REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014 Codice DB2016 D.D. 7 aprile 2014, n. 262 Approvazione dei criteri per l'accreditamento istituzionale dei Centri residenziali di Cure Palliative - Hospice, secondo quanto disposto dalla D.G.R. n del , di approvazione dei Programmi operativi per il triennio Con D.G.R. n del sono stati approvati il recepimento e l iniziale attuazione dell Intesa del , ai sensi dell articolo 8, comma 6, della Legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano sulla proposta del Ministro della Salute, di cui all art. 5 della Legge 15 marzo 2010, n. 38, di definizione dei requisiti minimi e delle modalità organizzative necessari per l accreditamento delle strutture di assistenza ai malati in fase terminale e delle unità di cure palliative e della terapia del dolore. In specifico, per quanto riguarda la Rete regionale di Cure Palliative, nella Deliberazione suddetta si ribadiscono alcuni punti illustrati nell Intesa in parola, al fine di poter intraprendere il percorso di attuazione della stessa sul territorio regionale, compatibilmente con quanto disposto dal Piano Sanitario Regionale , approvato con D.C.R. n del ed, in particolare, con la riorganizzazione della Rete Ospedaliera regionale che in esso è dettagliata. La deliberazione sopra citata, prevede di [ ] demandare a successivo provvedimento della Direzione Sanità l individuazione di dettaglio dei percorsi attuativi della normativa suddetta [la L. 15 marzo 2010, n. 38], in particolare per quanto riguarda il soddisfacimento dei requisiti citati nell Intesa dei centri erogatori di cure palliative e la piena attuazione degli obiettivi di risposta al fabbisogno di salute previsti con specifico documento dedicato alla rete degli Hospice, [ ]. Rilevato che l intervento di cui al presente provvedimento è attuativo dei Programmi Operativi per il triennio , approvati con D.G.R. n del , Azione : Cure Palliative e terapia del dolore per il paziente adulto e pediatrico, che prevede, tra i risultati programmati, l adozione dei provvedimenti per l individuazione di dettaglio dei percorsi attuativi della normativa nazionale, in particolare per quanto riguarda il soddisfacimento dei requisiti dei centri erogatori di cure palliative e la piena attuazione degli obiettivi di risposta al fabbisogno di salute previsti, con specifico documento dedicato alla rete degli Hospice, entro il Rilevato, altresì, che i Programmi Operativi di cui sopra sono stati approvati, ai sensi dell art. 15, comma 20 del D.L. n. 95/2012 convertito, con modificazioni, in legge n. 135/2012 in esito alle valutazioni emerse in sede di tavolo ministeriale di verifica sull attuazione del Piano di rientro , approvato con DD.G.R. n del , n del e n del e la loro attuazione costituisce condizione necessaria per non compromettere l attribuzione, in via definitiva, delle risorse finanziarie, in termini di competenza e di cassa, condizionate alla piena attuazione dello stesso PRR. L individuazione di dettaglio dei percorsi attuativi della Rete di Cure Palliative è stata approvata con D.D. n. 338 del ; risulta ora necessario approvare, con il presente atto, il percorso di accreditamento istituzionale dei Centri residenziali di Cure Palliative Hospice, così come dettagliato nell Allegato A, parte sostanziale ed integrante della presente determinazione. Si precisa che il percorso di accreditamento oggetto del presente atto è già stato parzialmente attuato, in modo sperimentale, nel corso dell anno 2009, a cura dell Agenzia Regionale dei Servizi Sanitari (ARESS), come si evince dalla documentazione agli atti della Direzione Sanità.

2 Si precisa, infine, che ai percorsi attuativi dell accreditamento in parola le cui modalità saranno definite successivamente con atti ad hoc, si provvederà nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi, o maggiori oneri per il bilancio regionale. Tutto ciò premesso, IL DIRETTORE Vista la L.R. 23 del artt. 17 e 18; Viste le DD.G.R. n del , n del e n del ; Vista la D.C.R. n del ; Vista la D.G.R. n del ; Vista la D.G.R. n del ; Vista la D.D. n. 338 del determina di approvare i criteri per l accreditamento istituzionale dei Centri residenziali di Cure Palliative Hospice, secondo quanto disposto dalla D.G.R. n del di approvazione dei Programmi Operativi per il triennio , così come dettagliato nell Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione; di dare atto che l intervento di cui al presente provvedimento è attuativo dei Programmi Operativi per il triennio , approvati con D.G.R. n del , Azione : Cure Palliative e terapia del dolore per il paziente adulto e pediatrico, che prevede, tra i risultati programmati, l adozione dei provvedimenti per l individuazione di dettaglio dei percorsi attuativi della normativa nazionale, in particolare per quanto riguarda il soddisfacimento dei requisiti dei centri erogatori di cure palliative e la piena attuazione degli obiettivi di risposta al fabbisogno di salute previsti, con specifico documento dedicato alla rete degli Hospice, entro il ; di precisare che ai percorsi attuativi dell accreditamento in parola le cui modalità saranno definite successivamente con atti ad hoc - si provvederà nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi, o maggiori oneri per il bilancio regionale. La presente determinazione sarà pubblicata sul B.U. della Regione Piemonte, ai sensi dell art. 61 dello Statuto e 16 del DPGR 8/R/2002. Avverso la presente determinazione è ammesso ricorso entro il termine di 60 giorni innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale. Il Direttore Regionale Sergio Morgagni Allegato

3 REQUISITIEINDICATORIPERL ACCREDITAMENTODELLESTRUTTURE RESIDENZIALIDICUREPALLIATIVEHOSPICE AllegatoA DEFINIZIONE:LeStruttureResidenzialidiCurePalliative,diseguitodefinite"Hospice",ospitanopersonenonpiùassistibili pressoildomicilioinfaseavanzataeterminalediunamalattiaadandamentoirreversibile,nonpiùsuscettibileditrattamenti attiallaguarigioneoalrallentamentodellaprogressionedellamalattia.obiettivoprincipaleintalicasièaccompagnarela personaelasuafamigliainquestafasedellavita,nelpienorispettodellasuadignità,mediantelariduzionedellasofferenza fisica,psicologica,sociale,spirituale.leprestazionioffertedaglihospicesicaratterizzanoperbassatecnologiamaelevata intensitàassistenziale.l'assistenzarichiedeunintensoeapprofonditolavorodiéquipe,chevedecoinvoltimedici,infermieri, operatorisociosanitari,assistentisociali,psicologi,assistentispiritualievolontari. PerirequisitiminimistrutturaliorganizzativietecnologicisifariferimentoalDecretodelConsigliodeiMinistridel20Gennaio 2000.Diseguitovengonoriportatialcunipassaggiindicativi:

4 I.Requisitiminimistrutturali. 1.1Localizzazione. Lalocalizzazionepuòesserenell'ambitodiunedificiospecificamentededicato,diunastrutturaospedalieraodiunastruttura residenzialesanitaria.inognicasolalocalizzazionedovràavvenireinzonaurbanaourbanizzata,protettadalrumore cittadinoeconbuonicollegamenticonilcontestourbano,inmododafavorirnel'accessibilitàdapartedeifamiliariedei parenti.nelcasodiimpossibilitàdieliminareilrumore,essodeveessereopportunamenteabbattuto. 1.2Dimensionigenerali. Leesigenzedielevatapersonalizzazionedell'interventorendononecessariaunacapacitàrecettivalimitataenonsuperiorea 30posti,articolatainmoduli. 1.3Tipologiastrutturaleearticolazioneinareefunzionali. Latipologiastrutturaleadottatadevegarantireilrispettodelladignitàdelpazienteedeisuoifamiliarimedianteuna articolazionespazialeutileacrearecondizionidivitasimiliaquellegodutedalpazientepressoilpropriodomicilio.deve esserepermessalapersonalizzazionedellestanze.laqualitàdeglispaziprogettatidevefacilitareilbenessereambientale, lafruibilitàdeglispazieilbenesserepsicologico.l'articolazionefunzionaledelcentrodovràincludereleseguentiaree: a)areadestinataallaresidenzialità; b)areadestinataallavalutazioneealleterapie;c)areageneraledisupporto. A.Areadestinata,allaresidenzialità. Ognimoduladeveesseredotatodi: a)cameresingoledidimensionitalidapermetterelapermanenzanotturnadiunaccompagnatore,untavoloperconsumarei pasti,unapoltrona,iserviziigienici.nellacameraarredatasideveassicurarelospazioadeguatoperinterventimedici; b)cucinatisaneria; c)depositobiancheriapulita;

5 d)depositoattrezzature,carrozzineematerialidiconsumo; e)serviziigieniciperilpersonale; f)localedipostazioneperilpersonalediassistenzainposizioneidonea; g)ambulatoriomedicheria; h)soggiornopolivalenteospaziequivalentianchedivisiinambitidadestinareadiverseattività(ristorazione,conversazione, letturaecc.); i)depositosporcodotatodivuotatoioedilavapadelle. B.Areadestinataallavalutazioneeallaterapia: a)localieattrezzatureperterapieantalgicheeprestazioniambulatoriali,conspazioperl'attesachenonintralciipercorsi;b) localeperlapreparazioneemanipolazionedeifarmaciepreparazioninutrizionali; c)localiperleprestazioniinregimediurno; d)localepericolloquiconilpersonale(psicologo,assistentesocialeecc.); e)localedepositopulito,sporcoeattrezzature. C.Areegeneralidisupporto. Leareegeneralidisupportodevonoincludere: a)ingressoconportineriaetelefonoespazioperlerelazioniconilpubblico;b)spogliatoiodelpersonaleconserviziigienici; c)spogliatoioelocalidisostaelavoroperilpersonalevolontario; d)localeperriunionidiéquipe. QualorailCentrononsialocalizzatoinunastrutturasanitaria,leareegeneralidevonoincludere: a)cameremortuarieinnumeroidoneo(raccomandabileunaogniottoletti); b)spazioperidolenti; c)salaperilculto;

6 d)localeperusoamministrativo; e)cucina,dispensaelocaliaccessoriperlavanderiaestireria(qualoraquestiservizivenisserodatiinappalto,ilcentrodovrà comunqueesseredotatodilocalidistoccaggiooditemporaneodepositoodiriscaldamentodeicibi,disupportoalleditte esterne); f)magazzini. 2.Requisitiminimitecnologici. 2.0Requisitiminimiimpiantistici. IlCentrodeveesseredotatodi: a)impiantodiriscaldamentoodiclimatizzazione b)impiantodiilluminazionediemergenza; c)impiantodiforzamotricenellecamereconalmenounapresaperl'alimentazionenormale;d)impiantodichiamatacon segnalazioneacusticaeluminosa; e)impiantogasmedicali:preseperilvuoto,perl'ossigenoel'aria; f)impiantotelefonicocondisponibilitàditelefonifissiemobiliperipazientiinognimodulo;g)impiantotelevisivo. 2.1Fattoridisicurezzaeprevenzioneinfortuni: a)pavimentiinmaterialeesuperficieantisdrucciolo; b)assenzadibarrierearchitettoniche; c)applicazionedisostegniemancorrentiinvistaalleparetieaiserviziigienici; d)dotazionedisistemadiallarmenellecamereeneiserviziigieniciperipazienti; e)impiantocentralizzatodisegnalazionedellechiamate; t)segnaleticadiinformazionediffusa. 2.2Dotazionitecnologiche:

7 a)arredi,comprendentilettispecialiconschienaliregolabili; b)ausiliepresidi,includentimaterassiecusciniantidecubito,carrozzelle,sollevatoritrasportatori,barelledoccia,vasche dabagnoperdisabili; c)apparecchiature,includentiattrezzatureidoneeallagestionedellaterapiaestrumentarioperpiccolachirurgia. Premessoquantosopra,diseguitosonoriportatiirequisitidiaccreditamento: Requisiti L'Hospiceèlocalizzatoinunedificiospecificamentededicato(instrutturaospedaliera,oinstrutturaresidenziale sanitaria)? Lalocalizzazioneèinzonaurbana,ourbanizzata,protettadalrumorecittadinoeconbuonicollegamenticonilcontesto urbano? Lastrutturaèdispostasullabasediunelevatogradodipersonalizzazionedell'intervento,concapacitàricettivamassima di30posti,articolatiinmoduli? L'ambienteèconfortevole,conspaziadeguatiededicati(curadeicolori,arredi,spazicomuni,residenzialità,areaperla valutazionedelpazienteeperleterapie,areageneraledisupporto)taledacrearecondizionidivitadelpazientesimilia quellegodutealdomicilio? Lecameresingolesonodidimensionitalidapermetterelapermanenzanotturnadiunaccompagnatore?Dispongonodi untavoloperconsumareipasti,diunapoltrona,deiserviziigienici?lecamerearredatecontemplanolospazio adeguatoperinterventimedici? L'areaperlaresidenzialitàèdotatadeglispaziadeguati(cucinatisaneria,depositoperlabiancheriapulita,depositoper leattrezzature,lecarrozzineeperimaterialidiconsumo,serviziigieniciperilpersonale,localedipostazioneperil personaleinposizioneidonea,ambulatoriomedicheria,soggiornopolivalente,ospaziequivalentianchedivisiinambiti dadestinareadiverseattivitàristorazione,conversazione,lettura,etc.depositosporcodotatodivuotatoioedi lavapadelle)? L'areadestinataallavalutazionedelpazienteedalleterapieèdotatadeglispaziadeguati(localieattrezzatureper terapieantalgiche,eprestazioniambulatoriali,conspazioperl'attesachenonintralciipercorsi;localeperla preparazioneemanipolazionedeifarmaciepreparazioninutrizionali;localiperleprestazioniinregimediurno;localeperi colloquiconilpersonalepsicologo,assistentesocialeecc.;localedepositopulito,sporcoeattrezzature)? Leareegeneralidisupportosonodotatedeglispaziadeguati(ingressoconportineriaetelefonoespazioperlerelazioni conilpubblico;spogliatoiodelpersonaleconserviziigienici;spogliatoioelocalidisostaelavoroperilpersonale volontario;localeperriunionidiéquipe)?

8 Nelcasoincuil'Hospicenonsialocalizzatoinstrutturasanitaria,leareegeneralisonodotatedeglispazinecessari (cameremortuarieinnumeroidoneo(raccomandabileunaogniottoletti;spazioperidolenti;salaperilculto;localeper usoamministrativo);cucina,dispensaelocaliaccessoriperlavanderiaestireria,localidistoccaggiooditemporaneodeposito,odi riscaldamentodeicibi,disupportoalleditteesterne,qualoraiservizisuddettisianoinappalto;magazzini?) L'Hospiceèdotatodeirequisitiminimiimpiantistici(impiantodiriscaldamentoodiclimatizzazione;impiantodi illuminazionediemergenza;impiantodiforzamotricenellecamereconalmenounapresaperl'alimentazionenormale; impiantodichiamataconsegnalazioneacusticaeluminosa;impiantogasmedicali:preseperilvuoto,perl'ossigenoe l'aria;impiantotelefonicocondisponibilitàditelefonifissiemobiliperipazientiinognimodulo;impiantotelevisivo)? L'Hospiceèdotatodeifattoridisicurezzaeprevenzioneinfortuni(pavimentiinmaterialeesuperficieantisdrucciolo; assenzadibarrierearchitettoniche;applicazionedisostegniemancorrentiinvistaalleparetieaiserviziigienici; dotazionedisistemadiallarmenellecamereeneiserviziigieniciperipazienti;impiantocentralizzatodisegnalazione dellechiamate;segnaleticadiinformazionediffusa. L'Hospicedisponedelledotazionitecnologicheminime(arredi,comprendentilettispecialiconschienaliregolabili;ausilie presidi,includentimaterassiecusciniantidecubito,carrozzelle,sollevatoritrasportatori,barelledoccia,vaschedabagno perdisabili;apparecchiature,includentiattrezzatureidoneeallagestionedellaterapiaestrumentarioperpiccola chirurgia,carrelloemergenzacondefibrillatore,elettrocardiografo)? Esisteundocumentocontenente:mission,vision,organizzazione,servizierogati,obiettivistandarderesponsabilitàove venganodichiaratiiriferimentiaiprincipidellecurepalliativecitatinellanormativavigente? Ildocumentoèstatocomunicatoedivulgatoatuttiglioperatori? Esisteunatto/documentocontenenteicriteridiattribuzionedicompitieresponsabilità(Organigrammae Funzionigramma)? Vièevidenzadellanominadiunresponsabilemedicodellastruttura? Vièevidenzadellasoddisfazionedeirequisiticogentiperl'attribuzionedelruolodiresponsabilemedicodell'Hospice? Esistonoprocedureperl'Hospiceconcordateconaltriserviziostruttureperconsulenzeintegrativesanitarieenon sanitarie? Esistonoprocedureconcordateperlafornituradiservizidiagnosticieterapeutici(es.radioterapia,laboratorio,radiologia, etc.)? Eindividuatocentrotrasfusionalediriferimentoedesistonoprocedureconcordateperlafornituradegliemoderivati? Esistonoprocedureconcordateperitrasportiprogrammatiedinemergenza? Esistonoprocedureconcordateperi'approvvigionamentodifarmaciematerialesanitario? Esisteunprontuarioterapeuticodiriferimentoperi'Hospice? Vièevidenzadiproceduraperl'accoglienzainstrutturadeipazienteedeifamiliari?

9 VièevidenzadiundocumentocheesplicitiicriteridiaccessoinHospice? Vièevidenzadiundocumentocheesplicitileprioritàdiaccessoperlacostruzionedellelisted'attesa? Vièevidenzadell'esistenzadeiregistrolistad'attesaricoveroinHospice Vièevidenzadell'esistenzadiunpianoassistenzialeperognipazienteedeisuocostanteaggiornamento? Vièevidenzadellapresenzaincartelladistrumentidivalutazionevalidatiperildoloreediscalemultidimensionali? Perlaqualitàdellavitavièevidenzadellapresenzaedapplicazionediprotocollie/oprocedureriferite,ovepossibile,a lineeguidavalidatecheriguardino:controllodeidoloreedeisintomi,sedazione,alimentazionee idratazione,comunicazionedi"cattivenotizie",principaliattivitàdinursing,gestionedeilutto,gestionedellasalma Vièevidenzadell'esistenzadiprocedureconcordatecongliattoridellaRetediCurePalliative(UOCP)peruna dimissioneprotetta? Vièevidenzadellaprogrammazionediincontridisostegnopsicologicoperglioperatori(registrazioneodocumentazione asupporto)? Vièevidenzadiprocedureperl'affiancamentodeipersonalecheiniziaalavorareinHospice? Vièunaproceduraconsolidatadivalutazioneiningressodellecompetenzepereventualesuccessivaintegrazione? VièevidenzadiunPianodiformazionecontinuaperglioperatoridell'Hospice? VièevidenzadiunPianodiformazionespecificaediaffiancamentoperivolontaricheoperanoinHospice? Vièevidenzadocumentaledelfattochesiastatoindividuatouncoordinatoredeivolontari? Vièevidenzadellapartecipazionedelcoordinatoredeivolontarialleriunionidiéquipe? E'inusonell'Hospiceunacartellaclinicoassistenzialeintegrataperunusointerdisciplinare? E'assicuratalaregistrazionesistematicadeidatiutilisiaperunflussodocumentaleistituzionale,siaperunavalutazione dellaqualitàdell'assistenza? L'Hospiceèdotatodiunacartadeiserviziaggiornata? E'assicuratalasistematicarilevazionedelconsensodelpaziente,odellepersonediriferimentocircaicontenutiei destinataridelleinformazioni? Vièevidenzachesiagarantitoilrispettodellanormativasullaprivacyelacoerenzacomunicativa? Vièevidenzadiunprocessocheprevedalaclassificazione,l'esameelapropostadisoluzionideiproblemievidenziati daireclami?

10 Vièevidenzadocumentaledellasistematica(almenoannuale)valutazionedellasoddisfazionedell'utenza(clientiesterni edinterni)? Vièevidenzachevengonoregolarmentetenutiincontrididiscussionesuicasicliniciaiqualipartecipanotuttigli operatorisanitari E'definitalamodalitàdiriconoscimentodeglioperatori? Vièevidenzacheesistanoprocedureperilriskmanagement(adesempiocadute,somministrazioniterapie)? Codice Requisito Possibilievidenze Esito Osservazioni COSHOS1 COSHOS2 Esisteundocumentocontenente:mission, vision,organizzazione,servizi erogati,obiettivistandarderesponsabilità ovevenganodichiaratiiriferimentiai principidellecurepalliativecitati nellanormativavigente Ildocumentoèstatocomunicatoe divulgatoatuttiglioperatori SI NO Verbalediincontrie/o diffusionecartaceaosu intranet SI NO COSHOS3 COSHOS4 Esisteunatto/documentocontenentei criteridiattribuzionedicompitie responsabilità(organigrammae Funzionigramma) Vièevidenzadellanominadiunresponsabile medicodellastruttura Conevidenzadiffusione agliinteressati SI NO SI NO COSHOS5 Vièevidenzadellasoddisfazionedeirequisiti cogentiperl'attribuzionedelruolodi responsabilemedicodell'hospice SI NO COSHOS6 Esistonoprocedureperl'Hospice concordateconaltriserviziostruttureper consulenzeintegrativesanitarieenon sanitarie Leproceduredevono descrivereilchi,cosa, comeequandodell'attività. Possonoessereverificati alcunicasiincartella(ad es.frarichiesta consulenzaed SI NO

11 COSHOS7 COSHOS8 COSHOS9 Esistonoprocedureconcordateperla fornituradiservizidiagnosticieterapeutici (es.radioterapia,laboratorio,radiologia, etc) Eindividuatoilcentrotrasfusionaledi riferimentoedesistonoprocedure concordateperlafornituradegli emoderivati Esistonoprocedureconcordateperi trasportiprogrammatiedinemergenza effettuazioneconsulenza) Leproceduredevono descrivereilchi,cosa, comeequandodell'attività Leproceduredevono descrivereilchi,cosa, comeequandodell'attività Leproceduredevono descrivereilchi,cosa, comeequandodell'attività SI NO SI NO COSHOS10 COSHOS11 Esistonoprocedureconcordateper l'approvvigionamentodifarmaciemateriale sanitario Esisteunprontuarioterapeuticodiriferimento perl'hospice Leproceduredevono descrivereilchi,cosa, comeequandodell'attività SI NO SI NO COSHOS12 Vièevidenzadiproceduraperl'accoglienzain strutturadelpazienteedeifamiliari SI NO COSHOS13 COSHOS14 Vièevidenzadiundocumentocheesplicitii criteridiaccessoinhospice Vièevidenzadiundocumentocheesplicitile prioritàdiaccessoperlacostruzionedelleliste d'attesa SI NO SI NO COSHOS15 COSHOS16 Vièevidenzadell'esistenzadelregistrolista d'attesaricoveroinhospice Vièevidenzadell'esistenzadiunpiano assistenzialeperognipazienteedelsuo costanteaggiornamento Ilregistrodeveessere coerentecoldocumentodel requisitoprecedente Procedurachedescrivele modalitàdicompilazione delpianoassistenzialeela verificaperiodicadellasua applicazione(vedi COGVMQ13ultimopuntoe BEVQO8).Reportsulla verificadell'applicazione. SI NO SI NO

12 COSHOS17 Vièevidenzadellapresenzaincartelladi strumentidivalutazionevalidatiperdoloree discalemultidimensionali. Perlaqualitàdellavitavièevidenzadella presenzaedapplicazionediprotocollie/o procedureriferite,ovepossibile,alineeguida validatecheriguardino:controllodeidolore deisintomi,sedazione,alimentazionee idratazione,comunicazionedi"cattivenotizie", principaliattivitàdinursing,gestionedel lutto,gestionedellasalma Perprimopuntovedi requisitoprecedente.si possonovedereanche alcuniesempidicartella preseacampione. Persecondopuntole eprocedurerichiesteche riportinoiriferimentia eventualilineeguida. Eventualmentealcuni esempidirecepimento dellel.g.nelleprocedure. Verificaapplicazionedelle proceduretramitealcune cartelle. SI NO COSHOS18 Vièevidenzadell'esistenzadiprocedure concordatecongliattoridellaretedicure Palliative(UOCP)perunadimissioneprotetta Leprocedurerichieste. Eventualiregistrazioniin cartella SI NO COSHOS19 Vièevidenzadellaprogrammazionediincontri disostegnopsicologicoperglioperatori (registrazioneodocumentazioneasupporto) Documentodescrittivodi quantofatto.pianoper futuro.verbaliincontri. SI NO COSHOS20 Vièevidenzadiprocedureper l'affiancamentodelpersonalecheiniziaa lavorareinhospice Procedurerichieste(per ogniprofiloprofessionale), schedediaffiancamento(o altraregistrazione) compilate SI NO COSHOS21 Vièunaproceduraconsolidatadi valutazioneiningressodellecompetenze pereventualesuccessivaintegrazione Schedecompilatedi valutazionedelle competenze. Indirettamenteilrequisito richiedechesianodefinite lecompetenzedellediverse mansioni SI NO COSHOS22 VièevidenzadiunPianodiformazione continuaperglioperatoridell'hospice IlPianodiformazione aggiornatoneglianni. SI NO

13 COSHOS23 COSHOS24 VièevidenzadiunPianodiformazione specificoediaffiancamentoperivolontari cheoperanoinhospice Vièevidenzadocumentaledelfattochesia statoindividuatouncoordinatoredei volontari Documentochedescriva l'attività(chi,quando,cosa, comedell'affiancamento). Conseguentemodulistica compilata SI NO SI NO COSHOS25 Vièevidenzadellapartecipazionedel coordinatoredeivolontarialleriunionidi équipe Verbalidiriscontro SI NO COSHOS26 COSHOS27 COSHOS28 COSHOS29 COSHOS30 E'inusonell'Hospiceunacartellaclinico assistenzialeintegrataperunuso interdisciplinare. E'assicuratalaregistrazionesistematicadei datiutilisiaperunflussodocumentale istituzionale,siaperunavalutazionedella qualitàdell'assistenza. L'Hospiceèdotatodiunacartadeiservizi aggiornata E'assicuratalasistematicarilevazionedel consensodelpaziente,odellepersonedi riferimentocircaicontenutieidestinataridelle informazioni Vièevidenzachesiagarantitoilrispettodella normativasullaprivacyelacoerenza comunicativa SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO COSHOS31 COSHOS32 COSHOS33 Vièevidenzadiunprocessocheprevedala classificazione,l'esameelapropostadi soluzionideiproblemievidenziatidai reclami Vièevidenzadocumentaledellasistematica (almenoannuale)valutazionedella soddisfazionedell'utenza(clientiesternied interni) Vièevidenzachevengonoregolarmentetenuti incontrididiscussionesuicasicliniciaiquali partecipanotuffiglioperatorisanitari Documentochedescriva l'attività.schedecompilate direclamieregistrazionidei diversipassaggidel processo. Procedurachedescrive l'attività.reportsulla soddisfazione. SI NO SI NO SI NO

14 COSHOS34 COSHOS35 E'definitalamodalitàdiriconoscimento deglioperatori Vièevidenzacheesistanoprocedureperilrisk management(adesempiocadute, somministrazioniterapie) Tesserediidentificazione, camicinominativi,ecc Esistenzadelleprocedure. Attivitàstrutturatee documentatediverifica dell'applicazione. SI NO SI NO

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1568/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 29 del mese di ottobre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 28-4006 Recepimento Accordi ed intese stipulati fra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano ai

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-12-2012 (punto N 43 ) Delibera N 1225 del 28-12-2012 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 febbraio 2014, n. 15-7093 Recepimento dell'accordo Rep. n. 146/CSR del 17/10/2013, recante "Linee guida l'adozione di piani di controllo

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Ist ru zi on e, Formazi on e e La vo r o Sistema Scolastico - Educativo regionale - Settore O GG E TTO : Parametri di spesa per percorsi di IeFP (II e III annualità) triennio IeFP 2013/2016 (dgr 190/12), modalità e termini per la presentazione dei progetti di dettaglio I annualità 2014/15 (triennio

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 29-4854 Recepimento ed iniziale attuazione dell'intesa del 25.07.2012, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della Legge 5

Dettagli

Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale pubblica sociale.

Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale pubblica sociale. REGIONE PIEMONTE BU4 23/01/2014 Codice DB0803 D.D. 20 dicembre 2013, n. 676 Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 22 aprile 2014, n. U00140 Sistema di Educazione Continua in medicina della Regione Lazio: contributo alle spese dovuto dai

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA 1329 22/02/2012 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA APPROVAZIONE DELL AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2012/2013, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

16/09/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 74 - Supplemento n. 1 Pag. 261 di 422. Regione Lazio

16/09/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 74 - Supplemento n. 1 Pag. 261 di 422. Regione Lazio 16/09/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 74 - Supplemento n. 1 Pag. 261 di 422 Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319 42803 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 dicembre 2013, n. 2319 Recepimento dell Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome del 22 febbraio 2012 sui corsi di formazione abilitanti per l utilizzo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 19273 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 Modello di accreditamento della formazione continua della Regione Puglia L Assessore alle Politiche della Salute, Prof. Tommaso Fiore,

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area: POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio: PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE Codice

Dettagli

Conferenza Stato Regioni

Conferenza Stato Regioni Pagina 1 di 5 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee guida per l accreditamento delle Banche di sangue da cordone

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE SANITA E ASSISTENZA SOCIALE. Cagliari, DECRETO N. 11 del 13 febbraio 2012

ASSESSORATO DELL IGIENE SANITA E ASSISTENZA SOCIALE. Cagliari, DECRETO N. 11 del 13 febbraio 2012 Prot. N. Cagliari, DECRETO N. 11 del 13 febbraio 2012 Oggetto: VISTI Tavoli tecnici per l attuazione delle Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore ai sensi della

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE IN DATA 23/01/2013 N. 31 OGGETTO:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 16959 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 16 maggio 2011, n. 1101 DGR 1079/2008. Linee Guida per i siti web delle Aziende ed Istituti Pubblici del SSR e per l utilizzo della posta elettronica certificata.

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

A relazione dell'assessore Pentenero:

A relazione dell'assessore Pentenero: REGIONE PIEMONTE BU12S1 26/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 marzo 2015, n. 19-1217 DPR 20 marzo 2009, n. 81, DPR 20 marzo 2009, n. 89, DCR n. 10-35899 del 4 novembre 2014. Programmazione

Dettagli

Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC 2007-2013.

Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC 2007-2013. REGIONE PIEMONTE BU23 11/06/2015 Codice A15010 D.D. 16 aprile 2015, n. 243 Precisazioni in merito all'attuazione degli interventi di Social Housing e degli interventi ammessi ad usufruire dei fondi PAR-FSC

Dettagli

A relazione del Presidente Chiamparino: Premesso che:

A relazione del Presidente Chiamparino: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU5S1 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 dicembre 2014, n. 59-870 Recepimento dell' Accordo ai sensi dell' art. 9, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 26 marzo 2013. Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientiþ che che chiedono il loro accreditamento per lo svolgimento di attività

Dettagli

Con successive determinazioni dirigenziali sono stati approvati i bandi di concorso per ciascuna misura d intervento ed i modelli di domanda.

Con successive determinazioni dirigenziali sono stati approvati i bandi di concorso per ciascuna misura d intervento ed i modelli di domanda. REGIONE PIEMONTE BU39 01/10/2015 Codice A15010 D.D. 8 luglio 2015, n. 533 Edilizia Residenziale Pubblica "Programma casa : 10.000 alloggi entro il 2012". Primo biennio, misura Sovvenzionata. Richiesta

Dettagli

Protocollo di intesa. tra

Protocollo di intesa. tra Protocollo di intesa tra L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) con Sede in Roma, Via IV Novembre, 144 (CF 01165400589), rappresentato dal Presidente Massimo De

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 01-10-2014 DELIBERAZIONE N. 489 OGGETTO: ACCORDO AI SENSI DELL'ART.5, COMMA 2, DELLA LEGGE 15 MARZO 2010, N. 38

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore IZZO GENOVEFFA

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore IZZO GENOVEFFA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G17002 del 26/11/2014 Proposta n. 19935 del 18/11/2014

Dettagli

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU41 09/10/2014 Codice DB0803 D.D. 13 giugno 2014, n. 379 Contributi semestrali a favore dell'istituto Bancario "Banca Popolare di Milano Scarl" a copertura dei mutui agevolati disposti

Dettagli

Aggiornamento dei limiti massimi di costo degli interventi di Edilizia Sociale Agevolata e Sovvenzionata a decorrere dal 30 giugno 2013.

Aggiornamento dei limiti massimi di costo degli interventi di Edilizia Sociale Agevolata e Sovvenzionata a decorrere dal 30 giugno 2013. REGIONE PIEMONTE BU48 28/11/2013 Codice DB0803 D.D. 18 novembre 2013, n. 582 Aggiornamento dei limiti massimi di costo degli interventi di Edilizia Sociale Agevolata e Sovvenzionata a decorrere dal 30

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 alla Sanità Carlo Borsani Definizione dei rapporti contrattuali di cui alla dgr n. 47508/99 in applicazione degli indici programmatori espressi dal PSSR 2002/2004.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 Modifica della deliberazione 18 luglio 2008, n. 1820 (Sistema di accreditamento per l'affidamento in gestione degli interventi formativi cofinanziati

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU50 12/12/2013

REGIONE PIEMONTE BU50 12/12/2013 REGIONE PIEMONTE BU50 12/12/2013 Codice DB0803 D.D. 8 ottobre 2013, n. 468 Edilizia Residenziale Pubblica. "Programma casa: 10.000 alloggi entro il 2012" - Secondo biennio - misura AGEVOLATA. Impegno di

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011

REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011 REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011 Codice DB2005 D.D. 28 marzo 2011, n. 214 Nomina dei componenti della Commissione regionale di coordinamento della Rete di Cure Palliative e della Commissione regionale

Dettagli

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio)

Art.1 (Finalità) Art. 2 (Piani di razionalizzazione degli spazi ad uso ufficio) Consiglio Regionale Adeguamento delle procedure per la razionalizzazione del patrimonio pubblico e la riduzione dei costi per le locazioni passive all ordinamento della Regione Abruzzo nel rispetto dei

Dettagli

DECRETO N. 6643 Del 04/08/2015

DECRETO N. 6643 Del 04/08/2015 DECRETO N. 6643 Del 04/08/2015 Identificativo Atto n. 716 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto AGGIORNAMENTO DEL REPERTORIO DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DI

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE. (Assunto il 08/07/2015 Prot. n. 1199) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. n. 7175 del 09/07/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE. (Assunto il 08/07/2015 Prot. n. 1199) Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria. n. 7175 del 09/07/2015 DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione, Politiche Sociali SETTORE N. 4 Politiche Sociali, Politiche della Famiglia Servizio Civile, Volontariato e Terzo Settore DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 Identificativo Atto n. 217 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE, AI SENSI DELLA D.G.R. N. X/3143 DEL 18 FEBBRAIO 2015, DELL AVVISO PER

Dettagli

Forniture per l informatica, la comunicazione la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori

Forniture per l informatica, la comunicazione la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori 35739 Forniture per l informatica, la comunicazione e la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori edili 4.987.364,37 Oneri di sicurezza non soggetti a ribasso 12.417,18 Spese generali

Dettagli

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena)

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Determinazione nr. 217 Del 09/04/2015 Risorse Umane OGGETTO: Avviso di mobilitã volontaria esterna per la copertura di n. 1 posto vacante a tempo

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB0803 D.D. 26 novembre 2014, n. 638 Contributi semestrali a favore degli Enti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle leggi 457/78, 94/82

Dettagli

Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute

Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute IPOTESI A Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute Art. 1. Al fine di garantire la nuova organizzazione dei servizi sanitari

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 24 Dicembre 2010, n. 8 Bilancio di previsione della Regione Lazio per l'esercizio 2011; Oggetto: Percorsi triennali di IeFP Sistema di finanziamento e piano di riparto delle risorse finanziarie da erogare alle Province per l anno scolastico e formativo 2011-2012. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU40 03/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 settembre 2013, n. 14-6361 Recepimento delle "Linee Guida nazionali per la dematerializzazione della documentazione clinica in diagnostica

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

GIUNTA REGIONALE. Omissis

GIUNTA REGIONALE. Omissis Pag. 60 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIII - N. 38 (11.07.2012) GIUNTA REGIONALE Omissis DELIBERAZIONE 25.06.2012, n. 393: D.G.R. n. 935 del 23.12.2011: DISCI- PLINA PER LA SPERIMENTAZIONE

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

a) la valutazione dei rischi e, in esito alla stessa, ad adottare le previste misure generali per la prevenzione

a) la valutazione dei rischi e, in esito alla stessa, ad adottare le previste misure generali per la prevenzione 22966 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 79 del 09 06 2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 919 Intesa, ai sensi dell art. 8, comma 6) della Legge 5 giugno 2003 n 131, tra

Dettagli

vista la Legge Regionale del 7.08.2002, n. 15 Riforma della Formazione Professionale, pubblicata sul BURP n. 104 del 09/08/2002; PARTE SECONDA

vista la Legge Regionale del 7.08.2002, n. 15 Riforma della Formazione Professionale, pubblicata sul BURP n. 104 del 09/08/2002; PARTE SECONDA 1294 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 10 del 18-1-2007 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 dicembre 2006, n. 1899 Sperimentazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE POLITICHE PER LA QUALITA' DEI SERVIZI SANITARI. Il Dirigente Responsabile/

Dettagli

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Viene chiesto un parere in merito alla procedura di rilascio delle autorizzazioni sanitarie agli ambulatori e

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) 882/2004 del Parlamento. Europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti

VISTO il Regolamento (CE) 882/2004 del Parlamento. Europeo e del Consiglio sull igiene dei prodotti elabori, in stretta collaborazione con l autorità europea per la sicurezza alimentare e gli stati membri, un piano generale per la gestione delle crisi riguardanti la sicurezza degli alimenti e dei mangimi;

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 marzo 2015, n. 545. Criteri e modalità per l accreditamento di soggetti

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 marzo 2015, n. 545. Criteri e modalità per l accreditamento di soggetti 14119 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 marzo 2015, n. 545 Criteri e modalità per l accreditamento di soggetti pubblici e privati di formazione

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

a) servizio di analisi campioni vini Ring Test UIV per il laboratorio agrochimico di Alessandria del Settore Fitosanitario regionale.

a) servizio di analisi campioni vini Ring Test UIV per il laboratorio agrochimico di Alessandria del Settore Fitosanitario regionale. REGIONE PIEMONTE BU11 16/03/2011 Codice DB1106 D.D. 26 novembre 2010, n. 1376 L.R. 63/78, art. 47. Spese per le attivita' ed il funzionamento dei laboratori agrochimici e fitopatologici. Affidamento in

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F.

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F.F. AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2014 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IN DATA 28/01/2014 N.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 70 del 16-05-2012 15521 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 aprile 2012, n. 682 D.G.R n. 1390/11 - Linee guida per la corretta prescrizione dell Ossigeno

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 Codice A15030 D.D. 24 aprile 2015, n. 276 D.g.r. n. 1-157 del 14/06/2010. Aggiornamento dello standard formativo e della relativa disciplina dei corsi per "Conduttore impianti

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <<Interventi per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore>>

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <<Interventi per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore>> RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA sulle PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 Legge approvata nella seduta pomeridiana n. 207

Dettagli

Le reti Locali delle Cure Palliative e del Dolore: l Osservatorio delle buone pratiche tra standard e realtà

Le reti Locali delle Cure Palliative e del Dolore: l Osservatorio delle buone pratiche tra standard e realtà Le reti Locali delle Cure Palliative e del Dolore: l Osservatorio delle buone pratiche tra standard e realtà I dati dell attività dell Osservatorio. Evidenze attuali e Prospettive future Bologna, 29 maggio

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 15408 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTI- CA ACCREDITAMENTO 15 marzo 2016, n. 53 D.G.R. n. 485 del 13.03.2012. Corso Triennale di Formazione Specifica

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

- il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie ;

- il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie ; REGIONE ABRUZZO DELIBERAZIONE NR. 742 DEL 12/11/2012 GIUNTA REGIONALE Omissis LA GIUNTA REGIONALE Visti - il D.P.C.M. 14.02.2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 17 03 2015 8883 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 209 D.P.R. N.380/2001. Modulistica di riferimento per i procedimenti relativi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1102 D.D. 24 novembre 2010, n. 1352 L.R. 63/78 art. 41. Affidamento all'ima Piemonte dell'incarico per la realizzazione di immagini fotografiche sul paesaggio piemontese

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO DETERMINAZIONE

Dettagli

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr)

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr) Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2008, n. 1616. Approvazione dei requisiti e degli standard per le unità di offerta nell'ambito della salute mentale (L.R. 16 agosto 2002, n. 22 "Autorizzazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA N. 23-353840/2007 OGGETTO: Aggiornamento dell Autorizzazione Integrata Ambientale D.D. n. 49-549082/2006 ex D.Lgs.18 febbraio 2005,

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU38 24/09/2015 Codice A15010 D.D. 23 luglio 2015, n. 604 Contributi semestrali a favore degli Istituti mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle Leggi 457/78, 94/82

Dettagli

Stato di attuazione legge 38/2010

Stato di attuazione legge 38/2010 Stato di attuazione legge 38/2010 Guido Fanelli Ordinario Anestesia e Rianimazione Università di Parma Coordinatore della Commissione Ministeriale Terapia del Dolore e Cure Palliative Ministero della Salute

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU30 25/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 luglio 2013, n. 1-6045 D.G.R. N. 6-5519 del 14/03/2013 "Programmazione sanitaria regionale. Interventi di revisione della rete ospedaliera

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area:

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area: REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 381 02/09/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 12312 DEL 09/06/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale dell' Istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell' Istruzione e della Formazione Professionale MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA

Dettagli

PARTE SECONDA. ricorso avverso l esclusione, sono destinatari di giudizi cautelari del TAR e del Consiglio di Stato.

PARTE SECONDA. ricorso avverso l esclusione, sono destinatari di giudizi cautelari del TAR e del Consiglio di Stato. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 103 del 10-8-2006 15017 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 luglio 2006, n. 1090 Aggiornamento

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale;

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale; 41185 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127 Servizio Civile Nazionale Valutazione progetti S.C.N. per il programma Garanzia Giovani presentati

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 36016 Thiene (VI VI) N. 27/2014 di reg. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Con l'assistenza dei signori: In data: 16/01/2014 Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore dei Servizi Sociali

Dettagli

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione.

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione. REGIONE PIEMONTE BU17S1 24/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 aprile 2014, n. 32-7387 Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2013-527 DEL 30/04/2013 Comune di Parma Centro di Responsabilità: Centro di Costo: 65000 - SETTORE WELFARE E FAMIGLIA F1300 INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E STRUTTURE RESIDENZIALI

Dettagli

PRECISAZIONI IN MATERIA DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DEGLI STABILIMENTI TERMALI AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 796, LETTERA T) LEGGE N. 296/2006.

PRECISAZIONI IN MATERIA DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DEGLI STABILIMENTI TERMALI AI SENSI DELL'ART. 1, COMMA 796, LETTERA T) LEGGE N. 296/2006. Progr.Num. 1110/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di luglio dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA DGR 2068/04 E DELLA DGR 1762/2011: INTRODUZIONE LIVELLO PIU' ELEVATO DELL'ASSEGNO DI CURA PER LE GRAVISSIME DISABILITA'

INTEGRAZIONE DELLA DGR 2068/04 E DELLA DGR 1762/2011: INTRODUZIONE LIVELLO PIU' ELEVATO DELL'ASSEGNO DI CURA PER LE GRAVISSIME DISABILITA' Progr.Num. 1848/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 03 del mese di dicembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10511 12/11/2014 Identificativo Atto n. 1108 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAIZONE DELLA DOTE SCUOLA COMPONENTE MERITO - A.S. 2014/1015.

Dettagli

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 Identificativo Atto n. 202 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto APPROVAZIONE DEL BANDO A FAVORE DI PROGETTI PER IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI d) relazioni bilaterali con la Turchia, i Paesi del Caucaso, le Repubbliche centrasiatiche e la Russia; e) temi trattati nell ambito delle Nazioni Unite e delle Agenzie Specializzate; f) temi relativi

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli