GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA 36 CORSO SUPERIORE DI POLIZIA TRIBUTARIA CONTROLLO DELLA SPESA PUBBLICA FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO LIDO DI OSTIA, DICEMBRE 2009

2 Impaginazione M.A. MARCO BOCCOLINI M.C. VINCENZO CILIBERTI V.B. GIANCARLO NAPOLI Stampa BRIG.C. GIUSEPPE FINOCCHIARO APP.SC. NATALINO PALERMO APP. SC. NELLO CORRITORE APP. SC. ROCCO S. RECUPERO FIN. SC. MARCO LENSI

3 INDICE Premessa... 1 CAPITOLO I LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO 1. Il bilancio dell Unione Europea La tutela degli interessi finanziari dell U.E Le nozioni di irregolarità e frode Le risorse proprie dell Unione Europea Gestione e contabilizzazione Gli obblighi di comunicazione delle irregolarità L azione di controllo e recupero La politica agricola comune Il finanziamento della PAC: il FEAGA e il FEASR Organismi ed autorità nella politica agricola La responsabilità dell azione di recupero La nozione di irregolarità nella PAC Il primo verbale amministrativo giudiziario Gli obblighi di comunicazione: la comunicazione delle irregolarità e della tabella riepilogativa La politica strutturale Il Regolamento CE 1083/2006: obiettivi, principi di intervento e processo di programmazione La gestione ed il controllo finanziario dei fondi strutturali Irregolarità ed obblighi di comunicazione: l attività di recupero delle somme indebitamente pagate La mutua assistenza amministrativa con particolare riferimento al recupero delle somme oggetto di irregolarità CAPITOLO II DATI STATISTICI SULLE SEGNALAZIONI DI IRREGOLARITÀ E SUI RECUPERI DELLE SOMME OGGETTO DI FRODE O IRREGOLARITÀ 1. Note introduttive Situazione per l anno Risorse proprie Irregolarità comunicate Politica agricola comune Irregolarità comunicate Fondi strutturali Irregolarità comunicate Risorse proprie Ammontari recuperati Politica agricola Ammontari recuperati Fondi strutturali Ammontari recuperati... 60

4 II 3. Situazione per l anno Risorse proprie Irregolarità comunicate Politica agricola Irregolarità comunicate Fondi strutturali Irregolarità comunicate Risorse proprie Ammontari recuperati Politica agricola Ammontari recuperati Fondi strutturali Ammontari recuperati Situazione per l anno Risorse proprie Irregolarità comunicate Politica agricola comune Irregolarità comunicate Fondi strutturali Irregolarità comunicate Risorse proprie Ammontari recuperati Fondi strutturali Ammontari recuperati Osservazioni Italia Francia, Germania e Regno Unito CAPITOLO III LA NORMATIVA NAZIONALE 1. Note introduttive Organismi rilevanti ai fini degli interessi finanziari comunitari In ambito P.A.C L AGEA Il SAISA L Ente Nazionale Risi Gli organismi pagatori regionali OPR Lombardia L ARBEA L AGREA L ARTEA L AVEPA FINPIEMONTE L Agenzia delle Dogane L Ispettorato Centrale Repressione Frodi In materia di fondi strutturali Le Forze di polizia I Controlli in materia agricola I Controlli in materia di fondi strutturali Le irregolarità: norme nazionali sulla segnalazione ed il relativo trattamento Il recupero Procedure e strumenti di recupero amministrativo L invito al pagamento L ingiunzione al pagamento Principali procedure e coordinamento interno in materia di recupero

5 III 6. Altri mezzi di tutela del credito La sospensione del pagamento Il fermo amministrativo La compensazione Le garanzie La riscossione coattiva Il ruolo e la cartella di pagamento Il precetto Il pignoramento Il procedimento di liquidazione dei beni Gli effetti delle procedure concorsuali e lo schermo della personalità giuridica sul recupero Gli strumenti di recupero offerti dalla legislazione penalistica L adozione di misure cautelari reali in sede penale Le novità introdotte dalla L. 300/2000: gli articoli 322-ter e 640- quater C.P La confisca ex articolo 335-bis C.P La confisca per equivalente ex articolo 19 D.Lgs. 231/ Fondi comunitari indebitamente pagati e danno erariale : il sequestro amministrativo-contabile quale strumento di recupero dei fondi comunitari indebitamenbte versati Le sanzioni amministrative In materia agricola In materia di fondi strutturali In materia di restituzioni all esportazione Il rapporto tra il procedimento amministrativo e quello penale La prescrizione L autonomia dei giudizi Il segreto istruttorio La costituzione di parte civile Disciplina nazionale sull assistenza reciproca in materia di recupero crediti (Mutua assistenza) CAPITOLO IV IL SISTEMA FRANCESE 1. Profili penali nella tutela degli interessi finanziari comunitari Risorse proprie tradizionali Politica agricola comune e Fondi strutturali Organismi nazionali rilevanti ai fini degli interessi finanziari comunitari Le irregolarità: norme nazionali sulla segnalazione ed il relativo trattamento Risorse proprie tradizionali Politica agricola comune Fondi strutturali

6 IV 4. Il recupero: misure cautelari e di esecuzione a tutela degli interessi finanziari comunitari Risorse proprie tradizionali Politica agricola comune Fondi strutturali CAPITOLO V IL SISTEMA BRITANNICO 1. I profili penali nella tutela degli interessi finanziari comunitari Organismi nazionali rilevanti ai fini della gestione degli interessi finanziari comunitari La tutela degli interessi finanziari comunitari Le irregolarità: norme nazionali sulla segnalazione ed il relativo trattamento Il recupero: misure cautelari e di esecuzione a tutela degli interessi finanziari comunitari CAPITOLO VI IL SISTEMA TEDESCO 1. Profili penali nella tutela degli interessi finanziari comunitari Organismi nazionali rilevanti ai fini della tutela degli interessi finanziari comunitari L Autorità doganale: lo Zoll e lo ZollKriminalAmt Gli Organi di polizia Il BundesKriminalAmt (BKA) Il LandesKriminalAmt (LKA) La Polizia locale Die Polizei Cenni sulla funzione di polizia giudiziaria Le irregolarità: norme nazionali sulla segnalazione ed il relativo trattamento Risorse proprie tradizionali Politica agricola comune Fondi strutturali Il recupero: misure cautelative e di esecuzione a tutela degli interessi finanziari comunitari Le misure cautelative sui beni Il sequestro La confisca La compensazione CONCLUSIONI A. Segnalazione di irregolarità La presenza di organi investigativi specializzati

7 V 2. Le pratiche di underreporting B. Inefficienze nell azione di recupero Fattori tecnici Mancato sviluppo della cooperazione internazionale di settore Condizioni-quadro PROPOSTE A. Segnalazione di irregolarità B. Inefficienze nell azione di recupero A carattere tecnico Concessione di attenuanti in caso di riparazione al danno Equiparazione della disciplina in materia di recupero tra il FEAGA e gli altri fondi comunitari Introduzione dell art ter c.c. rubricato Crediti dello Stato per frodi o irregolarità ai danni del bilancio generale delle Comunità europee Introduzione della responsabilità solidale per i soggetti che a vario titolo intervengono nella procedura di erogazione indebita di finanziamenti comunitari Realizzazione di piattaforme informatiche comuni Valorizzazione della procedura dell iscrizione a ruolo Metodologie di recupero uniformi da parte dei soggetti interessati Più ampio ricorso allo strumento delle garanzie preliminari Estensione all ipotesi delittuosa di cui all art. 2 della L. 898/1986 dell applicazione della confisca del prezzo o del profitto, anche sotto la forma per equivalente Previsione del diritto per l Ente che ha erogato il pagamento a procedere, in via sistematica, all adozione di misure cautelari di carattere amministrativo (indipendentemente dal procedimento penale eventualmente in corso) Cooperazione internazionale A carattere generale Implementazione del sistema di rivalsa statale sul bilancio degli enti pubblici ex art. art. 1, commi , della L. 296/2007 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria per il 2007) Enfatizzazione della collaborazione tra la Corte dei Conti e la Guardia di Finanza nell ambito dei procedimenti di responsabilità erariale Bibliografia Allegati

8

9 PREMESSA Nello sforzo inteso a tutelare gli interessi finanziari comunitari, profuso coralmente da Stati Membri e Comunità ai sensi dell articolo 280 del Trattato CE, la posizione dell Italia si è negli ultimi anni distinta per l ingente numero di frodi ed irregolarità constatate. Ciò non significa necessariamente che nel nostro Paese si verifichino più frodi che altrove: tale situazione può, in effetti, derivare anche da un numero ed un intensità di controlli superiori a quelli posti in essere negli altri Stati Membri 1. Il rating in questione è tuttavia aggravato dalla mancata corrispondenza tra l attività di contrasto esperita e la capacità di recuperare le somme oggetto di irregolarità o frode: tale circostanza determina peraltro un notevole pregiudizio all Erario essendo la Commissione europea tenuta a richiedere agli Stati Membri il rimborso delle somme non recuperate, per assicurare comunque un adeguata tutela degli interessi finanziari comunitari 2. Gli effetti negativi delle frodi ed irregolarità, oltre a ripercuotersi negativamente sui bilanci pubblici, ricadono anche sull economia reale (in termini di mancato o minor stimolo alla crescita da parte dei fondi comunitari), sulla società in generale (alimentando il fenomeno dell economia illegale), nonché sul rapporto fiduciario tra cittadini ed Istituzioni, anche con riferimento alla percezione del valore aggiunto del processo di integrazione europea. Per risolvere la problematica il Governo italiano ha già assunto delle prime contromisure, segnatamente in tema di standardizzazione a livello nazionale dei criteri per la notifica delle frodi ed irregolarità agli organismi comunitari. Su tale aspetto, peraltro, permangono comportamenti difformi tra gli Stati Membri: per esempio, alcuni paesi segnalano in larga 1 2 In tal senso vgs. COMMISSIONE EUROPEA, Rapporto sulla protezione degli interessi finanziari comunitari, 2006, allegato statistico, pag. 51. Particolarmente emblematica è la situazione rilevata in materia di politica agricola comune dove l Italia, nel periodo , ha notificato il 55% dell ammontare complessivo di irregolarità segnalate da tutti gli Stati membri, presentando, al contempo, il tasso cumulativo di recupero più basso (10%) Corte dei conti europea, Relazione speciale n. 3/2004 sul recupero dei pagamenti irregolari a titolo della politica agricola comune corredata delle risposte della Commissione (2004/C 269/01), pag. 4.

10 2 maggioranza irregolarità e non invece casi di frode, contrariamente all Italia; altri non notificano gli estremi degli autori delle frodi, per asserite motivazioni legate alla tutela della privacy, oppure tendono a notificare le irregolarità solo a riscossione avvenuta. Un ambito cruciale, suscettibile di miglioramento, soprattutto in termini di efficacia, è poi quello delle procedure di recupero ove si avvertono difficoltà analoghe a quelle riscontrabili in altri settori dell ordinamento italiano, come, per esempio, quello tributario 3. Scopo della presente trattazione è quello di offrire un quadro di situazione aggiornato della questione, cercando di individuare le misure che potrebbero essere assunte per eliminare o ridurre le criticità evidenziate. In tal senso lo studio si sviluppa attraverso una preliminare elaborazione dei dati pubblicati dalla Commissione europea in materia di notifiche e recupero delle somme oggetto di irregolarità per il periodo dal 2005 al 2007, finalizzata a trarre significative indicazioni sull atteggiarsi di questi fenomeni nei diversi Stati membri e nell Unione europea nel suo complesso. Tali elaborazioni sono accompagnate dall illustrazione del quadro generale della pertinente normativa a livello sia comunitario sia italiano, seguita da una sintetica ricognizione delle normative nazionali di settore vigenti in Francia, Regno Unito e Germania - realtà statali che per peso politico, quota di finanziamento del bilancio comunitario e percentuale di fondi comunitari gestiti appaiono particolarmente significative per una valutazione in via comparativa della situazione italiana. Il succitato esame comparato è stato condotto senza pretesa di esaustività in modo da evidenziare significativi differenziali in punto di norme e practice che possano esser d ausilio nella valutazione della performance italiana. 3 Ciò può essere riconducibile anche alle lentezze dei procedimenti amministrativi e giudiziari ed a particolari interazioni delle stesse procedure, come evidenziato nella citata Relazione speciale n. 3/2004, pag. 9.

11 CAPITOLO I LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO Sommario: 1. Il bilancio dell Unione Europea; 2. La tutela degli interessi finanziari dell U.E.; 2.1 Le nozioni di irregolarità e frode; 3. Le risorse proprie dell Unione Europea; 3.1 Gestione e contabilizzazione; 3.2 Gli obblighi di comunicazione delle irregolarità; 3.3 L azione di controllo e recupero; 4. La politica agricola comune; 4.1 Il finanziamento della PAC: il FEAGA e il FEASR; 4.2 Organismi ed autorità nella politica agricola; 4.3 La responsabilità dell azione di recupero; 4.4 La nozione di irregolarità nella PAC; 4.5 Il primo verbale amministrativo giudiziario; 4.6 Gli obblighi di comunicazione: la comunicazione delle irregolarità e della tabella riepilogativa; 5. La politica strutturale; 5.1 Il Regolamento CE 1083/2006: obiettivi, principi di intervento e processo di programmazione; 5.2 La gestione ed il controllo finanziario dei fondi strutturali; 5.3 Irregolarità ed obblighi di comunicazione: l attività di recupero delle somme indebitamente pagate; 6. La mutua assistenza amministrativa con particolare riferimento al recupero delle somme oggetto di irregolarità. 1. IL BILANCIO DELL UNIONE EUROPEA Una delle caratteristiche peculiari che distinguono l Unione Europea dalle altre organizzazioni internazionali é la sua autonomia finanziaria. Fin dalla nascita della Comunità Economica Europea, il Trattato istitutivo 1, firmato a Roma nel 1957, già prevedeva che il bilancio fosse finanziato con risorse proprie, cioè fonti di finanziamento la cui titolarità giuridica era attribuita, in base allo stesso Trattato, direttamente alla Comunità. Nella prima fase dell esperienza comunitaria, vi fu comunque un periodo transitorio durante il quale il bilancio fu finanziato con contribuzioni nazionali. La svolta verso l attuazione del principio di autonomia finanziaria arrivò nel 1969, con una decisione dei capi di Stato e di governo 1 L art. 201 del Trattato prevedeva che «Il bilancio, fatte salve le altre entrate, è finanziato integralmente tramite risorse proprie».

12 4 FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO riuniti all'aia e desiderosi di dare nuovo impulso alle Comunità 2, dopo un periodo di stallo a livello politico. La successiva decisione del Consiglio del 21 aprile 1970 segnava, quindi, il concreto passaggio dai contributi nazionali ad un finanziamento autonomo basato su: risorse proprie tradizionali, cioè prelievi agricoli e dazi doganali derivanti dall attuazione delle politiche nel settore dell unione doganale e della politica agricola comune; un'entrata IVA, basata per l'appunto sull'imposta sul valore aggiunto applicata nei vari Stati membri. Le risorse tradizionali sono considerate risorse proprie per natura, perché prelevate nell ambito di politiche comunitarie e non già provenienti dagli SS.MM. e calcolate come contributi nazionali. I dazi doganali 3 sono, infatti, percepiti sulle importazioni alle frontiere esterne dell UE in base ad una tariffa doganale diventata comune nel Il Trattato di Roma già stabiliva che i dazi doganali erano la prima risorsa da attribuire alla CEE per il finanziamento delle sue spese. I prelievi agricoli 4 sono stati istituiti nel 1962 e trasferiti alle Comunità con la citata decisione del 21 aprile Nel loro ambito è possibile distinguere i dazi agricoli, che variano in funzione del prezzo del mercato mondiale e di quello europeo e sono riscossi sugli scambi con i Paesi non membri nel contesto della politica agricola comune, e i contributi alla produzione e allo stoccaggio dello zucchero, percepiti all'interno della Comunità. Le risorse provenienti dall'iva 5 sono state introdotte per integrare le risorse proprie tradizionali, insufficienti per il finanziamento integrale del bilancio comunitario. Questa risorsa, dalla struttura tecnicamente complessa 6, è stata implementata per la prima volta nel CEE, CECA ed EURATOM nel frattempo erano state riunite dal Trattato dell'8 aprile Pari al 15,2% del finanziamento del bilancio per il I prelievi agricoli (diritti agricoli e contributi zucchero) pari all 1,3% del finanziamento del bilancio per il Pari al 16,90% del finanziamento del bilancio per il A motivo, soprattutto, della diversità - riscontrabile tra i diversi Stati membri dei sistemi di accertamento e riscossione della specifica imposta.

13 LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO e risulta dall'applicazione di un'aliquota ad un imponibile uniforme 7. Nel 1988, il Consiglio istituisce una quarta risorsa propria, basata sul prodotto nazionale lordo e destinata a garantire l'equilibrio del bilancio. La risorsa PNL 8 risulta dall'applicazione ad una base imponibile, rappresentante la somma dei prodotti nazionali lordi ai prezzi di mercato, di un'aliquota da fissare nel quadro della procedura di bilancio ed è funzione dello scarto fra le spese e il gettito delle altre risorse 9. La risorsa PNL rappresenta l elemento di razionalizzazione del sistema in quanto determina il livellamento dell'imponibile IVA, consentendo di fissare il massimale dell'importo globale delle risorse stabilito nelle prospettive finanziarie ed evitando sperequazioni tra gli SS.MM.. Esistono, infine, le cosiddette entrate specifiche, provenienti dalla normale attività della Comunità e derivanti da imposte e contributi a carico del personale, interessi e garanzie, tasse varie, prelievi e canoni. Le risorse tradizionali sono raccolte dalle amministrazioni nazionali per conto della Comunità; gli Stati membri trattengono, a titolo di spese, una percentuale degli importi riscossi. Tali somme sono accreditate su un conto risorse proprie, acceso a tale scopo dalla Commissione presso il Tesoro nazionale. Le risorse IVA e PNL, invece, sono messe a disposizione il primo giorno feriale di ogni mese, nella misura di un dodicesimo dell'importo previsto nel bilancio comunitario. Il sistema di risorse proprie delle Comunità europee è attualmente disciplinato dalla decisione 2000/597/CE, Euratom del Consiglio del 29 settembre relativa al sistema delle risorse proprie delle Comunità europee La misura dell aliquota e i criteri di determinazione dell imponibile sono stati spesso modificati nel tempo al fine di evitare sperequazioni tra gli Stati membri. Pari al 65,39% del finanziamento del bilancio per il Meccanismo concepito per assicurare il sistematico pareggio del bilancio. In Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 253 del 07/10/2000

14 6 FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO Le risorse finanziarie che affluiscono nel bilancio comunitario sono utilizzate per il finanziamento delle azioni e politiche da svolgere nei settori d interesse dell Unione 11. Il principale settore di spesa è oggi divenuto quello concernente le azioni strutturali 12 funzionali allo sviluppo economico delle regioni meno avanzate e al soddisfacimento di speciali esigenze sociali dell'ue sopravanzando quello tradizionalmente più importante, relativo al sostegno e sviluppo dell agricoltura 13, che comprende la concessione di cospicue sovvenzioni agli agricoltori comunitari; seguono le politiche interne 14, campo d attività sempre più importante, che comprende le azioni promosse nei vari SS.MM. nei settori della sicurezza, della giustizia, della ricerca scientifica, dei trasporti e dell energia. Significativa è anche l azione esterna 15 svolta dall UE, finalizzata alla cooperazione con i paesi in via di sviluppo, alla concessione di aiuti umanitari ed alla promozione della democrazia e dei diritti dell uomo. Sul bilancio comunitario gravano, infine, le spese amministrative 16 per il funzionamento delle varie istituzioni europee. Al pari di ogni altra organizzazione internazionale o Stato sovrano, l Unione europea non sarebbe in grado di svolgere gran parte delle sue funzioni senza disporre di adeguate risorse finanziarie. E di tutta evidenza, quindi, che l efficacia delle politiche dell Unione europea è indissolubilmente legata all integrità del bilancio comunitario, integrità che è garantita dal corretto afflusso delle entrate e da un efficiente azione di spesa. Con lo sviluppo della costruzione europea, il budget dell UE é andato vieppiù crescendo, sino a raggiungere, per l'esercizio 2009, un ammontare di spese impegnate pari a 133,8 miliardi di euro Si vedano al riguardo gli artt. 3 e 4 del Trattato CE. Si tratta della rubrica Crescita sostenibile (al cui interno rileva, in particolare, la voce Coesione per la crescita e l occupazione ), pari al 45% delle spese complessive nel bilancio comunitario Pari al 41,9% (30,7% spese connesse al mercato e pagamenti diretti e 11,2% sviluppo rurale, ambiente e pesca) delle spese complessive nel bilancio comunitario per il Pari al 1,1% (cittadinanza, sicurezza, libertà e giustizia) delle spese totali nel bilancio comunitario Pari al 6,1% (UE come attore globale) delle spese totali nel bilancio comunitario Pari al 5,7% delle spese complessive nel bilancio comunitario per il 2009.

15 LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO 7 Si tratta perciò d ingenti risorse finanziarie, minacciate da una serie di fattori quali la cattiva amministrazione, la corruzione e le frodi. 2. LA TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. La tutela degli interessi finanziari costituisce, per le istituzioni europee, una priorità assoluta che trova fondamento giuridico negli artt. 280 e 274 del Trattato istitutivo della Comunità europea. Infatti, l art. 280 del Trattato impone alla Comunità ed agli SS.MM. di combattere contro la frode e le altre attività illegali che ledono gli interessi finanziari della Comunità stessa mediante misure.che siano dissuasive e tali da permettere una protezione efficace negli Stati membri. Al c.2, viene enunciato il fondamentale "principio di assimilazione" che impone agli SS.MM. di adottare, per contrastare le frodi che ledono gli interessi finanziari della Comunità, le stesse misure adottate per reprimere le violazioni lesive dei propri interessi finanziari interni 17. Il 3 c., invece, prevede il principio di collaborazione, in virtù del quale gli SS.MM. concordano l azione a tutela degli interessi finanziari della Comunità contro le frodi organizzando, assieme alla Commissione, una intensa e regolare cooperazione fra i Servizi competenti delle rispettive Amministrazioni. Il sistema di protezione degli interessi finanziari definito nell art. 280 è completato dalle previsioni recate dall art. 274, secondo cui gli SS.MM. cooperano con la Commissione anche per garantire che gli stanziamenti di Bilancio siano utilizzati secondo i principi della buona gestione finanziaria. 17 È questa, oggi, la direttiva base che ispira la tutela delle risorse finanziarie dell Unione da parte dei Paesi aderenti, da cui discendono specifici vincoli non solo per gli Organi addetti ai controlli, ma anche per i Legislatori nazionali. Tale principio impone infatti agli Stati membri non solo l emanazione di provvedimenti, di carattere generale e particolare, atti a garantire l esecuzione degli obblighi derivanti dal Trattato o dagli altri atti delle istituzioni, ma anche di non limitare in alcun caso l applicazione piena ed uniforme del diritto comunitario né l efficacia degli atti di esecuzione di tale ordinamento. Ne discende, come corollario, che gli stessi Stati devono astenersi dall emanare, o mantenere in vigore, provvedimenti, anche di natura legislativa o regolamentare, che possano rendere inefficaci o limitare le norme comunitarie.

16 8 FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO Il quadro giuridico per la protezione degli interessi finanziari comunitari è stato poi definito dal diritto comunitario derivato e da atti di cooperazione intergovernativa tra cui, in particolare: il Regolamento CE 2988/95 del Consiglio del , relativo alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità, che reca la nozione di irregolarità in danno del bilancio comunitario e fonda su di essa un primo corpus di regole di diritto punitivo amministrativo; la Convenzione del , relativa alla protezione degli interessi finanziari comunitari, che fornisce una definizione di frode comune a tutti gli Stati membri, impegnando le parti a sanzionare penalmente tali comportamenti, secondo parametri comuni; il Regolamento CE 2185/1996, relativo ai controlli e verificazioni sul posto effettuati dalla Commissione per la protezione degli interessi finanziari delle Comunità Europee contro le frodi ed altre irregolarità; i Regolamenti CE 1073 e 1074/1999, relativo alle indagini svolte dall Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF). 2.1 LE NOZIONI DI IRREGOLARITÀ E FRODE Si è già anticipato come l attività congiunta della UE e degli SS.MM., al fine di tutelare gli interessi finanziari comunitari, è diretta a combattere le frodi e ogni altra irregolarità dalla quale può derivare un pregiudizio al bilancio comunitario. In via generale, la definizione di irregolarità si ritrova nell art. 1, par. 2, del citato Regolamento n. 2988/95, intesa quale qualsiasi violazione alle norme comunitarie posta in essere da un operatore economico (attraverso qualsiasi comportamento, anche omissivo, intenzionale o colposo 18 ) che arreca o possa determinare un pregiudizio al bilancio dell UE, attraverso la diminuzione o la 18 Sono esclusi gli errori o le negligenze che arrecano pregiudizio al bilancio delle Comunità europee, commesse dalle amministrazioni che agiscono a livello nazionale in veste di pubbliche autorità, fermi restando gli obblighi di comunicazione di tali errori a norma dei regolamenti settoriali.

17 LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO 9 soppressione di entrate provenienti da risorse proprie percepite direttamente per conto delle Comunità, ovvero una spesa indebita. Tale concetto di irregolarità non è limitato agli atti che comportano l'applicazione delle sanzioni amministrative di cui all'art. 5 del citato regolamento ma riguarda anche quelli che giustificano l'applicazione di misure e controlli comunitari, nell'ambito dell'obiettivo generale di tutela degli interessi finanziari dell UE. Affinché vi sia irregolarità, deve esserci violazione di una disposizione di diritto comunitario: è pacifico, peraltro, che le disposizioni nazionali necessarie affinché la norma comunitaria possa dispiegare la sua piena efficacia vanno, a loro volta, assimilate a norme che tutelano gli interessi finanziari della Comunità. Esse, infatti, devono intendersi come parte integrante del dispositivo volto a tutelare gli interessi finanziari delle Comunità europee, ai sensi del Regolamento n. 2988/ La portata del concetto d'irregolarità va, quindi, valutata in funzione della disciplina legislativa a tutela degli interessi finanziari comunitari, la quale può variare da un settore all'altro. L art. 2 del Regolamento n. 2988/95 richiede, inoltre, l istituzione di controlli (e sanzioni amministrative) necessari per garantire la corretta applicazione del diritto comunitario 20, mentre l art. 8 dello stesso regolamento impone agli SS.MM. di adottare, nel rispetto delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative nazionali, le misure necessarie per assicurare la regolarità e l'effettività delle operazioni che coinvolgono gli interessi finanziari dell UE. La natura e la frequenza dei controlli e delle verifiche in loco che gli SS.MM. debbono eseguire, nonché le relative modalità della loro esecuzione sono stabilite, se del caso, dalle normative settoriali, al fine di garantire l'applicazione uniforme ed efficace delle normative in questione e, in particolare, di prevenire ed individuare le irregolarità. Fatti salvi i controlli eseguiti dagli SS.MM. secondo le proprie norme interne e quelli effettuati dalle istituzioni comunitarie secondo La complementarità fra norme nazionali e norme comunitarie per garantire la tutela degli interessi finanziari comporta la necessità, in sede di comunicazioni su frodi ed irregolarità, di precisare la quota corrispondente a ciascuna fonte di finanziamento (si veda l'art. 3, par. 1, quarto trattino dei Regolamenti n. 1681/94 e n. 1831/94). Essi devono avere carattere effettivo, proporzionato e dissuasivo per assicurare un'adeguata tutela degli interessi finanziari delle Comunità.

18 10 FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO le disposizioni del trattato CE, la Commissione fa eseguire, sotto la propria responsabilità, verifiche di conformità e regolarità delle operazioni finanziarie nonché può effettuare direttamente controlli e verifiche sul posto alle condizioni previste dalle normative settoriali. Prima di effettuare i controlli e le verifiche, la Commissione deve informare lo S.M. interessato in modo da ottenere tutta l'assistenza necessaria. Accanto alla nozione di irregolarità è possibile rinvenire quella di frode lesiva degli interessi finanziari dell UE, contenuta nella Convenzione del 1995, elaborata in base all art. K.3 del trattato sull UE, relativa alla tutela degli interessi finanziari comunitari. L art. 1, par. 1, lett. a) definisce frode 21 qualsiasi condotta dolosa (anche omissiva) relativa: a) all'utilizzo od alla presentazione di dichiarazioni o di documenti falsi, inesatti od incompleti cui consegua l illecita percezione di fondi UE ovvero l illegittima diminuzione di risorse destinate o gestite al livello UE; b) alla mancata comunicazione di un'informazione in violazione di un obbligo specifico cui conseguano gli stessi effetti; c) alla distrazione di fondi UE per finalità diverse da quelle per cui essi sono stati inizialmente concessi ovvero alla distrazione di un beneficio lecitamente ottenuto. Sul piano sanzionatorio, la Convenzione affida a ciascun S.M. il compito di adottare le misure necessarie per sanzionare le condotte fraudolenti con sanzioni penali effettive, proporzionate e dissuasive che comprendano, almeno nei casi di frode grave 22, pene privative della libertà che possono comportare l'estradizione. La stessa Convenzione focalizza l attenzione sull importanza della cooperazione nell azione di contrasto alle frodi. In particolare, se una frode costituisce un illecito penale e riguarda almeno due SS.MM., questi cooperano in modo effettivo all'inchiesta, ai procedimenti giudiziari e all'esecuzione della pena comminata, per es. attraverso E, inoltre, richiesto che ciascuno S.M. adotti le misure necessarie per recepire nel diritto penale interno la medesima nozione di frode, in modo tale che la relativa condotta costituisca illecito penalmente sanzionato. È frode grave qualsiasi frode che riguardi importi superiori ad una soglia minima che ciascuno Stato membro non può fissare al di sopra dei euro. È, invece, frode di lieve entità quella il cui importo sia inferiore ai 4000 euro e per le quali gli SS.MM. possono prevedere sanzioni non penali.

19 LA NORMATIVA A LIVELLO COMUNITARIO 11 l'assistenza giudiziaria, l'estradizione, il trasferimento dei procedimenti o l'esecuzione delle sentenze pronunciate all'estero in un altro S.M.. Qualora più SS.MM. hanno la competenza giurisdizionale per un illecito e ciascuno di essi può validamente esercitare l'azione penale sulla base degli stessi fatti, gli SS.MM. interessati collaborano per decidere quale di essi debba perseguire l'autore o gli autori dell'illecito con l'obiettivo di centralizzare, se possibile, le azioni in un unico S.M.. Premessi tali concetti generali, si evidenzia che, nell ambito del presente studio, si farà riferimento alle irregolarità e frodi che possono colpire risorse prelevate o spese rientranti nelle politiche comunitarie 23, tralasciando fenomeni che, pur potendo indirettamente ledere le finanze comunitarie, impattano su ambiti rientranti nella sovranità degli SS.MM. (come, per es., le frodi all IVA). Come vedremo maggiormente in dettaglio nel prosieguo della trattazione, tali fenomeni fraudolenti devono essere oggetto di tempestiva segnalazione al livello comunitario a cura delle competenti autorità nazionali in forza di specifiche disposizioni settoriali. 3. LE RISORSE PROPRIE DELL UNIONE EUROPEA 3.1 GESTIONE E CONTABILIZZAZIONE In tema di gestione delle risorse proprie tradizionali, la norma comunitaria di riferimento è il Regolamento CE 1150/2000 che disciplina l intero comparto delle risorse proprie. Il diritto delle Comunità sulle risorse proprie si considera accertato 24 non appena ricorrono le condizioni previste dalla normativa doganale concernenti la registrazione dell'importo del diritto e la comunicazione del medesimo al soggetto passivo Cioè diritti doganali o prelievi agricoli dal lato delle entrate, PAC e fondi strutturali dal lato delle uscite. I documenti giustificativi relativi all'accertamento e alla messa a disposizione delle risorse proprie devono essere conservati dagli SS.MM. per almeno tre anni a decorrere dalla fine dell'anno cui si riferiscono tali documenti giustificativi.

20 12 FRODI COMUNITARIE: SISTEMI NAZIONALI DI MONITORAGGIO E RECUPERO La data da considerare per l'accertamento è quella della registrazione prevista dalla normativa doganale 25. Se tale comunicazione non è esplicitamente prevista, la data da considerare è quella della liquidazione da parte degli SS.MM. degli importi dovuti dai soggetti passivi, eventualmente a titolo di acconto o di pagamento del saldo. Nei casi di contenzioso, le autorità amministrative competenti devono poter calcolare, ai fini dell'accertamento, l'importo del dazio non oltre la prima decisione amministrativa che comunica l'obbligazione al soggetto passivo od in occasione della denuncia all'autorità giudiziaria, se tale denuncia interviene precedentemente. In tal caso, la data da considerare per l'accertamento è la data della decisione o quella del calcolo da effettuare consecutivamente alla denuncia all A.G.. Ciascuno S.M. comunica alla Commissione la denominazione dei servizi od organismi responsabili dell'accertamento, della riscossione, della messa a disposizione e del controllo delle risorse proprie, nonché le disposizioni essenziali relative al ruolo ed al funzionamento di questi servizi e organismi. Devono essere comunicate anche le disposizioni legislative, regolamentari, amministrative e contabili di carattere generale relative alle funzioni sopra menzionate nonché la denominazione esatta di tutti gli estratti amministrativi e contabili nei quali sono iscritti i diritti accertati. Ogni S.M. (o l'organismo designato da quest'ultimo) è obbligato a tenere una doppia contabilità delle risorse proprie, suddivisa secondo la natura delle risorse stesse. In quella ordinaria, vengono riportati, entro il giorno 19 del secondo mese successivo a quello nel quale ha avuto luogo l'accertamento, i diritti ritenuti accertati sulla scorta delle rispettive discipline. Nella c.d. contabilità separata, vengono riportati i diritti che non sono stati ancora riscossi, quelli per i quali non è stata fornita alcuna garanzia od anche quei diritti, accertati e coperti da garanzie, 25 Con riferimento ai contributi e agli altri diritti previsti nel quadro dell'organizzazione comune di mercato nel settore dello zucchero, la data da considerare per l'accertamento è quella della comunicazione prevista dalla normativa del settore zucchero.

1. Il Bilancio Europeo.

1. Il Bilancio Europeo. 1. Il Bilancio Europeo. Come illustrato nel capitolo 21 con la Scheda sulle principali tappe della storia delle istituzioni europee (Scheda 21.1), le fonti che disciplinano il funzionamento dell Unione

Dettagli

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 RETTIFICHE FINANZIARIE E IRREGOLARITÀ

Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 RETTIFICHE FINANZIARIE E IRREGOLARITÀ Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 RETTIFICHE FINANZIARIE E IRREGOLARITÀ Rettifiche finanziarie CAPO II REG. CE N. 1083/2006 Rettifiche finanziarie effettuate dagli

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 2000R1150 IT 28.11.2004 001.002 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE, EURATOM) N. 1150/2000 DEL CONSIGLIO del

Dettagli

LOTTA ALLE FRODI Scenario normativo e modelli per la prevenzione delle frodi e della corruzione Padova, 5 maggio 2015

LOTTA ALLE FRODI Scenario normativo e modelli per la prevenzione delle frodi e della corruzione Padova, 5 maggio 2015 LOTTA ALLE FRODI Scenario normativo e modelli per la prevenzione delle frodi e della corruzione Padova, 5 maggio 2015 Questo evento è sostenuto dal Programma Hercule III (2014-202) dell'unione europea,

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.2.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 36/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE, EURATOM) N. 105/2009 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 1975/2006 DELLA COMMISSIONE del 7 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005

Dettagli

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERA 6 novembre 2014 Misura e modalita' di versamento del contributo dovuto all'autorita' per le garanzie nelle comunicazioni, per l'anno 2015. (Delibera

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI RECUPERO DELLE SOMME INDEBITAMENTE PERCEPITE

MANUALE DELLE PROCEDURE DI RECUPERO DELLE SOMME INDEBITAMENTE PERCEPITE MANUALE DELLE PROCEDURE DI RECUPERO DELLE SOMME INDEBITAMENTE PERCEPITE Agenzia Regionale Piemontese per le Erogazioni in Agricoltura Via Bogino n. 23, 10123 Torino Tel. 011/3025100 Fax 011/3025199 TITOLO

Dettagli

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Pagina 1 di 26 Approvato con o.d.s. della Direzione n.44 del 21/11/2012 A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Irregolarità, Sanzioni, Recuperi e Contenzioso Revisione del

Dettagli

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. "Convenzione di finanziamento"

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. Convenzione di finanziamento CONTRATTO TIPO Misure di accompagnamento "Convenzione di finanziamento" 1 CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO fra La Comunità europea ("la Comunità"), rappresentata dalla Commissione delle Comunità europee ("la

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA ALLEGATO N. 1 UNIONE EUROPEA FEASR REGIONE LAZIO REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA P.S.R. LAZIO 2007/2013 ASSE IV LEADER (DGR

Dettagli

Le novità del periodo in materia doganale

Le novità del periodo in materia doganale Le novità del periodo in materia doganale Avv. Sara Armella, Armella & Associati, Milano e Genova www.studioarmella.com Nel corso degli ultimi mesi, la materia doganale è stata interessata da importanti

Dettagli

DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 maggio 2007

DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 maggio 2007 14.6.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 154/25 DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 maggio 2007 che istituisce un programma d azione doganale nella Comunità

Dettagli

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 113/2012 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante condizioni, criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati per l anticipazione alle imprese del valore commerciale dei prodotti agricoli, in attuazione dell articolo

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto Prot.uscita Mipaaf N.272 del 13/01/2015 Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico e Il Ministro dell'economia e delle finanze VISTO

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 56 del 30/11/1998 Modificato con

Dettagli

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A.

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Intervento Roma 2 3 luglio 2002 Ing. Walter De Santis Direttore centrale Agenzia delle Dogane Convegno dibattito sugli effetti della liberalizzazione del mercato del gas

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Articolo 17 (Ulteriori disposizioni in materia di danno ambientale)

Articolo 17 (Ulteriori disposizioni in materia di danno ambientale) Articolo 17 (Ulteriori disposizioni in materia di danno ambientale) L articolo 17 modifica in più punti la disciplina in materia di danno ambientale, incidendo sulle fattispecie giuridiche di riferimento

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento generale delle entrate comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del 25.01.1999 Modificato con deliberazioni del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA GENERALE DELLE ENTRATE DELIBERA C.C. N. 89 DEL 21.11.2000 DELIBERA C.C. N. 15 DEL 30.03.2010 DELIBERA C.C. N. 22 DEL 14.04.2014 Regolamento per la disciplina generale delle

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE

Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE Il Sistema di Gestione e Controllo: la nuova complessità dr. Antonio BERNARDO Napoli 16 Novembre 2011 Centro Congressi Federico II Proposte di regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE CAMPANIA COMANDO REGIONALE CAMPANIA DELLA GUARDIA DI FINANZA

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE CAMPANIA COMANDO REGIONALE CAMPANIA DELLA GUARDIA DI FINANZA PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E COMANDO REGIONALE CAMPANIA DELLA GUARDIA DI FINANZA AI FINI DEL COORDINAMENTO DEI CONTROLLI E DELLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA DI FINANZIAMENTI DEI FONDI

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres.

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov Richiesta agevolazione IRAP di cui alla l.r. 8/2013 (ludopatie) Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in «de minimis», ai sensi dell'art. 47 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Approvato con o.d.s. della Direzione n. 18 del 20 settembre 2010 A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Irregolarità, Sanzioni, Recuperi e Contenzioso Revisione del 17/09/2010

Dettagli

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO PROGETTI DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE NELLE AREE DI CRISI E NEI TERRITORI SVANTAGGIATI ALLEGATO A (PFSL) Progetto di Sviluppo Locale dell Area di Crisi di Tossilo (D.G.R. n. 12/15 del 25/03/2010) ACCORDO

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI cicloesil)metil] benzamide (AH-7921), 3,4-metilenedioss ipirovalerone(mdpv) e 2-(etilamino)-2-(3-metossifenil) cicloesanone (metossietamina) in considerazione dei rischi per la salute e della mancanza

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015

Varese, 3 novembre 2015 CIRCOLARE N. 5/2015 R E G G I O R I E A S S O C I A T I Via Cavour n. 8 200 - Varese Varese, 3 novembre 205 CIRCOLARE N. 5/205 Con la presente circolare segnaliamo le principali novità introdotte in materia di riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 779/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 giugno 2007 che istituisce per il periodo 2007-2013 un programma

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura

r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura 1) Pubblicata nel B.U. 29 dicembre 1998, n. 54. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Finalità)

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1

II Modulo LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI. Avv. Maria Bruccoleri. www.avvocatobruccoleri.it 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E I REATI IN MATERIA DI TRIBUTI II Modulo 1 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE GIUDIZIARIA QUESTIONI PRELIMINARI L ampliamento, a livello internazionale, delle frontiere economiche

Dettagli

IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea

IT-1 Contratto e illecito: la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea IT-1 "Contratto" e "illecito": la qualificazione delle obbligazioni nel diritto internazionale privato dell'unione europea Sono trascorsi alcuni anni dall adozione, da parte delle istituzioni europee,

Dettagli

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 31/05/2001 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 Il danno ambientale Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 recante "Norme in materia ambientale" stabilisce nella sua "Parte sesta" le regole relative a prevenzione e risarcimento dei danni ambientali. Regole fondamentali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 PROGRAMMA Gli strumenti deflattivi: esame delle novità introdotte dalla Legge di stabilità 2015 Come cambia l approccio

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETO 12 febbraio 2010. CORTE DEI CONTI Differimento dell adozione di specifici provvedimenti attuativi collegati all istituzione delle nuove funzioni dirigenziali.

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio 29.9.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 244/27 REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 febbraio 2012 Sistema nazionale di vigilanza sulle strutture autorizzate al controllo delle produzioni agroalimentari regolamentate.

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA Anno 2012, Numero 634 FRANCIA C C M P (Commissione Consultativa appalti pubblici) Rapporto annuale 2011 Il Rapporto annuale 2011 evidenzia vari temi rilevanti e in particolare: 1) contratti globali : la

Dettagli

Fact Sheet. Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale U NA G E STI O N E SAG G IA D E L B I L AN C I O AG R I CO LO

Fact Sheet. Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale U NA G E STI O N E SAG G IA D E L B I L AN C I O AG R I CO LO Fact Sheet Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale U NA G E STI O N E SAG G IA D E L B I L AN C I O AG R I CO LO I n d i c e 1. I n t r o d u z i o n e 3 2. C o m e f u n z i o n a i l s i s

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Approvato con D. C. n. 19 del 19/03/1999, modificato con D. C. n. 27 del 21/04/1999

Dettagli

La circolare per i clienti 06 agosto 2012

La circolare per i clienti 06 agosto 2012 La circolare per i clienti 06 agosto 2012 Anteprima I dati delle dichiarazioni dei redditi vanno on-line pag. 2 Annotazione cumulativa anche per registrare incassi e pagamenti pag. 2 Società in perdita:

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov

(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) Nome e cognome nata/o il nel Comune di Prov Richiesta agevolazione per versamenti cumulativi della tassa automobilistica con riduzione del 10% previsti all art. 4,. Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in «de minimis», ai sensi

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Febbraio 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI L Agenzia delle Entrate pesa la sostenibilità delle liti tributarie L Agenzia delle Entrate ha impartito agli uffici

Dettagli

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante).

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante). Allegato B Scheda 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI AFFIDABILITÀ GIURIDICO ECONOMICO FINANZIARIA (la presente dichiarazione deve essere resa da ciascuna impresa destinataria dell intervento) Il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria)

REGOLAMENTI. Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1. (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) 22.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 342/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) n. 1221/2009 DEL PARLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 71 del 13 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi I reati fiscali tenui potrebbero essere non punibili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Allegato alla delibera di C.C. n. 25 del 29.07.2014 Comune di Casalserugo Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con atto di C.C. n.25 del

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento Regolamento d uso del Marchio Collettivo Prosciutto Fiocco di Valtellina Art.1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio Prosciutto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli