COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA SOMMARIO"

Transcript

1 COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA SOMMARIO TITOLO I - NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Responsabilità del Comune TITOLO II - PERSONALE DEI SERVIZI CIMITERIALI Art. 3 - Personale addetto ai servizi cimiteriali TITOLO III - TRASPORTO DEI CADAVERI Art. 4 - Disciplina del trasporto dei cadaveri Art. 5 - Facoltà di disporre della salma e dei funerali Art. 6 - Vigilanza per il trasporto dei cadaveri Art. 7 - Trasporto di cadavere nell'ultima abitazione TITOLO IV - POLIZIA INTERNA DEI CIMITERI Art. 8 - Ricevimento di cadaveri Art. 9 - Sepoltura nei giorni festivi Art. 10- Orario di apertura dei cimiteri al pubblico Art. 11- Divieto di ingresso nei cimiteri Art. 12- Atti vietati all'interno dei cimiteri Art. 13- Riti religiosi TITOLO V - INUMAZIONI, TUMULAZIONI E CREMAZIONI Art. 14- Inumazioni e tumulazioni - Normativa Art. 15- Cremazioni Art. 16- Inumazioni e tumulazioni - Termini Art. 17- Epigrafi Art. 18- Inumazioni e tumulazioni - Oneri TITOLO VI - ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI Art. 19- Esumazioni ed estumulazioni - Normativa Art. 20- Esumazioni ordinarie Art. 21- Esumazioni straordinarie Art. 22- Incenerimento dei materiali Art. 23- Estumulazioni Art. 24- Esumazioni ed estumulazioni - Oneri TITOLO VII - LAVORI EDILI ALL'INTERNO DEL CIMITERO Art. 25- Lavori privati nei cimiteri Art. 26- Occupazione temporanea del suolo Art. 27- Materiali di scavo TITOLO VIII - TUMULAZIONI Art. 28- Sepolture a tumulazione Art. 29- Tipi e durata delle concessioni 1

2 Art. 30- Atto di concessione Art. 31- Pagamento della concessione Cauzione Art. 32- Doveri dei concessionari Art. 33- Decorrenza della concessione - rinnovi Art. 34- Scadenza della concessione TITOLO IX - CAPPELLE ED EDICOLE Art. 35- Concessione dell'area Art. 36- Presentazione dei progetti ed esecuzione dei lavori Art. 37- Modalità per la presentazione dei progetti Art. 38- Prescrizioni da osservare nel corso dei lavori Art. 39- Diritti di sepolcro Art. 40- Ossari, cinerari, colombari Art. 41- Mancata utilizzazione dell'area Art. 42- Collaudo delle opere e rimborso del deposito cauzionale Art. 43- Salme o resti provenienti da altri Comuni Art. 44- Manutenzione delle opere TITOLO X - COLOMBARI Art.45- Norme per la concessione Art.46- Lastre di chiusura ed ornamenti Art.47- Caratteristica dei feretri Art.48- Diritto di sepoltura e durata della concessione Art.49- Manutenzione delle opere TITOLO XI - OSSARI E CINERARI Art. 50- Ossario comune Art. 51- Cellette ossario Art. 52- Cellette cinerarie TITOLO XII - TARIFFE CIMITERIALI Art. 53- Determinazione tariffe TITOLO XIII - DISPOSIZIONI FINALI Art. 54- Entrata in vigore Art. 55- Leggi ed atti regolamentari Art. 56- Sanzioni Art. 1 - Oggetto del regolamento. TITOLO I NORME GENERALI 2

3 1. Il presente regolamento disciplina il servizio di polizia mortuaria in tutto il territorio di questo Comune ad integrazione delle norme di cui: al T.U.LL.SS. approvato con R.D. 27 luglio 1934 n.1265 e successive modificazioni ed aggiunte; al R.D. 9 luglio 1939 n.1238 sull'ordinamento dello Stato Civile e successive modificazioni ed integrazioni; al D.P.R. 10 settembre 1990 n.285 recante: Approvazione del regolamento di polizia mortuaria". Art. 2 - Responsabilità del Comune. 1. Il Comune, mentre ha cura perché nell'interno del cimitero siano evitate situazioni di pericolo alle persone o danni, furti ecc. alle cose, non assumono responsabilità per atti commessi nel cimitero da persone estranee al suo servizio, come pure per l'impiego di mezzi posti a disposizione del pubblico: scale mobili per accedere a cellette, a loculi, ecc. Art. 3 - Personale addetto ai servizi cimiteriali. TITOLO II PERSONALE DEI SERVIZI CIMITERIALI 1. Per i servizi cimiteriali il Comune si avvale di uno stradino seppellitore, e per quanto concerne le incombenze di carattere amministrativo, dei dipendenti comunali a ciò preposti. 2. L'Ufficio comunale competente è responsabile della regolare tenuta dei registri in doppio esemplare vídimati dal Sindaco, previsti dall'art. 52 del D.P.R. 285 del In particolare, l'ufficio comunale iscrive giornalmente: a) le inumazioni che vengono eseguite, precisando il nome, cognome, età, luogo e data di nascita del defunto, secondo quanto risulta dall'atto di autorizzazione di cui all'art.6 del D.P.R , l'anno, il giorno e l'ora dell'inumazione, il numero arabico portato dal cippo e il numero d'ordine della bolletta di seppellimento; b) le generalità, come sopra, delle persone i cui cadaveri vengono tumulati, con l'indicazione del sito dove sono stati deposti; c) le generalità, come sopra, delle persone i cui cadaveri vengono cremati, con l'indicazione del luogo di deposito delle ceneri nel cimitero o del luogo in cui sono state trasportate, se fuori dal cimitero, secondo quanto risulta dall'autorizzazione del Sindaco; d) qualsiasi variazione avvenuta in seguito ad esumazione, estumulazione, cremazione, trasporto di cadaveri e di ceneri. Art. 4 - Disciplina del trasporto dei cadaveri. TITOLO III TRASPORTO DEI CADAVERI 1. Per il trasporto dei cadaveri si osservano le disposizioni di cui al Capo IV del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285, salvo successivi aggiornamenti o modificazioni. Art. 5 - Facoltà di disporre della salma e dei funerali. 1. Il trasporto funebre sarà autorizzato sulla base della volontà testamentaria espressa dal defunto. 3

4 2. In assenza di disposizioni testamentarie la volontà deve essere manifestata dal coniuge e, in difetto, dal parente più prossimo individuato secondo gli articoli 74 e segg. del Codice Civile e, nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso periodo, da tutti gli stessi. 3. L'ordine suesposto troverà applicazione in tutti i rapporti successivi (inumazione, tumulazione, epigrafi ecc.). Art. 6 - Vigilanza per il trasporto dei cadaveri. 1. Il Sindaco, al momento del rilascio dell'autorizzazione al trasporto di un cadavere prevista dall'art. 23 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n.285, ne darà notizia alla polizia comunale per gli eventuali servizi di assistenza e vigilanza. Art. 7 - Trasporto di cadaveri nell'ultima abitazione. 1. Su richiesta scritta di un familiare, il Sindaco può autorizzare il trasporto del cadavere di persone residenti in vita nel Comune dal locale di osservazione di cui all'art.12 del D.P.R. 285/90 - individuato presso le strutture ospedaliere della zona all'ultima abitazione, affinché in quel luogo siano rese onoranze funebri. 2. Il trasporto può avere luogo dopo la visita necroscopica salvo il diverso parere del responsabile del servizio dell'u.s.s.l. competente. Art. 8 - Ricevimento di cadaveri. TITOLO IV POLIZIA INTERNA DEI CIMITERI 1. Nei cimiteri comunali devono essere ricevuti, oltre ai cadaveri, i nati morti, ì prodotti del concepimento, ed i resti di cui all'art.50 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285: a) i cadaveri delle persone che, durante la loro vita, hanno avuto in questo Comune la residenza anagrafica o che hanno dovuto trasferire la propria residenza in quanto ricoverati presso Istituti di cura o di assistenza; b) i cadaveri delle persone che, pur non avendo la residenza anagrafica in questo Comune, abbiano ottenuto una delle concessioni cimiteriali di cui al successivo titolo VIII; c) gli ascendenti o discendenti ed i collaterali di persone residenti in questo Comune; 2. Per i seppellimenti di cui alle precedenti lettere a) e b) gli interessati dovranno fare apposita documentata domanda al sindaco, il quale accorderà l autorizzazione solo in presenza di disponibilità di posti. Art. 9 - Sepoltura nei giorni festivi. 1. Di norma, nei giorni festivi non hanno luogo le sepolture; 2. Per gravi motivi, in accordo con il responsabile del servizio, sentito quello dell'u.s.s.l. competente, il Sindaco potrà autorizzarle. 3. I feretri trasportati ugualmente al cimitero in detti giorni festivi saranno presi in custodia nella camera mortuaria per essere sepolti il primo giorno feriale utile. Art Orario di apertura dei cimiteri al pubblico. 1. Gli orari di apertura al pubblico verranno stabiliti dal Sindaco con apposita ordinanza in relazione alle esigenze stagionali. 2. Il Sindaco, in relazione ad esigenze eccezionali, con apposita ordinanza, potrà apportare ai detti orari, temporanee modifiche. 4

5 Art Divieto di ingresso nei cimiteri. 1. Nei cimiteri è vietato l ingresso: a) ai minori di anni 14, non accompagnati da persone adulte; b) alle persone in stato di ubriachezza, vestite in modo indecoroso o in condizioni comunque in contrasto con il carattere del cimitero; c) alle persone in massa, non a seguito di funerale o di cerimonia religiosa o civile, senza la preventiva autorizzazione del Sindaco; d) a chiunque, quando il Sindaco, per motivi di ordine pubblico o di polizia mortuaria o di disciplina interna, ravvisi l'opportunità del divieto. Art.12 - Atti vietati all'interno del cimitero. 1. Nel cimitero è vietato ogni atto o comportamento irriverente.,o incompatibile Con il luogo, ed in particolare: a) fumare, consumare cibi, correre, tenere contegno chiassoso, cantare; b) introdurre armi, cani o altri animali; c) toccare e rimuovere dalle tombe altrui fiori, piantine, ricordi, ornamenti, lapidi; d) buttare fiori appassiti o altri rifiuti fuori dagli appositi contenitori o spazi; e) portare fuori del cimitero qualsiasi oggetto, senza la preventiva autorizzazione; f) calpestare, danneggiare aiuole, tappeti verdi, alberi, giardini, sedere sui tumuli, scrivere sulle lapidi o sui muri; g) disturbare in qualsiasi modo i visitatori; h) eseguire lavori, iscrizioni nelle tombe altrui senza l'autorizzazione o richiesta dei concessionari; i) commerciare oggetti di decorazione delle tombe tra privati entro il recinto del cimitero; 2. I divieti predetti, in quanto applicabili, si estendono anche nella zona immediatamente adiacente al cimitero. Art Riti religiosi. 1. Nell'interno del cimitero è permessa la celebrazione di riti funebri, sia per singolo defunto che per la collettività dei defunti, della Chiesa cattolica e delle confessioni religiose non in contrasto con l'ordinamento giuridico italiano; 2. Le celebrazioni che possono dar luogo alla presenza di numeroso concorso di pubblico devono essere autorizzate. Art Inumazioni e tumulazioni - Normativa. TITOLO V INUMAZIONI, TUMULAZIONI E CREMAZIONI 1. Per le inumazioni e le tumulazioni saranno scrupolosamente osservate le norme di cui, rispettivamente, al Capo XIV ed al Capo XV del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n.285, nonché quelle integrative di questo regolamento. Art Cremazioni. 1. Per le cremazioni si osservano le procedure di cui agli artt. 79 e segg. del D.P.R. 10 settembre 1990 n In mancanza del forno crematorio nel cimitero comunali le è autorizzato l'utilizzo di strutture idonee fuori dal Comune; 5

6 2. Le urne cinerarie saranno collocate in apposite cellette le cui dimensioni sono quelle stabilite nel successivo art. 52; Art Inumazioni e tumulazioni - Termini. 1. Le inumazioni e le tumulazioni di norma seguiranno immediatamente la consegna dei feretri di cui al precedente art.8; 2. Tuttavia, per esigenze particolari, a richiesta scritta dei familiari, sentito il responsabile del servizio dell'unità Sanitaria Locale competente, il feretro potrà essere depositato nella camera mortuaria fino ad un massimo di quattro giorni. In quest'ultimo caso il custode del cimitero concorderà, con gli interessati, il giorno e l'ora in cui si svolgeranno le operazioni. L'accordo dovrà risultare in calce alla richiesta; 3. Trascorso il termine come prima concordato senza che i familiari si presentino per assistere alle operazioni, il Sindaco, con ordinanza motivata da notificare a uno degli interessati, disporrà la inumazione del feretro nel campo comune previa rottura dell'eventuale cassa metallica o in materiale biodegradabile così come previsto dall'art. 75, comma 2 del regolamento di polizia approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n. 285; Art Epigrafi. 1. Sulle tombe possono essere poste lapidi, croci, monumenti, ricordi, simboli, secondo le forme, le misure, i materiali autorizzati in relazione al carattere e alla durata delle sepolture; 2. Ogni epigrafe deve contenere le generalità del defunto e le rituali espressioni brevi; 3. Le epigrafi devono essere compilate in lingua italiana, sono permesse citazioni in latino, in ebraico per gli israeliti e nelle rispettive lingue per gli stranieri, purché seguite dalla traduzione in italiano; 4. Sulla lapide di chiusura dei loculi e delle cellette deve essere indicato in ogni caso il nome, il cognome e le date di nascita e di morte. Le donne coniugate sono indicate con i due cognomi. Art Inumazioni e tumulazioni - Oneri. 1. Tutte le operazioni relative alle inumazioni sono assicurate dal Comune che ne sostiene l'onere; 2. Tutte le operazioni relative alle tumulazioni saranno effettuate a cura e a spese degli interessati nel pieno rispetto delle norme vigenti; 3. Sono comunque sempre a carico degli interessati le forniture dì materiali pregiati ed ornamentali. TITOLO VI ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI Art Esumazioni ed estumulazioni - Normativa. 1. Per le esumazioni ed estumulazioni saranno scrupolosamente osservate le norr~_-.di cui al Capo XVII del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n.285, nonché quelle integrative di questo regolamento. Art Esumazioni ordinarie. 1. Per le esumazioni ordinarie l'ufficio comunale competente predispone periodicamente un elenco delle salme da esumarsi che sarà esposto nella bacheca del cimitero. Contestualmente sarà data comunicazione con raccomandata A.R. ad un familiare il quale dovrà comunicare entro dieci giorni dalla ricezione dell'avviso, il recapito telefonico presso cui ricevere la comunicazione della data e dell'ora per l'esumazione; 6

7 2. In mancanza della comunicazione del recapito di cui al comma precedente, si procederà d'ufficio. Art Esumazioni straordinarie. 1. Per le esumazioni straordinarie saranno scrupolosamente osservate le norme dì cui agli articoli 83 e 84 del regolamento dì polizia mortuaria approvato con D.P. R. 10 settembre 1990 n.285. Art Incenerimento dei materiali. 1. Tutto ciò che, durante le operazioni di esumazione ed estumulazione, viene rinvenuto, dovrà essere incenerito all'interno del cimitero o nelle sue immediate adiacenze, a mezzo di impianto le cui caratteristiche dovranno assicurare le esigenze di tipo igienico-sanitario; 2. In mancanza dell'impianto di cui al comma precedente, i rifiuti cimiteriali dovranno essere smaltiti in regime di convenzione con Ditte specializzate nel rispetto delle norme di cui al D.P.R. 10 settembre 1982 n.915 e successive modificazioni. Art Estumulazioni. 1. Le estumulazioni si eseguono allo scadere delle rispettive concessioni, nel rispetto delle norme di cui all'art.86 del regolamento di polizia mortuaria approvato con D.P.R. 10 settembre 1990 n.285. Art Esumazioni ed estumulazioni - Oneri. 1. Tutte le operazioni relative alle esumazioni sono assicurate dal Comune che ne sostiene l'onere. 2. Sono parimenti effettuate a cura ed a spese del Comune le estumulazioni relative a concessioni scadute ma non rinnovate. 3. Nel caso di estumulazioni per il deposito dei resti mortali in nicchie ossario, queste saranno assicurate direttamente dagli interessati che ne fanno richiesta nel pieno rispetto delle norme vigenti. Art Lavori privati nei cimiteri. TITOLO VII LAVORI EDILI ALL INTERNO DEL CIMITERO 1. Nessun lavoro può essere eseguito dai privati nel cimitero senza la concessione o l'autorizzazione comunale. 2. La concessione o autorizzazione potrà essere rilasciata solo a privati, associazioni non aventi scopo di lucro e comunità aventi sede nel Comune. 3. E' esclusa qualsiasi concessione o autorizzazione ad imprese costruttrici, agenzie ecc. aventi scopo di lucro. 4. Per le procedure troveranno applicazione le norme e gli strumenti edilizi che disciplinano la materia in questo Comune. Axt.26 - Occupazione temporanea del suolo. 1. Per l'occupazione temporanea del suolo cimiteriale necessario per l'esecuzione dei lavori (deposito di materiali - elevazione di armature, ecc.) troverà applicazione la vigente normativa in materia e l'applicazione della tariffa nella misura massima consentita in questo Comune per i giorni festivi. 7

8 2. La superficie occupata dovrà essere convenientemente recintata in modo da essere schermata alla vista dei visitatori. 3. Per l'occupazione del suolo comunale nelle immediate vicinanze del cimitero, troveranno applicazione le tariffe di cui al primo comma, ridotte del 50%. Art.27 - Materiali di scavo. 1. I materiali di scavo e di rifiuto devono essere di volta in volta trasportati alle discariche o al luogo indicato dall'ufficio Tecnico comunale, secondo l'orario e l'itinerario che verranno prescritti, evitando di spargere materiali o di imbrattare o danneggiare opere. In ogni caso l'impresa deve ripulire e ripristinare il terreno eventualmente danneggiato. TITOLO VIII TUMULAZIONI Art.28 Sepolture a tumulazione. 1. Le sepolture a tumulazione sono tutte di durata superiore al ventennio, hanno carattere privato e sono soggette al pagamento di una tariffa. 2. Esse costituiscono materia di speciale concessione amministrativa da parte del Comune. Art.29 - Tipi e durata delle concessioni. 1. Le concessioni relative alle sepolture a tumulazione sono le seguenti: a) aree per cappelle ed edicole (denominate anche tombe o cappelle di famiglia). La durata della concessione è fissata in anni 99, salvo rinnovi; b) colombari o loculi individuali. La durata della concessione è fissata in anni 50.(1) c) nicchie ossario individuali (denominate anche cellette) per la raccolta di resti mortali. La durata della concessione è fissata in anni 30; d) cellette cinerarie per la raccolta delle ceneri di cadavere cremato. La durata della concessione è fissata in anni Le caratteristiche dei feretri da tumularsi nelle cappelle di famiglia sono conformi a quelle previste per i colombari. (1) periodo aggiunto con deliberazione C.C. n.31/00 Art.30 - Atto di concessione. 1. La concessione di sepolture a tumulazione può essere accordata a persone, comunità ed enti, secondo la disponibilità. 2. La concessione deve risultare da apposito atto da stipularsi fra il Comune e il concessionario. Art.31 - Pagamento della concessione - Cauzione. 1. Prima della stipulazione dell'atto il concessionario deve versare: a) l'importo della concessione in conformità alla tariffa comunale vigente; b) l'importo della spesa e dei diritti contrattuali. 8

9 2. E' facoltà del Comune di richiedere il versamento di una cauzione pari a un quinto dell'importo corrispondente all'area concessa, a garanzia della regolare costruzione delle opere e a salvaguardia di eventuali danni arrecati alla proprietà comunale o privata. 3. L'importo della concessione è stabilito con deliberazione della Giunta Comunale sulla base delle tariffe vigenti. Art.32 - Doveri dei concessionari. 1. La concessione è subordinata alla accettazione e osservanza delle norme, istruzioni, tariffe attuali e future di qualsiasi natura in materia di polizia mortuaria, nonché delle disposizioni particolari relative alle singole specie di concessione e delle condizioni risultanti dall'apposito contratto e dai progetti se richiesti. 2. Le spese di manutenzione delle tombe di famiglia, nicchie e loculi, sono a carico dei concessionari. Art.33 - Decorrenza della concessione - Rinnovi. 1. Le concessioni di qualsiasi tipo hanno decorrenza dalla data di stipulazione della concessione. 2. Alla scadenza delle concessioni di cui all'art.29, comma 1, lett. a) - c) - d),(2) i concessionari od i loro successori aventi diritto, potranno chiedere la riconferma della sepoltura per un altro periodo di uguale durata di quello stabilito per la prima concessione, che verrà accordata secondo le disponibilità e previo il pagamento della tariffa in vigore all'atto del rinnovo della concessione. Art.34 - Scadenza della concessione. 1. la mancanza della richiesta di riconferma delle concessioni di cui all'art.29, comma 1, lett. a) - c) - d),(2) da farsi entro tre mesi dalla scadenza, costituirà una legale presunzione di abbandono ed il Comune non è tenuto ad effettuare ricerche per rintracciare gli interessati, ma provvederà ad affiggere sei mesi prima della scadenza della concessione, apposito avviso al cimitero con l'elenco delle concessioni in scadenza. 2. Quanto posto sulle sepolture scadute cadrà in proprietà del Comune che procederà alla distruzione di lapidi, monumenti, segni funerari, o lì userà per lavori di riparazione o manutenzione del cimitero. 3. Per le opere di valore artistico o storico e per le cappelle, l'amministrazione deciderà di volta in volta l'eventuale utilizzazione, restando escluse scopi speculativi. 4. Per le concessioni di colombari o loculi individuali l'avviso di scadenza di cui al comma 1 è affisso al solo scopo di consentire l'eventuale scelta degli interessati di collocare i resti mortali in cellette ossario " (3) (2) modificato con deliberazione C.C. n.31/00 (3) comma aggiunto con deliberazione C.C. n.31/00 Art.35 - Concessione dell'area. TITOLO IX CAPPELLE ED EDICOLE 1. Le cappelle potranno essere costruite sulle aree cimiteriali idonee. All'atto della presentazione della domanda, da redigersi in competente carta legale, per la concessione dell'area per la costruzione di cappelle, edicole o monumenti per Sepolture di famiglia, il richiedente dovrà versare l'intero importo corrispondente, previsto dalla tariffa vigente. 2. A versamento effettuato verrà redatto e sottoscritto dalle parti l'atto di concessione. 3. La concessione è a tempo determinato e la sua durata non può essere superiore a 99 anni, salvo rinnovo. 9

10 Art.36 - Presentazione dei progetti ed esecuzione dei lavori. 1. i progetti per la costruzione di cappelle di famiglia dovranno essere presentati entro sei mesi dalla data di concessione dell'area. 2. La costruzione dell'opera dovrà iniziarsi entra i termini della validità dell'autorizzazione comunale e portata a termine entro un anno dalla data dell'autorizzazione dell'ufficio tecnico comunale. art.37 - Modalità per la presentazione dei progetti. 1. Le domande per la costruzione di cappelle devono essere redatte su carta legale e firmate dal concessionario. Si dovranno allegare, nel numero prescritto,(4) i progetti e dare dettagliata descrizione dell'opera da eseguire e dei materiali da usare. I disegni delle edicole saranno delineati in pianta in scala non inferiore a 1: I disegni devono recare la firma del progettista, del direttore dei lavori, e dell'esecutore che dovrà depositare la propria firma in Comune prima dell'inizio dei lavori. 3. Il Comune potrà richiedere eventuali altre notizie che riterrà necessarie e, nel caso di opere di rilevante importanza decorativa, disegni o fotografie del bozzetto per sottoporli alla Commissione Edilizia. 4. I singoli progetti debbono essere approvati dal Responsabile del Servizio,(4) su conforme parere della Commissione edilizia e del responsabile del servizio dell'u.s.s.l. competente. 5. Nell'atto di approvazione del progetto verrà definito il numero di salme che potranno essere accolte nel sepolcro. 6. Le sepolture private non debbono avere il diretto accesso con l'esterno del cimitero. 7. Nessuna modifica può effettuarsi al progetto originale autorizzato dal Comune senza averne fatta richiesta ed ottenuta l'approvazione da parte del Comune. Art.38 - Prescrizioni da osservare nel corso dei lavori. 1. All'esecutore dei lavori è fatto obbligo di recingere lo spazio su cui deve sorgere l'opera, mediante apposito assito, senza occupare altri posti limitrofi,e limitando l'eventuale occupazione dei viali circostanti a piccole porzioni che verranno indicate dall'ufficio tecnico comunale. 2. Durante l'esecuzione dei lavori è fatto obbligo di usare tutte le precauzioni tutte a non arrecare danni né alla proprietà comunale né ai manufatti di proprietà privata, ritenendosi il concessionario e l'esecutore dei lavori responsabili in solido dei danni che venissero provocati. (4) modificato con deliberazione C.C. n.31/00 Art.39 - Diritti di sepolcro. 1. Il diritto di uso delle sepolture concesse a persone fisiche è riservato alle persone dei concessionari e dei loro familiari: di quelle concesse ad enti è riservato alle persone contemplate nel relativo ordinamento e dall'atto di concessione. In ogni caso, tale diritto si esercita fino al completamento della capienza del sepolcro. 2. Può altresì essere consentita, su richiesta di concessionari, la tumulazione di salme di persone che risultino essere state con loro conviventi, nonché di salme di persone che abbiano acquisito particolari benemerenze nei confronti dei concessionari. Art.40 - Ossari, cinerari, colombari. 1. Nelle cappelle di famiglia è consentita la costruzione di ossari, cinerari e colombari. Per questi ultimi si richiamano le norme di cui all'art.18 del presente regolamento. 10

11 Art.41 - Mancata utilizzazione dell'area. 1. Qualora il concessionario non iniziasse i lavori entro i termini fissati dall'art.9, la concessione dell'area s'intende decaduta ed il Comune, a titolo del subito vincolo e di penale per la mancata attuazione dell'opera, incamererà il deposito cauzionale di cui all'art.31 restituendo invece l'intero importo versato per la concessione dell'area. Art Collaudo delle opere a rimborso del deposito cauzionale. 1. Il deposito cauzionale previsto dall'art. 31 verrà rimborsato dopo il collaudo delle opere effettuato dal medico incaricato dell'unità Sanitaria Locale e dallo Ufficio tecnico comunale. 2. Qualora l'opera non corrisponda a quanto precisato nel progetto, il deposito cauzionale verrà incamerato dal Comune, salve eventuali altre sanzioni previste dalle vigenti norme legislative e regolamentari. Art Salme o resti provenienti da altri Comuni. 1. Nelle cappelle di famiglia sono ammesse le salme od i resti o le ceneri delle persone ovunque decedute o già altrove sepolte, che risultino averne diritto secondo le norme di cui all'art.39. Art Manutenzione delle opere. 1. I concessionari di cappelle di famiglia od i loro successori o gli aventi diritto hanno l'obbligo di provvedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle costruzioni e di eseguire restauri o lavori che l'amministrazione comunale rìte`sse di dover prescrivere per ragioni di sicurezza, di igiene o di decoro. 2. I lavori dovranno essere preventivamente autorizzati dal Comune. 3. In caso di inadempienza si procederà a norma di legge e del presente regolamento, non escludendo la decadenza della concessione. Art Norme per la concessione. TIT0L0 X COLOMBARI 1. La concessione dei colombari costituisce materia di speciale concessione amministrativa da parte del Comune. 2. La concessione dei colombari ha la durata di anni 50 senza possibilità di rinnovo.(5) 3. E' ammessa la concessione di colombari a persone viventi, dietro pagamento della tariffa in atto al momento della concessione sulla base di apposita deliberazione della Giunta con la quale sarà determinato il numero dei colombari messi in prevendita. La decorrenza inizierà dalla data della concessione stessa. 4. Per i contratti già stipulati, il concessionario, o chi per esso, può in qualsiasi momento richiedere il prolungamento della durata della concessione fino al compimento dei cinquant'anni decorrenti dalla data di effettiva occupazione del loculo; a tal fine dovrà essere calcolata la differenza del corrispettivo vigente all'atto della richiesta in proporzione della maggiore durata della concessione. Per i contratti scaduti e non ancora rinnovati, la richiesta di prolungamento dovrà essere presentata entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore delle presenti disposizioni.(5) 11

12 5. Per la determinazione del corrispettivo di cui al comma precedente le frazioni superiori a sei mesi si considerano per anno intero, quelle pari o inferiori si tralasciano. 6. Nei colombari ceduti a norma dei commi precedenti è ammesso, non oltre la tumulazione della salma, il collocamento di cassettine con i resti o con le ceneri di altre salme appartenenti ai soggetti di cui all'art.93 del D.P.R. 10 settembre 1990 n.285, dietro pagamento del corrispettivo minimo fissato per il posto in ossario o in cinerario, e dietro consenso scritto del concessionario. 7. Qualora il consenso di cui al comma precedente venga dato successivamente alla stipulazione del contratto di concessione del colombaro, il corrispettivo per ìl collocamento delle cassettine sarà proporzionalmente ridotto per il numero degli anni che ancora mancano alla scadenza della concessione stessa. Anche in tal caso le frazioni superiori al sei mesi si considerano per intero, quelle pari o inferiori si trascurano. Art Lastre di chiusura ed ornamenti. 1. Le lastre di chiusura dei colombari saranno conformi alle prescrizioni che verranno date dal Comune. 2. Alle lastre dei colombari potranno essere applicati ornamenti in marmo, bronzo o altro metallo, nonché portafiori e lampade votive, purché non sporgano dalle fasce di rivestimento. Sono ammessi i ritratti a smalto e in porcellana. Art Caratteristica dei feretri. 1. Per la tumulazione nei colombari è prescritta la duplice cassa: una di lamina di zinco o di piombo e l'altra, esterna, di legno (vedi art.30 del D.P.R. 10 settembre 1990, n.285). 2. Eventuali modifiche al feretro per l'adattamento alla misura del colombaro dovranno essere effettuate prima dell'ufficio funebre oppure, se al cimitero, all'interno della camera mortuaria a porte chiuse. (5) comma sostituito con deliberazione C.C. n.31/00 Art Diritto di sepoltura e durata della concessione. (6) 1. Il diritto di sepoltura è riservato alla persona del concessionario e dei familiari indicati dall'art. 433 del codice civile. 2. La concessione del loculo ha la durata di anni Alla scadenza il loculo rientrerà in possesso del Comune ed i resti mortali verranno posti nell'ossario comune. 4. Alla scadenza della concessione gli eredi hanno facoltà di richiedere che i resti mortali siano collocati in appositi ossari a pagamento. Art.49 - Manutenzione delle opere. 1. Per la manutenzione dei colombari si applicano, in quanto applicabili, le disposizioni dì cui al precedente art.44. T I T 0 L 0 XI OSSARI E CINERARI 12

13 Art Ossario comune. 1. Le ossa che si rinvengono in occasione delle esumazioni ordinarie devono essere raccolte e depositate nell'ossario comune; consistente in una cripta sotterranea costruita in modo che le ossa siano sottratte alla vista del pubblico. Art Cellette ossario. 1. Le cellette ossario raccolgono in cassette di zinco saldate a fuoco, e con targhetta portante il nome ed il cognome del defunto, i resti di cadaveri esumati da qualsiasi sepoltura. 2. Ogni cassetta deve, di norma, contenere i resti di una sola persona. 3. Sulla lastra di chiusura delle cellette ossario deve essere indicato, a cura del concessionario, il cognome, il nome e la data di morte delle persone cui i resti appartengono. 4. La concessione ha la durata di anni 30 dalla data di stipulazione. 5. Le dimensioni limite di dette cellette sono di cm.30x30x Le dimensioni limite delle cassette dovranno essere di cm.28x28x55. Art Cellette cinerarie; 1. Per l'accoglimento delle urne cinerarie potranno essere utilizzate le cellette ossario. 2. La concessione ha la durata di anni 30 dalla data della stipulazione. 3. Le dimensioni limite delle urne cinerarie dovranno essere dì cm.28x28x55. E' consentito l'accoglimento in una sola celletta di più urne cinerarie o dì resti mortali compatibilmente con le dimensioni sopraesposte, previo pagamento del corrispettivo minimo fissato per il posto in ossario a in cinerario. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni di cui all'art. 45 del presente regolamento. (6) articolo modificato con deliberazione del C.C. n.31/00 Art Determinazione tariffe. TITOLO XII TARIFFE CIMITERIALI 1. Sono stabilite le seguenti tariffe cimiteriali: a) Fornitura del cippo con iscrizione a carico dei parenti del defunto. L = b) Posa con lapidi o giardinetti sulle fosse del campo comune (dimensioni cm.80 x 150) L = c) Colombari: - I-- II^ - III- FILA = IV^ - V^ FILA = VI - VII- FILA = Loculi trasversali: I-- II^-III^-IV^ FILA = V^- VI- - VII- FILA = d) Cellette Ossario: Piano Terra = Piano superiore = e) Tumulazione dì estranei in cappelle private - cadauno = 13

14 f) Tumulazione di resti provenienti dalla ordinaria rinnovazione di fosse e colombari in cappelle private = g) Per riesumazioni straordinarie richieste dall'autorità giudiziaria per trasporto nel medesimo Comune o in altro luogo, per ogni salma = h) Concessione cappelle gentilizie e aree per cappelle ed edicole funerarie = al mq, 2. Le tariffe di cui al comma 1 hanno la seguente durata: (7) - Decennale, per le concessioni di cui alle lettere a) e b); - Cinquantennale, per le concessioni di cui alla lettera c); - Trentennale, per le concessioni di cui alla lettera d) ; 3. Le tariffe di cui al comma 1 lettera c) sono ridotte dei 50% per i loculi di dimensioni cm.40 x Se i parenti del defunto alla scadenza della concessione ai sensi del precedente art.34, intendessero porre i resti del defunto stesso in cellette ossario dovranno provvedere a tutte le spese inerenti alla esumazione, in caso contrario s i provvede a spese del Comune. 5. Per le salme di persone che non hanno la residenza anagrafica in Brienno, le tariffe sono aumentate di tre volte. In caso di prolungamento della durata della concessione di colombari o loculi alla nuova scadenza cinquantennale l'adeguamento del corrispettivo è proporzionalmente calcolato con riferimento alle tariffe vigenti per i residenti (7) 6. In deroga al comma precedente sono equiparati ai cittadini briennesi, i ricoverati presso Istituti di cura o dì assistenza che per motivi burocratico-amministrativi sono tenuti a trasferire la propria residenza. Sono altresì equiparati ai residenti coloro che lo sono stati per almeno 10 anni o che comunque avevano la residenza nel Comune di Brienno al momento della nascita. (8) 7. A partire dal 10 gennaio 1995 le presenti tariffe saranno aggiornate sulla base della variazione della misura intera accertata dall'istat, dell'indice dai prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente. 8. Per effetto della nuova durata cinquantennale delle concessioni dei loculi o colombari le tariffe vigenti sono automaticamente adeguate moltiplicando le stesse per il coefficiente 1,67" (8) (7) comma sostituito con deliberazione del C.C. n.31/00 (8) periodo aggiunto con deliberazione del C.C. n.31/00 TITOLO XIII DISPOSIZIONI FINALI Art Entrata in vigore. 1. Il presente regolamento entrerà in vigore il giorno successivo alla data in cui la relativa deliberazione di approvazione sarà divenuta esecutiva. Art Leggi ed atti regolamentari. 1. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente regolamento saranno osservate le disposizioni di legge e di regolamento vigenti in materia. Art Sanzioni. 1. Qualora la Legge non disponga altrimenti, le infrazioni alle norme contenute nel presente regolamento saranno punite ai sensi degli artt.106 e 107 del T.U.L.C.P. 3 marzo 1934 n.383, dell'art.344 del T.U. sulle leggi sanitarie del 27 luglio 1934, n.1265 e della legge 24 novembre 1981 n.689,e successive modificazioni ed integrazioni. 14

15 15

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI C O M U N E D I P L O A G H E PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Il presente regolamento: 1 Approvato con deliberazione consiliare n 34 Del 17.04.2003 2 Ripubblicato

Dettagli

COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA Provincia di Chieti

COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA Provincia di Chieti COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA Provincia di Chieti Allegato alla delibera c.c. N 24 del 16/06/2000 REGOLAMENTO PER I SERVIZI FUNEBRI E PER I CIMITERI CAPO I NORME GENERALI 1 Oggetto del regolamento 2 Responsabilità

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

Comune di Villa San Pietro REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

Comune di Villa San Pietro REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Comune di Villa San Pietro REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 05/12/2005 COMUNE DI VILLA SAN PIETRO- REGOLAMENTO PER I SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del C.C n. 2 del 11/02/2009 modificato con deliberazione del C.C. n. 2 del 7.03.2013 REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI S O M M A R

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA TESTO EMENDATO CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA (Lìbero Consorzio di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12=_ del MM/ZO^Ì^ Art. 1 DEFINIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n del INDICE Titolo 1 DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione e competenze.

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Servizi cimiteriali relativa al seguente oggetto: SERVIZI CIMITERIALI. MODIFICA SCHEMI SCRITTURE PRIVATE PER CONCESSIONI LOCULI

Dettagli

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO MODIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Regolamento del cimitero comunale

Regolamento del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Rancate Regolamento del cimitero comunale I. DISPOSIZIONI GENERALI Ubicazione, definizione Art. 1 Il cimitero di Rancate, di proprietà comunale, è situato sul mappale 414

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 2. Art. 1 Regolamento comunale del sevizio cimiteriale... 2 Art. 2 Definizioni, ambiti di applicazione...

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 2. Art. 1 Regolamento comunale del sevizio cimiteriale... 2 Art. 2 Definizioni, ambiti di applicazione... TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 1 Regolamento comunale del sevizio cimiteriale... 2 Art. 2 Definizioni, ambiti di applicazione... 2 TITOLO II USI DEL SUOLO, ATTIVITA E FUNZIONI... 2 Art. 3 Sepolture...

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI STAZZONA PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA (PU)

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA (PU) COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA (PU) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI LOCULI CIMITERIALI CAPO I NORME GENERALI ART.1 Oggetto del regolamento 1-Il presente regolamento disciplina la concessione

Dettagli

COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI approvato con delibera di consiglio comunale n. 29 del 28/04/2000 e successive modifiche apportate

Dettagli

COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI COMUNE DI PENNABILLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 21.06.2007 SOMMARIO CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n, 19 del 27 aprile 2001 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 08/04/2008 Modificato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 31 del 27 giugno 2003 Modificato con atto del Consiglio Comunale n 41

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA 1 REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visti gli art. 181 e 182 RC; - visto il messaggio municipale no. 2 del 31 marzo 1981; decreta: CAMPO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Capitolo I. Definizione - gestione

Capitolo I. Definizione - gestione Capitolo I Definizione - gestione Art. 1 Definizione Il cimitero del Comune di Riva San Vitale sorge sul mappale 1766 RFD di proprietà comunale. E luogo destinato ad ospitare salme, ceneri o resti di salme

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI (Approvazione originaria Deliberazione del Consiglio Comunale n 76 del 30/05/2000) (Testo coordinato con le modifiche approvate

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino 2 CAPITOLO I: Organizzazione del cimitero Art. 1 Autorità competente Art. 2 Registrazione Art.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

D I O S C O E D I F R E G G I O

D I O S C O E D I F R E G G I O R E G O L A M E N T O D E I C I M I T E R I C O M U N A L I D I O S C O E D I F R E G G I O MUNICIPIO DI OSCO 2 TITOLO I - ORGANIZZAZIONE Art. 1 Definizione, proprietà e amministrazione I cimiteri di Osco

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI UNIONE DEI COMUNI DI FRASCAROLO TORRE BERETTI E CASTELLARO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER I SERVIZI FUNEBRI E CIMITERIALI Approvato con delibera dell Assemblea dell Unione dei Comuni n. 13 del 28.09.2013

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento. dei. contratti. cimiteriali

Regolamento. dei. contratti. cimiteriali COMUNE DI POIRINO Provincia di Torino Regolamento dei contratti cimiteriali Allegato A) alla Deliberazione del Consiglio comunale n. 34 in data 27.11.2002. 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Tumulazioni

Dettagli

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI PONTEBBA Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.ro 60 del 30/11/2013 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ==========================

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== INDICE 1. Amministrazione e sorveglianza 2. Suddivisione e utilizzazione dell area del cimitero 3. Disposizioni per il campo comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE T I T O L O I AMMINISTRAZIONE E SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Il Cimitero è di proprietà del comune e come tale sottoposto alla vigilanza del Municipio. Art. 2 Il Municipio

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEPOLTURE E CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera Consiglio Comunale n. 70

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO. Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998

COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO. Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998 1 COMUNE DI GIORNICO REGOLAMENTO DEL CIMITERO Giornico, ottobre 1996/ dicembre 1998 2 INDICE A. Norme generali Art. 1 Basi legali pag. 3 Art. 2 Competenze pag. 3 B. Inumazioni Art. 3 Diritto all inumazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

Comune delle Centovalli. Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio

Comune delle Centovalli. Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio Comune delle Centovalli Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio IL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DELLE CENTOVALLI d e c r e t a:

Dettagli

REGOLAMENTO CIMITERIALE

REGOLAMENTO CIMITERIALE COMUNE DI LAVARONE Provincia di Trento REGOLAMENTO CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 36 di data 31.08.2007. Modificato con deliberazione consiliare n. 23 dd. 18.09.2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

Regolamento e tariffe del cimitero comunale

Regolamento e tariffe del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Arzo Regolamento e tariffe del cimitero comunale I. SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del cimitero. Art.

Dettagli

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo

Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo Regolamento Comunale per la concessione dei loculi, delle cellette ossario e cellette cinerarie nel cimitero del capoluogo Testo integrato con delibere del

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 20.11.1976 INDICE Titolo I Denuncia della causa di morte e accertamento di decessi Art. 1 Denuncia di morte Art.

Dettagli

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI POLIZIA MORTUARIA E PER LA CONCESSIONE DI LOCULI ED AREE PER SEPOLTURE PRIVATE NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con Delibera

Dettagli

Regolamento del Cimitero comunale

Regolamento del Cimitero comunale Regolamento del Cimitero comunale Indice Titolo I Amministrazione e sorveglianza 1 Art. 1 Generalità 1 Art. 2 Suddivisione 1 Art. 3 Pianta del Cimitero 1 Art. 4 Custodeaffossatore 1 Titolo II Inumazioni

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

Regolamento comunale dei cimiteri

Regolamento comunale dei cimiteri Regolamento comunale 1 TITOLO I AMMINISTRAZIONE Art. 1 Amministrazione I cimiteri di Aurigeno, Coglio, Giumaglio, Lodano, Maggia, Moghegno e Someo sono amministrati dal Municipio, riservate le competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E ATTIVITÀ FUNEBRI E CIMITERIALI

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E ATTIVITÀ FUNEBRI E CIMITERIALI COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese Area Demografica REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E ATTIVITÀ FUNEBRI E CIMITERIALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 16/02/2007 esecutiva

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

Comune di Castiglione Tinella Provincia di Cuneo

Comune di Castiglione Tinella Provincia di Cuneo Comune di Castiglione Tinella Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCULI CIMITERIALI E DELLE CELLETTE OSSARIO. CAPO I - NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento.

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 Seppellimento in terra di una salma e di un'urna cineraria Esumazione ordinaria e straordinaria Tumulazione in loculo Tumulazione di resti o ceneri

Dettagli