Scuola Media Ghiberti San Francesco Pelago A.S. 2010/2011. Raccolta di. Scritture creative (illustrate) classe 1 A & 1 D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola Media Ghiberti San Francesco Pelago A.S. 2010/2011. Raccolta di. Scritture creative (illustrate) classe 1 A & 1 D"

Transcript

1 Scuola Media Ghiberti San Francesco Pelago A.S. 2010/2011 Raccolta di Scritture creative (illustrate) classe 1 A & 1 D

2

3 Il gioco di parole è un attività che distrae il linguaggio verbale dal suo ruolo utilitario e ne infrange gli automatismi. (E.Zamponi) Ci lamentiamo che i nostri ragazzi, spendendo ore e ore alla tv, non siano più capaci di parlare e usare bene la lingua. Basterebbe insegnargli che con la lingua si può anche giocare (...) non vedo a cosa altro debba servire la scuola. (U.Eco) L attività creativa è quella che rende l uomo un essere rivolto al futuro, capace di dar forma a quest ultimo e di mutare il proprio presente. (L.S. Vygotskij) I giochi di parole, alibi per l esercizio della scrittura, sono tratti da I Draghi Locopei di Ersilia Zamponi; le proposte di scrittura creativa si ispirano alla Grammatica della Fantasia di Gianni Rodari. I lavori raccolti in questo giornaletto sono stati prodotti in classe e a casa, individualmente e in gruppo. I testi sono volutamente quelli originali trascritti dai ragazzi -tranne qualche correzione nell ortografia e nella punteggiatura. Buona lettura. Prof. Galanti

4 che cos è un LOGOGRIFERO? Nel tranquillo villaggio di Logolago viveva, in una bella e grande casa, la famiglia Allegralogo. Gianni era il bambino più piccolo, aveva sei anni e non aveva voglia di frequentare la scuola appena iniziata. Un giorno mentre stava facendo le lezioni, svogliatamente aprì il frigorifero per prendere una pastina ma improvvisamente dall elettrodomestico uscirono tutte le lettere dell alfabeto. Gianni guardava stupefatto e si dimenticò perfino di avere fame. Subito prese le lettere e compose le parole sul quaderno, tutte le parole che aveva richiesto la maestra. Il bambino era molto felice perché in casa aveva scoperto di avere un logogrifero che poteva utilizzare per nutrire non più il corpo ma la mente. (Francesca Bocci 1 A)

5 LOGOGRIFO logos: parola, discorso -griphos: intricato, rete di pescatori Il gioco consiste nell ottenere da una parola data, altre parole di senso compiuto in essa contenute. Le lettere si possono combinare a piacere ma ciascuna lettera che compone la parola può essere utilizzata una sola volta. Sono ammesse solo le parole esistenti (quelle che stanno nei vocabolari) e i verbi coniugati. Con le file di parole componi liberamente creando effetti ironici, comici, tragici, paradossali oppure inventa il titolo di un racconto che scriverai. i nostri nomi e cognomi.. da Aurora Marchese (1 A).. Cesare Case Cesare Case è un costruttore edile che ha 50 anni e vive in un paese piccolo chiamato Cassaforte. Lui è sposato con Maura e ha due bambini gemelli che si chiamano Brenda e Justin. Cesare è un tipo strano, ha il naso lungo, gli occhi grandi e marroni, i capelli ritti; si veste molto moderno anche se ha 50 anni. Si diverte come un ragazzino, ma sul suo lavoro non c è da scherzare. Ci tiene moltissimo; l hanno assunto perché dal cognome sembrava che fosse bravissimo nel costruire case. Sabrina Mandola (1 D).. Rina Sara brina mano naso Nina rana Rino Mara La signora Nina Per Nina oggi era un giorno molto importante, aveva l audizione per una delle più prestigiose scuole di ballo di tutta l Italia. Nina era agitata e non poteva stare un attimo ferma! Non vedeva l ora che fosse il suo turno, anche se sapeva di essere troppo emozionata per fare tutto alla perfezione. Mancava solo un turno e dopo toccava a lei.. era emozionantissima. Ecco il suo turno, il suo nome era stato pronunciato. Nina entra con cautela, si vede davanti una fila di professori che la guardano, è cominciata la musica e Nina è scattata a ballare, ma c era un problema.. non si ricordava più la coreografia ma alla fine non è stato poi un grande problema. E riuscita a eseguire il balletto forse meglio di quanto si potesse aspettare. Dopo un po di giorni è arrivata la lettera dalla scuola con su scritto che era stata ammessa: il sogno di Nina finalmente si era avverato.

6 Cesare Case La signora Nina

7 Toponimi ed elementi geografici.. BIELORUSSO Russa biro rosse borse Susi il la lo le ora libro liberi- Brasile. Susi usa le borse rosse. SUSI USA LE BORSE ROSSE!!!! Susi era una signora che adorava le borse, soprattutto quelle di colore rosso. Lei aveva un negozio di borse, e di che colore erano? Tutte quante rosse. Per la verità, lei non adorava solo le borse di colore rosso, ma tutte le cose di colore rosso! Aveva persino la casa rossa. Susi, all inizio, era famosa in città, ma poi tutti iniziarono a prenderla in giro. Tra tutte le persone che la prendevano in giro, però ce n era una diversa ed era una bambina che la stimava. Perché il bimbo pensava fosse normale adorare un colore! Anche se può sembrare impossibile il bimbo, fece capire a tutti che quello di Susi non era un difetto ma un vero e proprio pregio e così tutti smisero di prenderla in giro. (Sara Boninsegni 1 D) GROENLANDIA Il grano di Danilo è in Irlanda. C era una volta un personaggio di nome Danilo che abitava in America. La sua grande passione era sempre stato il grano e visto che in America non c era più posto per costruire campi di grano, decise di costruirli in Irlanda. Tutte le settimane prendeva l aereo diretto in Irlanda per controllare se le piante stavano bene. Nei suoi giganteschi campi c erano degli irrigatorii che, essendo attivi tutti i giorni, permettevano alla pianta di crescere bene e di diventare sempre più forte. Danilo e sua moglie fanno anche una pizzeria, in America molto famosa. La pasta della loro pizza è fatta con il grano di Danilo che viene venduto a tutti i centri commerciali del mondo. (Sacha Dreucci 1 A)

8 Parole in libertà.. Enigmistica :enigma,mistica,nemica L Enigma del faraone Un giorno un esploratore di nome Buck andò in Egitto a esplorare la piramide di Cheope. Quando fu dentro trovò un sarcofago di una mummia sconosciuta, ma per aprirlo doveva superare tre prove: affrontare uno pterodattilo, scappare dalla sfinge e uccidere un branco di zombie. Lui accettò di affrontare queste durissime prove e incominciò. Con questa risposta si aprì un muro che portava a una grande sala completamente vuota con un grande uovo. A un certo punto esso cominciò a rompersi e si liberò un gigantesco pterodattilo, la bestia cominciò a rincorrerlo per divorarlo ma lui, con la sua grande abilità, riuscì a scappare. Trovò una scorciatoia che lo condusse fuori davanti alla sfinge che in un attimo prese vita e rincorse Buck fino alla piramide del faraone Hamurrabi. La grande statua sputò dalla bocca un getto di fuoco che distrusse la piramide di Chefren che esplose e finì in mille pezzi che caddero sulla grande sfinge che la misero K.O. Dopo avere sconfitto la grande bestia provò a rientrare nella piramide ma venne ostacolato da un branco di zombie che cercò di attaccarlo ma corse verso la sua JEEP e prese un bazooka che scagliò contro i nemici e i poveri zombie morirono senza pietà ma invano perché i tre ostacoli rinacquero con poteri più forti. Buck chiamò con il suo auricolare gli elicotteri dei marine che sganciarono i loro migliori razzi che fecero esplodere le tre forze. Alla fine Buck trovò il tesoro: un bottino di pietre preziose e gemme rare. (Tommaso Barlondi e Pietro Tanini, 1 A )

9 Primavera Asia e Maria vanno in collina a primavera. Maria si è stesa sul prato e mangia una pera, mentre Asia gioca con i suoi cani. Maria mentre mangia vola sulle ali della fantasia e pensa di essere in Cina. Si sono fatte le sei: è tardi direi! dice Asia torniamocene a casa. (Alessia Pratesi, 1 D) Prima, Vera, Amare, Rima, Maria, Irma, Mare, Pari, Mara, Riva, Marea, Arma, Rame, Arme, Rime. La Signora Mara della Riva La Signora Mara della Riva si chiama così perché abitava sulla Riva di un fiume. Essa viveva in una piccola casetta che aveva 3 stanze. Lei era tornata da poco in quella casetta infatti non conosceva nessuno. Un giorno la signora Mara decise di uscire per fare una passeggiata lungo la riva del fiume, ad un certo punto inciampò in un sasso e cadde nel fiume. Incominciò ad urlare: -Aiuto,Aiuto!! Non so nuotare. Da lontano vide arrivare un uomo che si tuffò e incominciò a nuotare: salvò Mara. Quest uomo era il suo vicino che si chiamava Giulio, faceva il pompiere. Lui invitò Mara a casa sua per offrirle una tazza di tè caldo. Parlando del passato capirono che loro si conoscevano, si ricordavano di essere stati insieme all asilo, entrambi erano felici di essersi rincontrati e anche questa storia come quasi tutte finisce con un lieto fine. (Irene Masi 1 D)

10 La signora Mara della Riva

11 è ancora tempo di PRIMAVERA Prima pera era mira tira vera Rina Rina va in vacanza Rina è una bambina che vive in Inghilterra in una città. Mentre stava andando a scuola vide un passaggio segreto e vide 2 cani piccolini. Li prese per portarli a casa. Gli dà mangiare e da bere li porta dal veterinario per dargli un occhiata e poi decise i nomi: Luna e Stella. Poi andavano a prendere il guinzaglio per andare al parco a giocare nel prato. Rina incontra le sue amiche Antonella, Marta e Luisa. I cani delle amiche andavano a giocare insieme ai cani. Tutti erano felici e contenti. (Anuriti Obinu 1 D) Licantropo topo poco cani Tanto tempo fa in casa mia venne un signore e mi dette una pozione. Io la presi e la misi nel frigo. Dopo 2 giorni la bevvi e mi sentii un po strano e dissi Maremma.. È forte.. A me il giorno dopo mi spuntarono molti peli e delle unghione. Mi vidi allo specchio ed ero un lupo. Andai fuori e sbranai tante persone ma dei cani mi fecero paura e dei topi mi salirono addosso e io mi agitavo e mi accorsi che era solo un sogno.. (Lorenzo Crescioli 1 A)

12 ANAGRAMMA, PSEUDONIMO, NOMI DA GIOCO ana- indietro, e graphein: scrivere; è il risultato del cambiamento delle lettere di una parola compiuta in modo tale da creare altre parole o eventualmente frasi di senso compiuto, utilizzando tutte le lettere della parola data. in classe: anagramma il tuo nome (logogrifo totale) e inventa un nuovo personaggio del quale scriverai il profilo o l idea per una storia che lo vede protagonista. In alternativa puoi cercare uno pseudonimo (pseydes- falso, -onyma: nome) costruito di sillabe o gruppi di lettere presenti nel tuo nome e far nascere così nomi da gioco di personaggi, mestieri, oggetti che saranno i protagonisti della tua scrittura.. ANAGRAMMA!! ALESSANDRO BULLI DUSSAL BALLERINO Dussal ballerino aveva il sogno di diventare un ballerino famoso, però era troppo povero per poter andare a una scuola di ballo. Dussal viveva con suo padre che lo portava a lavorare con lui. Un giorno mentre stavano andando a lavorare, incontrarono uno strano signore che gli diede un foglio con su scritto: tra un mese gara di ballo a Londra, selezioni nel fine settimana prima della gara. Dussal voleva andarci in tutti modi, ma si doveva procurare 800 rupie. Mancava solo una settimana alle selezioni e le speranze di Dussal erano diminuite, quando tra la posta c era una lettera per lui: era stata mandata dalla zia di Dussal che era molto ricca. La zia sapeva che a lui piaceva ballare infatti dentro la busta c erano 800 rupie. Mentre lo stava raccontando al padre ancora non ci credeva, era il suo sogno diventato realtà. Arrivato il giorno delle selezioni Dussal era molto emozionato, ma anche sicuro di farcela infatti passò con la votazione più alta di tutti. Il viaggio per Londra è stato lungo,ma ne è valsa la pena perché Dussal Ballerino è arrivato in finale. L esibizione dell altro ballerino è stata ottima con la votazione totale di 28 punti, ma quella di Dussal è stata perfetta con la votazione totale di 30 punti. Dussal Ballerino diventerà poi famoso in tutto il mondo e molto ricco. (Alessandro Bulli 1 A)

13 ANAGRAMMA!! Alessia Tatini La signora INTASATI ELISA C era una volta in una scuola superiore una ragazza di nome Elisa e di cognome Intasati. Tutti la prendevano in giro per il suo strano cognome, la tormentavano con le risate dalla mattina alla sera, persino quando la guardavano scoppiavano a ridere perché tornava loro alla mente il suo bizzarro cognome. Elisa, giorno per giorno, diventava sempre più vergognosa e ormai tutta la scuola la prendeva in giro. Era così assalita dalla vergogna che si nascondeva dietro libri, quaderni e porte; quando non aveva a portata di mano nulla di queste cose, da come era imbarazzata, faceva come il camaleonte: cambiava colore, da bianco a nero. Fortunatamente per lei quei cinque terribili anni passarono, lentamente ma passarono. Per la sua prima volta andò al lavoro e pensate un po! trovò un ragazzo che si chiamava Luca Fognature, si misero a ridere dei lori cognomi e per la prima volta Elisa non si vergognò per il suo cognome anzi, in quel momento si sentiva la persona più felice del mondo. Elisa e Luca si sposarono e nella loro felicità vissero per sempre felici e contenti. (Alessia Tatini 1A)

14 ANAGRAMMA!! Asia Onzini Zio Inansia Mio zio INANSIA C era una volta il signore Inansia che aveva paura di tutto e di tutti, tanto da non uscire mai di casa e anche nella sua abitazione aveva il terrore di rimanere solo. In tutte le stanze della casa aveva una guardia del corpo e quando qualcuna si ammalava riuniva in camera tutte le altre e chiudeva la porta a chiave. Per colpa della sua paura il signor Inansia stava perennemente chiuso nella sua villa e così si annoiava molto. non conosceva la sua città, i suoi vicini e tanto meno i colori della natura. Era giunto anche Natale e Piero, la guardia del corpo più fidata di zio Inansia, con uno stratagemma, lo fece avvicinare al portone di casa e con una forte spinta lo mandò fuori. All inizio Inansia era spaventatissimo e disperato, ma al tempo stesso incuriosito dai canti natalizi e dalla dolce atmosfera, così che la sua paura cessò. Adesso il signor Zio Inansia ha molti amici e spesso lo troviamo fuori sia con il freddo polare sia con il caldo tropicale. (Asia Onzini 1 A) logogrifi quasi anagrammi.. Dearev Salducci era un famosissimo saldatore di ferro. Addirittura riusciva a costruire le armature per metterle in mostra ai musei più importanti d Italia. Egli lavorava a Roma. Per qualche anno il lavoro gli andò molto bene fino a quando non arrivò la grande crisi e il suo principale fu costretto a chiudere la fabbrica. Dearev salducci per qualche giorno pensò poi decise di tentare la fortuna così partì per l America. Durante il viaggio gli passavano mille idee per la testa. Arrivato a New York si mise in cerca di lavoro, soprattutto per fabbro, la prima settimana fu durissima perché oltre a non trovare lavoro in quei giorni finì quei pochi soldi che si era portato. Un giorno fece amicizia con delle persone e nel parlare entrò nel discorso del suo lavoro. Incuriosite gli chiesero se voleva lavorare con loro i quali essendo persone ricche potevano aprire una fabbrica. Dearev salducci non se lo fece ripetere e accettò subito la proposta. Giorno dopo giorno il lavoro gli aumentò fino a farlo diventare ricco come i suoi amici conosciuti a New York. (Andrea Salvucci 1 A)

15 Il signor ZERBELLI era un uomo, figlio di un venditore di zerbini. Lorenzo alla sua morte disse a suo figlio (Daniele Zerbelli), che per pagare un mutuo doveva ingegnare un tappeto bellissimo e tecnologico. Così da quel giorno iniziò a progettare per l orgoglio della famiglia Zerbelli. A 43 anni costruì un tappeto antisismico che ti asciuga le scarpe, le pulisce, si accendono le luci al tuo arrivo da sole, e procede le seguenti fasi nell ordine in cui glielo dici: ti disinfetta e con uno spray te le profuma. Insomma, questa invenzione aveva sconvolto tutti gli scienziati che si erano fatti battere da un venditore di zerbini; così Daniele riuscì a pagare il mutuo e a diventare un monumento internazionale. (Zeno Barsottelli 1 A) La signora CREA COCCI Forse non tutti conoscono la storia della signora Crea Cocci. Per chi ancora è allo scuro di queste vicende, ecco alcune righe su questa simpatica signora. La signora Crea Cocci vive in un tranquillo paese di campagna ed ogni giorno dopo aver pulito la casa e dato da mangiare ai gatti va nel suo laboratorio. Qui crea dei bellissimi vasi ed altri suppellettili di ceramica che poi vende al mercato. I suoi prodotti sono particolari perché non si rompono mai e sono in grado di interpretare i desideri di chi li possiede. Così un vaso si riempie di rose e una scodella di fumante minestra. Vorresti anche tu un tale coccio? Corri allora dalla signora Crea Cocci prima che li abbia finiti, e che peccato che i quaderni siano di carta! (Francesca Bocci 1 A)

16 Un bambino di nome Pallavolo. Pallavolo è un bambino molto agitato grosso come una palla. Corre talmente veloce che prende il volo. Un giorno Pallavolo si stufò della sua situazione e decise di fare un altra vita quindi decise di attaccarsi delle piccole pietre sotto i piedi per non prendere più il volo. Però Pallavolo aveva un po più di difficoltà nel salire le salite quindi decise che con le pietre che si era attaccate ai piedi non scivolasse. Però fu tutto il contrario perché con il peso delle pietre ruzzolava e tornava di nuovo ad affrontare la salita. Un giorno si alzò di buon umore e decise che per salire le salite gonfiava un suo palloncino professionale e le sale volando. Arrivato in cima alla salita con il suo alito super potente buca il super palloncino e casca in terra. Così pallavolo da quel giorno sapeva come affrontare tutti i problemi della vita. (Angelo Lorenzo d Amico 1 D)

17 Noemi Cassai (1 A) Monei Sassacei C era una volta una ragazza di nome Monei Sassacei che viveva in una piccola città di grassi che non facevano altro che mangiare a volontà. Ma questa ragazza era diversa cioè era magra e mangiava solo a colazione pranzo e cena. Però si vedeva molto diversa dagli altri e decise di cominciare a mangiare come tutti gli altri, ma dopo 2 anni circa non riusciva nemmeno a alzarsi dal divano visto che era diventata un malloppo di 130 kg. Così decise di mettersi a dieta e dopo circa 20 anni tornò a essere magra come prima. Perciò qualche volta è meglio non seguire quello che fanno gli altri perché qualche volta gli altri possono sbagliare.

18 La signora LIMA ha una piccola casa sul lago Baia. In primavera fanno le gare delle barche a remi. Per dare il via ogni anno viene liberato un uccello dalle ali bellissime, gli viene legato alla zampa un pezzo di lino per segno di libertà. Di solito questi uccelli vivono al mare dove ci sono le loro specie. Così inizia la signora Vera che arriva prima, e per premio le viene regalato l altro pezzo di lino che era legato all uccello. (Gloria Giambi 1 D) Gli ORSILINGHI: orsi casalinghi C erano una volta gli orsilinghi, orsi cui il loro mestiere era di essere casalinghi. Gli orsilinghi erano bravi, ma a nessuno piaceva avere quattro orsi in casa. Un giorno un uomo povero aveva bisogno di andare fuori città però non sapeva a chi lasciare suo figlio (perché non aveva quattrini); quando venne a sapere che gli orsilinghi lavoravano, non esitò nemmeno un istante e li chiamò. Quando gli orsilinghi ebbero parlato con il signore furono contentissimi e non vedevano l ora di andare. Gli orsilinghi si divertivano a fare il loro mestiere e infatti loro e il bambino passarono una serata indimenticabile. Gli orsilinghi diventarono famosi e ricchi (per gli spot pubblicitari), tutti i bambini li desideravano e i signori pure perché era gratis. Un giorno un orsolingo di nome Fuffy si ammalò, ma decise di lavorare lo stesso, perché avrebbero lavorato per un nobile. Fu un disastro perché starnutendo passava i propri microbi al bambino che dopo poco si ammalò. Il nobile quando lo seppe andò fuori di testa e iniziò a dire a tutti la storia degli orsilinghi. Ora gli orsilinghi lavorano ancora, ma sono rifiutati da tutte le persone, e sono in attesa ancora di una chiamata e se avvenisse non lavoreranno mai più quando sono malati. (Gabriele Moschini 1 A) Il signor RENO C era una volta in un paesino molto freddo il Signor Reno. Era un ometto buffo con baffi grandi e capelli ricci, e la sua passione era pescare. Lui viveva sulla sua barca, ed era attrezzato bene, aveva il letto la cucina il bagno, tutto quello che poteva servire per vivere. Tutte le sere andava a calare le reti in alto mare e al mattino presto ripartiva per andare a ritirare. Di solito pescava poco, quel poco che gli bastava per mangiare e per pagarsi poche cose necessarie, ma una mattina ebbe una sorpresa. Cosa trovò? Un bellissimo tonno che era rimasto per caso incastrato nella sua rete. Così quel giorno cambio la sua vita: si potrà comprare una barca più bella, pescare tanti tonni e avere dei soldi. (Lorenzo Tilli 1 A)

19 il signor MANDAGIUILGIN Il signor Mandagiuilgin era un uomo che amava bere i liquori, ma appena sentiva l odore si ubriacava. Allora un giorno gli arrivò per posta una bottiglia, da un suo zio, con scritto sull etichetta un nome strano. Il signor Mandagiuilgin si chiese come mai non si fosse ubriacato visto che la bottiglia conteneva liquore francese, ma ben presto lo scoprì era perché questo liquore aveva delle sostanze speciali che aveva versato suo zio. Un giorno andò a bere con dei suoi amici al bar e visto che il Gin non lo faceva ubriacare lo ordinò. Esso era il liquore che beveva a casa, ma quando il cameriere glielo portò si ubriacò a sentire l odore. Alla fine il signor Mandagiuilgin si rassegnò e bevve solo il liquore spedito dallo suo zio e finito quello bevve per sempre l acqua. (Gilda Mugnaini 1 D)

20 il signor BEVITANTACQUA Tanto tempo fa c era un signore di nome Bevitantacqua. Bevitantacqua era un uomo grosso ed aveva una lunga barba grigia. Bevitantacqua doveva fare i cibi sconditi e senza cose che mettono sete, altrimenti gli veniva una sete fortissima. Una volta mangiò un acciuga salata, quindi dalla sete che aveva riempì fino all orlo un secchio e buttò giù l acqua d un sorso. Beveva ogni ora circa due litri d acqua. Il mese dopo mangiò una caramella e svuotò la fontana della piazza. Un giorno, al supermercato, tenendo la bocca aperta per sbaglio gli cadde dentro un grano di pepe caduto da un salame, quindi fece un urlo e corse velocemente verso una grande cisterna, salì in cima, si tuffò nell acqua, ne bevve talmente tanta che poi morì affogato. (Alessio Ioseffi 1 D) SAM BARONI Abitava nel paese di Barolandia un tipo molto particolare che si chiamava Sam Baroni. Era un uomo grosso, con i capelli grigi, con un cappello che gli copriva gli occhi, sempre un sigaro in bocca, gli calavano sempre i pantaloni ed era vestito tutto di nero. Visto che era un uomo al quale piaceva vincere giocava sempre a poker. Una sera il pappagallo del suo avversario che si era posato su Baroni e aveva scoperto che barava gridò ad alta voce : -Baroni ha barato!!- Con questo il pubblico rimase senza parole e lui venne arrestato. (Tommaso Barlondi 1 A) NINA C era una volta un regno lontano in un paese di nome Fairy Oak il paese degli elfi, la famiglia prosperosa del re e la regina. La più piccola fra le figlie era Amy una bambina di sette anni poi c è Vanilla e la più grande Lucy. Le ragazze praticavano magie che solo gli elfi potevano fare. Intanto Amy un po stanca della scuola si mise subito a letto mentre Vanilla e Lucy andarono a giocare. Intanto che loro disegnavano videro la regina Mary cioè la loro mamma che portava in mano una Lettera: Ragazze!C è una lettera per voi disse la regina con voce assai felice. Con entusiasmo Lucy levò la lettera dalle mani della regina: Che bello un aiutante del corpo! Avremo un aiutante del corpo! E il sogno di Lucy si avvero. ERA NINA. (Matilde Nencetti 1 D)

21 Lorenzo e Leronzo

22 lorenzo crescioli leronzo croscilie loronze crisceloi Lorenzo e Leronzo volevano andare a Roma ma Leronzo non voleva quindi dette una spinta a Lorenzo, che era il capo, e che andò all ospedale e quindi non poterono andare a Roma. Leronzo si scusò e Lorenzo accettò le scuse. Si chiarirono e fecero pace. Lorenzo disse Andremo un altra volta tutti insieme.. E gli altri risposero Certo però Leronzo non fare più queste cose e Leronzo non lo rifece mai più.. (Lorenzo Crescioli 1 A) La signora Ditema La signora Ditema amava scrivere i temi di tutti i tipi però era molto disordinata e faceva molti errori di ortografia. Ogni volta che faceva leggere i suoi temi si trovava sempre qualche errore. Faceva un sacco di testi e man mano che scriveva trovava sempre un errore in più. Dopo tanto le venne la brillante idea di andare a fare un corso di grammatica e ogni giorno che andava migliorava sempre un po di più. Dopo un anno di corso sapeva benissimo l' italiano e divenne scrittrice. (Matilde Scacciati 1 A)

23 LA SIGNORA CAMPANINA La signora Campanina era la campanara della città. A forza di suonare le campane era diventata sorda, ma talmente sorda che se qualcuno gli voleva parlare doveva andare vicinissimo all orecchio. Tutti i suoi amici e parenti le dicevano di andare da Ampliforn e farsi mettere un apparecchio per sentire, ma lei non li ascoltava o meglio non li sentiva. Un giorno mentre passava davanti al negozio di Ampliforn decise di entrare. Appena uscì si sentì rinata: ora poteva sentire tutto!!!!!!! Ora sentiva talmente bene che quando suonava le campane doveva togliersi l apparecchio sennò il rumore era talmente forte che non riusciva a sopportarlo. (Alessia Fabbrini 1 D)

24 Il signor PERALASERA non è come tutti i signori. Peralasera mangia sempre una pera prima di andare a dormire, perché lo fa digerire e questa pera lo fa anche dormire bene senza fare brutti sogni. Un giorno, questo signore finì le pere allora decise di andarle a comprare; ma arrivato al supermercato queste erano finite, così andò dal fruttivendolo ma anche lui le aveva finite. Peralasera era disperato e chiese al fruttivendolo perché non le aveva e lui gli rispose che ad agosto i supermercati di tutto il paese di Peramarzolina non le prendevano dai contadini. Allora corse subito in macchina a cercare un supermercato che avesse le pere, così arrivò alla città di Melograno e lì le trovò; queste erano in offerta e ne prese un quintale. Tornato a casa però si accorse che le pere non gli piacevano più, ma gli piacevano le mele e visse per sempre felice e melato. AUTORE:Sitepra Salaesi (Alessia Pratesi) Signora Ittucel Questa è la breve storia di una bambina che vive nel verde delle montagne vicino alla città. Il suo nome è Rita ha lunghi capelli scuri, occhi marroni ed è magra. Lei non frequenta la scuola perché vuole imparare tutto da sola. In paese la vedono sempre in giro con il suo cane mentre va al mulino a comprare il pane per il nonno Ernesto, alla fattoria per il latte e il formaggio e alle bottega del paese per comprare il cibo per tutti i suoi animali. Quando tornava a casa con tutte quelle buste, Ernesto era molto felice perchè sua nipote lo aiutava in tutto e perché sa che sarà una giornata splendida. (Syria Lucetti 1 A)

25 IL SIGNOR SIGNORINI Il signor Signorini era un uomo, anzi un conte che era apprezzato da tutti; soprattutto dalle Signorine del suo paese che lo apprezzavano molto per le sua gesta eroiche. Egli aveva un maggiordomo di nome Evaristo che di giorno era pazzo e di notte si metteva a piangere per tutte le cose che cascavano in terra. Una sera il signor Signorini cascò dal letto mentre stava dormendo, e sentito lo stonfo Evaristo il maggiordomo si svegliò, e tutta la sera lacrimò. Il giorno dopo Evaristo il maggiordomo rimase senza voce, ma questo non fu molto grave. Dopo un ora sfortunatamente diventò anche sordo, ma questa volta fu un guaio perché quando il signor Signorini chiamava il suo maggiordomo lui non sentiva, per questo fu nei guai perché egli non era abituato a servirsi da solo aveva avuto sempre al suo fianco Evaristo il maggiordomo. E un giorno, stufo di tutto ciò, licenziò Evaristo assumendo un altro. Beh! Questa fu la fine di Evaristo il maggiordomo che fu licenziato per dei disturbi. (Enela Barjami 1 D) Nino Sonnini Nino Sonnini era una persona molto strana. Sin da bambino anche a scuola dormiva sempre. A volte quando si addormentava, la maestra per svegliarlo urlava, ma lui non si svegliava, il suo era proprio un sonno pesante! Nino era sempre stanco anche quando non faceva nulla durante il giorno. Un giorno Nino mentre era in macchina e guidava si addormentò, ma questa volta non c era il suo maggiordomo che prendeva il suo posto alla guida perché proprio quel giorno si era preso le ferie. Nino nonostante il rumore dei clacson non si svegliò e così andò a sbattere contro un muro. Per sua fortuna non morì perché il suo cuscino che aveva sotto la testa fece in modo che i pezzi infranti del vetro non lo ferissero. Nino appena si svegliò ritornò a casa a piedi e da quel giorno non lasciò mai più il suo cuscino. (Cristina Tronconi 1 A)

26 Il signor NASCONDITUTTO Un giorno il signor Nasconditutto organizzò un gioco con i suoi amici di nome Bernardo Dormiglione e Mario Rinsecchito. Si trovarono al bar del paese, il proprietario si chiamava Cincischi Marchino che per fare un cappuccino gli ci voleva tutto il mattino. Una sera si trovarono a casa del signor nascondi tutto e incominciarono a giocare. Il gioco consisteva nel trovare un cd nascosto dalla moglie del signor NascondiTutto di nome Luisa LaSciancata. Incominciarono a cercare il cd, la casa fu trasformata in un casino. Era mattino e sua moglie si era ricordata di non aver nascosto il cd.. lo aveva buttato via! Loro si arrabbiarono e dopo si addormentarono sul divano, però il signore di nome Bernardo cadde, da come era assonnato, dalla finestra.. atterrando sopra una vecchietta di nome Lena La Scemina. Andarono all ospedale e dopo 20 giorni guarirono e tornarono a casa. (Gabriele Giannetti 1 D)

27 L'orso è stato morso al dorso e andò ad un corso del morso. Fece una corsa borsa inciampò in un orso del corso. Quello era torso e si rotolò nel suo dorso. (Syria Lucetti 1 A) Danie Calli è un vecchio di 84 anni. Lui è un bravo maratoneta ed è dall età di 6 anni che ha iniziato a correre, e quindi adesso sotto i piedi ha certi calli che hanno preso dimensioni enormi. Infatti adesso hanno assunto le dimensioni di una vasca da bagno. A lui i piedi fanno un male da non dire, perché oltre ai calli lui ha anche le vesciche, ma non vuole rinunciare al suo posto di campione, e dato che stava diventando vecchio non può neanche bucarli perchè non riesce più a piegarsi. Due giorni fa a Danie Calli è arrivato un foglio d iscrizione alla 150Km P.M.R. Dato che lui non sapeva che cosa voleva dire, ci pensò un po, ma decise di iscriversi. Arrivato al luogo della corsa decise che l avrebbe fatta con i suoi nuovi calzini, bianchi, di cotone, senza scarpe perchè diceva che le facevano male. Era chiaro che non sapeva cosa l aspettava. Alla partenza un tizio disse: Ed ecco a voi coraggiosi che si sono iscritti alla gara 150 Km, pericolosissima, rocciosissima, infangatissima! Impallidì, ma non si ritirò. Quando partirono dopo appena un chilometro Danie Calli iniziò a fare degli urli di dolore e così si ritirò. Da quel giorno non appena gli arrivava al vecchio la parola MARATONA si rifugiava nella sua camera e non usciva più. (Alice Landi 1 D)

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura

LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura LA PRIMA A SI ESERCITA A SCRIVERE FIABE Aiutata dalla maestra Laura DESCRIVIAMO UN MOSTRO Tratto dai nostri disegni con l aiuto di domande guida LAVORO DI GIULIO IL MOSTRO DI CUI VI PARLO E UN MOSTRO BUONO.

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 Storie d Inverno Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 1 La tigre dispettosa delle nevi C era una volta una tigre molto dispettosa e le piaceva la neve. Faceva i dispetti a tutti. Questa tigre,

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE Lingua per comunicare Età indicata: bambini di 3, 4, 5 anni Obiettivi: 1. Potenziare il lessico dei campi semantici del vestiario e

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NON PERDIAMOCI DI VISTA

NON PERDIAMOCI DI VISTA NON PERDIAMOCI DI VISTA Nicolas e la maestra un giorno hanno deciso di costruire dei dadi delle storie che potessero servire a inventare storie nuove mai esistite in nessun libro. Il primo passo è stato

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

L ARTE DELLE STORIE INVENTATE

L ARTE DELLE STORIE INVENTATE L ARTE DELLE STORIE INVENTATE Agli inizi di novembre i bambini delle scuole elementari si sono trovati per creare delle storie. Divisi in gruppetti e con l aiuto di alcune tracce, hanno inventato dei piccoli

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli