Foto in copertina: spxchrome / istockphoto Lindau s.r.l. corso Re Umberto Torino. Prima edizione: settembre 2012 ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foto in copertina: spxchrome / istockphoto. 2012 Lindau s.r.l. corso Re Umberto 37-10128 Torino. Prima edizione: settembre 2012 ISBN 978-88-6708-014-4"

Transcript

1 I Draghi

2 Foto in copertina: spxchrome / istockphoto 2012 Lindau s.r.l. corso Re Umberto Torino Prima edizione: settembre 2012 ISBN

3 Rodolfo Casadei TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI Storie di persecuzione, fede e speranza Prefazione di monsignor Louis Sako Arcivescovo caldeo di Kirkuk

4

5 1 Adam e gli altri martiri di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso Adam, Gesù Bambino crocefisso Se volete vedere il volto di Adam come lo vedono gli angeli e i beati in Paradiso, cercate la sua fotografia sul sito dell AINA, l agenzia di stampa assira che diffonde notizie sui cristiani in Medio Oriente. Gli occhioni neri ingenui e compiaciuti, la posa pacata e compresa di sé da persona importante, le manine intrecciate e la postura di tre quarti. È seduto su una seggiola di design moderno, rivestita in similpelle con l intelaiatura metallica. Dietro di lui, giochi di luce rimbalzano dai cromatismi di un quadro astratto, linee diagonali e linee curve che si proiettano in varie direzioni sotto forma di strisce nere, rosse e bianche. Gli stessi colori della maglietta a rombi che Adam indossa, sopra un paio di jeans tamarri tutti cuciture, cerniere e applicazioni. D oro l anello all anulare della manina destra, d oro il braccialetto e la catenina con i cuoricini e la sfera perfetta di un chiama angeli. I capelli spettinati e umidi come dopo una corsa a perdifiato di bambini. Un ragazzino del cortile, un figlioletto di re, un Gesù Bambino. Rosso, nero e bianco. I colori del sangue, del lutto e della resurrezione.

6 18 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI Adam Odai Zuhaid Arab è il nome del bambino di tre anni che ha gridato «basta!» mentre i terroristi insanguinavano e devastavano la chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Baghdad il 31 ottobre Lo ha gridato decine di volte, i sopravvissuti hanno ancora la sua voce nelle orecchie: uno strillo infantile disperato. Ha urlato per un tempo interminabile, da sotto il corpo di suo padre Odai che si era adagiato su di lui per proteggerlo e che stava morendo per le ferite subite all inizio dell assalto. Sua madre Martha era sdraiata a pochi passi da lui, come tutti i fedeli che non erano riusciti a rifugiarsi e barricarsi nella sacrestia si fingeva morta, ma nello stesso tempo premeva una mano contro la coscia di Nairi, l altra sua figlia di un anno che piangeva disperata, ferita da un proiettile e da schegge che le avevano fratturato il femore. Era lì, più impotente di Maria sotto alla croce. Se si fosse mossa, sarebbe stata falciata dalle armi automatiche dei terroristi, come era accaduto a decine di uomini, donne e bambini nei minuti precedenti. «Basta!», urlava disperato Adam, «basta!», strillava da terra. E raddoppiava l angoscia degli ostaggi che già avevano visto falciare a colpi di arma automatica i due sacerdoti e tutti i giovani adulti, dei feriti che cercavano di salvarsi fingendosi morti, delle ragazze e delle donne annichilite dallo spavento e dall orrore. Ma nemmeno i terroristi potevano restare indifferenti a quelle grida. Anzi, erano molto disturbati. La mamma di Adam ricorda bene l aggressore che si era chinato sul suo bambino a rimbrottarlo, metà severo fratello maggiore e metà psicopatico: «Taci una buona volta, non vedi la mia arma, vuoi che ti ammazziamo come gli altri?». Ricorda anche Hussein, il capo dei terroristi ferito sin dall inizio e seduto non lontano da lei, che dava ai suoi uomini l ordine di finire quell uomo scosso da-

7 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 19 gli spasmi che altri non era che suo marito. Ma il momento preciso dell addio alla vita dei suoi due cari Martha non sa dirlo. Ricorda solo che a un certo punto la voce spaventata del suo bambino non si è sentita più. Quei cinque erano entrati in chiesa sparando e gridando: «Allah u akbar! Dio è grande! Noi andremo in Paradiso, voi andrete all Inferno!». Ma quel giorno Dio non era grande: era piccolo come un bambino di tre anni terrorizzato e ferito che gridava «basta!». Che stava gridando loro di fermarsi, di non spargere il sangue altrui e il proprio, di comprendere e accettare che l ora della nostra morte deve essere lasciata nelle mani del Creatore e non decisa dalla volontà degli uomini. Di scorgere Lui in quei volti atterriti. Stupidi e feroci, non hanno saputo vedere Dio che si era fatto piccolo e senza difese. E che urlava con tutta la disperata innocenza di un bambino di tre anni. Di Adam, un Gesù crocefisso da bambino. E i feriti di Baghdad giunsero al Policlinico Gemelli Nel primo anniversario del massacro l agenzia di stampa Zenit informava che le comunità cattoliche orientali presenti a Baghdad stavano raccogliendo le prove canoniche per chiedere la beatificazione dei due sacerdoti assassinati: i padri Tahir Saadallah Abdal e Wassim Sabih Alkas Butros. Troppo poco. Tutti coloro che hanno perduto la vita dentro alla chiesa quella terribile sera 45 battezzati di ogni età e condizione sociale dovrebbero essere beatificati e riconosciuti come martiri. Perché hanno testimoniato Cristo attivamente, eroicamente, fino all effusione del sangue. Non hanno vissuto passivamente il ruolo di vittime portate al supplizio, come avrebbero voluto i loro aguzzini. Hanno

8 20 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI reso testimonianza della dignità umana redenta da Cristo, della creatura nuova della redenzione, in vari modi. Chi rivolgendosi direttamente ai terroristi per scuotere la loro coscienza, chi cercando di aiutare e di salvare i propri vicini mentre cercava di salvare la propria vita. Conosciamo le loro storie perché ce le hanno raccontate i sopravvissuti, in gran parte feriti. Anche costoro meritano tutta la nostra ammirazione e gratitudine per il modo in cui hanno attraversato la terribile prova, e perché è grazie a loro che si potranno tramandare questi nuovi «atti dei martiri». È dalla loro voce che ho appreso molti dettagli di quella terribile giornata. Ho incontrato la mamma di Adam e altri sopravvissuti del massacro del 31 ottobre 2010 al Policlinico Gemelli di Roma, poche settimane dopo i tragici avvenimenti. La signora ha parlato lungamente con me senza manifestare emozioni, come inaridita da una sofferenza troppo grande, o dalla fatica di raccontare ancora una volta quella storia tremenda, e stavolta a uno sconosciuto. Guardo i due volti sul distintivo che porta appuntato sull abito. Adam è un faccino serio con una gran testa di riccioli mori impresso sul rettangoletto di legno che mamma porta appeso a un risvolto del suo giacchetto, nero come tutti i capi d abbigliamento che ora indossa; alla sua sinistra c è anche il volto un po sfocato di papà Odai. Nairi invece è qui con mamma, vestita di bianco e di rosa si guarda attorno e sorride anche agli estranei. Ha l aria contenta dei piccoli della sua età, il volto disteso e perfettamente lieto. L unica traccia che l orrore ha lasciato su di lei è la medicazione nella parte superiore della coscia destra. I governi italiano e francese avevano deciso di fornire cure e protezione ad alcune decine di feriti e ai loro parenti

9 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 21 più stretti. Il 12 novembre, meno di due settimane dopo la strage, 26 feriti e una ventina di accompagnatori avevano fatto il loro ingresso nell ospedale vaticano, un altro gruppo più o meno della stessa entità era stato ammesso in una struttura nei pressi di Parigi. Era sottinteso che chi voleva restare in Europa avrebbe ottenuto lo status di rifugiato e sarebbe stato accolto come tale. A Roma delle necessità pratiche e spirituali dei cristiani iracheni ricoverati al Gemelli si occupava un giovane sacerdote siro-cattolico che era da qualche anno in Italia per studiare e che stava per rientrare in Iraq: padre Aysar Saeed. Fino al 2005 era stato uno dei coadiutori della parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Era lì quando, nell agosto del 2004, i terroristi fecero esplodere un autobomba contro quella e altre cinque chiese di Baghdad: era la dichiarazione di guerra dei jihadisti alle comunità cristiane irachene. Da quel momento le cose andarono di male in peggio, rapimenti e distruzioni di proprietà mirate contro i cristiani si moltiplicarono, causando un esodo interno (verso il Kurdistan e la Piana di Ninive nel Nord) ed esterno (verso paesi del Medio Oriente considerati più sicuri e verso i paesi occidentali) che da allora non si è mai veramente arrestato: i cristiani iracheni, che erano 800 mila circa alla vigilia dell invasione anglo-americana dell Iraq nella primavera del 2003, nel 2012 risultavano scesi a 350 mila. «L esplosione uccise un passante musulmano e ferì leggermente molti fedeli colpiti dai vetri in frantumi», racconta padre Aysar. «Gli autori dell assalto del 31 ottobre hanno messo la loro autobomba, che hanno fatto esplodere con un telecomando nel momento in cui hanno fatto irruzione in chiesa, esattamente nello stesso punto in cui la precedente era stata collocata sei anni prima.» Padre Aysar conosceva

10 22 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI bene i due sacerdoti trucidati durante l assalto e l anziano vicario episcopale Raphael Qutaimi che, pur ferito dalle schegge di una granata all addome, è scampato ed è stato ricoverato a Parigi assieme ad altri 35 sopravvissuti. Il racconto dei sopravvissuti Non tutti i particolari quadrano, non tutte le testimonianze convergono, ma la ricostruzione di ciò che è successo nella cattedrale siro-cattolica di Baghdad e nei suoi dintorni quel 31 ottobre 2010 è sufficientemente certa. Quattro ore e mezza di incubo, fra le 17 e le La chiesa si trova nel quartiere a maggioranza sciita di Karrada, circondato su tre lati dal fiume Tigri, che attraversa grigio la capitale; di là dal ponte in direzione nord si entra già nella fortificatissima Zona verde, quartiere dei ministeri e della maggior parte delle ambasciate. L istituzione più importante con sede a Karrada è la Borsa valori, che si trova a poca distanza dalla cattedrale siro-cattolica: la presenza cristiana nel quartiere, che potrebbe essere definito di classe media e medioalta per gli standard iracheni, è significativa. I terroristi cinque o sei elementi, che poi, si scoprirà, appartenevano a un gruppo affiliato ad Al Qaeda attivo in Iraq fin dall inizio avevano deciso di assalire la chiesa e occuparla quanto più a lungo possibile. Per realizzare il loro intento hanno attuato una serie di azioni diversive. Prima hanno attaccato la sede della Borsa (che era chiusa) aprendo il fuoco e lanciando granate. Hanno ucciso due guardie, ma la reazione delle sentinelle ha causato dei feriti nelle loro file. Quindi hanno fatto saltare con un telecomando la Jeep Cherokee imbottita di esplosivo che avevano parcheggiato all altezza

11 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 23 dell abside e sono entrati nel cortile della chiesa scavalcando il muro di cinta. In questo modo hanno preso alle spalle guardie e poliziotti che vigilavano al cancello d ingresso e le cui attenzioni erano distratte da quello che sembrava avvenire solo all esterno. Uno degli assalitori, ferito gravemente durante l attacco alla sede della Borsa, ha fatto detonare la sua cintura esplosiva in quel momento per non essere d impaccio ai suoi compagni. Gli altri, sorprese le guardie di cui alcune sono rimaste uccise, hanno fatto irruzione nell edificio sparando contro i fedeli che avevano cercato di uscire. All interno hanno ucciso fra i primi il diacono in capo della chiesa e i due sacerdoti che hanno trovato; hanno separato gli uomini giovani dal resto dei fedeli e li hanno passati per le armi; hanno sparato sui gruppi di persone che protestavano o che non riuscivano a far tacere i bambini; hanno lanciato granate dentro alla sacrestia dove si erano barricate un ottantina di persone; hanno chiamato la hot line di una tv locale, Al Baghdadiya, sussidiaria di una tv egiziana, per un irrealistico scambio di ostaggi, chiedendo la liberazione di due donne egiziane cristiane che secondo loro erano state sequestrate dal clero copto e si trovavano ristrette in «monasteri prigione» per impedire loro di convertirsi all Islam; hanno tenuto i contatti con dei walkie-talkie con qualcuno che seguiva l azione dal di fuori; hanno insultato, minacciato, ferito a morte decine di cristiani terrorizzati dentro a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso; hanno profanato la chiesa, distrutto gli arredi, sparato contro le immagini e gli oggetti sacri; hanno recitato le ultime due preghiere rituali dell Islam, quella del tramonto e quella della notte; quando le truppe speciali del Ministero dell Interno hanno finalmente fatto irruzione dopo quattro ore e mezza di assedio si sono fatti esplodere o

12 24 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI sono stati colpiti dal fuoco dei militari iracheni, dopo aver causato la morte di 57 persone, delle quali 45 erano cristiani che stavano partecipando alla Messa. Quattro settimane dopo l attacco 12 complici sono stati arrestati dalle forze speciali del Ministero dell Interno, fra loro anche Huthaifa al-batawi, soprannominato «l Emiro di Baghdad», mente, burattinaio e coordinatore dell assalto a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso e capo dell Organizzazione della base del jihad in Mesopotamia, più nota come Al Qaeda in Iraq. Al-Batawi era il secondo successore di Abu Musab al-zarkawi, l estremista ucciso dagli americani nel 2006 che per primo, nel 2004, aveva iniziato in Iraq un gruppo terroristico federato ad Al Qaeda, a quel tempo con il nome di Gruppo del monoteismo e del jihad. Dopo la sua morte l organizzazione era andata a far parte di Stato Islamico in Iraq, una federazione di gruppi jihadisti che fra le sue prodezze conta anche la cacciata dei cristiani dal quartiere di Dora a Baghdad fra il 2006 e il Il 7 maggio del 2011 Al-Batawi e alcuni dei suoi luogotenenti arrestati nel novembre 2010 sono rimasti uccisi nel corso di una rivolta da loro stessi organizzata per evadere dal carcere nel quale erano ristretti. Come vennero uccisi padre Wassim e padre Tahir Lo scarno riassunto degli avvenimenti lascia annichiliti. Ma ciò che è accaduto in quelle ore è molto di più di quello che sta dentro a un semplice resoconto di cronaca nera, o a una cronaca di guerra. Racconta Yussef, un sopravvissuto: «Sparavano e gridavano: Sporchi cristiani, noi andremo in Paradiso e voi all Inferno! Allah è grande! Siete dei

13 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 25 miscredenti e andrete all Inferno!». La parola araba che usavano per insultare i cristiani era «wasekh», che è molto più spregiativa di quella che di solito viene impiegata per definire i cristiani «impuri»: «wasekh» si usa per indicare sporcizia morale e fisica nello stesso tempo. I terroristi entrano sparando ad altezza d uomo, costringendo a rientrare dentro l edificio i rari temerari che si erano affacciati all uscita udendo i primi colpi della sparatoria e le esplosioni davanti alla Borsa. Portano con sé borsoni con dentro armi e granate. Cercano i sacerdoti, e i due su tre che trovano li uccidono seduta stante. Nel primo si imbattono quasi accidentalmente. Padre Wassim Sabih Alkas Butros, che si trovava vicino alla porta di ingresso perché stava nel confessionale, si fa loro incontro per calmarli. Mentre tutti cercano riparo dietro le panche o addossandosi alle pareti lui si dirige verso gli assalitori che già hanno sparato dentro alla chiesa, hanno ferito varie persone e ucciso il diacono capo. Si offre in ostaggio: «Lasciate stare loro, prendete me!». Per tutta risposta uno dei terroristi gli spara al torace da distanza ravvicinata. L uomo cade a terra. «Chi è costui?» chiede sorpreso lo stesso carnefice che ha premuto il grilletto. «È un prete», gli risponde un compagno. Parte una seconda raffica sul sacerdote agonizzante. Viene colpito anche alla testa. Padre Tahir Saadallah Abdal, che presiede la Messa e si trova nei pressi dell altare al momento dell irruzione, esorta i fedeli delle prime file a rifugiarsi in sacrestia e invita i più giovani ad accompagnare i più anziani. Anche lui grida: «Prendete me, lasciate stare la gente!». Va verso il fondo della Chiesa poi torna indietro; fa scudo con il suo corpo ai chierichetti che si sono accucciati sotto l ambone. A un certo punto i terroristi l afferrano e lo trascinano di qualche

14 26 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI passo, mentre i ragazzi fuggono in tutte le direzioni. Lo spintonano come per farlo cadere, ma lui si regge in piedi. Quindi lo mitragliano sotto gli occhi di sua madre già ferita, almeno un colpo raggiunge la testa. Cade sulle ginocchia portandosi le mani al petto, e prima di scivolare a terra i testimoni sono concordi pronuncia le stesse parole di Gesù sulla croce nel Vangelo di Luca: «Nelle tue mani, Signore, affido il mio spirito». Non è quello l unico figlio che la donna si vede portar via quella sera: un altro verrà colpito a morte poco dopo. «Viva la Croce!» Gli assalitori urlano come invasati. Gridano ai fedeli terrorizzati di sdraiarsi a terra e restare immobili. Il minimo movimento o lamento diventa un pretesto per sparare sulle persone a terra con l intenzione di ucciderle. Lo stesso accade agli adulti che non riescono a far tacere i bambini che gridano per la paura. C è una coppia con una bambina di appena tre mesi in braccio alla madre. Il bebè piange disperatamente. I terroristi inveiscono. Il padre risponde che non è possibile calmare la bambina: viene falciato a colpi di mitra insieme alla giovane moglie, a suo padre e al neonato, resta viva ma ferita solo una sorella del giovane. Un altro uomo, colpito da un proiettile, emette un lamento di dolore e da terra grida: «Noi moriamo, però viva la Croce!». Più assalitori puntano le armi verso di lui e lo crivellano di colpi mentre grida ancora: «Viva la Croce!». Un giovane di nome Firas si carica sulle spalle una ragazza ferita al collo e cerca di trascinarla verso la porta che dà dentro alla sacrestia. Un terrorista vede la scena e lancia

15 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 27 una granata verso la coppia. Investiti dalle schegge alla schiena, i due cadono a terra come morti sul colpo, ma solo la ragazza è spirata. Firas, un dolore tremendo al dorso e a un polpaccio investiti dai frammenti della bomba, è ancora vivo e si trascina carponi fino a un muro vicino all altare dove si nasconde sotto a un cadavere. Per tre ore quello sarà il suo riparo. Lo sposta impercettibilmente usandolo come uno scudo per avvicinarsi alla porta della sacrestia. Da lì assiste ai ripetuti attacchi dei terroristi al rifugio. A forza di raffiche e di granate i terroristi riescono quasi ad aprire un varco nella porta che era stata barricata dall interno con mobili e altre attrezzature. Sono costretti a desistere quando le forze di sicurezza si decidono infine a dare il via al loro blitz e loro devono concentrarsi su quell attacco dalla porta centrale. In quel momento Firas si avvicina alla sacrestia e chiede a quelli dentro di farlo entrare. Si rifiutano di aprirgli credendolo uno degli assalitori che li vuole ingannare. Finalmente una ragazza riconosce il suo nome e la sua voce. Riesce a farsi aprire dopo molte insistenze e a scivolare dentro. «I terroristi erano quasi tutti stranieri, forse di iracheni ce n era solo uno», racconta. «Uno era sicuramente egiziano e un altro era siriano. C era un ragazzino che non poteva avere più di 15 anni, ma anche gli altri erano molto giovani: anni, non di più. Un paio di loro indossavano divise della polizia. Dicevano: In questo paese resteranno solo i musulmani!. E poi: Tutte le chiese verranno colpite come questa!.» Quindi i terroristi salgono in piedi sull altare e su altri arredi per controllare la situazione da una posizione elevata. Scaricano le armi contro i lampadari, contro le ventole dell aria condizionata, contro le formelle della Via Crucis, contro la grande croce incastonata alla parete dietro all al-

16 28 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI tare. Ma anche sulle persone sdraiate a terra che non sono perfettamente immobili. A un certo punto, solo una signora di mezz età gravemente ferita può permettersi di parlare con loro senza essere falciata all istante: «Per favore, uccidetemi», implora la donna. «Sto soffrendo troppo, datemi il colpo di grazia!» «No, sporca cristiana!», le risponde il capo del commando. «Devi soffrire fino alla fine in questa vita e poi dopo, quando ti ritroverai all inferno!» A un certo punto su ordine del loro capo i terroristi cominciano ad accanirsi sulla croce, per distruggerla e svellerla dalla parete dove è incastonata dietro all altare. Le croci delle chiese caldee e siriache non portano il corpo di Gesù inchiodato al legno. Sono croci vuote, a simboleggiare la resurrezione di Cristo dopo il suo sacrificio. Chi conosce la storia delle Chiese d Oriente, sa che la rappresentazione sia artistica che a uso liturgico delle immagini sacre e in particolare della croce è stata oggetto di incandescenti diatribe teologiche, sfociate anche negli iconoclasmi dell VIII e del IX secolo. Le croci vuote delle chiese irachene sono eredi di quei dibattiti e di quegli scontri, ma non si riducono certo a una «concessione» alle umane esigenze di rappresentazione del sacro: la devozione dei cristiani iracheni per la croce è molto intensa; per esempio i caldei celebrano con molta partecipazione il 14 settembre la festa della croce, che espongono in forma di luminaria davanti a casa, come noi facciamo a Natale con gli alberi illuminati. In quella data le case dei cristiani si distinguono perfettamente da quelle dei musulmani proprio per la presenza di croci luminose. La donna morente protesta con le forze che le sono rimaste. Rende la sua estrema testimonianza al potere salvifico della croce, si rivolge ai suoi aguzzini come se davvero potesse fargli capire che stanno sbagliando, li ammonisce

17 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 29 sul sacrilegio che stanno compiendo: «No, cosa fate!», dice con voce soffocata. «Non distruggete la Croce della nostra salvezza! Non lo sapete che è la Croce che ci salva tutti?» «Taci, donna! Tu devi soffrire e morire!» «Lasciate stare la croce!» «Bada, faccio esplodere la mia cintura», minaccia Hussein. «Fallo», lo sfida la signora. Poco dopo smetterà di parlare. Shahad, zia di Adam I terroristi hanno una ricetrasmittente e la usano per parlare con l esterno. «Tutto procede come previsto, sta andando proprio come volevamo», comunicano a un misterioso interlocutore. Poco dopo però cominciano a dire fra di loro: «C è un altro prete, dobbiamo trovarlo e ammazzarlo». Cercano di forzare la porta della sacrestia convinti di trovarlo lì, ma l ottantina di persone che ha trovato riparo in quel locale senza vie di fuga (c è un portone che dà sull esterno, ma è sbarrato da fuori) ha collocato armadi e panche dietro la porta. Gli sforzi per passare sono vani, anche perché gli assalitori non possono sguarnire le altre zone della chiesa per concentrarsi davanti alla sacrestia. Allora cominciano a usare le granate. Riescono a gettarne un paio dentro al locale, uccidendo alcune persone e causando feriti sia gravi che leggeri. Ma il passaggio resta loro interdetto. Shahad Zuhair Marsina, studentessa universitaria, era la zia di Adam e la sorella di suo padre Odai. Era sdraiata vicino a loro durante l eccidio. È una delle persone che hanno avuto scambi verbali con i terroristi e che sono state lasciate in vita. «Un terrorista era in piedi proprio vicino a me, sentivo la sua arma sfiorarmi i piedi. Avevo paura che

18 30 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI da un momento all altro mi sparasse, perché ero la prima della fila di persone sdraiate che poteva vedere. Ma per prima cosa uccisero tutti gli uomini che trovavano, non solo i giovani ma anche quelli più vecchi. C era un uomo calvo, gridarono: Dio è grande! e gli spararono. Odai era sdraiato vicino a me, aveva una spalla ferita e si fingeva morto. All inizio aveva cercato di incoraggiarci, dicendo che volevano solo rapinarci. Ma dopo che aveva visto sparare prima al diacono capo e poi a padre Wassim, aveva cambiato espressione. Aveva chiamato mio padre al cellulare per chiedere aiuto, poi aveva sbattuto il telefono a terra con rabbia: Perché hanno ucciso il diacono, cosa gli aveva fatto?. Dopo aver ucciso tutti gli uomini hanno cercato di forzare la sacrestia, dove aveva trovato riparo mia madre. Ero certa che l avrebbero uccisa, perché ci buttavano dentro le loro granate. Tremava il pavimento, sembrava dovesse crollare tutto e l aria si riempiva di fumo. Mi dicevo: È morta, non la rivedrò più. Poi uno di loro, un siriano, chiese ad alta voce che una donna andasse a parlare al suo cellulare. Io avevo paura che avrebbe chiamato mia sorella; si trovava vicino a me ed era molto spaventata, temevo che una volta in piedi l avrebbero uccisa. Allora mi sono alzata io, ma subito il terrore mi ha paralizzato, non sapevo più cosa fare. L uomo mi ha apostrofato: Muoviti, vieni subito qui altrimenti ti ammazzo.» È il momento in cui i terroristi hanno chiamato la tv Al Baghdadiya per rivendicare l attacco e fare le loro stravaganti e probabilmente pretestuose richieste. A Shahad viene intimato di comunicare che gli ostaggi sono tutti in vita, e che non è ancora successo nulla. «Mi disse di dire a quelli della televisione che stavamo tutti bene, che non ci avevano fatto niente di male. Ma io vedevo i morti davanti a

19 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 31 me, avevo ancora nelle orecchie il rumore delle armi e delle granate. E morivo di paura. Non parlai come mi aveva chiesto lui. Si arrabbiò e cominciò a insultare me e la mia fede: Non vi lasceremo andare, cristiani! Siete degli infedeli che adorano la Croce. Ma Dio è uno solo! Non dovete adorare la Croce!. Sono tornata terrorizzata al mio posto e loro hanno ricominciato a distruggere la chiesa. Hanno sparato alla statua di Gesù, che è caduta a terra. Hanno fatto cadere il lampadario sopra di noi, che per poco non mi ha colpito. E intanto Adam continuava a urlare: Kafi! Kafi! Basta! Basta!. Avrei voluto soccorrerlo, abbracciarlo, ma il terrorista era troppo vicino a me. Ma a questo punto è successa la cosa più brutta: quell uomo s è accorto che Odai era ancora vivo e ha chiamato uno che aveva ancora munizioni nel mitra. Gli ha detto: C è un uomo ancora vivo in mezzo a queste donne, sparagli!. E quello ha sparato!» Shahad scoppia in un pianto dirotto ricordando il momento della morte del fratello. Forse è allora che Adam, che il padre tiene abbracciato stretto, resta colpito. Sta di fatto che poco dopo diventa tranquillo, non lo si sente più gridare. Arriva il momento dell isha, l ultima delle cinque preghiere musulmane; non c è acqua per le abluzioni, e con le mani e la coscienza sporche di sangue i massacratori si rivolgono per l ultima volta all Altissimo. Le loro parole diventano incerte: «Dio, mantieni ferma la mia fede. Signore, perdonami!». Anche Shahad prega. Testa piegata e sguardo a terra, fa scorrere i grani di un rosario fra le dita. Uno dei sequestratori se ne accorge e la ammonisce: «Che cosa pregate? Che cosa adorate? Adorate Cristo? Siete infedeli, Dio è uno solo!».

20 32 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI E Hussein il terrorista chiese perdono Il capo dei terroristi è ferito a un piede sin da quando sono entrati nella chiesa. Uno dei suoi uomini vorrebbe bendarglielo ma lui si rifiuta. Ha trascorso quasi tutto il tempo seduto, dando ordini e preoccupandosi che tutti i suoi uomini recitassero le ultime due delle cinque preghiere canoniche islamiche: quella del tramonto e quella che si recita un ora e mezza dopo il tramonto. In certi momenti hanno addirittura scherzato fra di loro: «Hussein, che facciamo? Dobbiamo detonare le cinture?». «Aspetta, che fretta c è? Abbiamo ancora tempo.» Ma poi viene il momento di dare le ultime disposizioni: «Quando i soldati entreranno nella chiesa ci faremo esplodere, moriremo insieme alla gente». «Non abbiamo più munizioni», gli dicono. «Usate le granate.» «Non speravamo più di poterci salvare. Chiunque era ancora vivo pensava che sarebbe stato ucciso», racconta Shahad. «Pregavamo come se la morte fosse imminente, non immaginavamo di poter sopravvivere a una prova come quella: Maria nostra madre ci ha salvati con la sua forza! Poi uno di loro si è fatto esplodere, mentre quelli ancora in vita lanciavano le granate nel buio. La chiesa tremava tutta, pensavamo che ci sarebbe crollata sulla testa.» Martha, la madre di Adam, ricorderà per sempre quegli istanti. «Dopo che hanno recitato l isha lo stato d animo di Hussein è cambiato rapidamente, è diventato triste. Perdonatemi, ha cominciato a dire guardandosi intorno.» Sotto lo sguardo di Hussein ci sono morti, feriti e bambini piangenti: il risultato delle sue azioni. Adesso il comandante spietato sembra inebetito. «Perdonatemi!», ripete due-tre volte con voce sempre più afflitta, con pause drammatiche. A fatica per l aggravarsi della ferita con cui era entrato nel-

21 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 33 la chiesa si trascina in direzione dell uscita. Martha solleva leggermente la testa da terra per vedere cosa stia facendo. I loro sguardi si incrociano. È un istante terrificante e interminabile. La donna riabbassa subito gli occhi mentre le si gela il sangue, ma non succede nulla. «Si è accorto del mio movimento e del fatto che ero ancora viva», racconta. «Ma ha continuato a trascinarsi zoppicando lontano da me. Poco dopo c è stata l esplosione. È stato orribile, per lo spostamento d aria ci siamo sollevate da terra. Brandelli di corpi sono volati dappertutto. Vicino a me un braccio di Hussein, vicino a mia sorella è rotolata la sua testa.» I soldati cominciano il loro tardivo assalto, e in rapida sequenza i terroristi si fanno esplodere. Per i militari, che per tutto il tempo dell assedio erano rimasti all esterno senza assumere iniziative, prendere il controllo dell edificio risulta molto facile. Ignorano i feriti che chiedono aiuto e si mettono a cercare armi e terroristi ancora in vita. Medici e infermieri non osano entrare, e finisce che i feriti si aiutano e si sorreggono fra loro trascinandosi fino alle ambulanze. Martha porta fuori la figlioletta che continua a perdere sangue, scivola sui lacerti umani dei terroristi che si sono fatti esplodere e cade a terra orripilata. Torna dentro per soccorrere Adam e Odai, ma la vita li ha abbandonati. «Il mio bambino aveva la bocca piena di calcinacci, e una gamba quasi staccata dal corpo», racconta a ciglio asciutto, con rabbia. Probabilmente a ferirlo sono state le schegge delle granate o dei giubbotti esplosivi dei suicidi. Surur, la sorella di Shahad, è l ultima persona che ha visto Adam vivo. Anche lei era sdraiata a terra accanto al fratello e al nipotino. «Quando i soldati hanno attaccato, la luce era andata via. Col display del mio cellulare ho illuminato il volto di Adam per vedere come stava. L ho toccato:

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE..

QUEL GIORNO, DAVANTI ALLA TELEVISIONE.. I FATTI DI BESLAN : EMOZIONI E PENSIERI DI BAMBINI E RAGAZZI Quel giorno qualcuno mi raccontò della morte di più di 180 bambini ed io pensai per tanto tempo alla strage. Poi decisi di non pensarci per

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

I segreti di Fatima PRIMA PARTE

I segreti di Fatima PRIMA PARTE I segreti di Fatima E bene precisare che nonostante si parli comunemente di tre segreti in realtà il segreto di Fatima è unico. Si tratta di un messaggio diviso in tre parti, di cui la prima riguarda la

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI "Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 Testimonianze

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Benetton Group avvia programma globale di impegno sociale per il 2015 e lancia la seconda fase di sostegno alle vittime del Rana Plaza

Benetton Group avvia programma globale di impegno sociale per il 2015 e lancia la seconda fase di sostegno alle vittime del Rana Plaza Benetton Group avvia programma globale di impegno sociale per il 2015 e lancia la seconda fase di sostegno alle vittime del Rana Plaza Siamo lieti di annunciare la seconda fase dell impegno di United Colors

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

Calamite. 1. Marina Jarre, Neve in Val d Angrogna

Calamite. 1. Marina Jarre, Neve in Val d Angrogna c a l a m i t e 2 Calamite 1. Marina Jarre, Neve in Val d Angrogna Emanuela Violani Diario segreto dei miei giorni feroci Premessa di Virginio Colmegna Introduzione di Duccio Demetrio CLAUDIANA - TORINO

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività.

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività. P.30 F. 6 anni Signor Kan, faccia sparire la radioattività per favore. Sono Sae Ogawa di Fukushima. Voglio uscire a giocare fuori. Da Sae 6 anni 1 elementare. (letto da Simona) P.31 F. 6 anni Io odissimo*

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

AREE D'INTERVENTO Testimonianze

AREE D'INTERVENTO Testimonianze File scaricabile esclusivamente per lettura personale, non utilizzabile per pubblicazioni senza l'autorizzazione della Gedama onlus AREE D'INTERVENTO Testimonianze " IO MI NOLEGGIO A ORE " Io mi noleggio

Dettagli

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje È il 5 giugno 1997. Mio padre da anni è molto malato, tanto da essere stato giudicato non operabile dai medici dell ospedale dove si è curato fino ad oggi. Il

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli