Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie"

Transcript

1 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini Bellinzona Tel Fax Linee guida Canton Ticino nr. 02 Costruzioni provvisorie Le presenti linee guida non sono vincolanti, ma rappresentano un mezzo ausiliario per le autorità di protezione antincendio. Esse contengono proposte per l applicazione nel Cantone. Sono da intendere quale strumento di lavoro. Le singoli autorità decidono autonomamente se e in quale misura vorranno adottare le linee guida edizione 03 Ottobre 2012

2 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 2 Indice 1. Campo d applicazione Responsabilità e competenza nell esercizio di costruzioni ed impianti provvisori Responsabilità personale Procedura di autorizzazione Vie di fuga / soccorso e uscite di sicurezza (vedi appendice) Principi Lunghezza Porte Scale Concentrazione di persone Numero e larghezza delle uscite per costruzioni provvisorie ad un solo livello Posti a sedere Segnalazione delle vie di fuga, illuminazione di sicurezza Struttura portante Materiale da costruzione Tende Tende con pernottamento Decorazioni Pavimenti Distanze di sicurezza e ubicazione Distanze di sicurezza Ubicazione Impianti tecnici interni Impianti termotecnici Impianti elettrici Protezione antincendio tecnica Dispositivi di spegnimento (vedi anche linea guida 01) Impianti parafulmine Protezione antincendio aziendale Incaricato della sicurezza/servizio d ordine Istruzione del personale Fuochi d artificio indoor/fuochi aperti Cenere/mozziconi Controllo e collaudo Appendice Esempi... 8

3 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 3 Costruzioni provvisorie Questa linea guida è a supporto dell articolo 2 cpv 1 della Norma di protezione antincendio AICAA (NA 1 03i) del 26 marzo 2003 (stato 20 ottobre 2008). 1. Campo d applicazione Le disposizioni della presente linea guida si applicano per costruzioni e impianti provvisori, che non vengono eretti o installati in modo permanente (p.es. tendoni per feste, con pernottamento, capannoni e simili)e che sono considerati come costruzioni provvisorie ai sensi della Legge edilizia cantonale (LE) e che rientrano in una delle tre categorie sotto indicate 1.1 Per l esecuzione di manifestazioni come ad esempio festival, concerti, spettacoli teatrali, esposizioni, open air ed eventi simili; 1.2 Nei quali pernottano 15 o più persone; 1.3 Che vengono utilizzati come banchi di mercati, di vendita e di ristorazione; Fanno inoltre stato le disposizioni della Norma antincendio delle direttive antincendio dell Associazione degli istituti di assicurazione antincendio (AICAA) del 26 marzo 2003 (stato 20 ottobre 2008) 2. Responsabilità e competenza nell esercizio di costruzioni ed impianti provvisori 2.1 Responsabilità personale I proprietari ed i gestori devono adottare le misure necessarie sul piano organizzativo e personale per garantire la sicurezza antincendio. 2.2 Procedura di autorizzazione Spetta ai Municipi la verifica del rispetto delle normative sulla polizia del fuoco. L autorità comunale preposta deve richiedere la presentazione di un Attestato di conformità alle normative di protezione antincendio. 3. Vie di fuga / soccorso e uscite di sicurezza (vedi appendice) 3.1 Principi - Le vie di fuga e di soccorso devono essere mantenute costantemente libere e praticabili in modo sicuro. - Le vie di fuga dalle costruzioni e dagli impianti non possono portare all esterno attraverso delle tende. - I passaggi che servono come via di fuga cosi come da vie di soccorso devono avere una larghezza di almeno 1.20 m. Se dal calcolo per la larghezza necessaria per le vie di fuga risulta un valore superiore a 1.20 m, si deve arrotondare al multiplo successivo di 0.60 m. 3.2 Lunghezza - Se una tenda dispone di una sola uscita, nessun punto all interno della tenda deve risultare più lontano di 20 m dalla stessa. In caso di due o più uscite è ammessa una distanza di 35 m. - Le uscite devono essere disposte il più distante possibile tra loro e in modo da creare direzioni di fuga diverse, per evitare che le persone in fuga si ostacolino. 3.3 Porte - Sono da considerare unicamente, per le uscite d emergenza delle porte con apertura a battente, porte scorrevoli o di altro tipo non sono ammesse. - Le porte nelle vie di fuga devono sempre poter essere identificate come tali, aperte rapidamente senza far ricorso a mezzi ausiliari e utilizzate in modo sicuro. - Le porte devono aprirsi nella direzione di fuga. La larghezza in luce ammonta almeno a 0.90 m. 3.4 Scale - Le scale e i pianerottoli devono avere una larghezza di almeno 1.20 m, essere praticabili in sicurezza ed essere diritte. Devono essere eseguite in materiale incombustibile.

4 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Concentrazione di persone - La concentrazione di persone prevista per i locali è determinante per stabilire il numero e il dimensionamento delle vie di fuga necessarie (uscite, corridoi, scale) e deve pertanto essere fissata per iscritto in forma vincolante. Essa dipende dalle dimensioni, dalla destinazione d'uso del luogo e dei locali. In mancanza di indicazione vincolanti, (ad esempio piani con la disposizione delle sedie), valgono i seguenti parametri Destinazione d uso Persone/m 2 Note Fiere con stand espositivi 0,6 Se i locali espositivi sono destinati a usi multi funzionali (ad es. concerti), occorre applicare una concentrazione di persone adeguata Ristoranti 1,0 Sale riunioni in generale 2,0 Non valido per discoteche e concerti pop Sale multiuso: sedie con disposizione a banchetto sedie con disposizione cinema senza sedie 1,0 1,3 2,0 Occorre misurare sia l area ad uso dell orchestra e l area da ballo, sia i tavoli dei relatori. Non valido per discoteche e concerti pop Teatri e cinema 1,5 Per locali per spettatori senza sedie fissate stabilmente Discoteche, concerti pop senza sedie 4,0 Superficie utile netta a disposizione dei visitatori (superficie del pavimento al netto del mobilio) Aree per posti in piedi nelle tribune 5,0 Senza contare le zone di passaggio 3.6 Numero e larghezza delle uscite per costruzioni provvisorie ad un solo livello A seconda della concentrazione di persone, le tende devono avere almeno le uscite seguenti: - fino a 50 persone una uscita di 0.90 m di larghezza; - fino a 100 persone due uscite di 0.90 m di larghezza ciascuna; - fino a 200 persone tre uscite di 0.90 m di larghezza, oppure due uscite, di cui una di 0.90 m e l'altra di 1.20 m di larghezza. Nel caso in cui si preveda una maggiore concentrazione di persone, le uscite dovranno avere, in totale, le seguenti larghezze minime m ogni 100 persone (per uscite a livello del terreno) - le singole uscite devono avere una larghezza minima di 1.20 m. Se dal calcolo per la larghezza necessaria delle uscite risulta un valore superiore a 1.20 m, si deve arrotondare al multiplo successivo di 0.60 m. 3.7 Posti a sedere - I posti a sedere devono essere sistemati in file e suddivisi da passaggi, in modo che le uscite possano essere raggiunte il più direttamente possibile. - Il libero passaggio tra le file di posti a sedere non deve essere inferiore a 0.45 m. Le vie di circolazione devono avere una larghezza netta di almeno 1.20 m. - In una fila di posti a sedere accessibile da due parti non devono figurare più di 32 posti. Se eccezionalmente l accesso è possibile da un solo lato, sono consentiti al massimo 16 posti. - Le sedie di una fila devono essere collegate tra loro in modo che il pubblico non le possa separare. È vietato collocare le sedie nelle vie di circolazione. - Per la disposizione delle sedie a banchetto, i tavoli devono essere sistemati in modo da creare vie di circolazione dirette verso le uscite (vie di fuga). La distanza tra i tavoli ammonta almeno a 1.40 m. - I posti a sedere devono essere in legno o in metallo. Per posti a sedere in materiale sintetico, le sedie devono avere almeno un indice di combustibilità di 5.2.

5 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Segnalazione delle vie di fuga, illuminazione di sicurezza - Le vie di fuga devono essere segnalate mediante segnali di soccorso normalizzati con illuminazione di sicurezza. La lunghezza di lato minima dei segnali di soccorso con illuminazione di sicurezza si conforma alla distanza massima di identificazione, ammonta tuttavia almeno a 150 mm. Esempi: Distanza di identificazione d [m] Lunghezza di lato minima p [mm] Fino a quando sono presenti delle persone, l illuminazione dei segnali di soccorso deve essere permanentemente in funzione. - Sulle uscite di sicurezza, lungo vie di fuga e di circolazione deve essere installata un illuminazione di sicurezza (minimo 1 lux). 4. Struttura portante La struttura portante delle costruzioni provvisorie deve essere dimensionata in modo tale che, se sollecitata da un incendio, la stabilità statica resti preservata per un tempo sufficiente all evacuazione delle persone. 5. Materiale da costruzione Vengono riconosciuti ai fini dell utilizzo i test sui materiali unicamente se eseguiti da laboratori o enti accreditati federalmente e/o riconosciuti dell Associazione degli istituti di assicurazione antincendio (AICAA) 5.1 Tende I teli di copertura devono essere realizzati con materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità minimo 5.2) o in materiale incombustibile. In caso di incendio, le coperture non devono provocare alcun gocciolamento di materiale infiammato. 5.2 Tende con pernottamento (a un solo livello) I teli di copertura devono essere realizzati con materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità minimo 5.2) o in materiale incombustibile. In caso di incendio, le coperture non devono provocare alcun gocciolamento di materiale infiammato. 5.3 Decorazioni Generalità - Le decorazioni non devono creare ulteriori pericoli d incendio. In caso d incendio, non devono mettere in pericolo le persone o ostacolare le vie di fuga. - Le decorazioni devono essere applicate in modo che: - non mettano in pericolo la sicurezza delle persone - la visibilità delle segnalazioni di vie di fuga e uscite di sicurezza non venga limitata (segnali di soccorso) - le illuminazioni di sicurezza non vengano nascoste o limitate nella loro efficacia - le uscite non vengano nascoste o chiuse - non possano essere incendiate tramite irraggiamento di lampade, apparecchi di riscaldamento, motori e simili e che per gli stessi non si possa creare un pericoloso accumulo di calore - I palloncini giocattolo e pubblicitari o simili, possono essere riempiti solo con gas o miscele di gas incombustibili

6 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 6 Materiale - Le decorazioni devono consistere in materiale difficilmente combustibile (indice di combustibilità almeno 5.1). In caso di incendio non devono provocare gocciolamenti di materiale infiammato o sviluppare gas tossici. - Nelle vie di fuga non possono essere applicate decorazioni combustibili ma unicamente elementi con indice di combustibilità Pavimenti Deve essere garantito un pavimento in materiale difficilmente combustibili con indice di combustibilità minimo 5.2. Oppure elementi di base mediamente combustibili (indice minimo di combustibilità 4.2) rivestiti con materiali difficilmente combustibili con indice di combustibilità minimo Distanze di sicurezza e ubicazione 6.1 Distanze di sicurezza Le seguenti distanze di sicurezza devono essere osservate rispetto agli altri edifici o altre costruzioni provvisorie: 10.0 m se ambedue le pareti esterne presentano uno strato esterno combustibile 7.50 m se una parete esterna presenta uno strato esterno combustibile, l altra uno strato incombustibile 5.0 m se ambedue le pareti esterne presentano uno strato esterno incombustibile Le distanze minime di sicurezza possono non essere prese in considerazione, sulla base della valutazione del tecnico riconosciuto, per le seguenti destinazioni d uso: - la costruzione provvisoria non presenta carico d incendio mobile e immobile (p.es. tendone con banchi per festa nonché stand per mercati, vendita e ristorazione inteso quale servizio ai tavoli) - la costruzione provvisoria non viene usata per pernottamenti Per le costruzioni provvisorie destinate al pernottamento di 15 e più persone e per costruzioni e impianti con un carico d incendio mobile e immobile medio devono essere osservate le distanze di sicurezza. 6.2 Ubicazione Nella scelta del luogo di ubicazione devono essere osservate le condizioni seguenti: - le vie di fuga e di soccorso di edifici e fondi limitrofi non devono essere ostacolate - l accesso per i pompieri e gli altri servizi di soccorso deve essere garantito. Gli accessi devono essere sempre liberi. Gli idranti esterni e i dispositivi di spegnimento devono essere accessibili e pronti all uso. Il piano preventivo deve essere discusso in precedenza con le forze di intervento. 7. Impianti tecnici interni 7.1 Impianti termotecnici - Non possono essere utilizzati piccoli apparecchi di riscaldamento con fiamme aperte (p.es. bruciatori ad aria soffiata). Sono permessi i riscaldamenti elettrici, gli apparecchi catalitici di riscaldamento a gas (funghi riscaldanti) o i riscaldamenti a olio, a condizione che vengano collocati fuori delle costruzioni e degli impianti e alla debita distanza di sicurezza e non nei pressi delle vie d evacuazione. - Nell area del pubblico non possono essere installati impianti di combustione per combustibili solidi. - I dispositivi per griglie e cottura devono essere collocati all esterno, in tende separate, a debita distanza di sicurezza. - I contenitori di gas liquefatti devono essere collocati all esterno. Per l utilizzo di apparecchi a gas liquefatto fanno stato le disposizioni delle direttive CFSL 1941 «Gas liquefatti, parte 1» e 1942 «Gas liquefatti, parte 2».

7 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Impianti elettrici Gli impianti elettrici devono essere installati giusta la norma di installazione degli impianti a bassa tensione (NIBT 2010). Il quadro elettrico deve essere sempre accessibile e chiaramente identificabile dalle forze d intervento In caso d incendio le forze d intervento devono poter escludere la corrente prima di procedere con lo spegnimento. 8. Protezione antincendio tecnica 8.1 Dispositivi di spegnimento (vedi anche linea guida 01) - I proprietari e i gestori sono responsabili per l installazione e l efficienza operativa di dispositivi di estinzione idonei. - In cucine, stand con installazioni di cottura ecc., devono essere approntati dei dispositivi di spegnimento propri e adeguati (estintori portatili, coperte di spegnimento). 8.2 Impianti parafulmine - Le tende destinate ad accogliere più di 100 persone devono essere protette contro i fulmini. Deve essere installata una messa a terra o un collegamento con un dispositivo di terra. Per le tende con struttura portante metallica, questa ultima serve come linea di captazione e deve essere collegata direttamente con il dispositivo di terra. 9. Protezione antincendio aziendale 9.1 Incaricato della sicurezza/servizio d ordine Per le tende destinate ad accogliere più di 100 persone deve essere designato un responsabile della sicurezza. A seconda del rischio e dei pericoli, devono essere adottate ulteriori misure (servizio d ordine, pompieri ecc.) d intesa con il comune ed i pompieri. 9.2 Istruzione del personale Il personale deve essere informato in merito al comportamento in caso d incendio e all allarme dei pompieri. Deve essere in grado di impiegare i dispositivi di spegnimento approntati. Alla persona responsabile per la sicurezza compete l istruzione del personale. 9.3 Fuochi d artificio indoor/fuochi aperti Per manifestazioni di fuochi d artificio indoor e impiego di fuochi aperti sui palchi deve essere inoltrata una domanda di autorizzazione presso l autorità competente. 9.4 Cenere/mozziconi La cenere, i mozziconi ecc. devono essere depositati in contenitori separati, incombustibili e chiusi, collocati su una base incombustibile. Il divieto di fumare deve essere opportunamente segnalato prima dell accesso alle tende, capannoni ecc. All entrata, ma all esterno, saranno posati gli appositi posacenere. 10. Controllo e collaudo Prima dell'uso di ogni costruzione provvisoria e/o impianto i Municipi devono richiede al proprietario la presentazione del certificato di collaudo antincendio redatto da un tecnico riconosciuto secondo le competenze art 44 h RLE

8 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco Appendice Cifra 3: esempi vie di fuga e di soccorso Numero e larghezza delle uscite concentrazione di persone a partire da 100 persone Posti a sedere Vie di fuga in costruzioni o impianti esistenti Vie di fuga in tende collegate 12. Esempi Numero e larghezza delle uscite concentrazione di persone a partire da 100 persone

9 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 9 Posti a sedere Vie di fuga in costruzioni o impianti esistenti

10 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 10 Vie di fuga in tende collegate

11 Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco 11 Osservazioni e/o note personali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Vie di fuga e di soccorso

Vie di fuga e di soccorso Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Vie di fuga e di soccorso (Stato

Dettagli

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NORMA DI PROTEZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i

Palcoscenici NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO. 05.05.2003 / 107-03i Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Palcoscenici 05.05.2003 / 107-03i

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza

Segnalazione delle vie di fuga - Illuminazione di sicurezza - Alimentazione elettrica di emergenza Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Segnalazione delle vie di fuga

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Dispositivi di spegnimento

Dispositivi di spegnimento Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Dispositivi di spegnimento 26.03.2003

Dettagli

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Marca da bollo DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Il sottoscritto Cognome C.F. Nome Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza

Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza Marca da bollo Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza A Stabilimenti di bagni (escluse le piscine private o con accesso ai soli soci o a scopo terapeutico) B Scuole di ballo, etc. C Alberghi,

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR 1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG $WWHQ]LRQH: alle superfici vetrate: a causa del calore possono rompersi alle bombole/recipienti con gas o liquidi in pressione ai liquidi infiammabili: possono riaccendersi

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI ED ADEGUAMENTI PIÙ URGENTI REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI ED IL CONTROLLO

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas

Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas IL-4G.105 Ed. 31.08.2013 Versione ridotta Istruzioni d emergenza in caso di fuga di gas Intervento di primo soccorso sul luogo dell incidente 1. Individuare il luogo dell incidente e isolare la zona con

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA MANIFESTAZIONE PUBBLICA OCCASIONALE Il/La sottoscritto/a, in qualità di responsabile dell organizzazione, in merito alla manifestazione pubblica occasionale in programma in

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI E NEGLI EVENTI LOCALI

LA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI E NEGLI EVENTI LOCALI U.N.P.L.I. VENETO Sabato 21 gennaio 2012 Pieve di Nanto (VI) LA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI E NEGLI EVENTI LOCALI Diversa è la situazione se tali associazioni si avvalgono di prestazioni da parte di

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

Legge sulla protezione antincendio preventiva e sui pompieri del Cantone dei Grigioni (Legge sulla protezione antincendio)

Legge sulla protezione antincendio preventiva e sui pompieri del Cantone dei Grigioni (Legge sulla protezione antincendio) 840.00 Legge sulla protezione antincendio preventiva e sui pompieri del Cantone dei Grigioni (Legge sulla protezione antincendio) del 5 giugno 00 Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni ), visti gli

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Concetto di formazione

Concetto di formazione Concetto di formazione per - Specialisti antincendio AICAA - Specialisti in protezione degli edifici dai rischi naturali AICAA Associazione Istituti cantonali assicurazione antincendio AICAA Formazione

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

Protezione antincendio

Protezione antincendio Protezione antincendio Ad azione preventiva nella protezione antincendio Punto di fusione > 1000 C Le soluzioni Flumroc per la protezione antincendio. La forza naturale della roccia Protezione antincendio

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. (Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7/4/1998 - Suppl. Ordinario)

Dettagli

La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali

La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La valutazione del rischio incendio e il piano di emergenza Avigliana 28 aprile 2011

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI Richiedente / società richiedente: Persona di riferimento: Indirizzo: Telefono: Posta elettronica: Genere della manifestazione: Data della manifestazione: Luogo della

Dettagli

Vigili del fuoco. fumo. E' possibile inoltre prescrivere anche per altri locali il divieto di fumo.occorre attenersi alle indicazioni.

Vigili del fuoco. fumo. E' possibile inoltre prescrivere anche per altri locali il divieto di fumo.occorre attenersi alle indicazioni. TR_14_I_alt_neu_TR_14_I_alt_neu 29.07.13 12:18 Seite 1 irettive Tecniche Confronto delle variazioni 2013. 2013 1.1 Regolamento interno valido sul comprensorio fieristico di üsseldorf Emergenza 111 (interno)

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 DISTRIBUTORE CARBURANTI Rev.: 4 Data: 19/4/01 Pag. 1 di 7 La presente istruzione regola la gestione in sicurezza del distributore

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA Informativa del 11/09/2012 CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA AMBITO SEGNALAZIONE PAG. Sicurezza Corso Addetti Antincendio 2 Sicurezza Corso Aggiornamento Addetti Antincendio 4 Bucciarelli Engineering S.r.l.

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

DIRETTIVA ANTINCENDIO

DIRETTIVA ANTINCENDIO Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen ssociation des établissements cantonaux d assurance incendie ssociazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio DIRETTIV NTINCENDIO Impianti ascensori

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI DOMANDA DI PERMESSO PER MANIFESTAZIONI Richiedente / società richiedente: Persona di riferimento: Indirizzo: Telefono: Posta elettronica: Genere della manifestazione: Data della manifestazione: Luogo della

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto Ministeriale del 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. PREVENZIONE INCENDI - Norme generali - Prevenzione e Protezione SOMMARIO

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand

2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand 2013/ Direttive di costruzione e allestimento dello stand Introduzione Le presenti Direttive di Costruzione e Allestimento dello Stand stabiliscono le regole di base che devono essere rispettate nell

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna Triangolo del Fuoco 2 Combustibile (legno, carta, benzina,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

Impianti di rivelazione d'incendio

Impianti di rivelazione d'incendio Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di rivelazione d'incendio

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE

RELAZIONE TECNICA INDICE ALLESTIMENTI TEMPORANEI Oggetto: manifestazione: del mese di dell anno RELAZIONE TECNICA INDICE 1. TIPO DI MANIFESTAZIONE 2. CARATTERISTICHE DELL'AREA INTERESSATA DALLA MANIFESTAZIONE 2.1 Ubicazione 2.2

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

Le nuove prescrizioni di protezione antincendio Cosa cambia per il falegname?

Le nuove prescrizioni di protezione antincendio Cosa cambia per il falegname? Le nuove prescrizioni di protezione antincendio Cosa cambia per il falegname? 1 Contenuto del seminario In generale/organizzativo I motivi piu importanti per le nuove prescrizioni Nuovo «Responsabile della

Dettagli

Impianti solari e aspetti antincendio - promemoria VKF e documento congiunto con Swissolar

Impianti solari e aspetti antincendio - promemoria VKF e documento congiunto con Swissolar Impianti solari e aspetti antincendio - promemoria VKF e documento congiunto con Swissolar Pannelli e collettori ad energia solare (produzione di corrente elettrica ed energia termica) Ing. Fabio Valsangiacomo

Dettagli

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi

CALORE. Sistemi produzione. In tutti i Paesi sviluppati, la lotta contro gli incendi Sistemi produzione CALORE di Marco Albanese, responsabile Ufficio Salute, Sicurezza e Ambiente - Rimessaggio del Tirreno Srl La prevenzione degli incendi garantisce la sicurezza degli edifici In tutti

Dettagli