Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie"

Transcript

1 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini Bellinzona Tel Fax Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Le presenti linee guida non sono vincolanti, ma rappresentano un mezzo ausiliario per le autorità di protezione antincendio. Esse contengono proposte per l applicazione nel Cantone. Sono da intendere quale strumento di lavoro. Le singoli autorità decidono autonomamente se e in quale misura vorranno adottare le linee guida edizione 03 Ottobre 2012

2 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 2 Indice 1. Campo d applicazione Responsabilità e competenza nell esercizio di costruzioni ed impianti provvisori Responsabilità personale Procedura di autorizzazione Vie di fuga / soccorso e uscite di sicurezza (vedi appendice) Principi Lunghezza Porte Scale Concentrazione di persone Numero e larghezza delle uscite per costruzioni provvisorie ad un solo livello Posti a sedere Segnalazione delle vie di fuga, illuminazione di sicurezza Struttura portante Materiale da costruzione Tende Tende con pernottamento Decorazioni Pavimenti Distanze di sicurezza e ubicazione Distanze di sicurezza Ubicazione Impianti tecnici interni Impianti termotecnici Impianti elettrici Protezione antincendio tecnica Dispositivi di spegnimento (vedi anche linea guida 01) Impianti parafulmine Protezione antincendio aziendale Incaricato della sicurezza/servizio d ordine Istruzione del personale Fuochi d artificio indoor/fuochi aperti Cenere/mozziconi Controllo e collaudo Appendice Esempi... 8

3 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 3 Costruzioni provvisorie Questa linea guida è a supporto dell articolo 2 cpv 1 della Norma di protezione antincendio AICAA (NA 1 03i) del 26 marzo 2003 (stato 20 ottobre 2008). 1. Campo d applicazione Le disposizioni della presente linea guida si applicano per costruzioni e impianti provvisori, che non vengono eretti o installati in modo permanente (p.es. tendoni per feste, con pernottamento, capannoni e simili)e che sono considerati come costruzioni provvisorie ai sensi della Legge edilizia cantonale (LE) e che rientrano in una delle tre categorie sotto indicate 1.1 Per l esecuzione di manifestazioni come ad esempio festival, concerti, spettacoli teatrali, esposizioni, open air ed eventi simili; 1.2 Nei quali pernottano 15 o più persone; 1.3 Che vengono utilizzati come banchi di mercati, di vendita e di ristorazione; Fanno inoltre stato le disposizioni della Norma antincendio delle direttive antincendio dell Associazione degli istituti di assicurazione antincendio (AICAA) del 26 marzo 2003 (stato 20 ottobre 2008) 2. Responsabilità e competenza nell esercizio di costruzioni ed impianti provvisori 2.1 Responsabilità personale I proprietari ed i gestori devono adottare le misure necessarie sul piano organizzativo e personale per garantire la sicurezza antincendio. 2.2 Procedura di autorizzazione Spetta ai Municipi la verifica del rispetto delle normative sulla polizia del fuoco. L autorità comunale preposta deve richiedere la presentazione di un Attestato di conformità alle normative di protezione antincendio. 3. Vie di fuga / soccorso e uscite di sicurezza (vedi appendice) 3.1 Principi - Le vie di fuga e di soccorso devono essere mantenute costantemente libere e praticabili in modo sicuro. - Le vie di fuga dalle costruzioni e dagli impianti non possono portare all esterno attraverso delle tende. - I passaggi che servono come via di fuga cosi come da vie di soccorso devono avere una larghezza di almeno 1.20 m. Se dal calcolo per la larghezza necessaria per le vie di fuga risulta un valore superiore a 1.20 m, si deve arrotondare al multiplo successivo di 0.60 m. 3.2 Lunghezza - Se una tenda dispone di una sola uscita, nessun punto all interno della tenda deve risultare più lontano di 20 m dalla stessa. In caso di due o più uscite è ammessa una distanza di 35 m. - Le uscite devono essere disposte il più distante possibile tra loro e in modo da creare direzioni di fuga diverse, per evitare che le persone in fuga si ostacolino. 3.3 Porte - Sono da considerare unicamente, per le uscite d emergenza delle porte con apertura a battente, porte scorrevoli o di altro tipo non sono ammesse. - Le porte nelle vie di fuga devono sempre poter essere identificate come tali, aperte rapidamente senza far ricorso a mezzi ausiliari e utilizzate in modo sicuro. - Le porte devono aprirsi nella direzione di fuga. La larghezza in luce ammonta almeno a 0.90 m. 3.4 Scale - Le scale e i pianerottoli devono avere una larghezza di almeno 1.20 m, essere praticabili in sicurezza ed essere diritte. Devono essere eseguite in materiale incombustibile.

4 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Concentrazione di persone - La concentrazione di persone prevista per i locali è determinante per stabilire il numero e il dimensionamento delle vie di fuga necessarie (uscite, corridoi, scale) e deve pertanto essere fissata per iscritto in forma vincolante. Essa dipende dalle dimensioni, dalla destinazione d'uso del luogo e dei locali. In mancanza di indicazione vincolanti, (ad esempio piani con la disposizione delle sedie), valgono i seguenti parametri Destinazione d uso Persone/m 2 Note Fiere con stand espositivi 0,6 Se i locali espositivi sono destinati a usi multi funzionali (ad es. concerti), occorre applicare una concentrazione di persone adeguata Ristoranti 1,0 Sale riunioni in generale 2,0 Non valido per discoteche e concerti pop Sale multiuso: sedie con disposizione a banchetto sedie con disposizione cinema senza sedie 1,0 1,3 2,0 Occorre misurare sia l area ad uso dell orchestra e l area da ballo, sia i tavoli dei relatori. Non valido per discoteche e concerti pop Teatri e cinema 1,5 Per locali per spettatori senza sedie fissate stabilmente Discoteche, concerti pop senza sedie 4,0 Superficie utile netta a disposizione dei visitatori (superficie del pavimento al netto del mobilio) Aree per posti in piedi nelle tribune 5,0 Senza contare le zone di passaggio 3.6 Numero e larghezza delle uscite per costruzioni provvisorie ad un solo livello A seconda della concentrazione di persone, le tende devono avere almeno le uscite seguenti: - fino a 50 persone una uscita di 0.90 m di larghezza; - fino a 100 persone due uscite di 0.90 m di larghezza ciascuna; - fino a 200 persone tre uscite di 0.90 m di larghezza, oppure due uscite, di cui una di 0.90 m e l'altra di 1.20 m di larghezza. Nel caso in cui si preveda una maggiore concentrazione di persone, le uscite dovranno avere, in totale, le seguenti larghezze minime m ogni 100 persone (per uscite a livello del terreno) - le singole uscite devono avere una larghezza minima di 1.20 m. Se dal calcolo per la larghezza necessaria delle uscite risulta un valore superiore a 1.20 m, si deve arrotondare al multiplo successivo di 0.60 m. 3.7 Posti a sedere - I posti a sedere devono essere sistemati in file e suddivisi da passaggi, in modo che le uscite possano essere raggiunte il più direttamente possibile. - Il libero passaggio tra le file di posti a sedere non deve essere inferiore a 0.45 m. Le vie di circolazione devono avere una larghezza netta di almeno 1.20 m. - In una fila di posti a sedere accessibile da due parti non devono figurare più di 32 posti. Se eccezionalmente l accesso è possibile da un solo lato, sono consentiti al massimo 16 posti. - Le sedie di una fila devono essere collegate tra loro in modo che il pubblico non le possa separare. È vietato collocare le sedie nelle vie di circolazione. - Per la disposizione delle sedie a banchetto, i tavoli devono essere sistemati in modo da creare vie di circolazione dirette verso le uscite (vie di fuga). La distanza tra i tavoli ammonta almeno a 1.40 m. - I posti a sedere devono essere in legno o in metallo. Per posti a sedere in materiale sintetico, le sedie devono avere almeno un indice di combustibilità di 5.2.

5 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Segnalazione delle vie di fuga, illuminazione di sicurezza - Le vie di fuga devono essere segnalate mediante segnali di soccorso normalizzati con illuminazione di sicurezza. La lunghezza di lato minima dei segnali di soccorso con illuminazione di sicurezza si conforma alla distanza massima di identificazione, ammonta tuttavia almeno a 150 mm. Esempi: Distanza di identificazione d [m] Lunghezza di lato minima p [mm] Fino a quando sono presenti delle persone, l illuminazione dei segnali di soccorso deve essere permanentemente in funzione. - Sulle uscite di sicurezza, lungo vie di fuga e di circolazione deve essere installata un illuminazione di sicurezza (minimo 1 lux). 4. Struttura portante La struttura portante delle costruzioni provvisorie deve essere dimensionata in modo tale che, se sollecitata da un incendio, la stabilità statica resti preservata per un tempo sufficiente all evacuazione delle persone. 5. Materiale da costruzione Vengono riconosciuti ai fini dell utilizzo i test sui materiali unicamente se eseguiti da laboratori o enti accreditati federalmente e/o riconosciuti dell Associazione degli istituti di assicurazione antincendio (AICAA) 5.1 Tende I teli di copertura devono essere realizzati con materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità minimo 5.2) o in materiale incombustibile. In caso di incendio, le coperture non devono provocare alcun gocciolamento di materiale infiammato. 5.2 Tende con pernottamento (a un solo livello) I teli di copertura devono essere realizzati con materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità minimo 5.2) o in materiale incombustibile. In caso di incendio, le coperture non devono provocare alcun gocciolamento di materiale infiammato. 5.3 Decorazioni Generalità - Le decorazioni non devono creare ulteriori pericoli d incendio. In caso d incendio, non devono mettere in pericolo le persone o ostacolare le vie di fuga. - Le decorazioni devono essere applicate in modo che: - non mettano in pericolo la sicurezza delle persone - la visibilità delle segnalazioni di vie di fuga e uscite di sicurezza non venga limitata (segnali di soccorso) - le illuminazioni di sicurezza non vengano nascoste o limitate nella loro efficacia - le uscite non vengano nascoste o chiuse - non possano essere incendiate tramite irraggiamento di lampade, apparecchi di riscaldamento, motori e simili e che per gli stessi non si possa creare un pericoloso accumulo di calore - I palloncini giocattolo e pubblicitari o simili, possono essere riempiti solo con gas o miscele di gas incombustibili

6 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 6 Materiale - Le decorazioni devono consistere in materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità almeno 5.1). In caso di incendio non devono provocare gocciolamenti di materiale infiammato o sviluppare gas tossici. - Nelle vie di fuga non possono essere applicate decorazioni combustibili ma unicamente elementi con indice di combustibilità Pavimenti Deve essere garantito un pavimento in materiale difficilmente combustibili con indice di combustibilità minimo 5.2. Oppure elementi di base mediamente combustibili (indice minimo di combustibilità 4.2) rivestiti con materiali difficilmente combustibili con indice di combustibilità minimo Distanze di sicurezza e ubicazione 6.1 Distanze di sicurezza Le seguenti distanze di sicurezza devono essere osservate rispetto agli altri edifici o altre costruzioni provvisorie: 10.0 m se ambedue le pareti esterne presentano uno strato esterno combustibile 7.50 m se una parete esterna presenta uno strato esterno combustibile, l altra uno strato incombustibile 5.0 m se ambedue le pareti esterne presentano uno strato esterno incombustibile Le distanze minime di sicurezza possono non essere prese in considerazione, sulla base della valutazione del tecnico riconosciuto, per le seguenti destinazioni d uso: - la costruzione provvisoria non presenta carico d incendio mobile e immobile (p.es. tendone con banchi per festa nonché stand per mercati, vendita e ristorazione inteso quale servizio ai tavoli) - la costruzione provvisoria non viene usata per pernottamenti Per le costruzioni provvisorie destinate al pernottamento di 15 e più persone e per costruzioni e impianti con un carico d incendio mobile e immobile medio devono essere osservate le distanze di sicurezza. 6.2 Ubicazione Nella scelta del luogo di ubicazione devono essere osservate le condizioni seguenti: - le vie di fuga e di soccorso di edifici e fondi limitrofi non devono essere ostacolate - l accesso per i pompieri e gli altri servizi di soccorso deve essere garantito. Gli accessi devono essere sempre liberi. Gli idranti esterni e i dispositivi di spegnimento devono essere accessibili e pronti all uso. Il piano preventivo deve essere discusso in precedenza con le forze di intervento. 7. Impianti tecnici interni 7.1 Impianti termotecnici - Non possono essere utilizzati piccoli apparecchi di riscaldamento con fiamme aperte (p.es. bruciatori ad aria soffiata). Sono permessi i riscaldamenti elettrici, gli apparecchi catalitici di riscaldamento a gas (funghi riscaldanti) o i riscaldamenti a olio, a condizione che vengano collocati fuori delle costruzioni e degli impianti e alla debita distanza di sicurezza e non nei pressi delle vie d evacuazione. - Nell area del pubblico non possono essere installati impianti di combustione per combustibili solidi. - I dispositivi per griglie e cottura devono essere collocati all esterno, in tende separate, a debita distanza di sicurezza. - I contenitori di gas liquefatti devono essere collocati all esterno. Per l utilizzo di apparecchi a gas liquefatto fanno stato le disposizioni delle direttive CFSL 1941 «Gas liquefatti, parte 1» e 1942 «Gas liquefatti, parte 2».

7 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Impianti elettrici Gli impianti elettrici devono essere installati giusta la norma di installazione degli impianti a bassa tensione (NIBT 2010). Il quadro elettrico deve essere sempre accessibile e chiaramente identificabile dalle forze d intervento In caso d incendio le forze d intervento devono poter escludere la corrente prima di procedere con lo spegnimento. 8. Protezione antincendio tecnica 8.1 Dispositivi di spegnimento (vedi anche linea guida 01) - I proprietari e i gestori sono responsabili per l installazione e l efficienza operativa di dispositivi di estinzione idonei. - In cucine, stand con installazioni di cottura ecc., devono essere approntati dei dispositivi di spegnimento propri e adeguati (estintori portatili, coperte di spegnimento). 8.2 Impianti parafulmine - Le tende destinate ad accogliere più di 100 persone devono essere protette contro i fulmini. Deve essere installata una messa a terra o un collegamento con un dispositivo di terra. Per le tende con struttura portante metallica, questa ultima serve come linea di captazione e deve essere collegata direttamente con il dispositivo di terra. 9. Protezione antincendio aziendale 9.1 Incaricato della sicurezza/servizio d ordine Per le tende destinate ad accogliere più di 100 persone deve essere designato un responsabile della sicurezza. A seconda del rischio e dei pericoli, devono essere adottate ulteriori misure (servizio d ordine, pompieri ecc.) d intesa con il comune ed i pompieri. 9.2 Istruzione del personale Il personale deve essere informato in merito al comportamento in caso d incendio e all allarme dei pompieri. Deve essere in grado di impiegare i dispositivi di spegnimento approntati. Alla persona responsabile per la sicurezza compete l istruzione del personale. 9.3 Fuochi d artificio indoor/fuochi aperti Per manifestazioni di fuochi d artificio indoor e impiego di fuochi aperti sui palchi deve essere inoltrata una domanda di autorizzazione presso l autorità competente. 9.4 Cenere/mozziconi La cenere, i mozziconi ecc. devono essere depositati in contenitori separati, incombustibili e chiusi, collocati su una base incombustibile. Il divieto di fumare deve essere opportunamente segnalato prima dell accesso alle tende, capannoni ecc. All entrata, ma all esterno, saranno posati gli appositi posacenere. 10. Controllo e collaudo Prima dell'uso di ogni costruzione provvisoria e/o impianto i Municipi devono richiede al proprietario la presentazione del certificato di collaudo antincendio redatto da un tecnico riconosciuto secondo le competenze art 44 h RLE

8 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Appendice Cifra 3: esempi vie di fuga e di soccorso Numero e larghezza delle uscite concentrazione di persone a partire da 100 persone Posti a sedere Vie di fuga in costruzioni o impianti esistenti Vie di fuga in tende collegate 12. Esempi Numero e larghezza delle uscite concentrazione di persone a partire da 100 persone

9 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 9 Posti a sedere Vie di fuga in costruzioni o impianti esistenti

10 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 10 Vie di fuga in tende collegate

11 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 11 Osservazioni e/o note personali

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee La presente istruzione entra in vigore il 1. gennaio 2011 Emanata dalla Commissione amministrativa dell Assicurazione fabbricati dei Grigioni in virtù

Dettagli

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch C O STRUZIONI P R OVVISORI E L I N EE GUI D A DI PROTEZIONE ANTINCENDIO 1 Scopi e basi legali 1.1

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Negozi e grandi magazzini

Negozi e grandi magazzini Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio PUBBLICAZIONE DI SUPPORTO ANTINCENDIO

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

Vie di fuga e di soccorso

Vie di fuga e di soccorso Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Vie di fuga e di soccorso (Stato

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

Prevenzione antincendio - Sicurezza nelle aziende e nei cantieri

Prevenzione antincendio - Sicurezza nelle aziende e nei cantieri Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Prevenzione antincendio - Sicurezza

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Segnalazione delle vie di fuga

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Segnalazione delle vie di fuga

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Materiali da costruzione e parti della costruzione

Materiali da costruzione e parti della costruzione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Materiali da costruzione e parti

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

Impianti automatici di combustione a legna

Impianti automatici di combustione a legna Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto)

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone

ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone Il sottoscritto.. (1) (1) Nome e cognome della persona fisica che richiede il rilascio dell autorizzazione/licenza consapevole

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Il corso di Addetto Antincendio si prefigge di formare gli operatori in modo completo sulle tematiche relative alla gestione delle emergenze e sull estinzione

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del custode e locale commerciale

Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del custode e locale commerciale Candidato Identificazione n ESEMPIO ESAME.. Esame scritto Specialista in protezione antincendio con brevetto federale Pianificazione e esecuzione Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR 1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG $WWHQ]LRQH: alle superfici vetrate: a causa del calore possono rompersi alle bombole/recipienti con gas o liquidi in pressione ai liquidi infiammabili: possono riaccendersi

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro

Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto la disciplina di criteri e modalità per l utilizzo in uso delle sale del Centro Teatro di proprietà

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Disposizione n. 1/2001 del 06.04.2001 (ex art. 2, lett. S, del Regolamento interno sulla sicurezza) DIVIETI E LIMITAZIONI (ex D.P.R. 547/55, D.M. 26.08.1982, D.M. 08.03.1985, D.Lgs. 626/94, D.M. 10.03.1998,

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI

BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI testo aggiornato al giorno 8 settembre 2011 BOZZA PER LA NORMATIVA ANTINCENDIO NEI CAMPEGGI L Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti interviene affinché il Governo, i Ministeri, le Regioni, le

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

Io sottoscritto/a nato/a a il residente a cap. In via n. tel. ab. cell. Codice Fiscale indirizzo e-mail

Io sottoscritto/a nato/a a il residente a cap. In via n. tel. ab. cell. Codice Fiscale indirizzo e-mail Marca da bollo 14,62 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DI FESTE E MANIFESTAZIONI PER IL TEMPO LIBERO Da presentare almeno 10 (dieci) giorni prima della data di inizio dell evento Io sottoscritto/a

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

PROMEMORIA ANTINCENDIO

PROMEMORIA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Installazione di sistemi di filtri

Dettagli

Vie di fuga e di soccorso

Vie di fuga e di soccorso Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Vie di fuga e di soccorso 01.11.2015

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Marca da bollo DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Il sottoscritto Cognome C.F. Nome Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas IL-4G.105 Ed. 31.08.2013 Versione ridotta Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas Intervento di primo soccorso sul luogo dell incidente 1. Individuare il luogo dell incidente e isolare la zona con

Dettagli

Edifici con facciate doppie

Edifici con facciate doppie Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

Impianti tecnici di aerazione

Impianti tecnici di aerazione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti tecnici di aerazione

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

ISTANZA ANNUNCIO EVENTO

ISTANZA ANNUNCIO EVENTO ISTANZA ANNUNCIO EVENTO Rispedire a: Città di Lugano Dicastero Turismo ed Eventi Piazza Indipendenza 4 6901 Lugano Tel: +41 58 866 66 30 Fax: +41 58 866 66 39 Email: turismo@lugano.ch Web: www.luganoeventi.ch

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO SI STA VERIFICANDO UN FOCOLAIO D INCENDIO SI STA

Dettagli