Software Defined Networks and Beyond. Outline

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software Defined Networks and Beyond. Outline"

Transcript

1 LEZIONE 28 Uno degli argomenti più nuovi sulle reti attuali, il che vuol dire che i prodotti non sono ancora disponibili perchè non si sa ancora dove si andrà a parare. Fulvio Risso, Politecnico di Torino 1 Outline Introduction Software-Defined s Definition Components OpenFlow Data Plane processing Function Virtualization and Service Chaining Beyond NFV/NSC Standarization bodies Open ing Foundation, Open Daylight 2 The Internet, after 30+ years (1) Internet is still the one we defined 30 years ago Almost the same protocols, same philosophy Internet is a very efficient pipe that transports bits at high speed Gli ultimi 30 anni nel mondo delle reti sembrano avere cristallizzato tutto. Internet è del 1980, TCP lì attorno, R, OSPF, BGP... utilizziamo cose definite 30 anni fa. Questo è curioso, perchè in altri campi del computing c'è stata un'evoluzione pazzesca. Internet è dunque un "tubo": una delle cose che non ha Internet è un "valore aggiunto" a quel tubo. Questo vuol dire che siamo obbligati a usare Internet come lo conosciamo: bit si hanno, bit restano. Una delle ragioni della staticità è la monoliticità degli apparati di rete: questi apparati infatti hanno un componente per fare forwarding (linecard), un SO che gestisce la macchina e tutta una serie di applicazioni (il demone OSPF, il modulino che fa NAT). Tutte le componenti sono all'interno del box di rete: nessuno può modificarli, tranne il costruttore. 3 The Internet and the difficulties to innovate No control on applications Limited control on network paths Cannot extend the Closed to innovations in the infrastructure Questo è molto diverso rispetto a quanto accade in altri mondi. Quando io compro un telefonino io decido che SO mettere sopra. Sono poi sempre io a decidere che applicazioni mettere sopra. Come utente - non ho controllo sulle applicazioni (non posso mettere il mio demone di routing) - non posso estendere il SO e aggiungere funzioni che mi servono - ho un controllo abbastanza limitato rispetto ai percorsi di rete (a OSPF diamo i costi ed è lui che decide i percorsi). Una delle innovazioni dell'ultimo periodo sono stati i programmi P2P, che però girano ai bordi della rete (e non sulla rete). Sarebbe bello scaricare un file da New York e prenderne alcuni pezzettini da una macchina che è più vicina a me. Il problema è che un host vede un client che sta a New York come uno che sta a Torino. 4

2 Software Defined s Paradigm that introduces the possibility to program the network Based on three pillars Separation of control and forwarding functions Centralization of control Well-defined interfaces (northbound and southbound) SDN components Well-defined API Open? Northbound API Simple forwarding switches (in principle, a lookup table) Simpler, faster, cheaper Complex (user-defined) applications Execution environment for control applications (controller) WAN load balancer Routing protocol Extensible Open source? NetOS Open interface to the hardware Standard protocol between controller and data plane switches Southbound API 5 Ecco dunque che nasce l'idea delle SDN. Vogliamo pilotare le reti via SW (posso mettere applicazioni che lavorano sulla rete, definendo il modo in cui è fatta la rete). SDN = proposta di reti di nuova generazione in cui l'utente può modificare come vengono inoltrati i pacchetti (equivalente di nuovi meccanismi di routing fatti in maniera diversa) L'architettura prevede un disaccoppiamento dalla parte HW (che ovviamente rimane nel nodo) da tutto il resto che invece viene tirato fuori. Gli apparati di rete dunque diventeranno "stupidi", come gli switch di L2, mentre tutto il resto viene fatto girare in un server esterno ai box di rete. Le decisioni di inoltro vengono prese dai moduli SW che pilotano gli HW, che è una cosa che succede già adesso: così però c'è separazione tra forwarding e controllo. Seconda idea: centralizzazione del controllo. C'è un server che fa girare l'equivalente dell'ospf. Routing centralizzato. Ci piace poco, perchè siamo arrivati al routing distribuito che invece piace tanto. In certi ambiti, però, il controllo centralizzato è ragionevole: in reti ad alta affidabilità le topologie cambiano abbastanza poco di frequente. Centralizzazione a livello logico, non necessariamente a livello fisico. Le interfacce tra i vari componenti devono essere ben definite, north (tra le APP e SO) e south (tra OS e HW). Questo perchè? La northbound serve per poter scrivere app che vanno sul determinato OS. L'obiettivo principale è permettere di far scrivere agli utenti app che controllano la rete: ci dev'essere dunque un'interfaccia che permette il dialogo con l'os. L'OS a sua volta è in grado di controllare l'intera rete pilotando i box fisici: interfaccia southbound, questa roba una volta non c'era. Dev'essere standard perchè magari voglio avere device differenti. L'OS lo compriamo non necessariamente da chi mi ha venduto l'apparato di rete. 6 An SDN packet flow example WAN load balancer Controller Esempio: mi arriva un pacchetto destinato a una macchina. L'HW non sa che farsene. SDN dice: "prendi il pacchetto e mandalo al controller". L'OS prende il pacchetto e capisce che dev'essere destinato al load balancer, dandolo all'applicazione. Il load balancer decide che il pacchetto dev'essere mandato su X: scrive all'os la decisione, l'os comunica la decisione all'hw e il pacchetto viene inviato. Sul nodo successivo ricomincia il tutto. Un po' lento, no? PCK > X In realtà la decisione si riferisce non al pacchetto ma a una network tuple (una serie di campi configurabili, MAC_S - MAC_D - _S - _ D, Port_S, Port_D): una volta ispezionato il PCK inserisco una regola per cui tutto il traffico che risponde a determinati requisiti fa un suo percorso. La decisione è poi istanziata su uno o più nodi di rete. Se in futuro vengono ricevuti pacchetti che matchano la regola, i pacchetti che arrivano verso il controller sono limitati. Spesso si usano queste regole con le sessioni TCP. 7 Possible functions Synchronization between different physical controllers Virtualization of the network topology Single logical configuration transformed into multiple physical commands 10

3 Software layer that offers a global view of the network to upper applications Right now, we have to configure each single device VLAN, access lists, policies, QoS, The configuration may be incoherent on different devices A NetOS wants to give us the possibility to setup and application that operates across the whole network E.g., check that a new user that connects to the network (from any port) is not infected; if so, give him his privileges/configuration Easy to implement in a centralized controller NetOS may have more features (and a broader scope) in the future 11 SDN and slices >PCK Isolated slices Operating System 1 App App App App App App App App Operating System 2 Operating System 3 Virtualization or Slicing Layer Many operating systems, or Many versions Operating System 4 Open interface to hardware Open interface to hardware Un'altra cosa interessante sono le slices di rete: nome un po' pomposo per parlare di virtualizzazione e VLAN (tecnologia che permette di avere su un'unica infrastruttura fisica tante logiche). Questa esigenza ce la può avere anche un'operatore, che si trova a dover trasportare traffico di tante entità distinte (le nostre ADSL, le aziende che vogliono collegarsi...). SDN permette di realizzare anche questi sistemi: nel momento in cui arriva il pacchetto, decido a livello di controller a chi deve andare e via. A differenza delle VPN tradizionali che sono end to end, l'operatore ha anche il controllo della rete in modo da dire "i pacchetti del Poli passano sopra, quelli dell'uni sotto e non c'è intersezione". In pratica abbiamo il controllo di un tot. di nodi sui quali possiamo installare un nostro sistema operativo. L'operatore di rete mette il suo SO e in più, appunto, esporta la possibilità di installare ulteriori SO su porzioni della macchina. 12 SDN applications Path optimization Fat trees Traffic engineering Bello. Tutto bello. Noi cosa faremmo se avessimo SDN? Boh. Quando io immetto dei dati nella rete, voglio che arrivino dall'altra parte, e questi sono problemi del provider. Le applicazioni ci sono eh, ma tutte per gente particolare: operatori e gestori di data center. Agli utenti finali frega poco. Per flow paths Virtual circuit emulation VM migration Service chaining (presented later) 13 SDN deployment Stable, local networks Datacenters Il deployment di tecnologie SDN non l'ha fatto quasi nessuno. Tranne Google. I vantaggi che ne derivano sono: - network optimization migliore (i link tra i vari data server non permettevano di controllare bene il traffico). Enterprise Edge services (possible) Service chaining model No network service providers so far Except Google 14

4 The good and the bad of SDN Good Bad virtualization forwarding (slicing) hardware E.g., virtual operators, Against the interest of VPNs with network (not major network vendors only edge) support Not scalable (hardware operating system speedup needed) API Focus only on the network as an unique entity In generale, quali sono le cose buone e quelle cattive? Oltre ai vantaggi riportati, gli svantaggi principali sono dati dalla semplificazione dell'hardware: se il mercato degli apparati di rete si trasforma in un mercato in cui tutti riescono a fare tutto, ai grandi questa cosa non piace. Inoltre se io ho in mente altre applicazioni, come ad esempio il firewall, queste non possono sempre girare in maniera centralizzata. 15 LEZIONE 29 OpenFlow è lo standard definito per la southbound interface. A nord non ho standard, perchè il valore è concentrato dove c'è l'applicazione. OpenFlow 16 Introduction OpenFlow idea launched around 2008 Ancestors (e.g., Ethane) published even earlier OpenFlow and SDN Represents a way to implement the southbound interface of SDN SDN can be implemented also with other technologies SDN is what to do, OpenFlow is how to do Flow-based, centralized controller, reactive control E' stato introdotto attorno al 2008 e ha diviso un po' la comunità tra convintissimi e schifatissimi. Si tende a mettere insieme OpenFlow e SDN dicendo che SDN è OpenFlow: in realtà non è vero, come abbiamo visto. OpenFlow è una delle possibili definizioni della southbound interface. E' flow-based (lavora su flussi di traffico e non sui singoli pacchetti), lavora con un controller centralizzato (non prevede controller distribuiti) e c'è un controllo di tipo reattivo (il deployment è fatto secondo la seguente strategia: arriva del traffico al data plane, che non sa come gestirlo, si contatta il controller e il controller dice come fare). Non vuol dire che non si può usare in modalità proattiva, ma nessuno lo fa 17 Software Layer Layer MAC src MAC dst OpenFlow Flow Table Abstraction OpenFlow Firmware Flow Table Src Dst TCP sport TCP dport Action(s) * * * * * port 1 port 1 port 2 port 3 port Controller PC 18 OpenFlow è costituito dal protocollo di scambio tra il controller e il PC, che richiede che il nodo di rete abbia una tabella con tante righe. Su ogni riga c'è un insieme di dati di rete che ci permette di selezionare il flusso del traffico. A ogni riga c'è associata un'azione. Nell'esempio il traffico destinato a dev'essere inoltrato sulla porta 1. La cosa è strettamente parente di un packet filter. In origine si faceva su sessioni TCP (MAC_S, MAC_D _S, _D). Una volta identificato un flusso associamo un'azione. Quando un pacchetto arriva nel nodo viene fatta un'operazione di matching con tutte le righe presenti nel nodo: se c'è match si fa l'azione, altrimenti si manda il pacchetto al controller (cosa fatta con una regola a più bassa precedenza). Sull'oggetto OpenFlow non c'è un control plane. L'equivalente, ad esempio, di un demone OSPF, va messo sul controller.

5 OpenFlow Basics: Flow Table Entries Rule Action Stats Packet + byte counters Azioni previste: 1. tutti i pacchetti che matchano una certa regola vanno su una porta 2. prendi il pacchetto e mandalo al controller 3. butta via (4. manda alla tradizionale pipeline di processing del router) (5. modificare dei campi, utile se dobbiamo implementare NAT) 1. Forward packet to port(s) 2. Encapsulate and forward to controller 3. Drop packet 4. Send to normal processing pipeline 5. Modify Fields (optional) Switch port VLAN ID MAC src MAC dst Ether type src dst proto TCP sport TCP dport + mask for selecting which fields to match 19 The good and the bad of OpenFlow Good Bad Vantaggi e svantaggi. Funzionicchia e prima non ce l'avevamo. Prestazioni ridicole, scalabilità ridicola, va bene solo per applicazioni control plane. A possible way to implement SDN So far, probably the only available choice FORCES? May be suitable for some (limited) environment Datacenters, enterprise campus forwarding hardware OpenFlow 2.0 still a dream Does not seem appropriate to large networks (ISP) Mainly focused on the network Although some data planeoriented primitives are being introduced 26 Secondo alcuni il dataplane è molto più importante del controlplane, specie nell'ottica dell'utente finale a cui interessa molto più ricevere pacchetti (e riceverli senza problemi di sicurezza). Data plane processing 30 Service Chaining (now) [ ] ==== ISP edge router WAN accelerator IDS Monitor QoS Uno dei problemi grossi degli operatori, soprattutto al bordo della rete, è la quantità di box che si usano per fare una certa funzione. Nell'esempio noi siamo collegati con la nostra ADSL a un BIRAS (nodo gigantesco che concentra un tot. di connessioni). Ci può essere la necessità di monitorare il traffico: metto un network monitor. Ci può essere bisogno di QoS, perchè magari qualcuno sta succhiando troppa banda: altro box. C'è la necessità di connessioni di rete protette: firewall + IDS. Due box. E così via. Il numero di box discreti che fanno una sola cosa e vanno messi nella rete diventano esorbitanti. Il box per fare network monitor può lavorare in modalità passiva (riceve copia del traffico e poi ci fa le sue elaborazioni), ma tipo il box che fa QoS proprio no. Mettere un box poi ha i suoi bei costi (analisi + lavoro effettivo) 31

6 Service Chaining (with SDN) Flow table SDN controller WAN accelerator monitor QoS OpenFlow switch La soluzione che si sta proponendo è: ma perchè non usare Open- Flow per risolvere questo problema dei moduli in cascata? Prendiamo il BIRAS e colleghiamolo a uno switch OpenFlow. Prendiamo un FW e colleghiamolo allo switch con 2 link. Poi prendiamo un controller e configuriamo una regola che sfrutti il FW. Il firewall è in cascata sul traffico, ma il FW non è fisicamente in cascata sul filo. In questo modo posso cambiare facilmente la configurazione del controller. Così via per altri moduli. Passiamo da un'architettura lineare a una di tipo stellato, realizzando una catena di servizi con la granularità che più mi piace. Questo scenario è estremamente interessante per un operatore. IDS 32 NSC characteristics Agility in provisioning new services Install the box, then routing is done via software instead of connecting the box to the other with physical wires Maintenance and reliability Cabling is done once Different customers can have different service chains routing done via software, even possible to change its decisions based on other parameters (e.g., application layer content) Difficult to partition a physical appliance among different tenants Many small business customers, each asking for a firewall service 33 Functions Virtualization VM 1 VM Hypervisor WAN accelerator VM 2 Flow table App1 App2 SDN controller Step immediatamente successivo a NSC. Dal punto di vista concettuale non cambia nulla. I box prima infatti erano box fisici. In NFV mi compro un server sul quale metto un hypervisor, dentro creo una o più macchine virtuali e su quelle installo il mio firewall. Vantaggio: molto più flessibile sul provisioning della risorsa. Prima magari abbiamo un firewall che lavora al 5% della CPU e il 95% non lo uso. Così sul server invece posso far girare più network function. L'OpenFlow switch però non è più sufficiente a mandare il traffico al posto giusto: il traffico va al server, e nell'hypervisor ci dev'essere una specie di "smistatore" dallo switch fisico agli switch logici. IDS VM 1 QoS VM 2 NetMon VM 3 OpenFlow switch Evitiamo così di avere tonnellate di HW per una sola network function. Diventa più facile partizionare il carico su N server diversi. VM Hypervisor The good and the bad of NFV Good Bad Data plane-oriented Not very efficient Can leverage data center Data plane tasks are resources (VMs, network) simple and may benefit and existing (software) from (simple) hardware frameworks acceleration Potentially very scalable Syncronization problems Easy to assign a different when an application service instance to each instance need to be tenant installed in multiple VMs 34 Detto così è tutto molto bello, ma non è chiaro se il mondo alla fine sarà così: l'openflow switch è stupido, e questo può essere un problema. Specie perchè i grandi non sono contenti. Questa roba però può essere una figata, perchè se io voglio implementarmi un mio personal firewall caricandolo sul nodo di rete diventa una cosa multipiattaforma (nel senso che indipendentemente dal dispositivo fisico che uso per accedere alla rete ho sempre le mie politiche implementate). D'altro canto ci possono essere problemi di scalabilità e dunque bisogna fare VM un po' più "stringate" 35

7 Some considerations about NFV The classical NFV model may require packets to travel several times back and forth to the switch VMs are good when we need to consolidate many (tiny) application instances on the same physical servers Traffic increase Scaling in An application that requires so many resources that even a dedicated server is not enough must be handled by hand Scaling out 36 Non è detto che il mondo migri a OpenFlow. E' possibile che il mondo migri ad architetture specifiche per la rete, ma non troppo specifiche. Gli apparati futuri potrebbero avere componenti in qualche maniera general purpouse e componenti un po' più orientati al mondo delle reti. Future integrated routers for NFV (1) General purpose processing linecards processing linecards 37 Future integrated routers for NFV (2) s with general purpose processing + network processing More efficient (possibility to exploit hardware accelerators) More scalable Reduced network traffic to/from the router s may become hybrid platforms supporting different kind of applications From network applications to traditional VMs Different hardware accelerators may be available Each application can be mapped on the best processing component Mapping can be done even at finer granularities (at the module level) 38 Qui è riportata la differenza visiva. SDN prende gli stessi dati e li riporta in uscita. In NFV/NSC ho due box distinti: un router stupido che manda i dati su box che modificano i dati. Nel futuro ci si aspetta una cosa più integrata, in cui i box di rete abbiano la capacità di modificare il traffico. SDN vs. NFV/NSC Web cache ache NAT all SDN NFV/NSC (today) NFV/NSC (future) 40

8 Hard to define a suitable southbound API Destination Port L2 bridging Bus, crossbar Critica su OpenFlow. In OpenFlow il router è sostanzialmente una lookup table. E Open- Flow ci permette di configurarla. Se invece dobbiamo fare anche data plane, il modello del router si complica. Il modello di sx non è assolutamente adatto se voglio fare una rete in cui voglio personalizzare gli applicativi data plane. Net 1 Net 2 port1 port3 Memory (TCAM, SRAM, DRAM) Deep Packet Inspection Net 3 Net 4 port1 port2 L3 routing Dedicated ASICs Lookup table VPN accelerators QoS NAT processor The view of a router from a perspective The view of a router from a Computing perspective 41 Slim or fat routers? SDN predicts routers are slim Data plane performance requirements (and the relative simplicity of data plane tasks) suggest that (at least edge) routers need to be fat Slim routers suggest that the network will become a dumb pipe Fat routers may suggest that the network will still have advanced processing capabilities Hence, intelligence Hence, value Slim routers are good for low value, low margins vendors Fat routers are good for current network vendors 42 Standardization 43 Standardization bodies Open ing Foundation Vmware Open standards for SDN OpenDaylight Open source framework (including architecture), to accelerate and advance a common, robust SDN platform IETF Service Chaining working group Uno dei grossi problemi è che quando ci sono troppi appetiti dal punto di vista economico, cominciano a esserci problemi. OpenFlow è stato preso da VMWare, che ha definito una fondazione che tanto open non è e sta cercando di standardizzare OpenFlow. Il problema è che Cisco e VMWare non vanno d'accordo, così Cisco ha rilanciato con OpenDayLight, in cui non si punta a fare uno standard ma cerca di rilasciare in open source il numero maggiore di componenti. ETSI Functions Virtualization 44

9 OpenDaylight 45 Are standards really needed? User program User program User program Non è neanche chiaro se gli standard siano necessari. Se noi facessimo infatti una correlazione tra mondo delle reti e mondo dei PC troveremmo un sacco di somiglianze. Dal punto di vista architetturale c'è una notevole correlazione: ci sono standard nei PC? Pochi. Compilers Programming languages Libraries Northbound interface Southbound interface Also general computing has northbound and southbound interfaces, and no standards exist 46 Thanks for your attention! 47

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Quando il CIO scende in fabbrica

Quando il CIO scende in fabbrica Strategie di protezione ed esempi pratici Alessio L.R. Pennasilico - apennasilico@clusit.it Maurizio Martinozzi - maurizio_martinozzi@trendmicro.it Security Summit Verona, Ottobre 2014 $whois -=mayhem=-

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli