Azienda Pubblica Servizi alla Persona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Pubblica Servizi alla Persona"

Transcript

1 Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena ALLEGATO N. 1 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA BIENNALE DEL SERVIZIO DI CONTROLLO, REVISIONE E MANUTENZIONI DI ATTREZZATURE PER LA LOTTA E LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI PRESENTI NEGLI IMMOBILI DELL A.S.P. CITTÀ DI SIENA SOMMARIO CAPO I - Caratteristiche del servizio... 3 Art. 1 Oggetto dell appalto... 3 Art. 2 Normativa di riferimento... 6 Art. 3 - Definizioni... 8 Art. 4 Durata dell appalto... 9 Art. 5 Ammontare dell appalto... 9 CAPO II - Modalità di affidamento... 9 Art. 6 Criteri e modalità di aggiudicazione... 9 Art. 7 Contenuto dell offerta CAPO III - Contratto d appalto Art. 9 Stipula del contratto Art. 10 Documenti facenti parte del contratto Art. 11 Spese contrattuali Art. 12 Esecuzione del contratto Cauzione definitiva Art. 13 Rinnovo e proroga CAPO IV - Contratto d appalto Art. 14 Figure professionali dell appalto Art. 15 Prestazioni ed esecuzione del servizio Attività oggetto dell appalto Strutture ASP: elenco attrezzature Modalità operative Attività di ripristino del regolare funzionamento degli impianti Reperibilità e tempi di intervento Strumenti per i controlli Servizi accessori Art. 16 Smaltimento dei rifiuti oggetto della manutenzione Art. 17 Osservanza di leggi e regolamenti Art. 18 Norme sulla sicurezza Art. 19 Subappalto Art. 20 Responsabilità delil contraente Art. 21 Aumenti, diminuzioni e revisione prezzi Art. 22 Oneri a carico del Contraente CAPO V - Controlli

2 Art. 23 Controlli e vigilanza in corso di esecuzione Art. 24 Richiami e diffide in corso di esecuzione CAPO VI - Penalità Art. 25 Penalità: fattispecie e importi Art. 26 Penalità: modalità di applicazione CAPO VII - Pagamenti Art. 27 Fatturazioni e pagamenti Art. 28 Sospensione dei pagamenti CAPO VIII - Risoluzione del contratto Art. 29 Risoluzione e recesso Art. 30 Cessione del contratto Art. 31 Cessione dell Azienda Art. 32 Cessione del credito Art. 33 Modifiche della ragione sociale CAPO IX - Definizione delle controversie Art. 34 Procedimento Amministrativo Art. 35 Esclusione dall arbitrato Art. 36 Norma di rinvio GIUGNO

3 CAPO I Art. 1 Oggetto dell appalto Caratteristiche del servizio Costituisce oggetto dell'appalto il servizio di controllo, revisione e manutenzione delle attrezzature antincendio come di seguito specificato, all'interno delle varie sedi dell Azienda Servizi alla Persona Città di Siena (in seguito denominata Azienda), nei limiti e con le modalità indicate nel presente capitolato. Le principali attività che costituiscono l oggetto del presente capitolato sono le seguenti: Manutenzione preventiva programmata Interventi di manutenzione correttiva Servizi accessori L impresa appaltatrice (di seguito denominata Contraente ) è tenuta a garantire il pieno e completo svolgimento dell'attività manutentiva senza soluzione di continuità. Le sedi dell Azienda oggetto del servizio sono ubicate a Siena: 1. Sede Campansi (R.A., R.S.A, Ospedale di Comunità) Via di Campansi n R.A. Butini Bourke Via Pispini n R.S.A. Caccialupi Via P. A. Mattioli n Cucina Centralizzata Viale Toselli n 8 5. Farmacia Comunale n 1 Via Vittorio Veneto n Farmacia Comunale n 2 Strada S. Eugenia n Farmacia Comunale n 3 Piazza Carlo Rosselli n 3 8. Complesso Tommaso Pendola Via T. Pendola n 35/37 L elenco dei presidi di ogni struttura (con l identificazione numerica per ogni tipologia, la locazione, il tipo di intervento da eseguire, le scadenze di revisioni e collaudi e le relative quantificazioni), oggetto del presente appalto, è riportato in Allegato 1A, che costituisce parte integrante del capitolato. Di seguito si riportano le tabelle riepilogative, con tutte le attrezzature dell Azienda oggetto del presente appalto, necessarie per la quantificazione dei costi del servizio per ciascuna struttura, per tipologia di attrezzatura e per frequenza di manutenzione. Si precisa che è indicato il numero totale di controlli programmati nel biennio di riferimento. 3

4 ESTINTORI a POLVERE STRUTTURA N interventi ESTINTORI Controllo semestrale Revisione Collaudo CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA ESTINTORI a CO 2 STRUTTURA N interventi ESTINTORI Controllo semestrale Revisione Collaudo CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA IDRANTI N interventi per gli IDRANTI STRUTTURA Controllo Controllo semestrale Controllo annuale quinquennale CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA

5 NASPI N interventi sui NASPI STRUTTURA Controllo Controllo semestrale Controllo annuale quinquennale CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA GRUPPI PRESSURIZZAZIONE/BACINI DI ACCUMULO STRUTTURA N interventi sugli IMPIANTI Controllo trimestrale Controllo semestrale Controllo annuale CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA IMPIANTO RILEVAZIONE E ALLARME STRUTTURA N interventi ATTREZZATURE Linee Sensori Moduli CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA

6 ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA STRUTTURA N LAMPADE per ogni tipo di intervento da effettuare Controllo semestrale Revisione biennale CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI CUCINA CENTRALIZZATA FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA 80 PORTE N PORTE con interventi semestrali STRUTTURA Ante con Maniglioni Porte a 1 anta Porte a 2 ante elettromagneti antipanico CAMPANSI BUTINI BOURKE CACCIALUPI 132 REI REI+40 uscite uscite sic. sic CUCINA 12 REI + 4 uscite 20 REI + 20 CENTRALIZZATA s. uscite s FARMACIA FARMACIA FARMACIA PENDOLA Art. 2 Normativa di riferimento Gli impianti antincendio, i presidi di sicurezza e i dispositivi connessi, sono soggetti a specifica normativa tecnica. L'osservanza completa del presente capitolato assicura il rispetto delle prescrizioni fondamentali di legge circa l'effettuazione delle verifiche e manutenzioni sui dispositivi antincendio. Si precisa che in ogni caso, ai fini delle modalità e periodicità di esecuzione dei controlli sui dispositivi e gli impianti oggetto del presente capitolato, si dovrà far riferimento alla normativa nazionale e alle norme tecniche in vigore al momento dell erogazione del servizio. Tuttavia si riporta un elenco non esaustivo della normativa di riferimento qualora necessitino approfondimenti o in caso di contestazioni: D.M. 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio. D.P.R. n. 151/2011 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi Norma UNI Apparecchiature per estinzione incendi, estintori controllo iniziale e manutenzione 6

7 Norma UNI Impianti di estinzione incendi - Reti di idranti - Progettazione, installazione ed esercizio Norma UNI Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione Norma UNI 9795 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d incendio - Progettazione, installazione ed esercizio Norma UNI Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi Norme UNI 179 Accessori per serramenti - Dispositivi per uscite di emergenza azionati mediante maniglia a leva o piastra a spinta per l'utilizzo sulle vie di fuga - Requisiti e metodi di prova UNI 1125 Accessori per serramenti - Dispositivi per le uscite antipanico azionati mediante una barra orizzontale per l'utilizzo sulle vie di esodo - Requisiti e metodi di prova UNI Porte e finestre apribili resistenti al fuoco e/o per il controllo della dispersione di fumo - Parte 1: Requisiti per l'erogazione del servizio di posa in opera e manutenzione Norma UNI Luce e illuminazione - Impianti di illuminazione di sicurezza degli edifici - Procedure per la verifica e la manutenzione periodica DECRETO 18/09/2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private. D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. DECRETO 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. Norma CEI 64.8 Impianti elettrici BT. D.M. 3/11/2004 Installazione e manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza in caso d'incendio. Norma CEI EN Verifiche illuminazione d'emergenza Il Contraente sarà comunque tenuto ad attenersi a eventuali variazioni e aggiornamenti delle norme, senza oneri aggiuntivi. Inoltre l esecuzione dell appalto in oggetto è disciplinata dalle vigenti normative: Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE D.P.R. 5 ottobre 2010, n Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE». Per le apparecchiature oggetto dell appalto (es. estintori, gruppi di pompaggio, centrali rivelazione fumi, sistemi di allarme, ecc ) dovranno essere raccolti i fascicoli di uso e manutenzione del costruttore dell'apparecchiatura. Per tale raccolta si potrà attingere a: Documentazione in possesso dell Azienda; Download diretto dei fascicoli a mezzo telematico; 7

8 Richiesta diretta ai produttori o ai distributori di zona. Nel caso che non sia possibile recuperare documentazione sull uso e manutenzione di una o più apparecchiature, il Contraente, in tandem con il Servizio Prevenzione e Protezione dell Azienda, elaborerà un piano specifico di uso e manutenzione. Art. 3 - Definizioni Cartellino di manutenzione: Documento che attesta gli interventi effettuati in conformità al presente capitolato. Controllo iniziale: controllo effettuato per verificare la completa e corretta funzionalità delle apparecchiature e delle connessioni e la positiva corrispondenza con i documenti. Controllo periodico: insieme delle operazioni, da effettuarsi con frequenza stabilita dalle norme di riferimento, per verificare la completa e corretta funzionalità delle attrezzature e degli impianti. Manutenzione: operazione o intervento finalizzato a mantenere in efficienza e in buono stato le attrezzature e gli impianti. Manutenzione ordinaria: Operazione che si attua in loco, con strumenti ed attrezzi di uso corrente. Essa si limita a riparazioni di lieve entità, bisognevoli unicamente di minuterie e comporta l impiego di materiali di consumo di uso corrente o la sostituzione di parti di modesto valore espressamente previste. Manutenzione programmata o preventiva: Manutenzione degli impianti a tempo fisso / su base del calendario. La finalità è quella di eseguire un intervento manutentivo di "revisione", "sostituzione" o "riparazione", prima che nel componente si manifesti il guasto o che non siano più garantite le caratteristiche minime richieste dalla normativa vigente. Manutenzione predittiva: Manutenzione delle apparecchiature/impianti in base alla loro condizione conosciuta: l azione di manutenzione viene eseguita solo quando la conoscenza dello stato dell apparecchiatura indica che un guasto che ne pregiudica la sua funzione è imminente. Manutenzione straordinaria: Intervento di manutenzione che non può essere eseguito in loco o che, pur essendo eseguito in loco, richiede mezzi di particolare importanza oppure attrezzature o strumentazioni particolari o che comporti sostituzioni di intere parti di impianto o la completa revisione o sostituzione di apparecchi per i quali non sia possibile o conveniente la riparazione. Manutenzione su guasto: Intervento di manutenzione su un apparecchiatura/impianto quando ha un problema, per ripristinare la sua funzionalità. L'azione manutentiva è quindi subordinata all'attesa del manifestarsi del guasto. Sorveglianza: Controllo visivo atto a verificare che le attrezzature e gli impianti antincendio siano nelle normali condizioni operative, siano facilmente accessibili e non presentino danni materiali accertabili tramite esame visivo. La sorveglianza viene effettuata dal personale normalmente presente nelle aree oggetto di appalto, avendo ricevuto adeguate istruzioni. 8

9 Verifica generale del sistema o Revisione: controllo accurato e particolare del sistema, la cui periodicità e metodologia dipende dalle prescrizioni normative e legislative, relative ai singoli componenti utilizzati o dalle istruzioni del produttore delle apparecchiature impiegate. Art. 4 Durata dell appalto 1. Il contratto avrà durata di due anni, decorrente dalla data del provvedimento di aggiudicazione, e comunque presuntivamente dal , ed è rinnovabile di anno in anno per massimo ulteriori due anni, su richiesta espressa dell Azienda, fatta salva la possibilità di risoluzione anticipata, con preavviso di almeno 30 giorni. 2. Alla scadenza del contratto, il contraente è tenuto a garantire la prosecuzione del servizio alle stesse condizioni economiche e normative, fino all individuazione del nuovo contraente, per un periodo massimo di 90 (novanta) giorni, su richiesta dell Azienda. 3. È facoltà dell Azienda procedere in via d urgenza all esecuzione della fornitura, anche nelle more della stipulazione formale del relativo contratto, ai sensi dell art. 11, comma 12 del D. Lgs. 163/2006. In tale ipotesi il termine di validità del contratto di cui al comma 1 decorrerà dalla data dell ordine di inizio, ossia del verbale di inizio esecuzione. Art. 5 Ammontare dell appalto 1. L importo complessivo dell appalto, calcolato sulla base del numero e tipologia di interventi da eseguire per l espletamento del servizio, nonché per l intera durata del servizio, è fissato presuntivamente in ,00 oltre IVA. 2. L importo contrattuale sarà quello risultante dall offerta dell aggiudicatario. 3. Il prezzo offerto dovrà essere comprensivo di tutti gli oneri relativi al personale impiegato nel servizio e di ogni altro onere a carico del contraente sulla base del presente capitolato e delle norme in vigore in connessione con l esecuzione del contratto. CAPO II Modalità di affidamento Art. 6 - Criteri e modalità di aggiudicazione 1. Ai fini della partecipazione alla gara la ditta dovrà obbligatoriamente prendere visione delle strutture e dei locali in cui si svolgerà il servizio, con le modalità previste dalla lettera d invito. 2. La gara per l affidamento del servizio sarà espletata con aggiudicazione a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83 del D.Lgs. 163/2006, valutabile in base ai seguenti elementi: Suddivisione punteggio Offerta tecnica Max punti 50/100 Offerta economica Max punti 50/ La valutazione dell offerta tecnica viene effettuata individuando i sotto elencati elementi, assegnando agli stessi il punteggio massimo indicato a fianco di ciascuno di essi. 9

10 Elementi tecnici di valutazione a) Modalità organizzative e operative: funzionalità del sistema organizzativo e degli strumenti operativi proposti, premiando eventuali ipotesi migliorative delle singole attività, o la previsione di servizi aggiuntivi, quali, ad esempio, piani specifici di intervento in caso di emergenze b) Migliorie per la gestione della tracciabilità degli interventi: saranno premiate le proposte per la gestione della tracciabilità degli interventi manutentivi c) Piani di formazione ed aggiornamento professionale: premiando, in particolare i corsi aggiornati ai contenuti più recenti, nonché la loro funzionalità alle peculiari esigenze delle sedi di servizio in appalto Punteggi massimi Totale punteggio L individuazione dell offerta economicamente più vantaggiosa sarà effettuata con le modalità di seguito riportate. 5. Il punteggio riferito al prezzo avverrà moltiplicando il punteggio massimo attribuibile per il relativo coefficiente, così determinato: V (a)i = R max /R a dove: R a = valore offerto dal concorrente a R max = valore dell offerta più conveniente A R max sarà attribuito il punteggio massimo (pari a 50) ed alle altre offerte punteggio proporzionale conseguente al risultato della formula sopra indicata. Per quanto attiene agli elementi di cui al comma 3, i punteggi verranno attribuiti per ogni subelemento e il punteggio totale risulterà quello derivante dalla sommatoria dei singoli sottoelementi. Relativamente alla valutazione di cui al sub-elemento A si premette che i parametri di valutazione considerati sono quelli di seguito elencati: controllo, sorveglianza e manutenzione ordinaria; manutenzione straordinaria; revisione; collaudo; esecuzione di forniture (inclusi i ricambi); attività connesse, quali, in particolare, ricarica di estintori e rottamazione di estintori. (Ad esempio può essere inserito l elenco delle attrezzature; il numero e mansioni degli operatori messi a disposizione per l esecuzione dell appalto; possono essere presentate proposte di migliorie contrattuali comprese nel canone contrattuale, che riguardano la sostituzione di lampade di emergenza e/o di estintori; ecc.). Relativamente alla valutazione di cui al sub-elemento B si premette che il parametro di valutazione considerato è quello relativo alle procedure che i concorrenti intendono adottare 10

11 anche per la gestione della tracciabilità degli interventi manutentivi. (Ad esempio: fornitura dei modelli utilizzati o che si intende utilizzare per registrare gli interventi; utilizzo di sistemi informatizzati per la gestione dell inventario delle attrezzature e/o dello scadenziario delle manutenzioni; altri sistemi per la gestione delle scadenze; ecc.) Relativamente alla valutazione di cui al sub-elemento C si premette che i parametri di valutazione considerati sono quelli di seguito elencati: - Elenco delle attività formative effettuate specificando se l attività è stata prodotta direttamente o partecipata. L elenco dovrà inoltre indicare l oggetto del corso formativo, la durata, il numero dei partecipanti. Nel caso di formazione partecipata dovrà essere indicato l organizzatore del corso. - Il numero di unità di personale inserito, suddiviso per anno, anche in relazione al numero complessivo dei dipendenti - Elenco delle attività formative teorico/pratiche (specificando i corsi di formazione teorica e pratica di base, i corsi specialistici e quelli di aggiornamento) che il concorrente intende attivare, tenendo conto delle esigenze derivanti dalla peculiarità dell Azienda e delle singole sedi di servizio. Art. 7 Contenuto dell offerta 1. Ai fini dell aggiudicazione la ditta partecipante alla gara dovrà trasmettere: L offerta tecnica, costituita da una relazione tecnica, relativa al progetto di servizio proposto. La relazione deve illustrare in modo dettagliato l articolazione e lo svolgimento dei servizi richiesti nel Capitolato speciale d appalto e, pertanto, contenere e sviluppare in modo esaustivo le tematiche di seguito elencate. a. Modalità organizzative e operative che il concorrente intende adottare per l esecuzione del servizio, con riferimento alle indicazioni contenute nel Capitolato speciale di appalto e con particolare riguardo alle seguenti attività: controllo, sorveglianza e manutenzione ordinaria; manutenzione straordinaria; revisione; collaudo; esecuzione di forniture (inclusi i ricambi); attività connesse, quali, in particolare, ricarica di estintori e rottamazione di estintori. (Ad esempio può essere inserito l elenco delle attrezzature; il numero e mansioni degli operatori messi a disposizione per l esecuzione dell appalto; possono essere presentate proposte di migliorie contrattuali comprese nel canone contrattuale, che riguardano la sostituzione di lampade di emergenza e/o di estintori; ecc.). b. Migliorie per la gestione della tracciabilità degli interventi - le procedure che i concorrenti intendono adottare anche per la gestione della tracciabilità degli interventi manutentivi. (Ad esempio: fornitura dei modelli utilizzati o che si intende utilizzare per registrare gli interventi; utilizzo di sistemi informatizzati per la gestione dell inventario delle attrezzature e/o dello scadenziario delle manutenzioni; altri sistemi per la gestione delle scadenze; ecc.) c. Piani di formazione ed aggiornamento professionale del personale che si intende impiegare nell appalto, specificando i corsi di formazione teorica e pratica di base, i corsi specialistici e quelli di aggiornamento, che devono essere strutturati anche 11

12 tenendo conto delle esigenze derivanti dalla peculiarità dell ASP Città di Siena e delle singole sedi di servizio. Nell esposizione si richiede di rispettare la sequenza tematica sopra indicata e di dettagliare adeguatamente ogni singolo tema, senza limitarsi alla mera riproposizione di frasi già contenute nel Capitolato speciale di appalto o nel presente Disciplinare, bensì spiegando e illustrando il progetto di servizio offerto e le attività connesse. L'Offerta tecnica (ossia la Relazione) non deve contenere alcun elemento economico, pena l'esclusione dalla gara. L offerta economica, che dovrà contenere l indicazione del prezzo, sia in cifre che in lettere, offerto per l esecuzione del servizio, utilizzando il MODELLO DI OFFERTA ECONOMICA (Allegato N. 3). Art. 8 Stipula del contratto CAPO III Contratto d appalto Ai sensi dell art. 334 DPR 207/2010 il contratto affidato mediante cottimo fiduciario è stipulato attraverso scrittura privata, che può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone l ordinazione dei beni o dei servizi, che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito. Art. 9 Documenti facenti parte del contratto Formano parte integrante del contratto, i seguenti documenti: a. Il presente capitolato b. L offerta economica del contraente c. L offerta tecnica presentata dal contraente d. Il provvedimento di aggiudicazione e. Il DUVRI Art. 10 Spese contrattuali Tutte le spese del contratto e sue consequenziali, nessuna esclusa né eccettuata, sono a totale carico del contraente che accetta di sostenerle. Art. 11 Esecuzione del contratto Cauzione definitiva 1. L'esecuzione del contratto ha inizio previa sottoscrizione del verbale di inizio esecuzione. 2. A garanzia dell'esatto adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte, nonché del risarcimento dei danni derivanti dall inadempimento delle stesse, l esecutore del contratto è obbligato a costituire, prima del perfezionamento del medesimo, la garanzia fideiussoria prevista dall art. 113 del D. Lgs. 163/ La cauzione definitiva deve essere presentata nei termini e con le modalità stabilite dall Azienda e preventivamente comunicate all impresa affidataria, tramite la lettera di aggiudicazione. 4. Nel caso in cui l aggiudicatario non ottemperi a quanto previsto ai commi 2 e 3 l Azienda ne dichiara la decadenza dall aggiudicazione. 5. La cauzione definitiva è mantenuta nell ammontare stabilito per tutta la durata del contratto. Essa pertanto va reintegrata mano a mano che su di essa l Azienda opera 12

13 prelevamenti per fatti connessi con l esecuzione del contratto. Ove ciò non avvenga entro il termine di quindici giorni dalla lettera di comunicazione inviata al riguardo dall Azienda, quest ultima ha la facoltà di risolvere il contratto, con le conseguenze previste per i casi di risoluzione del presente capitolato speciale. 6. Il deposito cauzionale definitivo è svincolato con le modalità previste al comma 3 dell art. 113 del D. Lgs. 163/2006. Art. 12 Rinnovo e proroga Il presente contratto ha validità di anni due, decorrente dalla data del provvedimento di aggiudicazione, e comunque presuntivamente dal , ed è rinnovabile di anno in anno per massimo di ulteriori due anni. La stazione appaltante si riserva la facoltà di procedere al rinnovo, agli stessi patti e condizioni, qualora se ne ravvisi la convenienza e l economicità. La controparte è tenuta a comunicare la propria disponibilità a rinnovare il contratto entro trenta giorni dal ricevimento della proposta dell Azienda. CAPO IV Contratto d appalto Art. 13 Figure professionali dell appalto 1. Vengono individuate le seguenti figure professionali attinenti al servizio oggetto del presente appalto: a. Responsabile della ditta: soggetto individuato all interno della ditta contraente, incaricato di interloquire in via esclusiva con l Azienda, in ordine a tutti gli aspetti tecnici ed economici relativi alla gestione di quanto affidato. Il nominativo e il recapito del responsabile della ditta contraente (numero di telefono cellulare, fax, indirizzo mail) dovranno essere comunicati almeno 5 giorni prima della consegna del servizio. b. Tecnico operatore: persona incaricata dal contraente dell effettuazione delle operazioni necessarie all espletamento del servizio oggetto dell appalto. Il contraente potrà prevedere la presenza di più operatori, in contemporanea o in alternanza. Ciascun tecnico operatore dovrà operare secondo i necessari criteri di correttezza, riservatezza e rispetto connessi all attività e alle sedi in cui viene svolta. Il personale che effettuerà gli interventi di manutenzione dovrà essere in possesso dei requisiti tecnico-professionali richiesti per ciascun intervento di manutenzione/verifica/controllo. Al fine di garantire il rispetto di tali requisiti il Contraente dovrà fornire informazioni circa le abilitazioni tecniche e le qualifiche del personale impiegato e gli attestati di formazione specifica per la manutenzione di tutte le attrezzature oggetto del presente appalto, nonché le modalità di preparazione e formazione continua del personale e la durata e i tempi di affiancamento a personale esperto previsti per l acquisizione dell esperienza lavorativa richiesta dalle mansioni oggetto dell appalto. L Azienda potrà chiedere a proprio insindacabile giudizio l allontanamento e la sostituzione degli operatori, qualora venissero meno i sopra menzionati requisiti. La mancata sostituzione dell operatore costituirà motivo di risoluzione contrattuale. La ditta contraente è tenuta in ogni caso a garantire la continuità del servizio, e pertanto sarà sua cura e onere provvedere comunque alla sostituzione del tecnico operatore con altro soggetto 13

14 altrettanto qualificato, nei casi di assenza per impedimento, per malattia o per qualsiasi altra causa. c. Direttore dell esecuzione del contratto: persona preposta dall Azienda alla supervisione della gestione del servizio, che svolgerà compiti di controllo del buon andamento del servizio, interloquendo con il responsabile della ditta contraente, verificando la corretta esecuzione delle prestazioni, l opportunità e la congruità di eventuali interventi manutentivi straordinari, i presupposti per la liquidazione dei corrispettivi. Art. 14 Prestazioni ed esecuzione del servizio Nell erogazione dei servizi il Contraente deve operare nei luoghi e nei tempi autorizzati e nel pieno rispetto del patrimonio dell Azienda. Tutte le prestazioni dovranno essere effettuate nei giorni feriali e negli orari di apertura dell Ufficio Prevenzione e Protezione, salvo casi eccezionali in cui l Azienda richieda diversamente al fine di evitare disagio agli utenti o intralcio alle attività. In tali casi il Contraente dovrà eseguire le prestazioni anche nei giorni festivi senza pretendere compensi suppletivi o indennizzi a qualsiasi titolo. L esecuzione delle prestazioni dovrà avvenire con modalità e termini tali da arrecare il minimo pregiudizio all utilizzatore dei locali e a tutte le attività dell Azienda evitando la prolungata sospensione del funzionamento degli impianti. Qualora fosse necessaria l interruzione del funzionamento dell impianto, l attività dovrà essere preventivamente autorizzata nell esecuzione dall Azienda. È fatto divieto al Contraente di effettuare modifiche che possano alterare la funzionalità e la sicurezza dell impianto e di estendere le prestazioni ad altri impianti non oggetto del servizio. Inoltre il Contraente non potrà effettuare prestazioni non previste nel presente capitolato senza preventiva autorizzazione da parte dell Azienda. Sarà compito del Contraente provvedere all assistenza durante l esecuzione degli interventi di verifica periodica previsti dalla legge, garantendo la predisposizione delle apparecchiature soggette a verifica e la presenza di un tecnico e/o di un operaio specializzato durante le visite periodiche di controllo sugli impianti effettuati dagli Enti preposti Attività oggetto dell appalto Il Contraente sarà tenuto ad eseguire le prestazioni di cui si riporta di seguito una sintesi, descritte in dettaglio in Allegato 1B, secondo le norme tecniche (per le quali si rimanda all art. 3 per l elenco non esaustivo) e nel rispetto delle disposizioni di legge applicabili al momento dell erogazione del servizio. Manutenzione periodica programmata delle seguenti tipologie di presidi : o estintori portatili; o impianti di spegnimento fisso a idrante/naspo, compreso stazioni di pompaggio; o impianti di rivelazione incendio e allarme; o porte REI tagliafuoco; o porte uscite di sicurezza con maniglione antipanico; Effettuazione di collaudi/verifiche per estintori e impianti di spegnimento fisso a idrante; Effettuazione di collaudi/verifiche per impianti di rivelazione incendio e allarme; Controlli periodici sul sistema di illuminazione di emergenza; Interventi di manutenzione predittiva rilevati durante le attività programmate; Reperibilità e remunerazione del diritto di chiamata (Par. 14.5) Aggiornamento e completamento della cartellonistica esistente per la segnalazione dei presidi 14

15 oggetto di manutenzione, adeguamento dei presidi antincendio esistenti.; Interventi di manutenzione correttiva per guasti rilevati durante le attività programmate o su richiesta dell Azienda, alle condizioni di seguito specificate. Sono a carico del Contraente gli oneri inerenti e necessari per gli interventi straordinari od ordinari (diritti di chiamata, spese di trasporto, spese per la gestione dei rifiuti prodotti dall attività di manutenzione, ecc.), come di seguito definito. Gli oneri relativi agli interventi di manutenzione su guasto sono compresi nel seguente appalto e sono a carico del Contraente, nei limiti e condizioni di seguito definite. In particolare la manodopera relativa alle attività di sostituzione degli elementi difettosi rientra tra le attività di ripristino del regolare funzionamento dell impianto rilevate nel corso delle attività periodiche programmate svolte dal Contraente e il costo è compreso nel canone. Relativamente al costo dei materiali di ricambio e attrezzature da sostituire (es. lampade, estintori, sensori, ecc.) l Azienda richiederà al contraente una specifica offerta (che non è da intendersi vincolante per l Azienda), a seguito della segnalazione del guasto. Si precisa che si considerano compresi nel canone tutte le minuterie metalliche (es. viti, bulloni, rondelle, ecc.) necessarie alla riparazione dell impianto o dell attrezzatura. Per tutti gli interventi di manutenzione straordinaria o che richiedano la sostituzione di attrezzature o parti di ricambio, il Contraente dovrà presentare all Ufficio Prevenzione e Protezione una nota delle anomalie rilevate e degli interventi da effettuare, con il relativo preventivo di spesa, che non è da intendersi vincolante per l Azienda. Gli interventi di manutenzione straordinaria saranno valutati previo sopralluogo in collaborazione con l Ufficio Prevenzione e Protezione. L Azienda si riserva la facoltà di affidare al Contraente l esecuzione degli interventi che riterrà opportuni. Non verranno riconosciute le prestazioni effettuate discrezionalmente dal Contraente Strutture ASP: elenco attrezzature Per l elenco delle attrezzature di ogni struttura, con relative locazioni e identificazioni, si rimanda all Allegato A Modalità operative All inizio del periodo contrattuale il Contraente dovrà effettuare sopralluoghi presso tutte le strutture dell Azienda, al fine di eseguire un esame degli impianti e dei dispositivi antincendio installati. L esito di questo esame deve essere comunicato al Servizio Prevenzione e Protezione. Il Contraente, in fase iniziale di contratto, subentrando al precedente servizio di manutenzione, deve garantire il corretto e responsabile prosieguo delle operazioni di manutenzione effettuando la revisione, ove lo giudichi necessario, anche in anticipo rispetto ai tempi delle revisioni. Durante tale periodo il Contraente dovrà elaborare le planimetrie con la disposizione dei presidi antincendio in ogni struttura, con relativi codici, che dovranno essere corrispondenti a quelli riportati nell elenco di cui ai files in formato Excel forniti dal Azienda. I files delle planimetrie elaborate, in formato dwg, dovranno essere consegnati all AZIENDA. 15

16 Tutto il materiale disponibile in azienda, relativo alle planimetrie, sarà consultabile e messo a disposizione in fase di sopralluogo. Sono a carico del Contraente l aggiornamento, l integrazione e l implementazione della documentazione esistente, da restituire all Azienda in files modificabili da considerarsi di piena proprietà ASP. I sopralluoghi per controlli e manutenzioni dovranno essere effettuati previa comunicazione tramite posta elettronica al Servizio Prevenzione e Protezione e al responsabile della struttura, con congruo anticipo (minimo due giorni), in modo tale da permettere la presenza di un soggetto aziendale durante le attività di manutenzione. In occasione delle visite semestrali presso le singole strutture, il Contraente dovrà provvedere a controllare la corrispondenza dei dispositivi presenti rispetto alle planimetrie degli edifici fornite dall Azienda e produrre planimetrie aggiornate in caso di variazioni. Per tutte le attività oggetto dell appalto, il Contraente dovrà compilare (indicando data, tipologia dell intervento ed eventuali anomalie riscontrate), entro 7 giorni dalla data in cui viene effettuata la manutenzione/controllo, il Registro delle Attrezzature Antincendio previsto dal DPR 151/2011, conservato in ogni edificio dell Azienda a cura del Referente di struttura. Per tutte le attività oggetto dell appalto, il contraente dovrà presentare, a prova dell esecuzione degli interventi, apposita relazione con periodicità semestrale indicante le seguenti informazioni: a. Tipologia Attrezzatura, con riferimento al codice identificativo fornito dall Azienda (matricola e/o numero identificativo) b. Posizione c. Tipo di intervento eseguito: descrizione delle prove/manutenzioni effettuate d. Data intervento e scadenze relative a controlli, revisioni e collaudi successivi e. Risultato del controllo f. Eventuali interventi di adeguamento da eseguire previa autorizzazione dell Azienda Tale relazione dovrà essere consegnata al Servizio Prevenzione e Protezione entro 7 giorni dalla data di esecuzione degli interventi. Il Contraente segnalerà mediante o fax all Ufficio Prevenzione e Protezione, entro 24 ore dal rilevamento, qualsiasi anomalia o malfunzionamento dell impianto e delle apparecchiature, al fine di concordare tutti i lavori o le sostituzione di materiali che si rendessero necessarie a mantenere gli impianti e le attrezzature in condizioni di efficienza funzionale. Gli interventi di revisione/collaudo devono essere effettuati presso l officina della Ditta Contraente provvedendo alla sostituzione dell attrezzatura da revisionare con una equivalente. Le attrezzature possono essere rimosse per manutenzione, previa sostituzione con altre aventi caratteristiche equivalenti. Sono a carico del Contraente gli oneri per la sostituzione e/o ricarica dell agente estinguente e per lo smaltimento dei materiali di risulta. Le marcature e i contrassegni distintivi riportati dal produttore dell attrezzatura non devono essere rimossi o coperti. 16

17 In caso di sostituzione di materiali, attrezzature, parti danneggiate e/o usurate, il Contraente provvederà a rilasciare, al personale incaricato di ogni sede, il rapporto di intervento e/o il formulario del rifiuto prodotto, evidenza dell avvenuta manutenzione. Inoltre dovrà produrre la dichiarazione di conformità del materiale/attrezzature installati. Una copia della suddetta documentazione dovrà essere allegata, regolarmente compilata (descrizione dei lavori eseguiti, data di esecuzione del lavoro, ecc.), timbrata e firmata per ricevuta dal responsabile di ciascuna sede, e trasmessa al Servizio Prevenzione e Protezione dell azienda per essere allegata al registro delle attrezzature antincendio. Non verranno riconosciuti gli interventi privi della suddetta documentazione. I ricambi devono far conservare all attrezzatura la conformità al prototipo omologato ed essere garantiti all utilizzatore dal manutentore. Non è assolutamente ammesso l impiego di materiale di recupero. Il Fornitore dovrà trovarsi sempre provvisto di scorte di materiali, sia di consumo e minuteria (olio, grasso, bulloneria, ecc.) che di ricambio, necessari ad assicurare la continuità del servizio. Le certificazioni di conformità del materiale/attrezzature installati devono essere consegnati al Referente di ogni struttura al termine di ogni intervento e comunque non oltre 7 giorni dalla data di esecuzione degli interventi stessi. Sono esclusi dalla manutenzione i controlli sul gruppo elettrogeno Attività di ripristino del regolare funzionamento degli impianti Al fine di garantire il corretto funzionamento dell impianto, il Contraente è tenuto a intervenire eliminando le eventuali anomalie riscontrate, provvedendo alla riparazione e/o sostituzione delle componenti guaste o logorate, con le modalità specificate al Par Per gli interventi relativi a manutenzione a guasto e/o su chiamata, il Contraente dovrà predisporre (secondo i termini definiti al Par. 14.2) un preventivo degli interventi e sottoporlo all autorizzazione dell Azienda. In particolare, per le attività di ripristino del regolare funzionamento dell impianto che si evidenziassero durante le attività periodiche svolte dal Contraente, il costo della manodopera sarà compreso nel canone, e dovrà essere presentata un offerta relativa al costo dei materiali di ricambio utilizzati nelle sostituzioni e/o riparazioni delle parti non funzionanti o logorate. Sono comunque a carico del Contraente tutti gli oneri relativi alla ricerca e all analisi delle anomalie riscontrabili durante lo svolgimento delle visite periodiche. Per l effettuazione delle attività non comprese nel canone l Azienda, nel rispetto delle normativa vigente, può decidere di avvalersi di soggetti terzi diversi dal Contraente Reperibilità e tempi di intervento 1. Il Contraente dovrà garantire, compresa nel canone e per tutta la durata del contratto, la propria reperibilità nei giorni feriali (dal lunedì al venerdì) dalle 7.00 alle ed il sabato dalle 7.00 alle 13.00, mettendo a disposizione dell Azienda un numero di telefono dedicato a cui far pervenire le segnalazioni di eventuali anomalie tecniche. 2. La comunicazioni relative alle richieste di intervento avverranno mediante posta elettronica e/o fax. 3. I tempi da rispettare sono i seguenti: 17

18 a) Le prestazioni previste dal presente capitolato dovranno essere eseguite entro i termini prescritti nell allegato 1B. b) All atto dell aggiudicazione della fornitura il contraente elaborerà con l Azienda un Programma Operativo relativo agli interventi da effettuare per l intera durata contrattuale, con indicazione delle scadenze programmate e delle singole attività sugli elementi impiantistici oggetto della manutenzione. Tale Piano Operativo assume valore vincolante per il rispetto delle scadenze degli interventi previsti dal presente capitolato e per l applicazione delle eventuali penali. Il programma operativo è su base annuale, dovrà essere aggiornato e consegnato all azienda per l approvazione entro i primi 15 giorni di ogni anno. Eventuali modifiche dovranno essere concordate tra le parti. c) Il Contraente si impegnerà ad effettuare ulteriori interventi richiesti entro i seguenti termini: intervento di carattere ordinario: 48 ore dalla data della comunicazione; intervento avente carattere di urgenza: 24 ore dalla data della comunicazione. L ufficio Servizio Prevenzione e Protezione segnalerà, all atto dell ordine, se si tratta di intervento urgente. Qualora non venga fornita nessuna indicazione, l intervento si riterrà di carattere ordinario. Il tempo di intervento sarà calcolato come tempo intercorrente fra la ricezione della comunicazione e l inizio del sopralluogo. Il mancato rispetto dei tempi di intervento determina l applicazione delle penali di cui al Capo VI del presente capitolato. Fermo restando l onere del Contraente ad intervenire per qualunque segnalazione pervenuta, qualora la rimozione della criticità riscontrata richiedesse tempi di risoluzione non compatibili con la disponibilità dell Azienda, il Contraente sarà tenuto ad adottare soluzioni anche solo provvisorie avendo cura della messa in sicurezza dell impianto, pianificando con l Ufficio Prevenzione e Protezione la data in cui effettuare le attività necessarie alla completa risoluzione dell anomalia Strumenti per i controlli Il Contraente dovrà fornire l elenco delle attrezzature utilizzate per le attività di manutenzione. Gli strumenti utilizzati per i controlli devono essere opportunamente tarati e/o verificati, ad intervalli e con modalità specificati dal Contraente, e di tali tarature/verifiche deve risultare evidenza documentale da produrre all Azienda. La tipologia di strumenti e le modalità e periodicità di eventuali tarature/verifiche dovranno essere conformi alle norme tecniche in vigore al momento dell esecuzione del controllo Servizi accessori Sono da intendersi a carico del Contraente e ricompensati all'interno del costo complessivo dell'appalto i seguenti servizi accessori: ispezione periodica annuale delle vie di esodo e cartellonistica antincendio e di emergenza esistente; predisposizione (fornitura al momento dell inizio del contratto), compilazione e aggiornamento del Registro delle attrezzature antincendio previsto dal DPR 151/2011, da conservare presso ogni edificio dell Azienda a cura del Referente di struttura, per un totale di n 8 registri; 18

19 etichettatura componenti principali, secondo le indicazioni dell'azienda, nel rispetto dei criteri di individuazione anagrafica prescelti; predisposizione (al momento dell aggiudicazione dell appalto) e aggiornamento (in occasione di variazioni avvenute nell arco temporale del contratto) delle planimetrie, per ogni singolo edificio, mettendo a disposizione dell Azienda il file in formato dwg; aggiornamento dei files in formato Excel contenenti l elenco dei presidi installati nelle varie strutture e messi a disposizione della ditta Contraente al momento dell aggiudicazione dell appalto; formazione e addestramento del personale addetto al controllo della centrale antincendio; assistenza telefonica per procedure operative di gestione allarmi e guasti segnalati dalla centrale antincendio; assistenza durante la prova annuale di emergenza presso le strutture Campansi e Cucina Centralizzata. Art. 15 Smaltimento dei rifiuti oggetto della manutenzione Tutti i rifiuti prodotti durante le operazioni di manutenzione devono essere smaltiti o portati al recupero a carico del Contraente, secondo la normativa vigente in materia ambientale, che ne prevede la tracciabilità. Il Contraente dovrà pertanto essere in possesso delle autorizzazioni necessarie per i servizi da svolgere e dovrà fornire evidenza della corretta esecuzione delle attività previste dalla legislazione vigente in materia ambientale. Art. 16 Osservanza di leggi e regolamenti 1. Il contraente si impegna al rispetto di tutte le norme legislative e regolamentari, nazionali e locali, vigenti, o emanate nel corso della vigenza contrattuale, in ordine alla materia oggetto del contratto e alla tutela del personale addetto. 2. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi infortunistici, assistenziali o previdenziali, sono a carico del contraente, che ne è il solo responsabile, con l'esclusione di ogni diritto di rivalsa nei confronti dell'azienda e di indennizzo da parte della medesima. 3. Il contraente ha, nei confronti dei lavoratori impiegati nel servizio, l obbligo assoluto: - di applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro per la specifica categoria di dipendenti e negli accordi locali integrativi dello stesso, in vigore per il tempo in cui si esegue il servizio, con particolare riguardo ai minimi retributivi e agli strumenti di tutela dell occupazione. - di applicare, ancorché non aderente alle associazioni firmatarie, nei confronti dei lavoratori dipendenti, e se cooperativa, nei confronti dei soci-lavoratori, tutte le disposizioni legislative e regolamentari concernenti le contribuzioni e le assicurazioni sociali, nonché di corrispondere regolarmente le retribuzioni mensili maturate previste da leggi, regolamenti, contratti nazionali, territoriali e/o regionali e Aziendali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale nel settore a cui l appalto fa riferimento. 4. I suddetti obblighi vincolano contraente anche se non è aderente alle associazioni stipulanti o recede da esse e indipendentemente dalla struttura e dimensione dell'impresa stessa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica o sindacale. 5. Ai sensi dell art. 35, comma 32, della legge 4 agosto 2006, n. 248 e 17 comma 2 della Legge 19

20 Regionale 38/2007, l emissione di ogni pagamento è subordinata all acquisizione del DURC. 6. In caso di inottemperanza agli obblighi sopra precisati, accertata dall Azienda nell ambito della verifica di cui al comma precedente, l Azienda medesima comunica al contraente l'inadempienza accertata e procede alla sospensione del pagamento del servizio. Le somme così accantonate sono destinate a garanzia dell'adempimento degli obblighi di cui al presente articolo. Il pagamento al contraente delle somme accantonate non viene effettuato sino a quando non sia stato accertato che gli obblighi predetti sono stati integralmente regolarizzati. 7. Per le sospensioni dei pagamenti di cui al comma precedente il contraente non può opporre eccezione all Azienda, né ha titolo a risarcimento di danni. 8. Il contraente è tenuto a trasmettere entro 20 giorni, a mezzo lettera raccomandata, all Azienda ogni modificazione intervenuta nei propri assetti proprietari, fornendo la documentazione necessaria per le verifiche del sussistere dei requisiti previsti dalla legge in materia di prevenzione della delinquenza di tipo mafioso. 9. In caso di inottemperanza grave e reiterata agli obblighi precisati nel presente articolo è facoltà dell Azienda di risolvere unilateralmente il rapporto contrattuale. Art. 17 Norme sulla sicurezza 1. Nello svolgimento del servizio il contraente si obbliga all'osservanza delle norme in materia di sicurezza e tutela dei lavoratori ed in specifico si impegna ad assolvere a tutti gli adempimenti previsti dal D. Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii. 2. Il servizio in appalto, per le sue caratteristiche, prevede l esistenza di rischi interferenziali, per cui si è resa necessaria, da parte dell Azienda, la redazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali (DUVRI) e la previsione dei relativi oneri per la sicurezza. Il DUVRI, parte integrante dei documenti di gara, costituirà allegato del contratto di cottimo. I costi conseguenti all adozione delle misure per eliminare o ridurre al minimo i rischi da interferenze nelle svolgimento delle attività lavorative sono previsti in complessivi 1.020,00 somma che è parte integrante dell importo contrattuale e non soggetta a ribasso. 3. Per tutti gli altri rischi, è obbligo per il Contraente elaborare il proprio documento di valutazione dei rischi o, ove previsto, il POS, ai sensi del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i., comunicando all Azienda ogni eventuale aggiornamento e provvedendo all attuazione delle misure di sicurezza, ivi previste quelle necessarie per eliminare o ridurre al minimo i rischi specifici dell attività svolta. 4. L Azienda provvederà, inoltre, a controllare il rispetto da parte delil contraente dei seguenti adempimenti, ai sensi del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. e della L.R. n. 38/07: nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione aziendale; nomina del medico competente; nomina degli Addetti antincendio e degli Addetti pronto soccorso; adeguata e documentata informazione e formazione dei propri lavoratori in materia di sicurezza e di salute, ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. 5. Qualunque iniziativa concernente il miglioramento della sicurezza, o che abbia rilievo in tale ambito, dovrà essere comunicata all'azienda che provvederà ad inoltrarla al Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione incaricato. 6. L'Azienda si riserva di verificare, anche con ispezioni, il rispetto delle norme antinfortunistiche e di salute e di risolvere il contratto o intraprendere azioni coercitive nel caso venissero meno i principi minimi di sicurezza stabiliti dalla vigente legislazione. 20

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto

UFFICIO X. Art. 1 Oggetto DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMMOBILI, DEGLI ACQUISTI, DELLA LOGISTICA E GLI AFFARI GENERALI UFFICIO X CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 COMUNE DI CREMONA Settore Economato CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 INDICE 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CONDIZIONI DI ESECUZIONE ART.

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento FORMAZIONE OBBLIGATORIA SICUREZZA D. LGS. 81/08 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI MORI

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 LOTTO 1 CIG. 634030378C Responsabilità civile terzi Responsabilità civile verso prestatori d opera

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

Richiesta di preventivo di spesa, finalizzata all affidamento diretto in economia.

Richiesta di preventivo di spesa, finalizzata all affidamento diretto in economia. Prot. n. 2015/0030845 Borgomanero lì, 20 agosto 2015 Tit. 6 Cl. 4 Fasc. 256 C.so Cavour n. 16 28021 Borgomanero (No) DIVISIONE TECNICA tel. 0322 837731 fax 0322 837712 PEC: protocollo@pec.comune.borgomanero.no.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G. M. LANCISI G. SALESI - ANCONA

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G. M. LANCISI G. SALESI - ANCONA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G. M. LANCISI G. SALESI - ANCONA SERVIZIO DI ODONTOPROTESI PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI MOBILI A FAVORE DI ONCOLOGICI E PER ORTODONZIA INTERCETTIVA

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 In esecuzione della deliberazione di Consiglio

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione =

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione = Spettabile (Ragione Sociale Impresa) (Indirizzo completo) (cap) (Città) (Sigla Provincia) Richiesta di offerta trasmessa a mezzo (PEC/fax) OGGETTO: APPALTO SPECIFICO NELL AMBITO DELL ACCORDO QUADRO STIPULATO,

Dettagli

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria.

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria. FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE DI PROPRIETA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI AL DI FUORI DEL PERIODO DI GARANZIA INIZIALE ON SITE - CIG: 5654825D33 DISCIPLINARE Il

Dettagli

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Racc. Contr / BOLLO ALLEGATO C Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Schema di A: c.f. p.iva LETTERA CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA CONTABILE/FISCALE E

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO:

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: REALIZZAZIONE COLLEGAMENTI INTERNET FRA LE SEDI COMUNALI, FRA LE SEDI COMUNALI E SITI ESTERNI OVVERO FRA SITI ESTERNI

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta art. 3, comma 37 e Art.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Manutenzione maniglioni antipanico e porte REI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Verbania, lì ottobre 2011 IL DIRIGENTE DIPARTIMENTO LL.PP. Ing. Noemi Comola Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 modello dichiarazione Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: procedura di cottimo fiduciario per l organizzazione e la gestione dei Centri Estivi 2013. Dichiarazione

Dettagli

AVVISO INDAGINE DI MERCATO

AVVISO INDAGINE DI MERCATO COMUNE DI SANT ANASTASIA ( PROVINCIA di NAPOLI ) Area Finanziaria - Servizio Tributi Ufficio TARI Piazza Siano n.2 80048 Sant Anastasia AVVISO INDAGINE DI MERCATO Per manifestazione di interesse a partecipare

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova C.A.P. 46040 - Piazza Emanuele III, 15 P.iva 00159460203 Telefono 0376/800502 Fax 0376/809348 E_mail ufficiotecnico@comune.monzambano.mn.it Posta Certificata E_mail

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento dell incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) anni 2015 2016 ai sensi dell art. 81 del D.Lgs. 81/2008. CIG ZDC1420648 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO * * * * * * * *

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO * * * * * * * * REG. NUM. COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli S C H E M A SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO STAND FIERA DI SAN MICHELE PERIODO 2015/2019. C.I.G.: 6353738676 * *

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA

REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA REGOLAMENTO PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1. Scopo e campo di applicazione Questa sezione definisce il regolamento adottato dalla OMNIA s.r.l. per le verifiche degli impianti di messa

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann,

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 01/09 CIG. N. 0254762C3D. Servizio Mercati n.48 del 15.07.2008, n. 99 del 24.10.2008, n.

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 01/09 CIG. N. 0254762C3D. Servizio Mercati n.48 del 15.07.2008, n. 99 del 24.10.2008, n. COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 01/09 CIG. N. 0254762C3D 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari - Servizio Appalti - Via Roma 145-09124 Cagliari. Sito internet: www.comune.cagliari.it.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER L'INFORMATIZZAZIONE DELLA CONTABILITÀ DI STATO UFFICIO III CAPITOLATO TECNICO Cottimo fiduciario ai sensi dell art. 125 del Decreto

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA CAPITOLATO SPECIALE D ONERI relativo al noleggio con riscatto di n. 1 gascromatografo, con rivelatore massa CIG:32821335D4 PREMESSA Le prescrizioni del presente capitolato disciplinano il contratto di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE Premessa Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via pervenuto al Comune di Palermo giusta confisca ex L. 575/65 e succ. mod. ed integr. in pregiudizio

Dettagli

Art.2 REQUISITI RICHIESTI PER LA PARTECIPAZIONE

Art.2 REQUISITI RICHIESTI PER LA PARTECIPAZIONE relative apparecchiature; 8. assolvere ad ogni altro adempimento obbligatorio previsto dalla normativa vigente. Art.2 REQUISITI RICHIESTI PER LA PARTECIPAZIONE I requisiti richiesti, ai sensi dell'art.32

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CONCESSIONE IN USO ESCLUSIVO IRREVOCABILE (I.R.U.) O, IN ALTERNATIVA, SERVIZIO DI FIBRA SPENTA, ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE PER ALMENO 24 MESI DI DUE COPPIE DI FIBRE

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Allegato A alla Determinazione Dirigenziale n - del PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Operativa

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

Struttura flessibile La Venaria Reale e altri beni culturali. alberto.vanelli@regione.piemonte.it

Struttura flessibile La Venaria Reale e altri beni culturali. alberto.vanelli@regione.piemonte.it Struttura flessibile La Venaria Reale e altri beni culturali alberto.vanelli@regione.piemonte.it LETTERA D INVITO: PROCEDURA PER IL SERVIZIO DI FORNITURA E POSA DI NUOVA CALDAIA COMPLETA DI BRUCIATORE,

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 19 novembre

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Di RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Di RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE ISTRUZIONE SECONDARIA G. TASSINARI COD. NAIS09100C VIA FASANO,13 POZZUOLI 80078 TEL 081 5265754 FAX 081 5266762 E-MAIL NAIS09100C@istruzione.it SITO WEB www.itispozzuoli.it Prot. 3145/c14

Dettagli

AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE BANDO DI GARA N. 469 / CIG LOTTO I: 4443795FA0 CUP:

AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE BANDO DI GARA N. 469 / CIG LOTTO I: 4443795FA0 CUP: AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE Via Como n.13 21100 Varese - (Tel. 0332/806911 Fax 0332/283879) BANDO DI GARA N. 469 / CIG LOTTO I: 4443795FA0 CUP: D25H11000080005

Dettagli

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling Pag.: 1 di 7 Clausole Contrattuali per Il presente documento è pubblicato sul sito www.edison.it e www.infrastrutturedg.it REV. DESCRIZIONE DATA 1 Aggiornamento conseguente al cambio denominazione sociale

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N.

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) COPIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 126 Protocollo n. 3209 del 25.09.2015 OGGETTO: SERVIZIO DI ASSISTENZA,

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 53 DEL 30/01/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE PISTOIA

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE PISTOIA Comune di PISTOIA SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE U.O. ORGANIZZAZIONE, RAPPORTO DI LAVORO E RELAZIONI SINDACALI Piazza del Duomo 1 51100 Pistoia (PT) Tel 0573.371220-231-233 Fax 0573.371359

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata con aggiudicazione mediante il ricorso al criterio del prezzo più basso per la fornitura di lavoratori in somministrazione 1. Finalità e oggetto. Il presente atto

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE.

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE. DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE. PREMESSA Il servizio deve avvenire secondo le norme previste

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SEVIZIO DI GESTIONE, CONTROLLO E REVISIONE DEGLI ESTINTORI NEGLI IMMOBILI COMUNALI. Via Libertà n 74 C.F. 00337180905 Tel. 0789612911-13 pasquale.caboni@tiscali.it 1 ARTICOLO

Dettagli

All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza della discarica per rifiuti urbani in loc. Maza di Arco ANNO 2015.

All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza della discarica per rifiuti urbani in loc. Maza di Arco ANNO 2015. Allegato n. 1 alla delibera della Giunta della Comunità n. 66 dd. 17.04.2015 IL SEGRETARIO F.to Dott. Copat Paulo Nino All. 1 alla Convenzione per la disciplina delle attività di controllo e vigilanza

Dettagli

BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI

BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI BANDO DI GARA SEMPLIFICATO RELATIVO AL SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE PER LA FORNITURA DI FARMACI S.C.R. - Piemonte S.p.A. ha istituito un Sistema Dinamico di Acquisizione (di seguito denominato S.D.A.),

Dettagli

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa.

1) Ente Appaltante: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Marie Curie Piero Sraffa ViaF.lli Zoia, 130 MILANO - sito internet www.curiesraffa. OGGETTO: Bando di gara per la fornitura ed installazione degli apparati necessari all implementazione di un area WIFI nella scuola Numero di Gara CIG Z910EB074F In esecuzione del Decreto Prot N 1073 del

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 32/08 CIG. N. 0189208B5E MANTENIMENTO E ADOZIONE DEI CANI DEL COMUNE DI

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 32/08 CIG. N. 0189208B5E MANTENIMENTO E ADOZIONE DEI CANI DEL COMUNE DI COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 32/08 CIG. N. 0189208B5E 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari - Servizio Appalti - Via Roma 145-09124 Cagliari. Sito internet: www.comune.cagliari.it.

Dettagli