Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.fazieditore.it www.donnainbianco.com"

Transcript

1

2

3 I edizione ebook: giugno Fazi Editore srl Via Isonzo 42, Roma Tutti i diritti riservati Titolo originale: No name Traduzione dall inglese di Luca Scarlini ISBN:

4 Wilkie Collins Senza nome LIBRO SECONDO a cura di Luca Scarlini

5

6 SCENA SECONDA Skeldergate, York

7 Capitolo primo In quella parte della città di York che è situata sulla riva occidentale del fiume Ouse c è una piccola strada, che si estende praticamente da nord a sud lungo il corso del fiume. La posterla che costituiva un tempo l ingresso alla via non esiste più: e le poche case antiche rimaste nella strada sono travestite con malinconici abiti moderni di calce e cemento. Negozi del genere più modesto e povero, mescolati qua e là con magazzini sbiaditi e con tristi abitazioni di mattoni rossi, costituiscono l aspetto attuale di Skeldergate. Dalla parte del fiume le case sono separate a intervalli da stradette che vanno in direzione dell acqua e schiudono piccoli appezzamenti solitari di terreno

8 aperto e qualche albero di barca che si innalza alla sua conclusione. Alla sua estremità meridionale la strada cessa improvvisamente e il vasto letto dell Ouse, gli alberi, il prato, la strada pubblica sulla riva da un lato, l alzaia dall altro si aprono alla vista. Qui, dove la strada termina, una viuzza conduce al sentiero selciato che sormonta le antiche mura di York. L unica piccola fila di case, che è tutto quel che c è nella strada, è composta da abitazioni d affitto economiche, con vista, alla distanza di pochi piedi, su una parte delle massicce mura cittadine. Il posto si chiama Rosemary Lane. Ben poca luce penetra al suo interno, poche persone ci vivono, la popolazione fluttuante di Skeldergate ci passa attraverso, e i visitatori che vanno alla passeggiata sulle mura, che lo usano per la salita o la discesa, escono da

9 quel triste passaggio più velocemente che possono. La porta di una delle case in questo angolo sperduto di York si aprì quietamente nel pomeriggio del 23 settembre 1846 e un individuo solitario di sesso maschile scivolò in Skeldergate dall isolamento di Rosemary Lane. Dirigendosi a nord, questa persona indirizzò i suoi passi verso il ponte sopra l Ouse e l indaffarato centro cittadino. Aveva un apparenza esterna di rispettabile povertà; portava un ombrello di cotone avvolto in una tela cerata, scese gli scalini con la più chiara intenzione di evitare tutti i punti sporchi del selciato ed esaminò la scena intorno a sé con occhi di due diversi colori: un occhio marrone bilioso che sembrava cercare una funzione qualunque e un occhio verde bilioso che compiva un azione simile. In parole

10 povere, l estraneo che veniva da Rosemary Lane non era altri che il capitano Wragge. Per essere esatti, il capitano non era cambiato in meglio da quel memorabile giorno di primavera in cui si era presentato a Miss Garth al cancello di Combe-Raven. La mania ferroviaria di quel famoso anno aveva contagiato perfino il prudente Wragge; lo aveva sottratto alle sue abituali occupazioni e lo aveva lasciato infine prostrato come molti uomini migliori di lui. Aveva perduto la sua apparenza ecclesiastica ed era appassito con le foglie d autunno. Il nastro del cappello, invece che in nero, portava in marrone il lutto per la sua giovinezza lontana. Il suo colletto di un bianco poco pulito e la cravatta erano defunti della morte riservata alla vecchia biancheria ed erano andati alla loro nuova casa dal fabbricante di carta, per vivere di nuovo un giorno sotto

11 forma di carta da lettere nel negozio di un cartolaio. Una giacca grigia da caccia all ultimo stadio di atrofia del tessuto sostituiva il cappotto nero dei tempi passati e, come un servo fedele, nascondeva l oscuro segreto della biancheria del suo padrone agli occhi di un mondo indagatore. Dalla testa ai piedi ogni centimetro degli abiti del capitano era cambiato in peggio; ma l uomo rimaneva lo stesso: superiore a tutte le forme di muffa morale; impermeabile all azione della ruggine sociale. Era cortese, persuasivo, e vagamente austero come al solito. Senza camicia portava la testa alta come se ne avesse sempre fatto a meno. Il foulard nero che si avvolgeva intorno al collo era annodato alla perfezione; le sue decrepite scarpe nere erano adeguatamente ricoperte di lucido nero e per quanto riguardava la buona rasatura avrebbe potuto paragonare il

12 suo mento con quello di un alto dignitario della Chiesa di York. Il tempo, i cambiamenti, la povertà avevano tutti insieme attaccato il capitano, ma nessuno di essi era riuscito a mandarlo al tappeto. Passeggiava per le strade di York come un uomo superiore agli abiti e alle circostanze; su di lui, più brillante che mai, splendeva una luce di bohème. Arrivato al ponte, il capitano Wragge si fermò e guardò pigramente oltre il parapetto i vascelli nel fiume. Era assolutamente evidente che non aveva alcuna destinazione precisa da raggiungere e niente da fare. Mentre stava ancora andando a zonzo, l orologio della cattedrale di York batté le cinque e mezzo. Alcune carrozze passarono davanti a lui sul ponte incontro al treno da Londra, previsto per le sei meno venti. Dopo un attimo di esitazione, il capitano

13 oltrepassò le carrozze. Quando è una scelta inveterata vivere alle spalle dei propri simili, l abitudine di una persona sarà sempre, più o meno ma lo sarà, infestare le grandi stazioni. Il capitano Wragge spigolava nel territorio umano e in quel pomeriggio senza occupazioni la stazione di York era un angolo a cui dare un occhiata valido come qualsiasi altro. Raggiunse il binario pochi minuti dopo che il treno era arrivato. Quella completa incapacità di sviluppare misure amministrative per la gestione di grandi masse di persone, che è una delle caratteristiche degli inglesi nell esercizio dell autorità, non è esemplificata in nessun luogo più chiaramente che a York. Tre diverse linee ferroviarie riuniscono tre diverse folle di passeggeri, dalla mattina alla notte, sotto un solo tetto, e fanno sì da

14 determinare un tumulto di viaggiatori, con l assistenza che i perplessi impiegati della compagnia possono offrire per accrescere la confusione. Il caos abituale stava raggiungendo il suo apice mentre il capitano Wragge si avvicinava al binario. Dozzine di persone diverse stavano tentando di ottenere dozzine di scopi diversi, in dozzine di diverse direzioni, tutti partendo dallo stesso punto comune e tutti ugualmente privi di informazioni. Una improvvisa divisione della folla, vicino alle carrozze di seconda classe, attrasse la curiosità del capitano. Si fece strada e scoprì un uomo ben vestito, assistito da un custode e da un poliziotto, che tentava di raccogliere alcuni volantini stampati usciti fuori da un pacco di carta che i suoi frenetici compagni di viaggio gli avevano fatto scappare di mano. Offrendo la sua assistenza in questa

15 emergenza, con la cortese alacrità che segnava il suo carattere, il capitano Wragge osservò le tre emozionanti parole «Cinquanta sterline di ricompensa» stampate a lettere maiuscole sui volantini che aveva aiutato a recuperare e subito ne prese uno, per esaminarlo più attentamente alla prima occasione conveniente. Appena ebbe appallottolato il volantino nel palmo della mano, i suoi occhi di due colori fissarono con avido interesse il proprietario dello sfortunato pacco. Quando a un uomo accade di non avere cinquanta pence in tasca, se il suo cuore è al posto giusto, fa un balzo, e se la sua bocca è fatta a regola, ha l acquolina alla vista di un altro uomo che porta con sé un offerta stampata di cinquanta sterline, indirizzata agli altri esseri umani. Lo sfortunato viaggiatore rifece il suo pacco meglio che poté e si fece strada fuori

16 dal binario, dopo aver fatto una domanda alla prima vittima ufficiale del giornaliero traffico dei passeggeri, che era sufficientemente in possesso delle sue capacità per starlo ad ascoltare. Lasciando la stazione per la riva del fiume che era vicinissima, l estraneo entrò nel traghetto alla posterla di North Street. Anche il capitano, che fino ad allora aveva trattenuto con cura i suoi passi, prese il traghetto e impiegò il breve intervallo di transito verso la riva opposta nell esame accurato del volantino che aveva tenuto per comprendere di che si trattava. Con la schiena girata opportunamente verso il viaggiatore, il capitano Wragge ora concentrò la sua attenzione su queste righe: cinquanta sterline di ricompensa

17 La mattina presto del 23 settembre 1846 è scomparsa una signorina. Età: diciotto anni. Abito: lutto stretto. Particolari: capelli di un bruno molto chiaro; ciglia e sopracciglia più scure; occhi grigio chiaro; molto pallida; parte inferiore del volto piena; figura alta; cammina con rimarchevole grazia e agilità; ha i modi e le abitudini di una signora raffinata e istruita. Segni particolari: due nei ravvicinati sul lato sinistro del collo. Nome apposto sulla biancheria: Magdalen Vanstone. Si suppone che sia entrata, o abbia tentato di entrare, con un nome falso, in una compagnia teatrale che ora recita a York. Quando ha lasciato Londra aveva con sé un baule nero e nessun altro bagaglio. Chiunque darà informazioni che serviranno a restituirla ai suoi amici, riceverà la ricompensa sopra indicata. Rivolgersi all ufficio di Mr Harkness, avvocato, Coney

18 Street, York. O ai signori Wyatt, Pendril, Gwylt, Serle Street, Lincoln s Inn, Londra. Il capitano Wragge, abituato com era a mantenere la più completa padronanza di sé in tutte le emergenze, in questo caso, quando lesse il nome della giovane persona scomparsa, tradì il suo profondo sbalordimento con una esclamazione di sorpresa che quasi spaventò colui che guidava il traghetto. Il viaggiatore fu meno osservatore; la sua intera attenzione era fissa sul lato opposto della riva e lasciò il traghetto in fretta nel momento stesso in cui attraccò. Il capitano Wragge si riprese, mise in tasca il volantino, e seguì la sua guida per la seconda volta. L estraneo diresse i suoi passi in direzione della strada più vicina che correva verso il fiume, confrontò un biglietto nel suo

19 portafoglio con i numeri delle case sul lato sinistro, si fermò a una di esse e suonò il campanello. Il capitano proseguì verso la casa successiva: fece finta di suonare il campanello a sua volta e diede la schiena al viaggiatore, in apparenza attendendo di essere introdotto, in realtà ascoltando con tutte le sue forze e cercando di cogliere brani di dialogo che avrebbero potuto raggiungere le sue orecchie all apertura della porta dietro di lui. Risposero alla porta con la dovuta celerità e uno scambio sufficientemente istruttivo di domande e risposte ricompensò l abilità del capitano Wragge. «Vive qui Mr Huxtable?», chiese il viaggiatore. «Sì, signore», fu la risposta, data da una voce femminile. «È in casa?».

20 «Non ora, signore, ma sarà di nuovo qui per le otto». «Se non erro, oggi è venuta presto una signorina, non è vero?». «Sì, una signorina è venuta questo pomeriggio». «Esatto; io sono qui per la stessa vicenda. Ha incontrato Mr Huxtable?». «No, signore; è stato fuori tutto il giorno. La signorina mi ha detto che sarebbe tornata per le otto». «Bene così. Tornerò a vedere Mr Huxtable alla stessa ora». «Vuol lasciare il suo nome, signore?». «No, dica soltanto un signore che si occupa di affari teatrali. Un minuto, per favore. Non conosco York, potrebbe dirmi cortesemente qual è la strada per Coney Street?». La donna diede l informazione richiesta, la

21 porta si chiuse, e l estraneo si affrettò in direzione di Coney Street. In questa occasione il capitano Wragge non fece neanche un tentativo di seguirlo. Il volantino rivelava abbastanza chiaramente che il prossimo obiettivo dell uomo era completare i necessari accordi con l avvocato locale per quanto riguardava la promessa ricompensa. Avendo visto e sentito abbastanza per i suoi scopi immediati, il capitano ripercorse a ritroso la strada, girò a destra ed entrò sull Esplanade, che in quel quartiere della City costeggia la riva del fiume tra le piscine e Lendal Tower. «Questo è un affare di famiglia», si disse il capitano Wragge, insistendo, per pura forza dell abitudine, sulla sua vecchia affermazione di parentela con la madre di Magdalen, «devo considerarne tutti gli

22 aspetti». Si mise l ombrello sotto il braccio, incrociò le mani davanti a sé e scivolò dolcemente negli abissi della riflessione. L ordine e la dignità che si potevano osservare negli abiti lisi del capitano ben rappresentavano l ordine e la dignità che distinguevano le sue operazioni mentali. Era sua abitudine vedere sempre il percorso davanti a sé attraverso una nitida successione di alternative: e così lo vedeva ora. Gli erano aperte tre strade riguardo alla notevole scoperta che aveva appena fatto. La prima era non fare niente: inammissibile sia dal punto di vista familiare che da quello pecuniario; e conseguentemente rifiutata. La seconda era meritare la gratitudine degli amici della ragazza, valutata in cinquanta sterline. La terza strada era di meritare con un avviso opportuno la riconoscenza della

23 stessa signorina, valutata a una cifra sconosciuta. Tra queste due alternative l indeciso Wragge esitava; non dubitando delle risorse finanziarie di Magdalen perché era completamente all oscuro delle circostanze che avevano privato le sorelle della loro eredità ma pensando a un ostacolo sotto forma di un uomo ignoto che avrebbe potuto essere collegato con la sua scomparsa da casa. Dopo una matura riflessione, si decise a fermarsi e a farsi guidare dalle circostanze. Allo stesso tempo, la prima considerazione era precedere il messaggero da Londra e mettere sicuramente le mani sulla stessa signorina. «Sento affetto per questa ragazza mal consigliata», pensò il capitano, andando solennemente avanti e indietro per il solitario lungofiume. «Ho sempre pensato a lei, e sempre lo farò, come se a una mia

24 nipote». Dov era la parente adottata in quel momento? In altre parole: dove una ragazza nella posizione critica di Magdalen era probabile che andasse per trascorrere le ore che mancavano fino al ritorno di Mr Huxtable? Se ci fosse stato un uomo di ostacolo alle sue spalle, porre la domanda sarebbe stato una pura perdita di tempo. Ma se la deduzione che il volantino suggeriva era corretta, se cioè fosse stata davvero da sola nella città di York, dove sarebbe andata? Non nelle affollate strade principali. Non a vedere gli oggetti di interesse artistico nella cattedrale, perché era da tempo terminato l orario in cui la cattedrale si può visitare. Era nella sala d attesa alla stazione? Difficilmente avrebbe corso quel rischio. Era in un albergo? Da dubitare, considerando che

25 era sola. In una pasticceria? Molto più probabile. In una carrozza a fare un giro? Possibile, certamente, ma niente di più. A vagabondare in qualche tranquilla località non in vista. Abbastanza probabile, ancora, in quella bella sera d autunno. Il capitano fece una pausa, soppesò i relativi pro e contro sulla località tranquilla e sulla pasticceria e decise per la prima delle due. C era abbastanza tempo per trovarla in pasticceria, per chiedere di lei ai principali hotel o, infine, per intercettarla nelle immediate vicinanze della casa di Mr Huxtable dalla sette alle otto. Finché la luce durava, la scelta più saggia sarebbe stata cercarla fuori porta. Dove? L Esplanade era un posto tranquillo; ma non era là, non certamente in quella strada solitaria dietro alle mura dell abbazia. Dove allora? Il capitano si fermò, guardò attraverso il fiume,

26 si accese all improviso manifestarsi di una nuova idea e immediatamente tornò indietro verso il traghetto. «La Passeggiata sulle Mura», pensò quest uomo giudizioso, con un brillio negli occhi di due colori. «Il posto più tranquillo a York è il posto che tutti i forestieri vanno a vedere». Dopo dieci minuti il capitano Wragge stava esplorando il nuovo territorio di ricerca. Salì sulle mura (che includevano l intera parte occidentale della città) dalla posterla di North Street, da cui la passeggiata si diparte, prima di finire nella sua estremità sud nello stretto passaggio di Rosemary Lane. Mancavano venti minuti alle sette. Il sole era tramontato da più di mezz ora; la luce rossa era diffusa e bassa nel cielo senza nuvole a occidente; tutti gli oggetti visibili stavano ammorbidendo i loro

27 contorni nel dolce crepuscolo, ma non erano ancora preda del buio. I primi scarsi lampioni nella strada sottostante sembravano piccole e deboli macchie di luce gialla, mentre il capitano iniziava la sua camminata attraverso uno dei più bei paesaggi che l Inghilterra possa mostrare. Alla sua destra, mentre avanzava, si apriva l aperta campagna oltre le mura: i ricchi prati verdi, con i filari di alberi a dividerli, le ampie curve del fiume in distanza, gli sparsi palazzi in vista, tutti avvolti nella quiete della sera, tutti resi belli dalla pace del crepuscolo. Alla sua sinistra il maestoso lato ovest della cattedrale di York si librava sopra la città e catturava l ultimo raggio di luce del tramonto alla sommità delle sue nobili torri. Forse questo bellissimo panorama aveva allettato la ragazza scomparsa a fermarsi a guardare? No, là non

28 c era nessun segno di lei. Il capitano si guardò intorno con attenzione e proseguì. Raggiunse il punto in cui i binari della ferrovia attraversavano gli archi nel vecchio muro. Fece una pausa in questo luogo, in cui l attività centrale della grande impresa ferroviaria risuonante di rumori con tutte le pulsazioni della sua sferragliante esistenza era fianco a fianco con la maestà morta del passato, in profondità sotto le vecchie pietre che raccontavano la storia di come York era stata fortificata e gli assedi che aveva subito due secoli prima: rimase in questo luogo, la cercò di nuovo e la cercò invano. Altri stavano guardando oziosamente la selvaggia attività che si stava svolgendo sui binari; ma lei non era tra loro. Il capitano diede uno sguardo dubbioso al cielo che si stava incupendo e proseguì. Si fermò di nuovo nel luogo dove ancora

29 oggi è la posterla di Micklegate che, ora come un tempo, serve di sostegno alle mura cittadine. Qui la passeggiata lastricata scende di alcuni gradini, passa attraverso la vecchia guardiola in pietra nera dalle antiche porte, sale ancora, e prosegue il suo percorso verso sud finché le mura raggiungono di nuovo il fiume. Si fermò e guardò attentamente negli angoli oscuri della guardiola. Forse stava attendendo lì che il crepuscolo scendesse e si nascondeva da occhi indiscreti? No: solo un solitario operaio vagava nella stanza di pietra; ma nessuna altra creatura vivente era presente là. Il capitano salì sui gradini che portavano fuori dalla posterla e proseguì. Avanzò di cinquanta o sessanta iarde lungo la passeggiata; con le periferie di York che cominciavano ad essere in vista da un lato, dall altro un sentiero stretto con alcuni

30 piccoli appezzamenti a orto che occupavano una striscia di terreno libero. Avanzò con passo accelerato e occhi avidi, perché vide davanti a sé la figura solitaria di una donna che stava vicina al parapetto sulle mura, con il volto verso il panorama a occidente. Si avvicinò con cautela, per essere sicuro che fosse lei prima che si girasse e lo osservasse. Non potevano esserci errori per quell alta figura scura che restava contro il parapetto con grazia noncurante. Stava lì con il suo abito e mantello neri; con l ultima tenue luce della sera che cadeva delicatamente sul suo pallido e risoluto giovane volto. Stava lì; nemmeno tre mesi da quando aveva perso i suoi genitori; da quando era il tesoro senza prezzo della casa, mai lasciata senza protezione, mai che si fossero fidati a lasciarla sola, stava lì nella bellissima alba della sua femminilità, una fuggiasca in una

31 città sconosciuta, alla deriva nel mondo! Vagabondo com era, quel primo sguardo verso di lei fece vacillare perfino l intrepida sicurezza del capitano Wragge. Mentre lentamente si volgeva e lo guardava, egli alzò il cappello, con quanto ci fosse più vicino al rispetto in lui, che aveva vissuto un intera vita all insegna dell audacia senza pudori. «Credo di avere l onore di rivolgermi alla giovane signorina Vanstone, vero?», iniziò. «Ne sono molto lieto, per più ragioni». Lo guardò con un freddo stupore. E non le venne in mente nessun ricordo del giorno in cui egli aveva seguito lei e sua sorella nel ritorno a casa insieme a Miss Garth, mentre ora le si presentava con l aspetto e l abito alterati. «Lei si sbaglia», disse con calma. «Lei per me è un perfetto sconosciuto».

32 «Mi perdoni», rispose il capitano, «sono una specie di suo parente. Ho avuto il piacere di vederla nella primavera di quest anno. Mi sono presentato in quella memorabile occasione a una onorevole precettrice nella famiglia di suo padre da poco scomparso. Mi permetta, in circostanze altrettanto ugualmente piacevoli, di presentarmi a lei. Il mio nome è Wragge». In quel momento aveva già recuperato la piena padronanza della sua solita impudenza; i suoi occhi di due colori luccicavano amichevolmente e accompagnò la modesta presentazione di sé con un inchino degno di un maestro di danza. Magdalen aggrottò le ciglia e fece un passo indietro. Il capitano non era certo un uomo da farsi scoraggiare da una accoglienza fredda. Si mise l ombrello sotto il braccio e allegramente scandì il suo nome

33 per maggiore chiarezza. «w, r, a, doppia g, e: Wragge», disse il capitano, enumerando persuasivamente le lettere sulle dita. «Ricordo il suo nome», disse Magdalen. «Mi scusi se la lascio all improvviso, ma ho un impegno». Tentò di oltrepassarlo e si diresse a nord verso la ferrovia. Immediatamente egli impedì il tentativo alzando entrambe le mani e mostrando un paio di guanti neri all uncinetto in segno di cortese protesta. «Non da quella parte», disse, «non da quella parte, per favore». «Perché no?», chiese orgogliosamente. «Perché», rispose il capitano, «quella è la strada che porta da Mr Huxtable». Nell incontrollabile sbalordimento mostrato ascoltando quella risposta, si sporse in avanti e per la prima volta lo guardò dritto in faccia. Egli sostenne il suo

34 sospettoso esame, con tutta l aria di sentirsene particolarmente felice. «h, u, x Hux», disse il capitano giocando scherzosamente con la vecchia battuta; «t, a: Huxta; b, l, e Ble: Huxtable». «Cosa sa di Mr Huxtable?», chiese. «A cosa vuole alludere, parlandomene?». Le labbra arricciate del capitano presero una nuova piega verso l alto. Rispose immediatamente, al meglio dei suoi scopi pratici, tirando fuori dalle tasche il volantino. «C è ancora abbastanza luce perché giovani (e begli) occhi come i suoi possano leggere. Prima che io entri nelle vicende personali che la sua lusinghiera domanda mi richiede, per favore, dedichi un attimo di attenzione a questo documento». Prese il volantino da lui. Con l ultimo luccichio del crepuscolo, lesse le righe che ponevano un prezzo per il suo ritrovamento,

35 che pubblicavano impietosamente la sua descrizione, come se si trattasse di un cane randagio. Nessuna gentile considerazione l aveva preparata allo shock, nessuna parola dolce le aveva alleggerito quello che sarebbe accaduto. Il vagabondo, i cui occhi astuti la osservavano con curiosità mentre leggeva, non sapeva più di quanto lo sapesse lei che il volantino era stato preparato in previsione del peggio e che sarebbe stato usato pubblicamente solo nel caso che tutti gli altri ragionevoli mezzi di rintracciarla avessero fallito. Il volantino le scivolò di mano, il suo volto arrossì. Si allontanò dal capitano Wragge, come se il fatto stesso che esistesse fosse stato cancellato dalla sua mente. «Oh, Norah, Norah!», si disse angosciata. «Dopo la lettera che ti ho scritto, dopo la dura lotta che ho dovuto ingaggiare con me

36 stessa per andarmene! Oh, Norah! Norah!». «Come sta Norah?», chiese il capitano con la massima cortesia. Si girò verso di lui con una luce d ira nei grandi occhi grigi. «Questa cosa viene mostrata in pubblico?», chiese calpestando il volantino. «La taglia sul mio collo è esposta in tutta York?». «Per favore, si calmi», la pregò il persuasivo Wragge. «Al momento presente ho tutte le ragioni di credere che lei abbia appena esaminato l unica copia in circolazione. Mi permetta di prenderla». Prima che potesse toccare il volantino, ella lo prese dal selciato, lo strappò in minuscoli frammenti e lo gettò oltre le mura. «Brava!», esclamò il capitano. «Lei mi ricorda la sua povera mamma. Lo spirito di famiglia, Miss Vanstone. Noi tutti ereditiamo il nostro sangue caldo dal nostro nonno

37 materno». «Come l ha avuto?», chiese all improvviso. «Le domando perdono diecimila volte! La mia testa stava pensando allo spirito di famiglia. Come l ho avuto. Questa è la storia in breve». A questo punto il capitano Wragge si mise in scena, facendo i suoi abituali esercizi vocali attraverso le più lunghe parole della lingua inglese, con il più grande piacere della parola. Visto che, in questa occasione, non aveva niente da guadagnare con l inganno, per una volta si allontanò dalle sue consuete abitudini e con suo gran sbalordimento di fronte alla assoluta novità della situazione, si permise di dire la verità inalterata. L effetto del racconto su Magdalen disattese completamente le aspettative che il capitano Wragge aveva nutrito nel riferirlo. Ella non era spaventata, né irritata; non

38 mostrava alcuna disposizione ad affidarsi alla sua pietà e a cercare il suo consiglio. Lo guardò fisso in volto e tutto quello che disse, quando ebbe completato con arte la sua ultima frase, fu: «Continui». «Continuare?», ripeté il capitano. «Mi spiace molto di deluderla, certo, ma ho detto quello che sapevo». «No, non è vero», intervenne, «ha omesso di dire l ultima parte della storia. La fine è che lei è venuto qui a cercarmi e che intende guadagnare la ricompensa di cinquanta sterline». Queste semplici parole colpirono in modo così forte il capitano Wragge che per un momento rimase immobile senza parlare. Ma aveva affrontato strane verità di tutti i tipi troppo spesso per essere sconcertato a lungo da esse. Prima che Magdalen potesse incassare il vantaggio, il vagabondo aveva

39 già recuperato il suo equilibrio: Wragge era di nuovo se stesso. «Arguta», disse il capitano, ridendo con indulgenza mentre picchiettava sul selciato con l ombrello. «Alcuni avrebbero potuto prenderla sul serio, ma io non mi offendo facilmente. Provi di nuovo». Magdalen lo osservò avvicinarsi nell oscurità con muta perplessità. Tutta la sua limitata esperienza della vita sociale era stata compiuta tra persone che avevano un comune senso dell onore e una comune responsabilità della loro posizione sociale. Fino ad allora non aveva mai visto nient altro che i prodotti riusciti dell umanità, creati dalla grande fabbrica della civiltà. Ora era invece di fronte a uno degli scarti e malgrado la sua prontezza era a disagio su come relazionarsi con esso. «Mi scusi se ritorno all argomento»,

40 proseguì il capitano, «ho appena pensato che lei avrebbe potuto parlare sul serio. Mia povera bambina! Come posso guadagnare le cinquanta sterline prima che la ricompensa mi venga offerta? Probabilmente questi volantini non verranno affissi in pubblico prima di una settimana. Per quanto lei sia preziosa per tutti i suoi parenti (compreso il sottoscritto), si fidi di me, gli avvocati che stanno trattando il caso non pagheranno cinquanta sterline per lei se possono farne a meno. È ancora persuasa che le mie tasche vuote siano avide di denaro? Molto bene. Le abbottoni senza pensare a me con le sue stesse belle dita. C è un treno per Londra alle nove e quarantacinque stasera. Si sottometta ai desideri dei suoi amici e ritorni indietro». «Mai!», disse Magdalen, infiammandosi al solo udire il suggerimento, proprio come il

41 capitano aveva voluto che facesse. «Se anche non fossi stata risoluta prima, quel vile volantino mi avrebbe fatto decidere. Perdono Norah», aggiunse, girando la testa e quasi parlando a se stessa, «ma non Mr Pendril e non Miss Garth». «Giusto!», osservò il capitano. «Lo spirito di famiglia. Alla sua età avrei fatto lo stesso. È nel sangue. Ascolti! Ecco di nuovo l orologio, sono le sette e mezzo. Miss Vanstone, perdoni questa ragionevole interruzione! Se vuole portare a buon fine la sua risoluzione, se vuole essere più a lungo la padrona di se stessa, deve prendere una decisione qualsiasi prima delle otto. Lei è giovane, senza esperienza e in pericolo imminente. C è una situazione d emergenza da un lato ed eccomi, dall altro, con un interesse da zio nei suoi riguardi, pieno fino all orlo di saggi consigli; non ha che da aprire

42 il rubinetto». «E se pensassi di scegliere di non dipendere da nessuno e di agire secondo il mio impulso?», disse Magdalen, «in questo caso cosa succederebbe?». «In questo caso», rispose il capitano, «lei andrebbe dritta a infilarsi in una delle quattro trappole che sono pronte a catturarla nell antica e interessante città di York. Prima trappola: a casa di Mr Huxtable; seconda trappola, in tutti gli hotel; terza trappola, alla stazione; quarta trappola: al teatro. Quell uomo con i volantini ha avuto un ora a sua disposizione. Se non ha preparato queste quattro trappole (con l assistenza dell avvocato locale), non è quel competente impiegato di uno studio legale che ho pensato che fosse. Su, su, ragazza mia! Se c è qualcun altro dietro le quinte il cui consiglio preferisce al mio...».

43 «Vede da sé che sono sola», si frappose orgogliosa. «Se mi conoscesse meglio, saprebbe che non dipendo da nessun altro se non da me stessa». Queste parole ebbero ragione dell unico dubbio che ora rimaneva nella mente del capitano: il dubbio se in quella direzione la strada si aprisse libera di fronte a lui. Il motivo della sua fuga da casa era evidentemente quello che il volantino dichiarava: un desiderio prepotente di salire in palcoscenico. «Delle due l una», pensò Wragge tra sé, secondo la sua logica. «O vale più di cinquanta sterline per me ora oppure vale meno. Se la prima ipotesi è giusta lascerò che i suoi amici diffondano inutilmente i loro appelli. Se non lo è, dovrò solo aver cura di lei, finché i volantini non verranno affissi». Rafforzato da questo semplice piano d azione, il capitano ritornò

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

piccola guerra perfetta

piccola guerra perfetta Primo giorno Hanno appena posato il dolce al centro del tavolo. Quant è brutto, pensa Rea e sorride tutta strana. Fra poco toglieranno la luce. La sua amica Nita la implora con lo sguardo e Rea la accontenta

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli