leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it"

Transcript

1 leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

2 Della stessa autrice abbiamo già pubblicato: Highlander. Amori nel tempo Highlander. Torna da me Di prossima pubblicazione: Il mistero del talismano perduto Prima edizione: gennaio 2012 Titolo originale: Darkfever 2006 by Karen Marie Moning 2012 by Sergio Fanucci Communications S.r.l. Il marchio Leggereditore è di proprietà della Sergio Fanucci Communications S.r.l. via delle Fornaci, Roma tel Indirizzo internet: This translation published by arrangement with Delacorte Press, an imprint of The Random House Publishing Group, a division of Random House, Inc. All right reserved. Proprietà letteraria e artistica riservata Stampato in Italia Printed in Italy Tutti i diritti riservati Progetto grafico: Grafica Effe

3 Karen Marie Moning I segreti del libro proibito

4 ANeil, che mi ha tenuta per mano per entrare insieme nella Zona Oscura.

5 When the walls come tumblin down When the walls come crumblin crumblin... JOHN COUGAR MELLENCAMP, Crumblin Down

6 Prologo La mia filosofia è alquanto semplice: qualsiasi giorno in cui nessuno tenta di uccidermi per me è un buon giorno. Ultimamente non ho avuto molti giorni buoni. Non da quando i muri che separano l Umano dal Fatato sono crollati. Prima che Il Patto fosse siglato tra Umani ed Esseri Fatati (intorno al a.c., per chi non conosce la storia del Popolo Fatato) i Cacciatori Unseelie ci davano la caccia per ucciderci come animali. Ma Il Patto proibì agli Esseri Fatati di versare sangue umano, perciò nei successivi seimila anni, secolo più secolo meno, quelli dotati della Vera Visione persone come me che non si lasciano ingannare né dal fascino né dalla magia degli Esseri Fatati erano ridotti in cattività e tenuti prigionieri fino alla morte nel Paese Fatato. Che grande differenza: morire o restare bloccati nel Mondo Fatato per tutta la vita. Adifferenza di altri che conosco, io non subisco l incantesimo degli Esseri Fatati. Avere a che fare con loro è come affrontare una qualsiasi dipendenza: se ti arrendi, ti posseggono; se resisti, non riusciranno mai ad averti. Ora che i muri sono caduti, i Cacciatori cercano nuova- 11

7 mente di ucciderci. Vogliono eliminarci neanche fossimo la peste su questo pianeta. Aoibheal, la Regina della Luce Seelie, non è più sul trono. In realtà nessuno sembra sapere più dove sia e alcuni cominciano a chiedersi se sia ancora viva. Dalla sua scomparsa, Seelie e Unseelie hanno portato la loro sanguinosa guerra in tutto il nostro mondo e, a costo di apparire sfiduciata e pessimista, penso che gli Unseelie stiano avendo decisamente la meglio sui loro fratelli più buoni. Il che è davvero, ma davvero una brutta cosa. Non che i Seelie mi piacciano di più. Proprio no. A mio parere, l unico Essere Fatato buono è quello morto. È solo che i Seelie non sono pericolosamente letali come gli Unseelie. Loro non ci uccidono a vista. Loro ci usano per uno scopo preciso. Il sesso. Pur considerandoci a malapena esseri senzienti, a letto ci apprezzano notevolmente. Quando hanno finito con una donna, per lei è un gran problema. È qualcosa che le entra nel sangue. Fare sesso non protetto con un Essere Fatato risveglia nella donna un frenetico appetito sessuale per qualcosa che non avrebbe mai dovuto cominciare a fare e che non riuscirà mai a dimenticare. Le occorre molto tempo per riprendersi, ma almeno è viva. Il che si traduce nella possibilità di lottare un altro giorno. Di tentare di riportare il nostro mondo nelle condizioni di un tempo. Di rispedire quei bastardi fatati nel dannato inferno da cui provengono. Tutto ha avuto inizio come iniziano le cose in genere. Non in una notte buia e tempestosa. Non preannunciato da minacciose colonne sonore tipo ecco-che-arriva-il-cattivo, né da sinistri ammonimenti sul fondo di una tazza da tè e nemmeno da terrorizzanti presagi in cielo. 12

8 Tutto è cominciato in sordina, in maniera innocua, come avviene di solito con le catastrofi. Una farfalla batte le ali da qualche parte e il vento cambia, un fronte caldo si scontra con uno freddo a largo della costa dell Africa occidentale e in men che non si dica ecco approssimarsi un uragano. Quando ci rendemmo conto della tempesta in arrivo, era ormai troppo tardi per fare qualcosa eccetto inchiodare assi alle finestre e tentare di limitare i danni. Mi chiamo MacKayla. Abbreviato in Mac. Sono una veggente sidhe, verità che ho accettato solo di recente e con estrema riluttanza. Là fuori eravamo più di quanti si pensasse. Il che è una cosa dannatamente buona, anche. Noi siamo quelli che limitano i danni. 13

9 1 Un anno prima... 9 luglio, Ashford, Georgia Trentaquattro gradi e mezzo. Novantasette percento di umidità. D estate qui nel Sud fa un caldo pazzesco, ma vale la pena sopportarlo in cambio di inverni tanto brevi e miti. Le stagioni, i vari climi, mi piacciono un po tutti. So apprezzare una nuvolosa, piovigginosa giornata autunnale l ideale per raggomitolarsi a leggere un buon libro tanto quanto un azzurro e terso cielo estivo, anche se non vado pazza per la neve e il ghiaccio. Non so come facciano gli abitanti del Nord a sopportarli. Tuttavia immagino che sia un bene che ci riescano, altrimenti scenderebbero tutti in massa qua da noi. Abituata alla soffocante calura meridionale, me ne stavo distesa sul bordo della piscina nel cortile posteriore della casa dei miei genitori, con addosso il mio bikini preferito a pois rosa che si abbinava perfettamente alla mia nuova manicure e pedicure rosa della serie in-realtà-non-sono-unacameriera. Ero sdraiata su un lettino coperto da un materassino, con i lunghi capelli biondi avvolti in un appuntito nodo 14

10 sulla testa, un acconciatura con la quale in realtà speri nessuno ti possa mai vedere. Mamma e papà erano andati in vacanza, per festeggiare il loro trentesimo anniversario di matrimonio con una crociera di ventuno giorni da un isola all altra dei tropici, iniziata due settimane prima a Maui e destinata a concludersi il weekend successivo a Miami. In loro assenza curavo devotamente la mia abbronzatura, concedendomi rapidi bagni nelle schiumose, fresche acque del mare, sdraiandomi al sole per asciugare le gocce d acqua sulla pelle, desiderando che mia sorella Alina fosse lì con me per passare un po di tempo insieme e magari invitare qualche amico. L ipod inserito nel Sound-Dock Bose di papà trasmetteva allegramente dal patio la compilation che avevo scelto specificatamente per prendere il sole in piscina, composta da un centinaio di singoli degli ultimi decenni più qualche brano di quelli che mi facevano sorridere, musica felicemente spensierata per trascorrere un po di tempo felicemente e spensieratamente. Al momento suonava una vecchia canzone di Louis Armstrong: What a Wonderful World. Per essere una che appartiene a una generazione che considera cool essere cinici e disincantati, a volte esco dal seminato. Oh, al diavolo! Avevo a portata di mano un bicchierone di tè dolce e ghiacciato e anche il telefono, nel caso che mamma e papà sbarcassero prima del previsto. In teoria non avrebbero dovuto raggiungere l isola successiva prima dell indomani, ma già due volte la nave aveva attraccato in anticipo sul programma. Dato che qualche giorno prima avevo accidentalmente fatto cadere il cellulare in piscina, mi portavo dietro il cordless in modo da non perdere nessuna chiamata. Il fatto era che i miei genitori mi mancavano da morire. All inizio, vedendoli partire, la prospettiva di stare da sola mi aveva entusiasmato. Vivo con loro e a volte il trambusto 15

11 trasforma casa in una sorta di Grand Central Station, con le amiche di mamma, i compagni di golf di papà, le signore della chiesa in visita, intervallati dai figli dei vicini che fanno irruzione con una scusa o con l altra, adeguatamente vestiti in calzoncini da bagno... diamine, una mossa astuta per scroccare un bagno? Ma trascorse due settimane di tanto agognata solitudine, non ne potevo più. La casa, in genere caotica, sembrava dolorosamente silenziosa, soprattutto di sera. Intorno all ora di cena mi sentivo completamente persa. Oltre che affamata. Mamma è una cuoca eccezionale, mentre io m ingozzavo di pizza, patatine e mac and cheese. Non vedevo l ora di gustare il suo pollo fritto, il purè, le erbette in padella e la crostata di pesche con la panna fatta in casa. Mi ero persino preoccupata di acquistare in anticipo tutti gli ingredienti necessari. Amo mangiare. Fortunatamente non si vede. Ho un bel seno e un bel sedere, ma vita sottile e cosce magre. Merito di un metabolismo che funziona bene, anche se mamma dice: «Sì, aspetta di arrivare a trent anni. E poi a quaranta e a cinquanta.» Al che papà ribatte: «C è più da amare, Rainey.» E lancia a mamma un occhiata che mi costringe a concentrarmi con tutte le forze sulla prima cosa che capita. Qualsiasi cosa. Adoro i miei genitori, ma questo loro comportamento diventa un EDI, ovvero un Eccesso Di Informazioni. Tutto sommato, vivo una vita felice, a parte il sentire la mancanza dei miei e il contare i giorni che mancano al rientro di Alina dall Irlanda, due problemi comunque temporanei e presto risolti. A breve, la mia esistenza tornerà a essere perfetta come prima. Che l essere troppo felice stuzzichi il Fato a recidere uno dei fili più importanti che tengono insieme la tua vita? Quando il telefono squillò, pensavo fossero i miei genitori. Così non fu. 16

12 ** * Buffo come un atto minuscolo, insignificante, ripetuto decine di volte al giorno, possa trasformarsi in una linea di demarcazione. Il sollevare un telefono. Il premere un tasto. Prima che lo facessi per quanto ne sapevo mia sorella Alina era ancora viva. Nel momento in cui schiacciai il tasto, la mia vita si divise in due epoche ben distinte: Prima della chiamata e Dopo la chiamata. Prima della telefonata, non sapevo che uso fare del termine demarcazione, una di quelle parole che conoscevo solamente perché ero un avida lettrice. Prima, mi lasciavo trasportare nella vita da un momento felice all altro. Prima, pensavo di sapere tutto. Credevo di sapere chi ero, che posto occupavo nel mondo ed esattamente che cosa mi riservava il futuro. Prima, pensavo di avere un futuro. Dopo, cominciai a scoprire che in realtà non sapevo nulla di nulla. Aspettai per due settimane, dal giorno in cui appresi che mia sorella era stata assassinata, che qualcuno facesse qualcosa qualsiasi cosa oltre a seppellirla dopo un funerale a cassa chiusa, ricoprirla di rose e affliggersi. Piangere non l avrebbe fatta tornare e di certo non mi faceva cambiare idea sulla persona che l aveva ammazzata e che se ne andava in giro da qualche parte, soddisfatto della sua visione psicotica, mentre mia sorella giaceva gelata e bianca sotto due metri di terriccio. Quelle settimane rimarranno per sempre annebbiate per me. Piansi per tutto il tempo, con la visione e la memoria offuscate dalle lacrime. Le mie erano lacrime involontarie. Era la mia anima a gocciolare e gemere. Alina non era soltanto mia 17

13 sorella: era anche la mia migliore amica. Sebbene negli ultimi otto mesi fosse andata a studiare al Trinity College di Dublino, comunicavamo incessantemente via mail e ci sentivamo al telefono almeno una volta alla settimana, confidandoci su tutto, senza avere segreti. O almeno così credevo. Ragazzi, non mi ero mai sbagliata tanto. Immaginavamo di prendere un appartamento insieme appena fosse rientrata. Progettavamo di trasferirci in città, dove finalmente avrei pensato seriamente al college e Alina avrebbe lavorato al suo dottorato nella stessa università di Atlanta. Non era un segreto che quella ambiziosa in famiglia fosse mia sorella. Da quando mi ero diplomata alle superiori, ero stata più che contenta di lavorare come cameriera al Brickyard quattro o cinque sere alla settimana, di vivere con i miei, di conservare la maggior parte dello stipendio e di seguire il minor numero possibile di lezioni della locale Pudunk University (una o due a semestre, e corsi tipo Come usare internete L etichetta del viaggiatorenon soddisfacevano i miei vecchi) in modo da fornire a mamma e papà la ragionevole speranza che un giorno mi sarei laureata e avrei trovato un lavoro vero nel mondo reale. Tuttavia, ambizione a parte, al ritorno di Alina progettavo realmente di mettere la testa a posto e di apportare qualche grosso cambiamento nella mia vita. Quando l avevo salutata mesi prima in aeroporto, il pensiero che avrei potuto non rivederla mai più viva non mi era nemmeno passato per la testa. Alina era una certezza, esattamente come l alba e il tramonto. Era felice. Aveva ventiquattro anni e io ventidue. Avremmo vissuto per sempre. I trenta erano lontani anni luce. I quaranta non erano nemmeno nella stessa galassia. La morte? Ah ah. La morte era destinata alla gente molto vecchia. Per niente. Dopo due settimane, l annebbiata cortina di lacrime co- 18

14 minciò a sollevarsi un poco. Il dolore no, quello rimaneva. Sono convinta di avere espulso dal corpo tutto il liquido che non era assolutamente necessario per mantenermi in vita. E la rabbia irrigava il mio animo disseccato. Volevo delle risposte. Volevo fosse fatta giustizia. Volevo vendetta. Ma sembravo essere l unica. Qualche anno prima avevo seguito un corso di psicologia nel quale si diceva che la gente affronta la morte superando i vari stadi del dolore. Io non mi ero crogiolata nell intontimento della negazione che dovrebbe essere la prima fase. In un attimo ero schizzata dallo stordimento alla sofferenza. Con mamma e papà lontani, ero quella che doveva identificare il corpo. Non era stato facile e in nessun modo avrei potuto negare che Alina fosse morta. Dopo due settimane, ero in piena fase rabbia. In teoria la successiva sarebbe stata quella della depressione, seguita poi, salute permettendo, dall accettazione. Scorgevo già i primi segni di accettazione in quelli che mi circondavano, come se fossero passati direttamente dall obnubilamento alla sconfitta. Parlavano di atti casuali di violenza. Dicevano la vita continua. Sostenevano la polizia sa cosa fare. Siamo in buone mani. Io non ero così positiva. Nemmeno mi fidavo della polizia irlandese. Accettare la morte di Alina? Mai. «Non ci andrai, Mac, punto e basta.» Mamma era in piedi davanti al bancone della cucina, con uno strofinaccio sulla spalla, un vivace grembiule rosso e giallo con stampati sopra bianchi fiori di magnolia legato in vita, e le mani imbiancate di farina. Infornava. Cucinava. Puliva. Infornava ancora. Era diven- 19

15 tata un vero e proprio diavolo di Tasmania della vita domestica. Nata e cresciuta nel profondo Sud, quella era la sua maniera di far fronte all accaduto. Quaggiù, le donne si rifugiano nel nido come chiocce quando la gente muore. Fanno così. Discutevamo da un ora. La sera prima, la polizia di Dublino aveva chiamato per comunicarci che con grande rammarico, a causa della mancanza di prove, alla luce del fatto che non disponeva di un solo indizio e di nessun testimone, non aveva nulla su cui indagare. In pratica, ci annunciavano ufficialmente che non gli restava loro che girare l omicidio di Alina alla Divisione casi irrisolti, che chiunque con un briciolo di cervello sapeva non essere affatto una divisione, ma un semplice schedario in un archivio scarsamente illuminato e dimenticato dai più, situato in chissà quale scantinato. Nonostante l assicurazione che il caso sarebbe stato riesaminato periodicamente alla ricerca di nuove prove, che nulla sarebbe stato tralasciato, il messaggio suonava forte e chiaro: Alina era morta, era stata spedita nel suo Paese e non era più di loro competenza. Avevano gettato la spugna. Il tutto in un tempo record, no? Tre settimane. In soli ventuno giorni. Era inconcepibile! «Puoi scommetterci quello che vuoi che se vivevamo lì non avrebbero rinunciato così in fretta» dissi amaramente. «Questo non puoi saperlo, Mac.» La mamma si tolse una ciocca di capelli biondo cenere dagli occhi azzurri cerchiati di rosso per il pianto, lasciando un velo di farina sul sopracciglio. «Dammi la possibilità di scoprirlo.» Le labbra si strinsero a formare una sottile linea bianca. «Assolutamente no. Ho già perso una figlia in quel Paese. Non intendo perderne un altra.» Impasse. Eravamo ferme a questo punto sin dalla colazio- 20

16 ne, quando avevo annunciato la mia decisione di prendermi del tempo per andare a Dublino a scoprire cosa aveva fatto realmente la polizia per far luce sull omicidio di Alina. Avrei chiesto una copia del fascicolo e fatto il possibile per motivarli a proseguire le indagini. Avrei dato un volto e una voce una voce forte e speravo molto persuasiva alla famiglia della vittima. Nessuno mi toglieva dalla testa che se mia sorella avesse avuto un suo rappresentante a Dublino, le forze dell ordine avrebbero preso più sul serio il caso. Avevo tentato di spingere papà ad andare, ma al momento non c era modo di raggiungerlo, perso com era nel suo dolore. Nonostante io e Alina avessimo visi e corporature differenti, il colore dei capelli e quello degli occhi erano identici e le poche volte che mio padre mi aveva guardato ultimamente, sul volto gli era comparsa un espressione che mi aveva fatto desiderare di essere invisibile. O bruna con gli occhi marroni come lui, anziché bionda con colpi di sole e con gli occhi verdi. All inizio, dopo il funerale, si era buttato a capofitto nell azione, facendo telefonate interminabili, contattando e parlando con tutti. L ambasciata si era dimostrata gentile, ma l aveva indirizzato all Interpol. L Interpol l aveva tenuto occupato per qualche giorno mentre valutava la situazione prima di rimandarlo diplomaticamente al punto di partenza: la polizia di Dublino. Il corpo di polizia di Dublino non aveva mai vacillato: nessuna prova, niente indizi, nulla su cui indagare. Se la cosa non la convince, signore, si rivolga alla sua ambasciata. Allora aveva telefonato alla polizia di Ashford... No, loro non potevano andare in Irlanda per occuparsi della faccenda. Aveva contattato di nuovo la polizia di Dublino... Erano sicuri di avere interrogato proprio tutti gli amici, i compagni di studio e i professori di Alina? Non avevo dovuto sentire le repliche a quella domanda dall altra parte della linea per sapere che la polizia di Dublino cominciava a irritarsi. 21

17 Alla fine si era rivolto a un vecchio amico del college che ricopriva un importante quanto segreta carica governativa. La risposta dell amico quale fosse sia stata lo aveva sgonfiato del tutto. Da allora si era chiuso la porta alle spalle, si era allontanato da noi. Il clima era decisamente cupo in casa Lane, con mamma che sembrava un tornado in cucina e papà un buco nero nel suo studio. Non potevo starmene ferma all infinito in attesa che si riprendessero. Perdevamo tempo e la pista si raffreddava sempre più. Se si poteva fare qualcosa, bisognava farlo subito, e dovevo essere io a muovermi. Dissi: «Io vado e non m importa se siete d accordo o no.» Mamma scoppiò in lacrime. Sbatté la pasta che stava lavorando sul piano dell armadietto e corse fuori dalla cucina. Dopo un minuto, sentii la porta della camera da letto sbattere. Una cosa che non riesco ad affrontare sono le lacrime di mia madre. Come se non avesse pianto abbastanza ultimamente, ero appena riuscita a scatenare un altra crisi. Mi precipitai fuori e scivolai di sopra, sentendomi la schifezza più schifezza sulla faccia della terra. Mi tolsi il pigiama, feci la doccia, mi asciugai i capelli e mi vestii, poi rimasi ferma in piedi nel corridoio per qualche istante, completamente smarrita, con gli occhi fissi sulla porta chiusa della stanza di Alina. Quante migliaia di volte ci chiamavamo a vicenda in un solo giorno, quante altre bisbigliavamo di notte, svegliandoci l un l altra per essere confortate dopo un brutto sogno? Ora mi dovevo rincuorare da sola se avevo degli incubi. Controllati, Mac. Mi scossi da quel torpore e decisi di andare al campus. Stando a casa, rischiavo di essere risucchiata anch io dal buco nero il cui diametro lo percepivo chiaramente si allargava in maniera esponenziale. Mentre mi dirigevo in centro in macchina, mi rammentai che il cellulare era finito in piscina Dio, ma era veramente 22

18 successo tutte quelle settimane prima? e decisi di fermarmi in un centro commerciale per acquistarne uno nel caso i miei avessero avuto necessità di parlarmi mentre ero fuori. Sempre che si accorgessero che ero uscita. Giunta al negozio, comprai il Nokia più a buon mercato che avevano, feci disattivare la scheda vecchia e attivare la nuova mantenendo il mio numero. Una volta acceso il telefono, scoprii di avere quattordici nuovi messaggi, un vero record per me. Difficile definirmi una gran compagnona. Non sono una di quelle sempre attaccate al telefono o fissate col servizio recall. Anzi, l idea di essere così facilmente rintracciabile mi fa venire la pelle d oca. Non ho un cellulare con macchina fotografica né la possibilità di inviare sms. Niente internet né radio satellitare, solo un account base, niente di più. L unico altro gadget tecnologico che mi serve è il mio fidato ipod: la musica è la mia grande evasione. Tornai in auto, avviai il motore affinché il condizionatore d aria potesse contrastare l implacabile caldo di luglio e cominciai ad ascoltare i messaggi registrati in segreteria. Vecchi, perlopiù, di amici di college o del Brickyard con i quali avevo parlato dopo il funerale. Presumo che, inconsciamente, credessi di non avere potuto usufruire della linea telefonica da qualche giorno prima della morte di Alina e nutrissi la speranza di ricevere un messaggio da lei. Speravo che mi avesse chiamato, di sentirla felice prima della sua morte. Speravo che potesse dirmi qualcosa in grado di alleviare il dolore che provavo, anche solo temporaneamente. Desideravo disperatamente sentire un altra volta la sua voce. Quando fui accontentata, quasi lasciai cadere il telefono. La voce che uscì dal minuscolo altoparlante suonava frenetica, atterrita. «Mac! Oddio, Mac, dove sei? Devo parlarti! Scatta subito la 23

19 segreteria! Perché diavolo hai spento il cellulare? Richiamami appena ascolti questo messaggio! Subito, non perdere tempo!» Nonostante l opprimente calura estiva, mi sentii raggelare sotto la pelle umidiccia. «Oh, Mac, è andato tutto storto! Pensavo di sapere quello che facevo. Pensavo che mi stesse aiutando, ma... dio, non riesco a credere di essere stata tanto stupida! Credevo di essere innamorata di lui e invece è uno di loro, Mac! È uno di loro!» Sbattei le palpebre, senza capire. Uno di loro? E poi, chi era questo lui che era uno di loro? Alina... innamorata? Impossibile! Alina e io ci dicevamo tutto. A parte qualche ragazzo con cui era uscita senza impegno nei primi mesi del trasferimento a Dublino, non aveva mai accennato a nessun altro uomo nella sua vita. E tanto meno a uno di cui si era innamorata! La voce venne rotta da un singhiozzo. Serrai con forza la mano sul telefono, come se così facendo potessi raggiungere mia sorella. Fare in modo che questa Alina restasse viva e al sicuro dal pericolo. Seguì una serie di scariche statiche e poi di nuovo la sua voce, più bassa, come se temesse che qualcuno origliasse. «Dobbiamo parlare, Mac! Ci sono tante cose che non sai. Mio dio, nemmeno sai chi sei! Avrei dovuto darti un sacco di spiegazioni, ma pensavo di riuscire a tenerti fuori finché la situazione si fosse fatta più sicura per entrambe. Sto cercando di tornare a casa,» s interruppe con una risatina amara, un suono caustico totalmente estraneo ad Alina «ma non credo che mi permetterà di lasciare il Paese. Ti chiamerò appena...» Altre scariche. Un sospiro. «Oh, Mac, arriva!» La voce si ridusse a un sussurro disperato. «Ascoltami bene! Dobbiamo trovare...» La parola che seguì pareva distorta o straniera, qualcosa simile a sci-sadu, pensai. «Dipende tutto da questo! Non possiamo permettergli di averlo! Dobbiamo 24

20 trovarlo prima noi! Lui mi ha mentito per tutto il tempo. Ora so che cos è e dove...» Silenzio. La telefonata era stata terminata. Attonita, rimasi seduta immobile cercando di dare un senso a ciò che avevo sentito. Mi dissi che forse possedevo una doppia personalità e che esistevano due Mac: una che aveva almeno qualche idea su quanto avveniva nel mondo attorno a lei e un altra il cui senso della realtà era a malapena sufficiente a farla vestire al mattino e a non farla sbagliare a infilarsi le scarpe. La Mac-coi-piedi-per-terra doveva essere morta insieme ad Alina, perché questa Mac ovviamente non sapeva un accidente della sorella. Lei si era innamorata e non me l aveva mai detto! Nemmeno accennato. E a quanto sembrava non era l unica cosa che mi aveva taciuto. Rimasi a bocca aperta. Mi sentivo tradita. Mia sorella mi teneva nascosta da mesi una parte importante della sua vita. In che guaio si era cacciata? Da quale pericolo cercava di tenermi lontano? Quando la situazione sarebbe stata più sicura per entrambe? Che cosa dovevamo trovare? Era stato l uomo di cui pensava di essersi innamorata a ucciderla? Perché oddio, perché non mi aveva detto il suo nome? Controllai data e ora della telefonata: il pomeriggio dopo la caduta in piscina del telefono. Fui assalita dalla nausea. Lei aveva bisogno di me e io non ero lì per lei. Mentre Alina cercava freneticamente di contattarmi, io oziavo al sole in giardino, ascoltando la mia compilation di spensierate canzonette, col cellulare in corto circuito abbandonato sul tavolo della sala da pranzo. Premetti cautamente il tasto Salva, poi ascoltai gli altri messaggi, con la speranza che mi avesse richiamato. Invece no. Stando a quanto detto dalla polizia, mia sorella Alina era morta approssimativamente quattro ore dopo avere cercato 25

21 di raggiungermi, anche se il corpo era stato rinvenuto quasi due giorni dopo in un vicolo. Una visione, questa, che mi sforzavo di allontanare dalla mente, ma senza riuscirci. Chiusi gli occhi e cercai di non indugiare sul pensiero di avere perso l ultima occasione di parlarle, tentai di non pensare che se avessi risposto forse avrei potuto salvarla in qualche modo. Questi pensieri rischiavano di farmi impazzire. Ascoltai di nuovo il messaggio. Che cos era uno sci-sadu? E che cosa intendeva con quel criptico nemmeno sai chi sei? Qual era il significato di quella misteriosa affermazione? Al terzo ascolto, sapevo il messaggio a memoria. Sapevo inoltre che in nessun modo potevo farlo ascoltare a mamma e papà. Oltre a spingerli ulteriormente nella depressione più profonda (sempre che fosse possibile farli stare peggio di quanto stavano), probabilmente avrebbero segregato me in camera e buttato via la chiave. Non ce li vedevo proprio a rischiare di giocarsi l unica figlia che restava loro. Ma... se andavo a Dublino e lo facevo sentire alla polizia, forse avrebbero riaperto il caso, no? Questa era indubbiamente una buona pista. Se Alina aveva un uomo, di sicuro qualcuno li aveva visti insieme da qualche parte. All università, nel suo appartamento, sul lavoro, in giro. Qualcuno doveva pur sapere chi era lui. E se questo uomo misterioso non era l assassino, di certo era la chiave per scoprirne l identità. Dopo tutto, era uno di loro. Mi accigliai. Chiunque, o cosa, fossero questi loro. 26

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

piccola guerra perfetta

piccola guerra perfetta Primo giorno Hanno appena posato il dolce al centro del tavolo. Quant è brutto, pensa Rea e sorride tutta strana. Fra poco toglieranno la luce. La sua amica Nita la implora con lo sguardo e Rea la accontenta

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli