Scheda Dati di Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda Dati di Sicurezza"

Transcript

1 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto Altro identificativo : : Marine Fuel oil Fuel oil, residual 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Uso prodotto Utilizzi sconsigliati : Carburante destinato ad uso con motori diesel per fuoristrada, boiler, forni ed altri sistemi di combustione. Carburante per impiego in motori diesel marini, caldaie, turbine a gas e altre apparecchiature a combustione. Fare riferimento al capitolo 16 per gli utilizzi registrati ai sensi del regolamento REACH. : Questo prodotto non deve essere utilizzato in applicazioni diverse da quelle raccomandate nella Sezione 1, senza la preventiva consulenza del fornitore. 1.3 Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Fabbricante/Fornitore : Shell Trading Rotterdam B.V. Weena CM Rotterdam Netherlands Telefono : Recapito di posta : elettronica per la scheda di sicurezza 1.4 Numero telefonico di emergenza : +44 (0) SEZIONE 2: Identificazione dei pericoli 2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP) Classi di pericolo/categorie di pericolo Indicazioni di pericolo 1/64

2 Carcinogenicità, Categoria 1B Mutagenicità delle cellule germinali, Categoria 1B Tossicità acuta, Categoria 4; Inalazione Tossico per la riproduzione, Categoria 2 Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione ripetuta, Categoria 2; Sangue.; Fegato.; Timo. Pericoli acuti per l'ambiente acquatico, Categoria 1 Pericoloso per l'ambiente acquatico - Pericolo sul lungo termine, Categoria 1 67/548/CEE o 1999/45/CE Caratteristiche di pericolo C2: Cancerogeno, categoria 2.;Tossico per riproduzione, categoria 3.; Xn: Nocivo.; N: Pericoloso per l'ambiente.; H350 H340 H332 H361d H373 H400 H410 H-EUH066 Frasi R R20; R45; R46; R48/21; R63; R66; R50/ Elementi dell etichetta Etichettatura in conformità al Regolamento (CE) n. 1272/2008 Simbologia di pericolo : Indicazioni di pericolo Indicazioni di pericolo CLP : Pericolo : PERICOLI PER LA SALUTE: H340: Può provocare alterazioni genetiche. H350: Può provocare il cancro. H332: Nocivo se inalato. H361d: Presunta nocività per il feto. H373: Può provocare danni agli organi in caso di esposizione prolungata o ripetuta. Sangue. Fegato. Timo. H-EUH066: L'esposizione ripetuta può provocare secchezza o 2/64

3 screpolature della pelle. PERICOLI PER L'AMBIENTE: H410: Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. H400: Molto tossico per gli organismi acquatici. Dichiarazioni a titolo precauzionale CLP Prevenzione : P201: Procurarsi istruzioni specifiche prima dell uso. P260: Non respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol. P281: Utilizzare il dispositivo di protezione individuale richiesto. Risposta Smaltimento: : P301+P310: IN CASO DI INGESTIONE: contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico P331: NON provocare il vomito. : P501: Smaltimento dei contenuti e contenitori in apposite discariche o recupero secondo le norme locali e regionali. 2.3 Altri pericoli Rischi per la salute : Il solfuro di idrogeno è altamente tossico e può essere fatale se inalato. Il solfuro di idrogeno (H2S), un gas tossico estremamente infiammabile, e altri vapori pericolosi possono sprigionarsi e raccogliersi nello spazio di testa dei serbatoi di stoccaggio, dei recipienti per il trasporto e di altri contenitori chiusi. Può attenuare il senso dell'olfatto ed ha una soglia dell'odore elevata, non fare quindi affidamento all'odore come indicazione di pericolo. Il contatto con materiale caldo può causare ustioni da calore che possono causare danni permanenti alla pelle. Pericoli per la sicurezza : Non è classificato come infiammabile ma brucia. Possono essere presenti vapori infiammabili anche a temperature inferiori al punto di infiammabilità. Pertanto dovrebbe essere considerato come liquido potenzialmente infiammabile. Può prendere fuoco su superfici con temperature superiori a quella di autoaccensione. Questo materiale è un accumulatore statico. Anche se si dispone di impianto di terra e collegamento masse elettriche corretti, il materiale continua ad accumulare 3/64

4 una carica elettrostatica. Se si consente l accumulo di una carica sufficiente, è possibile che si verifichino scariche elettrostatiche e accensione di miscele di aria/vapore infiammabili. Altre informazioni : Tale prodotto è adatto per il solo utilizzo in sistemi chiusi. SEZIONE 3: Composizione/informazioni sugli ingredienti 3.1 Sostanze La sostanza non soddisfa pienamente tutti i criteri dello screening per persistenza, bioaccumulazione e tossicità, quindi non viene considerata PBT o vpvb. Sinonimi : Marine Fuel oil Fuel oil, residual 3.2 Miscele Descrizione miscela : Flussi ottenuti dai processi di distillazione e cracking e contenenti una mistura di idrocarburi saturi, aromatici ed olefinici con numeri delcarbonio prevalentemente compresi nel campo C9 - C50. Contiene componenti crackati in cui sono presenti composti aromatici policiclici,principalmente a 3 anelli, ma in certi tipi anche a 4-6 anelli. Contiene zolfo, ossigeno, composti dell'azoto, vanadio ed altri metall in perc. >10 ppm w/w. Componenti pericolosi Classificazione dei componenti in conformità al Regolamento (CE) n. 1272/2008 Nome sostanza chimica Olio combustibile, residuo Residui del petrolio torre di distillazione atmosferica Residues (petroleum), catalytic cracking N. CAS Numero CE N. registrazione REACH Conc ,00-100,00% ,00-50,00% ,00-20,00% 4/64

5 Residui (petrolio) ,00-20,00% crackizzato termico Olio ciclo servizi leggeri ,00-10,00% Residui (petrolio) ,00-50,00% atmosferici Distillati (petrolio), ,00-10,00% gamma completa di idrocarburi di prima distillazione intermedi Residues (petroleum), ,00-5,00% steam-cracked Distillates (petroleum), cracked steam-cracked petroleum distillates ,00-1,00% Nome sostanza chimica Olio combustibile, residuo Residui del petrolio torre di distillazione atmosferica Residues (petroleum), catalytic cracking Residui (petrolio) crackizzato termico Olio ciclo servizi leggeri Residui (petrolio) atmosferici Distillati (petrolio), gamma completa di idrocarburi di prima distillazione intermedi Residues (petroleum), steam-cracked Classe di pericolo e categoria Carc., 1B; Acute Tox., 4; Repr., 2; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 1; Aquatic Acute, 1; Carc., 1B; Acute Tox., 4; Repr., 2; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 1; Aquatic Acute, 1; Carc., 1B; Acute Tox., 4; Repr., 2; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 1; Aquatic Acute, 1; Acute Tox., 4; Carc., 1B; Repr., 2; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 1; Aquatic Acute, 1; Acute Tox., 4; Skin Corr., 2; Asp. Tox., 1; Carc., 1B; STOT RE, 2; Aquatic Acute, 1; Aquatic Chronic, 1; Flam. Liq., 3; Carc., 1B; Acute Tox., 4; Repr., 2; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 1; Aquatic Acute, 1; Asp. Tox., 1; Acute Tox., 4; STOT RE, 2; Aquatic Chronic, 2; Aquatic Acute, 2; Indicazioni di pericolo H350; H332; H361d; H373; H410; H400; H-EUH066; H350; H361d; H332; H373; H410; H400; H-EUH066; H350; H332; H361d; H373; H410; H400; H-EUH066; H332; H350; H361d; H373; H410; H400; H-EUH066; H332; H315; H304; H350; H373; H400; H410; H226; H350; H332; H361d; H373; H410; H400; H-EUH066; H304; H332; H373; H411; H401; H-EUH066; Carc., 1B; H350; Distillates (petroleum), Skin Corr., 2; Acute Tox., 4; Carc., 1A; H315; H302; H350; H340; 5/64

6 cracked steam-cracked petroleum distillates Muta., 1B; Asp. Tox., 1; STOT RE, 3; Aquatic Acute, 1; Aquatic Chronic, 1; H304; H373; H400; H410; Classificazione dei componenti in conformità a 67/548/CEE Nome sostanza chimica Olio combustibile, residuo Residui del petrolio torre di distillazione atmosferica Residues (petroleum), catalytic cracking Residui (petrolio) crackizzato termico Olio ciclo servizi leggeri Residui (petrolio) atmosferici Distillati (petrolio), gamma completa di idrocarburi di prima distillazione intermedi Residues (petroleum), steam-cracked Distillates (petroleum), cracked steam- N. CAS Numero CE N. registrazion e REACH Simbolo(i ) Frasi R T, Xn, N R45; R48/21; R20; R63; R66; R50/53 T, Xn, N R45; R48/21; R20; R63; R66; R50/53 T, Xn, N R20; R45; R48/21; R63; R66; R50/53 T, Xn, N R20; R45; R48/21; R63; R66; R50/53 T, Xn, Xi, N R20; R38; R45; R48/21; R65; R50/53 T, Xn, N R20; R45; R48/21; R63; R66; R50/53 Xn, N R20; R65; R66; R51/53 Conc. 0,00-100,00% 0,00-50,00% 0,00-20,00% 0,00-20,00% 0,00-10,00% 0,00-50,00% 0,00-10,00% T R45 0,00-5,00% T, Xn, Xi, N R22; R38; R45; R46; R65; R67; 0,00-1,00% 6/64

7 cracked petroleum distillates R50/53 Informazioni aggiuntive : Contiene solfuro di idrogeno, n. CAS Contiene cumene, n. CAS Contiene naftalene, n. CAS SEZIONE 4: Misure di primo soccorso 4.1 Descrizione delle misure di primo soccorso L'idrogeno solforato può essere presente sia nel liquido che nel vapore.la composizione è complessa e varia con l'origine del petrolio greggio. Gli oli combustibili densi sono miscele di combustibili residui edistillati che richiedono sempre un preriscaldamento prima dell'uso. Fare riferimento al capitolo 16 per il testo completo delle frasi R e H. La sostanza non soddisfa pienamente tutti i criteri dello screening per persistenza, bioaccumulazione e tossicità, quindi non viene considerata PBT o vpvb. Informazioni generali Inalazione Contatto con la pelle : L'emissione di H2S intrappolato negli indumenti può risultare pericolosa per i soccorritori. Mantenere la protezione respiratoria per evitare una contaminazione dalla vittima al soccorritore. Se possibile, utilizzare la ventilazione meccanica per la resuscitazione. : Portare all'aria aperta. Non tentare di soccorrere la vittima senza indossare una adeguata protezione respiratoria. Se la vittima ha difficoltà respiratorie o senso di costrizione al petto, capogiri, vomita o non reagisce, somministrare ossigeno al 100% e, se necessario, effettuare un massaggio cardiaco e trasportare al centro medico più vicino. : Prodotto freddo: Rimuovere gli indumenti contaminati. Lavare l'area esposta con acqua e successivamente con sapone, se disponibile. Se l'irritazione persiste, consultare un medico. Prodotti caldi - In caso di contatto con prodotto incandescente, raffreddare immediatamente l'area ustionata con acqua per almeno minuti. Non tentare di rimuovere alcunché dall'area ustionata o di applicare pomate o unguenti per le ustioni. Durante il trasporto, non fasciare la ferita con garze o 7/64

8 Contatto con gli occhi Ingestione Protezione personale del soccorritore 4.2 Principali sintomi ed effetti, sia acuti e che ritardati 4.3 Indicazione dell eventuale necessità di consultare immediatamente un medico oppure di trattamenti speciali tessuti, poiché questi potrebbero aderire al prodotto. : Prodotto freddo: Lavare gli occhi con abbondanti quantità d'acqua. Se l'irritazione persiste, consultare un medico. Prodotti caldi - In caso di contatto con il prodotto incandescente, raffreddare l'area ustionata con grandi quantità d'acqua corrente per almeno 15 minuti. Non tentare di rimuovere alcunché dall'area ustionata o di applicare pomate o unguenti per le ustioni. : In caso di vomito spontaneo, tenere la testa al di sotto delle anche per evitare l'aspirazione del prodotto nei polmoni. Non somministrare nulla per via orale. : Quando si presta il primo soccorso, assicurarsi di indossare le adeguate dotazioni protettive personali secondo l'incidente, le lesioni e le circostanze. : H2S causa numerosi effetti, diversi a seconda della concentrazione di particelle aerosospese e della durata dell'esposizione. 0,02 ppm: soglia dell'odore (odore di uova marce); 10 ppm: irritazione agli occhi e al tratto respiratorio; 100 ppm: tosse, cefalea, vertigini, nausea, irritazione agli occhi, perdita del senso dell'olfatto entro pochi minuti. 200 ppm: possibilità di edema polmonare dopo > minuti. 500 ppm: perdita di coscienza dopo brevi esposizioni, possibilità di arresto respiratorio. > 1000 ppm: immediata perdita di coscienza, può portare rapidamente alla morte. Può essere richiesta l'immediata resuscitazione cardiopolmonare. Non fare affidamento sul senso dell'olfatto come avvertimento. H2S provoca un rapido indebolimento olfattivo (maschera il senso dell'olfatto). Non vi sono evidenze di accumulo di H2S nei tessuti corporali in seguito ad esposizione ripetuta. I segni e i sintomi di dermatite con carenza di lipidi possono includere una sensazione di bruciore e/o pelle secca e screpolata. : Solfuro di idrogeno (H2S): asfissiante per il sistema nervoso centrale. Può causare riniti, bronchiti e occasionalmente edema polmonare in seguito ad esposizione severa. PRENDERE IN CONSIDERAZIONE: Ossigeno-terapia. Consultare un Centro Anti Veleni per istruzioni. L'esposizione al solfuro di idrogeno a concentrazioni superiori alle norme di esposizione professionale prescritte possono causare mal di testa, vertigini, irritazione degli occhi, delle vie respiratorie superiori, della bocca e del tratto digerente, convulsioni, paralisi respiratoria, incoscenza e persino morte. Consultare un Centro Anti Veleni per istruzioni. 8/64

9 SEZIONE 5: Misure antincendio Allontanare dall'area dell'incendio tutto il personale non addetto all'emergenza. 5.1 Mezzi di estinzione : Schiuma, acqua a spruzzo o nebulizzata. Polvere chimica a secco, anidride carbonica, sabbia o terra possono essere impiegati soltanto per incendi di piccola entità. Mezzi di estinzione non idonei 5.2 Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela 5.3 Raccomandazioni per gli addetti all estinzione degli incendi Consigli aggiuntivi : Non utilizzare getti d'acqua diretti sul prodotto in fiamme poiché possono causare un'esplosione di vapore e la diffusione dell'incendio. Evitare l'uso simultaneo di schiuma ed acqua sulla stessa superficie poiché l'acqua distrugge la schiuma. : Tra i prodotti di combustione pericolosi ci può/possono essere: Una miscela complessa di particolati solidi e liquidi e gas (fumi) sospesi in aria. Ossidi di azoto. Ossidi di zolfo. Composti inorganici e organici non identificati. Possono essere presenti vapori infiammabili anche a temperature inferiori al punto di infiammabilità. La fase vapore è più pesante dell'aria, si distribuisce a livello del suolo ed è possibile l'ignizione a distanza. Affonda in acqua dolce, galleggia in acqua di mare e potrebbe reincendiarsi sulla superficie dell'acqua Durante il riscaldamento di questo materiale si possono sviluppare solfuro di idrogeno (H2S) e altri gas tossici di zolfo. Non fare affidamento sul senso dell'olfatto come avvertimento. In caso di combustione incompleta si può avere emissione di monossido di carbonio. : Occorre indossare adeguati dispositivi protettivi, tra cui guanti resistenti agli agenti chimici; una tuta resistente agli agenti chimici è indicata qualora si preveda un contatto esteso con il prodotto versato. Occorre indossare un apparecchio respiratorio autonomo in caso di avvicinamento a un incendio in uno spazio chiuso. Selezionare abbigliamento antincendio omologato secondo le normative vigenti (ad es. per l'europa: EN469). : Raffreddare con getti d'acqua i contenitori posti nelle vicinanze. Ove possibile spostare i contenitori dalla zona di pericolo. In caso di impossibilità di estinzione dell'incedio, l'unica azione da intraprendere è di provvedere immediatamente all'evacuazione. Contenere il materiale residuo nelle zone colpite in modo che il materiale non penetri in tubi di scarico (fogne), canali di scolo e corsi d'acqua. 9/64

10 SEZIONE 6: Misure in caso di rilascio accidentale Evitare il contatto con il materiale fuoriuscito o rilasciato accidentalmente. Per consigli sulla selezione dei dispositivi di protezione individuali vedere il capitolo 8 di questa Scheda Data di Sicurezza. Per le infomazioni sullo smaltimento, fare riferimento alla Sezione 13. Rispettare la legislazione locale e internazionale pertinente. Rimuovere gli indumenti contaminati. Far evacuare dall'area tutto il personale non essenziale. Evitare il contatto con la pelle, gli occhi e gli indumenti. Ventilare abbondantemente l'area contaminata. 6.1 Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenza 6.2 Precauzioni ambientali 6.3 Metodi e materiali per il contenimento e per la bonifica : Per personale non addetto agli interventi di emergenza: Non respirare fumi e vapori. Non azionare apparecchiature elettriche Per il personale addetto agli interventi di emergenza: Fermare le perdite, se è possibile farlo senza rischi personali. Allontanare tutte le eventuali fonti di ignizione dall'area circostante ed evacuare tutto il personale. Cercare di disperdere il gas o di dirigerne il flusso verso un luogo sicuro, per esempio usando acqua nebulizzata. Prendere misure di precauzione contro le scariche elettrostatiche. Assicurare la continuità elettrica mediante il collegamento e la messa a terra di tutte le apparecchiature. Monitorare l'area con un misuratore di gas combustible. Può prendere fuoco su superfici con temperature superiori a quella di autoaccensione. : Attuare misure che permettano di minimizzare gli effetti sulle falde freatiche. Contenere il materiale residuo nelle zone colpite in modo che il materiale non penetri in tubi di scarico (fogne), canali di scolo e corsi d'acqua. Evitare il diffondersi o l'entrata in canali, pozzi o corsi d'acqua mediante l'impiego di sabbia, terra o altre idonee barriere. : Per le fuoriuscite liquide di piccola entità (<1 barile), trasferire mediante mezzi meccanici a un contenitore contrassegnato e sigillabile per il recupero del prodotto o lo smaltimento sicuro. Far evaporare i residui o assorbirli con un materiale assorbente appropriato e smaltirli in modo sicuro. Rimuovere il suolo contaminato e smaltirlo in modo sicuro. Per le fuoriuscite liquide di grande entità (> 1 barile), trasferire mediante mezzi meccanici quali camion con attrezzatura per l'aspirazione a un serbatoio per il recupero o lo smaltimento sicuro. Non lavare i residui con acqua. Conservare come rifiuto contaminato. Tutti i residui devono essere fatti evaporare o assorbiti con un materiale assorbente appropriato e smaltiti in 10/64

11 Consigli aggiuntivi 6.4 Riferimenti ad altre sezioni modo sicuro. Rimuovere il suolo contaminato e smaltirlo in modo sicuro. Stoccare in un contenitore adatto chiaramente contrassegnato per lo smaltimento o il recupero in accordo con le regolamentazioni locali. : Comunicare alle autorità ogni esposizione al pubblico o all'ambiente avvenuta o possibile. Le autorità locali devono essere informate nel caso non si possano contenere perdite ingenti. Le perdite in mare dovrebbero essere trattate usando uno Shipboard OilPollution Emergency Plan (SOPEP) come richiesto dalla convenzione MARPOL Allegato 1, Regola 26. : Per indicazioni sulla selezione dei dispositivi di protezione individuale vedere il capitolo 8 di questa Scheda Dati di Sicurezza. Per indicazioni sullo smaltimento del materiale versato vedere il capitolo 13 di questa Scheda Dati di Sicurezza. SEZIONE 7: Manipolazione e immagazzinamento Precauzioni generali 7.1 Precauzioni per la manipolazione sicura : Evitare l'inalazione dei vapori o il contatto con il materiale. Usare solamente in aree ben ventilate. Lavarsi accuratamente dopo la manipolazione. Per informazioni sui dispositivi di protezione individuale consultare la Sezione 8 di questa scheda di sicurezza. Utilizzare le informazioni di questa scheda di sicurezza come base per una valutazione del rischio al fine di determinare i controlli adeguati per la manipolazione, la conservazione e lo smaltimento sicuri di questo materiale. Impedire eventuali fuoriuscite. Gli articoli in pelle contaminati, incluse le scarpe, non possono essere decontaminati e devono essere distrutti per evitarne il riutilizzo. Attività di manutenzione e rifornimento - Evitare di inalare i vapori ed il contatto con la pelle. : Le proprietà affaticanti intrinseche, tossiche ed olfattive (relative al senso dell'olfatto) del solfuro di idrogeno rendono necessario l'utilizzo di sistemi di monitoraggio dell'aria ad allarme qualora si preveda che le concentrazioni raggiungano i livelli nocivi, per esempio in spazi chiusi, in serbatoi per trasporto riscaldati e in situazioni di spandimento o perdite. Se la concentrazione nell'aria supera i 50 ppm, la zona deve essere evacuata, a meno che non sia utilizzata una protezione respiratoria. Evitare il contatto prolungato e ripetuto con la pelle. Non mangiare né bere durante l'impiego. Spegnere tutte le fiamme libere. Non fumare. Rimuovere le fonti di accensione. Evitare di produrre scintille. Collegare a massa 11/64

12 Trasferimento di prodotto 7.2 Condizioni per l immagazzinamento sicuro, comprese eventuali incompatibilità tutte le apparecchiature. In caso di pericolo di inalazione di vapori, nebbie o aerosol, utilizzare il sistema di aspirazione locale. Smaltire in modo adeguato tutti gli stracci contaminati e i materiali utilizzati per la pulizia per evitare incendi. : Evitare riempimenti con spruzzi. Aspettare 2 minuti dopo il riempimento del serbatoio (per i serbatoi come quelli delle autocisterne) prima di aprire portelli o botole. Attendere 30 minuti dopo il riempimento del serbatoio (per grandi serbatoi polmone) prima di aprire portelli o botole. Conservare i contenitori chiusi durante l'inutilizzazione. Anche se si dispone di impianto di terra e collegamento masse elettriche corretti, il materiale continua ad accumulare una carica elettrostatica. Se si consente l accumulo di una carica sufficiente, è possibile che si verifichino scariche elettrostatiche e accensione di miscele di aria/vapore infiammabili. Fare attenzione alle operazioni di movimentazione che possono causare pericoli aggiuntivi derivanti dall accumulo di cariche statiche. Sono inclusi, a titolo puramente esemplificativo, pompaggio (soprattutto con flusso turbolento), miscelazione, filtraggio, riempimento a spruzzo, pulizia e riempimento di taniche e contenitori, campionamento, switch loading, calibrazione livello carburante, operazioni su camion per aspirazione dei liquidi e movimenti meccanici. Queste attività possono causare una scarica statica, come la formazione di scintille. NON utilizzare aria compressa per le operazioni di riempimento, scarico o movimentazione. : Stoccaggio fusti e piccoli contenitori: Impilare solo un massimo di 3 fusti Utilizzare contenitori adeguatamente etichettati e richiudibili. Evitare l'entrata d'acqua. Stoccaggio in serbatoio: I serbatoi devono essere progettati specificatamente per questo prodotto. I serbatoi di stoccaggio dovrebbero essere all'interno di un bacino di contenimento. Posizionare i serbatoi lontano da fonti di calore ed altre possibili cause di accensione. I serbatoi dovrebbero essere dotati di serpentine per il riscaldamento. Assicurarsi che le serpentine di riscaldamento siano sempre ricoperte di prodotto (per almeno 15 cm). Durante il pompaggio verranno generate cariche elettrostatiche. Le scariche elettrostatiche possono causare incendi. Garantire la continuità dell erogazione di corrente elettrica fornendo collegamenti a massa e messa a terra a tutta l attrezzatura per ridurre il rischio. I vapori nella parte vuota del serbatoio possono trovarsi nell intervallo infiammabile/esplosivo e quindi essere infiammabili. Consultare la sezione 15 per eventuali disposizioni di legge supplementari in materia di confezionamento e stoccaggio del prodotto. 12/64

13 Materiali raccomandati Materiali non idonei Informazioni sui contenitori : Per i contenitori o i rivestimenti dei contenitori utilizzare acciaio dolce e acciaio inossidabile. Anche l'alluminio può essere usato per applicazioni in cui esso non costituisce un inutile pericolo d'incendio. Materiali appropriati sono, ad esempio: polietilene ad alta densità (HDPE) e Viton (FKM), la cui compatibilità con questo prodotto è stata specificamente testata. Per i rivestimenti di contenitori, utilizzare vernice epossidica polimerizzata con addotto di ammina. Per tenute e guarnizioni utilizzare: grafite, PTFE, Viton A, Viton B. : Alcuni materiali sintetici possono non essere adatti per contenitori o rivestimenti di contenitori in base alle caratteristiche del materiale e l'uso previsto. Esempi di materiali da evitare sono: gomma naturale (NR), gomma nitrile (NBR), gomma etilenpropilene (EPDM), polimetilacrilato (PMMA), polistirolo, cloruro di polivinile (PVC), poliisobutilene. Tuttavia, alcuni possono essere adatti per materiali di guanti. : I contenitori, anche quelli che sono stati svuotati, possono contenere vapori esplosivi. Non tagliare, perforare, molare, saldare o effettuare altre operazioni simili ai contenitori o nelle immediate vicinanze. 7.3 Usi finali specifici : Fare riferimento alla sezione 16 e/o agli allegati per gli utilizzi registrati ai sensi del regolamento REACH. Consultare la documentazione di riferimento aggiuntiva che fornisce indicazioni sulle pratiche di movimentazione sicura per i liquidi classificati come accumulatori statici: American Petroleum Institute 2003 (Protection Against Ignitions Arising out of Static, Lightning and Stray Currents, protezione contro le esplosioni derivanti da correnti statiche, da fulmine e vaganti) o National Fire Protection Agency 77 (Recommended Practices on Static Electricity, prassi consigliate sull elettricità statica). CENELEC CLC/TR (Electrostatics - Code of practice for the avoidance of hazards due to static electricity, elettrostatica: insieme di prassi per evitare i pericoli legati all elettricità statica). Informazioni aggiuntive SEZIONE 8: Controllo dell esposizione/protezione individuale : Assicurarsi che tutte le normative locali sulla manipolazione e gli impianti di stoccaggio siano seguite. Se sul presente documento viene riportato il valore dato dall'american Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH), esso è riportato solo a titolo informativo. Leggere unitamente allo Scenario di esposizioneper l'uso specifico contenuto nell'appendice. 13/64

14 8.1 Parametri di controllo Limiti di esposizione professionale Materiale Fonte Tipo ppm mg/m3 Nota Solfuro di ACGIH TWA 1 ppm Idrogeno ACGIH STEL 5 ppm OEL (IT) STEL 10 ppm 14 mg/m3 Fonte del valore limite: Direttiva UE 98/24/CE OEL (IT) TWA (8 h) 5 ppm 7 mg/m3 Fonte del valore limite: Direttiva UE 98/24/CE Cumene ACGIH TWA 50 ppm OEL (IT) TWA (8 h) 20 ppm 100 mg/m3 OEL (IT) SKIN_DES Può essere assorbito dalla pelle. OEL (IT) STEL 50 ppm 250 mg/m3 Naphthalene ACGIH TWA 10 ppm ACGIH STEL 15 ppm ACGIH SKIN_DES Può essere assorbito dalla pelle. OEL (IT) TWA (8 h) 10 ppm 50 mg/m3 Fonte del valore limite: Direttiva UE 98/24/CE 14/64

15 Indice di esposizione biologica (IEB) Materiale Determinante Tempo di campionament o Indici di esposizione biologica Riferimento Naphthalene 1- Hydroxypyrene, con idrolisi (1- HP) in Urina Ora del campionamento: Fine del turno o alla fine della settimana lavorativa. ACGIH BEL (2011) Componente Livelli derivati con nessun effetto (DNEL, Derived No Effect Levels) Percorso esposizione Tipo di esposizione (lunga/breve) Area di applicazione Valore Olio combustibile, residuo Inalazione effetti sistemici acuti Lavoratore 4700 mg/m3/15 min.(aerosol) Cutanea a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,065 mg/kg 8h Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,12 mg/m3/8h (aerosol) Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 0,015 mg/kg 24h Residui del petrolio torre di distillazione atmosferica Inalazione Cutanea effetti sistemici acuti a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore Lavoratore 4700 mg/m3/15 min.(aerosol) 0,065 mg/kg 8h 15/64

16 Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,12 mg/m3/8h (aerosol) Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 0,015 mg/kg 24h Residues (petroleum), catalytic cracking Inalazione effetti sistemici acuti Lavoratore 4700 mg/m3/15 min.(aerosol) Cutanea a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,065 mg/kg 8h Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,12 mg/m3/8h (aerosol) Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 0,015 mg/kg 24h Residui (petrolio) crackizzato termico Inalazione effetti sistemici acuti Lavoratore 4700 mg/m3/15 min.(aerosol) Cutanea a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,065 mg/kg 8h Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,12 mg/m3/8h (aerosol) Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 0,015 mg/kg 24h Olio ciclo servizi leggeri Inalazione a breve termine, effetti sistemici Lavoratore 2230 mg/m3 Cutanea a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 2,4 mg/kg 16/64

17 Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 30 mg/m3 Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 1,0 mg/kg Residui (petrolio) atmosferici Inalazione effetti sistemici acuti Lavoratore 4700 mg/m3/15 min.(aerosol) Cutanea a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,065 mg/kg 8h Inalazione a lungo termine, effetti sistemici Lavoratore 0,12 mg/m3/8h (aerosol) Orale a lungo termine, effetti sistemici Cliente 0,015 mg/kg 24h Informazioni relative alla PNEC (Concentrazione prevedibile priva di effetti) Metodi di monitoraggio : La sostanza è un idrocarburo con composizione complessa, sconosciuta o variabile. I metodi convenzionali di derivazione dei PNEC non sono appropriati e non è possibile individuare un singolo PNEC rappresentativo per tali sostanze. : Per confermare la conformità a un limite di esposizione professionale e l'adeguatezza dei controlli dell'esposizione, può essere richiesto il monitoraggio della concentrazione di sostanze nella zona di respirazione dei lavoratori o nel luogo di lavoro in generale. Per alcune sostanze può anche essere appropriato un monitoraggio biologico. 8.2 Controlli dell esposizione Informazioni generali : Il livello di protezione e i tipi di controlli necessari dipendono dalle potenziali condizioni di esposizione. Selezionare i controlli in base alla valutazione del rischio nelle circostanze locali. Gli interventi appropriati includono: Usare sistemi sigillati il più possibile. Adeguata ventilazione per mantenere la concentrazione di particelle aerosospese al di sotto dei valori di guida/limiti di esposizione. Si raccomanda l'estrazione locale 17/64

18 Controlli dell'esposizione professionale Dispositivi di Protezione Individuale Protezione per gli occhi Protezione delle mani dei vapori. Lavaggi oculari e docce di emergenza. Si raccomandano monitori antincendio e sistemi antincendio a diluvio. Osservare sempre buone pratiche di igiene personale come lavarsi le mani dopo aver maneggiato il materiale e prima di mangiare, bere e/o fumare. Lavare regolarmente gli indumenti da lavoro e le attrezzature protettive per rimuovere gli agenti contaminanti. Eliminare indumenti e calzature contaminati che non è possibile lavare. Osservare buone regole di igiene dell'ambiente. Definire le procedure per la gestione e il mantenimento dei controlli. Istruire e formare i lavoratori in merito ai pericoli e alle misure di controllo rilevanti per le normali attività associate a questo prodotto. Garantire la selezione, l'attività di test e la manutenzione appropriata delle attrezzature utilizzate per il controllo dell'esposizione, come ad esempio i dispositivi di protezione individuale e il sistema di aspirazione locale. : I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) devono soddisfare gli standard nazionali raccomandati. Controllare con i fornitori di DPI. Le informazioni fornite prendono in considerazione la direttiva DPI (Direttiva del Consiglio 89/686/CEE) e le norme CEN del Comitato Europeo di Normazione (CEN). : Occhiali di protezione contro gli spruzzi di sostanze chimiche (occhiali monolente per sostanze chimiche). Se indicato da una valutazione dei rischi locale, può non essere necessario indossare occhiali protettivi anti-schizzo per sostanze chimiche e degli occhiali di sicurezza possono fornire una protezione adeguata per gli occhi. Rispondente allo standard europeo EN166. : L'igiene personale è un elemento fondamentale per la cura efficace delle mani. I guanti devono essere indossati solo con mani pulite. Dopo l'uso dei guanti, le mani devono essere lavate e asciugate perfettamente. Si raccomanda l'applicazione di una crema idratante non profumata. L'idoneità e la resistenza di un guanto dipendono dall'uso, per es. dalla frequenza e dalla durata del contatto, dalla resistenza chimica del materiale del guanto e dall'abilità. Consultare sempre i produttori dei guanti. I guanti contaminati devono essere sostituiti. In caso di contatto continuo si consigliano guanti con tempo di permeazione di oltre 240 minuti, preferibilmente superiore a 480 minuti qualora sia possibile reperire guanti 18/64

19 Protezione per il corpo Protezione delle vie respiratorie Pericoli termici idonei. Per una protezione immediata dagli schizzi si consigliano guanti analoghi ma, riconoscendo la non immediata disponibilità di guanti idonei che offrano un tale livello di protezione, resta accettabile un tempo di permeazione inferiore purché vengano seguiti appropriati regimi di manutenzione e sostituzione. Lo spessore dei guanti non rappresenta un'attendibile indicazione della resistenza degli stessi alle sostanze chimiche, poiché questa dipende dall'esatta composizione del materiale dei guanti. Scegliere guanti testati per soddisfare uno standard adeguato (ad es. EN374, US F739). Maneggiare prodotti caldi indossando guanti resistenti al calore. In caso di contatto prolungato o frequente ripetuto, i guanti in nitrile possono essere adeguati. (Tempo di fessurazione di >240 minuti). Per la protezione dal contatto accidentale/spruzzi, possono essere adatti guanti in PVC, neoprene. : Guanti, stivali e grembiule resistenti a sostanze chimiche (in caso di rischio di spruzzi). : Se i controlli tecnici non sono in grado di mantenere la concentrazione nell'aria ad un livello adeguato per la salvaguardia della salute dei lavoratori, selezionare i dispositivi di protezione respiratoria adatti per le condizioni specifiche di impiego e conformi alla legislazione vigente in materia. Verificare con i fornitori dei dispositivi di protezione respiratoria. Nei casi in cui i respiratori a filtro d'aria non siano idonei (p.es. alte concentrazioni di particelle aerosospese, rischio di deficienza di ossigeno, spazio confinato), usare un apparato di respirazione a pressione positiva adatto. Dove gli apparecchi respiratori filtranti sono adatti, utilizzare un'appropriata combinazione di maschera e filtro. Tutte le attrezzature per la protezione respiratoria e l'uso devono essere conformi alle normative locali. Selezionare un filtro per combinazione di particolato/gas e vapori organici [punto di ebollizione > 65 C (149 F), conforme alla norma EN : Nel maneggiare il prodotto riscaldato, indossare guanti resistenti al calore, copricapo di sicurezza con visiera e tuta resistente al calore, con copriguanti e copristivali), nonché stivali da lavoro pesante, ad es. in cuoio resistente al calore. Controlli dell'esposizione ambientale Misure di controllo : Le locali linee guida sui limiti di emissione per le sostanze dell'esposizione volatili devono essere rispettate nello scarico di aria 19/64

20 ambientale contenente vapori. Le informazioni sul rilascio accidentali sono reperibili al paragrafo 6. Controlli esposizione cliente Misure di controllo : se sono probabili esposizioni ripetute o prolungate della pelle dell'esposizione per i alla sostanza, indossare guanti adeguati in base all'en374 e Clienti fornire ai lavoratori programmi per la protezione della pelle. SEZIONE 9: Proprietà fisiche e chimiche 9.1 Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentali Aspetto : Da marrone a nero. Liquido viscoso. Odore : Idrocarburo. Soglia olfattiva : Dati non disponibili ph : Non applicabile Punto di ebollizione iniziale : C / F e intervallo di ebollizione Punto di : < 30 C / 86 F fusione/congelamento Punto di infiammabilità : > 60 C / 140 F (ASTM D-93 / PMCC) Limite superiore/inferiore di : Tipicamente 0,50-5,00 %(V) infiammabilità o esplosione Temperatura di : > 250 C / 482 F autoignizione Tensione di vapore : 0,1 hpa a 40 C / 104 F Densità relativa : Dati non disponibili Densità : < 1,01 g/cm3 a 15,00 C / 59,00 F Densità apparente : Dati non disponibili Solubilità in acqua : Non significativo. Solubilità in altri solventi : Dati non disponibili Coefficiente di partizione: : Dati non disponibili n-ottanolo/acqua (log Pow) Viscosità dinamica : Dati non disponibili Viscosità cinematica : < 200 mm2/s a 100 C / 212 F Densità dei vapori (aria=1) : Dati non disponibili Velocità di evaporazione : Dati non disponibili (nbuac=1) Temperatura di : Dati non disponibili decomposizione Infiammabilità : Non applicabile. Proprietà di ossidazione : Non applicabile. 20/64

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 203086 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 56Z011898, 56P011820 Numero CAS: 7681-11-0 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/5 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140 Scheda di sicurezza del 12/9/2014, revisione 2 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART A Codice prodotto :

Dettagli

: perma High temp. grease SF03

: perma High temp. grease SF03 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA . SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del Prodotto: Foglio numero: 777200 1. 0. 0 Codice del Prodotto: 777200

Dettagli

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA Scheda di sicurezza Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela:

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 Data ultima revisione June 2014 1 / 7 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1.

Dettagli

Scheda di Dati di Sicurezza

Scheda di Dati di Sicurezza Pagina n. 1/10 Scheda di Dati di Sicurezza SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza ANTARLO COMPLET Presidio Medico Chirurgico n 18563 Pagina n. 23 45 67 1 / 07 Scheda Dati di Sicurezza 5.2. 10.5. PROTEZIONE Marine 8. Pericoli Handling Materiali Contiene: Pollutant. speciali Chemical

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No.: 515 9152, 515 90, 515 927, 515 94, 515 96, 515 941, 515 958, 515 959, 515 965,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto Denominazione commerciale: ADOFX 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 Ref:sd14_EnamelPlusTempPolvere GDF.pdf 1 dentificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Dati del prodotto Articolo numero: TEMP.. Utilizzazione della Sostanza / del Preparato

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No 590 285, 590 2842, 590 2859, 590 290, 590 20 Utilizzazione della sostanza/preparato

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Art.-No. 505 0196, 505 407, 505 4051, 505 9010, 505 9018, 505 9025, 505 902, 505 906,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/12 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 00891542 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 4.0.2 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Categoria

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Informazioni sul prodotto Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC DRY PERC - Nome del prodotto : DRY PERC - Nome Chimico : Tetracloroetilene - Sinonimi : Tetracloroetene, PERCLOROETILENE - Formula bruta : C2Cl4 - Formula di struttura : CCl2=CCl2 - Numero di registrazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010 2/09 18.10.2011 4 RLAB DG RLAB 1 di 7 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Identificazione del preparato: Nome commerciale ALCOOL ETILICO DENATURATO 90 AMACASA / Prim / LINDOR

Dettagli

K3-CL sgrassante alcalino schiumogeno cloro-attivo per industrie agro-alimentari

K3-CL sgrassante alcalino schiumogeno cloro-attivo per industrie agro-alimentari K3-CL sgrassante alcalino schiumogeno cloro-attivo per industrie agro-alimentari Scheda di sicurezza del 01/01/2013, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Proprietà': alto

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Kemno S.a.s Viale Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (MB) Tel.0362/62 44 75 Fax.0362/63 22 32 P.I.04628150965 e-mail: office@kemno.

Kemno S.a.s Viale Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (MB) Tel.0362/62 44 75 Fax.0362/63 22 32 P.I.04628150965 e-mail: office@kemno. - Identificazione preparato e società produttrice 1.1 - Denominazione Commerciale: KEM SOL C 1.2 - Ditta Produttrice: KEMNO S.A.S. Via Lavoratori Autobianchi, 1 20033 DESIO (MB) 1.3 - Numero telefonico:

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1.1 Identificatore del prodotto SCHEDA DATI DI SICUREZZA id Quant Pesticide Standard B1 SEZIONE 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Nome prodotto id Quant Pesticide

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Scheda di dati di sicurezza Dow AgroSciences Italia s.r.l. Scheda di Sicurezza secondo il Regolamento (CE) N. 453/2010 Nome del prodotto: Reldan 22 Dow AgroSciences Italia s.r.l. vi incoraggia a leggere

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tel. 041.56.76.041 Fax. 041.89.44.178 mistretta-delorenzi@libero.ti www.mistrettasrl.com SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tipo confezione: Tappo: Codice di Vendita:

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

: LANNATE 20 SL. SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA in conformità con la Regolamentazione (CE) No 1907/2006 e 453/2010

: LANNATE 20 SL. SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA in conformità con la Regolamentazione (CE) No 1907/2006 e 453/2010 Questa Scheda di Data di Securizza è conforme agli standars e prerequisiti regolamentari dell'italia e può non essere conforme ai requisiti regolamentari di altri paesi. SEZIONE 1: Identificazione della

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli