GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA GIULIO SBARRA I PRESIDI NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DALL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINALITÀ DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO LIDO DI OSTIA, OTTOBRE 2005

2 Impaginazione M.A. MARCO BOCCOLINI M.C. VINCENZO CILIBERTI FIN.SC. GIANCARLO NAPOLI FIN. PIETRO AMORUSO Stampa BRIG.C. RAFFAELLO FANTONI BRIG. GIUSEPPE FINOCCHIARO APP. MARIO CRUCIANI APP. NATALINO PALERMO

3 PREFAZIONE La lotta alla criminalità organizzata, attraverso l individuazione, il sequestro e la confisca dei relativi proventi va annoverata tra le missioni istituzionali di maggior rilievo assegnate alla Guardia di Finanza. Essa è parte fondante di quella funzione di polizia economico finanziaria che ne costituisce l essenza, volta come è alla salvaguardia dei mercati finanziari e valutari dalle minacce che possono derivare dalla penetrazione da parte dell economia illegale o dal finanziamento di gruppi che perseguono scopi illeciti. In alcuni casi, infatti, come nel terrorismo, l illiceità dei flussi finanziari è, sovente, costituita non tanto dalla loro provenienza, quanto dalla loro destinazione. Allo studio di tali complessi fenomeni e all approfondimento della relativa normativa di contrasto la Scuola di Polizia Tributaria dedica particolare attenzione anche nell ambito delle sue linee editoriali (Annali, Testi), per consolidare il ruolo di co protagonista dell opera di formazione che il Corpo le ha assegnato. E perciò con vero piacere che mi accingo a presentare il nuovo volume I presidi nazionali per la prevenzione dall utilizzo del sistema finanziario per finalità di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo realizzato dal Generale di Brigata della Guardia di Finanza Giulio Sbarra, Ufficiale Generale che vanta una pluriennale esperienza nel settore delle investigazioni finanziarie ed è profondo conoscitore della specifica normativa nazionale ed internazionale. Il Generale Sbarra, aderendo all invito della Scuola ha, con questa pubblicazione, aggiornato ed integrato, con la normativa di riferimento, precedenti lavori editoriali da lui stesso redatti, per uso dei frequentatori dei corsi e per il personale del Corpo. L opera è meritevole della massima attenzione perché essa offre più di quanto in realtà lasci trasparire dal titolo. L analisi muove, infatti, dall elaborazione del concetto stesso di criminalità organizzata, evidenziandone le principali caratteristiche e modalità operative, con particolare riguardo a quella economica e a quella di tipo terroristico, fino a delinearne le proiezioni internazionali ed i percorsi seguiti attraverso i c.d. paradisi fiscali e finanziari.

4 E in tale scenario che si delinea lo studio, compiuto con grande professionalità e con apprezzabile chiarezza espositiva, del fenomeno del riciclaggio di denaro sporco, del quale vengono esposte le varie metodologie, con l inserimento di alcuni casi pratici. L opera si conclude con due capitoli rispettivamente dedicati alle iniziative internazionali e alla normativa interna, dettagliatamente contenuta in un apposito compendio, su formato CD Rom che ne rende più agevole la consultazione. Mi auguro che il volume, da oggi inserito nella collana Testi, susciti nei frequentatori, nei militari del Corpo ed in tutti coloro che operano nello specifico settore l interesse che merita e che costituisca per essi un utile quanto efficace strumento di consultazione. Lido di Ostia, 31 ottobre 2005 IL COMANDANTE DELLA SCUOLA Gen. D. Edoardo Esposito

5 INDICE INTRODUZIONE... 1 CAP I LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa Il concetto di criminalità organizzata La criminalità organizzata di stampo mafioso a. Mafia "rurale", mafia "urbana" e "mafia "economica" Le linee evolutive La criminalità organizzata di stampo economico La criminalità organizzata di tipo eversivo/terroristico Le connessioni tra criminalità organizzata di stampo mafioso, economico ed eversivo/terroristico CAP II LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA A LIVELLO TRANSNAZIONALE E LE PROIEZIONI NEI TRAFFICI ILLECITI La crescita della criminalità organizzata a livello transnazionale Le proiezioni operative nei traffici illeciti a. Il contrabbando di tabacchi lavorati esteri b. L'immigrazione clandestina c. Il traffico di sostanze stupefacenti CAP IIII PARADISI BANCARI E FISCALI Generalità Gli aspetti salienti Le caratteristiche geo-economiche e geo-politiche Alcuni istituti tipici rinvenibili negli ordinamenti dei "paradisi finanziari" a. Le exempt companies b. Le assicurazioni "captive" c. Le banche d'affari d. Le compagnie marittime e. Il trust I provvedimenti assunti dallo Stato italiano sul piano fiscale a. L'individuazione degli Stati o territori a regime fiscale privilegiato (cd. "black list") b. L'indeducibilità delle spese e degli altri componenti negativi derivanti da operazioni intercorrrenti con imprese domiciliate in Stati o territori aventi regime fiscale privilegiato c. L'adeguamento normativo CAP. IV IL RICICLAGGIO DEL DENARO "SPORCO" Generalità... 87

6 II 2. Il quadro di situazione Le metodologie di riciclaggio a. Case da gioco b. Compensazioni c. Operazioni dall estero d. Operazioni verso l estero e. Operazione "Flipper" f. Operazione "Forziere" (1) Prima fase (2) Seconda fase (3) Terza fase g. Schema di operazioni multiple h. Money transfer i. Interposizione di soggetti/depositi fiduciari/garanzie bancarie/crediti di firma l. Truffe internazionali CAP. V LE INIZIATIVE A LIVELLO INTERNAZIONALE PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO AL RICICLAGGIO ED AL FINANZIAMENTO AL TERRORISMO Lo scenario di riferimento Le linee di indirizzo a livello internazionale a. La prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario per finalità di riciclaggio b. La prevenzione ed il contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale (1) La Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 15 ottobre 1999, n nei confronti del regime dei Talebani in Afghanistan (2) La Convenzione delle Nazioni Unite del 9 dicembre 1999, concernente la repressione del finanziamento al terrorismo (3) La Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 19 dicembre 2000, n (4) Il Regolamento comunitario del 6 marzo 2001, n (5) La Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 28 settembre 2001, n (6) La Risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 16 gennaio L'analisi dei principali capisaldi per la legislazione italiana a. La Dichiarazione di principi del Comitato di Basilea b. Le raccomandazioni del Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale c. La Convenzione di Strasburgo d. La Direttiva del Consiglio delle Comunità Europee n. 308/ e. La Direttiva del Consiglio delle Comunità Europee n. 97/

7 III CAP. VI I PRESIDI ANTIRICICLAGGIO SUL PIANO NAZIONALE ANCHE CON RIGUARDO AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO INTERNAZIONALE Premessa Il quadro riepilogativo dei provvedimenti cardine assunti in ambito nazionale per il contrasto al riciclaggio a. La criminalizzazione del riciclaggio b. L'identificazione della clientela delle banche c. Le misure di prevenzione patrimoniali d. L'accordo interbancario e. La revisione della legislazione antimafia f. La prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario per finalità di riciclaggio g. La rivisitazione delle fattispecie penali in tema di riciclaggio h. Le disposizioni contro il finanziamento del terrorismo internazionale i. Le altre disposizioni di completamento La repressione penale del riciclaggio La prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario a. Il decreto legge 3 maggio 1991, n. 143 e successive modificazioni (1) La limitazione dell'uso del contante e dei titoli al portatore (2) L'identificazione e la registrazione della clientela (3) La segnalazione delle operazioni sospette (a) I soggetti regolamentati (b) Le norme procedurali (c) Brevi spunti di riflessione b. Il decreto legislativo 26 maggio 1997, n (1) Le linee guida del nuovo provvedimento (2) La riservatezza delle segnalazioni (3) La Commissione di indirizzo (4) I controlli ispettivi (5) Gli ulteriori aspetti di interesse c. Il ruolo dell'ufficio Italiano dei Cambi d. Il Decalogo della Banca d'italia e. Il quadro sanzionatorio f. L'emersione delle attività detenute all'estero g. La legislazione valutaria h. Il monitoraggio fiscale i. La legge sulla trasparenza societaria Il contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE APPENDICE NORMATIVA Indice dei provvedimenti Decreto-legge 3 maggio 1991, n BIBLIOGRAFIA

8

9 INTRODUZIONE Nell ambito della criminalità organizzata, nella quale confluiscono sia quella di stampo mafioso, che quella di carattere economico, nonché quella di tipo eversivo - terroristico a livello transnazionale, l importanza della componente patrimoniale - finanziaria e la forza portante che questa rappresenta per le finalità dell associazionismo delinquenziale costituiscono, ormai, un dato incontrovertibile ed universalmente riconosciuto, appurato, ripetutamente, non solo in sede operativa dai competenti Organismi investigativi, ma comprovato, altresì, chiaramente dalle stesse risultanze processuali. I consistenti proventi derivanti dalle attività delittuose poste in essere, ovvero, nel caso del terrorismo internazionale, dai finanziamenti ottenuti sotto diversificate forme, e per le più varie finalità sottostanti, da fiancheggiatori e/o da compiacenti sovvenzionatori, rappresentano la base essenziale per l'affermazione ed il consolidamento delle strutture criminali, poiché, da un lato, forniscono alle stesse le fonti di alimentazione per perpetuare ed allargare il campo dell'illecito, anche attraverso il sostentamento ed il reclutamento degli "addetti ai lavori", dall'altro consentono una massiccia infiltrazione nei "mercati", attraverso una serie di attività commerciali e finanziarie formalmente lecite, che generano gravi contraccolpi sull'intera economia mondiale. Le proiezioni nell'imprenditoria legale, agevolate da una globalizzazione dei sistemi economici degli Stati, ormai del tutto irreversibile, le spinte delinquenziali distorsive e destabilizzanti della libera concorrenza, con la contestuale acquisizione dominante di spazi gestionali, se non in assoluto monopolio, sono le risultanze di perversi ed efficaci meccanismi di ripulitura, mimetizzazione e schermatura degli anzidetti proventi illeciti attraverso l'utilizzo del sistema finanziario, non sempre immune da censure. Questa inconfutabile realtà impone, pertanto, adeguate iniziative di prevenzione e di contrasto idonee a contrapporsi ad essa, attraverso un continuo processo di adeguamento, a fronte di un quadro in costante evoluzione e crescita che vede la criminalità organizzata conformarsi, sempre più, al modello delle imprese commerciali, adattandosi in modo camaleontico alle varie situazioni emergenziali e contingenti.

10 2 I PRESIDI NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINALITÀ DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO Il fine del presente elaborato è, appunto, quello di illustrare i presidi posti sul piano nazionale quali capisaldi della prevenzione del sistema finanziario per finalità di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo, nonché la loro tempestiva adozione e perfezionamento nel tempo al mutare della minaccia, in linea con gli indirizzi a livello internazionale, spesso, addirittura, anticipandoli. In tale contesto, gli esiti del lavoro svolto si sviluppano su sei capitoli: a) nel primo capitolo, dopo una premessa volta, sostanzialmente, a rappresentare, preliminarmente, il contesto di riferimento per evidenziare, innanzitutto, la pericolosità e la complessità dei fenomeni da "combattere" ed i riflessi negativi di cui è cenno in precedenza, l'attenzione viene focalizzata sulla criminalità organizzata, allo scopo di definirne il concetto, individuarne gli aspetti salienti e le varie manifestazioni che la caratterizzano (come già detto: di stampo mafioso, di stampo economico e di tipo eversivo - terroristico), analizzarne alcune linee evolutive, nonché verificare le connessioni esistenti tra i vari fenomeni in essa ricompresi; b) il secondo capitolo intende offrire una panoramica della criminalità organizzata a livello transnazionale e delle proiezioni operative della stessa nei traffici illeciti più lucrosi, che destano, o hanno destato, particolare allarme sociale (contrabbando di tabacchi lavorati esteri, "traffico di esseri umani"/immigrazione clandestina e traffico di stupefacenti), non solo per gli effetti di disvalore sulla civile convivenza e destabilizzanti per l'intera collettività, ma anche per i comportamenti particolarmente criminali e violenti posti in essere per la loro esecuzione, tanto a carico di ignari cittadini, temporaneamente presenti sui luoghi degli accadimenti, che delle Forze dell'ordine impiegate nell'azione di prevenzione e contrasto, oltre che degli stessi soggetti clandestinamente trasportati sui mezzi navali; c) il terzo capitolo è incentrato sull'illustrazione delle principali caratteristiche che qualificano i "paradisi bancari e fiscali", con specifici riferimenti ad alcuni istituti tipici rinvenibili nei loro ordinamenti ed un necessario richiamo ai provvedimenti assunti dal legislatore nazionale allo scopo di selezionare gli

11 INTRODUZIONE 3 Stati o territori a regime fiscale privilegiato ed a regolamentare, per finalità di tassazione, le operazioni intercorrenti con i medesimi; d) il quarto capitolo affronta la tematica del fenomeno del "riciclaggio", nelle sue varie forme ed approfondisce le complesse metodologie poste in essere, non su di un piano puramente teorico, ma quali emerse ed accertate in sede investigativa nell'ambito dell'attività istituzionale condotta costantemente dalla Guardia di Finanza a tutela dei mercati finanziari e dell'intera collettività; e) il quinto capitolo analizza le iniziative assunte a livello internazionale per la prevenzione ed il contrasto al riciclaggio ed al finanziamento al terrorismo, individuando quelli che debbono essere considerati i principali capisaldi sui quali si è ancorato il legislatore italiano per definire il panorama normativo interno, adottando efficaci strumenti di salvaguardia per le medesime finalità; f) il sesto e ultimo capitolo costituisce la necessaria ed ovvia chiusura degli approfondimenti condotti poiché, a fronte di quanto delineato nei precedenti per consentire una compiuta valutazione dell'argomento oggetto della trattazione, illustra partitamente i presidi antiriciclaggio sul piano nazionale, anche con riguardo al finanziamento del terrorismo internazionale, adottati dal 1978 con la criminalizzazione del riciclaggio riferita, allora, ad una condotta ben circoscritta, sino all'approvazione dell'ultimo decreto emanato nell'anno 2004 in materia di prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività illecite. In particolare, in detto capitolo, dopo un sintetico riepilogo e commento dei punti cardine in ordine cronologico, l'attenzione viene incentrata sulle iniziative assunte tanto per la repressione penale del riciclaggio, quanto per la prevenzione ed il contrasto del medesimo fenomeno sul piano finanziario, nel cui ambito viene descritta l'evoluzione intervenuta nel tempo, svolta una dettagliata disamina dei provvedimenti adottati, sia in via diretta, che indiretta, individuati ruolo e compiti delle Autorità di controllo, definito, infine, il quadro dispositivo, emergente dal raccordo e dalla coordinazione delle norme richiamate. Nel

12 4 I PRESIDI NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINALITÀ DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO medesimo contesto, vengono anche esaminati, in linea generale, gli ulteriori interventi di completamento - riferiti all'anagrafe dei conti e dei depositi, alla normativa antimafia, a quella valutaria, al monitoraggio fiscale, ovvero che riguardano gli aspetti attinenti il piano penale - che rafforzano la valenza tecnica dei menzionati presidi e che consentono di apprezzare concretamente le iniziative assunte gradualmente dal legislatore italiano le quali, senza ombra di dubbio, pur con i correttivi ancora necessari, si pongono già ora all'avanguardia di tutte le normative delle quali si sono parimenti dotati gli altri Paesi 1. A supporto dell'analisi condotta: il capitolo riferito ai "traffici illeciti" viene corredato da apposite immagini per comprovare, tangibilmente, e partecipare contestualmente, l'incisività e l'onerosità dell'azione repressiva condotta in Puglia dalla Guardia di Finanza, a fronte della pericolosità e violenza espresse dalle organizzazioni criminali nel porli in essere; quello attinente il "riciclaggio del denaro sporco" viene integrato con specifici schemi illustrativi di alcuni casi tipici accertati "sul terreno" nell'azione di contrasto e delle varie metodologie poste in essere dalla criminalità organizzata, compresa quella a matrice ideologica, per i trasferimenti "mimetizzati" e la "ripulitura", scoperte dai Reparti del Corpo; negli altri capitoli sono invece inseriti quadri di sintesi finalizzati tanto ad evidenziare con immediatezza gli aspetti più rilevanti delle tematiche in corso di analisi, quanto a fornire una necessaria panoramica riepilogativa dello specifico argomento approfondito. Le considerazioni conclusive completano la disamina della problematica con alcune riflessioni sulle prospettive future per debellare uno dei mali dell'economia mondiale, tuttora ben presente ed in continua espansione anche in questo inizio di secolo. 1 "E' opinione comune che l'italia disponga della legislazione antiriciclaggio più completa ed incisiva dei Paesi industrializzati e che gli scarsi successi nell'attività repressiva siano dovuti alla mancanza di collaborazione da parte degli intermediari finanziari, o comunque, ad una insufficiente sensibilità nella valutazione degli indizi che dovrebbero rendere sospetta una determinata operazione." - FEDERICO SCIAMPAGNINO, in Riciclaggio da Internet.

13 INTRODUZIONE 5 L'elaborato è corredato, infine: dalla "Bibliografia", concernente la documentazione presa a base del lavoro svolto, selezionata, anche mediante ricerche su Internet 2, tra quella più recente ed aggiornata, valutata come maggiormente significativa ed aderente all'oggetto della tematica analizzata, dalla quale sono state tratte, altresì, le varie note a piè di pagina a conforto dell'illustrato quadro di situazione, delle considerazioni formulate in proposito e delle tesi espresse: Tra detta documentazione sono ricompresi, altresì, vari elaborati predisposti sia dalla Guardia di Finanza per le proprie finalità istituzionali, sia dallo scrivente all'interno del Corpo per scopi didattici e conoscitivi dei Suoi appartenenti; da una "Appendice normativa" con l'indice cronologico dei provvedimenti succedutisi nel tempo, che interessano, direttamente e/o indirettamente l'argomento affrontato e che, raccolti e coordinati in apposito compendio in formato Adobe Acrobat pdf sull unito CD-Rom per facilità di consultazione, hanno formato oggetto di apposita analisi per individuare e definire il panorama legislativo e regolamentare vigente; dal testo base (D.L. 3 maggio 1991 n. 143 recante Provvedimenti urgenti per limitare l'uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l'utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio convertito con legge 5 luglio 1991 n. 197, coordinato e aggiornato al 30 settembre Su "http://www.jumpy.it/home", mediante la ricerca in tutto il web, sono state estratte le monografie ritenute di interesse i cui autori sono stati riportati in calce alle note di commento, mentre il relativo indirizzo completo del sito analizzato è stato riportato nella sola "Bibliografia" per esigenze di sinteticità.

14

15 CAPITOLO I LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Sommario: 1. Premessa; 2. Il concetto di criminalità organizzata; 3. La criminalità organizzata di stampo mafioso; a. Mafia "rurale", mafia "urbana" e mafia "economica"; 4. Le linee evolutive; 5. La criminalità organizzata di stampo economico; 6. La criminalità organizzata di tipo eversivo/terroristico; 7. Le connessioni tra criminalità organizzata di stampo mafioso, economico ed eversivo/terroristico. 1. PREMESSA Nell'ambito di una realtà economica mondiale in continua trasformazione, dopo il tramonto della varie politiche nazionalistiche e dei connessi provvedimenti restrittivi che le contraddistinguevano, le strutture e le tecniche della finanza si sono evolute e si vanno innovando con ritmi sempre più rapidi, quanto crescenti. 3 QUADRO DI SITUAZIONE REALTA' R E ECONOMICA O N O M A MONDIALE M O N D CARATTERIZZATA C A DA D A AMPIO MOVIMENTO DI CAPITALI DIFFUSIONE SERVIZI BANCARI E PARABANCARI UTILIZZO FORME INUSUALI RACCOLTA RISPARMIO SISTEMA FINANZIARIO INTERNAZIONALE APERTO USO STRUMENTI DIVERSI PE R E R O G AZIO N E C R E D IT O DA MERCATO PROTETTO QUINDI A CONCORRENZIALE E INTERNAZIONALMENTE INTEGRATO T R O 3 Si veda GIULIO SBARRA in La prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario per finalità di riciclaggio - Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza - Roma

16 8 I PRESIDI NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINALITÀ DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO Il vasto processo di liberalizzazione intervenuto negli anni, anche con l'abbattimento delle frontiere, che ha consentito l'insorgere di innovati sistemi economici; le consistenti iniziative di sviluppo; le forme sempre più strette di collaborazione ed integrazione internazionale; l'allargamento dei mercati sotto l'incalzare del progresso tecnologico e scientifico; l'ampia diffusione dei sistemi informativi, telematici e satellitari, rappresentano certamente le più significative conquiste dell'ultimo cinquantennio. Gli aspetti più rilevanti di una realtà economica mondiale in continua trasformazione sono oggi caratterizzati da un sistema finanziario internazionale aperto, da un ampio movimento di capitali a livello nazionale e transnazionale, da una diffusione capillare di servizi bancari e para bancari, dall'utilizzo di forme spesso inusuali nella raccolta del risparmio, dall'adozione di strumenti diversificati nell'erogazione del credito. In sostanza, da un mercato protetto si è passati, gradualmente, ad un mercato concorrenziale ed internazionalmente integrato attraverso scelte generali ormai del tutto irreversibili anche sul piano tecnico. L'anzidetta situazione accentua, ovviamente, la competizione internazionale nello specifico settore dell'intermediazione, che induce al ricorso di iniziative finanziarie ad ampio raggio, sempre più complesse e sofisticate, creando in tal modo le premesse per una conseguente interdipendenza dei mercati e delle differenti economie. La globalizzazione dei sistemi finanziari è dunque una realtà incontrovertibile 4 ed in tale contesto si trovano ad operare anche le più evolute organizzazioni criminali, a carattere transnazionale (di tipo 4 "Il processo di globalizzazione in atto in questo inizio di terzo millennio, definito da alcuni come la più significativa svolta economica dai tempi della rivoluzione industriale, sta infatti determinando la fusione dei sistemi economici e finanziari locali in un unico grande mercato integrato caratterizzato da una rilevante espansione della liquidità dovuta ad una crescita di straordinarie proporzioni delle attività finanziarie: crescita alimentata, oltre che dall'aumento dei partecipanti al mercato, anche dall'emissione di nuovi titoli principalmente di debito, dall'aumento di valore dei titoli già presenti sul mercato e, (n. di r.: soprattutto per quanto riguarda l'oggetto del presente elaborato), dalla conversione di attività tradizionalmente non liquide in titoli negoziabili. A questo si aggiungono un'ulteriore serie di fattori quali il progressivo abbattimento delle barriere commerciali, gli sviluppi della telematica e la liberalizzazione della circolazione dei servizi finanziari che, di fatto, consentono alla malavita di ottenere la massimizzazione delle opportunità con la minimizzazione del rischio di essere individuati, arrestati e di avere confiscate le ricchezze." - MARCO POPPI in Finanziamento del terrorismo e cooperazione internazionale in materia di riciclaggio su Rivista SISDE n Gennaio/aprile 2002.

17 LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA 9 mafioso, di tipo economico, di tipo eversivo 5 ), le quali, come noto, in possesso di ingenti liquidità, operano nel campo finanziario, in modo diretto e/o strumentale in base agli obiettivi da raggiungere e strettamente connessi alla loro esistenza, come una vera e propria imprenditoria. 6 EFFETTI DELL IMPRENDITORIA CRIMINALE CARATTERI IMPRESA MULTINAZIONALE TURBA SISTEMA ECONOMICO IN Q U IN A AT T I VIT A' D IM PR E SA SVOLGE CONCORRENZIALITA' VINCENTE CON IMPRENDITORIA SAN A BASSI COSTI NORME ELUSE E REGOLE NON RISPETT ATE METODI IN T IM ID AZ IO N E PREV ARIC AZIONE COLLUSIONE La stessa, che presenta i caratteri tipici di un'impresa multinazionale, non solo provoca turbative nel sistema economico internazionale nel suo complesso, ma condiziona, altresì, 5 6 "Siamo dinanzi ad una struttura assai efficiente e capace che ha saputo creare il suo potere economico, logistico e medianico attraverso quello che al tempo stesso rappresenta il punto di forza e di debolezza delle moderne democrazie occidentali: il sistema globalizzato." - NICOLA PEDDE - intervento in Forum: Lo scenario internazionale tra conflittualità e terrorismo, su Rivista SISDE n gennaio/aprile "...nei tempi recenti, si è assistito ad una lenta ed inavvertita trasformazione verso il modello di "impresa criminale", traslato dal mondo economico, con una perfetta organizzazione interna che, da una parte, l'ha resa meno vulnerabile e, dall'altra, le ha garantito una maggiore e più penetrante forza intimidatrice e prevaricatrice sia all'interno, dove primeggia il senso dell'omertà, sia all'esterno da porsi arrogantemente in contrapposizione con le stesse istituzioni dello Stato. Il suo principale obiettivo è il conseguimento di un lucro, atteso che è proprio l'accumulazione della ricchezza la sua vera, ultima essenza, ricchezza che viene utilizzata per ottenere posizioni sempre più prestigiose nell'economia e nella finanza, tali da riuscire a condizionare ed inquinare diversi settori della vita pubblica" - LUCIO MACCHIA in Il ruolo della Guardia di Finanza nel contrasto a livello nazionale, comunitario ed internazionale" da Seminario "Il ruolo del Ministero del Tesoro nella lotta al riciclaggio - Problematiche connesse alla criminalità organizzata nazionale ed internazionale" - II Edizione - 25/26 novembre Roma (pagina 60).

18 10 I PRESIDI NAZIONALI PER LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINALITÀ DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO negativamente e pesantemente "il mondo dell economia" 7 ed i sistemi democratici. Inoltre, quando si inserisce nel mondo degli affari, per perpetuare il profitto e trarre ulteriori fonti di alimentazione per finanziare le rispettive attività delittuose 8, inquina anche le attività di impresa sul mercato,svolgendo, contestualmente, una concorrenzialità vincente con l'imprenditoria sana "basata su bassi costi, norme eluse e regole non rispettate, ma, soprattutto sui metodi dell'intimidazione, della prevaricazione e della collusione istituzionalizzata, spiazzante e pagante, con i pubblici poteri" D'altro canto, da tempo si sostiene che il crimine organizzato - almeno nelle sue attività di mercato - opera come qualsiasi altra impresa, fornendo beni-servizi e quindi consumi, rivolgendosi ai "clienti", secondo il modello della domanda-offerta. 11 Gli indicati fenomeni, infatti, pur con connotazioni e finalità difformi, la cui componente economica costituisce, a fattor comune, come universalmente riconosciuto, uno degli elementi essenziali per la loro stessa sopravvivenza, risultano strettamente collegati con la realtà dei mercati, nel cui ambito appare sempre più crescente il "peso" che le organizzazioni delinquenziali acquisiscono sul piano finanziario ed imprenditoriale legale e sempre maggiore l internazionalizzazione delle attività economiche criminali, che trovano concrete possibilità di ROSA JERVOLINO RUSSO Intervento tenuto nel corso dell inaugurazione dell anno accademico 1999/2000 della Scuola Addestramento SISDE su Rivista SISDE n. 15/1999. "...sfruttando il moderno sistema del mercato globalizzato e le sue logiche, il terrorismo internazionale è in grado di potersi alimentare e rigenerare con una progressione pressoché inarrestabile...la gestione di ingenti patrimoni riconducibili ad alcuni tra i più attivi sostenitori di uomini ed organizzazioni del terrorismo internazionale, unitamente alla massiccia presenza nel mondo finanziario ed economico in genere di cittadini di Stati considerati come "sospetti" garantisce, grazie all'assoluta trasparenza delle operazioni condotte..., un margine di successo non ostacolabile in alcun modo e capace, soprattutto, di generare legalmente flussi finanziari ingenti." - idem NICOLA PEDDE - intervento in FORUM: Lo scenario internazionale tra conflittualità e terrorismo su Rivista SISDE n gennaio/aprile Dal documento presentato dall'associazione costruttori di Reggio Calabria il 17 luglio "L esistenza diffusa di racket malavitosi rappresenta una fortissima alterazione del tessuto economico, una degenerazione profonda della vita sociale, della vita quotidiana, che può interessare intere aree di un Paese."- EFISIO ESPA - intervento in Forum: Intelligenza ed analisi strategica su Rivista SISDE n. 14/1999. "Le zone fortemente infette dalla criminalità organizzata sono aree comunque interessate da qualche forma di sviluppo. Per quanto paradossale possa apparire non è interesse della criminalità strozzare fino in fondo il tessuto economico di una zona perché poi si finirebbe per diminuire anche i proventi ed annullare i vantaggi di carattere economico ricavabili in quella stessa zona." - idem EFISIO ESPa - intervento in Forum: Intelligenza ed analisi strategica su Rivista SISDE n. 14/1999.

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa

L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning. Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina 1 di 8 M.1 L'ANTIRICICLAGGIO Evoluzione normativa a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa L'Antiriciclaggio: Evoluzione normativa Pagina

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE 1. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO. 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. L Accordo, in piena coerenza con

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione:

Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: Titolo V - Dei delitti contro l'ordine pubblico Art. 414. Istigazione a delinquere. Chiunque pubblicamente istiga a commettere uno o più reati è punito, per il solo fatto dell'istigazione: 1. con la reclusione

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO La nuova normativa antiriciclaggio I presupposti dell identificazione Il contenuto e le modalità dell identificazione Il contenuto dell obbligo di registrazione e conservazione dei dati La segnalazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015 Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016-1 1. Introduzione: organizzazione e funzioni del Comune. Con l approvazione del presente Programma Triennale della Trasparenza e dell

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Risoluzione n. 150/E. Roma, 9 luglio 2003

Risoluzione n. 150/E. Roma, 9 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Risoluzione n. 150/E Roma, 9 luglio 2003 Oggetto: Depositi a garanzia di finanziamenti concessi ad imprese residenti aventi ad oggetto quote di fondi comuni di

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 )

Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 ) Niente agevolazioni a società sportive dilettantistiche non riconosciute dal CONI ( Articolo di Vincenzo D'Andò 11.06.2004 ) NOVITA FISCALI PER LE ASSOCIZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Niente agevolazioni

Dettagli

ECONOMIA E LEGISLAZIONE ANTIRICICLAGGIO. In sigla Master 42

ECONOMIA E LEGISLAZIONE ANTIRICICLAGGIO. In sigla Master 42 Master di 1 Livello Inserito nell Offerta Formativa Interregionale: ID 6889 Discipline economico-statistiche, giuridiche, politico-sociali Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) ECONOMIA E LEGISLAZIONE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo

ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo ANTIRICICLAGGIO Modalità operative per le sale bingo Convegno ASCOB Roma 18 Luglio 2012 Dott. Franco Fantozzi Direttore Sicurezza e Compliance CODERE ITALIA SpA RICICLAGGIO: LE DIMENSIONI DEL FENOMENO

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA

Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 aprile 2013 C NOTA Adempimenti all Archivio dei rapporti finanziari da parte di soggetti che svolgono in Italia attività di prestazione di servizi di pagamento

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Economia e Gestione delle Imprese (Prof. Roberto Vona) CENTRO CULTURALE GESU NUOVO Gruppo Legalità Laboratorio sulla Impresa Criminale Riciclaggio

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato PROTOCOLLO DI INTESA TRA l AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI E L AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L Autorità per le garanzie

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione III

PARTE SPECIALE Sezione III PARTE SPECIALE Sezione III -Reati di criminalità organizzata -Reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita -Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato Roma, 22 luglio 2002 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato DIRAMAZIONE GENERALE Divisione XIII Protocollo

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana VI Conferenza Banca d Italia - MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Ministero degli Affari

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli