Provincia di Ancona Capitolato speciale d appalto servizio di pulizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Ancona Capitolato speciale d appalto servizio di pulizia"

Transcript

1 DIPARTIMENTO II GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE II ECONOMATO PATRIMONIO MOBILIARE E RENDICONTAZIONE Area Economato Patrimonio mobiliare Servizi scolastici CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA, SANIFICAZIONE E FORNITURA DEL MATERIALE IGIENICO DA SVOLGERSI NEI LOCALI DI COMPETENZA PROVINCIALE E DELLE AREE ESTERNE DI PERTINENZA. Pagina 1 di 16

2 ARTICOLO TITOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO 2 SOPRALLUOGO OBBLIGATORIO 3 NORME REGOLATRICI DELL APPALTO 4 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO 5 REQUISITI DI ORDINE GENERALE 6 REQUISITI DI IDONEITA PROFESSIONALE 7 CAPACITA ECONOMICA E FINANZIARIA 8 CAPACITA TECNICA E PROFESSIONALE 9 CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE 10 CRITERI DI VERIFICA DELLE OFFERTE ANORMALMENTE BASSE 11 VARIANTI 12 DURATA DELL APPALTO E RECESSO DAL CONTRATTO 13 AVVIO DELLA PRESTAZIONE IN PENDENZA DI STIPULA DEL CONTRATTO 14 IMPORTO DELL APPALTO 15 REVISIONE PREZZI 16 FATTURAZIONE E MODALITA DI PAGAMENTO 17 ESTENSIONE O RIDUZIONE DEL CONTRATTO, LAVORI STRAORDINARI 18 ORARI DEL SERVIZIO 19 MODALITA E CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO 20 MATERIALE D USO, ATTREZZATURE E PRODOTTI 21 VERIFICA DEL SERVIZIO 22 ASSICURAZIONI ED OBBLIGHI DERIVANTI DAL RAPPORTO DI LAVORO 23 PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 24 RISPETTO ACCORDO IN MATERIA DI SALVAGUARDIA DELL OCCUPAZIONE 25 NORME SULLA SICUREZZA 26 GARANZIA FIDEIUSSORIA 27 SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO 28 INADEMPIENZE E PENALITA 29 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO 30 STIPULA DEL CONTRATTO 31 CONTROVERSIE 32 SEDE OPERATIVA E COORDINATORE 33 INFORMATIVA AI SENSI DEL D.LGS. N. 196/2003 Allegato 1 DATI SUI LOCALI Allegato 2 PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 3 MODULO OFFERTA ECONOMICA Allegato 4 MODULO SPECIFICAZIONI ANALISI DEL PREZZO Allegato 5 DUVRI Pagina 2 di 16

3 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte della Provincia di Ancona ad impresa esterna del servizio di pulizia, sanificazione e fornitura del materiale igienico da svolgersi nei locali di competenza provinciale (Allegato 1) di seguito riassunti: Sedi centrali: Via Ruggeri n. 5 Ancona, Via Ruggeri n. 3 Ancona, Via Ruggeri n. 3/i Ancona, Via Menicucci n. 1/3 Ancona; Sedi periferiche: Centro per l Impiego l Orientamento e la Formazione Via Ruggeri n. 3 Ancona, Centro Locale per la Formazione Via Raffaello Sanzio n. 85 Ancona, Centro per l Impiego l Orientamento e la Formazione Viale del Lavoro n. 32 Jesi, Centro per l Impiego l Orientamento e la Formazione Via Campo Boario (angolo Via Rossini) Senigallia, Centro per l Impiego l Orientamento e la Formazione Via Pietro Nenni n. 9 Fabriano. L impresa è tenuta a verificare le superfici di cui all Allegato 1 Dati sui locali ; nessuna richiesta potrà essere avanzata nei confronti della Provincia di Ancona per la non rispondenza di tali dati. L intendimento della Provincia di Ancona è di ottenere un adeguato livello di pulizia ed igiene presso tutti i siti oggetto del servizio, tenendo conto delle necessità di coloro che ci lavorano e dei visitatori, nonché della salvaguardia del patrimonio provinciale, prestando attenzione per le tematiche ambientali, da considerarsi punti fermi stabiliti dall amministrazione. Il servizio dovrà svolgersi sotto l osservanza delle norme contenute negli articoli che seguono e di quanto previsto dalla legislazione vigente in materia di gestione e previdenza del personale, di igiene, sanità e sicurezza. 2. SOPRALLUOGO OBBLIGATORIO Ai fini della partecipazione alla gara sarà necessaria una adeguata conoscenza degli ambienti e delle superfici oggetto del servizio. A tale scopo è previsto un sopralluogo obbligatorio da parte del legale rappresentate o di un suo delegato (munito di apposita delega a firma del rappresentante legale e di fotocopia del documento di identità di quest ultimo) per prendere visione dei luoghi e dei locali oggetto dell appalto, previo appuntamento con la Rag. Marzia Fioretti dell Area Economato (telefono 071/ Il sopralluogo sarà effettuato esclusivamente nei giorni: 21/04/ /04/ /04/2009, alle ore 09,00. Nel corso del sopralluogo verranno mostrati gli ambienti oggetto dell appalto, nonché le relative norme di sicurezza previste nell ambiente di lavoro. A seguito del sopralluogo verrà rilasciata attestazione di presa visione da allegare, a pena di esclusione dalla gara, alla documentazione amministrativa in sede di domanda. 3. NORME REGOLATRICI DELL APPALTO L appalto deve essere eseguito con l osservanza di quanto previsto: - dal D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i.; - dalla Legge 25 gennaio 1994 n. 82, dal DM 7 luglio 1997 n. 274, dal DM 04 ottobre 1999 n. 439; - dal D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; Pagina 3 di 16

4 - dal regolamento provinciale disciplinante l attività contrattuale dell ente approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 73 del ; - dal presente capitolato speciale d appalto; - dalla prescrizioni tecniche allegate; - dalle norme del Codice Civile per tutto quanto non previsto dalla documentazione di gara, purchè non contrastino con le disposizioni di cui ai punti precedenti. 4. RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Ai sensi e per gli effetti dell art. 10 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. viene individuato quale responsabile unico del procedimento, l Economo Provinciale Dott. Sauro Salustri tel. 071/ La gestione del contratto è di competenza dell Area Economato Patrimonio Mobiliare e Servizi Scolastici. Eventuali chiarimenti in merito alla gestione del servizio potranno essere richiesti a: Dott. Sauro Salustri: (telefono 071/ e mail Rag. Marzia Fioretti (telefono 071/ e mail 5. REQUISITI DI ORDINE GENERALE Sono esclusi dalla partecipazione i soggetti di cui all articolo 38 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.. 6. REQUISITI DI IDONEITA PROFESSIONALE A dimostrazione della propria capacità professionale, per la partecipazione al presente appalto, l impresa dovrà produrre, ai sensi del D.P.R. 445/2000, dichiarazione sostitutiva attestante l iscrizione dell impresa al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, o nel Registro delle commissioni provinciali per l artigianato, come impresa di pulizie, nella fascia E di classificazione di volume di affari al netto dell IVA fino ad Euro ,80 (art. 3 D.M. 7 luglio 1997 n. 274). 7. CAPACITA ECONOMICA E FINANZIARIA A dimostrazione della capacità economica e finanziaria, per la partecipazione al presente appalto, l impresa dovrà produrre dichiarazioni bancarie, rilasciate da almeno due istituti bancari o intermediari autorizzati ai sensi del D.lgs. 385/1993, attestanti che il concorrente ha sempre fatto fronte ai suoi impegni con regolarità e puntualità, che gode di un buon volume di affari e dispone di mezzi finanziari adeguati per assumere ed eseguire il servizio. Le dichiarazioni dovranno pervenire in busta chiusa con timbro e firma dell emittente sui lembi di chiusura. 8. CAPACITA TECNICA E PROFESSIONALE A dimostrazione della propria capacità tecnica e professionale per la partecipazione al presente appalto: - l impresa dovrà produrre, ai sensi del D.P.R. 445/2000, dichiarazione sostitutiva attestante il fatturato globale, al netto dell IVA, realizzato nel triennio 2006/2008, da cui risulti che tale valore è almeno pari ad Euro ,00. - l impresa dovrà produrre, ai sensi del D.P.R. 445/2000, dichiarazione sostitutiva attestante l elenco dei principali servizi di pulizia prestati negli ultimi tre anni con l indicazione degli importi, delle date e dei destinatari, pubblici o privati, dei servizi stessi, di cui almeno uno per un importo complessivo, al netto dell Iva, di Euro Pagina 4 di 16

5 ,00; se trattasi di servizi prestati a favore di amministrazioni o enti pubblici, essi sono provati da certificati rilasciati e vistati dalle amministrazioni o dagli enti medesimi; se trattasi di servizi prestati a privati, l'effettuazione effettiva della prestazione e' dichiarata da questi o, in mancanza, dallo stesso concorrente; - l impresa dovrà indicare la quota di appalto che intenda, eventualmente, subappaltare. 9. CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE L aggiudicazione dell appalto sarà effettuata con il criterio di cui all articolo 82 del D.Lgs. 163/2006 Criterio del prezzo più basso. 10. CRITERI DI VERIFICA DELLE OFFERTE ANORMALMENTE BASSE La verifica delle offerte anormalmente basse sarà effettuata secondo i criteri di cui all art. 87 e seguenti del D.Lgs. n. 163/ VARIANTI Non sono ammesse varianti. 12. DURATA DELL APPALTO E RECESSO DAL CONTRATTO L appalto avrà la durata di anni 3 (tre) a decorrere dalla data di affidamento del servizio e non è tacitamente rinnovabile alla scadenza. Alla scadenza naturale del contratto, lo stesso si intenderà cessato senza disdetta da parte della Provincia di Ancona. E facoltà della Provincia di Ancona di recedere, in tutto o in parte, dal contratto nei casi di trasferimento, soppressione di uffici, riduzione o aumento di locali. Il recesso dal contratto, totale o parziale, avrà effetto dal giorno in cui la relativa dichiarazione sarà stata comunicata all impresa appaltatrice. Nel caso di recesso totale, all impresa sarà attribuito, in deroga all articolo 1671 del codice civile ed a tacitazione di ogni sua pretesa in ordine al recesso medesimo, l intero corrispettivo del mese nel quale il recesso ha avuto effetto. Nel caso di recesso parziale, a decorrere dal mese successivo a quello nel quale il recesso ha avuto effetto, il corrispettivo mensile sarà commisurato proporzionalmente, tenuto conto delle riduzioni di superfici dei locali. Resta esclusa la facoltà dell impresa di disdire il contratto prima della sua scadenza, se non nei casi previsti dal vigente codice civile (artt. 1453,1463,1467). 13. AVVIO DELLA PRESTAZIONE IN PENDENZA DI STIPULA DEL CONTRATTO La Provincia di Ancona si riserva, in caso di urgenza e/o di necessità, di richiedere l avvio della prestazione contrattuale con emissione di apposito ordine/comunicazione di aggiudicazione anche in pendenza della stipulazione del contratto previa costituzione del deposito cauzionale definitivo di cui al successivo articolo 26 Garanzia fideiussoria. 14. IMPORTO DELL APPALTO L importo dell appalto a base di gara è previsto in triennali netti Euro ,84 (euroseicentocinquantamilanovecentotrentunoecentesimiottantaquattro) oltre Iva nella misura di legge. Il suddetto importo a base di gara è comprensivo di Euro 5.931,84 oltre Iva nella misura di legge per costi triennali relativi ai rischi interferenziali, non soggetto a ribasso. Pagina 5 di 16

6 15. REVISIONE PREZZI Il corrispettivo si intende fisso e invariabile per tutta la durata contrattuale, fatta salva la revisione prezzi prevista dall articolo 115 del D.Lgs. n. 163/2006. La richiesta di adeguamento del corrispettivo potrà venire avanzata da ciascuna parte decorso un anno dalla stipula del contratto oggetto del presente capitolato. La revisione opererà sulla base di un istruttoria condotta con riferimento ai dati di cui all articolo 7 comma 4 lettera c, ove disponibili, e comma 5. In alternativa, nelle more della pubblicazione dei costi standardizzati di beni e servizi, la revisione di cui all articolo 155 del D.Lgs. n. 163/2006 verrà effettuata sulla base dell indice F.O.I. pubblicato dall ISTAT. 16. FATTURAZIONI E MODALITA DI PAGAMENTO Le fatture, redatte secondo le leggi vigenti, saranno emesse dall impresa aggiudicataria alla fine di ciascun bimestre di servizio prestato ed inviate all Area Economato della Provincia di Ancona in Via Ruggeri n Ancona. Relativamente alle sedi dei Centri per l Impiego, l Orientamento e la Formazione, il Responsabile del Centro, chiamato a vigilare sul regolare andamento delle prestazioni, rimette all Area Economato della Provincia di Ancona, per ogni bimestre di servizio prestato, una dichiarazione da cui risulti che la prestazione è avvenuta regolarmente e che può darsi luogo alla liquidazione dei relativi importi, oppure una dichiarazione da cui risulti che l impresa, nel corso del bimestre in considerazione, è incorsa in inadempienze e rilievi, debitamente contestati, per i quali ricorre l applicazione delle penali contrattuali. Il pagamento delle fatture, viene effettuato a mezzo di mandati diretti intestati all impresa aggiudicataria con accreditamento degli importi sui conti correnti specificati in contratto, entro 60 (sessanta) giorni data fine mese ricevimento fattura, purché l impresa sia in regola con gli obblighi contrattuali e con gli obblighi previdenziali ed assicurativi nei confronti dei dipendenti ai sensi dell art. 5 comma 2 della Legge , n. 82. L impresa è obbligata a notificare tempestivamente alla Provincia di Ancona le variazioni che si verificassero nelle modalità di pagamento previste in contratto. In difetto, anche se le variazioni vengano rese pubbliche nei modi di legge, la Provincia di Ancona rimane esonerata da ogni responsabilità. Unitamente alla fattura bimestrale, ai fini del relativo pagamento, l impresa aggiudicataria dovrà obbligatoriamente allegare il modello DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva), in corso di validità, attestante la regolarità contributiva circa il versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi assicurativi obbligatori contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dei dipendenti. Qualora l impresa aggiudicataria risulti inadempiente con il versamento dei contributi sopra indicati la Provincia di Ancona procederà alla sospensione del pagamento del corrispettivo. Il pagamento delle fatture non riprenderà fino a quando la ditta non si sarà messa in regola con gli obblighi assunti. L impresa aggiudicataria non potrà opporre eccezioni, né avrà titolo a risarcimento di danni o riconoscimento di interessi per detta sospensione dei pagamenti dei corrispettivi. Inoltre è fatta salva l applicazione delle penali previste al successivo articolo 28 Inadempienze e penalità del presente capitolato, e nei casi più gravi, la risoluzione del contratto. Con il pagamento del corrispettivo l appaltatore si intende compensato di ogni e qualsiasi suo avere connesso o conseguente al servizio, senza alcun diritto a nuovi o maggiori compensi. Pagina 6 di 16

7 17. ESTENSIONE O RIDUZIONE DEL CONTRATTO, LAVORI STRAORDINARI La Provincia di Ancona si riserva la facoltà di ridurre o estendere il servizio ad altri spazi adibiti ad uffici. La presente ipotesi sarà comunque attuabile entro i limiti del 20% dell ammontare dell appalto. L impresa aggiudicataria, in tal caso, dovrà provvedere, su specifica richiesta della Provincia di Ancona, ad assicurare l aumento o la riduzione, anche temporanea, dei servizi alle medesime condizioni del contratto, ivi comprese quelle economiche. La Provincia di Ancona provvede a: - corrispondere, per il caso di estensione, un corrispettivo al mq. come indicato dall impresa aggiudicataria in sede di offerta (Allegato 4 Modulo specificazioni analisi del prezzo ), distinto per superfici calpestabili e superfici vetrate; - ricevere, in caso di riduzione del servizio, mediante quota a storno dalla fattura bimestrale, la somma calcolata con le modalità succitate. Le prestazioni a carattere straordinario ed occasionale che si dovessero rendere necessarie in corso d appalto dovranno essere eseguite dall impresa alle stesse condizioni previste per l appalto principale. 18. ORARI DEL SERVIZIO Il servizio di pulizia dovrà essere espletato dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni di festività infrasettimanali, in modo da non intralciare in alcun modo l attività svolta all interno degli uffici; pertanto dovrà essere effettuato nelle ore pomeridiane, dopo le 19:30 o al mattino, entro e non oltre le 7:30, previo accordo con l amministrazione. Nei locali adibiti a sale riunioni la pulizia dovrà essere effettuata, qualora richiesto, al termine di ogni riunione. L impresa aggiudicataria deve comunicare formalmente, anche via fax, al referente per la Provincia di Ancona, entro 10 giorni dall inizio del servizio, per ciascuna delle sedi interessate: 1) la fascia oraria di effettuazione del servizio giornaliero e/o settimanale per ciascun operatore; 2) l elenco nominativo del personale impiegato nelle prestazioni di pulizia periodiche; 3) il nominativo e recapito telefonico del rappresentante dell impresa aggiudicataria, delegato, per ogni sede di servizio, all attività di sorveglianza dell espletamento del servizio stesso (cd capocantiere). La rilevazione dell orario di servizio dovrà risultare da apposito registro delle presenze depositato in ciascuna sede di lavoro, con indicato il nominativo della persona assegnata al servizio, firmato quotidianamente all inizio e alla fine dell orario di lavoro, salva l adozione di diversa strumentazione di cui la Provincia di Ancona potrà dotarsi. La Provincia di Ancona si riserva la facoltà di effettuare accertamenti sulla presenza del personale addetto al servizio, procedendo alla visita dei locali in qualsiasi momento e senza alcuna periodicità, oppure tramite la verifica del registro presenze. Al coordinatore designato dall impresa verranno date in consegna le chiavi di accesso alle varie sedi oggetto del servizio. Di ciascuna consegna verrà redatto apposito verbale. Le chiavi dovranno essere custodite con la massima diligenza ed attenzione da parte dell impresa la quale, in caso di smarrimento, dovrà farne immediatamente denuncia alle autorità competenti. Al termine delle operazioni di pulizia svolte in orari in cui i locali sono chiusi, gli addetti al servizio provvederanno a spegnere gli impianti di illuminazione e a chiudere porte e Pagina 7 di 16

8 finestre con diligente attenzione oltre ad inserire eventuali dispositivi di sicurezza in uso presso le varie sedi oggetto dell appalto. L impresa appaltatrice comunica tempestivamente all Area Economato eventuali problemi o impedimenti connessi allo svolgimento del servizio. 19. MODALITA E CARATTERISTICHE GENERALI DEL SERVIZIO Il servizio di pulizia, sanificazione e fornitura del materiale igienico, dovrà essere articolato secondo le tipologie e le frequenze di cui alle prescrizioni tecniche allegate. L impresa aggiudicataria dovrà provvedere a tutte quelle prestazioni, ancorché non specificate, che fossero necessarie affinché il servizio oggetto del presente appalto risulti effettuato a perfetta regola d arte in modo che tutti i locali siano sempre in perfetto stato di decoro e pulizia. Tutte le prestazioni dovranno essere eseguite accuratamente al fine di evitare il danneggiamento dei pavimenti, dei rivestimenti, delle vernici, dei mobili e degli altri oggetti esistenti nei locali. La lucidatura a cera dei pavimenti dovrà essere effettuata con cere antisdrucciolevoli e prive di odori sgradevoli. E vietato l utilizzo di sostanze infiammabili, tossiche, nocive, corrosive e comunque dannose alla salute e alle cose. Non dovranno essere utilizzati spray contenenti gas propellenti. La ditta aggiudicataria si impegna altresì, nell esecuzione del servizio, a non utilizzare contenitori ed altri materiali di imballaggi contenenti PVC. Inoltre, salvo casi particolari, i contenitori vuoti per i prodotti detergenti non potranno essere destinati allo smaltimento ma dovranno essere nuovamente riempiti e riutilizzati. Le pulizie dovranno essere effettuate con l impiego di sostanze compatibili con la presenza del personale all interno degli ambienti; al termine delle operazioni non dovranno esservi residui di liquidi, sostanze ed altro che possano costituire pericolo. Gli aspirapolvere dovranno essere dotati di microfiltri a norma di legge. I rifiuti indifferenziati dovranno essere, a cura del personale dell impresa appaltatrice, rimessi in sacchi di plastica o di altro materiale a perdere e smaltiti negli appositi punti di raccolta posizionati all esterno, nel rispetto delle norme vigenti localmente sulla raccolta differenziata dei rifiuti. La ditta appaltatrice dovrà provvedere alla scrupolosa raccolta differenziata della carta, della plastica e del vetro e lattine, come attivata dalla Provincia di Ancona mediante appositi contenitori per la raccolta differenziata, posizionati all interno degli uffici. Tali contenitori andranno poi vuotati nei cassonetti posizionati all esterno rispettando la destinazione dello specifico rifiuto: il sacco eventualmente utilizzato per il trasporto all esterno della carta e cartone non dovrà essere abbandonato nel cassonetto ma di volta in volta recuperato dopo la vuotatura. L eventuale sospensione del servizio di pulizia in concomitanza di lavori di manutenzione ordinaria di modeste entità, dovrà compensare gli interventi straordinari che si rendessero necessari al ripristino del servizio stesso, senza alcun aggravio economico per la Provincia di Ancona. Eventuali sospensioni del servizio di pulizia di maggiore entità dovranno essere compensati con proporzionale riduzione del compenso pattuito. L impresa, inoltre, si obbliga, senza maggiori o diversi compensi rispetto a quelli pattuiti, ad eseguire all inizio dell appalto, un intervento di pulizia a fondo cosiddetto di primo ingresso, con esecuzione di tutti i servizi a carattere periodico di cui all Allegato 2 Prescrizioni tecniche. Pagina 8 di 16

9 20. MATERIALE D USO, ATTREZZATURE E PRODOTTI Sono a totale carico dell impresa appaltatrice i materiali e le attrezzature occorrenti per l esecuzione del servizio. L impiego degli attrezzi e delle macchine, la loro scelta e le caratteristiche tecniche dovranno essere perfettamente compatibili con l uso degli edifici, mantenute in buono stato e dotate degli accorgimenti ed accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore ed i terzi da eventuali infortuni. Tutte le macchine e i componenti di sicurezza dovranno essere conformi a quanto stabilito dal D.P.R. 24 luglio 1996 n Tutte le attrezzature utilizzate per il servizio dovranno essere conformi alle norme europee ed essere rispondenti ai requisiti di sicurezza previsti dalla vigente normativa. Su tutte le macchine ed attrezzature utilizzate deve essere apposta un etichetta riportante il nome dell impresa. L impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine e attrezzature sia dei prodotti utilizzati. La Provincia di Ancona non sarà responsabile nel caso di eventuali danni o furti delle attrezzature e dei prodotti. Sono a carico dell impresa aggiudicataria le spese relative ai materiali di consumo occorrenti per una corretta esecuzione del servizio di pulizia. È inoltre compito dell impresa aggiudicataria provvedere, qualora non siano utilizzabili quelli già installati, alla fornitura e/o sostituzione e relativo montaggio, degli appositi apparecchi per la distribuzione di asciugamani carta, carta igienica, sapone liquido, salviette copri wc, sacchetti igienici, il cui materiale di consumo sarà anch esso distribuito dall impresa a seconda delle necessità. La Provincia di Ancona, compatibilmente con le proprie disponibilità, potrà mettere a disposizione dell impresa un locale per il deposito delle attrezzature, dei prodotti e dei materiali occorrenti per l espletamento del servizio. Nei limiti dell occorrente all esecuzione del servizio, resta a carico della Provincia di Ancona la fornitura dell acqua e dell energia elettrica. Resta tuttavia inteso che l utilizzo dell acqua, dell energia elettrica e dei locali avviene ad esclusivo rischio dell impresa appaltatrice anche nei confronti di terzi. Nello svolgimento del servizio il personale della ditta appaltatrice dovrà evitare qualsiasi uso improprio di acqua, scarichi idrici, energia elettrica, riducendo al minimo indispensabile il consumo degli stessi. Tutti i prodotti chimici impiegati dovranno essere a basso impatto ambientale, rispondenti alle normative di legge vigenti in Italia e nella UE (etichettatura, biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità, modalità d uso, ecc) in materia di tutela dell ambiente. Caratteristiche ambientali dei prodotti. I prodotti di pulizia utilizzati dall impresa dovranno essere conformi alle seguenti caratteristiche: a) non essere classificati: Molto Tossici (T+); Tossici (T); con le frasi di rischio R42 (può provocare sensibilizzazione per inalazione) e/o R43 (può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle); o Pericolosi per l ambiente (N) secondo la Direttiva 67/548/CEE (compresi modifiche e adeguamenti) e Direttiva 1999/45/CE, recepite in Italia con D.Lgs. n. 52 del 3 febbraio 1997, D.Lgs. 65 del 14 marzo 2003 e Decreto del Ministero della Salute del 28 febbraio 2006; b) non devono contenere: tensioattivi non rapidamente biodegradabili (test OECD 301 A-F); i tensioattivi devono essere conformi al regolamento 648/2004/CE relativo ai detergenti, senza applicazione degli articolo 5 e 6 (deroghe); Pagina 9 di 16

10 c) non devono contenere i seguenti ingredienti: i. quelli classificati come cancerogeni di categoria 1 o 2 (R45, R49), mutageni di categoria 1 o 2 (R46) o tossici per la riproduzione di categoria 1 o 2 (R60, R61), nonché ingredienti pericolosi per l ambiente (simbolo N): altamente tossico per gli organismi acquatici (R50), tossico per gli organismi acquatici (R51); ii. acido etilendiamminotetracetico (EDTA); iii. alchilfenoletossilati (APEO); iv. sbiancanti a base di cloro (composti di cloro attivo); v. composti di muschi azotati e muschi policiclici. Si presumono conformi alle caratteristiche su indicate: - i prodotti che hanno ottenuto il marchio comunitario di qualità ecologica Ecolabel (Regolamento 1980/2000/CE) che rispettano i criteri ecologici stabiliti con la Decisione della Commissione del per l assegnazione del marchio ai Detergenti multiuso e ai detergenti per servizi sanitari e succesivi eventuali aggiornamenti; - i prodotti che hanno ottenuto il marchio Nordic Swam che rispettano i criteri stabiliti dal Nordic Ecolabelling per i Cleaning products, versione 3.3 ( ), e successivi eventuali aggiornamenti. La rispondenza dei prodotti alle caratteristiche richieste dovrà essere attestata con autodichiarazione dalle ditte concorrenti. Per ogni prodotto l impresa aggiudicataria si impegna a fornire all Area Economato della Provincia di Ancona, prima dell inizio del servizio: - la scheda tecnica di sicurezza prevista dalla normativa comunitaria, - un campione del prodotto stesso che verrà conservato per tutta la durata del servizio, impegnandosi alla loro sostituzione in caso di inadeguatezza ed alla loro riproposizione, con ritiro della precedente campionatura, ogni qual volta venga utilizzato un nuovo prodotto. 21. VERIFICA DEL SERVIZIO Nell esecuzione del servizio di cui al presente appalto l impresa non potrà ricevere ordini se non dal Responsabile Unico del Procedimento, il quale provvederà a vigilare sull osservanza delle prescrizioni tecniche di esecuzione del servizio oggetto dell appalto ed a rilevare eventuali inadempienze ed inconvenienti che possano incidere sulla sua efficienza. La Provincia di Ancona si riserva la facoltà di effettuare, a mezzo di propri incaricati, verifiche e controlli sulla regolarità del servizio. L Area Economato, Patrimonio Mobiliare e Servizi Scolastici, effettuerà le verifiche di cui sopra dandone preavviso all impresa non inferiore a tre ore; l impresa, se lo riterrà opportuno, potrà far intervenire un proprio rappresentante. Le verifiche, anche in assenza di contraddittorio, verranno comunque realizzate. Relativamente alle sedi periferiche dei Centri per l Impiego, l Orientamento e la Formazione, i Responsabili dei Centri vigileranno sul regolare andamento delle prestazioni, rimettendo all Area Economato della Provincia di Ancona, in copia, ogni contestazione sollevata all Impresa circa inadempienze e rilievi riscontrati nell esecuzione del servizio. Per le riscontrate inadempienze dell impresa nell esecuzione del servizio verranno applicate le penalità di cui al successivo articolo 28 Inadempienze e penalità, nei modi e nei termini ivi indicati. Pagina 10 di 16

11 22. ASSICURAZIONI ED OBBLIGHI DERIVANTI DAL RAPPORTO DI LAVORO L impresa dichiara di assumere in proprio ogni responsabilità in caso di infortuni ed in caso di danni arrecati, eventualmente, alle persone ed alle cose tanto dell amministrazione che di terzi, nell esecuzione delle prestazioni di cui al presente appalto. A tal fine l impresa risultata aggiudicataria, prima della sottoscrizione del contratto, dovrà stipulare apposita polizza assicurativa di responsabilità civile che preveda, per tutta la durata dell appalto, la copertura di danni a cose e/o persone che dovessero essere arrecati dal proprio personale nell effettuazione dei servizi appaltati, con un massimale unico non inferiore ad ,00 per sinistro e per persona. L impresa in ogni caso dovrà provvedere tempestivamente ed a proprie spese alla riparazione e sostituzione delle cose danneggiate nell ambito degli spazi interessati. L impresa aggiudicataria si obbliga ad ottemperare a tutti gli obblighi nei confronti del proprio personale dipendente in base alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro ed assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali, assumendo a suo carico tutti gli oneri relativi. L impresa si obbliga ad applicare nei confronti dei propri lavoratori dipendenti, occupati nell appalto, condizioni contrattuali, normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dal contratto collettivo nazionale di lavoro e dagli accordi integrativi territoriali applicabili per le imprese di pulizia, denominato Servizi di Pulizia e servizi integrati/multiservizi, alla data dell offerta e per tutta la durata dell appalto. L obbligo permane anche dopo la scadenza dei suindicati contratti collettivi e fino alla loro sostituzione. I suddetti obblighi vincolano l impresa anche nel caso che non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse ed indipendentemente dalla natura, struttura e dimensione dell impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica o sindacale. La Provincia di Ancona è esplicitamente sollevata da ogni obbligo e/o responsabilità verso il personale dipendente della ditta aggiudicataria per tutto ciò che attiene a retribuzioni, contributi assicurativi ed assistenziali, assicurazioni e infortuni, ed a ogni altro adempimento, prestazione ed obbligo inerente al rapporto di lavoro subordinato dei dipendenti, secondo le leggi ed i contratti di categoria in vigore. 23. PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO L impresa appaltatrice dovrà assicurare il servizio con proprio personale regolarmente assunto ed operante sotto la sua esclusiva responsabilità. Il personale addetto al servizio dovrà essere adeguato, per numero e qualificazione professionale, alle esigenze dell amministrazione. L impresa aggiudicataria è comunque obbligata al rispetto di quanto indicato nell offerta presentata in sede di gara. Entro 5 giorni dall affidamento del servizio l impresa dovrà trasmettere per iscritto alla Provincia di Ancona, i nominativi delle persone impiegate con l indicazione per ciascuno: della qualifica e del livello di inquadramento, del codice fiscale, del numero di iscrizione al libro matricola, del numero di posizione INPS e INAIL nelle quali sono assicurati. Uguale comunicazione dovrà essere effettuata nel caso di variazione del personale impiegato ed entro 5 giorni da ciascuna variazione. Il personale impiegato nel servizio oggetto dell appalto dovrà essere idoneo a svolgere tale prestazione, di provata capacità, onestà e moralità; dovrà essere munito, durante il servizio, di apposita divisa idonea alla natura della prestazione espletata, in ottimo stato di pulizia e di igiene e nel massimo ordine e di distintivo di riconoscimento con Pagina 11 di 16

12 l indicazione della ragione sociale dell Impresa di appartenenza e del proprio numero di matricola. Lo stesso personale dell impresa dovrà mantenere un contegno riguardoso e corretto, improntato alla massima educazione, correttezza e disciplina nei confronti di tutte le persone presenti nei luoghi di svolgimento del servizio. In particolare sarà tenuto all assoluto riserbo in ordine a fatti e circostanze di cui sia venuto a conoscenza nell espletamento dei propri compiti, e a custodire con cura tutte le chiavi consegnate per consentire l accesso ai locali. Al personale in parola è fatto divieto assoluto di utilizzare le attrezzature e le apparecchiature provinciali (fotocopiatrici, fax, telefoni, ecc), che esulano dall espletamento del servizio di pulizia. L impresa appaltatrice si impegna a richiamare, multare e, se del caso, sostituire i dipendenti che non osservassero una condotta irreprensibile. È facoltà della Provincia di Ancona di chiedere la sostituzione di persone non gradite e di quel personale che riterrà, a suo insindacabile giudizio, non idoneo allo scopo. Nel caso di esercizio di tale facoltà l impresa dovrà provvedere alla sostituzione delle persone non gradite entro e non oltre cinque giorni dal ricevimento della comunicazione. La ditta appaltatrice è impegnata altresì alla tempestiva sostituzione del personale assente per ferie, malattia, ecc. allo scopo di evitare disservizi nell espletamento delle pulizie. 24. RISPETTO ACCORDO IN MATERIA DI SALVAGUARDIA DELL OCCUPAZIONE L impresa aggiudicataria si impegna al rispetto delle norme contrattuali vigenti in materia di salvaguardia dell occupazione per la categoria Servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi. 25. NORME SULLA SICUREZZA L impresa dovrà produrre, ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, 1 comma lettera a2, autocertificazione sul possesso dei requisiti di idoneità tecnicoprofessionale attestante, relativamente ai profili di sicurezza sul lavoro, la realizzazione di un sistema organico della prevenzione costituito dalla presenza di: - un responsabile del servizio di prevenzione e protezione, - un medico competente (ovvero la giustificazione, ai sensi della vigente normativa, per la mancanza di questi), - rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, - documento di valutazione dei rischi per le attività tipiche dell impresa. L impresa è tenuta all osservanza delle norme e dei regolamenti in materia di sicurezza, salute e prevenzione nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.. L impresa appaltatrice è tenuta a porre in atto tutti gli accorgimenti necessari affinché siano scrupolosamente rispettate nel corso dei servizi previsti dal presente capitolato, le disposizioni in tema di prevenzione antinfortunistica con particolare riferimento alla suddetta normativa. L impresa dovrà dotare ciascun operatore di un libretto di formazione/informazione sul piano della sicurezza e coordinamento nei luoghi di lavoro, sui piani operativi di sicurezza e sulle modalità di esecuzione delle lavorazioni. L impresa dovrà organizzare dei corsi di formazione, sia per il personale di nuova assunzione prima dell inserimento lavorativo che per il restante personale almeno una volta l anno, che trattino, tra gli altri, gli argomenti della pericolosità e del rischio per la salute e l ambiente dei prodotti utilizzati per le pulizie e del corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Pagina 12 di 16

13 L impresa dovrà comunicare alla Provincia di Ancona le date dei corsi organizzati, dei temi trattati e i dati sui partecipanti. L impresa appaltatrice dovrà ottemperare alle norme relative alla prevenzione degli infortuni, dotando il personale di mezzi ed indumenti di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti, e dovrà adottare tutti i provvedimenti e le cautele atti a garantire l incolumità delle persone addette al servizio e di terzi. La ditta dovrà approntare e fornire alla Provincia di Ancona il proprio piano di sicurezza redatto sulla base del documento di valutazione dei rischi presenti nel luogo di lavoro, nonché, ove necessario, eventuali integrazioni al D.U.V.R.I. (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali). L impresa, al momento della stipula del contratto, dovrà comunicare il nominativo del responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. L impresa è tenuta a dichiarare che nella redazione dell offerta ha tenuto conto degli obblighi connessi alle disposizioni in materia di sicurezza e protezione dei lavoratori nonché alle condizioni di lavoro. L impresa aggiudicataria può ottenere informazioni circa gli obblighi relativi alle vigenti disposizioni in materia di protezione dell impiego e di condizioni di lavoro, applicabili nel corso dell esecuzione del contratto presso il Dipartimento II - Area Attività Dipartimentali Ing. Pierluigi Ronchini (tel.071/ ). 26. GARANZIA FIDEIUSSORIA A copertura di tutti gli oneri per il mancato o inesatto adempimento di tutti gli obblighi di cui al presente appalto, l impresa aggiudicataria dovrà prestare una cauzione definitiva calcolata secondo le modalità di cui all articolo 113 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i.. La garanzia fideiussoria sarà progressivamente svincolata secondo il disposto del comma 3 dell art. 113 del D.Lgs. 163/2006. La durata di detta cauzione dovrà essere pari alla durata dell appalto. Fermo quanto previsto dal suddetto comma 3, nel caso di escussione della cauzione nel corso del rapporto, l impresa dovrà provvedere a reintegrare la cauzione entro 10 (dieci) giorni dal ricevimento della relativa richiesta effettuata dall amministrazione. La mancata costituzione della garanzia di cui all art. 113 del D.Lgs. 163/06 determinerà la revoca dell affidamento e l incameramento della cauzione provvisoria da parte della Provincia di Ancona che aggiudicherà l appalto al concorrente che segue in graduatoria. 27. SUBAPPALTO E CESSIONE DEL CONTRATTO Il subappalto è ammesso, ai sensi e per gli effetti dell art. 118 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., nel limite del 30% dell importo contrattuale. Il subappalto è consentito solo per le parti del servizio indicate dall impresa; una indicazione formulata in modo generico, senza specificazione delle singole parti interessate, ovvero in difformità alle prescrizioni di cui al presente capitolato, comporterà l impossibilità di ottenere l autorizzazione al subappalto. In caso di subappalto sarà fatto obbligo all aggiudicataria dell appalto di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei confronti della ditta/e subappaltatrice/i, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da essi affidatari corrisposti al subappaltatore o cottimista, con l indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. E vietato all impresa aggiudicataria cedere il contratto, in tutto o in parte, pena l immediata risoluzione dello stesso, con perdita della cauzione ed insorgenza del diritto al risarcimento di ogni conseguente danno arrecato. Pagina 13 di 16

14 28. INADEMPIENZE E PENALITA Irregolarità, inadempienze o ritardi nell esecuzione del servizio saranno contestati per iscritto ed inviati a mezzo fax all impresa aggiudicataria. L impresa aggiudicataria dovrà far pervenire entro i 5 (cinque) giorni solari dalla predetta comunicazione, le proprie controdeduzioni. Decorso inutilmente tale termine, oppure nel caso in cui le controdeduzioni non vengano ritenute adeguate, la Provincia di Ancona applicherà le penali previste. L importo della penale sarà trattenuto in sede di liquidazione delle fatture relative al periodo cui la stessa si riferisce, dietro emissione di regolare nota di credito da parte dell impresa. Le penali vengono così stabilite: per inadempienze (mancata, parziale o inesatta) nell esecuzione del servizio, come stabilito nelle allegate Prescrizioni Tecniche: - detrazione dello 0,50% sul corrispettivo bimestrale per ogni mancata esecuzione di ognuno dei servizi a carattere giornaliero; - detrazione dello 0,75% sul corrispettivo bimestrale per mancata esecuzione di ognuno dei servizi a carattere settimanale, quindicinale, mensile; - detrazione del 2% sul corrispettivo bimestrale per mancata esecuzione di ognuno dei servizi a carattere bimestrale, trimestrale, quadrimestrale, semestrali; per mancata osservanza di disposizioni di varia natura: - per l utilizzo di personale in numero non rispondente alle unità indicate in sede di offerta (Allegato 4 Modulo specificazioni analisi del prezzo ), l impresa aggiudicataria vedrà l applicazione di una penale di. 100,00 (cento/00) per ogni giorno; - per ogni mancata comunicazione dei nominativi o mancata comunicazione delle variazioni nei termini indicati all articolo 23 Personale addetto al servizio del presente capitolato, l impresa aggiudicataria vedrà l applicazione di una penale di. 100,00 (cento/00); - per il mancato utilizzo da parte degli addetti al servizio della divisa e del cartellino di riconoscimento di cui all articolo 23 Personale addetto al servizio del presente capitolato, l impresa vedrà l applicazione di una penale di. 50,00 (cinquanta/00) per ogni contestazione; - ogni qualvolta la Provincia di Ancona riscontri che il materiale igienico di consumo non corrisponda alle caratteristiche evidenziate nell Allegato 2 Prescrizioni tecniche, l impresa vedrà l applicazione di una penale di. 100,00 (cento/00); - per mancata raccolta e/o smaltimento differenziato di carta, plastica, ecc, l impresa vedrà l applicazione di una penale di 100,00 (cento/00) per ogni infrazione; - per accertata inosservanza delle disposizioni di cui all articolo 20 Materiale d uso, attrezzature e prodotti del presente capitolato, l impresa vedrà l applicazione di una penale di. 100,00 (cento/00) per ogni infrazione. Per le inadempienze nell esecuzione dei servizi, rimane fermo l obbligo per l impresa di eseguire la mancata prestazione non regolarmente eseguita entro 5 (cinque) giorni dalla data di ricevimento della contestazione da parte dell amministrazione. Si conviene che unica formalità preliminare è la contestazione degli addebiti. 29. RISOLUZIONE DEL CONTRATTO La Provincia di Ancona si riserva la facoltà di procedere alla risoluzione del contratto, ai sensi dell art del Codice Civile, con semplice comunicazione scritta, con tutte le conseguenze di legge e di capitolato che la risoluzione comporta, salva l applicazione delle penali applicabili, nelle seguenti ipotesi: - frode nell esecuzione degli obblighi contrattuali; Pagina 14 di 16

15 - sospensione o interruzione del servizio, per più di tre giorni, da parte dell appaltatore, per motivi non dipendenti da cause di forza maggiore; - nel caso in cui l impresa aggiudicataria incorra nell applicazione delle penali contrattuali per inadempienze, contestate per iscritto, nell esecuzione dei servizi stabiliti nelle Prescrizioni Tecniche, per più di 3 (tre) volte nel corso di un anno contrattuale; - nel caso di danneggiamento volontario di cose appartenenti all Ente; - nel caso di divulgazione di notizie delle quali si è venuti a conoscenza nelle attività oggetto del presente appalto; - mancata regolarizzazione, entro 4 (quattro) mesi dall accertata irregolarità da parte della Provincia di Ancona, agli obblighi previdenziali e contributivi del personale (regolarità del DURC); - mancata reintegrazione della cauzione definitiva eventualmente escussa entro 10 (dieci) giorni dal ricevimento della relativa richiesta da parte dell amministrazione provinciale; - cessione totale o parziale del contratto ovvero violazione delle regole sul subappalto; - nel caso di perdita dei requisiti richiesti per la stipula del contratto; - cessazione dell attività, oppure in caso di fallimento, messa in liquidazione o altra procedura concorsuale, a carico della ditta aggiudicataria; - mancato rispetto delle norme sulla sicurezza ivi compresa la mancata organizzazione dei corsi di formazione per il proprio personale impiegato nel servizio; - mancato deposito c/o l Area Economato della Provincia di Ancona delle schede tecniche e della campionatura dei prodotti utilizzati nel servizio entro i termini di cui all articolo 20 Materiale d uso, attrezzature e prodotti ; - nel caso di ogni altra inadempienza o fatto, non espressamente contemplati nel presente articolo, che rendano impossibile la prosecuzione dell appalto, ai sensi dell articolo 1453 del c.c.. L impresa appaltatrice riconosce, in caso di risoluzione del contratto, il diritto della Provincia di Ancona ad incamerare la cauzione definitiva; è a carico dell impresa l onere del maggior prezzo pagato, rispetto a quello convenuto, per la prosecuzione del servizio affidato ad altra impresa. E fatta salva, inoltre, la facoltà della Provincia di Ancona di provvedere al recesso dal contratto in dipendenza di sopravvenute cause di pubblico interesse. Nel caso di risoluzione resta stabilito che alcun compenso, indennità o altro spetta all impresa, la quale avrà solo il diritto al pagamento contrattuale dei servizi regolarmente eseguiti, accertati ed accettati dall amministrazione provinciale. 30. STIPULA DEL CONTRATTO Il contratto verrà stipulato nella forma dell atto pubblico amministrativo. Sono a carico della ditta appaltatrice tutte le imposte e tasse e le spese relative e conseguenti al contratto, nessuna esclusa od eccettuata, comprese quelle per la sua registrazione. 31. CONTROVERSIE Per la definizione di tutte le controversie che dovessero insorgere in dipendenza del presente capitolato e del conseguente contratto, non risolvibili in via bonaria, è competente il foro di Ancona. Pagina 15 di 16

16 32. SEDE OPERATIVA E COORDINATORE L Impresa si impegna a costituire una propria sede operativa in Ancona o comuni limitrofi cui far pervenire ogni comunicazione relativa al presente appalto. L Impresa si impegna ad individuare ed a comunicare il nominativo del coordinatore in loco per il servizio oggetto del presente appalto, riferimento continuativo, reperibile c/o la sede operativa, per tutte le necessarie comunicazioni relative alla gestione del contratto. 33. INFORMATIVA AI SENSI DEL D.LGS. N. 196/2003 Quanto segue rappresenta informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D.Lgs. n. 196/2003: - i dati personali forniti saranno trattati ai sensi degli artt del D.Lgs. sopra citato, essendo ciò indispensabile ai fini istituzionali per il corretto svolgimento della procedura di scelta del contraente e dei successivi eventuali rapporti contrattuali; - i dati saranno custoditi e trattati con criteri e sistemi atti a garantire la loro riservatezza e sicurezza, fermi restando i diritti di cui all art. 7 del D.Lgs. 196/2003; - il titolare del trattamento dei dati personali, ai sensi di legge, è la Provincia di Ancona; - il responsabile del trattamento è la Dott.ssa Maria Grazia Di Biagio, Dirigente 2 Settore del Dipartimento II. Pagina 16 di 16

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli