Analisi e valutazione di un middleware per dispositivi mobili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi e valutazione di un middleware per dispositivi mobili"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Tesi di Laurea Analisi e valutazione di un middleware per dispositivi mobili Relatore: Chiar.mo Prof. Ing. Stefano Russo Candidato: Correlatori: Paolo Angioletti Ing. Domenico Cotroneo Matricola 45/2006 Ing. Armando Migliaccio ANNO ACCADEMICO

2 2

3 Queste pagine si sono potute scrivere non soltanto grazie allo studio consumato in così tanti anni, ma soprattutto grazie alla forza e alla solarità di mia madre che mi ha saputo sostenere nei momenti difficili. Dedico questo lavoro di tesi a mio padre che orgoglioso di me continua a guidare i miei passi dal paradiso. Con amore PAOLO. 3

4 4

5 Indice generale 1) Elaborazione su dispositivi mobili ) Cenni sulle reti wireless ) Wi-Fi e lo standard IEEE802.11b ) Bluetooth ) Mobile distributed computing ) Classificazione dei sistemi distribuiti ) Nomadic computing ) Middleware per nomadic computing ) Il middleware CORBA e l'interoperabilità ) Il middleware OMG CORBA ) Interoperabilità fra gli ORB ) IOR Interoperable Object Reference ) Tagged profiles ) Il formato corbaloc e corbaname ) GIOP General Inter-ORB Protocol ) CDR - Common Data Representation ) Formato dei messaggi GIOP ) Assunzioni sul trasporto ) Architettura OMG Wireless CORBA ) Concetti fondamentali ) Domini ORB in wcorba ) GIOP Tunneling ) Oggetti di servizio in wcorba ) Mobile IOR ) Nuova semantica del profilo IIOP ) Semantica del Mobile Terminal Profile ) HomeLocationAgent ) Terminal_id ) Interfaccia di operazioni ) Elaborazione dei messaggi GIOP ) AccessBridge ) Interfaccia delle operazioni ) Elaborazione dei messaggi GIOP ) Eventi di notifica di mobilità dei terminali ) TerminalBridge ) Eventi di notifica di mobilità dei terminali ) GTP - GIOP Tunneling Protocol ) GTP Adaptation Layers ) Livelli di complessità dei messaggi GTP

6 3.6.3) Messaggi per la gestione del tunnel ) Messaggi per l'utilizzo di connessioni GIOP ) Messaggio di inoltramento ) Altri messaggi ) Scenari di tunneling e forwarding ) Invocazione dal terminale verso la rete fissa ) Invocazione dalla rete fissa verso uno homed terminal ) Invocazione dalla rete fissa verso uno homless terminal ) Invocazione da terminale a terminale ) Invocazione in presenza di handoff ) Gestione degli handoff in OMG wcorba ) Tipologie di handoff ) Procedura network initiated handoff ) Attività dell'accessbridge uscente ) Attività del nuovo AccessBridge ) Attività del TerminalBridge ) Terminale no make before break ) Procedura terminal initiated handoff ) Attività del TerminalBridge ) Attività del nuovo AccessBridge ) Attività dell'accessbridge uscente ) Procedura access recovery ) Recovery verso lo stesso AccessBridge ) Recovery verso un AccessBridge differente ) Scenari di tunneling e forwarding ) Invocazione dal terminale verso la rete fissa ) Invocazione dalla rete fissa verso uno homed terminal ) Terminal Tracking ) MIwCO, una implementazione di wcorba ) Il progetto dell'implementazione ) Requisiti minimi e livelli di implementazione ) Implementazione dello HLA in MIwCO ) Modifiche all'orb Core in MIwCO ) Implementazione dei Bridges in MIwCO ) Implementazione del GIOP Tunneling in MIwCO ) Buffering dei messaggi GIOP nei bridges in MIwCO ) GIOP Tunneling su Bluetooth ) GIOP e il trasporto Bluetooth L2CAP ) LTP L2CAP Tunneling Protocol ) Indirizzi del tunnel ) Struttura dei messaggi LTP ) Lo startup del TerminalBridge di MIwCO ) HelloWorld! - una applicazione dimostrativa ) Attivare gli oggetti di servizio ) Eseguire l'applicazione server sul terminale ) Eseguire l'applicazione client sulla rete fissa ) Scrivere gli shell script di avvio e configurazione ) Misure dei tempi di latenza di MIwCO

7 6.1) Scenario di riferimento ) Terminali che visitano lo stesso dominio ) Terminali che visitano domini differenti ) Obiettivi preposti ) Strategia delle invocazioni ) Profiling del codice ) Ambiente di test utilizzato ) Risultato delle misure A. BlueZ Bluetooth su Linux B. Cross-compilare C C. Shell Scripts per MIwCO D. RPM - RedHat Packet Manager E. profiling semplice di programmi C

8 8

9 Sommario La presente tesi si concentra sulle problematiche relative all'elaborazione distribuita mobile (mobile distributed computing), un nuovo concetto di elaborazione nato con la diffusione sempre maggiore dei dispositivi portatili dotati di una propria capacità di calcolo (notebooks, PDAs, telefoni cellulari, ) Il concetto di nomadic computing, come forma particolare di mobile distributed computing, introduce nuove problematiche che non erano presenti negli ambienti di elaborazione su rete fissa. I middleware tradizionali, come strumenti per lo sviluppo di applicazioni utente distribuite, si basano su assunzioni non più presenti nei nuovi ambienti wireless. Nasce dunque l'esigenza di fornire supporto alla mobilità con lo sviluppo di nuove infrastrutture middleware ad hoc. Le specifiche OMG Wireless CORBA hanno l'intenzione di mostrare una evoluzione del middleware CORBA che possa essere utilizzato per lo sviluppo di applicazioni utente in situazioni di nomadic computing. Nel terzo capitolo di questa tesi tali specifiche vengono illustrate con notevole dettaglio e di esse vengono messe in risalto le strategie per la soluzione di problemi tipici come la limitazione delle risorse sugli apparati mobili (memoria e potenza computazionale), la natura discontinua dei collegamenti wireless e soprattuto la gestione degli handoff. Nel quarto capitolo si descrivono le strategie che conviene adottare, partendo da una implementazione preesistente di CORBA, per una corretta implementazione delle specifiche Wireless CORBA. In particolare si fa riferimento a MIwCO, una implementazione open source sviluppata dai ricercatori dell'università di Helsinki. L'implementazione MIwCO viene approfonditamente analizzata e di essa viene descritta la sua struttura interna e le interazioni tra i suoi componenti fondamentali. Viene anche mostrato come eseguire una applicazione utente dimostrativa. Sono inoltre proposti alcuni miglioramenti da apportare all'implementazione di MIwCO, in maniera che possa 9

10 risultare ancora più aderente alle specifiche ufficiali e ancor più semplice da utilizzare. Nell'ultimo capitolo sono riportati i risultati sperimentali e le valutazioni ottenute misurando le prestazioni dell'implementazione MIwCO. In particolare sono stati misurati i tempi di latenza delle invocazioni twoway per alcuni scenari di riferimento che possono manifestarsi spesso nella pratica. In appendice sono stati pubblicati il codice sorgente dei miglioramenti apportati a MIwCO e il codice sorgente di tutti gli shell script necessari per la corretta inizializzazione di tutti gli oggetti di servizio fondamentali. 10

11 11

12 12

13 Capitolo 1 1) ELABORAZIONE SU DISPOSITIVI MOBILI 1.1) Cenni sulle reti wireless La principale caratteristica di una rete wireless, cioè senza fili, consiste nel fatto che i dati sono trasmessi tramite onde radio o raggi infrarossi, eliminando in tal modo qualsiasi tipo di connessione fisica tra i dispositivi della stessa rete. Nell'ambito delle tecnologie di connessione senza fili rientrano: (1) le tecnologie per la telefonia cellulare e per la copertura di reti mondiali (Wireless WAN o wwan); (2) le tecnologie per la realizzazione di reti locali (wpan, wlan e in alcuni casi wman). Le prime tecnologie si riferiscono a standard ben conosciuti ed utilizzati quotidianamente ormai da tutti. Ci limitiamo soltanto alla loro enunciazione: GSM (Global System for Mobile communications), GPRS (General Packet Radio Services), HSCSD (High Speed Circuit Switched Data) e UMTS (Universal Mobile Telecommunications System). Faremo qualche cenno sulle loro caratteristiche nel prossimo paragrafo. Le seconde tecnologie si riferiscono a standard e protocolli meno conosciuti, almeno dai non addetti ai lavori. Tecnologie, così facilmente implementabili, affidabili e sempre più economiche da far paura agli stessi gestori di telefonia cellulare, che vedono in queste un forte concorrente. Parliamo di Bluetooth per le reti wpan (wireless Pesonal Area Network), di HiperLan e della famiglia degli standard IEEE per le reti wlan (wireless Local Area Network). In particolare, lo standard certificato dallo IEEE come b, meglio conosciuto e pubblicizzato dal Weca (Wireless Ethernet Compatibility Alliance), l'organismo che si occupa della certificazione dei dispositivi per questo tipo di reti, come Wi-Fi (Wireless Fidelity). 13

14 1.1.1) Wi-Fi e lo standard IEEE802.11b Lo IEEE (Institure of Electrical and Electronic Ingeneering) ha prodotto una famiglia di standard di livello fisico e di livello datalink, denominata IEEE802, ormai diventata un punto di riferimento globalmente accettato per le reti di computer. Come possiamo non ricordare gli standard: Internetworking; LLC (Logical Link Control); CSMA/CD Ethernet; Token Bus LAN; Token Ring LAN; MAN (Metropolitan Area Network); Fiber-Optic Techical Advisory Group; Integrated Voice/Data Networks; Network Security. Quello per le reti wireless, lo standard , appartiene a questa ben precisa famiglia di standard che si occupa di reti ad uso privato. In un sistema wireless privato la trasmissione dei segnali avviene principalmente a radiofrequenza in un banda centrata attorno ai 2,45 Ghz; tale banda viene detta banda ISM ( for Industrial Scientific and Medical purpose ). Secondo la legge in vigore nella maggior parte degli stati, per trasmettere nella banda ISM, e per potenze non superiori a certi limiti, non è necessario ottenere particolari licenze o permessi. Nel 1997 nasceva il primo standard di riferimento, lo standard IEEE , che dettava le specifiche di livello fisico e di livello datalink per l'implementazione di una rete privata LAN wireless. La trasmissione era basata su onde radio nella banda ISM e con tecniche di modulazione Spread Spectrum ( a spettro diffuso ) per poter ottenere una maggior robustezza nei confronti dei segnali interferenti. Purtroppo, IEEE consentiva una limitata velocità di trasmissione e non ebbe un grosso successo. Qualche anno dopo, l'evoluzione di tale tecnologia portò allo standard IEEE b (oggi denominato anche Wi-Fi o Wireless Fidelity) che, oltre a mantenere la compatibilità con lo standard precedente, consentiva una migliore velocità di trasmissione che oggi va dai 5,5 Mbps agli 11 Mbps. Questo standard ha avuto, e sta avendo, molto successo soprattutto perché molte industrie leader nel settore (come Nokia, 3Com, Apple, Cisco System, Intersil, Compaq, IBM ed altre) lo hanno riconosciuto ed adottato. Nel 1999 è stato fondato il WECA (Wireless Ethernet Compatibility Alliance) con l'obiettivo della certificazione, interoperabilità e compatibilità tra i differenti prodotti che implementano lo standard IEEE802.11b 14

15 I prodotti Wi-Fi sono tipicamente delle schede di rete dotate di ricetrasmettitori ad onde radio che forniscono l'implementazione delle entità di livello fisico e di livello datalink. Per costruire una rete wlan con dispositivi Wi-Fi bisogna considerare una architettura basata su due tipologie di dispositivi: AP - Access Point sono bridge che collegano la sottorete wireless con la rete fissa cablata. Gli AP possono essere implementati sia in hardware (esistono dei dispositivi dedicati che somigliano molto ai classici hubs per le reti Ethernet) e sia in software. Nel secondo caso sono driver di dispositivo (e processi utente) su di elaboratore dotato sia della classica scheda di rete Ethernet (per collegarsi alla rete fissa) che della scheda wireless Wi-Fi (per ricevere/trasmettere i segnali radio). WT - Wireless Terminal sono i dispositivi (in genere mobili) che usufruiscono dei servizi di collegamento alla rete. I WT possono essere qualsiasi tipo di dispositivo come ad esempio i notebooks, i palmari, i PDAs, i telefoni cellulari, o qualsiasi altra apparecchiatura capace di ricevere/trasmettere i segnali radio dello standard IEEE Wi-Fi è ormai diventato un protocollo di trasmissione wireless capace di supportare reti ad "alta velocità" e che garantisce l'interoperabilità tra soluzioni diverse. Il protocollo Wi-Fi consente: di poter variare la velocità di trasmissione dati per adattarsi al canale; di raggiungere una velocità di trasmissione che arriva fino agli 11 Mbps; la possibilità di scelta automatica della banda di trasmissione meno occupata; la possibilità di scelta automatica di un Access Point in funzione della potenza del segnale e del traffico di rete; di creare un numero arbitrario di celle parzialmente sovrapposte permettendo il roaming in modo del tutto trasparente; 15

16 1.1.2) Bluetooth Bluetooth è una tecnologia di trasmissione di segnali radio a breve raggio, bassa potenza e poco costo, utilizzata per il collegamento senza fili di dispositivi elettronici. Le specifiche ufficiali di Bluetooth si trovano sul Web Inizialmente, fu sviluppata, dal costruttore di telefoni cellulari svedese Ericsson nel 1994, come alternativa alle connessioni con cavo, per consentire ai computer portatili (laptop, PDAs,) di utilizzare un telefono mobile per eseguire chiamate. Da allora molte migliaia di società si sono associate con lo scopo di rendere Bluetooth uno standard wireless a breve raggio e a bassa potenza per una ampia gamma di dispositivi. Ci sono un sacco di modi differenti attraverso i quali i dispositivi elettronici possono connettersi fra loro, e in genere lo fanno utilizzando una grande varietà di fili, cavi, radio segnali e colpi di luce infrarossa, nonché una altrettanto varietà di connettori, prese e protocolli. La tecnologia Bluetooth è specificatamente progettata per realizzare la comunicazione senza fili per apparecchi di piccole dimensioni. Il concetto chiave ispiratore di questa tecnologia è quello di eliminare completamente i cavi necessari alla comunicazione fra qualsiasi tipo di apparecchio; Bluetooth non si limita ai soli computer ma ad altri diversificati apparecchi elettronici come cellulari, cuffie, proiettori, scanner, videocamere, fotocamere, elettrodomestici vari. Questi collegamenti senza fili sono effettuati usando un ricetrasmettitore ad onde radio che opera nella frequenza di 2,4 GHz, frequenza assegnata per usi industriali. I dispositivi dotati di questa tecnologia comunicano dunque tra loro creando e riconfigurando dinamicamente (la configurazione cambia infatti automaticamente quando si inserisce o si elimina un dispositivo) delle reti ad hoc (dette picoreti ) composte da un massimo di otto nodi (più picoreti possono a loro volta inter connettersi, aumentando le possibilità di espansione). Ciò permette, ad esempio, di sincronizzare i dati di un PC portatile e un PDA semplicemente avvicinando i due apparecchi, oppure di passare automaticamente al viva voce quando si entra in auto parlando al cellulare. Tutto questo è possibile grazie al "Service Discovery Protocol", che permette ad un dispositivo Bluetooth di determinare quali sono i servizi che gli altri apparecchi presenti nella picorete mettono a disposizione. Tale protocollo può fungere sia da server (ossia può essere interrogato da un altro dispositivo e rispondere con i propri servizi) sia da client (interrogando gli altri dispositivi) 16

17 e ogni apparecchio dispone delle informazioni relative ai servizi di cui è capace e dei protocolli supportati: altri apparati potranno fare uso di queste informazioni per determinare le possibilità di interazione con i nodi della picorete. Questo è necessario perché, naturalmente, una stampante Bluetooth non offrirà le stesse possibilità di un PDA o di un auricolare, pertanto occorre che ogni nodo conosca le funzioni e le possibilità di ogni altro nodo della rete. Per fare un esempio concreto, se un telefonino Bluetooth vuole trasferire un messaggio di testo a un PDA, potrà interrogare quest ultimo per sapere se è dotato di funzionalità , o se è in grado di ricevere un testo in altro modo. Quando un dispositivo si inserisce per la prima volta in una picorete, inoltre, effettuerà una "scansione" di tutti i nodi presenti per capire come può interagire con essi. La tecnologia Bluetooth si propone di fornire servizi di rete ai livelli fisico e data-link del modello ISO/OSI di riferimento per le reti di calcolatori. Definisce le specifiche di uno stack di protocolli rappresentato nella seguente figura. Ci sono protocolli di base per la trasmissione dei segnali radio, protocolli di sostituzione di sistemi via cavo, protocolli di controllo della telefonia e protocolli adottati da altri standard. figura 1.1) Lo stack di protocolli Bluetooth. I vari livelli dello stack vengono implementati parzialmente in hardware (soprattutto quelli vicini al 17

18 mezzo fisico) e parzialmente in software (specialmente quelli sopra l'interfaccia host-controller). Lo stack, apparentemente molto complesso, è stato progettato per consentire a svariati dispositivi (telefoni mobili, cuffie audio, casse acustiche, computer palmari, ), costruiti da svariati produttori, di comunicare senza l'utilizzo di fili o cavi. I protocolli di base formano uno stack a cinque livelli costituito dai seguenti elementi: Radio Bluetooth Specifica i dettagli della trasmissione ad onde radio nell'aria; dettagli come la banda delle frequenze del segnale, l'uso dei salti di frequenza, lo schema di modulazione e demodulazione, la potenza di trasmissione, etc BaseBand and Link Controller Riguarda aspetti come l'attivazione della connessione, l'indirizzamento, il formato dei pacchetti, la sincronizzazione, e il controllo della potenza in un piconet: Host-Controller interface Gestisce la comunicazione fra un host separato e il dispositivo Bluetooth. LMP - Link Manager Protocol Responsabile dell'attivazione del collegamento fra dispositivi Bluetooth e della gestione del collegamento in corso. Include aspetti quali l'autenticazione e la crittografia più il controllo e la negoziazione delle dimensioni dei pacchetti in banda base; L2CAP - Logical Link Control and Adaptation Layer Paragonabile al livello LLC delle reti Ethernet, adatta i protocolli di livello superiore al livello in Banda Base. L2CAP fornisce importantissimi servizi affidabili ed orientati alla connessione che lo rendono direttamente utilizzabile come livello di trasporto, alla stessa stregua di come TCP viene utilizzato nell'architettura di 18

19 Internet. SDP - Service Discovery Protocol Fornisce informazioni sui dispositivi, sui servizi e sulle caratteristiche dei servizi che possono essere interrogate per consentire l'attivazione di una connessione fra più dispositivi Bluetooth. RFCOMM - Radio Frequency COMMunication Rappresenta una classica porta seriale RS-232, di cui ne emula le caratteristiche. Ha lo scopo di rendere più trasparente possibile la sostituzione delle tecnologie di trasmissione via cavo. RFCOMM garantisce il trasporto di dati binari ed emula i segnali di controllo RS-232 (quelli tipici delle porte seriali) sul livello Bluetooth in Banda Base. Nello stack sono presenti anche protocolli per la telefonia come TCS BIN - Telephony Control Specification BINary un protocollo orientato ai bit che definisce i segnali di controllo della chiamata per l'attivazione di collegamenti voce/dati fra dispositivi Bluetooth. Sono presenti anche protocolli adottati da altre architettura come il PPP - Point to Point Protocol, i protocolli TCP/UDP/IP di Internet, il più recente protocollo OBEX per il trasferimento di file di dati e i protocolli tipicamente wireless come WAE/WAP. 1.2) Mobile distributed computing In via del tutto generale possiamo dire che un sistema distribuito consiste in una collezione di componenti dislocati su vari computer connessi attraverso una rete telematica ([MASC]). I sistemi distribuiti tradizionali sono evoluti negli anni verso nuovi sistemi di elaborazione e comunicazione: mobile computing, pervasive computing, ubiquitous computing, nomadic computing, ad hoc computing. Anche se alcune similitudini possono essere individuate, ognuno di essi ha un identità ben definita se si guarda ai seguenti aspetti: 19

20 device per device si intende un nodo di rete dotato di capacità di elaborazione autonoma; in base alle sue proprietà di mobilità spaziale si può classificare in: fisso - dispositivi generalmente potenti con grandi quantità di memoria e processori veloci; mobile - dispositivi tipicamente poveri di risorse e con problemi di alimentazione che implicano la loro limitata disponibilità nel tempo. embeddedness per embeddedness si intende il grado di specificità del compito per cui viene progettato un dispositivo nonché il livello di integrazione raggiunto nel costruire il dispositivo che assolve il determinato compito. In base a questo criterio è possibile distinguere tra dispositivi: general purpose - un dispositivo progettato per rispondere a compiti non particolarmente specifici (come PDA, laptop, PC ); special purpose - un dispositivo progettato per rispondere a compiti ben specifici (come microcontrollori, sensori, badges ). connessione di rete con questo attributo ci riferiremo alla qualità del collegamento tra due o più host di rete; essa può essere: permanente - tipicamente una connessione di rete permanente è caratterizzata da un elevata banda ed un basso rapporto bit su errore (BER bit error rate); intermittente - tipicamente una connessione di rete intermittente è caratterizzata da una modesta banda, spesso variabile, ed un BER influenzato fortemente da agenti esterni. 20

21 contesto di esecuzione in letteratura esistono diverse definizioni di contesto. In questo ambito intenderemo per contesto qualsiasi cosa che possa influenzare il comportamento di una applicazione, come risorse interne al dispositivo (stato della batteria, disponibilità della CPU, disponibilità della memoria, dimensione del display) o esterne ad esso (larghezza di banda, affidabilità e latenza del canale, prossimità degli altri dispositivi). Un contesto può essere: statico - se le risorse interne ed esterne variano poco o mai; dinamico - se le risorse interne ed esterne sono soggette a forti cambiamenti ) Classificazione dei sistemi distribuiti Sulla base degli attributi elencati sopra i sistemi distribuiti possono essere classificati in sistemi di: traditional distributed computing sono una collezione di device fissi e general-purpose connessi tra loro attraverso una connessione permanente le cui applicazioni vivono in un contesto di esecuzione statico. nomadic computing i sistemi di nomadic computing rappresentano un compromesso tra i sistemi totalmente fissi e totalmente mobili; sono generalmente composti da un insieme di device mobili general/special purpose interconnessi ad un infrastruttura core con nodi fissi (collegati tra loro attraverso una connessione permanente) generalpurpose. Data la natura del sistema, le applicazioni vivono in un contesto di esecuzione che può essere talvolta statico e talvolta dinamico. ad hoc mobile computing i sistemi distribuiti ad hoc sono costituiti da un insieme di dispositivi mobili, 21

22 tipicamente general-purpose, connessi tra di loro attraverso un collegamento intermittente e senza alcuna infrastruttura fissa, dove le applicazioni vivono in un contesto di esecuzione fortemente dinamico. Gli scenari di ad hoc computing possono essere numerosi; si può pensare ad una scrivania con tanti dispositivi wireless che comunicano tra loro (stampante, PDA, cellulare) o ad un campo di battaglia dove dei tank devono scambiarsi strategie di attacco. pervasive computing si parla di pervasive computing quando il sistema distribuito è composto da un insieme di dispositivi fissi special-purpose (sensori, lettori di badges, microcontrollori, ) connessi tra loro attraverso un collegamento tipicamente permanente le cui applicazioni vivono in un contesto di esecuzione tipicamente statico soggetto solo talvolta a rapidi cambiamenti. Con pervasive computing in pratica si intende la crescente diffusione di dispositivi informatici intelligenti, facilmente accessibili e talvolta invisibili, il cui uso semplifica lo svolgimento dei normali compiti di tutti i giorni (si pensi alle idee e alle innovazioni per la domotica, la domus robotica). Tali dispositivi sono spesso progettati per estendere le applicazioni basate su standard aperti alla vita quotidiana e sono molto spesso incorporati nell'ambiente in cui operano (sensori di posizione, sensori di luminosità, ). ubiquitous computing i sistemi di ubiquitous computing sono costituiti da un insieme di dispositivi mobili, per la maggior parte special-purpose connessi tra loro attraverso collegamenti intermittenti e le cui applicazioni vivono in un contesto tipicamente dinamico. I sistemi di ubiquitous computing nascono dall evoluzione dei sistemi di pervasive computing data dall introduzione della mobilità dei dispositivi (per questo spesso i due termini sono usati come sinonimi). Con l ubiquitous computing i device faranno parte dei nostri naturali movimenti ed interazioni con i normali ambienti del 22

23 prossimo futuro: tutto ciò che è possibile immaginare con i computer e le telecomunicazioni, in movimento, fermi, in cielo, in terra o in mare può essere considerato ubiquitous computing ) Nomadic computing Abbiamo detto che i sistemi di nomadic computing rappresentano un compromesso tra i sistemi totalmente fissi e totalmente mobili; rappresentano quindi a nostro avviso un passo intermedio per evolvere verso i sistemi di elaborazione completamente mobili. L attenzione di questa tesi è rivolta ai sistemi di nomadic computing perché rappresentano oggi un paradigma di comunicazione che meglio si adatta al nostro fare quotidiano. Ogi viviamo in un disconnected world dove il più delle volte viaggiamo da una postazione fissa all altra, ufficio, casa, aeroporti, hotel, portando con noi i nostri computer e i dispositivi di comunicazione. La combinazione del mobile computing supportato dalle telecomunicazioni emergenti, sta cambiando oggi il nostro modo di vedere l elaborazione delle informazioni. Si riconosce, giorno dopo giorno, la necessità di accedere alle risorse anche quando si è in movimento e durante la migrazione da un contesto ad un altro; ovvero: anytime, anywhere access! D altra parte, quando si pensa allo sviluppo di questi ambienti di elaborazione distribuita, le infrastrutture di rete oggi disponibili rappresentano il giusto compromesso tra carico computazionale e leggerezza dei dispositivi mobili. Pertanto gli scenari di nomadic computing nell ambito dell office automation, nella domotica o in tutti quegli ambienti con nodi fissi in grado di offrire servizi e capaci di ospitare dispositivi mobili (aeroporti, gallerie d arte, aerei, navi da crociera, strutture abitative ) diventeranno sempre più diffusi e costituiranno il passo da compiere per raggiungere l obiettivo all the time, everywhere access dei futuri scenari di ubiquitous e pervasive computing ) Middleware per nomadic computing I middleware rappresentano quella infrastruttura software tra i sistemi operativi e le applicazioni distribuite, nata per nascondere la complessità introdotta dalla rete (eterogeneità delle piattaforme, dei linguaggi di programmazione, dei sistemi operativi, ). Nello sviluppo di middleware per sistemi 23

24 distribuiti tradizionali è richiesto che i meccanismi di trasparenza introdotti rispondano a requisiti di qualità (non funzionali) come scalability, heterogeneity, openness, fault-tolerance, resource sharing I sistemi di nomadic computing condividono gli stessi requisiti non funzionali dei sistemi distribuiti tradizionali, tuttavia alcuni di essi vanno rivisti in ragione delle variate circostanze in cui ci si trova ad operare. La scalabilità del sistema è relativa all abilità di servire un ampio numero di dispositivi mobili in modo efficiente. L eterogeneità è complicata dalla presenza di differenti link di rete (wireless/wired), diverse tecnologie e dispositivi mobili possono coesistere nello stesso ambito di rete. La fault tolerance può dipendere dal tipo di applicazione, ma in generale le disconnessioni (nessuna copertura radio, l alimentazione del dispositivo portatile si esaurisce, l ambiente è rumoroso) potrebbero non essere un malfunzionamento o un eccezione bensì un requisito funzionale. Contrariamente ai requisiti non funzionali, le esigenze e le ipotesi alla base dello sviluppo dei middleware classici (i requisiti funzionali) cambiano quando si va incontro agli ambienti mobili. I middleware per sistemi di nomadic computing devono introdurre un carico computazionale leggero, fornire un paradigma di comunicazione asincrono e assicurare la context awareness alle applicazioni. I middleware per sistemi classici invece fanno l esatto opposto e mal si adattano agli ambienti di nomadic computing. In particolare i punti di divergenza che spingono i ricercatori ad esplorare nuove soluzioni sono: Carico computazionale il tipo di carico computazionale introdotto dai middleware classici è tipicamente heavy-weight (richiede una grossa quantità di risorse per fornire servizi alle applicazioni soprastanti), contrariamente al carico light-weight richiesto dai middleware per ambienti mobili, data la presenza di dispositivi con capacità limitate. Paradigma di comunicazione i middleware classici assumono, come base per il loro corretto funzionamento, la presenza di connessioni stabili e permanenti tra i nodi di rete e di conseguenza 24

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) consiste in un insieme di specifiche promosse e curate da OMG (Object Management Group). L OMG è un consorzio internazionale no-profit di industrie nel

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Music Everywhere with BT

Music Everywhere with BT Music Everywhere with BT Acquaviva Luca 231767 luca.acquaviva@studio.unibo.it Colombini Gabriele 231491 gabriele.colombini@studio.unibo.it Manservisi Alberto 258370 alberto.manservisi@studio.unibo.it Abstract

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, notebook, PDA, impianti Hi-Fi, tv,computer,

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Reti di calcolatori: Internet

Reti di calcolatori: Internet Reti di calcolatori: Internet Sommario Introduzione Le reti reti locali: LAN La rete geografica Internet protocollo TCP-IP i servizi della rete Rete di calcolatori Interconnessione di computer e accessori

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Connettività e Comunicazione

Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Connettività di Sistemi Ubiqui Protocolli Wireless WAP/WML i-mode Infrarossi Bluetooth

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

PROTEZIONE DEI DATI 1/1. Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0

PROTEZIONE DEI DATI 1/1. Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0 PROTEZIONE DEI DATI 1/1 Copyright Nokia Corporation 2002. All rights reserved. Ver. 1.0 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. ARCHITETTURE PER L'ACCESSO REMOTO... 3 2.1 ACCESSO REMOTO TRAMITE MODEM... 3 2.2

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Tipologie di reti Argomenti Trattati Rete INTERNET:

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Connettività e Comunicazione

Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Connettività di Sistemi Ubiqui Protocolli Wireless WAP/WML i-mode Infrarossi Bluetooth

Dettagli

Connettività e Comunicazione

Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Connettività di Sistemi Ubiqui Protocolli Wireless WAP/WML i-mode Infrarossi Bluetooth

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card)

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card) Reti e Internet Il termine LAN (local-area network) definisce una tipologia di rete, o di parte di una rete, in cui i vari dispositivi che ne fanno parte sono tutti dislocati nell'ambito dello stesso edificio

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7200

Centralino telefonico OfficeServ 7200 Centralino telefonico OfficeServ 7200 Samsung OfficeServ 7200 costituisce un unica soluzione per tutte le esigenze di comunicazione di aziende di medie dimensioni. OfficeServ 7200 è un sistema telefonico

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Hardware e Software nelle Reti

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Hardware e Software nelle Reti Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 27

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Capri Feb. 2004 Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7400

Centralino telefonico OfficeServ 7400 Centralino telefonico OfficeServ 7400 Samsung OfficeServ 7400 è il sistema di comunicazione all-in-one dedicato alle aziende di medie e grandi dimensioni che necessitano di soluzioni semplici ed integrate

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Che cos e una rete di calcolatori?

Che cos e una rete di calcolatori? Che cos e una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere lo scambio di dati Ogni calcolatore o dispositivo viene detto nodo ed è

Dettagli

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca PERCHÉ IMPLEMENTARE UNA RETE? Per permettere lo scambio di informazioni tra i calcolatori

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Organizzazione del testo

Organizzazione del testo Questo testo è un introduzione allo standard CORBA (Common Object Request Broker Architecture) e all architettura di riferimento OMA (Object Management Architecture), per lo sviluppo di sistemi software

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Dalle reti a e Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dalle reti a Outline 1 Dalle reti a Dalle reti a Le reti Quando possiamo parlare di rete di calcolatori? Quando abbiamo

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli