C O M U N E D I A L L U M I E R E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I A L L U M I E R E"

Transcript

1 C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL VICE SEGRETARIO f.to Battilocchio Augusto f.to dott. Angelo Regnani ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto Funzionario attesta che, giusta relazione del Messo comunale, copia della presente deliberazione è stata affissa all Albo pretorio on-line del Comune sul sito per rimanervi 15 giorni consecutivi. Dalla residenza municipale, lì IL FUNZIONARIO TECNICO Arch. Enrico Novello E copia conforme all originale. lì E S I T O C O N T R O L L O La presente deliberazione è divenuta esecutiva: per decorrenza dei termini di cui all art 134, comma 3 del D. Lgs , n. 267 in data La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi del D. Lgs. 18/8/2000, n. 267, il giorno perché dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134, comma 4 ). F.to IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DEL SETTORE PROVINCIA DI ROMA COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO n. 34 Del Regolamento comunale per i servizi funebri e del cimitero comunale. Approvazione L anno duemiladodici, questo giorno ventotto del mese di settembre alle ore 18,00 nella sala delle adunanze si è riunito il Consiglio Comunale, convocato con avvisi spediti nei modi e termini di legge, in sessione straordinaria. Risultano presenti e assenti i seguenti Consiglieri: CONSIGLIERI PRESENTI ASSENTI BATTILOCCHIO AUGUSTO - Sindaco X ANNIBALI DANIELE X CECCARELI MARIO X SUPERCHI ANGELO X VOLPI GABRIELE X VERNACE PIETRO X VITTORI DOMENICO X MORBIDELLI ROBERTA X Partecipa alla seduta il Vice Segretario Dott. Angelo Regnani Il Presidente Augusto Battilocchio in qualità di Sindaco dichiara aperta la seduta per aver constatato il numero legale degli intervenuti, invita i Consiglieri Comunali a discutere in seduta pubblica sull argomento in oggetto, previa nomina degli scrutatori nelle persone dei Signori:.

2 IL CONSIGLIO Sentita la Relazione del Sindaco; Accertato che l ufficio proponente il deliberato, per mero errore materiale ha riportato un oggetto errato e che il punto all ordine del Giorno del presente Consiglio cada rettificato con il seguente: Regolamento comunale per i servizi funebri e del cimitero comunale. Approvazione PREMESSO CHE: - Il Comune di Allumiere è dotato di regolamento per i servizi funebri e del cimitero approvato con deliberazione consiliare n. 98 del ; - La mutata situazione del cimitero comunale a seguito dell esecuzione dei lavori di ampliamento ha reso necessario ed opportuno predisporre un nuovo regolamento anche al fine di definire le modalità di concessione delle aree per le realizzande cappelle, ossari e cinerari e per i campi di inumazione; VISTO il regolamento cimiteriale predisposto dall ufficio tecnico comunale composto da n. 21 articoli ed sottoposto all attenzione della Commissione Assetto ed Uso del Territorio nella seduta del ; VISTI: - l art. 344 del T.U.L.S.S , n. 1265; - il Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R , n. 285; Visti i pareri richiesti dall'art. 49 comma 1 del D.Lgs , n. 267; ; Visto il parere di conformità espresso dal Segretario comunale ai sensi dell art. 97 comma 2 D. Lgs , n. 267; DELIBERA Di approvare il regolamento comunale per i servizi funebri e del cimitero comunale che consta di n. 21 articoli e che allegato al presente deliberato ne forma parte integrante e sostanziale: Di dare atto che il presente regolamento annulla e revoca il precedente approvato con deliberazione consiliare n. 98 del ; Il presente deliberato viene approvato con voti unanimi

3 REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del... Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 1 di 13

4 indice PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI art 1 Oggetto del regolamento... pag 3 art 2 Custodia... pag 3 art 3 Responsabilità... pag 3 PARTE II - DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' CIMITERIALI, CONCESSIONI art 4 Attività cimiteriale... pag 4 art 5 Ammissione... pag 4 art 6 Tipologia dei sepolcri... pag 5 art 7 Concessioni... pag 5 art 8 Ammissione nei sepolcri dati in concessione... pag 6 art 9 Durata delle concessioni e costi... pag 6 art 10 Revoca delle concessioni... pag 7 art 11 Regolarizzazione delle vecchie concessioni... pag 8 art 12 Scadenza delle concessioni... pag 8 art 13 Rinuncia del concessionario... pag 9 PARTE III - DISCIPLINA DELL'USO DEGLI SPAZI CIMITERIALI art 14 Personale addetto... pag 9 art 15 Orari di visita... pag 9 art 16 Divieti... pag 9 PARTE IV - DISCIPLINA DELLE COSTRUZIONI E DELLE MANUTENZIONI DELLE OPERE CIMITERIALI art 17 Opere e lavori, manutenzione delle opere in concessione.. pag 10 art 18 Autorizzazione alle opere... pag 11 art 19 Ornamenti e arredi per campi d'inumazione e loculi... pag 11 art 20 Dimensione dei sepolcri di famiglia... pag 12 art 21 Materiali di rivestimento e finitura... pag 13 Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 2 di 13

5 art.1 - Oggetto del regolamento PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento è redatto ai sensi del DPR 10 agosto 1990, n. 285 e del Regio decreto 27 luglio 1934, n e riguarda: la disciplina dell'uso e del funzionamento degli spazi e delle attività cimiteriali; la concessione a privati delle aree, dei manufatti di sepoltura e delle altre opere cimiteriali connesse; la disciplina della costruzione e della manutenzione dei sepolcri e delle altre opere cimiteriali. art.2 - Custodia La custodia e la pulizia del cimitero comunale potrà essere svolta: direttamente dal Comune di Allumiere con proprio personale; attraverso affidamento in appalto a cooperative o società di servizi; La custodia potrà essere svolta anche in modo non continuativo rispetto agli orari quotidiani di apertura. art.3 - Responsabilità Il Comune di Allumiere provvede all'eliminazione di ogni condizione di pericolo in relazione agli spazi cimiteriali comuni e attraverso ordinanze del Sindaco per quel che attiene condizioni di degrado, pericolo o precarie condizioni igienico sanitarie che derivino da cattiva gestione delle tombe affidate in concessione. E' ad esclusiva responsabilità degli utilizzatori, ai quali spetta anche accertarne preventivamente la reale consistenza ai fini dell'uso, l'utilizzazione di scale e di ogni altro mezzo di salita, anche se messo a disposizione dall'amministrazione. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 3 di 13

6 PARTE II DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' CIMITERIALI, CONCESSIONI art.4 - Attività cimiteriale Ogni attività inerente i trasporti e la gestione delle salme deve essere eseguita in conformità agli articoli da 1 a 53 del Regolamento di Polizia Mortuaria di cui il DPR 10 agosto 1990, n. 285 e delle specifiche autorizzazioni rilasciate a tale riguardo dal Comune di Allumiere. All'interno del cimitero nessuna attività può essere svolta in mancanza della persona incaricata della custodia e della sorveglianza. art.5 - Ammissione Quando non è richiesta altra destinazione, nel cimitero sono ricevute e seppellite, senza distinzione di origine, di cittadinanza e di religione: a. le salme delle persone ovunque decedute che avevano nel Comune, al momento della morte, la propria residenza; b. le salme dei nati nel comune di Allumiere, ovunque avvenga il decesso; c. le salme delle persone morte nel territorio comunale qualunque ne fosse in vita la residenza; d. Indipendentemente dalla residenza e dal luogo del decesso, sono parimenti ricevute le salme delle persone concessionarie, o comunque aventi diritto su sepoltura privata, individuale o di famiglia; e. I nati morti ed i prodotti del concepimento di cui all articolo 7 del D.P.R. n.285/1990 f. I resti mortali e le ceneri delle persone sopraelencate. Casi specifici non ricompresi nell'elenco potranno essere autorizzati con provvedimento del dirigente dei servizi anagrafici sentito il Sindaco. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 4 di 13

7 art.6 - Tipologia dei sepolcri Le tipologie di sepoltura del cimitero comunale sono: a. inumazioni; b. tumulazioni in loculi; c. tumulazioni in tombe di famiglia a terra; d. tumulazioni in cappelle gentilizie; e. conservazione resti in ossario; f. conservazione ceneri in cinerario; art.7 - Concessioni Le concessioni sono onerose e sono stipulate con atto pubblico. L'Amministrazione stabilisce, per ogni manufatto cimiteriale da concedere, il relativo costo. Le concessioni relative alle inumazioni private, ai loculi ed alle tombe di famiglia a terra sono date dal Comune di Allumiere Ufficio Contratti secondo le disponibilità e con i seguenti criteri: a. ad avvenuto decesso della persona su richiesta dei famigliari; b. a persona in vita che abbia compiuto il 60 anno di età secondo le seguenti condizioni: per i loculi (sono concedibili loculi affiancati in numero massimo di due solo a coniugi o conviventi) qualora ne siano disponibili almeno ulteriori 10; per le tombe di famiglia disposte a terra qualora ne siano disponibili almeno ulteriori 5; Le richieste di persone in vita, qualora eccedenti il numero delle tipologie di sepolcri disponibili, sono ordinate in base all'età. Le aree edificabili per le cappelle gentilizie sono concesse a privati, enti o comunità anche di diversa religione o anche a più famiglie. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 5 di 13

8 Il contratto può stabilire la divisione dei posti all'interno di una tomba di famiglia ed eventuali rinunce personali o per i propri congiunti. Le concessioni non possono essere stipulate con società o altri soggetti che possano da questa trarre lucro. Il trasferimento delle concessioni è vietato. Il mancato pagamento dei canoni di concessione da luogo all'applicazione degli interessi moratori secondo la normativa vigente. art.8 - Ammissione nei sepolcri dati in concessione All'interno dei sepolcri dati in concessione ed in ordine di decesso è ammessa la sepoltura di: a. il concessionario ed i membri della sua famiglia; b. i discendenti in linea retta del concessionario; c. previa autorizzazione del Responsabile del servizio cimiteriale, di persone legate alla famiglia del concessionario da particolari vincoli di amicizia o gratitudine; d. dei resti di altri aventi diritto, a norma del presente regolamento o secondo l atto di concessione, ovunque deceduti e sepolti; e. Dei membri della Comunità o Ente aventi diritto ai sensi del presente regolamento, la cui appartenenza all'ente o Comunità concessionaria sia provata da atti certi ed inequivocabili; art.9 - Durata delle concessioni e costi. La durata delle concessioni è stabilita come segue: a. per le inumazioni 10 anni; b. per i loculi e le tombe a terra 30 anni; c. per le cappelle gentilizie 99 anni; d. per gli ossari ed i cinerari 50 anni; Il rinnovo delle concessioni è sempre consentito alla scadenza e per pari periodo, ferme restando diverse decisioni che in merito l'amministrazione comunale potrà prendere in relazione alle diverse esigenze che potranno manifestarsi. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 6 di 13

9 I costi delle concessioni sono stabiliti per ogni tipologia con delibera della Giunta comunale. art.10 - Revoca delle concessioni Nei casi di ampliamento, ristrutturazione o nuova distribuzione del cimitero, l Amministrazione comunale potrà ritornare in possesso di qualsiasi area o manufatto concesso in uso, revocando la concessione alle seguenti condizioni: a. concessione a titolo gratuito e per il tempo ancora spettante dall'originale concessione (o secondo gli anni indicati dal presente regolamento secondo le diverse tipologie nel caso di concessioni perpetue o non aventi indicazione temporale) di una equivalente sepoltura nell'ambito cimiteriale; b. pagamento delle spese di finitura ed allestimento del nuovo sepolcro; c. pagamento delle spese di esumazione o estumulazione e di trasporto dei resti; L'avvio del procedimento di revoca e ricollocazione dovrà essere notificato nelle forme di legge al titolare della concessione o al parente o discendente più prossimo in linea retta, dando anche notizia della data prevista per la traslazione. Specifico avviso dovrà essere posto presso gli ingressi del cimitero ed all'albo pretorio almeno 30 giorni prima dell'inizio delle opere. Pubblicati gli avvisi di cui sopra ed eseguite le notifiche, la traslazione e le altre operazioni connesse potranno avvenire anche in assenza del concessionario o dei di lui parenti e discendenti. La medesima procedura di revoca potrà essere attuata nel caso di tombe che presentino condizioni di abbandono o degrado. Nel caso che precede, gli avvisi detti ai commi precedenti dovranno contenere una diffida ad adempiere al ripristino dei manufatti, in un tempo congruo, ma non superiore ai 60 giorni. Scaduto tale termine senza che alcuno abbia adempiuto l'amministrazione dichiarerà la revoca della concessione e disporrà il trasferimento dei resti, nel rispetto del regolamento di Polizia mortuaria e secondo i casi, o al campo d'inumazione, o all'ossario. Il sepolcro reso disponibile potrà essere demolito, o sarà oggetto di una nuova concessione. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 7 di 13

10 art.11 - Regolarizzazione delle vecchie concessioni Tutte le concessioni esistenti prive di contratto e dell'indicazione temporale di durata dovranno essere adeguate alle norme del presente regolamento entro un anno dalla data di adozione. A tal fine gli uffici redigeranno un elenco in base al quale, previa notifica al discendente più prossimo in linea retta del defunto o del concessionario o al concessionario stesso se vivente, e previo avviso da esporre all'albo e presso il cimitero comunale per almeno 60 giorni, provvederanno alla rettifica delle concessioni secondo le forme stabilite dal presente regolamento. Accertata l'avvenuta notifica o nei casi nei quali la notifica non sia possibile e comunque trascorsi i termini di pubblicazione degli avvisi di cui sopra, l'amministrazione procederà in forma autonoma alla rettifica delle concessioni assegnando i nuovi termini di scadenza. art.12 - Scadenza delle concessioni Le concessioni sono rinnovabili alla scadenza per uguale periodo su istanza di parte del concessionario o dei suoi discendenti in linea retta. Il Comune di Allumiere mediante avvisi affissi presso il cimitero comunale per almeno 60 giorni, e previa notifica al discendente più prossimo del concessionario se rintracciabile, darà comunicazione delle esumazioni o delle estumulazioni che saranno effettuate per intervenuta decadenza della concessione, provvedendo alla ricollocazione dei resti secondo i casi, nel campo di inumazione o nell'ossario. Le spese di esumazione, estumulazione e ricollocazione sono poste a carico dei discendenti in linea retta più prossimi del defunto se rintracciabili. I manufatti resi disponibili potranno essere oggetto di nuova concessione. Gli oggetti eventualmente contenuti nella sepoltura o a corredo, se non è possibile la loro ricollocazione coi resti, sono catalogati in uno specifico elenco, con l'indicazione del defunto cui appartenevano. I discendenti in linea retta potranno entrarne in possesso anche successivamente, previa autorizzazione dell'amministrazione comunale. Se non reclamati entro un anno gli oggetti passeranno in proprietà del Comune, che li potrà utilizzare all'interno del cimitero o alienarli con asta pubblica. I ricavi dell'asta sono destinati ad un fondo per la manutenzione ed il miglioramento delle Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 8 di 13

11 opere cimiteriali. art.13 - Rinuncia del concessionario Nel caso di rinuncia il Comune di Allumiere rimborserà esclusivamente una quota parte dell'importo della concessione proporzionale al periodo ancora non goduto. Le eventuali spese di traslazione e di ogni altro adempimento connesso o derivante dalla rinuncia sono a carico del concessionario. art.14 - Personale addetto PARTE III DISCIPLINA DELL'USO DEGLI SPAZI CIMITERIALI Il personale addetto al cimitero è tenuto a mantenere un comportamento decoroso e ad adottare esclusivamente il vestiario fornito dall'amministrazione. E' suo compito la vigilanza sulle opere in corso presso il cimitero comunale e la verifica dell'integrità degli strumenti e delle attrezzature comunali che dovrà allontanare o accantonare impedendo l'uso a terzi qualora ne rilevi condizioni di degrado. art.15 - Orari di visita L'amministrazione comunale stabilisce, secondo due diversi periodi, estivo ed invernale, gli orari di apertura e l'eventuale giorno di chiusura del cimitero. I visitatori sono ammessi fino a 15 minuti prima dell'orario di chiusura. In determinati periodi dell'anno tali orari potranno essere adattati ad esigenze temporanee legate a particolari ricorrenze o manifestazioni. Esigenze particolari possono dar luogo ad autorizzazioni specifiche di accesso anche al di fuori degli orari e del giorno di chiusura stabilito. Tali autorizzazioni sono rilasciate dal Responsabile del servizio cimiteriale. art.16 - Divieti L'accesso al cimitero comunale è vietato a: a. Ai minori di anni 12 non accompagnati da persone adulte; Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 9 di 13

12 b. Alle persone vestite in modo indecoroso o in condizioni di ubriachezza; c. A tutti coloro che abbiano un comportamento non consono alle esigenze di raccoglimento e silenzio che il luogo esige; d. Agli animali; e. Ai mezzi meccanici; Nel cimitero comunale è inoltre vietato: a. Fumare ed elemosinare; b. Asportare fiori e suppellettili dalle tombe altrui; c. Depositare rifiuti al di fuori dei raccoglitori; d. Assistere alle esumazioni o estumulazioni di resti non appartenenti alla propria famiglia. PARTE IV DISCIPLINA DELLE COSTRUZIONI E DELLE MANUTENZIONI DELLE OPERE CIMITERIALI art.17 - Opere e lavori, manutenzione delle opere in concessione Tutte le opere debbono essere mantenute in modo decoroso durante l'intera durata della concessione. In mancanza di un'attenta manutenzione il Comune di Allumiere provvederà ai sensi dell'articolo 10 del presente regolamento. Le opere di nuova costruzione di sepolcri su aree date in concessione possono essere eseguite da qualsiasi impresa purché questa abbia stipulato una polizza fidejussoria a favore del Comune di Allumiere con massimale non inferiore a euro. La polizza sarà svincolata al termine dei lavori dietro parere dell'ufficio tecnico comunale. L'esecuzione di lavori di qualsiasi tipo all'interno del cimitero comunale è subordinato alla presenza del personale addetto alla custodia e devono essere eseguiti nel rispetto delle norme regolamentari e secondo le prescrizioni date nei casi specifici dagli uffici competenti. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 10 di 13

13 L'accesso dei mezzi d'opera e la preparazione di malte o impasti di qualsiasi tipo nell'ambito cimiteriale non è consentita a meno di condizioni particolari che dovranno essere specificatamente autorizzate dietro presentazione di cauzione o polizza fidejussoria il cui valore sarà determinato in base agli spazi necessari o ai percorsi da seguire all'interno del cimitero. In alternativa le imprese possono dotarsi, in forma continuativa, della polizza fidejussoria detta al comma 3 del presente articolo. art.18 - Autorizzazioni alle opere Tutte le opere da eseguire all'interno del cimitero comunale devono essere abilitate secondo le procedure edilizie vigenti e connesse alla fattispecie dell'intervento da eseguire. Sono esenti da procedure abilitative i seguenti interventi: a. sola tamponatura dei loculi già realizzati dall'amministrazione comunale nel rispetto dei materiali indicati dal presente regolamento; b. manutenzione ordinaria di sepolcri nei termini di validità della concessione; art.19 - ornamenti e arredi Portafiori, portafotografie ed ogni ornamento di qualsiasi sepoltura debbono essere realizzati con materiali propri e duraturi. Gli ornamenti e gli arredi debbono essere mantenuti costantemente in buono stato dal concessionario. Qualora il concessionario o i suoi discendenti non vi provvedano in modo tempestivo, il personale di custodia e gli addetti alla pulizia rimuoveranno le piante ed i fiori degradati o secchi. Le inumazioni non possono avere ornamenti né delimitazioni tracciate sul terreno che potrà essere solo parzialmente coperto con ghiaia di travertino. L'inumazione potrà essere individuata da un cippo o da una croce, in pietra o ferro o legno, infissa nel terreno e che abbia dimensioni non maggiori di: 40 centimetri di larghezza 70 centimetri di altezza 20 centimetri di profondità Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 11 di 13

14 Sul cippo o sulla croce dovrà apporsi una targhetta con il nominativo del defunto, la sua data di nascita e di morte. I loculi sono tamponati con materiale di rifinitura lapideo avente le caratteristiche dette al presente regolamento. Gli arredi funebri non possono sporgere oltre 15 centimetri dalla faccia esterna del rivestimento e non possono essere montati sulle fasce di rivestimento laterale poste tra un loculo e l'altro. art.20 - dimensione dei sepolcri di famiglia I sepolcri di famiglia sono distinti in due fattispecie: tombe a terra e cappelle gentilizie. Le tombe a terra sono già configurate nel loro ingombro massimo ed hanno capacità massima di tre sepolture. I concessionari o loro discendenti dovranno eseguire a loro cura e spese i piani intermedi di chiusura ed il piano di copertura, utilizzando tavelloni con sovrapposto massetto armato di spessore minimo 4 centimetri. Le parti esterne ed il piano di copertura dovranno essere rivestiti con materiali lapidei secondo le indicazioni del presente regolamento senza modificare l'altezza del sepolcro o gli ingombri planimetrici che dovranno essere mantenuti uniformi gli uni con gli altri. Su ogni singola tomba è consentita la realizzazione di un monumento funebre, realizzato anch'esso utilizzando i materiali indicati, che, qualsiasi foggia abbia, dovrà essere contenuto nelle seguenti dimensioni massime: 75 centimetri di larghezza 50 centimetri di profondità 110 centimetri di altezza Le cappelle gentilizie sono date in concessione con la fondazione già realizzata. Il progetto di edificazione della cappella gentilizia dovrà essere presentato all'amministrazione comunale entro 4 mesi dalla data di stipula della concessione. Le cappelle sono dimensionate per 10 sepolture e dovranno avere le seguenti misure d'ingombro lordo: 330 centimetri di larghezza Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 12 di 13

15 260 centimetri di profondità 475 centimetri di altezza misurata alla gronda o all'estradosso della copertura. art.21 - Materiali di rivestimento e finitura I sepolcri singoli e collettivi dovranno essere realizzati con materiali tali da conformarsi alla solennità dei luoghi ed alle caratteristiche del territorio, escludendo materiali esotici o non rintracciabili nella tradizione costruttiva e coloristica locale. Sono preferibili marmi dai toni caldi che siano evocativi del colore delle terre di Allumiere. Per le cappelle gentilizie è anche ammessa l'intonacatura. L'uso degli infissi in alluminio o ferro per le cappelle gentilizie è consentito purché sia mantenuta un'adeguata ventilazione e purché in coloriture sobrie. Comune di Allumiere regolamento cimiteriale Pag. 13 di 13

16

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli