Foto in copertina: spxchrome / istockphoto Lindau s.r.l. corso Re Umberto Torino. Prima edizione: settembre 2012 ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foto in copertina: spxchrome / istockphoto. 2012 Lindau s.r.l. corso Re Umberto 37-10128 Torino. Prima edizione: settembre 2012 ISBN 978-88-6708-014-4"

Transcript

1 I Draghi

2 Foto in copertina: spxchrome / istockphoto 2012 Lindau s.r.l. corso Re Umberto Torino Prima edizione: settembre 2012 ISBN

3 Rodolfo Casadei TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI Storie di persecuzione, fede e speranza Prefazione di monsignor Louis Sako Arcivescovo caldeo di Kirkuk

4

5 1 Adam e gli altri martiri di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso Adam, Gesù Bambino crocefisso Se volete vedere il volto di Adam come lo vedono gli angeli e i beati in Paradiso, cercate la sua fotografia sul sito dell AINA, l agenzia di stampa assira che diffonde notizie sui cristiani in Medio Oriente. Gli occhioni neri ingenui e compiaciuti, la posa pacata e compresa di sé da persona importante, le manine intrecciate e la postura di tre quarti. È seduto su una seggiola di design moderno, rivestita in similpelle con l intelaiatura metallica. Dietro di lui, giochi di luce rimbalzano dai cromatismi di un quadro astratto, linee diagonali e linee curve che si proiettano in varie direzioni sotto forma di strisce nere, rosse e bianche. Gli stessi colori della maglietta a rombi che Adam indossa, sopra un paio di jeans tamarri tutti cuciture, cerniere e applicazioni. D oro l anello all anulare della manina destra, d oro il braccialetto e la catenina con i cuoricini e la sfera perfetta di un chiama angeli. I capelli spettinati e umidi come dopo una corsa a perdifiato di bambini. Un ragazzino del cortile, un figlioletto di re, un Gesù Bambino. Rosso, nero e bianco. I colori del sangue, del lutto e della resurrezione.

6 18 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI Adam Odai Zuhaid Arab è il nome del bambino di tre anni che ha gridato «basta!» mentre i terroristi insanguinavano e devastavano la chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Baghdad il 31 ottobre Lo ha gridato decine di volte, i sopravvissuti hanno ancora la sua voce nelle orecchie: uno strillo infantile disperato. Ha urlato per un tempo interminabile, da sotto il corpo di suo padre Odai che si era adagiato su di lui per proteggerlo e che stava morendo per le ferite subite all inizio dell assalto. Sua madre Martha era sdraiata a pochi passi da lui, come tutti i fedeli che non erano riusciti a rifugiarsi e barricarsi nella sacrestia si fingeva morta, ma nello stesso tempo premeva una mano contro la coscia di Nairi, l altra sua figlia di un anno che piangeva disperata, ferita da un proiettile e da schegge che le avevano fratturato il femore. Era lì, più impotente di Maria sotto alla croce. Se si fosse mossa, sarebbe stata falciata dalle armi automatiche dei terroristi, come era accaduto a decine di uomini, donne e bambini nei minuti precedenti. «Basta!», urlava disperato Adam, «basta!», strillava da terra. E raddoppiava l angoscia degli ostaggi che già avevano visto falciare a colpi di arma automatica i due sacerdoti e tutti i giovani adulti, dei feriti che cercavano di salvarsi fingendosi morti, delle ragazze e delle donne annichilite dallo spavento e dall orrore. Ma nemmeno i terroristi potevano restare indifferenti a quelle grida. Anzi, erano molto disturbati. La mamma di Adam ricorda bene l aggressore che si era chinato sul suo bambino a rimbrottarlo, metà severo fratello maggiore e metà psicopatico: «Taci una buona volta, non vedi la mia arma, vuoi che ti ammazziamo come gli altri?». Ricorda anche Hussein, il capo dei terroristi ferito sin dall inizio e seduto non lontano da lei, che dava ai suoi uomini l ordine di finire quell uomo scosso da-

7 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 19 gli spasmi che altri non era che suo marito. Ma il momento preciso dell addio alla vita dei suoi due cari Martha non sa dirlo. Ricorda solo che a un certo punto la voce spaventata del suo bambino non si è sentita più. Quei cinque erano entrati in chiesa sparando e gridando: «Allah u akbar! Dio è grande! Noi andremo in Paradiso, voi andrete all Inferno!». Ma quel giorno Dio non era grande: era piccolo come un bambino di tre anni terrorizzato e ferito che gridava «basta!». Che stava gridando loro di fermarsi, di non spargere il sangue altrui e il proprio, di comprendere e accettare che l ora della nostra morte deve essere lasciata nelle mani del Creatore e non decisa dalla volontà degli uomini. Di scorgere Lui in quei volti atterriti. Stupidi e feroci, non hanno saputo vedere Dio che si era fatto piccolo e senza difese. E che urlava con tutta la disperata innocenza di un bambino di tre anni. Di Adam, un Gesù crocefisso da bambino. E i feriti di Baghdad giunsero al Policlinico Gemelli Nel primo anniversario del massacro l agenzia di stampa Zenit informava che le comunità cattoliche orientali presenti a Baghdad stavano raccogliendo le prove canoniche per chiedere la beatificazione dei due sacerdoti assassinati: i padri Tahir Saadallah Abdal e Wassim Sabih Alkas Butros. Troppo poco. Tutti coloro che hanno perduto la vita dentro alla chiesa quella terribile sera 45 battezzati di ogni età e condizione sociale dovrebbero essere beatificati e riconosciuti come martiri. Perché hanno testimoniato Cristo attivamente, eroicamente, fino all effusione del sangue. Non hanno vissuto passivamente il ruolo di vittime portate al supplizio, come avrebbero voluto i loro aguzzini. Hanno

8 20 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI reso testimonianza della dignità umana redenta da Cristo, della creatura nuova della redenzione, in vari modi. Chi rivolgendosi direttamente ai terroristi per scuotere la loro coscienza, chi cercando di aiutare e di salvare i propri vicini mentre cercava di salvare la propria vita. Conosciamo le loro storie perché ce le hanno raccontate i sopravvissuti, in gran parte feriti. Anche costoro meritano tutta la nostra ammirazione e gratitudine per il modo in cui hanno attraversato la terribile prova, e perché è grazie a loro che si potranno tramandare questi nuovi «atti dei martiri». È dalla loro voce che ho appreso molti dettagli di quella terribile giornata. Ho incontrato la mamma di Adam e altri sopravvissuti del massacro del 31 ottobre 2010 al Policlinico Gemelli di Roma, poche settimane dopo i tragici avvenimenti. La signora ha parlato lungamente con me senza manifestare emozioni, come inaridita da una sofferenza troppo grande, o dalla fatica di raccontare ancora una volta quella storia tremenda, e stavolta a uno sconosciuto. Guardo i due volti sul distintivo che porta appuntato sull abito. Adam è un faccino serio con una gran testa di riccioli mori impresso sul rettangoletto di legno che mamma porta appeso a un risvolto del suo giacchetto, nero come tutti i capi d abbigliamento che ora indossa; alla sua sinistra c è anche il volto un po sfocato di papà Odai. Nairi invece è qui con mamma, vestita di bianco e di rosa si guarda attorno e sorride anche agli estranei. Ha l aria contenta dei piccoli della sua età, il volto disteso e perfettamente lieto. L unica traccia che l orrore ha lasciato su di lei è la medicazione nella parte superiore della coscia destra. I governi italiano e francese avevano deciso di fornire cure e protezione ad alcune decine di feriti e ai loro parenti

9 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 21 più stretti. Il 12 novembre, meno di due settimane dopo la strage, 26 feriti e una ventina di accompagnatori avevano fatto il loro ingresso nell ospedale vaticano, un altro gruppo più o meno della stessa entità era stato ammesso in una struttura nei pressi di Parigi. Era sottinteso che chi voleva restare in Europa avrebbe ottenuto lo status di rifugiato e sarebbe stato accolto come tale. A Roma delle necessità pratiche e spirituali dei cristiani iracheni ricoverati al Gemelli si occupava un giovane sacerdote siro-cattolico che era da qualche anno in Italia per studiare e che stava per rientrare in Iraq: padre Aysar Saeed. Fino al 2005 era stato uno dei coadiutori della parrocchia di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso. Era lì quando, nell agosto del 2004, i terroristi fecero esplodere un autobomba contro quella e altre cinque chiese di Baghdad: era la dichiarazione di guerra dei jihadisti alle comunità cristiane irachene. Da quel momento le cose andarono di male in peggio, rapimenti e distruzioni di proprietà mirate contro i cristiani si moltiplicarono, causando un esodo interno (verso il Kurdistan e la Piana di Ninive nel Nord) ed esterno (verso paesi del Medio Oriente considerati più sicuri e verso i paesi occidentali) che da allora non si è mai veramente arrestato: i cristiani iracheni, che erano 800 mila circa alla vigilia dell invasione anglo-americana dell Iraq nella primavera del 2003, nel 2012 risultavano scesi a 350 mila. «L esplosione uccise un passante musulmano e ferì leggermente molti fedeli colpiti dai vetri in frantumi», racconta padre Aysar. «Gli autori dell assalto del 31 ottobre hanno messo la loro autobomba, che hanno fatto esplodere con un telecomando nel momento in cui hanno fatto irruzione in chiesa, esattamente nello stesso punto in cui la precedente era stata collocata sei anni prima.» Padre Aysar conosceva

10 22 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI bene i due sacerdoti trucidati durante l assalto e l anziano vicario episcopale Raphael Qutaimi che, pur ferito dalle schegge di una granata all addome, è scampato ed è stato ricoverato a Parigi assieme ad altri 35 sopravvissuti. Il racconto dei sopravvissuti Non tutti i particolari quadrano, non tutte le testimonianze convergono, ma la ricostruzione di ciò che è successo nella cattedrale siro-cattolica di Baghdad e nei suoi dintorni quel 31 ottobre 2010 è sufficientemente certa. Quattro ore e mezza di incubo, fra le 17 e le La chiesa si trova nel quartiere a maggioranza sciita di Karrada, circondato su tre lati dal fiume Tigri, che attraversa grigio la capitale; di là dal ponte in direzione nord si entra già nella fortificatissima Zona verde, quartiere dei ministeri e della maggior parte delle ambasciate. L istituzione più importante con sede a Karrada è la Borsa valori, che si trova a poca distanza dalla cattedrale siro-cattolica: la presenza cristiana nel quartiere, che potrebbe essere definito di classe media e medioalta per gli standard iracheni, è significativa. I terroristi cinque o sei elementi, che poi, si scoprirà, appartenevano a un gruppo affiliato ad Al Qaeda attivo in Iraq fin dall inizio avevano deciso di assalire la chiesa e occuparla quanto più a lungo possibile. Per realizzare il loro intento hanno attuato una serie di azioni diversive. Prima hanno attaccato la sede della Borsa (che era chiusa) aprendo il fuoco e lanciando granate. Hanno ucciso due guardie, ma la reazione delle sentinelle ha causato dei feriti nelle loro file. Quindi hanno fatto saltare con un telecomando la Jeep Cherokee imbottita di esplosivo che avevano parcheggiato all altezza

11 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 23 dell abside e sono entrati nel cortile della chiesa scavalcando il muro di cinta. In questo modo hanno preso alle spalle guardie e poliziotti che vigilavano al cancello d ingresso e le cui attenzioni erano distratte da quello che sembrava avvenire solo all esterno. Uno degli assalitori, ferito gravemente durante l attacco alla sede della Borsa, ha fatto detonare la sua cintura esplosiva in quel momento per non essere d impaccio ai suoi compagni. Gli altri, sorprese le guardie di cui alcune sono rimaste uccise, hanno fatto irruzione nell edificio sparando contro i fedeli che avevano cercato di uscire. All interno hanno ucciso fra i primi il diacono in capo della chiesa e i due sacerdoti che hanno trovato; hanno separato gli uomini giovani dal resto dei fedeli e li hanno passati per le armi; hanno sparato sui gruppi di persone che protestavano o che non riuscivano a far tacere i bambini; hanno lanciato granate dentro alla sacrestia dove si erano barricate un ottantina di persone; hanno chiamato la hot line di una tv locale, Al Baghdadiya, sussidiaria di una tv egiziana, per un irrealistico scambio di ostaggi, chiedendo la liberazione di due donne egiziane cristiane che secondo loro erano state sequestrate dal clero copto e si trovavano ristrette in «monasteri prigione» per impedire loro di convertirsi all Islam; hanno tenuto i contatti con dei walkie-talkie con qualcuno che seguiva l azione dal di fuori; hanno insultato, minacciato, ferito a morte decine di cristiani terrorizzati dentro a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso; hanno profanato la chiesa, distrutto gli arredi, sparato contro le immagini e gli oggetti sacri; hanno recitato le ultime due preghiere rituali dell Islam, quella del tramonto e quella della notte; quando le truppe speciali del Ministero dell Interno hanno finalmente fatto irruzione dopo quattro ore e mezza di assedio si sono fatti esplodere o

12 24 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI sono stati colpiti dal fuoco dei militari iracheni, dopo aver causato la morte di 57 persone, delle quali 45 erano cristiani che stavano partecipando alla Messa. Quattro settimane dopo l attacco 12 complici sono stati arrestati dalle forze speciali del Ministero dell Interno, fra loro anche Huthaifa al-batawi, soprannominato «l Emiro di Baghdad», mente, burattinaio e coordinatore dell assalto a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso e capo dell Organizzazione della base del jihad in Mesopotamia, più nota come Al Qaeda in Iraq. Al-Batawi era il secondo successore di Abu Musab al-zarkawi, l estremista ucciso dagli americani nel 2006 che per primo, nel 2004, aveva iniziato in Iraq un gruppo terroristico federato ad Al Qaeda, a quel tempo con il nome di Gruppo del monoteismo e del jihad. Dopo la sua morte l organizzazione era andata a far parte di Stato Islamico in Iraq, una federazione di gruppi jihadisti che fra le sue prodezze conta anche la cacciata dei cristiani dal quartiere di Dora a Baghdad fra il 2006 e il Il 7 maggio del 2011 Al-Batawi e alcuni dei suoi luogotenenti arrestati nel novembre 2010 sono rimasti uccisi nel corso di una rivolta da loro stessi organizzata per evadere dal carcere nel quale erano ristretti. Come vennero uccisi padre Wassim e padre Tahir Lo scarno riassunto degli avvenimenti lascia annichiliti. Ma ciò che è accaduto in quelle ore è molto di più di quello che sta dentro a un semplice resoconto di cronaca nera, o a una cronaca di guerra. Racconta Yussef, un sopravvissuto: «Sparavano e gridavano: Sporchi cristiani, noi andremo in Paradiso e voi all Inferno! Allah è grande! Siete dei

13 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 25 miscredenti e andrete all Inferno!». La parola araba che usavano per insultare i cristiani era «wasekh», che è molto più spregiativa di quella che di solito viene impiegata per definire i cristiani «impuri»: «wasekh» si usa per indicare sporcizia morale e fisica nello stesso tempo. I terroristi entrano sparando ad altezza d uomo, costringendo a rientrare dentro l edificio i rari temerari che si erano affacciati all uscita udendo i primi colpi della sparatoria e le esplosioni davanti alla Borsa. Portano con sé borsoni con dentro armi e granate. Cercano i sacerdoti, e i due su tre che trovano li uccidono seduta stante. Nel primo si imbattono quasi accidentalmente. Padre Wassim Sabih Alkas Butros, che si trovava vicino alla porta di ingresso perché stava nel confessionale, si fa loro incontro per calmarli. Mentre tutti cercano riparo dietro le panche o addossandosi alle pareti lui si dirige verso gli assalitori che già hanno sparato dentro alla chiesa, hanno ferito varie persone e ucciso il diacono capo. Si offre in ostaggio: «Lasciate stare loro, prendete me!». Per tutta risposta uno dei terroristi gli spara al torace da distanza ravvicinata. L uomo cade a terra. «Chi è costui?» chiede sorpreso lo stesso carnefice che ha premuto il grilletto. «È un prete», gli risponde un compagno. Parte una seconda raffica sul sacerdote agonizzante. Viene colpito anche alla testa. Padre Tahir Saadallah Abdal, che presiede la Messa e si trova nei pressi dell altare al momento dell irruzione, esorta i fedeli delle prime file a rifugiarsi in sacrestia e invita i più giovani ad accompagnare i più anziani. Anche lui grida: «Prendete me, lasciate stare la gente!». Va verso il fondo della Chiesa poi torna indietro; fa scudo con il suo corpo ai chierichetti che si sono accucciati sotto l ambone. A un certo punto i terroristi l afferrano e lo trascinano di qualche

14 26 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI passo, mentre i ragazzi fuggono in tutte le direzioni. Lo spintonano come per farlo cadere, ma lui si regge in piedi. Quindi lo mitragliano sotto gli occhi di sua madre già ferita, almeno un colpo raggiunge la testa. Cade sulle ginocchia portandosi le mani al petto, e prima di scivolare a terra i testimoni sono concordi pronuncia le stesse parole di Gesù sulla croce nel Vangelo di Luca: «Nelle tue mani, Signore, affido il mio spirito». Non è quello l unico figlio che la donna si vede portar via quella sera: un altro verrà colpito a morte poco dopo. «Viva la Croce!» Gli assalitori urlano come invasati. Gridano ai fedeli terrorizzati di sdraiarsi a terra e restare immobili. Il minimo movimento o lamento diventa un pretesto per sparare sulle persone a terra con l intenzione di ucciderle. Lo stesso accade agli adulti che non riescono a far tacere i bambini che gridano per la paura. C è una coppia con una bambina di appena tre mesi in braccio alla madre. Il bebè piange disperatamente. I terroristi inveiscono. Il padre risponde che non è possibile calmare la bambina: viene falciato a colpi di mitra insieme alla giovane moglie, a suo padre e al neonato, resta viva ma ferita solo una sorella del giovane. Un altro uomo, colpito da un proiettile, emette un lamento di dolore e da terra grida: «Noi moriamo, però viva la Croce!». Più assalitori puntano le armi verso di lui e lo crivellano di colpi mentre grida ancora: «Viva la Croce!». Un giovane di nome Firas si carica sulle spalle una ragazza ferita al collo e cerca di trascinarla verso la porta che dà dentro alla sacrestia. Un terrorista vede la scena e lancia

15 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 27 una granata verso la coppia. Investiti dalle schegge alla schiena, i due cadono a terra come morti sul colpo, ma solo la ragazza è spirata. Firas, un dolore tremendo al dorso e a un polpaccio investiti dai frammenti della bomba, è ancora vivo e si trascina carponi fino a un muro vicino all altare dove si nasconde sotto a un cadavere. Per tre ore quello sarà il suo riparo. Lo sposta impercettibilmente usandolo come uno scudo per avvicinarsi alla porta della sacrestia. Da lì assiste ai ripetuti attacchi dei terroristi al rifugio. A forza di raffiche e di granate i terroristi riescono quasi ad aprire un varco nella porta che era stata barricata dall interno con mobili e altre attrezzature. Sono costretti a desistere quando le forze di sicurezza si decidono infine a dare il via al loro blitz e loro devono concentrarsi su quell attacco dalla porta centrale. In quel momento Firas si avvicina alla sacrestia e chiede a quelli dentro di farlo entrare. Si rifiutano di aprirgli credendolo uno degli assalitori che li vuole ingannare. Finalmente una ragazza riconosce il suo nome e la sua voce. Riesce a farsi aprire dopo molte insistenze e a scivolare dentro. «I terroristi erano quasi tutti stranieri, forse di iracheni ce n era solo uno», racconta. «Uno era sicuramente egiziano e un altro era siriano. C era un ragazzino che non poteva avere più di 15 anni, ma anche gli altri erano molto giovani: anni, non di più. Un paio di loro indossavano divise della polizia. Dicevano: In questo paese resteranno solo i musulmani!. E poi: Tutte le chiese verranno colpite come questa!.» Quindi i terroristi salgono in piedi sull altare e su altri arredi per controllare la situazione da una posizione elevata. Scaricano le armi contro i lampadari, contro le ventole dell aria condizionata, contro le formelle della Via Crucis, contro la grande croce incastonata alla parete dietro all al-

16 28 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI tare. Ma anche sulle persone sdraiate a terra che non sono perfettamente immobili. A un certo punto, solo una signora di mezz età gravemente ferita può permettersi di parlare con loro senza essere falciata all istante: «Per favore, uccidetemi», implora la donna. «Sto soffrendo troppo, datemi il colpo di grazia!» «No, sporca cristiana!», le risponde il capo del commando. «Devi soffrire fino alla fine in questa vita e poi dopo, quando ti ritroverai all inferno!» A un certo punto su ordine del loro capo i terroristi cominciano ad accanirsi sulla croce, per distruggerla e svellerla dalla parete dove è incastonata dietro all altare. Le croci delle chiese caldee e siriache non portano il corpo di Gesù inchiodato al legno. Sono croci vuote, a simboleggiare la resurrezione di Cristo dopo il suo sacrificio. Chi conosce la storia delle Chiese d Oriente, sa che la rappresentazione sia artistica che a uso liturgico delle immagini sacre e in particolare della croce è stata oggetto di incandescenti diatribe teologiche, sfociate anche negli iconoclasmi dell VIII e del IX secolo. Le croci vuote delle chiese irachene sono eredi di quei dibattiti e di quegli scontri, ma non si riducono certo a una «concessione» alle umane esigenze di rappresentazione del sacro: la devozione dei cristiani iracheni per la croce è molto intensa; per esempio i caldei celebrano con molta partecipazione il 14 settembre la festa della croce, che espongono in forma di luminaria davanti a casa, come noi facciamo a Natale con gli alberi illuminati. In quella data le case dei cristiani si distinguono perfettamente da quelle dei musulmani proprio per la presenza di croci luminose. La donna morente protesta con le forze che le sono rimaste. Rende la sua estrema testimonianza al potere salvifico della croce, si rivolge ai suoi aguzzini come se davvero potesse fargli capire che stanno sbagliando, li ammonisce

17 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 29 sul sacrilegio che stanno compiendo: «No, cosa fate!», dice con voce soffocata. «Non distruggete la Croce della nostra salvezza! Non lo sapete che è la Croce che ci salva tutti?» «Taci, donna! Tu devi soffrire e morire!» «Lasciate stare la croce!» «Bada, faccio esplodere la mia cintura», minaccia Hussein. «Fallo», lo sfida la signora. Poco dopo smetterà di parlare. Shahad, zia di Adam I terroristi hanno una ricetrasmittente e la usano per parlare con l esterno. «Tutto procede come previsto, sta andando proprio come volevamo», comunicano a un misterioso interlocutore. Poco dopo però cominciano a dire fra di loro: «C è un altro prete, dobbiamo trovarlo e ammazzarlo». Cercano di forzare la porta della sacrestia convinti di trovarlo lì, ma l ottantina di persone che ha trovato riparo in quel locale senza vie di fuga (c è un portone che dà sull esterno, ma è sbarrato da fuori) ha collocato armadi e panche dietro la porta. Gli sforzi per passare sono vani, anche perché gli assalitori non possono sguarnire le altre zone della chiesa per concentrarsi davanti alla sacrestia. Allora cominciano a usare le granate. Riescono a gettarne un paio dentro al locale, uccidendo alcune persone e causando feriti sia gravi che leggeri. Ma il passaggio resta loro interdetto. Shahad Zuhair Marsina, studentessa universitaria, era la zia di Adam e la sorella di suo padre Odai. Era sdraiata vicino a loro durante l eccidio. È una delle persone che hanno avuto scambi verbali con i terroristi e che sono state lasciate in vita. «Un terrorista era in piedi proprio vicino a me, sentivo la sua arma sfiorarmi i piedi. Avevo paura che

18 30 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI da un momento all altro mi sparasse, perché ero la prima della fila di persone sdraiate che poteva vedere. Ma per prima cosa uccisero tutti gli uomini che trovavano, non solo i giovani ma anche quelli più vecchi. C era un uomo calvo, gridarono: Dio è grande! e gli spararono. Odai era sdraiato vicino a me, aveva una spalla ferita e si fingeva morto. All inizio aveva cercato di incoraggiarci, dicendo che volevano solo rapinarci. Ma dopo che aveva visto sparare prima al diacono capo e poi a padre Wassim, aveva cambiato espressione. Aveva chiamato mio padre al cellulare per chiedere aiuto, poi aveva sbattuto il telefono a terra con rabbia: Perché hanno ucciso il diacono, cosa gli aveva fatto?. Dopo aver ucciso tutti gli uomini hanno cercato di forzare la sacrestia, dove aveva trovato riparo mia madre. Ero certa che l avrebbero uccisa, perché ci buttavano dentro le loro granate. Tremava il pavimento, sembrava dovesse crollare tutto e l aria si riempiva di fumo. Mi dicevo: È morta, non la rivedrò più. Poi uno di loro, un siriano, chiese ad alta voce che una donna andasse a parlare al suo cellulare. Io avevo paura che avrebbe chiamato mia sorella; si trovava vicino a me ed era molto spaventata, temevo che una volta in piedi l avrebbero uccisa. Allora mi sono alzata io, ma subito il terrore mi ha paralizzato, non sapevo più cosa fare. L uomo mi ha apostrofato: Muoviti, vieni subito qui altrimenti ti ammazzo.» È il momento in cui i terroristi hanno chiamato la tv Al Baghdadiya per rivendicare l attacco e fare le loro stravaganti e probabilmente pretestuose richieste. A Shahad viene intimato di comunicare che gli ostaggi sono tutti in vita, e che non è ancora successo nulla. «Mi disse di dire a quelli della televisione che stavamo tutti bene, che non ci avevano fatto niente di male. Ma io vedevo i morti davanti a

19 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 31 me, avevo ancora nelle orecchie il rumore delle armi e delle granate. E morivo di paura. Non parlai come mi aveva chiesto lui. Si arrabbiò e cominciò a insultare me e la mia fede: Non vi lasceremo andare, cristiani! Siete degli infedeli che adorano la Croce. Ma Dio è uno solo! Non dovete adorare la Croce!. Sono tornata terrorizzata al mio posto e loro hanno ricominciato a distruggere la chiesa. Hanno sparato alla statua di Gesù, che è caduta a terra. Hanno fatto cadere il lampadario sopra di noi, che per poco non mi ha colpito. E intanto Adam continuava a urlare: Kafi! Kafi! Basta! Basta!. Avrei voluto soccorrerlo, abbracciarlo, ma il terrorista era troppo vicino a me. Ma a questo punto è successa la cosa più brutta: quell uomo s è accorto che Odai era ancora vivo e ha chiamato uno che aveva ancora munizioni nel mitra. Gli ha detto: C è un uomo ancora vivo in mezzo a queste donne, sparagli!. E quello ha sparato!» Shahad scoppia in un pianto dirotto ricordando il momento della morte del fratello. Forse è allora che Adam, che il padre tiene abbracciato stretto, resta colpito. Sta di fatto che poco dopo diventa tranquillo, non lo si sente più gridare. Arriva il momento dell isha, l ultima delle cinque preghiere musulmane; non c è acqua per le abluzioni, e con le mani e la coscienza sporche di sangue i massacratori si rivolgono per l ultima volta all Altissimo. Le loro parole diventano incerte: «Dio, mantieni ferma la mia fede. Signore, perdonami!». Anche Shahad prega. Testa piegata e sguardo a terra, fa scorrere i grani di un rosario fra le dita. Uno dei sequestratori se ne accorge e la ammonisce: «Che cosa pregate? Che cosa adorate? Adorate Cristo? Siete infedeli, Dio è uno solo!».

20 32 TRIBOLATI, MA NON SCHIACCIATI E Hussein il terrorista chiese perdono Il capo dei terroristi è ferito a un piede sin da quando sono entrati nella chiesa. Uno dei suoi uomini vorrebbe bendarglielo ma lui si rifiuta. Ha trascorso quasi tutto il tempo seduto, dando ordini e preoccupandosi che tutti i suoi uomini recitassero le ultime due delle cinque preghiere canoniche islamiche: quella del tramonto e quella che si recita un ora e mezza dopo il tramonto. In certi momenti hanno addirittura scherzato fra di loro: «Hussein, che facciamo? Dobbiamo detonare le cinture?». «Aspetta, che fretta c è? Abbiamo ancora tempo.» Ma poi viene il momento di dare le ultime disposizioni: «Quando i soldati entreranno nella chiesa ci faremo esplodere, moriremo insieme alla gente». «Non abbiamo più munizioni», gli dicono. «Usate le granate.» «Non speravamo più di poterci salvare. Chiunque era ancora vivo pensava che sarebbe stato ucciso», racconta Shahad. «Pregavamo come se la morte fosse imminente, non immaginavamo di poter sopravvivere a una prova come quella: Maria nostra madre ci ha salvati con la sua forza! Poi uno di loro si è fatto esplodere, mentre quelli ancora in vita lanciavano le granate nel buio. La chiesa tremava tutta, pensavamo che ci sarebbe crollata sulla testa.» Martha, la madre di Adam, ricorderà per sempre quegli istanti. «Dopo che hanno recitato l isha lo stato d animo di Hussein è cambiato rapidamente, è diventato triste. Perdonatemi, ha cominciato a dire guardandosi intorno.» Sotto lo sguardo di Hussein ci sono morti, feriti e bambini piangenti: il risultato delle sue azioni. Adesso il comandante spietato sembra inebetito. «Perdonatemi!», ripete due-tre volte con voce sempre più afflitta, con pause drammatiche. A fatica per l aggravarsi della ferita con cui era entrato nel-

21 ADAM E GLI ALTRI MARTIRI 33 la chiesa si trascina in direzione dell uscita. Martha solleva leggermente la testa da terra per vedere cosa stia facendo. I loro sguardi si incrociano. È un istante terrificante e interminabile. La donna riabbassa subito gli occhi mentre le si gela il sangue, ma non succede nulla. «Si è accorto del mio movimento e del fatto che ero ancora viva», racconta. «Ma ha continuato a trascinarsi zoppicando lontano da me. Poco dopo c è stata l esplosione. È stato orribile, per lo spostamento d aria ci siamo sollevate da terra. Brandelli di corpi sono volati dappertutto. Vicino a me un braccio di Hussein, vicino a mia sorella è rotolata la sua testa.» I soldati cominciano il loro tardivo assalto, e in rapida sequenza i terroristi si fanno esplodere. Per i militari, che per tutto il tempo dell assedio erano rimasti all esterno senza assumere iniziative, prendere il controllo dell edificio risulta molto facile. Ignorano i feriti che chiedono aiuto e si mettono a cercare armi e terroristi ancora in vita. Medici e infermieri non osano entrare, e finisce che i feriti si aiutano e si sorreggono fra loro trascinandosi fino alle ambulanze. Martha porta fuori la figlioletta che continua a perdere sangue, scivola sui lacerti umani dei terroristi che si sono fatti esplodere e cade a terra orripilata. Torna dentro per soccorrere Adam e Odai, ma la vita li ha abbandonati. «Il mio bambino aveva la bocca piena di calcinacci, e una gamba quasi staccata dal corpo», racconta a ciglio asciutto, con rabbia. Probabilmente a ferirlo sono state le schegge delle granate o dei giubbotti esplosivi dei suicidi. Surur, la sorella di Shahad, è l ultima persona che ha visto Adam vivo. Anche lei era sdraiata a terra accanto al fratello e al nipotino. «Quando i soldati hanno attaccato, la luce era andata via. Col display del mio cellulare ho illuminato il volto di Adam per vedere come stava. L ho toccato:

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli