CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Verbale n. 4 Adunanza del giorno 20 Giugno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Verbale n. 4 Adunanza del giorno 20 Giugno 2008"

Transcript

1 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Verbale n. 4 Adunanza del giorno 20 Giugno 2008 Presso la sede del Rettorato in Via Duomo 6 in Vercelli, nell adunanza del giorno 20 Giugno 2008, si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro, con l intervento dei componenti di seguito indicati: Il Rettore-Presidente Prof. Paolo GARBARINO Il Direttore Amministrativo Dott. Pasquale MASTRODOMENICO I Rappresentanti dei Professori di ruolo di I fascia Prof. Mario CANNAS Prof. Jörg LUTHER I Rappresentanti dei Professori di ruolo di II fascia Prof. Salvatore USSIA Prof. Luigi PANZA Prof. Ciro ISIDORO I Rappresentanti dei Ricercatori Dott.ssa Germana GANDINO Prof. Paolo ALUFFI VALLETTI Prof. Massimo CAVINO I rappresentanti del Personale tecnicoamministrativo Dott. Ezio PERUCCO Dott.ssa Emma ALTOMARE Sig. Valerio MARINUCCI Presente Presente Presente Presente Assente giustificato Presente Assente giustificato Presente Presente Presente Presente Presente Presente 1

2 I Rappresentanti degli Studenti Sig. Matteo INVERNIZZI Dott. Marco MARCHIONNI Sig. Jacopo SCAFARO Il Rappresentante del Comune di Vercelli Dott. Marzio GRIGOLON Il Rappresentante del Comune di Novara Avv. Diego GRAZIOSI Il Rappresentante della Provincia di Vercelli Prof.ssa Paola BERNASCONE Il Rappresentante della Provincia di Novara Dott. Carlo ROCCIO Delegato dell Assessore all Università, Ricerca, Innovazione e Internazionalizzazione della Regione Piemonte Dott.ssa Mariantonietta RICCHIUTO Il Rappresentante del M.I.U.R. Prof. Pier Maria FURLAN Presente Presente Assente Presente Presente Presente Presente Presente Presente Partecipa alla seduta il pro-rettore, Prof. Cesare EMANUEL. Assiste all adunanza il Dott. Ruggero ANTONIETTI, componente del Collegio dei Revisori dei Conti. Assiste alla riunione la Dott.ssa Chiara Viviani dipendente dell Ateneo, al fine di aiutare il Segretario a raccogliere i dati per la stesura del verbale. Constatata la presenza del numero legale alle ore il Presidente dichiara aperta la seduta. 2

3 INDICE 1. Comunicazioni del Rettore-Presidente pag Approvazione verbale della seduta precedente pag Ratifica Decreti Rettorali d urgenza 3.1 D.R.U. n. 38 del pag D.R.U. n. 39 del pag D.R.U. n. 40 del pag D.R.U. n. 41 del pag D.R.U. n. 43 del pag D.R.U. n. 44 del pag D.R.U. n. 45 del pag bis Avvio della procedura di modifica dello Statuto (articolo 11, comma 2, terzo periodo) riguardante esclusivamente i Presidenti dei Consigli di Corso di Laurea pag Ragioneria 4.1 Variazione n. 4 al bilancio di previsione dell esercizio 2008 pag Ripartizione quota avanzo libero pag Personale 5.1 Programmazione triennale e fabbisogno del personale tecnico amministrativo 2008/2010 pag Corresponsione anticipo sui futuri miglioramenti contrattuali a tutto il personale tecnico amministrativo pag Procedura per l inquadramento in ruolo del personale a tempo determinato pag Modifica del Regolamento per la disciplina del conferimento per contratto degli incarichi di insegnamento e delle attività di supporto alla didattica, emanato con D.R. Rep. n del pag Convenzione tra l Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro e le Società farmaceutiche Novartis, Boehringer, Glaxo, Lundbeck, Amgen, Chiesi per il cofinanziamento di n. 1 posto di professore ordinario di ruolo per il settore scientifico-disciplinare BIO/14 (Farmacologia) pag Convenzione tra l Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro e l Associazione Silenziosi Operai della Croce per il co-finanziamento di n. 1 posto di professore associato per il settore scientifico-disciplinare MED/41 (ANESTESIOLOGIA) pag Convenzione tra l Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro e Sacmi Imola per il co-finanziamento di n. 1 posto di ricercatore per il settore scientifico-disciplinare CHIM/04 (CHIMICA INDUSTRIALE) pag Convenzione tra l'università degli Studi del Piemonte Orientale e l'istituto Auxologico per l'attività assistenziale del dott. Paolo Marzullo ex D. Lgs. 517/99 pag Convenzione tra l'università degli Studi del Piemonte Orientale e la Fondazione Salvatore Maugeri per l'attività assistenziale della Prof.ssa Martignoni e del Dott. Nardone ex D.Lgs 517/99 pag Concorsi I e II fascia: copertura finanziaria pag. 99 3

4 6. Studenti e diritto allo studio 6.1 Assegnazione Facoltà di Scienze importo di 2000 Euro - Fondo Borsa di studio EDISU per progetto studenti diversamente abili pag Didattica 7.1 Convenzione tra Asti Studi Superiori Società Consortile a r.l. e Università degli Studi del Piemonte Orientale "A. Avogadro", per il funzionamento del Corso di Laurea in Servizio Sociale con sede formativa nella città di Asti, a partire dall'a.a. 2007/2008. pag Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e l Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro per l istituzione della Laurea Magistrale Interateneo in Analisi e gestione dell ambiente (Classe delle Lauree Magistrali in Scienze e tecnologie per l ambiente e il territorio - Cl. LM-75) pag Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e l Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro per l istituzione della Laurea Magistrale Interateneo in Fisica dei sistemi complessi (Classe delle Lauree Magistrali in Fisica - Cl. LM-17) pag Rinnovo della Convenzione promossa dalla Commissione Regionale per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna, tra la Regione Piemonte, l Università degli Studi di Torino e l Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro per l istituzione di corsi universitari di Storia delle Donne e di Genere pag Convenzione tra la Regione Piemonte e l Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro per l istituzione di un corso universitario di Artigianato e attività produttive pag Modifica degli art. 16 e 18 del Decreto Rettorale n. 641/2007 del 27 dicembre 2008 di istituzione ed attivazione del Corso di Master Universitario di I Livello, di durata annuale, in Data Manager Coordinatori di Sperimentazioni Cliniche, presso la Facolta di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute, per l anno accademico 2007/2008 pag Attivazione del Corso di Perfezionamento in Counseling (VII edizione), presso la Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute, per l anno accademico 2008/2009 pag Attivazione, del Corso di Master Universitario di I livello, di durata biennale, in Infermiere Psichiatrico (II edizione), presso la Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute, per gli a.a. 2008/ pag Attivazione, del Corso di Master Universitario di I livello, di durata annuale, in Nuove Frontiere della Fisica (I edizione), presso la Facoltà di Scienze MFN, per l a.a. 2008/2009 pag Attivazione, del Corso di Master Universitario di I livello, di durata annuale, in Sviluppo Locale (VII edizione), presso la Facoltà di Scienze Politiche, per l a.a. 2008/2009 pag Attivazione del Corso di Master Universitario di I livello, di durata annuale, in Management per le funzioni di Coordinamento delle Organizzazioni Sanitarie (I edizione), presso la Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute, per l a.a. 2008/2009 pag Rinnovo della convenzione per lo svolgimento del Tirocinio trimestrale da effettuarsi rispettivamente presso lo studio di un Medico di Medicina Generale, presso un reparto di Medicina e presso un reparto di Chirurgia, quale prova pratica a carattere continuativo dell Esame di Stato di abilitazione all esercizio della professione di Medico Chirurgo come previsto dal Decreto MIUR n 445 del 19/10/2001 pag

5 8. Edilizia e Patrimonio 8.1 Approvazione del progetto definitivo per la realizzazione del Campus Universitario presso il compendio della ex-caserma Perrone pag Rideterminazione importo parcella ed estensione dell incarico per la progettazione acustica, la progettazione di valutazione della compatibilità ambientale e la predisposizione del Progetto secondo la Legge 338/2000 e per l assistenza giornaliera ai lavori relativamente alla progettazione definitiva, esecutiva e direzione lavori per l intervento di realizzazione di un Campus universitario presso il compendio della ex Caserma Perrone in Novara. pag Protrazione dei termini di durata della Convenzione con il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Torino relativa alla ristrutturazione di Palazzo Tartara pag Incarico di verifica preventiva dell interesse archeologico in sede di progetto preliminare per l intervento di riqualificazione dell edificio denominato Ex Ospedale Militare, in Alessandria pag Riesame approvazione di collaudo tecnico amministrativo relativo all impianto multimediale ed elettrico Aula Magna, foyer, sala regia presso l edificio ex Caserma Perrone in Novara pag Accordi, Convenzioni e Contratti per la Ricerca Scientifica 9.1 Modifica art. 9 del Regolamento di Ateneo per la gestione delle prestazioni, dei progetti, dei contratti e delle convenzioni di ricerca, di didattica e di consulenza pag Contributo Fondazione Cariplo anno 2007 (quota non a Bando del piano d'azione "Promuovere la formazione di capitale umano di eccellenza) pag Forniture e Servizi pag Centri e Consorzi pag Servizio Prevenzione e Protezione pag Varie ed eventuali pag

6 1. Comunicazioni del Rettore-Presidente Il Presidente rivolge il saluto ai Consiglieri e al Dott. Ruggero Antonietti presente in rappresentanza del Collegio dei Revisori dei Conti. Il Presidente apre la seduta con la notizia dell elezione del Prof. Enrico De Cleva, Rettore dell Università Statale di Milano alla Presidenza della CRUI. Il Presidente informa inoltre della propria riconferma nel direttivo della CRUI. Il Presidente illustra i seguenti documenti: Ripartizione degli incentivi destinati all implementazione dell Anagrafe Nazionale degli Studenti anno Il Presidente segnala che si tratta di un contributo a favore dell Ateneo di Euro, che ci colloca nella prima fascia di merito con un punteggio totale di 18 punti. Il Presidente rileva con soddisfazione il buon risultato raggiunto e ringrazia in modo particolare il personale dell area studenti, delle segreterie e dell Ufficio Rilevazioni Statistiche per il lavoro svolto. Nota MIUR: attuazione art. 2 (requisiti di trasparenza) del D.M. 31 ottobre 2007, n Il Presidente segnala che il documento non è stato distribuito ma che è a disposizione su richiesta. Documenti sull adesione alla Magna Charta delle Università presentati dal rappresentante degli studenti Luca Beccaria. Il Presidente ricorda che l argomento era già stato discusso dalla Commissione Didattica Paritetica. In caso di indicazione favorevole si procederà all iter di adesione. Il Consiglio è concorde nel ritenere opportuno iniziare l iter di adesione. Cronoprogramma procedure elettorali per il rinnovo degli organi Collegiali. Il Presidente informa i Consiglieri che si tratta del documento di sintesi sulle procedure elettorali da svolgersi per il rinnovo degli Organi Collegiali dell Ateneo. Il documento contiene le scadenze, le date previste per le elezioni e alcune notizie di carattere generale. Il Presidente informa i Consiglieri che alla luce delle positive risultanze contabili del bilancio consolidato approvato nella riunione precedente è stato possibile far prendere servizio nei giorni scorsi ai ricercatori vincitori di concorso. Il Presidente sottolinea l importanza dell operazione, che ha permesso l ingresso di nuove risorse e sottolinea nel contempo l incertezza della situazione legata ai finanziamenti per l Università, che, a fronte delle future manovre economiche, potrebbero subire ulteriori tagli. A tale proposito il Presidente dà lettura della mozione approvata il giorno precedente dalla Conferenza dei Rettori: La CRUI registra con estremo allarme che, in evidente contraddizione con le linee di politica universitaria enunciate in questi giorni dal Ministro Gelmini alle Commissioni parlamentari e al convegno del CUN, la manovra triennale predisposta dal Ministro Tremonti prevedrebbe non solo un blocco della spesa per il personale universitario pari all 80% del turn over ma anche un parallelo taglio di analoga entità a carico del FFO. Tali provvedimenti, ove confermati, in aggiunta agli altri tagli già intervenuti, avrebbero conseguenze devastanti sulla situazione finanziaria e sulla funzionalità stessa degli atenei, vanificherebbero ogni possibilità programmatoria, inciderebbero in maniera irreparabile sull autonomia delle Università. La CRUI chiede un incontro urgente con i Ministri interessati e decide di riconvocarsi a breve per valutare la situazione. Il Presidente segnala inoltre che altre notizie preoccupanti sul fronte delle risorse al sistema universitario nazionale provengono da un disegno di legge, in fase di elaborazione, che prevederebbe la trasformazione delle Università statali in Fondazioni di diritto privato. Situazione banca dati offerta formativa. Il Presidente illustra alcuni documenti contenenti la situazione dell Offerta Formativa 2008/2009 con l elenco corsi che sono in regola con i requisiti necessari. I documenti sono disponibili su richiesta. 6

7 Il Presidente informa i Consiglieri che il D.M. del 18 giugno ha determinato un aumento dell importo annuo per la borsa di dottorato con decorrenza 1 gennaio Il Presidente cede la parola al pro-rettore per le comunicazioni riguardanti la situazione edilizia. Il pro-rettore, Prof. Cesare EMANUEL informa i Consiglieri che nella giornata di ieri la Conferenza di Servizi allestita presso il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Torino ha dato parere favorevole al progetto di Campus universitario di Novara. Al punto 8.1 dell ordine del giorno è stata inserita la delibera di approvazione del progetto definitivo per la realizzazione del Campus. ****************** 2. Approvazione verbale della seduta precedente 4/2008/2 OMISSIS ****************** 3. Ratifica Decreti Rettorali d urgenza Il Presidente illustra il sotto riportato decreto d urgenza. Decreto Rettorale d Urgenza Repertorio n. 38/2008 Prot. n del 26/05/2008 Tit. V Cl. 8 Oggetto: Costituzione dell Associazione Temporanea di Scopo e Mandato Collettivo Speciale con Rappresentanza relativa al polo formativo per l IFTS La Meccanica per lo Sviluppo, presentato dall Istituto I.T.I. Omar di Novara IL RETTORE VISTA la legge regionale , n. 63; VISTO l art. 69 della legge n. 144 del che stabilisce l istituzione del Sistema di Istruzione Formazione Tecnica Superiore; VISTA la legge regionale della Regione Piemonte n. 44/00; VISTA la DGR n del 1/8/2005 di approvazione della Direttiva / Atto di Indirizzo pluriennale IFTS 2005/07; VISTA la D.G.R. della Regione Piemonte n del che approva gli Indirizzi generali per l individuazione di un modello regionale di Polo formativo per l Istruzione e la Formazione Tecnica Superiore (IFTS) ; VISTA la D.D. della Regione Piemonte n. 606 del di approvazione del Bando per la presentazione di candidature e proposte progettuali, finalizzato alla raccolta di informazioni per l individuazione dei Poli formativi per l IFTS; VISTA la lettera prot. n.2849 del assunta a protocollo n del 01/12/2006, con cui viene trasmessa la dichiarazione di impegno, da parte del Preside della Facoltà di Economia, alla collaborazione con dall Istituto I.T.I. Omar di Novara per la realizzazione del Polo formativo in oggetto; VISTA la proposta di candidatura presentata alla regione Piemonte. VISTO l art. 39 del Regolamento Didattico di Ateneo; 7

8 VISTA VISTA CONSIDERATO VALUTATA VISTO VISTO CONSIDERATO PRESO ATTO VALUTATO la D.D. della Regione Piemonte n. 828 del con cui è stato approvato l elenco delle candidature idonee; la D.D. della Regione Piemonte n. 168 del nella quale vengono indicati gli studi di fattibilità approvati e finanziabili; che le prossime sedute del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione sono previste in tempo non più utile per la costituzione della Associazione in oggetto; perciò l urgenza e la necessità di procedere alla costituzione della associazione suddetta; l art. 15 dello Statuto di Ateneo, comma 1, lettera h, che conferisce al Rettore, in situazioni di necessità e indifferibile urgenza, di adottare provvedimenti di competenza degli organi di governo da lui presieduti, sottoponendoli per la ratifica all organo relativo nella seduta immediatamente successiva l art. 15 dello Statuto di Ateneo, comma 1, lettera i, che conferisce al Rettore il potere di stipulare tutte le convenzioni e i contratti che non siano demandati alla competenza specifica delle singole strutture didattiche; che la costituzione dell associazione in oggetto non comporta alcun onere per l Università; che in forza della procura speciale la Dott.ssa Anna Chiara INVERNIZZI, Ricercatrice universitaria, è stata delegata per la sottoscrizione di atti relativi a Corsi, Corsi Post diploma, Corsi Post Laurea, Corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore finanziati con fondi esterni; ogni opportuno elemento; DECRETA 1. di costituire l Associazione Temporanea di Scopo e Mandato Speciale con Rappresentanza relativa al progetto Polo Formativo per l IFTS La Meccanica per lo Sviluppo ; 2. di autorizzare la Dott.ssa Anna Chiara Invernizzi alla firma della Associazione Temporanea di Scopo; mediante il documento allegato 1. Il Rettore (Prof. Paolo Garbarino) 8

9 Allegato 1 ATTO COSTITUTIVO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO DENOMINATA POLO FORMATIVO LA MECCANICA PER LO SVILUPPO I sottoscritti: Mandatario: I.T.I. OMAR Novara Mandanti: - IST. TECNICO INDUSTRIALE FAUSER NOVARA - IST. PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO BELLINI - NOVARA - IST. PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO DALLA CHIESA - OMEGNA - IST. TECNICO INDUSTRIALE LEONARDO DA VINCI - BORGOMANERO - IAL PIEMONTE - ENAIP - PIEMONTE - ASSOCIAZIONE CNOS-FAP REGIONE PIEMONTE - CONSORZIO UN.I.VER - VERCELLI - DISPEA DIPARTIMENTO DEI SISTEMI DI PRODUZIONE ED ECONOMIA DELL AZIENDA (POLITECNICO DI TORINO) - POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA DI INGEGNERIA - VERCELLI - UNIVERSITA DEL PIEMONTE ORIENTALE AVOGADRO FACOLTA DI ECONOMIA - CONFINDUSTRIA VERCELLI VALSESIA - SIVV SOCIETA PER LO SVILUPPO E L INNOVAZIONE DEL VERCELLESE E DELLA VALSESIA - BORGOSESIA - UNIONE INDUSTRIALE DEL VERBANO CUSIO OSSOLA VERBANIA INTRA - CFR CONSORZIO PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA NEL VCO VERBANIA INTRA - ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DI NOVARA - FORAZ CONSORZIO INTERAZIENDALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE PREMESSO che il Mandatario e i Mandanti sopra citati rappresentano i soggetti attuatori del progetto Polo formativo La meccanica per lo sviluppo (di seguito denominato Polo formativo ), approvato dal Direttore regionale Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro con determinazione dirigenziale DD n. n 168 del 29/11/2007 che, a seguito dell approvazione e del finanziamento concesso dagli Enti concedenti, si impegnano alla realizzazione secondo le modalità, i contenuti ed i costi relativi; che, contestualmente alla partecipazione al bando regionale, il Mandatario e i Mandanti si sono impegnati a raggrupparsi in Associazione Temporanea di Scopo (A.T.S.) per l attuazione del Polo formativo per la durata pluriennale da questo previsto; che il Mandatario e i Mandanti intendono, con il presente atto, regolare il quadro giuridico ed organizzativo dell A.T.S. predetta, nonché conferire all Istituto Omar di Novara mandato collettivo speciale con rappresentanza, designandolo quale soggetto capofila, beneficiario e gestore del finanziamento; 9

10 DICHIARANO di riunirsi in Associazione Temporanea di Scopo per lo svolgimento delle attività di cui al Polo formativo suindicato e a tale scopo i Mandatari conferiscono mandato collettivo speciale gratuito e irrevocabile, con obbligo di rendiconto e con rappresentanza esclusiva e processuale all Istituto Omar di Novara e per esso al Prof. Giovanni Battista Cattaneo, suo rappresentante legale protempore, il quale in forza della presente procura: è autorizzato a stipulare, in nome e per conto dell Istituto Omar di Novara nonché dei Mandanti, con ogni più ampio potere e con promessa di rato e valido fin da ora, tutti gli atti consequenziali connessi alla realizzazione del Polo formativo; è autorizzato a rappresentare in esclusiva, anche in sede processuale, gli associati, nei confronti dell Amministrazione, per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura dipendenti dal suddetto incarico, fino all estinzione di ogni rapporto. La A.T.S. è disciplinata da quanto disposto dai successivi articoli, nonché da specifici ulteriori accordi organizzativi che potranno essere stipulati fra i soggetti attuatori. Art. 1 (Impegni dei soggetti attuatori) I sottoscritti, Mandatario e Mandanti, si obbligano, attraverso gli organi di gestione del Polo formativo. indicati nel seguito, a concordare le modalità, la tempistica e quanto connesso alla gestione e realizzazione del progetto anche in relazione ai compiti spettanti a ciascuna parte. Ciascun associato eseguirà le prestazioni di propria competenza in totale autonomia fiscale, gestionale ed operativa, con personale responsabilità in ordine alla perfetta esecuzione dei compiti a ciascuno affidati, ferma restando la responsabilità solidale di tutti gli altri soggetti facenti parte della presente A.T.S.. I soggetti attuatori, Mandatario e Mandanti, si impegnano inoltre sin da ora a fornire il più ampio quadro di collaborazione per la realizzazione dell intervento sperimentale e concordano altresì di favorire in ogni possibile forma, modalità operative per facilitare l integrazione tra le rispettive competenze. Art. 2 (Doveri del mandatario) Il Mandatario Istituto Omar di Novara si impegna a svolgere in favore della A.T.S. qualsiasi attività occorrente per la migliore redazione di tutti gli atti necessari al perfezionamento della concessione del finanziamento con gli Enti concedenti, nonché a coordinare: gli aspetti amministrativi e legali correnti; i rapporti con gli Enti concedenti il finanziamento. In particolare il Mandatario assume: la responsabilità e il coordinamento della rendicontazione delle attività finanziate svolte fino alla data di scadenza del progetto conformemente alle norme stabilite dalla Regione Piemonte, nonché la sottoscrizione degli atti necessari per la realizzazione del Polo formativo; la responsabilità nei confronti dell Ente finanziatore, del coordinamento, progettazione e organizzazione delle attività connesse al polo formativo; il coordinamento dei rapporti finanziari con gli Enti concedenti, provvedendo ad incassare le somme dovute sia in acconto che a saldo, indicando gli istituti di credito prescelti; il coordinamento amministrativo e segretariale del progetto, il coordinamento nella predisposizione delle relazioni intermedie e finali richieste dagli Enti finanziatori. 10

11 Art. 3 (Doveri dei mandanti) Le modalità circa la realizzazione delle attività del Polo formativo sono affidate agli associati soggetti attuatori secondo quanto indicato nel progetto e specificato dai successivi accordi organizzativi. I Mandanti sono tenuti inoltre alla elaborazione del rendiconto di tutti i costi relativi alle attività loro affidate e archiviazione della documentazione, nel rispetto della normativa vigente e delle procedure stabilite dagli Enti concedenti, nonché la predisposizione delle relazioni intermedie e finali relativamente alle proprie attività. Gli stessi dovranno inoltre partecipare a tutte le fasi previste per la realizzazione del Polo formativo. Art. 4 (Organi di coordinamento e gestione) Come indicato al precedente art. 2, il coordinamento degli adempimenti amministrativi ed operativi, durante la realizzazione del Progetto, sarà demandato all Istituto Omar di Novara. L A.T.S., nel rispetto delle indicazioni previste dal Bando Azioni di sistema per la presentazione di studi di fattibilità, individua nel Comitato di indirizzo, nel Comitato Scientifico e nel Comitato di Gestione i principali organi attuativi e responsabili delle azioni che il Polo formativo intende attivare. Art. 5 (Comitato di indirizzo) E' l'organo deliberante per la programmazione di medio e lungo termine delle attività formative e di ricerca del Polo. È formato dal referente di ogni soggetto dell'ats. La Presidenza è affidata al rappresentante della scuola capofila Istituto Omar di Novara. Si riunisce almeno due volte l'anno per la verifica e la messa a punto della programmazione formativa, organizzativa e pianificazione delle nuove attività. È convocato dal presidente, anche su richiesta del Comitato Tecnico Scientifico e/o del Comitato di Gestione, o su richiesta scritta di almeno il 50% dei componenti. Le deliberazioni del Comitato d Indirizzo sono approvate a maggioranza semplice dei componenti. Il Presidente presiede e coordina i lavori dell assemblea, esegue le deliberazioni e rappresenta il Polo formativo nei confronti dei soggetti aderenti e terzi nei limiti e nelle forme citate relative alla realizzazione delle attività del Polo. Art. 6 (Compiti del Comitato di indirizzo) Il Comitato d Indirizzo svolge le seguenti attività: a) predispone nella prima riunione il regolamento dei comitati b) definisce la strategia; c) propone nuovi percorsi formativi, nuove linee di ricerca e attività di servizi basati su istanze economiche e sociali; d) valuta le proposte del Comitato Tecnico Scientifico; e) verifica la congruità dell'offerta formativa e delle attività svolte con le esigenze del mercato del lavoro; f) valuta la qualità della formazione, delle attività di ricerca e dei servizi; g) delibera, a maggioranza semplice, sulle attività che il polo intende attivare e definisce le linee d'indirizzo per tutte le attività; h) approva e nomina, con conferma annuale, i rappresentanti del Comitato tecnico Scientifico e del Comitato di Gestione i) delibera il bilancio preventivo e approva il bilancio consuntivo. 11

12 Art. 7 (Comitato Tecnico Scientifico) Il Comitato Tecnico scientifico è formato da un componente per ognuno dei seguenti soggetti: - Scuola capofila - Università - Centri di Ricerca - Imprese o Associazioni d Imprese - Agenzie Formative - Scuole I componenti il Comitato tecnico scientifico sono nominati dal Comitato d'indirizzo su proposta dei soggetti rappresentati e rimangono in carica per un anno. La Presidenza è affidata al rappresentante del Università. È convocato dal presidente anche su richiesta scritta di almeno il 50% dei componenti. Art. 8 (Compiti del Comitato tecnico scientifico) Il Comitato Tecnico scientifico svolge le seguenti attività: a) analizza il contesto socio economico di pertinenza del Polo e produce l'analisi dei Fabbisogni. b) analizza il contesto internazionale c) individua le competenze (profili) d) si occupa della macroprogettazione dei percorsi formativi e) si occupa della macroprogettazione della formazione dei formatori f) individua i criteri di assegnazione dei crediti g) individua i criteri di assegnazione delle certificazioni h) rafforza le relazioni economico-sociali con il territorio i) interagisce con il Comitato di Gestione per la compiuta definizione delle proposte e le trasmette al Comitato d Indirizzo j) monitora i processi. Il Comitato Tecnico Scientifico si occupa inoltre di. - disseminazione - internazionalizzazione - criteri di selezione - proposte per l aggiornamento degli standard nazionali. Nello svolgere le sue attività il CTS potrà avvalersi di Gruppi di Lavoro Tematici che verranno formati secondo necessità ed attingendo alle risorse umane segnalate dai partner. Art. 9 (Comitato di gestione) Il comitato di gestione è formato da un componente per ognuno dei seguenti soggetti: - Scuola capofila - Agenzie Formative - Scuole - Imprese o Associazioni d Imprese - Università - Centri di Ricerca I componenti il Comitato di Gestione sono nominati dal Comitato d'indirizzo su proposta dei soggetti rappresentati e rimangono in carica per un anno. La Presidenza è affidata al rappresentante della scuola capofila, Istituto Omar di Novara. È convocato dal presidente anche su richiesta scritta di almeno il 50% dei componenti. 12

13 Art. 10 (Compiti del Comitato di gestione) Il Comitato di gestione svolge le seguenti attività, anche avvalendosi di gruppi operativi che verranno formati secondo necessità ed attingendo alle risorse umane segnalate dai partner. a) collabora con il Comitato Tecnico Scientifico per la definizione delle proposte elaborate, valutandone la fattibilità dal punto di vista organizzativo e finanziario. Le proposte, così definite, vengono presentate al Comitato d Indirizzo per l esame e l approvazione; b) attua le deliberazioni del Comitato d Indirizzo provvedendo all organizzazione delle attività formative. A tale scopo nomina i membri dei gruppi operativi impegnati nella loro realizzazione; c) coordina le attività all interno del polo, in particolare fra i gruppi operativi delle singole attività formative, provvedendo a ricercare la soluzione per necessità ed eventuali difficoltà intervenute nella realizzazione delle attività formative erogate; d) provvede all utilizzo ottimale delle risorse disponibili sia finanziarie, sia strutturali sia umane; e) incentiva la collaborazione fra i partner e la circolazione e qualificazione delle esperienze; f) individua i criteri per il reperimento e la distribuzione dei fondi; g) pubblicizza tutte le attività del Polo curando che le attività svolte da ciascun partner concorrano al raggiungimento degli obiettivi del Polo stesso; h) predispone il bilancio preventivo e consuntivo. Sono inoltre attività afferenti il Comitato di Gestione: - organizzazione dei percorsi e modalità di erogazione; - direzione dei corsi; - indicazioni ai Gruppi Operativi per l applicazione dei criteri di selezione; - organizzazione degli stages; - pubblicizzazione dei corsi. Art. 11 (Il Responsabile amministrativo) II Responsabile amministrativo è individuato nel Direttore dei Servizi Generali e amministrativi dell'ente capofila o, nel caso in cui questi sia rinunciatario, nominato dal Comitato di gestione. Egli è responsabile della corretta tenuta della contabilità finanziaria del Polo formativo, assumendo come riferimento le voci e le entità finanziarie comprese nel preventivo approvato dalla Regione Piemonte. All'uopo si relaziona con il Comitato di gestione ed utilizza i necessari supporti tecnicoamministrativi onde produrre, per ogni singola voce di spesa, le opportune giustificazioni contabili. Allo stesso competono le seguenti funzioni: predispone le relazioni finanziarie da presentare periodicamente al Comitato di indirizzo; predispone la documentazione richiesta dai competenti organismi degli Enti concedenti; assolve agli adempimenti fiscali derivanti dalla gestione finanziaria del corso; firma, congiuntamente al Presidente del Comitato di gestione, tutti gli atti che comportano decisioni di spesa; predispone il rendiconto delle spese. Art. 12 (Segreteria) I servizi di segreteria consistono principalmente nella: - tenuta del protocollo e servizio di segretariato dei vari organi del Polo formativo; - tenuta e archiviazione della documentazione amministrativa e contabile relativa al Polo formativo, ai corsi e alle attività organizzate; - raccolta delle iscrizioni degli allievi ai corsi; - verifica della coerenza di ogni giustificativo di spesa con gli strumenti di gestione finanziaria; 13

14 - predisposizione degli atti di liquidazione delle spese e dei connessi adempimenti finanziari di pagamento. I compiti di segreteria vengono svolti da personale interno dell Ente capofila, Istituto Omar di Novara o in subordine da personale degli altri soggetti sottoscrittori o da personale esterno la cui responsabilità è affidata al Responsabile Amministrativo. Art. 13 (Controllo e ripartizione delle spese) Il Mandatario ed i Mandanti sono tenuti al rispetto delle procedure definite dagli Enti concedenti per quanto riguarda l'effettuazione ed il controllo delle spese sostenute nell'ambito del progetto. Ciascuna parte si fa comunque carico delle spese autonomamente assunte per l'esecuzione delle attività, fatta salva la loro eleggibilità e il conseguente finanziamento. Tutte le spese di interesse comune, come ad es. quelle inerenti la sottoscrizione del presente atto, etc..., saranno imputate fra i costi di competenza del soggetto capofila. Art. 14 (Riduzione del finanziamento) Il finanziamento del Progetto/corso preventivamente determinato potrà essere proporzionalmente ridotto a seguito del mancato raggiungimento degli obiettivi e/o della durata prevista per il progetto stesso e pertanto ciascun soggetto partecipante alla presente A.T.S., sopporterà i rischi economici connessi a tale eventualità, in misura proporzionale rispetto allesue responsabilità e alla quota di propria competenza, come da art. 1, punto 2. Art. 15 (Riservatezza) Tutta la documentazione e le informazioni di carattere tecnico e metodologico, fornite da uno dei membri della A.T.S. ad un altro, dovranno essere considerate da quest'ultimo di carattere confidenziale. Esse non potranno essere utilizzate, per scopi diversi da quelli per i quali sono state fornite, senza una preventiva autorizzazione scritta dal soggetto che le ha fornite. Ciascuno dei soggetti avrà cura di applicare le opportune misure per mantenere circoscritte le informazioni e le documentazioni ottenute. Art. 16 (Validità) Il presente atto entra in vigore alla data della sua firma e cesserà ogni effetto alla data di estinzione di tutte le obbligazioni assunte e, successivamente alla verifica amministrativa contabile effettuata da parte degli Enti conferenti il finanziamento sul rendiconto presentato, alla data dell avvenuta erogazione del saldo finale del finanziamento. Sarà comunque valido ed avrà effetto sin tanto che sussistano pendenze tra i soggetti attuatori e/o con gli stessi Enti concedenti tali da rendere applicabile il presente atto. Art. 17 (Partecipazione di altri soggetti) E possibile, previa approvazione del Comitato di indirizzo, la partecipazione al Polo formativo di altri soggetti ritenuti utili al raggiungimento degli obiettivi di progetto, attraverso le forme e le modalità previste dall art. 6, lettera g) (a titolo esemplificativo: costituzione di Rete di partner di 2 livello, delega a singola Società/Ente di azioni specifiche e particolari, ecc ) Tale eventualità si configura in particolare per Enti Locali, Fondazioni e Associazioni Professionali. 14

15 Art. 18 (Modifiche al presente atto) Il presente atto potrà essere modificato solo per atto scritto e firmato da tutti i soggetti. Per quanto eventualmente non previsto dal presente atto si rimanda allo Studio di fattibilità. Per gli aspetti attuativi si rimanda ai Regolamenti dei Comitati. Art. 19 (Foro competente) Le Parti concordano di definire amichevolmente ogni controversia che possa nascere dalla interpretazione ed esecuzione del presente accordo. Qualora non sia possibile giungere ad una definizione conciliativa, le parti concordano che inderogabilmente ed esclusivamente competente per ogni controversia inerente la validità, l interpretazione, l esecuzione e la risoluzione per inadempimento del presente accordo sarà il Tribunale di Torino. Il Consiglio all unanimità ratifica il suddetto decreto. 4/3008/3.2 ****************** Il Presidente illustra il sotto riportato decreto d urgenza. Decreto Rettorale d Urgenza Repertorio n. 39/2008 Prot. n del 26/05/2008 Tit. V Cl. 8 Oggetto: Costituzione dell Associazione Temporanea di Scopo e Mandato Collettivo Speciale con Rappresentanza relativa al Polo Formativo per l IFTS Logistica Intermodale e Mobilità metropolitana, presentato Istituto di Istruzione Superiore G. Marconi di Tortona IL RETTORE VISTA la legge regionale , n. 63; VISTA la legge regionale della Regione Piemonte n. 44/00; VISTO l art. 69 della legge n. 144 del che stabilisce l istituzione del Sistema di Istruzione Formazione Tecnica Superiore; VISTA la DGR n del 1/8/2005 di approvazione della Direttiva / Atto di Indirizzo pluriennale IFTS 2005/07; VISTA la D.G.R. della Regione Piemonte n del che approva gli Indirizzi generali per l individuazione di un modello regionale di Polo formativo per l Istruzione e la Formazione Tecnica Superiore (IFTS) ; VISTA la D.D. della Regione Piemonte n. 606 del di approvazione del Bando per la presentazione di candidature e proposte progettuali, finalizzato alla raccolta di informazioni per l individuazione dei Poli formativi per l IFTS; 15

16 VISTA la lettera prot. n del assunta a protocollo n del con cui il Preside della Facoltà di Scienze Politiche esprime l interesse della Facoltà alla partecipazione al Polo formativo in oggetto; VISTA la delibera n.172 del Consiglio di Facoltà di Scienze Politiche con cui si ratifica il progetto in oggetto; VISTA la proposta di candidatura presentata alla regione Piemonte. VISTO l art. 39 del Regolamento Didattico di Ateneo; VISTA la D.D. della Regione Piemonte n. 828 del con cui è stato approvato l elenco delle candidature idonee; VISTA la D.D. della Regione Piemonte n. 168 del nella quale vengono indicati gli studi di fattibilità approvati e finanziabili; CONSIDERATO che le prossime sedute del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione sono previste in tempo non più utile per la costituzione della Associazione in oggetto; VALUTATA perciò l urgenza e la necessità di procedere alla costituzione della associazione suddetta prima dell inizio dei corsi in oggetto; VISTO l art. 15 dello Statuto di Ateneo, comma 1, lettera h, che conferisce al Rettore, in situazioni di necessità e indifferibile urgenza, di adottare provvedimenti di competenza degli organi di governo da lui presieduti, sottoponendoli per la ratifica all organo relativo nella seduta immediatamente successiva; VISTO l art. 15 dello Statuto di Ateneo, comma 1, lettera i, che conferisce al Rettore il potere di stipulare tutte le convenzioni e i contratti che non siano demandati alla competenza specifica delle singole strutture didattiche; CONSIDERATO che la costituzione dell associazione in oggetto non comporta alcun onere per l Università; PRESO ATTO che in forza della procura speciale la Dott.ssa Anna Chiara INVERNIZZI, Ricercatrice universitaria, è stata delegata per la sottoscrizione di atti relativi a Corsi, Corsi Post diploma, Corsi Post Laurea, Corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore finanziati con fondi esterni; VALUTATO ogni opportuno elemento; DECRETA 1. di costituire l Associazione Temporanea di Scopo e Mandato Speciale con Rappresentanza relativa al progetto Polo Formativo per l IFTS Logistica Intermodale e Mobilità metropolitana ; 2. di autorizzare la Dott.ssa Anna Chiara Invernizzi alla firma della Associazione Temporanea di Scopo; mediante il documento allegato 1. Il Rettore (Prof. Paolo Garbarino) 16

17 Allegato 1 ATTO COSTITUTIVO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO DENOMINATA POLO FORMATIVO/PROGETTO Logistica Intermodale e Mobilità metropolitana Soggetto capofila IS Marconi Istituto Istruzione Superiore Viale Einaudi 6, Tortona AL Istituzioni scolastiche ITIS Faccio Pz. Cesare Battisti Vercelli VC ITIS Ciampini Via Verdi 44 Novi Ligure AL ITIS Volta Spalto Marengo 42 Alessandria AL ITIS Grassi Via P. Veronese 305 Torino TO ITIS A. Avogadro Corso SAN Maurizio 8 Torino TO ITCS Piero Sraffa Str. Volvera 44, Orbassano TO IIS M. Buniva Via dei Rochis 25, Pinerolo TO Agenzie formative IAL CISL PIEMONTE S LUCA via Torrazza Piemonte 12 Torino TO F. Gheddo Via Adorno 4 Torino TO Nichelino via 25 aprile 139 Torino TO Avigliana via 4 novembre 19 Avigliana TO Solferino Pz Solferino 20 Torino TO Vercelli Via Pirandello 6 Vercelli VC Alessandria Pz Bini 5 Alessandria AL Casale Monferrato Pz S Francesco 16 Casale Monferrato AL Tortona pz D. Mossi 1 Tortona AL Arquata Pz bertelli 19 Arquata S. AL Casa di Carità Corso B. Brin 26 Torino TO ENAIP Piemonte - Corso Svizzera 355 Torino Sedi di Torino TO Sede di Alessandria AL Sede di Acqui Terme AL Sede di Vercelli VC Consorzio Per La Formazione, L Innovazione, La Qualità Via Trieste 42 Pinerolo TO ENGIM Piemonte Sede di Nichelino TO Sede di Pinerolo TO Sede di Torino via Palestro 14 Via Villar 25 Torino TO INFORCOOP Lega Piemonte Via Livorno 49 Torino TO 17

18 Università UNIVERSITA PIEMONTE ORIENTALE AVOGADRO Via Cavour 84 Alessandria AL POLITECNICO DI TORINO Corso Duca degli Abruzzi 24Torino TO Via T. Michel Alessandria AL Centri di ricerca SiTi istituto superiore sui sistemi territoriali per l innovazione Via Pier Carlo Boggio 61, Torino TO Istituto superiore M. Boella Via Piercarlo Boggio 61 Torino TO Inretes Av. Général Malleret ArcueilCedexFrancia Imprese e/o associazioni di categoria Lega Coop Piemonte Via Cavallotti, 49 Alessandria AL Sifte Berti Spa Via Baranzato 1 Vercelli VC Parco Scientifico Tecnologico e delle Telecomunicazioni in ValleScrivia Strada Comunale Savonesa, 9 Rivalta Scrivia Tortona AL Interporto di Rivalta Scrivia Spa Strada Comunale Savonesa, 12 Rivalta Scrivia Tortona AL Turing Flying Strada S. Maurizio, 12 Caselle Torinese TO Argol Spa Strada Statale Casale Torino, 8 Coniolo AL PLA Spa (Parco Logistico Alessandria) Piazza della Libertà Alessandria AL Confcooperative Piemonte Corso Francia, 9 Torino TO SLALA srl Porta Logistica del Sud Europa Corso Lamarmora, 31 Alessandria AL SAGAT Aeroporto di Torino Spa Strada S. Maurizio, 12 Caselle Torinese TO Gruppo Torinese Trasporti GTT SpA C.so Turati 19/6, Torino TO DEMA SpA Str. Macello 14, Buriasco TO LeM Consulting SrL Via San Vincenzo, Genova GE Fondazione Torino Wireless C.so Galileo Ferraris 64, Torino TO Consorzio 5T Srl C.so Bramante 66/A,Torino TO Assot (Agenzia per lo sviluppo del sud-ovest di Torino) Srl Via Alfieri 21, Orbassano TO Impronta Via Clotilde 48 Torino TO Car City Club Corso Cairoli 32 Torino TO FAI Federazione Autotrasportatori Ass. Provinciale di Torino Associazione di categoria Interporto Sito Via San Luigi 7 Orbassano TO PROGEFAI Soc. Coop. Interporto Sito Via San Luigi 7 Orbassano TO I sottoscritti, con i poteri meglio individuati nella autentica delle rispettive sottoscrizioni, PREMESSO - che i sottoscritti rappresentano i soggetti attuatori del progetto POLO FORMATIVO IFTS LOGISTICA INTERMODALE e MOBILITA METROPOLITANA (di seguito denominato Progetto ), approvato dal Direttore regionale Direzione Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro che, a seguito dell approvazione e del finanziamento concesso dagli Enti concedenti, si impegnano alla realizzazione secondo le modalità, i contenuti ed i costi relativi; - che, contestualmente alla partecipazione al bando regionale, i sottoscritti si sono impegnati a raggrupparsi in Associazione Temporanea di Scopo (A.T.S.) per l attuazione del Progetto per la 18

19 durata pluriennale da questo previsto; - che i sottoscritti intendono, con il presente atto, regolare il quadro giuridico ed organizzativo dell A.T.S. predetta, nonché conferire all' Istituto Statale di Istruzione Superiore "G. MARCONI" mandato collettivo speciale con rappresentanza, designandolo quale soggetto capofila, beneficiario e gestore del finanziamento; DICHIARANO di riunirsi in Associazione Temporanea di Scopo per lo svolgimento delle attività di cui al Progetto suindicato e a tale scopo i sottoscritti conferiscono mandato collettivo speciale gratuito e irrevocabile, con obbligo di rendiconto e con rappresentanza esclusiva e processuale all' Istituto Statale di Istruzione Superiore "G. MARCONI", e per esso al signor ARZANI ing. Carlo, suo rappresentante legale pro-tempore, il quale in forza della presente procura: a) - è autorizzato a stipulare, in nome e per conto dell' Istituto Statale di Istruzione Superiore "G. MARCONI" nonché dei Mandanti, con ogni più ampio potere e con promessa di rato e valido fin da ora, tutti gli atti consequenziali connessi alla realizzazione del Progetto; b) - è autorizzato a rappresentare in esclusiva, anche in sede processuale, gli associati, nei confronti dell Amministrazione, per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura dipendenti dal suddetto incarico, fino all estinzione di ogni rapporto. La A.T.S. è disciplinata da quanto disposto dai successivi articoli, nonché da specifici ulteriori accordi organizzativi che potranno essere stipulati fra i soggetti attuatori. Art. 1 (Impegni dei soggetti attuatori) 1) I sottoscritti, Mandatario e Mandanti, si obbligano, attraverso gli organi di gestione del Progetto. indicati nel seguito, a concordare le modalità, la tempistica e quanto connesso alla gestione e realizzazione del progetto anche in relazione ai compiti spettanti a ciascuna parte. 2) Ciascun associato eseguirà le prestazioni di propria competenza in totale autonomia fiscale, gestionale ed operativa, con personale responsabilità in ordine alla perfetta esecuzione dei compiti a ciascuno affidati, ferma restando la responsabilità solidale di tutti gli altri soggetti facenti parte della presente A.T.S.. 3) I soggetti attuatori, Mandatario e Mandanti, si impegnano inoltre sin da ora a fornire il più ampio quadro di collaborazione per la realizzazione dell intervento sperimentale e concordano altresì di favorire in ogni possibile forma, modalità operative per facilitare l integrazione tra le rispettive competenze. Art. 2 (Doveri del mandatario) 1) Il Mandatario si impegna a svolgere in favore della A.T.S. qualsiasi attività occorrente per la migliore redazione di tutti gli atti necessari al perfezionamento della concessione del finanziamento con gli Enti concedenti, nonché a coordinare: - gli aspetti amministrativi e legali correnti; - i rapporti con gli Enti concedenti il finanziamento. 2) In particolare il Mandatario assume: a) - la responsabilità e il coordinamento della rendicontazione delle attività finanziate svolte fino alla data di scadenza del progetto conformemente alle norme stabilite dalla Regione Piemonte, nonché la sottoscrizione degli atti necessari per la realizzazione del Progetto; b) - la responsabilità nei confronti dell Ente finanziatore, del coordinamento, progettazione e organizzazione delle attività connesse al progetto; c) - il coordinamento dei rapporti finanziari con gli Enti concedenti, provvedendo ad incassare le somme dovute sia in acconto che a saldo, indicando gli istituti di credito prescelti. 19

20 Art. 3 (Doveri dei mandanti) 1) Le modalità circa la realizzazione del progetto sono affidate agli associati Mandanti secondo quanto indicato nel progetto e specificato dai successivi accordi organizzativi. 2) I predetti soggetti sono tenuti inoltre alla elaborazione del rendiconto di tutti i costi relativi alle attività loro affidate nel rispetto della normativa vigente e delle procedure stabilite dagli Enti concedenti, nonché la predisposizione della relazione finale relativamente alle proprie attività. 3) Gli stessi dovranno inoltre partecipare a tutte le fasi previste per la realizzazione del Progetto. Art. 4 (Organi di coordinamento e gestione) 1) Come indicato al precedente art. 2, il coordinamento degli adempimenti amministrativi ed operativi, durante la realizzazione del Progetto, sarà demandato al Mandatario. 2) L A.T.S., nel rispetto delle indicazioni previste dal Bando Azioni di sistema per la presentazione di studi di fattibilità, individua nel Comitato di indirizzo, nel Comitato di Direzione- Gestione Polo e nel Consiglio Tecnico Scientifico, i principali organi attuativi e responsabili delle azioni che il Polo intende attivare. a) - Comitato di indirizzo: è composto da un rappresentante per ogni soggetto firmatario dell A.T.S.; è presieduto da rappresentante del soggetto capofila. b) - Comitato di Direzione-Gestione Polo: è costituito da: - Dirigente scolastico dell I.I.S. Marconi - Direttore dei Servizi Generali Amministrativi dell I.I.S. Marconi - n. 2 rappresentanti istituzioni scolastiche - n. 2 rappresentanti agenzie formative - n. 1 rappresentante imprese - n. 1 rappresentante università - n. 1 rappresentante centri di ricerca - n. 1 rappresentante del mondo cooperativo c) - Consiglio Tecnico Scientifico: è costituito da: - Dirigente scolastico dell I.I.S. Marconi - n. 1 rappresentante istituzioni scolastiche - n. 1 rappresentante agenzie formative - n. 3 rappresentanti imprese - n. 2 rappresentanti università - n. 2 rappresentanti centri di ricerca - n. 1 rappresentante del Parco Scientifico Tecnologico. Il Presidente è nominato tra i rappresentanti degli Atenei, dei Centri di ricerca e delle Associazioni di Impresa. Art. 5 (Il Responsabile amministrativo) 1) II Responsabile amministrativo è individuato nel Responsabile Amministrativo dell'ente capofila o, nel caso in cui questi sia rinunciatario, nominato dal Comitato di gestione. 2) Egli è responsabile della corretta tenuta della contabilità finanziaria del Progetto, assumendo come riferimento le voci e le entità finanziarie comprese nel preventivo approvato dalla Regione Piemonte. All'uopo si relaziona con il Comitato di gestione ed utilizza i necessari supporti tecnicoamministrativi onde produrre, per ogni singola voce di spesa, le opportune giustificazioni contabili. 20

21 3) Allo stesso competono le seguenti funzioni: a) - predispone le relazioni finanziarie da presentare periodicamente al Comitato di indirizzo; b) - predispone la documentazione richiesta dai competenti organismi degli Enti concedenti; c) - assolve agli adempimenti fiscali derivanti dalla gestione finanziaria del corso; d) - firma, congiuntamente al Presidente del Comitato di gestione, tutti gli atti che comportano decisioni di spesa; e) - predispone il rendiconto delle spese. Art. 6 (Controllo e ripartizione delle spese) 1) Il Mandatario ed i Mandanti sono tenuti al rispetto delle procedure definite dagli Enti concedenti per quanto riguarda l'effettuazione ed il controllo delle spese sostenute nell'ambito del progetto. 2) Ciascuna parte si fa comunque carico delle spese autonomamente assunte per l'esecuzione delle attività, fatta salva la sua eleggibilità e il conseguente finanziamento. 3) Tutte le spese di interesse comune, come ad es. quelle inerenti la sottoscrizione del presente atto, etc., saranno imputate fra i costi di competenza del soggetto capofila. Art. 7 (Riduzione del finanziamento) 1) Il finanziamento del Progetto/corso preventivamente determinato potrà essere proporzionalmente ridotto a seguito del mancato raggiungimento degli obiettivi e/o della durata prevista per il progetto stesso e pertanto ciascun soggetto partecipante alla presente A.T.S., sopporterà i rischi economici connessi a tale eventualità, in misura proporzionale rispetto alla quota di propria competenza e secondo le modalità preventivamente accettate. Art. 8 (Riservatezza) 1) Tutta la documentazione e le informazioni di carattere tecnico e metodologico, fornite da uno dei membri della A.T.S. ad un altro, dovranno essere considerate da quest'ultimo di carattere confidenziale. Esse non potranno essere utilizzate, per scopi diversi da quelli per i quali sono state fornite, senza una preventiva autorizzazione scritta dal soggetto che le ha fornite. Ciascuno dei soggetti avrà cura di applicare le opportune misure per mantenere circoscritte le informazioni e le documentazioni ottenute. Art. 9 (Validità) 1) Il presente atto entra in vigore alla data della sua firma e cesserà ogni effetto alla data di estinzione di tutte le obbligazioni assunte e, successivamente alla verifica amministrativa contabile effettuata da parte degli Enti conferenti il finanziamento sul rendiconto presentato, alla data dell avvenuta erogazione del saldo finale del finanziamento. Sarà comunque valido ed avrà effetto sin tanto che sussistano pendenze tra i soggetti attuatori e/o con gli stessi Enti concedenti tali da rendere applicabile il presente atto. Art. 10 (Partecipazione di altri soggetti) 1) E' possibile la partecipazione al Progetto di altri soggetti ritenuti utili al raggiungimento degli obiettivi di progetto, attraverso forme e modalità decise in sede di Comitato di Indirizzo. Tale eventualità si configura in particolare per Enti Locali, Fondazioni e Associazioni Professionali. Art. 11 (Modifiche al presente atto) 1) Il presente atto potrà essere modificato solo per atto scritto e firmato da tutti i soggetti. 21

Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS)

Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) REGIONE ABRUZZO Direzione Regionale Politiche Attive del Lavoro, Formazione, Istruzione. Politiche Sociali. P.O. F.S.E. ABRUZZO 2007/2013

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:..

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:.. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Realizzazione del Progetto:.. Il giorno.., in, avanti a me notaio.iscritto al collegio notarile di sono

Dettagli

Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza

Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza I sottoscritti Comune di Bresso, con sede in. Via.., legalmente rappresentata da Comune di Cinisello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA I sottoscritti: a) (Capofila). nato a il. nella sua qualità di.. e legale rappresentante

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Premessa CNR e CRUI hanno stipulato nel 2012 un Accordo Quadro per l'attuazione congiunta di programmi di ricerca nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

Presidente associazione di volontariato Età Libera

Presidente associazione di volontariato Età Libera COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA ASSOCIAZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO Gli argonauti della vita 13 I componenti: Luciano Piperno Graziella Albanesi Bruno Policiti Gabriele Orecchini Giuseppe Nania

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA ALLEGATO AL DECRETO CONVENZIONE TRA LA REGIONE LOMBARDIA E L ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA, QUALE SOGGETTO ATTUATORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO FINALIZZATO RETE CURE PALLIATIVE PER PAZIENTI INGUARIBILI

Dettagli

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@unipmn.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE PER LA RICERCA E LA

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Centro di Eccellenza Tecnologie scientifiche innovative applicate alla ricerca archeologica e storico-artistica Scientific Methodologies for

Dettagli

Fagnani Daniela Rosa. P.zza Leonardo da Vinci, 32 20133 Milano. daniela.fagnani@polimi.it

Fagnani Daniela Rosa. P.zza Leonardo da Vinci, 32 20133 Milano. daniela.fagnani@polimi.it C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo P.zza Leonardo da Vinci, 32 20133 Milano Telefono 3357755149-0295303306 Fax E-mail daniela.fagnani@polimi.it

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures)

Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures) Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures) Emanato con Decreto del Rettore n. 1359/AG del 04 maggio 2013 Art. 1 Finalità Il Laboratorio

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Allegato n.1 di 3 pagine al Decreto n.50/2016 Anno Accademico 2015/2016 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO (approvato nella seduta del CdA del 22 marzo 2011 - modificato con delibera n. 5 del S.A. del 08/05/2012) Art. 1 Definizione 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO

ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO Avviso per il finanziamento di progetti finalizzati a rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto della violenza di genere Fondo per le Politiche relative a i Diritti e le Pari Opportunità pubblicato

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos.: UPTA Decreto n. 128 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER TECNICO-INFORMATICO ESPERTO IN DATABASE

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Senato Accademico 17 dicembre 2012 Consiglio di Amministrazione 31 gennaio 2013 Decreto Rettorale Rep. n. 200/2013 Prot. n 3759 del 13 febbraio 2013 Albo di Ateneo Pubblicato all Albo di Ateneo con n.

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007 Oggi in Pavia, alle ore 15.00, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Il Direttore Generale Procedure conferimento incarico La nomina del Direttore Generale, ai sensi dell art. 1 D.L. 27 agosto 1994, n. 512 ss.mm.ii., avviene previo esperimento di pubblica selezione disposta

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO

STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO Articolo 1 - Denominazione È costituita dalla Compagnia di San Paolo, dall Università degli Studi di Torino e dal Politecnico di Torino una Fondazione

Dettagli

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015 REGIONE PIEMONTE BU43 29/10/2015 Codice A1108A D.D. 8 settembre 2015, n. 512 Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 677/2016 ADOTTATA IN DATA 14/04/2016 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 677/2016 ADOTTATA IN DATA 14/04/2016 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 677/2016 ADOTTATA IN DATA 14/04/2016 OGGETTO: Stipula convenzione con l Università degli studi di Milano- Bicocca per l attribuzione delle funzioni assistenziali e la direzione dell USC

Dettagli

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04500/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04500/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04500/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 144 approvata il 1 ottobre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979 Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Mariangela Mazzaglia Indirizzo (residenza) Via Flarer, n. 25 27100 Pavia Telefono 06 97727075 (MIUR) Fax 06 97727391 (MIUR) E-mail mariangela.mazzaglia@miur.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Riunione Data: Orario Approvato il Sede: Nr.4 11/10/12 11.10 Seduta stante Sala Consiglio del Rettorato

Riunione Data: Orario Approvato il Sede: Nr.4 11/10/12 11.10 Seduta stante Sala Consiglio del Rettorato Riunione Data: Orario Approvato il Sede: Nr.4 11/10/12 11.10 Seduta stante Sala Consiglio del Rettorato Presente Assente Note Presidente Prof. Michele SCUDIERO Componenti Prof.ssa Anna Maria GUERRIERI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALL ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI SCIENTIFICI E PER LA CONCESSIONE DEL LOGO E

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU12 24/03/2011

REGIONE PIEMONTE BU12 24/03/2011 REGIONE PIEMONTE BU12 24/03/2011 Codice DB1801 D.D. 9 dicembre 2010, n. 1393 Progetto "Master dei talenti della societa' civile" promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e dalla Fondazione

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

:o~ 32..t, (f. ?-la-~~okl-i SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 27 OH. 2015. È assente: sig. Luca Lucchetti. ... OMISSIS...

:o~ 32..t, (f. ?-la-~~okl-i SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 27 OH. 2015. È assente: sig. Luca Lucchetti. ... OMISSIS... 27 OH. 2015 Nell'anno duemilaqulndici, addì 27 ottobre alle ore 15.40, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0068366 del 22.10.2015 per l'esame e la

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE VIII. FINANZA CONTABILITA E BILANCIO PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE Il Consiglio,, VISTE le proprie delibere, assunte nelle riunioni del 29.12.2009 e del 23.03.2010; VISTI

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G. decreto n. 247 IL RETTORE VISTO PRESO ATTO VISTA VISTE PRESO ATTO VISTA VISTO il D.M. n. 198/2003 Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire

Dettagli

Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA

Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA Convenzione Quadro Per il potenziamento dell attività formativa e di ricerca nei settori afferenti l ambiente marino TRA l Università degli Studi di Genova (di seguito anche Unige ), codice fiscale e partita

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Divisione Didattica e Studenti

Divisione Didattica e Studenti Divisione Didattica e Studenti Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Progetti per la Didattica Decreto del Rettore Repertorio n. 306/2010 Prot. n. 16328 del 22/07/2010 Tit. III Cl.

Dettagli

Silvia Salerno. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. Data di nascita 18 dicembre 1969 Qualifica. Amministrazione. Incarico attuale.

Silvia Salerno. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. Data di nascita 18 dicembre 1969 Qualifica. Amministrazione. Incarico attuale. 1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvia Salerno Data di nascita 18 dicembre 1969 Qualifica EP Amministrazione Università degli Studi di Palermo Incarico attuale Responsabile del Settore Programmazione, Controllo

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico;

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico; AREA SERVZI PATRIMONIALI E LOGISTICI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 307/2016 Prot n. 50887 del 07/04/2016 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 30 agosto 2012, n. 719 prot. n. 102538,

Dettagli

U.S.R Decreto n. 1682

U.S.R Decreto n. 1682 U.S.R Decreto n. 1682 IL RETTORE VISTO l'art.75 dello Statuto dell'ateneo; VISTO il D.Lgs. n. 165/2001 e successive modifiche ed integrazioni; VISTO il CCNL Comparto Università, sottoscritto in data 16.10.08;

Dettagli