COMUNE DI MALEO Piano finanziario per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi. Comune di MALEO Provincia di Lodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MALEO Piano finanziario per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi. Comune di MALEO Provincia di Lodi"

Transcript

1 Comune di MALEO Provincia di Lodi PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI. TARI Piazza XXV Aprile, Maleo Tel: 0377/ Fax: 0377/ pec:

2 PREMESSA L articolo 1 della Legge n. 147 del comma 639 ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l Imposta Unica Comunale, denominata IUC, basata su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e l altro collegato all erogazione e alla fruizione di servizi comunali; la IUC è composta da: 1. IMU - imposta municipale propria - di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali; 2. TASI tributo per i servizi indivisibili a carico sia del possessore che dell utilizzatore dell immobile; 3. TARI tassa sui rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell utilizzatore. La Tari è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Il Comune nella commisurazione della Tari tiene conto dei criteri determinati con il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27/04/1999 n Il Consiglio Comunale deve approvare, entro il termine fissato da norme statali per l approvazione del bilancio di previsione, le tariffe della Tari in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Il Piano finanziario è redatto, in conformità al dettato del DPR 27/4/99, n. 158, sulla scorta delle previsioni di spesa ed investimenti sia diretti, che comunicati dai diversi enti, aziende e associazioni. In ogni caso deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi di cui all art. 15 del D.Lgs. N. 36/2003. Il Piano Finanziario deve evidenziare i costi complessivi, diretti e indiretti, del servizio, e dividerli fra costi fissi e costi variabili, sulla scorta dei criteri indicati nel D.P.R. n. 158/1999 citato. 1l Piano Finanziario prevede anche una parte descrittiva, che illustra le caratteristiche principali del servizio di gestione dei rifiuti e delle sue prospettive, in modo da giustificare i costi che in esso sono rappresentati. Va precisato, da ultimo, che il presente Piano Finanziario riguarda solamente i rifiuti solidi urbani e quelli che sono stati ad essi assimilati; solo tali tipologie di rifiuto rientrano infatti nell'ambito della privativa comunale, cioè nel diritto/obbligo del Comune a provvederne alla raccolta e smaltimento. I rifiuti speciali, al contrario, vengono smaltiti direttamente dalle imprese che li producono. Di seguito verranno descritti i principali aspetti della gestione dei rifiuti nel Comune di Maleo, al solo scopo di fornire un quadro più comprensibile delle voci di costo che verranno analizzate nell'ultima parte.

3 MODALITÀ DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA L Affidataria è incaricata di espletare i servizi oggetto dell appalto di raccolta e trasporto al centro di trattamento finale degli RSU in conformità alle condizioni indicate nel Capitolato allegato al contratto e nel rispetto delle norme vigenti con particolare riguardo al D.Lgs. 152/2006 e alla L.R. (Lombardia) 26/2003. Sono oggetto dell appalto suddetto: RACCOLTE DOMICILIARI: il servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti solidi urbani ed assimilati effettuata in forma differenziata tra frazione UMIDA e frazione SECCA RESIDUA; ed il loro trasporto e conferimento all impianto provinciale autorizzato di Terranova dei Passerini (LO) (per i Comuni di Maleo, Cavacurta, Camairago, Castelnuovo Bocca d'adda, Corno Giovine, S. Stefano Lodigiano, Caselle Landi, San Fiorano, Meleti, Cornovecchio, Maccastorna) e di San Rocco al Porto (per i Comuni di Maccastorna, San Rocco al Porto) per la frazione umida e all impianto provinciale autorizzato di Montanaso Lombardo (LO) per la frazione secca residua. Lo smaltimento rimane a carico dell A.C. con fatturazione diretta dell impianto ad ogni singola A.C.. Potranno essere indicati da parte dell A.C. altri luoghi di conferimento durante il corso di esecuzione del contratto ed in tal caso non potranno essere richiesti oneri aggiuntivi all A.C. per le variazioni dell impianto di conferimento. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di CARTA E CARTONE, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento della frazione e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di imballaggi in PLASTICA, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento delle frazioni e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. il servizio di raccolta domiciliare, in forma differenziata di imballaggi in VETRO + BARATTOLI (in alluminio, acciaio o banda stagnata), il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati; il costo di smaltimento delle frazioni e di eventuali sovvalli e/o il ricavo da vendita del materiale sono di pertinenza della Ditta Appaltatrice. RACCOLTE STRADALI CON CONTENITORI: il servizio di raccolta selettiva a mezzo di idonei contenitori di PILE, FARMACI, SIRINGHE; il trasporto del materiale raccolto, il relativo conferimento presso idonei impianti autorizzati e il costo di smaltimento del materiale raccolto sarà a carico dell appaltatore; CENTRO DI RACCOLTA di Maleo: l allestimento del centro di raccolta comunale; la fornitura di idonei containers; il trasporto del materiale raccolto, il relativo conferimento presso idonei impianti; il presidio/gestione/manutenzione ordinaria del centro di raccolta; lo smaltimento del materiale conferito è a carico della ditta appaltatrice; IGIENE URBANA: il servizio di spazzamento meccanizzatodi vie, strade e parcheggi pubblici o private ad uso pubblico. Il trasporto, il conferimento e lo smaltimento/recupero delle terre di risulta sarà a carico della ditta appaltatrice.

4 ALTRI SERVIZI E FORNITURE la fornitura di contenitori e sacchetti per la raccolta domiciliare dell umido e di calendario annuo della raccolta; la compilazione del MUD, della scheda ORSO e gli altri adempimenti previsti dalla normativa nazionale e regionale Definizioni Ferme restando le definizioni e le classificazioni di cui agli articoli 183, 184 e 218 del D.Lgs. 152/2006, ai fini del Capitolato allegato al contratto in essere si definiscono: 1) A.C.: ognuna delle singole Amministrazioni Comunali dei comuni convenzionati di Maleo, Cavacurta, Camairago, Cornovecchio, Castelnuovo Bocca d'adda, Maccastorna, Corno Giovine, S. Stefano Lodigiano, Meleti, Caselle Landi, San Fiorano e San Rocco al Porto. Si precisa che Il Comune di Maleo assume la titolarità delle procedure di evidenza pubblica per l'aggiudicazione dell'appalto del servizio in oggetto ed assume, anche su segnalazione dei Comuni associati, e solo a tal fine, per l'eventuale revoca del medesimo, la funzione di interlocutore unico con l'appaltatore. Ogni singolo Comune, sarà invece interlocutore unico nei confronti dell impresa appaltatrice, per tutto quanto attiene le modalità di espletamento del servizio nel proprio territorio, nonché per l applicazione delle penali previste nel Capitolato Speciale d Appalto e relative agli eventuali inadempimenti della ditta appaltatrice. Il Comune Capofila avrà solo funzione di Stazione Appaltante per l espletamento delle procedure di gara per l affidamento del servizio, mentre tutte le incombenze, quali segnalazioni di anomalie del servizio, applicazione di sanzioni, liquidazione delle rispettive fatture e tutto quanto connesso alla direzione del servizio (fornitura cassoni, calendari, ispezioni ecc.), dovrà provvedere ogni singolo Comune associato. 2) APPALTATORE, IMPRESA/DITTA APPALTATRICE, AFFIDATARIA: la Ditta aggiudicataria dell appalto; 3) RIFIUTI RICICLABILI/RECUPERABILI: tutte le frazioni passibili di recupero, riciclaggio e riutilizzo, suddivise in: - CARTA E CARTONE: frazione recuperabile costituita da carta (non accoppiata ad altri materiali) e cartone (imballaggi, scatole, scatoloni, ) - PLASTICA: bottiglie di PET e flaconi di HDPE della capacità massima di 5 lt. bottiglie acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte, ecc. della capacità superiore a 5 lt flaconi/dispensatori sciroppi, creme, salse, yogurt, ecc. confezioni rigide per dolciumi (es: scatole trasparenti e vassoi interni ad impronte); confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (es: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura) buste e sacchetti per alimenti in genere (es: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati) vaschette porta uova vaschette per alimenti, carne e pesce vaschette/barattoli per gelati contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert reti per frutta e verdura shoppers e imballaggio secondario per bottiglie di acqua minerale/bibite e similari (es: carta igienica, carta assorbente ) barattoli per alimenti in polvere contenitori vari per alimenti per animali coperchi cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari in genere

5 flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l igiene della casa, della persona, cosmetici, acqua distillata della capacità superiore a 5 lt. barattoli per confezionamento di prodotti vari (es: articoli di cancelleria, salviettine umidificate, rullini fotografici, detersivi) blister e contenitori rigidi e formati a sagoma (es: gadget vari, gusci per giocattoli, articoli da ferramenta e per il fai da te ) scatole e buste per confezionamento di capi d abbigliamento imballaggi di piccoli elettrodomestici in polistirolo espanso reggette per legatura pacchi sacchi, sacchetti, buste (es: sacchi per detersivi, ) vasi per vivaisti - VETRO: frazione recuperabile costituita da manufatti in vetro quali bottiglie ecc. - LATTINE: frazione recuperabile costituita da contenitori in alluminio per liquidi - LATTE/BARATTOLI: frazione recuperabile costituita da contenitori in acciaio o banda stagnata - VERDE: materiale lignocellulosico derivante dai lavori di sfalcio dell erba e dalla potatura di piante sia pubbliche che private - UMIDO/ORGANICO: scarti di cucina putrescibili ad alto tenore di umidità, quali: carta assorbente da cucina fazzoletti/tovaglioli di carta fiori recisi filtri di tè o tisane fondi di caffè resti di cibo cotti o crudi sminuzzati avanzi di pane, pasta, riso, dolci avanzi di carne, pesce, formaggi gusci di crostacei gusci di uova scarti di frutta e verdura - RAEE: rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche [Un elenco esemplificativo dei RAEE di origine domestica e dei RAEE di origine commerciale, industriale, istituzionale e di altro tipo analoghi, per natura e per quantità, a quelli originati dai nuclei domestici ammessi al ritiro presso il Centro di Raccolta è il seguente: frigoriferi, surgelatori e congelatori; apparecchi per la cottura (cucine a gas, forni, forni a microonde);televisori, videoregistratori e simili; computers, stampanti, fax, telefoni vari; lavatrici, lavastoviglie, asciugatrici; condizionatori d aria, ventilatori e simili; apparecchiature elettriche per riscaldare; piccoli elettrodomestici (radio, phon, frullatori, tostapane, friggitrici, ferri da stiro, macchine per caffè, ); elettrodomestici per il fai da te (trapani, fresatrici, smerigliatrici, macchine da cucire,.); Giocattoli elettrici; Sorgenti luminose]. - LEGNO (pallet, cassette della frutta, rami e mobili non verniciati o trattati) - PNEUMATICI, - OLII E GRASSI VEGETALI/ANIMALI (olio, burro, strutto e grassi vari usati per cucinare i cibi) - FERRO (Parti in ferro di biciclette, infissi in metallo, strutture delle zanzariere, tapparelle in metallo, ) - INDUMENTI SMESSI (abiti, scarpe, biancheria, borse e simili ancora in buono stato) 4) RIFIUTI URBANI INDIFFERENZIATI O SACCO NERO O RIFIUTO TAL QUALE : tutte le frazioni di rifiuto di piccole dimensione ad eccezione dei rifiuti oggetto di raccolta differenziata attivata dal Comune; 5) SECCO RESIDUO: tutte le frazioni non passibili di recupero di materia, riciclaggio e riutilizzo di piccole dimensioni, avente un rilevante contenuto energetico;

6 6) RIFIUTI INGOMBRANTI: beni di consumo durevole, quali oggetti di comune uso domestico o d arredamento che, per natura o per peso o per dimensioni non è possibili conferirli al servizio di raccolta dei rifiuti. 7) RIFIUTI URBANI PERICOLOSI (RUP): con riferimento all allegato I al D.Lgs. 152/2006 sono pericolosi i seguenti rifiuti: pile, farmaci, contenitori etichettati T e/o F (vernici, inchiostri, adesivi, solventi, prodotti fotochimici, pesticidi, bombolette spray ), accumulatori al piombo, olio minerale esausto. 8) RIFIUTI CIMITERIALI: con riferimento al DPR 254/2003 sono rifiuti cimiteriali: parti anatomiche riconoscibili e resti mortali derivanti da operazioni di esumazione ed estumulazione (CER ) resti da esumazioni ed estumulazioni (legni, assi, simboli religiosi, ornamenti, imbottiture, resti metallici materiali lapidei, ) 8) RIFIUTI AMBULATORIALI/SANITARI: i rifiuti di cui al DPR 254/2003 (garze, tamponi, siringhe, bende, guanti, sacche per trasfusioni,. Raccolte differenziate Con l obiettivo di ridurre il quantitativo di rifiuti da smaltire, l organizzazione dei servizi prevede la differenziazione all origine dei materiali valorizzabili (rifiuti umidi, carta, cartone, plastica, vetro, latte e lattine,...) e dei rifiuti pericolosi (farmaci, pile, prodotti etichettati T e/o F,...). Raccolta differenziata tra frazione UMIDA e frazione SECCA RESIDUA Il servizio di raccolta dei rifiuti urbani ed assimilati dovrà essere effettuato separatamente tra frazione umida e frazione secca residua con frequenza bisettimanale per l umido e settimanale per il secco residuo. Raccolta SECCO RESIDUO Maleo: il venerdi dalle 7:00 alle ore 13:00 Raccolta UMIDO Maleo: il martedì e il venerdi dalle 7:00 alle ore 13:00 Servizio di raccolta domiciliare di: carta e cartone plastica vetro + barattoli rifiuti voluminosi (solo per Meleti, Cornovecchio, Maccastorna, San Rocco al Porto)

7 L Impresa appaltatrice provvederà alla raccolta di carta e cartone, imballaggi in plastica, imballaggi in vetro + alluminio + banda stagnata mediante servizio di porta a porta, con la seguente periodicità di intervento: Raccolta CARTA e CARTONE: con frequenza quindicinale: - per i Comuni di Maleo il Mercoledì dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 Raccolta PLASTICA: con frequenza quindicinale: - per i Comuni di Maleo il Martedi dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 Raccolta VETRO, LATTE e LATTINE: con frequenza quindicinale - per i Comuni di Maleo il Martedì dalle ore 7.00 e termine entro le ore 13:00 I materiali dovranno essere conferiti dal cittadino a bordo strada, senza creare intralcio al passaggio, nel seguente modo: - carta: ordinata e legata con spago oppure ordinata e inserita in scatole di cartone a perdere in cui sia comunque ben visibile il contenuto; - plastica: gli imballaggi di cui all art.9 (le bottiglie devono essere pressate) dovranno essere inseriti nell apposito sacco trasparente; - vetro + barattoli: le bottiglie e lo scatolame vanno inserite in bidone, avendo cura di chiudere il coperchio; - rifiuti voluminosi e altre frazioni: il cittadino esporrà il proprio materiale in modo ordinato. Raccolta selettiva dei rifiuti pericolosi: pile farmaci siringhe L Impresa appaltatrice posizionerà un numero di contenitori come indicato nella tabella sotto riportata, per la raccolta selettiva di pile della capacità di 120 litri, realizzati in lamiera d acciaio verniciati e zincati, con apertura frontale per l estrazione dei rifiuti con scorrimento su guide e chiusura con chiave, muniti di bocche di introduzione sagomate per la raccolta delle pile, recanti la scritta raccolta selettiva di pile ed alcune norme basilari per il corretto conferimento. I contenitori verranno posizionati nei punti di raccolta prescelti dall A.C. Le opere di muratura necessarie per l installazione dei nuovi contenitori sono a totale carico dell impresa appaltatrice. La Ditta dovrà provvedere alle operazioni di svuotamento, di disinfezione dei contenitori e di smaltimento con cadenza minima mensile e comunque ogni qualvolta risultino stipati. Il materiale raccolto verrà avviato agli impianti di smaltimento reperiti dall Impresa Appaltatrice in accordo con l A.C. Il costo di smaltimento è a carico della Ditta Appaltatrice.

8 L Impresa posizionerà un numero di contenitori come indicato nella tabella sotto riportata, per la raccolta selettiva di farmaci della capacità di 150 litri, realizzati in lamiera d acciaio verniciati e zincati, con apertura frontale per l estrazione dei rifiuti con scorrimento su guide e chiusura con chiave, muniti di bocche antitrusione per medicinali scaduti, recanti la scritta raccolta selettiva di farmaci scaduti ed alcune norme basilari per il corretto conferimento. I contenitori verranno posizionati nei punti di raccolta prescelti dall A.C. Le opere di muratura necessarie per l installazione dei nuovi contenitori sono a totale carico dell impresa appaltatrice. La Ditta dovrà provvedere alle operazioni di svuotamento, di disinfezione dei contenitori e di smaltimento con cadenza minima mensile e comunque ogni qualvolta i contenitori risultino stipati. Il materiale raccolto verrà avviato agli impianti di smaltimento reperiti dall Impresa Appaltatrice in accordo con l A.C. Il costo di smaltimento è a carico della Ditta Appaltatrice. PILE Comune n.ro contenitori (120 lt) MALEO 6 FARMACI Comune n.ro contenitori (150 lt.) MALEO 6 Gestione del centro di raccolta comunale L Impresa dovrà assicurare l apertura del centro di raccolta secondo il seguente calendario: Comune Aperture Maleo il mercoledì dalle 14:00 alle 17:00 il sabato dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00 durante il periodo 1 ottobre 31 marzo (orario invernale) il sabato dalle 9:00 alle 12:00 e dalle alle durante il periodo 1 aprile 30 settembre (orario estivo) Comune di Maleo: CONTENITORI VUOTATURE ANNUE PREVISTE INGOMBRANTI n. 2 container da 20 mc circa n. 26 per ogni container FERRO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 LEGNO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 VERDE n. 2 container da 20 mc circa n. 52 per ogni container INERTI n. 1 container da 10 mc circa n. 8 CARTA E CARTONE n. 1 container da 20 mc circa n. 12 PLASTICA n. 1 container da 20 mc circa n. 12 VETRO n. 1 container da 20 mc circa n. 12 PNEUMATICI A terra n. 4 OLIO VEGETALE n. 1 contenitori da 500 lt n. 4

9 OLIO MINERALE n. 1 contenitori da 500 lt n. 4 BATTERIE D'AUTO n. 2 contenitori da 1 mc n. 4 ciascuno PRODOTTI ETICHETTATI T/F n. 1 contenitori da 2 mc n. 4 LAMPADE E TUBI CATODICI n. 1 contenitori da 120 mc/lt n. 3 TONER n. 1 contenitore da 1 mc n. 4 Il numero di interventi riportato è indicativo tra le varie frazioni, pertanto il conto degli interventi compresi nell appalto, è da considerarsi sul numero complessivo dei viaggi, derivante dalla somma complessiva dei viaggi previsti per ogni frazione. La vuotatura dei contenitori dovrà avvenire in orari diversi da quelli di apertura al pubblico del centro di raccolta. Sarà cura degli addetti provvedere alla pulizia dell area circostante al punto di conferimento. Pulizia meccanica delle strade Lo spazzamento meccanizzato delle strade verrà effettuato secondo la seguente tabella tramite idoneo mezzo aspirante, con contemporaneo ausilio manuale con operatore munito di soffiatore che provvederà alle finiture ed alla spazzatura dei marciapiedi, nonché all asportazione di ogni rifiuto esistente compreso lo svuotamento dei cestini portarifiuti installati presso le aree pubbliche o di uso pubblico, la sostituzione dei sacchi per la raccolta in essi contenuti e la loro periodica pulizia e disinfezione. Il servizio dovrà essere effettuato in ore diurne. COMUNE FREQUENZA GIORNI Maleo -Zona Centro come individuata -Per la zona centro, come da da allegata planimetria (All. 1) allegata planimetria, le vie tutte le settimane; indicate in azzurro il giorno -Zona Periferia come lunedi dalle ore 6,30 alle ore individuata da allegata 7,30 e le vie in rosso il giorno planimetria (All. 1) con cadenza quindicinale (26 volte all anno); mercoledi dalle ore 6,30 alle ore Per la zona periferia il giorno mercoledi Nel caso si verificassero cause di forza maggiore da impedire lo svolgimento del servizio (pioggia intensa, nevicate), il costo del servizio verrà scontato sul primo rateo in scadenza di pagamento. I rifiuti raccolti saranno trasportati a cura della Affidataria allo smaltimento in idoneo impianto (individuato in accordo con l A.C.) ed è a carico della stessa Affidataria lo smaltimento di detti rifiuti. Fornitura di contenitori e sacchetti per le varie raccolte domiciliari e di calendario annuo della raccolta L Impresa appaltatrice dovrà provvedere alle forniture di seguito indicate alle Amministrazione Comunali:

10 Per il 2014: entro la data del Maleo n sacchetti in mater-bi e n 700 bidoncini da 20 lt e 700 bidoncini da 10 lt per umido e calendari Per il 2015: entro la data del n sacchetti in mater-bi e calendari Per il 2016: entro la data del n sacchetti in mater-bi e calendari Specifiche tecniche delle forniture 1) sacchetti biodegradabili in mater-bi necessari per la raccolta della frazione organica in confezioni da 50 sacchetti che dovranno rispondere ai seguenti requisiti: classe di appartenenza: NF dimensione adeguata bidoncini da 10 litri certificazione OK COMPOST (devono essere biodegradabili e compostabili) colore naturale trasparente essere imballati in confezioni da 50 pezzi ciascuna riportare la scritta rifiuti organici o similare 2) contenitori da 10 o 20 lt, a base quadrata o rettangolare con coperchio con chiusura antirandagismo con due cerniere ribassate per permettere un agevole risvolto del sacchetto su tutto il perimetro superiore del contenitore e manico, costruito in polipropilene riciclabile 3) stampa e fornitura di calendario relativo ai servizi in oggetto dell appalto composto da almeno una pagina per ogni mese, formato minimo 45x23 cm su carta riciclata, concordato con l A.C., da distribuire a cura dell A.C., a tutte le famiglie del territorio comunale.

11 DATI PRODUZIONE RIFIUTI Abitanti Materiale 2014 Toner 60,00 CARTA ,00 Plastica imballaggi ,00 Rottami metallici ,00 Vetro ,00 Pneumatici 1.280,00 FORSU ,00 Accumulatori al pb - Neon e Tubi Catodici - Frigoriferi 3.880,00 Olio Alimentare 300,00 Olio minerale 800,00 Vernici 1.546,00 T/F - Medicinali 353,00 Pile e Batterie 319,00 Tv, Monitor, Video e altre App 2.890,00 Lavatrici e piccoli elettrodomestici 5.070,00 Legno ,00 Vegetale (Verde) ,00 RSI (Ingombranti) ,00 RSU (secco indifferenziati) ,20 SPZ (spazzamento) ,00 Cimiteriali - Zinco - inerti ,00 TOTALE ,20

12 COSTI DELLA GESTIONE DEL SERVIZI DI IGIENE URBANA La presente parte ha lo scopo di determinare i costi fissi e variabili dei servizi descritti sinteticamente nella parte antecedente del presente Piano Finanziario, necessari per calcolare i costi da coprire attraverso la tariffa di riferimento della nuova Tassa sui Rifiuti (TARI), in attuazione di quanto prescritto dalla L. 147/2013. Pertanto, in questa parte si provvederà ad analizzare le singole voci di costo, classificate come prevede l'allegato 1 del D.P.R. 158/1999 (c.d. metodo normalizzato). Si definiscono preliminarmente le voci, descrivendone la natura e attribuendo a ciascuna di esse una sigla, che è naturalmente quella utilizzata nel D.P.R. 158/1999; per ognuna verrà inoltre fornito il criterio usato per calcolarne il totale. In seguito verrà effettuato il conteggio dei costi complessivi da coprire nel 2014 attraverso la tariffa, e infine questi saranno suddivisi fra parte fissa e parte variabile. Definizioni Il Costi di gestione del ciclo dei servizi sui rifiuti solidi urbani (CG): In tali costi sono compresi: a) Costi Spazzamento e Lavaggio strade e piazze pubbliche= CSL b) Costi di Raccolta e Trasporto RSU = CRT c) Costi di Trattamento e Smaltimento RSU = CTS d) Altri Costi= AC e) Costi di Raccolta Differenziata per materiale= CRD f) Costi di Trattamento e Riciclo = CTR Il) Costi Comuni (CC) In tali costi sono compresi: a) Costi Amministrativi dell'accertamento, della Riscossione e del Contenzioso= CARC Il costo comprende le spese dirette di accertamento e riscossione, sia spontanea (compenso alla banca per l'invio dei moduli di pagamento e le fasi di incasso e rendicontazione) che coattiva (compensi al concessionario) b) Costi Generali di Gestione = CGG Quota parte del costo del personale del Servizio Tributi e del Servizio Ecologia, maggiorato del costo stimato del personale delle imprese che effettuano i servizi di raccolta e smaltimento c) Costi Comuni Diversi= CCD III Costi d'uso del Capitale ( CK) Valore annuo dell'ammortamento, rilevato dall'inventario, della piattaforma ecologica comunale.

13 CG - Costi generali CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati AL NETTO DI IVA ,09 IVA TOTALE Costi di spazz. e Lavaggio strade CGIND CSL 10% ,60 e aree pubbl. Costi di Raccolta e Trasporto CGIND CRT ,50 10% RSU ,25 Costi di Trattamento e CGIND CTS 10% ,59 Smaltimento RSU ,35 CGIND AC Altri costi 1.349,40 10% 1.484,34 TOTALE CGIND , ,78 CGD Ciclo della raccolta differenziata CRD - Costi della Raccolta differenziata CGD CRD Gestione centro di raccolta - trasporti e noli ,23 10% ,96 CGD CRD CARTA 6.596,23 10% 7.255,86 CGD CRD FORSU ,91 10% ,61 CGD CRD PLASTICA 6.034,53 10% 6.637,98 CGD CRD VETRO 7.113,68 10% 7.825,05 CGD CRD ALTRI COSTI RACCOLTA ENTE 300,00 300,00 Totale CRD , ,45 CTR - Costi di trattamento e riciclo CGD CTR INERTI 3.319,52 10% 3.651,48 CGD CTR LEGNO 1,43 10% 1,57 CGD CTR MEDICINALI 488,55 10% 537,41 CGD CTR PILE E BATTERIE 452,53 10% 497,79 CGD CTR TONER 60,20 10% 66,22 CGD CTR VEGETALI 3.959,95 10% 4.355,95 CGD CTR VERNICI 2.540,85 10% 2.794,94 CGD CTR PNEUMATICI 310,02 10% 341,02 ALTRI COSTI PER CGD CTR SMALTIMENTO ,00 10% ,00 DIFFERENZIATA ENTE Totale CTR , ,37 CC- Costi comini CARC Costi amm.vi accert., riscoss. e cont. Totale CG , ,59 CC CARC fatturazione e riscossione 3.434,21 22% 4.189,74 CC CARC gestione utenti , ,52 CGG - Costi Generali di Gestione Totale CARC , ,26 CC CGG Personale isola ecologia ,53 10% ,08 CC CGG Quota di personale CG ,71 10% ,28 CC CGG Quota di personale CG , ,00

14 CCD - Costi Comuni Diversi Totale CGG , ,37 CC CCD Fondo rischi crediti 8.880, ,40 CC CCD Crediti inesigibili al netto fondo rischi crediti - CC CCD Fornitura materiali di consumo - CC CCD Interessi passivi sui mutui - CC CCD Contributo Miur (a dedurre) , ,63 CC CCD Recupero evasione (a dedurre) , ,00 Totale CCD 5.299, ,77 Totale CC , ,40 CK - COSTI D'USO DEL CAPITALE AMMn Ammortamenti per l anno di riferimento CK AMM Ammortamento impianti 4.586, ,39 CK AMM Ammortamento mezzi e attrezzature - 10% - CK AMM Ammortamento hardware e software 2.147, ,98 CK AMM Ammortamento start up nuove attività - CK AMM Ammortamento beni materiali 1.907, ,20 CK AMM Ammortamento immobili - CK AMM Altri ammortamenti - Totale AMM 8.641, ,57 ACCn Accantonamenti per l anno di riferimento CK ACC Accantonamento per minori entrate per riduzioni di tariffa 5.185, ,00 CK ACC Accantonamento per agevolazione legata al recupero - CK ACC Accantonamento per inesigibili - Totale ACC 5.185, ,00 Rn - Remunerazione del capitale investito per l anno di riferimento A - Investimenti per l anno di riferimento CK Rn Compattatori - CK Rn Automezzi - CK Rn Contenitori - CK Rn Piattaforma - CK Rn Immobili - CK Rn Hardware - CK Rn Altro - CK Rn Altro - Totale A - - B Cespiti in ammortamento per l anno di riferimento (valore residuo) CK Rn Compattatori - CK Rn Automezzi 6.746, ,72

15 CK Rn Contenitori - CK Rn Piattaforma - CK Rn Immobili , ,48 CK Rn Hardware - CK Rn Altro - CK Rn Altro - Totale B , ,20 Capitale netto investito (A+B) , ,20 Tasso di rendimento rn 4,095% 4,095% Rendimento del capitale (A+B) x rn 8.859, ,99 Totale CK , ,57 TOTALE PIANO FINANZIARIO , ,56

16 PROSPETTO RIASSUNTIVO Fissi/variabili Voce di costo Importo (iva inclusa) FISSI CSL ,60 FISSI CARC ,26 FISSI CGG ,37 FISSI CCD 5.299,77 FISSI AC 1.484,34 FISSI CK ,57 Totale Costi FISSI ,90 VARIABILI CRT ,25 VARIABILI CTS ,59 VARIABILI CRD ,45 VARIABILI CTR ,37 Totale Costi VARIABILI ,66 TOTALE ,56 FISSI ,90 VARIABILI ,66 TOTALE ,56

17 I dati delle tabelle sopra riportate saranno utilizzati nella determinazione delle tariffe da attribuire alle utenze domestiche, a loro volta divise in quota fissa (corrispondente ai costi fissi) e quota variabile (corrispondente ai costi variabili). Il costo complessivo che nel 2015 dovrà essere coperto dal nuovo tributo sarà di ,56. Pertanto, dalle tabelle sopra riportate risulta che il totale dei costi fissi, da coprire attraverso la parte fissa della tariffa (TPF) è pari ad ,90, mentre quello riferito ai costi variabili, da recuperare attraverso la parte variabile della tariffa (TPV), è di ,66. Nel Regolamento per l istituzione e l applicazione del tributo in questione, saranno definiti i criteri per la ripartizione dei costi fissi e variabili tra utenze domestiche e utenze non domestiche. Maleo, li Il Responsabile dell Ufficio Tributi Dott.ssa Alba Resemini Il Responsabile dell Ufficio Tecnico Ing. Gabriele Curti

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA SEL.PRESS. ITALIA SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA www.selpress.it - www.selpressitalia.com e-mail: selpress@tin.it - info@selpress.it PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli