INTRODUZIONE RETI DI COMPUTER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE RETI DI COMPUTER"

Transcript

1 INTRODUZIONE IL CONCETTO DI RETE DI CALCOLATORI Una rete di calcolatori è costituita da un insieme di computer collegati tra loro mediante un infrastruttura che permette lo scambio reciproco di informazioni. L infrastruttura è formata da componenti hardware e software. PERCHÉ IMPLEMENTARE UNA RETE? _ Per permettere lo scambio di informazioni tra i calcolatori in modo rapido ed efficace _ Per condividere risorse, quali potenza di elaborazione, memoria, unità di memorizzazione e periferiche _ Per consentire una gestione centralizzata delle risorse _ Per aumentare la sicurezza del sistema BREVE STORIA DELLE RETI Le origini Nei primi anni 60 vengono prodotti i primi esemplari di MAINFRAME, elaboratori per l epoca velocissimi ma complessi, costosi e dalle dimensioni ragguardevoli. L elaborazione è esclusivamente di tipo batch, con istruzioni memorizzate su schede perforate. La gestione della potenza elaborativi è inefficiente a causa dei tempi di inattività dovuti alle operazioni di inserimento delle istruzioni. Viene introdotto il concetto di MULTIELABORAZIONE: la potenza di calcolo viene distribuita su diverse attività che vengono eseguite in modo tale da suddividersi il tempo di elaborazione. Vengono sviluppati i primi sistemi operativi in grado di gestire la partizione del tempo: nasce UNIX. La partizione del tempo porta una sostanziale modifica delle modalità con cui vengono immessi i dati nella memoria dell elaboratore: vengono introdotti i terminali. Arpanet Negli anni 70 l Advanced Research Projects Agency del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti finanzia un progetto Per una rete che deve consentire il collegamento tra i computer delle università e i laboratori di ricerca del paese e lo scambio di informazioni militari:: nasce ARPANET. Il Personal Computer Nel 1975 compare sul mercato il MITS Altari, un calcolatore dalle dimensioni ridotte dotato di potenza elaborativi e memoria locale. Nello stesso periodo viene prodotto il primo esempio di software per calcolatore standardizzato: nasce il BASIC. Prima la APLLE e poi l IBM lanciano le loro linee di personal computer: è l inizio della Rivoluzione Informatica. Le reti LAN (Local Area Network) Con lo sviluppo del computer, ci si rende conto che la condivisione delle informazioni rappresenta un punto cruciale per le aziende. Le prime LAN si sviluppano negli anni 70, ma si diffondono su larga scala solo nell intervallo temporale a cavallo tra gli anni 80 e 90. Le LAN sono costituite da gruppi di calcolatori distribuiti su un area limitata, collegati tra loro mediante cavi e schede di rete. Le reti WAN (Wide Area Network) Grazie allo sviluppo delle tecnologie informatiche pian piano risulta possibile realizzare reti di calcolatori che si estendono su aree di grandi dimensioni. Attraverso le WAN le aziende riescono a condividere informazioni con i propri collaboratori e a scambiare dati in tempo reale tra filiali che si trovano fisicamente molto distanti. Con il passare del tempo le tecnologie WAN si evolvono fino a permettere la creazione di reti a livello globale: nasce INTERNET. TIPI DI RETI: _ Reti centralizzate _ Reti peer-to-peer (o gruppo di lavoro ) _ Reti client server (o domini ) LE RETI 1

2 RETI CENTRALIZZATE Costituite da una o più unità centrali chiamate mainframe e da una serie di terminali collegati direttamente al computer principale. L elaborazione avviene totalmente (o quasi) all interno dell unità centrale. Tipicamente usano hardware dedicato e costoso. RETI PEER-TO-PEER Costituite da un numero ridotto di calcolatori (di solito non più di dieci). Tutti i calcolatori sono sullo stesso piano ed operano sia come client che come server. Amministrazione non centralizzata: ogni ha un amministratore locale che decide quali sono le risorse da mettere a disposizione degli altri e con quali permessi. VANTAGGI _ Riduzione dei costi di installazione _ Semplicità di amministrazione SVANTAGGI _ Non adatta per reti di grandi dimensioni. RETI CLIENT SERVER Costituita da una o più macchine (server) che fungono da punto di riferimento per gli altri calcolatori della rete (client). Richiede l implementazione di un sistema operativo di tipo server. Funzionamento basato sul concetto di DOMINIO. VANTAGGI _ Scalabilità del sistema _ Amministrazione centralizzata _ Possibilità di ottimizzare l utilizzo delle risorse SVANTAGGI _ L implementazione e l amministrazione del sistema richiedono maggiori competenze tecniche. TOPOLOGIE DI RETE: _ Rete a bus _ Rete a stella _ Rete ad anello _ Reti miste o topologie ibride RETE A BUS TOPOLOGIE DI RETE TERMI- NATORE TERMI- NATORE TERMI- NATORE TERMI- NATORE Costituita da un cavo al quale sono collegati gli altri chiamati NODI. Le informazioni viaggiano su un supporto fisico attraverso tutti i, ma solo il destinatario processa e legge i dati. La trasmissione dei dati è limitata ad un solo per volta mentre tutti gli altri restano in ascolto. Quando più calcolatori trasmettono dati sul supporto fisico contemporaneamente si generano conflitti. 2

3 I dati viaggiano sul supporto fisico in entrambe le direzioni fino a raggiungere le estremità del cavo dove vengono posizionati degli oggetti chiamati TERMINATORI. Questi assorbono il segnale in arrivo e ne impediscono la riflessione che impedirebbe l utilizzo del supporto da parte degli altri calcolatori in quanto il cavo sarebbe impegnato proprio dal segnale riflesso. SVANTAGGIO _ Se il cavo viene danneggiato in quel punto si creerebbe una riflessione che impedirebbe la trasmissione dei dati mettendo fuori uso l intera rete. RETE A STELLA HUB Tutti i calcolatori sono collegati ad un componente centrale chiamato HUB. Quando un calcolatore invia un messaggio, questo raggiunge l HUB e quindi tutti gli altri collegati. VANTAGGI _ Quando un termina il collegamento con l HUB solo il in questione non riesce più ad inviare e ricevere dati e tutti gli altri continuano a lavorare senza problemi. RETE AD ANELLO Tutti i sono collegati mediante un unico cavo che rappresenta un ANELLO LOGICO. Il segnale passa attraverso l anello in una sola direzione attraverso tutti i che costituiscono i nodi della rete fino a raggiungere il di destinazione. È basato sul concetto di TOCHEN = insieme di bit che viaggia sull anello contenente informazioni di controllo. RETI MISTE O TOPOLOGIE IBRIDE 3

4 Rete a Stella / Bus collegate da un BUS. Rete Stella / Anello collegate in modo da formare un ANELLO. CABLAGGI: _ Cavo coassiale _ sottile (THINNET) _ spesso (THICKNET) _ Cavo a doppini intrecciati _ non schermato (UTP) _ schermato (STP) _ Fibra ottica. CABLAGGI LA COMUNICAZIONE PROTOCOLLI DI RETE (DEF) Insieme di regole che definisce gli standard che devono essere rispettati perché due calcolatori possono scambiare dati tra loro. Protocolli comuni: _ TCP/IP _ NETBEUI _ IPX/SPX (NWLINK) _ APPLETALK _ DLC _ IRDA. TCP/IP Protocollo open (non proprietario) e instradabile (può essere utilizzato per inviare dati attraverso ROUTER), molto utilizzato a livello LAN. È il protocollo standard che viene utilizzato su Internet e nelle reti basate su sistemi operativi Microsoft di ultima generazione. Ogni calcolatore viene identificato mediante un indirizzo a 32 bit (4 byte) formato da quattro numeri compresi tra 0 e 255 separati da un punto. Ad ogni indirizzo IP viene associata una SUBNET MASK (serve per indicare l indirizzo IP di sottoappartenenza del calcolatore). Esempio: Indirizzo IP SUBNET MASK NETBEUI (NetBios Extended User Interface) Sviluppato da IBM verso la metà degli anni 80. Estremamente semplice da installare: non richiede nessuna configurazione. Protocollo leggero e veloce. Utilizzato nelle LAN di dimensioni ridotte (non supporta l instradamento). 4

5 Era il protocollo utilizzato nelle reti basate su sistemi operativi Microsoft di vecchia generazione. IPX/SPX (Internet work Packet Exchange / Sequenced Packed Exchange) Protocollo proprietario Novell, utilizzato nelle reti basate su sistemi operative Novell Netware. Protocollo veloce e dalle dimensioni ridotte. Può essere instradato. NWLink è l implementazione Microsoft di IPX/SPX. APPLETALK Protocollo di rete utilizzato in ambiente Macintosh. Può essere instradato. DLC (Data Link Control) Viene utilizzato per la gestione di alcune stampanti di rete. La maggior parte dei nuovi modelli lavora con il TCP/IP. IRDA (Infrared Data Association) Protocollo veloce. Usato nelle reti wireless per fornire connettività bidirezionale. I calcolatori possono scambiare dati senza bisogno di essere fisicamente collegati. TIPI DI TRASMISSIONE: _ Unicast _ Broadcast _ Multicast. Unicast I dati vengono inviati dal computer di origine direttamente a quello di destinazione. Trasmissione non efficiente quando più devono ricevere gli stessi dati. Broadcast I dati vengono inviati a tutti i che appartengono alla stessa sottorete del computer di origine. Performance scadenti: tutti i calcolatori devono processare i pacchetti inviati sulla rete. Multicast Una copia di dati viene inviata a tutti i che ne fanno richiesta. Particolarmente efficace quando le informazioni devono essere inviate a più destinatari. Utilizzato per molti servizi Internet. METODI DI ACCESSO ALLA RETE: _ CSMA/CD _ CSMA/CA _ TOKEN PASSING CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access With Collision Detection) Metodo di accesso standard utilizzato nelle reti Ethernet. Quando due inviano dati contemporaneamente sul supporto fisico, le collisioni vengono rilevate e i dati vengono ritrasmessi da entrambi i aspettando un intervallo di tempo random. CSMA/CA (Carrier Sense Multiple Access With Collision Avoidance) Il che deve inviare i dati testa il supporto fisico per assicurarsi che sia libero. Solo dopo il test i dati vengono effettivamente inviati sul cavo, evitando possibili collisioni. TOKEN PASSING Metodo di accesso utilizzato nelle architetture Token Ring. Basate sul concetto di TOKEN. Quando un deve inviare dati sulla rete di impossessa del token, lo modica e aggiunge le informazioni da trasmettere. Il token viaggia sull anello fino a raggiungere il computer di destinazione. TEORIA DELLA TRASMISSIONE Terminologia Segmento = rappresenta l unità di trasmissione base del protocollo TCP, contiene l intestazione TCP e i dati delle applicazioni. Messaggio = costituisce l unità base di trasmissione per i protocolli no orientati alla connessione come: ICMP, VAP, IGMP, ARP. Contiene l intestazione del protocollo e i dati di livello applicazione o protocollo. Datagramma = unità di trasmissione base del protocollo IP. È formato da un intestazione IP e dati di livello trasporto. Frame = rappresenta l unità di trasmissione collegata al livello interfaccia di rete. È composta da un intestazione relativa all interfaccia di rete e da dati di livello IP. La funzione dei pacchetti nelle comunicazioni di rete 5

6 Le informazioni non vengono trasmesse sulla rete in un unico blocco, ma vengono suddivisi in pacchetti che possono arrivare a destinazione seguendo percorsi diversi e in tempi diversi. Una volta giunti a destinazione vengono poi riassemblati in modo da ottenere la struttura originale. Questo perché: _ Per rendere possibile l utilizzo contemporaneo della rete da parte di più _ In caso di problemi o errori in fase di trasferimento si dovrà ritrasmettere solo una parte dei dati _ Per ottimizzare il trasferimento delle informazioni sulla rete. Struttura dei pacchetti La struttura dei pacchetti può variare in base all architettura utilizzata per l implementazione della rete. Un pacchetto contiene sempre: _ Indirizzo di origine _ Indirizzo di destinazione _ Istruzioni sulle modalità di trasferimento dei dati _ Informazione sulle modalità di connessione del pacchetto ad altri pacchetti per il riasemblaggio dei dati _ Informazioni per il controllo degli errori _ Dati. Struttura di un tipico frame Ethernet Preambolo = segnala l inizio del frame. Destinazione = contiene l indirizzo MAC di destinazione. Origine = contiene l indirizzo MAC di origine. Tipo = consente di identificare il protocollo di livello rete (IP o IPX). CRC (Cyclical Redundancy Check) = campo per il controllo degli errori: permette di controllare che i dati arrivati non siano danneggiati. MODELLI DI RETE LE ORGANIZZAZIONI COMPETENTI _ ANSI (American National Standard Institute) _ EIA (Electronics Industries Association) _ IEEE (Institute of Electrical and Electronic Engineers) _ IETF (Internet Engineering Task Force) _ ISO (International Organization for Standardization) _ ITU (International Telecommunication Union) _ W3C (World Wide Web Consortium) IL MODELLO OSI Nel 1978 l ISO pubblica una serie di specifiche che descrivono un architettura di rete per la connessione di periferiche diverse tra loro. Il documento originale si riferisce a sistemi cosiddetti aperti in quanto in grado di utilizzare tutti gli stessi protocolli e standard per lo scambio di informazioni. Nel 1984 l ISO pubblica una versione riveduta e aggiornata del modello originario denominata modello di riferimento OSI (Open System Interconnection), che diviene uno standard universalmente riconosciuto per l implementazione delle comunicazioni di rete. Il modello OSI basa il proprio funzionamento su sette livelli di riferimento: 1_ Livello fisico 2_ Livello collegamento dati 3_ Livello rete 4_ Livello trasporto 5_ Livello sessione 6_ Livello presentazione 7_ Livello applicazione. Suddivisione di funzioni e servizi tra i vati livelli. Ogni livello comunica direttamente con i livelli immediatamente superiore e inferiore. 7_ Livello applicazione Finestra attraverso la quale i processi dell applicazione accedono ai servizi di rete (software per il trasferimento dei file, per l accesso ai database, per la posta elettronica, ecc.). Gestisce l accesso generale alla rete, il controllo del flusso e il ripristino in caso di errori. 6_ Livello presentazione Determina il formato utilizzato per lo scambio dei dati tra i computer sulla rete. Traduce i dati dal formato applicazione ad un formato intermedio facilmente gestibile. E responsabile della codifica dei dati, della modifica o della conversione del set di caratteri, dell espansione dei comandi grafici. 6

7 Gestisce la compressione dei dati. 5_ Livello sessione Consente a due applicazioni su computer diversi di attivare, utilizzare e terminare una connessione chiamata sessione. Permette la sincronizzazione dei task utente inserendo punti di controllo nel flusso dei dati. Controlla i parametri della connessione: lato trasmettitore, momento della trasmissione, durata, ecc 4_ Livello trasporto Garantisce la consegna dei pacchetti privi di errori, in sequenza e senza perdite o duplicati. Organizza le informazioni in pacchetti di lunghezza adeguata per una trasmissione più efficiente. Dal lato ricevente invia una conferma dell avvenuta ricezione. Fornisce il controllo di flusso e si occupa della gestione degli errori. 3_ Livello rete È responsabile dell indirizzamento dei messaggi e della traduzione di indirizzi e nomi logici in indirizzi fisici. Determina il percorso da seguire per il trasferimento dei dati. Gestisci i problemi legati al traffico di rete e all instradamento dei dati. 2_ Livello collegamento dati Sul lato ricevente, impacchetta i bit non elaborati ricevuti dal livello fisico in frame di dati. È responsabile del trasferimento privo di errori dei frame da un computer all altro: per i frame ricevuti correttamente (CRC) viene inviata una conferma. Frame = struttura logica organizzata all interno della quale è possibile collocare i dati. 1_ Livello fisico Trasmette la sequenza di bit non elaborata e non strutturata sul supporto fisico. Si occupa della connessione fisica della scheda al cavo di rete. Definisce le modalità della connessione e il metodo di trasmissione utilizzati (es. numero di pin, funzione dei pin, durata del bit, ecc ). MIGLIORAMENTO AL MODELLO OSI Logical Link Control (LLC) Gestisce la comunicazione di collegamento dati e definisce l utilizzo di ounti di interfaccia logici, denominati punti di accesso del servizio (SAP = Service Access Point). I SAP servono come punti di riferimento per trasferire dati ai livelli superiori del modello OSI. Media Access Control (MAC) Garantisce l accesso condiviso al livello fisico da una parte delle schede di rete del computer. Comunica direttamente con la scheda di rete ed è responsabile della consegna di dati privi di errori tra due computer della rete (a livello di frame). ARCHITETTURE DI RETE ETHERNET Architettura di rete (def) = insieme di tutti i componenti hardware e software che costituiscono la struttura portante della rete stessa e di tutte le regole e gli standard che ne governano il funzionamento. Nasce da un progetto sviluppato alla fine degli anni 60 dall università delle Hawai. Si afferma nella prima metà degli anni 70. La prima versione lavora a 2,94 Mbps. Xerox, Intel Corporation e Digital Equipment Corporation si uniscono per dare vita ad uno standard ethernet a 10 Mbps. Banda base. Infrastruttura a bus lineare o a stella. Velocità di trasferimento dati: 10 Mbps (standard) / 100Mbps (fast Ethernet). Metodo di accesso: CSMA/CD. Frame = pacchetto di informazioni che rappresenta un unità di trasmissione. La lunghezza di un frame Ethernet è compresa tra 16 e 1518 Byte, 18 dei quali per informazioni di controllo. IEEE 10 MBPS _ 10 BaseT _ 10 Base2 _ 10 Base5 _ 10 BaseFL. 10 BaseT Velocità di trasmissione dati: 10 Mbps. 7

8 Banda base. Supporto fisico: cavo a doppini intrecciati. Topologie maggiormente utilizzate: a stella con un HUB centrale che in genere funge da ripetitore multiporta. Caratteristiche principali: _ Cavo: UTP di categoria 3,4 o 5 o STP _ Connettori: RJ-45 ai capi del cavo _ Distanza dal computer all HUB: massimo 100m, ma può essere estesa utilizzando i ripetitori _ Dorsale per HUB: coassiale a fibre ottiche per LAN di dimensioni maggiori _ Numero totale di computer per LAN senza componenti di connettività: 1024 (in base alla specifica). VANTAGGI: _ Architettura affidabile (in caso di rottura di uno dei cavi, solo il direttamente collegato alla terminazione guasta risulta scollegato dalla rete). 10 Base2 Velocità di trasmissione dati: 10 Mbps. Banda base. Segnale copre una distanza di circa 200m. Supporto fisico: cavo coassiale sottile (Thinnet). Tipologia utilizzata: bus lineare. Scheda di rete del collegata direttamente al connettore a T del bus. Una rete Thinnet può combinare fino a 5 segmenti di cavo coassiale connessi tramite 4 ripetitori, ma solo 3 di questi segmenti possono contenere calcolatori (Regola 5-4-3). Ogni segmento può contenere un massimo di 30 nodi. Caratteristiche principali: _ Cavo: cavo coassiale Thinnet _ Lunghezza massima del segmento: 185m _ Connettori: connettori cilindrici di tipi BNC (per estendere la lunghezza del cavo); connettori di tipo BNC a T (per collegare le schede di rete al cavo coassiale); terminatori di tipo BNC _ Segmenti di collegamento e ripetitori: è possibile unire 5 segmenti utilizzando 4 ripetitori, ma solo 3 dei 5 segmenti possono contenere computer (Regola 5-4-3) _ Computer per segmento: 30 (in base specifica) _ Lunghezza massima totale della rete: 925m. VANTAGGI: _ Costi di installazione contenuti _ Semplicità di configurazione. 10 Base5 Velocità di trasmissione dati: 10 Mbps. Banda base. Supporto fisico: cavo coassiale spesso (Thicknet). Topologia utilizzata: bus (100 nodi per segmento dorsale). Scheda di rete del collegata al cavo attraverso cavi trasmettitori _ ricevitori intermedi. Caratteristiche principali: _ Cavo: cavo coassiale Thicknet. _ Lunghezza massima del segmento: 500m. _ Distanza massima tra computer e trasmettitore _ ricevitore: 50m. _ Segmenti di collegamento e ripetitori: regola _ Computer per segmento: 100 (in base alla specifica). _ Lunghezza massima totale della rete: 2500m. Thinnet per le dorsali. Thicknet per le derivazioni. 10 BaseFL Velocità di trasmissione dati: 10 Mbps. Banda base. Supporto fisico: fibra ottica. Lunghezza massima segmento: 2000m. IEEE 100 MBPS _ 100VG_AnyLAN _ 100BaseX 100VG_AnyLAN Nata su progetto Hewlet_Packard. Combina elementi di Ethernet e Token Ring. 8

9 Richiede HUB e schede specifiche. Caratteristiche principali: _ Velocità di trasmissione: 100 Mbps. _ Lunghezza massima del cavo: 250m. _ Topologie supportate: a stella a cascata su cavo o doppini intrecciati o su fibra ottica. _ Metodo di accesso: Demand Priority con due livelli di priorità (alta e bassa). Frame supportati: Ethernet e Token Ring. 100BaseX Evoluzione dello standard 10BaseT. Supporto fisico: cavo UTP di categoria 5. Topologie utilizzate: a stella. Metodo di accesso alla rete: CSMA/CD. Tre classificazioni in base al supporto utilizzato: T4 _ Cavo a doppini intrecciati che utilizza quattro doppini di tipo telefonico; TX _ Cavo a doppini intrecciati che utilizza due doppini di tipo dati; FX _ Cavo a doppini intrecciati che utilizza due fibre ottiche. TOKEN RING Sviluppata nei primi anni 80 da IBM. Architettura basata su un anello centrale (fisico o logico) cui tutti i sono connessi. HUB centrale all interno del quale si trova l anello fisico vero e proprio e noto come MAU (Multistation Access Unit), MSAU (Multistation Access Unit) o SMAU (Smart Station Access Unit). Dieci porte cui possono essere collegati fino otto e due per ilo collegamento ad altri HUB. Caratteristiche principali: _ Topologia: ad anello con cablaggio a stella. _ Cablaggio: cavo a doppini intrecciati schermato e non schermato (IBM tipo 1, 2 e 3) o fibre ottiche. _ Connettori: Media Interface Connector (MIC per la connessione di cavi IBM di tipo 1 e 2; RJ 45 O RJ 11 per cavi IBM di tipo 3). _ Metodo di accesso alla rete: Token Passing. _ Velocità di trasferimento dati: 4 e 16 Mbps. _ Trasmissione: in banda base. _ Distanza massima tra computer e HUB: 45m nell implementazione IBM, fino a 150m nell implementazione di altri produttori. _ Distanza massima tra due HUB: 150m. _ Numero massimo di HUB per anello logico: 33. _ Numero di utilizzabili in una rete Token Ring: 72 se collegati con un cavo UTP, 260 se collegati con cavi STP. APPLE TALK Sviluppata da Apple Computer nei primi anni 80. Nata per LAN di piccole dimensioni. Integrata nel sistema operativo Macintosh. LOCAL TALK = termine che si riferisce alla singola rete Apple Talk. Più reti Local talk possono essere connesse fino a formare una rete di dimensioni maggiori utilizzando il concetto di ZONA. Per le prestazioni non esaltanti non viene molto usata nelle reti di grandi dimensioni. Caratteristiche principali: _ Metodo di accesso alla rete: CSMA/CA. _ Topologia: a bus o ad albero. _ Cablaggio: cavo a doppini intrecciato schermato o fibra ottica. _ Numero massimo di periferiche supportate in una rete Local Talk: 32. ATM (ASYNCHRONOUS TRANSFER MODE) Architettura a commutazione di pacchetto che invia sulla rete pacchetti di lunghezza fissa (CELLE) che contengono informazioni di controllo di base che consentono un rapido instradamento delle informazioni. Comunicazione di tipo punto punto con collegamenti virtuali permanenti tra le stazioni. Molto utilizzata sia a livello LAN che WAN per l efficacia degli apparati di switching e l elevata banda disponibile (velocità di trasferimento dati compresa tra 155 e 622 Mbps). Particolarmente adatta per la trasmissione di voce, immagini, video e dati realtime. 9

10 FRAME RELAM Architettura a commutazione di pacchetto che invia sulla rete pacchetti di lunghezza variabile che contengono informazioni di controllo per la consegna dei dati e il controllo degli errori. Connessione virtuale permanente tra le stazioni. Collegamenti di tipo digitale o in fibra ottica pagati in base all utilizzo. Comunicazione di tipo punto punto. Velocità di trasferimento dati: dipende dalla banda messa a disposizione del fornitore del servizio. RETI LAN (LOCAL AREA NETWORK ETWORK) LAN (L RETI LAN = gruppi di calcolatori distribuiti su un area limitata, collegati tra loro mediante connessioni affidabili e veloci. HARDWARE DELLE RETI LAN _ Client e server _ Schede di rete _ Driver _ Standard _ Cablaggi e connettori _ HUB. Client e Server Client = calcolatore che accede ai server e ne utilizza le risorse (spazio di memorizzazione, potenza di calcolo, applicazioni, periferiche). Server = calcolatore che mette, in toto o in parte, le proprie risorse a disposizione degli altri della rete. Schede di rete (NIC = Network Interface Card) = consente di collegare fisicamente il al cavo di rete. Ogni scheda di rete viene identificata in modo univoco attraverso un indirizzo fisico o indirizzo MAC (Media Access Control). Esistono diverse tipologie che si differenziano per aspetto, dimensioni e prestazioni. Es: schede MCIA. Produttori principali: Cisco System, 3Com, Intel Corporation. Driver = componente software che permette l interfacciamento tra il sistema operativo e una periferica. Permette alla periferica di funzionare in maniera corretta e ne influenza le prestazioni. La versione più aggiornata può essere scaricata direttamente dal sito del produttore della periferica. Standard (NDIS e CDI) = definiscono le specifiche da rispettare nella creazione di driver che siano in grado di operare con sistemi operativi diversi e diversi protocolli. Le regole individuano dei punti di collegamento standard tra i vari livelli dell architettura, permettendo l utilizzo di più protocolli su un unica scheda di rete. I due standard più importanti sono: _ NDIS (Network Device Interface Specification) sviluppato da Microsoft e 3Com _ ODI (Open Data_Link Interface) sviluppato da Novell e Apple. HUB = dispositivi che permettono il collegamento dei computer in strutture che utilizzano una topologia a stella. Dotati di un numero variabile di porte. HUB passivi che si limitano a ritrasmettere il segnale ricevuto su tutte le porte senza amplificarlo. HUB attivi che ritrasmettono il segnale dopo averlo processato e amplificato. SOFTWARE DELLE RETI LAN _ Sistemi operativi di rete _ Strumenti amministrativi _ Altri software server _ Software client. Sistemi operativi di rete = componente software che permette la gestione delle operazioni che avvengono attraverso le rete. Es: _ Microsoft Windows NT/2000 _ Novell Nettare _ UNIX _ LINUX _ Apple Talk. 10

11 Strumenti amministrativi = strumenti che permettono all amministratore una corretta ed efficace gestione degli utenti e delle risorse disponibili sulla rete. Devono permettere: _ gestione degli account; _ l impostazione dei permettessi di accesso alle risorse disponibili; _ il controllo delle prestazioni. Altri software server Permettono la gestione di alcuni servizi cardine come: _ posta elettronica; _ utilizzo di database distribuiti; _ interfacciamento con piattaforme diverse; _ pubblicazione delle informazioni; _ accesso ad Internet; _ problematiche di sicurezza. Esempi di software server: Microsoft Backoffice = suite di prodotti progettata per funzionare in ambiente NT/2000 composta da: _ Exchange Server; _ SQL Server; _ SNA Server; _ Fax Server; _ ISA Server. Software client = software che permette l accesso alle risorse disponibili in rete come ad Es: _ Microsoft Windows Me _ Microsoft Windows 2000 Professional. ESPANSIONE DELLE RETI ETI: LE WAN 11 WAN HARDWARE PER LE RETI WAN (WIDE AREA NETWORK) WAN = rete di calcolatori che si estende su un area di grandi dimensioni. _ Ripetitori _ Bridge _ Switches _ Router _ Gateway _ Modem Ripetitore Componente che riceve il segnale, lo amplifica e lo ritrasmette lungo il supporto fisico senza modificarne la struttura originale. Non è in grado di filtrare trasmissioni disturbate o danneggiate. Può collegare segmenti che lavorano su supporti fisici diversi, ma non può essere utilizzato per collegare segmenti che utilizzano differenti architetture di rete. Bridge Componente che inoltra i dati tra due segmenti di rete che utilizzano lo stesso protocollo di comunicazione. Utilizza una tabella di rete interna costruita dinamicamente. Lavora sugli indirizzi fisici (MAC address). Può trasferire pacchetti tra reti che utilizzano architetture differenti. Switches Molto simile al bridge. Crea una connessione fisica diretta tra le porte di origine e di destinazione. Poiché per ogni connessione utilizza l intera banda a disposizione riesce a trasferire informazioni in maniera più efficiente rispetto al bridge. Router Dispone di funzionalità aggiuntive rispetto a bridge e switches. Riesce ad instradare le informazioni attraverso il percorso disponibile tra quelli disponibili. Non lascia passare i broadcast. Può trasferire informazioni tra reti che utilizzano architetture differenti. Diversamente dal bridge, non lavora sugli indirizzi fisici (MAC address) ma sugli indirizzi di rete. Gateway Dispositivo che permette lo scambio dei dati tra reti dissimili, basate su differenti architetture e che utilizzano protocolli di comunicazione diversi. Rispetto ai componenti precedenti opera a livelli superiori del modello di rete. Nella sua accezione più generale identifica la macchina utilizzata per connettere la LAN aziendale ad Internet.

12 I MODEM Dispositivo che permette al di inviare e ricevere dati attraverso i normali canali utilizzati per le telecomunicazioni. Modem => Modulazione / Demodulazione Modulazione = operazione che permette di combinare un segnale che contiene le informazioni con un onda portante che tipicamente lavora a frequenza elevata. Demodulazione = operazione che permette di estrarre dal segnale modulato le informazioni originali. Può essere interno al calcolatore (schede) o esterno. Esistono diverse tipologia di modem: _ Modem analogici; _ Modem ISDN; _ Modem XDSI. Modem analogici Permette al di inviare e ricevere dati utilizzando la normale linea telefonica. Converte il segnale digitale ricevuto dal computer in formato analogico, modulandolo attraverso una portante ad alta frequenza. Dal lato ricevente demodula il segnale ed estrapola le informazioni contenute riconvertendole in formato digitale. VANTAGGI: _ Relativamente poco costosi _ Funzionano utilizzando la normale linea telefonica. SVANTAGGI: _ Non particolarmente veloci (max 56 Kbps) _ Quando si utilizza il modem il telefono non è utilizzabile (linea occupata). Le specifiche che regolano il funzionamento dei modem analogici sono note con il nome di serie V. Uno degli standard più diffusi è il V90, che combina le due tecnologie attualmente più utilizzate per la trasmissione dei dati a 56 Mbps, cioè: _ X2 della 3Com _ K56Flex della Rockwell. Modem ISDN ISDN (Integrated Services Digital Network) = tecnologia digitale che permette il trasferimento dei dati utilizzando il normale doppino telefonico ad una velocità superiore rispetto a quella disponibile utilizzando modem analogici. Una linea base ISDN è costituita da due canali digitali separati che lavorano ciascuno ad una velocità di 64 Kbps. La tecnologia ISDN non utilizza un vero e proprio modem ma un adattatore denominato TA (Terminal Adapter). Il cablaggio utilizzato è lo stesso della normale linea telefonica: ciò che cambia è la borchia terminale che viene installata all interno dell abitazione dell utente finale. L ISDN può essere sia interno che esterno al computer. LE LINEE XDSL XDSL (Digital Subscriber Line) = nuova famiglia di tecnologie per le comunicazioni digitali he fornisce un accesso alla rete più veloce sfruttando i normali cavi in rame utilizzati per le normali comunicazioni telefoniche. La X serve per differenziare le varie versioni di DSL disponibili sul mercato. Permette di inviare audio, video e dati realtime sul normale cavo telefonico. ADSL (Asymmetric DSL) La maggior parte della lunghezza massima di banda disponibile viene utilizzata per il downstreaming delle informazioni. Velocità massima in downstreaming: 8 Mbps. Velocità massima in upstreaming: 640 Mbps. In realtà la velocità reale di trasmissione dipende dalla distanza fisica dalla compagnia telefonica che fornisce il servizio e dal tipo di contratto stipulato. Model ADSL Solitamente ADSL utilizza un modem DSL fornito di sdoppiatore che separa i canali audio e dati. DSL Lite Variante di DSL ancora in fase di sviluppo. Meno complessa e costosa rispetto ad ADSL ma anche meno performante. Velocità massima di trasmissione: 1,544 Mbps. HDSL (High bit rate DSL) Utilizza la stessa larghezza di banda in downstreaming e in upstreaming. Meno recente di ADSL, è poco utilizzato per il collegamento ad Internet. Fornisce la stessa larghezza di banda di una linea T1 (E1 in Europa). I PROTOCOLLI WAN _ Protocolli legati ad architetture specifiche (ATM, X.25) _ Protocolli RAS (SLIP, CSLIP, PPP) 12

13 _ Protocolli VPN (PPTP, L2TP) ATM (Asynchronous Transfer Mode) Protocollo altamente performante che permette l invio di dati di tipo diverso attraverso una rete. Permette il trasferimento di voce, video e dati attraverso un unica connessione di rete. X.25 Creato negli anni 70. Permette l instradamento dei pacchetti attraverso una rete composta da dispositivi intermedi chiamati PSE (Racket Switching Exchange). I dati attraversano una serie di circuiti virtuali creati in maniera dinamica. X.25 non permette di controllare il percorso effettivamente seguito da un pacchetto inviato sulla rete. Protocolli RAS Utilizzati per la connessione a server di accesso remoto (RAS server) mediante chiamata telefonica diretta. I dati viaggiano incapsulati. I computer client e server devono disporre di un modem. SLIP (Serial Line Internet Protocol) Protocollo semplice e non molto recente, ampliamente utilizzato per l accesso ad Internet. Supporta solo il TCP/IP come protocollo LAN. Non supporta l autenticazione basata su password criptata. Non supporta l allocazione dinamica degli indirizzi. Non include un supporto per il rilevamento degli errori e la correzione automatica degli stessi. Può essere utilizzato per l accesso a server RAS meno recenti. CSLIP (Compressed Serial Line Internet Protocol) Variante di SLIP Comprime l intestazione dei pacchetti. PPP (Point to Point Protocol) Nuovo standard per l accesso ad Internet. Più rapido e flessibile rispetto alla SLIP. Può lavorare con diversi protocolli di livello rete trasporto come TCP/IP, IPX/SPX e NetBEUI. Supporta l autenticazione dell utente basata su password criptata e non criptata (PAP, SPAP, CHAP, MSCHAP e MSCHAP V2). È utilizzabile con server di accesso remoto basati su sistema operativo Microsoft. Server VPN (Virtual Private Network) Permettono di creare una rete privata virtuale sfruttando le caratteristiche di economicità e flessibilità tipiche di Internet. In una connessione VPN il client effettua una chiamata telefonica al provider che fornisce l accesso ad Internet; una volta effettuata la connessione effettua una seconda chiamata all indirizzo del server VPN. I dati viaggiano incapsulati in un canale virtuale. VANTAGGI: _ Poiché il numero chiamato non è più quello del server aziendale ma quello del POP (Point of Presence) del provider Internet, che solitamente si trova nella stessa città del chiamante, vengono abbattuti i costi telefonici. APTP (Point to Point Tunneling Protocol) Permette il trasferimento sicuro di dati incapsulati da un client PPTP a un server PPTP attraverso un internetwork basata su TCP/IP, come ad esempio Internet. La sicurezza dei dati è garantita dalla MPPE (Microsoft Point to Point Encryption). Windows NT e Windows 2000 supportano PPTP. L2TP (Layer Two Tunnelling Protocol) Combina elementi di PPTP e L2F (Layer Two Forwarding). Diversamente da PPTP può lavorare su Internetwork basate non solo su TCP/IP ma anche su tecnologie differenti come Frame Relay, X.25 o ATM. Dispone di una serie di caratteristiche avanzate come: _ Autenticazione del tunnel; _ Compressione delle intestazione dei pacchetti; _ Non utilizza MPPE ma IPSec (Internet Security Protocol) per la criptatura dei dati => aumenta la sicurezza complessiva del sistema. INTERNET E IL WEB STORIA DI INTERNET Nata su progetto del Ministero della Difesa statunitense nei primi anni 60 con il nome di Arpanet. 13

14 Partita come struttura essenzialmente militare. Il boom si ha con l avvento del WWW (World Wide Web) Diventa possibile scambiare dati non solo in formato testo, ma anche immagini, filmati, suoni e musica. LA STRUTTURA DI INTERNET Ragnatela di calcolatori che si estende a livello globale. Informazioni memorizzate su server (host). Protocollo di comunicazione utilizzato: TCP/IP. Ogni server viene identificato attraverso un indirizzo IP. L utente non deve necessariamente ricordarsi l indirizzo del server per collegarsi: basta utilizzare il FQDN (Fully Qualified Domain Name). I server DNS (Domain Name System) si occupano di tradurre il nome digitato nel corrispondente indirizzo IP. Funzionamento basato sul concetto di DOMINIO = nome registrato nello SPAZIO DEI NOMI DNS = struttura gerarchica composta da un dominio root (punto) al quale sono collegati domini di livello inferiore. Domini di primo livello: _.COM = domini relativi alle organizzazioni commerciali; _.NET = domini che gestiscono la rete; _.ORG = domini senza scopo di lucro; _.MIL = domini militari; _.IT = domini italiani; _.FR = domini francesi; _.UK = domini inglesi. Domini di secondo livello (registrati dalle aziende): _ MICROSOFT.COM; _ MSN.COM; _ ILSOLE24ORE.COM; _ POSNET.IT. NOME COMPLETO DI UN DOMINIO DI LIVELLO X = NOME RELATIVO DEL DOMINIO + NOMI DEI DO- MINI CHE LO PRECEDONO NELLA STRUTTURA DNS SITO = costituito da una o più pagine Web raggruppate tra loro che contengono informazioni. URL (Uniform Resource Locator) = indirizzo completo del sito. Esempio: www MICROSOFT COM ITALY DEFAULT.HTM Hyper Text Transfer Protocol: protocollo di livello applicazione maggiormente utilizzato su Internet; altri protocolli applicazione utilizzati: HTTPS (Secure HTTP), FTP (File Transfer Protocol), SMTP (Simple Mail Transfer Protocol), Telnet e Gopher World Wide Web Nome del dominio di secondo livello Nome del dominio di primo livello corrisponde ad una sottocartella Nome della pagina Internet. TIPI DI CONNESSIONE E SERVIZI Connessione ad Internet Componenti hardware: _ Modem. Componenti software: _ Browser: ES: Internet Explorer Netscape Navigator; _ Abbonamento con un ISP: ISP (Internet Service Provider) = società che fornisce l infrastruttura necessaria per l accesso ad Internet. ES: tin.it, jumpy, genie, tiscalinet. 14

15 Per abbonarsi basta collegarsi da un che abbia già l accesso alla rete alla Home Page del provider scelto e compilare un modulo disponibile on line. Terminata l operazione all utente vengono fornite tutte le indicazioni e i dati tecnici necessari per utilizzare l abbonamento appena stipulato; _ Nome utente: identifica l utente che accese al servizio; _ Password: utilizzata per l accesso al servizio; _ Indirizzo di posta elettronica; _ Server POP3 e SMTP: server di posta in ingresso e server di posta in uscita; _ Indirizzi dei server DNS: indirizzo dei server che effettuano l associazione tra nomi host e i corrispondenti indirizzi IP; _ Numero del POP (Point of Presence): numero di telefono da chiamare per accedere al servizio. Servizi di Internet _ Posta elettronica; _ News; _ Gruppi di discussione; _ Chat; _ Commercio elettronico. 15

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Dispensa Reti tcp/ip

Dispensa Reti tcp/ip Dispensa Reti tcp/ip Indice Livello di reti... 2 Tcp/ip... 2 Reti e sottoreti... 2 Dns... 3 Servizi e protocolli... 4 Cooperativa ALEKOS 20155 MILANO - V. Plana, 49 - P.IVA 11027820155 Tel 02-39264592

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

CORSO RETI INFORMATICHE

CORSO RETI INFORMATICHE CORSO RETI INFORMATICHE Che cos è una rete Una rete è un sistema di interconnessione non gerarchico tra diverse unità. Nel caso dei computer la rete indica l insieme delle strutture hadware, tra cui anche

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli