Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 La mia Africa Nairobi. Pericolosa, violenta, ma cosmopolita e vibrante di vitalità. Mi sono affrettato fuori città per visitare la casa-museo di Karen Blixen, conosciuta in tutto il mondo soprattutto per il suo libro La mia Africa. Da ragazzo, apprezzai i suoi racconti fiabeschi e in seguito quasi tutta la sua produzione letteraria. All'epoca la casa, imponente ma dalle linee armoniose, confinava con una enorme piantagione di caffè di cui Karen era proprietaria. All'interno fanno bella mostra di sé alcuni stupendi ritratti, dipinti da Karen, di servitori di colore. Li aveva anche descritti nei suoi libri. L'arredamento, per lo più mobili di mogano resistente ai tarli, rivela un gusto raffinato. Alcuni oggetti, come gli stivali di Karen, furono usati nel film La mia Africa con Meryl Streep e Robert Redford. 'Collezionare oggetti è bene, ma muoversi in giro è meglio', affermava Anatole France. A conti fatti, Karen si era dedicata ad entrambe le attività con molto successo. Maria, giovane guida keniota della casa-museo, mi ha indicato una collina in lontananza sull'altopiano di Ngong. Denys Finch-Hatton, compagno di vita di Karen, perse la vita proprio là. L'aereo che stava pilotando precipitò al suolo, se ben ricordo. Il volto di Maria è divenuto un piccolo ovale di tristezza. Sì, è andata così. Karen volle seppellire il corpo di Denys proprio sulla collina. Tornata sorridente ha aggiunto, quasi per enfatizzare gli sbalzi d'umore della scrittrice, Karen metteva davanti alla porta d'ingresso una lanterna color blu, se era allegra. Oppure color rosso, se si sentiva depressa. All'esterno della casa campeggiavano due grandi cipressi e un massiccio albero secolare su cui era cresciuto un delicato fiore di cactus. Maria ha assunto un'aria sognante. L'albero pare simboleggiare la Karen indurita da un matrimonio infelice e dalla difficile gestione della piantagione di caffè. Il fiore 1

2 invece lei giovane, appena sposata, radiosa e piena di fiducia per il futuro. Sarebbero le due Karen delle fotografie, appese su una parete del salotto? Ha annuito. Sì, proprio quelle. Ho partecipato, emozionatissimo, a un safari nel parco nazionale Masai Mara insieme a una coppia di giovani ghanesi in viaggio di nozze. Partivamo al sorgere del sole in jeep da un accampamento piuttosto confortevole, ma non privo di pericoli. Un anno prima un turista, mentre camminava al buio un po' fuori dalla tenda, era stato ucciso da un elefante. Alcuni giovani della tribù masai, la più importante tra le settanta del Kenya, facevano la guardia. Nondimeno, una mattina abbiamo trovato orme di leone vicino alle nostre tende. Una notte sono stato svegliato dai loro ruggiti e dalle risate, agghiaccianti, delle iene. I Masai ci hanno proibito di portare dentro le nostre tende, sebbene sempre sigillate con la chiusura lampo, della frutta. Avrebbe potuto attrarre pericolosamente, anche da distanza, un elefante affamato. Oppure, fastidiosamente, qualche scimmia. Mi sono imposto, a tutti i costi, di non uscire di notte dalla tenda. Nella savana punteggiata di acacie ho avvistato leoni, avvoltoi, sciacalli, zebre, giraffe, elefanti, ippopotami, aquile, bufali e varie specie di antilopi. I momenti più eccitanti li ho vissuti osservando la manovra di attacco, non riuscito, di tre leonesse a un branco di antilopi. Nonché il buffo comportamento di una coppia di ghepardi, alquanto mattacchioni, a qualche metro di distanza dalla nostra jeep. Al confine tra il Kenya e la Tanzania, abbiamo raggiunto il fiume Mara. Viene attraversato ogni estate, per la gioia dei coccodrilli, da circa un milione di animali in fuga dalla siccità. Al di là del confine, in Tanzania, avevano acceso dei grandi fuochi. Accorgendosi del nostro stupore Ngugi, l'autista di solito flemmatico, ha scosso la testa energicamente. Con le fiamme e il fumo vogliono impedire agli animali di sconfinare in Kenya ha detto, in preda alla collera. La bramosia di fare soldi porta ad eccessi del genere. Intorno ai safari, girano somme ingenti? ho chiesto. 2

3 Sì, è una delle attività più lucrose dell'africa orientale. Accendere quei fuochi, però, è da pazzi! Lanciate quelle parole, dure come sassi, Ngugi si è concentrato sulla guida della jeep e sul collegamento radio con i ranger e con altri autisti per conoscere gli spostamenti degli animali. Ho colto uno sguardo di apprezzamento, per la sua professionalità, negli occhi dei miei compagni di safari. Fisico massiccio, sguardo penetrante, viso dominato da un largo naso, sorriso ampio e contagioso, portato alla riflessione, Ngugi spargeva intorno a sé fiducia e sicurezza. Il turismo è una manna per coloro che lavorano nei safari ha aggiunto, ormai rasserenato. Ma anche per gli animali selvatici. Sono rimasto sorpreso. Sarebbe a dire? La popolazione locale ottiene più vantaggi economici a lasciarli liberi di scorrazzare nella savana che a ucciderli. I Masai vivono a stretto contatto con gli animali selvatici, praticamente senza recinzioni. Il cordone ombelicale con la natura per loro sembra non sia mai stato reciso. Rispettano così tanto gli animali da dargli in pasto i propri morti. Solo i capitribù vengono sepolti. Cercano ostinatamente di conservare le loro tradizioni, ma sono sempre più osteggiati dalle autorità del paese. Stanno smettendo di deformarsi le orecchie con grossi fori. Per farsi riconoscere si praticano delle ferite particolari. Rinunciano, sempre più spesso, alla poligamia e ai rituali che celebrano l'inizio della virilità. Niente per loro sembra più prezioso di una vacca col suo vitellino di latte. La passione per il bestiame ha il sapore dell'età della pietra. Le donne cantano più ninne nanne ai vitellini che ai loro stessi bimbi. Ho visitato un tipico villaggio masai. Le capanne di fango erano molto basse per resistere meglio alla pioggia e al vento. C'erano recinzioni per gli animali. Ogni capanna conteneva una parte centrale con il focolare per cucinare, una parte laterale con i letti e un piccoli recinto. Nel recinto mettiamo un vitellino ha detto il capotribù. Fisico giovanile, nonostante l'età, aveva un nobile portamento. La mancanza degli incisivi anteriori mi rendeva difficile comprendere le sue parole, sebbene pronunciate in buon inglese. In questo modo lo mettiamo al riparo da un possibile assalto dei leoni. 3

4 Più mogli complicano la vita di voi uomini? ho chiesto, dopo aver saputo che ne aveva ben sette di tutte le età, comprese un paio di snelle ragazze dagli occhi di gazzella e il viso come la luna. Oh, no ha risposto. Le facciamo abitare in case differenti. Qual è il segreto della vostra longevità? L'alimentazione a base di latte e sangue. Come vi procurate il sangue? Incidendo con un coltello il collo dei bovini. Al termine della nostra conversazione mi ha allungato il bastone, chiedendomi in cambio l'orologio. Di questo avevo bisogno, di quell'altro no. Ho quindi deciso di rifiutare la sua offerta, forse generosa dal suo punto di vista. Ho assistito alle danze tradizionali masai, quasi solo grida e salti in alto. Agitavano le lance, avvolti in drappi multicolori. I loro braccialetti, collane e oggetti simbolici tintinnavano in un'allegra cacofonia. Nel villaggio le donne lavoravano duramente, gli uomini si limitavano a garantire la sicurezza delle famiglie, in particolare contro gli animali selvatici. I giovani avevano il compito di far pascolare gli animali, anche molto lontano dalle loro capanne. I Masai stavano differenziando sempre di più le loro attività. Al punto di dedicarsi alle acconciature con treccine, mettendo da parte l'indomabile spirito guerriero. Mi trovavo in Kenya durante il periodo delle elezioni politiche e amministrative. I turisti si erano tenuti lontani, spaventati dai sanguinosi scontri nei precedenti appuntamenti elettorali. La polizia e l'esercito controllavano gli autobus, in frequenti posti di blocco stradali. Numerosi hotel e negozi erano chiusi per timore di assalti. Mi sentivo, a volte, una specie di corrispondente di guerra. Comportati come se nel paese fosse in vigore il coprifuoco mi ha consigliato Brian, un inglese residente da anni in Africa. Fisico massiccio, pelle del viso cotta dal sole nonostante il cappello di tela a larghe tese perennemente calcato sulla testa, aveva i capelli biondi argentati sulle tempie. La fronte alta, imponente e pensosa mi ricordava Beethoven. Di rado si separava da una bottiglia di birra, rigorosamente di marca Tusker. Era il senso dell'umorismo di Brian la chiave per arrivare alla struttura della sua personalità, la chiave d'accesso. Dopo il tramonto, cioè, rimani chiuso in albergo. Inoltre, controlla dov'è una caserma per eventualmente farti proteggere dalla 4

5 polizia o dall'esercito. Quasi a sdrammatizzare, ha aggiunto, Il problema della sicurezza, in ogni caso, non potrà mai essere peggiore di un matrimonio con una donna africana. Ah sì? E perché? Ha allargato le braccia, sconsolato. Avevo venduto la mia casa a Manchester, convinto di trascorrere tutta la vita in Africa senza preoccupazioni finanziarie. Ma, due divorzi da donne africane dopo, mi ritrovo costretto a tornare in patria per lavorare. Ho imparato a mie spese che, sposata a un bianco, l'africana diviene insaziabile... ma non d'amore! Di consumismo, invece. Pretende, oltretutto, che il marito aiuti di continuo tutto il suo clan familiare. A questo punto, ti basta la compagnia di una Tusker? Sicuro. E da lei non intendo affatto divorziare! Ho ridacchiato. Birra e vagabondaggi, dunque. Mah, vado in giro per vedere nuove cose e anche per lasciarmene alle spalle tante altre. Senza una meta. Mi piace andare e basta. Ho annuito. Anche per me è così, pur allontanandomi da casa solo per qualche mese. Spesso provo orgoglio e gratitudine di fronte alle scoperte interessanti, piacevoli. Mi sento quasi un conquistatore, un privilegiato. La parte più difficile per me è la decisione di partire, vincendo le titubanze e una tenace inquietudine. Ti capisco. Ciò che dà valore al viaggio è proprio il timore di privarci delle abitudini dietro alle quali ci nascondiamo. Mentre mi sposto tra le varie città, cerco di tenere a bada il desiderio di collegarmi con il mondo esterno. E tu? Anch'io. Uso poco la posta elettronica e praticamente mai il telefonino. Brian era curioso, ascoltava, raccontava un aneddoto, accoglieva i miei. Eravamo a nostro agio nell'andirivieni della conversazione. Gli incontri con viaggiatori come lui, colpiti dalla febbre di andare, mi confermavano ogni volta la bontà dell'antico proverbio arabo: Chi vive vede, ma chi viaggia vede molto di più. Dal parco Masai Mara ho viaggiato attraverso la Rift Valley, considerata ideale per allenarsi alla maratona. Viene soprannominata Culla dell'umanità per il ritrovamento, sui suoi altopiani, di scheletri 5

6 umani antichissimi. La posizione geografica e l'altitudine, sui millecinquecento metri, contribuiscono a creare paesaggi unici al mondo. Nulla di lussureggiante, bensì territori distillati lungo i vari livelli dell'altitudine. Colori asciutti, arsi, simili alla terracotta. Il respiro dei panorami appare immenso. Tutto ispira un senso di grandezza, libertà, nobiltà estrema. Si ha la sensazione, sconcertante, di galleggiare nell'aria. Viva come una fiamma scintilla, ondeggia, specchia e raddoppia tutti gli oggetti, creando fantastici miraggi. Dalla riva del lago Nakaru, ho goduto la vista di migliaia e migliaia di fenicotteri. Tinteggiavano di rosa la superficie d'acqua. Muovendomi in canoa sul vicino lago Naivasha, uno dei pochi nel paese di acqua non alcalina, ho assistito al volo in picchiata verso lo specchio d'acqua delle aquile pescatrici. A Nyahururu mi ha affascinato un laghetto, da anni occupato da un branco di ippopotami. Erano liberi di aggirarsi nei dintorni della città. Di giorno restavano immersi nell'acqua, la sera ne uscivano per pascolare. C'erano chiazze d'erba schiacciata nei punti dove erano pesantemente approdati. Quando splende il sole non escono dall'acqua mi ha detto un insegnante della locale scuola, in visita al laghetto insieme a una classe di studenti liceali. Anche se di solito non lo fanno, la prudenza è d'obbligo. Ho annuito. Me n'ero accorto. Quando si mettono in movimento, creano pericoli alla popolazione? Attaccano raramente un essere umano, a meno che si trovi sul loro cammino verso l'acqua. Ci sono altre situazioni pericolose, con gli ippopotami? Certo ha risposto. Se hanno i piccoli, oppure se i maschi stanno lottando per la conquista delle femmine. Nonostante la stagione delle piogge, mi sono impegnato nel trekking sulle pendici del monte Kenya. Svetta nel cielo, a oltre cinquemila metri. Nel 1943, Felice Benuzzi evase insieme ad altri italiani da un campo di concentramento inglese a Nanyuki. Erano troppo affascinati dalla vista del monte, svettante verso il cielo fuori dalla recinzione, per rinunciare a scalarlo. Arrivarono sulla vetta, nonostante l'equipaggiamento improvvisato. Ritornarono, accolti quasi con ammirazione dagli ufficiali inglesi, nel campo di 6

7 concentramento. In seguito, insieme a centinaia di prigionieri italiani, furono obbligati a lavorare alla strada da Nairobi verso la Rift Valley. La stessa che avevo percorso in jeep per visitare il parco Masai Mara. Sono arrivato a Kisumu, sulla riva del lago Victoria, il più esteso del continente. Non profondo, bagna il Kenya, l'uganda e la Tanzania. La città fu visitata, nel 2006, dall'allora senatore Obama in viaggio alla riscoperta delle proprie radici insieme alla moglie. Entrambi si sottoposero al test dell'aids per invitare la popolazione della città, il numero dei malati sfiorava il venti per cento, a fare altrettanto. Sulla riva del lago Victoria le zanzare sono, più che altrove nell'africa orientale, numerose e pericolose come veicolo di contagio di serie malattie. Mi sono protetto, durante la notte, con una rete stesa sopra il letto. Ho evitato di muovermi di sera. Oppure mi sono coperto braccia e gambe e mi sono spruzzato, sulle parti del corpo non protette, l'apposito liquido repellente. Se avessi avvertito i sintomi classici della malaria, avrei fatto uso della medicina locale, comprata a Nairobi. La tenevo, con la massima cura, sempre a portata di mano. Sulla costa oceanica ho visitato Mombasa e Lamu, attraversando velocemente Malindi, una specie di colonia italiana. Mombasa è una città genuinamente africana, ma non solo. Templi indù, decorazioni strappate al Marocco, mercati di spezie indiane in fuga dal Kerala e un'antica fortezza portoghese, Fort Jesus, in passato al centro delle guerre tra portoghesi e arabi. La parte vecchia della città, tutto un dedalo di vicoli, è accattivante. Le porte e i balconi delle case antiche sono di legno intarsiato. Elementi architettonici simili, ma più raffinati, si trovano a Lamu, città medievale ricca di storia. La gente si aggira nelle stradine, baciata dal vento salmastro. Non ci sono automobili. Il tempo viene scandito dal passo, lento e rassegnato, dei somari in movimento tra le case di pietra e corallo. Finita l'epoca, disumana ma lucrosa, del commercio degli schiavi, Lamu fu riscoperta dai viaggiatori più intraprendenti solo una cinquantina d'anni fa. Churchill definì l'uganda 'Perla d'africa'. Una delle sue attrazioni naturali è la cascata Murchison, sul Nilo. Nei suoi pressi fu ambientato il film La regina d'africa, un classico di qualche decina 7

8 di anni fa. Penetrando nel paese dal Kenya, mi sono fermato a Jinja, sul lago Victoria, vicino all'equatore. La città è interessante per gli edifici di architettura indù, ma soprattutto per la sorgente del Nilo. Il fiume, carico di storia, inizia il suo interminabile percorso fino al mar Mediterraneo. Mi ha dispensato forti emozioni, ridiscendendolo in canotto. Ho attraversato in autobus paesaggi fertili, gonfi di verde, di tipo alpino, punteggiati di mucche satolle per giungere a Kampala. Capitale del paese, è costruita come Roma su numerosi colli. Nelle sue vicinanze, a Entebbe, ho adocchiato alcuni scimpanzé nella foresta dove avevano girato i film di Tarzan. All'improvviso, tra gli arbusti sono esplose urla terrificanti. Ho udito il fracasso di qualcosa che si schiantava in mezzo al fogliame. Era una lotta tra scimpanzé. Uno di loro mi ha fatto tornare in mente Cita, la scimmia di Tarzan. Con un ramo ha 'pescato' un frutto, galleggiante su un corso d'acqua. In una radura tre giraffe si muovevano nella loro elegante andatura. Da ferme parevano fiori esotici dal lungo stelo. Alcuni rinoceronti bianchi, lenti e massicci, annusavano l'aria. Di tanto in tanto, sbuffavano. Anche in quella foresta era in atto la dura lotta degli alberi per arrivare alla luce del sole e per la sopravvivenza. Alcuni di loro ne uccidevano altri vicini, strangolandoli a poco a poco. Viaggiando in autobus, ho adocchiato qualche edificio diroccato sul bordo delle strade. Non erano vittime dell'usura del tempo, ma della pazzia distruttiva del dittatore Idi Amin in guerra contro la Tanzania. Malgrado i non molto lontani anni di terrore la gente appariva rilassata, sorridente. Ho attraversato tutto il paese verso ovest, fino al confine col Congo. Nella zona ho scorrazzato sulle pendici dei monti Rwenzori, la più importante catena montagnosa africana. Ho costeggiato laghi vulcanici e attraversato piantagioni di tè. Volute dai colonizzatori inglesi, avevano messo in moto il disboscamento. A Kabale, città sui duemila metri di altitudine, ho girato intorno al lago Bunyonyi, il più scenografico del paese. Viaggiando verso sud, sempre in autobus, sono arrivato al confine con il Ruanda in una regione soprannominata Svizzera africana. I prati di un verde intenso e le mucche, intente a pascolare sui fianchi delle montagne, giustificavano il soprannome. Non i vulcani, i contadini armati di machete, panga, e le coltivazioni a terrazze. Nel parco nazionale Mgahingay avrei voluto incontrare i gorilla di 8

9 montagna, ormai molto rari. La scienziata americana Dian Fossey, interpretata sullo schermo cinematografico da Sigourney Weaver, mi fece penetrare nel loro mondo. Divenuta famosa, grazie al National Geographic, Dian si impegnò con successo a rimuovere dai gorilla l'immagine inquietante di King Kong per sostituirla con una amichevole, rassicurante. Assassinata, probabilmente per mano dei cacciatori di frodo, fu seppellita accanto al suo gorilla preferito, ucciso in precedenza misteriosamente. Le pessime condizioni climatiche e la concreta possibilità che i gorilla fossero sconfinati in Ruanda mi hanno fatto desistere dal proposito di incontrarli. Ho invece praticato il trekking su tre vulcani perfettamente conici, al confine dello stesso parco nazionale. Soffrivo per i violenti temporali. Il vento faceva ondeggiare le piante di banana come piume. Ho girato intorno al lago Mutanda, potenzialmente pericoloso per i numerosi serpenti sulle sue sponde e i coccodrilli e gli ippopotami nelle sue acque. Attraversato il confine con la Tanzania, mi sono fermato a Bukoba, sul lago Victoria. Ho apprezzato i filetti di tilapia, pesce persico del Nilo. Introdotto come fonte di cibo per le sue grandi dimensioni, stava producendo danni irreparabili alla fauna ittica autoctona. Ho proseguito per Mwanza, seconda città del paese. Sembra un enorme villaggio, cresciuto senza alcun piano regolatore. Da un'altura alla periferia della città, Punta Capri, ho gettato lo sguardo sul vicino lago Victoria. Sono arrivato in autobus a Arusha, base di partenza per il Kilimangiaro, il parco nazionale Serengeti e il vulcano Ngorongoro. Pur essendo la città più visitata della Tanzania, mi è parsa altrettanto degradata e mal costruita delle altre città del paese. Vi ho trascorso giornate piacevoli, in fuga dal caldo torrido, grazie all'altitudine sui milleduecento metri. Nei dintorni della città, ho camminato sulle pendici del monte Meru. Sono arrivato in cima al vulcano Ngorongoro, soprannominato Arca di Noè. Il cratere, uno dei più grandi del mondo, racchiude foreste, paludi e un lago. I leoni, gli elefanti, i bufali, le zebre, le gazzelle ed altri animali riescono a scendere nel cratere e poi a risalirlo, nonostante le pareti piuttosto ripide. 9

10 Appena arrivato a Moshi, ho cercato il posto migliore da cui ammirare la cima piatta e innevata del Kilimangiaro. Al mercato cittadino, un turista straniero è stato derubato. Si è subito scatenata la caccia al ladro. Raggiunto, è stato quasi massacrato di botte perché aveva offeso l'onore del paese. A La Paz, in Bolivia, mi trovai in una situazione simile. La gente locale si limitò a guardare, mostrando comprensione per il ladro. Come se fosse giusto rubare a un turista, ritenuto a torto o ragione ricco. A una quarantina di chilometri da Moshi, ho camminato nei dintorni del Kilimangiaro attraverso piantagioni di caffè e di banane. L'ammirazione dal finestrino dei paesaggi, punteggiati di zebre e altri animali selvatici, mi ha aiutato a sopportare i disagi dei lunghi trasferimenti in autobus. Una sera, un branco di bufali è sbucato fuori dalla penombra. Si è fermato sul bordo della strada. Gli animali parevano scolpiti sul posto. Dar es Salaam è la città più importante della Tanzania, ma non ha molto da offrire al visitatore. Mi sono comunque aggirato a lungo tra i quartieri mussulmani e indiani e al mercato del pesce, apprezzando la disponibilità e la cordialità della gente. Doti più tipiche del villaggio che della metropoli. La timida frescura e il cielo color pastello dell'alba, sull'oceano Indiano, si ritiravano rapidamente di fronte all'avanzata inesorabile del bruciante sole equatoriale. I colori del mondo diventavano duri, immutabili. Camminavo allora in un bagno di sudore. Mi sono fermato sulla costa a Bagamoyo, in cerca di storia e di spiagge. Stanley e Livingstone avevano iniziato proprio da là le loro esplorazioni. Il bisogno di frescura mi ha spinto verso l'interno, fino a Lushoto, tra le montagne Usambara. Camminando in mezzo a boschi di pini, eucalipti e alberi tropicali, ho attraversato qualche villaggio. Gli abitanti mi hanno sempre accolto con molta cordialità. Da Dar es Salaam ho preso il ferry per Stone Town sull'arcipelago di Zanzibar, da secoli crocevia di commerci. Nonché di diverse culture: africana, indiana e araba. Nel dedalo di vicoli, profumati di spezie - ricchezza del passato, insieme al commercio dell'avorio e degli schiavi, sostituita sempre più dal turismo -, ho goduto l'immersione nella storia. I sultani avevano costruito i palazzi e il Forte Omani, sul lungomare, come vetrina della città. La città antica, 10

11 subito dietro, è pulsante di vita e ricolma di gioielli architettonici. Inevitabilmente mi sono perso di continuo nei suoi vicoli, cercando invano di trovare punti di riferimento nelle moschee e negli edifici meglio riconoscibili. Sull'Isola della Prigione, di fronte a Stone Town, ho potuto immaginare il dramma degli schiavi in attesa di conoscere il loro amaro destino. Prima della scoperta dell'america venivano per lo più sbarcati in numerosi paesi mediterranei, arabi e orientali. Sull'isola ho praticato lo snorkeling e osservato con interesse enormi tartarughe di terra. Sull'arcipelago i protagonisti assoluti sono il mare color turchese e le spiagge di sabbia bianca, orlate di corallo. Gli abitanti, quasi tutti di fede islamica, non sono fondamentalisti. Anche il turismo, molto diffuso, contribuisce a renderli più flessibili e aperti. Al punto che spesso ricorrono alla frase Hakuna matata, 'non c'è alcun problema'. Per ragioni storiche a Zanzibar serpeggia una palpabile presa di distanza dal governo, senza però sfociare in movimenti separatisti. Entrando nell'arcipelago di Zanzibar viene timbrato il passaporto ai visitatori stranieri, però, anche se hanno già ottenuto il visto per la Tanzania. Sull'arcipelago ho letto scritte, anche molto buffe, nella nostra lingua. Molti parlano italiano e tengono lo stesso sogno nel cassetto: trasferirsi in Italia. La deforestazione appare devastante, su quasi tutto il territorio. I villaggi turistici sono sorti troppo in fretta, senza rispetto per l'ambiente. Chissà, se il disastro ecologico di Zanzibar spingerà le autorità africane a impegnarsi molto di più nella protezione ambientale? Da parte mia, in difesa della natura ho rinunciato all'osservazione dei delfini perché venivano, con ogni mezzo, spinti a saltare per far felici i turisti. Nei paesi visitati, ricchi di materie prime, molto fertili e non troppo sovrappopolati, ho trovato servizi funzionanti in modo accettabile, al punto da ritenere la vita locale normale. Talvolta, però, mi sono imbattuto in zone così degradate da non potere scattare fotografie per rispetto umano. Zone, come l'enorme baraccopoli di Kibera a Nairobi, che mi hanno spinto a considerare il consumismo dei paesi sviluppati futile, assurdo. A Kibera vivono circa un milione di persone. Tra di loro la percentuale dei sieropositivi e dei bambini orfani è altissima. Miseri relitti umani giacciono a terra, 11

12 ammucchiati. Cercano, nella vicinanza reciproca, conforto al vuoto del loro stomaco. Anche nei luoghi non degradati, la gente di solito non vuole essere fotografata. A causa della superstizione? ho chiesto in proposito a Patrick, simpatico ragazzo africano. Piuttosto sveglio e intelligente svolgeva la professione di tassista di motocicletta, boda-boda. Ha scosso la testa. No, le persone semplicemente temono di essere considerate animali dello zoo. E allora, cosa dovrei fare, se volessi fotografare qualcuno? Chiedigli prima di tutto il permesso e offrigli un po' di soldi. La popolazione locale non sembra in possesso del senso dello Stato, per lo più considerato assente e corrotto. Piuttosto si affida alla famiglia e alla tribù. Non a caso, il modulo da riempire in qualche albergo richiede la tribù d'appartenenza. Mi sono mosso con i trasporti locali e ho scelto i ristoranti e gli alberghi frequentati dagli africani. Ho apprezzato il diffuso uso della lingua inglese, dunque. Specialmente in Kenya che, rispetto agli altri due paesi, investe di più nell'educazione scolastica. Nell'Africa orientale viene molto usata anche la lingua swahili. Nata nell'incontro della cultura africana con quella araba, si è nei secoli sviluppata con l'intensificarsi dei matrimoni misti. Le festività swahili, sono agganciate al calendario islamico. Tutte le varie religioni convivono fianco a fianco, senza contrasti. Su qualche modulo burocratico viene richiesta la religione d'appartenenza, a riprova dell'importanza sociale della fede. Le chiese Gospel, molto affollate, mi hanno affascinato per i canti tradizionali, davvero suggestivi. Come in quasi tutti i paesi poveri, il mercato assume una notevole importanza sociale. Molte persone ci trascorrono giornate intere, magari per vendere solo un po' di frutta o verdura. Sembrano soddisfatte comunque di esserci. Non lesinano sorrisi. Accanto al mercato, in genere c'è la zona di arrivo e partenza dei mezzi di trasporto pubblici. La gente s'incontra e discute a lungo intorno ai veicoli, osservando i viaggiatori in partenza e in arrivo. L'ozio non sembra ozio, alla fin fine, ma normale filosofia di vita. Un 'dolce far niente', spinto al limite massimo. Il telefonino è straordinariamente diffuso. Una fetta consistente della popolazione è dedita alla vendita delle ricariche e all'assistenza tecnica. I bimbi sono dappertutto. Nelle strade, sulla schiena delle madri che nel contempo bilanciano 12

13 un peso sulla testa, in braccio a un fratellino o una sorellina. Non di rado scoppiavano a piangere spaventati alla vista di un uomo bianco, mzungu. Il loro pianto nel vedermi, talvolta mi ha fornito un pretesto per attaccare bottone con la gente per strada. Talvolta, ho scherzato con i bambini del luogo. Non scoraggiati dalla barriera linguistica, apparivano disponibili a comunicare. Molti giovani africani, magari con una buona istruzione alle spalle, portavano in giro i clienti su un motorino. Dovevano affrontare i pericoli del traffico caotico e trascorrere lunghe giornate sulla strada. Ma con i lavori per lo più precari, pagati pochissimo, senza vacanze né riposo settimanale, la loro scelta di vita sembrava quasi invidiabile. In genere le persone erano gentili, disponibili. Ridevano di gusto per un nonnulla. Incontrandomi, mi salutavano con parole rispettose. L'ultima era invariabilmente jambo, ciao. Qualcuno si appiccicava ai turisti, in modo asfissiante, per carpire qualche vantaggio economico. La musica della regione è basata sulla marimba, specie di xilofono, e sul ngoma, tamburo. Parola, questa, che significa anche danza a sottolineare la stretta connessione tra i due. Anzi, numerose danze richiedono un tipo speciale di tamburo. La ngoma diurna rassomiglia a una fiera. Sciami di spettatori seguono attentamente i movimenti dei ballerini, per lo più salti energici portati avanti per ore e ore su una radura. L'intera scena somiglia a un campo di battaglia. Da un lato la cavalleria, dall'altro l'artiglieria e nel mezzo la fanteria. Anche il frastuono è simile. La ngoma serale, invece, è intrisa di serietà. Il palcoscenico inizia dai fuochi e finisce laddove giunge la loro luce. Mi piaceva il cibo. In particolare il fish kebab, sulla costa oceanica del Kenya e della Tanzania. Anche nei piccoli villaggi era accettabile. Riso bollito. Patatine fritte. Carne grigliata di pollo, manzo e capra. Matoke, verdure cotte insieme alle banane verdi. Chips mayai, frittata con pezzetti di patata. Mango, avocado e banane. Il cibo da noi è abbondante e costa pochissimo mi ha detto Ali Hassan. Vestito alla maniera mussulmana, era seduto al mio tavolo nel ristorante Happy dinner di Dar es Salaam. La 'H' era scomparsa da un pezzo, come l'ottimismo al momento della scelta del nome. 13

14 Tuttavia l'ambiente, rilassante, favoriva la conversazione. Questa è la nostra ricchezza, insieme alla solidarietà verso i meno fortunati. Può sempre arrivare a ognuno di noi il momento del bisogno. I nostri ritmi giornalieri sono dettati dal sole e dalle stagioni. Giungere a destinazione è la cosa più importante, non quando o come. Nitifika, arriverò. Safiri salama, viaggia in pace. Umefika, sei arrivato. Karibu, benvenuto. La parola io non è così importante quanto le parole nostro e noi. L'enfasi, in ogni aspetto della nostra vita, è sul necessario. A un funerale non portiamo fiori, ma cibo o soldi. Questo è il modo migliore di mostrare solidarietà. Potete affidarvi, in caso di necessità, anche alla tribù. Non è così? Sì, ma in alcune aeree ha perso la sua tradizionale importanza ha risposto, mentre disponeva gli avanzi sul piatto come una natura morta. Come mai? Nyerere, fautore della nostra indipendenza, cercò di abolire il sistema tribale. Ho sorriso. Il solito, eterno conflitto tra antiche tradizioni e voglia di rinnovamento, eh? Già, proprio così. Il viaggio mi ha molto arricchito interiormente, ho pensato arrivando all'aeroporto di Dar es Salaam. Mi ha fatto comprendere meglio La mia Africa. Il tema dominante del libro è, chiaramente, l'attrazione incondizionata di Karen per l'africa. Il suo non era il generico 'mal d'africa', tra fascino esotico e nostalgia. Per lei il paesaggio africano era uno stato d'animo, non solo uno scenario. Si sentiva al posto giusto, in armonia con l'ambiente. E io? Almeno qualche volta, mi sono sentito così? Sì, direi proprio di sì. 14

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Botswana Parco Chobe Mal d'africa assicurato!

Botswana Parco Chobe Mal d'africa assicurato! Il paese è decisamente piccolo, circa 700.000 Kmq., privo di ricchezze naturali e senza sbocco sul mare, coperto dal deserto del Calahari, che poi è un deserto per modo di dire, perché si presenta come

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Art. della rivista MODUS Roche

Art. della rivista MODUS Roche 15 Art. della rivista MODUS Roche 16 17 Turisti per caso Vacanze in crociera di J.S. 18 Non sono stata mai sulla nave in un viaggio lungo, ma conoscere posti come Dubai, Il Cairo, Muskat, Sharm el-sheikh

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Un viaggio veramente speciale La nostra amica Muu Muu, decide di andare in vacanza con i suoi amici, Quatto

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Kenya e Seychelles: un sogno diventa realtà. Gli sposi: Marisa e Stefano

Kenya e Seychelles: un sogno diventa realtà. Gli sposi: Marisa e Stefano Kenya e Seychelles: un sogno diventa realtà Gli sposi: Marisa e Stefano Programma di viaggio 26 ottobre 2012- VENEZIA/DUBAI Ore 21:50 partenza da Venezia con volo di linea Emirates in classe economica.

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Pumba Safari: Serengeti e Ngorongoro

Pumba Safari: Serengeti e Ngorongoro Pumba Safari: Serengeti e Ngorongoro Descrizione del Viaggio e Mappa dei Parchi La destinazione del nostro viaggio e la Tanzania, nel cuore dell Africa Orientale. La Tanzania e la terra dell immensa pianura

Dettagli

TANZANIA. I grandi parchi del nord 4*

TANZANIA. I grandi parchi del nord 4* TANZANIA I grandi parchi del nord 4* Un itinerario che include la visita alle tre mete più classiche e indimenticabili di questo meraviglioso paese: il Cratere Ngorongoro, la grande caldera di quello che,

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 La preistoria raccontata da noi bambini Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 AFRICA circa 30 milioni di anni

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka.

Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. Ciao! Il mio nome è Nilani e vivo in Sri Lanka. 1 Lo Sri Lanka è una bellissima isola a sud dell India, conosciuta anche col suo vecchio nome, Ceylon, oppure chiamata Lacrima dell India, per via della

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Il coraggio di cambiare ciò che non era

Il coraggio di cambiare ciò che non era Il coraggio di cambiare ciò che non era Riccobono Stefania IL CORAGGIO DI CAMBIARE CIÒ CHE NON ERA racconto Alle persone che amo... con immenso amore. Prologo arrivo a New York, Luglio Una calda mattina

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE renatocarcatella@sangiorgioweb.it 2 I proventi della vendita destinati all'autore saranno interamente devoluti all ABA (Associazione senza fini di lucro impegnata

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Cari Amici, Anche questa volta sono tornato, con lo zaino che avevo quando sono partito e senza malaria

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli