IL DIRETTORE GENERALE

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRETTORE GENERALE"

Transcript

1 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Responsabile del procedimento: Il Dirigente Responsabile U.O. Affari Generali e Legali: Luca Comelli Estensore Provvedimento: M.C. Grieco Decreto n. 33 del 26 FEB OGGETTO: Piano di riorganizzazione di Agenzia : determinazione degli assetti organizzativi intermedi sino al 31 dicembre Provvedimenti conseguenti. IL DIRETTORE GENERALE Vista e richiamata la Legge Regionale 4 agosto 2006 n 20 e s.m.i. Nuovo ordinamento dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure e riorganizzazione delle attività e degli organismi di pianificazione, programmazione, gestione e controllo in campo ambientale ; Premesso che: - con proprio decreto n 84 del 12 marzo 2013 sono state adottate le proposte finali di Piano di rientro e di riorganizzazione dell Agenzia a valere per il triennio approvate dalla Regione Liguria con Deliberazione della Giunta n 324 del 22 marzo 2013; - con proprio Decreto n 83 del 16 maggio 2014 è stato adottato il nuovo Regolamento e modello organizzativo, il relativo disciplinare e la dotazione organica ai sensi dell art. 19 della Legge regionale 20/2006; - la Giunta Regionale, con deliberazione n 1204 del 30 settembre 2014 ad oggetto: ARPAL - Piano di riorganizzazione di Agenzia : adozione del nuovo Regolamento e modello organizzativo, del relativo disciplinare e della dotazione organica. Nulla osta all ulteriore corso con condizioni e raccomandazioni, ha approvato i documenti citati; - con proprio Decreto n 134 del 21 ottobre successivo, nel prendere atto dell intervenuta approvazione da parte della Giunta Regionale, sono state espressamente abrogate le deliberazioni del Direttore Generale (n 291 del 10 luglio 2008 e n 321 del 31 luglio successivo) inerenti al previgente regolamento di organizzazione, annesso assetto e modello organizzativo, nonché dotazione organica; - l art. 37 del Regolamento di organizzazione, approvato con il citato Decreto n 83 del 16 maggio 2014, prevede che le disposizioni in esso contenute ed i relativi allegati entrano in vigore e si applicano in relazione ai termini temporali previsti dalla riorganizzazione ed in corrispondenza della soppressione delle strutture e/o del trasferimento delle relative funzioni ; Considerato che il piano di riorganizzazione, nel traguardare l assetto organizzativo al 31 dicembre 2015, prevede fasi intermedie con la conseguente riallocazione di funzioni e competenze in un ottica di sistema e di razionalizzazione; Preso atto a tal fine che, in considerazione dei pensionamenti intervenuti sino al 31 dicembre 2014, sono cessati dal servizio cinque dirigenti posti a capo delle seguenti strutture: - Settore C.R.R Grandi Rischi, presso l Unità Tecnica Complessa di Livello Regionale (UTCR);

2 - Settore Attività di Laboratorio, Campionamento e Misura, presso l Unità Operativa Coordinamento Attività della Direzione Scientifica; - Settore Rifiuti e Suolo, presso l Unità Operativa Territorio del Dipartimento di Genova; - Unità Operativa Attività di Interesse Regionale (AIR) presso l Unità Tecnica Complessa di Livello Regionale (UTCR); - Unità Operativa Laboratorio, presso il Dipartimento di Genova; Preso atto altresì che al 31 dicembre 2015 sono previste le cessazioni dal servizio per pensionamento di altri cinque dirigenti, responsabili delle seguenti strutture: - Unità Operativa Pianificazione e Controllo, presso la Direzione Generale; - Unità Operativa Organizzazione e Sistemi, presso la Direzione Generale; - Unità Operativa Laboratorio, presso il Dipartimento di Savona; - Settore Biologia, presso l Unità Operativa Laboratorio del Dipartimento di Imperia; - Settore Ambiente, presso l Unità Operativa Territorio del Dipartimento di Imperia; Tenuto conto che, secondo quanto previsto dal Piano di riorganizzazione: - alcune strutture vengono soppresse a far data dalla cessazione dal servizio del relativo Dirigente e le funzioni e competenze già esercitate dalla struttura soppressa sono traslate ad una o diverse strutture già esistenti; - vengono istituite due nuove strutture complesse, ovvero l Unità Operativa Laboratorio di Genova Laboratorio Regionale e l Unità Operativa Fisica Ambientale presso il Dipartimento di Genova; Considerato che in funzione dell evoluzione dinamica della riorganizzazione, partendo dalla situazione attuale rappresentata nell allegato 1 al presente provvedimento, possono essere previste tre fasi intermedie fino a giungere all assetto organizzativo definitivo ed a regime del 31 dicembre 2015, fasi rappresentate negli allegati da 2 a 5 di seguito in sintesi descritte: PRIMA FASE: 28 FEBBRAIO 2015 (Allegato 2): - l Unità Tecnica Complessa di Livello Regionale (UTCR) perde la valenza dipartimentale; - i compiti e le finalità dell Unità Operativa Attività d Interesse della Regione (che viene soppressa) sono attribuiti all Unità Operativa Attività Specialistiche, posta alle dirette dipendenze della Direzione Scientifica. Detta Unità Operativa assume la denominazione di Unità Tecnica Complessa di Livello Regionale (UTCR) ed è affidata al Responsabile dell Unità Operativa Attività Specialistiche, in continuità con l incarico precedente; - l Unità Operativa Centro Funzionale Meteo-Idrologico di Protezione Civile (CFMI- PC) è posto alle dirette dipendenze della Direzione Scientifica, mantenendo gli stessi compiti e finalità; - i compiti e le finalità dell Unità Operativa Gestionale del Dipartimento di Savona (che viene soppressa) sono attribuiti all Unità Operativa Gestionale del Dipartimento di Imperia che assume la denominazione di Unità Operativa Gestionale Ponente. Detta Unità Operativa è articolata nelle due sedi territoriali di Savona ed Imperia ed è affidata al Responsabile della Unità Operativa Gestionale del Dipartimento di Imperia, in continuità con l incarico precedente; - l Unità Operativa Territorio del Dipartimento di Genova assume i compiti e le finalità del Settore Rifiuti e Suolo, con contestuale soppressione del medesimo Settore; 2

3 - è istituita l Unità Operativa Laboratorio di Genova Laboratorio Regionale, presso il Dipartimento di Genova, che assume i compiti e le finalità dell Unità Operativa Laboratorio di Genova, del Settore Attività di Campionamento e Misura, nonché quelli di laboratorio di radioattività ambientale, con contestuale soppressione dell Unità Operativa Laboratorio di Genova e del Settore Attività di Campionamento e Misura; - è istituita l Unità Operativa Fisica Ambientale presso il Dipartimento di Genova che assume i compiti e le finalità di controllo e monitoraggio dell inquinamento da radiazioni ionizzanti (C.R.R.) e comprende il Settore Agenti Fisici, trasferito dall Unità Operativa Territorio del medesimo Dipartimento; - è soppresso il Settore C.R.R.-Grandi Rischi presso l Unità Operativa Attività Specialistiche; - l Unità Operativa Territorio del Dipartimento di La Spezia assume i compiti e le finalità del Settore Rifiuti e Suolo, con contestuale soppressione del medesimo Settore; - l Unità Operativa Gestionale di La Spezia è soppressa ed i relativi compiti e finalità sono posti in staff al Direttore di Dipartimento; - i compiti e le finalità del Settore Chimica Analitica dell Unità Operativa Laboratorio del Dipartimento di La Spezia (che viene soppressa) sono attribuiti al Settore Analisi strumentale, che assume la denominazione di Settore Chimica. Detto Settore è affidato al Responsabile del Settore Analisi Strumentale dell Unità Operativa Laboratorio del Dipartimento di La Spezia, in continuità con l incarico precedente; infine: - i compiti e le finalità relativi alla Biodiversità ed agli osservatori sono trasferiti all Unità Operativa Coordinamento Attività; SECONDA FASE: 1 GIUGNO 2015 (Allegato 3) - i compiti e le finalità relativi alla definizione delle linee ed obiettivi strategici, ai sistemi informativi ed informatici ed al controllo di gestione - già esercitati dall Unità Operativa Pianificazione e Controllo - sono trasferiti all Unità Operativa Affari Generali e Legali affidata al Responsabile della medesima Unità Operativa in continuità con l incarico precedente; - i compiti e le finalità relativi alla definizione e rendicontazione del Piano Annuale delle Attività (PAA) - già esercitati dall Unità Operativa Pianificazione e Controllo - sono trasferiti all Unità Operativa Coordinamento Attività, affidata al Responsabile della medesima Unità Operativa, in continuità con l incarico precedente; - i compiti e le finalità relativi al ciclo della performance, anch essi già esercitati dall Unità Operativa Pianificazione e Controllo, sono trasferiti all Unità Operativa Risorse Umane che resta affidata al Responsabile della medesima Unità Operativa, in continuità con l incarico precedente; - è contestualmente soppressa l Unità Operativa Pianificazione e Controllo; - l Unità Operativa Territorio del Dipartimento di Imperia assume i compiti e le finalità del Settore Ambiente e del Settore Impianti dell Unità Operativa stessa, con contestuale soppressione dei medesimi Settori; TERZA FASE: 1 OTTOBRE 2015 (Allegato 4) - i compiti e le finalità relativi al miglioramento del sistema organizzativo, già esercitati dall Unità Operativa Organizzazione e Sistemi, sono trasferiti all Unità Operativa 3

4 Affari Generali e Legali che resta affidata al Responsabile della medesima Unità Operativa in continuità con l incarico precedente. Detta Unità Operativa viene posta alle dirette dipendenze della Direzione Generale. - i compiti e le finalità relative alla sicurezza sul lavoro ed al sistema di gestione, anch essi già esercitati dall Unità Operativa Organizzazione e Sistemi, sono attribuiti all Unità Operativa Gestione ed Innovazione Tecnica che assume la denominazione di Unità Operativa Gestione Tecnica e Sicurezza. Detta Unità Operativa viene posta alle dirette dipendenze della Direzione Generale ed è affidata al Responsabile della Unità Operativa Gestione ed Innovazione Tecnica, in continuità con l incarico precedente; - è contestualmente soppressa l Unità Operativa Organizzazione e Sistemi; QUARTA FASE: 31 DICEMBRE 2015 (Allegato 5) - i compiti e le finalità relativi alla comunicazione istituzionale, ai rapporti con i media e alla promozione dell immagine di Agenzia, anche attraverso l organizzazione e la realizzazione di eventi, già esercitati dal Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, sono posti in staff al Direttore Generale; - i compiti e le finalità relativi alla formazione dei dipendenti, anch essi già esercitati dal Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, sono trasferiti all Unità Operativa Risorse Umane affidata al Responsabile della medesima Unità Operativa, in continuità con l incarico precedente; - è contestualmente soppresso il Settore Marketing Comunicazione e Formazione; - i compiti e le finalità dell Unità Operativa Laboratorio del Dipartimento di Savona (che viene soppressa) sono attribuiti all Unità Operativa Laboratorio presso il Dipartimento di Imperia che assume la denominazione di Unità Operativa Laboratorio Ponente. Detta Unità Operativa è affidata al Responsabile della Unità Operativa Laboratorio del Dipartimento di Imperia in continuità con l incarico precedente ed è articolata nelle due sedi territoriali di Savona ed Imperia. La sede di Imperia comprende il Settore Chimica, al momento affidato al Responsabile del Laboratorio Ponente. La sede di Savona comprende il Settore Biologia, ivi inclusi i compiti e le finalità dell accettazione e della chimica di base; - sono contestualmente soppressi i Settori Biologia di Imperia e Chimica di Savona; - l Unità Operativa Gestionale di Genova è soppressa ed i relativi compiti e finalità sono posti in staff al Direttore di Dipartimento; - i compiti e le finalità del Settore Attività Ispettiva ed Istruttoria (che viene soppresso) sono attribuiti all Unità Operativa Coordinamento Attività che assume la denominazione di Unità Operativa Pianificazione e Coordinamento Attività Territoriali. Detta Unità Operativa è affidata al Responsabile dell Unità Operativa Coordinamento attività, in continuità con l incarico precedente; Considerato che è intenzione della Direzione procedere al trasferimento dei compiti e finalità del Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, con contestuale soppressione del Settore stesso, prima del 31/12/2015; Rilevato, altresì, che il predetto trasferimento dei compiti e finalità e contestuale soppressione del Settore Marketing, Comunicazione e Formazione, prima del termine sopra indicato, coinvolge anche la Regione Liguria, e che si procederà quindi con separato provvedimento; Precisato inoltre che le risorse umane, finanziarie e strumentali attualmente assegnate alle strutture destinate ad essere soppresse saranno in ogni caso integralmente confermate e riallocate 4

5 nelle strutture previste dagli assetti intermedi e da quello a regime, in relazione alle funzioni e competenze già esercitate; Osservato che le nuove assegnazioni del personale avverranno all interno della sede territoriale di appartenenza, salvo richiesta da parte del personale stesso, e che saranno comunque preventivamente comunicate alle Organizzazioni Sindacali ed all RSU; Considerato infine che l attribuzione degli incarichi dirigenziali relativi alle due Strutture di nuova istituzione avverrà una volta approvato il Regolamento per il conferimento degli incarichi stessi, in fase di definizione; Ritenuto pertanto necessario adottare gli assetti intermedi di Agenzia sino a traguardare il definitivo assetto organizzativo al 31 dicembre 2015, anche al fine di emanare le disposizioni ulteriori e conseguenti; Vista e richiamata la deliberazione della Giunta Regionale n 1711 del 22 dicembre 2014 ad oggetto: "Legge regionale 20/2006, art. 16 commi 2 bis e 2 ter. Autorizzazione al Direttore Generale Arpal ad assumere le funzioni di Direttore Amministrativo"; Visto il parere del Direttore Scientifico, espresso per quanto di competenza in senso favorevole, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 16, comma 5, della Legge Regionale 4 agosto 2006 n 20 e s.m.i.; Per i motivi specificati in premessa: DECRETA 1. di dare atto che l attuale assetto organizzativo è rappresentato nell allegato 1 al presente provvedimento, quale parte integrante e sostanziale; 2. di adottare gli assetti organizzativi intermedi di Agenzia alle date del 28 febbraio, 1 giugno, 1 ottobre e quello definitivo al 31 dicembre 2015 come rappresentati negli allegati da 2 a 5 anch essi parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 3. di dare atto che per quanto riguarda il Settore Marketing, Comunicazione e Formazione si interverrà con separato provvedimento; 4. di dare atto che le risorse umane, finanziarie e strumentali attualmente assegnate alle strutture destinate ad essere soppresse saranno in ogni caso integralmente confermate e riallocate nelle strutture previste dagli assetti intermedi e da quello a regime in relazione alle funzioni e competenze già esercitate; 5. di dare atto altresì le nuove assegnazioni del personale avverranno all interno della sede territoriale di appartenenza, salvo richiesta da parte del personale stesso, e che saranno comunque preventivamente comunicate alle Organizzazioni Sindacali ed all RSU; 6. di dare mandato alle Unità Operative Affari Generali e Legali, Risorse Umane, Pianificazione e Controllo, Organizzazione e Sistemi, Gestione ed Innovazione Tecnica ed ai Settori Bilancio e Programmazione Finanziaria ed Acquisti, Economato e Logistica, ciascuna per la parte di competenza, di adottare tutti gli atti, le procedure e le disposizioni 5

6 necessarie a dare esecuzione al presente provvedimento; 7. di dare atto che il presente decreto è composto di sei pagine e di cinque allegati. Il Direttore Generale (Avv. Roberto Giovanetti) per il parere espresso Il Direttore Scientifico (Dott.ssa Rosa Maria D Acqui) Il Dirigente Responsabile U.O. Affari Generali e Legali (Dott. Luca Comelli) 6

La Direzione Generale

La Direzione Generale La Direzione Generale Segreteria DG Pianificazione & Controllo Pianificazione e Programmazione Controllo di di Gestione Sistemi Informativi Marketing Comunicazione e Formazione Rapporti istituz. Marketing

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Deliberazione del Direttore Generale n. DEL-2014-99 del 23/12/2014 Oggetto Direzione Generale. Proroga

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. n. 28254 IL DIRETTORE DELL AGENZIA VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma

Dettagli

Prot. n. 24708 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24708 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24708 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014

DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014 DELIBERAZIONE n. 1289 del 14 ottobre 2014 OGGETTO: Liquidazione al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del contributo d iscrizione al SISTRI (Sistema di controllo della Tracciabilità

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE Numero del provvedimento Data del provvedimento Oggetto Contenuto

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 142 Del 20/06/2012 Oggetto:. Approvazione del Regolamento sull attività contrattuale Immediatamente eseguibile Struttura proponente: Direzione Aziendale Dirigente

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009)

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009) DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 13 15 02 2010 OGGETTO: ASL RM/A - parere positivo ai sensi l art. 3 Decreto Commissariale n. U0016 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA VISTA la Legge costituzionale

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 171 del 05/11/2015 OGGETTO: DECRETO PRESIDENZIALE N. 53 DEL 23.12.2014 E SS. MM.. INTEGRAZIONI L anno 2015 addì 05 del mese di Novembre

Dettagli

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie)

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie) L.R. 01 Febbraio 2008, n. 1 Norme generali relative alle agenzie regionali istituite ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto. Disposizioni transitorie relative al riordino degli enti pubblici dipendenti

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE Numero del provvedimento Data del provvedimento Oggetto Contenuto

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA servizio risorse umane Pagina 1/7

PROVINCIA DI VERONA servizio risorse umane Pagina 1/7 Pagina 1/7 Verona, 19 aprile 2016 determinazione organizzativa n. 53/2016 All unità operativa trattamento economico e previdenziale e per conoscenza al dott. Roberto Maria Carbonara segretario direttore

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

DETERMINAZIONE COORDINATORE DI AREA *

DETERMINAZIONE COORDINATORE DI AREA * DETERMINAZIONE COORDINATORE DI AREA * N 804 del 20/05/2015 Il Coordinatore di Area TRATTAMENTO ECONOMICO E GESTIONE CONCORSI adotta il seguente atto avente ad oggetto: Oggetto: APPROVAZIONE DEL VERBALE

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012

Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012 Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012 A.G.C. 15 Lavori pubblici, opere pubbliche, attuazione, espropriazione Settore 3 Geotecnica, geotermia, difesa del suolo Oggetto dell'atto: LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale;

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale; 41185 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127 Servizio Civile Nazionale Valutazione progetti S.C.N. per il programma Garanzia Giovani presentati

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE Determina n. 1090 adottata il 15/12/2014. Il periodo di pubblicazione è di quindici giorni interi e consecutivi a partire dal giorno di adozione. Sottoscritta dal Direttore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 122 DEL 01/04/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 122 DEL 01/04/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 122 DEL 01/04/2014 Il Direttore Generale, Dott. Nicolò Pestelli su proposta della struttura aziendale U.O. Personale adotta la seguente deliberazione: OGGETTO: Dr.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2014-2016 Febbraio 2014 1 Sommario 1 Stato d attuazione del Programma 2013-2015...

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria Proposta nr. 53 del 12/10/2015 - Determinazione nr. 2409 del 14/10/2015 OGGETTO: D.Lgs n. 152/06 e s.m.i. e DPR 59/2013 Autorizzazione

Dettagli

Documento di sintesi

Documento di sintesi Documento di sintesi ORGANIZZAZIONE A.R.T.A. ABRUZZO L A.R.T.A. è organizzata, ai sensi degli articoli 15, 16, 17 e 18 e 30 della legge istitutiva, a livello centrale e periferico. La Direzione Centrale,

Dettagli

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO

Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (D.I. 31/07/1990 e 18/01/2005) OGGETTO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 33081 - Aviano (PN) - Italy Via Franco Gallini 2 C.F. - P.IVA 00623340932 Tel. 0434/6591 Fax 0434/652182 CRO A V I A N O Istituto di ricovero

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 15408 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTI- CA ACCREDITAMENTO 15 marzo 2016, n. 53 D.G.R. n. 485 del 13.03.2012. Corso Triennale di Formazione Specifica

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA SANITARIA LOCALE TOSCANA NORD OVEST DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. N. 11 del 02/01/2016

REGIONE TOSCANA AZIENDA SANITARIA LOCALE TOSCANA NORD OVEST DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. N. 11 del 02/01/2016 REGIONE TOSCANA AZIENDA SANITARIA LOCALE TOSCANA NORD OVEST DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 11 del 02/01/2016 OGGETTO: NOMINA AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GESTIONE RIS-PACS IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI PREMESSA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI Allegato A PREMESSA Il presente regolamento definisce le procedure per l affidamento, la conferma e la revoca degli incarichi dirigenziali di

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

atteso che Considerato quanto sopra,

atteso che Considerato quanto sopra, CONVENZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA TRASMISSIONE DEI DATI DI CUI ALL ART. 244 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Oggetto: Accordo conto terzi tra l Università degli Studi di Macerata e l Accademia delle Belle Arti di Macerata per l avvio di un corso intensivo di lingua italiana destinata agli studenti stranieri dell

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 gennaio 2014. Rideterminazione delle dotazioni organiche del personale del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro e dell

Dettagli

Comune di Airole PROVINCIA DI IMPERIA

Comune di Airole PROVINCIA DI IMPERIA COPIA Comune di Airole PROVINCIA DI IMPERIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 16 OGGETTO: SERVIZIO DI RISCOSSIONE VOLONTARIA E COATTIVA DELL'IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELLA TASSA

Dettagli

Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014

Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014 Comune di Novara Determina Personale Organizzazione/0000194 del 12/12/2014 Area / Servizio Area Organizzativa (05.UdO) Proposta Istruttoria Unità Area Organizzativa (05.UdO) Proponente Monzani/Battaini

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n. di Prot. Direzione Generale 48 REG.DEC. OGGETTO: Ricostituzione dell'organismo indipendente di valutazione della prestazione dell'azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Trieste. SERVIZIO

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO Alla Giunta OGGETTO: F.P. Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli

DIREZIONE. Decreto N. 73 del 23-03-2015. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

DIREZIONE. Decreto N. 73 del 23-03-2015. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 73 del 23-03-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore IZZO GENOVEFFA

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore IZZO GENOVEFFA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G17002 del 26/11/2014 Proposta n. 19935 del 18/11/2014

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 Oggetto: Adozione del Documento di politica aziendale in materia di privacy, del nuovo Regolamento Aziendale in materia di protezione dei dati

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE Via Manzoni, n. 14 - Savona DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE Via Manzoni, n. 14 - Savona DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE Via Manzoni, n. 14 - Savona DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 632 del 23/07/2015 Oggetto: NUCLEO DI VALUTAZIONE AZIENDALE - RISULTANZE OBIETTIVI DI BUDGET ANNO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

DIREZIONE. Decreto N. 55 del 23-03-2015. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

DIREZIONE. Decreto N. 55 del 23-03-2015. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 55 del 23-03-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 224 Servizio di monitoraggio dei corpi idrici sotterranei (P.O. FESR 2007/2013 - Asse II Linea di intervento 2.1.) - Azione 2.1.4.). Approvazione

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETO 12 febbraio 2010. CORTE DEI CONTI Differimento dell adozione di specifici provvedimenti attuativi collegati all istituzione delle nuove funzioni dirigenziali.

Dettagli

ARPAT AJen7r recnie per la protezione arnbenta e della roscana

ARPAT AJen7r recnie per la protezione arnbenta e della roscana / / al i4 J ARPAT AJen7r recnie per la protezione arnbenta e della roscana Decreto del Direttore Generale N. del D0+Jc( Proponente: Settore Gestione risorse umane Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 126 dell 11 09 2014 32725 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Nuove iscrizioni, cancellazioni e variazioni nell Elenco

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

UIL Pubblica Amministrazione INFORMAZIONI SINDACALI

UIL Pubblica Amministrazione INFORMAZIONI SINDACALI UIL Pubblica Amministrazione MINISTERI - ENTI PUBBLICI - UNIVERSITA - RICERCA - AZIENDE AUTONOME - COMPARTO SICUREZZA AGENZIE FISCALI - PRESIDENZA DEL CONSIGLIO VIGILI DEL FUOCO AUTORITA INDIPENDENTI SETTORE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 771 SETTORE Settore Welfare Cittadino NR. SETTORIALE 174 DEL 26/06/2015 OGGETTO: PROGETTO CONTRO CALDO ANNO 2015. IMPEGNO DI SPESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet)

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Decreto del Direttore generale nr. 64 del 13/04/2015 Proponente: Alessandra Bini Carrara Gestione Risorse Umane Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Visto per

Dettagli

DOTAZIONE ORGANICA Organizzazione degli Uffici e dei servizi

DOTAZIONE ORGANICA Organizzazione degli Uffici e dei servizi aggiornato al 25 marzo 205 DOTAZIONE ORGANICA Organizzazione degli Uffici e dei servizi La dotazione organica dell Ente Parco Regionale delle Alpi Apuane è conforme a quella prevista per il triennio d

Dettagli

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Visto lo Statuto dell Agenzia delle dogane deliberato dal Comitato direttivo in data 5 dicembre 2000, modificato e integrato con delibere n. 5 del 14 dicembre 2000 e n. 10

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 aprile 2014, n. 565

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 aprile 2014, n. 565 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 aprile 2014, n. 565 Decreto del Ministro della Sanità 15 dicembre 1990 Sistema informativo Malattie infettive, Piano regionale di sorveglianza Speciale Malattie Infettive

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE 1/3 COPIA NUMERO REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI N. 428 del 24-12-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: RIDETERMINAZIONE ORGANIZZAZIONE SERVIZI ED UFFICI - ASSEGNAZIONE P.O. ANNO 2014 Premesso

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 127 del 12/04/2011 COMUNE DI RIMINI - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE N. : 127 del 12/04/2011 Oggetto : APPROVAZIONE DEL PIANO DELLA PERFORMANCE PER L'ANNO 2011 L anno duemilaundici,

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto Decreto del Direttore generale nr. 57 del 31/03/2015 Proponente: Cesare Fagotti Pianificazione e Controllo Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito

Dettagli

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro.

Oggetto: criteri generali per l articolazione organizzativa interna delle Direzione regionali del lavoro e delle Direzioni territoriali del lavoro. DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DEL PERSONALE L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, IL BILANCIO UPD Div.II Ai Direttori interregionali del lavoro Ai Direttori territoriali del lavoro LORO SEDI E, p.c. Al Capo

Dettagli

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE SISTEMI NATURALI DETERMINAZIONE N. G09628 del 03/08/2015 Proposta n. 11798 del 27/07/2015 Oggetto: Regolamento (CE)

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore elettrico,

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

ARPAT. Decreto dirigenziale del Responsabile Centro Regionale Tutela Qualità dell Aria. N.ìdel» Proponente:Dott.ssa Bianca Patrizia Andreini

ARPAT. Decreto dirigenziale del Responsabile Centro Regionale Tutela Qualità dell Aria. N.ìdel» Proponente:Dott.ssa Bianca Patrizia Andreini Natura dell atto: immediatamente eseguibile Allegato A si cartaceo Denominazione Pubblicazione Tipo di supporto ALLEGATI N : i strumentazione per il rilevamento della qualità dell aria anno 2012. Oggetto:

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 36016 Thiene (VI VI) N. 27/2014 di reg. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Con l'assistenza dei signori: In data: 16/01/2014 Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore dei Servizi Sociali

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 117 DEL 11.09.2015

DETERMINAZIONE N. 117 DEL 11.09.2015 DETERMINAZIONE N. 117 DEL 11.09.2015 OGGETTO: Nomina Medico Competente e designazione RSPP IL DIRETTORE CECCHINI ELISABETTA PREMESSO CHE: - ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i, al datore di lavoro spetta,

Dettagli

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 -

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 - Stato di attuazione del 10/3/2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova - Relazione integrativa anno 2013 - Sommario Premessa... 2 1. Sintesi delle principali attività

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

UFFICIO D AMBITO. Provincia di VARESE

UFFICIO D AMBITO. Provincia di VARESE Delibera Consiglio di Amministrazione P.V. 5 del 28/07/2011 Prot. n. 2739 del 19 Agosto 2011 UFFICIO D AMBITO Provincia di VARESE Oggetto: Individuazione dei servizi che si vogliono mantenere in Convenzione

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 2015. Determinazione delle dotazioni delle risorse umane, finanziarie e strumentali dell Agenzia per l Italia digitale.

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi

COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi Copia Reg. Gen. n. 479 del 11/11/2015 Reg. n.243 del 11/11/2015 COMUNE DI SAN MICHELE SALENTINO Provincia di Brindisi DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO RISORSE

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE VITERBO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N : CS260 DEL : 15/04/2014 STRUTTURA PROPONENTE : DIREZIONE GENERALE OGGETTO : FURIO FABBRI L'estensore Processo di budget

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 5022 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE Numero del provvedimento Data del provvedimento Oggetto Contenuto

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa Schema di DPCM ai sensi del comma 10-ter dell art.2 del Dl 95/2012 Riorganizzazione del MIBACT 1. Le ragioni della riforma 1.1. L attuazione delle misure di

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Allegato A NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO A Z I E N D A P E R L A S S I S T E N Z A S A N I T A R I A N. 1 T R I E S T I N A REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA TRIESTE Decreto n 28 del 29/01/2015 OGGETTO Adempimenti connessi alla Legge 6 novembre

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 433 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 106 DEL 16/04/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 433 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 106 DEL 16/04/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 433 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 106 DEL 16/04/2015 OGGETTO: TRASFERIMENTO DELLA U.O.C. RISORSE UMANE PRESSO ALTRI LOCALI

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 17-11-2008 (punto N. 12 ) Delibera N.932 del 17-11-2008 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ADRIANO MANDATO Indirizzo CENTRO DIREZIONALE ISOLA C5 NAPOLI Telefono +39 081 7968597 E-mail adriano.mandato@regione.campania.it Nazionalità italiana Data di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli