Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5 Allegato 1 INTEGRAZIONE E MODIFICA DELLA CONVENZIONE, SOTTOSCRITTA IN DATA 13 OTTOBRE 2010, TRA REGIONE LOMBARDIA, PROVINCIA DI VARESE, COMUNE DI SOMMA LOMBARDO, CONSORZIO PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO, CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI, NAVIGLI LOMBARDI S.C.A.R.L., ENEL GREEN POWER S.P.A., PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI MESSA IN SICUREZZA E VALORIZZAZIONE AI FINI DELLA NAVIGAZIONE TURISTICA DELLE DIGHE DEL PANPERDUTO, IN TERRITORIO DI SOMMA LOMBARDO (VA). CONFERMATE le premesse di cui alla Convenzione sottoscritta in data 13 ottobre 2010, tra Regione Lombardia, Provincia di Varese, Comune di Somma Lombardo, Consorzio Parco Lombardo della Valle del Ticino, Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, Navigli Lombardi s.c.a.r.l., Enel Green Power S.P.A., per la Realizzazione delle Opere di Messa in Sicurezza e Valorizzazione ai fini della navigazione turistica delle Dighe del Panperduto, in Territorio di Somma Lombardo (VA), (di seguito Convenzione Panperduto ); PREMESSO CHE: - la Convenzione Panperduto prevede la condivisione di un ampio progetto di valorizzazione e riqualificazione architettonico-ambientale e paesaggistica, di mantenimento della connessione ecologica col fiume Ticino e di sviluppo di servizi turistici tramite la creazione di strutture di servizio, il cui investimento complessivo previsto è di 21,6 M; - al momento di sottoscrizione della Convenzione Panperduto, le risorse disponibili consentivano esclusivamente il finanziamento degli interventi di messa in sicurezza delle dighe e opere connesse, del Museo delle acque italo-svizzere, delle scale di rimonta della fauna ittica e dell Ostello, per un ammontare complessivo di Euro; - il completamento degli interventi programmati per il ripristino delle tre conche di navigazione era previsto dalla medesima convenzione a valere sul Piano Irriguo Nazionale (di seguito PIN), a seguito della conclusione dell iter di assegnazione di 2,6 MEuro da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MiPAAF), già approvata con Delibera CIPE 75/2006, nonché mediante ulteriori impegni finanziari statali da programmare nell ambito del PIN; - sono state successivamente assegnate al progetto della messa in sicurezza statica delle dighe del Panperduto le seguenti risorse a valere sul PIN: 2,6 MEuro approvati con deliberazione CIPE 69/2010, assegnati con decreto di concessione n del 25/02/2011, successivamente decurtati a 2,34 MEuro; 4 MEuro destinati ai lavori di messa in sicurezza delle dighe, II lotto, con deliberazione CIPE 23 marzo 2012, n. 46, di modifica e integrazione della delibera CIPE 69/2010 e di seguito ridotti a 3,6 MEuro; - che le risorse disponibili a valere sul PIN per complessivi Euro sono vincolate esclusivamente ai lavori di messa in sicurezza I II lotto e che risulta necessario riprogrammare il piano finanziario della Convenzione Panperduto, impegnando i fondi PIN sui lavori di messa in sicurezza I II lotto e riallocando di conseguenza quota parte dei finanziamenti stanziati dai soggetti sottoscrittori sui restanti interventi programmati per il ripristino delle conche di navigazione; PREMESSO altresì che: - l area del Panperduto è stata individuata nel progetto Via d Acqua Parco dell Expo quale nodo strategico dell itinerario Anello verde-azzurro che collega il sito di Expo al Panperduto lungo il Naviglio Grande e il Canale Villoresi, come recepito dalla d.g.r. 4 aprile 2012, n. 3255, 1

6 - con la medesima d.g.r. la Giunta regionale ha riconosciuto la necessità di affiancare al quadro progettuale della Via d acqua Parco dell Expo un programma regionale che contempli interventi infrastrutturali e azioni di valorizzazione turistica, ambientale e culturale sul sistema dei Navigli e delle Vie d acqua lombarde; - la Giunta regionale ha conseguentemente promosso un Accordo di Programma per la definizione di un Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale del sistema dei Navigli e delle vie d acqua lombarde in vista di Expo 2012 (di seguito AdP PIA Navigli ), con d.g.r. 9 maggio 2012, n. 3362; - che il Comitato per la definizione dell Accordo di Programma ha validato nella riunione del 2 ottobre 2012 il testo dell AdP PIA Navigli e che tale ipotesi è proposta alla odierna seduta della Giunta regionale per la sua approvazione; - che l ipotesi di AdP PIA Navigli : impegna Regione Lombardia, Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, Navigli Lombardi s.c.a.r.l., Parco Lombardo della Valle del Ticino, Parco Adda Nord, Parco delle Groane e Parco Agricolo Sud ad attuare un programma condiviso di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale mediante un Progetto Integrato d Area ( PIA Navigli ) da finanziare con risorse proprie, fondi FSC e Progetti d eccellenza e da cofinanziare con risorse POR FESR asse IV; promuove un programma condiviso per il complessivo recupero e valorizzazione del sistema dei Navigli, che origina dalle dighe del Panperduto, e il ripristino della navigazione lungo l idrovia Locarno-Milano-Venezia, integrando in modo sinergico gli interventi di cui alla Convenzione Panperduto; prevede di cofinanziare con fondi POR FESR asse IV gli interventi di ripristino delle tre conche di navigazione e il II lotto, 1 stralcio, della messa in sicurezza e consolidamento delle dighe oggetto della Convenzione Panperduto per un importo complessivo di Euro, individuandone i costi sulla base dei progetti definitivi sviluppati dal Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi; PREMESSO infine che: - nella fase di attuazione degli interventi previsti dalla citata convenzione i costi del primo lotto di messa in sicurezza sono stati aggiornati con perizia di variante e che lo sviluppo delle progettazioni esecutive del secondo lotto ha determinato l attuazione per stralci, richiedendo una modifica ulteriore dei quadri economici delle opere da realizzare; - che alcuni interventi previsti dalla convenzione citata sono stati conclusi o in via di conclusione mentre altri interventi si rendono necessari per completare la messa in sicurezza del sito e le opere di valorizzazione turistica e a i fini della navigazione interna; CONSIDERATO che: - gli ulteriori finanziamenti disponibili a valere sul PIN ( Euro) e sul POR FESR asse IV ( Euro) consentono di completare il quadro degli interventi originariamente programmati dalla Convenzione Panperduto e di attivare ulteriori interventi per il ripristino della navigazione lungo l idrovia Locarno Milano Venezia, liberando quota parte delle risorse originariamente stanziate da Regione Lombardia e Navigli Lombardi s.c.a.r.l. da destinare al cofinanziamento degli interventi programmati sull AdP PIA Navigli ; - che è necessario modificare e integrare la Convenzione Panperduto, per adeguarla alle mutate condizioni di contesto, progettuali e di disponibilità finanziarie, aggiornando il quadro finanziario 2

7 complessivo con gli ulteriori finanziamenti disponibili a valere sul PIN e sul POR FESR asse IV, nonché inserendo ulteriori interventi per il ripristino della navigazione lungo l idrovia; - per maggiore chiarezza le integrazioni e modifiche proposte sono interamente riprese nel testo integrale originario della convenzione, coordinato con dette modificazioni evidenziate con carattere grassetto; TUTTO CIÒ PREMESSO E CONSIDERATO, AD INTEGRAZIONE E MODIFICA DELLA CONVENZIONE SOTTOSCRITTA IL 13 OTTOBRE 2010 TRA REGIONE LOMBARDIA, con sede in Milano, Piazza Città di Lombardia 1, in persona del legale rappresentante pro tempore ; PROVINCIA DI VARESE, con sede in Varese, Piazza Libertà 1, in persona del legale rappresentante pro tempore (nel prosieguo la Provincia ); COMUNE DI SOMMA LOMBARDO, con sede in Somma Lombardo, P.zza Vittorio Veneto 2, in persona del legale rappresentante pro tempore (nel prosieguo il Comune ); CONSORZIO PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO, con sede in Pontevecchio di Magenta (MI), Via Isonzo 1, in persona del legale rappresentante pro tempore (nel prosieguo il Parco ); CONSORZIO DI BONIFICA EST-TICINO-VILLORESI con sede in Milano, Via Ariosto 30, in persona del legale rappresentante pro tempore (nel prosieguo il Consorzio ); NAVIGLI LOMBARDI S.C.A.R.L, con sede in Milano, Via Rosellini 17, in persona del legale rappresentante pro tempore ; ENEL GREEN POWER S.p.A, con sede in Roma, Viale Regina Margherita 125, in persona del legale rappresentante pro tempore ; SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE Le premesse sono parte integrante della presente Convenzione ART. 1 - OGGETTO Le parti si impegnano, per quanto di propria competenza, a dare corso alle attività disciplinate dalla presente convenzione secondo i tempi e le procedure di seguito stabilite al fine di realizzare le opere per la messa in sicurezza delle Dighe del Panperduto costituite dalla traversa di derivazione sul fiume Ticino sita nei comuni di Somma Lombardo (VA) e Varallo Pombia (NO) e dal bacino di ripartizione in località 3

8 Maddalena sita in comune di Somma Lombardo (VA) e dare l avvio agli interventi per il ripristino della navigazione ai fini turistici dal bacino del Panperduto lungo l idrovia Locarno Milano - Venezia. I suddetti interventi rientrano in un più ampio progetto di valorizzazione e riqualificazione architettonico ambientale e paesaggistica, di mantenimento della connessione ecologica col fiume Ticino, di sviluppo di servizi turistici tramite la creazione di strutture di servizio, nonché di ripristino della navigazione lungo l idrovia Locarno Milano Venezia, il cui investimento complessivo, a valere sulla presente convenzione, sull AdP PIA Navigli e su altri programmi autonomi, previsto è di Euro così articolato: Euro: messa in sicurezza delle dighe e opere connesse (compreso base conche di navigazione); Euro: ripristino della navigabilità primaria connessa alle dighe e alla via navigabile Locarno-Milano-Venezia (conche di Poiret e Turbigo); Euro: recupero delle strutture architettoniche e valorizzazione ambientale, turistica e culturale; Euro: riconnessione ecologica fauna ittica. La descrizione di dettaglio degli interventi e dei relativi finanziamenti è riassunta nel successivo articolo 4. ART. 2 - AMBITO TERRITORIALE La presente Convenzione assume come riferimento l area delle Dighe del Panperduto collocate nel comune di Somma Lombardo (VA) tra la località omonima e la località Maddalena, nel Parco lombardo della valle del Ticino e lungo l idrovia Locarno Milano Venezia. ART. 3 - RUOLO E OBBLIGHI DEI SOGGETTI INTERESSATI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi è il soggetto attuatore di tutti i lavori tranne la riconnessione ecologica per la fauna ittica, incaricandosi della progettazione, dell affidamento e dell esecuzione dei lavori sino al loro collaudo finale e garantendo l eventuale anticipo delle somme definite per la realizzazione del progetto nei tempi concordati. La liquidazione dei contributi deve avvenire a seguito di richiesta da parte del Consorzio stesso entro il termine di 90 giorni dalla stessa seguendo le modalità indicate per ciascun soggetto interessato indicate all'art. 6. Ove la liquidazione avvenga oltre tale termine e il Consorzio fosse costretto a ricorrere ad anticipazioni di cassa onerose, tali oneri saranno richiesti all ente responsabile del ritardo a meno di diverse determinazioni del Comitato di gestione di cui all art. 7. Nella predisposizione e realizzazione della cantierizzazione saranno tenute in adeguata considerazione le esigenze di continuità produttiva delle aziende interessate e dei territori agricoli sottesi al sistema idraulico. L Ente attuatore si impegna a realizzare le attività previste nella presente convenzione. L Ente attuatore, in qualità di stazione appaltante ai sensi del d.lgs. 2 maggio 2006, n. 163 e s.m.i., dovrà provvedere a: - nominare il Responsabile Unico del Procedimento; - affidare internamente o esternamente la progettazione, la direzione dei lavori ed eventualmente il collaudo secondo la normativa vigente; - elaborare i progetti definitivi ed acquisire le necessarie autorizzazioni, anche attraverso la 4

9 convocazione delle Conferenze dei servizi ai sensi di legge; - approvare i progetti esecutivi con proprio provvedimento e trasmetterlo alla Regione, per gli adempimenti previsti dalla l.r. 8/1998 e dal Regolamento Regionale 24 marzo 2006, n. 2; - provvedere all affidamento dei lavori secondo quanto previsto dalla normativa vigente in materia di lavori pubblici; - convocare il Comitato di gestione di cui all art. 7 per eventuali varianti che comportino variazioni di spesa rispetto a quanto definito dalla presente convenzione e sulla base di quanto in essa definito; - richiedere l assenso del Comitato di gestione per eventuali perizie di variante e suppletive nei casi previsti dall art. 132, comma 1, lett. a), b), c), e d), del d.lgs. 163/06 (superiori al 10% ovvero al 5% dell importo contrattuale secondo quanto previsto dal d.lgs. 163/06), allegando le relazioni di cui all art. 161, commi 7 e 8, del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207; - provvedere al collaudo o al certificato di Regolare Esecuzione dei lavori ed alla sua approvazione. Ai sensi dell art. 29 del D.Lgs.196/2003 l Ente attuatore assume la qualifica di responsabile del trattamento per i dati trattati in esecuzione della presente convenzione, la cui titolarità resta in capo a Regione Lombardia. Regione Lombardia, si impegna a corrispondere al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi una somma di 1,5 MEuro a valere sul capitolo Contributo per la messa in sicurezza, consolidamento e valorizzazione dighe, ripristino delle conche di navigazione del bacino di Panperduto. Linea di navigazione Locarno-Milano-Venezia del bilancio pluriennale , quale contributo di cofinanziamento delle opere secondo le modalità stabilite ai successivi articoli 4 e 6. Navigli Lombardi s.c.a.r.l. si impegna a corrispondere al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi una somma di 0.5 MEuro quale contributo di cofinanziamento delle opere secondo le modalità stabilite ai successivi articoli 4 e 6. Enel Green Power S.p.A. si impegna a corrispondere al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi una somma di 6 MEuro quale contributo di cofinanziamento delle opere secondo le modalità stabilite ai successivi articoli 4 e 6. Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi acquisirà inoltre per la realizzazione delle opere oggetto della presente convenzione i finanziamenti a valere sul Piano Irriguo Nazionale stanziate dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per complessivi Euro (delibere CIPE n. 69/2010 e n. 46/2012) e dei fondi POR FESR asse IV programmati nell ambito dell ADP PIA Navigli per complessivi Euro. Il dettaglio dei finanziamenti è riportato agli articoli 4 e 6. Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi ed Enel Green Power stipuleranno specifica convenzione per la gestione e manutenzione delle opere da recepire dalla Regione Lombardia agli effetti della sicurezza, esercizio e manutenzione delle opere soggette alla l.r. 8/1998 nonché ai fini del couso delle opere di derivazione ai sensi dell art. 29 del Regolamento Regionale 2/2006 (già articolo 47 r.d. 11 dicembre 1933, n. 1775). Il Parco collabora alla definizione della progettazione relativa agli aspetti di compatibilità ambientale e in fase di esecuzione per quanto di competenza e realizza le opere di riconnessione ecologica per la fauna ittica. La Provincia di Varese si impegna a promuovere il progetto nella fase di definizione progettuale e di esecuzione per quanto di competenza nell ambito dei propri strumenti di programmazione anche di settore. 5

10 Il Comune di Somma Lombardo si impegna a promuovere il progetto e collabora alla definizione delle necessarie varianti urbanistiche, ove necessarie, e in fase di esecuzione per quanto di competenza. ART. 4 - DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI RELATIVI FINANZIAMENTI Il programma complessivo d intervento sull area del Panperduto è costituito da una pluralità di interventi, finanziati da diverse fonti finanziarie, che concorrono al recupero e alla valorizzazione ambientale, turistica e culturale del territorio delle dighe del Panperduto lungo l idrovia Locarno Milano Venezia sino a Turbigo. Il programma complessivo comprende: interventi integrativi per la valorizzazione culturale, turistica e ambientale, che seguono le norme dei rispettivi finanziamenti concessi (tabella 1); interventi finanziati a valere sulla presente convenzione per la messa in sicurezza delle dighe e il ripristino delle conche di navigazione. Tali interventi sono cofinanziati dai fondi FESR POR asse IV dell AdP PIA Navigli e dai fondi del Piano Irriguo Nazionale (Mipaaf), che il Consorzio Villoresi acquisirà al termine delle relative procedure di concessione (tabella 2); ulteriori interventi per il progressivo ripristino della navigazione lungo l idrovia Locarno Milano Venezia, da attivare mediante ulteriori risorse ad integrazione della disponibilità finanziaria attuale (tabella 3), con le modalità di seguito indicate. Tabella 1 interventi integrativi per la valorizzazione culturale, turistica e ambientale RL Ministero dell ambiente RL Ministero Dip. Gioventù Piano finanziario Consorzio ETVilloresi Interreg IV Italia - Svizzera Costo complessivo Note Scala di rimonta fauna ittica Ente attuatore: Parco Valle Lombardo Valle del Ticino Opera realizzata Ostello nel casello idraulico Ente attuatore: Consorzio Villoresi Programma regionale Nuova generazione d idee. Le politiche e le linee di intervento per i giovani di Regione Lombardia. DG Sport e giovani Lavori In corso Museo delle acque Italo svizzere IDROTOUR Ente attuatore: Consorzio Villoresi, Regione Lombardia, DG Turismo, commercio e servizi Lavori In corso 6

11 Tabella 2 interventi oggetto della convenzione (attuatore: Consorzio Villoresi) Regione Lombardia Navigli Lombardi s.c.a.r.l. Piano finanziario Enel Green Power MiPAAF P.I.N. Regione Lombardia POR FESR asse IV Costo totale Messa in sicurezza delle dighe 1 lotto (lavori in corso) Messa in sicurezza delle dighe 2 lotto 1 stralcio (in appalto) Messa in sicurezza delle dighe 2 lotto 2 stralcio - traghetto a catena (lavori in corso) Messa in sicurezza delle dighe 2 lotto 3 stralcio - consolidamento e parziale rifacimento del muro destro di monte e del manufatto denominato scaricatore delle sabbie (progetto definitivo) Conca di Panperduto - Opera di presa (progetto definitivo) Conca della Maddalena 2 - Canale Industriale (progetto definitivo) Conca della Maddalena 1 - Canale Villoresi (progetto definitivo) Restauro conservativo e inserimento nel percorso museale con illuminazione a fini fruitivi dell'edifico dell'opera di presa alle Dighe del Panperduto (studio fattibilità) Totale Gli interventi oggetto della presente convenzione di cui alla tabella 2 seguono le disposizioni della presente convenzione per quanto concerne i finanziamenti concessi dai soggetti sottoscrittori e le specifiche norme previste per l assegnazione ed erogazione dei fondi P.I.N. del MiPAAF e dei fondi POR FESR asse IV di Regione Lombardia per le quote corrispondenti. Tabella 3 ulteriori interventi convenzione (attuatore: Consorzio Villoresi) Consorzio Villoresi Enel Green Power Piano finanziario Totale finanziamento disponibile da reperire Costo totale Sistemazione del canale di accesso alla conca Maddalena 1, mandracchio e ormeggi (progetto definitivo) Interventi per la navigazione Locarno-Milano-Venezia lotto 1: ripristino diga Poiret (studio fattibilità) Interventi per la navigazione Locarno-Milano-Venezia lotto 2: conche di Turbigo e opere accessorie (studio fattibilità) Totale

12 Gli ulteriori interventi previsti dalla presente convenzione di cui alla tabella 3 potranno essere attivati mediante ulteriori finanziamenti disponibili a valere sulle risorse FESR POR asse IV che si rendessero disponibili in fase di attuazione dell AdP PIA Navigli nonché mediante eventuali nuove assegnazioni di finanziamenti. Tali interventi saranno progressivamente attivati una volta garantita la piena copertura finanziaria mediante i finanziamenti integrativi. Il Comitato di Gestione di cui all art. 7 monitora l effettivo reperimento dei fondi integrativi e provvede ad assumere le necessarie determinazioni per garantire l attuazione degli interventi, riprogrammando se necessario il piano finanziario per concentrare i finanziamenti disponibili sugli interventi programmati attivabili in ragione delle risorse effettivamente disponibili. ART. 5 - TEMPI DI INTERVENTO Nel rispetto della vigente normativa, l avvio e la fine dei lavori di cui alla tabella 1 seguirà il cronoprogramma approvato negli atti di concessione dei rispettivi finanziamenti e così composto: scala rimonta fauna ittica: avvio lavori 2010, conclusioni lavori 2012 (opera conclusa) ostello: avvio lavori 2011, conclusione lavori 2012 (lavori in corso) museo acque italo svizzere IDROTOUR: avvio progetto novembre 2010, conclusione dicembre 2013 (lavori in corso) Nel rispetto della vigente normativa, l avvio e la fine dei lavori degli interventi di cui alla tabella 2, avviati nel gennaio 2011 con il primo lotto di messa in sicurezza, si concluderanno complessivamente nel marzo 2015 con la seguente tempistica: primo lotto di messa in sicurezza: 1/ /2012 secondo lotto di messa in sicurezza, I e II stralcio: 1/ /2014 conche di navigazione: 6/2013 3/2015 secondo lotto messa in sicurezza, III stralcio: 3/2014 3/2015 restauro opera presa: 1/2014-3/2015I tempi di intervento relativi alle opere di cui alla tabella 3 saranno stabiliti, nel rispetto della vigente normativa e delle condizioni di concessione delle relative provviste finanziarie, dal Comitato di Gestione della convenzione di cui al successivo articolo 7. Eventuali proroghe rispetto alle tempistiche indicate saranno disciplinate con riferimento alle specifiche disposizione delle fonti di finanziamento che concorrono alla realizzazione delle opere. ART. 6 - MODALITA DI LIQUIDAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIATI I finanziamenti dei soggetti sottoscrittori della presente convenzione saranno erogati al Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi a cui viene riconosciuto un massimo del 15% sull importo lavori risultante dal progetto esecutivo posto a base di gara quali spese generali tecniche ed amministrative. Si intendono riconoscibili quali spese generali anche le spese tecniche e relative spese amministrative sostenute antecedentemente alla stipula della presente convenzione e finalizzate alla redazione dei vari livelli di progettazione degli interventi oggetto della presente Convenzione. 8

13 La liquidazione del contributo regionale di 1,5 MEuro viene erogato secondo le seguenti modalità: 0,50 MEuro all approvazione del progetto esecutivo 1 lotto (2010) 0,50 MEuro alla consegna lavori 1 lotto (2011) 0,50 MEuro al collaudo lavori del 1 lotto (2013) Il contributo di Navigli Lombardi scarl di 0,5 MEuro è da erogarsi come di seguito riportato: 0,50 MEuro all appalto dei lavori del 2 lotto, 2 stralcio (2012) Il contributo di Enel Green Power di 6 MEuro è da erogarsi come di seguito riportato: 1,50 MEuro nel 2011 a titolo di anticipazione degli impegni di cui alla tabella 2; 1,00 MEuro nel 2012 a titolo di anticipazione degli impegni di cui alla tabella 2; 1,70 MEuro nel 2013 per gli impegni di cui alla tabella 2 e 3; 1,50 MEuro nel 2014 per gli impegni di cui alla tabella 2 e 3; 0,30 MEuro nel 2015 per gli impegni di cui alla tabella 2 e 3. ART. 7 - COMITATO DI GESTIONE Al fine di assicurare il coordinamento delle attività progettuali e realizzative della presente convenzione, viene istituito un Comitato di Gestione formato da un rappresentante di ciascun Ente. A tale comitato è affidato anche il compito di decidere l uso delle risorse derivanti dai ribassi d asta o da altre economie eventualmente sopraggiunte, nonché di assumere le determinazioni in merito ad eventuali oneri derivanti da ritardi di pagamento. Il Comitato può, inoltre, nel rispetto dei limiti di impegno complessivo dei soggetti sottoscrittori di cui all articolo 3, modificare l assegnazione delle risorse ai singoli progetti di cui alle tabelle 2 e 3 dell articolo 4, e di conseguenza le relative tempistiche di cui all articolo 5, in relazione a successivi affinamenti progettuali, ribassi d asta, economie, nuove assegnazioni finanziarie nonché riduzioni delle assegnazioni programmate a valere sui fondi FESR asse IV e PIN MiPAAF. È altresì facoltà del Comitato, sempre nel rispetto del citato limite complessivo di impegno dei sottoscrittori di cui all art.3, proporre ai sottoscrittori l inserimento di nuove opere a completamento degli interventi previsti dalla presente convenzione. ART. 8 - DURATA DELLA CONVENZIONE La durata della presente convenzione ha durata a decorrere dalla sottoscrizione delle parti contraenti fino al completamento delle attività e degli impegni previsti. ART. 9 - SPESE E ONERI FISCALI La presente convenzione è redatta in triplice copia, delle quali una viene conservata presoo la Regione, una presso l Ente attuatore e la terza a valere per la eventuale registrazione, le cui spese sono a carico dell Ente 9

14 che ne richiede l uso. Eventuali oneri fiscali inerenti alle operazioni di cui alla presente convenzione saranno a carico dell Ente attuatore. ART. 10 CONTROVERSIE Per eventuali controversie relative alla validità, interpretazione od esecuzione della presente Convenzione le parti si riservano la facoltà di risolvere le stesse per via amministrativa. In caso di mancato accordo si stabilisce che il foro competente è il tribunale di Milano. Letto e sottoscritto, addì. 10

15

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 I VENTI DELL INNOVAZIONE EXPO 2015: ACQUA Centro Congressi Ville Ponti di Varese, 19 giugno 2014 LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 Arch. Laura

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

MOBILITA DOLCE Riaprire la Via Navigabile Locarno Milano verso Expo2015

MOBILITA DOLCE Riaprire la Via Navigabile Locarno Milano verso Expo2015 MOBILITA DOLCE Riaprire la Via Navigabile Locarno Milano verso Expo2015 LA BICICLETTA D ACQUA D DOLCE, IL RECUPERO DELL IDROVIA LOCARNO MILANO VENEZIA Luino - 05 Novembre 2014 - dott. Massimo Lazzarini

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE sigla numero data PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda C.d.G. 61 12.12.2014 Oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA ACCORDO DI PARTE- NARIATO TRA PARCO ADDA NORD E COMUNE DI CASSANO D ADDA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 PROGETTO LA GRANDE GUERRA/DER ERSTE WELTKRIEG INTERREG IV ITALIA AUSTRIA Interventi di completamento edificio pubblico ed aree di pertinenza

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Gara per l assunzione di n.1 mutuo con oneri a carico dello Stato, destinati agli investimenti relativi Piano Irriguo Nazionale.

Gara per l assunzione di n.1 mutuo con oneri a carico dello Stato, destinati agli investimenti relativi Piano Irriguo Nazionale. Gara per l assunzione di n.1 mutuo con oneri a carico dello Stato, destinati agli investimenti relativi Piano Irriguo Nazionale. Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice BANDO DI GARA I.1) Denominazione,

Dettagli

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO LINEE-GUIDA PER L AVVIO E L ACCOMPAGNAMENTO DEI PISL MONTAGNA (PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PER LA MONTAGNA) MODALITA DI PRIMA APPLICAZIONE DELL ART. 5 DELLA L.R. n. 25/2007* (*come modificato

Dettagli

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA ALLEGATO AL DECRETO CONVENZIONE TRA LA REGIONE LOMBARDIA E L ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA, QUALE SOGGETTO ATTUATORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO FINALIZZATO RETE CURE PALLIATIVE PER PAZIENTI INGUARIBILI

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114

SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114 SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: Rete stradale Presidente della Regione Campania, Commissario Straordinario

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEI NAVIGLI NEL QUADRO DELL IDROVIA LOCARNO-MILANO-VENEZIA LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI SULLE VIE D'ACQUA IN LOMBARDIA Milano - Palazzo Lombardia- 9 dicembre 2015

Dettagli

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 4 MOBILITA SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 4.4 PISTE CICLABILI DGRV 1724 DEL 29 SETTEMBRE 2014 PROGETTO:

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 Oggetto: ACCORDO DI PROGRAMMA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE STRUTTURALE E SOCIALE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE FOGNARIA DI CARPI. (Prog. AIMAG 13/82-RETI). L anno duemilaquattordici

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013.

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEI CENTRI STORICI E URBANI DEI COMUNI INTERESSATI DALLA LUNGA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 Provincia di Alessandria Accordo di programma tra la Provincia di Alessandria e il Comune di Ovada per la realizzazione del nuovo Polo scolastico di Ovada III lotto - I

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

SCHEDA N. 155 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Rete idrica G87H04000030001. Ente Irrigazione Puglia Lucania ed Irpinia di Bari

SCHEDA N. 155 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Rete idrica G87H04000030001. Ente Irrigazione Puglia Lucania ed Irpinia di Bari SCHEMI IDRICI BAS - Ristrutturazione dell'adduttore idraulico "S. Giuliano" - Ginosa (progetto BAS 3) 2 lotto: completamento della ristrutturazione del sistema di adduzione SCHEDA N. 155 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità ferroviaria Malpensa Opere connesse all'expo: tratta Rho-Gallarate e Raccordo Y per la connessione diretta tra Rho-Fiera/Expo e Malpensa SCHEDA N. 13 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO D. Procedure operative

ALLEGATO D. Procedure operative Commissario Delegato per il superamento dell emergenza che ha colpito i territori delle province di Varese, Como, Lecco e Bergamo nei giorni dal 15 al 18 luglio 2009 O.P.C.M. 20 aprile 2010 n. 3867 e O.P.C.M.

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. 94 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B61E04000030001

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

La Regione Autonoma FVG, rappresentata da e La Provincia di Pordenone, rappresentata da..

La Regione Autonoma FVG, rappresentata da e La Provincia di Pordenone, rappresentata da.. SCHEMA ATTO DI RINEGOZIAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 15 GENNAIO 2001 TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA E LA PROVINCIA DI PORDENONE, COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO IN DATA

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. BUR N.31 del 04-09-13 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/07/2013 - N 532

LA GIUNTA REGIONALE. BUR N.31 del 04-09-13 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/07/2013 - N 532 BUR N.31 del 04-09-13 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE - 22/07/2013 - N 532 Linea di azione I.1.1.a Approvazione dello schema di Accordo di Programma Quadro tra Ministero dello Sviluppo Economico,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - su proposta dell Assessore al Territorio, Ambiente e Opere Pubbliche, Sig. Alberto Cerise; D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE. - su proposta dell Assessore al Territorio, Ambiente e Opere Pubbliche, Sig. Alberto Cerise; D E L I B E R A LA GIUNTA REGIONALE - Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale che, all art. 242, comma 7, stabilisce che il provvedimento di approvazione del progetto operativo di

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

Visto il Programma attuativo regionale PAR FSC adottato dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 8-6174 del 29 luglio 2013;

Visto il Programma attuativo regionale PAR FSC adottato dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 8-6174 del 29 luglio 2013; REGIONE PIEMONTE BU51S2 18/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 60-659 Fondi PAR - FSC 2007-2013 Asse III Riqualificazione Territoriale, Linea III.6 "Turismo". Leggi regionali

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI N. determinazione 753 Del 17.12.2007 N. Gen. 1801 Del 28.12.2007

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 40 DEL 4 SETTEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 40 DEL 4 SETTEMBRE 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 28 luglio 2006 - Deliberazione N. 1014 - Area Generale di Coordinamento - N. 3 - Programmazione, Piani e Programmi - N. 14 - Trasporti e Viabilità - Intesa

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 Oggetto: DELIBERAZIONE G.R. N 21/9 DEL 06/05/2015 INTERVENTO DI ACQUISTO E RECUPERO

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres.

L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres. L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres. Regolamento concernente le modalità di concessione, erogazione e rendicontazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

CONTRATTO ESECUTIVO TRA

CONTRATTO ESECUTIVO TRA CONTRATTO ESECUTIVO TRA Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con sede in Roma, via XX Settembre n. 20, codice fiscale 97099470581 (di seguito denominato MiPAAF o Ministero ) rappresentato

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici;

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici; 6374 sarà trasmesso in copia conforme all originale alla Segreteria della Giunta Regionale; sarà disponibile nel sito ufficiale della regione Puglia: www.regione.puglia.it; sarà trasmesso in copia all

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81B03000120001 Rete stradale ANAS

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Industria, Artigianato,

Dettagli

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque Est Ticino Villoresi Consorzio di bonifica via Ariosto 30-20145 Milano tel. +39 02 4856 1301 fax +39 02 4801 3031 sito www.etvilloresi.it mail info@etvilloresi.it Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI Allegato A Milano 29 giugno 2015 Art. 1 Finalità 1.1 Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare le modalità

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

Comune di Villa di Serio Provincia di Bergamo

Comune di Villa di Serio Provincia di Bergamo Comune di Villa di Serio Provincia di Bergamo Regolamento per il riconoscimento di incentivi economici per il recupero degli edifici nel centro storico Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PER L'UTILIZZAZIONE DEL FONDO DI CUI ALL'ART. 93, COMMA 7 bis, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SCHEDA N. 125 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE D.A. n. 17/Gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE VISTO lo statuto della Regione Sicilia; VISTA la L.R. n. 2 del 10.04.78 di istituzione dell Assessorato

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia AREA TECNICA SERVIZIO LL PP DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Determinazione nr. 249 Data adozione: 03/04/2014 OGGETTO: Opere di messa in sicurezza stradale delle rive: interventi

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

SCHEDA N. 123 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. ENAV Spa. Opera aeroportuale. Lavori in corso 105/2009

SCHEDA N. 123 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. ENAV Spa. Opera aeroportuale. Lavori in corso 105/2009 SISTEMI URBANI Nodi, sistemi urbani e metropolitani di Palermo e Catania Ammodernamento tecnologico-infrastrutturale dell'aeroporto Falcone- Borsellino SCHEDA N. 123 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Legge 1990040 Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Istituzione dell' osservatorio del sistema abitativo laziale e provvidenze per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 INTERVENTI PER L EMERGENZA IDRICA NEL MEZZOGIORNO CONTINENTALE ED INSULARE: INTERCONNESSIONE DEI SISTEMI IDRICI TIRSO E FLUMENDOSA-CAMPIDANO E

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

Relazione. Articolo 1

Relazione. Articolo 1 Disegno di legge concernente "Assesta " Assestamento alla manovra finanziaria per gli anni 2014/2016". Relazione Il presente disegno di legge, composto da 2 articoli, si rende necessario al fine di assestare

Dettagli

Prot. n. 31 Reg. n. 31 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 31 Reg. n. 31 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 31 Reg. n. 31 Strembo, 11 febbraio 2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Approvazione in linea tecnica del progetto definitivo di miglioramento della fruibilità pedonale della Val Genova

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

ALLEGATO D SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA

ALLEGATO D SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA ALLEGATO D SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA 1 SCHEMA DI GARANZIA FIDEJUSSORIA PER L EROGAZIONE DELLE SOMME A TITOLO DI ANTICIPAZIONE, A VALERE SUL 1 BANDO DELL ASSE 4 DEL PROGRAMMA OPERATIVO COMPETITIVITA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO N. 40 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO N. 40 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA FOSSA DELLA NEVE 90038 PRIZZI (PA) TEL. 091/8345040 FAX 091/8344494 - CODICE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO TESEO

FONDO PENSIONE APERTO TESEO FONDO PENSIONE APERTO TESEO istituito dalla Società Reale Mutua di Assicurazioni (Gruppo Reale Mutua) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 17 Documento sulle anticipazioni (redatto ai sensi del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli