lidia gargiulo cipolle e lacrime la città e le stelle

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lidia gargiulo cipolle e lacrime la città e le stelle"

Transcript

1 lidia gargiulo cipolle e lacrime la città e le stelle

2 La città e le stelle Via Manfredi Azzarita, Roma Tel e fax Internet: E.mail: In copertina: Bruno Varacalli - Senza titolo (particolare) Dello stesso autore, per i Taccuini de La città e le stelle: A Giosafat, la carne, 2011, Appuntamenti, 2012.

3 lidia gargiulo cipolle e lacrime la città e le stelle - taccuini

4

5 Cipolle e lacrime Una sera dei primi anni ottanta, in un cinema di Parigi, quando si riaccesero le luci sull ultima versione cinematografica della Traviata, una matura ragazza accanto a me singhiozzava senza ritegno. Io mi ero goduta la forte musica di Verdi ma la vicenda in sé mi aveva più irritata che commossa. L ipocrita razza dei Germont, pensavo, non è estinta, ma per fortuna ha una vita più difficile, a una Violetta di oggi non importerebbe gran che l onore di una pura siccome un angelo sorellina di Alfredo. Aujourd hui mormorai alla ragazza in lacrime il faut rire des histoires comme ça. Mi colpiva in lei, e mi disorientava, la persistenza della Violetta vecchio stile, che si ritira dalla vita per non turbare un ordine che la condanna, con il solo conforto di piangere sul 5

6 proprio destino. Anch io, confesso, i più bei pianti me li faccio davanti ai film sentimentali: lunghi, dolcissimi, bagnatissimi pianti, sebbene per storie differenti da quella che commuoveva la ragazza di Parigi. Nel buio della sala le lacrime mi solcano le guance, come si legge nei buoni romanzi di pessimo gusto; non mi asciugo gli occhi e non mi soffio il naso per non dare a vedere, ma qualche volta l accensione delle luci sulla parola Fine mi coglie di sorpresa. Anch io dunque verso lacrime sulle storie degli altri. Non che non abbia motivi per piangere di mio, ma nel tempo i miei dolori si sono dissociati dal funzionamento dell apparato lacrimale. Che del resto, come si legge nell Enciclopedia Medica, non è preposto solo ad esprimere emozioni, come credevo una volta e ancora credono in tanti, ma anche a più pratiche funzioni: mantenere umide la cornea e la congiuntiva, facilitare il movimento delle palpebre, esportare corpi estranei 6

7 e in genere proteggere l occhio. Piango molto al tempo della fioritura dei tigli, e le lacrime esportano il polline profumato, utile più alla produzione del miele che alla vista; piango quando ritorno dai profumi di Ravello allo smog di Roma, e le lacrime lavano la cornea dal pungentissimo fumo del traffico. Piango soprattutto se affetto cipolle sul tavolo di cucina, piango in silenzio perché so che una buona zuppa, o una buona frittata, non si ottiene ad occhi asciutti. Se riuscissi a dedicare questo tipo di lacrime alle mie pene di oggi o al ricordo di passati dolori potrei offrire, seppure per interposta cipolla, un po di cordoglio ai miei privati disagi, non c è niente di male, qualche volta, a prendersi sul serio. Questa idea di tanto in tanto la lancio per ridere tra gli amici, ma forse merita più seria considerazione. Certo, occorre metodo, ci vuole concentrazione e io sono distratta, anche un po lenta ad entrare in tema, ma non è una ragione per non provare. 7

8 Per la cena di stasera preparo appunto una zuppa di cipolle. Qui il tagliere, qui il coltello a sega, qui un bel chilo di cipolle, qui una sedia comoda e qui la radio, i programmi di mattina tengono compagnia. A quest ora danno le notizie del giorno: alleanze politiche, accordi internazionali, scambi diplomatici e la cronaca, un pacco misto di feste mondane e disastri di popoli e individui. Le annunciatrici devono stare nei tempi: frettolose e sorridenti (si sente, si sente che sorridono), usano lo stesso tono per la sfilata di moda e l esplosione di una bombola. «Signora, cosa è accaduto? questo è il cronista in affanno che cosa ha sentito quando ha visto saltare in aria il suo appartamento?». Accanto a lui un Vada via soffocato e avanti un altra notizia. Prima cipolla: per non irritare gli occhi, tenere il viso a distanza. Ma l invisibile esalazione mi raggiunge lo stesso, l apparato lacrimale comin- 8

9 cia a secernere le sue difese. Nobilitiamo dunque le cipolle, mandiamo queste lacrime a raggiungere altre lacrime. Battevo le mani contro la parete, sconvolta dal rovesciamento delle cose: i vermicelli mandati in gola risalivano in bocca, la tosse li spingeva fuori a penzolare e oscillare sotto il naso, poi tutti insieme in forma di bianca matassa precipitavano sul rosso del pavimento e già un altro groppo saliva con uno strano sapore-odore e a terra il marroncino dei fagioli picchiettava il chiaro dei vermicelli-vermi: lucidi e interi fagioli e vermi come li avevo ingoiati in fretta ad occhi chiusi. E perché piangi? mia sorella grande rideva butta, butta fuori. lo vedi? quando mangi devi masticare, devi masticare tutto, anche i fagioli. altrimenti vomiti e poi piangi, hai capito? Così appresi che stavo vomitando. Dopo quella volta vomitai ancora ma vomitare non mi fece piangere più. Che il dolore abbia una relazione col nome delle cose? Che il mio piangere 9

10 bambino fosse anche assenza del nome di ciò che mi accadeva? I nomi contengono gli accadimenti, le forme e i suoni dell alfabeto sono la cintura di sicurezza che attutisce l impatto con le cose. Ma è solo un armistizio: noi siamo sempre esposti al nuovo, e poiché saremo sempre sorpresi o spaventati da cose per le quali non avremo pronto un nome, le ghiandole lacrimali non rimarranno mai oziose. Da bambina non avevo il pianto facile e il mio involontario stoicismo, dovuto forse più a un anomalia dell apparato lacrimale che a una presa di posizione, irritava le buone maestre. Quando vedevo punire un compagno di asilo, se ero colpevole del medesimo reato mi mettevo ad aspettare una pari razione di schiaffi e bacchettate, ma su di me la punizione era sempre più lunga e più energica. Ancora non sapevo quello che altri bambini avevano capito: che se piangi subito il picchiatore, specie se picchiatrice, si in- 10

11 tenerisce e lascia la presa. Ero brava negli indovinelli; le tabelline le sapevo tutte in salita e in discesa, eppure non sapevo che la giustizia è una questione fra Giudice e Imputato. Quando arrivava quel disordinato colpire di piatto, di palmo o di dorso sulla mia schiena infante, il dolore del corpo si scollegava dal meccanismo delle lacrime; ad occhi asciutti e capo chino aspettavo che finisse, e nel frattempo seguivo le oscillazioni del crocefisso Sposo Gesù di legno, che come pendolo sfuggito all orologio colpiva a vanvera ora l aria ora me, ora l aria ora me. Poi il ripiegato corpo della sposa di Cristo recuperava posizione eretta con respiro affannato. Dopo questa lotta a dir poco impari, se un intervistatore della non ancora onnipresente TV mi avesse chiesto: «Come si sente, signorina? nei suoi quattro-cinque anni di vita, che calcolati in mesi sono ormai quarantotto-sessanta (come passa il tempo!), quale atteggiamento ha maturato nei riguardi dei picchiatori?», io avrei detto che non lo sapevo, 11

12 ammesso che avessi saputo dire Non lo so. Un po di pena, questo sì, per la paonazza picchiatrice con l affanno. Gli affanni degli uomini, dice la nonna, bisogna informarla che ci sono anche gli affanni delle suore che picchiano. Che sotto il velo sono donne. A chi dedicare le lacrime di questa cipolla: alla piccola stoica che non si sente incompresa perché ignora la parola incompresa o all abbrutimento della Sposa di Cristo? Altre volte invece piangevo per nulla, questo almeno dicevano i grandi. Assediata da un inquieta malinconia, piagnucolavo Voglio qualcosa, voglio qualcosa... Che cosa? Che cosa, parla! Dicevano i grandi. Ma che dire? Piuttosto come mai loro, i grandi, non capivano quello che io non sapevo? Voglio qualcosa, ripetevo, e piangendo entravo e uscivo dalle porte, una stanza dopo l altra. Se dicessi che era angoscia dell esistere sarebbe comunque una spiegazione a posteriori, perché a 12

13 quel tempo, se la solita intervistatrice mi avesse chiesto : «Signorina, è risaputo che fra i quattro e i sei anni si vivono momenti durissimi; lei pensa che nel suo caso si potrebbe parlare di angoscia esistenziale?», ecco, sinceramente io avrei fatto fatica a seguirla. Eppure con altro nome, o anche senza nome (li abbiamo trovati proprio tutti, i nomi?) quella cosa io la provavo, e mi era intollerabile. Non ancora Ser Petrarca mi aveva parlato di accidia, né il poeta di Recanati mi aveva nominato il tedio, eppure io trascinavo, a meno di un metro da terra, una riccioluta scatola cranica piena di disagio e vuota di parole. Era ancora, a farmi piangere, l assenza di parole para-dolore? Johann Sebastian Bach: Fuga canonica in epidiapente: con questo pezzo si riempiono i minuti tra una rubrica e l altra. Sono le tredici e quarantadue. Con l aiuto di qualche pubblicità Bach ci accompagna al giornale delle tredici e quarantacinque. 13

14 Quel dopopranzo avevo trovato le fotografie degli zii d America e le mettevo in fila sul pavimento assieme ad altri zii e cugini, un popolo di alti e di piccoli, di vesti bianche e vesti nere; i bambini cugini ridevano contro il sole attorno a una sorridente zia candida sposa, la coroncina col velo sull onda larga dei capelli, e in piedi accanto a lei sorrideva più austero lo zio sposo alto e baffuto con gli occhi tondi e neri e il panciotto e la cravatta a farfalla, in prima fila una bimba aveva scarpette bianche e un calzino abbassato, era ancora più piccola di me. Il nonno e la nonna li avevo messi in prima fila perché i nonni nascono prima, però quando sono piccoli non lo sanno che sono nonni. Altri cugini e altri zii aspettavano di essere sistemati nei riquadri del pavimento, tra poco lo scatolone sarà vuoto e la stanza sarà piena di zii e cugini. Ma a un tratto: Sù sù, la mamma mi chiama, devi tornare a scuola, si fa tardi. Oggi non mi va di tornarci, ma la mamma: Come? e 14

15 perché? E a scuola bisogna andare, e io non volevo, e lei voleva e io non volevo lasciare gli zii che sorridevano e la cuginetta piccola con gli altri cuginetti, e la mamma sempre: Devi tornare a scuola. che sono sti capricci. Fu allora che piansi come piangono tutti i bambini, un pianto fluviale che inondò me ma non commosse la mamma. Dura e straniera alle mie ragioni, lei che mi voleva tanto bene, che mi dava sempre ragione, mi portò di peso a lavarmi le mani e la faccia, mi diede una lisciatina ai capelli, mi aggiustò il fiocco e mi mise fuori la porta: Giochi quando torni, adesso va a scuola (asilo) e sta attenta alle macchine. Ora che le mie lacrime sono semplice secrezione, pura difesa dagli acidi dei bulbi chiamati cipolle, mi fa una certa impressione ritrovare, incrostato al ricordo dei pianti trascorsi, un di più che potrei chiamare sentimento, una condizione dell anima che fa tutt uno con la condizione del 15

16 corpo. Ma i rapporti fra dolore, sentimento e pianto sono complicati. E che dire dei dolori senza pianto e del pianto senza dolore? A sei anni ero innamorata di Suor Clara; non mi stancavo mai di guardarla e quando il suo sguardo incrociava il mio era tutto uno sciogliermi e turbarmi e annebbiarsi degli occhi, guarda dove va a ficcarsi il Dolce Stilnuovo. Quando ho avuto qualche cognizione di anatomia e fisiologia dell amore, mi sono ritrovata gusti e tendenze banalmente conformi alla media, ma all epoca della beata ignoranza l amore non bada a spese, non ha interesse a garantirsi la riproduzione della specie; dunque io amavo perdutamente la mia maestra, arrossivo se mi passava accanto, assorbivo le parole che uscivano dalla sua bocca dove il sorriso era una linea bianca fra le larghe guance rosse rosse tonde tonde. Una mattina entrando in classe suor Clara annunciò che tra poco avremmo saputo il voto del 16

17 compito del giorno prima e a me disse ammiccando: Eh eh, tu hai preso un brutto voto, hai preso quattro. E sorrise. Io capii lo scherzo, aspettai che passando per i banchi venisse a portarmi il mio splendido dieci. Che invece era sette. «E allora? perché piangi, non vedi che ho scherzato? non è vero che hai preso quattro, hai fatto un bel compito, non sei contenta?» Non ero contenta: nel mio pianto c era come uno stridere di freni, il rattrappirsi di qualcosa che avevo immaginato grandioso, quel votino di brava bambina non era la gloria promessa dalla complice strizzatina d occhio. Di quel pianto, che adesso mi torna così presente, so trovare solo una ragione da adulta, che sarebbe questa: mi vergognavo di essere, e di essere vista, più piccola dei miei desideri. La sua voce affettuosa e gaia Ci avevi creduto? ma non vedi che scherzavo? si incontrò dentro di me con qualcosa di nuovo, un pensiero che ancora non era pensiero ma già mi consolava: lei non mi vedeva dentro, lei non po- 17

18 teva sapere perché piangevo. Cominciavo a gustare quello che in seguito sarebbe stato uno dei più sottili piaceri: l orgoglio di chiudermi, di non essere capita, carpita. È una vera fortuna che in quell occasione non ci fosse l intervistatrice di un TG a chiedermi: «Signorina, quali tumulti si agitano nel suo giovane cuore di sei anni e qualche mese, che cosa ha sentito mentre piangeva, che cosa vorrebbe dire alla sua maestra?» A questa intervistatrice, finite le lacrime, che per fortuna da giovani non durano a lungo, io avrei potuto rispondere: «Me lo dica lei, signorina, me lo dica lei come si chiama questa matassa annodata e aggrovigliata di devozione e vergogna e voglia di scomparire e scoperta dell invisibilità». Al mercato, al banco di patate e cipolle, il venditore mi ha chiesto «Come le vuole, dolci, più saporite o belle forti? che ci deve fare? ci sono anche le cipolline da preparare in agrodolce...» Per me cipolle vuol dire cipolle, e invece un professionista parla così, perbacco. Coraggio, continuiamo. 18

19 Nemmeno quell ultimo giorno di scuola della prima media c era l intervistatrice con le sue domande che sembrano fatte apposta per distrarre dall argomento. La signorina di quel giorno sarebbe stata meno moderna di quelle che cinguettano adesso davanti alle scuole, meno palestrata (non so che ne pensi la Crusca, ma questa parola ha già conquistato un posto fisso nel vocabolario); quel giorno la cinguettante inviata mi avrebbe chiesto: «Perché piangi? pensi di non essere promossa? Ma aspetta i risultati, non si può mai dire». Depistata e depistante, lei non poteva sapere. Quel giorno davanti alla scuola sciamavano tutti, sciamavo anch io; era il tempo che mi piaceva coniugare in coro qualsiasi verbo, ma quel giorno non riuscivo a coniugare con le altre fanciulle in fiore la gioia delle vacanze estive, che pure mi piacevano e ancora mi piacciono tanto. Avevo imparato il latino, avevo imparato a disegnare, avevo preso gusto a visitare altre forme di 19

20 vita, in tempi e spazi sempre più lontani. E avevo amato alla perdizione la mia insegnante di lettere. Parlava sempre bene di me e andava dicendo che ero un genio, io sapevo di non essere un genio ma non facevo niente per chiarire l equivoco. E allora, quando ti assale l onda dell amore e non sai a chi dedicarla perché tutto ti è piaciuto in quest inizio di terzo lustro, e intanto ti assale anche un onda contraria, il pensiero che ancora è tutto da vedere e rivedere, e forse non ci sarà nessuno a dirti come si fa, e le due onde ti danno il capogiro perché ora stai in alto a cavallo dell una e subito dopo l altra ti passa sulla testa e dice Non sei padrona di niente, di niente, che ne sarà di te... Quando, gentile palestrata, le onde dell azzurro e le onde del nerofumo si scontrano nel sistema simpatico e mandano all aria ogni rosa dei venti, che può fare la povera macchina del corpo se non spingere verso una via d uscita quella schiuma che blocca il respiro, gridare a bocca aperta alzando e abbassando il diaframma, allargare la 20

21 cassa toracica e mandarla fuori col lubrificante torrente salato delle lacrime? Come classificare questo pianto? Ah, gentile palestrata, ha fatto bene a scegliere il mestiere di cronista, ogni giorno succede qualcosa e lei non deve mai capire che cos è, deve solo fare domande del tipo :«E mi dica, che cosa sentiva mentre annegava nel suo fiumicello di lacrime?». Sto quasi a metà, stasera la mia zuppa sarà proprio saporita, sento già Fernanda che dice È buona, buonissima, soprattutto si vede che è fatta con sentimento. quello che fai tu sa sempre di vissuto. Non ricordo perché piangessi, ricordo solo che piangendo avevo intorno compagne di gioco e compagne di classe. A un tratto una di loro disse a un altra: «Guarda come piange, sembra che ride». Cominciò allora la consapevolezza che fuori di me un occhio altrui vedeva me; fu allora 21

22 che cominciai a chiedermi, e mi sarei chiesta per molti anni, come apparisse agli altri il mio pianto; quelle teste che scrutavano la faccia in lacrime al di là del riparo del gomito furono il primo pubblico di un pianto che si faceva spettacolo. Alla consapevolezza di essere guardata si aggiungeva il desiderio e poi il piacere e poi il bisogno di essere guardata, e il piangere fu rappresentazione, parata di variazioni per un pubblico curioso di visioni e indifferente alle ragioni, che si pasceva di me come io mi pascevo di lui. Nei film d amore, da cui prendevo lezione, il viso della diva rimaneva luminoso e levigato anche nelle più lacrimevoli situazioni; a me invece gli occhi si deformavano in vescichette rosaviolacee, che a malapena servivano a farmi vedere qualcosa attraverso le loro fessure. In compenso il sonoro funzionava: modulavo i singhiozzi alternandoli ai sospiri, lunghi o spezzati, striduli o profondi, il corpo a terra dorso al soffitto, faccia al suolo su un braccio ripiegato, per 22

23 lo più il sinistro. Intorno, la piccola folla guardava, commentava, masticava. Immaginiamo la solita intervistatrice, anzi questa volta voglio pensare a uno svelto cronista che, ancor prima di interpellarmi, va dicendo che è tutta una finta, che la ragazza sta recitando, si sa che le donne sono isteriche. «Ah cronista oggi gli direi sta zitto. che ne sai tu del buio dal quale noi donne guardiamo la luce, quando ci chiediamo con quali abiti abbigliarci per essere bene accolte, come apprendere a farci amare, poiché l amore dicono per una donna è tutto. Che ne sai tu, cronista, delle prove prima di metterci in scena, prove di repertorio e prove di improvvisazione, prove di gesti e prove di parole, prove perfino di pensiero, perché ancora non ci lascia l idea che il nostro petto sia la vetrina dove tutti possono ficcare il naso. Le prove, mio caro cronista, si fanno le prove della vita, per poi, quando si è nella vita, sentirci dire che la vera vita era quella delle prove. Ah, cronista, l isteria? E ti 23

24 sembra da prendere alla leggera? Ma lo sai, cronista, che l isteria è sacra? Le sacerdotesse non si riempiono del dio se rimangono coi piedi a terra, coi piedi a terra i profeti non vedono i tempi, i martiri non conquistano la palma. Cronista, l isteria è la voce di un dolore che cerca un nome, è nel nome che si trovano le cose di cui il dolore ha bisogno, solventi, catalizzatori, vie di sublimazione, e anche il diritto ad esistere. Un dolore senza nome, cronista, non può durare senza uccidere, e allora col dolore si viene a patti, gli si mette una maschera, si fa salire sul palcoscenico a dire cose che non gli appartengono ma intanto parla, e parlare è vita. Cronista, dovremmo essere riconoscenti tutti all isteria, che gentilmente ricompone in simboli ancora leggibili oceani di dolore che altrimenti sarebbero scomposta follia. Cronista inginocchiati, quando vedi qualcuno piangere così». Al ritorno dalle vacanze estive le compagne raccontavano con fervore un film di passione che si 24

25 intitolava Ho pianto per te. Io non lo avevo visto ma ugualmente mi prese il bisogno di piangere per qualcuno, o meglio di dire a qualcuno Ho pianto per te. Perciò colsi la prima occasione per esibire singhiozzi e scuotimenti di spalle e stiramenti di collo; dopo di che, perché l operazione fosse completa, bisognava consumare la frase fatale. La scrissi su un foglio di quaderno che ripiegai in otto pronto per un destinatario ancora da trovare. Frugando nella memoria recente trovai solo qualche spintone, un inizio di litigio, poche occhiate storte, finché mi parve ingiuria di qualche rilievo un «Pazza!» detto qualche ora prima tra serio e scherzoso da Elena, spensierata compagna che amava cantare; mi convinsi di avere avuto da lei una gravissima offesa e fu lei a ricevere il drammatico messaggio: «Ho pianto per te». Per fortuna, quando ho veramente pianto per qualcuno, non avevo più bisogno di dirlo, ma se non avessi consumato in situazioni vicarie il di più di sentimento che cercava un uscita, quante volte e a quanti uomini avrei detto «Ho pianto per te»!. Quasi sempre infatti parole grandi, pur di farsi pronunciare, si adattano a combinarsi con 25

26 fatti inconsistenti mentre fatti veramente degni non ricevono il sigillo di parole memorabili. Solo nelle biografie ufficiali, dove la retorica dà una mano alla storia, i grandi personaggi dicono grandi frasi in grandi momenti con grande congruenza. La vita al naturale, invece, il più delle volte è fatta a strisce, disposte in modo che, quando tentiamo di ricomporle, i colori e le ampiezze non si corrispondono. Il pizzicore è diventato bruciore, mi aggrinza i muscoli attorno agli zigomi e secerne, nel senso che mette fuori, il segreto umore delle mie brave ghiandole; in quanto proveniente dai più intimi laboratori è segreto ma una volta secreto non è più un segreto. Intanto continuo ad applicare la presente lacrimazione da affettazione di cipolle a episodi degni di affettuoso compianto. Da dove è uscita la parola affettazione? Affettare: fare a fette. Affettare: fingere, simulare. Verrà fuori una signora zuppa: pensata, vissuta, molto affettata, un po affettata. 26

27 Un moto di gioia mi sento nel cuor: bella accoppiata, Mozart e la Schwarzkopf. E la radio, vi pare un invenzione da niente? In un racconto della Fuga in Egitto la Sacra Famiglia lascia Nazareth per salvare il Bambino dalla crudeltà di Erode. Il mite Giuseppe guida un asinello grigio, al suo passo dondolante il Bimbo si è assopito, la testa affondata nel petto della mamma, il piccolo corpo raccolto nelle pieghe del manto. Triste e mite, Maria stringe la sua creatura addormentata, piange ad occhi bassi, piange senza parole e senza sospiri per non turbare lo sposo, per non svegliare il bambino e il pianto scivola sulle gote. Senza rumore. Questo mi parve il più raffinato dei modi di piangere, più ancora di quelli che vedevo al cinema. Quando facevo l amore con L. B., il fervore con cui esprimeva il suo piacere, la dimenticanza del mio essere lì, la gentilezza di modi con cui abbelliva il proprio godimento, 27

28 erano in fiero contrasto con la scomodità della posizione che non mi permetteva di lasciarmi andare; e poiché la penetrazione in assenza di compenetrazione è un vero martirio, niente di più adeguato al mio dolore del pianto della Vergine in Egitto. Ultima cipolla; poi, solo da cuocere e condire. I treni erano in perfetto orario ma io non aspettavo un treno. Ci eravamo dati appuntamento al binario 10, da qualsiasi posto venissimo, quel giorno a quella ora. Si sarebbe sorpreso della mia puntualità. Io lo portavo sempre dentro di me, incontrarlo era, ogni volta, constatare con ilare stupore che lui, così dentro di me, esisteva anche fuori di me. Per questo mi fu difficile accorgermi che non c era. Lui così presente in me e il vuoto davanti a me al binario 10, ore 16, giorno 16 agosto, alla stazione di Firenze. Ma sto veramente a Firenze? E sono veramente le sedici, cioè le quattro pomeridiane e non le sei, a volte si 28

29 fa confusione Sono al binario 10, oggi te l ho fatta, gli dirò, tu che vieni sempre primo agli appuntamenti. La stazione, le pensiline, la gente che si chiama, la gente che si abbraccia, la gente che aspetta. Come me. Quando si aspetta è meglio non muoversi, si rischia di girare a vuoto. È passata solo mezz ora, forse il suo treno ritarda (ma quale treno, da dove?). Sono passate tre ore, mi disse l orologio; tre ore era durata l incredulità che mi aveva inchiodata al binario 10. Un treno mi riportò a casa. Calmamente mangiai qualcosa, lessi un giornale, riposi la borsa nell armadio. Il pane, la carta, la borsa mi dicevano che il mondo esisteva ancora, ma quando fu il momento di andare a letto, in quale pensiero trovare il sonno, quale posizione dare alla testa, in quale parte del mondo immaginare lui? Piansi come piange un orfana che ha perduto tutto, che non sarà più bambina, che nessuno più prenderà per mano. Fu desolazione senza misura e senza 29

30 speranza, da dentro qualcosa premeva e non usciva, da fuori premeva qualcosa e non entrava, in mezzo io, compressa, schiacciata. Nel fazzoletto cercato a tentoni le lacrime sfrigolavano assieme a fanali semafori e neon delle stazioni, e non ritrovavo dentro di me la sua ferma presenza, e più piangevo più la perdevo, più la perdevo e più piangevo, in quella notte non sapevo fare che piangere. Di me, che ero stata custodia dell amore fatto uomo, rimanevano tre gusci doloranti fra le lenzuola: la testa, il petto, la pancia. All alba il telefono squillò. L appuntamento mancato aveva ragioni più che plausibili, ma il panico della fine fu indelebile, quell attesa così a lungo delusa era entrata come un addio. Quell uomo rimase accanto a me, ma incontrarlo fu ogni volta come uno di quei sogni in cui rivediamo le persone perdute e allo stesso tempo sappiamo che le abbiamo perdute, la loro vicinanza ci fa felici per il sogno ma tristi perché sappiamo che ci sveglieremo; una parte di me ri- 30

31 maneva sveglia a proteggere la parte che sognava, ma aspettava ogni volta il risveglio. Il risveglio non venne perché quell uomo mi amava e non mi avrebbe mai lasciata, ma poiché ugualmente l idea del risveglio mi riusciva insostenibile, alla fine sono fuggita. Per svegliarmi, per non avere più paura di svegliarmi. Più di una volta ho desiderato dirglielo, ma anche tra persone che si dicono tutto c è un doppio fondo che rimane chiuso. L ultima cipolla ha trovato già aperta la via e, come capita ai bulbi fortunati, penetrando più a fondo, ha ripescato uno di quei momenti in cui il dolore non ha schermi né mediazioni, un piangere che è un modo di essere più che modo di fare, che è abbandono e resa. È il più nobile e puro ma anche il più pericoloso perché consuma le nostre risorse proprio quando dovremmo impiegarle a dimensionare l immensità del dolore sulla nostra limitata capacità di soffrire. 31

32 Oggi il dolore è assestato nel fondo più fondo di me, zoccolo duro della mia geologia; quando emerge si traveste da malumore o da triste moralismo o da calma pragmatica. Talvolta ne vedo l effetto sulla faccia, un effetto Guernica: i pezzi ci sono tutti ma la bocca il naso la fronte l occhio destro l occhio sinistro stanno fuggendo l uno dall altro, come per l urto di una palla da biliardo. Se, in una giornata di quelle, da una vetrina del Corso mi viene incontro la mia faccia Guernica, accelero e guardo altrove. Mi sembra di aver fatto un buon lavoro. Il gemellaggio bulbi cipolle-bulbi oculari è un buon metodo di depurazione, e inoltre contribuisce a fertilizzare questa nostra valle di lacrime per la quale, dicono, il pianto degli uomini è come il Nilo per l Egitto. Non mi sento, però, di continuare l indagine, e del resto adesso devo procedere alla cottura. In 32

33 linea provvisoria, lasciando il tavolo per i fornelli, formulerei l ipotesi che raramente il pianto ha un rapporto diretto con ciò che ci fa soffrire, ammesso che si trovi una definizione condivisa del verbo soffrire. È certo, però, che gli ingredienti del pianto sono diversi per qualità e per dosi, e si combinano in maniera sempre diversa, proprio come in cucina. Le vie che mi porterebbero alla sorgente delle lacrime io le ho perdute, ma in compenso è rimasto, come dicevo, il piacere di andare a piangere nelle storie degli altri. Per caso si chiama catarsi? Perbacco direbbe quel personaggio di Molière ho fatto catarsi tutta la vita e non l ho mai saputo!! 33

34 Lidia Gargiulo Nelle sue varie esperienze e attività (insegnamento nei licei classici, collaborazione alla cattedra di Psicologia, addetta agli Istituti di Cultura all'estero, partecipazione a Convegni nazionali e internazionali, formazione di insegnanti, collaborazione alle Biblioteche, letture pubbliche...) Lidia Gargiulo è un' intellettuale sui generis: conduce una seria ricerca sul senso delle cose e le parole per dirlo, ma non perde di vista le forme elementari e visibili del quotidiano, guarda i suoi simili anche quando sono dissimili, fa lunghe passeggiate nei parchi e nelle vie cittadine, costruisce senza ricette cose buone in cucina, tra cui eccellenti marmellate. Ha pubblicato: Dalla selva alla rosa, A. Signorelli, 1990; Duetto per Clodia, Il Ventaglio, 1992; Insegnare il Novecento, C.I.D.I., 1994; Penelope classica e jazz, Il Ventaglio, 1994; Di chi è il bambino, Fermenti, 2003; I segni di Proserpina, La città e le stelle, 2006; L invenzione del paradiso, Manni, 2006; Le dita nell inchiostro, Armando, 2008; Ossovage, 2009; 34

35 Nacchere, Versi e racconti su periodici e riviste (Malavoglia, Tuttestorie, Insegnare, Pagine, Fermenti, Ecole...) Collabora alle riviste : Ecole; Echi di psicoanalisi;treccani Scuola online. Magna Laus al Concorso Internaz. di poesia latina Certamen Catullianum di Verona (1990) Segnalazione speciale al Concorso Internaz. di poesia Eugenio Montale (1992) Finalista al Premio Narrativa Inedita Italo Calvino (2002). 35

36

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli