AICA EUCIP IT Administrator Modulo 2 - I Sistemi Operativi (Linux)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AICA EUCIP IT Administrator Modulo 2 - I Sistemi Operativi (Linux)"

Transcript

1 EUCIP IT Administrator Modulo 2 - I Sistemi Operativi (Linux) Massimo Bustaffa - Formatica S.r.l. 1

2 Installazione di Linux Preliminari di una installazione Raccolta di informazioni: Conoscere l hardware della propria macchina Quali e quanti HD sono presenti, se sono partizionati e quali eventualmente eliminabili Tipo di computer: tower, desktop, laptop Configurazione di rete Configurazione del sistema (nomi utenti e password, timezone, tastiera,..) I servizi che dovrà offrire (server o client?) Programmi che si desidera installare 2

3 Installazione di Linux Scelta dell Hardware CPU Le distribuzioni standard contengono il kernel Linux predisposto per processori Intel Based a 32 bit RAM Da verificare: server o desktop? Distribuzione? Interfaccia grafica? Applicazioni? Dai 64 MB al GB. Supporta sia (E)IDE che SCSI HARD DISK CDROM-Floppy Scheda Video CDROM IDE; il floppy può non esserci se è supportato il boot da CD Per un server va bene VGA (solo interfaccia a caratteri), per desktop con interfaccia grafica minimo serve SVGA Scheda Rete Si consiglia ethernet 10/100 Accessori multimediali Un server non necessita di schede audio o accessori multimediali. Comunque i kernel dalla 2.4 in su supportano Creative Sound Blaster Live, schede audio meno recenti e USB. Modem Modem esterni (analogici o ISDN) su interfaccia seriale o USB 3

4 Installazione di Linux Linux può essere eseguito: con interfaccia a caratteri con interfaccia GUI ( in questo caso è buona norma verificare sempre che la scheda video sia supportata dalla distro che si vuole installare). Esistono diverse distribuzioni Linux: dalle versioni Server Enterprise le quali posso richiedere caratteristiche hardware elevate, fino alle versioni ridotte di Linux che stanno su una pen drive o su un floppy. 4

5 Installazione di Linux Metodi per l installazione di Linux CD-ROM si utilizza una distribuzione Linux su CD-ROM: con boot diretto da CDROM oppure via floppy Live CD Permettono il pieno utilizzo di Linux senza dover installare il sistema sul disco fisso (prestazioni inferiori). HardDisk Metodo obsoleto utilizzato quando non erano disponibili capienti memorie di massa. Via rete i protocolli utilizzati possono essere: NFS, FTP, HTTP, SMB. Soprattutto se da remoto, e il metodo più lento, ma accede al software maggiormente aggiornato. 5

6 Partizionamento Partizionamento: suddivisione dello spazio disponibile su un harddisk Esistono 2 tipi principali di partizioni: - primarie (da cui i sistemi operativi possono effettuare il boot e contengono un file-system) - estese (per suddividere ulteriormente l'hard-disk) Linux, e tutti i SO unix-like, unificano tutti i device e tutte le partizioni sotto un unico albero, sui rami del quale possono essere montati filesystems diversi, anche appartenenti a dischi diversi. Sotto DOS il partizionamento provoca la creazione di unità logiche distinte (C: D:..). 6

7 Partizionamento Nomi dei Device di Linux Il formato del nome di un device si ottiene: dal tipo; dall unità; eventualmente dalla partizione del device. Esempio: hda1 è un hard disk drive IDE (hd) l unità master nel primo controller (a) e la prima partizione su quel device (1). (hda2, hdb1,... ) hdc è il cd-rom montato sul secondo drive IDE come master (non c'è un numero, si indica il disco, con il numero, la partizione). sda2 è un device SCSI (sd) il primo disco drive nella catena SCSI (a) e la seconda partizione. 7

8 Partizionamento Il partizionamento sotto Linux può essere visto come un sistema per riservare limitare o proteggere parti del file system. Riservare: dedicare uno spazio ben definito ad uso di specifici servizi Limitare: impedire che disfunzioni di alcuni servizi portino alla saturazione del disco fisso provocando il blocco dell intero sistema. Proteggere: assicurasi che un eventuale danneggiamento della struttura logica del disco fisso provochi a catena la perdita di tutti i dati. 8

9 Partizionamento Linux può essere installato su una o più partizioni oltre a una partizione di memoria virtuale chiamata swap. Il partizionamento di minima prevede: una partizione generale (/, root) dove saranno inseriti tutti i file una partizione di swap (usata come memoria virtuale) Il partizionamento Linux deve essere concepito in funzione delle esigenze operative. 9

10 Il file system Directory Principali Root (/) è la base dell intero file system /boot contiene il kernel e tutti i file di avvio del sistema /usr contiene la maggior parte del software di sistema. /home contiene tutte le home directory degli utenti e la maggior parte dei file utente /var contiene tutti i file di spool (posta, stampante, web, log ) /opt contiene il software opzionale /etc contiene tutti i file di configurazione del sistema 10

11 Partizionamento Linux utilizza lo spazio di swap come estensione della memoria RAM. I processi inattivi vengono trasferiti dalla RAM alla partizione di swap nel caso la RAM serva a processo attivi. La dimensione della partizione di swap deve essere almeno 1,5 la RAM. La directory alla quale viene collegato un device o una partizione è chiamata mount point da decidere in fase di partizionamento. NB: la partizione swap non necessita di mount point 11

12 Partizionamento I programmi più utilizzati per gestire il partizionamento sono DiskDruid e Fdisk. Terminato il partizionamento del disco viene creato automaticamente /etc/fstab un file di mappatura delle partizioni e dei mount point che verrà utilizzato in fase di avvio dal sistema per caricare il file system del pc. Esempio di /etc/fstab # file system mount-point fs-type options /dev/sda3 ext3 defaults / dump 1 2 /dev/hda1 /boot resiserfs defaults 1 1 /dev/sda3 /home ext3 1 0 /dev/sda2 /usr /dev/sda4 swap defaults ext3 defaults 1 0 swap defaults 0 0 fsck-order 12

13 LILO boot loader LILO (Linux Loader): programma per la creazione della procedura di caricamento di Linux e di eventuali altri sistemi operativi in numero illimitato. /etc/lilo.conf: file dove sono definite le impostazioni di LILO /sbin/lilo : installa, su MBR o sul settore di boot di una partizione, il bootloader (LILO) secondo le indicazioni di /etc/lilo.conf 13

14 LILO boot loader Esempio di file /etc/lilo.conf # Prima parte generale boot=/dev/hda prompt timeout=50 default=linux # Caricamento di Linux image=/boot/vmlinuz label=linux root=/dev/hda2 read-only # Caricamento del Dos other=/dev/hda1 label=dos table=/dev/hda Primo HD dove verrà letto MBR Permette di scegliere il sistema da eseguire Attendo 5 sec prima di caricare il SO di default Il sistema che verrà lanciato di default (label) Dove è posizionato il kernel da caricare Etichetta di scelta visualizzata al prompt Indica la partizione da utilizzare come FS di root Indica la modalità Read Only di caricamento del File System di root Si possono inserire commenti Definizione di un altro sistema operativo 14

15 LILO boot loader Se dovessero nascere dei problemi in fase di avvio, lilo prevede 70 messaggi di errore pronti per aiutarvi. Ecco quattro dei più importanti: Prompt Descrizione LI LILO non riesce a trovare il kernel in /boot LIL? Il secondo stadio del boot loader è stato caricato a un indirizzo sbagliato LIL- La tabella descriptor è corrotta LIL È illeggibile il file della mappa o il disco è rotto 15

16 Processo di boot Il processo di BOOT (caricamento del sistema operativo) è costituito da diverse fasi: BIOS Boot Sector del primo device di boot contiene le informazioni per il loader che eseguirà il bootstrap: loader più diffuso è LILO (in alternativa GRUB) LILO invoca il kernel ( /boot/vmlinuz ) che verrà caricato in memoria RAM ed inizializza i vari device hardware Lancio del processo INIT (padre di tutti i processi) Il file di configurazione di INIT è /etc/inittab: provvede ad attivare tutti i processi che completano il processo di caricamento 16

17 Esempio di /ect/inittab Runlevel di default - in questo caso e livello 3 Full Multiuser mode # 0 - halt (Do NOT set initdefault to this) # 1 - Single user mode # 2 - Multiuser, without NFS (The same as 3, if you do not have networking) # 3 - Full multiuser mode # 4 - unused # 5 - X11 # 6 - reboot (Do NOT set initdefault to this) # id:3:initdefault: # System initialization. si::sysinit:/etc/rc.d/rc.sysinit Script di boot - inizializza il sistema Script di avvio. Questa stringa avvia tutti i servizi necessari relativamente al livello di esecuzione definito nel rulevel di default l0:0:wait:/etc/rc.d/rc l1:1:wait:/etc/rc.d/rc l2:2:wait:/etc/rc.d/rc l3:3:wait:/etc/rc.d/rc l4:4:wait:/etc/rc.d/rc l5:5:wait:/etc/rc.d/rc l6:6:wait:/etc/rc.d/rc # Things to run in every runlevel. ud::once:/sbin/update # Trap CTRL-ALT-DELETE ca::ctrlaltdel:/sbin/shutdown -t3 -r now 17

18 Processo di boot Fasi successive al programma INIT Esecuzione degli script di avvio Esecuzione del Login: Vengono dati i seguenti INPUT username password se il login ha successo otteniamo questi OUTPUT: data e ora dell'ultimo accesso (/var/ log/lastlog) eventuale presenza di posta non letta (/var/mail/username) frase del giorno (/etc/motd) accesso (sbin/sh o altro) directory iniziale (home dell'utente o /) 18

19 Come si crea un rescue disk Durante l installazione di LINUX viene richiesto se si vuol creare un floppy di ripristino. Può essere creato anche dopo l installazione da interfaccia grafica (Yast/Sistema/Crea dischetto di avvio..) o da riga di comando (mkbootdisk) E consigliabile avere sempre a disposizione un floppy di emergenza per la propria macchina. In caso di problemi il floppy permette il caricamento del kernel. 19

20 Utenti LINUX In ambienti Linux esistono differenze fra i vari utenti, definite dai permessi e dall accesso ai file e comandi che un'utente può lanciare. E' convenzione che i semplici utenti possono scrivere, leggere e modificare file solo all'interno del loro ambiente (home) e lanciare semplici comandi che non influiscono sulla configurazione del sistema. Per poter accedere completamente alle risorse del sistema bisogna accedere al sistema come superuser ovvero impersonificando l'utente root. 20

21 root - Superuser L'utente root è l'amministratore del sistema con tutti i poteri (e conseguenti rischi) che comporta questo ruolo. L'utente root ha poteri assoluti sul sistema, le operazioni che può svolgere: - aggiungere, eliminare e modificare account (altri utenti) - installare e configurare servizi - accedere in lettura e scrittura a tutti i file presenti nel filesystem - aggiungere e modificare il filesystem. 21

22 Interfaccia Utente L interfaccia utente è l insieme funzionale che il sistema offre per gestire tutte le risorse del sistema stesso Su Linux possono essere installate diverse interfacce utente: Interfacce testuali Shell (ad esempio: bash, tcsh, sh) Interfacce grafiche - GUI (Graphical User Interface), ad esempio: KDE, Gnome, FluxBox, Xfce 22

23 Interfaccia Utente Shell Linux La Shell è un programma che permette la comunicazione fra utente e sistema operativo interpretando ed eseguendo i comandi testuali che l utente impartisce. La Shell più usata e la BASH (Bourne Again Shell) 23

24 Interfaccia Utente Comandi Shell: gestione DIRECTORY # cd [directory] Cambia la directory corrente. # mkdir [directory] Crea una nuova directory. # pwd [opzioni] Visualizza la directory corrente. # ls [opzioni] Visualizza il contenuto della directory # ls l Visualizza i file in formato esteso # ls a Visualizza i file nascosti (.file ) 24

25 Interfaccia Utente Comandi Shell: gestione FILE # cp [opzioni] sorg dest Copia di file o directory # mv [opzioni] sorg dest Sposta (rinomina) file o directory # rm [opzioni] file Rimuovi file o directory # cat [opzioni] [file] Visualizza il contenuto di un file # less [file] Visualizza il contenuto di un file, pagina per pagina. Muovere UP e DOWN per scrollare il testo. Con q si torna alla shell. Con h si visualizza l'help delle opzioni disponibili. 25

26 Interfaccia Utente Comandi Shell: gestione FILE # more [file] Come less, ma con meno funzioni # file [opzioni] file Visualizza il tipo di un file # grep [opz] STRINGA [file] Elenca righe di un file che contengono la STRINGA specificata # tail [opzioni] file Visualizza l'ultima parte di un file # head [opzioni] file Visualizza la prima parte di un file 26

27 Interfaccia Utente Shell: altri comandi utili # ln -s nomefile [nomelink] crea link simbolico a nomefile il cui nome sarà nomelink (se omesso viene mantenuto nomefile) può essere usato anche con le directory # apropos <chiave_da_ricercare> # man <comando> Individua i comandi linux relativi alla chiave_da_ricercare. Ad esempio se si vuol sapere i comandi che hanno a che fare con il disco ("disk") digitare apropos disk formatta e mostra le pagine di guida in linea relative al comando 27

28 Interfaccia Utente Shell: altri comandi utili TAR - Archiviazione di file Un file tar è una raccolta di file e/o directory in un unico file; ottimo per creare copie di backup e archivi. Alcune delle opzioni usate con tar sono: -c -f -t -v -x -z -j crea un nuovo archivio. se usato con l'opzione -c, utilizza il filename specificato per la creazione del file tar; se usato con l'opzione -x, estrae dall'archivio il file specificato. Deve essere seguito dal nome del file (ultimo parametro) visualizza l'elenco dei file nel file tar. visualizza lo stato dei file in fase di archiviazione. estrae i file da un archivio. comprime il file tar con gzip. comprime il file tar con bzip2. 28

29 Interfaccia Utente Shell: altri comandi utili TAR - Archiviazione di file Per creare un file tar: tar -cvf filename.tar files/directories Nell'esempio, filename.tar rappresenta il file da creare e files/directories rappresenta i file o le directory da inserire nel nuovo file archiviato. E possibile utilizzare tar per più file e directory contemporaneamente inserendo uno spazio tra i vari file: tar -cvf filename.tar /home/massimo/work /home/massimo/school Questo comando posiziona tutti i file nelle sottodirectory work e school di /home/massimo in un nuovo file chiamato filename.tar nella directory corrente. Per elencare il contenuto di un file tar: tar -tvf filename.tar Per estrarre il contenuto di un file tar: tar -xvf filename.tar Questo comando non rimuove il file tar, ma colloca copie del suo contenuto nella directory corrente. 29

30 Interfaccia Utente Shell: altri comandi utili TAR - Archiviazione di file Il comando tar non comprime i file di default. Per creare un file compresso tar e bzip2, utilizzate l'opzione -j: tar -cjvf filename.tar.bz2 I file tar compressi con bzip2 generalmente hanno l'estensione.tar.bz2 ( o.tbz ). Questo comando genera un file archivio che poi viene compresso come file filename.tbz. Se si decomprime il file filename.tbz con il comando bunzip2, il file filename.tbz viene rimosso e ricollocato con filename.tar. Per espandere ed estrarre dall'archivio un file bzip tar con un solo comando: tar -xjvf filename.tar.bz2 Per creare un file compresso tar e gunzip, utilizzate l'opzione -z: tar -czvf filename.tar.gz I file tar compressi con gzip generalmente hanno l'estensione.tar.gz ( o.tgz ). Questo comando crea il file archivio filename.tar, quindi lo comprime come file filename.tar.gz (Il file filename.tar non viene salvato.) Se si decomprime il file filename.tar.gz con il comando gunzip, questo viene rimosso e riposizionato con filename.tar. Potete espandere un file gzip tar con un solo comando: tar -xzvf filename.tar.gz 30

31 Interfaccia Utente Shell: altri comandi utili VI Editor di Testi Per aprire un file di testo con vi digitare dalla shell: vi nomefile Premere i per andare nella modalità di inserimento testo. Usare i tasti freccia per spostarsi all'interno del testo. Usare Backspace o Canc per cancellare il testo. Premere ESC per tornare in modalità comandi. Scrivere :w per salvare il file Scrivere :q per uscire Scrivere :q! per uscire senza salvare Scrivere :wq per salvare e uscire nello stesso tempo Quando con VI apriamo un file, viene creato in automatico un file temporaneo nella directory corrente. 31

32 Interfaccia Utente GUI Linux propone un ambiente grafico a finestre, più familiare per chi è abituato a Windows. Questo ambiente viene comunemente chiamato X (X windows system), nel tempo è diventato lo standard GUI di Linux. L'ambiente grafico X è composto essenzialmente da tre parti: 3. Windows manager E il gestore delle finestre (es. KDE, XFce) 4. Server X E il processo portante ovvero il motore grafico che permette di gestire il display; esempi di motori sono: XOrg, XFree86. I file di configurazione dei rispettivi motori grafici sono /etc/x11/xorgconf e Xfree86 è /etc/xf86config; all interno troviamo informazioni relative a: font, risoluzione video, tipo display, ecc. 5. Client X Sono tutti i programmi grafici con cui l utente interagisce 32

33 Interfaccia Utente GUI KDE K Desktop Environment Il K Desktop Environment è un windows manager, il più utilizzato in ambiente Linux. Permette l'interoperabilità fra i programmi, il drag'n'drop, e le classiche facilitazioni dell ambiente grafico a finestre. Oltre ai componenti fondamentali, l'ambiente KDE fornisce applicazioni pronte all'uso quali: gestione dei file applicazioni per l'ufficio 33

34 Distribuzioni LINUX Distribuzioni: raccolte di software libero basato su Linux (Linux è solo il Kernel del Sistema Operativo) La distribuzione fornisce un programma per l installazione con interfaccia "amichevole", strumenti avanzati di amministrazione e software di utilità. Red Hat Linux (www.it.redhat.com ) S.u.S.E. Linux (www.suse.it/) Debian GNU/Linux (www.debian.org) Linux Mandrake (www-linux-mandrake.com/it/) Slackware Linux (www.slackware.com) Caldera OpenLinux (www.caldera.com) TurboLinux (www.turbolinux.com) 34

35 YAST Per avviare YaST eseguire: Menù K Sistema YaST 35

36 Suse YaST2 Configurazione del sistema YaST2 permette di modificare le impostazioni di sistema. Questo strumento è molto potente e potenzialmente pericoloso quindi può essere utilizzato unicamente come utente root. Nella Barra Sinistra vengono visualizzati i moduli principali; una volta selezionato un modulo nella Finestra di Destra vengono visualizzati gli argomenti in esso contenuti. 36

37 Suse YaST2 Configurazione della scheda audio 37

38 Suse YaST2 Configurazione della stampante 38

39 Suse YaST2 Creazione utenti 39

40 KDE Centro di controllo Permette di personalizzare il profilo utente corrente: impostare il tipo di tastiera, gli eventi audio; modificare il desktop, le icone; ecc.. 40

41 KDE Centro di controllo Impostazione Tastiera 41

42 KInfoCenter Strumento utile per il recupero di informazioni sulle impostazioni di sistema 42

43 Upgrading Linux, come tutti i sistemi operativi, è soggetto ad aggiornamenti dei vari programmi che lo compongono. È importante effettuare spesso l aggiornamento di sistema perché le nuove versioni possono avere: nuove features; correzione dei bug; correzione sui buchi di sicurezza. 43

44 Upgrading Gli aggiornamenti possono essere fatti usando la stessa distribuzione: tramite CD contenete l upgrade o una nuova versione del sistema operativo; tramite servizi automatizzati via INTERNET proprietari delle varie distribuzioni; tramite tools testuali o grafici. ATTENZIONE: prima di effettuare l aggiornamento è buona norma provvedere ad un backup dei dati 44

45 Upgrading rpm (Red Hat Package Manager) e apt (Advanced Package Tool) sono i tools testuali più utilizzati in ambiente Linux entrambi permettono: installazione disinstallazione aggiornamento verifica dell integrità del pacchetto verifica delle dipendenze rpm opera con risorse locali mentre apt ricava i pacchetti via internet lavorando online. apt è caratteristico dei sistemi Debian e derivati 45

46 Upgrading Il comando rpm rpm -i [opzioni] [pacchetti] Installazione pacchetti RPM rpm -U [opzioni] [pacchetti] Aggiornamento di pacchetti RPM rpm -e [opzioni] [pacchetti] Disinstallazione di pacchetti RPM rpm -q [opzioni] [pacchetti] Interrogazione di pacchetti RPM rpm -V [pacchetto] Verifica pacchetto RPM 46

47 File System: il metodo e la struttura attraverso i quali il sistema operativo organizza i file all'interno di un supporto fisico. I supporti utilizzabili possono essere CD, Floppy, DVD, hard disk, etc. In genere si fa riferimento all HD, dove il sistema operativo conserva e organizza i file e i programmi indispensabili per il corretto funzionamento di tutto il sistema. File system: può indicare una partizione o un disco rigido creare un file system si fa riferimento alla formattazione di una partizione o di un intero disco rigido, scegliendo di utilizzare un determinato metodo per la gestione dei file. ATTENZIONE: su un singolo disco possono essere presenti file system differenti. Invece una singola partizione può essere organizzata scegliendo un solo tipo di file system tra quelli supportati dal sistema operativo 47

48 Struttura del File System Directory Principali Root (/) è la base dell intero file system /boot contiene il kernel e tutti i file di avvio del sistema /usr contiene la maggior parte del software di sistema. /home contiene tute le home directory degli utenti e la maggior parte dei file utente /var contiene tutti i file di spool (posta, stampante, web, log ) /opt contiene il software opzionale /etc contiene tutti i file di configurazione del sistema 48

49 Gestione del File System Comandi Utili df [opzioni][file] Verifica lo spazio libero su disco es. df h restituisce Filesystem /dev/sda6 /dev/sda1 /dev/sda7 du [opzioni][file] Size Used Avail Use% Mounted on 492M 132M 335M 29% / 76M 13M 58M 18% /boot 55G 37G 16G 69% /home Visualizza lo spazio occupato da file e directory es. du hs restituisce 6.0k./smb.conf 1.0k./lmhosts 8.0k./secrets.tdb 1.0k./smbusers 7.0k./smbpasswd 23k. 49

50 Gestione del File System Comandi Utili Prima di poter utilizzare un filesystem (es: CDROM, floppy, condivisione di rete windows, directory nfs, partizione fat32 di un hard disk... ) questo deve essere montato in una sottodirectory della root ( / ) che chiameremo mount point o punto di mount Il comado da utilizzare è mount -t [tipo fs] [opzioni] device dir es. mount t iso9660 /dev/cdrom /mnt/cdrom Per smontare un file system si usa il comando umount dir es. umount /mnt/cdrom Il comando eject smonta ed espelle il cdrom 50

51 Organizzazione dei dati su disco Il disco viene suddiviso in Data Blocks ognuno dei quali contiene i dati dei file Ogni file è rappresentati da un elemento chiamato i-node (information node) ed identificato da un i-number che è il numero di sequenza dell'inode nell'i-list. Le directory sono file che contengono la lista dei file ad esse riferiti, abbinando i-number a nome 51

52 Organizzazione dei dati su disco L'i-node contiene importanti informazioni sul file, tra cui: la data e l'ora in cui è stato creato Permessi Proprietario Link Puntatori ai Data Blocks Il numero di i-node può limitare il numero e la dimensione dei file 52

53 Organizzazione dei dati su disco Tipi di File System Linux grazie alla sua polivalenza permette di utilizzare quasi tutti i file system più diffusi. Di default i File System di Linux sono: EXT2 scritto prendendo come modello UFS (Unix File System) il più utilizzato da Linux Molto veloce Non prevede il journaling EXT3 è EXT2 con journaling Più lento di EXT2 Più affidabile di EXT2 ReiserFS è un File System con journaling di ultima generazione Veloce e affidabile Nei rarissimi casi di problemi, può non essere recuperabile, essendo basato su un b-tree 53

54 Organizzazione dei dati su disco Journaling Il File System con Journaling (file system con Diario) è un protocollo per la memorizzazione dei dati sul disco. Abilita una porzione di disco a contenere informazioni specifiche e gli viene dato il nome di Diario. Durante la fase di scrittura si scrive sul diario quello che si sta per fare, quindi si scrivono i dati, si aggiornano gli indici e si scrive sul diario che l operazione è stata completata. Se dovesse avvenire un blocco di sistema durante una di queste fasi, al riavvio del sistema, la lettura del diario permetterà di risalire alla fase raggiunta e risolvere automaticamente il problema. 54

55 Attributi e Permessi Per visualizzare i diritti di accesso di un file è necessario dare il comando: ls -l Si otterrà un display del tipo: -rwxrwxrwx 1 mario staff 876 jan 3 11:45 nome_file Al posto del primo trattino (-) che indica un file ordinario, si può avere una d (che indica una directory), o una serie di altri caratteri che indicano il tipo di file. C è poi l indicazione dei permessi per l utente proprietario del file, il suo gruppo e l utente generico. Le altre indicazioni sono relative al nome del proprietario e del gruppo di cui fa parte, la grandezza in byte, la data dell ultima variazione ed infine il nome del file stesso. 55

56 Attributi e Permessi Il significato dei permessi è diverso a seconda che si tratti di file o directory: file ordinario: r w x - lettura scrittura esecuzione accesso non consentito directory: fare la lista del contenuto aggiungere/rimuovere files accesso (scansione) della directory stessa r w x Il proprietario è l utente che ha creato il file. Il gruppo è l insieme di utenti a cui il proprietario appartiene. L insieme delle proprietà (proprietario, gruppo, utente generico) e dei permessi (scrittura, lettura, esecuzione) definisce chi e come può accedere al file. 56

57 Attributi e Permessi comando chmod Il comando chmod modifica i permessi sui file e può essere usato in due modalità: In octal mode: si usano tre numeri, riferiti rispettivamente a proprietario, gruppo e altri; I permessi di azione vengono identificati nel seguente modo: lettura - definito dal flag r che tradotto in numero assume il valore 4 scrittura - definito dal flag w che tradotto in numero assume il valore 2 esecuzione - definito dal flag x che tradotto in numero assume il valore 1 Esempio: chmod 755 nomefile In symbolic mode: si usano le lettere r (read), w (write), x (execute) per assegnare i permessi a u (user), g (group) e o (others). Esempio: chmod u=rwx,go=rx nomefile 57

58 Attributi e Permessi comando chown e chgrp E possibile cambiare il proprietario o il gruppo di appartenenza dei file. Solo il proprietario o l utente root può modificare questi attributi: chown [-R] nuovo_proprietario file chgrp [-R] nuovo_gruppo file L opzione -R agisce in maniera ricorsiva partendo dalla directory specificata sulla riga di comando 58

59 Attributi e Permessi comando umask Il filtro umask indica al sistema operativo le autorizzazioni da escludere quando viene creato un nuovo file o una nuova directory. Esempio: se si entra nel sistema con l utente romina, dando il comando umask si ottiene il valore 022, significa che: i file creati da romina avranno di default i permessi del tipo 644 (per ottenere i permessi si parte dal valore 666 e si toglie 022). le directory create da romina avranno di default i permessi del tipo 755 (per ottenere i permessi si parte dal valore 777 e si toglie 022). Per cambiare il valore del filtro a 027 si esegue il comando umask 027 ma queste impostazioni vengono perse all'uscita dalla shell corrente. Le impostazioni predefinite di umask vengono definite nel file /etc/profile 59

60 Disk Cache e Buffer La memoria RAM non utilizzata dai programmi viene utilizzata come Disk Cache. I dati letti dal disco fisso e utilizzati dai programmi vengono mantenuti nella cache rendendoli disponibili per eventuali nuovi accessi. Programmi e processi hanno comunque priorità sull utilizzo della RAM, in caso di richiesta la Cache Disk viene automaticamente ridimensionata. Maggiore è la Cache minori sono gli accessi al disco fisso. Ciò incrementa notevolmente le prestazioni!! 60

61 Disk Cache e Buffer I Buffer sono parti di RAM associati ad uno specifico dispositivo a blocchi (dispositivo di memoria di massa) e include il caching di filesystem e i metadata. In pratica il Buffer memorizza l organizzazione dei dati del dispositivo quindi tiene traccia delle directory e degli i-node permettendo un accesso rapido a tali informazioni. 61

62 Manutenzione del disco fisso Fortunatamente i file system di Linux integrano dei meccanismi atti a ridurre i problemi tipici come: Frammentazione dei dati sul disco. Perdita di integrità dei dati. In realtà il problema della frammentazione non esiste, in quanto i dati vengono memorizzati sul disco in blocchi adiacenti o comunque in sequenza, registrando la posizione esatta in cui il file viene memorizzato. L integrità dei dati viene parzialmente risolta con l attivazione del Journaling. 62

63 Manutenzione del disco fisso Prima di eseguire operazioni di manutenzione sul disco è conveniente prendere alcune precauzioni: utilizzare la modalità Single User Questa è la modalita 1, si può attivare dal prompt del bootloader scrivendo linux single o eseguendo da shell di root il comando init 1 (fare riferimento a inittab) la partizione da analizzare non deve essere montata sul file system 63

64 Manutenzione del disco fisso comando fsck Il comando fsck permette di eseguire un controllo in un file system e di applicare le correzioni ritenute necessarie Sintassi: fsck [ -t tipo_fs ] [ opzioni_fs ] filesys Esempio: [root]# fsck /dev/hda1 [root]# fsck y /dev/hda1 (analizza e ripara la partizione hda1) (analizza e ripara tutte le partizioni del disco rispondendo yes a tutte le domande che potrebbero essere fatte durante il check) I file corrotti trovati da fsck vengono memorizzati nella cartella /lost+found 64

65 Manutenzione del disco fisso comando badblocks Il comando badblocks è un programma in grado di verificare l'integrità dei blocchi di un disco o di una partizione Sintassi: badblocks [<opzioni>] <dispositivo> <dimensione-in-blocchi> Esempio: [root]# badblocks /dev/fd0u Esegue il controllo del dischetto, in sola lettura, per tutta la sua estensione: 1440 blocchi da 1 Kbyte. 65

66 Gestione della memoria La RAM che può essere gestita dipende dalla versione del kernel, verificabile con il comando uname a. Le recenti versioni del kernel sono in grado di gestire la massima RAM indirizzabile da un architettura a 32 bit La massima RAM indirizzabile da registri a 32 bit è pari a 4 GB. Per capirlo, basta considerare che 232 è pari a locazioni di memoria, esattamente pari a 4 GB. 66

fare hard link fra file system diversi e su directory.

fare hard link fra file system diversi e su directory. Un sistema GNU/Linux, come ogni Unix, ha una directory principale, chiamata root ed indicata con / sotto la quale si trovano TUTTE le altre directory e TUTTI gli altri filesystems eventualmente montati

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

boot loader partizioni boot sector

boot loader partizioni boot sector IL SISTEMA OPERATIVO Il sistema operativo (S.O.) è un software che fa da interfaccia tra l uomo e l hardware, mettendo a disposizione un ambiente per eseguire i programmi applicativi. Grazie al S.O. un

Dettagli

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Pagina 1 di 11 Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Questo approfondimento vuole introdurre gli strumenti essenziali per il recupero di un sistema Linux

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg SHELL GNU/Linux Bash Obiettivi : Gestire i permessi sui file Conoscere e configurare il proprio ambiente bash Editare testi Capire ed utilizzare i redirezionamenti Kernel speaks: dmesg Init e Runlevels

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Corso Linux per Principianti

Corso Linux per Principianti Corso Linux per Principianti In questa lezione vedremo come installare l'ultima versione di Ubuntu al momento disponibile, la 8.04, nome in codice Hardy Heron. Oltre ad essere l'ultima versione scaricabile

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

Corso Linux base: primo incontro. Sommario. Alessandro Pasotti (apasotti@gmail.com) License: Creative Commons Attribution Share Alike 3.

Corso Linux base: primo incontro. Sommario. Alessandro Pasotti (apasotti@gmail.com) License: Creative Commons Attribution Share Alike 3. Corso Linux base: primo incontro Alessandro Pasotti (apasotti@gmail.com) License: Creative Commons Attribution Share Alike 3.0 Sommario 1. hardware 2. software 3. concetti base 4. cos'è GNU/Linux 5. le

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Informatica di Base. Il software

Informatica di Base. Il software di Base 1 Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 2 Il sw applicativo Il sw applicativo è costituito dall insieme

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Laurea in Biotecnologie Corso di Informatica2014/2015 Linux Ubuntue ilcompilatorec Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare:

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare: Utilizzo di putty Client ssh liberamente utilizzabile (www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html) Tra le molte opzioni di configurazione di putty sono utili: Window - Translation: per selezionare

Dettagli

COPIARE FILE E DIRECTORY

COPIARE FILE E DIRECTORY COPIARE FILE E DIRECTORY Creiamo il file prova2.txt nella directory prove: touch prova2.txt Fare una copia del file prova1.txt assegnando il nome copia1bis.txt cp prova1.txt copia1bis.txt Se vogliamo che

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

By E.M. Comandi fondamentali per LINUX

By E.M. Comandi fondamentali per LINUX By E.M. Comandi fondamentali per LINUX Terminale... pg.2 Proprietà dei file... pg.5 Periferiche del computer... pg.7 Pulitura del disco... pg.8 Editor... pg.8 Wireless... pg.8 Terminali per Seriali...

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Il software del PC. Il BIOS

Il software del PC. Il BIOS Il software del PC La parola software è un neologismo che è stato coniato in contrapposizione all hardware (ferraglia). L hardware si può prendere a calci, contro il software si può solo imprecare. Il

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system)

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) 1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) Sistema Operativo: è un componente del software di base di un computer che gestisce le risorse hardware e software, fornendo al tempo stesso

Dettagli

Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I

Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I Università di Pisa Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I a cura di Marco Cococcioni a.a. 2013-2014 Un po di terminologia

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell

Ca ra tteristiche dei sistem i GN U/L inux. Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell Struttura di un sistema GNU/Linux Il filesystem La shell 1 GNU/Linux è un sistema operativo, cioè un insieme di programmi che collaborano fra di loro rendendo utilizzabile un calcolatore, infatti senza

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

mailto:gearloose@fastwebnet.itgilbert O Sullivan v1.99.8 10-05-2006

mailto:gearloose@fastwebnet.itgilbert O Sullivan v1.99.8 10-05-2006 Configuration HOWTO mailto:gearloose@fastwebnet.itgilbert O Sullivan v1.99.8 10-05-2006 Questo HOWTO vuole essere il documento principale a cui tutti possano fare riferimento per configurare i più comuni

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

GNU/Linux Concetti di base

GNU/Linux Concetti di base GNU/Linux Concetti di base Sommario GNU/Linux Open Source e GPL Login/Logout Shell e comandi Files Stdin, stdout Redirezione e pipe Filesystem 2 Cos'è Linux Linux è basato su UNIX (filosofia, comandi,

Dettagli

Introduzione Il sistema operativo Linux è oggi una delle principali distribuzioni di Unix, in grado di portare in ogni PC tutta la potenza e la flessibilità di una workstation Unix e un set completo di

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

L installer di Torinux

L installer di Torinux L installer di Torinux Installazione nel Disco Per un installazione normale si raccomanda usare ext3 o reiserfs. Prima di procedere con l installazione per favore rimuova tutti i dispositivi USB, tipo

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

Installazione di un secondo sistema operativo

Installazione di un secondo sistema operativo Installazione di un secondo sistema operativo Fare clic su un collegamento riportati di seguito per visualizzare una delle seguenti sezioni: Panoramica Termini ed informazioni chiave Sistemi operativi

Dettagli

Spegnere e riavviare il computer

Spegnere e riavviare il computer Spegnere e riavviare il computer Cliccare sul pulsante Start Disconnetti: chiudi o disconnetti l attuale sessione utente e vieni ridirezionato alla schermata di scelta dell account Modalità standby Salva

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 3 Introduzione 4 Cosa ti occorre 5 Panoramica dell installazione 5 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 5 Passo 2: Per preparare

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270)

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Sistemi Operativi + Laboratorio di Sistemi Programma del corso (anno accademico 2009

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio Lesson #6 Miscellaneous Roberto De Virgilio Sistemi operativi - 2 Dicembre 2015 Canali di comunicazione e ridirezione I programmi dispongono di 3 canali di comunicazione standard (standard file descriptor):

Dettagli

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003

Raid1-mini-Howto. Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 Raid1-mini-Howto Paolo Subiaco psubiaco@creasol.it - http://www.creasol.it 17 febbraio 2003 1 Introduzione Scopo di questo documento è la descrizione sommaria dell installazione di un sistema raid1 (mirroring)

Dettagli

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL

I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL I.T.C.G. DE SIMONI PROGETTO ECDL USO DEL COMPUTER E GESTIONE FILES Referente e tutor Prof.ssa Annalisa Pozzi Tutor lezioni Prof. Claudio Pellegrini 2.3 Utilità 2.3.1 Compressione dei files 2.3.1.1 Comprendere

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0

EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 EUCIP IT Administrator - Modulo 2 Sistemi operativi Syllabus Versione 3.0 Copyright 2011 ECDL Foundation Tutti i diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta in alcuna forma se non

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

roberto.albiero@cnr.it

roberto.albiero@cnr.it 2.2 Gestione dei file 2.2.1 Concetti fondamentali Un file (termine inglese che significa archivio) è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza di byte; queste informazioni

Dettagli

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1

ECDL Mod.2. Uso del computer e gestione dei file. novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 ECDL Mod.2 Uso del computer e gestione dei file novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 1 2.1 L ambiente del computer novembre 2003 CRIAD - ECDL Mod. 2 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere

Dettagli

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0.

SMOOTHWALL EXPRESS Traduzione in Italiano TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0. TRADUZIONE DA INGLESE A ITALIANO DELLA GUIDA DI INSTALLAZIONE DI SMOOTHWALL EXPRESS 2.0 by kjamrio9 Il prodotto è sotto licenza GPL (Gnu Public License) e Open Source Software, per semplicità non riporto

Dettagli

Intel Quick Start Kit v1.2 for Linux* Riferimento rapido. Numero d ordine: C94155-003

Intel Quick Start Kit v1.2 for Linux* Riferimento rapido. Numero d ordine: C94155-003 Intel Quick Start Kit v1.2 for Linux* Riferimento rapido Numero d ordine: C94155-003 Cronologia delle revisioni Revisione Cronologia delle revisioni Data -001 Versione iniziale del Riferimento rapido di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Linux Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Outline 1 Linux 2 Interfaccia 3 File e directory 4 Comandi

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Biologia molecolare Laboratorio di Bioinformatica II BreveguidaLinux Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di Linux Nel 1991,

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

EUCIP - IT Administrator. Modulo 2 Sistemi Operativi. Versione 2.0

EUCIP - IT Administrator. Modulo 2 Sistemi Operativi. Versione 2.0 EUCIP - IT Administrator Modulo 2 Sistemi Operativi Versione 2.0 Modulo 2: Obiettivi Modulo 2 Il modulo 2, Sistemi Operativi, richiede al candidato di avere familiarità con le procedure di installazione

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

Laboratorio di Programmazione

Laboratorio di Programmazione Laboratorio di Programmazione Federico Spizzo Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza 006 Tel: 0532 974231 E-mail: federico.spizzo@unife.it Gianluigi Cibinetto Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Impostazioni interfaccia del S.O.

Impostazioni interfaccia del S.O. Impostazioni interfaccia del S.O. L interfaccia dei primi sistemi operativi era testuale: uno schermo nero sul quale si scrivevano i comandi con la tastiera. In DOS, ad esempio, dir s*.gif per elencare

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a GNU/Linux 101 intro to system administration SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015 This work is licensed under a Creative Commons by-nc-sa 4.0 International License by ALCA Società Cooperativa About

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2 Manuale Utente Contents 1. Introduzione 2 2. Installazione di Geosat Suite 2 3. Prima connessione 2 4. Operazioni Base 3 4.1 Come avviare la Suite 3 4.2 Come chiudere la Suite 4 4.3 Come cambiare la lingua

Dettagli