MARIA MARTELLO Via Volturno n.80 - RES. FONTANA BRUGHERIO (MI) Codice fiscale : MRTMRA52L55B2O2N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARIA MARTELLO Via Volturno n.80 - RES. FONTANA 521 20047 BRUGHERIO (MI) Codice fiscale : MRTMRA52L55B2O2N"

Transcript

1 MARIA MARTELLO Via Volturno n.80 - RES. FONTANA BRUGHERIO (MI) Codice fiscale : MRTMRA52L55B2O2N Tel. cell CURRICULUM VITAE Dati anagrafici: nata a Bronte (Ct) il Iscritta all'albo degli Psicologi della Lombardia al n.1877 Dopo la Laurea in Filosofia, conseguita nel 1974 presso l Università Cattolica di Milano ha orientato e specializzato la sua preparazione professionale nel campo della Psicologia,della filosofia del Diritto e delle scienze della formazione. Dal 1993 è stata nominata dal Consiglio Superiore della Magistratura Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano. Ha svolto tale compito fino al Dal 2005 è stata nominata dal Consiglio Superiore della Magistratura Giudice Onorario presso la Corte D Appello di Milano, Sezione delle persone dei minori e delle famiglie. Dal 2011 è membro del comitato scientifico della rivista Idee in periodico per la formazione degli insegnanti, organo dell Associazione Nazionale dei formatori, Liguori Editore. Dalla sua costituzione è membro del comitato scientifico di UN ALTRO MODO, Negoziazione e Mediazione dei conflitti per le imprese e le Organizzazioni Complesse, laboratorio congiunto di ricerca dell Università di Firenze, Dipartimento di Diritto Processuale e Privato. Dal ha ricevuto l incarico dall Università Cà Foscari di Venezia per l insegnamento di Psicologia dei Rapporti Interpersonali nell ambito della SSIS.

2 Nell anno accademico e ha svolto un ciclo di lezioni nel corso di diritto privato presso la Facoltà di Economia dell Università Bicocca di Milano Nel 2006 ha ideato e coordinato il Corso di perfezionamento in MEDIAZIONE DEI CONFLITTI del Centro di Eccellenza dell Università Cà Foscari di Venezia. Ha assunto la Direzione scientifica del Corso Biennale di Mediazione familiare organizzato dalla Associazione AUSAR-Formazione E consulente di A.D.R.(Metodi di risoluzione alternativa dei conflitti). Dal 2010 tiene cicli di formazione per i top manager della divisione corporate di Banca Intesa Sanpaolo E stata socia dell associazione europea G.E.M.ME (Groupement Europèen de Magistrats pour la MEdiation) il cui fine statutario è la valorizzazione e diffusione dei modi alternativi alla risoluzione dei conflitti e in particolare la formazione dei magistrati alle tecniche di mediazione e conciliazione nei diversi settori della giurisdizione (civile, penale e amministrativo). E iscritta all abo dei formatori della Scuola Superiore della Magistratura ed intervieme in qualità di docente nei corsi della formazione decentrata e centrale. Dal 1980 si è occupata per conto del Ministero della Pubblica Istruzione, del Provveditorato agli Studi, della Sovrintendenza Scolastica Regionale per la Lombardia dell'aggiornamento dei docenti e dei dirigenti in qualità di esperto relatore, di coordinatore di seminari, di direttore di corsi e di consulente per la progettazione di percorsi formativi individualizzati applicando i principi più aggiornati della scienza della formazione. Ha fatto parte, come esperta, della Commissione di studio, istituita dal Ministero della Pubblica Istruzione, per la revisione dei programmi di Educazione Civica nelle scuole di ogni ordine e grado. Ha ideato un percorso inedito di formazione, applicabile in contesti diversi e a fasce d età varie, dal titolo L intelligenza emotiva: dal conflitto alla relazione costruttiva. Dal 1998 tale progetto è stato attuato in modo continuativo sul territorio nazionale, in molteplici seminari di formazione direttamente proposti a dirigenti scolastici, genitori, docenti, educatori, psicologi e avvocati, medici, dirigenti d azienda, commercialisti. 2

3 Specializzata nella pratica della Mediazione per la risoluzione pacifica del conflitto e della negoziazione, ha perfezionato la sua preparazione con: Jacqueline Morineau del CMFM, Centre de Mèdiation et de Formation à la Mèdiation di PARIGI, partecipando anche a stage specifici per formatori per un totale di 300 ore; Luigi Boscolo, del Centro Milanese di Terapia della Famiglia per un totale di ore 50; Duccio Scatolero, del Centro Italiano per la Promozione della Mediazione,Associazione per la gestione pacifica del conflitto, per un totale di 60 ore; Isabella Buzzi, della scuola di J.M.Haynes per un totale di ore 60; Mark S. Umbreit, del Center for Restorative Justice e Mediation, School of Social Work, University of Minnesota per un totale di ore15. Joseph Folger della Temple University di Philadelphia per un totale di ore 24. Ha ideato, applicato e presentato nei suoi scritti un modello di mediazione umanistico-fisolofica e ne ha predisposto il metodo di formazione. Ha partecipato nel 1999 all elaborazione del Progetto per l istituzione dell'ufficio di Mediazione Penale di Milano e ha fatto parte dell èquipe fin dal momento della sua costituzione. Ha prestato servizio dal presso il Centro di Mediazione sociale e familiare di Cinisello Balsamo, collaborando alla stesura del progetto, all organizzazione dell attività, al piano di sensibilizzazione del territorio, alle conduzione delle mediazioni. Tiene stages di formazione alla Mediazione civile, familiare, scolastica, penale e sociale. Interviene come formatore nell ambito di Master universitari di Mediazione familiare e Psicologia scolastica, rivolti ad avvocati, dirigenti, psicologi e pedagogisti. E altresì accreditata come formatrice nei corsi per mediatori civili e commerciali, sia per la parte teorica che per la parte pratica, presso Enti iscritti nel registro Ministeriale e svolge regolarmente attività di formazione e di valutazione nei corsi per mediatori, in collaborazione con Università e con gli Ordini Professionali. Ha svolto funzione di Commissario d'esami nelle Commissioni giudicatrici del Concorso ordinario per titoli ed esami a cattedra ai sensi della legge n

4 Su incarico dell'assessore all'educazione del Comune di Sesto San Giovanni, ha progettato nel 1989 un servizio per il tempo libero, "SPAZIO RAGAZZI", mirato ai minori a rischio. E' stato membro del tavolo interistituzionale voluto dal Provveditorato agli Studi di Milano per l'osservatorio per la dispersione e il successo formativo. Collabora con la rivista OK SALUTE e con il quotidiano on line Affaritaliani. PUBBLICAZIONI La formazione del mediatore.comprendere le ragioni dei conflitti per trovare le soluzioni, Utet giuridica, Milano, 2014 Essere mediatore in "Mediazione e Progresso, persona, società professione, impresa" a cura di Lucarelli/Conte, Utet giuridica, Milano, 2013 A scuola di mediazione,mediazione a scuola in Le ragioni degli altri. Mediazione e famiglia tra conflitto e dialogo: una prospettiva comparatistica ed interdisciplinare, a cura di Elena Urso, Firenze University Press,2013 Mediatore di successo. Cosa fare/come essere Giuffrè Editore, Milano, La mediazione delle controversie. D.lgs. 4 marzo 2010, n. 28 e d.m. 18 ottobre 2010, n. 180 (con C. Vaccà) Kluwer Italia/Ipsoa, Milano, 2010, pp Sanare conflitti. Le buone pratiche per diventare adulti, Guerini e Associati, Milano, 2010 Educare con SENSO e senza dissenso. La risoluzione dei conflitti con l arte della mediazione, Franco Angeli, Milano, 2009 L arte del mediatore dei conflitti Protocolli senza regole: una formazione possibile, Giuffrè, Milano, 2008 Conflitti: parliamone. Dallo scontro al confronto, Sperling e Kupfer, Milano, 2006 Mediazione del conflitto e counselling umanistico. Lo spazio della formazione, Giuffrè, Milano, 2006 Le A.D.R.: una risposta al contenzioso scolastico, una risorsa per il progetto formativo,(a cura di) Atti del Convegno realizzato a Milano il 16- marzo L'insidioso disagio del normale vivere in Forme del disagio adulto a cura di Ivana Padoan,editrice Pensa, 2005 Progettare una nuova cultura del conflitto e gli interventi per attuarla in "Progetti di intervento psicologico" a cura di Rovetto/Moderato, McGraw- Hill, Milano, 2005 Conflitti costruttivi e distruttivi nella coppia e nella famiglia in La Comunicazione come antidoto alla violenza. Dai problemi di comunicazione alla comunicazione come risorsa, a cura di G. Bechelloni e E.Cheli, Mediascape Edizioni,Working Papers Ondine,

5 Intelligenza emotiva e Mediazione Una proposta di formazione, Giuffrè, Milano, 2004 Oltre il conflitto: dalla mediazione alla relazione costruttiva, McGraw-Hill, Milano, 2003 Le esigenze della vittima nello sviluppo della mediazione in Giustizia senza vendetta, Fondazione Nazionale per il Volontariato, Roma,2000, pp La mediazione scolastica in Prassi e teoria della mediazione a cura di Pisapia G.V., Cedam, Padova,2000,pp Dall arte alla storia in Benessere e apprendimento, Edizioni progetto scuola- Centro Lombardo per l Educazione alla Salute, Milano, 1984, pp Percorsi di civiltà, con allegato: Leggi e istituzioni, Ghisetti e Corvi, Milano1994. Nuovi percorsi di civiltà,ghisetti e Corvi,Milano1997 Nuovi percorsi di civiltà,ghisetti e Corvi,Milano2002 5

6 6

7 7

8 ARTICOLI IN RIVISTE E QUOTIDIANI Anche l'avvocato, se pur mediatore di diritto, ha l'obbligo della formazione, in Il Quotidiano Giuridico on line, 2014 Un appello al Ministro della Giustizia: sia propulsore di progresso sociale in Altalex, 2013 Dodici domande sulla mediazione al Ministro della Giustizia in Consumatoridirittimercato, 2013 La mediazione delle controversie tra errori e nuovi spazi, in Altalex, 2013 Commento alla sentenza della Corte Costituzionale in Quotidiano giuridico IPSOA,2012 Criteri di accreditamento e competenza dei formatori, in Il quotidiano IPSOA, Cambiare, dialogare, ascoltare: aprirsi per la soluzione dei conflitti, in Il quotidiano IPSOA, La mediazione come vera alternativa al giudizio ordinario, in Il quotidiano IPSOA, Formazione o informazione?in Il quotidiano IPSOA, ore per diventare mediatore: dalla teoria alla pratica? in Il quotidiano IPSOA, La formazione del mediatore: una pericolosa illusione, in Consumatori, diritti e mercato, n. 3/2011. La formazione, peccato originale della mediazione delle controversie, in MediareS, n.15-16/2010. L'arte del mediatore dei conflitti, in Progetto manager, 2009: Controversie da bocciare:prevenire il rimedio giudiziario" in Il Sole24ore, Dispute in ufficio. In azienda arrivano i "giudici di pace" per risolvere i conflitti e lavorare meglio, in Corriere della Sera, Conflitti? Parliamone!, in PROGETTO MANAGER, inserto de Il Sole 24 ORE, Il dirigente empatico in Ferrovie e Servizi, Roma, maggio, L intelligenza emotiva e la mediazione. Inserto di Scuola e didattica, Brescia, Il conflitto e le modalità per risolverlo. Dalla conciliazione alla mediazione. Inserto di Scuola e didattica, Brescia, 2006 Il tentativo di conciliazione nella scuola in Scuola e didattica, Brescia, Professioni a confronto: i principi della Mediazione nell orientamento, Quaderni di Mediazione, n. 2 dic

9 Il conflitto e la valutazione nella scuola dell autonomia in Scuola e didattica, Brescia, ottobre 2005 L intelligenza emotiva: dalla mediazione del conflitto alla relazione costruttiva, in Minori e Giustizia, Rivista interdisciplinare promossa dall Associazione Italiana dei magistrati per i minorenni e per la famiglia, n.1/2005, Edizioni Franco Angeli. Mediatori professionali o professionisti mediatori, in MediareS, Semestrale sulla Mediazione, n.4/2004 luglio/dicembre, Edizioni Dedalo. La pedagogia del conflitto:separarsi senza rancore, in Minori e Famiglie, bimestrale nazionale a cura del Mo.V.I.,anno XIX, n,1-2, gennaio/aprile Valutazione scolastica e conflitto, in Scuola e didattica, Brescia, aprile Educazione alla salute, Convivenza civile e Mediazione del conflitto, in Scuola e didattica, Brescia, ottobre La mediazione del conflitto e la qualità (o l eccellenza) della Scuola, in Scuola e didattica, Brescia, aprile Educazione e mediazione, in Scuola e didattica, Brescia, settembre Dalla gestione del conflitto alla relazione non conflittuale, in Scuola e didattica, Brescia,ottobre 2000 Un mediatore per superare i conflitti, in Scuolainsieme, Catania,dicembregennaio La mediazione del conflitto, in Cesar informa, Trimestrale d informazione della Fondazione Cesar, Bologna,maggio La gestione dei conflitti familiari e la mediazione del conflitto, in Rinnovare La Scuola, Roma, luglio-ottobre 1999 Mediazione:soluzione pacifica del conflitto, in La Tecnica della scuola, Catania, ottobre 1999 Mediatori per la giustizia, in Rivista del Volontariato, Roma,settembre 1999 Dal conflitto alla mediazione, in Scuola e didattica, Brescia, giugno 1999 Il diritto alla legalità, in Cesar informa, Trimestrale d informazione della Fondazione Cesar, Bologna,dicembre 1998 Il conflitto: da limite a risorsa, in Vivereoggi, Mensile per una nuova cultura dell assistenza, Milano,novembre 1997 La mediazione per la gestione dei conflitti, in Servire, Milano, luglioagosto1996 DOCENZA AI SEGUENTI CORSI DI FORMAZIONE Nell A.A. 2014/2015 è stata docente nel corso di perfezionamento ARBITRATO, MEDIAZIONE, NEGOZIAZIONE PER IL NUOVO PROFESSIONISTA DEL CONFLITTO del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell Università degli Studi di Firenze. 9

10 Negli A.A e 2014/2015 ha svolto un ciclo di lezioni nel corso di diritto privato presso la Facoltà di Economia dell Università Bicocca di Milano Febbraio 2014, Scuola Superiore della Magistratura Struttura territoriale di Formazione di Milano, relatore all incontro di studio sul tema: Le novità del diritto di famiglia:il rito partecipativo presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia di Milano Giugno 2012, Università degli Studi di Milano-Bicocca, facoltà di Economia (in collaborazione con l organismo di mediazione Intermedia s.r.l., iscritto al n. 686 P del Registro degli enti di formazione dei mediatori) progettazione del corso e docenza in corso di formazione per mediatori professionisti; Febbraio 2012, Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Giurisprudenza, docenza in corso di formazione per mediatori professionisti; 2011, Conciliamo s.r.l., organismo di mediazione con sede in Trapani, iscritto al n. 86 del Registro degli organismi di medizione, docenza in corso di formazione per mediatori professionisti; 2011, Ordine Commercialisti di Monza e Brianza, progettazione -in funzione dello specifico profilo professionale- e docenza in due corsi di formazione per mediatori professionisti; 2010, Mediansieme, Cagliari, organismo iscritto al n. 371 del Registro degli organismi di medizione, docenza in corso di formazione per mediatori professionisti; 2010, Milano, Isdaci e Camera arbitrale di Milano, docenza Corso per mediatori professionisti; 2009 e 2010, Organismo di Conciliazione di Firenze, con la Facoltà di Giurisprudenza, la Fondazione Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze, la Fondazione Forense di Firenze, la Fondazione notariato, Docenza al Corso per conciliatori e percorsi di approfondimento e aggiornamento per Mediatori dei conflitti; Febbraio 2009, docenza nel Master di II Livello in "Valutazione Dinamica e Potenziamento cognitivo" sul tema "Strumenti e metodi per il potenziamento cognitivo e motivazione: emozioni e mediazione del conflitto"; Gennaio-maggio 2008, Venezia, Docenza nel master di II livello in Ricerca e didattica e Counselling Formativo -Università Cà Foscari; 10

11 2008, Associazione AUSAR-Formazione, Direzione scientifica e docenza Corso Biennale di Mediazione familiare; Cagliari, , Ordine degli Avvocati di Cagliari e Università degli Studi di Cagliari, Docenza nel Corso di Formazione in Mediazione e Conciliazione; dicembre 2007, Cagliari, relatrice e supervisore dei coordinatori dei gruppi di lavoro nel Seminario di formazione L Intelligenza emotiva: dalla mediazione del conflitto alla relazione costruttiva, rivolto al personale scolastico ed organizzato dal Ministero dell Pubblica Istruzione, Direzione Generale della Sardegna, Ufficio Scolastico provinciale di Cagliari; giugno 2007, Roma, Consiglio Superiore della Magistratura, Docenza La Mediazione nel settore civile, nell incontro di studio Mediazione civile e penale nel procedimento minorile; Luglio 2006 Attività di docenza presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapiaspecialistica per lo sviluppo e l adolescenza, riconosciuta dal MIUR (DM 16 Marzo 2005 e 7 dicembre 2005), del Consorzio interuniversitario per l alta fomazione e la ricerca scientifica; Aprile 2006, Catania, Docenza nel Master di II livello in Management e Comunicazione delle risorse Culturali, Università degli Studi di Catania; 26 maggio 2006, Vibo Valentia, Docenza La mediazione familiare nel Corso di formazione in Diritto di famiglia, organizzato dall Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia, sez. di Vibo Valentia con il patrocinio dell Ordine degli avvocati; 7-8 ottobre 2005, Parma, Docenza Master in Programmazione e interventi psicologici in ambito clinico e riabilitativo, organizzato dall Università degli Studi di Parma; 25 maggio 2005, Caltanissetta, Docenza, Conciliazione e mediazione nelle controversie civili e nei giudizi penali, giornata di formazione del Consiglio Superiore della Magistratura; 17 marzo 2004: Corso di formazione per referenti provinciali della valutazione della qualità del Sistema Scolastico, con decreto della Direzione Generale dell Ufficio Scolastico Regionale; Febbraio 2004: giornata di formazione a Roma nell ambito del Master per Mediatori familiari del Centro Studi Bruner; 11

12 Gennaio 2004: avvio di un percorso di formazione a S.Giuliano Milanese ai docenti di Istituto verticalizzato; Ottobre 2003: avvio di un percorso annuale a Cinisello Balsamo, finanziato dalla Direzione regionale della Lombardia, rivolto allo staff della dirigenza di un gruppo di scuole del territorio che hanno fatto un accordo di rete; Settembre 2003 Stage di formazione a Cagliari rivolto a giuristi, pedagogisti e dipendenti pubblici; Inizio del corso di formazione interprofessionale di 8 giornate seminariali a Milano; Giugno 2003 Corso di perfezionamento in Psicologia dell Orientamento alle scelte scolastico-professionali, organizzato dall Università di Parma; Aprile 2002 è stata docente per l attività di Formazione degli operatori per la Mediazione Penale Minorile organizzato dal Comune di Salerno; Marzo 2002 ha condotto due moduli di formazione nell ambito del corso per Mediatori Culturali organizzato dal Centro Territoriale Permanente e dall Istituto V. Bachelet di Abbiategrasso; Dicembre 2001 ha tenuto una giornata di formazione agli agenti di Polizia Penitenziaria per il Ministero della Giustizia, Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria per il Veneto,Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige; 30 maggio 2000, Milano, Docenza La mediazione e animazione di un gruppo di lavoro attraverso giochi di ruolo nel corso di formazione: Progetto Gazebo rivolto ad operatori ed agenti della casa Circondariale di San Vittore organizzato dall ENAIP di Milano; 21 giugno 1999, Milano, Corso per Difensori d Ufficio nel processo minorile organizzato dal Centro Operativo Regionale Regione Lombardia. Lezione la mediazione penale e l attività dell ufficio per la mediazione di Milano e animazione di un gruppo di lavoro attraverso giochi di ruolo; 18 marzo 1999, Milano, Docenza nel Corso di formazione per mediatore linguisticoculturale, organizzato dall associazione Kantara; 1998 e 1999, Docenza presso la Scuola di psicanalisi della persona e della coppia, per operatori psico-socio-educativi, sul tema Tipologie e caratteristiche della relazione d'aiuto e della gestione del conflitto; 12

13 Ha svolto un incontro sul tema: Disadattamento e scuola, organizzato dal Provveditorato agli studi di Milano, all interno della prosecuzione del compito di formazione dei docenti della scuola secondaria a livello regionale e interregionale; Maggio Seminario: Mediazione e istituzioni. Analisi della domanda e strategie di intervento; Nel 1997 ha svolto 80 ore di docenza nel corso di formazione " Master in psicologia del disagio psicofisico", del FSE 1997-Ob 3, istituito su autorizzazione e finanziamento della Regione Lombardia e del Fondo Sociale Europeo; Novembre-dicembre 1997 ha tenuto lezione sul tema Conflitto, mediazione e servizi sociali presso l ESAE, Scuola Regionale per Operatori Sociali; L , per la Cooperativa Sociale L Albero, ha condotto una giornata di studio sulla Mediazione del conflitto; Seminario dal titolo: Metodi Alternativi:la mediazione per la risoluzione pacifica del conflitto Bologna, AVOC. PARTECIPAZIONE A CONVEGNI E SEMINARI 23 gennaio 2013 Incontro di studio sul tema: La mediazione demandata dal giudice, organizzato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Ufficio distrettuale dei referenti per la formazione decentrata del distretto di Milano maggio 2012 Incontro di studio sul tema: La giurisdizionalizzazione del processo minorile, organizzato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Ufficio distrettuale dei referenti per la formazione decentrata del distretto di Milano; 24 maggio 2012 Incontro di studio sul tema: Gli osservatori sulla giustizia civile-la mediazione, organizzato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Ufficio distrettuale dei referenti per la formazione decentrata del distretto di Milano; febbraio 2008 Incontro di studio sul tema: La filiazione: realtà, principi e regole in evoluzione, organizzato dal Consiglio Superiore della Magistratura; 5-7 marzo 2007 Incontro di studio Tecniche di conciliazione e mediazione : scambio di esperienze nell ambito dell Unione Europea. Prospettive di cooperazione giudiziaria, Consiglio Superiore della Magistratura- Roma; 13

14 18 marzo 2006 Convegno Le migliori pratiche della mediazione in Europa G.E.M.ME.(Gruppo Europeo dei Magistrati per la Mediazione), Aula Magna-Corte di Cassazione- Roma; 28-maggio-2005 Tavola Rotonda Mediazione e Conciliazione:una realtà? Mediacon-Ordine degli avvocati Cagliari; giugno 2004 Seminario internazionale M.E.D.I.A.Re verso il futuro, Ministero della Giustizia-Istituto Superiore di Studi Penitenziari; dicembre Seminario di studio La mediazione penale in ambito minorile: applicazioni e prospettive Ministero della Giustizia, Roma; 15-maggio-1998-Incontro-dibattito Minori nei conflitti: quali spazi per la mediazione, Commissione speciale in materia d infanzia del Senato della Repubblica; 31-1 e Convegno internazionale : La mediazione nel sistema penale minorile, Università degli studi di Trento. PARTECIPAZIONE IN VESTE DI RELATORE AI SEGUENTI CONVEGNI 15 maggio 2012, Milano, Centro Congressi Palazzo delle Stelline, Convegno organizzato da Altroconsumo, Soluzioni alternative delle controversie: ADR nell Unione europea, relatrice con La formazione del mediatore ed il successo della mediazione; 24 aprile 2012, Catania, Convegno Avoc, organizzato al Monastero dei Benedettini- Università di Catania, relatrice con Oltre e dentro il dolore: il valore dell immagine come espressione del sé; 28 aprile 2012, Palermo, convegno La mediazione da vincolo a risorsa, organizzato a Palazzo dei Normanni da Conciliazione mediata ADR, relatrice con Modelli virtuosi e modelli pericolosi di mediazione: la centralità della formazione del mediatore; 16 marzo 2011, Napoli, Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili - Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli, Relatrice al Convegno Mediazione: dovere sociale ed opportunità professionale; 2010, Salerno, Ordine degli avvocati di Salerno, Relatrice al convegno La mediazione delle controversie; 14

15 28 novembre 2007, La possibile Mediazione tra medico e paziente, convegno L errore in ospedale organizzato dall Azienda ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano; 2007, Milano, Scopriamo le carte progetto di prvenzione del bullismo promosso dalla Provincia di Milano, Assessorato all Istruzione; 26 maggio 2007, La mediazione nei contesti giudiziari: diritto minorile e della famiglia, Ordine degli Avvocati di Cagliari; 7 dicembre 2006, Il conflitto come risorsa: strumenti e pratiche di mediazione, Seminario di studio per i Dirigenti scolastici, organizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione- Direzione regionale del Veneto; Cultura del Diritto e cultura della Mediazione, Aula Magna del Tribunale di Milano; settembre, L intelligenza emotiva:dalla Mediazione del conflitto alla relazione costruttiva nell ambito del convegno Europa e non solo, organizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione,Ufficio Scolastico Regionale per le Marche con l Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica; 16 marzo 2006 Le A.D.R.: una risposta al contenzioso scolastico, una risorsa per il progetto formativo della scuola Convegno per Dirigenti scolastici organizzato in Collaborazione con l A.N.DI.S. e l Università Cà Foscari di Venezia, con il Patrocinio della Direzione Generale scolastica della Lombardia e della Provincia di Milano, Centro Congressi della Provincia, Milano; 20 febbraio 2006 La conflittualità a scuola Spazio Contemporaneo di Villa Visconti d Aragona - Assessorato istruzione- Comune di Sesto San Giovanni; 21 settembre 2005 A relazionarsi si impara, Cinisello Balsamo; 8 aprile 2005 "La mediazione dei conflitti familiari", presso l'aula Magna del Giudice di Pace di Milano nell'ambito del corso "Diritto di famiglia" organizzato dall'aiaf Lombardia; 26 novembre 2004 La mediazione per la gestione alternativa dei conflitti e le sue applicazioni in Mediazione e procedimento penale, giornata di formazione del Consiglio Superiore della Magistratura, presso l aula delle adunanze del Palazzo di Giustizia di Piazza Verga a Catania; 15

16 A relazionarsi si impara Biografia di un percorso di formazione, da me ideato e condotto, finanziato dall USR Lombardia, organizzato da tre Istituti in rete, dal Comune di Cinisello e dal Comitato dei Genitori; 5 giugno 2004 Seminari Pedagogici itineranti Universitari Saperi teorici, Saperi di azione nell educazione e nella formazione organizzato dall Università Cà Foscari di Venezia in collaborazione con l Università di Padova, a Venezia; 5 7 maggio 2004 Seminario nazionale Interventi integrati negli Istituti Penali per i Minorenni, organizzato dal Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero della giustizia Dipartimento Giustizia minorile, indirizzato ai Docenti del primo ciclo scuola primaria e agli operatori della giustizia minorile,a Castiglione della Pescaia (GR) tema trattato: L intelligenza emotiva: dalla mediazione del conflitto alla relazione costruttiva ; 2 aprile 2004 Il conflitto come tenzone, il conflitto come risorsa nella vita, nella politica, nella giustizia:educare e formare alla relazione costruttiva, organizzato da Mediacon-Cagliari (Associazione Nazionale di mediazione e conciliazione), Cagliari; 5-6 Settembre 2003 So stare in conflitto, S.O.S.tare in conflitto,sostare in conflitto organizzato dall Istituto comprensivo di Iseo (Bs); 7-9 Novembre 2002 La Mediazione Tecniche,legislazione e ambiti applicativi,organizzato da Mediacon (Associazione Nazionale di mediazione e conciliazione, Cagliari; 1 giugno 2002 Incontriamoci a metà. La giornata dell Intercultura organizzato dall I.I.S V. Bahelet, Abbiategrasso; maggio 2001 La violenza dei minori e sui minori Convegno organizzato dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal Provveditorato di Ragusa con Patrocinio della Prefettura di Ragusa; 31-marzo-2001 Nei tenui diti si trovò gli artigli: sofferenza psichica e devianza del minore adolescente, Dipartimento Salute Mentale e Fondazione Emilia Bosis ; 29 febbraio Intervento programmato al seminario Norme, regole, procedure: quali domande è ragionevole porsi? Organizzato dal Dipartimento di Sociologia dell Università di Padova e dal Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria del Triveneto; 16

17 1-4 luglio Il Volontariato tra vittime e autori di reato Seminario di studi organizzato dal Coordinamento Enti e Associazioni di Volontariato Penitenziario e Territorio; A che giova il conflitto, Assessorato alla Pubblica Istruzione, Vittoria (Ragusa); 1-4 luglio Il Volontariato tra vittime e autori di reato Seminario di studi organizzato dal Coordinamento Enti e Associazioni di Volontariato Penitenziario e Territorio. 6 febbraio Presentazione dell Osservatorio regionale per la legalità, Fondazione Cesar, Sovrintendenza regionale, Fondazione Marrazzo; Bambini: bisogno, affido, maltrattamento, abuso, disagio, incontro, aiuto Ufficio Centrale Affidi di Carate Brianza; Affido: cercasi donatori di affetto, Assessorato ai Servizi Sociali di Monza; 17

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore

I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore Comune di Roma MUNICIPIO ROMA IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais ATTI DEL CONVEGNO I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore Roma 30 Marzo 2004 SALONE

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli