giovanni nadiani RAM Versi dalla Romagna-Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "giovanni nadiani RAM Versi dalla Romagna-Italia 1996-2005"

Transcript

1 giovanni nadiani RAM Versi dalla Romagna-Italia

2 durê al paról che al s dis e che a dgen intânt che nó a s finen dè par dè un bisinin o töt na vólta d böta al s cunsoma nenca ló e u n gn è za d cvéli ch al s è finidi d pösta incion u l i drova piò per Lello Baldini parò a j a pensat fat lavór nench la lèngva piò sfata e strancalêda muribonda e ormai sminghêda la camparà sémpar piò ch n è nó cun al paról nascösti int al carvai dla ca avèrti da e nöst rispir tra la porbia di marciapì ch a j aven stmazê t e fond dal tazin de cafè ch a j aven suciê durare le parole /che ci dicono / e che diciamo / mentre noi / ci finiamo / giorno per giorno un po / o di colpo tutto in una volta / si consumano pure loro / e ce ne sono già di quelle / che si sono esaurite completamente / nessuno le usa più // però ci pensi / che faccenda / anche la lingua / più distrutta e a pezzi / moribonda e ormai scordata / vivrà sempre più di noi / con le parole nascoste / nelle crepe dalla casa / aperte dal nostro respiro / tra la polvere dei marciapiedi / che abbiamo calpestato / nel fondo delle tazzine del caffè / che abbiamo succhiato

3 PALUGH [Sonno breve] (2005)

4 palugh e bikini ros che pend stes ad asughê tra cl étra bughê ormai brusêda int l ora felsa de dochmezdè int e tu palugh e gventa cal braghet biânchi cun e pez che t a i tirivti zò ridend magnê da la voia d magnêtla splì tra chi sproch ghèg de pel cun lì ch la n avleva la s difindeva la t daseva in là cun di s-cef da ridar la dgeva piân ch u n i piaseva brisa ch la s vargugneva e pinsê ch la n era mai stêda d cisa e alora gnacvël e fineva a lè nench par che dè consumê da la voia e bikini ros sot e sól ormai u s è smalvì par sémpar l è stêda l ôra d j én a magnêt istê dop a istê la tu voia stesa pr un étar dè a ste sól ros che infughì e va zò da par lò ( me a n i vegh brisa a j andì vó cum a v l òja da dì che non ci vado in clinica io non ci vado i m fa murì a s i gvent met töt cvent i met a si vó

5 a si vó ch a stasì mêl da bon me a v degh ch a n i vegh brisa! ) me a n a so mo chi ch al sa pu l è fadiga savê d indóv ch u s vegna e mêl indóv ch e nesa e cresa fena a ciapê pröpi te brisa un étar savê parchè un s-ciân un dè u s amêla int la tësta e u n è piò ló d acord e mêl de mond l è un etar cvel e mêl d stêr a e mond no me a n degh e mêl d un s-ciân zà in partenza cundanê a e dulor piò grând da cvând ch e nes cl ingiustezia mai finida ch l è murì tirê i zampet tra i fil d un let t e bsdel o sbrislês d böta tra al lamir d una strê me a m cmend ste mêl ch u t ciapa d dentar ch u n s ved brisa e incion u s n adà la malincuneia de zarvèl par l istê finida d una vita cun e mêl dentar a e stên ben e pê che t epa gnicosa cun i dè ch s arves int e sól ros sora l autostrê ch starloca chi va zò la sera t e ros dal machin lostri sora i chemp d grân sfraghê da e vent a disignê cun un pastel t e fond dagli or e sbalinê celest dal tër di mont indóv ch un dè a v s i incuntrê a v s i scambiê al lengv in boca par ciapê sól una strê sól una vos a rispirêr insen e spud di fiul lutê par tirêi so parché i n seia fiul de mond savend stêr a e mond chi vega nenca ló par la su strê e avânti incóra insen fena a cla matèna

6 i fiur d acvivta i n è piò ló j à pers l udor i n t dà piò la vos a j avì smes d scorar e che sól ros ch u s elza l è sempr insclì un candlot d giaz d istê a furêt e côr a piantês int e zarvël a fêt un bus un fös u n i cor piò gnît l è vut u s j infila e mêl de gnît e gnît ch u t mâgna t a n sent piò gnît t si gvent un gnît un vut d gnît gnît vut vut gnît ( a n i capês piò gnît cum èla stêda cum òja fat a sghinlêr in dentar a e mêl a fêm magnê da e vut de gnît che t avleva ben ad ogni ora di mi dè che a n ò mai vlù mêl a incion a dareb l ânma a e geval par capì la n gn è miga una rason parchè e Signor u m epa da punì dentar a sta bocia vuta senza fond dla mi storia di mi dè tra la nebia in dó ch u s è smarì l amor de pân di cvél di s-cen de nöstar stêr insen me a n i vegh a n i vegh t e bsdel a voi gvarì a cve cun vó a cve a ca mi ) un ora un étr ora un dè dè par dè t è pighê la schina

7 t è svarsê j oc a caminê acsè invurnìda dal midgen t si caduda e incion ch u t tira so l ânma caduda ch la n dorma piò la nöt una stresla negra sémpr apiêda ch la t ingavâgna cun la paura d töt i cvél d töti al faz dal tu fantesmi che t a n se d in dó ch al svegna t a t agrap parchè a n a t al purta veia a e tu let a cvel t é fat a chi t é avsen a cvi che incóra i t vo ben mo i s sen stof nenca ló i è sól di s-cen d pël e ös coma te pël e ös nench se t megn töt e dè e nench la nöt senza cavêt mai la fâm la fâm dla paura che la t mâgna j oc fura da la tësta a zarchê da töt al pert un pöst dó farmês senza truvêl e i s bota par tëra a strisê sóra i giarul sbatend i pì insimunì zarchend na strê pr andêr avânti un étar po parò gnît l à piò l amor d una vólta t a n i crid in cvél ch l areb da vnì par te int i tu dè di dè cun che sól ros sóra a e sren u n i n è piò sól una guiê d nuval giori ah s u i fos on che fos bon d cuntê da bon e mument ch u s fines l amor pr i cvél l amor pr i s-cen de su stêr insen anghê int e vut d che mêl ch u i mâgna senza ch i s n adega dè par dè un bisinen acsè stil da infilês in cla su frida ingiarida ch la n sangona brisa mo gnît u la fa srê intânt che on senza avêr un pöst u s pösta sémpr un pö piò in là nench s e vreb

8 turnêr indrì agrapês a chi giarul chi rozla par la su strê senza putêi farmê piò in là piò luntân incion ch u i stega drì u n gn è incion a capì chi segn chj et a dêi ment ch u i vega drì par no sghinlê nenca ló int e vut d che fiasch sfundê fermat! dai donca fermat un pö torna indrì! ven cu nó un étra vólta ch a t aspiten o fòrsi no a s sen stof nenca nó coma te d ste mêl lazarôn ch u s farà partì nenca nó par salvêr inmânch un dè par putê durmì una nöt prema de bur dla nöt intira e u s fa mêl la schina a fôrza d stêr a cve a fê d segn a on ch u n ven e al saven se chj étar i ngn è nó a n sen incion e s a i sen par töt nó a s finen coma s a n fòsum mai sté a cve chi ch è bon d r ësar in cvel ch a n sen in cvel ch j è chj étar? se nenca nó a s avien cun i tu giarul coma te a finen int un buron e invezi avlen tirêt so dêt sta corda e a tiren mo te t tir piò fort e la nöstra forza ormai la s è finida cunsumêda da sta stôria e la corda che zà la t tira par la vita la s ingavâgna int i tu pinsir smarì int e lâns insprì de tu rispir ch u n è bon d turnêr indrì d turnêr a ca int e su pöst a l ôra cun cvi che forsi i l à aspitê che invezi u s lasa andê int l invel dla tu tësta indó ch e pê ch e piuva sémpar senza che sól e a forza d dêi t è tirat t la corda

9 t a t si bagnêda t si arivêda a invel una farfala cvând ch e piov indóv a vala cum a fala a stê so par eria cun st acva pesa ch la ven zo ch e pê ch u n epa mai piuvù dop e sech ch l à spachê al murai averti dal carvai int la tësta di s-cen e indóv a s pusaràla mai la farfala par no fês s-ciazê e te t a n avivta brisa bsogn l era un pez che da una carvaia dla tu tësta l aveva spichê e vol la nöstra voia d stêr insen e adës t sbat la tëst in cva e in là senza savê mai in dó pusêla pr un mument par tirê e rispir int na bulè d luz tra e bur di tu dè smarì ch i è töt una nöt senza matèna e pu zirêr intorna a che calór iluminê abrazêl truvê un pö d pez indurmintês e par sémpar brusês agli el Dorfmark, 5-7 agosto 2005

10 sonno breve il bikini rosso che pende steso ad asciugare / tra l altro bucato ormai bruciato / nell ora falsa del pomeriggio / nel tuo pisolo diventa / quelle mutandine bianche col pizzo / che le tiravi giù ridendo / divorato dalla voglia di mangiartela / perduto tra i ricci del pelo rossiccio / con lei che non voleva si difendeva / ti spostava in là con schiaffi da ridere / ti diceva piano che non le piaceva / che si vergognava e pensare / che non era mai stata una di chiesa / e allora tutto finiva lì / anche per quel giorno consumato dal desiderio // il bikini rosso sotto il sole ormai / ha perso il colore per sempre / è stata l ombra degli anni a mangiarti / estate dopo estate la tua voglia stesa / per un altro giorno a questo sole rosso / che infuocato tramonta da solo // ( io non ci vado ci andate voi / come ve lo devo dire che non ci vado / in clinica io non ci vado mi fanno morire / siete diventati tutti matti i matti siete voi / siete voi che state male davvero / io vi dico che non ci vado proprio! ) // io non lo so ma chi lo sa poi / è fatica sapere da dove provenga / il male dove nasca e cresca / fino a prendere proprio te non un altro / sapere perché una persona un giorno / si ammala dentro la testa e non è più la stessa / d accordo il male del mondo è un altra cosa / il male di stare al mondo no io non dico / il male di un uomo già in partenza condannato / al dolore più grande da quando nasce / quella ingiustizia mai finita che è morire / tirare le cuoia nel letto di un ospedale / o sbriciolarsi di colpo tra le lamiere di una strada / io mi chiedo questo male che ti prende dentro / che non si vede e nessuno se ne accorge / la malinconia del cervello per l estate finita / di una vita col male dentro allo stare bene // sembra che tu abbia ogni cosa con i giorni che si aprono / nel sole rosso sopra l autostrada che riluccica / giorni che scendono alla sera sul rosso delle macchine luccicanti / sui campi di grano accarezzati dal vento / a disegnare con un pastello nel fondo delle ore / il lampeggiare celeste delle distese dei monti dove / un giorno vi siete incontrati vi siete scambiati / le lingue in bocca per prendere un unica strada / un unica voce a respirare insieme la saliva / dei figli lottare per allevarli perché non siano / figli del mondo sapendo stare al mondo / che vadano anche essi per la loro strada / e avanti ancora insieme fino a quella mattina/ / / i fiori che innaffiavi non sono più gli stessi hanno perso il profumo / non ti chiamano più avete smesso di parlare / e quel sole rosso che si alza è sempre freddo / un candelotto di ghiaccio in piena estate a forarti il cuore / a piantarsi nel cervello a farti un buco / un fosso non ci corre più nulla è vuoto / vi si infila il male del nulla / il nulla che ti mangia / non senti più nulla / sei diventato un nulla / un vuoto di nulla / nulla vuoto / vuoto / nulla // ( non ci capisco più nulla com è successo / come ho fatto a scivolare dentro al male / a farmi mangiare dal vuoto del nulla / che ti volevo bene ad ogni ora dei miei giorni / che non ho mai voluto male a nessuno / darei l anima al diavolo per capire / non c è mica una ragione / perché il Signore mi debba punire / dentro a questa bottiglia vuota senza fondo / della mia storia dei miei giorni tra la nebbia / dove si è perso il sapore del pane / delle cose del nostro stare insieme io non ci vado non ci vado in clinica / voglio guarire qui con voi qui a casa mia // un ora / un altra ora / un giorno giorno per giorno / hai piegato la schiena / rovesciato gli occhi a camminare / così intontita dalle medicine sei caduta e nessuno che ti risollevi / l anima caduta/il mal caduco che non dorme più la notte / una striscia nera sempre accesa / che ti aggroviglia con la paura / di tutte le cose di tutte le facce dei tuoi fantasmi / che non sai da dove vengano / ti aggrappi perché non ti portino via / al tuo letto a ciò che hai fatto a chi ti è vicino / a coloro che ancora ti vogliono bene ma si sono stancati / anche loro sono solo essere umani di pelle e ossa / come te pelle e ossa anche se mangi tutto il giorno / e anche la notte senza sfamarti mai / la fame della paura che ti mangia gli occhi fuori dalle orbite a cercare dappertutto / un posto dove fermarsi senza trovarlo / e si buttano a terra a strisciare sui ciottoli / sbattendo i piedi storditi cercando una strada / per andare avanti un altro po però nulla / ha più il sapore d una volta non ci credi / in ciò che dovrebbe arrivare per te nei tuoi giorni / dei

11 giorni con quel sole rosso sopra il sereno / non ce ne sono più soltanto un filo di nuvole grigie // ah se ci fosse davvero uno che fosse capace di raccontare davvero / l attimo in cui si esaurisce l amore per le cose / l amore per le persone del loro stare insieme / annegato nel vuoto di quel male che li divora / senza che se ne accorgano giorno per giorno un poco / così sottile da infilarsi in quella loro ferita rinsecchita / che non sanguina ma niente la chiude / mentre uno senza avere un posto si sposta / sempre un po più in là anche se vorrebbe / tornare indietro afferrare quei ciottoli che rotolano / per la loro strada senza poterli fermare / più in là più lontano nessuno che stia al loro passo / non c è nessuno a capire quei segni quei gesti / a credergli a inseguirli per non scivolare anche loro nel vuoto di quel fiasco sfondato // fermati! Dai dunque fermati un po torna indietro! Vieni con noi un altra volta che ti aspettiamo / o forse no ci siamo stancati anche noi come te / di questo male vagabondo che ci farà partire anche noi / per salvare almeno un giorno per poter dormire / una notte prima del buio della notte intera / e ci fa male la schiena a forza di stare qui / a far cenno a uno che non viene / e lo sappiamo se gli altri non ci sono / noi non siamo nessuno e se ci siamo per tutti / noi ci consumiamo come se non fossimo mai stati qui / chi è capace di essere in ciò che non siamo / in ciò che sono gli altri? Se anche noi partiamo con i tuoi ciottoli / come te finiremo in un burrone e invece / vogliamo tirarti su darti questa corda e tiriamo / ma tu tiri più forte e la nostra forza / ormai si è esaurita consumata da questa storia / e la corda che già ti tira per la vita / si attorciglia nei tuoi pensieri smarriti / nell ansito disperato del tuo respiro che non è capace / di tornare indietro di tornare a casa al suo posto / all ombra con coloro che forse l hanno atteso / che invece si lascia andare nel nessun- posto / della tua testa dove sembra / che piova sempre senza quel sole / e a forza di darci hai tirato la corda / ti sei bagnata e sei arrivata a nessun-posto // una farfalla quando piove / dove va come fa / a star su per aria / con questa acqua pesante che vien giù / come se non fosse mai piovuta / dopo la siccità che ha spaccato i muri / aperto delle crepe nella testa delle persone / e dove si poserà mai / la farfalla per non farsi schiacciare // e tu non ne avevi bisogno / era da tempo che da una crepa / della tua testa aveva spiccato il volo / la nostra voglia di stare insieme / e adesso sbatti la testa qua e là / senza sapere mai dove posarla / per un momento per tirare il respiro / in una chiazza di luce nel buoi / dei tuoi giorni smarriti che sono tutti una notte / senza mattino e poi girare intorno a quel calore illuminato abbracciarlo / trovare un po di pace addormentarsi / e per sempre bruciarsi le ali

12 ROM [Read only memory] (2005)

13 ROM (Read Only Memory) un dè un dè one dè one day some dè some day science some day technology some day science and technology some day science and technology un dè science and technology will help us defeating death some day no death anymore living forever one day un dè un dè some dè some day some day science and technology will la vita la mi vita l è töta a cve dentar dentar a st al cartel a st al cartlin zali una cartèla e un pez d vita un pez d vita e una cartèla la mi vita i mi dè i mi pinsir la mi storia incion u m l à putrà mai piò rubê incion dentar a la memoria d sta machina par sémpar nench se nench se a pinsêi ben u m tucarà d stêi adös parchè j è sémpar drì a cambiêr e va a finì che i mi file u n ì po piò lezar incion parchè a cve ogni dè i câmbia i cvél i gventi sémpar piò putent per la gioia del Grande Bill lui non ha confini non ha limiti lui non ha cancelli Bill non ha gates ah ah bona cvesta mo s t dê ment a lò u t fa murì parò l à rason lò e ogni dè u t fa una memoria piò putenta e u m tucarà d rinfrischê sémpar nench la mi

14 d dêi un pö d vita nova parchè u n s perda brisa la vecia rinfrischêr i file ah s a putes rinfrischê nench sta pel ch la chesca coma rimulèta come la forfora da i cavel e pu u m tucarà d rinfrischê sémpar nench l antivirus parchè cun töti ch al besti e chi bighet ch i t mânda u n s pö mai savê ch u n s epa da scanzlê gnacvël e pu mo s u s dà mo rompar e desch grând il disco rigido la mi vita la s romp nenca lì... la s spaca a mitè la sbrisla e la mi memoria in dóv a vala? in dóv a vala a finì la mi storia? e nench i mi sbëli ch a j ò fat in d a srai? ch u n cônta gnît chijchê control+alt+canc t a n i scanzel mai piò i sbeli u j è sémpar un back up ch u t frega e me? In d a veghi me? In d a veghi a finì me? no u n gn è inciona garanzeia parò me e pu me a so a cve dentar a so ste me a scrivar töta sta roba a metar dentar töt sti cvél töt sti file la mi storia me a so sta machina me e sta machina a sen sól un cvèl insen mo parchè pu a chijcadon u j areb d intaresê i mi cvél i mi file cvèl ch a scriv la mi vita dentar a un file word o un file video cun la mi storia la mi memoria? E la mi vos la vos d sta lèngva fisêda par sémpar int un file audio chi ch l arvirà mai piò cun Windows Media Player chi ch la capirà mai piò sta lèngva? ah se potessi cliccando salvarla clonarla inseminarla a tutti con essa iniettare il germe minoritario il senso della sconfitta di celtiche cellule monosillabiche l afflitta vita precaria del dire e del fare mo chi ch s i n frega d me dla mi lèngva dla mi storia? e sta cartela zala cun e nom in grând A M O R cun dentar toti al mi letar al mi mail d amor por pataca l è zà vuta a gli ò scanzlêdi me parchè l amor no stam fê ridar

15 l amore fam e piasê stando a odierne scienze del cervello come il ricordo e l emozione è soltanto un invenzione l amor l è sól un bacio perugino sanremo san valentino amare non è un verbo non lo dà il thesaurus del programma di scrittura cmândal a Bill clèca a lè Bill cvel di rastél lo e dà soltanto un aggettivo femminile e plurale amare uguale aspre acri amarognole esperienze del non amore e l à pröpi rason lò parchè a e mond l amor l è sól e cul tond dla star Nicole Kidman mo pu par chi pu stêr a salvê töta sta roba? chi ch s i n frega? e e mi blog? Chi ch a l lizarà? che za adës u n i gverda incion s l aves mo rason Palìta d Bagaten che nó a n sen gnît pr incion e a incion u n gn i n frega d gnît d nó ch a i segna o a n i segna a e mond nó a sen sól e fom dal zigaret e biasê dal ciacar felsi spargujêdi dnenz a un bar da e vent de sól... parò parò chi ch al sa? E se un dè me a fos bon d meti dentar chijcvèl di cvél di file piò viv ch i seia bon d dì da bon cum ch a sera me ch s a soia me? Una cartèla cun l udor de sudor dagli asel d cvânt ch a fseva incóra l amor o sinò int un étra un pö d sböra seca ch la dega che cvèl ch a lè a sera me e sól me chijcvèl ch l avânza a lè par sémpar parchè mo dai l è pu cvest ch a i aven sémpar avlù la nöstra voia d una vólta d aiir d dmân e d incù l è la voia d durêr incóra un pö d stêr a cve un étar dè a gvardêr st al stël e e sól livês sora e mer l è la nöstra voia d durêr un étar dè incóra d durê par sémpar ch la s fa fradel e surèli d Dolly e d töti al pigur chevri e purch fet cun e stampì l è cvèsta la nöstra voia ch la n murirà mai piò d campê par sémpar d stê par sémpar a e mond a cumprêr e a vend r e mond sól cvest étar che Telethon la ricerca pagata dal teleutente per lenire il dolore di se stesso dipendente mo parchè töta sta smânia d no gvintê sól dla rimulèta? perché questo bisogno di non essere soltanto forfora che cade

16 d no duvê tirê i zampet t e let d un bsdel o tra al lamir machêdi d una strê insangunèda? parò pr adës stasen chelum purten un po d pazenzia par cminzê intânt ch a spet a putreb pruvê d tenzam st j ultum cavel ch m è armast sóra a la plèda e sta pel ch a cve a l areb da fê tirêr un bisinin da cal burdëli de beauty farm ch al putred dêm nench un pö d botux a cve sota a st j oc chi pend e intânt ch a i so la n batrà za da lè i n farò dêr un bisinin nenca a sta machina ch a cve par rinfrischêi la pel dla su memoria parchè lì l a n s scurda brisa d me dla mi pel dla mi storia mo ind a andrala a finì mai la memoria di desch sbrislé ch starloca e di dischet di stick spaché o d töt i su parent ch i a vnirà a s pirdaràla nenca lì coma cvèla di s-cen ch i j a druvé drì de ziment giazê e bur insclì di tumben int un urna una caseta d legn cun dla zendra da spargujêr un dè pr i chemp d grân tra agli ond de mer o a ngn avanzaràl di pez (dal brisul di strez) par tânt che dura la su roba l inestimabile fiammella digitale ch e pê ch l a n sepa da finì mai piò? e a meti nenca insen töt chi bit e chi byte

17 a vniret a saver incóra chijcvèl something chijcvèl dla lengua d chi s-cen ch i a finì d dit cvèl ch i n t dà piò la vos some day some dè one day un dè?

18 ETERNIT ( )

19 fura stason l è un ôra ch la n basta piò sbusanêda dal foi strachi morti una par una al s acartoza senza rimision e figh e cocal e mor cvel ch j à fat j à fat e pu u n i srà piò gnît a tnì badê ste sól ch u n s straca mai d brusês int e mezdè afughê d buldez insprì dal mosch a la pastura de nöst sudor impiê t al ciacar senza fil tânt ch a sintê s-ciaflês e merz dj ultum figh dnenz a l os de bar e sbrislês par tëra a la mòta cun na böta sorda e crucifes d ceramica a pinsêj ben l era atach cun na reza stila cum è l eria a pinsêj ben l à tnù nench tröp u s tucarà d pruvê d tachêr nench insen cun e Bostick j avenz d chi cvatar pez chi ch al sa s e cuntarà nench s e pê ch u n seia suzest gnît d pösta e la porbia ch a magnn l è sempar cvela armisclêda a la nafta negra di chemion ch i s amola a tot agli or pr andê a carghê cvel ch i n sa gnânca lô besta ch i j pega a sen a e mond sól par cvest a pinsêj ben cvel ch a vlen parò l è putêr stêr in sdê a cvè incóra un dè stê d astê dnenz a e bar a sgvicê al braghet dal sposi ch al cala zò da i furastrê ins e parcheg de Conad (e a n al s vólta miga in là) o un cvel pu che seia un segn che cun al foj ormai vilidi e piova e sens d un étar dè che al sposi al monta nenca so e sugnê cun la fujaza meza morta tra i dent d putês fêr incóra una pugneta par no duvê pinsê d avê la sgrezia d vdêr un étra gvèra prema d tirê i zampet

20 Fuori stagione È un ombra che non basta più/ bucata dalle foglie stanche morte/ una ad una si accartocciano/ senza compassione il fico il noce il moro/ quello che hanno fatto hanno fatto e poi non ci sarà più nulla/ a tenere a bada questo sole che non si stanca mai/ di bruciarci nel mezzogiorno affogato d afa/ inviperito dalle mosche alla pastura/ del nostro sudore rappreso nelle chiacchiere/ senza filo mentre sentiamo spiaccicarsi/ il marcio degli ultimi fichi/ davanti alla porta del bar e sbriciolarsi per terra all improvviso/ con un colpo sordo/ il crocefisso di ceramica // a pensarci bene stava attaccato/ con uno spago sottile come l aria/ a pensarci bene ha tenuto anche troppo/ ci toccherà di provare a ricongiungere

21 insieme col Bostick/ gli avanzi di quei quattro pezzi / chissà se servirà anche se sembra/ che non sia successo nulla affatto/ e la polvere che mangiamo è sempre quella/ mescolata al diesel nero dei camion/ in partenza a tutte le ore per andare a caricare/ quello che nemmeno loro conoscono basta che paghino/ siamo al mondo solo per questo //a pensarci bene quello che vogliamo però/ è potere stare seduti qui ancora un giorno/ stare davanti al bar a guardare di sottecchi/ gli slip delle donne giovani che scendono/ dai fuoristrada nel parcheggio del Conad/ (e non si voltano mica dall altra parte)/ o una cosa qualsiasi un segno/ che con le foglie ormai avvilite/ piova il senso di un altro giorno/ che le donne risalgano in auto/ e sognare col toscano mezzo spento/ tra i denti di poterci fare ancora una sega/ per non dovere

22 pensare d avere la disgrazia/ di vedere un altra guerra prima di tirare le cuoia d cov dlà pröpi dlà t an i ve piò u n s va piò d là miga ch u s andes chisà in dóv mo a vut metar da che rivel de fion ch è là gvardêr in zò Velafrânca Sân Marten fasend un sforz t arivivti fena a Furlè

23 e pu l autostrê cun al scret ins i TIR a dis e mond l era sól na pasarëla cvatar dida sóra l acva ch la faseva un gorgh pröpi a lè d s-ciöta e in do e do cvatar i l à tirata zò parchè u n s fega mêl incion u n s va piò d là e tra e fôn de fen brusê ch u t imbariega coma marjuana t vì pasê on che cor a pè (ind a ndràl mo nenca lô?) du ch int una machina i va a ciavê a e lôn de bur un cazador cun la chègna a spintê i fasen ch i n gn è e te povar ciù adës u t toca d stêr in sdê ins e rivel da d cva senza savê piò dóv andê in fondo di là proprio di là non ci andrai più // non si va più di là / mica che si andasse / cissà dove / ma vuoi mettere / da quell argine del fiume / là guardare in giù / Villafranca San martino / facendo uno sforzo / arrivavi fino a Forlì / e poi l autostrada / con le scritte sui TIR / a raccontarci il mondo // era soltanto una passerella / quattro dita sopra l acqua / che faceva un gorgo / proprio lì di sotto / e in due e due quattro / l hanno abbattuta perché / non si faccia male nessuno // non si va più di là / e tra il fumo del fieno bruciato / che ti inebria / come marjuana / vedi passare uno che corre a piedi (dove andrà anche lui?) / due che in una macchina / vanno a chiavare al lume del buio / un cacciatore con la cagna

24 / a scovare fagiani che non ci sono / e tu povero coglione adesso / ti tocca di stare seduto / sull argine di qua / senza sapere più dove andare giaz e pu un sren un vent insclì da la Siberia a tajê al biastem palet vânga sél gnînt u n conta gnît t agli é pruvêdi toti u s scorga a malapena gnacvël brusé

25 l erba ingiarida l è rezna la rôda pighêda d un trator sminghê lè da chi burdel una latina d bëra pianté t e biânch cios la lengva la s impasta int e fred sot al letar al s ingiares parsuniri de sech al chesca par tëra al s-ciöcla al sbrisla u ngn avânza gnît sol j oc a sbalinê cvel ch u t pasa par la tësta ghiaccio e poi un sereno / un vento gelido dalla Siberia / a tagliare le bestemmie // badile vanga sale / niente non conta niente / le hai provate tutte / si scortica a malapena / ogni cosa bruciata / l erba pietrificata / è ruggine / la ruota piegata / di un trattore dimenticato lì / dai bambini / una lattina di birra / piantata nel bianco sporco // la lingua si impasta / nel freddo asciutto / le lettere si raggrinziscono / prigioniere del secco / cadono per terra / si schiantano / si sbriciolano / non ci rimane nulla / solo occhi a balenare / quello che ti passa per la testa

26 cumpâgn (cum a t l òja da dì parchè i fiul j avnud un dè il posa capì nenca lô ) la dmenga alóra l era stê d astê tot e docmezdè che lò e turnes da zovna da menopausa ormai

27 prema d perdar e ridar d pösta nöstar pê sot un timpurel cun la bicicleta da corsa stirend dnenz a la television in biânch e negar la cusèna economica amorta cun i coz stis in sò ad asughês e dal vólt me a vneva d s-ciota da i livar avirt a butet un oc cun la s-ciusa d avlêr magnêr un bcon un trocal d pân cun e furmai a cmândet un cvel ch a saveva cabëla giosta par sintì la tu vos a suciê do dida d cafè negar giazè mort e te fura dla finèstra t avdivta i dè ch i sreb avnù nó ch a s sresmi avié senza savêr da bon in dó andês al dmengh docmezdè adës agli è e mél dagli òs l artrite l osteoporosi ch a t al mâgna dop al parol persi la matèna cun e ritrat d tu marid int e câmpsânt la risignazion d stêr a e mond senza un parchè sól par lavurê senza avê mai avlù savê che a cvè u j è chi ch sta ben ch i gli à pruvêdi töti ch i s è cavê töti al voi stirend dnenz a la television e mêl a culur e mi Signor t si bona d dì t scos la tësta t sbas j oc sóra e fër New York Sarajevo Kabul Jenin o in dó ch e srà l è cumpâgn e cvest l è stê gnacvël lo stesso (come te lo devo dire/ perché i figli i nipoti un giorno/ possano capirlo anche loro )// la domenica allora era stare ad aspettare/ tutto il pomeriggio che lui tornasse/ da giovane da menopausa ormai/ prima di perdere del tutto il sorriso/ nostro padre sotto un temporale/ in bicicletta da corsa/ stirando davanti alla televisione/ in bianco e nero/ la cucina economica spenta/ con i piatti stesi sopra ad

28 asciugarsi/ e delle volte io scendevo di sotto/ dai libri aperti a darti uno sguardo/ con la scusa di voler mangiare un boccone/ un pezzo di pane col formaggio/ e chiederti qualche cosa che già conoscevo/ giusto per sentire la tua voce/ a succhiare due dita di caffè nero freddo/ e tu fuori della finestra vedevi i giorni/ che sarebbero venuti noi che ce ne saremmo andati/ senza sapere davvero dove andare // le domeniche pomeriggio adesso sono il male alle ossa/ l artrite l osteoporosi che ti divorano/ dopo le parole perse al mattino/ col ritratto di tuo marito al cimitero/ la rassegnazione di stare al mondo/ senza un perché soltanto per lavorare/ senza aver mai voluto sapere/ che qui c è chi sta bene/ chi le ha provate tutte/ chi si è tolto tutte le voglie/ stirando davanti alla televisione/ il male a colori/ mio Dio sei capace di dire/ scuoti la testa abbassi gli occhi sul ferro/ New York Sarajevo Kabul/ Jenin o dove sarà/ fa lo stesso/ e questo è stato tutto mountain bike ach paról ëli mai cvesti ch al t arvólta la lèngva in boca ch al t s arvólta contra ch a n t al dis piò gnît fasend cont d dìt gnacvël

29 (i n t à det gnît i n t fa vdê gnît t a n a se brisa o t fê l ingian) e ló al va so coma al lumegh al s agrapa nench pr al murai al lesa l asfelt cun la lèngva cun la beva d un presentador d television agli à un câmbi ch u n là gnânch la tu mountain bike al t dis un cvel par dit an un étar l arversa de su pinsir e Brecht u s è za vié nenca ló cun te sól un nom ins e bartì dla sucietè ciclestica e imbâcônt t al purt arvultê indrì mountain bike che parole sono mai queste / che ti rigirano la lingua in bocca / che ti si rigirano contro / che non ti dicono più nulla / facendo conto di dirti tutto // (non ti hanno detto niente non ti fanno vedere niente / non lo sai o fai l indiano) // e loro vanno su come lumache / si arrimpicano anche su per i muri / lisciano l asfalto con la lingua con la bava / di un presentatore televisivo / hanno un cambio che non l ha nemmeno / la tua mountain bike / ti dicono una cosa per dirtene un altra / il rovescio del suo pensiero // e Brecht se n è già andato /

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello)

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello) IN COMUNE Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Ciao, Bogosò, come stai? Io sto bene e tu? Questi sono i miei bambini: Fortunato e Faduma. La mia bambina, invece, è a casa. Che cosa fai in

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Giovanni Nadiani Guardrail

Giovanni Nadiani Guardrail Giovanni Nadiani Guardrail Introduzione di Flavio Santi Cosa succede quando si ha l impressione di avere tra le mani qualcosa di importante? A me è successo con questa raccolta di Giovanni Nadiani: un

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

01 La tazzina di caffè * * Descrivi la foto. Ti sei mai seduto al tavolino di un tipico bar italiano? Com è? Qual è l atmosfera che si respira?

01 La tazzina di caffè * * Descrivi la foto. Ti sei mai seduto al tavolino di un tipico bar italiano? Com è? Qual è l atmosfera che si respira? 01 La tazzina di caffè Descrivi la foto. Ti sei mai seduto al tavolino di un tipico bar italiano? Com è? Qual è l atmosfera che si respira? Al bar per Quali sono i motivi principali per cui ti siedi al

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli