 4, c. 4 B.U.R. 18/8/2010, n. 33 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 agosto 2010, n. 0194/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei contributi agli Enti

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia

Consiglio Regionale della Puglia LEGGE REGIONALE 5 FEBBRAIO 2013, N. 5 Modifiche e integrazioni alla legge regionale 25 febbraio 2010, n. 4 (Norme urgenti in materia di sanità e servizi sociali) 2 LEGGE REGIONALE Modifiche e integrazioni

Dettagli

Delibera di Giunta - N.ro 2005/293 - approvata il 14/2/2005 Oggetto: ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE E DEI PROFESSIONISTI PER L'ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E

Dettagli

PROCEDURA PR L ACCREDITAMNETO ISTITUZIONALE. Ai sensi della L.R N. 9

PROCEDURA PR L ACCREDITAMNETO ISTITUZIONALE. Ai sensi della L.R N. 9 Anno 49 - N. 49 - Supplemento BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 05.12.2018 pag. 295 PROCEDURA PR L ACCREDITAMNETO ISTITUZIONALE Ai sensi della L.R. 11.05.2017 N. 9 Anno 49 - N. 49 - Supplemento

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

I PROGRAMMI PER LA QUALITA DELLE CURE NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

I PROGRAMMI PER LA QUALITA DELLE CURE NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Al GIORNATA REGIONALE DELLA QUALITA E SICUREZZA DELLE CURE I PROGRAMMI PER LA NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA UDINE 14/10/2013 Vandamaria Forcella Anna Paola Agnoletto DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 03 luglio 2007 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n del 03 luglio 2007 pag. 1/22 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2067 del 03 luglio 2007 pag. 1/22 PROCEDURE PER L APPLICAZIONE DELLA DGR n. 84/16 gennaio 2007 L.R. 16 agosto 2002, n. 22. Autorizzazione e accreditamento

Dettagli

I NUOVI REQUISITI GENERALI E LE PROCEDURE DI RINNOVO DEGLI ACCREDITAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE Bologna 18 gennaio 2018

I NUOVI REQUISITI GENERALI E LE PROCEDURE DI RINNOVO DEGLI ACCREDITAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE Bologna 18 gennaio 2018 I NUOVI REQUISITI GENERALI E LE PROCEDURE DI RINNOVO DEGLI ACCREDITAMENTI DELLE STRUTTURE SANITARIE Bologna 18 gennaio 2018 L autorizzazione sanitaria adempimenti in occasione dei rinnovi e prospettive

Dettagli

RAPPORTO FINALE DI VERIFICA

RAPPORTO FINALE DI VERIFICA RAPPORTO FINALE DI VERIFICA Il rapporto Finale delle strutture sanitarie e sociosanitarie che hanno presentato istanza di accreditamento istituzionale e sottoposte a verifica, è costituito dalle seguenti

Dettagli

TABELLA 3: ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE REGIONALE DEI CENTRI DIALISI PUBBLICI E PRIVATI IN ITALIA

TABELLA 3: ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE REGIONALE DEI CENTRI DIALISI PUBBLICI E PRIVATI IN ITALIA TABELLA 3: ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE REGIONALE DEI CENTRI DIALISI PUBBLICI E PRIVATI IN ITALIA Regione Criteri aggiuntivi ai requisiti minimi DPR 14.01.1997 Requisiti Organizzativi: richiesta Specializzazione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. Dr. Gianni Bonelli

IL DIRETTORE GENERALE. Dr. Gianni Bonelli Dr. Gianni Bonelli L anno 2015, il giorno 28 del mese di Settembre, presso il Nuovo Presidio Ospedaliero dell Azienda Sanitaria Locale BI sito in Ponderano - Via dei Ponderanesi n. 2 ha assunto la seguente

Dettagli

L.R. n. 11 del 4 agosto 2003 indirizzi per l applicazione delle sanzioni amministrative

L.R. n. 11 del 4 agosto 2003 indirizzi per l applicazione delle sanzioni amministrative Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere Ai Commissari Straordinari IRCCS di diritto pubblico Ai Legali Rappresentanti - Ospedali Classificati - IRCCS di diritto privato -

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale Legge regionale 11 agosto 2014, n. 16, articoli 18, commi 1 e 2, lettera a), e 23, commi 1 e 2. Decreto del Presidente della Regione 1 febbraio 2016, n. 17 Regolamento in materia di finanziamento annuale

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ. DETERMINAZIONE N. 240 del 31/01/2011 OGGETTO: A3 AREA SERVIZI AL CITTADINO A3 SERVIZIO POLITICHE WELFARE IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

COMUNE DI FORLÌ. DETERMINAZIONE N. 240 del 31/01/2011 OGGETTO: A3 AREA SERVIZI AL CITTADINO A3 SERVIZIO POLITICHE WELFARE IL DIRIGENTE DI SERVIZIO 1 COMUNE DI FORLÌ A3 AREA SERVIZI AL CITTADINO A3 SERVIZIO POLITICHE WELFARE DETERMINAZIONE N. 240 del 31/01/2011 OGGETTO: CONCESSIONE ACCREDITAMENTO TRANSITORIO, AI SENSI DELLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE ASUR N. 641/ASURDG DEL 06/08/2012 IL DIRETTORE GENERALE ASUR

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE ASUR N. 641/ASURDG DEL 06/08/2012 IL DIRETTORE GENERALE ASUR 1 DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE ASUR N. 641/ASURDG DEL 06/08/2012 Oggetto: Ricognizione posti letto dei Presidi Ospedalieri dell ASUR. IL DIRETTORE GENERALE ASUR -. -. - VISTO il documento istruttorio,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 3328 del 05/04/2013 Proposta: DPG/2013/2783 del 12/03/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Il Consiglio EMANA. il seguente

Il Consiglio EMANA. il seguente Regolamento in materia di procedimento ex art. 40, comma 9- quater del D.Lgs. 163/06 per l accertamento della responsabilità delle imprese che presentano falsa dichiarazione o falsa documentazione ai fini

Dettagli

MANUALE DELLE COMPETENZE DEI VALUTATORI DEI GRUPPI DI VALUTAZIONE E DEI CRITERI DI SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI ACCREDITAMENTO

MANUALE DELLE COMPETENZE DEI VALUTATORI DEI GRUPPI DI VALUTAZIONE E DEI CRITERI DI SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI ACCREDITAMENTO MANUALE DELLE COMPETENZE DEI VALUTATORI DEI GRUPPI DI VALUTAZIONE E DEI CRITERI DI SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI ACCREDITAMENTO 1 COMPETENZE DEI VALUTATORI DEI GRUPPI DI VALUTAZIONE (GDV) E CRITERI DI

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE

LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE D LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE COSA DEVE FARE IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO? LA CONFERENZA DI SERVIZI DECISORIA 1. Chi convoca la conferenza di servizi decisoria? L amministrazione

Dettagli

Legge regionale 28 dicembre 2009, n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato).

Legge regionale 28 dicembre 2009, n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato). Legge regionale 28 dicembre 2009, n. 82 (Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato). Premessa Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto e finalità. Art.

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMI- RESIDENZIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI n del 10 FEBBRAIO 2010

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI n del 10 FEBBRAIO 2010 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI n. 1102 del 10 FEBBRAIO 2010 OGGETTO: Schemi tipo per il rilascio dei provvedimenti di accreditamento transitorio e provvisorio ai sensi

Dettagli

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario P29 Attività del servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Responsabile processo: Dirigente Capo Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Strutture interessate: Servizio di vigilanza sul

Dettagli

Documento pubblicato sul sito

Documento pubblicato sul sito DECRETO n. 31 del 16 Maggio 2011 Oggetto: Rif. Punto n. 4, della Delibera del Consiglio dei Ministri del 24.04.2010. Realizzazione degli interventi in materia di accreditamento istituzionale. Decreto Commissariale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA

AVVISO PUBBLICO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA AVVISO PUBBLICO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA PREMESSA La L.R. 12/3/2008 n. 3 attribuisce alla Regione la funzione di indirizzo, coordinamento, controllo e verifica

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale Legge regionale agosto 04, n. 6 (Norme regionali in materia di attività culturali). Decreto del Presidente della Regione 0 febbraio 07, n. 039/Pres. Regolamento in materia di finanziamento annuale per

Dettagli

Art. 1. ( Oggetto ) Art. 2. ( Soggetti richiedenti)

Art. 1. ( Oggetto ) Art. 2. ( Soggetti richiedenti) REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO PER LA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE AI SENSI DELL ART. 6, COMMA 7, LETTERA N) DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006 N. 163. Art. 1 ( Oggetto ) 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 7 novembre 2013, n. 2037

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 7 novembre 2013, n. 2037 38821 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 7 novembre 2013, n. 2037 Principi e criteri per l attività regionale di verifica della compatibilità al fabbisogno sanitario regionale, ai sensi dell articolo

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 27/16 recante l individuazione dei termini e delle unità organizzative responsabili dei

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013

REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 Codice DB2016 D.D. 23 settembre 2013, n. 730 Definizione delle modalita' per la presentazione delle istanze di autorizzazione ex art. 8 ter d.lgs. 502/92 e s.m.i. da parte

Dettagli

Modulistica domanda di autorizzazione integrata ambientale

Modulistica domanda di autorizzazione integrata ambientale Modulistica domanda di autorizzazione integrata ambientale Marca da bollo 14.62 Oggetto: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152) Il sottoscritto nato il a (prov.

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana deliberazione n. 30 : Approvazione requisiti, manuali e procedure di accreditamento ai sensi della legge regionale 23 febbraio 1999, n. 8 e successive modifiche e integrazioni

Dettagli

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO PER L ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE DELLA REGIONE BASILICATA

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO PER L ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE DELLA REGIONE BASILICATA ALLEGATO 1 DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÀ PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO PER L ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE

Dettagli

Allegato A al d.d.s. n. del. Indice

Allegato A al d.d.s. n. del. Indice Avviso per il finanziamento di interventi di adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici, nonché di costruzione di nuovi immobili in sostituzione delle strutture esistenti situate in

Dettagli

promozionale). 1. Il presente regolamento apporta modifiche ed integrazioni al Regolamento in materia di

promozionale). 1. Il presente regolamento apporta modifiche ed integrazioni al Regolamento in materia di Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Regione 26 ottobre 2005, n. 371/Pres (LL.RR. 2/1992-18/2003-4/2005. Regolamento in materia di incentivi concessi dalle Camere

Dettagli

L.R. 15/2007, art. 9, c. 1 e 2 B.U.R. 30/9/2015, n. 39. DPReg. 10/11/2016, n. 0211/Pres. (B.U.R. 23/11/2016, n. 47).

L.R. 15/2007, art. 9, c. 1 e 2 B.U.R. 30/9/2015, n. 39. DPReg. 10/11/2016, n. 0211/Pres. (B.U.R. 23/11/2016, n. 47). L.R. 15/2007, art. 9, c. 1 e 2 B.U.R. 30/9/2015, n. 39 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 settembre 2015, n. 0197/Pres. Regolamento per la concessione ai Comuni di contributi per la predisposizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA D.D.G. n. 2204/2018 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO ATTIVITA SANITARIE E OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO SERVIZIO 1 ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE Approvazione del

Dettagli

art. 9 oggetto art. 15 interventi finanziabili art. 13 presentazione della domanda art. 1 oggetto art. 2 interventi finanziabili

art. 9 oggetto art. 15 interventi finanziabili art. 13 presentazione della domanda art. 1 oggetto art. 2 interventi finanziabili Regolamento per la concessione dei contributi di cui all articolo 4, comma 27 della legge regionale 28 dicembre 2017, n. 45 (Legge di stabilità 2018) per la realizzazione da parte dei Comuni, di interventi

Dettagli

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) Comune di Appignano del Tronto Prot. n.3344 del 27-05-2017 partenza Cat. 10 AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DI STRUTTURA SANITARIA 01/2017 L.R.21/2016-DGR

Dettagli

CENTRO ESTERO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE S.C.P.A.

CENTRO ESTERO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE S.C.P.A. CENTRO ESTERO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE S.C.P.A. Regolamento dell Elenco di operatori economici per l acquisizione in economia di lavori,beni e servizi ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente

Dettagli

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA L.R. N. 28 DEL E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA L.R. N. 28 DEL E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato 56 N. 2 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 8-1-2002 Legge regionale 4 gennaio 2002, n. 5 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA L.R. N. 28 DEL 5.4.2000 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 8 agosto LA GIUNTA REGIONALE

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 8 agosto LA GIUNTA REGIONALE bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 8 agosto 2007 32 127 07_32_1_DGR_1768_1_TESTO Deliberazione della Giunta regionale 20 luglio 2007, n. 1768 LR 8/2001 art. 5. Accreditamento

Dettagli

Comune di Udine. Servizio Sociale dei Comuni dell'ambito Distrettuale 4.5 dell'udinese DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA

Comune di Udine. Servizio Sociale dei Comuni dell'ambito Distrettuale 4.5 dell'udinese DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA Comune di Udine Servizio Sociale dei Comuni dell'ambito Distrettuale 4.5 dell'udinese DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Comune di Udine, Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni dell'ambito

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI DETERMINAZIONE DIRETTORE ASSL N DEL / / Proposta n. 1544 del 14/03/2018 STRUTTURA PROPONENTE: S.S.D. AFFARI

Dettagli

Caratteristiche dell organismo tecnicamente accreditante ai sensi delle Intese Stato-Regioni e

Caratteristiche dell organismo tecnicamente accreditante ai sensi delle Intese Stato-Regioni e Caratteristiche dell organismo tecnicamente accreditante ai sensi delle Intese Stato-Regioni 20.12.2012 e 19.2.2015 PREMESSA La D.G.R. 19.7.2013, n, 1303, in recepimento dell Intesa Stato Regioni del 20.12.2012

Dettagli

1. VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A VIA

1. VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A VIA Allegato 1 Modiche e integrazioni al paragrafo 1 - "Verifica di assoggettabilità a VIA" dell'allegato B, alla D.G.R. n. 861 del 26/07/2011 1. VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A VIA Il Procedimento di Verifica

Dettagli

Delibera Giunta Regionale 30 marzo n. X/5001

Delibera Giunta Regionale 30 marzo n. X/5001 Delibera Giunta Regionale 30 marzo 2016 - n. X/5001 «Approvazione delle linee di indirizzo e coordinamento per l esercizio delle funzioni trasferite ai comuni in materia sismica» (B.U.R.L. S.O. n. 14 del

Dettagli

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale.

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale. La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale. L avvio dell accreditamento per i servizi sociosanitari: governo del processo, criteri, procedure, standard. L avvio dell accreditamento

Dettagli

Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata.

Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata. Regolamento per l esercizio del diritto all accesso civico semplice e generalizzato ex art. 5 D.Lgs 33/2013 e modulistica allegata. Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di esercizio

Dettagli

IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, L'AGENZIA NAZIONALE PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (ANPAL) LA REGIONE TOSCANA

IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, L'AGENZIA NAZIONALE PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (ANPAL) LA REGIONE TOSCANA ALLEGATO A IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, L'AGENZIA NAZIONALE PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (ANPAL) E LA REGIONE TOSCANA VISTO l'art.1, comma 7, del decreto-legge 20 maggio 1993,

Dettagli

ALLEGATO A. 1. Obiettivi

ALLEGATO A. 1. Obiettivi ALLEGATO A Avviso per il finanziamento di interventi di adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici, nonché di costruzione di nuovi immobili in sostituzione delle strutture esistenti

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.22, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 3.12.1992, n. 52 tra L Azienda e gli erogatori privati accreditati per funzioni

Dettagli

COMUNE DI PAVIA DI UDINE

COMUNE DI PAVIA DI UDINE COMUNE DI PAVIA DI UDINE PROVINCIA DI UDINE DETERMINAZIONE N. 172 del 01/08/2014 POSIZIONE ORGANIZZATIVA AREA TECNICA E GESTIONE DEL TERRITORIO OGGETTO: Determina a contrarre per l'affidamento mediante

Dettagli

Scheda informativa del modulo B6

Scheda informativa del modulo B6 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per le vicende che riguardano l esercizio delle attività sanitarie rientranti nella competenza del SUAP, ovvero gestite in forma di impresa (strutture che erogano

Dettagli

PROCEDURE IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE ED ACCREDITAMENTO

PROCEDURE IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE ED ACCREDITAMENTO PROCEDURE IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE ED Il 15 ottobre 1998 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna la Legge regionale N. 34/1998 «Norme in materia di autorizzazione e

Dettagli

Data Protocollo N Class: Fasc. Allegati N

Data Protocollo N Class: Fasc. Allegati N Data Protocollo N Class: Fasc. Allegati N Oggetto: Indizione della Conferenza di servizi Semplificata Asincrona. Istanza di iscrizione all elenco regionale della ditta Montelletto Società Cooperativa Agricola

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 1079 DEL 05/12/2018 OGGETTO Approvazione dell accordo 2018 con la struttura privata

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 1143 DEL 19/12/2018 OGGETTO Recepimento Accordo integrativo 2018 con la struttura

Dettagli

Det n. 2137 /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n. 2137 /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA E CENTRO DIURNO

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 159/AV4 DEL 24/03/2015 IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 159/AV4 DEL 24/03/2015 IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 159/AV4 DEL 24/03/2015 Oggetto: [ Disposizioni in ordine alla liquidazione degli acconti mensili delle prestazioni fatturate dalle strutture accreditate

Dettagli

Comune di PINEROLO. Regione PIEMONTE. Riordino del settore del commercio su aree pubbliche. DGR n aprile 2001

Comune di PINEROLO. Regione PIEMONTE. Riordino del settore del commercio su aree pubbliche. DGR n aprile 2001 Regione PIEMONTE Comune di PINEROLO DGR n. 32-2642 2 aprile 2001 Riordino del settore del commercio su aree pubbliche ai sensi del D.L.vo 114/98 e della L.R. 28/99 B Norme procedurali per il rilascio delle

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 07/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 54

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 07/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 54 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 19 giugno 2015, n. U00254 Presa d'atto del verbale "Life Hospital" tra Regione Lazio e Nuova Itor, NCL, Città di Roma, S. Feliciano,

Dettagli

PARTE I LEGGI, REGOLAMENTI ED ATTI DELLA REGIONE ATTI DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

PARTE I LEGGI, REGOLAMENTI ED ATTI DELLA REGIONE ATTI DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE Pag. 4 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XXXIX - N. 75 Speciale (22.10.2008) PARTE I LEGGI, REGOLAMENTI ED ATTI DELLA REGIONE ATTI DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE GIUNTA REGIONALE Omissis

Dettagli

ADEMPIMENTI IN RELAZIONE ALLE DISPOSIZIONI DELL ART. 4 COMMA 7

ADEMPIMENTI IN RELAZIONE ALLE DISPOSIZIONI DELL ART. 4 COMMA 7 ADEMPIMENTI IN RELAZIONE ALLE DISPOSIZIONI DELL ART. 4 COMMA 7 - Qualora sia necessario acquisire esclusivamente l autorizzazione unica ambientale, ai fini del rilascio, della formazione, del rinnovo o

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE Allegato A) BANDO PUBBLICO PER LA MIGLIORIA DEL POSTEGGIO NEL MERCATO SETTIMANALE DEL MARTEDI DEL COMUNE DI ENEGO RISERVATO AGLI OPERATORI DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE TITOLARI DI CONCESSIONE DI POSTEGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3

REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte I 6.12.2006 - pag. 701 REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3 Regolamento per l attuazione della legge regionale 11 maggio 2006 n. 11 (istituzione

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

Vista Atteso Atteso Considerato Vista Ritenuto, Vista Visto Visto Vista Dato atto Ritenuto,

Vista Atteso Atteso Considerato Vista Ritenuto, Vista Visto Visto Vista Dato atto Ritenuto, Vista la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64 recante: Organizzazione delle strutture ed interventi di competenza regionale in materia di protezione civile ; Atteso che l'art. 33 della citata legge

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 710 DEL 29/12/2014

DETERMINAZIONE N. 710 DEL 29/12/2014 NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE Provincia di Bologna C O P I A DETERMINAZIONE N. 710 DEL 29/12/2014 Settore: SETTORE SERVIZI GENERALI Servizio: OGGETTO ATTO RILASCIO ACCREDITAMENTO DEFINITIVO CASA RESIDENZA

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 14 dicembre 2016 Regolamento disciplinante i procedimenti relativi all accesso civico ai dati, alle informazioni ed ai documenti detenuti dalla

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI Regolamento per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico delle acque reflue fuori dalla pubblica fognatura PREMESSA La Provincia, ai sensi della Parte III del D.Lgs del 03.04.2006 n. 152 art. 124,

Dettagli

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Delibera n. 899 del 17/08/2015 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 PIEVE DI SOLIGO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE L`anno duemilaquindici, il giorno diciassette del mese di Agosto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Emanato con D.R. n. 5108 del 27.12.2017 In vigore dal 11.01.2018 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO INDICE Articolo 1. Oggetto e definizione Articolo

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale DICE Adozione del documento Manuale dei requisiti per l accreditamento dei providers del sistema regionale di formazione continua ed ECM nel Friuli Venezia Giulia Il Direttore Centrale Considerata la Legge

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 468 DEL 19/10/2012 O G G E T T O Adozione documento "Programmazione 2012.

Dettagli

Procedura per la trattazione dei ricorsi avverso al giudizio del medico competente ai sensi dell art. 41 comma 9 del D.Lgs 81/2008 (s.m.i.

Procedura per la trattazione dei ricorsi avverso al giudizio del medico competente ai sensi dell art. 41 comma 9 del D.Lgs 81/2008 (s.m.i. ASL DI BERGAMO PROCEDURA POPSAL011/0 Pag. 1/6 PROCEDURA OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE RELATIVA ALLA PG26A Indice 1- SCOPO...2 2- CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3- RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4- RESPONSABILITA...2

Dettagli

Determinazione Senza Impegno

Determinazione Senza Impegno COPIA Determinazione n 30 In data 31/01/2017 C o m u n e d i M a r a n o L a g u n a r e Provincia di Udine Determinazione Senza Impegno OGGETTO: Avvio procedura mobilità nell'ambito del Comparto Unico

Dettagli

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE

AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA SANITARIA UNIVERSITARIA INTEGRATA DI UDINE DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 912 DEL 10/10/2018 OGGETTO Approvazione dell accordo 2018 con la struttura privata

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI MONTERIGGIONI PROVINCIA DI SIENA Allegato A alla delibera C.C. n. 16 del 09/04/2014 Regolamento per l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento dei servizi educativi per la prima infanzia (ai sensi della L.R.T. 26/07/2002 n.

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale Legge regionale agosto 04, n. 6 (Norme regionali in materia di attività culturali), articoli 9, commi e, lettera a), e 3, commi e. Decreto del Presidente della Regione febbraio 06, n. 7 Regolamento in

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (OSP/00/6682) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto l'articolo 8 ter del Decreto Legislativo 502/1992, introdotto dall'art. 8 del Decreto Legislativo 229/1999, innovativo rispetto alla

Dettagli

Nuova disciplina per la concessione del patrocinio e dell utilizzo del logo regionale

Nuova disciplina per la concessione del patrocinio e dell utilizzo del logo regionale Nuova disciplina per la concessione del patrocinio e dell utilizzo del logo regionale (approvata con DGR n. 1137 del 10/10/2016) Disciplina per la concessione del patrocinio e dell'utilizzo del logo regionale

Dettagli