GUIDA PER L'ADEGUAMENTO DELLE MACCHINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA PER L'ADEGUAMENTO DELLE MACCHINE"

Transcript

1 GUIDA PER L'ADEGUAMENTO DELLE MACCHINE

2 INDICE Codice pagina PREMESSA. 4 ADEGUAMENTO ANTINFORTUNISTICO MACCHINARI ED IMPIANTI.. 5 NORMATIVA. 6 MACCHINE UTENSILI 7 BR Brocciatrice... 7 DE Dentatrice.. 7 FR Fresatrice... 8 LA Lapidello... 9 LI Limatrice... 9 MO Molatrice.. 10 RE Rettificatrice.. 11 SN Sega a nastro orizzontale SA Seghetto alternativo SD Smerigliatrice a disco 13 SM Smerigliatrice a nastro.. 13 ST Stozzatrice. 13 TO Tornio parallelo. 14 TR Trapano e Maschiatrice. 16 TP Trapano radiale. 17 TN Troncatrice 18 GRANDI MACCHINE AL Alesatrice.. 19 CL Centro di lavoro 20 PI Piallatrice.. 21 TF Tornio frontale.. 22 TV Tornio verticale. 23 PRESSE, TRANCE E AFFINI.. 24 CA Calandra 24 CE Cesoia a ghigliottina.. 25 PR Pressa a frizione Pressa oleodinamica.. 26 Pressa a salterello.. 27 PB Pressa a bilanciere manuale.. 27 PA Pressa pneumatica ad aria. 27 PP Pressa piegatrice 28 TM Trancia multipla

3 SALDATURA.. 29 SP Saldatrice a punti Saldatura elettrica.. 30 Saldatura ossiacetilenica Banco aspirante. 31 Braccio aspirante Gruppo filtrante carrellato. 31 MACCHINE DA LEGNO.. 32 CV Cavatrice o Mortasatrice LE Levigatrice 32 PF Pialla a filo PS Pialla a spessore 33 SC Sega circolare 34 SV Sega a nastro verticale.. 35 TU Toupie ACCESSORI MACCHINE UTENSILI 37 B Barriera a raggi infrarossi. 37 Illuminazione sussidiaria.. 38 Pavimentazione antisdrucciolevole.. 39 Paraurti sensibili 39 Pedana di sicurezza Protezioni e accessori vari. 41 ACCESSORI ELETTRICI 42 Q QUADRI ELETTRICI SEGREGAZIONI PARAPETTI 46 Scale a pioli.. 47 RUMOROSITÀ ARIA COMPRESSA: pistole e ugelli silenziati SEGNALETICA DI SICUREZZA 49 PROGRAMMA DI COSTRUZIONE E VENDITA QUESTIONARIO

4 PREMESSA SICUR team, azienda leader nel campo dell adeguamento delle macchine utensili, si propone di fornire con la presente linea guida una panoramica complessiva sul tema della bonifica macchine. Recentemente sono state emanate due leggi importanti sul controllo delle macchine utensili, a conferma del grande interesse suscitato da queste problematiche. La linea si rivolge a tutti gli operatori del settore industriale: datori di lavoro, direttori, servizi di manutenzione e sicurezza, tecnici che si trovano nella necessità di affrontare problemi relativi all adeguamento di queste macchine all interno dell ambiente di lavoro e/o problemi derivanti dalla sicurezza delle macchine che dovrebbero garantire una relativa tranquillità lavorativa all addetto che opera su di esse. La guida contiene informazioni su ciò che è necessario fare in termini di adeguamento macchine e per rendere più sicuro l ambiente lavorativo. Una sezione è inoltre dedicata alla descrizione delle principali soluzioni e ai prodotti corredati di certificazione disponibili sul mercato. Da ultimo, un questionario-scheda per la richiesta guidata di un primo intervento o di un consiglio gratuito da parte del nostro servizio tecnico. Per approfondire i diversi argomenti consigliamo di consultare la nostra documentazione tecnica e di rivolgersi ai collaboratori, agenti, rappresentanti che fanno parte dell organizzazione SICUR team. 4

5 NORMATIVA La ditta appaltatrice provvederà alla fornitura di materiali ed alla posa in opera degli stessi per l'adeguamento di macchine ed impianti dei reparti interessati alle vigenti leggi antinfortunistiche, con particolare riferimento alle seguenti norme: D.P.R. 547 del 27/4/ Norme per la prevenzione infortuni sul lavoro. D.P.R. 303 del 19/3/ Norme generali per l'igiene del lavoro. Legge n 186 del 1/3/ Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici. Legge n 320 del 5/11/ Norme concernenti le mole abrasive. D.Lgs. 277 del 15/8/ Attuazione delle direttive n 80/1107/CEE, n 82/605/CEE, n 83/477/CEE, n 86/188/CEE e n 88/624/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma dell'art. 7 della legge 30 luglio 1990 n 212. Norme CEI 44.5 del 9/ Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine - EN Parte 1: requisiti generali. D.Lgs. 626 del 19/9/ Attuazione delle direttive n 89/391/CEE, n 89/654/CEE, n 89/655/CEE, n 89/656/CEE, n 90/269/CEE, n 90/394/CEE e n 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. D.P.R. 459 del 24/7/ Regolamento per l attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relativi alle macchine. D.Lgs. 493 del 14/08/ Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro. D.Lgs. 359 del 4/8/ Requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso di attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori. Legge n 62 del 18/04/ Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia alle Comunità europee - Legge comunitaria D.Lgs. 195 del 10/04/ Attuazione della direttiva 2003/10/CE relativa all esposizione dei lavoratori ai rischi derivati dagli agenti fisici (rumore). Abroga il D.Lgs. 277 del 15/8/1991. Norme UNI - Varie. Norme EN - Varie.

6 ESTRATTO DEL D.P.R. 547/55 DEL CALANDRE, LAMINATOI, RULLATRICI ECILINDRI - Artt. 133, 134, Nelle macchine con cilindri lavoratori e alimentatori accoppiati e sovrapposti (...) la zona di imbocco (...) deve essere efficacemente protetta per tutta la sua estensione, con riparo per impedire la presa e il trascinamento delle mani o di altre parti del corpo del lavoratore (...omissis). CARRI PONTE - Art. 191 CENTRIFUGHE E SIMILI - Artt. 129, 131, Le macchine per centrifugare in genere (...) debbono essere munite di solido coperchio dotato del dispositivo di blocco previsto nell'art. 72 e di freno adatto ed efficace (..omissis). CESOIE - Artt. 121, 122, 123, Le cesoie a ghigliottina mosse da motore debbono essere provviste di dispositivo atto ad impedire che le mani od altre parti del corpo dei lavoratori addetti possano comunque essere offesi dalla lama (...omissis). COMPRESSORI - Artt. 55, 167 FRESATRICI Artt. 75, 77, 68 - Gli organi lavoratori delle macchine e le relative zone di operazione (...) devono (...) essere protetti o segregati oppure provvisti di un dispositivo di sicurezza Gli apparecchi di protezione amovibili degli organi lavoratori, delle zone di operazione e degli altri organi pericolosi delle macchine (...) devono essere provvisti di un dispositivo di blocco collegato con gli organi di messa in moto e di movimento della macchina tale che: a) impedisca di rimuovere o di aprire il riparo quando la macchina è in moto, o provochi l'arresto della macchina all'atto della rimozione o dell'apertura del riparo; b) non consenta l'avviamento della macchina se il riparo non è nella posizione di chiusura. MACCHINE IN GENERE dall'art. 41 all'art. 83 MACCHINE TIPOGRAFICHE A PLATINA E SIMILI Art Le macchine tipografiche a platina e le macchine simili che non siano munite di alimentatore automat ico devono essere provviste di un dispositivo atto a determinare l'arresto automatico della macchina per semplice urto della mano del lavoratore, (...omissis). MOLATRICI - Artt. 77, 85, 86, 87, 88, 89, 90, 93, 45 - (...omissis) Gli involucri e gli schermi protettivi di ghisa comune o di alluminio non sono ammessi Le macchine molatrici devono essere munite di adatto poggiapezzi (...) registrabile (...) a non più di 2 mm dalla mola, (...omissis) Le mole abrasive (...) devono essere munite di schermo trasparente paraschegge infrangibile e regolabile (...omissis) PIALLATRICI - Art I vani esistenti nella parte superiore del bancale fisso delle piallatrici debbono essere chiusi allo scopo di evitare possibili cesoiamenti di parti del corpo del lavoratore tra le traverse del bancale e le estremità della piattaforma scorrevole portapezzi. PIALLE A FILO - Art Le pialle a filo devono essere provviste di un dispositivo per la copertura del portalame in modo da evitare il contatto accidentale nella zona di lavorazione. PRESSE A BILANCERE AZIONATE A MANO - Art. 119 PRESSE E PRESSE PIEGATRICI - Artt. 116, 117, 118, Le presse, le trance e le macchine simili debbono essere munite di ripari o dispositivi (...) costituiti da: a) schermi fissi che permettano il passaggio dei materiali nella zona di lavoro pericolosa, ma non quello delle mani del lavoratore; b) schermi mobili di completa protezione della zona pericolosa che non consentano il movimento del punzone se non quando sono nella posizione di chiusura; (...omissis). d) dispositivi che impediscono la discesa del punzone quando le mani o altre parti del corpo dei lavoratori si trovino in posizione di pericolo. (...omissis). PULITRICI E LEVIGATRICI - Artt. 68, 94 RETTIFICATRICI - Artt. 68, 72, 77, 81, 89, 75 - Le macchine che durante il funzionamento possono dar luogo a proiezioni di materiali o particelle di qualsiasi natura o dimensione devono (...) essere provviste di chiusura, schermi o altri mezzi di intercettazione atti ad evitare che i lavoratori siano colpiti Le macchine operatrici (...) a movimento alternativo devono essere installate in modo che fra l'estremità di corsa delle stesse parti (...) esista uno spazio libero di almeno cm.50 nel senso del movimento alternativo (...omissis). SEGHE A NASTRO - Art. 108 ( omissis) Il nastro deve essere protetto contro il contatto accidentale in tutto il suo percorso che non risulta compreso nelle protezioni di cui al primo comma, ad eccezione del tratto strettamente necessario per la lavorazione. SEGHE CIRCOLARI - Art. 109 TORNI ORIZZONTALI - Artt. 68, 72, 75, 77 I comandi di messa in moto delle macchine devono essere collocati in modo da evitare avviamenti o innesti accidentali ( omissis) Nei torni, le viti di fissaggio del pezzo al mandrino devono risultare incassate oppure protette con apposito manicotto contornante il mandrino, onde non abbiano ad impigliare gli indumenti del lavoratore durante la rotazione ( omissis). TRANCE - Art. 115 (vedi testo alla voce presse). TRAPANI - Artt. 68, 72, 75, 55 - Gli alberi, le pulegge, le cinghie ( ) e tutti gli altri organi o elementi di trasmissione devono essere protetti ogni qualvolta possono costituire un pericolo I pezzi da forare al trapano, che possono essere trascinati in rotazione dalla punta dell utensile, devono essere trattenuti mediante morsetti od altri mezzi appropriati. TRONCATRICI - Artt. 68, 70, 69 - Quando per effettive ragioni tecniche o di lavorazione, non sia possibile conseguire una efficace protezione ( ) si devono adottare altre misure per eliminare o ridurre il pericolo, quali dispositivi supplementari per l arresto della macchina. TOUPIE - Art Devono essere provviste di mezzi di protezione atti ad evitare che le mani del lavoratore possano venire accidentalmente in contatto con l utensile ( omissis). 6

7 MACCHINE UTENSILI BR BROCCIATRICE Q1.x... Vedere la pagina relativa ai quadri elettrici e agli accessori elettrici per la bassa tensione. BR1 Protezione dell'organo lavoratore e della relativa zona di operazione, rispondente all'art. 68, 72 del D.P.R. 547/55, realizzata in materiale trasparente, antiurto, e telaio di acciaio tubo quadro, incernierata lateralmente in modo da consentire un agevole accesso alla zona di lavorazione, completa di supporti ed attacchi alla macchina, e dispositivo di chiusura, asservita a microinterruttore di blocco, atto ad impedire il funzionamento della macchina a riparo aperto (dimensioni a disegno). DE DENTATRICE Q1.x... Vedere la pagina relativa ai quadri elettrici e agli accessori elettrici per la bassa tensione. DE1 Protezione dell'organo lavoratore e della relativa zona di operazione, rispondente all'art. 68, 72 del D.P.R. 547/55, realizzata in materiale trasparente, antiurto, e telaio di acciaio tubo quadro, incernierata lateralmente in modo da consentire un agevole accesso alla zona di lavorazione, completa di supporti ed attacchi alla macchina, e dispositivo di chiusura, asservita a microinterruttore di blocco, atto ad impedire il funzionamento della macchina a riparo aperto (dimensioni a disegno). 7

8 FR FRESATRICE FR1.1 Protezione per fresatrice verticale atta ad evitare che i lavoratori siano colpiti da proiezioni di particelle di qualsiasi natura, ed a limitare il rischio di contatto accidentale con gli organi in movimento rispondente agli artt. 68,72 e 75 del D.P.R. 547/55.La protezione è costituita da: uno schermo avvolgente a sagoma semicilindrica di diametro 400 mm in materiale plastico, trasparente, antiurto, ribaltabile su se stesso mediante maniglia, interbloccato con microinterruttore in custodia. due bracci di sostegno snodati e regolabili con apposito attrezzo manuale per l'orientamento e posizionamento opportuno e duraturo dello schermo autostabile. una robusta flangia per il fissaggio al corpo macchina. FR4.1 Protezione per fresatrice orizzontale (n 2 elementi) rispondenti agli artt. 68,72,75 del D.P.R. 547/55 atta ad evitare che i lavoratori siano colpiti da proiezioni di particelle di qualsiasi natura e a limitare il rischio di contatto accidentale con gli organi in moto. La protezione è costituita da due schermi in materiale plastico trasparente antiurto ribaltabile verso l'alto in piano orizzontale, corredati di supporti di attacco alla macchina, tubolare di fissaggio e dispositivo di blocco in custodia per l'arresto del motore a riparo rimosso. FR6 FR8 Cappellotti di acciaio sagomato e verniciato per la protezione dei tiranti Dispositivo contro gli avviamenti accidentali tipo MEC, da montare sulla leva di innesto esistente, completo di microinterruttore di blocco atto ad impedire la messa in moto del motore con leva innestata (in ottemperanza all'art. 77 del D.P.R. 547/55). 8

9 LA LAPIDELLO LA2 LA3 LA4 Segregazione del piano di lavoro, in ottemperanza a quanto disposto dagli artt. 68 e 75 del D.P.R. 547/55, con robusti ripari metallici opportunamente dimensionati, non asportabili facilmente, con parte mobile provvista di dispositivo di blocco elettrico. Dispositivo di sicurezza contro l'avviamento della mola a piano smagnetizzato, costituito da leva di comando magnetizzazione, microinterruttore stagno IP 65 con funzione inversa, da applicare in sostituzione della leva esistente. Cartello segnaletico: norme di sicurezza per l uso del lapidello. LI LIMATRICE LI1 LI2 LI3 Protezione anteriore scorrevole atta ad evitare il contatto accidentale con l'organo lavoratore e la proiezione di trucioli, con sagoma poliedrica, staffe telescopiche di ancoraggio alla tavola con pomolo di regolazione e microinterruttore di blocco. Protezione posteriore in lamiera d'acciaio sagomata e verniciata, su misura, da rilevare sul posto, contro l'accostamento alla messa in movimento, corredata di attacchi alla macchina. Dispositivo contro gli avviamenti accidentali tipo MEC, da montare sulla leva di innesto esistente completo di microinterruttore di blocco atto ad impedire la messa in moto del motore con leva innestata (in ottemperanza all'art. 77 del D.P.R. 547/55). LI4 Protezione degli organi laterali sporgenti in movimento, realizzata su misura, da rilevare sul posto, in acciaio sagomato e verniciato da fissare alla macchina. LI5 Microinterruttore da applicare allo sportello del vano contenente il glifo in movimento, atto ad arrestare il motore all'apertura dello stesso. 9

10 MO MOLATRICE MO2 MO3 Schermo paraschegge, rispondente a quanto disposto dagli artt. 12, 75 e 92 del D.P.R. 547/55, in materiale trasparente antiurto, completo di relativo attacco meccanico e di supporto a braccio flessibile facilmente orientabile. Aspiratore per polveri abrasive, in ottemperanza a quanto disposto dall'art. 21 del D.P.R.303/56, costituito da ventilatore, cappa di separazione, sacco di raccolta polveri (con relativi ricambi), sacco in tela, tubi flessibili provvisti di raccordi e fascette di fissaggio. L'accensione e lo spegnimento del motore deve essere contemporaneo all'avvio della mola. MO5 Cuffia di protezione per mola rispondente all'art. 89 del D.P.R. 547/55 realizzata a misura in lamiera l'acciaio di adeguato spessore, con presa per l'aspirazione corredata di attacco per il poggia pezzi, da adattare sul posto. MO6 Poggia pezzi rispondente all'art. 91 del D.P.R. 547/55. MO7 SP4 Cartello segnaletico: - E' obbligatorio proteggere gli occhi - Caratteristiche mola abrasiva - Norme di sicurezza per l'uso delle mole abrasive Schermi mobili per area di saldatura e/o molatura, costituiti da solida intelaiatura metallica da 1500 x 2000 mm, e bandelle in materiale plastico, trasparente, idoneo a frenare il 99% dei raggi ultravioletti. 10

11 RE RETTIFICATRICE RE1 RE5 RE6 RE7 RE8 R9 R10 Protezione frontale con pannelli scorrevoli Protezione frontale per rettifica con movimentazione a scorrimento orizzontale da applicare sul lato anteriore, atta a proteggere contro il rischio di contatto accidentale e dalla proiezione di particelle e/o liquidi refrigeranti nonché proteggere dalla polvere e dal rumore, conforme a quanto disposto dagli artt del D.P.R. 547/55. La protezione è costituita da due solidi montanti da installare all'estremità del bancale della macchina, e da schermi frontali, sagomati e nervati "su misura" con telaio mobile in tubolare d'acciaio rivestito in policarbonato trasparente antiurto. La protezione è corredata da un traverso superiore che sostiene i pannelli-schermi e il loro sistema di scorrimento a cuscinetti. L'operatore nella fase di messa a punto ha la necessaria e massima manovrabilità. L'apertura degli schermi libera totalmente la tavola e provoca, mediante dispositivo di blocco, l'arresto del motore principale. Sistema per l'asservimento del funzionamento della mola all'esistenza della magnetizzazione del piano. Sistema anti black out per mantenere attivo il piano magnetico anche in caso di mancanza di energia. - Smagnetizzazione temporizzata mediante inversione di teleruttori. - Gruppo di batterie 48 v con ricarica automatica. Protezioni telescopiche in acciaio di dimensioni opportune o a soffietto di dimensioni opportune, con relativi telai di sostegno per la copertura dei vani esistenti, che si vengono a scoprire tra le estremità della piattaforma scorrevole porta pezzi con la traversa del bancale (art. 103 D.P.R. 547/55). Profili di delimitazione in tubolare conformati a C per delimitare lo spazio libero disponibile al contorno della tavola ed in particolare i limiti massimi di corsa degli organi a movimento alternativo (art. 83 D.P.R. 547/55). Cartello segnaletico: - E' obbligatorio proteggere gli occhi - Caratteristiche mola abrasiva Dispositivo di blocco Microinterruttore con grado di protezione IP 66 da applicare sul riparo esistente, intercollegato con l'apparecchiatura elettrica per l'arresto del motore all'apertura dello stesso. 11

12 SN SEGA A NASTRO ORIZZONTALE SN1 SN2 Protezione della zona di operazione della lama di taglio mediante schermature in materiale trasparente, antiurto, conformato in modo da lasciare scoperto soltanto il tratto di lama interessato al taglio, giusto quanto previsto dall'art. 70 del D.P.R. 547/55. Completa di patelle in materiale plastico trasparente flessibile, che consentono il passaggio dei pezzi in lavorazione, e di supporti di fissaggio alla macchina. Dispositivo di blocco elettrico intercollegato con gli organi di messa in moto e di movim ento della macchina, tale da non consentire l'avviamento della macchina se il gruppo porta lama non è in posizione di lavoro. SA SEGHETTO ALTERNATIVO SA1 N 2 protezioni laterali conformate in modo da evitare il contatto accidentale del lavoratore con la lama, ed a intercettare l'eventuale proiezione di particelle e liquido refrigerante, in attuazione di quanto previsto dagli artt. 68 e 75 del D.P.R. 547/55. Le protezioni sono costituite da schermi in materiale trasparente antiurto, scorrevoli verticalmente o ribaltabili verso l'alto su perno orizzontale, e da patelle in materiale plastico trasparente che consentono il passaggio dei pezzi in lavorazione; complete di supporti di fissaggio alla macchina. 12

13 SD SMERIGLIATRICE A DISCO SD1 Protezione anteriore della zona interessata alla lavorazione, in lamiera d'acciaio contornata e bordata o in materiale trasparente antiurto, amovibile per consentire la sostituzione del disco abrasivo, bloccata alla struttura della macchina mediante elementi di fissaggio che si possano rimuovere soltanto con l'uso di un attrezzo. Aspirazione polveri (vedere pagina 31). SM SMERIGLIATRICE A NASTRO SM1 Protezione delle zone non interessate alla lavorazione, in lamiera d'acciaio contornata, amovibile per consentire la sostituzione del nastro, atta a realizzare le seguenti condizioni, in conformità al disposto dell'art. 94 del D.P.R. 547/55: protezione del nastro abrasivo contro il contatto accidentale con ripari che lascino scoperto soltanto il tratto strettamente necessario alla lavorazione; protezione delle fiancate con ripari conformati in modo da racchiudere completamente le pulegge di rinvio e di trasmissione del moto al nastro. Aspirazione polveri (vedere pag. 31). SZ STOZZATRICE SZ1 Protezione dell'organo lavoratore e della relativa zona di operazione, rispondente all'art. 68 del D.P.R. 547/55, realizzata in materiale trasparente, antiurto, e telaio in acciaio tubo quadro, incernierata lateralmente in modo da consentire un agevole accesso alla zona di lavorazione, completa di supporti ed attacchi alla macchina, e dispositivo di chiusura, asservita a microinterruttore di blocco, atto ad impedire il funzionamento della macchina a riparo aperto. 13

14 TO TORNIO PARALLELO TO1.4 Dispositivo di blocco contro gli avviamenti accidentali Dispositivo di blocco contro gli avviamenti accidentali delle leve di comando tornio, conforme a quanto disposto dall'art. 77 del D.P.R. 547/55, a funzionamento elettromagnetico o meccanico a torsione, da montare sulla barra di innesto. Il dispositivo è corredato di sistema che non consente l'avviamento del motore se non con le leve di comando in posizione di folle. TO1.9 Sistema di interconnessione costituito da microinterruttore/i per rilevare la posizione della leva di comando e da relè e/o contattori per la modifica del quadro elettrico, atti a consentire la rimozione della protezione, senza spegnere tutte le volte il motore. Solo nella condizione di leva in marcia (condizione di rischio), lo spostamento della protezione provocherà lo spegnimento del motore. Il sistema inoltre abilita la messa in marcia del motore solo nella condizione di leva in posizione neutra o di folle. TO2/A Protezione del mandrino e della zona di operazione, conforme a quanto disposto dagli artt. 101 e 72 del D.P.R. 547/55, scorrevole orizzontalmente, costituita da sistema carrellato di supporto con cuscinetti lineari, da protezione in lamiera d'acciaio e materiale trasparente antiurto completa di attacchi, maniglia per lo scorrimento e dispositivo di blocco elettrico atto ad impedire l'avviamento della macchina con protezione aperta. TO2/B Protezione del mandrino e della zona di operazione, conforme a quanto disposto dagli artt. 101 e 72 del D.P.R. 547/55, di tipo ribaltabile verticalmente, costituita da una protezione in materiale trasparente antiurto, completa di attacchi e di dispositivo di blocco elettrico, atta ad impedire l'avviamento della macchina con protezione sollevata. TO3 Protezione della zona di lavorazione conforme a quanto stabilito dall'art. 75 del D.P.R. 547/55, contro la proiezione di trucioli e di liquido refrigerante, ed atta anche ad evitare contatti accidentali con gli organi pericolosi, costituita, da una struttura di sostegno in acciaio tubolare da fissare al carrello, da una protezione superiore ed una anteriore ribaltabile, con finestra in materiale trasparente, antiurto. 14

15 TO4.1 Protezione posteriore contro i contatti accidentali con organi in moto e contro la proiezione di trucioli, conforme a quanto disposto dagli artt. 41 e 75 del D.P.R. 547/55, costituita da telaio in acciaio, lamina di acciaio opportunamente sagomata e finestratura in materiale trasparente antiurto, completa di gocciolatoio terminale per convogliamento dei trucioli e del liquido refrigerante. TO5 Protezione integrale del tornio, mandrino e zona posteriore, atta a rendere la macchina rispondente agli artt. 41, 75 e 101 del D.P.R. 547/55, costituita da: un telaio in acciaio da applicare sulla parte posteriore della macchina, atto a sopportare le protezioni di seguito descritte, completo di guide di scorrimento longitudinali per tutta la lunghezza della macchina. una protezione posteriore contro i contatti accidentali e contro la proiezione dei trucioli, in lamiera di acciaio ed eventuali finestrature in materiale trasparente antiurto, completa di gocciolatoio terminale per il convogliamento dei trucioli e del liquido refrigerante. una protezione della zona di operazione del mandrino, scorrevole orizzontalmente, costituita da sistema carrellato di supporto con cuscinetti lineari, protezione in lamiera d'acciaio e materiale trasparente antiurto, completo di attacchi, maniglia per lo scorrimento e dispositivo di blocco elettrico atto ad impedire l'avviamento della macchina con protezione aperta. F1 Fioretto asportazione trucioli, costituito da un asta in acciaio nella lunghezza adeguata, gancio di asportazione, protezione totale della mano, impugnatura antiscivolo. Accessori per tornio Q4.6A Selettore a chiave estraibile, per l'esclusione sicurezze con lampeggiante. TOdfc Dispositivo di fermo per la fuoriuscita della contropunta. Spec. Protezioni tubolari in acciaio sagomato e per organi sporgenti in moto. N.B. per gli accessori vedere anche: piastrelle anti sdrucciolo lampade di illuminazione Chiave di sicurezza per mandrino motore autofrenante o sistema alternativo di frenatura micro agli sportelli 15

16 TR TRAPANO E MASCHIATRICE TR1 TR2 TR3 TR4 TR4A TR7 TR9 Microinterruttore da applicare al coperchio del vano cinghie/pulegge contenente organi in movimento, atto ad arrestare (art. 72 D.P.R. 547) il motore all'apertura dello stesso. Protezione trasparente ed antiurto del mandrino e parte dell'utensile, in conformità a quanto disposto dagli artt. 68,72 e 75 del D.P.R. 547/55, opportunamente sagomata e dimensionata, dotata di dispositivo di blocco elettrico protetto in custodia metallica con guaina di collegamento, atta a proteggere contro il rischio di presa e di trascinamento, ad impedire il funzionamento della macchina a riparo rimosso e ad arrestarne il funzionamento all'atto dell'apertura dello stesso; completa di braccio di collegamento girevole e di staffa di ancoraggio alla macchina. Segregazione superiore completa delle cinghie e delle pulegge di trasmissione del moto, realizzata a disegno su misura in lamiera di acciaio sagomata e trattata. Comandi supplementari di emergenza Barra di emergenza per l'arresto a pedale da applicare sul contorno del basamento. Cartello segnaletico: norme di sicurezza per l uso del trapano a colonna. Morsa adeguata per trattenere i pezzi da forare (art. 104 D.P.R. 547/55). 16

17 TP TRAPANO RADIALE TR2b Protezione trasparente ed antiurto del mandrino e parte dell'utensile, in conformità a quanto disposto dagli artt. 68 e 75 del D.P.R. 547/55, opportunamente sagomata e dimensionata, completa di braccio di collegamento girevole e di staffa di ancoraggio alla macchina. Protezione trasparente anti urto opportunamente sagomata e dimensionata, completa di braccio flessibile con o senza magnete. TR5 TR6 TR7 Leva di azionamento a manipolatore. Vasca personalizzata realizzata in acciaio trattato e sagomato a disegno, atta a contenere la proiezione dei trucioli e del liquido refrigerante. Cartello segnaletico: norme di sicurezza per l uso del trapano. SP4 Schermi mobili per area di saldatura e/o molatura, costituiti da solida intelaiatura metallica da 1500 x 2000 mm, e bandelle in materiale plastico, trasparente, idoneo a frenare il 99% dei raggi ultravioletti. 17

18 TN TRONCATRICE TN2 Dispositivo di sicurezza atto a provocare l'arresto del motore all'atto del rilascio della leva di movimento del disco di taglio, rispondente a quanto disposto dall'art. 69 del D.P.R. 547/55, costituito da leva di azionamento con impugnatura dotata di pulsante di comando di tipo ad uomo presente e di cavo di collegamento. TN4 TN5 TN6 Settore mobile in acciaio saldato, a protezione lama, opportunamente sagomato e realizzato a disegno, rispondente all'art. 70 del D.P.R. 547/55. Cuffia in metallo a totale protezione della lama costituita da una parte fissa e due parti mobili. Le parti mobili mediante sistema a leva scoprono la lama giusto quanto necessario per la lavorazione in conformità all'art. 70 del D.P.R. 547/55. (Occorre accertare l'applicabilità del sistema, in quanto non adattabile su tutte le macchine). Cartello segnaletico: - E obbligatorio proteggere gli occhi. 18

19 GRANDI MACCHINE AL ALESATRICE Q1.x... Vedere la pagina relativa ai quadri elettrici e agli accessori elettrici per la bassa tensione. AL1 Protezione per organo lavoratore atta ad evitare che i lavoratori siano colpiti da proiezioni di particelle di qualsiasi natura, ed a limitare il rischio di contatto accidentale con gli organi in movimento rispondente agli artt. 68,72 e 75 del D.P.R. 547/55. La protezione è costituita da: uno schermo avvolgente a sagoma semicilindrica o poliedrica di dimensioni opportune in materiale plastico, trasparente, antiurto, ribaltabile su se stesso mediante maniglia, interbloccato con microinterruttore. due bracci di sostegno snodati e regolabili manualmente con apposito attrezzo per l'orientamento e il posizionamento più opportuno e duraturo dello schermo autostabile. una robusta flangia per il fissaggio alla macchina. AL2 Protezione dell'organo lavoratore e della relativa zona di operazione, rispondente agli artt. 68,72 e 75 del D.P.R. 547/55, realizzata in materiale plastico trasparente, antiurto, e telaio in acciaio tubo quadro, incernierata lateralmente con movimento ribaltabile a bandiera in modo da consentire un agevole accesso alla zona di lavorazione, completa di supporti ed attacchi alla macchina, e dispositivo di chiusura, asservita microinterruttore di blocco, atto ad impedire il funzionamento della macchina a riparo aperto. Carenatura del magazzino automatico portautensili personalizzata alla macchina. Delimitazione zona pericolosa (vedi capitolo Segregazioni). 19

20 CL CENTRI DI LAVORO Cabina realizzata a disegno per la protezione antinfortunistica di macchine automatiche. Le suddette cabine sono corredate di ogni accessorio e realizzate secondo la descrizione seguente: struttura portante smontabile. pareti e soffitto con pannelli modulari autoportanti La cabina è inoltre caratterizzata e corredata di: porte a due battenti con parte vetrata per l accesso al magazzino portautensili porte scorrevoli vetrate, in corrispondenza del pulpito di comando, per consentire l accesso e l avvicinamento della pulsantiera pensile in zona operativa in occasione della messa a punto macchina e per osservare particolari lavorazioni dispositivo scorrevole trasparente dotato di pistone pneumatico, costola sensibile anticesoiamento e microinterruttori di inizio e fine corsa per la movimentazione automatica verticale in corrispondenza del cambio paletts, da collegare elettricamente con il ciclo di funzionamento automatico della macchina telaio supplementare per una parte della copertura corredato di golfari per il sollevamento della stessa impianto luce costituito da interruttore generale e plafoniere stagne impianto di messa a terra dei pannelli e della struttura della cabina sistema di sicurezza rispondente agli artt. 68, 70 e 72 del D.P.R. 547/55, contro l'accostamento delle mani agli organi in movimento costituita essenzialmente da un impianto elettrico di collegamento e raccordo ai pulsanti di comando con l inserimento degli accessori opportuni, completo di un sistema di esclusione, segnalazione luminosa lampeggiante e ripristino delle sicurezze, a sorveglianza di ogni accesso.e installato a bordo della cabina sul lato comandi un pannello sinotti co con schema della delimitazione pantografata e segnalazione visiva delle condizioni di anomalia delle sicurezze corredato di selettore a chiave estraibile, per l'esclusione temporanea delle sicurezze con relativa segnalazione luminosa lampeggiante ed un pulsante di ripristino sicurezze (reset). Pedane sensibili di sicurezza, atte a segnalare la presenza di uno o più operatori in zona pericolosa (tavola portapezzo girevole), ed a mettere in condizioni di sicurezza o di rischio controllato la macchina in lavorazione. Le pedane sono costituite da un tappeto sensibile praticabile dagli operatori. Sono rivestite in lamiera di alluminio striata antiscivolo trattata, con raccordo a scivolo sul lato di accesso. Un dispositivo di controllo accerta la sicurezza del sistema e determina un grado di sicurezza di livello 2 secondo tab. 2 della Norma EN in accordo con il progetto di norma Europea Pr. EN 1760.Le pedane intercollegate con il quadro macchina si attivano nel momento che la tavola girevole entra in funzione e quindi si disattivano. Infine ogni cabina è dotata della opportuna e adeguata segnaletica in cartelli di alluminio e/o etichette adesive rispondenti al D.P.R. 524/82 dell'

per un fai da te di alta qualità

per un fai da te di alta qualità per un fai da te di alta qualità container su misura e programmati 4 anni insieme senza pensieri La garanzia copre tutto il territorio italiano. qualità tedesca 360 affidabilità Sistema di imballaggio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.0 Attrezzo N di connesssione moduli terminazioni. esterne IDC con testina in metallo Matr. TELECOM 31429.4 Attrezzo Inserzione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Lavorazioni per asportazione di truciolo

Lavorazioni per asportazione di truciolo Lavorazioni per asportazione di truciolo CONTENUTI Lavorazioni al banco: tracciatura, limatura, taglio, alesatura, filettatura, raschiatura Lavorazioni con macchine utensili: foratura, alesatura, tornitura,

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali. PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO

DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali. PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO DOORS SISTEM s.r.l. Chiusure civili ed industriali PORTONI INDUSTRIALI a LIBRO - DESCRIZIONE TECNICA - Doors Sistem S.r.l. via G.Marconi nr. 37/A -35020- Brugine (PD) Tel. 049/9730468 fax 049/9734399 E-mail:

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 T - CE 0063 AQ 2150 Appr. nr. B95.03 T - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO...

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

NE FLUSS 20 EL PN CE

NE FLUSS 20 EL PN CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 A - CE 0063 AQ 2150 MANTELLATURA 7 3 1 102 52 101 99-97 83 84-64 63 90 139 93 98 4 5

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

Impianti aspirapolvere centralizzati ISTRUZIONI PER L USO DELLE CENTRALI ASPIRANTI MOD. DS MODULARI

Impianti aspirapolvere centralizzati ISTRUZIONI PER L USO DELLE CENTRALI ASPIRANTI MOD. DS MODULARI ISTRUZIONI PER L USO DELLE CENTRALI ASPIRANTI MOD. MODULARI MOD. A01 MOD. B02 MOD. C03 MOD. D02 MOD. F03 MOD. B01 MOD. BC100i MOD. CD5i MOD. EF5i MOD. H02 Copyright by DISAN S.r.l. Disegni tecnici e layout:

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Tabella di. adattabilità alle serie FIN.AL

Tabella di. adattabilità alle serie FIN.AL Tabella di adattabilità alle serie FIN.AL 026 Maniglia laterale a scatto per scorrevoli 026.708 Ferrogliera per art. 026 806 TAVELDUE Tavellino destro 806.1 TAVELDUE Tavellino sinistro 807 MULTI Tavellino

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.01 A - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO... 30R0032/0... 02-99... IT... MANTELLATURA

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente)

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) N.d.R.: il testo è aggiornato con tutte le modifiche intervenute sino ad oggi. Tali modifiche sono state apportate da: - Dpr 19 marzo 1956, n. 302; -

Dettagli

LOR.CA. Lavorazione materie plastiche su misura

LOR.CA. Lavorazione materie plastiche su misura Lavorazione materie plastiche su misura CHI SIAMO Lor.ca. nasce come attività di manutenzione ed installazione di impianti termo-idraulici civili nel 1992. Negli anni successivi la gamma delle attività

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO.

TRAPANI AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. AVVITATORI A BATTERIA QUANTO MEGLIO LO TIENI IN MANO, TANTO PIÙ CI PUOI DARE DENTRO. Metabo è all'avanguardia nelle macchine a batteria. La nostra tecnologia innovativa di carica li rende più indipendenti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Impianti aspirapolvere centralizzati

Impianti aspirapolvere centralizzati ISTRUZIONI PER L USO CENTRALI ASPIRANTI MOD. DS SUPER COMPACT MOD. DS SUPER COMPACT 1,5 MOD. DS SUPER COMPACT 2,2 MOD. DS SUPER COMPACT TURBO 2,2 MOD. DS SUPER COMPACT TURBO 4,5i Copyright by DISAN S.r.l.

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli