Software Defined Networks and Beyond. Outline

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software Defined Networks and Beyond. Outline"

Transcript

1 LEZIONE 28 Uno degli argomenti più nuovi sulle reti attuali, il che vuol dire che i prodotti non sono ancora disponibili perchè non si sa ancora dove si andrà a parare. Fulvio Risso, Politecnico di Torino 1 Outline Introduction Software-Defined s Definition Components OpenFlow Data Plane processing Function Virtualization and Service Chaining Beyond NFV/NSC Standarization bodies Open ing Foundation, Open Daylight 2 The Internet, after 30+ years (1) Internet is still the one we defined 30 years ago Almost the same protocols, same philosophy Internet is a very efficient pipe that transports bits at high speed Gli ultimi 30 anni nel mondo delle reti sembrano avere cristallizzato tutto. Internet è del 1980, TCP lì attorno, R, OSPF, BGP... utilizziamo cose definite 30 anni fa. Questo è curioso, perchè in altri campi del computing c'è stata un'evoluzione pazzesca. Internet è dunque un "tubo": una delle cose che non ha Internet è un "valore aggiunto" a quel tubo. Questo vuol dire che siamo obbligati a usare Internet come lo conosciamo: bit si hanno, bit restano. Una delle ragioni della staticità è la monoliticità degli apparati di rete: questi apparati infatti hanno un componente per fare forwarding (linecard), un SO che gestisce la macchina e tutta una serie di applicazioni (il demone OSPF, il modulino che fa NAT). Tutte le componenti sono all'interno del box di rete: nessuno può modificarli, tranne il costruttore. 3 The Internet and the difficulties to innovate No control on applications Limited control on network paths Cannot extend the Closed to innovations in the infrastructure Questo è molto diverso rispetto a quanto accade in altri mondi. Quando io compro un telefonino io decido che SO mettere sopra. Sono poi sempre io a decidere che applicazioni mettere sopra. Come utente - non ho controllo sulle applicazioni (non posso mettere il mio demone di routing) - non posso estendere il SO e aggiungere funzioni che mi servono - ho un controllo abbastanza limitato rispetto ai percorsi di rete (a OSPF diamo i costi ed è lui che decide i percorsi). Una delle innovazioni dell'ultimo periodo sono stati i programmi P2P, che però girano ai bordi della rete (e non sulla rete). Sarebbe bello scaricare un file da New York e prenderne alcuni pezzettini da una macchina che è più vicina a me. Il problema è che un host vede un client che sta a New York come uno che sta a Torino. 4

2 Software Defined s Paradigm that introduces the possibility to program the network Based on three pillars Separation of control and forwarding functions Centralization of control Well-defined interfaces (northbound and southbound) SDN components Well-defined API Open? Northbound API Simple forwarding switches (in principle, a lookup table) Simpler, faster, cheaper Complex (user-defined) applications Execution environment for control applications (controller) WAN load balancer Routing protocol Extensible Open source? NetOS Open interface to the hardware Standard protocol between controller and data plane switches Southbound API 5 Ecco dunque che nasce l'idea delle SDN. Vogliamo pilotare le reti via SW (posso mettere applicazioni che lavorano sulla rete, definendo il modo in cui è fatta la rete). SDN = proposta di reti di nuova generazione in cui l'utente può modificare come vengono inoltrati i pacchetti (equivalente di nuovi meccanismi di routing fatti in maniera diversa) L'architettura prevede un disaccoppiamento dalla parte HW (che ovviamente rimane nel nodo) da tutto il resto che invece viene tirato fuori. Gli apparati di rete dunque diventeranno "stupidi", come gli switch di L2, mentre tutto il resto viene fatto girare in un server esterno ai box di rete. Le decisioni di inoltro vengono prese dai moduli SW che pilotano gli HW, che è una cosa che succede già adesso: così però c'è separazione tra forwarding e controllo. Seconda idea: centralizzazione del controllo. C'è un server che fa girare l'equivalente dell'ospf. Routing centralizzato. Ci piace poco, perchè siamo arrivati al routing distribuito che invece piace tanto. In certi ambiti, però, il controllo centralizzato è ragionevole: in reti ad alta affidabilità le topologie cambiano abbastanza poco di frequente. Centralizzazione a livello logico, non necessariamente a livello fisico. Le interfacce tra i vari componenti devono essere ben definite, north (tra le APP e SO) e south (tra OS e HW). Questo perchè? La northbound serve per poter scrivere app che vanno sul determinato OS. L'obiettivo principale è permettere di far scrivere agli utenti app che controllano la rete: ci dev'essere dunque un'interfaccia che permette il dialogo con l'os. L'OS a sua volta è in grado di controllare l'intera rete pilotando i box fisici: interfaccia southbound, questa roba una volta non c'era. Dev'essere standard perchè magari voglio avere device differenti. L'OS lo compriamo non necessariamente da chi mi ha venduto l'apparato di rete. 6 An SDN packet flow example WAN load balancer Controller Esempio: mi arriva un pacchetto destinato a una macchina. L'HW non sa che farsene. SDN dice: "prendi il pacchetto e mandalo al controller". L'OS prende il pacchetto e capisce che dev'essere destinato al load balancer, dandolo all'applicazione. Il load balancer decide che il pacchetto dev'essere mandato su X: scrive all'os la decisione, l'os comunica la decisione all'hw e il pacchetto viene inviato. Sul nodo successivo ricomincia il tutto. Un po' lento, no? PCK > X In realtà la decisione si riferisce non al pacchetto ma a una network tuple (una serie di campi configurabili, MAC_S - MAC_D - _S - _ D, Port_S, Port_D): una volta ispezionato il PCK inserisco una regola per cui tutto il traffico che risponde a determinati requisiti fa un suo percorso. La decisione è poi istanziata su uno o più nodi di rete. Se in futuro vengono ricevuti pacchetti che matchano la regola, i pacchetti che arrivano verso il controller sono limitati. Spesso si usano queste regole con le sessioni TCP. 7 Possible functions Synchronization between different physical controllers Virtualization of the network topology Single logical configuration transformed into multiple physical commands 10

3 Software layer that offers a global view of the network to upper applications Right now, we have to configure each single device VLAN, access lists, policies, QoS, The configuration may be incoherent on different devices A NetOS wants to give us the possibility to setup and application that operates across the whole network E.g., check that a new user that connects to the network (from any port) is not infected; if so, give him his privileges/configuration Easy to implement in a centralized controller NetOS may have more features (and a broader scope) in the future 11 SDN and slices >PCK Isolated slices Operating System 1 App App App App App App App App Operating System 2 Operating System 3 Virtualization or Slicing Layer Many operating systems, or Many versions Operating System 4 Open interface to hardware Open interface to hardware Un'altra cosa interessante sono le slices di rete: nome un po' pomposo per parlare di virtualizzazione e VLAN (tecnologia che permette di avere su un'unica infrastruttura fisica tante logiche). Questa esigenza ce la può avere anche un'operatore, che si trova a dover trasportare traffico di tante entità distinte (le nostre ADSL, le aziende che vogliono collegarsi...). SDN permette di realizzare anche questi sistemi: nel momento in cui arriva il pacchetto, decido a livello di controller a chi deve andare e via. A differenza delle VPN tradizionali che sono end to end, l'operatore ha anche il controllo della rete in modo da dire "i pacchetti del Poli passano sopra, quelli dell'uni sotto e non c'è intersezione". In pratica abbiamo il controllo di un tot. di nodi sui quali possiamo installare un nostro sistema operativo. L'operatore di rete mette il suo SO e in più, appunto, esporta la possibilità di installare ulteriori SO su porzioni della macchina. 12 SDN applications Path optimization Fat trees Traffic engineering Bello. Tutto bello. Noi cosa faremmo se avessimo SDN? Boh. Quando io immetto dei dati nella rete, voglio che arrivino dall'altra parte, e questi sono problemi del provider. Le applicazioni ci sono eh, ma tutte per gente particolare: operatori e gestori di data center. Agli utenti finali frega poco. Per flow paths Virtual circuit emulation VM migration Service chaining (presented later) 13 SDN deployment Stable, local networks Datacenters Il deployment di tecnologie SDN non l'ha fatto quasi nessuno. Tranne Google. I vantaggi che ne derivano sono: - network optimization migliore (i link tra i vari data server non permettevano di controllare bene il traffico). Enterprise Edge services (possible) Service chaining model No network service providers so far Except Google 14

4 The good and the bad of SDN Good Bad virtualization forwarding (slicing) hardware E.g., virtual operators, Against the interest of VPNs with network (not major network vendors only edge) support Not scalable (hardware operating system speedup needed) API Focus only on the network as an unique entity In generale, quali sono le cose buone e quelle cattive? Oltre ai vantaggi riportati, gli svantaggi principali sono dati dalla semplificazione dell'hardware: se il mercato degli apparati di rete si trasforma in un mercato in cui tutti riescono a fare tutto, ai grandi questa cosa non piace. Inoltre se io ho in mente altre applicazioni, come ad esempio il firewall, queste non possono sempre girare in maniera centralizzata. 15 LEZIONE 29 OpenFlow è lo standard definito per la southbound interface. A nord non ho standard, perchè il valore è concentrato dove c'è l'applicazione. OpenFlow 16 Introduction OpenFlow idea launched around 2008 Ancestors (e.g., Ethane) published even earlier OpenFlow and SDN Represents a way to implement the southbound interface of SDN SDN can be implemented also with other technologies SDN is what to do, OpenFlow is how to do Flow-based, centralized controller, reactive control E' stato introdotto attorno al 2008 e ha diviso un po' la comunità tra convintissimi e schifatissimi. Si tende a mettere insieme OpenFlow e SDN dicendo che SDN è OpenFlow: in realtà non è vero, come abbiamo visto. OpenFlow è una delle possibili definizioni della southbound interface. E' flow-based (lavora su flussi di traffico e non sui singoli pacchetti), lavora con un controller centralizzato (non prevede controller distribuiti) e c'è un controllo di tipo reattivo (il deployment è fatto secondo la seguente strategia: arriva del traffico al data plane, che non sa come gestirlo, si contatta il controller e il controller dice come fare). Non vuol dire che non si può usare in modalità proattiva, ma nessuno lo fa 17 Software Layer Layer MAC src MAC dst OpenFlow Flow Table Abstraction OpenFlow Firmware Flow Table Src Dst TCP sport TCP dport Action(s) * * * * * port 1 port 1 port 2 port 3 port Controller PC 18 OpenFlow è costituito dal protocollo di scambio tra il controller e il PC, che richiede che il nodo di rete abbia una tabella con tante righe. Su ogni riga c'è un insieme di dati di rete che ci permette di selezionare il flusso del traffico. A ogni riga c'è associata un'azione. Nell'esempio il traffico destinato a dev'essere inoltrato sulla porta 1. La cosa è strettamente parente di un packet filter. In origine si faceva su sessioni TCP (MAC_S, MAC_D _S, _D). Una volta identificato un flusso associamo un'azione. Quando un pacchetto arriva nel nodo viene fatta un'operazione di matching con tutte le righe presenti nel nodo: se c'è match si fa l'azione, altrimenti si manda il pacchetto al controller (cosa fatta con una regola a più bassa precedenza). Sull'oggetto OpenFlow non c'è un control plane. L'equivalente, ad esempio, di un demone OSPF, va messo sul controller.

5 OpenFlow Basics: Flow Table Entries Rule Action Stats Packet + byte counters Azioni previste: 1. tutti i pacchetti che matchano una certa regola vanno su una porta 2. prendi il pacchetto e mandalo al controller 3. butta via (4. manda alla tradizionale pipeline di processing del router) (5. modificare dei campi, utile se dobbiamo implementare NAT) 1. Forward packet to port(s) 2. Encapsulate and forward to controller 3. Drop packet 4. Send to normal processing pipeline 5. Modify Fields (optional) Switch port VLAN ID MAC src MAC dst Ether type src dst proto TCP sport TCP dport + mask for selecting which fields to match 19 The good and the bad of OpenFlow Good Bad Vantaggi e svantaggi. Funzionicchia e prima non ce l'avevamo. Prestazioni ridicole, scalabilità ridicola, va bene solo per applicazioni control plane. A possible way to implement SDN So far, probably the only available choice FORCES? May be suitable for some (limited) environment Datacenters, enterprise campus forwarding hardware OpenFlow 2.0 still a dream Does not seem appropriate to large networks (ISP) Mainly focused on the network Although some data planeoriented primitives are being introduced 26 Secondo alcuni il dataplane è molto più importante del controlplane, specie nell'ottica dell'utente finale a cui interessa molto più ricevere pacchetti (e riceverli senza problemi di sicurezza). Data plane processing 30 Service Chaining (now) [ ] ==== ISP edge router WAN accelerator IDS Monitor QoS Uno dei problemi grossi degli operatori, soprattutto al bordo della rete, è la quantità di box che si usano per fare una certa funzione. Nell'esempio noi siamo collegati con la nostra ADSL a un BIRAS (nodo gigantesco che concentra un tot. di connessioni). Ci può essere la necessità di monitorare il traffico: metto un network monitor. Ci può essere bisogno di QoS, perchè magari qualcuno sta succhiando troppa banda: altro box. C'è la necessità di connessioni di rete protette: firewall + IDS. Due box. E così via. Il numero di box discreti che fanno una sola cosa e vanno messi nella rete diventano esorbitanti. Il box per fare network monitor può lavorare in modalità passiva (riceve copia del traffico e poi ci fa le sue elaborazioni), ma tipo il box che fa QoS proprio no. Mettere un box poi ha i suoi bei costi (analisi + lavoro effettivo) 31

6 Service Chaining (with SDN) Flow table SDN controller WAN accelerator monitor QoS OpenFlow switch La soluzione che si sta proponendo è: ma perchè non usare Open- Flow per risolvere questo problema dei moduli in cascata? Prendiamo il BIRAS e colleghiamolo a uno switch OpenFlow. Prendiamo un FW e colleghiamolo allo switch con 2 link. Poi prendiamo un controller e configuriamo una regola che sfrutti il FW. Il firewall è in cascata sul traffico, ma il FW non è fisicamente in cascata sul filo. In questo modo posso cambiare facilmente la configurazione del controller. Così via per altri moduli. Passiamo da un'architettura lineare a una di tipo stellato, realizzando una catena di servizi con la granularità che più mi piace. Questo scenario è estremamente interessante per un operatore. IDS 32 NSC characteristics Agility in provisioning new services Install the box, then routing is done via software instead of connecting the box to the other with physical wires Maintenance and reliability Cabling is done once Different customers can have different service chains routing done via software, even possible to change its decisions based on other parameters (e.g., application layer content) Difficult to partition a physical appliance among different tenants Many small business customers, each asking for a firewall service 33 Functions Virtualization VM 1 VM Hypervisor WAN accelerator VM 2 Flow table App1 App2 SDN controller Step immediatamente successivo a NSC. Dal punto di vista concettuale non cambia nulla. I box prima infatti erano box fisici. In NFV mi compro un server sul quale metto un hypervisor, dentro creo una o più macchine virtuali e su quelle installo il mio firewall. Vantaggio: molto più flessibile sul provisioning della risorsa. Prima magari abbiamo un firewall che lavora al 5% della CPU e il 95% non lo uso. Così sul server invece posso far girare più network function. L'OpenFlow switch però non è più sufficiente a mandare il traffico al posto giusto: il traffico va al server, e nell'hypervisor ci dev'essere una specie di "smistatore" dallo switch fisico agli switch logici. IDS VM 1 QoS VM 2 NetMon VM 3 OpenFlow switch Evitiamo così di avere tonnellate di HW per una sola network function. Diventa più facile partizionare il carico su N server diversi. VM Hypervisor The good and the bad of NFV Good Bad Data plane-oriented Not very efficient Can leverage data center Data plane tasks are resources (VMs, network) simple and may benefit and existing (software) from (simple) hardware frameworks acceleration Potentially very scalable Syncronization problems Easy to assign a different when an application service instance to each instance need to be tenant installed in multiple VMs 34 Detto così è tutto molto bello, ma non è chiaro se il mondo alla fine sarà così: l'openflow switch è stupido, e questo può essere un problema. Specie perchè i grandi non sono contenti. Questa roba però può essere una figata, perchè se io voglio implementarmi un mio personal firewall caricandolo sul nodo di rete diventa una cosa multipiattaforma (nel senso che indipendentemente dal dispositivo fisico che uso per accedere alla rete ho sempre le mie politiche implementate). D'altro canto ci possono essere problemi di scalabilità e dunque bisogna fare VM un po' più "stringate" 35

7 Some considerations about NFV The classical NFV model may require packets to travel several times back and forth to the switch VMs are good when we need to consolidate many (tiny) application instances on the same physical servers Traffic increase Scaling in An application that requires so many resources that even a dedicated server is not enough must be handled by hand Scaling out 36 Non è detto che il mondo migri a OpenFlow. E' possibile che il mondo migri ad architetture specifiche per la rete, ma non troppo specifiche. Gli apparati futuri potrebbero avere componenti in qualche maniera general purpouse e componenti un po' più orientati al mondo delle reti. Future integrated routers for NFV (1) General purpose processing linecards processing linecards 37 Future integrated routers for NFV (2) s with general purpose processing + network processing More efficient (possibility to exploit hardware accelerators) More scalable Reduced network traffic to/from the router s may become hybrid platforms supporting different kind of applications From network applications to traditional VMs Different hardware accelerators may be available Each application can be mapped on the best processing component Mapping can be done even at finer granularities (at the module level) 38 Qui è riportata la differenza visiva. SDN prende gli stessi dati e li riporta in uscita. In NFV/NSC ho due box distinti: un router stupido che manda i dati su box che modificano i dati. Nel futuro ci si aspetta una cosa più integrata, in cui i box di rete abbiano la capacità di modificare il traffico. SDN vs. NFV/NSC Web cache ache NAT all SDN NFV/NSC (today) NFV/NSC (future) 40

8 Hard to define a suitable southbound API Destination Port L2 bridging Bus, crossbar Critica su OpenFlow. In OpenFlow il router è sostanzialmente una lookup table. E Open- Flow ci permette di configurarla. Se invece dobbiamo fare anche data plane, il modello del router si complica. Il modello di sx non è assolutamente adatto se voglio fare una rete in cui voglio personalizzare gli applicativi data plane. Net 1 Net 2 port1 port3 Memory (TCAM, SRAM, DRAM) Deep Packet Inspection Net 3 Net 4 port1 port2 L3 routing Dedicated ASICs Lookup table VPN accelerators QoS NAT processor The view of a router from a perspective The view of a router from a Computing perspective 41 Slim or fat routers? SDN predicts routers are slim Data plane performance requirements (and the relative simplicity of data plane tasks) suggest that (at least edge) routers need to be fat Slim routers suggest that the network will become a dumb pipe Fat routers may suggest that the network will still have advanced processing capabilities Hence, intelligence Hence, value Slim routers are good for low value, low margins vendors Fat routers are good for current network vendors 42 Standardization 43 Standardization bodies Open ing Foundation Vmware Open standards for SDN OpenDaylight Open source framework (including architecture), to accelerate and advance a common, robust SDN platform IETF Service Chaining working group Uno dei grossi problemi è che quando ci sono troppi appetiti dal punto di vista economico, cominciano a esserci problemi. OpenFlow è stato preso da VMWare, che ha definito una fondazione che tanto open non è e sta cercando di standardizzare OpenFlow. Il problema è che Cisco e VMWare non vanno d'accordo, così Cisco ha rilanciato con OpenDayLight, in cui non si punta a fare uno standard ma cerca di rilasciare in open source il numero maggiore di componenti. ETSI Functions Virtualization 44

9 OpenDaylight 45 Are standards really needed? User program User program User program Non è neanche chiaro se gli standard siano necessari. Se noi facessimo infatti una correlazione tra mondo delle reti e mondo dei PC troveremmo un sacco di somiglianze. Dal punto di vista architetturale c'è una notevole correlazione: ci sono standard nei PC? Pochi. Compilers Programming languages Libraries Northbound interface Southbound interface Also general computing has northbound and southbound interfaces, and no standards exist 46 Thanks for your attention! 47

White Paper. SDN 101: un introduzione al Software-defined networking. citrix.it

White Paper. SDN 101: un introduzione al Software-defined networking. citrix.it SDN 101: un introduzione al Software-defined networking citrix.it Nel corso dell ultimo anno, i temi più discussi nell ambito del networking sono stati il Software-defined networking (SDN) e la virtualizzazione

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

CENTER I L T U O D ATA È P R O N TO P E R L S D N?

CENTER I L T U O D ATA È P R O N TO P E R L S D N? I L T U O D ATA CENTER Data center operators are being challenged to be more agile and responsive and to meet that challenge, investments must be made in data center networks. È P R O N TO P E R L S D

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

IP multimedia services in the NGN

IP multimedia services in the NGN 4. Servizi NGN Pag. 1 IP multimedia services in the NGN In the ETSI the working group TISPAN (Telecommunications and Internet converged Services and Protocols for Advanced Networking) has already defined

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia)

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia) VISTA SULL ORGANIZZAZIONE, IL GOVERNO, LA GESTIONE E LA SICUREZZA DELLA RETE 7 Novembre 2006 Assyrus Srl Azienda di servizi e prodotti Ambito ICT Attività principali Progettazione System integrator / system

Dettagli

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer Packet Tracer? Che cosa è Packet Tracer? Cisco Packet Tracer è un software didattico per l emulazione

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Reti di TLC Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Virtualizzazione e Privacy

Virtualizzazione e Privacy Virtualizzazione e Privacy Outline Virtualizzazione Paravirtualizzazione e Xen Virtualizzazione e anonimato (Mix Network) Virtualizzazione e privacy Isolamento servizi utente Virtual Service Domains Virtualizzazione

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

OpenFlow GARR virtual test-bed

OpenFlow GARR virtual test-bed OpenFlow GARR virtual test-bed Presentazione dell attività svolta Il lavoro di ricerca svolto su OF Borsista GARR 2011/2012 Scopo della borsa: studiare le potenzialità delle SDN, in particolare del protocollo

Dettagli

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO

Cisco Networking Academy Program. Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO Cisco Networking Academy Program Nuovi Curricula CCNA ITIS E. MAJORANA CESANO MADERNO 1 Networking Academy Program 2.0 Portfolio 18 Corsi complessivi CAREERS Enterprise Networking CCNP Advanced Routing

Dettagli

Software Defined Networks di Riccardo Florio

Software Defined Networks di Riccardo Florio Software Defined Networks di Riccardo Florio Dopo anni di innovazioni tecnologiche, che si sono orientate fondamentalmente verso l'incremento di prestazioni prima e di funzionalità successivamente, i trend

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta)

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Al momento della pubblicazione di questo articolo Windows Server 8 è ancora in versione beta quindi c è la possibilità che cambino ancora le carte

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Iptables. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Iptables. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Iptables Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Iptables Iptables e' utilizzato per compilare, mantenere ed ispezionare le tabelle di instradamento nel kernel di Linux La configurazione di iptables e' molto

Dettagli

Il livello 3 della pila ISO/OSI. Il protocollo IP e il protocollo ICMP

Il livello 3 della pila ISO/OSI. Il protocollo IP e il protocollo ICMP Il livello 3 della pila ISO/OSI Il protocollo IP e il protocollo ICMP IL LIVELLO 3 - il protocollo IP Il livello 3 della pila ISO/OSI che ci interessa è l Internet Protocol, o più brevemente IP. Visto

Dettagli

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to Real Time Hypervisor Esperti di Real-Time e Sistemi Embedded Real-Time Systems GmbH Gartenstrasse 33 D-88212 Ravensburg

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response Compatibile con diversi Canali di Comunicazione Call Center / Interactive Voice Response ATM PLUS + Certificato digitale Dispositivi Portatili Mutua Autenticazione per E-mail/documenti 46 ,classico richiamo

Dettagli

Trasparenza sulle nuvole

Trasparenza sulle nuvole Trasparenza sulle nuvole Sandro Pedrazzini SUPSI, Dipartimento Tecnologie Innovative, ISIN Canoo Engineering AG Presentazione presso Lugano Communication Forum 2009 Conclusioni: tra i tanti trend in informatica,

Dettagli

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 Reti di Trasporto Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08 1 Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 2 Reti dati per le aziende 2) 10.0.2.x 3) 10.0.3.x 4) 10.0.4.x 1) 10.0.1.x 5) 10.0.5.x 8) 10.0.8.x 6)

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni

L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni AUTORI Maurizio Bigoloni Franco Corti Maria Antonietta Di Jonno Damiano Manocchia L evoluzione dei sistemi di telecontrollo: metodologie, approcci e soluzioni Introduzione OBIETTIVO: ANALISI DEGLI SCENARI

Dettagli

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Dipartimento di Elettronica e Informazione Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it Evento ZeroUno, Milano, 24 marzo 2011 Le esigenze degli IT manager Le principali

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM ITALIANO Principali Step per la configurazione I dispositivi di

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.6 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

VERYSchool: Valuable EneRgY for a smart School

VERYSchool: Valuable EneRgY for a smart School CIP-Pilot actions VERYSchool: Valuable EneRgY for a smart School Progetto Pilota Scuola elementare Lesa(NO) Angelo Uggè Integrated system for home management and energy savings SCE GROUP HIGH-TECH PARK

Dettagli

Agilità e sicurezza nella Cloud privata: un traguardo possibile?

Agilità e sicurezza nella Cloud privata: un traguardo possibile? Agilità e sicurezza nella Cloud privata: un traguardo possibile? Cliente o Partner A. Verri Technical Solutions Architect, Cisco L. Mattii Data Center & Virtualization Mediterranean Region, Cisco Allineare

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Elementi di Configurazione di un Router

Elementi di Configurazione di un Router Antonio Cianfrani Elementi di Configurazione di un Router Router IP: generalità Il router ha le stesse componenti base di un PC (CPU, memoria, system bus e interfacce input/output) Come tutti i computer

Dettagli

VDI Solution. Today - Tough Choice for VDI Delopment. One or two application non browser-based activity.

VDI Solution. Today - Tough Choice for VDI Delopment. One or two application non browser-based activity. VDI Today Requirement 1. Central management; 2. High performance master image and working cache; 3. Fast system scalability (increase desktop provisioning); 4. High security environment; 5. Access anywhere

Dettagli

Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet

Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet Insert Photo Here Protocolli di comunicazione per HMI: dalle reti proprietarie agli standard Ethernet Roberto Motta, Local Business Leader IA Davide Travaglia, Commercial Engineer View 1 L evoluzione delle

Dettagli

Architettura Hardware di un Router

Architettura Hardware di un Router - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Architettura Hardware di un Router Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè Wide Area Network (WAN) Le principali

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based Cosa sono le API? Consideriamo il problema di un programmatore che voglia sviluppare un applicativo che faccia uso dei servizi messi a disposizione

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Guida alla configurazione Configuration Guide

Guida alla configurazione Configuration Guide Guida alla configurazione Configuration Guide Configurazione telecamere IP con DVR analogici, compatibili IP IP cameras configuration with analog DVR, IP compatible Menu principale: Fare clic con il pulsante

Dettagli

GoCloud just google consulting

GoCloud just google consulting La visione Cloud di Google: cosa cambia per i profili tecnici? GoCloud just google consulting Workshop sulle competenze ed il lavoro degli IT Systems Architect Vincenzo Gianferrari Pini

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli

SDSDN e sperimentazioni di VM migration

SDSDN e sperimentazioni di VM migration ALMA MATER STUDIORUM- -UUNIVERSITÀ DDI BOLOGNA SEDE DI CESENA SECONDA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA SDSDN e sperimentazioni di VM migration

Dettagli

L architettura di rete FlexNetwork

L architettura di rete FlexNetwork HP L offerta di soluzioni e servizi per il networking di HP si inserisce nella strategia che concorre a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione di data

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer CLOUD COMPUTING Un viaggio tra le nuvole Giuseppe De Pascale Senior System Engineer Agenda Cloud computing definizioni e terminologia Principali servizi Cloud Organizzazione dell infrastruttura di Cloud

Dettagli

Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete

Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Padova Architetture, Tecnologie e Piattaforme per Servizi in Rete Massimo Maresca (CIPI) Dip. Ing. Informazione - Università di Padova Convegno

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA2006/07 - Blocco 5 1 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM

Dettagli

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR Luca Rea, Cristiano Zema, Sergio Pompei, Francesco Matera Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italy lrea@fub.it Valerio Martini, Piero

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Adozione del Cloud: Le Domande Inevitabili

Adozione del Cloud: Le Domande Inevitabili Adozione del Cloud: Le Domande Inevitabili All IT Aziendale Quali sono i rischi che non esistevano negli ambienti fisici o virtualmente statici? Ho bisogno di separare ruoli di amministratore dei server

Dettagli

Application Consolidation. Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa

Application Consolidation. Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa Application Consolidation Un Approccio Pragmatico al Contenimento dei Costi ed al Miglioramento dell Efficienza Operativa AGENDA Contesto Driver Tecnologici Driver di Continuita dei Servizi Approccio Q&A

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.7 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori.

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori. IL MULTIPROCESSING Il problema: necessità di aumento della potenza di calcolo. La velocità di propagazione del segnale (20 cm/ns) impone limiti strutturali all incremento della velocità dei processori

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ - 0MNSWK0082LUA - - ITALIANO - DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ Il produttore non accetta responsabilità per la perdita di dati, produttività, dispositivi o qualunque altro danno o costo associato (diretto

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati.

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. Progetto Michelangelo Click4Care - ThinkHealth System Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. 1 Storia Pfizer ha sviluppato negli ultimi anni know-how nel

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Il routing nelle reti IP

Il routing nelle reti IP Il routing nelle reti IP A.A. 005/006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Guida rapida di installazione

Guida rapida di installazione Configurazione 1) Collegare il Router Hamlet HRDSL108 Wireless ADSL2+ come mostrato in figura:. Router ADSL2+ Wireless Super G 108 Mbit Guida rapida di installazione Informiamo che il prodotto è stato

Dettagli

Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008

Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008 tesi di laurea Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008 relatore Ch.mo prof. Roberto Canonico correlatore ing. Pasquale Di Gennaro candidato Roberto

Dettagli

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia

Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Alessandro Huber Chief Technology Officer, Microsoft Italia Claudia Angelelli Service Line Manager, Microsoft Italia Contenimento dei costi di gestione Acquisizioni/ merge Rafforzare la relazione con

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Sicurezza per il Data Center basato sul Software Define Networking (SDN)

Sicurezza per il Data Center basato sul Software Define Networking (SDN) Sicurezza per il Data Center basato sul Software Define Networking (SDN) Alessandro Mauceri Borsista GARR Bando 01/15 presso l INFN di Catania Tutor Dr. Giuseppe Andronico 7 Borsisti Day 20/01/2016 Roma

Dettagli

Virtualizzazione. Business Continuity

Virtualizzazione. Business Continuity Virtualizzazione Business Continuity Riepilogo vantaggi (2) Gestione dei sistemi semplificata rapidità nella messa in opera di nuovi sistemi gestione semplice di risorse eterogenee definizione di procedure

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici (relazione per convegno ISTUD) Fabrizio Renzi Direttore tecnico, area sistemi IBM Italia Fabrizio_renzi@it.ibm.com

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

INTERNET INTRANET EXTRANET

INTERNET INTRANET EXTRANET LEZIONE DEL 17/10/08 Prof.ssa Antonella LONGO In un sistema WEB possono esserci tre configurazioni possibili: internet, intranet ed extranet. La differenza viene fatta dalla presenza o meno di firewall

Dettagli

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio.Ricciardi@zeroshell.net www.zeroshell.net Proteggere una piccola rete con stile ( Autore: cristiancolombini@libero.it

Dettagli

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261)

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Questo corso ha lo scopo di fornire ai professionisti senza esperienza specifica di lavoro con Microsoft

Dettagli

Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione. Intersezioni per una sintesi ottimale

Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione. Intersezioni per una sintesi ottimale Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione Intersezioni per una sintesi ottimale Padova, mercoledì 11 maggio 2011 Livio Paradiso PG. 1 Organizzazione Fastweb Management & Staff 1.85 Consumer SME

Dettagli

m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it

m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it Prevenire è meglio che curare Chi ben comincia Tutto ciò che non è espressamente permesso

Dettagli

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio Linux Day 2009 24/10/09 Cloud Computing Diego Feruglio Cos è il Cloud Computing? An emerging computing paradigm where data and services reside in massively scalable data centers and can be ubiquitously

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE

MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE MS WINDOWS SERVER 2008 - DESIGNING A WINDOWS SERVER 2008 NETWORK INFRASTRUCTURE UN BUON MOTIVO PER [cod. E112] L obiettivo del Corso è fornire ai partecipanti la preparazione e le competenze necessarie

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Sicurezza applicata in rete

Sicurezza applicata in rete Sicurezza applicata in rete Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Servizi End-To-End VPN

Servizi End-To-End VPN Servizi End-To-End VPN Marco Marletta Consortium GARR marco.marletta@garr.it Laura Leone Consortium GARR laura.leone@garr.it 2 AGENDA Qualità del servizio E2E Review dei servizi E2E MPLS Modelli di VPN

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli