SISTEMI DISTRIBUITI. Criteri classificazione DBMS distribuiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI DISTRIBUITI. Criteri classificazione DBMS distribuiti"

Transcript

1 SISTEMI DISTRIBUITI Criteri di classificazione dei sistemi distribuiti Autonomia, distribuzione, eterogeneità Architetture per DBMS distribuiti Client/server Peer-to-peer Multi-database Regole di Date per sistema relazionale distribuito. Trasparenza. Sistemi paralleli. sistemi distribuiti 1 Criteri classificazione DBMS distribuiti I sistemi possono essere caratterizzati secondo tre dimensioni Autonomia dei sistemi locali; indica il grado a cui i DBMS individuali possono operare in modo indipendente Integrazione stretta Sistemi pienamente indipendenti, multi-database Gradi intermedi Distribuzione dei sistemi; fa riferimento alla distribuzione fisica dei dati (dall utente sono comunque visti come un unico insieme logico) Client / server Peer-to-peer Eterogeneità dei sistemi (modello dei dati, linguaggi, protocolli di gestione delle transazioni) sistemi distribuiti 2 1

2 Criteri di classificazione: autonomia (1) Elenco1 di requisiti che caratterizzano l autonomia Le operazioni locali dei DBMS individuali non sono influenzate dalla loro partecipazione ad un sistema multi-database Il modo in cui i DBMS individuali eseguono e ottimizzano le query non dovrebbe essere influenzato dalla esecuzione di query globali che accedono a database multipli L operatività del sistema non dovrebbe essere compromessa da DBMS individuali che si aggiungono o lasciano la confederazione multi-database Elenco2 di requisiti che caratterizzano l autonomia Autonomia di progetto: i DBMS individuali sono liberi di usare i modelli di dati e le tecniche di gestione delle transazioni che preferiscono Autonomia di comunicazione: i DBMS individuali sono liberi di decidere quale tipo di informazione comunicare all esterno Autonomia di esecuzione: ogni DBMS può eseguire le transazioni che gli vengono sottomesse nel modo che vuole sistemi distribuiti 3 Criteri di classificazione: autonomia (2) Integrazione stretta Anche se le informazioni sono allocate in più nodi, un utente vede una immagine unica dell intero database Dal punto di vista dell utente, i dati sono logicamente centralizzati in un unico database (sistema logicamente integrato) Sistemi semiautonomi (detti anche federati omogenei o eterogenei) I DBMS possono operare in modo indipendente, ma hanno deciso di partecipare ad una federazione per rendere spartibili i loro dati Ogni DBMS determina quali parti del proprio database sono accessibili agli altri DBMS Non sono sistemi pienamente autonomi perché hanno bisogno di essere modificati per poter scambiarsi informazioni Isolamento totale I sistemi individuali sono DBMS stand-alone che non conoscono l esistenza di altri DBMS Al di sopra di essi c è uno strato di software che permette di integrarli in qualche modo, si parla di multi-database sistemi distribuiti 4 2

3 Criteri di classificazione: distribuzione Client/server Gestione dei dati sul server e l ambiente dell applicazione (compresa l interfaccia utente) sul client L onere della comunicazione è spartito tra client e server Alcuni siti sono client, altri server, e la loro funzionalità è diversa Peer-to-peer Non c è distinzione tra client e server Ciascun sito ha un DBMS pienamente funzionale e può comunicare con altri siti per eseguire query e transazioni Questi sistemi sono anche detti fully distributed sistemi distribuiti 5 Criteri di classificazione: eterogeneità L eterogeneità fa riferimento ai modelli di dati, ai query language, ai protocolli di gestione delle transazioni Ogni modello di dati ha un certo potere espressivo e certe limitazioni Il query language può essere diverso in relazione a modelli diversi e anche in relazione allo stesso modello (es. SQL e QUEL per il modello relazionale) L eterogeneità è ortogonale all autonomia Possiamo avere sistemi logicamente integrati formati da componenti eterogenee e sistemi multi-database con componenti omogenee Es. basi dati logicamente integrate con componenti omogenee: sistema distribuito impiantato da zero Es. sistemi multi-database con componenti eterogenee: integrazione di sistemi preesistenti che rimangono anche autonomi sistemi distribuiti 6 3

4 BDD logicamente integrate Descrizione dei dati Uno schema logico locale per ogni DBMS Uno schema logico globale Gli schemi esterni si appoggiano sullo schema logico globale Moduli funzionali (generalmente schema client server) Il server è composto da più client e più server Nella generazione dei piani di accesso ai dati, abbiamo una ottimizzazione globale in cui il client decide i compiti da affidare ai diversi server, e il server locale genera il piano di accesso locale sistemi distribuiti 7 Basi dati logicamente integrate schema dei dati Schema esterno Schema esterno Schema logico globale Schema logico locale Schema logico locale Schema interno locale Schema interno locale sistemi distribuiti 8 4

5 Multi-Database Systems descrizione dei dati Unico schema logico globale Ogni database locale espone all esterno parte dei suoi dati Lo schema globale unico fa riferimento a queste parti, rappresenta un sottoinsieme dell unione dei vari database Assenza di un unico schema logico globale Ogni nodo ha degli schemi esterni locali a cui può essere fatto accesso Si hanno più schemi esterni globali, ciascuno dei quali può far riferimento ad un unico o a più schemi esterni locali L eterogeneità dei sistemi appesantisce il mapping fra gli schemi esterni locali e quelli globali I cosiddetti DBMS federati fa nno parte di questa categoria sistemi distribuiti 9 Multi-Database Systems : schema dei dati Schema est. globale Schema est. globale Schema est. globale Schema est. globale Schema est. locale Schema log. globale Schema est. locale Schema est. locale Schema log. locale Schema log. locale Schema log. locale Schema log. locale Schema int. locale Schema int. locale Schema int. locale Schema int. locale Con schema globale Senza schema globale sistemi distribuiti 10 5

6 Multi-database Systems moduli funzionali I sistemi locali hanno una completa autonomia Al di sopra dei sistemi locali esiste un livello di software di integrazione Decomposizione delle query in sotto-query da eseguire sui sistemi locali Integrazione dei risultati parziali per ottenere il risultato globale Mapping fra il linguaggio del sistema multi-database e i linguaggi dei sistemi locali sistemi distribuiti 11 Multi-database - integrazione applicazione applicazione applicazione software di integrazione DBMS DBMS sistemi distribuiti 12 6

7 Sistemi Client/Server (1) ambiente centralizzato Architettura a due livelli Architettura molto usata per basi dati centralizzate Nel contesto delle basi dati le due funzioni sono bene identificate Il server effettua la maggior parte del lavoro che riguarda la gestione dei dati: esecuzione e ottimizzazione delle query, gestione delle transazioni, gestione della memorizzazione Sul client viene eseguita l applicazione, gestita l interfaccia utente, e gestiti i dati memorizzati nella cache del client Le esigenze hw e sw di server e client sono diverse Client: PC con strumenti di produttività tipici dell automazione dell ufficio Server: memorie di massa grosse e affidabili, efficienza delle operazioni di I/O, buffer di grandi dimensioni Convenienza: Riduzione dei costi (più macchine specializzate al posto di una complessiva ) Incremento della robustezza del sistema Aumento della scalabilità (possibilità di aggiungere nuove applicazioni e nuovi utenti ) sistemi distribuiti 13 Architettura client/server Operating system User interface Application program.. Client DBMS Communication software SQL query Result relation Communication software Semantic Data Controller Operating System Query Optimizer Transaction Manager Recovery Manager Runtime Support Processor Data Base sistemi distribuiti 14 7

8 Sistemi Client/Server (2) ambiente distribuito In un contesto distribuito una transazione può coinvolgere più server Multiple client / single server: il database è memorizzato su una unica macchina (abbiamo quindi un ambiente centralizzato) Multiple client / multiple server Ciascun client gestisce la propria connessione con il server appropriato Si semplifica il codice del server ma si appesantisce il client (heavy client) Ciascun client conosce il proprio home server, ed è questo che comunica con gli altri server se necessario Le funzionalità di gestione dei dati sono concentrate sui server (light client) La trasparenza dell accesso ai dati è fornita dall interfaccia del server L utente ha sempre la visione di un unico database mentre a livello fisico i dati possono essere distribuiti sistemi distribuiti 15 Sistemi distribuiti Peer to-peer Con questi termini ci si riferisce in genere alle caratteristiche seguenti che riguardano un ambiente pienamente distribuito Non c è distinzione tra client e server, tutti i siti hanno le stesse funzionalità Si ha uno schema logico globale che è visto da tutti i siti; le applicazioni vedono schemi esterni costruiti su questo schema Su ogni sito abbiamo il componente user processor User interface handler Semantic data controller Global query optimizer and decomposer Distributed execution monitor / distributed transaction manager Su ogni sito abbiamo il componente data processor Local query optimizer Local recovery manager Run-time support manager (interfaccia col sop, buffer manager ) sistemi distribuiti 16 8

9 Componente user processor User interface handler Interpreta i comandi utente e formatta i risultati da restituire all utente Semantic data controller Usa i vincoli di integrità e le autorizzazioni definite a livello di schema logico globale per controllare se la query utente può essere eseguita Global query optimizer and decomposer Determina una strategia di esecuzione cercando di minimizzare una funzione costo Trasforma la query globale in query locali utilizzando il catalogo globale, lo schema logico globale, gli schemi logici locali Distributed execution monitor, distributed execution manager Coordina l esecuzione distribuita della richiesta utente Viene in genere fatto riferimento a più di un sito, quindi i vari execution monitor comunicano fra di loro sistemi distribuiti 17 Componente data processor Local query optimizer Sceglie il cammino di accesso migliore per accedere ai dati (es. un indice) Local recovery manager Ha la responsabilità di mantenere il database locale consistente anche se ci sono dei fallimenti o guasti Run-time support manager Accede fisicamente ai dati Include il database buffere manager sistemi distribuiti 18 9

10 Regole di Date per sist. relazionale distr. Cfr. Albano Ghelli Orsini Basi di dati relazionali e a oggetti, Zanichelli. Autonomia locale I dati locali sono gestiti in modo indipendente dagli altri siti Uguaglianza dei siti Non esiste un sito centrale con servizi particolari Continuità delle operazioni Nessuna attività pianificata dovrebbe comportare interruzioni del servizio Indipendenza dalla localizzazione Gli utenti e i programmi non necessitano di conoscere la localizzazione fisica dei dati Indipendenza dalla frammentazione Gli utenti e i programmi non necessitano di conoscere la frammentazione dei dati Indipendenza dalla replicazione Gli utenti e i programmi non necessitano di conoscere la replicazione dei dati e di mantenerne l allineamento sistemi distribuiti 19 Regole di Date per sist. relazionale distr. Cfr. Albano Ghelli Orsini Basi di dati relazionali e a oggetti, Zanichelli. Elaborazione distribuita delle interrogazioni L ottimizzazione delle query tiene conto della distribuzione dei dati Gestione distribuita delle transazioni Transazioni concorrenti che modificano dati in più siti devono essere serializzabili (controllo della concorrenza) e devono lasciare la base di dati distribuita in uno stato consistente in caso di malfunzionamenti (controllo dei malfunzionamenti) Indipendenza dall hardware Il DBMS deve offrire le stesse funzionalità nei vari siti a prescindere dall hardware disponibile, con tutti i sistemi che partecipano in modo paritetico Indipendenza dal software Il DBMS deve offrire le stesse funzionalità nei vari siti a prescindere dal software di sistema disponibile, con tutti i sistemi operativi che partecipano in modo paritetico sistemi distribuiti 20 10

11 Regole di Date per sist. relazionale distr. Cfr. Albano Ghelli Orsini Basi di dati relazionali e a oggetti, Zanichelli. Indipendenza dalla rete Il DBMS deve offrire le stesse funzionalità nei vari siti a prescindere dal software di rete disponibile, con tutte le reti che partecipano in modo paritetico Indipendenza dal DBMS Il DBMS deve offrire le stesse funzionalità nei vari siti a prescindere dal DBMS disponibile, con tutti i DBMS che partecipano in modo paritetico sistemi distribuiti 21 TRASPARENZA Un sistema trasparente nasconde all utente i dettagli della implementazione Separazione tra la semantica ad alto livello di un sistema e le questioni di implementazione a basso livello DBMS centralizzato: indipendenza dai dati Logical data independence: se una applicazione è costruita sopra un opportuno insieme di viste, rimane inalterata anche se lo schema logico cambia, purché le viste non cambino (cambieranno le modalità di costruzione delle viste) Physical data independence: una applicazione vede le relazioni, e quindi è indipendente dai dettagli della loro implementazione DBMS distribuito Trasparenza di frammentazione Trasparenza di replicazione Trasparenza di linguaggio sistemi distribuiti 22 11

12 Trasparenza di frammentazione: esempio cfr. Atzeni, Ceri, Basi di dati architetture e linee di evoluzione, McGraw-Hill, 2003 Esempio: Azienda con impiegati a Firenze e Torino: Imp (cod, nome, sede) Imp1 = σ sede= FI Imp Imp2 = σ sede= TO Imp Query: dato un codice si vuole il nome dell impiegato Trasparenza di frammentazione (la query è uguale a quella che si avrebbe per una relazione non frammentata) PROCEDURE Q1 (:cod, :nome); SELECT nome INTO :nome FROM Imp WHERE cod = :cod; END PROCEDURE; sistemi distribuiti 23 Trasparenza di allocazione: esempio cfr. Atzeni, Ceri, Basi di dati architetture e linee di evoluzione, McGraw -Hill, 2003 Imp1 = σ sede= FI Imp Imp2 = σ sede= TO Imp Query: dato un codice si vuole il nome dell impiegato Trasparenza di allocazione: si conosce la struttura dei frammenti ma non la loro allocazione; in particolare non si conosce neanche se un frammento è replicato o no (trasp. di replicazione) PROCEDURE Q2 (:cod, :nome); SELECT nome INTO :nome FROM Imp1 WHERE cod = :cod; IF :empty THEN SELECT nome INTO :nome FROM Imp2 WHERE cod = :cod; END PROCEDURE; sistemi distribuiti 24 12

13 Trasparenza di linguaggio: esempio cfr. Atzeni, Ceri, Basi di dati architetture e linee di evoluzione, McGraw -Hill, 2003 Imp1 = σ sede= FI Imp Imp2 = σ sede= TO Imp Query: dato un codice si vuole il nome dell impiegato Trasparenza di linguaggio: si è a conoscenza della struttura dei frammenti e della loro locazione; in caso di replicazione si deve indicare un nodo; si ha però un unico linguaggio per riferirsi ai diversi frammenti PROCEDURE Q3 (:cod, :nome); SELECT nome INTO :nome FROM WHERE cod = :cod; IF :empty THEN SELECT nome INTO :nome FROM WHERE cod = :cod; END PROCEDURE; sistemi distribuiti 25 Sistemi paralleli per data base Vengono usate architetture multiprocessore per migliorare le prestazioni Nota: negli anni 80 furono studiate architetture speciali per basi di dati (data base machine), orientate ad eliminare il cosiddetto I/O bottleneck; non ne derivarono soluzioni di ampio utilizzo a causa di un alto rapporto costo/prestazioni Negli anni 90 si sono diffuse le architetture multiprocessore generiche (non dedicate alle basi di dati) Idea di base: sfruttare il parallelismo per aumentare le prestazioni Se memorizziamo un database di dimensione D su un disco di throughput T, il throughput del sistema è limitato da T Se partizionamo il database su n dischi, di capacità D/N e throughput T, idealmente con n processori possiamo ottenere un throughput di nt Un sistema per database parallelo dovrebbe aumentare Le prestazioni La disponibilità dei dati (eventuale replicazione) Estensibilità (aggiungendo processor e memoria) sistemi distribuiti 26 13

14 Architettura shared-memory P 1 P n Memory 1 Memory n cache cache bus disk 1 disk n sistemi distribuiti 27 Architettura shared-memory Ogni processore può avere accesso ad ognuno dei moduli di memoria o dei dischi attraverso una connessione veloce (bus o cross-bar switch) Le meta-informazioni (dizionario) e le informazioni di controllo (es. lock) possono essere spartite da tutti i processori Il parallelismo inter-query è insito nell architettura Il parallelismo intra-query richiede una opportuna parallelizzazione Limitazioni dell approccio Alto costo dell interconnessione (ogni processore deve essere connesso con ogni memoria e con ogni disco) L estensibilità è limitata (10-20 processori) Il fallimento di una memoria può mettere in crisi più processori sistemi distribuiti 28 14

15 Architettura shared-disk P 1 P 2. P n local memory local memory local memory interconnection network disk disk disk sistemi distribuiti 29 Architettura shared-disk Ogni processore ha accesso a qualsiasi disco attraverso l accesso esclusivo alla propria memoria Ogni processore può accedere alle pagine del database sul disco spartito e copiarle nella propria cache I processori comunicano attraverso messaggi o dati su disco Il costo della interconnessione è minore che nell architettura shared memory poiché può essere usato un bus standard Poiché ciascun processore ha abbastanza cache, le interferenze sul disco spartito possono essere minime Limitazioni Mantenere la coerenza delle copie può causare un notevole overhead Sono necessari protocolli di database distribuito, come locking distribuito e commit a due fasi Esempio di architettura implementazione di ORACLE su DEC s VAXcluster sistemi distribuiti 30 15

16 Architettura shared-nothing interconnection network P 1 P 1 P 1 local memory local memory.. local memory disk disk disk sistemi distribuiti 31 Architettura shared-nothing Ciascun processore ha accesso esclusivo alla propria memoria e al proprio disco, i processori comunicano attraverso messaggi Ciascun nodo può essere visto come un sito locale in database system distribuito Esempi: Teradata DBC (che può avere fino a 1024 processori) e Tandem NonStopSQL È necessaria una implementazione delle funzioni di database distribuito che assuma la presenza di un gran numero di nodi Il bilanciamento del carico di lavoro dipende strettamente dal partizionamento del database sistemi distribuiti 32 16

17 Architettura shared-nothing Questa architettura è la migliore sia per scale-up che per speed-up Linear scale-up: all aumentare del numero di nodi aumenta la complessità del problema che si può risolvere Linear speed-up: all aumentare del numero di nodi aumenta la velocità con cui un problema può essere risolto sistemi distribuiti 33 Parallelismo Le elaborazioni svolte da un DBMS si prestano ad essere eseguite in parallelo Parallelismo inter-query Esecuzione di query diverse in parallelo È particolarmente utile in ambiente OLTP (On Line Transaction Processing), transazioni semplici molto frequenti, centinaia o migliaia al secondo Più processi server allocati sui vari processori; le interrogazioni vengono raccolte da un dispatcher che ridirige l interrogazione su un server Parallelismo intra-query Esecuzione in parallelo di parti della stessa query È particolarmente utile in ambiente OLAP (On Line Analytical Processing), poche interrogazioni molto complesse su grosse quantità di dati L ottimizzatore deve individuare una decomposizione della query in sotto-query, e coordinarle e sincronizzarle sistemi distribuiti 34 17

18 Esempio da [4] - OLTP ContoCorrente (Ccnum, Nome, Saldo) Movimento (Ccnum, Data, Progr, Causale, Ammontare) Tabelle frammentate per intervalli di Ccnum Ogni coppia di frammenti relativa allo stesso intervallo associata ad un processore Query OLTP (richiesta del saldo di un conto) Procedure Queryx (:cc-num, :saldo); select Saldo into :saldo from ContoCorrente where Ccnum = :cc-num; End procedure La interrogazione OLTP viene indirizzata ad uno specifico frammento in base al predicato di selezione sistemi distribuiti 35 Esempio da [4] - OLAP ContoCorrente (Ccnum, Nome, Saldo) Movimento (Ccnum, Data, Progr, Causale, Ammontare) Query OLAP (richiesta dei correntisti che nel 2004 hanno avuto movimenti per un ammontare totale maggiore di euro) Procedure Queryy (); select Ccnum, sum (Ammontare) from ContoCorrente join Movimento on (ContoCorrente.Ccnum = Movimento.Ccnum) where Data between (1/01/04, 31/12/04) group by Ccnum having sum (abs(ammontare)) > 50000; End procedure La query è indirizzata su tutti i frammenti in parallelo sistemi distribuiti 36 18

19 Partizionamento dei dati (shared-nothing) network network P 1 P 2 P 3 P 1 P 2 P 3 hash network P 1 P 2 P 3 a h k s t - z sistemi distribuiti 37 Partizionamento dei dati Round Robin partitioning Con n partizioni, la i-esima tupla è assegnata alla partizione (i mod n) L accesso sequenziale a una relazione può essere fatto in parallelo L accesso a tuple individuali, in base a un predicato, richiede l accesso a tutta la relazione Hash partitioning Viene applicata ad un attributo una funzione hash che da il numero di partizione Una query di ricerca esatta sull attributo di partizionamento viene eseguita solo su un nodo Le altre query possono essere elaborate in parallelo Range partitioning Le tuple sono distribuite in base ad intervalli di valore di un attributo Una query di ricerca esatta sull attributo di partizionamento viene eseguita solo su un nodo È adatto alle range query Se non si ha una distribuzione uniforme dei valori dell attributo, si può avere uno sbilanciamento del carico sistemi distribuiti 38 19

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale

Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale 1- Introduzione 1.1- Scopo del sistema Lo scopo del sistema è quello di progettare un franchising virtuale operante nel settore della distribuzione degli

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server 7 Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server Lo standard nell archiviazione delle email MailStore Server consente alle aziende di trarre tutti i vantaggi

Dettagli

MailStore Server PANORAMICA

MailStore Server PANORAMICA MailStore Server PANORAMICA Lo standard per archiviare e gestire le Email Le aziende possono beneficiare legalmente, tecnicamente, finanziariamente ed in modo moderno e sicuro dell'archiviazione email

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli