Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni"

Transcript

1 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni 5.1 Prassi burocratica e fiscale La Comunità europea è stata fondata nel 1957 da sei Paesi: Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi, a cui si sono aggiunti nel 1973: Danimarca, Irlanda e Regno Unito. Con l entrata della Grecia nel 1981 e di Portogallo e Spagna nel 1986, i Paesi sono diventati dodici. Con il Trattato di Maastricht la Comunità diviene Unione Europea e nel 1995 Austria, Finlandia e Svezia la conducono all attuale compagine di quindici Paesi. Nel 2002 il Consiglio di Copenaghen ha deciso di allargare l Unione a 10 nuovi Paesi: Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia e Ungheria. Quindi, a decorrere dal 1 maggio 2004, sono 25 gli Stati membri dell Unione Europea. L ampliamento del mercato interno permette che persone, beni e servizi circolino liberamente e, quindi, senza più controlli alle frontiere interne. Il principio generale che oggi ispira la legislazione italiana è la libertà delle relazioni economiche e finanziarie con l estero, che però è mitigato dal permanere di alcuni vincoli. 1) Il primo vincolo è costituito dall obbligo, a carico degli operatori con l estero, di compilare moduli di comunicazione valutaria statistica (CVS). Tale comunicazione ha valore esclusivamente statistico. 2) Un secondo vincolo è costituito dalle autorizzazioni che possono essere: autorizzazioni particolari, con le quali il ministero delle Finanze permette l effettuazione di specifiche operazioni per le quali è stata presentata domanda (operazioni a licenza). Riguardano merci che possono essere scambiate solo in seguito a rilascio di una specifica autorizzazione discrezionale (licenza). Si tratta di merci per le quali è stato stabilito con decreto un contingente che il Ministero, attraverso la concessione delle licenze, può controllare che non venga in alcun modo superato. Vengono rilasciate autorizzazioni discrezionali di importazione o di esportazione sino all esaurimento del contingente stabilito, senza superarlo; 113

2 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni autorizzazioni generali, che riguardano merci per le quali compete alle dogane di eseguire il controllo e di permettere il passaggio attraverso il confine (operazioni a dogana). Queste operazioni rappresentano una forma di liberalizzazione perché consentono una sollecita esecuzione degli scambi con l estero. Il regime a dogana è oggi il più diffuso e riguarda le merci per le quali lo Stato non ha stabilito alcuna limitazione quantitativa all esportazione e all importazione; operazioni a dogana controllata, con le quali lo Stato fissa un contingente di esportazione o di importazione, ma stabilisce che non occorre chiedere la licenza dal momento che alcune dogane sono delegate ad autorizzare il passaggio di determinati quantitativi di merce. Si abbinano i vantaggi dei due sistemi sopra descritti e cioè l accurato controllo delle operazioni a licenza con la snellezza amministrativa di quella a dogana. Con esso lo Stato fissa con decreto un contingente di esportazione o di importazione, ma precisa che non occorre chiedere la licenza dal momento che alcune dogane sono delegate ad autorizzare il passaggio di determinati quantitativi di merci. Ad ogni dogana elencata viene assegnato un determinato quantitativo; 3) Un altro ostacolo che può essere posto agli scambi con l estero riguarda la quantità delle merci esportabili o importabili. È questo il sistema dei contingenti, cioè delle limitazioni quantitative imposte dallo Stato per diversi scopi quali proteggere la produzione nazionale dalla concorrenza estera o perseguire l equilibrio della bilancia dei pagamenti. Il Codice doganale comunitario (CDC Reg. 2913/92/CEE) e le relative disposizioni di applicazione (DAC Reg. 2454/93/CEE) prevedono la possibilità di rilasciare autorizzazioni uniche, valide in più Stati membri, per tutti i regimi doganali economici (deposito doganale, perfezionamento attivo e passivo, trasformazione sotto controllo doganale e ammissione temporanea). Un autorizzazione si definisce unica quando la stessa, in base ai criteri stabiliti dall art. 498 DAC, sono competenti diverse Amministrazioni doganali; essa viene rilasciata per il vincolo e/o l appuramento del regime doganale o per consentire operazioni di immagazzinamento, perfezionamento o utilizzazioni successive che si svolgono in diversi Stati membri; tale tipo di autorizzazione consente agli operatori economici di presentare, in luogo di diverse istanze, una sola domanda di autorizzazione. Gli artt. 500 e 501 DAC stabiliscono le modalità di consultazione/notificazione tra le diverse amministrazioni doganali interessate, che hanno 30 giorni dal momento della ricezione dei relativi progetti di autorizzazione per comunicare eventuali osservazioni e/o obiezioni all Amministrazione cui è stata presentata l istanza, con formazione di silenzio assenso in caso di mancata risposta. Autorità compente italiana per la presentazione di domanda di autorizzazione unica Area gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti Ufficio Regimi Doganali e Fiscali Via M. Carucci Roma Tel.: Fax:

3 5.1 Prassi burocratica e fiscale L Agenzia delle Dogane con determinazione del 3 agosto 2004, in Gazzetta Ufficiale del 26 agosto 2004, n. 200, ha provveduto a modificare le modalità attuative del decreto 7 dicembre 2000, relativamente al rilascio e al mantenimento delle autorizzazioni delle procedure semplificate, di cui all art. 76 de regolamento CEE n. 2913/92, che ha istituito il codice doganale comunitario Tabelle merceologiche La Pubblica amministrazione, allo scopo di far conoscere il regime al quale sono sottoposte le diverse merci, compila apposite tabelle, cioè delle liste di merci che possono essere facilmente consultate da tutti gli interessati. Le tabelle merceologiche sono dette tabelle positive quando elencano le merci la cui esportazione o importazione viene concessa direttamente dalle dogane e sono dette tabelle negative quando elencano le merci per le quali l esportazione o l importazione richiedono l autorizzazione o l osservanza di altre formalità. La tabella export è composta di 3 allegati: allegato 1: elenco delle merci la cui esportazione verso qualsiasi destinazione è sottoposta ad autorizzazione ministeriale (materiali d armamento e strategici, apparecchiature nucleari ) allegato 2: elenco delle merci la cui esportazione è sottoposta ad autorizzazione solo in base al paese estero di destinazione; allegato 3: elenco delle merci la cui esportazione richiede l osservanza di specifiche formalità. La tabella delle merci la cui importazione richiede la licenza ministeriale è soggetta a frequenti modifiche. Quindi le tabelle previste sono: tabella export, che comprende poche voci, in quanto la maggior parte delle merci è oggi esportabile liberamente; tabella import, soggetta a frequenti modificazioni, nella quale i Paesi di origine delle merci sono divisi in 3 zone: zona A: Paesi occidentali sottozona A1: i 25 paesi dell Ue e i dipartimenti d oltremare (Guadalupa, Guyana, Martinica, Reunion, Saint Pierre e Miquelon) sottozona A2: tutti gli Stato associati all Ue o che hanno concluso con essa accordi preferenziali e i 4 paesi della Zona di libero scambio (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) sottozona A3: i paesi dell area del dollaro (compresi gli Stati Uniti) e quelli non allineati politicamente (in questa zona si trovano anche i paesi sudamericani e quelli arabi forti esportatori di Petrolio) zona B: Paesi dell Est europeo, Cina, Mongolia e Vietnam zona C: Giappone; La politica commerciale italiana è caratterizzata da una forte liberalizzazione delle importazioni dai Paesi della zona A, da una buona liberalizzazione delle importazioni dai Paesi della zona B e da forti restrizioni alle importazioni dal Giappone, unico Paese che fa parte della zona C. 115

4 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni Autorizzazione all importazione Nel campo delle importazioni, la maggioranza delle merci è importabile a dogana, nel senso che non sono previste autorizzazioni o formalità ministeriali. L autorizzazione all importazione è l atto amministrativo con il quale si rimuove il divieto economico sancito dalla legge per tutti i prodotti che non hanno beneficiato di misure di liberazione. La sorveglianza preventiva ha il carattere di un atto dovuto, per cui è difficile configurare il caso di un rifiuto, se non per mancato o irregolare adempimento da parte dell operatore delle formalità previste. Scopo della sorveglianza preventiva è quello di seguire l andamento a breve termine delle importazioni delle merci sensibili in modo che l amministrazione possa intervenire tempestivamente, qualora si concretizzi una minaccia di perturbamento sul mercato interno Origine e provenienza delle merci Si possono avere le seguenti casistiche: le merci sono originarie di un dato Paese, ma l acquisto viene compiuto in un Paese diverso le merci provengono da un dato Paese, ma sono state prodotte in un Paese diverso le merci sono originarie del Paese da cui provengono La provenienza delle merci è comunque facilmente individuabile dai documenti di spedizione. L origine delle merci può essere individuata da uno dei seguenti certificati: certificato di origine: viene emesso nel Paese in cui la merce è stata prodotta da enti appositamente abilitati; in Italia provvedono le CCIAA della provincia in cui la merce è stata fabbricata o ha subito l ultima fase di lavorazione; certificato di circolazione: viene rilasciato dalle dogane su richiesta dell esportatore al fine di ottenere un trattamento preferenziale sulle merci originarie di un Paese comunitario e destinate a un Paese extracomunitario col quale esistono accordi particolari Certificato di origine Il certificato di origine è uno speciale documento rilasciato dalla camera di commercio, su modulo comunitario, che accompagna la merce e che certifica ufficialmente il paese di origine dei prodotti. Esso attesta la località nella quale determinate merci sono state coltivate, estratte dal suolo, fabbricate dall industria e confezionate. Una merce nella cui produzione siano intervenuti due o più paesi è originaria del paese nel quale è avvenuta l ultima trasformazione che risponda congiuntamente a quattro condizioni: 1) sostanziale, nel senso che i prodotti impiegati perdono la loro identità merceologica dando vita ad un nuovo prodotto; la trasformazione deve essere tale da far mutare alla merce la forma, o la destinazione o la possibilità di utilizzazione; 116

5 5.1 Prassi burocratica e fiscale 2) economicamente giustificata, ossia una lavorazione che abbia come risultato un prodotto finito, il cui valore sia superiore a quello complessivo dei componenti utilizzati, per effetto del plusvalore ad essi conferito dalla lavorazione; 3) effettuata da un impresa all uopo attrezzata; 4) che ottenga un prodotto nuovo o che rappresenti una fase importante della fabbricazione. Il certificato di origine viene rilasciato dalla Camera di commercio nella cui circoscrizione opera la sede legale o unità locale. L operatore può richiedere ad altra Camera il documento, a condizione che tale Camera sia all uopo autorizzata dalla consorella. Per ottenere il rilascio del certificato di origine, l imprenditore deve dimostrare l origine della merce. Se l esportatore risulta essere anche produttore, la verifica avviene d ufficio riscontrando gli atti depositati presso l Ente camerale. Nel caso si tratti di un commerciante, l operatore deve presentare, a corredo della domanda, la fattura di acquisto, oppure la bolletta di consegna o altro documento equipollente. La richiesta del certificato può essere effettuata anche da una casa di spedizione, che deve essere in possesso di una delega, rilasciata su carta intestata della ditta esportatrice, da depositarsi presso la Camera di commercio emittente. Il formulario comprende: un modulo per la richiesta del certificato; un originale del documento; tre moduli da utilizzare quali copie del documento. Il certificato si riferisce a una sola partita e non ha limiti di tempo. La ditta richiedente deve presentare, all atto della richiesta, copia della fattura di vendita all estero, che viene trattenuta dalla Camera. Ai fini del rilascio dei certificati relativi alle merci estere nazionalizzate vengono considerate degne di fede: la fattura originale estera, vistata ed annotata dalla dogana che ha effettuato lo sdoganamento con l indicazione degli estremi della bolletta di importazione. Per i certificati di origine per merci giacenti allo Stato estero, occorre determinare se le merci stesse sono state introdotte in deposito doganale oppure si trovano giacenti in deposito franco e in punto franco: nel primo caso la documentazione da esibire corrisponde a quella delle merci estere nazionalizzate; nel secondo caso occorre presentare: il certificato di origine rilasciato da un ente abilitato dallo Stato di origine o di provenienza. In mancanza di esso, l interessato dovrebbe esibire il contratto d acquisto e la corrispondenza commerciale relativa all operazione; la polizza di carico e la lettera di vettura; la dichiarazione di giacenza, rilasciata dall ente che gestisce il deposito franco o il punto franco. 117

6 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni 118

7 5.1 Prassi burocratica e fiscale 119

8 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni Dazi I dazi costituiscono misure impositive a protezione della produzione interna o previste al fine di ristabilire condizioni di concorrenza venute meno a seguito di pratiche di agevolazioni o restituzioni poste in essere da Stati terzi. I dazi convenzionali, applicati dall UE, sono quelli negoziati nell ambito del WTO, mentre i dazi autonomi non sono stabiliti a livello mondiale, bensì fissati in via autonoma. Fra i dazi è possibile operare un ulteriore suddivisione. dazi ad valorem: sono rapportati percentualmente al valore delle merci immesse in libera pratica; dazi specifici: calcolati sulla quantità della merce, sono costituiti da un importo fisso riferito all unità di misura considerata (peso, pezzo.); dazi antidumping: istituiti con regolamento comunitario, sono diretti a contrastare misure di dumping, ovvero di concorrenza sleale, poste in essere da operatori di Stati terzi e costituite da vendite di merci sottocosto, finalizzate all acquisizione di nuovi mercati, con evidente danno delle imprese comunitarie. Possono essere provvisori, quando viene aperto un procedimento diretto ad accertare l esistenza di misure di dumping, o definitivi, quando viene accertata l esistenza di misure di dumping: il dazio definitivo viene riscosso, sulla base dell aliquota prevista dal regolamento comunitario, mentre il dazio provvisorio viene depositato, in attesa della conclusione dell inchiesta comunitaria; dazi compensativi: istituiti anch essi con regolamento comunitario, colpiscono merci che godono di restituzioni all esportazione nel Paese di origine. L attuale tendenza in ambito WTO è quella di una progressiva riduzione dei dazi esistenti a fronte della quale si assiste ad una sempre più massiccia applicazione di dazi antidumping e compensativi da parte dell UE, diretta a contrastare misure atte a minare una leale concorrenza posta in essere da Paesi asiatici e dell ex Unione Sovietica Numero meccanografico Un adempimento necessario per tutte le imprese che intendano svolgere attività di commercio con l estero (sia per conto proprio che per conto di terzi) è il possesso del numero meccanografico. Il numero meccanografico viene rilasciato dalla CCIAA della provincia in cui l impresa ha la sede legale. Il numero è composto di 8 caratteri, di cui i primi due sono alfabetici e rappresentano la provincia in cui ha sede l impresa. Il numero meccanografico deve essere riportato su tutti i documenti che l impresa compila. L impresa, già costituita e che ha espletato le formalità costitutive, interessata ad iniziare un attività di commercio estero, deve chiedere il Numero meccanografico alla camera di commercio, nella cui circoscrizione opera la sede legale con un modello specifico, elaborato dalla società informatica camere infocamere. 120

9 5.1 Prassi burocratica e fiscale Il deve chiedere va inteso come adempimento di fatto. In effetti la legge non obbliga all iscrizione nel Numero meccanografico, ma per operazioni con l estero questa iscrizione diviene obbligatoria nella pratica, dovendo la ditta riportare il numero sulla comunicazione valutaria statistica e sulla documentazione da presentare agli uffici ministeriali. L elenco del Numero meccanografico consente l elaborazione del catalogo esportatori-importatori nelle varie province. Uno strumento di enorme utilità per rispondere ad esigenze e richieste di operatori stranieri che vogliano conoscere potenziali fornitori o acquirenti italiani Dogane Le dogane sono organi operativi periferici dell amministrazione finanziaria dello Stato a cui sono affidati compiti di controllo su merci e documenti, di accettazione e verifica delle dichiarazioni, di calcolo e riscossione dei dazi, di raccolta di dati fiscali e statistici e di espletamento di altre formalità concernenti il movimento dall estero e verso l estero di persone, merci e mezzi di trasporto. La struttura doganale è composta da un organizzazione centrale e un organizzazione periferica. Il compito delle dogane consiste nella determinazione e nell incasso dei diritti doganali (dazi, diritti accessori, Iva sulle importazioni di merci). Oltre ai compiti di natura fiscale, le dogane svolgono altri compiti di carattere economico e di ordine pubblico, quali il controllo dei movimenti valutari, l applicazione delle norme igienico-sanitarie, il controllo del movimento delle merci. I diritti doganali sono costituiti dalle somme che competono alle dogane di confine o alle dogane interne in esecuzione delle operazioni di sdoganamento delle merci non comunitarie. I dazi doganali sono le imposte che colpiscono le merci non comunitarie provenienti da Paesi extra-ue quando attraversano la linea doganale. Le merci oggetto di scambio internazionale, quando attraversano la linea doganale, sono talvolta soggette oltre al dazio anche ad altri diritti di confine. Al dazio e agli eventuali diritti di confine vengono talvolta aggiunti altri diritti doganali di natura varia quali ad esempio: Diritto per visita sanitaria (dovuto per animali e carni). Diritto marittimo (dovuto per operazioni connesse al movimento delle navi). Diritto di magazzinaggio (dovuto per le merci immesse nei magazzini di deposito della dogana). Le aliquote percentuali dei dazi doganali sono raccolte nella tariffa doganale, che le riporta separatamente per le varie merci (voci doganali). La tariffa doganale utilizzata che è identica per tutti i Paesi dell Ue è chiamata tariffa integrata comunitaria (TARIC) ed è costruita in conformità al sistema armonizzato di codifica delle merci, istituito attraverso una Convenzione alla quale hanno aderito tutti i maggiori Paesi industrializzati del mondo. La tariffa doganale si può considerare lo strumento primario attraverso il quale gli Stati regolano, nell ambito della propria politica economica, gli scambi commerciali con il resto del mondo. 121

10 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni È una raccolta sistematica, per settori merceologici, di posizioni (voci doganali) nelle quali trovano collocazione le merci oggetto di scambi internazionali. Per ciascuna merce, la tariffa doganale stabilisce l imposta doganale (dazi doganali o altri diritti di effetto equivalente) cui le stesse devono essere assoggettate all atto di importazione. Il sistema armonizzato (Sa): la convenzione internazionale attualmente in vigore ha introdotto dal 01/01/1988 un sistema di designazione e codificazione delle merci denominato appunto Sistema armonizzato. Sul piano strutturale il codice che identifica la merce è di 6 cifre. Nomenclatura combinata: Dal 1968, momento in cui ha avuto attuazione l unione doganale tra i Paesi membri della Comunità Europea, è stata adottata a livello comunitario un unica tariffa doganale verso l esterno, sia per quanto riguarda la nomenclatura (codice doganale e designazione delle merci) sia per l imposizione daziaria La nomenclatura combinata si compone: a) dalla nomenclatura del Sa b) delle suddivisioni comunitarie di detta nomenclatura, necessarie ad attribuire le diverse aliquote daziarie e per le esigenze statistiche (sottovoci Nc) Accanto a ogni voce la Nc indica il dazio autonomo e il dazio convenzionale applicabile. Il dazio autonomo è quello praticato dalla Comunità alle merci originarie dei Paesi terzi per decisione autonoma e quindi revocabile, mentre il dazio convenzionale si applica alle merci originarie dei Paesi che sono parti contraenti del Gatt o con i quali la Comunità ha concluso accordi comprendenti la clausola della nazione più favorita in materia tariffaria TARIC (tariffa integrata comunitaria) La TARIC (tariffa integrata comunitaria) nazionale, è un pratico strumento d informazione per gli operatori e gli uffici interessati agli scambi commerciali internazionali, contenente la raccolta delle disposizioni, degli obblighi e delle fiscalità, cui sono assoggettate le merci all introduzione sul territorio doganale della Comunità (immissione in libera pratica o importazione nonché esportazione e scambi intracomunitari), della legislazione tariffaria e commerciale comunitaria e nazionale. L aggiornamento delle informazioni è effettuato quotidianamente dai Servizi della Commissione, per garantire l uniformità di applicazione delle misure tariffarie in tutto il territorio doganale della Comunità. L integrazione delle misure nazionali è curata dall Agenzia delle dogane - Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti Ufficio per la Tariffa doganale, per i dazi e per i regimi dei prodotti agricoli. A supplemento di quanto divulgato con la Taric, il predetto ufficio predispone, ove necessario, delle comunicazioni relative alla Politica Agricola Comune ed alle modifiche tariffarie. Tuttavia la tariffa doganale d uso integrata, in quanto strumento d informazione, non ha valore legale ed in caso di contestazioni o dubbi occorre fare riferimento alle fonti normative. In particolare: 122

11 5.1 Prassi burocratica e fiscale 1. Per quanto riguarda la nomenclatura ed i dazi: Il Regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio del 23 luglio 1987 e successive modificazioni, relativo alla Nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune; I regolamenti comunitari relativi alla Politica Agricola Comune ed ai particolari regimi tariffari; 2. per quanto riguarda l Imposta sul valore aggiunto: Il DPR n.633 del 26 Ottobre 1972 e successive modificazioni; 3. per quanto riguarda le accise e gli altri tributi: Le leggi ed i decreti relativi. Nella sostanza è la tariffa esterna della Comunità e non copre solo le aliquote dei dazi autonomi e convenzionali applicabili alle importazioni dai Paesi terzi ma prevede anche una gamma più ampia di dazi preferenziali, a seconda del Paese di origine delle merci (Paesi Efta, Acp.), nonché altre misure specifiche (sospensioni, contingenti, massimali ). La Taric è così strutturata: a) le prime 6 cifre riportano il codice Sa che è adottato da tutti i paesi aderenti alla relativa convenzione internazionale; b) le prime 8 cifre rappresentano la Nc che, con le relative aliquote dei dazi, costituisce la tariffa esterna comune; c) la nona e decima cifra servono a codificare le ulteriori misure comunitarie specifiche in precedenza definite. d) L undicesima e dodicesima cifra sono riservate ai Paesi membri che, qualora lo ritengano opportuno, potranno utilizzarle per includere alcune misure nazionali, come l Iva e le accise; e) Due codici addizionali di 4 cifre (Cadd) sono previsti per l applicazione delle regolamentazioni comunitarie specifiche che non sono codificate o interamente codificate con la nona e la decima cifra (es. dazi antidumping, ecc.) Gli accordi con gli stati terzi In relazione ai riflessi sulla materia doganale è opportuno suddividere gli accordi con gli Stati terzi in base alla reciprocità o meno del trattamento preferenziale. Sotto questo aspetto si possono distinguere: gli accordi basati sull istituzione progressiva di un unione doganale o di una zona di libero scambio ai sensi delle regole del Gatt che prevedono per definizione la reciprocità del trattamento preferenziale; gli accordi che stabiliscono trattamenti preferenziali da parte della Comunità, senza obbligo di reciprocità, a taluni Paesi a titolo di aiuto allo sviluppo, accettati dal Gatt come compatibili con le regole dell accordo medesimo. Sono stati siglati accordi preferenziali reciproci con i seguenti Paesi: Turchia. Cipro e Malta. Paesi Efta (accordo See). Peco-Polonia, Ungheria, Rep. Ceca, Svolacchia, Bulgaria e Romania, Slovenia, Svizzera, Paesi balici. 123

12 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni Israele. Sono stati siglati accordi non reciproci con trattamenti concessi unilateralmente con i seguenti paesi: Maghreb e Machrak. Stati Acp. Croazia, Bosnuia-Erzegovina, Ex Rep. Iugoslava di Macedonia. Paesi e territori d oltremare (Ptom). Paesi in via di sviluppo (Pvs) Destinazioni doganali e i vincoli di una merce al regime doganale Le operazioni doganali rappresentano quegli strumenti di cui si servono gli operatori con l estero per raggiungere gli obiettivi economici che offre il commercio internazionale. Con l abolizione dei controlli e delle barriere tra i paesi dell UE si è reso necessario un completo rinnovamento delle norme che disciplinavano gli spostamenti internazionali delle merci e quindi la realizzazione di un Codice doganale comunitario (Reg. CEE n. 2913/92 del 12 ottobre 1992), utile alla disposizione di regole uniformi per i quindici paesi facenti parte dell unione e atto alla definizione del trattamento da riservare in dogana alle merci. Si tratta di un ampio corpo di disposizioni che ha la forma giuridica del regolamento comunitario e che, per il suo contenuto e la sua funzione può essere considerato il testo unico della materia, testo che è stato modificato recentemente con l emanazione del regolamento CE n. 993/ 2001 del 4 Maggio e reso più snello, con disposizioni moderne e agevolative 2. La trattazione dell argomento parte con una definizione basilare della disciplina, e cioè, in primis, la determinazione di origine delle merci. Il metodo principale prevede che siano originarie di un paese le merci che in esso sono state interamente ottenute, mentre nel caso in cui alla produzione di un prodotto hanno contribuito due o più paesi, i prodotti si intendono originari del paese in cui è avvenuta l ultima trasformazione o lavorazione sostanziale, economicamente giustificata ed effettuata presso un impresa attrezzata a tale scopo, (1) Le modifiche sono operative dal 1 luglio (2) Aspetti salienti della riforma: La definizione dei concetti di contabilità e di scritture e l accresciuta loro rilevanza ai fini del controllo e per la determinazione delle competenze delle autorità doganali; I nuovi criteri per la valutazione delle condizioni economiche e le conseguenti ripercussioni sulle competenze per il rilascio delle relative autorizzazioni; Ampliamento delle possibilità di rilascio di autorizzazioni con validità retroattiva; La riduzione a 30 giorni dei tempi previsti per la formulazione di obiezioni al rilascio di autorizzazioni uniche con formazione di silenzio-assenso in caso di mancata risposta; Nuovi modelli di domanda e di autorizzazioni; L ampliamento delle disposizioni agevolative relative ai trasferimenti di merci vincolate al regime del perfezionamento attivo (sistema della sospensione); 124

13 5.1 Prassi burocratica e fiscale che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo o abbia rappresentato una fase importante del processo di lavorazione. Una volta introdotta nel territorio doganale dell Unione europea la merce deve essere condotta all ufficio doganale affinché vengano espletate le formalità di legge. 3 Una volta introdotti nel territorio i prodotti sono sottoposti a vigilanza doganale sino a che non sia determinata la loro posizione doganale ovvero la sua posizione come merce comunitaria o meno. Per procedere alle formalità della presentazione in dogana deve essere redatta una dichiarazione sommaria su apposito formulario (Dau - documento amministrativo unico), denominato anche Bolletta Doganale. La dichiarazione in dogana è l atto con il quale una persona fisica o giuridica manifesta, nelle forme e modalità prescritte, la volontà di vincolare una merce ad un determinato regime doganale; come tale deve avere allegati tutti i documenti necessari per consentire l applicazione delle disposizioni inerenti il regime doganale prescelto. Il Codice Doganale permette che le merci possano ricevere, in qualsiasi momento e secondo le condizioni stabilite, qualsiasi destinazione doganale; la destinazione doganale si ottiene vincolando il bene al regime doganale prescelto. Sono previste diverse destinazioni doganali dove la principale destinazione è rappresentata dal vincolo della merce a uno degli otto regimi doganali previsti. Le destinazioni doganali: vincolo della merce a un regime doganale; introduzione della merce in zona franca o deposito doganale; riesportazione della merce fuori del territorio doganale UE distruzione della merce; abbandono della merce I vincoli della merce a un regime doganale: 1) Immissione in libera pratica: attribuisce a una merce non comunitaria la posizionane doganale di merce comunitaria. 2) Transito: consente la circolazione da una località all altra del territorio doganale Ue di merci non comunitarie senza pagamento di dazi all importazione (transito esterno), o di merci comunitarie con attraversamento del territorio di un Paese terzo (transito interno). 3) Deposito doganale: permette l immagazzinamento in un determinato luogo di merci non comunitarie senza pagamento di dazi all importazione. 4) Perfezionamento attivo: consente di sottoporre a lavorazione nel territorio Ue merci non comunitarie destinate a essere riesportate fuori dalla Comunità o immesse in libera pratica. 5) Trasformazione sotto controllo doganale: consente di utilizzare nel territorio doganale Ue merci non comunitarie per sottoporle a operazioni che (3) La presentazione in ufficio è compiuta dalla persona che le ha introdotte o dal soggetto che provvede al trasporto a introduzione avvenuta. 125

14 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni ne modifichino le caratteristiche senza il pagamento dei dazi, l eventuale successiva immissione in libera pratica dei prodotti risultanti da tali operazioni avverrà per mezzo del pagamento dei dazi. 6) Ammissione temporanea: permette di utilizzare nel territorio doganale UE in esonero totale o parziale dei dazi, merci non comunitarie destinate a essere riesportate senza aver subito modifiche. 7) Perfezionamento passivo: consente di far uscire dal territorio doganale UE merci comunitarie per sottoporle a operazioni di perfezionamento e di immettere successivamente in libera pratica i prodotti risultanti da tali operazioni. 8) Esportazione: consente alle merci comunitarie di uscire dal territorio doganale Ue, dietro presentazione in dogana della dichiarazione di esportazione. I regimi sospensivi 4 si applicano a: transito esterno; deposito; perfezionamento attivo con il sistema della sospensione; trasformazione sotto controllo doganale; ammissione temporanea. I regimi doganali economici 5 (rispondono a particolari esigenze commerciali) si applicano: deposito doganale; perfezionamento attivo; trasformazione sotto controllo doganale; ammissione temporanea; perfezionamento passivo. La prima distinzione da operare nella classe è quella che vede i regimi sospensivi contrapposti a quelli economici. Sono detti sospensivi quei regimi che permettono il pagamento dei dazi al momento della esigibilità del regime stesso e sono: il transito esterno; il deposito; il perfezionamento attivo con il sistema della sospensione; la trasformazione sotto controllo doganale; l ammissione temporanea. Sono regimi doganali economici quei regimi che consentono la movimentazione delle merci da un punto all altro della UE senza interferire con la loro posizione fiscale; tutte le merci possono essere lavorate, trasformate, riparate, commercializzate, ovvero custodite in vista di una loro successiva collocazione, senza sopportare dazi o (4) Il vincolo a un regime sospensivo consente di non pagare i dazi fino al momento dell appuramento del regime. L autorità doganale può richiedere una garanzia per il pagamento dei dazi quando questi diventino esigibili. (5) Il ricorso ad un regime economico è subordinato ad un autorizzazione specifica dell autorità doganale. 126

15 5.1 Prassi burocratica e fiscale restrizione quantitative con evidenti vantaggi per gli operatori che lavorano senza costi aggiuntivi. Rispondono a particolari esigenze commerciali e si applicano al: deposito doganale; perfezionamento attivo; trasformazione sotto controllo doganale; ammissione temporanea; perfezionamento passivo I regimi doganali Immissione in libera pratica Per quanto alla c.d. immissione in libera pratica, di cui all art. 79 c.d.c., si tratta di un istituto definitivo 6, ossia con il vincolo a tale regime la posizione della merce viene definita sia in riferimento alle misure di politica economica sia in relazione alle misure daziarie 7. È il momento in cui in virtù di tale vincolo, ad una merce non comunitaria viene attribuita la posizione doganale di merce comunitaria: si tratta di un agevolazione concessa in ottemperanza di determinate condizioni vale a dire il rispetto di tutte le regole di politica commerciale e il pagamento dei dazi eventualmente dovuti in relazione alla qualità della merce, al valore, all origine e alla destinazione finale. Solitamente in concomitanza con la dichiarazione di immissione in libera pratica si ha anche quella di immissione in consumo; questa operazione consente che le merci, dopo essere state sottoposte al pagamento delle tasse interne allo stato di immissione, siano a disposizione dell operatore e pronte alla successiva commercializzazione Transito Per quanto riguarda il transito comunitario, di cui all Art. 91 c.d.c., si opera una prima fondamentale distinzione tra transito esterno, che consente la circolazione da una località all altra del territorio doganale dell Unione o dei paesi che partecipano all accordo sul transito comune di merci non comunitarie senza il pagamento dei dazi all importazione o l imposizione delle misure di politica commerciale, e transito interno, che riguarda le merci di origine comunitaria e consente l attraversamento anche di un paese terzo (che aderisca alla convenzione sul transito comune) senza vedere mutata la loro posizione doganale. Per effetto di speciali accordi il regime del transito comunitario è stato esteso ai trasporti tra le Ce e i Paesi Efta(transito comune) che attraversano tali Paesi nel caso (6) Istituto di pari natura è quello dell esportazione. (7) Devono essere regolate tutte le formalità previste per l importazione e l applicazione dei dazi e in questo modo l operatore è in grado di sciogliere il bene proveniente da un paese comunitario da qualsiasi vincolo doganale e fiscale. 127

16 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni di un trasporto intracomunitario, nonché ai trasporti tra le Ce e la Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia ed Ungheria. Con la Circolare n. 81/D del 24 dicembre 2002 l Agenzia delle Dogane ha previsto che nel caso di transito comunitario e comune via mare vi sia l accordo concernente la redazione a posteriori del manifesto che giustifica il carattere comunitario delle merci e la sua trasmissione mediante un sistema di scambio elettronico di dati al porto di destinazione. 8 Nel transito esterno l obbligato principale è tenuto alla prestazione di una garanzia che assicuri il pagamento dei dazi e delle imposte dovute in relazione alla quantità, qualità o al valore della merce. La garanzia può essere prestata in contanti, in titoli di Stato, ovvero tramite una fidejussione emessa da un istituto di credito o una polizza di assicurazione. L appuramento del regime e quindi lo svincolo della garanzia prestata, avviene con presentazione della merce all ufficio di destinazione il quale ne comunica il regolare arrivo all ufficio di partenza Deposito doganale Con il deposito doganale, di cui all art. 98 c.d.c, si permette l immagazzinamento delle merci non comunitarie in un luogo autorizzato (come tali sono sottoposte al controllo dell autorità doganale) senza il pagamento dei dazi all importazione o l assoggettamento alle misure di politica commerciale. Si tratta di un regime che vede confluire in se le caratteristiche non solo di un regime sospensivo ma anche quelle dei regimi economici, infatti, il deposito diviene doganale previa autorizzazione dell autorità preposta alla concessione, vale a dire la Direzione compartimentale delle dogane nel cui territorio sono siti i locali da adibire all immagazzinamento delle merci di specie, che consente il deposito secondo le condizioni stabilite dall autorizzazione stessa. Durante la loro giacenza le merci possono essere manipolate ove l operazione volga alla conservazione o alla migliore presentazione commerciale delle stesse. Per liberare le merci dal vincolo del deposito è necessaria la presentazione di una dichiarazione che testimoni la successiva destinazione doganale. Il deposito doganale può essere pubblico, ove può essere immagazzinata la merce di qualsiasi operatore, o privato, in cui è ammesso solo il deposito della merce appartenente al titolare del deposito, il depositario. (8) Premessa. La normativa del transito comunitario e comune prevede la possibilità di rilasciare una semplificazione procedurale grazie alla quale le compagnie di navigazione marittima, qualora in possesso di specifiche caratteristiche di affidabilità, possono predisporre a posteriori il manifesto che giustifica il carattere comunitario delle merci e di trasmetterlo al porto di destinazione mediante uno scambio elettronico di dati. Scopo della disposizione in questione è quello di assicurare la maggiore correttezza dei traffici marittimi, i quali per la loro natura sono caratterizzati da tempi tecnici assai ristretti, mediante l utilizzo di procedure doganali nel contempo fiscalmente sicure ed operativamente dinamiche in particolare grazie all utilizzo della trasmissione dei dati mediante sistemi elettronici. Allo scopo di applicare nel modo migliore la normativa in questione e di pervenire ad una piena armonizzazione operativa da parte di tutte le amministrazioni doganali interessate (Stati membri, Paesi Efta, Paesi Visegrad), presso le competenti sedi comunitarie è stata adottata una specifica intesa amministrativa,.. 128

17 5.1 Prassi burocratica e fiscale I depositi doganali sono pubblici (gestiti in forma di pubblico esercizio, dove il depositante chiede al depositario un servizio pubblico consistente nella custodia delle merci detenute allo stato estero ) e/o privati (dove il depositario custodisce merci allo stato estero, proprie o di proprietà di un altro privato). I depositi doganali pubblici sono classificati come segue: I TIPO A- la merce è custodita sotto la responsabilità del depositario II. TIPOB lamerceècustodita sotto la responsabilità di ciascun depositante III. TIPO F depositi gestiti dall Autorità doganale Quando i depositi doganali sono privati la responsabilità ricade sul depositante, che si identifica con il depositario, senza essere necessariamente proprietario delle merci e si applica la seguente classificazione. IV. TIPOD sel immissione in libera pratica si effettua secondo la procedura di domiciliazione e può basarsi sulla specie, il valore in dogana e la quantità di merci da prendere in considerazione al momento del loro vincolo a regime; V. TIPOE seilregime si applica, sebbene le merci non debbano essere immagazzinate in un locale riconosciuto come deposito doganale VI. TIPOC senonsiapplica nessuna delle situazioni specifiche di cui alle lettere a)eb) Perfezionamento attivo 9 In passato era noto come temporanea importazione. Permette la lavorazione nel territorio doganale dell Unione di: Merci non comunitarie destinate ad essere riesportate fuori dall unione europea 10. Merci immesse in libera pratica 11. I diritti doganali di riferimento posso essere trattati con due diversi sistemi (cfr. Art. 114 c.d.c.): Il sistema della sospensione, in virtù del quale l operatore accende una garanzia a tutela del pagamento dei relativi diritti; Il sistema del rimborso, ove al momento del vincolo al regime è dovuto il pagamento del dazio che verrà successivamente rimborsato all operatore alla riesportazione dei prodotti compensatori. (9) Sul tema sono state introdotte alcune modifiche sostanziali quale, a titolo esemplificativo la generalizzata riduzione del preventivo esame delle condizioni economiche da parte dell Autorità doganale e il decentramento delle funzioni relative al rilascio delle autorizzazioni (Determinazione Direttoriale 18 Luglio 2001). (10) Non è dato il pagamento dei dazi doganali ma l operazione è vincolata ai termini previsti dall autorizzazione, termini entro i quali i prodotti compensatori devono essere riesportati ovvero sottoposti ad altra destinazione doganale. (11) I dazi all importazione pagati per le merci oggetto sono rimborsati nel momento stesso in cui i prodotti compensatori escono dal territorio dell Unione. 129

18 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni L autorizzazione 12 al perfezionamento attivo deve essere rilasciata dall autorità doganale solo a soggetti con sede nel territorio dell Unione nonché quando è possibile individuare le merci di importazione nei prodotti compensatori ovvero qualora le condizioni economiche dell operazione non siano tali da ledere gli operatori economici della Comunità 13. In caso di mancata riesportazione dei prodotti lavorati, sulle merci di importazioni sono dovuti i diritti doganali assieme ad un interesse compensativo sul dazio liquidato, interesse che viene stabilito trimestralmente con regolamento comunitario. Nel caso opposto, ovvero di riesportazione anticipata, è data la possibilità di ottenere i prodotti compensatori da merci equivalenti e di esportarli ancor prima di aver ricevuto le merci di importazione; in tal modo l operatore comunitario può adempiere agli obblighi contrattuali senza dover attendere l arrivo delle merci d importazione da vincolare al regime di perfezionamento attivo. Con il regolamento CE n. 444/2002 del 11 Marzo 2002 si è provveduto al reinserimento delle disposizioni relative ai dazi all importazione applicabili alle merci importate, in appuramento di un regime di perfezionamento attivo in precedenza acceso per le medesime, le quali sono ammesse ad un trattamento tariffario favorevole in ragione della loro particolare destinazione e per evitare un vuoto normativo è stata prevista un applicazione retroattiva della norma oggetto, a partire dal 1 Luglio Il citato regolamento ha inoltre apportato modifiche in ordine ad un adeguamento dei tassi forfetari di rendimento applicabili nel regime del perfezionamento attivo agli analoghi coefficienti previsti nel quadro della regolamentazione in materia di restituzioni all esportazione 14. (12) L autorizzazione deve necessariamente indicare: Il numero dell autorizzazione e l indicazione dell ufficio che la rilascia; Il titolare della medesima; Il riferimento alla domanda di autorizzazione e al relativo protocollo; Il regime autorizzato e il sistema utilizzato; Il tipo di autorizzazione concessa (nuova, di rinnovo, unica o successiva); La sede ove è tenuta la contabilità, nonché il tipo di contabilità adoperato e il tipo di scritture utilizzato nel regime doganale e fini di controllo; Il periodo di validità dell autorizzazione e la sussistenza delle relative condizioni in caso di efficacia retroattiva (è possibile concedere autorizzazioni con validità fino a tre anni); Indicazioni relative alla classificazione, designazione quantità e valore delle merci di importazione; I prodotti compensatori; Il tasso di rendimento e/o il metodo per determinarlo, compreso un tasso medio; La natura delle operazioni di perfezionamento e i luoghi ove esse avvengono; Le condizioni economiche; Gli uffici interessati allo svolgimento delle operazioni (gli uffici di vincolo, di appuramento e di controllo); (13) Un caso di pregiudizio economico del perfezionamento attivo ricorre quando le merci di importazione da sottoporre a lavorazione potrebbero essere reperite sul mercato comunitario ad un prezzo pressocchè identico; in tal caso l autorizzazione sarebbe negata. (14) Le modifiche di cui si è fatta menzione sono in applicazione dal 19 Marzo

19 5.1 Prassi burocratica e fiscale Trasformazione sotto controllo doganale Grazie alla trasformazione sotto controllo doganale, di cui all art. 130 c.d.c., è possibile utilizzare merci non comunitarie per sottoporle ad operazioni che ne modificano le caratteristiche, senza l assoggettamento a dazi all importazione; segue la messa in libera pratica dei prodotti risultanti da tali operazioni, indi il pagamento dei dazi all importazione. L autorizzazione al regime viene negata in caso di merci la cui trasformazione potrebbe eludere le restrizioni quantitative di politica commerciale, oppure le regole in materia di origine e ancora nel caso non risponda ai criteri di salvaguardia degli interessi degli operatori comunitari Ammissione temporanea Con l ammissione temporanea, di cui all art. 137 c.d.c., si permette di utilizzare nel territorio doganale dell unione, in esonero totale o parziale dei dazi all importazione, delle merci non comunitarie destinate ad essere riesportate senza che siano su di esse operate modifiche, eccezion fatta per il normale deprezzamento seguito all uso fattone. L ammissione temporanea in esonero totale è concessa per determinati tipi di beni destinati ad utilizzi particolari; deve rispondere alla condizione che l operazione non abbia incidenza sul piano economico. All ammissione temporanea in esonero parziale possono accedere tutte le merci che non possono godere dell ammissione temporanea in esonero totale eccezion fatta per i beni di consumo e per quelle merci che, in considerazione del normale deterioramento, rappresentano in effetti un importazione definitiva. Si rimanda al regolamento di applicazione del codice doganale per l elenco completo dei beni ammessi in esonero totale, di seguito si riportano alcuni casi più ricorrenti: Materiali professionali. Merci destinate ad essere esposte in fiere, congressi, ecc. Materiale pedagogico e scientifico. Materiale medico chirurgico. Strumenti, macchine e apparecchi, merce in genere per prove. Materiali di propaganda turistica. Attrezzi e animali per gare sportive. Anche in questo caso l autorità pone dei termini, sufficienti perché siano raggiunti gli obiettivi dell utilizzazione autorizzata, entro i quali le merci devono essere riesportate o in alternativa seguire un altra destinazione doganale Perfezionamento passivo Con il regime doganale del perfezionamento passivo, di cui all art. 145 c.d.c., le merci comunitarie escono dal territorio dell Unione per essere sottoposte a 131

20 Le operazioni doganali, le destinazioni doganali e le autorizzazioni operazioni di perfezionamento; i prodotti compensatori saranno successivamente messi in libera pratica, in esenzione totale o parziale dei dazi all importazione 15. Questa operazione comporta l assolvimento di tutte le formalità e l applicazione di tutte le misure che sarebbero prese se le merci fossero definitivamente esportate. Con la reimportazione dei prodotti compensatori nella Comunità o con l immissione in libera pratica di tale prodotti si appura il regime di perfezionamento passivo. L autorizzazione è concessa, ove non arrechi pregiudizio agli operatori economici del settore residenti nella comunità, dall ufficio doganale ove trattasi di perfezionamenti consistenti nella riparazione, messa a punto, assemblaggio o simili; dal Ministero del Commercio con l Estero, d intesa col dipartimento delle Dogane quando il perfezionamento riguarda la trasformazione in prodotti compensatori aventi caratteristiche chimiche, fisiche e organolettiche diverse da quelle delle merci temporaneamente esportate Esportazione L esportazione di cui all art. 161 c.d.c., consente alle merci comunitarie di uscire dal territorio doganale dell unione a seguito del deposito di una dichiarazione d esportazione presso l ufficio doganale e dell espletamento di tutte le formalità del caso nonché, ove previsto, dell applicazione dei dazi all esportazione. Il vincolo a tale regime avviene attraverso il rilascio da parte dell ufficio doganale della bolletta di esportazione che permette alle merci oggetto di lasciare il territorio doganale comunitario. Da diritto alla non imponibilità Iva (art. 8 Dpr 633/72) della relativa fattura Esenzioni Con la Circolare n. 22/d del 5/5/2004 dell Agenzia delle Dogane viene tracciata una mappa delle principali fattispecie sottoposte ad esenzione. a) Spedizione di poco valore Possono essere introdotte in esenzione dai dazi doganali e dall Iva le merci di valore non superiore a Euro 22,00 (ad eccezione dei tabacchi, prodotti alcolici e profumi). Le norme interne di riferimento sono gli artt. 5 e 6 del dm5/12/97, n. 489 b) Spedizione da privato a privato Sono ammesse all importazione dai dazi doganali e dall Iva le piccole spedizioni di merci prive di carattere commerciale da un privato che si trova in Paesi terzi a un privato che si trova all interno dell Ue, a condizione che siano occasionali e senza corrispettivo e riguardino merci destinate all uso personale o familiare. Il valore (15) L esenzione totale o parziale dei dazi consiste nel detrarre dall importo dei dazi all importazione, relativi ai prodotti compensatori immessi in libera pratica, l importo dei dazi all importazione applicabili alle merci temporaneamente esportate, nel caso queste fossero importate nel territorio doganale dell unione dal paese ove hanno subito l operazione di perfezionamento. 132

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Ingresso della Croazia nell UE - Il regime doganale cede il posto a quello comunitario del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Giuseppe Francesco Lovetere pubblicato sulla rivista il fisco n. 31 del 2 settembre

Dettagli

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE n. 22/D Roma, 5 maggio 2004 Protocollo: 6215/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

Programma della giornata (1)

Programma della giornata (1) La GMC SpA: moderno provider di logistica integrata Giornata di approfondimento dedicata agli studenti del Master in Logistica Integrata ed Intermodalità Catania, 10 Aprile 2006 Programma della giornata

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

I processi di internazionalizzazione delle imprese IL TPA / TPP

I processi di internazionalizzazione delle imprese IL TPA / TPP I processi di internazionalizzazione delle imprese IL TPA / TPP L internazionalizzazione delle imprese italiane Il Traffico di Perfezionamento Attivo (TPA) e Passivo (TPP) nelle strategie di internazionalizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Fanno parte dell Unione Europea 25 Stati Austria, Belgio, Cipro, Danimarca,Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia,Lituania, Luxemburgo, Malta,Paesi

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

RISOLUZIONE n. 96/E. Roma, 11 maggio 2007

RISOLUZIONE n. 96/E. Roma, 11 maggio 2007 RISOLUZIONE n. 96/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 maggio 2007 Oggetto: Contratto di prestito d uso di platino con una banca svizzera - adempimenti IVA - articolo 17, quinto comma,

Dettagli

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Gli accordi di libero scambio (commercio preferenziale) stanno assumendo sempre maggior rilevanza all interno del panorama del

Dettagli

di Luca Moriconi e Marina Zanga Estero >> Commercio internazionale

di Luca Moriconi e Marina Zanga Estero >> Commercio internazionale LE AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI PROVA DELL ORIGINE PREFERENZIALE DELLE MERCI di Luca Moriconi e Marina Zanga Estero >> Commercio internazionale Nei suoi molteplici ed articolati campi di applicazione, la

Dettagli

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 Gestione dei brevetti corretta ed efficiente I punti fondamentali da ricordare nella gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 10/D Roma, 14 luglio 2014 Protocollo: RU 67167 Rif.: Allegati: Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 Il

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni INDICAZIONI PRELIMINARI L obiettivo definito dall Unione Europea con il Trattato di Roma nel 1957 è quello di istaurare un mercato comune dove beni, servizi,

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Paolo Centore - P. Centore & Associati Genova Milano Roma

Paolo Centore - P. Centore & Associati Genova Milano Roma 1 Inquadramento normativo Il territorio doganale ed iva Il rapporto doganale L origine e classificazione delle merci Le importazioni e le esportazioni I regimi sospensivi L Iva nell ambito del rapporto

Dettagli

Indice generale sistematico

Indice generale sistematico Indice generale sistematico Prefazione del Vice Ministro delle Attività Produttive con delega al Commercio estero, on. A. Urso Prefazione del prof. V. Uckmar Prefazione del Rettore dell Istituto Universitario

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative CIRCOLARE N. 16/D Protocollo: 159505 Rif.: Allegati: Roma, 21 dicembre 2010 Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Agli Uffici delle dogane e, pc. All Ufficio centrale audit interno All

Dettagli

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business Relatore: Avvocato e Doganalista Elena Bozza Studio Legale Doganale Bozza 09 Ottobre 2012 IL CONTESTO GEOGRAFICO L Unione europea L Unione europea

Dettagli

2. I REGIMI DI DEPOSITO NELL UE

2. I REGIMI DI DEPOSITO NELL UE 2. I REGIMI DI DEPOSITO NELL UE L enorme sviluppo degli scambi internazionali e la diffusione su scala sempre più ampia dei processi di delocalizzazione produttiva, hanno fatto sorgere per le imprese la

Dettagli

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto Fisco e Estero di Matteo Balzanelli I profili Iva dell e-commerce indiretto La notevole evoluzione e diffusione delle tecnologie informatiche degli ultimi quindici anni ha fortemente influenzato la vita

Dettagli

E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati

E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati CIRCOLARE A.F. N. 169 del 3 Dicembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Premessa Con il D.Lgs. n. 42/2015, come

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione SCHEDA TABACCHI

Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione SCHEDA TABACCHI Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione PREMESSA SCHEDA TABACCHI Con la costituzione dello spazio unico della Comunità Europea entro il quale possono liberamente circolare

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI

DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI DEPOSITI IVA: IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE NEL DEPOSITO IVA REGISTRAZIONI CONTABILI 1 Quesito La ditta Alfa Spa effettua l importazione in Italia di beni con immissione in libera pratica

Dettagli

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO 7.1. I cambi esteri Lo sviluppo dell economia, la continua ricerca di nuovi mercati di sbocco, il miglioramento dei mezzi di comunicazione e

Dettagli

Dogane. Base giuridica

Dogane. Base giuridica Dogane Introduzione La politica doganale costituisce uno dei fondamenti dell'unione europea (UE) ed è essenziale per il funzionamento del mercato interno, il quale non può funzionare correttamente se non

Dettagli

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA 1. I MOTIVI DELLA RIFORMA La riforma del Codice Doganale Comunitario, avvenuta con l adozione del Regolamento (CE) n. 450 del 2008 1, trova il suo fondamento giuridico nella disposizione contenuta all

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 18 GENNAIO 2008 Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO PROCEDURA PER LA MOBILITÀ ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014/2015 Versione 01 del 21/01/2015 Di seguito sono descritte la procedura e le indicazioni utili per espletare le pratiche didattiche e amministrative

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/ 3998 /I.3.b

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice doganale. Reg CE 1875/2006 Modifiche alle DAC. Reg. CE 273/2009 Modifiche alle DAC

Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice doganale. Reg CE 1875/2006 Modifiche alle DAC. Reg. CE 273/2009 Modifiche alle DAC ENTRATA ED USCITA DELLA MERCE DAL TERRITORIO DOGANALE DELLA COMUNITA COSA CAMBIA DAL 1 gennaio 2011 Dr.ssa Rosanna Lanuzza Roma, 27 ottobre 2010 Regolamenti di modifica al CDC e alle DAC. Emendamenti sicurezza

Dettagli

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA.

È utilizzabile esclusivamente nei paesi che aderiscono alla Convenzione ATA. ISTRUZIONI PER IL RILASCIO DEL CARNET ATA e CPD CHINA-TAIWAN IL CARNET ATA Il carnet ATA è un documento di cauzione doganale (istituito dalla Convenzione di Ginevra del 6.12.1961, ratificata dall Italia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR)

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) Traduzione 1 Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) 0.741.621 Conchiuso a Ginevra, il 30 settembre 1957 Approvato dall Assemblea federale il 4 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE 52/D Protocollo: 1653 Rif.: Allegati: 2 Vs. Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

STUDIO MASIERO Dr. ADRIANO

STUDIO MASIERO Dr. ADRIANO Alla cortese attenzione dei Sigg. Clienti: CIRCOLARE 15 NOVEMBRE 2009 ULTIME NOVITÀ FISCALI Cessione abitazione principale 18.9.2009, n. 20094 Autorizzazione all accesso domiciliare 16.10.2009, n. 21974

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n. 19/D Roma, 15 novembre 2013 Protocollo: 131265 Rif.: Allegati: 2 Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ Rosa Maria Morrone Coordinatore regionale Convenzioni Internazionali Direzione regionale Piemonte rosamaria.morrone@inps.it I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA

Dettagli

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La determinazione del valore delle merci ai fini doganali rappresenta uno dei temi più delicati e complessi, giacché vigono specifiche regole che distinguono

Dettagli

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005 Protocollo: Segue: Allegati: n. 13209/CC Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle dogane LORO SEDI

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI I. INTRODUZIONE Il presente Allegato integra le regole relative all uso del contributo nell ambito delle differenti categorie di spesa applicabile al Progetto

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Accredited - Agréé U.O.C. SERVIZIO CONVENZIONI Via G. Murari

Dettagli

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella

martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella martedì, 15 giugno 2010 I depositi I.V.A. Dottoressa Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Piano di lavoro Fonti normative e prassi

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Circolare nr. 16 del 24 marzo 2012 I nuovi

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici.

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici. CIRCOLARE N. 13/D Protocollo: 90565/RU Rif.: Allegati: 5 Roma, 2 agosto 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Loro sedi e, p.c. Alla Direzione Centrale Gestione

Dettagli

Approfondimenti. Beni Dual Use, sanzioni ed embarghi

Approfondimenti. Beni Dual Use, sanzioni ed embarghi Approfondimenti Beni Dual Use, sanzioni ed embarghi Per Beni Dual Use, in italiano beni duali o a duplice uso, si intendono: i prodotti finiti, semilavorati, componenti, macchinari inclusi i software,

Dettagli

ACCORDI INTERNAZIONALI

ACCORDI INTERNAZIONALI 22.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 192/39 II (Atti non legislativi) ACCORDI INTERNAZIONALI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 9 giugno 2011 relativa all approvazione, a nome dell Unione europea,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino La licenza comunitaria (al pari della analoga licenza SEE) consente anche l effettuazione dei trasporti di cabotaggio. L

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20-80121 NAPOLI Recapiti (telefono e fax): 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 pagina 1 di 14 Aliquota IVA dal 21 al 22 % Aumento solo per aliquota ordinaria Decorrenza: martedì 1 ottobre 2013 Invariate aliquote ridotte (4 e 10%) e di compensazione

Dettagli

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali Le Convenzioni Internazionali Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali La normativa internazionale in materia di sicurezza sociale Regolamenti comunitari Accordi e Convenzioni Bilaterali

Dettagli

631.0. Legge sulle dogane (LD) Titolo primo: Basi doganali Capitolo 1: Disposizioni generali. del 18 marzo 2005 (Stato 1 febbraio 2013)

631.0. Legge sulle dogane (LD) Titolo primo: Basi doganali Capitolo 1: Disposizioni generali. del 18 marzo 2005 (Stato 1 febbraio 2013) Legge sulle dogane (LD) 631.0 del 18 marzo 2005 (Stato 1 febbraio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 57 capoverso 2, 101, 121 capoverso 1 e 133 della Costituzione

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Torino, 1 luglio 2011 Matteo Carlo Borsani STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Stato ed attuazione della Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE)

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

PROGETTO ANGELI ANTIBUROCRAZIA F.A.Q.

PROGETTO ANGELI ANTIBUROCRAZIA F.A.Q. Definizione e Utilità del Certificato di Origine F.A.Q. 1. Cosa si intende per Paese di origine della merce? Per Paese di origine della merce si intende il Paese nel quale la merce è stata interamente

Dettagli

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO Capitolo dodicesimo ASPETTI FISCALI NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO 12.1 Aspetti generali Come sottolineato nel capitolo precedente, sono previste procedure diverse anche in termini fiscali, che l'operatore

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE. Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi

LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE. Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi Servizio Autorizzazioni e Regimi Doganali Responsabile: Dott.ssa Daniela Liberatori e-mail: dogane.bergamo.tributi@agenziadogane.it

Dettagli

MOBILITÁ PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO STT (Staff Mobility for Training Assignment) A.A. 2015/16

MOBILITÁ PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO STT (Staff Mobility for Training Assignment) A.A. 2015/16 Bando pubblicato ai sensi del D.R. n. 13 del 04/02/2016 MOBILITÁ PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO STT (Staff Mobility for Training Assignment) A.A. 2015/16 E indetta, per l anno accademico 2015/2016, una

Dettagli

I riferimenti relativi sono.

I riferimenti relativi sono. Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO I requisiti necessari per

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio,

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio, Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio per motivi di lavoro studio o vacanza è diventato più semplice grazie alla tessera sanitaria europea

Dettagli

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Sicurezza, agevolazione degli scambi e coordinamento internazionale Protezione dei cittadini e applicazione dei diritti di proprietà intellettuale

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini Il Credito Iva in Italia e all estero Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini 1 Agenda 1. Gestione del credito Iva 2. Rimborsi Iva esteri vecchia procedura 3. Rimborsi Iva esteri nuova

Dettagli

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici - MODALITA IMMATRICOLAZIONE Per conoscere le modalità per l'immatricolazione ai corsi di laurea di cittadini stranieri collegati al sito: http://www.miur.it/0002univer/0023studen/0059studen/0619docume/4794dispos.htm

Dettagli

Roma, 06/08/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 145

Roma, 06/08/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 145 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 06/08/2015 Circolare n. 145 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE RELATIVO ALLA MOBILITA FOR TRAINEESHIP, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA ERASMUS +, PER L A.A. 2015/2016

BANDO DI SELEZIONE RELATIVO ALLA MOBILITA FOR TRAINEESHIP, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA ERASMUS +, PER L A.A. 2015/2016 BANDO DI SELEZIONE RELATIVO ALLA MOBILITA FOR TRAINEESHIP, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA ERASMUS +, PER L A.A. 2015/2016 Il Parlamento Europeo, con il Regolamento n. 1288/2013, ha istituito il Programma Erasmus+

Dettagli

DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano

DIFESA DELLA P.I. 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano INDICAM "ALLARGAMENTO DELL'UNIONE EUROPEA: PROBLEMI E OPPORTUNITÀ PER LA DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30 Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano Le prospettive e i rischi

Dettagli