STORIE IN CAPO AL MONDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STORIE IN CAPO AL MONDO"

Transcript

1 COMUNE DI SOLBIATE OLONA Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale Laboratori Creativi di Rosella presentano STORIE IN CAPO AL MONDO Sezione: SCUOLE PRIMARIE Sono storie, fiabe, racconti, leggende che hanno echi di luoghi lontani, ambientate in paesi del mondo diversi dall Italia, forse quello da cui proveniamo, in cui abbiamo abitato per qualche tempo o semplicemente visitato, oppure ancora, ci siamo stati spinti dalla fantasia!

2

3

4

5 LONDRA Di Eugenio Murazzi Io sono stato a Londra e mi è piaciuto molto. Ecco com è stato il viaggio: ho preso l aereo a Malpensa, arrivato all aereoporto di Londra sono andato all albergo con un taxi. Son stato a Londra quattro giorni e ho visitato molti luoghi: ho fatto un giro sulla London Eyes, la ruota panoramica di Londra; con un battello ho percorso un pezzo di Tamigi e sono arrivato a pochi metri dal Tower Bridge, il ponte mobile di Londra. Ho visitato la Casa del Parlamento con il Big Ben, il campanile gigante di Londra; l M&M s World e il Camden Town, un mercatino che c è a Londra. Ho visitato il Buckingham Palace, la residenza ufficiale del sovrano del Regno Unito; Piccadilly Circus la piazza di Londra; l Hyde Park un grande parco dove gli scoiattoli venivano a mangiare sulla mia mano. Ho preso la metropolitana, il pullman a due piani ed il treno inglesi. Sono stato alla Twinings, negozio di thè che c è a Londra. La mattina del ritorno mi sono alzato alle tre e mezza, con un taxi sono andato all aeroporto, ho preso l aereo per Milano e sono tornato a casa in Italia. Murazzi Eugenio Borgo Ticino (NO)

6

7

8 CHIARA PERA Legnano (MI) Classe V

9 MARA, SITA E LION C era una volta, in Africa, una leonessa che aveva due cuccioli: la leoncina Mara e il leoncino Lion. I due adoravano giocare vicino al fiume ed un giorno, sull altra sponda, videro un ghepardo con la sua cucciolina; la piccola, che aveva due occhi azzurri come il cielo in un giorno d estate, si chiamava Sita. Lei e il padre si misero a rincorrere una gazzella, Mara e Lion rimasero sorpresi dall agilità di Sita. La mattina seguente si incontrarono tutti al fiume per giocare un po insieme. Mara e Lion proposero di giocare a nascondino e Sita rispose: -Adoro il gioco del nascondino!- Sita si appoggiò ad un albero e cominciò a contare, mentre Mara si arrampicò su di un albero e Lion si nascose fra l erba alta della savana.

10 I due vennero subito scovati. Cinque anni dopo i tre erano ormai adulti; Lion e Mara erano i capobranchi dei leoni mentre Sita era diventata la più veloce della savana. Ma nessuno si dimenticò di quel giorno passato insieme! Emma Onelia Piccotti Solbiate Olona Classe 2^ A

11 La fine del mondo Era l anno 499 a.c. ed io ero la prima sacerdotessa tra gli àuguri; tutti mi rispettavano per il mio coraggio e la mia determinazione a diventare sacerdotessa. Un giorno Mateus mi chiamò: Julias potresti aiutarmi ad interpretare il volo degli uccelli?, io gli risposi: certo, arrivo subito! Lascia la tomba dei miei avi ed andai al tempio sovrastante. Dopo una lunga scalinata arrivai al tempio: un enorme e maestoso edificio sorretta da colonne dove i sacerdoti ed il re compievano i lunghi riti agli dei. Superato il tempio andai nella zona riservata agli àuguri e lì trovai il mio amico Mateus: Julias finalmente sei arrivata! Dai, vieni ad aiutarmi! ed io Ho ritardato perché il tempio era piena di aruspici e non si riusciva a passare! Mi avvicinai a lui e guardai in cielo: gli uccelli facevano movimenti circolari, segno che Giove era adirato perché sua moglie Giunone stava morendo e volavano in stormi, segno che indicava che un modo per calmarlo e per non far avvenire la fine del mondo c era: ritrovare la fonte dell immortalità e portare una bacinella d acqua che ne sgorgava ai piedi della statua di Giunone. Comunicai a Mateus la mia interpretazione e subito corremmo dal re per metterlo al corrente di ciò che stava per accadere; il re preoccupato ci ordinò: andate con Lusia e Michel a trovare la fonte immortale e tu Julias porta con te la sacra ampolla del dio Mercurio ma fa attenzione: non rompere l ampolla perché Giove si adirerebbe ancora di più! Io chiesi: Dovremmo cercare informazioni per trovare la fonte? ed il re rispose allora vi do anche il permesso di entrare nella mia biblioteca. Buon viaggio e che Mercurio sia con voi! Addio! Corremmo a chiamare Lusia e Michel e comunicammo le volontà del re e loro due cominciarono a preparare le provviste ed i vestiti per il viaggio. Io e Mateus andammo nella biblioteca del re e ci mettemmo subito all opera; cercammo per tutto il pomeriggio informazioni e, quando giunse la sera, finalmente trovai una pergamena con scritto: La fontes dell immortalitè Troverai nella città Dorè Che si trova a Finis Terrae E la cercherai dove la terrae finirae. 1

12 Allora dissi al mio amico: Prendiamo questa pergamena che ci aiuterà in tutto il viaggio e lui annuì. Corsi subito nella parte proibita e cautamente presi l ampolla di Mercurio, l avvolsi nel mio panno di seta e la misi nella mia sacca. Chiamai Mateus ed uscimmo dal palazzo reale, ci salutammo e andammo nelle rispettive case. Quella notte dormii poco perché pensavo a diversi percorsi per raggiungere Finis Terrae. All alba del giorno dopo andai a casa di Lusia e Michel e li svegliai, mandai l amica a svegliare Mateus e cominciai a caricare 4 cavalli. Quando arrivarono Mateus e Lusia facemmo colazione tutti insieme con una pagnotta, andammo dai cavalli e su uno andò la mia amica con i bagagli, su un altro misi la sacca con l ampolla e salii io e sui rimanenti salirono i due uomini con le provviste. Uscimmo dal retro della casa per non farci scoprire e, visto che Lusia e Michel abitavano vicino alle mura, uscimmo subito dalla città. Visto che abitavamo a Tarragona eravamo avvantaggiati perché eravamo molto vicini alla misteriosa città Dorata. Dopo molti giorni di viaggio a cavallo arrivammo a Finis Terrae un paesino affacciato sulla costa proprio dove finisce la terra. Nel paese ci accolsero bene e subito un locandiere ci ospitò nella sua locanda. Si chiamava Marcus ed era un vecchio viaggiatore ; aveva percorso tutto il mondo per trovare ricette e bevande per i suoi piatti. Ci chiese perché eravamo in un posto così lontano visto che gli avevamo detto che venivamo dall Italia e noi gli rispondemmo : stiamo cercando la fonte dell immortalità. Alcune pergamene dicono che si trova nella Città Dorata a Finis Terrae dove la terra finisce e noi non abbiamo la minima idea dove sia e gli mostrammo la pergamena. Lui la guardò attentamente per alcuni secondi e poi ce la ridiede; ci disse che lui poteva accompagnarci nel posto indicato e ci fece alloggiare e mangiare gratis. Dopo una lunga cena andammo subito a letto per svegliarci all alba ed iniziare le ricerche. Al sorgere del sole Lusia mi svegliò e mi invitò a fare colazione. Io corsi giù e vidi che i miei compagni erano già tutti pronti. Quando ebbi finito corsi a prendere la sacca con l ampolla e raggiunti gli altri iniziai le ricerche. L oste ci portò in un podere abbandonato a pochi passi dalla città e trovammo un cartello con scritto: QUI V E L IMMORTALITE Egli ci disse che nessuno ci veniva più perché dicevano che fosse un luogo maledetto ma lui entrava lo stesso ad ammirare i magnifici resti. Michel chiese i resti? I resti di cosa? e l oste : i resti della falsa fonte!io scoprii un altra fonte ma non ricordo come feci a trovarla! Allora Mateus decise di entrare e noi tutti lo seguimmo; all interno trovammo i resti falsi coperti da erbacce e io dissi : Se solo ci fosse un modo per trovare la vera fonte! e l erba formò una scritta che diceva: Illumina i campi di notte ma non è la luna, cos è? 2

13

14 In una terra lontana, con enormi distese di sabbia, oasi, palme e grandi piramidi, al ridosso del fiume Nilo, sorge un castello dove tanto tempo fa viveva la regina Samanta con la figlia Elena, avuta col re Samir, portato via da una brutta malattia tempo prima. Dall altra parte della terra viveva la regina della Cina: Vanessa. Era una donna perfida, avida e rosa dall invidia. Capelli lunghi e neri, non proprio alta, il viso ossuto,occhi che incutevano paura, non aveva trovato nessun uomo disposto a sposarla e perciò viveva sola. Il suo regno era piccolo, povero e le cose andavano anche peggio, stava perdendo tutto. Quando seppe che la regina Samanta stava allargando i suoi regni conquistando i paesi confinanti col suo, si sentì minacciata, impotente e invidiosa, cercò di fermarla facendola uccidere. Non le rimaneva vicino che Lin, un cavaliere alto e dal fisico asciutto, fondamentalmente molto paziente e ubbidiente. Partì per il lungo viaggio reso faticoso dal caldo torrido che gli fece consumare le riserve d acqua. Finalmente una sera arrivò in vista del castello, era privo di forze ma si fece coraggio per portare a termine il suo compito.

15 Aspettò che scendesse la notte, osservò tutti i movimenti finché un ultimo cavaliere salutò una bella ragazza e rientrò nella sua camera. Ora era tutto immobile, la luce della camera della regina era già da tempo spenta. Si mosse nel silenzio totale, si intrufolò nelle stanze della regina, estrasse un affilato pugnale e urtò una lampada provocando un frastuono infernale. Omar, il cavaliere di guardia, si precipitò, vide Lin col pugnale in mano, non esitò, gli si scagliò addosso e, con la spada, fece volar via il pugnale disarmando l aggressore. La regina, svegliata di soprassalto, aveva osservato spaventata tuta la scena. Lin di fronte a Omar, muscoloso e armato di spada, confessò tutta la verità. Spiegò che la regina Vanessa per conservare il suo regno, voleva uccidere la regina Samanta. Venne organizzata una spedizione per catturare la regina della Cina. La regina Samanta volle che fosse messa a lavorare in cucina, coi più umili, per espiare il male fatto. Restava solo la ricompensa per Omar, che sebbene fosse il suo compito, le aveva salvato la vita. Non si aspettava certo che avesse un coraggio tale che, alla sua richiesta di esprimere un desiderio, Omar le chiedesse la mano della figlia Elena. La regina aveva immaginato che ci fosse qualcosa tra quei due: passavano così tanto tempo insieme! Fu così che, qualche tempo dopo, si sposarono e naque una bambina: Cleopatra (ma questa è un altra storia)

16 FINE Federica Tibaldo Solbiate Olona Classe 4^ A

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34 Un isola di animali speciali In un isola sperduta vicino all Africa, vivevano degli animali speciali. Per esempio alcuni leoni avevano i loro colli lunghi, alcune giraffe avevano le strisce. Un giorno il leone Carlo vide una barca fermarsi sulla costa dell isola, allora avvisò la giraffa Francesca, poi avvisò il coccodrillo Piero ed infine avvisò la scimmia Carlotta. Appena quest uomo sbarcò, fu stupito da come era fatta l isola. Lui non aveva mai visto delle fragole rossissime oppure delle banane mangiate da una giraffa e quindi vide degli animali molto speciali perché erano amici. Ad un tratto l uomo si ritrovò davanti a un leone con il collo lunghissimo, allora si spaventò e pensò: è finita, mi mangerà, invece il leone gli offrì delle fragole allora l uomo rimase sbalordito. Poi il leone gli disse: non trovi più la strada di casa? Ti aiuto io, vieni con me che ti faccio conoscere i miei amici. Appena arrivati dagli altri l uomo cominciò a fare amicizia e si sentì ancora più tranquillo. Allora gli animali per dargli il benvenuto organizzarono una grandissima festa e l uomo ne fu felice. Siccome l uomo era felice decise di raccontargli una storia avventurosa. La mattina seguente il leone Carlo e i suoi amici gli fecero delle domande su dove doveva andare, allora l uomo le raccontò tutto e alla fine gli amici lo aiutarono a ritrovare la strada per tornare a casa e un po di mesi dopo l uomo si ricordò ancora di quella bellissima esperienza vissuta con degli animali speciali e raccontò tutto anche a sua moglie e ai suoi figli e un giorno l uomo ebbe l occasione di far conoscere i suoi nuovi amici a sua moglie e ai suoi figli. Così vissero tutti felici e contenti con i loro nuovi amici. Autore Luca Giuseppe Zorzi da Sant Elena di Silea (TV)

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Alcuni studenti raccontano.

Alcuni studenti raccontano. Alcuni studenti raccontano. Soggiorno a Londra di Valentina Tornesi III B Il giorno 19 settembre 2010 noi, alcuni alunni della mia Scuola Media di San Francesco, e quattro nostri professori siamo partiti

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Bessi Soraya Gonzalez Garcia BESSI,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Francesca Berardi. Classe IV primaria. casa editrice SCUOLA PRIMARIA MONTESSORI

Francesca Berardi. Classe IV primaria. casa editrice SCUOLA PRIMARIA MONTESSORI Francesca Berardi Classe IV primaria casa editrice SCUOLA PRIMARIA MONTESSORI 2o1o\2011 che ha su ogni lato della torre un quadrante Nome: BIG BEN ( ST STEPHEN'S TOWER - CLOCK TOWER - TORRE DELL'OROLOGIO)

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura DESCRIVIAMO UN MOSTRO Tratto dai nostri disegni con l aiuto di domande guida LAVORO DI GIULIO IL MOSTRO DI CUI VI PARLO E UN MOSTRO BUONO.

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

LE CLASSI V RACCONTANO IL SOGGIORNO IN INGHILTERRA DAL 23 AL 28 MAGGIO 2011...

LE CLASSI V RACCONTANO IL SOGGIORNO IN INGHILTERRA DAL 23 AL 28 MAGGIO 2011... LE CLASSI V RACCONTANO IL SOGGIORNO IN INGHILTERRA DAL 23 AL 28 MAGGIO 2011... IL VIAGGIO A LONDRA. Quest anno grazie al Progetto Comenius ho avuto la possibilità di fare un viaggio a Londra di sei giorni.

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Giorno 1. Bella la vista a nord della città

Giorno 1. Bella la vista a nord della città Londra 2014 Dopo anni di esitazione, siamo a Londra! Alice fa di tutto per stupirci: taxi in aeroporto e albergo 4 stelle. Il Lancaster Terrace si affaccia su Hyde Park, propriamente sui Giardini italiani,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IN UN IL RE, CHE ERA UNA PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA

C ERA UNA VOLTA IN UN IL RE, CHE ERA UNA PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA C ERA UNA VOLTA IN UN PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA TESTA DEI POVERI ABITANTI, PASSAVA UN DRAGO SFIORANDO I TETTI E SPUTANDO FUOCO A DESTRA E A MANCA. I CAPI DEL VILLAGGIO

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010

ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010 Collège Marseilleveyre Sezione internazionale italiana ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010 Marseille 6 mai 2009 Nom... Prènom... Prova scritta (45 punti) Prova orale (15 punti) Punteggio

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande. una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato.

C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande. una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato. Storia 1: C era una volta, in una misera baracca alla periferia di una grande città una fanciulla di nome Fernanda che tutte le mattine andava al mercato. Un giorno, mentre stava tornando a casa pensierosa

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

C era una volta, in una graziosa casetta di montagna che si specchiava sulle rive di un laghetto

C era una volta, in una graziosa casetta di montagna che si specchiava sulle rive di un laghetto C era una volta, in un antico castello su una montagna circondata da verdi vallate C era una volta, in una graziosa casetta di montagna che si specchiava sulle rive di un laghetto C era una volta, in una

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Italià Model 1. Prova d accés a la Universitat per als més grans de 25 anys (2013) Aferrau la capçalera d examen un. cop acabat l exercici

Italià Model 1. Prova d accés a la Universitat per als més grans de 25 anys (2013) Aferrau la capçalera d examen un. cop acabat l exercici 9999999 Aferrau una etiqueta identificativa amb codi de barres Prova d accés a la Universitat per als més grans de 25 anys (2013) Italià Model 1 Aferrau la capçalera d examen un cop acabat l exercici Puntuació:

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Onofrio Lopreiato ANGELO Riflessioni Onofrio Lopreiato ANGELO ISBN 978-88-6628-316-4 copyright 2014 Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

ADOTTA UNA PIGOTTA AZIONI DI SOLIDARIETA ATTIVA PER L UNICEF

ADOTTA UNA PIGOTTA AZIONI DI SOLIDARIETA ATTIVA PER L UNICEF ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DI MONTICELLI D ONGINA ADOTTA UNA PIGOTTA AZIONI DI SOLIDARIETA ATTIVA PER L UNICEF Nel corso del 2013 l Istituto ha aderito

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi

A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi trovavo al mare, dalla parte dello Ionio. Subito dopo,

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI)

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI) LA CASA DEL FANTASMA C era una volta una casa di un fantasma, i migliori amici del fantasma erano due pesci e una talpa. I pesci stavano nel mare, perché la loro casa era nell acqua,invece la talpa se

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Laboratori attorno al mito delle dea Eoste, e le uova di lepre. Trasformazione animali festa di

Dettagli

PROGRAMMA DI 4 MEZZE GIORNATE DI 4 ORE CON WWW.VIVLONDRA.COM DIRETTAMENTE DA LONDRA

PROGRAMMA DI 4 MEZZE GIORNATE DI 4 ORE CON WWW.VIVLONDRA.COM DIRETTAMENTE DA LONDRA PROGRAMMA DI 4 MEZZE GIORNATE DI 4 ORE CON WWW.VIVLONDRA.COM DIRETTAMENTE DA LONDRA PRIMO GIORNO Arrivo in Aeroporto di Londra : Ci sara l autista ad aspettarvi e se richiesto anche una persona in italiano

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli