COMUNE DI MALEO Piano finanziario per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi. Comune di MALEO Provincia di Lodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MALEO Piano finanziario per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi. Comune di MALEO Provincia di Lodi"

Transcript

1 Comune di MALEO Provincia di Lodi PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI. TARI Piazza XXV Aprile, Maleo Tel: 0377/ Fax: 0377/ pec:

2 PREMESSA L articolo 1 della Legge n. 147 del comma 639 ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l Imposta Unica Comunale, denominata IUC, basata su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e l altro collegato all erogazione e alla fruizione di servizi comunali; la IUC è composta da: 1. IMU - imposta municipale propria - di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali; 2. TASI tributo per i servizi indivisibili a carico sia del possessore che dell utilizzatore dell immobile; 3. TARI tassa sui rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell utilizzatore. La Tari è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Il Comune nella commisurazione della Tari tiene conto dei criteri determinati con il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27/04/1999 n Il Consiglio Comunale deve approvare, entro il termine fissato da norme statali per l approvazione del bilancio di previsione, le tariffe della Tari in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Il Piano finanziario è redatto, in conformità al dettato del DPR 27/4/99, n. 158, sulla scorta delle previsioni di spesa ed investimenti sia diretti, che comunicati dai diversi enti, aziende e associazioni. In ogni caso deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi di cui all art. 15 del D.Lgs. N. 36/2003. Il Piano Finanziario deve evidenziare i costi complessivi, diretti e indiretti, del servizio, e dividerli fra costi fissi e costi variabili, sulla scorta dei criteri indicati nel D.P.R. n. 158/1999 citato. 1l Piano Finanziario prevede anche una parte descrittiva, che illustra le caratteristiche principali del servizio di gestione dei rifiuti e delle sue prospettive, in modo da giustificare i costi che in esso sono rappresentati. Va precisato, da ultimo, che il presente Piano Finanziario riguarda solamente i rifiuti solidi urbani e quelli che sono stati ad essi assimilati; solo tali tipologie di rifiuto rientrano infatti nell'ambito della privativa comunale, cioè nel diritto/obbligo del Comune a provvederne alla raccolta e smaltimento. I rifiuti speciali, al contrario, vengono smaltiti direttamente dalle imprese che li producono. Di seguito verranno descritti i principali aspetti della gestione dei rifiuti nel Comune di Maleo, al solo scopo di fornire un quadro più comprensibile delle voci di costo che verranno analizzate nell'ultima parte.

3 MODALITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA L Affidataria è incaricata di espletare i servizi oggetto dell appalto di raccolta e trasporto al centro di trattamento finale degli RSU in conformità alle condizioni indicate nel Capitolato allegato al contratto e nel rispetto delle norme vigenti con particolare riguardo al D.Lgs. 152/2006 e alla L.R. (Lombardia) 26/2003. Sono oggetto dell appalto suddetto: RACCOLTE DOMICILIARI: il servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti solidi urbani ed assimilati effettuata in forma differenziata tra frazione UMIDA e frazione SECCA RESIDUA; ed il loro trasporto e conferimento all impianto provinciale autorizzato di Terranova dei Passerini (LO) (per i Comuni di Maleo, Cavacurta, Camairago, Castelnuovo Bocca d'adda, Corno Giovine, S. Stefano Lodigiano, Caselle Landi, San Fiorano, Meleti, Cornovecchio, Maccastorna) e di San Rocco al Porto (per i Comuni di Maccastorna, San Rocco al Porto) per la frazione umida e all impianto provinciale autorizzato di Montanaso Lombardo (LO) per la frazione secca residua. Lo smaltimento rimane a carico dell A.C. con fatturazione diretta dell impianto ad ogni singola A.C.. Potranno essere indicati da parte dell A.C. altri luoghi di conferimento durante il corso di esecuzione del contratto ed in tal caso non potranno essere richiesti oneri aggiuntivi all A.C. per le variazioni dell impianto di conferimento. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di CARTA E CARTONE, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento della frazione e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di imballaggi in PLASTICA, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento delle frazioni e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di imballaggi in VETRO + BARATTOLI (in alluminio, acciaio o banda stagnata), il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento delle frazioni e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. RACCOLTE STRADALI CON CONTENITORI: il servizio di raccolta selettiva a mezzo di idonei contenitori di PILE, FARMACI, SIRINGHE; il trasporto del materiale raccolto, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati e il costo di smaltimento del materiale raccolto sarà a carico dell appaltatore; CENTRO DI RACCOLTA di Maleo: l allestimento del centro di raccolta comunale; la fornitura di idonei containers; il trasporto del materiale raccolto, il relativo conferimento presso idonei impianti; il presidio/gestione/manutenzione ordinaria del centro di raccolta; lo smaltimento del materiale conferito è a carico della ditta appaltatrice; IGIENE URBANA: il servizio di spazzamento meccanizzatodi vie, strade e parcheggi pubblici o private ad uso pubblico. Il trasporto, il conferimento e lo smaltimento/recupero delle terre di risulta sarà a carico della ditta appaltatrice.

4 ALTRI SERVIZI E FORNITURE la fornitura di contenitori e sacchetti per la raccolta domiciliare dell umido e di calendario annuo della raccolta; la compilazione del MUD, della scheda ORSO e gli altri adempimenti previsti dalla normativa nazionale e regionale Definizioni Ferme restando le definizioni e le classificazioni di cui agli articoli 183, 184 e 218 del D.Lgs. 152/2006, ai fini del Capitolato allegato al contratto in essere si definiscono: 1) A.C.: ognuna delle singole Amministrazioni Comunali dei comuni convenzionati di Maleo, Cavacurta, Camairago, Cornovecchio, Castelnuovo Bocca d'adda, Maccastorna, Corno Giovine, S. Stefano Lodigiano, Meleti, Caselle Landi, San Fiorano e San Rocco al Porto. Si precisa che Il Comune di Maleo assume la titolarità delle procedure di evidenza pubblica per l'aggiudicazione dell'appalto del servizio in oggetto ed assume, anche su segnalazione dei Comuni associati, e solo a tal fine, per l'eventuale revoca del medesimo, la funzione di interlocutore unico con l'appaltatore. Ogni singolo Comune, sarà invece interlocutore unico nei confronti dell impresa appaltatrice, per tutto quanto attiene le modalità di espletamento del servizio nel proprio territorio, nonché per l applicazione delle penali previste nel Capitolato Speciale d Appalto e relative agli eventuali inadempimenti della ditta appaltatrice. Il Comune Capofila avrà solo funzione di Stazione Appaltante per l espletamento delle procedure di gara per l affidamento del servizio, mentre tutte le incombenze, quali segnalazioni di anomalie del servizio, applicazione di sanzioni, liquidazione delle rispettive fatture e tutto quanto connesso alla direzione del servizio (fornitura cassoni, calendari, ispezioni ecc.), dovrà provvedere ogni singolo Comune associato. 2) APPALTATORE, IMPRESA/DITTA APPALTATRICE, AFFIDATARIA: la Ditta aggiudicataria dell appalto; 3) RIFIUTI RICICLABILI/RECUPERABILI: tutte le frazioni passibili di recupero, riciclaggio e riutilizzo, suddivise in: - CARTA E CARTONE: frazione recuperabile costituita da carta (non accoppiata ad altri materiali) e cartone (imballaggi, scatole, scatoloni, ) - PLASTICA: bottiglie di PET e flaconi di HDPE della capacità massima di 5 lt. bottiglie acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte, ecc. della capacità superiore a 5 lt flaconi/dispensatori sciroppi, creme, salse, yogurt, ecc. confezioni rigide per dolciumi (es: scatole trasparenti e vassoi interni ad impronte); confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (es: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura) buste e sacchetti per alimenti in genere (es: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati) vaschette porta uova vaschette per alimenti, carne e pesce vaschette/barattoli per gelati contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert reti per frutta e verdura shoppers e imballaggio secondario per bottiglie di acqua minerale/bibite e similari (es: carta igienica, carta assorbente ) barattoli per alimenti in polvere contenitori vari per alimenti per animali coperchi cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari in genere

5 flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l igiene della casa, della persona, cosmetici, acqua distillata della capacità superiore a 5 lt. barattoli per confezionamento di prodotti vari (es: articoli di cancelleria, salviettine umidificate, rullini fotografici, detersivi) blister e contenitori rigidi e formati a sagoma (es: gadget vari, gusci per giocattoli, articoli da ferramenta e per il fai da te ) scatole e buste per confezionamento di capi d abbigliamento imballaggi di piccoli elettrodomestici in polistirolo espanso reggette per legatura pacchi sacchi, sacchetti, buste (es: sacchi per detersivi, ) vasi per vivaisti - VETRO: frazione recuperabile costituita da manufatti in vetro quali bottiglie ecc. - LATTINE: frazione recuperabile costituita da contenitori in alluminio per liquidi - LATTE/BARATTOLI: frazione recuperabile costituita da contenitori in acciaio o banda stagnata - VERDE: materiale lignocellulosico derivante dai lavori di sfalcio dell erba e dalla potatura di piante sia pubbliche che private - UMIDO/ORGANICO: scarti di cucina putrescibili ad alto tenore di umidità, quali: carta assorbente da cucina fazzoletti/tovaglioli di carta fiori recisi filtri di tè o tisane fondi di caffè resti di cibo cotti o crudi sminuzzati avanzi di pane, pasta, riso, dolci avanzi di carne, pesce, formaggi gusci di crostacei gusci di uova scarti di frutta e verdura - RAEE: rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche [Un elenco esemplificativo dei RAEE di origine domestica e dei RAEE di origine commerciale, industriale, istituzionale e di altro tipo analoghi, per natura e per quantità, a quelli originati dai nuclei domestici ammessi al ritiro presso il Centro di Raccolta è il seguente: frigoriferi, surgelatori e congelatori; apparecchi per la cottura (cucine a gas, forni, forni a microonde);televisori, videoregistratori e simili; computers, stampanti, fax, telefoni vari; lavatrici, lavastoviglie, asciugatrici; condizionatori d aria, ventilatori e simili; apparecchiature elettriche per riscaldare; piccoli elettrodomestici (radio, phon, frullatori, tostapane, friggitrici, ferri da stiro, macchine per caffè, ); elettrodomestici per il fai da te (trapani, fresatrici, smerigliatrici, macchine da cucire,.); Giocattoli elettrici; Sorgenti luminose]. - LEGNO (pallet, cassette della frutta, rami e mobili non verniciati o trattati) - PNEUMATICI, - OLII E GRASSI VEGETALI/ANIMALI (olio, burro, strutto e grassi vari usati per cucinare i cibi) - FERRO (Parti in ferro di biciclette, infissi in metallo, strutture delle zanzariere, tapparelle in metallo, ) - INDUMENTI SMESSI (abiti, scarpe, biancheria, borse e simili ancora in buono stato) 4) RIFIUTI URBANI INDIFFERENZIATI O SACCO NERO O RIFIUTO TAL QUALE : tutte le frazioni di rifiuto di piccole dimensione ad eccezione dei rifiuti oggetto di raccolta differenziata attivata dal Comune; 5) SECCO RESIDUO: tutte le frazioni non passibili di recupero di materia, riciclaggio e riutilizzo di piccole dimensioni, avente un rilevante contenuto energetico;

6 6) RIFIUTI INGOMBRANTI: beni di consumo durevole, quali oggetti di comune uso domestico o d arredamento che, per natura o per peso o per dimensioni non è possibili conferirli al servizio di raccolta dei rifiuti. 7) RIFIUTI URBANI PERICOLOSI (RUP): con riferimento all allegato I al D.Lgs. 152/2006 sono pericolosi i seguenti rifiuti: pile, farmaci, contenitori etichettati T e/o F (vernici, inchiostri, adesivi, solventi, prodotti fotochimici, pesticidi, bombolette spray ), accumulatori al piombo, olio minerale esausto. 8) RIFIUTI CIMITERIALI: con riferimento al DPR 254/2003 sono rifiuti cimiteriali: parti anatomiche riconoscibili e resti mortali derivanti da operazioni di esumazione ed estumulazione (CER ) resti da esumazioni ed estumulazioni (legni, assi, simboli religiosi, ornamenti, imbottiture, resti metallici materiali lapidei, ) 8) RIFIUTI AMBULATORIALI/SANITARI: i rifiuti di cui al DPR 254/2003 (garze, tamponi, siringhe, bende, guanti, sacche per trasfusioni,. Raccolte differenziate Con l obiettivo di ridurre il quantitativo di rifiuti da smaltire, l organizzazione dei servizi prevede la differenziazione all origine dei materiali valorizzabili (rifiuti umidi, carta, cartone, plastica, vetro, latte e lattine,...) e dei rifiuti pericolosi (farmaci, pile, prodotti etichettati T e/o F,...). Raccolta differenziata tra frazione UMIDA e frazione SECCA RESIDUA Il servizio di raccolta dei rifiuti urbani ed assimilati dovrà essere effettuato separatamente tra frazione umida e frazione secca residua con frequenza bisettimanale per l umido e settimanale per il secco residuo. Raccolta SECCO RESIDUO Maleo: il venerdi dalle 7:00 alle ore 13:00 Raccolta UMIDO Maleo: il martedì e il venerdi dalle 7:00 alle ore 13:00 Servizio di raccolta domiciliare di: carta e cartone plastica vetro + barattoli rifiuti voluminosi (solo per Meleti, Cornovecchio, Maccastorna, San Rocco al Porto)

7 L Impresa appaltatrice provvederà alla raccolta di carta e cartone, imballaggi in plastica, imballaggi in vetro + alluminio + banda stagnata mediante servizio di porta a porta, con la seguente periodicità di intervento: Raccolta CARTA e CARTONE: con frequenza quindicinale: - per i Comuni di Maleo il Mercoledì dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 Raccolta PLASTICA: con frequenza quindicinale: - per i Comuni di Maleo il Martedi dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 Raccolta VETRO, LATTE e LATTINE: con frequenza quindicinale - per i Comuni di Maleo il Martedì dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 I materiali dovranno essere conferiti dal cittadino a bordo strada, senza creare intralcio al passaggio, nel seguente modo: - carta: ordinata e legata con spago oppure ordinata e inserita in scatole di cartone a perdere in cui sia comunque ben visibile il contenuto; - plastica: gli imballaggi di cui all art.9 (le bottiglie devono essere pressate) dovranno essere inseriti nell apposito sacco trasparente; - vetro + barattoli: le bottiglie e lo scatolame vanno inserite in bidone, avendo cura di chiudere il coperchio; - rifiuti voluminosi e altre frazioni: il cittadino esporrà il proprio materiale in modo ordinato. Raccolta selettiva dei rifiuti pericolosi: pile farmaci siringhe L Impresa appaltatrice posizionerà un numero di contenitori come indicato nella tabella sotto riportata, per la raccolta selettiva di pile della capacità di 120 litri, realizzati in lamiera d acciaio verniciati e zincati, con apertura frontale per l estrazione dei rifiuti con scorrimento su guide e chiusura con chiave, muniti di bocche di introduzione sagomate per la raccolta delle pile, recanti la scritta raccolta selettiva di pile ed alcune norme basilari per il corretto conferimento. I contenitori verranno posizionati nei punti di raccolta prescelti dall A.C. Le opere di muratura necessarie per l installazione dei nuovi contenitori sono a totale carico dell impresa appaltatrice. La Ditta dovrà provvedere alle operazioni di svuotamento, di disinfezione dei contenitori e di smaltimento con cadenza minima mensile e comunque ogni qualvolta risultino stipati. Il materiale raccolto verrà avviato agli impianti di smaltimento reperiti dall Impresa Appaltatrice in accordo con l A.C. Il costo di smaltimento è a carico della Ditta Appaltatrice.

8 L Impresa posizionerà un numero di contenitori come indicato nella tabella sotto riportata, per la raccolta selettiva di farmaci della capacità di 150 litri, realizzati in lamiera d acciaio verniciati e zincati, con apertura frontale per l estrazione dei rifiuti con scorrimento su guide e chiusura con chiave, muniti di bocche antitrusione per medicinali scaduti, recanti la scritta raccolta selettiva di farmaci scaduti ed alcune norme basilari per il corretto conferimento. I contenitori verranno posizionati nei punti di raccolta prescelti dall A.C. Le opere di muratura necessarie per l installazione dei nuovi contenitori sono a totale carico dell impresa appaltatrice. La Ditta dovrà provvedere alle operazioni di svuotamento, di disinfezione dei contenitori e di smaltimento con cadenza minima mensile e comunque ogni qualvolta i contenitori risultino stipati. Il materiale raccolto verrà avviato agli impianti di smaltimento reperiti dall Impresa Appaltatrice in accordo con l A.C. Il costo di smaltimento è a carico della Ditta Appaltatrice. PILE Comune n.ro contenitori (120 lt) MALEO 6 FARMACI Comune n.ro contenitori (150 lt.) MALEO 6 Gestione del centro di raccolta comunale L Impresa dovrà assicurare l apertura del centro di raccolta secondo il seguente calendario: Comune Aperture Maleo il mercoledì dalle 14:00 alle 17:00 il sabato dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00 durante il periodo 1 ottobre 31 marzo (orario invernale) il sabato dalle 9:00 alle 12:00 e dalle alle durante il periodo 1 aprile 30 settembre (orario estivo) Comune di Maleo: CONTENITORI VUOTATURE ANNUE PREVISTE INGOMBRANTI n. 2 container da 20 mc circa n. 26 per ogni container FERRO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 LEGNO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 VERDE n. 2 container da 20 mc circa n. 52 per ogni container INERTI n. 1 container da 10 mc circa n. 8 CARTA E CARTONE n. 1 container da 20 mc circa n. 12 PLASTICA n. 1 container da 20 mc circa n. 12 VETRO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 PNEUMATICI A terra n. 4 OLIO VEGETALE n. 1 contenitori da 500 lt n. 4

9 OLIO MINERALE n. 1 contenitori da 500 lt n. 4 BATTERIE D'AUTO n. 2 contenitori da 1 mc n. 4 ciascuno PRODOTTI ETICHETTATI T/F n. 1 contenitori da 2 mc n. 4 LAMPADE E TUBI CATODICI n. 1 contenitori da 120 mc/lt n. 3 TONER n. 1 contenitore da 1 mc n. 4 Il numero di interventi riportato è indicativo tra le varie frazioni, pertanto il conto degli interventi compresi nell appalto, è da considerarsi sul numero complessivo dei viaggi, derivante dalla somma complessiva dei viaggi previsti per ogni frazione. La vuotatura dei contenitori dovrà avvenire in orari diversi da quelli di apertura al pubblico del centro di raccolta. Sarà cura degli addetti provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento. Pulizia meccanica delle strade Lo spazzamento meccanizzato delle strade verrà effettuato secondo la seguente tabella tramite idoneo mezzo aspirante, con contemporaneo ausilio manuale con operatore munito di soffiatore che provvederà alle finiture ed alla spazzatura dei marciapiedi, nonché all asportazione di ogni rifiuto esistente compreso lo svuotamento dei cestini portarifiuti installati presso le aree pubbliche o di uso pubblico, la sostituzione dei sacchi per la raccolta in essi contenuti e la loro periodica pulizia e disinfezione. Il servizio dovrà essere effettuato in ore diurne. COMUNE FREQUENZA GIORNI Maleo -Zona Centro come individuata -Per la zona centro, come da da allegata planimetria (All. 1) allegata planimetria, le vie tutte le settimane; indicate in azzurro il giorno -Zona Periferia come lunedi dalle ore 6,30 alle ore individuata da allegata 7,30 e le vie in rosso il giorno planimetria (All. 1) con cadenza quindicinale (26 volte all anno); mercoledi dalle ore 6,30 alle ore Per la zona periferia il giorno mercoledi Nel caso si verificassero cause di forza maggiore da impedire lo svolgimento del servizio (pioggia intensa, nevicate), il costo del servizio verrà scontato sul primo rateo in scadenza di pagamento. I rifiuti raccolti saranno trasportati a cura della Affidataria allo smaltimento in idoneo impianto (individuato in accordo con l A.C.) ed è a carico della stessa Affidataria lo smaltimento di detti rifiuti. Fornitura di contenitori e sacchetti per le varie raccolte domiciliari e di calendario annuo della raccolta L Impresa appaltatrice dovrà provvedere alle forniture di seguito indicate alle Amministrazione Comunali:

10 Per il 2014: entro la data del Maleo n sacchetti in mater-bi e n 700 bidoncini da 20 lt e 700 bidoncini da 10 lt per umido e calendari Per il 2015: entro la data del n sacchetti in mater-bi e calendari Per il 2016: entro la data del n sacchetti in mater-bi e calendari Specifiche tecniche delle forniture 1) sacchetti biodegradabili in mater-bi necessari per la raccolta della frazione organica in confezioni da 50 sacchetti che dovranno rispondere ai seguenti requisiti: classe di appartenenza: NF dimensione adeguata bidoncini da 10 litri certificazione OK COMPOST (devono essere biodegradabili e compostabili) colore naturale trasparente essere imballati in confezioni da 50 pezzi ciascuna riportare la scritta rifiuti organici o similare 2) contenitori da 10 o 20 lt, a base quadrata o rettangolare con coperchio con chiusura antirandagismo con due cerniere ribassate per permettere un agevole risvolto del sacchetto su tutto il perimetro superiore del contenitore e manico, costruito in polipropilene riciclabile 3) stampa e fornitura di calendario relativo ai servizi in oggetto dell appalto composto da almeno una pagina per ogni mese, formato minimo 45x23 cm su carta riciclata, concordato con l A.C., da distribuire a cura dell A.C., a tutte le famiglie del territorio comunale.

11 DATI PRODUZIONE RIFIUTI Abitanti Materiale 2014 Toner 60,00 CARTA ,00 Plastica imballaggi ,00 Rottami metallici ,00 Vetro ,00 Pneumatici 1.280,00 FORSU ,00 Accumulatori al pb - Neon e Tubi Catodici - Frigoriferi 3.880,00 Olio Alimentare 300,00 Olio minerale 800,00 Vernici 1.546,00 T/F - Medicinali 353,00 Pile e Batterie 319,00 Tv, Monitor, Video e altre App 2.890,00 Lavatrici e piccoli elettrodomestici 5.070,00 Legno ,00 Vegetale (Verde) ,00 RSI (Ingombranti) ,00 RSU (secco indifferenziati) ,20 SPZ (spazzamento) ,00 Cimiteriali - Zinco - inerti ,00 TOTALE ,20

12 COSTI DELLA GESTIONE DEL SERVIZI DI IGIENE URBANA La presente parte ha lo scopo di determinare i costi fissi e variabili dei servizi descritti sinteticamente nella parte antecedente del presente Piano Finanziario, necessari per calcolare i costi da coprire attraverso la tariffa di riferimento della nuova Tassa sui Rifiuti (TARI), in attuazione di quanto prescritto dalla L. 147/2013. Pertanto, in questa parte si provvederà ad analizzare le singole voci di costo, classificate come prevede l'allegato 1 del D.P.R. 158/1999 (c.d. metodo normalizzato). Si definiscono preliminarmente le voci, descrivendone la natura e attribuendo a ciascuna di esse una sigla, che è naturalmente quella utilizzata nel D.P.R. 158/1999; per ognuna verrà inoltre fornito il criterio usato per calcolarne il totale. In seguito verrà effettuato il conteggio dei costi complessivi da coprire nel 2014 attraverso la tariffa, e infine questi saranno suddivisi fra parte fissa e parte variabile. Definizioni Il Costi di gestione del ciclo dei servizi sui rifiuti solidi urbani (CG): In tali costi sono compresi: a) Costi Spazzamento e Lavaggio strade e piazze pubbliche= CSL b) Costi di Raccolta e Trasporto RSU = CRT c) Costi di Trattamento e Smaltimento RSU = CTS d) Altri Costi= AC e) Costi di Raccolta Differenziata per materiale= CRD f) Costi di Trattamento e Riciclo = CTR Il) Costi Comuni (CC) In tali costi sono compresi: a) Costi Amministrativi dell'accertamento, della Riscossione e del Contenzioso= CARC Il costo comprende le spese dirette di accertamento e riscossione, sia spontanea (compenso alla banca per l'invio dei moduli di pagamento e le fasi di incasso e rendicontazione) che coattiva (compensi al concessionario) b) Costi Generali di Gestione = CGG Quota parte del costo del personale del Servizio Tributi e del Servizio Ecologia, maggiorato del costo stimato del personale delle imprese che effettuano i servizi di raccolta e smaltimento c) Costi Comuni Diversi= CCD III Costi d'uso del Capitale ( CK) Valore annuo dell'ammortamento, rilevato dall'inventario, della piattaforma ecologica comunale.

13 CG - Costi generali CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati AL NETTO DI IVA ,09 IVA TOTALE Costi di spazz. e Lavaggio strade CGIND CSL 10% ,60 e aree pubbl. Costi di Raccolta e Trasporto CGIND CRT ,50 10% RSU ,25 Costi di Trattamento e CGIND CTS 10% ,59 Smaltimento RSU ,35 CGIND AC Altri costi 1.349,40 10% 1.484,34 TOTALE CGIND , ,78 CGD Ciclo della raccolta differenziata CRD - Costi della Raccolta differenziata CGD CRD Gestione centro di raccolta - trasporti e noli ,23 10% ,96 CGD CRD CARTA 6.596,23 10% 7.255,86 CGD CRD FORSU ,91 10% ,61 CGD CRD PLASTICA 6.034,53 10% 6.637,98 CGD CRD VETRO 7.113,68 10% 7.825,05 CGD CRD ALTRI COSTI RACCOLTA ENTE 300,00 300,00 Totale CRD , ,45 CTR - Costi di trattamento e riciclo CGD CTR INERTI 3.319,52 10% 3.651,48 CGD CTR LEGNO 1,43 10% 1,57 CGD CTR MEDICINALI 488,55 10% 537,41 CGD CTR PILE E BATTERIE 452,53 10% 497,79 CGD CTR TONER 60,20 10% 66,22 CGD CTR VEGETALI 3.959,95 10% 4.355,95 CGD CTR VERNICI 2.540,85 10% 2.794,94 CGD CTR PNEUMATICI 310,02 10% 341,02 ALTRI COSTI PER CGD CTR SMALTIMENTO ,00 10% ,00 DIFFERENZIATA ENTE Totale CTR , ,37 CC- Costi comini CARC Costi amm.vi accert., riscoss. e cont. Totale CG , ,59 CC CARC fatturazione e riscossione 3.434,21 22% 4.189,74 CC CARC gestione utenti , ,52 CGG - Costi Generali di Gestione Totale CARC , ,26 CC CGG Personale isola ecologia ,53 10% ,08 CC CGG Quota di personale CG ,71 10% ,28 CC CGG Quota di personale CG , ,00

14 CCD - Costi Comuni Diversi Totale CGG , ,37 CC CCD Fondo rischi crediti 8.880, ,40 CC CCD Crediti inesigibili al netto fondo rischi crediti - CC CCD Fornitura materiali di consumo - CC CCD Interessi passivi sui mutui - CC CCD Contributo Miur (a dedurre) , ,63 CC CCD Recupero evasione (a dedurre) , ,00 Totale CCD 5.299, ,77 Totale CC , ,40 CK - COSTI D'USO DEL CAPITALE AMMn Ammortamenti per l anno di riferimento CK AMM Ammortamento impianti 4.586, ,39 CK AMM Ammortamento mezzi e attrezzature - 10% - CK AMM Ammortamento hardware e software 2.147, ,98 CK AMM Ammortamento start up nuove attività - CK AMM Ammortamento beni materiali 1.907, ,20 CK AMM Ammortamento immobili - CK AMM Altri ammortamenti - Totale AMM 8.641, ,57 ACCn Accantonamenti per l anno di riferimento CK ACC Accantonamento per minori entrate per riduzioni di tariffa 5.185, ,00 CK ACC Accantonamento per agevolazione legata al recupero - CK ACC Accantonamento per inesigibili - Totale ACC 5.185, ,00 Rn - Remunerazione del capitale investito per l anno di riferimento A - Investimenti per l anno di riferimento CK Rn Compattatori - CK Rn Automezzi - CK Rn Contenitori - CK Rn Piattaforma - CK Rn Immobili - CK Rn Hardware - CK Rn Altro - CK Rn Altro - Totale A - - B Cespiti in ammortamento per l anno di riferimento (valore residuo) CK Rn Compattatori - CK Rn Automezzi 6.746, ,72

15 CK Rn Contenitori - CK Rn Piattaforma - CK Rn Immobili , ,48 CK Rn Hardware - CK Rn Altro - CK Rn Altro - Totale B , ,20 Capitale netto investito (A+B) , ,20 Tasso di rendimento rn 4,095% 4,095% Rendimento del capitale (A+B) x rn 8.859, ,99 Totale CK , ,57 TOTALE PIANO FINANZIARIO , ,56

16 PROSPETTO RIASSUNTIVO Fissi/variabili Voce di costo Importo (iva inclusa) FISSI CSL ,60 FISSI CARC ,26 FISSI CGG ,37 FISSI CCD 5.299,77 FISSI AC 1.484,34 FISSI CK ,57 Totale Costi FISSI ,90 VARIABILI CRT ,25 VARIABILI CTS ,59 VARIABILI CRD ,45 VARIABILI CTR ,37 Totale Costi VARIABILI ,66 TOTALE ,56 FISSI ,90 VARIABILI ,66 TOTALE ,56

17 I dati delle tabelle sopra riportate saranno utilizzati nella determinazione delle tariffe da attribuire alle utenze domestiche, a loro volta divise in quota fissa (corrispondente ai costi fissi) e quota variabile (corrispondente ai costi variabili). Il costo complessivo che nel 2015 dovrà essere coperto dal nuovo tributo sarà di ,56. Pertanto, dalle tabelle sopra riportate risulta che il totale dei costi fissi, da coprire attraverso la parte fissa della tariffa (TPF) è pari ad ,90, mentre quello riferito ai costi variabili, da recuperare attraverso la parte variabile della tariffa (TPV), è di ,66. Nel Regolamento per l istituzione e l applicazione del tributo in questione, saranno definiti i criteri per la ripartizione dei costi fissi e variabili tra utenze domestiche e utenze non domestiche. Maleo, li Il Responsabile dell Ufficio Tributi Dott.ssa Alba Resemini Il Responsabile dell Ufficio Tecnico Ing. Gabriele Curti

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2015 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi B9 Personale B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo allegato A) COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2015 1 INTRODUZIONE Il presente documento riporta gli elementi caratteristici

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 AREA TECNICA - MANUTENTIVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 Casnate con Bernate, 3 aprile 2014 Il Responsabile del servizio AREA ECNICA E

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO Comune di Pantelleria Provincia di Trapani SETTORE II Lavori Pubblici - Energia Pubblica Illuminazione Protezione Civile Edilizia Popolare Edilizia Scolastica Manutenzioni Ambiente Servizio Idrico Integrato

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

CALENDARIO PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2011

CALENDARIO PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2011 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Monza e Brianza Via Vittorio Veneto, 47 20837 Veduggio con Colzano (MB) Tel. 0362998741 fax 0362910878 CALENDARIO PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

Piano Economico Finanziario

Piano Economico Finanziario Piano Economico Finanziario 2015 Documento allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2015 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati CSL Costi di spazz.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI A. Premessa 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della TARI (tributo

Dettagli

MANUALE RACCOLTA RIFIUTI

MANUALE RACCOLTA RIFIUTI COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it P.E.C.: sangiorgiocanavese@pcert.it P.IVA/Cod.Fisc.: 02143040018 MQ Ref.: E:\Documenti\Desktop\S.C.S.

Dettagli

COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco

COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco COMUNE DI ERVE Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO 2014 (D.P.R. 27/4/1999, N. 158) 1 PREMESSA NORMATIVA La legge 27 Dicembre 2013 n. 147 (Legge di Stabilità 2014) ha istituito dal 1 gennaio 2014 la IUC

Dettagli

Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata. Comune di Casoria

Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata. Comune di Casoria Edizione Gennaio 2011 Manuale per la raccolta differenziata Comune di Casoria R.S.U. Rifiuti Solidi Urbani Piatti, bicchieri e posate in plastica Giocattoli Bicchieri e recipienti di cristallo Bicchieri,

Dettagli

COMUNI DI TAVAZZANO CON VILLAVESCO, CASALMAIOCCO, CERVIGNANO D ADDA, COMAZZO, MERLINO, ZELO BUON PERSICO (LO) COLTURANO, DRESANO (MI)

COMUNI DI TAVAZZANO CON VILLAVESCO, CASALMAIOCCO, CERVIGNANO D ADDA, COMAZZO, MERLINO, ZELO BUON PERSICO (LO) COLTURANO, DRESANO (MI) COMUNI DI TAVAZZANO CON VILLAVESCO, CASALMAIOCCO, CERVIGNANO D ADDA, COMAZZO, MERLINO, ZELO BUON PERSICO (LO) COLTURANO, DRESANO (MI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI Allegato 1 COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Monza e Brianza PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 (Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE TIPOLOGIE DI RIFIUTI DIFFERENZIATI, PROVENIENTI DALL UTENZA DOMESTICA,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

Comune di Spinadesco - ASPM TARI

Comune di Spinadesco - ASPM TARI Comune di Spinadesco - ASPM TARI PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR 158/99 INDICE PREMESSA NORMATIVA INTRODUZIONE... PARTE

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE

Dettagli

1. PREMESSA NORMATIVA

1. PREMESSA NORMATIVA COMUNE PATTI Piano Finanziario e Relazione di Accompagnamento DI PROVINCIA DI MESSINA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO NORME DI RIFERIMENTO: - ART. 22 D.LGS 22/97 E S.M.I. - ART. 8 DEL

Dettagli

Raccolta differenziata. Elenco dei materiali

Raccolta differenziata. Elenco dei materiali Per la Guida alla raccolta differenziata sostituire quanto inserito con la seguente: Raccolta differenziata. Elenco dei materiali Carta e Cartone (apposita cassetta o scatoloni) giornali e riviste, libri,

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA. Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI TERTENIA. Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TERTENIA Provincia dell Ogliastra UFFICIO FINANZIARIO E TRIBUTI UFFICIO TECNICO COMUNALE PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014 Il RESPONSABILE

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

Raccolta differenziata (RD) per materiale

Raccolta differenziata (RD) per materiale Raccolta differenziata (RD) per materiale I servizi di raccolta differenziata sono effettuati con il sistema porta a porta con: - frequenza di raccolta settimanale di carta, cartone; - frequenza di raccolta

Dettagli

INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA

INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA INFORMAZIONE PER LA RACCOLTA Per i rifiuti indifferenziati esponi il sacchetto nei pressi della tua abitazione nei giorni previsti (sono stati distribuiti dei casso netti a servizio delle famiglie del

Dettagli

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco:

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco: CARTA E CARTONI Giornali e riviste separate da involucri di cellophane, libri e quaderni, fogli e tabulati, carta da pacchi, cartone e cartoncino, sacchetti di carta, scatole di cartoncino per alimenti

Dettagli

numero verde 800 135586.

numero verde 800 135586. GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Da maggio 2009 il Comune di Laveno Mombello aderisce al servizio di raccolta rifiuti della Comunità Montana della Valcuvia. NOVITA IMPORTANTI: per disservizi,

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

COMUNE DI CAMMARATA. Provincia di Agrigento

COMUNE DI CAMMARATA. Provincia di Agrigento COMUNE DI CAMMARATA Provincia di Agrigento Piano Finanziario Tassa Rifiuti Anno 2015 1 Sommario 1. Premessa... 3 PARTE I: DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE E DELLE PROSPETTIVE DEL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO

COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO IL COMUNE DI POLLICA SI DIFFERENZIA COSA? COME? COSA SI QUANDO? COSA NO Umido Sacchetto biodegradabile in mater-bio in ECM Scarti di cucina freddi (pane, pasta, riso), alimenti avariati, resti animali,

Dettagli

ASPM - Comune di Spinadesco TARES

ASPM - Comune di Spinadesco TARES ASPM - Comune di Spinadesco TARES PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR 158/99 INDICE PREMESSA NORMATIVA INTRODUZIONE... PARTE

Dettagli

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO Città di SOLFERINO ecocale ndario GIUGNO 0 - DICEMBRE 0 novità per l ambiente DAL GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE I N D I F F E R E N Z I A T O S F A I L C SI ESTENDE IL PORTA A

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale Comune di Biassono La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. AGENDA 21 Agenda 21 significa, letteralmente, l insieme degli appuntamenti, delle cose da fare, nel corso del ventunesimo

Dettagli

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL PARTE LE RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DIRETTAMENTE A CASA TUA State comodi, veniamo noi! 2 C.L.I.R. è lieta di presentarvi il suo TESTIMONIAL... 3

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

Piano Finanziario 2015 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI

Piano Finanziario 2015 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI COMUNE DI SANT ANTIOCO Provincia di Carbonia - Iglesias Piano Finanziario 2015 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI Ai sensi dell art. 8, D.P.R. 27 aprile

Dettagli

guida alla raccolta CITTÀdiMEDA differenziata dei RIFIUTI

guida alla raccolta CITTÀdiMEDA differenziata dei RIFIUTI guida alla raccolta CITTÀdiMEDA differenziata dei RIFIUTI VERDE (residui vegetali ritiro a domicilio) CITTÀ DI MEDA Il materiale vegetale proveniente dalla manutenzione di giardini e orti privati viene

Dettagli

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Allegato A COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) A. Premessa A partire dal 1 gennaio 2014 è istituita, nell ambito dell Imposta Unica Comunale

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ----------

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ---------- COMUNE DI GIUSSAGO Provincia di Pavia PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ---------- (ALLEGATO A) 1 A.

Dettagli

ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE

ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE ASPEM Servizio di igiene urbana GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E ALLO SMALTIMENTO RIFIUTI A VARESE UMIDO SECCO ALTRI RIFIUTI PLASTICA TETRA PAK LATTINE VETRO CARTA LA RACCOLTA PORTA A PORTA I CONTENITORI

Dettagli

COMUNE di VALMADRERA. Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014

COMUNE di VALMADRERA. Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014 COMUNE di VALMADRERA Provincia di Lecco PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014 A. Premessa L articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013 comma 639 ha istituito,

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SISTEMA ARCI-TIRSO COMUNI DI SANTA GIUSTA, PALMAS ARBOREA, SIMAXIS, SOLARUSSA E VILLAURBANA. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PORTA A PORTA VETRO CARTA E CARTONI LATTINE UMIDO PLASTICA SECCO NEGLI APPOSITI

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

RACCOLTA DEI RIFIUTI. Chi differenzia fa la differenza CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA

RACCOLTA DEI RIFIUTI. Chi differenzia fa la differenza CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA CITTÀ DI GARDONE VALTROMPIA RACCOLTA DEI RIFIUTI Chi differenzia fa la differenza A Gardone Valtrompia la raccolta rifiuti avviene tramite «Porta a Porta» per la raccolta differenziata di Plastica, Carta,

Dettagli

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CALENDARIO RACCOLTA RIFIUTI A DOMICILIO Il nuovo sistema di raccolta prevede un cambiamento del calendario settimanale di raccolta così organizzato: MARTEDI' 1 e 3 martedì

Dettagli

PLASTICA SI COME SMALTIRLA

PLASTICA SI COME SMALTIRLA PLASTICA Tutti gli imballaggi in plastica Bottiglie (acqua, bibite, olio, succhi, latte); flaconi/dispensatori (creme, salse, yogurt) Confezioni rigide per dolciumi (scatole trasparenti e vassoi) e per

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES)

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) Allegato alla deliberazione C.C. n. 15 del 12.07. INDICE 1- Premessa 2- Obiettivi

Dettagli

Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 15 del 31/07/2014

Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 15 del 31/07/2014 ORIGINALE Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 15 del 31/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO ALLA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Piano finanziario e Relazione di accompagnamento alla tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani

Piano finanziario e Relazione di accompagnamento alla tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani Comune di Casalmaiocco (LO) Piano finanziario e Relazione di accompagnamento alla tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani ANNO 2013 ai sensi dell Art. 8 del DPR del 27 aprile 1999, n. 158.

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2014 A. PREMESSA Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore A. Omodeo - Mortara (PV) DIFFERENZIAMOCI

Istituto Istruzione Superiore A. Omodeo - Mortara (PV) DIFFERENZIAMOCI DIFFERENZIAMOCI DIFFERENZIAMOCI C.L.I.R. è lieta di presentarvi il suo TESTIMONIAL... 3 RUDY CHI E CLIR? 5 COMUNI SERVITI DA C.L.I.R. S.p.A. 6 A CHI SONO RIVOLTI I SERVIZI OFFERTI DA C.L.I.R.? COMUNI DELLA

Dettagli

COMUNE DI GERA LARIO

COMUNE DI GERA LARIO COMUNE DI GERA LARIO (Provincia di Como) ESERCIZIO 2014 PIANO FINANZIARIO TARI TARIFFE UTENZE DOMESTICHE TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE 1 Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale di Gera Lario

Dettagli

IO MIGLIORO SIENAMBIENTE GUIDA PER METTERE I RIFIUTI GIUSTI NEL SACCHETTO GIUSTO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI QUALITÀ DIAMOCI UN OBIETTIVO

IO MIGLIORO SIENAMBIENTE GUIDA PER METTERE I RIFIUTI GIUSTI NEL SACCHETTO GIUSTO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI QUALITÀ DIAMOCI UN OBIETTIVO DIAMOCI UN OBIETTIVO DI QUALITÀ IO MIGLIORO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA PER METTERE I RIFIUTI GIUSTI NEL SACCHETTO GIUSTO SIENAMBIENTE IO MIGLIORO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA multimateriale indifferenziato

Dettagli

Servizi Comunali S.p.A.

Servizi Comunali S.p.A. Servizi Comunali S.p.A. In collaborazione con l Amministrazione l Comunale di Cavernago I rifiuti, una risorsa? Cavernago, 14 gennaio 2014 Raccolta differenziata perché farla? Valenza ecologica (rispetto

Dettagli

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO. Provincia di Milano

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO. Provincia di Milano COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Provincia di Milano Art. 1 : AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina la tipologia e le modalità della raccolta differenziata dei Rifiuti Solidi Urbani (

Dettagli

La raccolta differenziata dei rifiuti

La raccolta differenziata dei rifiuti La raccolta differenziata dei rifiuti Ciao zio Rod... Ciao Tea....Posso?! Sii brava e cerca un altro cestino, così mi aiuti a tenere PULITA LA CITTÀ Domande e risposte sulla raccolta differenziata dei

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. la strada obbligata

RACCOLTA DIFFERENZIATA. la strada obbligata RACCOLTA DIFFERENZIATA la strada obbligata Il Consorzio RSU, quale Ente di Bacino, organo di indirizzo, pianificazione e controllo, in aderenza alle direttive dell assemblea dei Sindaci dei 50 Comuni

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00232920801 Anno 2013 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI POLISTENA SEDE a cui si riferisce

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Piano finanziario TARI anno 2015

Piano finanziario TARI anno 2015 Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativi alle attività inerenti la raccolta, lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e la gestione della tariffa

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA

COMUNE SETTALA ASSESSORATO AMBIENTE CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA CARTA CARTONE TETRAPAK SENZA SACCHETTI DI PLASTICA GIORNALI E RIVISTE LIBRI E QUADERNI FOTOCOPIE E FOGLI VARI CARTONI PIEGATI E SCATOLE PER ALIMENTI IMBALLAGGI DI CARTONE TETRA PAK (LATTE, SUCCHI DI FRUTTA,

Dettagli

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA iomiglioro LA RACCOLTA DIFFERENZIATA non buttarmi! conservami in cucina, nel cassetto della tavola o accanto ai contenitori della raccolta differenziata. ti sarò utile per i prossimi anni! GUIDA ALLA RACCOLTA

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 A. PREMESSA Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Allegato A) D.C.C. n. 17 del 30.07.2015 COMUNE DI SAN PAOLO SOLBRITO Provincia di Asti PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Indice 1. Premessa 2. Obiettivi di fondo dell Amministrazione comunale 3. Il Modello Gestionale

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00273850602 Anno 2014 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI STRANGOLAGALLI SEDE a cui

Dettagli

Società Igiene Ambientale. Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Comune di Margherita di Savoia. Istruzioni sulla. raccolta Differenziata

Società Igiene Ambientale. Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Comune di Margherita di Savoia. Istruzioni sulla. raccolta Differenziata Comune di Margherita di Savoia Società Igiene Ambientale Consorzio Bacino FG/4 a r.l. Istruzioni sulla raccolta Differenziata 1 Raccolta differenziata Porta a Porta il Una grande idea per un mondo libero

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2014

PIANO FINANZIARIO TARI 2014 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 A) Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione della nuova tassa

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA

RACCOLTA DIFFERENZIATA RACCOLTA DIFFERENZIATA ISTRUZIONI PER L USO Con questa pubblicazione, diamo il via alla raccolta differenziata della frazione umida, un passo necessario per migliorare la nostra gestione dei rifiuti, ma

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico

Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico Cesenatico per l ambiente Una corretta gestione dei servizi ambientali è fondamentale

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

CO.A.B.SE.R. Consorzio Albere Braidese servizi Rifiuti REGOLAMENTO D USO STAZIONI ECOLOGICHE CONSORTILI

CO.A.B.SE.R. Consorzio Albere Braidese servizi Rifiuti REGOLAMENTO D USO STAZIONI ECOLOGICHE CONSORTILI CO.A.B.SE.R. Consorzio Albere Braidese servizi Rifiuti REGOLAMENTO D USO STAZIONI ECOLOGICHE CONSORTILI SOMMARIO Art.1 Oggetto del regolamento.... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art.3 Gestione del servizio,

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 86005370589 Anno 2013 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI MONTORIO ROMANO SEDE a cui

Dettagli

Impariamo anche noi a fare la differenza.

Impariamo anche noi a fare la differenza. La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza. Comune di Rio Saliceto COS E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE? La raccolta differenziata domiciliare

Dettagli

Il Servizio di raccolta rifiuti differenziata ed indifferenziata si svolge secondo il sistema porta a porta nel modo di seguito specificato:

Il Servizio di raccolta rifiuti differenziata ed indifferenziata si svolge secondo il sistema porta a porta nel modo di seguito specificato: RACCOLTA RIFIUTI Il Servizio di raccolta rifiuti differenziata ed indifferenziata si svolge secondo il sistema porta a porta nel modo di seguito specificato: GIORNI DI RACCOLTA LUNEDI : rifiuti solidi

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli