(GLWRGDOOD3UR/RFRGL2OLYHWR6DELQR$QQR;;,;Qƒ$SULOH 'LVWULEX]LRQHJUDWXLWDDLVRFL'LUHWWRUHUHVSRQVDELOH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(GLWRGDOOD3UR/RFRGL2OLYHWR6DELQR$QQR;;,;Qƒ$SULOH 'LVWULEX]LRQHJUDWXLWDDLVRFL'LUHWWRUHUHVSRQVDELOH"

Transcript

1 3(5,2',&2',&8/785$63257(7(032/,%(52 (GLWRGDOOD3UR/RFRGL2OLYHWR6DELQR$QQR;;,;Qƒ$SULOH 'LVWULEX]LRQHJUDWXLWDDLVRFL'LUHWWRUHUHVSRQVDELOH :HEZZZSURORFRROLYHWRLW(PDLOSURORFRROLYHWR#WLVFDOLQHWLW)D[ 1

2 F inito l inverno ci ritroviamo a pensare a cosa fare per l estate che verrà, cercando nuove idee e iniziative per trascorrerla tutti insieme piacevolmente nel nostro piccolo centro, che come succede ormai da Tanti anni si anima solamente nel periodo estivo. Dico questo con grande rammarico e dispiacere nella considerazione che nei lunghi mesi invernali i vicoli le strade e le piazze di Oliveto sono vuote, silenziose, dimenticate e anche qualche nostro (mio e del consiglio) sforzo di coinvolgere il paese in qualche manifestazione è vano. In particolare mi riferisco alla notte della Befana che ha avuto un discreto successo anche se, sinceramente ci aspettavamo più calze appese fuori dalle porte, di quelle case chiuse che in realtà ci sembravano aperte. Comunque sono soddisfatto della nostra ormai mitica notte della Befana che ha visto protagonista Lei: la Befana insieme ai nostri piccoli e grandi amici che l hanno accolta e salutata per le strade di Oliveto. C è un altra attività, che inizialmente ci sembrava buona, e che oramai ha i giorni contati, mi riferisco all iniziativa di tenere la sede Sociale aperta la domenica pomeriggio e a volte anche il sabato sera. Per tale attività avevo messo in bilancio dei costi di gestione in passivo (non certo così negativi), ma la scarsa affluenza e l inciviltà di alcuni ci vede costretti a sospendere questa iniziativa (all'infuori di nuovi eventi). Un altra manifestazione di pregevole contenuto culturale è stata vissuta dagli anziani del paese e da un gruppo di ragazzi delle scuole medie di Mentana (Roma), capeggiati dalla nostra instancabile Daniele Fabrizi. In una gelida e ventosa giornata di dicembre il paese si è animato, i nostri anziani sono stati intervistati ed hanno raccontato come vivevano il Natale e tutta la magia che si racchiudeva in questa festa. Più avanti nel giornalino troverete il frutto di questa visita, che ha lasciato un ricordo speciale a questi ragazzi, che sono stati accolti in modo squisito ed affabile. Grazie. Già da alcuni mesi, così come preannunciato nel giornalino di dicembre, il Laboratorio Teatrale formato da alcuni volenterosi che, raccogliendo l invito di Fabrizio Casciani, sta preparando per portare in scena (la prossima estate) una commedia inedita scritta da Monaldo Palazzoli. BUON LAVORO! Colgo l occasione per anticiparvi che è nostra intenzione promuovere, per la primavera, delle visite guidate nell area archeologica di Monteleone e al castello di Rocca Sinibalda; le date sono da stabilire, vi terremo informati tramite la bacheca alle porte del paese. Inoltre è nostra intenzione organizzare nel mese di giugno p.v. (16 o 23!?) una gita in pullman ad Assisi, con possibilità di usufruire di una guida che ci 2

3 accompagnerà per le bellezze artistiche della città e, possibilità di prenotare il pranzo presso un ristorante del luogo. La gita si potrà realizzare con un minimo di 30 ed un massimo di 50/55 persone, potete già segnalare la vostra pre-adesione ai consiglieri, altre notizie le troverete affisse in bacheca. Vorrei a questo punto chiarire una volta per tutte la questione della pagina delle LIETE E MESTE. A tutti, chi più chi meno, fa piacere vedere in questa pagina le nuove dei propri parenti, amici, conoscenti ecc.., ma succede questo:..ahhh si è sposat o mio f iglio ma sul gior nalet t o non lo avet e det t o;..per ché non c er a scr it t o sul gior nalet t o che er a nat o il f igliolet t o di mio nipot e Benedet t o, e invece c er a scr it t o del f iglio di Geppet t o?; mio f iglio va bene a scuola e segue bene la lezione ma sul gior nalet t o non c è menzione.. e via dicendo, però non ho ben capito da dove dovremmo reperire queste notizie. Non posso certo passare per il paese a chiedere chi si è sposato, a chi è nato un figlio, chi si è laureato ecc... oppure fare una serie di telefonate per raccogliere informazioni. Anche se così fosse, a pensarci bene, il diretto interessato, forse, potrebbe non gradire che gli altri sappiano i fatti suoi!! E che magari pur appartenendo alla nostra Comunità, probabilmente, non sono neanche iscritti alla Pro-Loco e verosimilmente non la vedono di buon occhio (. e ce ne sono diversi) e perciò ti dicono FKL YL KD DXWRUL]]DWR D VFULYHUH TXHOOH QRWL]LH VX GLPH" Perciò io per il momento, per non creare problemi, mi sto regolando così se non ho notizie di prima mano, mi astengo dal pubblicarle. Se volete vedere i vostri amici, parenti. sulle pagine delle QXRYH fatecelo sapere. Infine vi ricordo che chiunque può inviare i propri racconti, articoli, critiche, annunci, poesie, ecc..., per vederli pubblicati sul giornalino dell Associazione, che è la voce imparziale e impersonale della nostra piccola comunità, questo però ad una piccola condizione: GHEERQR HVVHUH ILUPDWL Nell attesa di ricevere i vostri suggerimenti di rivederci e ritrovarci sempre più numerosi in giro per Oliveto vi saluto e vi ricordo che. sono già in riscossione le quote Associative per l anno Il presidente M.F. EDITORIALE pag. 2,3 UN NATALE DIVERSO pag. 4, 5 IL Laboratorio TEATRALE pag. 5 I VICOLI DI OLIVETO pag. 6 L ANGOLO DELLA POESIA pag. 7, 8 RIPOSINO IN PACE pag. 9, 10 STORIE DEI NOSTRI TEMPI pag. 10, 11 NON È COMPITO MIO pag. 12 PANE BURRO E. pag. 13, 14 IL TROVAROBE pag. 15 LIETE E MESTE pag. 16 3

4 Era un giorno di dicembre, ci stavamo inoltrando nelle montagne del reatino, il paesaggio era spoglio, aspro, solitario. Lungo la strada il ghiaccio minacciava il percorso del pullman, eravamo impazienti di arrivare, la strada si faceva largo nella boscaglia e, d improvviso, ci apparve un mucchietto di case arrampicate su una collina: Oliveto. Il termometro segnava meno 6 gradi, il gelo ci schiaffeggiò non appena scendemmo dal pullman, il vento viaggiava veloce portandoci via i capelli. Il paese dormiva, se non fosse stato per il fumo che usciva dai comignoli avremmo detto che non c era anima viva, deserto, spazzato dalla tramontana. L odore, per le viuzze, era di muschio, di legna nel fuoco, di buono e di antico. Eravamo venti ragazzi di città con la nostra professoressa Daniela Fabrizi venuti a cercare qualcosa di cui ci aveva parlato che noi non conoscevamo: il sapore del Natale, il suo odore,. l atmosfera dell anima. In cima al paese il vento sferzava il viso e le mani scoperte e quasi non riuscivamo a parlare per il freddo, poi ecco una voce nella piazza, una anziana signora dietro la finestra, Daniela la saluta e le chiede di entrare. C è il fuoco acceso, Santina ci accoglie col sorriso, saliamo le scale curiosi, impazienti; la casa è quella delle favole, tutto minuscolo, tutto come una volta. Santina è contenta della nostra visita, le porgiamo il nostro piccolo dono e lei ci racconta com era il Natale quand era bambina. Capiamo, dalle cose che ci dice, che molto di quello che era noi non lo conosceremo mai, ma dalle sue espressioni ci sembra un peccato non poter tornare indietro, a quel fuoco acceso in ogni casa che riscaldava il cuore. Ciao Santina! Eccoci in un'altra piccola casa, una casa di bambole dove abita Teresa; lei il Natale ce lo racconta con poche e serene parole: era vivere tutti insieme aspettando le campane, la nascita del Redentore. È contenta che siamo venuti, il nostro regalo lo aprirà la notte di Natale dopo la messa. Giù per la discesa, in vicolo di Castiglioni, ci sono Eda e suo fratello, è freddo dentro casa ma fuori è più freddo e il vento non la smette di spalancare le porte. Natale non è più come una volta ma almeno, qui a Oliveto, si respira ancora quell aria antica di emozione e i ricordi sopravvivono nelle mura. Riprendiamo la strada, eccoci da Dino nella sua bottega piena di ogni cosa: ci sono addobbi di Natale, finora non ne avevamo visti ma, strano a dirsi, avevamo sentito il Natale scorrerci addosso senza segno alcuno. Ci offre cioccolatini e noi, gelati e un po commossi, gli chiediamo che cosa si ricorda di quei suoi natali di quand era bambino. E lui ci parla dell attesa, della messa, del pranzo, dei giochi, qualcosa gli illumina gli occhi, qualcosa che abbiamo già visto negli occhi degli altri. A casa di Lisa Casciani altri pangialli, altri ricordi, Natale che non sarà più Natale senza Gianna, lasciamo un regalo sapendo di non poter riempire un vuoto. 4

5 In piazza della Bottega c è Angela Maria, ci accoglie con calore e ci ricorda che Natale era davvero qualcosa che scaldava il cuore. Domenico ci invita a salire ma in piazza c è il sole, vogliamo provare anche noi a riscaldarci il cuore. Dino, Orsola, Barberina, a tutti lasciamo un piccolo dono e tutti ci fanno per regalo un emozione, qualcosa che somiglia molto di lontano a quel che sappiamo noi del Natale. Saliamo su nel Colle, a casa di Lisa il fuoco è acceso e lei e Gigi stanno per mangiare; certo che se lo ricordano il Natale, non era certo come adesso, ci si sentiva felici di stare tutti insieme, di cantare alla messa e di giocare. Eugenia ci incontra per la strada: da dove venite voi con questo freddo? veniamo da un posto in cui tutto parla di festa e di regali in cui però è impossibile provare qualche cosa in fondo al cuore e siamo qui per provare a ricordare. Corriamo per la via Madonna fino a casa di Anita: c è il cibo a riscaldare sulla stufa e arde il camino, Natale sarà solo quello che hanno vissuto, nessuno lo potrà cambiare, nemmeno la pubblicità in televisione! Più su, verso la Madonnella, Antonietta ci fa entrare per stare intorno al fuoco e anche per lei ciò che c è di più prezioso nella sua memoria è chiuso nei ricordi dei natali di allora. Tornando verso il pullman il vento ci prende ancora a schiaffi, quasi ci lascia il segno, per terra pozze d acqua gelate e gli alberi ridotti pelle e ossa. Eravamo venuti a scoprire una leggenda: Natale di una volta! Ce ne andiamo via con un bagaglio di struggente tenerezza: noi abbiamo portato solo piccoli doni, la gente del paese ci ha regalato qualcosa che appartiene al passato e che mai avremmo potuto sentire; il sapore vero del Natale in fondo al cuore! Torlupara NATALE 2001 Classse 3^ c Ebbene si, possiamo dire di essere quasi riusciti ad organizzare il nostro piccolo gruppo teatrale, formato da persone volenterose ed animate da un forte spirito di collaborazione. Già da qualche tempo, sono iniziate le prove per la realizzazione di una impegnativa rappresentazione, e quasi immediatamente siamo riusciti a formare un buon gruppo e ad assegnare tutte le parti. Indubbiamente, essendo la commedia abbastanza impegnativa, avremo bisogno della collaborazione di altre persone per quanto concerne tutto ciò che gira intorno ad una iniziativa di questo tipo, come la realizzazione di scene, di costumi, musiche, impianti scenici ecc. Ringraziamo fin d ora tutti coloro che forniranno il loro importante apporto. Fabrizio CASCIANI 5

6 Che emozione! Ci si perdeva nei vicoli, quando si era bambini, era come entrare in qualcosa di caldo, accogliente, a misura di piccoli uomini e donne. Oliveto viveva di tante braccia allungate al suo interno: il vicolo del Forno, delle Fontanelle, la via Valle, il Vicolo Canzatora erano posti magici dove si respirava qualcosa di insolito ed introvabile, il segreto del paese stesso. Al vicolo del Forno aspettavamo che uscissero le donne con le teglie per chiedere un pezzo di pizza, un dolcetto, un assaggio; l odore era di lievito, di legna, di cenere, le voci erano quelle delle donne di Oliveto con le facce rosse vicino alla bocca di fuoco. Ce ne stavamo tutti seduti sulle scalette davanti al forno e lo spettacolo non ci stancava mai, quasi fosse stato fatto per noi. Alla Canzadora c era il macello di Lorenzino e quante volte abbiamo assistito, stregati, alla mattanza di animali ignari della loro sorte eppure quasi presaghi di un segno del destino! Anche qui c erano le scalette da cui noi bambini assistevamo a ciò che ci impauriva e ci attirava allo stesso tempo, anche qui un vicolo, una vena dove pulsava il sangue della vita. Al vicolo delle Fontanelle un anno, noi ragazzi, aprimmo un locale chiamato Underground, avevamo ripulito e tinteggiato una cantina, ce ne stavamo lì a leggere e a cantare, sembrava che avessimo una casa anche noi, ragazzi ribelli dai capelli lunghi! A qualcuno non piacque quell idea e così ci tolsero quel sogno di una casa ma ancora adesso il cuore, che non conosce gli umori della gente, batte in un modo diverso quando si tratta di ricordare quella cantina che era diventato un focolare. Al vicolo delle Case nuove si andava a gridare per sentire l eco tornare dalle montagne a fronte, la tramontana ci rimandava indietro il fiato, il rumore del vento incanalato nel fosso ci stordiva, ci sembrava di vivere in vetta alla montagna, soli contro il vento. La via Fonte non è proprio un vicolo, ma per noi era un posto magico: il fontanile pieno di verzura, i muschi attaccati alle pareti, il rumore continuo dell acqua sulla superficie. Quanti scherzi, quanti bagni di notte, quante bevute dissetanti come nessuna dopo allora! La notte ci veniva a dormire la luna, al fontanile, e noi a pescarla con le mani; il giorno le mucche, gli asini, in un pellegrinaggio lento che sapeva di incanto. Più sotto le fontane, ci sentivi ancora l eco delle risa delle donne che andavano a lavare e gli scrosci, e le battiture, e lo sciacquio dell acqua risuonava tutto intorno. Ancora adesso i vicoli battono di sangue proprio, chiamano i cuori a misura d uomo, trattengono gli odori dell erba lungo l acciottolato, dei fumi dei camini, dell umido e del sole. Sono tutte braccia protese ad abbracciare noi, a stringerci d incanto come prima, come quando eravamo bambini e giocavamo a nascondino dietro i muri. Daniela Fabrizi 6

7 ,/7(032 La lontananza raggiunta dal tempo sul freddo del ricordo, dove risuonano orchestre di mari e voci di uccelli dove nuoce quella parola non detta dove in fila si allontanano le sorti del destino. Vanessa Mistretta $1&25$2/,9(72 Il fuoco che brucia, che riscalda, come un abbraccio del Signore che si stringe e contrasta il freddo che ha ghiacciato il cuore di tutte le persone di città. Pietro Tarquini 48$/&26$&+(0$1&$ Occhi sorridenti su quegli scialli colorati, aria di casa, di legna da ardere, per la viuzze di paese ancora sterrate e con i ciottoli. Penso al Natale per riscaldarmi con i miei cari davanti al fuoco che non c è più. Elena Liolios 2/,9(72 Il ricordo di un Natale, il ricordo del freddo che abbracciava le sue stradine che si ricoprivano di neve. Pamela Molinari A cura dei ragazzi della 3c di Torlupara 6,/(1=,23(5)(772 Silenzio perfetto, tempo senza verità, rive di neve intorno alla giostra del cuore. Incrociava il giorno da temere sui sogni della vita. Vanessa Mistretta 9(&&+,26$325( Solo lì fra cunicoli e piccole vie, dove ancora si respira dolce il profumo del pangiallo vive ancora fra piccole mura e antichi caminetti il vecchio sapore del Natale. Cristina Biasi 3$(6( Eterni silenzi sovrastano la mente chiusa ormai nei ricordi del vento che spazza la città lasciando un paese intatto. Riganelli Andrea 1$7$/($2/,9(72 L atmosfera che si respira riscalda l aria gelida che tira in quei borghi e arriva nel cuore insieme al Natale di ognuno di noi e soffia aria di bene e dolcezza. Daniele Di Giovanni 7

8 *5$=,( In questo mese la gente muore di freddo e si apre al cuore per il passato di chi non lo ha conosciuto. Francesco Cacciatore +29,672 Ho visto il presente prima che tramontasse, il finito prima che divenisse passato, il vecchio e il nuovo uniti in un unico vento gelido che riscalda vecchi borghi lividi di storie morte. Stela Nobre 3,&&2/(9,7( Piccole persone che vivono piccole vite. Grande è la loro concezione del Natale Che, rispecchiato nel ghiaccio, colora la semplice vita di uomini che non conoscono la felicità di questi sterili tempi. Marco Cocilova /$%8)(5$',1$7$/( Se ne è andato il Natale, quello che una volta soffiava nei nostri cuori gonfiandoli di gioia adesso soffia tra queste vie, anziane madri di quel giovane Natale. /,03266,%,/( Oggi ho sentito una sensazione diversa Che è riuscita a mettere nel mio cuore freddo un po di calore dei tempi antichi. Oggi quel che è incastrato in quelle viette di paese sperduto è solo la voglia di riavere l impossibile. Michel Morlacchetti 7251,$02$&$6$ Torniamo a casa per rifarci più forti e più soli. A casa, per non incontrare visi nuovi. A casa, per non avere più paura dei sorrisi evitati, dei saluti allontanati dei passi anonimi, delle luci ormai buie delle verità di un pazzo, di un muto, di un cieco. Torniamo a casa. Vanessa Mistretta )5(''2',0217$*1$ Nelle strade quel vento freddo che ti fa stringere forte le braccia e quelle facce felici di vecchi abbracciati alla legna, al fuoco, che ti accolgono come se ti conoscessero da sempre. Elena Liolios Luca Di Girolamo 8

9 Di Massimo Casciani Ho letto l avviso del Comune relativo alla costruzione di nuovi loculi cimiteriali, sia nel capoluogo Torricella, che nelle frazioni, e quindi, presumo, anche ad Oliveto. Devo confessare che la notizia non mi sembra molto bella, non perché ci ricorda che tutti dobbiamo morire, ma perché questi nostri paesi stanno diventando delle necropoli, cioè città dei morti, con un impatto sul paesaggio di non poco conto. Molti di voi penseranno che se la gente muore da qualche parte bisognerà pure seppellirla: per carità, è vero! Ma le cose non stanno proprio così. Anzitutto gli amministratori comunali di turno devono avere il coraggio di impedire, con apposite deliberazioni, che vengano tumulati individui che non sono residenti nel Comune; so benissimo di ferire la sensibilità di molte persone, ma se si ammette una sola eccezione bisogna poi ammetterne altre. Questo deve diventare un principio indiscutibile, altrimenti tutti quelli che hanno un qualche legame con Oliveto vogliono il loro piccolo appartamentino nel nostro Cimitero, che diventerà sempre più grande. Un altro importante principio che dovremmo avere il coraggio di mettere in pratica è quello di riutilizzare i vecchi loculi abitati da tanti anni: laddove le norme lo consentano, i parenti dovrebbero farsi ospitare da qualche antenato disposto a fare spazio: come si dice, dove entra uno ce ne stanno pure due! Sono del parere che si debbano conservare alcune belle lapidi, con foto ormai molto vecchie, scritte in un italiano superato, per non perdere un certo legame con chi ci ha preceduto. Credo anche che si dovrà cominciare a considerare l eventualità soprattutto nelle città che scoppiano di case e di tombe di ricorrere con più frequenza alla cremazione: in fondo si tratta solo di anticipare di qualche tempo il ritorno in polverephphqwrkrprtxldhvsxoylvhw LQSXOYHUHPUHYHUWHULV (ricordati che sei polvere e in polvere tornerai). Chi avesse remore di ordine religioso sappia che il Codice di diritto canonico afferma: << devono essere privati delle esequie ecclesiastiche coloro che scelsero la cremazione del proprio corpo per ragioni contrarie alla fede cristiana >> (canone 1184); quindi se si crede alla risurrezione dei corpi, ma si chiede la cremazione, soprattutto per motivi di igiene e di spazio, non si incorre nel rifiuto delle esequie. Una curiosità: si dovrebbero negare i funerali e tutte le Messe esequiali anche agli altri peccatori manifesti: concubini (cioè chi convive senza aver contratto il Matrimonio-Sacramento, o ha contratto solo il matrimonio civile), chi ha praticato o ha formalmente collaborato all aborto, omicidi e apòstati, eretici e scismatici notori, cioè che hanno abbandonato la fede o hanno aderito ad altre fedi. Al canone si dice: <<La Chiesa raccomanda vivamente che si conservi la pia consuetudine di 9

10 seppellire i corpi dei defunti; tuttavia non proibisce la cremazione, a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla fede cristiana>>. Sono pienamente consapevole del fatto che, al momento della distribuzione del giornalino, già ci sarà la coda in Municipio per prenotarsi e accaparrarsi un posto che non sia troppo al freddo o all umido, che stia vicino a qualche parente o altre sciocchezze; non ho certo la pretesa di cambiare la mentalità di nessuno. Ma l Amministrazione Comunale farebbe bene a disciplinare in maniera più restrittiva la possibilità, per coloro che non sono più residenti o che addirittura non lo sono mai stati, di essere sepolti in Oliveto. Spero anche vivamente che si scriva la parola fine al pessimo uso di costruire Cappelle di famiglia, perché richiedono un cospicuo supplemento di spazio e perché dànno àdito alla convinzione che vi siano distinzioni in morte, così come ci sono state in vita. Nella celeberrima A Livella di Totò, il Marchese si lamenta di avere come vicino il netturbino Gennaro Esposito, il quale:<< a morte o ssai ch er è, è na livella: nu Re, nu Magistrate, nu grann omm, trasènno stu cancello ha fatto o punto, che ha perso tutto: a vita e pure o nomme, tu non t ha fatto ancora chisto conto, perciò stamme a sentì, non fa o restìo, suppuortame vicino, ca te mpuorta, sti paiacciate e fanno solo i vivi, nui simmo seri, appartenimmo a morte>>. M.C. /,5$81$6725,$/81*$0,//(11,. Per trovare le origini della lira bisogna tornare indietro nel passato fino ad arrivare ai tempi dell antica Roma. Carlo Magno adottò per primo il termine lira, che deriva da libra, un unità di misura pari a 325 grammi, per creare un nuovo sistema monetario. Le prime lire, nel lontano A.D ,si dividevano in 20 soldi e in 240 denari. Quattro secoli più tardi, nel 1200 ogni Comune iniziò ad usare la propria lira. Fecero così la loro comparsa sul mercato le lire veneziane, milanesi, fiorentine e genovesi e, successivamente, anche le lire austriache nel Lombardo-Veneto e quelle coniate dallo stato della Chiesa. Il 24 agosto 1862, per la prima volta circolò ufficialmente la prima lira dell Italia Unita, divisa in 100 centesimi: era bimetallica ed aveva un valore pari a 4,5 grammi d argento e 0, d oro. Quando negli anni trenta, tutta l Italia canticchiava se potessi avere mille lire al mese, un operaio guadagnava tra le 120 e le 150 lire a settimana, mentre un impiegato ne prendeva 200. Ma la liretta, questo il nomignolo che fu affibbiato alla monete nazionale, negli anni Settanta, tra una guerra e l altra, tra alti e bassi, raggiungeva il poco invidiato primato della svalutazione, 10

11 facendo compagnia alle altre colleghe europee. Carlo Azelio Ciampi, nel 1994, fece l ultimo tentativo di arrivare alla lira cosiddetta pesante, con la conseguente reintroduzione dei centesimi. Ma fu un nulla di fatto. Ma i centesimi gli italiani li vedranno presto, solo che saranno in EURO. E dopo oltre mille anni di onorata carriera, il 28 febbraio 2002 la lira dovrà definitivamente cedere il posto all Euro. 7877( /( 7$33( '(//$ 021(7$ 81,&$. Nasce la CEE, Comunità Economica Europea, con il trattato di Roma. Vengono sanciti principi quali la libera circolazione delle persone, delle merci, dei servizi, dei capitali. Vengono stabilite norme comuni per quel che riguarda le dogane, la concorrenza, la fiscalità. Vengono creati il Parlamento Europeo, il Consiglio Europeo, la Corte dei Conti Europea e la Corte di Giustizia Europea. Entra in funzione lo SME, Sistema Monetario Europeo, voluto per ridurre le due fluttuazioni delle valute entro una determinata banda di oscillazione sull ecu, una valuta paniere formata dalle divise europee. Il francese Jacques Delors, presidente della Commissione Europea, viene incaricato al vertice di Hannover di elaborare un piano per l Unione monetaria europea che viene approvato l anno successivo: è il primo passo verso la nascita dell euro. Con la firma del Trattato di Maastricht nasce l Unione monetaria europea. Vengono fissati i parametri che i paesi candidati devono rispettare per poter essere ammessi all unione. Nel 1994 nasce l Istituto Monetario Europeo. Raggiunto l anno precedente a Dublino l accordo sul Patto di stabilità, il 2 maggio 1998 i Quindici approvano la creazione dell euro con 11 paesi partecipanti tra i quali l Italia ( la Grecia si aggiungerà dopo). A giugno nasce la BCE, Banca Centrale Europea. Il primo gennaio 1999 vengono fissati i tassi di cambio immutabili tra le valute dei paesi aderenti all UME e la nuova moneta comune. Per la lira il tasso è 1.936,27. E diventa operativa la Banca centrale europea. Dall inizio dell anno l euro è la moneta ufficiale di scambio tra i 12 paesi di Eurolandia ( a cui aggiungere Città del Vaticano, Repubblica di San Marino e Principato di Monaco). Scatta il conto alla rovescia per la morte delle monete nazionali che avverrà il 28 febbraio. Dal 1 marzo l euro, da moneta per le operazioni finanziarie e valutarie, diventa invece una realtà per i 300 milioni di cittadini europei. Antonella Loreti 11

12 C era un paesino dove vivevano tre persone: 2JQXQR4XDOFXQRH&LDVFXQR Per evitare l abbandono e la progressiva decadenza che avanzavano era necessario fare qualcosa, anche piccole cose, ma era diventato importante fare! 2JQXQR sost eneva che 4XDOFXQR doveva f ar lo &LDVFXQR avr ebbe pot ut o f ar lo ma nessuno lo f ece 'HOODFRQVHJXHQWHGHFDGHQ]DHG DEEDQGRQR &LDVFXQR incolpò 4XDOFXQR per ché nessuno f ece ciò che 2JQXQR pot eva f ar e!.. Quando ho letto questa storiella ho pensato a quante volte in paese, è stato detto QRQqFRPSLWRPLR Con questa motivazione abbiamo lasciato che ogni cosa fosse affidata a qualche IHVVR se non addirittura al caso. Il decadimento e l abbandono non avranno il sopravvento ad Oliveto se: 2JQXQR FRQWULEXLUj SHU UHDOL]]DUH TXHOOR FKH GRYUHEEH IDUH 4XDOFXQR FRVLFFKp ILQDOPHQWH &LDVFXQR SRWUj JRGHUHGHLEHQHILFLUDJJLXQWL E perché credo fermamente in questo che, nella funzione di Consigliere della Pro Loco per la vivibilità del paese, ritengo corretto informare gli Olivetani GL)UDQFR3DOPD sui risultati di quanto mi ero proposto di realizzare. Nell agosto del 2001, dopo aver effettuato un sondaggio di opinioni nel paese (FRQWXWWLLPDUJLQLGLDWWHQGLELOLWj GHL VRQGDJJL) e dopo aver ottenuto l accordo del Sindaco Silvana Gentili, con l architetto del Comune sono stati valutati alcuni interventi possibili per realizzare in paese dei luoghi di incontro. Si è parlato: della piazza della Chiesa; - dei presunti giardini prima dell arco; di piazza della bottega; di piazza della Croce; dello spazio antistante le vecchie scuole. Gli interventi di maggiore fattibilità risultarono essere i seguenti: Piazza della bottega: spostamento del parcheggio riservato ai portatori di handicap all inizio della discesa verso Piazza della Croce FLUFD PHWUL per consentire la realizzazione di un area di 20 mq. Delimitata da fioriere e su cui sistemare delle panchine; Piazza della Croce: portare in piano una superficie di circa 50 mq. (FRPSUHQGHQWH OD FDELQD WHOHIRQLFD H OD IRQWDQHOOD) delimitata da ringhiere in ferro. Attrezzare l area con tavoli e sedie per favorire i giochi da tavolo e creare un punto di incontro; 12

13 delimitare intorno alla Croce un area di circa 10 mq. Recintata da una ringhiera attrezzata in modo da valorizzare la Croce. Dopo diversi contatti, (VLDPR DUULYDWL RUPDL D 1DWDOH) lo schema trasmesso al Comune per l avvio dello studio di fattibilità si è fermato (VXTXDOHWDYROR" Dalla data del 6 febbraio 02, dopo ripetute visite in Comune e colloqui intercorsi, ho ricevuto sempre risposte negative e motivazioni ogni volta diverse «VL GHYH ULXQLUH OD *LXQWD «QRQ q SRVVLELOH ODYRUDUH QHO FHQWUR VWRULFR«QRQVLSRVVRQRPHWWHUHWDYROLQL HWF«e non ho mai avuto una motivazione realistica di fronte alla quale sarebbe stato opportuno arrendersi. L arretramento rispetto alla iniziale disponibilità è evidente. Perché? Perché non autorizzare un opera che nel generale decadimento del paese non poteva che essere un miglioramento e non avrebbe comportato impegni economici? Ancora non lo so ed è ancora mia intenzione cercarne le motivazioni, perché è per promuovere le iniziative volte a migliorare l immagine di Oliveto che ho assunto la carica attuale di Consigliere della Pro Loco per la vivibilità del paese ed è per questo che, se vorrete, continuerò a farlo. Fatemi conoscere la vostra opinione in qualunque modo. )3 Di Massimo Casciani Non vi preoccupate, non si tratta di una ricetta! Anche perché ci sarebbe poco da dire su come prepararsi una merenda con questi semplici e gustosi ingredienti. Si tratta solo dei tre punti che vorrei affrontare in questo colloquio con voi. Un titolo alternativo a questo potrebbe essere: 4XHVWLRQLGLLGHQWLWjFXOWXUDOH, ma sarebbe stato poco attraente. 3$1( È l alimento che ogni giorno nutre milioni di persone e che non ne nutre molti di più. Esso rappresenta la semplicità, l essenzialità, ma anche la necessità del nutrimento quotidiano; fuor di metafora potremmo dire che ci richiama quei valori genuini, immutabili, fondamentali della cultura di un singolo popolo: l onestà, la solidarietà, la laboriosità, il senso del sacro, l attaccamento alla propria terra e alla famiglia. Certo, il pane non è un alimento succulento, non è una leccornia, sono rare le persone golose solo di pane. %8552 Ecco, allora, che si ricorre a qualche altro ingrediente come il Burro: un alimento che da solo non può essere mangiato, anzi risulta un po disgustoso; è pure un tantino pesante, se si esagera fa venire qualche brufolo, se non addirittura il mal di stomaco. Potremmo dire che rappresenta quella parte della vita che ci spinge a trasgredire; sappiamo che fare una cosa è sbagliato, ma la facciamo lo stesso; ci fa male, ma 13

14 non possiamo farne a meno. È la tentazione di scegliere il godimento di un attimo in barba a tutti i buoni princìpi. 0$50(//$7$ Dolciastra, gelatinosa, succulenta, la spalmiamo volentieri sul pane e sul burro fin quasi ad annullare il sapore del pane che rimane un semplice supporto: non spalmiamo tanto la marmellata per mangiare il pane, quanto piuttosto mangiamo il pane per degustare meglio la marmellata. Essa rappresenta tutto quell insieme di proposte, di notizie, di valori, di disvalori, di bene e di male che ogni giorno ci viene propinato dalla Televisione soprattutto, ma anche dai giornali e principalmente da Internet. Tutti hanno da dire qualcosa, da insegnare qualcos altro, da vendere, da condividere. Per intenderci, in una marmellata di frutti di bosco non si distinguono più le more dai lamponi, i mirtilli dai ribes. È l immagine della nostra società: un grosso impasto, una melassa, in cui è difficile capirci qualche cosa. Perché, dunque, questioni di identità culturale? Perché, ormai, la nostra merenda sarà sempre più ricoperta di vari strati di marmellate. Siamo ad un bivio: o scegliamo di lasciarci sommergere dalla marmellata, assorbendo acriticamente tutto quello che ci viene proposto, oppure cerchiamo di capirci qualche cosa, per scartare quello che non corrisponde alla nostra identità culturale, accogliendo solo ciò che ci sentiamo di fare nostro. Ma quest ultima operazione è molto più complicata e impegnativa della prima. Faccio qualche esempio: se in televisione mi somministrano le solite schifezze, avere il coraggio di scegliere anche di spegnere il televisore, se ciò che vedo non corrisponde alla mia indole e alla mia sensibilità. Se questa società mi offre modelli di vita che non corrispondono alla mia visione del mondo, non posso farli miei perché tutti fanno così: l omologazione e il conformismo accettati supinamente deprivano della capacità di discernere, di criticare, di scegliere. Questo vale per i giovani, ma anche per gli adulti che vogliono sembrare a tutti i costi al passo con i tempi. Non ce ne rendiamo conto, ma il martellamento su certe cose finisce per convincerci che queste siano giuste o sbagliate indipendentemente dal nostro pensiero. Ormai fondiamo la nostra identità solo sull adesione a una squadra di calcio che siamo disposti a difendere con veemenza; poi però su questioni molto serie come quelle relative alla clonazione, al tipo di famiglia, di scuola, siamo pronti a fare ogni genere di sconto, a dimenticare chi siamo, a concedere ampie variazioni sul tema, perché altrimenti non siamo aggiornati, siamo superati. Soltanto il recupero di valori fortemente radicati nella nostra storia può costituire la bussola per orientare le nostre scelte; sbarazzarci di tutto quello che ci è stato tramandato potrebbe essere molto rischioso. Rispettare le idee degli altri non vuol dire necessariamente farle proprie, conoscerle non significa condividerle, apprezzarle non comporta praticarle. La nostra debole adesione a certi princìpi alimenta la generale convinzione che ognuno possa fare quello che gli pare. Così va il mondo! 14

15 /(58%5,&+( &H7HQLVVL Per chi cer ca biciclet t e, aghi, spilli, specchi, occhiali per i vecchi... &H7HQHUULD Per chi vuole vender e qualcosa che non vuole lasciar e inut ilizzat o. 0HGj 0SLFFLX Se pr opr io non ne puoi più, di quella cosa dove inciampi t ut t e le volt e in cant ina, pr ima di but t ar la via r egalala!!! Per pubblicar e la t ua inser zione, è f acile: bast a lasciar e nella casset t a della post a della Pr o - Loco un f oglio con il t est o, con nome, cognome, via dell abit azione (possibilment e ad Olivet o) e t elef ono. I n alt er nat iva è possibile Scr iver e una e- mail all indir izzo SURORFRROLYHWR#WLVFDOLQHWLW, o t elef onar e al numer o lasciando det t o alla segr et er ia. Ce Tenissi... ) SECONDO AVVI SO Vor r emmo r ipr ist inar e le lunghe pr ocessioni di una volt a. Per quest o st iamo r accogliendo i camici della pr ocessione da color o che non ne f anno più uso. Anche per le f iglie di Mar ia, che sono sempr e meno, ci sar anno ut ili i vest it i di pr ima comunione, di color o che vor r anno donar li alla par r occhia. Gli indument i possono esser e lasciat i in chiesa, chiedendo a 7HUHVD3RUILOL (in Piazza della Chiesa).,O&RPLWDWR'HL)HVWHJJLDPHQWL - (OHRQRUD)DEUL]L 15

16 ) La Pr o Loco necessit a di scaf f alat ur e e ar madi, per la miglior e sist emazione dei pr opr i ar chivi, e dei molt i mat er iali necessar i alle var ie at t ivit à. Chi vuole cont r ibuir e con qualcosa di adat t o allo scopo, ce lo segnali: penser emo noi al t r aspor t o. ULYROJHUVLDLFRQVLJOLHULGHOOD 3UR/RFR Ce Tenerria... Me dà Mpicciu!!! n 5HJDOR Mot or ino Met r opolis, cor r edat o di par abr ezza e baulet t o, f er mo da 3 anni + t est at a nuova complet a or iginale 50cc. )DEUL]LR)DFFKLQL9LDERUJR7HORUHVHUDOL UN BENVENUTO A - *,1(95$ GL/XFDQWRQL'DQLOD H(UFRODQL&ULVWLDQR CI HA LASCIATO ¾)DEUL]L'DPLDQR 16

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali.

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali. Agosto-- Galliate ( NO ) Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Ogni giorno vediamo crescere la nostra struttura, da semplici fondamenta si

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4 ECCOCI Sommario Alle famiglie 1 Pronti...partenza...via... 2 Tempo di nuove conoscenze al CSE Una vacanza speciale 4 Sempre più creativi... insieme Tappi e non solo 6 Prossimi appuntamenti 7 Recapiti 8

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli