BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA ALLE IMPRESE RICETTIVE E RISTORATIVE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA ALLE IMPRESE RICETTIVE E RISTORATIVE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE"

Transcript

1 BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA ALLE IMPRESE RICETTIVE E RISTORATIVE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Articolo 1 - Finalità La Camera di Commercio I.A.A. di Pordenone tramite la sua Azienda Speciale ConCentro, nell ambito delle azioni per la promozione del settore turistico, in collaborazione con le associazioni provinciali di settore e con Isnart Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, istituisce per l'anno 2010 l'assegnazione, agli operatori che ne faranno richiesta e che avranno i requisiti previsti qui di seguito precisati, di un marchio di qualità per le Imprese Ricettive e Ristorative denominato marchio Ospitalità Italiana come elemento distintivo "a garanzia della qualità del servizio " (vedi anche Articolo 2 Uso del Certificato di Ospitalità Italiana A ciascuna impresa che verrà selezionata ed alla quale verrà assegnato il marchio Ospitalità Italiana verranno consegnati un attestato, una targa di certificazione e una vetrofania con il marchio di Qualità. La struttura verrà inserita negli gli strumenti di promozione turistica utilizzati dalla Camera di Commercio di Pordenone, dalla sua Azienda Speciale ConCentro e dall ISNART. In particolare la diffusione e la promozione del marchio di qualità a favore degli operatori che ne sono titolari avverranno tramite l'inserimento gratuito nel sito Internet e tutte le relative azioni promozionali. L Azienda certificata potrà utilizzare il marchio Ospitalità Italiana in tutte le sue iniziative promozionali. Articolo 3 Modalità e requisiti di adesione Sono ammesse alla selezione per l'assegnazione del marchio Ospitalità Italiana le strutture: - con sede o unità locale per la quale si chiede la certificazione operante nella provincia di Pordenone; - iscritte nel Registro Imprese e in regola con il pagamento del diritto annuale (la Camera di commercio provvederà a verificare la regolarità dei pagamenti); - in regola con le disposizioni normative vigenti (es. ex HACCP, ex 626, CPI, etc); - appartenenti a una delle seguenti tipologie (vedi anche disciplinari allegati): o Alberghi o Ristorante classico italiano: rientrano in questa tipologia di ristorazione tutti quei locali che presentano un offerta gastronomica in linea con la tradizione italiana ma senza particolari connotazioni di tipicità. Anche la carta dei vini non è territorialmente caratterizzata preferendo prodotti diffusi a livello nazionale o Ristorante Tipico Regionale: ristorante nel quale la cucina è fortemente legata al territorio sia per i prodotti utilizzati che per i piatti. I prodotti utilizzati sono di origine locale e sono indicati nel menu. La loro origine territoriale è garantita e verificabile. Solo per prodotti di rara reperibilità è possibile utilizzarne altri di origine nazionale.

2 o Ristorante Gourmet: il tratto caratteristico dei ristoranti che appartengono a questa tipologia è la presenza di un menu-degustazione e ricette personalizzate da parte dello chef. Presenza di una cantina con almeno 100 etichette. La carta dei vini deve presentare almeno 60 etichette organizzate per territorio di produzione. Sono presenti un Maitre ed un Sommelier. Deve essere presente una brigata di cucina composta da almeno 3 elementi (capo ai primi, capo ai secondi, capo pasticcere) La domanda di ammissione alla selezione va redatta su apposito modulo (in distribuzione presso la Camera di Commercio di Pordenone e l Azienda Speciale ConCentro e scaricabili dal sito e e sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto richiedente ai sensi dell art. 38 del DPR 445/2000. La domanda di ammissione dovrà pervenire entro il 30 ottobre 2010 tramite consegna a mano presso l Ufficio protocollo della Camera di Commercio, tramite fax al n , per posta raccomandata A/R o per posta elettronica certificata all indirizzo Ai fini dell ordine cronologico farà fede la data e l ora di arrivo della domanda ovvero la data e ora di spedizione tramite raccomandata A/R assegnata dall ufficio postale. Le domande dovranno essere indirizzate a ConCentro-Azienda Speciale della CCIAA di Pordenone, c.so Vittorio Emanuele II, n Pordenone e riportare sulla busta (o nell oggetto in caso di posta elettronica certificata) la dicitura Domanda per selezione marchio di qualità Ospitalità Italiana. L invio della Scheda di adesione compilata in tutte le sue parti e firmata dal legale rappresentante della struttura attesta la formale adesione e l accettazione integrale di tutte le disposizioni del presente bando. L ammissione alla selezione avverrà secondo l ordine cronologico e il possesso dei requisiti. Il termine potrà essere prorogato nel caso in cui si renda necessario arrivare al raggiungimento del numero di partecipanti previsto. La partecipazione è gratuita. La domanda di ammissione alla selezione deve essere compilata in ogni sua parte; non verranno considerate le domande che non contengano tutte le notizie richieste. L ammissione alla selezione sarà riservata alle prime 50 domande consegnate o spedite secondo l ordine cronologico e il possesso dei requisiti richiesti. Articolo 4 Modalità di esecuzione della visita La struttura turistica riceverà da ConCentro la comunicazione di accettazione della domanda con l indicazione del periodo in cui sarà svolta la verifica. Nel caso di non accettazione della domanda ConCentro comunicherà le relative motivazioni. Le strutture ammesse alla selezione verranno visitate senza preavviso da esperti selezionati da un ente terzo e indipendente accreditato incaricato da ISNART, che provvederanno a compilare una scheda di valutazione sulla base dei rispettivi disciplinari come da allegato al presente bando. Alle strutture ammesse alla selezione verrà data idonea comunicazione in merito al periodo nel quale saranno soggette a questa prima visita. Il proprietario/gestore della struttura che sarà visitata, dovrà informare il personale al fine di poter agevolare l esecuzione della verifica. La verifica consiste in un sopralluogo presso la struttura volto a verificare la rispondenza strutturale e dei servizi offerti ai clienti rispetto ai requisiti definiti nel disciplinare (vedi allegato). Le aree oggetto di verifica saranno quelle comuni e non, anche se non accessibili al pubblico, secondo quanto indicato nel disciplinare. ISNART comunicherà il nominativo del valutatore a ConCentro che informerà le imprese aderenti in modo che possano manifestare le proprie riserve motivate sul nominativo proposto. ISNART esaminerà le motivazioni addotte dall Azienda e, se ritenute ammissibili, deciderà di accettarle proponendo il nominativo di un altro valutatore.

3 Articolo 5 Concessione e rinnovo del certificato Sulla base dell esito della verifica ispettiva l ente di certificazione valida il punteggio assegnato e lo comunica alla Commissione di valutazione istituita presso la Camera di Commercio di Pordenone che delibera il rilascio del marchio. La Commissione, composta da un rappresentante della Camera di Commercio, un rappresentante delle Associazioni dei consumatori, da un rappresentante di categoria, da un rappresentante di Isnart, e dal Segretario Generale o suo delegato, predisporrà la graduatoria al termine dell esame delle schede di adesione pervenute. La Commissione di valutazione inoltre esaminerà le schede di valutazione compilate a seguito delle visite di cui al medesimo art. 4. Il punteggio minimo per l assegnazione del marchio è in relazione alla categoria, come di seguito evidenziato. Hotel 2 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 130/200 3 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 150/200 4 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 155/200 5 stelle devono superare 160/200 Ristoranti devono raggiungere il punteggio di almeno 150/200 A seguito della delibera di approvazione della graduatoria, l Ente camerale rilascia alla struttura turistica l Attestato e l ISNART la concessione all uso del marchio Ospitalità Italiana. La Camera di Commercio provvederà a consegnare l'attestazione relativa al conseguimento del marchio Ospitalità Italiana. La struttura alla quale viene rilasciato il marchio Ospitalità Italiana è inserita nel catalogo nazionale e beneficerà delle attività di promozione del marchio organizzate da ISNART. Il mantenimento del marchio Ospitalità Italiana è subordinato agli esiti di una verifica annuale secondo quanto definito agli articoli 4 e 5 del presente bando. Le strutture saranno inserite nelle successive edizioni della guida ISNART solo a seguito della verifica del mantenimento dei requisiti secondo le stesse modalità previste nel presente bando. Le strutture che non otterranno il punteggio minimo per l ottenimento del marchio riceveranno comunicazione delle motivazioni di esclusione e potranno ripresentare la domanda non prima di sei mesi e comunque avendo provveduto ad eliminare le carenze riscontrate. Non saranno resi noti i nomi delle strutture che verranno escluse dalla certificazione. Articolo 6 revoca del marchio Ospitalità Italiana Il riconoscimento del marchio potrà essere revocato, con conseguente impossibilità da parte dell'impresa di fregiarsene in qualsiasi iniziativa di carattere promozionale o pubblicitario, qualora, in sede di verifiche periodiche operate dagli esperti di cui sopra, venissero meno i requisiti necessari per il mantenimento. Articolo 7 - Disposizioni per l uso del certificato e del marchio Ospitalità Italiana La struttura può dare pubblicità dell ottenimento del marchio attraverso l affissione dell Attestato e attraverso l inserimento del logo su documentazione pubblicitaria o materiale informativo vario. La struttura turistica può utilizzare l Attestato o il marchio soltanto qualora lo stesso sia valido o comunque accompagnato dall indicazione dell anno di rilascio.

4 La struttura turistica deve utilizzare il marchio Ospitalità Italiana secondo quanto definito nel Regolamento uso marchio trasmesso da ISNART. ISNART si riserva di proteggere legalmente l uso del certificato o del marchio da qualsiasi utilizzo ad opera di terzi non autorizzati. Articolo 8 - Riservatezza Gli atti e le informazioni riguardanti la struttura, acquisiti o dei quali si è venuti a conoscenza nel corso delle attività di valutazione, sono considerati riservati, salvo disposizioni di legge contrarie o autorizzazione scritta della struttura. Articolo 9 - Reclami e ricorsi La struttura può formulare un reclamo formale alla Camera di Commercio di Pordenone e all ISNART qualora non sia soddisfatta del loro operato (ad esempio comportamento dei valutatori o inesattezza delle informazioni riportate nella Guida o su altri mezzi informativi). L Ente camerale e l ISNART provvederanno tempestivamente alla gestione del reclamo dandone comunicazione alla struttura. Qualora la struttura ritenga, in seguito a decisioni prese, di essere stata oggetto di discriminazione pregiudiziale e non motivata, può presentare ricorso ad ISNART, entro 30 giorni dalla data di notifica della decisione. Il ricorso deve contenere le motivazioni per cui la struttura dissente dalle suddette decisioni. Il ricorso è valutato da un Comitato d Appello, nominato dal Consiglio di Amministrazione di ISNART, composto da tre membri in maniera da assicurare un imparzialità di giudizio. Il Comitato di Appello esamina il ricorso ed ascolterà il rappresentante della struttura entro 60 giorni dalla sua presentazione. Le decisioni del Comitato di Appello sono insindacabili e inappellabili. Le spese relative al ricorso rimangono a totale carico della parte soccombente. Articolo 10 - Arbitrato La risoluzione di eventuali controversie insorte tra le parti direttamente o indirettamente nell applicazione del Regolamento e/o degli accordi economici connessi all applicazione di tale regolamento, in conformità del Regolamento della Camera Arbitrale di Roma, regolamento che le parti dichiarano di conoscere ed accettare interamente, sarà devoluta alla decisione libera irrituale e secondo equità di un collegio arbitrale composto di tre arbitri di cui uno nominato da ciascuna delle parti ed il terzo, con funzioni di presidente, nominato di comune accordo delle parti o, in difetto, dal consiglio della Camera Arbitrale di Roma. Il collegio arbitrale avrà sede in Roma. Articolo 11 Ufficio e Personale responsabile e trattamento dei dati personali L Ufficio competente per l istruttoria delle domande è l Ufficio Promozione di ConCentro, Azienda Speciale della CCIAA di Pordenone, nelle persone di: Responsabile del procedimento: dott.ssa Emanuela Fattorel (Camera di Commercio I.A.A. di Pordenone) Responsabile istruttoria: dott. Luca Penna Il titolare del trattamento dei dati è la Camera di commercio di Pordenone ed il responsabile del trattamento dei dati è il soggetto designato in conformità all ordinamento camerale. Le imprese interessate potranno richiedere ulteriori informazioni presso ConCentro Ufficio Promozione (tel fax Articolo 12 - Entrata in vigore Il presente bando entra in vigore dalla data di pubblicazione all albo camerale.

5 allegato al Bando di selezione per l'assegnazione del marchio di Qualita Ospitalita italiana alle imprese ricettive e ristorative della provincia di Pordenone di cui alla delibera di Giunta camerale n. del Disciplinare Ristoranti Ospitalità Italiana Il presente disciplinare, predisposto dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART riporta i requisiti che le strutture ristorative devono soddisfare per acquisire il marchio Ospitalità Italiana. Si specifica che la mancanza di alcuni dei requisiti di seguito indicati, non è vincolante ai fini dell adesione. Il marchio Ospitalità Italiana ha l obiettivo di qualificare i ristoranti rispetto ai requisiti di qualità del servizio e delle strutture. I requisiti riguardano i seguenti aspetti: 1 ACCESSO E POSIZIONE/LOOK E FACCIATA ESTERNA 2 PARCHEGGIO 3 AREE COMUNI E TOILETTE 4 SALA BAR/RISTORANTE/MISE EN PLACE 5 CUCINA 6 PERSONALE/SERVIZIO 7 PROPOSTA ENO-GASTRONOMICA E MENU 8 TRASPARENZA 9 COMFORT 10 APPROCCIO ECOCOMPATIBILE La verifica del rispetto dei requisiti previsti dal disciplinare viene effettuato da un organismo, terzo e indipendente, che attribuisce un punteggio sulla base del quale viene rilasciato il marchio. Il punteggio minimo da raggiungere è definito in 150/200. La documentazione che potrà essere raccolta dal valutatore durante la visita al Ristorante è la seguente: - fotografie del locale - brochure e/o biglietti da visita (materiale promozionale) - menu - carta dei vini (e altre carte disponibili) - esempio di conto - fatture o bolle di accompagno per acquisto prodotti tipici 1 ACCESSO E POSIZIONE/LOOK E FACCIATA ESTERNA 1.1 Il Ristorante deve avere un sito web che contiene informazioni utili al raggiungimento della struttura e al servizio offerto 1.2 Il Ristorante deve essere ben indicato da insegne o cartelli che facilitino l arrivo del cliente 1.3 Tutte le informazioni pubblicitarie sul Ristorante presenti su brochure, biglietti da visita e sito Internet devono essere veritiere e trovare riscontro nella struttura 1.4 Le aree esterne al Ristorante devono essere pulite, curate e in perfetto ordine 1.5 Il Ristorante deve essere ben illuminato 1.6 All esterno deve presentare elementi di arredo gradevoli e ben tenuti 2 PARCHEGGIO 2.1 Nei pressi del Ristorante c è la possibilità di parcheggiare l auto (es. parcheggio di proprietà/convenzionato/pubblico nella vicinanze) 3 AREE COMUNI E TOILETTE 3.1 Deve essere presente un guardaroba/appendiabiti 3.2 Tutte le aree devono essere perfettamente pulite e l atmosfera deve essere piacevole 3.3 Devono essere presenti fiori freschi o elementi di decoro

6 3.4 I servizi pubblici devono essere ben tenuti e differenziati tra uomini e donne; l accesso deve essere protetto per impedirne la vista dalla sala 3.5 Nella toilette devono essere presenti un appendiabiti, un cestino igienico, un distributore di sapone, un sistema automatico per asciugare le mani 3.6 Nei lavabi deve esserci l acqua calda 4 SALA BAR/RISTORANTE/MISE EN PLACE 4.1 Gli ambienti devono essere ben tenuti e ben illuminati 4.2 I tavoli, sedie e tendaggi devono essere puliti e in ottimo stato 4.3 Piatti, vasellame, posateria, cristalleria e mise en place devono essere sempre in ordine e puliti 4.4 Vini e bevande sono serviti in bicchieri appropriati 4.5 Il Ristorante presenta un banco bar dedicato ed in ordine 4.6 Deve esistere un adeguato sistema di aerazione e di climatizzazione 4.7 Non devono essere presenti elementi acustici e visivi di disturbo 4.8 La distanza tra i tavoli deve consentire i movimenti necessari 5 CUCINA (non inclusa nella valutazione) Nella cucina devono essere rispettate le normative vigenti in materia di igiene e sicurezza alimentare. 6 PERSONALE/SERVIZIO 6.1 Il cliente deve essere subito accolto e accompagnato al tavolo 6.2 Il servizio deve essere rapido e discreto 6.3 Il personale deve essere cordiale e sorridente 6.4 Il numero dei componenti del personale deve essere proporzionato ai coperti 6.5 Il personale deve essere in perfetto ordine, indossare una divisa o abbigliamento che lo identifichi 6.6 Il personale deve essere in grado di descrivere i piatti della casa anche in altre lingue, se il Ristorante ha clientela straniera 6.7 Vini e bevande devono essere stappati al tavolo e deve essere prevista la possibilità di ordinare demi boutille 6.8 Deve essere presente un responsabile di sala 7 PROPOSTA ENOGASTRONOMICA E MENU 7.1 Il menu e la carte (vini, acque, oli, dolci) devono essere presentati separatamente, devono essere scritti anche nella lingua della clientela principale e devono essere ordinati e puliti 7.2 La carta dei vini, deve indicare le provenienze e le etichette, con possibilità di ordinare consumazioni al bicchiere 7.3 I menu, la carta dei vini e la cartellina per il conto devono essere in buono stato 7.4 Il Ristorante deve proporre menu specifici (es.: tipico, bambini, dietetico/intolleranze) 7.5 Tra i piatti proposti devono esserci almeno 4 varietà per portata 7.6 Deve essere presente un offerta di superalcolici, distillati, digestivi Ristorante Tipico 7.7 I prodotti utilizzati sono di origine locale e sono indicati nel menu. La loro origine territoriale è garantita e verificabile. Solo per prodotti di rara reperibilità è possibile utilizzarne altri di origine nazionale. Per ottenere il grado di tipicità il ristoratore dovrà confezionare i piatti e/o ricette con uno o più dei prodotti pubblicati sul supplemento alla G.U. n. 194 del 21 agosto 2000 (D.M. n. 130 del 18 luglio 2000) Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (Regione Friuli Venezia Giulia) e successivi aggiornamenti (allegato) o su altre bibliografie quali, ad esempio, Cibario del Friuli Venezia Giulia (Atlante dei prodotti della tradizione Pubblicazione Ersa), e Sapori d acqua Cucina di terra e di mare in Friuli Venezia Giulia (Editrice Leonardo), La nostra cucina Il Friuli Occidentale, Le ricette della tradizione (Editrice Edizioni Biblioteca dell Immagine), L Atlante dei ristoranti Tipici (a cura della Camera di Commercio I.A.A. di Pordenone, ASCOM Pordenone, Confcooperative Pordenone, Coldiretti Pordenone, disponibile su e I ristoratori soggetti a verifica possono richiedere l inserimento

7 di piatti di comprovata tipicità e/o caratterizzanti l attività stessa non presenti nella lista dei requisiti 7.8 Il menu tipico dovrà avere sempre le seguenti caratteristiche: antipasti : almeno 2 piatti primi: almeno 2 piatti secondi: almeno 2 piatti contorni: almeno 2 piatti formaggi: almeno 2 piatti dessert: almeno 2 piatti Il menu potrà variare anche a seconda della disponibilità dei prodotti stagionali. 7.9 I vini offerti al pubblico devono comprendere almeno 8 etichette, tra bianchi, rossi e da dessert, di vini DOC e/o IGT della Regione F.V.G., dando preferenza ai vini di produzione della Destra Tagliamento. Il vino sfuso (o della casa) può essere somministrato in sostituzione di una o al massimo due etichette (bianco e rosso) e sulla carta dei vini ne vanno indicate origine e caratteristiche Il menu e i vini devono essere pubblicati e evidenziati nel menu corrente del ristorante o riportati su una carta dedicata. Sul menu generale il ristoratore evidenzia graficamente i piatti tipici locali Sarà presente nel ristorante personale in grado di dare informazioni sulle caratteristiche principali dei piatti (le ricette) e dei prodotti tipici (origine e metodo di produzione) I prodotti tipici vengono evidenziati graficamente nel menu. Ristorante Gourmet 7.13 Deve essere presente un menu degustazione e preferibilmente anche piatti e ricette rielaborate e personalizzate 7.14 La carta dei vini deve presentare almeno 60 etichette organizza te per territorio di produzione 7.15 L ambiente deve essere accogliente e riservato (numero di coperti non superiore a 30) 7.16 Sono presenti un Maitre ed un Sommelier 7.17 Deve essere presente una brigata di cucina composta da almeno 3 elementi (capo ai primi, capo ai secondi, capo pasticcere) Ristorante Classico Italiano 7.18 E presente un offerta gastronomica in linea con la tradizione italiana ma senza particolari connotazioni di tipicità 7.19 Nei menu sono presenti prodotti italiani delle varie regioni 7.20 La carta dei vini presenta almeno 10 etichette 7.21 I piatti proposti presentano anche rivisitazioni e personalizzazioni 8 TRASPARENZA 8.1 Si accettano pagamenti con le più diffuse carte di credito/bancomat 8.2 Servizio e coperto sono sempre inclusi nel prezzo 8.3 E presente un menu all esterno del Ristorante 8.4 I menu, la carta dei vini e la cartellina devono contenere l indicazione dei prezzi 8.5 Il numero dei menu e delle carte presenti in sala deve essere proporzionato al numero dei coperti 8.6 Il conto viene presentato in una cartellina e accompagnato da un bigliettino da visita del Ristorante 9 COMFORT 9.1 Devono essere presenti menu e carte nella lingua della principale clientela estera 9.2 Deve essere prevista una zona fumatori attrezzata (interna o esterna) 9.3 Il Ristorante organizza serate gastronomiche a tema (degustazione dei vini o dei prodotti tipici locali) 9.4 Il Ristorante deve mettere a disposizione dei clienti il questionario per la soddisfazione del cliente

8 10 APPROCCIO ECO-COMPATIBILE (non incluso nella valutazione) Il Ristorante che intende seguire un approccio eco-compatibile deve dimostrare particolare attenzione alle problematiche relative ai seguenti aspetti ambientali: 10.1 Limitazione al consumo delle risorse naturali (consumi energetici ed idrici) 10.2 Riduzione della produzione di rifiuti (raccolta differenziata) 10.3 Promozione di comportamenti e scelte per acquisti eco-compatibili 10.4 Formazione e sensibilizzazione sui temi dell ambiente al personale

9 allegato al Bando di selezione per l'assegnazione del marchio di Qualita Ospitalita italiana alle imprese ricettive e ristorative della provincia di Pordenone di cui alla delibera di Giunta camerale n. del Disciplinare Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i requisiti che le strutture alberghiere devono soddisfare per acquisire il marchio Ospitalità Italiana. Il marchio Ospitalità Italiana ha l obiettivo di qualificare gli alberghi rispetto a requisiti di qualità del servizio e delle strutture. I requisiti riguardano i seguenti aspetti: 1 ACCESSO E POSIZIONE LOOK E FACCIATA ESTERNA 2 PARCHEGGIO 3 RECEPTION 4 HALL E AREE COMUNI 5 CAMERA 6 BAGNO 7 BAR E RISTORANTE 8 PRIMA COLAZIONE 9 OFFERTA RICREATIVA/CONGRESSUALE 10 APPROCCIO ECOCOMPATIBILE La verifica del rispetto dei requisiti previsti dal disciplinare viene effettuata da un organismo, terzo e indipendente, che attribuisce un punteggio sulla base del quale viene rilasciato il marchio. Il punteggio minimo da raggiungere in relazione alla categoria dell albergo è di seguito definito. - 2 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 130/200-3 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 150/200-4 stelle devono raggiungere il punteggio di almeno 155/200-5 stelle devono superare 160/200 1 ACCESSO E POSIZIONE LOOK E FACCIATA ESTERNA 1.1 L albergo deve avere un sito web che contenga informazioni utili al raggiungimento della struttura, sul servizio offerto e sul territorio. 1.2 L albergo deve fornire le indicazioni necessarie attraverso strumenti idonei al fine di facilitarne la localizzazione. 1.3 L albergo deve cercare di rendere l ambiente in cui è inserito piacevole e curato garantendo un illuminazione esterna rassicurante e mantenendo, ove esistenti, le aree verdi in buone condizioni. 2 PARCHEGGIO 2.1 L albergo deve assicurare la possibilità di parcheggio delle auto per i propri clienti. 2.2 Il parcheggio deve essere facilmente accessibile e adeguatamente protetto. 3 RECEPTION 3.1 La reception dell albergo deve essere ben visibile, di dimensioni adeguate, di aspetto piacevole e ben curata; devono essere fornite informazioni relative alla struttura. 3.2 Il personale della reception deve essere professionale, cortese ed avere una conoscenza delle lingue adeguata alla tipologia di clientela dell albergo. 3.3 L albergo deve rendere disponibili informazioni turistiche e/o logistiche relativamente ai siti d interesse presenti nella località in cui è situato.

10 3.4 L albergo deve prevedere per il cliente la possibilità di usufruire di servizi di segreteria (fax, fotocopiatrice, postazione informatica con stampante, collegamento internet). 3.5 L albergo deve gestire le comunicazioni con la clientela (telefoniche o scritte) in maniera cortese, chiara e tempestiva. 3.6 L albergo deve gestire i reclami provenienti dai clienti mettendo a disposizione un modulo per facilitarne la formulazione. L albergo deve trasmettere ad ISNART, su richiesta, eventuali reclami e conservare le relative registrazioni per almeno 2 anni. 4 HALL E AREE COMUNI 4.1 La hall e le aree comuni devono essere di dimensioni adeguate, ben curate e di aspetto piacevole. 4.2 Gli ascensori dell albergo devono essere in numero e dimensioni adeguate alla struttura dell albergo e alla sua capacità ricettiva. 4.3 L albergo deve prevedere sale di intrattenimento (lettura, tv, ecc.) e deve avere cura di fornire ai clienti attenzioni particolari (quotidiani, periodici, pay-tv, etc). 4.4 L albergo deve prevedere servizi igienici per gli ambienti comuni puliti, ben curati e adeguati alla struttura. 4.5 I corridoi devono essere di dimensioni adeguate, curati e ben tenuti. 5 CAMERA 5.1 Le caratteristiche delle camere devono essere tali da garantire: 1) porte di accesso sicure e insonorizzate; 2) dimensioni adeguate; 3) illuminazione adeguata con punti luce opportunamente posizionati; 4) climatizzazione e sistema di oscuramento efficaci; 5) buon livello di silenziosità e oscuramento; 6) pulizia e odore gradevole o comunque neutro; 7) aspetto accogliente, arredi e letto/i confortevoli; 8) biancheria e copriletto puliti, coordinati e di buona qualità; 9) corretto funzionamento degli impianti elettrici, termici, telefonici, televisivi. 5.2 L albergo deve definire modalità per la cura e la manutenzione degli arredi, degli impianti e delle attrezzature delle camere. 5.3 Le camere devono disporre di accessori tali da rendere confortevole ed agevole il soggiorno quali cuscini e coperte di riserva, appendiabiti, servizio di cortesia (cesto frutta, cioccolatini, caramelle, pantofole, ecc.), cestino pattumiera, ripiano portabagagli, minibar, cartellina con brochure, room directory, carta da lettere. 5.4 Le camere devono presentare indicazioni sui prezzi e sulle norme di sicurezza. 5.5 L albergo deve offrire servizi di sicurezza (cassaforte), di lavanderia e definire delle modalità per misurare la soddisfazione dei clienti. 6 BAGNO 6.1 Le caratteristiche dei bagni delle camere devono essere tali da garantire: 1) dimensioni adeguate sia del bagno stesso sia dei sanitari e degli accessori; 2) illuminazione adeguata con punti luce opportunamente posizionati; 3) pulizia e odore gradevole o comunque neutro; 4) doccia o vasca protette in modo da evitare la fuoriuscita di acqua; 5) biancheria adeguata in quantità e qualità; 6) aerazione efficace; 7) corretto funzionamento degli impianti elettrici, idraulici, termici. 6.2 I bagni devono essere dotati di accessori quali ad esempio tappetino, cestino, ganci appendini, servizio di cortesia (spazzolino, dentifricio, ecc.), striscia igienica WC, sacchetti per l igiene femminile, asciugacapelli. 6.3 L albergo deve garantire il cambio della biancheria giornalmente, salvo specifica indicazione del cliente. 6.4 L albergo deve definire modalità per la cura e la manutenzione dei sanitari e degli accessori presenti nel bagno.

11 7 BAR E RISTORANTE 7.1 L albergo deve disporre di una struttura bar o comunque assicurare il servizio bar. 7.2 Il bar deve essere collocato in una posizione facilmente accessibile, dotato di arredamenti adeguati e confortevoli, illuminato e climatizzato in maniera da creare un atmosfera piacevole. 7.3 Il bar deve risultare curato e ben pulito. 7.4 Il personale del bar deve avere un abbigliamento identificabile, aspetto curato e professionale. 7.5 I prezzi delle consumazioni devono essere resi disponibili alla clientela. 7.6 L albergo che dispone di un ristorante interno deve garantire che sia dotato di arredamenti adeguati e confortevoli, illuminato e climatizzato in maniera da creare un atmosfera piacevole. 7.7 L albergo deve garantire l apertura del ristorante sia a pranzo sia cena con orario flessibile ed avere un numero di coperti adeguato al numero delle camere. 7.8 Il personale del ristorante deve avere un abbigliamento identificabile, aspetto curato e professionale. 7.9 La posateria e il vasellame devono presentarsi puliti e di buona qualità Il ristorante deve offrire una buona scelta di cibi e vini ed il menù dovrebbe essere scritto in un numero di lingue adeguato alla tipologia di clientela. 8 PRIMA COLAZIONE 8.1 Il locale destinato alla prima colazione deve essere collocato in una posizione facilmente accessibile, dotato di arredamenti adeguati e confortevoli, illuminato e climatizzato in maniera da creare un atmosfera piacevole. 8.2 L albergo deve garantire un orario della prima colazione flessibile che deve essere comunicato adeguatamente alla clientela. 8.3 L albergo deve offrire una vasta scelta di cibi e bevande (bevande calde, succhi di frutta, frutta, brioche, torte; offerta salata, ecc.) adeguata al tipo di clientela. 8.4 Il personale che serve la prima colazione deve avere un abbigliamento identificabile, aspetto curato e professionale. 9 OFFERTA RICREATIVA/OFFERTA CONGRESSUALE 9.1 L albergo, al fine di rendere il soggiorno piacevole e confortevole, deve offrire servizi ricreativi (sale giochi, biliardo, piscina, centro benessere, palestra, etc.) in relazione alla sua localizzazione, alla tipologia e alle esigenze della clientela. 9.2 Il personale impiegato per le attività ricreative deve essere cortese, professionale ed in numero sufficiente in relazione alle attività offerte. 9.3 I locali destinati ad ospitare riunioni e/o congressi devono assicurare ambienti confortevoli, puliti e curati, con particolare attenzione rivolta alla qualità ed allo stato delle attrezzature (microfoni, videoproiettori, etc), dell arredamento, degli impianti di climatizzazione e di illuminazione ed alla corretta funzionalità dei dispositivi di sicurezza. 9.4 L albergo deve offrire servizi complementari (segreteria, guardaroba, post-congress, coffe break, check in/out riservati, etc) ai propri clienti. 10 APPROCCIO ECOCOMPATIBILE L approccio eco-compatibile viene valutato seguendo dei criteri base del marchio Ecolabel Europeo, pertanto sarà posta l attenzione sulla: 10.1 limitazione al consumo delle risorse naturali (consumi energetici ed idrici) 10.2 riduzione della produzione di rifiuti (raccolta differenziata) 10.3 promozione di comportamenti e scelte per acquisti eco compatibili 10.4 formazione e sensibilizzazione sui temi dell ambiente al personale.

12 MARCHIO DI QUALITÀ Ospitalità Italiana IMPRESE ALBERGHIERE DATI STRUTTURA Nome e Cognome titolare/responsabile: Denominazione Ditta: N REA di iscrizione alla C.C.I.A.A. Nome Hotel: Indirizzo (via/p.zza): N Cap: Comune: Prov: Località: Tel.: Fax: Indirizzo da pubblicare (stampe, sito): Indirizzo per contatto diretto: Sito Web: Informazioni per raggiungere la struttura: (consigliabile allegare brochure) CARATTERISTICHE STRUTTURA Classificazione: L Anno avvio attività:..... Anno ultima ristrutturazione:..... Periodo di apertura della Struttura Annuale Stagionale (indicare il periodo dal... al...) Animali ammessi (piccola taglia): Si No Adeguamento art. 51 legge 3/2003 ( tutela salute dei non fumatori ): Si No PREZZI: Camere singole BS AS Camere totali n... (costo a camera )... Camere doppie Posti letto n... (costo per camera)... Mezza pensione Camere singole n... (costo per persona in doppia)... Pensione completa (costo per persona in doppia)... Appartamenti (Costo per appartamento al giorno). Camere doppie Camere disabili n... n... Carte di credito: American Express Diners Club Carta Aura Eurocard Mastercard Visa JCB PagoBancomat Maestro CartaSì Prevalente tipologia di clienti: Turismo Affari Residenziale 1

13 Prevalente area di provenienza: Proprietà: Proprietà diretta Gestione in affitto Tipo di gestione: Manageriale Familiare Locale/Regionale Europea Nazionale Extra-Europea ADDETTI Totale (valore assoluto) Stagionali (%) Fissi (%) N. Dirigenti/manager Totale Dipendenti SERVIZI IN CAMERA Cassaforte Collegamento Internet Presa Modem-Fax Altro... SERVIZI Ascensore Internet point Palestra Campo da Beach volley Equitazione Campi da golf (entro 5 km) Piscina Tennis Ristorante Bar Locali di intrattenimento Sala Convegni Servizi Benessere & Relax Terme Centro Diving Impianti di risalita (entro 200 m) Spiaggia Altro... Certificazione UNI EN ISO 9001: 2000 Si No Certificazione UNI EN ISO 14001: 2004 Si No Condizioni generali per il rilascio del marchio Ospitalità Italiana Giochi per bambini Miniclub Parcheggio Interno Parcheggio Esterno Lavanderia Negozi Parco giardino Servizi per disabili Accoglienza cicloturistica L attività di valutazione per il rilascio del marchio è disciplinata dal Regolamento per il rilascio e l uso del logo marchio Ospitalità Italiana consegnato unitamente alla presente scheda a formarne parte integrante e che la struttura richiedente si impegna a rispettare, dichiarando altresì di approvare espressamente la clausola del regolamento stesso che prevede nel foro di Roma il foro competente in via esclusiva per le eventuali controversie. ISNART incaricherà per l attività di verifica presso le strutture un ente di certificazione che opererà in conformità alla norma UNI CEI EN Con la sottoscrizione della presente domanda la struttura accetta: - le condizioni riportate nel Regolamento per il rilascio e l uso del logo marchio Ospitalità Italiana L operatore, sottoscrivendo la presente domanda, si impegna ad accogliere il valutatore e accetta di fornire tutto il materiale necessario al buon esito della visita (fatture, foto, brochure, biglietti da visita, etc..) Il Titolare/Rappresentante legale della Struttura: Data: Timbro e Firma Si approva espressamente e per iscritto ai sensi degli art e 1342 del Codice Civile la clausola che prevede nel foro di Roma il foro competente in via esclusiva per le eventuali controversie. Data: Timbro e Firma Informativa e consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003. La società ISNART S.c.p.a., nella persona del responsabile dott. Giovanni Antonio Cocco, Le garantisce che tutte le risposte da Lei fornite resteranno assolutamente riservate e saranno usate solo ai fini del corretto svolgimento del progetto, nel pieno rispetto del D.Lgs 196/2003 sulla tutela della Privacy. La informiamo di quanto segue: 1. Il trattamento a cui saranno sottoposti tutti i dati personali richiesti e/o acquisiti è diretto al solo fine di partecipazione al progetto marchio Ospitalità Italiana 2. La comunicazione di tali dati è facoltativa, tuttavia la mancata comunicazione non renderà possibile la partecipazione al progetto; nella Sua qualità di interessato, gode dei diritti di cui all'articolo 7 del D.Lgs 196/2003, tra cui: a. ottenere la conferma dell'esistenza o meno in archivio dei dati personali che La riguardano ed averne comunicazione in forma intelligibile; b. avere conoscenza della loro origine, della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; 3. Qualsiasi richiesta o comunicazione in merito può essere inoltrata scrivendo a ISNART scpa Corso d Italia, Roma, indicando come riferimento progetto marchio Ospitalità Italiana Il/La sottoscritto/a, acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento, presta il suo consenso per il trattamento dei dati necessari allo svolgimento delle operazioni indicate nell'informativa. 2

14 Data: Timbro e Firma Nota: La Commissione di Valutazione/ Isnart si riserva di valutare la scheda compilata in base ai requisiti di adesione al progetto. La scheda non completa in tutte le sue parti non potrà essere considerata valida 3

15 MARCHIO DI QUALITÀ OSPITALITÀ ITALIANA SCHEDA DI ADESIONE IMPRESE RISTORATIVE DATI GENERALI Nome Ristorante: Definizione della tipologia (indicare una opzione vedi disciplinari) Ristorante classico italiano Rientrano in questa tipologia di ristorazione tutti quei locali che presentano un offerta gastronomica in linea con la tradizione italiana ma senza particolari connotazioni di tipicità. Anche la carta dei vini non è territorialmente caratterizzata preferendo prodotti diffusi a livello nazionale. Ristorante gourmet Il tratto caratteristico dei ristoranti che appartengono a questa tipologia è la presenza di un menù-degustazione, personalizzazione di ricette, cantina con 60 etichette, numero coperti non superiore ai 60, presenza di uno chef che ha ottenuto riconoscimenti nazionali e/o internazionali. Ristorante tipico regionale La cucina è fortemente legata al territorio sia per i prodotti utilizzati che per i piatti. Anche la carta dei vini presenta una decisa territorializzazione. Via/Piazza n. CAP Comune Prov. Località Tel. Indirizzo da pubblicare (stampe, sito): Indirizzo per contatto diretto: Sito Web: Periodo di apertura della struttura Anno avvio attività:..... Collocazione generica Fax. Annuale Stagionale (indicare il periodo: dal... al...) Anno ultima ristrutturazione:..... Mare Campagna Città Panoramica Lago Collina Centro città Periferia Terme Montagna Centro storico Isolata Prevalente tipologia di clienti: Turismo Residenziale Affari Prevalente area di provenienza: GESTIONE Locale/Regionale Europea Titolare/Responsabile: nome cognome Denominazione Azienda: N REA di iscrizione alla C.C.I.A.A. Nazionale Extra-Europea SEGNALAZIONE IN GUIDE NAZIONALI Anno REQUISITI Il personale dispone di divisa/abbigliamento identificabile Adeguamento art. 51 legge 3/ 2003 (tutela salute dei non fumatori) Sì Sì No No

16 MARCHIO DI QUALITÀ OSPITALITÀ ITALIANA SCHEDA DI ADESIONE IMPRESE RISTORATIVE Espresso Toilette Uomo/Donna Sì No Carta dei vini Sì No Gambero Rosso Carta menu Sì No Carte di credito Sì No Michelin Aria condizionata Sì No Sistema di depurazione e ricambio dell aria Sì No Touring Club Rispetto D. Lgs. 81/2008 (ex 626/94) Sì No Menu specifici (bambini, turistico, celiaci, etc) Sì No Veronelli Applicazione Reg. 852/04 (ex haccp) Sì No Pranzo Giorno di chiusura:.. Cena Tutto il giorno Periodo di ferie Da A Coperti: Interni.. Esterni.. Tavoli: Interni.. Esterni.. Sale: n. Superficie mq Superficie esterna:... mq Costo medio menu (3 portate vini esclusi) Min Max Costo medio menu degustazione Costo medio menu bambini Tipo di cucina classica del territorio creativa di ricerca fusion (max 3 risposte) di altre regioni (specificare) etnica internazionale vegetariana mediterranea Specialità CARTE DI CREDITO American Express BancoPosta Carta Aura carne pesce primi tartufi dolci oca cacciagione formaggi macrobiotica lumache salumi rane Diners Club Eurocard JCB Mastercard CartaSì Pagobancomat Maestro Bankamericard Visa Le principali Tutte SERVIZI INTRATTENIMENTO NELLE VICINANZE Giochi per bambini Locali di intrattenimento Spiaggia privata Parco/Giardino Musica e Spettacoli Degustazione Golf nelle vicinanze Altro... SERVIZI GENERALI Ammessi animali Aria condizionata Bar/Caffè Parcheggio Pizzeria Miniclub Attrezzature per bambini Sala banchetti Sala fumatori Terrazza Servizi per disabili Maxischermo Tavoli all aperto Tv satellitare Dehors Postazione internet Rete WI-FI Prenotazione On Line Prenotazione Obbligatoria Altro..

17 MARCHIO DI QUALITÀ OSPITALITÀ ITALIANA SCHEDA DI ADESIONE IMPRESE RISTORATIVE Condizioni generali per il rilascio del marchio Ospitalità Italiana L attività di valutazione per il rilascio del marchio è disciplinata dal Regolamento per il rilascio e l uso del logo marchio Ospitalità Italiana consegnato unitamente alla presente scheda a formarne parte integrante e che la struttura richiedente si impegna a rispettare, dichiarando altresì di approvare espressamente la clausola del regolamento stesso che prevede nel foro di Roma il foro competente in via esclusiva per le eventuali controversie. ISNART scpa incaricherà per l attività di verifica presso le strutture un ente di certificazione che opererà in conformità alla norma UNI CEI EN Con la sottoscrizione della presente domanda la struttura accetta le condizioni riportate nel Regolamento per il rilascio e l uso del logo marchio Ospitalità Italiana. L operatore, sottoscrivendo la presente domanda, si impegna ad accogliere il valutatore e accetta di fornire tutto il materiale necessario al buon esito della visita (fatture, foto, brochure, biglietti da visita, etc..) Il Titolare/Rappresentante legale della Struttura: Data.. Timbro e Firma.. Si approva espressamente e per iscritto ai sensi degli art e 1342 del Codice Civile la clausola che prevede nel foro di Roma il foro competente in via esclusiva per le eventuali controversie. Data.. Timbro e Firma.. Informativa e consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003. La società ISNART scpa, nella persona del responsabile dott. Giovanni Antonio Cocco, Le garantisce che tutte le risposte da Lei fornite resteranno assolutamente riservate e saranno usate solo ai fini del corretto svolgimento del progetto, nel pieno rispetto del D.Lgs 196/2003 sulla tutela della Privacy. La informiamo di quanto segue: 1. Il trattamento a cui saranno sottoposti tutti i dati personali richiesti e/o acquisiti è diretto al solo fine di partecipazione al progetto marchio Ospitalità Italiana 2. La comunicazione di tali dati è facoltativa, tuttavia la mancata comunicazione non renderà possibile la partecipazione al progetto; nella Sua qualità di interessato, gode dei diritti di cui all'articolo 7 del D.Lgs 196/2003, tra cui: a. ottenere la conferma dell'esistenza o meno in archivio dei dati personali che La riguardano ed averne comunicazione in forma intelligibile; b. avere conoscenza della loro origine, della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; 3. Qualsiasi richiesta o comunicazione in merito può essere inoltrata scrivendo a ISNART scpa Corso d Italia, Roma, indicando come riferimento progetto marchio Ospitalità Italiana Il/La sottoscritto/a, acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento, presta il suo consenso per il trattamento dei dati necessari allo svolgimento delle operazioni indicate nell'informativa. Data.. Timbro e Firma.. Nota: La Commissione di Valutazione/ Isnart si riserva di valutare la scheda compilata in base ai requisiti di adesione al progetto.

18 MARCHIO DI QUALITÀ OSPITALITÀ ITALIANA SCHEDA DI ADESIONE IMPRESE RISTORATIVE Restano escluse dall iniziativa le seguenti imprese ristorative: self-service, pizzerie pure, pubs, bar con ristoro, fast-food (ristorazione veloce), ristoranti che offrono cucina solo straniera, ristoranti che non hanno licenza di pubblico esercizio. Nota: La Commissione di Valutazione/Isnart si riserva di valutare la scheda compilata in base ai requisiti di adesione al progetto. La scheda non completa in tutte le sue parti non potrà essere considerata valida. Informazioni per l inserimento nella guida De Agostini Alberghi e Ristoranti 2011 Isnart in collaborazione con la De Agostini permetterà alle strutture che otterranno il marchio Ospitalità Italiana 2011 di essere inserite all interno della guida Alberghi e Ristoranti Tale inserimento è a titolo completamente gratuito poiché rientra tra le azioni promozionali messe in atto da Isnart per le strutture certificate. Come espressamente richiesto dalla De Agostini, Vi chiediamo cortesemente di completare tutti i campi seguenti, pena l eliminazione della struttura dalla suddetta guida. Dati per la costruzione del testo Numero dipendenti in cucina.. Tipo di locale Numero dipendenti in sala.. Ristorante Trattoria Osteria Pizzeria Ristorante d albergo Edificio Moderno D epoca Rustico Ambiente (max 2 risposte) Elegante Classico Rustico Moderno Intimo Specialità/menu tipo Antipasto: Primo: Secondo: Dessert: Menu disponibili Menu degustazione Menu vegetariano Menu per celiaci Carta dei Carta dei formaggi dolci Carta degli oli Cantina etichette disponibili n.. Menu per bambini Carta acque minerali Carta dei vini Carta dei distillati Vini regionali Vini italiani Vini esteri Prodotti fatti in casa Pane Pasta Dolci

19 MARCHIO DI QUALITÀ OSPITALITÀ ITALIANA SCHEDA DI ADESIONE IMPRESE RISTORATIVE Note

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria,

Dettagli

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA-REGIONE MARCHE ALLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA-REGIONE MARCHE ALLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE ALLEGATO A BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA-REGIONE MARCHE ALLE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Articolo 1 La Regione Marche in attuazione dell articolo

Dettagli

MARCHIO DI QUALITÀ Ospitalità Italiana Regione Marche Alberghi

MARCHIO DI QUALITÀ Ospitalità Italiana Regione Marche Alberghi 11 MARCHIO DI QUALITÀ Ospitalità Italiana Regione Marche Alberghi DATI STRUTTURA Nome e Cognome titolare/responsabile: Denominazione Ditta: N REA di iscrizione alla C.C.I.A.A. Nome Hotel: Indirizzo (via/p.zza):

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. COMMERCIO, FIERE, TUTELA DEI CONSUMATORI, POLITICHE GIOVANILI E SPORT N. 460/CTC DEL 02/11/2011 Oggetto: Assegnazione del Marchio di qualità agli esercizi della ristorazione.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 206/CTC DEL 03/06/2015 Oggetto: Deliberazione della Giunta regionale n. 386 dell 08/04/2015. Marchio di qualità delle strutture

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 284/CTC DEL 03/07/2012

Luogo di emissione. Ancona DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 284/CTC DEL 03/07/2012 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. TURISMO, COMMERCIO E TUTELA DEI CONSUMATORI N. 284/CTC DEL 03/07/2012 Oggetto: Marchio di qualità delle strutture ricettive per l anno 2012. Deliberazione della Giunta

Dettagli

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i requisiti che le

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITÀ ALBERGHI E RISTORANTI

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITÀ ALBERGHI E RISTORANTI BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DEL MARCHIO DI QUALITÀ ALBERGHI E RISTORANTI Articolo 1 La Camera di Commercio di Napoli, nell ambito delle azioni per la promozione del settore turistico, in collaborazione

Dettagli

1 ACCOGLIENZA E QUALITA : NORME GENERALI

1 ACCOGLIENZA E QUALITA : NORME GENERALI Le strutture che si identificano nel brand Terre Diverse sono tenute al rispetto di una serie di requisiti in ambito di accoglienza del turista, di qualità delle strutture e del servizio e di un regolamento

Dettagli

I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO

I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO SCHEDA D'ISCRIZIONE DATI GENERALI STRUTTURA Nome dell'attività: Nome e Cognome del Titolare/Responsabile: Ragione sociale: C.F. P. IVA: Periodo d'apertura: Annuale

Dettagli

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs.

Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. Regolamento per il rilascio del marchio QI La qualità delle Agenzie di Viaggio Istituito da A.I.A.V. ai sensi dell art. 81 D.Lgs. 59/2010 1. Finalità 1.1 QI La qualità delle Agenzie di Viaggio è un marchio

Dettagli

Disciplinare Residenze turistiche alberghiere (RTA)

Disciplinare Residenze turistiche alberghiere (RTA) Disciplinare Residenze turistiche alberghiere (RTA) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente specifica, predisposta dalla Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Disciplinare per gli Intermediari Seconde Case Ospitalità Italiana

Disciplinare per gli Intermediari Seconde Case Ospitalità Italiana Disciplinare per gli Intermediari Seconde Case Ospitalità Italiana SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A DUE STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015 (L.R.

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE TECNICO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO OSPITALITÀ ITALIANA, RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione settembre 2011 1 Introduzione Unioncamere, con lo scopo di valorizzare i ristoranti italiani

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti DENOMINAZIONE DEL COMPLESSO. LOCALITA.. TABELLA B Allegata alla denuncia dei requisiti Requisiti (obbligati e fungibili) degli ALBERGHI, con i relativi punteggi 1 PRESTAZIONE DI SERVIZI 1.01 - Servizio

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo/ristorativo: ristorante agriturismo sotto l

Dettagli

I requisiti riguardano i seguenti aspetti:

I requisiti riguardano i seguenti aspetti: La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i requisiti che le strutture alberghiere devono

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA AGRITURISTICA NELLA REGIONE PIEMONTE

DISCIPLINARE PER LA QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA AGRITURISTICA NELLA REGIONE PIEMONTE DISCIPLINARE PER LA QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA AGRITURISTICA NELLA REGIONE PIEMONTE Indice 1 Premessa...3 2 Introduzione...3 3 Scopo e campo di applicazione...3 4 Norme di riferimento...4 5 Termini e

Dettagli

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Settembre 2011 1 Premessa La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre protagonista di significativi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI E RESIDENCE

Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI E RESIDENCE . La richiesta di adesione è completamente gratuita. L adesione è finalizzata all inserimento dei dati nel sistema nella categoria di servizi di appartenenza. Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE. alberghiero relais agriturismo

CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE. alberghiero relais agriturismo CLUB DI PRODOTTO OSPITALITA GLAMOUR DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo: alberghiero relais agriturismo sotto l insegna

Dettagli

Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI

Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI La richiesta di adesione è completamente gratuita. L adesione è finalizzata all inserimento dei dati nel sistema, nella relativa categoria di appartenenza. Richiesta di Adesione: ALBERGHI RESIDENZIALI

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO Scade il 16 novembre 2015 AVVISO PUBBLICO PER PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE DI RUOLO DIPENDENTE DI ENTI DI AREA VASTA EX. ART. 30 D.LGS 165/2001 ESCLUSIVAMENTE RISERVATO AGLI ISCRITTI NELLE LISTE DELLE

Dettagli

Denuncia di classificazione per il quinquennio..

Denuncia di classificazione per il quinquennio.. Denuncia di classificazione per il quinquennio.. Prima classificazione ALBERGHI E ALBERGHI RESIDENZIALI COMUNE DI:.... Denominazione dell esercizio... Casa Principale Dipendenza SEZIONE 1 - GENERALITA

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Disciplinare Ristoranti Italiani nel Mondo Pagina 1/7 INDICE PREMESSA COS E IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA PER FORMAZIONE GRADUATORA CANDIDATI IDONEI A RICOPRIRE N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO, CATEGORIA C, TEMPO PIENO ED INDETERMINATO. RISERVATO AGLI APPARTENENTI ALLE

Dettagli

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax

SEZIONE 1^ - GENERALITÀ DELL ESERCIZIO. 1. Denominazione della struttura. 2. Via Località. Comune CAP Provincia (sigla) Telefono Fax REGIONE DEL VENETO Amministrazione Provinciale di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DI AFFITTACAMERE ATTIVITA RICETTIVE IN ESERCIZI DI RISTORAZIONE (art. 3 L.R. 33/00) SEZIONE

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL TURISTA NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI SAN CATALDO

CARTA DEI SERVIZI DEL TURISTA NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI SAN CATALDO CARTA DEI SERVIZI DEL TURISTA NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI SAN CATALDO RETE LOCALE DELL ACCOGLIENZA Associazione Agroambiente ASSESSORATO REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA

Dettagli

1 di 5 20/07/2011 8.38

1 di 5 20/07/2011 8.38 1 di 5 20/07/2011 8.38 Oggetto: POSTA CERTIFICATA: Trasmissione bando mobilità volontaria agente Polizia Locale Mittente: "Per conto di: comune.morimondo@pec.regione.lombardia.it"

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

MODELLO «D/2» CASE PER FERIE E CENTRI PER SOGGIORNI SOCIALI COMUNE DI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «D/2» CASE PER FERIE E CENTRI PER SOGGIORNI SOCIALI COMUNE DI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE DI DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE CASE PER FERIE / CENTRI PER SOGGIORNI

Dettagli

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200

ALBERGO/DIPENDENZA. Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 MOD.COM/ALB-DIP DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE di ALBERGO/DIPENDENZA Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 200 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione all esame d idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale di Accompagnatore turistico - anno 2011. Art. 1 prova d esame d idoneità

Dettagli

COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA ART. 1 - Finalità COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA Il Comune di Sezze gestisce la mensa scolastica della scuola dell infanzia. Il Comune

Dettagli

ZONA VALDERA Provincia di Pisa

ZONA VALDERA Provincia di Pisa AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PIENO DI CAT.B3 PROFILO PROFESSIONALE MANUTENTORE ADDETTO AI SERVIZI SPECIALISTICI PER IL COMUNE DI PECCIOLI.

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze SERVIZIO PERSONALE Prot. n. 2182/2014 Fiesole, lì 23 aprile 2014 OGGETTO: Trasmissione avviso di mobilità. Allegato alla presente si trasmette il seguente avviso di mobilità per la copertura di un posto

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47660/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE L ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO

Dettagli

AVVISO ESPLORATIVO DI MOBILITA PER IL PROFILO PROFESSIONALE DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE - CAT. C AREA POLIZIA LOCALE

AVVISO ESPLORATIVO DI MOBILITA PER IL PROFILO PROFESSIONALE DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE - CAT. C AREA POLIZIA LOCALE AVVISO ESPLORATIVO DI MOBILITA PER IL PROFILO PROFESSIONALE DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE - CAT. C AREA POLIZIA LOCALE IL SEGRETARIO COMUNALE RENDE NOTO che l Amministrazione comunale di Mazzano intende

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

ZONA VALDERA Provincia di Pisa

ZONA VALDERA Provincia di Pisa AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO A TEMPO PIENO DI CATEGORIA GIURIDICA B3, PROFILO PROFESSIONALE OPERATORE PER LA COMUNICAZIONE E L ORIENTAMENTO COLLABORATORE

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI CHEK LIST Mod.6_G SERVIZI N. ordine dell Elenco richiedenti marchio DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A. di n. in data / / P.IVA di cui

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione alla prova d esame di idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale di Direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo - anno 2012.

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI Milano, 07/08/2015 Le diete speciali sono pasti preparati appositamente per gli utenti che per motivi di salute o per scelte etico religiose hanno la necessità di seguire un regime alimentare diversificato

Dettagli

Procedura Documentale di Sistema

Procedura Documentale di Sistema INDICE 1. Scopo 2. Campo di Applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti Normativi 5. Descrizione del Processo 5.1 Reclami 5.1.1 Generalità 5.1.2 Forma del Reclamo 5.1.3 Ricezione del reclamo ed Analisi

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE Strutture ricettive e di ristorazione

SCHEDA DI ADESIONE Strutture ricettive e di ristorazione SCHEDA DI ADESIONE Strutture ricettive e di ristorazione Dati struttura Nome della struttura: CAP: Prov.: Tel.:.. Cell.: Fax: to: Dati proprietario Nome e Cogme: CAP: Prov.: Tel.: Cell.: Fax: Dati gestore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. dal 7 al 18 maggio 2010

AVVISO PUBBLICO. dal 7 al 18 maggio 2010 COMUNE DI DECIMOMANNU Provincia di Cagliari Settore Finanziario Servizio Patrimonio Piazza Municipio n. 1 09033 Decimomannu Tel. 070/9667003-30-09-24 fax 070/962078 e mail: settorefinanziario@pec.comune.decimomannu.ca.it

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione all esame d idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio della attività professionale di Guida turistica - anno 2012. Art. 1 prova d esame d idoneità Art. 2

Dettagli

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999)

CONCORSO DI IDEE. Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) CONCORSO DI IDEE Ai sensi dell art. 108 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (art. 57, D.P.R. n. 554/1999) RIQUALIFICAZIONE IGIENICA ED URBANISTICA DEL RIONE SCACCERA 1. ENTE APPALTANTE Denominazione:

Dettagli

Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411

Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411 Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411 SELEZIONE RISERVATA AI DISABILI LEGGE 68/99 PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N. 1 OPERATORE SPECIALISTA TURNISTA" ADDETTO ALL

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007 Regione Campania - Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive - A.G.C. 12 - Settore 02 Sviluppo e Promozione delle Attività

Dettagli

SCADENZA: 15/10/2013

SCADENZA: 15/10/2013 COMUNE DI CALTRANO (VI) ISTITUZIONE CASA DI RIPOSO DI CALTRANO Via Roma n. 45 36030 Caltrano (VI) c.f. 84000910244 p.i. 00541820247 n. tel. 0445/390057 fax n. 0445/395931 e-mail casariposo@comune.caltrano.vi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47613/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE. Finalità Il Comune di Conegliano

Dettagli

Costa Rei - Sardegna

Costa Rei - Sardegna Costa Rei - Sardegna POSIZIONE: ll Free Beach Club è situato a Costa Rei, una delle zone più suggestive della costa sud orientale della Sardegna, su una spiaggia di sabbia dorata lambita da un mare

Dettagli

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori IN CARTA LIBERA Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori Oggetto: Domanda per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento

Dettagli

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N

(giorno/mese/anno) con sede in Comune Via N DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO E DI CERTIFICAZIONE RESA DA UN IMPRESA ALBERGHIERA IN RELAZIONE AL POSSESSO DEI REQUISITI PER LA CLASSIFICAZIONE A QUATTRO STELLE NEL PERIODO 1/1/2011 31/12/2015

Dettagli

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

Bed & Breakfast Paradise

Bed & Breakfast Paradise Bed & Breakfast Paradise Lampedusa Paese Posizione: a 300 mt dalla centralissima via Roma e dal porto nuovo. Descrizione: struttura a gestione familiare, nel tipico stile architettonico dell isola. Da

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES!

DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES! DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES! AZIENDE ALBERGHIERE 1.0 PREMESSA Il marchio Yes! è un marchio di qualità ad adesione volontaria e gratuita attribuito dal 2004 dalla Camera di commercio di Torino alle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE, FIERE, FESTE, MERCATI O ALTRE RIUNIONI STRAORDINARIE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 31.05.2012

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Bando di mobilità esterna volontaria per l assunzione di n. 2 profili amministrativi nella categoria B2 (ex VI qualifica funzionale) a tempo indeterminato e pieno. Area Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI MASSA SETTORE ORGANIZZAZIONE SVILUPPO TECNOLOGICO E SERVIZI DEMOGRAFICI

COMUNE DI MASSA SETTORE ORGANIZZAZIONE SVILUPPO TECNOLOGICO E SERVIZI DEMOGRAFICI COMUNE DI MASSA SETTORE ORGANIZZAZIONE SVILUPPO TECNOLOGICO E SERVIZI DEMOGRAFICI AVVISO DI MOBILITA ESTERNA AI SENSI DELL ART.30 DEL D.LGS 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO E PART-TIME AL

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DOMESTICI FOTOVOLTAICI E SOLARI TERMICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze SERVIZIO PERSONALE Prot. n. 6031/2014 Vaglia, lì 28 ottobre 2014 OGGETTO: Trasmissione avviso di mobilità. Allegato alla presente si trasmette il seguente avviso di mobilità per la copertura, presso il

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

b) AI FINI DELL INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI ESTERNI IN CASO DI ESITO NEGATIVO DELLA RICOGNIZIONE INTERNA

b) AI FINI DELL INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI ESTERNI IN CASO DI ESITO NEGATIVO DELLA RICOGNIZIONE INTERNA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI ATTIVITÀ DI TRADUZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI RICERCA DEL DIPARTIMENTO DI STUDI E RICERCHE ECONOMICO-AZIENDALI ED AMBIENTALI Ricognizione

Dettagli

RURALITÀ MEDITERRANEA

RURALITÀ MEDITERRANEA RURALITÀ MEDITERRANEA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Marchio Collettivo di Qualità delle imprese dei territori rurali del Mediterraneo GENERALITA ARTICOLO 1. Il Regolamento d uso definisce le condizioni

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO BANDO COMUNALE DI CONCORSO PUBBLICO PER SOLI TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N.2 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA (NCC) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

ALLEGATO 1C MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

ALLEGATO 1C MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE ALLEGATO 1C MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE ALLEGATO 1.C ANNO DI RIFERIMENTO MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE Il sottoscritto nato a il, residente a, via, tel., in qualità di legale rappresentante dell impresa

Dettagli

ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO

ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO ALLEGATO D - REQUISITI SPECIFICI DI CUI ALL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETT. C) DEL BANDO Premessa. I seguenti requisiti specifici sono richiesti solo per le categorie specificamente indicate e sono aggiuntivi

Dettagli

LIVELLI di CLASSIFICA

LIVELLI di CLASSIFICA ALLEGATO C REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI 1 PRESTAZIONI DI SERVIZI LIVELLI di CLASSIFICA DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 3 4 1.1 Numero di ore giornaliere in cui sono assicurati

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. -

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - Documento aggiornato al 07.07.2011 1. Quando e come fare l attestato di certificazione energetica 1.1. Da quando entra in vigore il

Dettagli

Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246.

Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246. D.M. 22 luglio 1977. Determinazione dei criteri per la classificazione degli esercizi pubblici. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 settembre 1977, numero 246. IL MINISTRO PER L'INTERNO di concerto con IL MINISTRO

Dettagli

art. 1 Art. 12 esame finale del corso di aggiornamento - 1/8 -

art. 1 Art. 12 esame finale del corso di aggiornamento - 1/8 - Bando di indizione per l anno formativo 2015/2016 del Corso teorico-pratico di aggiornamento professionale per l attività di Operatore per la prevenzione, soccorso e sicurezza sulle piste di sci - figure

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 16 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO

STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 16 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE REGOLAMENTO COMUNALE L. R. 6 GENNAIO 2002 ART. 64 E SEGUENTI ALBERGO DIFFUSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 07.2.2002 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi

Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore. Strutture all aria aperta Campeggi Carta Servizi Turistici di Qualità a tutela del consumatore e dell operatore Strutture all aria aperta Campeggi 32 33 1. Accesso e posizione Il campeggio è ben segnalato, in ottime condizioni generali

Dettagli

COMUNE DI BARDOLINO PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI BARDOLINO PROVINCIA DI VERONA Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Piazza Amendola n. 17 50054 Fucecchio (Fi) Tel. 0571/2681 Fax. 0571/268246 www.comune.fucecchio.fi.

COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Piazza Amendola n. 17 50054 Fucecchio (Fi) Tel. 0571/2681 Fax. 0571/268246 www.comune.fucecchio.fi. COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Piazza Amendola n. 17 50054 Fucecchio (Fi) Tel. 0571/2681 Fax. 0571/268246 www.comune.fucecchio.fi.it PROCEDURA DI MOBILITA VOLONTARIA DEL PERSONALE DI RUOLO

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli