1 di 8 12/01/ :04

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 di 8 12/01/2012 10:04"

Transcript

1 1 di 8 12/01/ :04 English - Versione accessibile - Mappa - Contattaci - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Soggetti vigilati - Per gli intermediari La Consob Emittenti Intermediari Mercati Regolamentazione Area interattiva Educazione finanziaria Camera conciliazione e arbitrato Gare e contratti RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI IN MATERIA DI COMUNICAZIONE DELLE POSIZIONI NETTE CORTE SU TITOLI AZIONARI (delibera n del 10 luglio 2011, vigente per effetto della delibera n dell'11 novembre 2011). Versione aggiornata al 29 novembre Quali sono gli emittenti per i quali è previsto un regime di comunicazione delle posizioni nette corte sui titoli azionari? La comunicazione è dovuta per le posizioni nette corte riferibili agli emittenti le cui azioni hanno un mercato regolamentato italiano come mercato principale. A tal fine si può fare riferimento al database pubblicato dall ESMA all indirizzo 2. Quali tipologie di strumenti finanziari devono essere ricompresi nel calcolo della posizione netta corta? Nel calcolo della posizione netta corta devono essere incluse tutte le tipologie di strumenti finanziari il cui valore è collegato al valore delle azioni di un determinato emittente. A tal fine, dovranno essere comprese sia le posizioni detenute su singole azioni emesse da uno degli emittenti oggetto del regime di comunicazione, sia le posizioni in strumenti finanziari il cui valore dipende da quello delle stesse azioni oppure da un paniere di titoli o da un indice che, almeno in parte, le comprendano. Per ciò che concerne le azioni, andranno considerate tutte le tipologie di azioni emesse, sia con riferimento al calcolo del denominatore che nell ambito del calcolo della posizione netta corta. Chiarimenti sui nuovi obblighi di comunicazione Delibera n del 28 aprile 2010 Domande frequenti in materia di comunicazione delle posizioni nette corte su titoli azionari Domande frequenti sulle vendite allo scoperto Uffici Consob per gli intermediari D.Lgs n. 58/1998 Regolamento n /2007 D.M. n. 468/1998 D.M. n. 469/1998 D.M. n. 470/1998 Normativa e orientamenti Consob Al riguardo, a titolo puramente esemplificativo, dovranno essere considerate, tra le altre, le seguenti operazioni che non esauriscono la possibile casistica di strumenti da includere nel calcolo: acquisti o vendite di azioni, di Exchange Traded Funds (ETFs), di American Depositary Receipt (ADR) e di analoghi certificati rappresentativi di azioni, di cowered warrant e certificates; operazioni su opzioni, swap, future e contract for difference. Con riferimento agli ADR ed agli analoghi certificati rappresentativi di azioni, le azioni detenute dalla banca depositaria a fronte delle emissioni dei suddetti certificati, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta. Per ciò che concerne gli strumenti finanziari derivati, essi andranno compresi nel calcolo della posizione netta corta, indipendentemente dalla circostanza che essi siano cash-settled o prevedano la consegna fisica dei titoli sottostanti. Nel calcolo della posizione netta corta andranno considerate anche gli acquisti e le vendite di obbligazioni convertibili, warrant ed inoltre, di tutti quegli strumenti finanziari che comportano l assunzione di una posizione ribassista, come ad esempio gli ETF che replicano in senso inverso l andamento di un titolo o un indice (c.d. ETF short o reverse ETF ). Al contrario, nel calcolo della posizione netta corta non andranno considerate le posizioni su credit default swap (CDS). Inoltre, non andranno considerate le operazioni di prestito titoli e di pronti contro termine. 3. Nel calcolo della posizione netta corta vanno considerate anche le operazioni OTC? Nel calcolo della posizione netta corta vanno incluse tutte le operazioni su strumenti finanziari, indicate nella risposta alla domanda precedente, indipendentemente dalla sede di negoziazione.

2 2 di 8 12/01/ :04 4. In che modo vanno considerate le operazioni di prestito titoli? Le operazioni di prestito titoli non entrano nel calcolo della posizione netta corta. Di conseguenza, le azioni date a prestito rientrano nel calcolo della posizione lunga del prestatore, e sono escluse dalla posizione del prenditore. 5. Cosa si intende per delta nel calcolo della posizione netta corta? Il delta indica la sensibilità del valore teorico di uno strumento finanziario alla variazione del prezzo del titolo sottostante. Il delta consente di determinare la posizione detenuta su strumenti finanziari, il cui valore dipende da quello di un titolo sottostante, in termini di numero di azioni equivalente. Ai fini del calcolo della posizione netta corta oggetto della comunicazione, il delta deve essere calcolato con riferimento al prezzo di chiusura del titolo sottostante. 6. I market maker, gli specialist e i liquidity provider sono esentati dal regime di comunicazione delle posizioni nette corte? La Delibera n esplicitamente prevede che l obbligo di comunicazione non si applichi all attività posta in essere dai market maker, limitatamente all attività posta in essere nello svolgimento della funzione. Va peraltro ribadito che la figura di market maker non corrisponde a quella prevista dall'articolo 1, comma 5-quater del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, per ciò che concerne la limitazione ivi contenuta ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione. Il concetto di market maker, dunque, ai soli fini degli obblighi di comunicazione delle posizioni nette corte, non è limitato all attività effettuata sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, ma comprende altresì l operatività "fuori mercato". Ad esempio, sono considerati market maker, ai fini della Delibera n , gli internalizzatori sistematici. Analogamente, il regime di comunicazione non si applica agli specialisti, così come definiti nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A., e agli intermediari che operano in esecuzione di un contratto di liquidità sottoscritto con l'emittente o con un altro "Soggetto interessato", come definito nella Delibera Consob n del 19 marzo 2009 (liquidity provider), purché l attività sia posta in essere nello svolgimento della loro funzione nei mercati regolamentati. Rimane dunque esclusa l operatività effettuata fuori dai mercati regolamentati. In ogni caso, la posizione netta corta che si viene a creare dall'attività esentata non deve essere di entità significativa, se non per periodi di tempo molto brevi. In generale, l esenzione per market maker, specialist e liquidity provider è stata concessa sulla base dell analisi dei relativi contratti all 11 agosto La Consob quindi valuterà se i nuovi contratti rientrino nelle fattispecie previste dalla Delibera e quindi possano usufruire delle esenzioni ivi previste. L'esenzione non è comunque soggetta ad una preventiva autorizzazione della Consob. Inoltre, limitatamente alla negoziazione di titoli azionari su mercati regolamentati e/o sistemi multilaterali di negoziazione, ai fini della concessione della predetta esenzione, la qualifica di market maker o di liquidity provider, in relazione alla funzione della relativa attività, può riconoscersi solo con riguardo ai titoli che necessitano della presenza di un supporto alla liquidità, tali non essendo, ad esempio, i titoli appartenenti all indice FTSEMIB. Il giudizio sulla necessità di un supporto alla liquidità per i titoli non appartenenti all'indice FTSEMIB può essere presa dal gestore del mercato regolamentato e/o del sistema multilaterale di negoziazione o dall'emittente, e trova esplicazione nell'accordo sottoscritto, rispettivamente, con il market maker o con il liquidity provider per la fornitura della liquidità. Inoltre, per quanto concerne i market maker che svolgono la propria attività al di fuori dei mercati regolamentati e/o dei sistemi multilaterali di negoziazione (ad es. gli internalizzatori sistematici), questi possono beneficiare dell'esenzione anche per gli scambi di titoli appartenenti all'indice FTSEMIB. Si specifica che le eventuali posizioni, lunghe e/o corte, assunte nell ambito delle suddette attività, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta del soggetto giuridico di riferimento, anche qualora esse vengano svolte sotto la responsabilità di un centro decisionale comune ad altre unità di business. 7. E prevista una pubblicazione dei report ricevuti dalla Consob? La Delibera n prevede esclusivamente un regime di reporting all Autorità. Di conseguenza non è prevista alcuna comunicazione al mercato delle informazioni ricevute in merito alle posizioni nette corte. 8. Qual è il livello di consolidamento delle posizioni per i soggetti

3 3 di 8 12/01/ :04 giuridici? Le istruzioni alla Delibera n prevedono che, in via generale, i soggetti giuridici dovranno calcolare un unica posizione netta corta. Tuttavia, con riferimento ai soggetti giuridici nel cui ambito operano centri decisionali autonomi, è necessario consolidare le singole posizioni con riferimento al soggetto responsabile delle decisioni di investimento. A tal fine, compete ai soggetti interessati l individuazione, per ciascuna attività svolta, del soggetto responsabile delle decisioni. Ciò premesso, con riferimento alle società di gestione ed agli altri soggetti giuridici che gestiscono investimenti per conto dei propri clienti, le posizioni dei singoli clienti dovranno essere tra loro consolidate, a livello di singolo centro decisionale, solo nel caso in cui esse siano il risultato di gestioni discrezionali. Al contrario, nel caso di gestioni non discrezionali, le posizioni dovranno essere calcolate a livello di ogni singolo cliente, che sarà altresì responsabile delle eventuali comunicazioni. 9. Se un investitore ha rapporti presso più intermediari, deve consolidarli ai fini del calcolo della posizione netta corta? Si, l investitore, nell effettuare il calcolo della posizione netta corta, deve tenere conto di tutte le posizioni in strumenti finanziari per le quali rappresenta il soggetto responsabile delle decisioni di investimento, anche se detiene tali posizioni presso intermediari diversi. Ulteriori domande sull'applicazione della Delibera n possono essere inviate a: RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI IN MATERIA DI COMUNICAZIONE DELLE POSIZIONI NETTE CORTE SU TITOLI AZIONARI (delibera n del 10 luglio 2011, vigente per effetto della delibera n del 28 settembre 2011). Versione aggiornata al 30 settembre Quali sono gli emittenti per i quali è previsto un regime di comunicazione delle posizioni nette corte sui titoli azionari? La comunicazione è dovuta per le posizioni nette corte riferibili agli emittenti le cui azioni hanno un mercato regolamentato italiano come mercato principale. A tal fine si può fare riferimento al database pubblicato dall ESMA all indirizzo 2. Quali tipologie di strumenti finanziari devono essere ricompresi nel calcolo della posizione netta corta? Nel calcolo della posizione netta corta devono essere incluse tutte le tipologie di strumenti finanziari il cui valore è collegato al valore delle azioni di un determinato emittente. A tal fine, dovranno essere comprese sia le posizioni detenute su singole azioni emesse da uno degli emittenti oggetto del regime di comunicazione, sia le posizioni in strumenti finanziari il cui valore dipende da quello delle stesse azioni oppure da un paniere di titoli o da un indice che, almeno in parte, le comprendano. Per ciò che concerne le azioni, andranno considerate tutte le tipologie di azioni emesse, sia con riferimento al calcolo del denominatore che nell ambito del calcolo della posizione netta corta. Al riguardo, a titolo puramente esemplificativo, dovranno essere considerate, tra le altre, le seguenti operazioni che non esauriscono la possibile casistica di strumenti da includere nel calcolo: acquisti o vendite di azioni, di Exchange Traded Funds (ETFs), di American Depositary Receipt (ADR) e analoghi certificati rappresentativi di azioni, di cowered warrant e certificates; operazioni su opzioni, swap, future e contract for difference. Con riferimento agli ADR ed agli analoghi certificati rappresentativi di azioni, le azioni detenute dalla banca depositaria a fronte delle emissioni dei suddetti certificati, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta. Per ciò che concerne gli strumenti finanziari derivati, essi andranno compresi nel calcolo della posizione netta corta, indipendentemente dalla circostanza che essi siano cash-settled o prevedano la consegna fisica dei titoli sottostanti. Nel calcolo della posizione netta corta andranno considerate anche gli acquisti e le vendite di obbligazioni convertibili, warrant ed inoltre, di tutti quegli strumenti finanziari che comportano l assunzione di una posizione ribassista, come ad esempio gli ETF che replicano in senso inverso l andamento di un titolo o un indice (c.d. ETF short o reverse ETF ).

4 4 di 8 12/01/ :04 Al contrario, nel calcolo della posizione netta corta non andranno considerate le posizioni su credit default swap (CDS). 3. Nel calcolo della posizione netta corta vanno considerate anche le operazioni OTC? Nel calcolo della posizione netta corta vanno incluse tutte le operazioni su strumenti finanziari, indicate nella risposta alla domanda precedente, indipendentemente dalla sede di negoziazione. 4. In che modo vanno considerate le operazioni di prestito titoli? Le operazioni di prestito titoli non entrano nel calcolo della posizione netta corta. Di conseguenza, le azioni date a prestito rientrano nel calcolo della posizione lunga del prestatore, e sono escluse dalla posizione del prenditore. 5. Cosa si intende per delta nel calcolo della posizione netta corta? Il delta indica la sensibilità del valore teorico di uno strumento finanziario alla variazione del prezzo del titolo sottostante. Il delta consente di determinare la posizione detenuta su strumenti finanziari, il cui valore dipende da quello di un titolo sottostante, in termini di numero di azioni equivalente. Ai fini del calcolo della posizione netta corta oggetto della comunicazione, il delta deve essere calcolato con riferimento al prezzo di chiusura del titolo sottostante. 6. I market maker, gli specialist e i liquidity provider sono esentati dal regime di comunicazione delle posizioni nette corte? La Delibera n esplicitamente prevede che l obbligo di comunicazione non si applichi all attività posta in essere dai market maker, limitatamente all attività posta in essere nello svolgimento della funzione. Va peraltro ribadito che la figura di market maker non corrisponde a quella prevista dall'articolo 1, comma 5-quater del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, per ciò che concerne la limitazione ivi contenuta ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione. Il concetto di market maker, dunque, ai soli fini degli obblighi di comunicazione delle posizioni nette corte, non è limitato all attività effettuata sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, ma comprende altresì l operatività "fuori mercato". Ad esempio, sono considerati market maker, ai fini della Delibera n , gli internalizzatori sistematici. Analogamente, il regime di comunicazione non si applica agli specialisti, così come definiti nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A., e agli intermediari che operano in esecuzione di un contratto di liquidità sottoscritto con l'emittente (liquidity provider), purché l attività sia posta in essere nello svolgimento della loro funzione nei mercati regolamentati. Rimane dunque esclusa l operatività effettuata fuori dai mercati regolamentati. In generale, l esenzione per market maker, specialist e liquidity provider è stata concessa sulla base dell analisi dei relativi contratti all 11 agosto La Consob quindi valuterà se i nuovi contratti rientrino nelle fattispecie previste dalla Delibera e quindi possano usufruire delle esenzioni ivi previste. Inoltre, limitatamente alla negoziazione di titoli azionari su mercati regolamentati e/o sistemi multilaterali di negoziazione, ai fini della concessione della predetta esenzione, la qualifica di market maker o di liquidity provider, in relazione alla funzione della relativa attività, può riconoscersi solo con riguardo ai titoli che necessitano della presenza di un supporto alla liquidità, tali non essendo, ad esempio, i titoli appartenenti all indice FTSEMIB. Si specifica che le eventuali posizioni, lunghe e/o corte, assunte nell ambito delle suddette attività, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta del soggetto giuridico di riferimento, anche qualora esse vengano svolte sotto la responsabilità di un centro decisionale comune ad altre unità di business. 7. E prevista una pubblicazione dei report ricevuti dalla Consob? La Delibera n prevede esclusivamente un regime di reporting all Autorità. Di conseguenza non è prevista alcuna comunicazione al mercato delle informazioni ricevute in merito alle posizioni nette corte. 8. Qual è il livello di consolidamento delle posizioni per i soggetti giuridici? Le istruzioni alla Delibera n prevedono che, in via generale, i soggetti giuridici dovranno calcolare un unica posizione netta corta. Tuttavia, con riferimento ai soggetti giuridici nel cui ambito operano centri decisionali autonomi, è necessario consolidare le singole posizioni con riferimento al soggetto responsabile delle decisioni di investimento. A tal fine, compete ai soggetti interessati l individuazione, per ciascuna attività svolta, del soggetto

5 5 di 8 12/01/ :04 responsabile delle decisioni. Ciò premesso, con riferimento alle società di gestione ed agli altri soggetti giuridici che gestiscono investimenti per conto dei propri clienti, le posizioni dei singoli clienti dovranno essere tra loro consolidate, a livello di singolo centro decisionale, solo nel caso in cui esse siano il risultato di gestioni discrezionali. Al contrario, nel caso di gestioni non discrezionali, le posizioni dovranno essere calcolate a livello di ogni singolo cliente, che sarà altresì responsabile delle eventuali comunicazioni. 9. Se un investitore ha rapporti presso più intermediari, deve consolidarli ai fini del calcolo della posizione netta corta? Si, l investitore, nell effettuare il calcolo della posizione netta corta, deve tenere conto di tutte le posizioni in strumenti finanziari per le quali rappresenta il soggetto responsabile delle decisioni di investimento, anche se detiene tali posizioni presso intermediari diversi. RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI IN MATERIA DI COMUNICAZIONE DELLE POSIZIONI NETTE CORTE SU TITOLI AZIONARI (delibera n del 10 luglio 2011, vigente per effetto della delibera n del 25 agosto 2011). Versione aggiornata al 26 agosto Quali sono gli emittenti per i quali è previsto un regime di comunicazione delle posizioni nette corte sui titoli azionari? La comunicazione è dovuta per le posizioni nette corte riferibili agli emittenti le cui azioni hanno un mercato regolamentato italiano come mercato principale. A tal fine si può fare riferimento al database pubblicato dall ESMA all indirizzo 2. Quali tipologie di strumenti finanziari devono essere ricompresi nel calcolo della posizione netta corta? Nel calcolo della posizione netta corta devono essere incluse tutte le tipologie di strumenti finanziari il cui valore è collegato al valore delle azioni di un determinato emittente. A tal fine, dovranno essere comprese sia le posizioni detenute su singole azioni emesse da uno degli emittenti oggetto del regime di comunicazione, sia le posizioni in strumenti finanziari il cui valore dipende da quello delle stesse azioni oppure da un paniere di titoli o da un indice che, almeno in parte, le comprendano. Per ciò che concerne le azioni, andranno considerate tutte le tipologie di azioni emesse, sia con riferimento al calcolo del denominatore che nell ambito del calcolo della posizione netta corta. Al riguardo, a titolo puramente esemplificativo, dovranno essere considerate, tra le altre, le seguenti operazioni che non esauriscono la possibile casistica di strumenti da includere nel calcolo: acquisti o vendite di azioni, di Exchange Traded Funds (ETFs), di American Depositary Receipt (ADR) e di analoghi certificati rappresentativi di azioni, di cowered warrant e certificates; operazioni su opzioni, swap, future e contract for difference. Con riferimento agli ADR ed agli analoghi certificati rappresentativi di azioni, le azioni detenute dalla banca depositaria a fronte delle emissioni dei suddetti certificati, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta. Per ciò che concerne gli strumenti finanziari derivati, essi andranno compresi nel calcolo della posizione netta corta, indipendentemente dalla circostanza che essi siano cash-settled o prevedano la consegna fisica dei titoli sottostanti. Al contrario, n Nel calcolo della posizione netta corta delle posizioni nette corte non andranno considerate anche gli acquisti e le vendite di le posizioni su obbligazioni convertibili, e warrant. ed inoltre, di tutti quegli strumenti finanziari che comportano l assunzione di una posizione ribassista, come ad esempio gli ETF che replicano in senso inverso l andamento di un titolo o un indice (c.d. ETF short o reverse ETF ). Al contrario, nel calcolo della posizione netta corta non andranno considerate le posizioni su credit default swap (CDS). 3. Nel calcolo della posizione netta corta vanno considerate anche le operazioni OTC? Nel calcolo della posizione netta corta vanno incluse tutte le operazioni su strumenti finanziari, indicate nella risposta alla domanda precedente,

6 6 di 8 12/01/ :04 indipendentemente dalla sede di negoziazione. 4. In che modo vanno considerate le operazioni di prestito titoli? Le operazioni di prestito titoli non entrano nel calcolo della posizione netta corta. Di conseguenza, le azioni date a prestito rientrano nel calcolo della posizione lunga del prestatore, e sono escluse dalla posizione del prenditore. 5. Cosa si intende per delta nel calcolo della posizione netta corta? Il delta indica la sensibilità del valore teorico di uno strumento finanziario alla variazione del prezzo del titolo sottostante. Il delta consente di determinare la posizione detenuta su strumenti finanziari, il cui valore dipende da quello di un titolo sottostante, in termini di numero di azioni equivalente. Ai fini del calcolo della posizione netta corta oggetto della comunicazione, il delta deve essere calcolato con riferimento al prezzo di chiusura del titolo sottostante. 6. I market maker, gli specialist e i liquidity provider sono esentati dal regime di comunicazione delle posizioni nette corte? La Delibera n esplicitamente prevede che l obbligo di comunicazione non si applichi all attività posta in essere dai market maker, limitatamente all attività posta in essere nello svolgimento della funzione. Va peraltro ribadito che la figura di market maker non corrisponde a quella prevista dall'articolo 1, comma 5-quater del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, per ciò che concerne la limitazione ivi contenuta ai mercati regolamentati e ai sistemi multilaterali di negoziazione. Il concetto di market maker, dunque, ai soli fini degli obblighi di comunicazione delle posizioni nette corte, non è limitato all attività effettuata sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, ma comprende altresì l operatività "fuori mercato". Ad esempio, sono considerati market maker, ai fini della Delibera n , gli internalizzatori sistematici. Analogamente, il regime di comunicazione non si applica agli specialisti, così come definiti nel Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A., e agli intermediari che operano in esecuzione di un contratto di liquidità (liquidity provider), purché l attività sia posta in essere nello svolgimento della loro funzione nei mercati regolamentati. Rimane dunque esclusa l operatività effettuata fuori dai mercati regolamentati. In generale, l esenzione per market maker, specialist e liquidity provider è stata concessa sulla base dell analisi dei relativi contratti all 11 agosto La Consob quindi valuterà se i nuovi contratti rientrino nelle fattispecie previste dalla Delibera e quindi possano usufruire delle esenzioni ivi previste. Si specifica che le eventuali posizioni, lunghe e/o corte, assunte nell ambito delle suddette attività, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta del soggetto giuridico di riferimento, anche qualora esse vengano svolte sotto la responsabilità di un centro decisionale comune ad altre unità di business. 7. E prevista una pubblicazione dei report ricevuti dalla Consob? La Delibera n prevede esclusivamente un regime di reporting all Autorità. Di conseguenza non è prevista alcuna comunicazione al mercato delle informazioni ricevute in merito alle posizioni nette corte. 8. Qual è il livello di consolidamento delle posizioni per i soggetti giuridici? Le istruzioni alla Delibera n prevedono che, in via generale, i soggetti giuridici dovranno calcolare un unica posizione netta corta. Tuttavia, con riferimento ai soggetti giuridici nel cui ambito operano centri decisionali autonomi, è necessario consolidare le singole posizioni con riferimento al soggetto responsabile delle decisioni di investimento. A tal fine, compete ai soggetti interessati l individuazione, per ciascuna attività svolta, del soggetto responsabile delle decisioni. Ciò premesso, con riferimento alle società di gestione ed agli altri soggetti giuridici che gestiscono investimenti per conto dei propri clienti, le posizioni dei singoli clienti dovranno essere tra loro consolidate, a livello di singolo centro decisionale, solo nel caso in cui esse siano il risultato di gestioni discrezionali. Al contrario, nel caso di gestioni non discrezionali, le posizioni dovranno essere calcolate a livello di ogni singolo cliente, che sarà altresì responsabile delle eventuali comunicazioni. 9. Se un investitore ha rapporti presso più intermediari, deve consolidarli ai fini del calcolo della posizione netta corta? Si, l investitore, nell effettuare il calcolo della posizione netta corta, deve tenere conto di tutte le posizioni in strumenti finanziari per le quali

7 7 di 8 12/01/ :04 rappresenta il soggetto responsabile delle decisioni di investimento, anche se detiene tali posizioni presso intermediari diversi. RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI IN MATERIA DI COMUNICAZIONE DELLE POSIZIONI NETTE CORTE SU TITOLI AZIONARI (DELIBERA N del 10 LUGLIO 2011). Versione aggiornata al 21 luglio Quali sono gli emittenti per i quali è previsto un regime di comunicazione delle posizioni nette corte sui titoli azionari? La comunicazione è dovuta per le posizioni nette corte riferibili agli emittenti le cui azioni hanno un mercato regolamentato italiano come mercato principale. A tal fine si può fare riferimento al database pubblicato dall ESMA all indirizzo 2. Quali tipologie di strumenti finanziari devono essere ricompresi nel calcolo della posizione netta corta? Nel calcolo della posizione netta corta devono essere incluse tutte le tipologie di strumenti finanziari il cui valore è collegato al valore delle azioni di un determinato emittente. A tal fine, dovranno essere comprese sia le posizioni detenute su singole azioni emesse da uno degli emittenti oggetto del regime di comunicazione, sia le posizioni in strumenti finanziari il cui valore dipende da quello delle stesse azioni oppure da un paniere di titoli o da un indice che, almeno in parte, le comprendano. Per ciò che concerne le azioni, andranno considerate tutte le tipologie di azioni emesse, sia con riferimento al calcolo del denominatore che nell ambito del calcolo della posizione netta corta. Al riguardo, a titolo puramente esemplificativo, dovranno essere considerate, tra le altre, le seguenti operazioni che non esauriscono la possibile casistica di strumenti da includere nel calcolo: acquisti o vendite di azioni, di Exchange Traded Funds (ETFs), di American Depositary Receipt (ADR) e di analoghi certificati rappresentativi di azioni; operazioni su opzioni, swap, future e contract for difference. Con riferimento agli ADR ed agli analoghi certificati rappresentativi di azioni, le azioni detenute dalla banca depositaria a fronte delle emissioni dei suddetti certificati, non andranno considerate nel calcolo della posizione netta corta. Per ciò che concerne gli strumenti finanziari derivati, essi andranno compresi nel calcolo della posizione netta corta, indipendentemente dalla circostanza che essi siano cash-settled o prevedano la consegna fisica dei titoli sottostanti. Al contrario, nel calcolo delle posizioni nette corte non andranno considerate le posizioni suobbligazioni convertibili e warrant. 3. Nel calcolo della posizione netta corta vanno considerate anche le operazioni OTC? Nel calcolo della posizione netta corta vanno incluse tutte le operazioni su strumenti finanziari, indicate nella risposta alla domanda precedente, indipendentemente dalla sede di negoziazione. 4. In che modo vanno considerate le operazioni di prestito titoli? Le operazioni di prestito titoli non entrano nel calcolo della posizione netta corta. Di conseguenza, le azioni date a prestito rientrano nel calcolo della posizione lunga del prestatore, e sono escluse dalla posizione del prenditore. 5. Cosa si intende per delta nel calcolo della posizione netta corta? Il delta indica la sensibilità del valore teorico di uno strumento finanziario alla variazione del prezzo del titolo sottostante. Il delta consente di determinare la posizione detenuta su strumenti finanziari, il cui valore dipende da quello di un titolo sottostante, in termini di numero di azioni equivalente. Ai fini del calcolo della posizione netta corta oggetto della comunicazione, il delta deve essere calcolato con riferimento al prezzo di chiusura del titolo sottostante. 6. I market maker, gli specialist e i liquidity provider sono esentati dal regime di comunicazione delle posizioni nette corte? La Delibera n esplicitamente prevede che l obbligo di comunicazione non si applichi all attività posta in essere dai market maker, limitatamente all attività posta in essere nello svolgimento della funzione. Va peraltro ribadito che la figura di market maker non corrisponde a quella prevista dall'articolo 1, comma 5-quater del Decreto Legislativo n. 58 del 24

1 di 6 03/09/2012 09.23

1 di 6 03/09/2012 09.23 1 di 6 03/09/2012 09.23 English - Versione accessibile - Mappa - Contattaci - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Soggetti vigilati - Per gli intermediari La Consob Emittenti Intermediari

Dettagli

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue;

2. le modalità per determinare l autorità competente ai fini dell esenzione, specie nel caso di istanti residenti in Paesi extra-ue; Comunicazione congiunta Banca d Italia/Consob in merito al recepimento degli Orientamenti emanati dall AESFEM (ESMA), concernenti l esenzione per attività di supporto agli scambi (market making) e operazioni

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 Delibera n. 19461 1 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2016 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 Delibera Consob 21 dicembre 2012 n. 18427 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2013 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ

Dettagli

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2012 (GU n.

Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2012 (GU n. Deliberazione Consob 28 dicembre 2011 n. 18051. Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell art. 40 della legge n. 724/1994, per l esercizio 2012 (GU n. 34 del 10-2-2012) LA COMMISSIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA DETERMINAZIONE DELLA MISURA DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA, AI SENSI DELL ART. 40 DELLA LEGGE N. 724/1994, PER L ESERCIZIO 2015 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTA la legge 7 giugno 1974,

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 24.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 86/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 236/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 14 marzo 2012 relativo alle vendite allo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h)

Come da successivo comma 2, punto 2/2. Art. 1, lett. h) Art. 1, lett. b) Art. 1, lett. c) Art. 1, lett. d) Art. 1, lett. e) Imprese di investimento comunitarie con succursale in Italia ed imprese di investimento extracomunitarie, con o senza succursale, autorizzate

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA - DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 17601: Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994, per

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 31 agosto 2015 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. Scopo del documento... 3 1.2. Applicabilità... 3 1.3. Riferimenti... 3 1.3.1. Riferimenti

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta)

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Ove non espressamente specificato, i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell

Dettagli

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 settembre 2012 listed product SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 SG FTSE MIB +5x DAILY LEVERAGE CERTIFICATE Codice ISIN: IT0006723263 - Codice di Negoziazione: S13435 SG FTSE MIB -5x DAILY SHORT

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Cda del 26/08/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA SULL ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia sull esecuzione degli ordini La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) è la Direttiva Europea entrata in vigore dal 1 Novembre 2007, che ha

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A., GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI SOMMARIO

Dettagli

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Approvato in CdA del 19.12.2013 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini CDA DEL 28 gennaio 2015 INDICE IMPOSTAZIONE METODOLOGICA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti professionali adottata da Banca Mediolanum S.p.A.

Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti professionali adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Politica di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di clienti professionali adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Edizione Novembre 2009 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 3

Dettagli

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1)

CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) CONSOB Delibera n. 18754 del 23 dicembre 2013 (1) Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2014 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER

Dettagli

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti su questioni relative agli ETF e ad altri OICVM 01.08.2014 ESMA/2014/937IT Data: 01.08.2014 ESMA/2014/937IT Indice

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti su questioni relative agli ETF e ad altri OICVM 18.12.2012 ESMA/2012/832IT Data: 18.12.2012 ESMA/2012/832IT Indice

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA Documento adottato con delibera del C.d.A. n. 11 del 12/10/2007 Aggiornata con delibere

Dettagli

REGOLAMENTO di EuroTLX

REGOLAMENTO di EuroTLX REGOLAMENTO di EuroTLX APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 20 MAGGIO 2014 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 21 LUGLIO 2014 1 DEFINIZIONI 5 TITOLO 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 11 CAPO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4

MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 MARCOLIN S.P.A. SEDE LEGALE: DOMEGGE DI CADORE (BL) - FRAZIONE VALLESELLA, VIA NOAI, 31 DIREZIONE E UFFICI: LONGARONE (BL) LOCALITÀ VILLANOVA, 4 CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO E VERSATO EURO 32.312.475,00

Dettagli

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette

Circolare n. 6. del 21 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette Circolare n. 6 del 21 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuova imposta sulle transazioni finanziarie (c.d. Tobin tax )... 2 2.1

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 APRILE 2014:

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 APRILE 2014: RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 APRILE 2014: 2. Autorizzazione all'acquisto e all alienazione di azioni proprie ex artt. 2357 e seguenti del codice

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE Documento adottato con delibera del C.d.A. del 22/10/2007 Ultimo aggiornamento con delibera

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Art. 1. Misura del contributo

Art. 1. Misura del contributo CONSOB - Delibera 23 dicembre 2014, n. 19087 Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'art. 40 della legge n. 724/1994, per l'esercizio 2015 (Provvedimento pubblicato nella

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini

Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini Informazione al cliente circa la strategia di esecuzione e la trasmissione degli ordini 1) PREMESSA Nel rispetto della Direttiva 2004/39/CE (c.d. Direttiva MiFID ), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00 I.V.

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 11 ottobre 2011 v.0.5 Indice

Dettagli

Procedura Internal Dealing. Cerved Information Solutions S.p.A.

Procedura Internal Dealing. Cerved Information Solutions S.p.A. Procedura Internal Dealing Cerved Information Solutions S.p.A. Rev. 01 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 23/06/2014 Indice 1 Finalità... 3 2 Soggetti rilevanti e persone strettamente legate...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini (Delibera del Consiglio di Amministrazione del 29/10/2007) (Revisione del Consiglio di Amministrazione del 18/09/2009) (Revisione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/11/2011 ai sensi dell art. 45 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 6 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 8 3.

Dettagli

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA (Aggiornamento APRILE 2012) PREMESSA Il presente documento descrive

Dettagli