Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd CONVENZIONE. per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd. 30.12.2015 CONVENZIONE. per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare"

Transcript

1 Allegato alla deliberazione giuntale n. 202 dd COMUNE DI AVIO PROVINCIA DI TRENTO N. Rep. Atti Privati CONVENZIONE per il sostegno delle attività di formazione musicale con particolare riferimento ai corsi per l apprendimento delle discipline musicali Tra le parti: dott.ssa Brunelli Laura, nata a il domiciliata ai fini del presente atto in Avio, Piazza V. Emanuele III n. 1, la quale interviene e stipula in rappresentanza del COMUNE DI AVIO (codice fiscale n ) in forza dell art. 38 dello Statuto comunale, nella sua qualità di Segretario comunale; dott. FRANCO PICCINELLI, nato a Rovereto il 08/01/1972 e residente a Mori (TN) in Via Giovanni XXIII n. 21, presidente e legale rappresentante della Scuola Musicale dei Quattro Vicariati società cooperativa, con sede in Ala, frazione Pilcante Via R. Zandonai, 1 (C.F./P.IVA n ) Premesso che: la Scuola Musicale dei Quattro Vicariati Società Cooperativa presenta un offerta culturale e didattica di rilevanza intercomunale, nel settore dell educazione e formazione musicale; il Comune di Avio, con deliberazione n. dd. della Giunta comunale ha deciso di stipulare apposita convenzione con la predetta società Cooperativa al fine di garantire la 1

2 presenza sul territorio comunale di un adeguata offerta di formazione musicale; si conviene e si stipula quanto segue: ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE Il Comune di Avio assicura alla propria cittadinanza la possibilità di usufruire di corsi di formazione musicale per l apprendimento delle discipline musicali A tale scopo si convenziona, alle condizioni di seguito riportate, con la Scuola Musicale dei Quattro Vicariati Società Cooperativa (di seguito indicata semplicemente Scuola Musicale), regolarmente iscritta al Registro Provinciale delle Scuole Musicali di cui all art. 13 L.P n La Scuola Musicale svolge l attività scolastica prevalente ad Avio ART. 2 DURATA La presente convenzione ha decorrenza dal 15 settembre 2015 e scade il 15 settembre Il rinnovo dovrà essere espressamente approvato dalle parti ART. 3 ATTIVITA' DELLA SCUOLA MUSICALE La Scuola Musicale organizza e conduce i corsi di formazione musicale nella piena osservanza delle disposizioni emanate dalla Provincia Autonoma di Trento in merito alle Scuole Musicali iscritte nel Registro di cui all art. 1 della presente convenzione. A tale proposito, per quanto non diversamente disposto dalla presente convenzione, si fa esplicito rimando alle disposizioni ed indirizzi contenuti nella vigente normativa di settore La Scuola Musicale ha la responsabilità didattica, disciplinare, organizzativa, amministrativa e finanziaria della scuola, ed interagisce, per quanto riguarda 2

3 gli orientamenti culturali, con le realtà già presenti sul territorio ed in contatto con le Amministrazioni Comunali La Scuola Musicale predispone i programmi didattici ed assicura lo svolgimento dei corsi secondo modalità, calendari e orari in armonia alle disposizioni didattiche provinciali previste per le Scuole Musicali iscritte al Registro Provinciale La Scuola Musicale organizza la propria attività anche in relazione agli atti di indirizzo culturale ed alle Relazioni programmatiche del Comune di Mori compatibilmente con le normative, le regolamentazioni e le disposizioni provinciali in materia ART. 4 - ALTRE COMPETENZE DELLA SCUOLA MUSICALE La Scuola Musicale: a) sceglie i docenti dotati di adeguata professionalità secondo quanto previsto dagli orientamenti approvati dalla Giunta provinciale, costituendo il Collegio docenti; b) nomina il Direttore della Scuola; c) provvede alla costituzione del Comitato di Rappresentanza, di cui al successivo art. 8, ed assicura le funzioni di segreteria; d) stabilisce la tassa di iscrizione e le quote di frequenza nel rispetto dei principi fissati nel successivo art. 5; e) predispone e redige le schede di valutazione degli allievi e predispone gli esami di valutazione secondo le modalità stabilite dal collegio docenti ed in linea con gli Orientamenti Provinciali; f) invia al Comune, entro il 20 novembre di ogni anno scolastico, una tabella riportante:

4 - il numero degli iscritti residenti nel Comune di Mori oltre agli altri frequentanti presso la sede scolastica dislocata nel Comune di Mori e residenti nei comuni limitrofi; il numero di ore attivate per gli iscritti residenti nel Comune di Avio e nei comuni limitrofi di Ala, Brentonico e Mori nonché quelle erogate agli iscritti residenti al di fuori dei quattro Comuni appena citati; La tabella dovrà indicare i corsi attivati e gli allievi frequentanti, i nominativi degli insegnanti che svolgeranno le lezioni, i giorni e gli orari di lezione unitamente alla suddivisione degli allievi nei tre cicli formativi su cui si organizzano le attività secondo gli Orientamenti Provinciali; g) redige alla fine di ogni anno scolastico una relazione sull attività svolta contenente i dati definitivi sui percorsi di insegnamento attivati; tale relazione sarà inoltrata al Comune entro il 31 agosto alla fine di ogni anno scolastico; h) offre, senza oneri aggiuntivi per il Comune, almeno due proposte musicali pubbliche annuali in occasione di eventi e/o manifestazioni curate dall Amministrazione ed organizza saggi musicali allo scopo di illustrare i percorsi didattico - musicali messi in atto dalla Scuola; i) dà visibilità alle attività della Scuola Musicale, oggetto della presente convenzione, attraverso mezzo stampa, pubblicazioni e tramite Web, evidenziando la collaborazione del comune interessato; j) assicura, in generale, il regolare funzionamento della propria attività ricorrendo, ove necessario, a supplenze e sostituzioni; k) provvede al collegamento informativo con le famiglie degli allievi residenti nel Comune in merito ai servizi erogati;

5 l) mantiene ed incrementa i rapporti con le altre realtà musicali, culturali e scolastiche presenti nel Comune di Mori ed in generale nel territorio di competenza della scuola nonché, qualora necessario, in tutta la Provincia Autonoma di Trento; m) impiega e custodisce con la diligenza del buon padre di famiglia i locali, gli arredi ed i materiali avuti in consegna dall Amministrazione; n) sorveglia e controlla minuziosamente le assegnazioni in uso di strumenti musicali messi a disposizione agli allievi dall Amministrazione; o) effettua la manutenzione degli strumenti ed è responsabile dei danni arrecati agli stessi ed agli arredi; o) si attiva per accedere ad eventuali benefici previsti dalle leggi provinciali del settore per il rinnovo e l ampliamento della dotazione di strumenti musicali ed arredo ART. 5 - FINANZIAMENTO DEL COMUNE Il Comune incentiva e sostiene l attività di formazione musicale svolta dalla Scuola Musicale attraverso l erogazione di un contributo economico proporzionato Il contributo corrisposto alla Scuola Musicale sarà calcolato proporzionalmente alle ore effettivamente erogate agli utenti residenti nel territorio del proprio Comune A tal proposito la Scuola Musicale si impegna a fornire al Comune di Avio la seguente documentazione: il bilancio d esercizio regolarmente approvato dall assemblea dei soci della cooperativa relativo all anno solare precedente;

6 il prospetto riassuntivo finale, relativo all'anno scolastico appena concluso, riportante il numero di utenti fruitori del servizio e delle ore di lezione effettivamente erogate per ciascuno di essi, suddivisi sia per tipologia di corso che per requisito di residenza sia nel Comune di Avio, sia negli altri Comuni convenzionati, sia in altri Comuni; una tabella consuntiva relativa all'anno scolastico appena concluso con il prospetto dei costi suddiviso per Ciascun Comune secondo i criteri della presente convenzione Il contributo annuale che il Comune verserà alla Scuola sarà composto dalla somma fra una quota fissa e da una quota variabile calcolata ed imputata secondo i seguenti criteri: quota fissa pari al 40% che il Comune di Avio copre per un quarto; quota variabile pari al restante 60% erogata proporzionalmente alle ore di insegnamento effettivamente destinate agli allievi residenti nel Comune di Avio Tenuto conto delle sovvenzioni assicurate dalla Provincia Autonoma di Trento a sostegno dell attività delle Scuole Musicali iscritte nel Registro, la Scuola copre la quota rimanente del costo del personale insegnante oltre a tutte le altre spese di gestione e amministrazione con le rette di frequenza ed eventuali altre entrate Con riferimento alle rette di frequenza si stabilisce sin d ora quanto segue:--- la retta di frequenza degli utenti residenti nel Comune di Avio e negli altri comuni trentini convenzionati con la Scuola Musicale viene fissata annualmente;

7 per gli utenti non residenti nel Comune di Avio e negli altri comuni trentini convenzionati con la Scuola Musicale alle condizioni della presente convenzione, la retta di frequenza relativa ad ogni singolo corso, sarà maggiorata in misura minima del 15% rispetto alla retta di frequenza stabilita annualmente per gli utenti residenti nei Comuni convenzionati; agli utenti residenti fuori della Provincia Autonoma di Trento, non essendo per questi possibile la parziale copertura finanziaria della Provincia Autonoma di Trento, sarà applicata una retta che comprenda la copertura di tutti i costi relativi alle attività scolastiche programmate, alla gestione ed alla amministrazione fatte salve specifiche convenzioni da stipulare di volta in volta con i comuni extra-provinciali interessati.-----il comune inoltre sovvenziona la Scuola Musicale concedendo i locali ove svolgere idoneamente l attività didattica, nel rispetto degli orientamenti approvati dalla Giunta Provinciale Il Comune si fa carico, nelle forme e modi ritenuti più opportuni, delle spese relative alla manutenzione ordinaria e straordinaria dell immobile comprese le opere necessarie all adeguamento dello stesso alle norme dettate dal d.lgs. 81/08 in materia di sicurezza, delle spese relative alle pulizie ordinarie, del pagamento delle bollette relative a forniture o servizi quali energia elettrica, acqua potabile, conferimento in fognatura, riscaldamento e/o gas Il Comune mette inoltre a disposizione l arredamento presente nell immobile e gli strumenti musicali di proprietà o che rientrano nella sua disponibilità, fatti salvi gli eventuali utilizzi delle attrezzature da parte dell'amministrazione, e nel rispetto di quanto previsto dall'art. 4 della 7

8 presente convenzione Qualora la Scuola Musicale incrementi la propria dotazione di strumenti musicali, anche attivandosi ai sensi del precedente art. 4 (lett. o), il Comune può intervenire ad integrazione del contributo provinciale con fondi propri.---- ART. 6 - DETERMINAZIONE E LIQUIDAZIONE DELLA SOVVENZIONE Il Comune di Avio prende atto che, sulla scorta dell esperienza del passato, l importo complessivo per l'attività musicale didattica volta nei quattro comuni di Ala, Avio, Brentonico e Mori, sul quale calcolare le due percentuali di contribuzione fissa e variabile per ciascun Comune, sia fissato per l'anno scolastico 2015/2016 in ,00=. (quarantanovemilatrecentotrentacinque/00), di cui ,00 =. per la quota fissa ed ,00 =. per la quota variabile Dunque l ammontare annuale della sovvenzione a quota fissa erogata dal Comune di Avio, inteso per il periodo di validità della presente convenzione e per la propria parte di un quarto del totale, sarà pari ad 4.933,50.= (quattromilanoventotrentatre/50), aumentata della somma per quota annuale variabile, quantificata, con riferimento alle disposizioni di cui all'articolo 5) della presente convenzione, in 2.451,86.= (duemilaquattrocentocinquantuno/86) Il valore massimo della sovvenzione erogata dal Comune di Avio è pari ad Euro 7.385,86.= (settemilatrecentottantacinque/86), definito in base ai criteri di cui all art. 5 della presente convenzione, ovvero in base alla proporzione delle ore erogate per i residenti del Comune di Avio nell'anno scolastico precedente L intervento finanziario comunale a sostegno dell attività scolastica viene corrisposto a mezzo di due acconti da versarsi in corso d anno ed un 8

9 versamento a conguaglio da effettuarsi in sede di presentazione del conteggio definitivo relativo all anno scolastico trascorso: Il primo acconto, corrispondente al 30% dell'importo complessivo del contributo assegnato e cioè pari ad 2.215,75.- (duemiladuecentoquindici/76), sarà impegnato entro il 31 dicembre 2015 e conseguentemente liquidato; Il secondo acconto, corrispondente al 40% dell'importo complessivo del contributo assegnato e cioè pari ad 2.954,34 (duemilanovecentocinquantaquattro/34), sarà liquidato entro il 28 febbraio 2016; Il conguaglio, pari ad 2.215,77.= (duemiladuecentoquindici/77), sarà versato entro il 31 agosto ART. 7 - CONTROLLO DEL COMUNE Il Comune ha in ogni momento la possibilità di verificare la regolarità della gestione della scuola. Il Comune può inoltre verificare l iscrizione al registro delle Scuole Musicali e gli atti della Provincia Autonoma di Trento riguardanti la Scuola, il regolare svolgimento delle lezioni secondo gli orari prestabiliti e l esito degli esami di fine anno. La Scuola Musicale deve mettere a disposizione del Comune la documentazione richiesta ai fini di cui sopra e favorire in ogni caso la funzione di controllo ART. 8 - COMITATO DI RAPPRESENTANZA Al fine di migliorare il funzionamento della Scuola Musicale ed il collegamento fra gli enti cointeressati al buon andamento della stessa viene costituito il Comitato di Rappresentanza, composto da:

10 i Sindaci pro tempore, o loro delegati, dei Comuni di Ala, Avio, Brentonico e Mori; n. 2 membri designati del Consiglio di Amministrazione della Scuola Musicale; il direttore della Scuola Il Comitato di Rappresentanza prevederà forme di partecipazione dei genitori degli alunni iscritti o degli alunni stessi se maggiorenni Il Comitato resta in carica per tutta la durata della presente convenzione E compito del Comitato di Rappresentanza raccogliere elementi al fine di formulare indirizzi per un ottimale funzionamento delle attività scolastiche.--- In particolare il Comitato è invitato ad esprimersi in merito a proposte di interventi didattici da affiancare a quelli esistenti, in relazione alle disponibilità della scuola, sulla base delle istanze provenienti dal territorio.--- Il Comitato nomina nella sua prima riunione, convocata dal Direttore della Scuola Musicale, un proprio membro quale Presidente, scelto fra i rappresentanti degli utenti, e determina le norme per il proprio funzionamento Esso esprime le proprie valutazioni a maggioranza dei voti dei presenti che devono costituire la maggioranza dei suoi componenti ART. 9 - UTILIZZO LOGO E STEMMA COMUNALE Al fine di consentire una completa e sollecita attività di promozione dell'attività della Scuola Musicale come indicato nell'art.4, comma i), si conviene il libero utilizzo del logo e stemma comunale nei materiali pubblicitari e di informazione relativi all'attività della Scuola Musicale

11 ART. 10 REGISTRAZIONE E SPESE Il presente atto è soggetto a registrazione solo in caso d uso ai sensi dell art. 5 D.P.R n Tutte le spese inerenti e conseguenti al presente atto sono a carico della Scuola Musicale Letto, accettato e sottoscritto Avioi, per il COMUNE DI AVIO Il Segretario comunale Dott.ssa Laura Brunelli Mori, per la SCUOLA MUSICALE Il Presidente dott. Franco Piccinelli 11

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE NIBBIOLA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE NIBBIOLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE E NIBBIOLA Ai sensi dell art. 30 del D.Lgs. 267/2000 Allegato alla deliberazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO (Facchini Giuseppe) IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Claudio Urhaler)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO (Facchini Giuseppe) IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Claudio Urhaler) Allegato alla delibera del Consiglio Comunale avente per oggetto: Scioglimento del Consorzio per il servizio di vigilanza boschiva tra i Comuni di Panchià, Predazzo e Ziano di Fiemme con approvazione convenzione

Dettagli

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Gestione Commissariale - D.P.G.R. N. 90 del 02.07.2013

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

COMUNE DI RIVA DEL GARDA

COMUNE DI RIVA DEL GARDA COMUNE DI RIVA DEL GARDA (Provincia di Trento) SCHEMA CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE PROGETTO DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI ATTRAVERSO RIORDINO ARCHIVI EX PRETURA

Dettagli

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI)

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA (art. 2, comma 2, L.R. 25.6.1984, n 31) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SINNAI E LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA LE GIOVANI MARMOTTE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 (art. 159 e 190 D. Lgs 297/94; art. 3 L. 23/96) Allegato DGC n. 153/5.12.2013 L anno duemilatredici

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO. (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA

Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO. (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI PREDAZZO PROVINCIA DI TRENTO CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEI

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n.

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE ADRIANO BANCHIERI DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. 65 del 30/09/2015 STATUTO TITOLO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 - Oggetto e finalità dello

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Comune di Roè Volciano Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Approvato

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

Comune di Albiano d'ivrea Provincia di Torino

Comune di Albiano d'ivrea Provincia di Torino Comune di Albiano d'ivrea Provincia di Torino All cc 7/2015 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI ALBIANO D IVREA E BUROLO PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI SCUOLA PRIMARIA DI ALBIANO D'IVREA PREMESSA

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CASTELGRANDE Provincia di POTENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI S O M M A R I O Art.

Dettagli

COMUNE DI VENAUS (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI VENAUS (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI VENAUS (PROVINCIA DI TORINO) ORIGINALE Determinazione n. 18 del 18.09.2014 AREA TURISMO SPORT CULTURA E ISTRUZIONE Oggetto: ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALUNNI CON DISABILITÀ.

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA DI PATROCINIO, AGEVOLAZIONE ECONOMICA E/O CONTRIBUTO FINANZIARIO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O COOPERATIVE SOCIALI SENZA FINE DI LUCRO.

OGGETTO: DOMANDA DI PATROCINIO, AGEVOLAZIONE ECONOMICA E/O CONTRIBUTO FINANZIARIO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O COOPERATIVE SOCIALI SENZA FINE DI LUCRO. Servizio CULTURA e BIBLIOTECA tel. e fax. 049-706986 e-mail: biblioteca@cadoneghenet.it AL SIGNOR SINDACO ALLA GIUNTA COMUNALE Alla RESPONSABILE 2.a P.O. Fadia Misri COMUNE DI CADONEGHE PIAZZA INSURREZIONE,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO RISOLUZIONE N. 314/E Roma, 05 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Svolgimento in forma associata di funzioni e servizi da parte di enti locali. - Decreto del Presidente

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento

COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 146 del 03-12-2014 della GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ORGANIZZAZIONE ULTERIORE CORSO SERALE DI LINGUA INGLESE LIVELLO ELEMENTARY PER LA

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI E CONTRIBUTI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI E CONTRIBUTI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI E CONTRIBUTI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Art. 1 Oggetto Il presente regolamento detta le norme di attuazione del D. Lgs. 267/2000 e dello Statuto Comunale, disciplinando

Dettagli

Prot.n. 10916 / B10 Udine, 23/12/2015. Sul sito web istituzionale www.conservatorio.udine.it Albo Pretorio: Albo Studenti

Prot.n. 10916 / B10 Udine, 23/12/2015. Sul sito web istituzionale www.conservatorio.udine.it Albo Pretorio: Albo Studenti Prot.n. 10916 / B10 Udine, 23/12/2015 Sul sito web istituzionale www.conservatorio.udine.it Albo Pretorio: Albo Studenti Oggetto: pubblicazione D.D. n. 117 del 23/12/2015 Bando di concorso rivolto ad allievi

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - (COSTITUZIONE DEL GRUPPO) E costituito il Gruppo comunale

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell art. 12 della legge 7 agosto 1990, n 241 i criteri e le modalità per:

CAPO I NORME GENERALI. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell art. 12 della legge 7 agosto 1990, n 241 i criteri e le modalità per: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO DI AFFIDAMENTO LAVORI IN MATERIA DI IMPIANTISTICA ELETTRICA RELATIVI AD IMMOBILI CIVILI DI PROPRIETA CONDOMINIALE (INSTALLAZIONE,

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

provvedere ai compiti e alle funzioni per la gestione delle scuola dell infanzia nel quadro delle normative vigenti;

provvedere ai compiti e alle funzioni per la gestione delle scuola dell infanzia nel quadro delle normative vigenti; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che l Associazione Amici dell Asilo Scuola Materna di Madonna di Campiglio, con lettera dd. 20.08.2007, pervenuta presso la Sede Municipale nella medesima giornata al prot.

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZI SOCIALI COMUNALI,SPORTELLO SOCIALE AL CITTADINO, SEGRETERIA AMMINISTRATIVA DI SETTORE DETERMINAZIONE

UNITA OPERATIVA SERVIZI SOCIALI COMUNALI,SPORTELLO SOCIALE AL CITTADINO, SEGRETERIA AMMINISTRATIVA DI SETTORE DETERMINAZIONE UNITA OPERATIVA SERVIZI SOCIALI COMUNALI,SPORTELLO SOCIALE AL CITTADINO, SEGRETERIA AMMINISTRATIVA DI SETTORE DETERMINAZIONE Oggetto: Determinazione della quota mensile a carico ospiti di Case di Riposo

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

STATUTO. dell Accademia di Belle Arti Giambettino Cignaroli e scuola Brenzoni, di pittura e scultura

STATUTO. dell Accademia di Belle Arti Giambettino Cignaroli e scuola Brenzoni, di pittura e scultura STATUTO dell Accademia di Belle Arti Giambettino Cignaroli e scuola Brenzoni, di pittura e scultura Testo modificato rispetto a quello vigente (che era stato approvato dal Consiglio Comunale di Verona

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Art. 1 - Scopo 1.1 Il Fondo di Solidarietà (di seguito anche solo il Fondo ) ha lo scopo esclusivo di attuare forme di solidarietà sociale di beneficenza, assistenza

Dettagli

COMUNE DI VALLARSA (PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO)

COMUNE DI VALLARSA (PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO) COMUNE DI VALLARSA (PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO) Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 392 del registro delibere Data 14.10.2015 OGGETTO Assunzione del sig. ARLANCH Renaud di Vallarsa Frazione

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

Ufficio Organizzazione e Personale

Ufficio Organizzazione e Personale C O M U N E D I (Provincia di Trento) A L A Ufficio Organizzazione e Personale N. 64-2012/Seg Archivio determinazioni data 04.06.2012 Visto regolarità contabile data OGGETTO: Liquidazione personale dipendente

Dettagli

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Art. 1 - MATERIA DEL REGOLAMENTO Art. 2 - ARTICOLAZIONE Art. 3 - REQUISITI PER L ISCRIZIONE Art. 4 - MODALITA PER

Dettagli

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È istituita la Fondazione denominata "Fondazione Banca San Paolo di Brescia" al fine di assicurare, con un nuovo strumento adeguato alla vigente legislazione, la prosecuzione

Dettagli

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177

Art. 3 L associazione ha sede in Roma, Via Scipio Sighele n. 15-00177 STATUTO DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata International Human Dana organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L associazione assume nella propria

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O FormaFarma Associazione culturale senza scopo di lucro Art 1 Denominazione e sede S T A T U T O È costituita l Associazione culturale sotto la denominazione: FormaFarma - Associazione culturale senza scopo

Dettagli

COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE DISCIPLINANTE IL RAPPORTO TRA IL COMUNE DI NAGO-TORBOLE E SMAG SOCIETA COOPERATIVA-SCUOLA MUSICALE ALTO GARDA-SERVIZI MUSICALI ALTO GARDA

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE

1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1. REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE 1.1 Il presente regolamento contiene i criteri per la programmazione e l'attuazione dei viaggi d'istruzione. Per l organizzazione e lo svolgimento dei viaggi si fa riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

CONCESSIONE IN USO DELLA MALGA SAN PELLEGRINO. L'anno duemilaquindici, addi del mese di presso la sede

CONCESSIONE IN USO DELLA MALGA SAN PELLEGRINO. L'anno duemilaquindici, addi del mese di presso la sede REP. /a.p. COMUNE DI MOENA PROVINCIA DI TRENTO CONCESSIONE IN USO DELLA MALGA SAN PELLEGRINO L'anno duemilaquindici, addi del mese di presso la sede municipale di Moena, tra i Signori: 1. Il Segretario

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <<GIOVANI & FUTURO>>

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <<GIOVANI & FUTURO>> STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS DENOMINAZIONE OGGETTO E SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata GIOVANI & FUTURO organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus)". L'associazione

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 30/11/2009 OGGETTO: Convenzione con la per la gestione del servizio di trasporto degli alunni disabili frequentanti gli istituti scolastici superiori e i

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1194 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: LP 6/2004. Art. 10. Affidamento "in house" a Trentino trasporti esercizio S.p.A.

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA (Provincia di Pisa) Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del..,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 30.09.2010 Art. 1- FINALITA E istituito, presso il Comune di Torre de Passeri, il servizio

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG.

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. N. 20 del 31/01/2015. Oggetto: Assunzione impegno di spesa per emissione bollettazione TARI anno 2014. CIG. Repubblica Italiana CITTÀ DI MAZARA DEL VALLO Settore : 2 Gestione delle Risorse Servizio : Entrate e Tributi Ufficio : Tari DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE INDIVIDUATO CON DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 177

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI ART. 1 I Principi L Amministrazione Comunale di Tempio Pausania può concedere contributi finanziari al fine

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO ART.1 DENOMINAZIONE,SEDE, DURATA E costituita dall associazione denominata GRUPPO FESTEGGIAMENTI BASEDO con sede in Chions frazione di Basedo, via

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 OGGETTO: CONTRIBUTI ALLA ISTITUZIONI SCOLASTICHE A CARICO DEL BILANCIO COMUNALE - ANNO 2008 L anno duemilaotto

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY.

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1 - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. L Associazione ha sede in Palazzolo Milanese, Via San Giuseppe 2/4 ed

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE 2.127 FINALITÀ Il Consiglio di Istituto considera le uscite didattiche, le visite e i viaggi di istruzione momenti formativi, utili e qualificanti

Dettagli

* * * Signori Azionisti,

* * * Signori Azionisti, RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL PUNTO 3 ) ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DI RISANAMENTO S.P.A. DEL 29/30 APRILE 2015 3. Nomina del consiglio

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit L anno 2006 il giorno 27 maggio alle ore 15:00 in via Roma, 5 a Remedello (BS), ora trasferitasi in via Visano, 70 a Isorella (BS) sono

Dettagli