Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi."

Transcript

1 1

2 Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi. Gianni Rodari- Grammatica della fantasia 2

3 PREFAZIONE L idea di questo lavoro nasce durante una semplice lezione di italiano sollecitati dalla prof. a compiere un viaggio con la Fantasia rimescolando le carte di Propp come fossero le carte da gioco, scarabocchiando, scrivendo, riscrivendo, inventando, trasformando situazioni, paesaggi, personaggi.. Pian piano le nostre idee hanno cominciato a prendere forma, ne sono usciti orchi, maghi, folletti, animali parlanti, castelli, principesse, cavalieri e i fogli bianchi si sono riempiti di inchiostro. 3

4 Il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti. Albert Einstein 4

5 Introduzione Preparati, caro lettore, stai per entrare in un altro mondo, in un mondo di orchi, draghi, giganti e maghi. Non so perché hai aperto questo libro, ma posso dirti che non te ne pentirai. Ci sono fiabe di tutti i tipi, create non da adulti esperti, ma da ragazzi di prima media, la 1 A. Spero che questa raccolta ti piacerà come è piaciuta a me. Gira la pagina e inizia a leggere Annamaria Grana 5

6 ISTRUZIONI PER L USO Caro lettore, prima di girare pagina soffermati un attimo,.ascolta.ti spiegherò il metodo con cui abbiamo montato e smontato le favole e le fiabe che leggerai. Abbiamo cominciato con lo studiare la definizione, la favola è un racconto solitamente breve che ha come protagonisti animali parlanti che si comportano da uomini. Tanto tanto tempo fa, quando nacque, la favola veniva usata per esprimere idee, sentimenti, emozioni di chi raccontava e voleva trasmettere insegnamenti ad altri. I due più grandi scrittori di favole furono Esopo e Fedro, due schiavi. In seguito abbiamo svolto parecchi esercizi utilizzando il nostro libro, le nuove tecnologie, internet e gli I Pad. 6

7 Abbiamo letto varie favole e attribuito aggettivi, vizi e difetti umani ai vari animali, che poi diventarono i vari personaggi dei testi inventati. Spero di essere stata abbastanza chiara, ti auguro una buona lettura e spero di rivederti presto mentre sfogli il nostro umile libro. Giulia Guandalini. 7

8 Il pavone, il coniglio e il maiale In una fattoria viveva un pavone molto vanitoso che pensava di essere l'animale più bello del mondo. Gli animali del bosco Nel bosco vivono molte specie di animali come ghiandaie, corvi, gazze ladre, civette ecc... Un giorno una ghiandaia stava raccogliendo le provviste per l'inverno quando ad un certo punto arrivò la gazza ladra che le rubò qualche provvista e scappò via. La gazza ladra non aveva brutte intenzioni, ma visto che le altre della sua specie le rubavano il cibo e per questo non mangiava, era costretta ad andare in giro per il bosco a rubare il cibo ad altri animali. Il giorno dopo passò di lì e incontrò la ghiandaia che chiese: - Perchè mi hai rubato le provviste per l' inverno? - Perchè quelli della mia specie non mi lasciano mangiare-, spiegò la ghiandaia Me lo potevi dire che te ne avrei dato un po'- ribadì la gazza chiedendo: Vuoi fare pace? -Sì, facciamo pace -. Così la gazza andò al nido con le provviste. Federica e Riccardo Aveva due amici, il coniglio e il maiale che per non recargli offese, lo assecondavano, anche se si erano stancati di avere come amico un animale che si dava tante arie. Sapevano che senza di loro che gli facevano i complimenti, lui sarebbe stato rovinato. Un giorno il pavone continuando ad elogiare la sua bellezza, si mise a prendere in giro anche i due amici di sempre, così si stancarono e gli dissero che non sarebbero più stati suoi amici. Il pavone li implorò, ma loro non cambiarono idea, si trovarono come amica una lepre un po' strana, il pavone si chiese come facevano ad essere amici di quella. Anche il coniglio e il maiale non si trovavano bene con lei, ma per dispetto al pavone facevano finta di essere amici. Il pavone come tutti i giorni andò a vedere come si trovavano con la lepre, un giorno li vide litigare perchè la lepre aveva rubato il cibo al coniglio, allora come avevano fatto con lui se ne andarono. Il pavone per chiedere scusa fece dei regali a tutti, al coniglio offrì del mangime di alta qualità, invece al maiale diede della biada di straordinaria bontà. Il coniglio e il maiale gli dissero che era un pavone vanitoso, ma molto raffinato, così riconquistò la loro fiducia 8

9 promettendo che non li avrebbe più presi in giro. Da quel momento diventarono ottimi amici e lo rimasero per sempre. Chi si in loda si imbroda. Giordano e Lorenzo conosco un posto bellissimo, vieni con me. Il cane saltò in groppa al cavallo e partirono per una passeggiata. Bau e Padamia Z tornarono nella stalla, si misero a mangiare,a ridere e giocare insieme. E' nata una nuova amicizia!!!!!! Il cane e il cavallo Giulia Granini, Sacchi Irene Maria Un cane di nome Bau con la padrona stava passeggiando per una strada di campagna che portava alla stalla. Giunti là, Bau entrò e abbbaiò a un cavallo di nome Padamia a Z. Il cavallo si arrabbiò perchè pensava che il cane gli avesse detto che era brutta! A un certo punto arrivò la padrona che disse: Sta tranquilla Padamia a Z, è solo il nuovo arrivato Bau!. Quando la padrona se ne andò, Padamia a Z gli chiese : Perchè mi hai detto che sono brutta?. Il cane gli rispose : Ma io non ti ho detto che sei brutta ti ho solo salutato con un caloroso ciao!!!!!!! Vuoi essere mia amica?. Padamia Z ribattè: Scusa avevo capito che tu mi avevi detto che ero brutta, ma certo!!!!! che voglio diventare tua amica!!!, Ti va di andare a fare una passeggiata? Io 9 Il leone, il coniglio e la giraffa Un leone molto saggio, sempre pronto ad aiutare gli amici, trovò un coniglio con gli occhi rossi e tremante. Era tra due cespugli verde scuro, era nascosto, il leone non riuscì a capire cosa stesse succedendo. Allora si avvicinò lentamente al coniglio, alzò la zampa e la appoggiò sul dorso del coniglio, esso prese uno spavento e rimbalzò dall'altra parte del leone. Il leone gli disse : <<Ti ho visto prima che eri molto spaventato ed eri nascosto, perchè?>>. Il coniglio titubante rispose: <<Io spaventato, ma da dove...va beh te lo dirò. vedi quella giraffa, mi piacerebbe avere dei veri amici e ho pensato subito a quella giraffa>>. <<Dov'è il problema?>>.il coniglio ribattè <<Il problema è che quella giraffa è molto alta>>.il leone rispose: <<Posso aiutarti io >>, e il coniglio<. <<Oh, grazie mi faresti un vero piacere..>>. Il leone e il coniglio si misero in cammino fino a trovare la giraffa. Dopo dieci minuti il coniglio disse al leone <<Guarda è quella la giraffa che voglio conoscere>>. Il leone e il coniglio piano piano si avvicinarono per non spaventarla. La giraffa li vide e intervenne: <<Cosa volete?>>, il leone gli spiegò: <<Il coniglio vorrebbe fare amicizia con te>>. La giraffa sorridente

10 chiarì: <<Ma io sono lunga e il coniglio è basso, il leone ribadì <<Non importa la lunghezza, ma ciò che conta è essere amici>>.la giraffa riflettè un attimo, intanto il coniglio raccolse dei fiori per offrirli alla giraffa. Il coniglio le si avvicinò e le chiese di fare amicizia, la giraffa gli rispose: <<Grazie per i fiori, accetto di essere tua amica>>. Il coniglio ringraziò il leone e gli disse: <<Quando dovrò fare amicizia con qualcuno chiamerò sempre te per aiuto>>. Il leone rispose: <<Non c'è di che.. beh allora ci vediamo, ciao a presto!!!>>. Il coniglio felice di aver fatto amicizia con la giraffa piano piano imparò che si deve sempre avere coraggio e mai aver paura. troppo ciccione e brutto!. L orso ormai arrabbiato, rispose: Stai zitto leone perché tu non hai diritto ad insultarmi. Tu sei grosso, sporco e stupido e l orso se lo mangiò. Non bisogna mai giudicare se non si è giudicati Giacomo Savorelli & Annamaria Grana Ikram, Jessica come avevano fatto con lui se ne andarono. Il pavone per chiedere scusa fece dei regali a tutti, al coniglio offrì del mangime di alta qualità, invece al maiale diede della biada anch'essa di alta qualità. Il coniglio e il maiale gli dissero che era un pavone vanitoso, ma molto raffinato, così riconquistò la loro fiducia promettendo l che non li avrebbe più presi in giro. Da quel momento diventarono ottimi amici e lo rimasero per sempre. Giordano e Lorenzo La morale di questa favola è: chi si in loda si imbroda. La vanità è il più brutto difetto C era un leone vanitoso che, credendosi superiore criticava un asino. Un gufo saggio gli consigliò di smetterla, ma lui se lo mangiò. Giorni dopo arrivò un orso enorme e il leone gli disse: Vattene, sei 10 La formica vanitosa Una formica molto vanitosa, un giorno incontrò una pecora. -Ciao amica pecora. Hai visto come sono bella e intelligentedisse la formica. La pecora rispose- Ops! Scusa, non ti avevo visto! -Così dicendo la calpestò. :-Ti ho per caso fatto male?- disse la pecora.-no, non mi hai fatto male però, sono ancora bello come prima?- chiese la formica. La pecora rispose che lei non poteva vedere perché era troppo piccola. Così la formica se ne andò in giro per il paese chiedendo se era bella, ma nessuno le rispondeva e tutti si mettevano a ridere a questa richiesta. Ad un certo punto la formica si specchiò in una pozzanghera e vide che il suo viso era molto brutto e piatto, per questo si mise a piangere. Mentre passeggiava incontrò un gruppo di formiche brutte come lei, che giocavano felici; allora la formica chiese loro:-come mai siete così felici? Io mi vergogno di essere così brutta.- le formiche le risposero :-Cara amica, non ti

11 devi vergognare se sai di essere una bella persona dentro di te-. La formica si rese conto che avevano ragione. Così decise di voler restare con chi la apprezzava per quello che era veramente. Massimo Hu, Giulia Guandalini La pecora e lo scoiattolo Un giorno una pecora incontrò uno scoiattolo molto affamato e gli chiese Perchè sei così affamato? Gli rispose: Ho giocato tutta l'estate e non ho raccolto cibo per l'inverno. Prese lo scoiattolo sulla schiena e lo portò nel suo recinto e gli offrì dell'erba da mangiare. Finito di mangiare la pecora accompagnò lo scoiattolo a casa sua, ad un tratto la pecora cadde nel fosso, lo scoiattolo chiamò i suoi amici, il lupo For, l'orso Pippo e il castoro Gian. Presero una rete e tirarono su la pecore, videro che aveva una zampa rotta. La portarono dal coniglio Perondi che era il dottore, le disse che doveva stare un mese con il gesso. Alla fine tutti insieme festeggiarono il giorno di NATALE, mangiando tanta carne e tante noccioline. Mattia, Jacopo CHI TROVA UN AMICO TROVA UN TESORO Un giorno un leone scappò dallo zoo, perchè non riusciva più a vedere persone che continuavano a girare per lo zoo e a fotografarlo. Dall'altra parte del paese un mulo, stanco di essere sfruttato dalla sua padrona scappò. I due animali si scontrarono, il leone infuriato disse: Ehi tu brutto mulo, non ci vedi?, il mulo rispose: Ehi tu come ti peeeee.rr, oh scusa! La prossima volta sarò più attento!. Il mulo spaventato corse via, il leone però gli spiegò che non era cattivo, che voleva semplicemente avere un amico e tornare nella savana con lui. Il mulo si fermò e si girò pensando Ma tutti i leoni sono cattivi!!!! E LUI? Sarà un inganno! Scappò a gambe levate, ma continuò a pensare alle parole del leone. Il mulo ormai stanco si sedette su una collina e guardò il tramonto. Anche il leone si stancò di vagare per il paese e di cercare il mulo. Vide un animale non aveva idea di chi fosse, pensò Tanto se vado vicino a quell essere avrà paura di me!!!!!! Il mulo si alzò e si girò verso il leone. Si incontrarono e si abbracciarono. Disse il mulo: Ma dove eri FINITO?? Ti ho cercato tantoo!!!!. Il leone ribattè con le stesse idee e camminando per la strada deserta cominciarono a parlare di molte cose. E da quel giorno diventarono AMICI. E da lì nacque una nuova amicizia!!!!!!!!! Nida, Alessandra 11

12 Il leone e il ghepardo Un giorno un leone e un ghepardo si incontrarono nella foresta. Il leone disse : - Cosa ci fai qui? Il ghepardo rispose : - Sono venuto a cacciare. E il leone ribattè: - Anch'io E il ghepardo disse : - Ora guarda e impara. Il leone allora cominciò a parlare insultandolo: - Non riusciresti nemmeno a prendere una lumaca Il ghepardo si arrabbiò e iniziarono a lottare. Il leone gli diede uno schiaffo, il ghepardo lo graffiò sotto la pancia. Nel frattempo arrivò una lepre e smisero di lottare per un attimo. Tutti e due erano pronti ad attaccare e iniziarono a correre dietro la lepre per catturarla. Ma, ancora arrabbiati l'uno con l'altro, continuavano a scontrarsi e persero la lepre. Alla fine della lunga corsa il ghepardo urlò: E tutta colpa tua!!!. E il leone replicò: Basta incolparci a vicenda.e' colpa di tutti e due. Così fecero pace e lo rimasero per sempre. la morale è chi trova un amico trova un tesoro Thomas e Tajamal Azzurrina e il Mortalaio La principessa era vestita di azzurro, il suo colore preferito; era una ragazzina che adorava stare all'aperto e giocare tutto il pomeriggio con Elfis. Anche a Elfis piaceva stare tutto il pomeriggio con lei. Si divertivano un mondo insieme. Un giorno di tardo pomeriggio i due ragazzi si inoltrarono nel bosco per tornare a casa. L'elfo voleva accompagnare Azzurrina al castello per assicurarsi che non si sarebbe persa. Infatti il re gli aveva dato il compito di rimanere sempre accanto a lei così sarebbe stato più tranquillo. Purtroppo si persero e andarono nel rifugio del Mortalaio, un mostro che viveva nel Bosco Senza Anima. C'era una volta tanto tempo fa in un boschetto con un ruscello una principessa di nome Azzurrina che giocava a nascondino con il suo migliore amico elfo chiamato Elfis. 12

13 IL CONTADINO E LA SUA AVVENTURA C'era una volta tanti, tanti anni fa ai piedi dei monti Nevosi un povero contadino di carattere generoso, infatti aiutava come poteva tutti quelli che avevano bisogno di qualcosa. Purtroppo il padre era gravemente malato. La principessa Azzurrina venne rapita dal Mortalaio, Elfis non ebbe il tempo di combattere che il mostro gli mandò un incantesimo che lo fece cadere a terra svenuto. Il mostro era brutto, alto e pieno di alghe come se fosse riemerso dalla Palude Nera. Elfis, quando si risvegliò, entrò nella tana convinto di salvare Azzurina, trovò un portale per lo spazio e senza pensarci due volte lo oltrepassò. Vide il Mortalaio con Azzurrina, ma era molto difficile raggiungerlo perchè nello spazio non c'è gravità. Elfis allora si ricordò che la sua piuma era magica e poteva lanciare incantesimi sul Mortalaio e camminare nello spazio. Così si avvicinò e lanciò l'incantesimo ad Azzurrina che potè scappare dalle mani del mostro. Elfis lanciò l 'incantesimo: Mortalis Eternitus. Il mostro rimase stecchito e la principessa fu salva. I due tornarono a casa e furono per sempre felici e contenti. Giulia Giulia Guandalini, Alessandra 13 Consultò il saggio del villaggio, che gli consigliò di trovare il filo dell'erba della lunga vita. Quindi decise di partire, prese poche cose per il viaggio, salutò i familiari e lasciò il villaggio. Cammina cammina, giunse in un bosco fitto di alberi e cespugli. Al tramonto, mentre cercava un luogo dove passare la notte, vicino a un albero cavo, si imbattè in una vecchia gobba e piccina, con un grosso carico di legna da trasportare. Aveva molto fretta, perchè il sole era ormai calato ed il freddo era sempre più intenso, ma non se la sentì di abbandonare la vecchia e si fermò ad aiutarla. Quando ebbe finito la vecchia lo ringraziò e se ne andò; era ormai notte fonda e non gli restò che cercare di addormentarsi vicino all'albero cavo. Quando al mattino si risvegliò, trovò un chicco di melograno appoggiato sul suo bagaglio a accanto un biglietto su cui era scritto:<< Questo chicco di melograno è per chi agì come un figlio: rende forte e spaventoso chi lo porta più di dieci giganti

14 nel momento del periglio>>. Il contadino capì che glielo aveva lasciato la vecchia della sera prima e riprese fiducioso il cammino. Cammina cammina, attraversò nove boschi e nove valli ed alla fine giunse a una valle disabitata dove viveva Nasoadunco; un malvagio stregone, che trasformava in statua di sale tutti gli incaunti che gli capitavano vicino. Tutto il popolo era terrorizzato da questo cattivo tiranno, ma nessuno osava ribellarsi. Anche il contadino era un po' intimorito, ma pensando alla sua missione, si fece coraggio e avvicinò lo stregone. HannAppena lo vide, lo salutò rispettosamente e gli spiegò il motivo per cui aveva intrapreso quel lungo e faticoso viaggio: il padre era gravemente malato perciò era sua intenzione trovare l'erba della lunga vita, ma Nasoadunco non lo fece quasi finire di parlare che lo legò e sghignazzando orribilmente gli disse: << Sciocco e presuntuoso di un contadino, ti darò l'erba della Lunga Vita, a patto che tu superi questa prova: legato e senza muoverti dalla tua prigione, dovrai tagliare tutti i rovi spinosi del giardino. Ma ti avverto: se non ci riuscirai morirai terribilmente domani stesso>> E se ne andò ridendo crudelmente. Quando Nasoadunco se ne fu andato il contadino, pianse amare lacrime di disperazione tutta la notte, perchè capiva che la morte si avvicinava, ma ecco che dietro la porta della sua prigione sentì una vocina sottile sottile: era quella della vecchia che gli disse:<< Figlio caro, non 14 temere corri a fare il tuo dovere, chi ha agitato come un figlio, non sia solo nel periglio>> E subito dopo, comparve un'altra vecchia come lei, seguita da un'altra e poi da un'altra ancora, finchè furono 100, tutte insieme si misero a tagliare tutti i rovi spinosi, sicchè in quattro e quattr'otto il lavoro fu completato. Quando l'indomani il malvagio stregone vide che il contadino aveva superato la prova, andò su tutte le furie e decise di uccidere lo stesso il contadino, ma questo fu più svelto di lui: appena fu condotto in sua presenza tirò fuori il dono ricevuto dalla vecchia, il chicco di melograno che rende forte e spaventoso chi lo porta più di dieci giganti e Nasoadunco, per quanti sforzi facesse non riuscì ad avere la meglio. Non gli restò perciò che darsi alla fuga, abbandonando il paese. Fu così che il contadino recuperato il filo d'erba della Lunga Vita se ne tornò al suo paese carico di tutti i doni regalatigli dagli abitanti del luogo, felici per la libertà che

15 egli aveva procurato loro. Consegnò l'erba magica a suo padre, che subito cominciò a sentirsi meglio e in poco tempo guarì. E il malvagio stregone? E' ancora lì che scappa. Ikram, Jessica Era molto temuto da tutti anche nella sua dimensione e voleva arrostire i bambini per poi mangiarseli. Scena 4 Gandalf giunse alla sua tana e lo riempì di timore facendolo scappare. I bambini lo ringraziarono e lo abbracciano Li riportò a casa. Scena 5 Molti anni dopo i due fratelli erano ormai diventati adulti ed erano capaci di badare a se stessi. Quando loro padre morì lo seppellirono nel fiume, vissero felici e contenti nel ricordo del padre ricordando il so aiuto e i suoi insegnamenti. I bambini e la mamma Scena 1 C'era una volta una mamma che aveva due bambini: Ikram e Llory, entrambi erano molto brutti. Un giorno mentre stavano andando al supermercato, incontrarono un drago venuto da un'altra dimensione che li rapì. Scena 2 La signora chiese aiuto a suo marito, Gandalf che partì per le Rupi Rocciose piene di insidie e pericoli, ma anche tana del drago a tre teste. Scena 3 Il drago era grande e grosso e aveva un alito che puzzava di aceto, cipolla e aglio. Annamaria, Giordano Il castello magico C'era una volta un castello tutto rosa con delle bandiere sopra le torri. Vi abitavano delle creature fantastiche: elfi, fate e bambini fantastici. 15

16 C'erano anche un re e una regina. Gli elfi avevano il compiti di portare il cibo al re e alla regina e avevano la magia di renderlo più gustoso. I bambini fantastici, invece, dovevano farli divertire e con la loro vocina rendevano lo spettacolo più divertente. morì e il castello tornò al posto precedente, la regina, il re e le creature la ringraziarono e ora sanno di essere al sicuro con il gatto, cioè la fatina. TUTTI VISSERO FELICI E CONTENTI. Al castello c'era anche un gatto che aveva la magia di sorvegliare il castello, ma gli abitanti non lo sapevano. Quando c'era il pericolo un mago lo trasformava in una fatina. Un giorno, mentre il gatto girava per il quartiere sentì una sensazione di pericolo. Arrivò il mago, lo trasformò e disse:<<attento! Il castello è in pericolo vai e salva il paese!!!>> Sfortunatamente lo stregone era già arrivato. Era alto e magro, aveva i capelli grigi e sporchi. Aveva uno sguardo lugubre e indossava una vestaglia tutta nera con un mantello viola. La magia oscura era all'interno del bastone. Lo stregone si chiama Felix e voleva trasportare il castello nelle profondità del fiume. La fatina andò al luogo del castello ma non lo trovò. Lo cercò in tutto il paese, ma neppure lì c'era. Camminando senza speranza e senza meta cadde in una buca grossa che in realtà era un portale. La portò in un bosco. Sorpresa c'erano Felix e il castello sotto al fiume. La fatina con la sua bacchetta magica lo colpì, ma la sua magia oscura era più forte di quella di Felix. La fatina si arrestò e pensò a come fare, a un certo punto si ricordò di una magia molto potente, la provò e funzionò. Felix 16 Il Cavaliere Misterioso Ikram, Irene C'era una volta un cavaliere molto abile e saggio che si innamorò della figlia del mago Merlin. Il mago non era d'accordo. Un lupo mannaro rapì la figlia del mago, il cavaliere le voleva tanto bene che chiese a Merlin se poteva andare a salvarla. Il mago rattristato gli disse di andare a salvarla durante il matrimonio. Il cavaliere trovò il lupo mannaro: era brutto e cattivo e non aveva paura di niente. Stava legando la figlia di Merlin a un tronco molto spesso. Il cavaliere arrabbiato arrivò nel bosco e vide la figlia di Merlin

17 legata a un tronco, il lupo appena lo vide lo affrontò, il cavaliere era possente e molto abile con la spade e la lancia. Il cavaliere uccise il lupo mannaro e sposò la figlia di Merlin. E vissero tutti felici e contenti Giacomo, Massimo & Jacopo IL MERCANTE E IL GIGANTE C era una volta, ai tempi di Abacuc, oltre le Foreste Nere, viveva un giovane mercante di carattere molto intelligente che non aveva paura di nulla, nemmeno del Drago Sputafuoco. Purtroppo il padre era gravemente malato. Consultò il saggio del villaggio che gli consigliò di trovare l elisir della Buona Salute. Quindi decise di partire, prese poche cose per il viaggio, salutò i familiari e lasciò il villaggio. Cammina cammina, giunse in un bosco fitto di alberi e cespugli. Al tramonto, mentre cercava un luogo dove passare la notte, vicino a un monticello erboso si imbattè in una capretta bianca bianca, che non riusciva ad attraversare un torrente impetuoso. Aveva molta fretta, perché il sole era ormai calato ed il freddo era sempre più intenso, ma non se la sentì di abbandonare la capretta e si fermò ad aiutarla. Quando ebbe finito la capretta lo ringraziò e se ne andò; era ormai notte fonda e non gli restò che cercare di addormentarsi vicino al monticello erboso. Quando al mattino si risvegliò, trovò un dente del drago appoggiato sul suo bagaglio e accanto un biglietto su cui era scritto: Questo dente del drago è per chi agì come un figlio: rende invincibile chi lo porta e toglie ogni potere a qualunque avversario nel momento del periglio. Il giovane mercante capì che glielo aveva lasciato la capretta della sera prima e riprese fiducioso il cammino. Cammina cammina attraversò nove boschi e nove valli ed alla fine giunse a Lagonero dove viveva Testagrossa, un perfido gigante che si divertiva a schiacciare quanti non facevano in tempo a scansarsi. Tutto il popolo era terrorizzato da questo cattivo tiranno, ma nessuno osava ribellarsi. Anche il mercante era un po intimorito ma, pensando alla sua missione, si fece coraggio e avvicinò il gigante. Appena lo vide, lo salutò rispettosamente e gli spiegò il motivo per cui aveva intrapreso quel lungo e faticoso viaggio: il padre era gravemente malato perciò era sua intenzione trovare l elisir della Buona Salute, ma Testagrossa non lo fece quasi finire di parlare che lo legò e sghignazzando orribilmente gli disse: Sciocco e presuntuoso di un mercante, ti darò l elisir della Buona Salute, a patto che tu superi questa prova: legato e senza muoverti dalla tua prigione, dovrai tagliare tutti i rovi spinosi i rovi spinosi del giardino. Ma ti avverto: se 17

18 non ci riuscirai morirai domani stesso. E se ne andò ridendo crudelmente. Quando Testagrossa se ne fu andato il mercante gemette, sospirò e lacrimò tutta la notte, perché capiva che la morte si avvicinava, ma ecco che dietro alla porta della sua prigione sentì una vocina sottile sottile:era quella della capretta: Figlio caro non temere corro a fare il mio dovere. Chi ha agito come un figlio non sia solo nel periglio e, subito dopo, comparve un altra capretta come lei, seguita da un'altra e poi da un altra ancora, finchè furono 100 e tutte insieme si misero a mangiare, senza farne restare nessuno, tutti i rovi, sicchè in quattro e quattr otto il lavoro fu completato. Quando l indomani il perfido gigante vide che il mercante aveva superatola prova, andò su tutte le furie e decise di uccidere lo stesso il mercante, ma questi fu più svelto di lui: appena venne condotto in sua presenza, tirò fuori il dono ricevuto dalla capretta, il dente del drago che rende invincibile chi lo porta e toglie ogni potere a qualunque avversario e Testagrossa, per quanti sforzi facesse, non riuscì ad avere la meglio. Non gli restò perciò che darsi alla fuga, abbandonando il paese. Fu così che il mercante, recuperato l elisir della Lunga Vita, se ne tornò al suo paese carico di tutti i doni regalatigli dagli abitanti del luogo, felici per la libertà che egli aveva procurato loro. Consegnò l elisir a suo padre, che cominciò a sentirsi meglio e in poco tempo guarì. E il perfido gigante? E ancora lì che scappa. Il principe, l alieno e la principessa Scena 1 C'era una volta, in un castello rosa, un cavaliere valoroso che andò dal re che disse:" Mia figlia è stata rapita dall'alieno cattivo. Salvala tu e ti ricompenserò con gemme preziose e la sua mano. Scena 2 Il cavaliere partì e andò in una foresta e incontrò Kleoklio, un vecchietto che viveva lì, lui gli diede l'attrezzatura per andare nello spazio a catturare l'alieno. Scena 3 L'alieno era verde e brutto ma usava la magia elettronica. Stava torturando la principessa perchè non le voleva svelare dov'era il tesoro di suo padre che stava cercando da secoli. Scena 4 Arrivò il cavaliere, era un ragazzo molto giovane e coraggioso, alto, muscoloso e rivestito di una corazza di ferro. Combattè Annamaria Grana Lorenzo Beltrami Federica Mollicone Giordano Micai 18

19 con l'alieno, non era facile, ma vinse gloriosamente. Scena 5 Riportò la principessa al castello e la sposò. Dopo il re gli diede il suo tesoro che, però, non venne accettato dal cavaliere a cui bastava solo la mano della principessa. E così vissero felici e contenti. Annamaria, Giordano 19 Il soldato e l'elisir della Buona Salute C'era una volta tanti tanti anni fa ai piedi dei Monti Nevosi un forte soldato coraggioso che riusciva a vincere in tutte le gare di abilità. Purtroppo il padre era gravemente malato. Consultò il saggio del villaggio che gli consigliò di trovare l'elisir della Buona Salute, decise di partire, prese poche cose per il viaggio, salutò i famigliari e lasciò il villaggio. Cammina cammina, giunse in un bosco fitto di alberi e cespugli. Al tramonto, mentre cercava un luogo dove passare la notte, vicino a un masso di roccia, si imbatté in un capretta bianca bianca che non riusciva ad attraversare un torrente impetuoso. Aveva molta fretta perché il sole era ormai calato ed il freddo era sempre più intenso, ma non se la sentì i abbandonare la capretta e si fermò ad aiutarla. Quando ebbe finito, la capretta lo ringraziò e se ne andò; era ormai notte fonda e non gli restò che cercare di addormentarsi vicino al masso di roccia..quando al mattino si risvegliò, trovò un disco dorato appoggiato sul suo bagaglio e accanto un biglietto su cui era scritto: Questo disco dorato è per chi agì come un figlio: rende invulnerabile chi lo porta e acceca chiunque lo guarda. Il soldato capì che glielo aveva lasciato la capretta della sera prima e riprese fiducioso il cammino. Cammina, cammina attraversò tre deserti e tre città, alla fine giunse in un monticello erboso dove viveva Nasoadunco, un malvagio stregone che trasforma in statua di sale tutti gli incauti che gli capitano vicino. Tutto il popolo era terrorizzato da questo cattivo tiranno ma nessuno osava ribellarsi. Anche il soldato era un po' intimorito, ma pensando alla sua missione, si fece coraggio e avvicinò lo stregone. Appena lo vide, lo salutò rispettosamente e gli spiegò il motivo per cui aveva intrapreso quel lungo e faticoso viaggio: il padre era gravemente malato, era sua intenzione trovare l'elisir della Buona Salute, ma Nasoadunco non lo

20 fece quasi finire di parlare che lo legò e sghignazzando orribilmente gli disse: sciocco e presuntuoso di un soldato, ti darò l'elisir della Buona Salute, a patto che tu superi questa prova: legato e senza muoverti dalla tua prigione, dovrai procurare 1000 uova di pernice. Ma ti avverto, se non riuscirai, morirai terribilmente domani stesso. Se ne andò ridendo crudelmente. Quando Nasoadunco se ne fu andato, il soldato pianse amare lacrime di disperazione tutta la notte, perché capiva che la morte si avvicinava, ma ecco che dietro la porta della sua prigione sentì una vocina sottile sottile, era quella della capretta che gli disse: Figlio, caro non temere corro a fare il mio dovere. Chi ha agito come in figlio, non sia solo nel periglio. Subito dopo comparve un'altra capretta come lei, seguita da un'altra e poi da un'altra ancora, finché furono 100 e tutte insieme si misero ad ammucchiare uova dai 4 angoli del mondo, sicché in quattro e quattr'otto, il lavoro fu completato. Quando l'indomani Nasoadunco vede che il soldato ha superato la prova, va su tutte le furie e decide di uccidere lo stesso il soldato, ma questi è più svelto di lui, appena è condotto in sua presenza, tira fuori il dono ricevuto dalla capretta, il disco dorato che rende invulnerabile chi lo porta e acceca chiunque lo guarda. Nasoadunco, per quanti sforzi faccia, non riesce ad avere la meglio, non gli resta perciò che darsi alla fuga, abbandonando il paese. Fu così che il soldato, recuperato l'elisir della Buona Salute, se ne tornò al suo paese, carico di tutti i doni regalatigli dagli abitanti del luogo, felici per la libertà che egli aveva procurato loro. Il soldato consegnò l'elisir della Buona Salute a suo padre, che subito cominciò a sentirsi meglio e in poco tempo guarì. E il malvagio stregone? E' ancora lì che scappa... Jacopo, Tajamal, Nida, Giulia Guandalini. L erba della Lunga Vita C era una volta tanti, tanti anni fa sulle colline delle Ombre Lunghe un forte soldato di carattere molto coraggioso,infatti non aveva paura di nulla, nemmeno del Drago Sputafuoco. Purtroppo il padre era gravemente malato. Consultò il saggio del villaggio, che consigliò di trovare l Erba della Lunga Vita. Quindi decise di partire, prese poche cose per il viaggio, salutò i fratelli e lasciò il villaggio. Cammina cammina, giunse in un bosco fitto di alberi e cespugli. Al tramonto, mentre cercava un luogo dove passare la notte vicino a un masso di roccia, si imbattè in una capretta bianca bianca, che non riusciva ad attraversare un torrente impetuoso. Aveva molta fretta, perché il sole era ormai calato ed il freddo era sempre più intenso, ma non se la sentì di abbandonare la capretta e si fermo ad aiutarla. Quando ebbe finito la capretta lo ringraziò. E se ne andò; era ormai notte fonda e non gli restò che cercare di addormentarsi vicino al masso di roccia. Quando al mattino si risvegliò, trovò un anello di brillanti appoggiato sul suo bagaglio e a accanto un biglietto su cui 20

21 era scritto: questo anello di brillanti è per chi agì come un figlio: rende in visibile chi lo porta e lascia senza forte qualunque nemico. Nel momento dei periglio il soldato capì che glielo aveva lasciato la capretta della sera prima e riprese fiducioso il cammino. Cammina cammina, attraversò nove boschi e nove valli ed alla fine giunse il bosco spettrale dove viveva Testagrossa un malvagio orco che incenerisce decine d uomini con le fiamme sprigionate dalla bocca. Tutto il popolo era terrorizzato da questo cattivo tiranno, ma nessuno osava ribellarsi. Anche il soldato era un po intimorito, pensando alla sua missione, si fece coraggio e avvicinò l orco. Appena lo vide, lo salutò rispettosamente e gli spiegò il motivo per cui aveva intrapreso quel lungo e faticoso viaggio: il padre era gravemente malato perciò era sua intenzione di trovare l Erba della Lunga Vita, ma Testagrossa non lo fece quasi finire di parlare che lo legò e sghignazzando orribilmente gli disse: Sciocco e presuntuoso di un soldato, ti darò il filo d Erba della Lunga Vita, a patto che tu superi questa prova: legato e senza muoverti dalla tua prigione, dovrai procurare 100 uova di pernice. Ma ti avverto: se non ci riuscirai morirai terribilmente domani stesso e se ne andò ridendo crudelmente. Quando Testagrossa se ne fu andato il soldato si disperò e maledisse la sua triste sorte tutta la notte, perché capiva che la morte si avvicinava, ma ecco che dietro la porta della sua prigione sentì una vocina sottile sottile: era quella della capretta che gli disse: Figlio caro, non temere corro a fare il mio dovere. Chi ha agito come un figlio, non sia solo nel periglio e subito dopo, comparve una altra capretta come lei, seguita un altra e poi da un altra ancora, finchè furono 100 e tutte insieme si misero ad ammucchiare uova dai quattro angoli del mondo, sicchè in quattro e quattr otto il lavoro fu completato. Quando l indomani il malvagio orco vide che il soldato aveva superato la prova, andò su tutte le furie e decise di uccidere lo stesso il soldato, ma questi fu più svelto di lui: appena fu condotto in sua presenza, tirò fuori il dono ricevuto dalla capretta, anello di brillante che rende invisibile chi lo porta e lascia senza forze qualunque nemico. Testagrossa, per quanti sforzi facesse non riusciva ad avere la meglio. Non gli restò perciò che darsi alla fuga, abbandonando il paese. Fu così che il soldato recuperato il filo di Erba della Lunga Vita se ne tornò al suo paese carico di tutti i doni regalatigli dagli abitanti del luogo, felici per la libertà che aveva procurato loro. Consegnò l Erba magica a suo padre che subito cominciò a sentirsi meglio e in poco tempo guarì. 21

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una famiglia speciale ed altri racconti...

Una famiglia speciale ed altri racconti... Una famiglia speciale ed altri racconti... Sappiamo tutti di quanto amore e dedizione abbia bisogno un bambino per crescere bene e quanto sia importante che possa contare sul calore e l affetto di una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba PERCORSI DIDATTICI La fiaba di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-10 anni La fiaba è un genere letterario di origine popolare, che nasce dalla tradizione orale e solitamente

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA

IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA Nuove Indicazioni Nazionali Progetto di formazione e ricerca della Bassa Veronese degli istituti: IC Bovolone, IC Cerea, IC Salizzole, IC Nogara, IC Cerea, IC Minerbe Percorso di ricerca azione sviluppato

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli